dell Asparago violetto d Albenga

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "dell Asparago violetto d Albenga"

Transcript

1 Progetto didattico LA MEMORIA GENETICA DELL ORTO LIGURE Il sapore del DNA ligure DNA fingerprinting per l accertamento dell identità genetica dell Asparago violetto d Albenga Università degli Studi di Genova COOP Liguria Beatrice Zanini

2 QUADRO GENERALE DELL ATTIVITA MODULO DI GENETICA MOLECOLARE: Laboratorio di bioinformatica Laboratorio di Genetica molecolare MATERIALE: Copie del testo Testi in PP TECNICHE UTILIZZATE IN LABORATORIO ADATTA PER : Estrazione di DNA da cellule vegetali Triennio della scuola superiore PCR Gel Elettroforesi del DNA PREREQUISITI 1. La struttura del DNA. 9. Struttura dei geni 2. Dal DNA al cromosoma 10. Regolazione dell espressione genica 3. Aploidia/Diploidia 11. Il promotore 4 Gene/Locus/Allele 12. Splicing 5. Genotipo/Fenotipo 13. Polimorfismi 6. Duplicazione del DNA 14. Cellula vegetale 7. Trascrizione del mrna 8. Traduzione CONCETTI CHIAVE Gene/Locus/Allele Controllo dell espressione genica Polimorfismo allelico Marcatori molecolari RAPDs, SSR TEMPO DI REALIZZAZIONE 2 ore di Laboratorio di Bioinformatica 8 ore Lab hands-on ATTIVITA WEBSITE Virtual lab DNA Learning Center - Cold Spring Harbor GUIDA PER IL DOCENTE A. INTRODUZIONE ALL ATTIVITA pag. 4 B. OBIETTIVI DELL APPRENDIMENTO C. STRATEGIA D INSEGNAMENTO D. ABSTRACT E. BACKGROUND DI CONOSCENZE DI BIOLOGIA MOLECOLARE pag Trascrizione e maturazione dell RNA. 2. Struttura ed espressione dei geni. Il promotore. Regolazione della trascrizione. 3. Dal DNA al cromosoma. 4. Replicazione del DNA. 5. I polimorfismi del DNA 2

3 F. FOOD GENOMICS E MARCATORI MOLECOLARI pag. 9 Marcatori molecolari Tecniche di analisi molecolare per i marcatori G. TECNICHE UTILIZZATE IN LABORATORIO PER IL FINGERPRINTING pag.11 Estrazione del DNA PCR Termociclatori Taq polimerasi Scelta dei primer - Tecnica RAPD - Tecnica SSR - Elettroforesi su gel di agarosio Principio di base del fingerprinting pag.15 Metodi per l identificazione varietale: - Analisi del fenotipo - Analisi del genotipo Perche serve l analisi genetica varietale? H. IL SAPORE DEL DNA LIGURE. DNA FINGERPRINTING PER L ACCERTAMENTO DELL IDENTITÀ GENETICA DELL ASPARAGO VIOLETTO D ALBENGA Cenni storici e domesticazione dell asparago violetto di Albenga Un po di botanica della specie Origine, diffusione e importanza economica pag.17 I. PROTOCOLLO DI LABORATORIO pag.20 Attività di Bioinformatica Attività hands-on in laboratorio pag.25 GUIDA PER LO STUDENTE - Unità di misura usate in laboratorio - Diluizioni - Soluzioni da preparare - Pre-Test - Post-Test - Glossario - Bibliografia - Strumentazione e materiale a disposizione - Norme generali di sicurezza in laboratorio pag.26 3

4 GUIDA PER IL DOCENTE A. INTRODUZIONE ALL ATTIVITÀ Questa modulo didattico introduce gli studenti alla Genetica Vegetale al fine di conoscere e capire l approccio molecolare allo studio della diversità di specie vegetali. L utilizzo delle tecniche di analisi del DNA oggi costituisce lo strumento più adeguato e moderno per la salvaguardia della qualità e dell unicità dei prodotti tipici e per la tracciabilità. B. OBIETTIVI DELL APPRENDIMENTO Gli studenti impareranno a impostare una ricerca scientifica condurranno un esperimento utilizzando tecniche complesse e controlli potranno applicare i risultati di questi esperimenti ad argomenti scientifici imposteranno i calcoli per predisporre le soluzioni necessarie dovranno comprendere ed eseguire la tecnica di estrazione del DNA la Reazione di Polimerizzazione a Catena (PCR) la tecnica di elettroforesi su gel di Agarosio dovranno definire il concetto di food genomics il concetto di marcatore molecolare il concetto di fingerprinting le caratteristiche genetiche della cultivar ligure dovranno descrivere il processo di estrazione del DNA il processo di reazione di polimerizzazione a catena il ruolo della Genetica nella valorizzazione delle cultivar come e perché si definisce la tracciabilità di un prodotto i contributi significativi delle biotecnologie alla società, specialmente al settori dell agroalimentare C. STRATEGIA D INSEGNAMENTO: Laboratorio di Bioinformatica Abstract Gli studenti navigano nel Modulo Percorso di Bioinformatica per compiere una ricerca web e per imparare l approccio metodologico di un lavoro di ricerca Materiale: Computers con accesso a Internet e Videoproiettore Durata: 2 ore Laboratorio di Genetica Molecolare Abstract Lo studio della diversità genetica di specie selvatiche e coltivate attraverso i marcatori molecolari rappresenta un importante capitolo della Genetica vegetale moderna. L uso di questa diversità ha trovato impiego nelle strategie innovative di accertamento dell identità varietale, importante parametro della qualità. Il fingerprinting del DNA consente di monitorare la variabilità genetica presente a livello dell acido nucleico attraverso l uso di uno o più marcatori che caratterizzano il genoma ed identificano genotipi diversi anche se molto vicini. Materiale: Laboratorio didattico CBA attrezzato Kit di estrazione del DNA e PCR Kit Elettroforesi Durata: 8 ore 4

5 D. BACKGROUND DI CONOSCENZE E CONCETTI CHIAVE STRUTTURA DEL DNA La molecola del DNA è un polimero, ossia è un insieme di tanti monomeri: i nucleotidi. Ogni nucleotide è costituito da tre componenti: un gruppo fosfato, uno zucchero (desossiribosio) e una base azotata. La molecola di DNA è formata da due catene polinucleotidiche avvolte l una intorno all altra con andamento destrorso. Le due catene sono antiparallele, cioè i due singoli filamenti sono orientati uno in direzione 5 ->3 e l altro 3 ->5. Gli scheletri zucchero fosfato si trovano all esterno, le basi azotate all interno. Le basi delle due catene sono unite tra loro mediante legami a idrogeno. Le basi sono complementari e il loro appaiamento: A - T Adenina-Timina G - C Guanina - Citosina L informazione genetica risiede nella sequenza di basi. REPLICAZIONE DEL DNA La replicazione del DNA in tutte le cellule viventi, dai batteri all uomo, è un processo complesso, che richiede l intervento di più di una dozzina di enzimi diversi. La replicazione comincia in corrispondenza di siti detti origine di replicazione. In questi siti, alcune proteine srotolano la doppia elica di DNA, rompendo i legami a idrogeno tra le basi dei filamenti complementari. L allineamento e unione tra loro dei nucleotidi complementari avviene per azione della DNA polimerasi che procede solo in direzione 5 -> 3. La DNA polimerasi, per iniziare il processo, ha anche bisogno di un innesco (detto anche primer), a cui attaccarsi e procedere con la polimerizzazione a intervalli lungo i cromosomi. Durante la replicazione del DNA, il primer è costituito da una corta sequenza polinucleotidica di RNA. La replicazione è semiconservativa: ogni emi-elica (singolo filamento) della molecola madre serve da stampo per la sintesi di un nuovo filamento, per cui ogni doppia elica figlia sarà costituita da un filamento vecchio e da un filamento nuovo. Le molecole risultanti sono copie esatte dell originale. Da una doppia elica madre derivano due doppie eliche figlie uguali tra loro e uguali alla molecola madre. DAL DNA AL CROMOSOMA Alla molecola di DNA sono associati gli istoni (proteine basiche), essenziali per permettere l avvolgimento e il ripiegamento del DNA in strutture estremamente compatte, vale a dire i cromosomi, visibili solo durante la divisione cellulare. Il cromosoma: Unità strutturale e colorabile che porta i geni disposti in modo lineare. E considerato anche come un insieme di geni - o gruppo di associazioneorganizzati secondo una successione lineare che tendono ad essere ereditati insieme. 5

6 STRUTTURA ED ESPRESSIONE DEI GENI Dal punto di vista della Genetica Molecolare per gene s intende una sequenza di DNA potenzialmente trascrivibile in RNA funzionalmente attivo. Tale RNA può svolgere direttamente una funzione strutturale e/o catalitica (rrna, trna) oppure trasportare l informazione per la sintesi di una proteina (mrna). Nel genoma umano si stima che siano presenti circa geni codificanti proteine e geni codificanti RNA strutturali. Da recenti studi emergerebbe però l esistenza di diverse migliaia (o decine di migliaia) di trascritti non codificanti che potrebbero non avere alcuna funzione o, viceversa, svolgere un ruolo fondamentale nella regolazione della conformazione della cromatina e della trascrizione di geni codificanti proteine. TRASCRIZIONE E MATURAZIONE DEGLI RNA L informazione genetica contenuta nelle sequenze del DNA viene trasferita all RNA e dall RNA al polipeptide corrispondente. Durante la trascrizione, un complesso proteico, comprendente l enzima RNA polimerasi, sintetizza le molecole di RNA sullo stampo delle sequenze di DNA che costituiscono le unità di trascrizione. La RNA polimerasi si lega al sito d inizio della trascrizione insieme ad altre proteine, dette fattori di trascrizione. Questi fattori, mediante l interazione con brevi sequenze di DNA presenti nella regione a monte dell inizio della trascrizione (promotore), servono a posizionare la RNA polimerasi nel sito giusto e a separare i due filamenti di DNA per formare la bolla di trascrizione. L enzima usa come stampo uno dei due filamenti di DNA in direzione 5 ->3, catalizzando il legame fosfodiestere tra il gruppo ossidrilico legato al C3 del ribonucleotide precedente e il fosfato del nuovo ribonucleotide. Il processo continua fino a che la polimerasi incontra una sequenza di arresto. A questo punto si stacca e libera la catena di RNA, mentre la bolla di trascrizione si richiude e il DNA riassume la conformazione a doppia elica. L RNA neosintetizzato ha la sequenza di basi identica a quella di uno dei due filamenti di DNA (il filamento senso), anche se la Timina è sostituita dall Uracile. Da uno stesso gene possono essere trascritte consecutivamente numerose copie di RNA e il livello di trascrizione dipende da complessi meccanismi (vedi la regolazione della trascrizione). E importante ricordare che le cellule eucariotiche possiedono tre tipi di RNA polimerasi: RNA polimerasi I trascrive i geni degli RNA ribosomiali RNA polimerasi II trascrive i geni che codificano proteine sintetizzando i precursori degli RNA messaggeri e anche alcuni piccoli RNA RNA polimerasi III trascrive i geni di tutti gli RNA transfer, un RNA ribosomiale e altri piccoli RNA. I precursori degli mrna neosintetizzati (trascritti primari) devono subire una serie di modificazioni prima di essere trasferiti nel citoplasma per venire tradotti sui ribosomi. Questo processo di maturazione degli mrna include le seguenti modificazioni: Aggiunta all estremità 5 di un cappuccio (cap). Al primo nucleotide all estremità 5 della molecola di RNA nascente viene rimosso il fosfato terminale e viene aggiunta una molecola di Guanosina monofosfato (GMP) metilata in posizione 7. Il capping serve per proteggere il trascritto dall attacco delle esonucleasi che lo degraderebbero, e per facilitare il trasporto dal nucleo al citoplasma. Rimozione di alcune sequenze che non vengono tradotte (processo di splicing). Quasi tutti i geni eucariotici sono divisi in sequenze codificanti, chiamate esoni, e sequenze non tradotte, dette introni. Questi ultimi vengono rimossi dai trascritti primari mediante il processo di splicing. Gli introni sono quindi sequenze di DNA, situate tra due esoni, le quali sono trascritte ma non tradotte. Salvo rare eccezioni, gli introni iniziano sempre con i nucleotidi GT e terminano con i nucleotidi AG (regola GT-AG). Nel processo di splicing si verifica prima la scissione all inizio dell introne (5 ), poi l estremità libera dell introne si ripiega su se stessa formando una struttura simile ad un laccio e infine avviene il taglio a livello della giunzione 3 dell introne. Quindi i due esoni si uniscono mentre l introne va perso. Una struttura macromolecolare (costituita da varie subunità di molecole di piccoli RNA nucleari, gli snrnp, e da una serie di proteine specifiche) promuove e controlla le reazioni dello splicing. Aggiunta all estremità 3 di una coda poli-a. La maggior parte delle unità di trascrizione hanno una breve sequenza (AAAAA) che specifica il sito di termine della trascrizione. Circa nucleotidi a valle di questo sito, l RNA neosintetizzato viene scisso da un enzima, una endonucleasi, e alla molecola di RNA vengono aggiunti circa 200 residui di Adenosina monofosfato (AMP). Questa coda di poli-a ha lo scopo di stabilizzare le molecole degli mrna maturi e di facilitare il loro trasporto dal nucleo al citoplasma. 6

7 Maturazione del mrna promotore Sito d inizio della trascrizione +1 segnale di polia sito polia ATG codone di stop CG CG CAAT TATA box box box box GT AG GT AG 3 UTR 5 UTR esone 1 introne 1 esone 2 introne 2 esone3 >>>>>>>>>>>>> direzione di lettura del gene TRASCRIZIONE precursore dell mrna GT AG GT AG CAP AAA SPLICING mrna MATURO CAP AAAAA AAA IL PROMOTORE La regione a monte del sito d inizio della trascrizione è detta promotore. La numerazione dei nucleotidi inizia da -1, che corrisponde al nucleotide che precede il sito d inizio della trascrizione (indicato con +1). In questa regione, di lunghezza variabile, si trova una serie di brevi sequenze che vengono riconosciute e legate da fattori di trascrizione. I fattori di trascrizione favoriscono il legame dell RNA polimerasi al sito giusto per iniziare la sintesi di RNA. I geni che presentano elevati livelli di trascrizione, presentano nel promotore delle sequenze specifiche ( i TATA box a circa -25 bp dal sito d inizio della trascrizione; il CAAT box a -80 bp dal sito d inizio della trascrizione). Accanto a sequenze comuni a molti promotori vi sono elementi che sono riconosciuti da fattori di trascrizione tessuto-specifici. Anche i geni che mostrano un espressione tessuto-specifica vengono spesso trascritti a livelli molto bassi in tutte le cellule. Vi sono altre sequenze che vengono riconosciute da fattori di trascrizione quali gli elementi di risposta, localizzati nel promotore o nella regione 5 del gene, e gli elementi indicati come enhancer (intensificatori), che servono per aumentare i livelli basali della trascrizione e sono localizzati a distanza variabile dal gene, talvolta anche a valle del sito d inizio della trascrizione, vale a dire all interno della regione trascritta. REGOLAZIONE DELLA TRASCRIZIONE Due sono le condizioni perché si abbia una efficace trascrizione. 1. La presenza nella cellula di specifici fattori di trascrizione che interagiscono con brevi sequenze nel promotore del gene e con sequenze enhancer e consentono l assemblaggio del complesso di trascrizione 2. Una conformazione della cromatina del gene aperta, ovvero i nucleosomi non compattati e, possibilmente, il DNA non associato agli istoni nel promotore. Il controllo dell espressione genica avviene mediante il legame di fattori proteici con le sequenze di regolazione; è estremamente complesso e coinvolge numerosi fattori che possono essere 7

8 grossolanamente distinti in fattori ubiquitari e tessuto-specifici. L interazione di fattori specifici con gli elementi enhancer è importante per l espressione genica tessuto-specifica. ELEMENTI REGOLATORI DELLA TRASCRIZIONE 1. fattori di trascrizione 2. elementi cis-acting 3. elementi di regolazione distanti anche 1 Mb 4. promotori alternativi/multipli 5. modificazioni in DNA e istoni (acetilazione o metilazione)/accessibilità alla cromatina 6. piccoli RNAs-di tanti tipi. Enhancers Gli enhancers sono sequenze nucleotidiche cis-agenti che esplicano la loro funzione aumentando notevolmente (fino a 200 volte) la frequenza di trascrizione del gene che controllano. Dal punto di vista strutturale, un enhancer non differisce molto da un promotore. Gli enhancers non devono necessariamente essere vicini ai promotori: è possibile infatti trovare degli enhancer a parecchie centinaia di migliaia di paia di basi di distanza a valle o a monte del sito d inizio della trascrizione. POLIMORFISMI DI SEQUENZA DEL DNA Il termine polimorfismo significa esistenza di forme diverse. In Genetica, il polimorfismo può essere analizzato sia a livello proteico che di materiale genetico. In questo secondo caso, le forme diverse, ossia le varianti genetiche possono riguardare un gene, vale a dire un tratto di DNA codificante una proteina, oppure un tratto di DNA non codificante. Queste varianti si definiscono polimorfismi e dato che più del 98% del DNA umano è DNA non codificante, e che quindi la maggior parte di queste differenze è localizzata in sequenze non codificanti, il fenotipo di un polimorfismo di sequenza del DNA non è riconoscibile dall esterno (es. nei gruppi sanguigni). Dato l elevato numero di loci polimorfici, i polimorfismi in sequenze non codificanti sono molto più frequenti dei polimorfismi delle sequenze codificanti (gruppi sanguigni, albinismo, colore degli occhi, ecc..) e conseguentemente più utili nella ricerca biologica e medica. E stato osservato che il DNA di due individui differisce per circa un nucleotide ogni 500/1000. Quando un polimorfismo interessa una sequenza riconosciuta da un enzima di restrizione, la variazione, creando o distruggendo il sito di restrizione, darà luogo a differenze nei siti di taglio di quel dato enzima all interno della popolazione. Digerendo con quell enzima il DNA di individui diversi, si osserva quindi un polimorfismo di lunghezza dei frammenti di restrizione RFLP - e cioè dal DNA di individui diversi si generano frammenti di restrizione diversi. Come tutti i polimorfismi, i RFLP possono essere equiparati ad alleli codominanti di un locus mendeliano: la presenza o assenza di uno o dell altro allele può essere riconosciuta in ogni individuo, consentendo la distinzione in omozigoti ed eterozigoti. Il fenotipo di un RFLP è evidenziabile in termini di differenze di numero e/o dimensione dei frammenti di DNA ottenuti con la digestione con un certo enzima di restrizione. I frammenti sono visibili dopo migrazione elettroforetica su un gel. L avvento della Genetica Molecolare ha permesso di identificare i polimorfismi del DNA, che sono diventati i marcatori genetici più comunemente usati. Sono: i Polimorfismi di Lunghezza dei Frammenti di Restrizione, o RFLP i Polimorfismi a Singolo Nucleotide, o SNP 8

9 i Polimorfismi di Lunghezza di Sequenze Semplici, o SSLP, che vengono poi distinti in VNTR (Variable Number of Tandem Repeats) o minisatelliti, STR (Simple Tandem Repeats ) o SSR o microsatelliti. I polimorfismi del DNA sono utili come identificatori individualita nei seguenti casi: Controllo relazioni parentali in famiglie con malattie mendeliane Genetica di popolazione Indagini di paternità Indagini di medicina legale Tracciabilità dei prodotti animali e/o dei GMO Studi di epidemiologia Miglioramento delle specie vegetali ed animali. I marcatori genetici e l analisi di linkage permettono anche: L identificazione di geni-malattia ( diagnosi portatore) Il mappaggio sia genetico (ordinamento dei geni sui cromosomi) che fisico (distanza fisica tra i geni) I marcatori molecolari rappresentano per la ricerca genetica degli strumenti eccezionali, poiché consentono di identificare specifiche sequenze nucleotidiche e quindi di analizzare polimorfismi di particolari geni o regioni cromosomiche. F. FOOD GENOMICS E MARCATORI MOLECOLARI Per food genomics si intende l applicazione degli studi genetico-molecolari sugli organismi da cui si ricavano le materie prime degli alimenti per stabilirne l autenticità. Gli sviluppi delle metodologie molecolari hanno permesso di individuare differenze nel DNA tra individui appartenenti a popolazioni, varietà, specie e generi differenti che consentono la loro identificazione o classificazione. Tali sequenze identificative sono dette marcatori molecolari. Analizzando i residui di DNA presenti nell alimento (fresco o trasformato) è possibile risalire all organismo che ha fornito la materia prima e stabilire la conformità con quanto dichiarato dal produttore. MARCATORI MOLECOLARI Un marcatore molecolare può essere definito come un locus genetico, rilevabile mediante sonde (probe) o inneschi (primer) specifici che individua in maniera inequivocabile il tratto cromosomico con il quale si identifica e le regioni che lo circondano alle estremità 5 e3. I marcatori molecolari si basano quindi sulla rilevazione diretta di differenze (polimorfismi) nella sequenza nucleotidica del DNA che costituisce il genoma di ogni individuo (dovute a delezioni, traslocazioni, duplicazioni, mutazioni puntiformi, ecc.). All interno di una specie gli individui si diversificano l uno dall altro per un numero più o meno elevato di caratteri (alleli) e ciò mette nella condizione di poter rilevare i polimorfismi (mutazioni) nelle regioni di DNA omologhe (loci). Vantaggi dei marcatori molecolari: 1) non subiscono l influenza dell ambiente 2) coprono qualsiasi parte del genoma (trascritta e non, quindi anche introni e regioni di regolazione) 3) non presentano effetti epistatici o pleiotropici ed in molti casi hanno espressione codominante permettendo così di distinguere l individuo omozigote dall eterozigote 4) nella maggior parte dei casi i polimorfismi molecolari sono neutri: una variazione allelica nel locus marcatore, cioè, non ha altri effetti a livello fenotipico (e quindi eventualmente a livello selettivo) se non quello di permettere di determinare il genotipo. Perchè si usano? Una prima applicazione dei marcatori molecolari è rappresentata dall identificazione varietale: dall analisi dei profili genetici si è in grado di riconoscere le diverse varietà coltivate. Una seconda applicazione è quella relativa allo studio filogenetico in quanto confrontando i profili genetici di specie coltivate con quelle di specie selvatiche simili si è in grado di stabilire quali siano le specie progenitrici delle specie attualmente utilizzate e diffusamente coltivate. I marcatori molecolari possono, come già detto, essere impiegati sia per la creazione di mappe genetiche sia nei programmi di selezione varietali. 9

10 TECNICHE DI ANALISI MOLECOLARE PER I MARCATORI Nella Tabella è riportato un elenco delle principali tecniche di analisi molecolare e conseguente classe di marcatore molecolare. Il numero di marcatori molecolari oggi a disposizione è molto numeroso e sempre più in aumento per la continua messa a punto di tecniche di analisi del DNA. Spesso si identificano con sigle diverse marcatori molecolari studiati con tecniche molto simili tra loro, che talvolta poco si diversificano e/o sono state messe a punto in laboratori diversi. Classe marcatore AFLP (amplified fragment length polymorphism) AP-PCR (arbitrarily primed PCR) ARMS (amplification refractory mutation system) ASAP (arbitrary signatures from amplification) ASH (allele-specific hybridisation) ASLP (amplified sequence length polymorphism) ASO (allele specific oligonucleotide) CAPS (cleaved amplified polymorphic sequence) CAS (coupled amplification and sequencing) DAF (DNA amplification fingerprint) DGGE (denaturing gradient gel electrophoresis) GBA (genetic bit analysis) IRAP (inter-retrotransposon amplified polymorphism) ISSR (inter-simple sequence repeats) ISTR (inverse sequence-tagged repeats) MP-PCR (microsatellite-primed PCR) OLA (oligonucleotide ligation assay) RAHM (randomly amplified hybridizing microsatellites) RAMPO (randomly amplified microsatellite polymorphisms) RAMPs (random amplified microsatellite polymorphisms) RAMS (randomly amplified microsatellites) RAPD (random amplified polymorphic DNA) RBIP (retrotransposon-based insertion polymorphisms) REF (restriction endonuclease fingerprinting) REMAP (retrotransposon-microsatellite amplified polymorphism) RFLP (restriction fragment length polymorphism) SAMPL (selective amplification of polymorphic loci) SCAR (sequence characterised amplified regions) SNP (single nucleotide polymorphism) SPAR (single primer amplification reactions) SPLAT (single polymorphic amplification test) S-SAP (sequence-specific amplification polymorphisms) SSCP (single strand conformation polymorphism) SSLP (simple sequence length polymorphism) STS (sequence- tagged- site) STMS (sequence- tagged microsatellite site) TGGE (thermal gradient gel electrophoresis) VNTR (variable number tandem repeats) Una prima distinzione tra i marcatori molecolari può essere fatta considerando le tecniche utilizzate per le loro analisi e quindi: a) tecniche basate sulla restrizione ed ibridazione di acidi nucleici: - RFLP(Restriction Fragment Length Polymorphism) - VNTR (Variable Number of Tandem Repeat) b) tecniche basate sulla PCR (Polymerase Chain Reaction): - SSR (Simple Sequence Repeat) - SNP (Single Sequence Polymorphism) - RAPD (Random Amplified Polymorphic DNA) - AFLP (Amplified Fragment Length Polymorphism). In base al numero di loci saggiati è possibile distinguere le seguenti classi di marcatori: a) marcatori multi-locus : basati sull analisi simultanea di molti loci genomici, che implicano l amplificazione di tratti cromosomici casuali mediante primer oligonucleotidici a sequenza nota arbitraria (AFLP, I-SSR, RAPD). Sono definiti marcatori dominanti in quanto ad ogni locus è possibile evidenziare la presenza o l assenza della banda, ma non distinguere la situazione eterozigote (a/a) da quella omozigote per lo stesso allele (a/a). b) marcatori singolo-locus : prevedono l impiego di sonde o primer specifici per determinati loci genomici al fine di ibridare o amplificare tratti cromosomici a sequenza nota. Sono definiti marcatori co-dominanti in quanto permettono di distinguere i loci omozigoti (a/a e b/b) da quello eterozigote (a/b) rappresentati rispettivamente da una banda (l uno o l altro allele) e da due diverse bande (entrambi gli alleli marcatori). Il marcatore ideale dovrebbe possedere caratteristiche di semplicità di analisi, ridotti costi di applicazione, elevata capacità discriminante, buona riproducibilità entro e tra laboratori, produzione di un elevato numero di marcatori in tempi brevi, necessità di bassi quantitativi di DNA; inoltre non dovrebbe richiedere particolari conoscenze iniziali relative al genoma degli organismi in studio e permettere una analisi di zone del DNA uniformemente distribuite su tutto il genoma. Ovviamente non è possibile che un unica classica soddisfi tutti questi requisiti! 10

11 G. TECNICHE UTILIZZATE IN LABORATORIO PER L ANALISI MOLECOLARE DEL DNA 1. ESTRAZIONE DEL DNA Il DNA può essere estratto da qualunque cellula nucleata sia animale che vegetale. L isolamento del DNA richiede l utilizzo di enzimi capaci di distruggere le membrane cellulari e nucleari e di solventi organici in grado di separare le proteine dagli acidi nucleici. Nella procedura si usa un kit provvisto di tali soluzioni e di colonnine provviste di una membrana in grado di legare selettivamente il DNA. La determinazione quantitativa della concentrazione del DNA estratto viene effettuata mediante corsa elettroforetica su gel di Agarosio. 2. LA TECNICA DELLA PCR L introduzione della PCR, la tecnica che consente di amplificare selettivamente un tratto di DNA, ha rivoluzionato la genetica molecolare e le sue applicazioni sono praticamente infinite. Uno degli ambiti di utilizzo è la diagnosi di malattie genetiche mediante analisi di RFLP. L utilizzo della PCR semplifica molte cose. Ad esempio, la PCR consente di analizzare uno specifico tratto di DNA, invece di dover lavorare su tutto il DNA nucleare di una cellula, ossia sul DNA genomico. La PCR (Polymerase Chain Reaction) è una tecnica di amplificazione in vitro di un frammento di DNA di cui si conosca la sequenza nucleotidica delle regioni terminali. Il principio è molto semplice. Data una sequenza di DNA genomico a doppio filamento e due corte sequenze oligonucleotidiche (primer), di cui una complementare ad un tratto di filamento a una estremità del DNA da amplificare (forward primer), l altra complementare ad un altro tratto posto all altra estremità (reverse primer), in presenza di una DNA polimerasi termostabile ( Taq polimerasi, isolata dal batterio Thermus Aquaticus che vive nelle sorgenti termali ad alta temperatura) e di una miscela di desossinucleotidi trifosfati (dntps), in appropriate condizioni di reazione, è possibile copiare numerosissime volte (30-40 volte) il tratto compreso tra i due primer, semplicemente facendo variare ciclicamente la temperatura di reazione. Infatti, raggiunta la temperatura di denaturazione (92-95 C), la doppia elica si apre (fase di denaturazione), rendendo disponibile lo stampo per la sintesi delle catene complementari. Se la temperatura si abbassa, in virtù delle loro minori dimensioni e della loro concentrazione, i primer si legheranno (fase di appaiamento o annealing) al DNA stampo prima che si rinaturi e in presenza di una DNA polimerasi con un optimum di temperatura elevato (circa 72 C), inizierà la sintesi di DNA a partire dai primer (fase di sintesi del DNA o extension), procedendo lungo i filamenti singoli. Al termine del primo ciclo di PCR da una doppia elica di DNA se ne ottengono due. Ripetendo il ciclo denaturazione annealing extension numerose volte (in genere da 30 a 40 volte), si ottiene una massiccia amplificazione specifica di un dato tratto di DNA, corrispondente a DNA in quantità tale da essere visualizzabile in un gel di agarosio mediante colorazione specifica. Scelta dei primer. Per ogni PCR, è necessario usare due primer (forward e reverse). La scelta della coppia di primer è critica per una buona riuscita della PCR, ovvero per ottenere l amplificazione di un tratto di DNA in modo specifico. I primer devono essere disegnati a monte e a valle dei siti di restrizione. Si tratta di oligonucleotidi, con dimensioni comprese tra le 15 e le 30 basi che ibridano su filamenti opposti in posizioni fiancheggianti la regione di interesse del DNA. Per minimizzare la formazione di artefatti è importante che le loro sequenze non contengano basi complementari (all interno dello stesso primer o tra i due primer); inoltre la Temperatura di fusione dei due oligonucleotidi deve essere identica, o almeno molto vicina. Il metodo di analisi del DNA mediante PCR presenta vantaggi molto evidenti: 1. è molto rapido (da 60 a 90 minuti) 2. la manualità è semplicissima 3. è automatizzato 4. i risultati sono visualizzabili con facilità La PCR ha rivoluzionato la genetica molecolare. Le applicazioni della PCR sono praticamente infinite. I termociclatori Il successo della PCR è dovuto in gran parte alla possibilità di far avvenire l intero processo in modo 11

12 automatico all interno di strumenti detti termociclatori (thermal cyclers) in grado di variare ciclicamente la temperatura tra le varie fasi di ogni ciclo di PCR. Un esempio di profilo di amplificazione standard impostato mediante un termociclatore è il seguente: Denaturazione iniziale : 5 min. a 94 C - denaturazione del DNA: 30 sec. a 94 C - appaiamento (annealing) dei primer: 30 sec. a C - 35 cicli - - sintesi (extension) di DNA: 30 sec-5 min. a 72 C Extension finale: 10 min. a 72 C 3. TECNICA RAPD La tecnica (Random Amplified Polymorphism DNA) è stata elaborata nel 1990 in due distinti laboratori. La novità consiste proprio nell arbitrarietà della sequenza dei primer, in contrasto con le tecniche di PCR classica, ove i primer sono sintetizzati sulla base di specifiche informazioni di sequenza. Nel protocollo descritto da Williams et al. (1990), per le ridotte dimensioni dei primer (decameri), la probabilità (P) che essi trovino casualmente, in un genoma, sequenze omologhe cui appaiarsi, è abbastanza elevata (teoricamente P = dimensione del genoma in paia di basi/4 10 ). Gli unici requisiti che i primer devono soddisfare sono: 1) la mancanza d estremità coesive, per impedirne l autoappaiamento; 2) un contenuto in G+C pari a 60-70% tale da conferire una certa stabilità al complesso primer-dna stampo. L amplificazione di una specifica sequenza avviene quando il primer si appaia a due siti diversi sui due filamenti di DNA stampo, purchè la distanza tra i due siti sia inferiore a quella massima amplificabile dalla polimerasi (tale distanza, dipendente dal tipo di enzima, normalmente risulta pari a circa bp). Ogni prodotto di amplificazione include un tratto cromosomico di sequenza non nota, le cui regioni fiancheggianti sono complementari alla regione del primer, in un filamento, e omologhe a questa nell altro filamento. I prodotti di amplificazione sono poi separati su un gel di agarosio mediante elettroforesi e rivelati con un colorante DNA specifico. La numerosità dei polimorfismi ottenuti per primer è compresa generalmente tra 6 e 12 e varia comunque a seconda della complessità del genoma dell organismo preso in esame. I polimorfismi RAPD, osservati come presenza o assenza della banda, sono dovuti a: 1) Sostituzioni nucleotidiche, delezione o inserzione al sito d appaiamento del primer 2) Inserzioni o delezioni che modificano la lunghezza del segmento amplificato. Questa tecnica viene molto utilizzata nello studio della variabilità genetica nelle popolazioni naturali e sperimentali. 12

13 Limiti della tecnica RAPD: 1. Ripetitività dell amplificazione, legati al tipo d estrazione del DNA, alla concentrazione dei reagenti, alla qualità del materiale utilizzato, e alle basse condizioni di stringenza delle reazioni di amplificazione (la temperatura di annealing generalmente adottata con i primer decamerici è di 37 C). 2. I RAPD sono marcatori dominanti e quindi non discriminano tra individui eterozigoti ed omozigoti: il locus eterozigote per il sito di attacco del primer produce una sola banda come il locus omozigote; anche se il prodotto di amplificazione è teoricamente in quantità minore tuttavia il polimorfismo è di tipo qualitativo, per cui la rilevazione si basa sulla presenza/assenza della banda. 4. TECNICA SSR I marcatori SSR (Simple Sequence Repeat) sono comunemente noti con il nome di microsatelliti. Questa tecnica, come i VNTR, permette di mettere in evidenza i polimorfismi a livello delle sequenze di DNA ripetute. Nel genoma di ogni organismo sono presenti sequenze ripetute molto semplici come (CA) n, (GCC) n, (GATA) n, definite microsatelliti. Esse differiscono dai VNTR in quanto la loro lunghezza è solo di poche basi. I polimorfismi vengono messi in evidenza utilizzando dei primer specifici disegnati in modo da essere complementari alle sequenze fiancheggianti i microsatelliti che risultano essere altamente conservate. Le differenze non riguardano il motivo ripetuto bensì il numero di volte che questo è presente nel segmento di DNA amplificato. I prodotti ottenuti mediante la tecnica della PCR sono sottoposti ad elettroforesi su gel di poliacrilammide in quanto solo questa matrice permette di mettere in evidenza polimorfismi di poche basi (2-5 bp). I microsatelliti risultano essere una tipologia di marcatori molto utilizzata in quanto: a) sono molto abbondanti (in media ogni 50Kb) b) sono estremamente polimorfici c) sono co-dominanti permettendo quindi di distinguere la condizione omozigote da quella eterozigote d) risultano essere facilmente riproducibili all interno della stessa specie o di specie tassonomicamente molto vicine. ( Un marcatore è detto riproducibile quando, utilizzato su un organismo diverso, può essere riprodotto (amplificato) con gli stessi primer mantenendo lo stesso polimorfismo). Le maggiori difficoltà nella messa a punto degli SSR sono legate al lungo lavoro necessario per l individuazione dei microsatelliti nel genoma, il loro sequenziamento ed il disegno dei primer da utilizzare; questa metodologia prevede pertanto (almeno all avvio) alti costi di messa a punto. In ogni caso, hanno trovato ampia applicazione nella costruzione di mappe di linkage, in studi di genetica di popolazione, in analisi di pedigree e fingerprinting ed in programmi di selezione MAS (Marker Assisted Selection). Questa tecnica è da scegliersi quando si voglia descrivere una nuova varietà in fase di domanda di brevetto della stessa. I microsatelliti sono estremamente interessanti non solo per la loro distribuzione lungo tutto il genoma, ma anche per il loro altissimo grado di polimorfismo che corrisponde alla variazione del numero di ripetizioni dei motivi all interno di diversi individui della stessa specie. Mentre una sequenza di microsatellite non è specifica per un dato locus, le sequenze fiancheggianti lo sono. Oggi, comunque, è possibile automatizzare il test ricorrendo all uso di sequenziatori automatici. In quest ultimo caso, l analisi si articola nelle seguenti fasi: estrazione del DNA dalle foglie della pianta 13

14 amplificazione con la tecnica PCR-multiplex di alcuni microsatelliti elettroforesi capillare dei microsatelliti usando un sequenziatore automatico analisi dei risultati mediante software stesura della carta di identità genetica della pianta in esame: di ciascun microsatellite analizzato vengono fornite le esatte lunghezze degli alleli (espresse in numero di basi azotate) rilevati nella pianta. Questi dati identificano la pianta in modo univoco e inequivocabile, tutelando in questo modo il coltivatore della stessa da eventuali frodi. 5. ELETTROFORESI SU GEL DI AGAROSIO AL 3% E una tecnica che consente di separare in base alle loro dimensioni (peso molecolare) molecole dotate di carica, facendole migrare su un gel in presenza di un campo elettrico. Il gel può essere immaginato come una rete tridimensionale attraverso le cui maglie migrano le molecole sotto l azione di un campo elettrico. Il campo elettrico è generato da un apparecchio, detto alimentatore. Per separare molecole di DNA si usano gel di agarosio o di poliacrilamide. Le molecole di DNA sono cariche negativamente per la presenza di gruppi fosfato e migrano dal polo negativo (catodo) verso il polo positivo (anodo). Per un certo intervallo di pesi molecolari, la velocità di migrazione è funzione del loro peso molecolare: tanto più grande è la molecola di DNA, tanto minore è la velocità di migrazione. E, viceversa, tanto più piccola è la molecola di DNA, tanto più velocemente migra. Le molecole di DNA di diversa lunghezza vengono pertanto separate in base alla diversa velocità di migrazione. Per poter determinare la lunghezza delle molecole di DNA in esame separate mediante elettroforesi, vengono caricati sul gel anche i cosiddetti marcatori di peso molecolare, ossia una miscela di frammenti di DNA di cui è noto il peso molecolare. Confrontando la posizione dei frammenti a peso molecolare noto con quella dei frammenti di DNA in esame, è possibile calcolarne il peso molecolare, ossia la lunghezza. Dato che il peso molecolare di un frammento di DNA è proporzionale al numero di coppie di nucleotidi (basi) che lo costituiscono, di solito esso viene espresso in paia di basi (bp). La separazione elettroforetica dura circa solitamente 20 min., ma nel caso dei RAPDs almeno tre ore. I frammenti di DNA, essendo incolori, possono essere visualizzati, con particolari sistemi di colorazione. In questa procedura si utilizza il Blue Loading Dye e come intercalante EuroSafe, una molecola che, legando il DNA, lo rende visibile all UV. Il DNA delle diverse classi di peso molecolare è visibile sotto forma di bande distinte: sono le cosiddette bande di DNA. Alla fine della corsa, le bande si visualizzano esponendo il gel alla luce ultravioletta. PRINCIPIO DI BASE DEL FINGERPRINTING 14

15 Il termine fingerprinting (impronta genetica) viene correntemente utilizzato per indicare l identificazione e la distinzione di una pianta rispetto alle altre sulla base dei suoi profili del DNA. Lo studio della diversità genetica di specie selvatiche e coltivate attraverso i marcatori molecolari rappresenta un importante capitolo della genetica vegetale moderna. L uso di questa diversità trova numerose applicazioni nel miglioramento genetico convenzionale e non. Più recentemente, ha trovato impiego nelle strategie innovative di accertamento dell identità varietale, importante parametro della qualità. Infatti uno dei controlli della qualità delle colture dipende essenzialmente dalla precoce identificazione del materiale vegetale in allevamento o in moltiplicazione per accertarne l appartenenza alla varietà dichiarata. Il fingerprinting del DNA consente di monitorare la variabilità genetica presente a livello dell acido nucleico attraverso l uso di uno o più marcatori che caratterizzano il genoma ed identificano genotipi diversi anche se molto vicini. Esso rappresenta un sistema efficace di identificazione varietale utilizzabile sulle ortive in semenzaio o sui fruttiferi molto prima della fruttificazione. METODI PER L IDENTIFICAZIONE VARIETALE 1. ANALISI DEL FENOTIPO I controlli sul fenotipo consistono nel rilevare i caratteri morfologici, fenologici ed agronomici della pianta, il ché viene fatto solitamente compilando le schede pomologiche. Anche se questo tipo di analisi è fondamentale ai fini dell identificazione varietale, la stessa presenta comunque alcuni limiti. Il fenotipo della pianta può essere infatti fortemente influenzato da numerosi fattori, come lo stato sanitario (es. presenza/assenza di virus), l ambiente esterno (es. il clima, le tecniche agronomiche di coltivazione, il suolo,...) e i fattori epigenetici (es. fenomeni di ringiovanimento, di inerzia ormonale,...). Inoltre, i rilievi condotti sul fenotipo sono il più delle volte complessi e onerosi, richiedono tempi relativamente lunghi e possono essere eseguiti solo in determinati momenti dell anno. Solo per fare alcuni esempi: l epoca di fioritura di una pianta può essere stabilita solo nella stagione primaverile, oppure i caratteri del frutto possono essere rilevati solo una volta superata la fase iniziale improduttiva. Da qui la necessità di affiancare all analisi del fenotipo, quella del genotipo (fingerprinting), basata essenzialmente sull analisi del DNA delle piante con tecniche di biologia molecolare quali RFLP, RAPD, microsatelliti e AFLP. 2. ANALISI DEL GENOTIPO La tecnica attualmente usata presso i laboratori per effettuare il test del DNA è quella dei RAPD (Random Amplified Polymorphic DNA) che ben si presta per le analisi di confronto (controlli di rispondenza, risoluzione casi di sinonimia e omonimia). La Fig. qui sotto riporta a titolo di esempio i profili RAPD ricavati da alcune accessioni di melo. Facciamo l esempio di un confronto tra due piante, A e B. Analizzando i loro profili del DNA, prodotti ad esempio con la tecnica dei RAPD, i risultati possibili sono di due tipi: Se vengono trovate delle differenze nei profili come di seguito illustrato, allora con certezza si potrà affermare che le due accessioni sono diverse. Al contrario, i profili delle due piante potrebbero risultare uguali, come di seguito illustrato: Ciononostante, in questo caso non sarà possibile affermare con assoluta certezza l identità delle due piante, perché il test del DNA ha fotografato solo una parte del loro genoma, non tutto. L identità tra 15

16 A e B può dunque essere solo ipotizzata con una probabilità di commettere un errore tanto più bassa quanto maggiore è il numero dei profili del DNA analizzati e quanto maggiore è la variabilità genetica esistente all interno della specie cui le due piantine afferiscono. L analisi del DNA affianca quindi l analisi del fenotipo nei controlli di rispondenza del materiale vegetale nelle varie fasi della sua propagazione vivaistica: dai repositori, dove viene conservato il materiale di fonte, ai centri di pre-moltiplicazione e di moltiplicazione, fino ai vivai. PERCHE SERVE L ANALISI GENETICA? L analisi del DNA è utile per: verificare se le piantine moltiplicate dal vivaista corrispondono esattamente alla varietà di partenza; consente al vivaista di controllare la corretta etichettatura del materiale moltiplicato, cioè che il nome della pianta moltiplicata sia corretto. Risolvere le sempre più frequenti controversie commerciali, ovvero i casi di sinonimia e omonimia. E già successo infatti che alcuni vivaisti scaltri abbiano moltiplicato sotto falso nome piante e fiori già brevettati da altri. In commercio si possono dunque trovare piantine morfo-fenologicamente molto simili, ma sotto diverso nome varietale. Il test del DNA potrà allora essere usato per mettere a confronto queste accessioni al fine di verificare se si tratti o meno di casi di frode. Effettuare il fingerprinting delle nuove varietà in fase di brevettazione delle stesse. Quando un Costitutore brevetta una nuova varietà, è indubbiamente molto utile descrivere la stessa sia usando le schede pomologiche sia usando il test del DNA. Così, disponendo di una serie di profili del DNA, è come se si fosse prodotto una sorta di carta di identità della nuova varietà che permetterà al Costitutore di cautelarsi da eventuali frodi che potranno essere commesse da terzi nei suoi confronti. Concludendo.. Stando a quanto detto finora, l approccio molecolare è uno strumento molto valido per la certificazione genetica del materiale vegetale moltiplicato in vivaio. Molti sono infatti i vantaggi, di cui si è già parlato, ma restano tuttavia alcuni limiti oltre i quali queste tecniche non possono andare. Esistono, ad esempio, alcune specie vegetali coltivate caratterizzate da una bassissima variabilità genetica. Tra le arboree, il pesco ne è l esempio eclatante perché la maggior parte delle sue varietà deriva da un comune e lontano progenitore, Chinese Cling. La base genetica di partenza assai ristretta, l impiego di poche linee parentali nei programmi di miglioramento genetico e l autofertilità che caratterizzano questa specie frutticola hanno fatto sì che le varietà di pesco oggi diffuse siano molto simili nel loro patrimonio genetico. Per specie vegetali come questa sarà dunque sempre necessario analizzare un numero assai elevato di profili del DNA qualora si vogliano distinguere con certezza le singole accessioni coltivate. 16

17 DNA FINGERPRINTING PER L ACCERTAMENTO DELL IDENTITÀ GENETICA DELL ASPARAGO VIOLETTO D ALBENGA ORIGINE, DIFFUSIONE E IMPORTANZA ECONOMICA Dalla sua area di origine, la Mesopotamia, l asparago si diffonde in epoca antica, come pianta officinale più che alimentare, prima in Grecia, da qui presso i Romani, poi in tutta Europa ed oggi è largamente coltivato in tutto il mondo. I Greci prima e poi i Romani importarono e fecero proprie le tecniche di coltivazione dell asparago dai paesi dell est, da cui presero l antico termine iraniano sparega, che significa punta, dentello; diventato poi rispettivamente in greco e latino aspargos e asparagus. Una delle prime dettagliate guide su come coltivare l asparago risale a circa il 65 A.C. ad opera del Romano Columella. I Romani diffusero la coltura dell asparago in tutto il loro impero in Europa; ci sono anche evidenze che dimostrano come semi di asparago siano stati trasportati dai crociati dai paesi Arabi alla valle del Reno nel In tutta Europa, eccetto che in Spagna, il declino dell impero romano portò anche ad un declino della sua coltivazione che è stata quindi confinata in alcuni feudi o all interno dei giardini di vari monasteri, ma solo come pianta medicinale; solo nel Rinascimento l asparago è stato riscoperto come un ortaggio di valore. La coltura dell asparago nel Savonese è attestata fin dai primi anni del XIX secolo da Gilbert Chabrol de Volvic, il prefetto inviato da Napoleone a Savona nel 1806 per organizzare il dipartimento di Montenotte, una delle tre circoscrizioni dell ex Repubblica di Genova, annessa alla Francia nel Il fascicolo provinciale di Savona del catasto agrario, che riporta superfici e produzioni medie rilevate negli anni , citando anche il prof. Allegri, allora titolare della locale Cattedra ambulante di agricoltura, recita: Nella piana albenganese si producono a profusione le più squisite primizie orticole e gli ortaggi di grande coltura che alimentano i principali mercati dell Italia settentrionale. Complessivamente la produzione provinciale di asparagi somma mediamente in quegli anni oltre tonnellate. Da una relazione della Società Anonima Cooperativa l Ortofrutticola di Albenga, datata 6 marzo 1944, si apprende che gli asparagi di Albenga a causa della contrazione dei prezzi ufficiali la coltura degli asparagi è molto diminuita nella ns/ provincia con grave danno della economia agricola, nonché con grave danno per il futuro probabile lavoro di esportazione sui mercati francesi quando le condizioni saranno ritornate normali. Nel 1964 la coltura dell asparago occupa in provincia di Savona, solo più 208 ettari, con una resa media di 12 tonnellate per ettaro, per una produzione totale limitata a circa tonnellate. Attualmente la massima parte della produzione di asparago violetto di Albenga, stimata in circa 160 t/anno, è concentrata in non più di quaranta aziende in tutta la provincia di Savona, per la massima parte nell Albenganese, su una superficie di circa otto ettari. UN PO DI BOTANICA DELLA SPECIE Tra le tante specie, alcune sono usate per il valore ornamentale della loro parte aerea (Asparagus plumosus, A. densiflorus, A. virgatus), o per le loro proprietà medicinali (A. racemosus, A. verticillatus, A. adscendens), ma una di loro, in particolare (A. officinalis), è utilizzata per l alimentazione. Recenti studi molecolari hanno rivelato nuovi aspetti nelle relazioni filogenetiche delle specie appartenenti al genere Asparagus, portando all ipotesi che le specie euroasiatiche si siano originate da un comune progenitore di origine Sud Africana. L Asparago coltivato appartiene alla famiglia delle Liliacee: Classe: Liliopsida Ordine: Asparagales Fam.: Liliaceae Gen.: Asparagus Sp.: officinalis In passato esistevano popolazioni di Violetto d Albenga diverse per intensità della colorazione e diametro dei turioni; purtroppo molte di esse attualmente sono irrimediabilmente perdute a causa della drastica riduzione del numero degli asparagicoltori. Dal punto di vista sistematico la varietà Violetto d Albenga appartiene alla specie Asparagus officinalis L.; essendo però tetraploide (4n = 40 cromosomi) l incrocio con le normali varietà diploidi origina progenie triploidi praticamente sterili. 17

18 Oltre che per il genoma tetraploide, l asparago Violetto d Albenga si caratterizza per i turioni di colore viola intenso uniforme, calibro elevato, scarsissimo contenuto in fibra, gusto leggermente dolce e delicato, apice molto chiuso, brattee grandi, particolarmente aderenti; emissione relativamente tardiva in primavera. Viene coltivato per raccogliere i giovani germogli commestibili (turioni). Le varietà commerciale è diploide (2n = 20 cromosomi) e dioica; questo significa che le piante sono distinte in femminili (differenziano solo carpelli femminili che evolvono in bacche contenenti semi) e maschili (i fiori producono solo polline). I moderni ibridi sono generalmente maschili. La pianta dell asparago è formata da una porzione ipogea e da una epigea e dal punto di vista agronomico nel ciclo biologico dell asparago si possono distinguere una fase di assimilazione, nel periodo estivo, espletata dalla parte aerea della pianta, una successiva fase di accumulo dei materiali elaborati nel rizoma ed infine il consumo di questi materiali per la produzione di gemme e quindi dei turioni. La porzione ipogea è il turione: verso la fine dell inverno, con il conseguente aumento della temperatura, dalle gemme carnose si sviluppa il turione che è però soltanto un primo stadio di sviluppo dello stelo nella pianta. La crescita dei turioni è in parte sotterranea e in parte aerea; la diversità di colorazione (bianchi, rosati, violetti e verdi) dipende soprattutto dal loro periodo di crescita e quindi dal momento della loro raccolta (che può avvenire prima che spuntino dal terreno, appena spuntati o quando hanno già raggiunto una certa altezza). È perciò il sistema di coltura più che la varietà a determinare le caratteristiche (in particolare la colorazione ma non solo) del turione. La colorazione del turione è strettamente collegata alla presenza di clorofilla, quindi all esposizione al sole e alla luce. I turioni sono bianchi e tozzi per il periodo in cui rimangono sotto terra, per divenire rosati appena spunta l apice, poi violetti ed infine verdi, mutando perfino la forma e divenendo più cilindrici ed affusolati. Il procedere dello sviluppo non si limita ad inverdire il turione, ma ne indurisce anche i tessuti a causa dell esposizione al sole che favorisce l accumulo della clorofilla e l aumento della cellulosa, caratterizzando l asparago con un sapore amarognolo dovuto alla decomposizione dell asparagina. La crescita del turione è influenzata dall umidità, dalla pressione radicale, dalla respirazione intracellulare e dalla temperatura. L accrescimento inizia quando la temperatura esterna media si aggira sui C; più veloce è la crescita dell asparago più il suo sapore si rivela tenero e delicato, mentre se la crescita è stentata diventa amarognolo. La velocità di sviluppo e la lunghezza raggiunta dal turione prima che inizi la ramificazione è direttamente proporzionale all andamento della temperatura. La temperatura minima per la crescita dell asparago è di 10 C circa, mentre quella ottimale si aggira sui C, la massima invece è di 32 C. Se i turioni non venissero raccolti il loro sviluppo continuerebbe, dando origine alle parti aeree della pianta, le asparagine. Caratteristiche fenotipiche: I caratteri distintivi dell'asparago violetto di Albenga sono rappresentati dal colore viola del turione, dalla dimensione medio-grossa, dal sapore più delicato rispetto alle razze comuni e dal vigore della pianta. Caratteristiche genotipiche: E l unica varietà mondiale con genoma tetraploide (a livello genetico vuol dire che le sue caratteristiche rimangono costanti con qualsiasi incrocio). Questi sono comunque caratteri influenzati fortemente dalle tecniche di coltivazione e dalla natura del terreno sia che vengano a mutare le condizioni ecologiche più propizie, sia che non si provveda alla sistematica selezione delle piante madri e quindi del seme. La maturazione è di tipo scalare, cioè non contemporanea. Si esegue comunque una coltivazione di tipo primaverile - precoce, con periodo di raccolta relativamente breve e una coltivazione media e tardiva, la cui raccolta si prolunga per diversi giorni. È in realtà un asparago bianco che riesce a fuoriuscire dal suo sito e, vedendo la luce e quindi attuando la fotosintesi, acquista un colore lilla abbastanza uniforme. Ha un sapore molto fruttato, con un delicato retrogusto amarognolo. 18

19 La zona di produzione è la piana e le alture pianeggianti dell albenganese dove i terreni alluvionali sono perfetti grazie al profondo strato sabbioso e limoso e al microclima. La coltivazione del Violetto è completamente manuale e la raccolta avviene da metà marzo ai primi di giugno. E una varietà unica al mondo, tipica del nostro territorio. Inutili i tentativi di brevetto in California e di coltivazione in Nuova Zelanda, in Australia e negli Stati Uniti. Nel mondo sono stati costituite altre varietà/ibridi di colore viola, pertanto nonostante la sua tipicità, il Violetto d Albenga ed il suo fingerprinting va studiato per consentire la distinzione tra tale varietà ed altre di minor pregio. La varietà di asparago Violetto d Albenga è stata selezionata e conservata per molte generazioni dagli asparagicoltori albenganesi attraverso una metodologia ancora oggi in uso. In asparagiaie di almeno cinque anni, all inizio del periodo produttivo sono individuate le piante (10-20 per 1000 m2) che producono i turioni con le caratteristiche desiderate: calibro grosso, numero possibilmente elevato e colore viola intenso. Le piante selezionate, di cui alcune sono femminili ed altre maschili, e che fioriscono in un periodo anticipato rispetto a quelle da cui i turioni vengono raccolti, si inter-incrociano ad opera di insetti impollinatori. Poiché tutti gli agricoltori adottano criteri selettivi simili, la fecondazione con polline esterno all azienda, non pregiudica l obiettivo della selezione, anzi evita l eccessiva consanguineità, negativa ai fini produttivi. L agricoltore, per i nuovi impianti utilizza esclusivamente il seme raccolto dalle proprie piante, ottenendo, dopo alcuni cicli, la propria popolazione di Violetto d Albenga. Come già detto, l incrocio tra l asparago violetto - con genoma tatraploide - con le normali varietà diploidi origina progenie triploidi praticamente sterili. Progenie pienamente fertili si ottengono invece dall incrocio con la specie tetraploide A. scaber Brign. sinonimo di A. maritimus Miller e di A. amarus De Candolle, spontaneo in diversi litorali del Mediterraneo e coltivato sul litorale del Cavallino in provincia di Venezia; la varietà è denominata Montina. In Europa una varietà tradizionale di asparago con turioni tendenzialmente viola, che deriva sicuramente da ibridazione tra A. officinalis ed A. scaber è Morado de Huétor, coltivato nell omonima località dell Andalusia in Spagna. Anche in questo caso la distinzione genetica (fingerprinting) dal Violetto d Albenga è possibile e va perseguita per fini commerciali sia dai produttori italiani che spagnoli. Anche la varietà Violetto d Albenga potrebbe quindi derivare da ibridazione tra le due specie avvenuta probabilmente nel XVII secolo. Il lungo periodo di selezione, seguendo i criteri prima descritti, avrebbe permesso di eliminare i caratteri genetici indesiderati (es. gusto amarognolo, diametro piccolo dei turioni) e fissare quelli che oggi la caratterizzano, compreso il numero tetraploide di cromosomi. Come per altre produzioni tipiche locali, il futuro della coltura dell asparago Violetto d Albenga è legato alla capacità di far conoscere ed apprezzare le qualità peculiari del prodotto. Si può ragionevolmente prevedere che la registrazione dell Indicazione Geografica Protetta per l asparago Violetto d Albenga, possa portare ad un raddoppio del consumo, stimato attualmente in 160 tonnellate, rendendo la coltura stessa economicamente conveniente e competitiva nei confronti delle colture concorrenti sul territorio della zona tipica di produzione. 19

20 BIOINFORMATICA Premessa Le Banche dati biologiche Una banca dati biologica è una raccolta di informazioni e dati derivanti dalla letteratura e da analisi effettuate sia in laboratorio (in vitro e in vivo) sia mediante strumenti bioinformatici (analisi detta in silico). Ciascuna banca dati è organizzata attorno ad un elemento centrale (nelle banche dati di sequenze nucleotidiche ad esempio questo elemento è rappresentato dalle sequenze di DNA o di RNA). Attorno all elemento centrale viene costruita la entry della banca dati, che comprende tutte le annotazioni utili a classificare (ad esempio, il nome della sequenza, la specie di appartenenza, ecc) e a caratterizzare (ad esempio, la funzione della sequenza, le referenze bibliografiche ecc.) l elemento stesso. Le informazioni contenute nelle voci di una banca dati vengono in genere scritte sotto forma di flat file ovvero file di testo nei quali le informazioni sono scritte in maniera sequenziale in linee identificate da un codice a sinistra che caratterizza gli attributi contenuti nella linea stessa. Il formato flat file è molto utilizzato perchè analizzabile mediante programmi per estrarre dalla banca dati informazioni biologiche specifiche. La diffusione di internet ha portato all inserimento nelle voci delle banche dati di riferimenti crociati mediante hypertext link che consentono di navigare fra le diverse banche dati in un sistema integrato di informazioni. Le banche di acidi nucleici (DNA e RNA) vengono spesso definite di primo livello in quanto contengono solo informazioni molto generiche associate alla sequenza, necessarie per identificarla dal punto di vista specie-funzione. Le principali banche di acidi nucleici sono tre: EMBL datalibrary (Europa) GenBank (USA) DDBJ (Giappone) Fra le tre banche dati è stato stipulato un accordo internazionale per cui il contenuto dei dati di sequenza presenti è quasi del tutto coincidente e le informazioni vengono scambiate fra le tre banche dati giornalmente. Qualsiasi ricercatore può depositare (attraverso un apposito sistema on line di invio dei dati) le proprie sequenze, che, dopo essere state controllate, vengono inserite nella banca dati. Le banche dati di secondo livello svolgono la funzione di integrare le informazioni contenute in diverse banche dati rendendo ancora più veloce l accesso alle informazioni. Esistono banche dati specializzate, che raccolgono informazioni specifiche (ad esempio banche dati di enzimi di restrizione, banche dati di sequenze di regolazione dei promotori, banche dati di mutazioni ecc.). Alcune di queste possono essere estremamente specializzate (ad esempio una banca dati che raccolga le informazioni su uno specifico gene), altre invece contengono informazioni più ampie (ad esempio banche dati di strutture tridimensionali, banche dati di motivi e domini proteici). Alcune banche dati biologiche sono: NCBI (National Biotechnology Institute, NIH) ha creato un database pubblico e ha sviluppato software per analizzare i dati del genoma. Ensembl (il nome ricorda la parola francese ensemble e al contempo EMBL European Molecular Biology Laboratory) è un database nato dalla collaborazione dell EMBL European Bioinformatics 20

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione negli eucarioti Il promotore eucariotico L inizio della trascrizione negli eucarioti necessita della RNA polimerasi e dei fattori di trascrizione. Qualsiasi proteina sia necessaria per

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono unità 3. Le cellule crescono e si riproducono Durante l interfase la cellula aumenta di dimensioni sintetizza nuove proteine e nuovi organuli duplica il DN al termine di questi processi la cellula compie

Dettagli

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le tre leggi di Mendel, che descrivono la trasmissione dei caratteri ereditari da una generazione all altra, segnano l inizio della

Dettagli

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i Le principali strategie di regolazione dell espressione genica nei procarioti Regolazione metabolica Nel genoma di un microorganismo sono presenti migliaia di geni (3000-6000). Alcuni geni vengono espressi

Dettagli

La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della

La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della struttura secondaria: Minimizzazione dell energia Un

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico.

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. Elettroforesi su gel L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. La mobilità della particella dipende dalla forza elettrostatica netta che agisce

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

DAI GENI AI SEMI. genetica e biotecnologie in agricoltura. Simona Baima e Giorgio Morelli

DAI GENI AI SEMI. genetica e biotecnologie in agricoltura. Simona Baima e Giorgio Morelli DAI GENI AI SEMI genetica e biotecnologie in agricoltura Simona Baima e Giorgio Morelli Copyright 2010 Editori: Simona Baima e Giorgio Morelli Copertina e disegni: Franco Marchiolli [www.francomarchiolli.com]

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Messa a punto dell analisi della

Messa a punto dell analisi della SSMT Locarno 2012/2013 Lavoro di diploma per il corso di Tecnici in Analisi Biomediche Presso l Istituto Cantonale di Patologia di Locarno Messa a punto dell analisi della traslocazione RET/PTC Lavoro

Dettagli

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus L AVANZAMENTO DELLA RICERCA SULLA RESISTENZA ALLA FLAVESCENZA DORATA Elisa Angelini CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Conegliano (TV) DUE GIALLUMI IMPORTANTI IN EUROPA ED ITALIA Flavescenza

Dettagli

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica Gli enzimi Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica En-zima εν ζυμη nel lievito Enzima termine generico per definire un catalizzatore biologico Tranne che diversamente indicato,

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici 1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici La maturazione consiste in una serie di eventi che avvengono negli organi linfoidi generativi o primari:

Dettagli

(es.: AA, aa, BB, bb ) 2 Alleli: si tratta di geni che si trovano su cromosomi omologhi e che controllano lo stesso carattere in modo eguale (alleli

(es.: AA, aa, BB, bb ) 2 Alleli: si tratta di geni che si trovano su cromosomi omologhi e che controllano lo stesso carattere in modo eguale (alleli 1 ELEMENTI DI GENETICA LA GENETICA È: LA DISCIPLINA (= LA SCIENZA) CHE INDAGA SUI MECCANISMI DELLA TRASMISSIONE DEI CARATTERI DA UNA GENERAZIONE ALL ALTRA. RICORDIAMO 2 CONCETTI FONDAMENTALI: A) GENOTIPO:

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Il clonaggio molecolare è una delle basi dell ingegneria genetica. Esso consiste nell inserire un frammento di DNA (chiamato inserto) in un vettore appropriato

Dettagli

Il ciclo cellulare e la sua regolazione

Il ciclo cellulare e la sua regolazione Il ciclo cellulare e la sua regolazione Le cellule possono essere classificate in base alla loro capacità di crescere e di dividersi: Cellule che hanno perso la capacità di dividersi (cellule neuronali,

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA IL PRESENTE TESTO E UNA SINTESI DEL TESTO COMPLETO EDITO DA LA MEDICINA BIOLOGICA, n.4, 2010, WWW.MEDIBIO.IT Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA Lo sviluppo

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4 Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura melo, pero, kiwi schede colturali - volume 4 I prodotti che AGM fabbrica con destinazione speciale per frutteti, sono stati testati

Dettagli

L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH

L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH I DETERGENTI: COME CONIUGARE PRESTAZIONI ELEVATE E RISPETTO PER L AMBIENTE L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH Resana, 5 ottobre 2007 FEDERICA CECCARELLI Ist. Sup.

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Facciamoci due conti

Facciamoci due conti Facciamoci due conti Ma alla fine quanto si guadagna a coltivare canapa? la domanda sorge spontanea ed è più che legittima, specie considerando il panorama deprimente dell agricoltura in Italia ai giorni

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica

Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica Nel corso di questa attivita utilizzeremo alcune delle piu importanti banche dati disponibili in rete per cercare informazioni su una proteina.

Dettagli

DIAMO VOCE ALLE SEMENTI!

DIAMO VOCE ALLE SEMENTI! DIAMO VOCE ALLE SEMENTI! POTRA L EUROPA RINUNCIARE ALL INNOVAZIONE VARIETALE? LA NOSTRA VISIONE L innovazione legata alle sementi deve essere alla base della filiera alimentare, per stimolare lo sviluppo

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Gli organismi viventi

Gli organismi viventi Gli organismi viventi Gli organismi viventi Quali caratteristiche contraddistinguono i viventi? È facile distinguere un organismo vivente da un oggetto non vivente? Gli organismi viventi Tutti gli organismi

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1 LA SCALA PITAGORICA (e altre scale) 1 IL MONOCORDO I Greci, già circa 500 anni prima dell inizio dell era cristiana, utilizzavano un semplice strumento: il monocordo. Nel monocordo, un ponticello mobile

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA il Krill Letterio Guglielmo II Krill (Euphausia superba) è il più abbondante crostaceo del mondo. Nonostante sia lungo 65 mm esso costituisce la principale fonte di alimento per una grande varietà di animali

Dettagli

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO Si prega di prestare particolare attenzione ai "PUNTI ESSENZIALI" Nota bene: la presente guida ha lo scopo di aiutare i richiedenti

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa **

Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa ** MELONE Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa ** * Tecnico CReSO ; Tecnici SATA / Cadir Lab. Elenco delle cultivar poste a confronto Varietà Ditta Tip. Agustino Rijk

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Obiettivi: - evitare o ridurre il fenomeno della sciamatura - conservare le api nell alveare o nell apiario (sciamatura temporanea) I metodi sono diversi

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Danni insoliti da tripidi sul frutto melo

Danni insoliti da tripidi sul frutto melo Danni insoliti da tripidi sul frutto melo L osservazione e lo studio di sintomi su piante o frutti fa parte delle attività della Sezione Difesa delle Piante presso il Centro per la Sperimentazione Agraria

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Progetto di ricerca CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DI RAZZE AVICOLE LOMBARDE

Progetto di ricerca CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DI RAZZE AVICOLE LOMBARDE Programma regionale di ricerca in campo agricolo 2010-2012 Progetto di ricerca CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DI RAZZE AVICOLE LOMBARDE Acronimo: CoVAL Ente Proponente: Università degli Studi di Milano,

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT

NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT 2 NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT di Umberto Malossini Le schede ISMA - AVIT 3001 da Goldtraminer, B. ISMA - AVIT 513 da Pinot grigio, G.

Dettagli

Acidi nucleici non codificanti

Acidi nucleici non codificanti Vol. Giacca 4bozza 17-02-2011 11:05 Pagina 19 Acidi nucleici non codificanti 19 maniera controllata in modo da non favorire la crescita di eventuali tumori presenti in sedi lontane da quella in cui sono

Dettagli

/#( 0-1( (2 (2-./-#-#

/#( 0-1( (2 (2-./-#-# !!" #$ %&$%' (,,,##( # -(./-##( # (&%)*)+#$ Protocollo M1.2015.0007586 del 15/01/2015 Firmato digitalmente da FIORELLA FERRARIO /#( 0-1( (2 -./-#-# 011( (23./-#-1# 0!1( (2!./-#!# 01( (2--/.(( (# 41( (2-41(./-#

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli Prefazione Non è facile definire che cosa è un problema inverso anche se, ogni giorno, facciamo delle operazioni mentali che sono dei metodi inversi: riconoscere i luoghi che attraversiamo quando andiamo

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno Strutture di Lewis E un metodo semplice per ottenere le formule di struttura di composti covalenti nota la formula molecolare, la configurazione elettronica del livello di valenza degli atomi e la connettività

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli