Indice. 1 La razionalità dell azione sociale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice. 1 La razionalità dell azione sociale ----------------------------------------------------------------------- 3"

Transcript

1 MAX WEBER E LA «SCIENZA COMPRENSIVA DELL AZIONE SOCIALE» PROF.SSA SIMONA IANNACCONE

2 Indice 1 La razionalità dell azione sociale Tipi di potere La stratificazione sociale Riferimenti bibliografici di 14

3 1 La razionalità dell azione sociale Max Weber ( ) rappresenta una delle figure dominanti della sociologia del Novecento. Determinante, è stato il suo contributo allo sviluppo della disciplina sia per i diversi studi storico-sociologici elaborati su vari aspetti della realtà sociale (studio delle religioni, del capitalismo), sia per i criteri innovativi introdotti nell analisi dei fenomeni sociali. Centrale nel pensiero di Weber è l esigenza di una approfondita riflessione sui metodi che dovrebbero consentire non soltanto alla sociologia, ma a tutte le scienze storico-culturali di rivendicare un autentico carattere scientifico. Egli si oppone tanto all oggettivismo positivistico, con la sua illusoria pretesa di possedere carattere scientifico in quanto fondato sull analisi di fatti materiali, quanto alle tendenze intuizionistiche di uno storicismo teso a cogliere l individuale nella sua irripetibilità e peculiarità. Si tratta invece di elaborare robuste strutture logiche che consentano alle scienze storiche e sociali di raggiungere risultati validi e verificabili. A tale scopo è però anzitutto necessario chiarire che queste scienze sono avalutative, non possono decidere nulla circa i valori, vale a dire circa le ragioni delle nostre scelte politiche, morali e religiose. Il sociologo non deve valutare i fatti sociali, ma limitarsi a inquadrarli all interno dei fenomeni culturali in cui si verificano, evitando di esprimere le sue personali convinzioni. Pertanto, la sociologia, se vuole essere una scienza, non deve esprimere giudizi di valore sui fenomeni che studia, ma deve limitarsi a descriverli e a darne spiegazioni soddisfacenti. Una scienza empirica, sosteneva Weber, non può mai consigliare ad alcuno ciò che egli dovrebbe fare, quantunque possa aiutarlo a chiarire a se stesso ciò che egli può o vuole fare, in base ai mezzi a sua disposizione e alle condizioni storiche in atto. Politica e scienza risultano perciò distinte, non perché le scienze non abbiano presupposti politici, morali e religiosi, ma perché le scienze non possono fondare e determinare tali scelte. A queste spetta invece il compito di mostrarne la razionalità intrinseca o meno, nel senso di chiarire se i mezzi scelti per un certo scopo sono ad esso coerenti o meno. La razionalità non è mai un principio assoluto o estrinseco alla situazione storica o sociale, ma è il metodo per comprenderla e operare in essa in modo coerente. 3 di 14

4 Weber considerò la sociologia come «la scienza comprensiva dell azione sociale» 1. A differenza di molti suoi predecessori, che consideravano la sociologia in termini socio-strutturali, egli concentrò la propria analisi sui singoli individui agenti (il mondo di partenza sono l attore e la sua azione sociale, l individuo considerato come atomo e di unità base del sistema sociale). La sociologia, poi, si distingue dalle scienze storiche, nell adempiere a questo compito, in quanto non deve essere una semplice descrizione di fenomeni particolari, ma deve essere comprensione delle azioni sociali nella loro costante uniformità e nel significato che gli individui attribuiscono ad esse. Anche gli atteggiamenti umani mostrano, infatti, connessioni e regolarità, come ogni altro divenire, e oggetto della sociologia sono proprio quegli atteggiamenti umani che si riferiscono all agire altrui e devono essere spiegati in base a tale riferimento. Per Weber dunque, a differenza del positivismo, non ci sono fatti sociali originari, qualificabili in sé come tali e anteriori all azione e intenzione concreta dei singoli uomini, ma soltanto forme di agire sociale, risultanti dall atteggiamento di uno o più individui in rapporto all agire di altri individui. All obiezione secondo cui solamente con riferimento al mondo della natura è possibile raggiungere una conoscenza razionale di tipo causale, giacché il mondo umano, a causa della sua imprevedibilità ed irrazionalità, non è suscettibile di spiegazione razionale, Weber risponde ribaltando le posizioni. Mentre la conoscenza della natura deve sempre derivare dall esterno e noi possiamo solamente osservare il corso esteriore degli eventi e registrarne le uniformità, in ordine all azione umana noi possiamo andare oltre la semplice registrazione delle ricorrenti sequenze di eventi; il metodo della sociologia trova le sue basi nella comprensione oggettiva, nella capacità di cogliere il significato dell agire sociale dall interno. Naturalmente, con questo metodo Weber si oppone ai positivisti. «I fatti sociali sono, in ultima analisi, fatti intellegibili». Non possiamo comprendere l azione umana penetrando i significati soggettivi che gli attori attribuiscono al loro comportamento e al comportamento degli altri. Coerentemente Weber ha definito la sociologia come «una scienza la quale si propone di intendere in virtù di un procedimento interpretativo l agire sociale, e quindi di spiegarlo causalmente nel suo corso e nei suoi effetti» 2 Weber sosteneva che il comportamento privo di tale senso non rientra nell ambito della sociologia. 1 R. Aron, Le tappe del pensiero sociologico, Mondadori, Milano, M. Weber, Wirtschaft und Gesellschaft, Mohr, Tubingen, 1922, trad. it. Economia e società, 2 voll., Comunità, Milano, di 14

5 Per Weber 3 l azione sociale si differenzia in base alla scelta dei fini e dei mezzi dell azione, generando quattro tipologie base: 1. l agire razionale orientato allo scopo (strumentale), motivato dal fine che ci si è preposti di raggiungere, in cui sia il fine sia i mezzi sono scelti razionalmente, è esemplificato dall attività dell ingegnere che, per costruire un ponte, tra i vari mezzi possibili per raggiungere l obiettivo sceglie quello tecnicamente più efficiente; 2. l agire razionale orientato ai valori (morale), è motivato da una credenza in un valore assoluto che può essere etico, religioso, estetico ecc. solo per se stesso e indipendentemente da ogni prospettiva di successo, ad esempio il raggiungimento per la salvezza; 3. l agire affettivo, si basa non su una valutazione razionale dei mezzi e degli scopi ma sullo stato emotivo degli individui agenti, come nel caso dei partecipanti ai servizi di una setta fondamentalista; 4. l agire tradizionale, nasce da abitudini acquisite, dalla fiducia in «ciò che è valido da sempre»; un esempio di tale azione può essere offerto dal comportamento dei membri di una congregazione ebraica ortodossa. Tra questi differenti modi dell agire sociale, il primo è quello che interessa lo sviluppo del processo moderno di razionalizzazione: per Weber, infatti, la società capitalistica è organizzata in base alla razionalità rispetto allo scopo, che consiste nell accrescimento dei profitti. Weber sosteneva che nella società moderna sia nella sfera politica sia in quella economica, nel campo del diritto e persino in quello delle relazioni interpersonali, l efficiente applicazione dei mezzi ai fini è divenuta prevalente ed ha sostituito le altre fonti dell azione sociale. L esigenza di una consapevolezza razionale dei metodi e dei limiti delle scienze storiche e sociali non vuole essere un affermazione astratta o generica, ma corrisponde pienamente alla situazione dell uomo contemporaneo. Con l età moderna, che ha affermato il primato della coscienza su ogni altro criterio, è infatti cominciato in Europa un processo di razionalizzazione che ha portato al disincanto del mondo, vale a dire alla caduta di tutte le premesse teologiche o metafisiche sulle quali in altri tempi si fondavano i giudizi universali di valore. L uomo non nutre più alcuna illusione sulla realtà dei 3 M. Weber, Ibid, cit. p. 4 5 di 14

6 suoi ideali e tanto meno l illusione positivistica che tali ideali possano essere fondati oggettivamente sui fatti storici o sociali e sul loro sviluppo. Il fatto, il dato, invece, è una sorta di realtà inesauribile di fronte alla quale la scienza storica e sociale è capace di orientarci solo nella misura in cui compie delle scelte, seleziona certi aspetti costruendo, sulla base di essi, dei tipi ideali (strumento metodologico specifico, indicato da Weber, per studiare i fatti sociali) che non possono essere giudicati in base a criteri assoluti, ma esclusivamente in base alla loro efficacia nel consentirci di connettere razionalmente i processi storici e sociali. Weber sosteneva che nessun sistema scientifico è mai in grado di riprodurre la realtà nella sua concretezza e totalità, e che non esiste alcun apparato concettuale, che possa mai dare una spiegazione completa dell infinita diversità dei fenomeni particolari. Un tipo ideale è una astrazione concettuale che fornisce al ricercatore un metro per accertare ad un tempo nei casi concreti le similitudini e le deviazioni; esso fornisce il metodo fondamentale per uno studio comparativo. I tipi ideali, vale a dire i concetti generali di certe realtà storiche e sociali (cristianesimo, capitalismo, ecc.) oppure di certe specie di realtà storiche e sociali (Stato, Chiesa, setta, ecc.) non sono affatto rappresentazioni del reale, ma accentuazioni di certi suoi aspetti per comprenderlo. In questo senso anzi i tipi ideali hanno un carattere dichiaratamente e necessariamente utopico, poiché indicano dei modelli razionali, dei concetti-limite a cui si deve commisurare e comparare la realtà per poterla comprendere. In tal modo però la inevitabile soggettività dei presupposti delle scienze è riscattata dalla logicità e coerenza degli strumenti concettuali con cui viene analizzato il dato di per sé inesauribile nella sua molteplicità. Weber sottolinea la tendenza dei processi di razionalizzazione della vita a trasformarsi da mezzi in fini assoluti, rivoltandosi quindi contro l uomo e trasformandosi perciò in irrazionalità. La razionalizzazione del mondo si profila sempre più come un processo che chiude l uomo in una sorta di «gabbia d acciaio» creata da lui medesimo: dal guadagno, il quale, diventando capitale, si trasforma in fine autonomo dotato di proprie leggi. Tale «gabbia d acciaio» di Weber è dunque l insieme dei processi di burocratizzazione, razionalizzazione, meccanizzazione in atto nella società moderna. Si deve a Max Weber lo studio della burocrazia come fenomeno tipico dell epoca moderna. Weber individua nel processo di razionalizzazione della società l aspetto che qualifica più di ogni altro la modernità. Tale processo consiste in una trasformazione radicale, attraverso la quale i metodi di produzione, i rapporti sociali e le strutture culturali tradizionali, caratterizzati da modi 6 di 14

7 spontanei e basati sulla pratica personale, vengono sostituiti da procedure sistematiche, precise calcolate razionalmente. Ciò permette innanzitutto di applicare le regole in modo imparziale: mentre, per esempio, nel mondo pre-moderno la giustizia veniva direttamente amministrata dal capo o dagli anziani del villaggio, e in gran parte dipendeva dalle relazioni personali, nelle società moderne le leggi sono applicate secondo regole definite e in modo tendenzialmente impersonale. La burocrazia è appunto, per Weber, una forma particolarmente pervasiva, e per certi aspetti pericolosa, di tale processo di razionalizzazione, giacché essa implica direttamente la gestione non tanto di oggetti, macchine o procedure, quanto piuttosto di essere umani, i quali devono essere organizzati per conseguire finalità specifiche. Per analizzare i tratti tipici della burocrazia, Weber utilizzò il concetto di tipo ideale ; il tipo ideale di burocrazia è quindi un modello di burocrazia, che nella sua interezza non corrisponde precisamente ad alcuna situazione storica specifica, sempre suscettibile di variazioni accidentali, ma permette di confrontare forme di burocrazie diverse sulla base dei loro caratteri comuni. Il tipo ideale di burocrazia consta secondo Weber di alcuni elementi fondamentali. La netta divisione del lavoro, cioè la distribuzione delle attività necessarie agli scopi dell organizzazione in modo fisso tra i diversi uffici. Ciò permette di impiegare sempre personale specializzato e di renderlo responsabile dello svolgimento del proprio lavoro. L ordine gerarchico all interno dell organizzazione. Ogni ufficio è sottoposto alla supervisione di un ufficio superiore, ogni funzionario deve rendere conto del proprio lavoro a un superiore. L ambito dell autorità di ciascuno deve essere definito precisamente. Il funzionamento di tutte le operazioni è governato da un sistema di regole scritte, che ha lo scopo di assicurare l uniformità dello svolgimento di ogni compito al di là della persona che effettivamente lo svolge. Il funzionario deve escludere i sentimenti personali (principio di impersonalità). Svolge il suo compito in modo imparziale e distaccato, considerando in modo impersonale i dipendenti e il pubblico. Non si ha a che fare con individui, ma con casi di lavoro. L impiego nella burocrazia costituisce una carriera, è basato su qualifiche tecniche, su un 7 di 14

8 sistema di promozioni generalmente prevedibile basato sia sul merito, sia sull anzianità, ma non su favoritismi personali, è protetto dal licenziamento arbitrario. Il luogo del lavoro e generalmente tutto ciò che riguarda l attività dell ufficio deve essere separato completamente dall abitazione e in generale dalla sfera della vita privata del funzionario (separatezza della sfera pubblica). L ufficio è una professione ; per eseguirla sono richiesti un corso di studi determinato e prove di qualificazione prescritte come condizione preliminare per l assunzione. Nessun membro dell organizzazione deve possedere le risorse materiali con le quali opera. I lavoratori della burocrazia sono separati dal controllo dei loro mezzi di lavoro (separatezza dei beni materiali). Questo coordinamento burocratico delle azioni di un vasto numero di persone è divenuto il carattere strutturale dominante delle moderne forme di organizzazione. Secondo Weber un organizzazione di questo tipo è adatta a controllare in modo molto efficace la produttività di un grande numero di individui, in quanto essa elimina, o quantomeno limita, il capriccio individuale nelle decisioni, assicura complessivamente una buona competenza media dei lavoratori, riduce le possibilità di corruzione (sulla quale erano per lo più basati i sistemi più tradizionali di gestione dell amministrazione) e riduce anche la prassi di ottenere un incarico per legami di parentela o amicizie personali. I tipi di organizzazione burocratica sono tecnicamente superiori a tutte le altre forme di amministrazione, tanto quanto la produzione per mezzo delle macchine è superiore ai metodi artigiani 4. Weber tuttavia mise in evidenza anche le disfunzioni determinate dalla burocrazia. Il suo maggior vantaggio, la possibilità di calcolare i risultati, la rende anche lenta e persino inefficace nel trattare i casi individuali; così i moderni sistemi giuridici razionalizzati e burocratizzati sono divenuti incapaci di considerare le fattispecie particolari, cui i precedenti sistemi di giustizia bene si confacevano. Il pessimismo di Weber è evidente nel suo considerare la burocratizzazione e la razionalizzazione un destino inevitabile pieno di oscuri presagi, una tendenza oppressiva che ha evidenti analogie con l idea di alienazione di Marx. Entrambi concordano sul fatto che i moderni 4 M. Weber, Economia e società, cit. pp di 14

9 metodi organizzativi hanno paurosamente accresciuto l efficacia e l efficienza della produzione e dell organizzazione ed hanno consentito all uomo un dominio senza precedenti sul mondo della natura. Essi concordano anche sul fatto che il nuovo mondo razionalizzato ed efficiente si è trasformato in un mostro che minaccia di rendere disumani i suoi creatori. Ma Weber si distacca da Marx nel momento in cui questi considera l alienazione soltanto come uno stadio transitorio sulla via della reale emancipazione dell uomo. Vi è, tuttavia, un altro aspetto per il quale Weber si differenzia da Marx o piuttosto ne amplia la concezione. In armonia con il proprio interesse per la sfera della produzione economica, Marx aveva abbondantemente dimostrato come l organizzazione industriale capitalistica conduceva all espropriazione del lavoratore dai mezzi di produzione: come il lavoratore della moderna industria, a differenza del lavoratore dell era artigianale, non possedeva i propri strumenti ed era quindi costretto a vendere il proprio lavoro a coloro che lo controllavano. Pur aderendo nel complesso a tale analisi, Weber contrappose al riguardo l osservazione che tale espropriazione dagli strumenti del lavoro era il risultato inevitabile di qualsiasi sistema di produzione razionalizzato e centralmente coordinato e non una conseguenza del sistema capitalistico in quanto tale. Tale espropriazione avrebbe caratterizzato tanto il sistema socialista di produzione quanto quello capitalistico. 9 di 14

10 2 Tipi di potere Nella sua opera postuma più famosa, Economia e Società (1922), Weber definisce il potere come la «capacità di indurre altri a fare ciò che non farebbero spontaneamente». Tale nozione di potere rinvia a una duplice dimensione: come relazione, in quanto indispensabile e ineliminabile fattore della regolazione e della coesione sociale; come struttura, che esprime in modo empiricamente accertabile le gerarchie sociali in termini di ricchezza, influenza, comando. In questa seconda accezione, il potere costituisce quella che si chiama dimensione algebrica a somma zero, perché a ogni acquisizione di potere da parte di un attore sociale corrisponde una proporzionale perdita da parte di altri. In un ottica relazionale è praticamente impossibile determinare la quantità del potere che viene esercitato da individui e gruppi su altri individui e gruppi: il potere è una sorta di lubrificante, una materia fluida indispensabile al funzionamento dell ordine sociale e capace di assumere le più svariate e persino imprevedibili modalità. Privilegiando, invece, l ottica strutturale, a somma zero, il potere ci apparirebbe come una sostanza solida, presente in quantità costante entro un sistema politico o economico e perciò destinata ad essere ridistribuita di volta in volta come esito di conflitti ed espressione di variabili rapporti di forza. Sempre Weber pone il potere, o meglio, il potenziale di decisione, alla base della stratificazione sociale, e ne suggerisce una tipologia collegata a differenti forme di legittimazione. Quello di legittimazione è un concetto cruciale, dal momento che tutta la sociologia del potere weberiana si fonda sulla domanda basilare: perché obbediamo?. O meglio: perché siamo indotti a fare ciò che non faremmo spontaneamente?. Una possibile risposta sta nell istinto di sopravvivenza o nel timore. Ci pieghiamo alla forza per salvare un bene più grande, come la vita; ma nessun potere può sperare di mantenersi nel tempo utilizzando esclusivamente la forza. Chi aspiri a detenere in modo durevole il potere deve godere di una forma di legittimazione che gli consenta l esercizio dell autorità e, ove occorra, anche della forza. Tutti i regimi politici e tutte le forme di leadership, in altre parole, hanno bisogno di legittimarsi per preservarsi, differenziandosi così dall azione temporanea che si esprime attraverso il puro ricorso alla violenza fisica o alla minaccia. 10 di 14

11 Secondo Weber si devono distinguere vari tipi di potere a seconda della loro pretesa di legittimità. 1. Il potere legal-razionale, costituisce il potere in quanto funzione collettiva, legittimata da procedure certe, verificabili e socialmente condivise. È ciò che avviene nel caso dell elezione popolare della rappresentanza politica o in quello dell autorità burocratica codificata da procedure, tipo concorsi pubblici e carriere amministrative. È questo il potere che tende sempre più a caratterizzare le relazioni gerarchiche nella società moderna. Per Weber il tipo più importante di potere legal-razionale è quello che si avvale di un apparato amministrativo burocratico, che è per definizione imparziale, come prescrive la cosiddetta etica del funzionario. 2. Il potere tradizionale, si basa, invece, sulla continuità, nel tempo, della legittimazione e sulla sua efficacia rassicurante. È il caso delle sovranità dinastiche, trasmesse per via ereditaria (es. la monarchia inglese). In una rappresentazione estensiva, il concetto è associato alle grandi famiglie imprenditoriali (es. la dinastia Agnelli). 3. Il potere carismatico, poggia sulla capacità di coloro che pretendono obbedienza in base al proprio straordinario valore, di ordine morale, religioso od eroico. Si fonda sull attribuzione al leader di qualità straordinarie, che lasciano immaginare una sorta di investitura sovrannaturale. (es. Gandhi, Hitler). La tipologia relativa alle diverse forme di potere è importante per più di un motivo: il suo contributo sociologico poggia in modo più specifico sul fatto che Weber, contrariamente a molti teorici politici, concepisce il potere in tutte le sue manifestazioni come espressione delle relazioni tra coloro che esercitano il potere e coloro che sono tenuti all obbedienza, piuttosto che come attributo dei capi. Sebbene la sua nozione di carisma possa non essere stata espressa in una definizione rigorosa, la sua importanza poggia sullo sviluppo dell idea weberiana secondo cui il capo deriva il suo ruolo dall idea che coloro che sono tenuti all obbedienza hanno della sua missione. 11 di 14

12 3 La stratificazione sociale La concezione weberiana della stratificazione parte dall analisi elaborata da Marx, ma la modifica mettendo in rilievo anche altri fattori importanti oltre quelli dipendenti dal controllo dei mezzi di produzione. Weber pone l accento soprattutto sugli effetti che l appartenenza a una determinata classe ha sulle opportunità di vita di una persona, ossia sulla possibilità di ottenere tutto ciò che in una determinata società è considerato desiderabile e di evitare quello che è giudicato indesiderabile. La concezione di Weber del concetto di classe è multidimensionale rispetto a quella unidimensionale di Marx, perché introduce nuovi criteri di valutazione, come lo status politico o potere, lo status economico o ricchezza, lo status sociale o prestigio. Ad esempio un individuo può essere politicamente molto potente ma non ricco, oppure essere molto ricco ma non per questo possedere prestigio, o ancora possedere prestigio ma essere povero. Weber ritiene che le fonti delle disuguaglianze e i principi fondamentali della stratificazione sociale vadano ricercati non solo nell ambito dell economia, ma anche nella sfera della cultura e in quella della politica. Mentre nella sfera economica gli individui si uniscono sulla base di interessi materiali comuni, formando le classi sociali, nella sfera della cultura essi seguono comuni interessi ideali e danno origine ai ceti; nella sfera politica, infine, gli individui si associano in partiti o in gruppi di potere per il controllo dell apparato di dominio. Nella definizione di classe, Weber non si allontanava troppo da Marx. «Il possesso e la mancanza di possesso, scriveva, costituiscono le categorie fondamentali di tutte le situazioni di classe» 5. Tuttavia la teoria della stratificazione di Weber si differenzia da quella di Marx per il fatto che egli introduce una categoria strutturale aggiuntiva, quella di «ceto». Weber riteneva che Marx non fosse riuscito a vedere l importanza di tale categoria proprio perché aveva concentrato la sua attenzione esclusivamente sulla sfera produttiva. Dunque, secondo Weber non solo la classe, ma anche il ceto e il gruppo di dominio sono fattori essenziali per la comprensione dei processi di stratificazione. Il concetto di ceto (fondato sul possesso e sulla gestione del potere), e più in particolare di condizione di ceto acquista perciò in Weber fondamentale importanza. A differenza delle classi che 12 di 14

13 possono essere come non essere raggruppamenti di carattere comunitario, i ceti normalmente sono comunità che hanno a loro fondamento da un lato la consapevolezza che gli appartenenti ad esse hanno del loro stile di vita (stesso gusto, stesse preferenze di consumo), e dall altro la stima e la considerazione che viene accordata loro dagli altri. I ceti si distinguono l uno dall altro per il diverso grado di prestigio di cui godono. «Definiamo situazione di ceto, ha scritto Max Weber, ogni componente tipica del destino di gruppi di uomini, la quale sia condizionata da una specifica valutazione sociale, positiva o negativa, dell onore che è legato a qualche qualità comune di una pluralità di uomini». Questo ha importanti conseguenze. «L onore di ceto si esprime normalmente soprattutto nell esigere una condotta di vita particolare da tutti coloro i quali vogliono appartenere ad una data cerchia. Connessa con ciò è la limitazione dei rapporti sociali» 6. Discende da tale situazione l aspettativa che vi siano limiti imposti ai rapporti sociali con coloro che non appartengono al ceto e una pretesa distanza sociale dalle persone socialmente inferiori. Secondo Weber, solo la condizione di ceto può assicurare una comune base dell agire. L attenzione va quindi posta sui fattori anche psicologici, che determinano sia le condizioni dell agire individuale, sia la suddivisione stessa delle persone in gruppi sociali di diverso rango e prestigio; ciò, senza trascurare la base per la comprensione della stratificazione sociale. L elemento costitutivo dell essere sociale non è insomma per Weber semplicemente l appartenenza di classe, quanto piuttosto l insieme di abitudini, tradizioni e idee che ogni individuo, quale appartenente a un ceto, si vede indicate come fondamento del proprio agire. Ciò, d altra parte, non significa che la condizione di ceto vada pensata come indipendente da quella di classe, giacché condizione di ceto e condizione di classe stanno fra loro in un rapporto che si gioca a più livelli. 5 M. Weber, Economia e società, cit. p M. Weber, Economia e società, cit., pp di 14

14 Riferimenti bibliografici Bagnasco A., Barbagli M., Cavalli A., Corso di Sociologia, Il Mulino 1997 Benedix R., Max Weber. Un ritratto intellettuale, Il Mulino, Bologna, 1989 Brubaker R.,I limiti della razionalità. Un saggio sul pensiero sociale e morale di Max Weber, Armando, Roma, 1989 De Feo M., Introduzione a Weber, Laterza, Bari, 1970 De Nardis P., (a cura di), Le nuove frontiere della sociologia, Carocci, Roma, 1999 Ferrarotti F., Max Weber e il destino della ragione, Laterza, Bari, 1965 Freund J., Sociologia di Max Weber, Il Saggiatore, Milano, 1968 Rossi P., Max Weber. Razionalità e razionalizzazione, Il Saggiatore, Milano, 1982 ID. (a cura di), Max Weber e l analisi del mondo moderno, Einaudi, Torino, 1981 Treiber H. (a cura di), Per leggere Max Weber, Cedam, Padova, 1993 Volonté P., Razionalità e responsabilità. La fondazione etica dell epistemologia delle scienze sociali in Max Weber, Rubbettino, 2001 Weber M., (a cura di Rossi P.), Economia e società, Edizioni Comunità, Milano, di 14

Sociologia dell organizzazione Sociologia economica e dell organizzazione

Sociologia dell organizzazione Sociologia economica e dell organizzazione Corso di laurea SAM Corso di laurea ORU Sociologia dell organizzazione Sociologia economica e dell organizzazione Professor Lorenzo Bordogna Dipartimento di Studi del Lavoro e del Welfare Università degli

Dettagli

DOMENICO BODEGA. Le forme della leadership

DOMENICO BODEGA. Le forme della leadership DOMENICO BODEGA Le forme della leadership Redazione e fotocomposizione Norma, Parma ISBN 978-88-17-05823-0 Copyright 2002 RCS Libri S. p. A. Prima edizione Etas: maggio 2002 Quinta ristampa Rizzoli Etas:

Dettagli

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO MASTER / COORDINAMENTO LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

3. DIVISIONE DEL LAVORO E STRATIFICAZIONE FIORENZO PARZIALE INTEGRAZIONE SOCIALE E MERCATO DEL LAVORO UNIVERSITA LUMSA-ROMA A.A.

3. DIVISIONE DEL LAVORO E STRATIFICAZIONE FIORENZO PARZIALE INTEGRAZIONE SOCIALE E MERCATO DEL LAVORO UNIVERSITA LUMSA-ROMA A.A. 1 Abbiamo visto che: Appunti Forze sociali e istituzioni si influenzano a vicenda e danno vita a una data regolazione sociale Il capitalismo ha assunto diverse forme. Col capitalismo industriale, in particolare

Dettagli

André Gorz Ecologica tr. it. a cura di F. Vitale, Jaca Book, Milano 2009, pp. 160, 14

André Gorz Ecologica tr. it. a cura di F. Vitale, Jaca Book, Milano 2009, pp. 160, 14 André Gorz Ecologica tr. it. a cura di F. Vitale, Jaca Book, Milano 2009, pp. 160, 14 «Partendo dalla critica del capitalismo, si arriva dunque immancabilmente all ecologia politica, che, con la sua indispensabile

Dettagli

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento LEADERSHIP E TEAM BUILDING La soddisfazione del lavoratore A livello individuale, la gestione

Dettagli

III.A.1. CODICE ETICO

III.A.1. CODICE ETICO III.A.1. CODICE ETICO 1. FINALITA' La Casa di Cura Villa Aurora S.p.a., al fine di definire con chiarezza e trasparenza l insieme dei valori ai quali l'ente si ispira per raggiungere i propri obiettivi,

Dettagli

VALORI, NORME E ISTITUZIONI

VALORI, NORME E ISTITUZIONI VALORI, NORME E ISTITUZIONI Che cosa sono i valori? valore - indicazione di qualcosa che non appartiene al mondo di cose reali sfera degli ideali e dei desideri - qualcosa di reale di cui si teme perdita

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti *

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * PREMESSA La breve riflessione che segue si colloca nell ambito degli attuali orientamenti di riforma, di conseguenza considera suo principale punto

Dettagli

La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo

La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo Le relazioni della Giornata Tecnica ANTIM di Parma La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo di Lorenzo Morandi - L.M.Consulting La motivazione non è una caratteristica intrinseca

Dettagli

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO 1 1. PREMESSA 3 2. MISSIONE E VISIONE ETICA 3 3. AMBITO DI APPLICAZIONE DEL CODICE 3 4. PRINCIPI E NORME DI RIFERIMENTO 5 4.1 Rispetto della Legge 5 4.2 Onestà e correttezza

Dettagli

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA RELIGIONE CATTOLICA L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere nei percorsi scolastici il valore della cultura religiosa e il contributo che i principi del cattolicesimo

Dettagli

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan Organizzazione aziendale e sistemi informativi Prof. Luca Gnan Agenda Una definizione Divisione del lavoro e coordinamento Le regole nella progettazione Gli ambiti della progettazione organizzativa Modelli

Dettagli

Il cervello è un computer?

Il cervello è un computer? Corso di Intelligenza Artificiale a.a. 2012/13 Viola Schiaffonati Il cervello è un computer? Definire l obiettivo L obiettivo di queste due lezioni è di analizzare la domanda, apparentemente semplice,

Dettagli

CODICE ETICO RSA Casa San Gaetano

CODICE ETICO RSA Casa San Gaetano CODICE ETICO RSA Casa San Gaetano Opera Don Guanella PREMESSA La Casa San Gaetano di Caidate di Sumirago ha tra i sui servizi un R.S.A. accreditata al SSR la cui attività è finalizzata a realizzare prestazioni

Dettagli

Karl Marx. Il Capitale

Karl Marx. Il Capitale Karl Marx Il Capitale Il Capitale Marx esamina le leggi economiche che regolano lo sviluppo del capitalismo, dalle quali dipende destino della borghesia. Critica dell economia politica Marx prende le distanze

Dettagli

Psicologia delle organizzazioni

Psicologia delle organizzazioni Università degli Studi di Torino Facoltà di Scienze Politiche Sede di Biella Psicologia delle organizzazioni LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA 1 La struttura Struttura come configurazione formale dell organizzazione

Dettagli

ADOLESCENZA? Proviamo con un Brain Storming di immagini e idee?

ADOLESCENZA? Proviamo con un Brain Storming di immagini e idee? Università degli Studi di Torino Facoltà di Scienze Politiche Sede di Biella ADOLESCENZA - ADOLESCENZE 1 ADOLESCENZA? Proviamo con un Brain Storming di immagini e idee? 2 1 3 ADOLESCENZA Qual è il periodo

Dettagli

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

Direttore generale e responsabilità da amministratore

Direttore generale e responsabilità da amministratore 2/2009 Il Caso Direttore generale e responsabilità da amministratore IN BREVE L inquadramento della figura del direttore generale di S.p.A. rimane una questione aperta, che non è stata del tutto risolta

Dettagli

Progettazione annuale di sezione

Progettazione annuale di sezione ISTITUTO COMPRENSIVO GANDHI Via Mannocci, 23 59100 PRATO Scuola dell Infanzia Gandhi Progettazione annuale di sezione Sez. 1 ANNO SCOLASTICO 2014-15 PROGETTAZIONE ANNUALE DI SEZIONE SEZ. 1) CAMPI DI ESPERIENZA

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE IN GESTIONE DELLE RISORSE UMANE E TEAM BUILDING

CORSO DI FORMAZIONE IN GESTIONE DELLE RISORSE UMANE E TEAM BUILDING CORSO DI FORMAZIONE IN GESTIONE DELLE RISORSE UMANE E TEAM BUILDING Modulo Modelli organizzativi e dinamiche di gruppo nelle organizzazioni complesse Rita Palidda Qualche dato.. Spesa pubblica per il sistema

Dettagli

CERTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE. RELATORE: Prof.ssa VERONICO ANTONIA OLIMPIA

CERTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE. RELATORE: Prof.ssa VERONICO ANTONIA OLIMPIA CERTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE RELATORE: Prof.ssa VERONICO ANTONIA OLIMPIA PREMESSA La certificazione delle competenze, che accompagna il documento di valutazione degli apprendimenti, va

Dettagli

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G)

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G) GLI INDIRIZZI DI STUDIO E I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto, sempre attento alle esigenze formative del territorio nel quale opera, ha diversificato, nel corrente anno scolastico, la propria offerta formativa

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BIOETICA

INTRODUZIONE ALLA BIOETICA INTRODUZIONE ALLA BIOETICA Nel presentare il tema introduzione alla bioetica che ho tenuto il 18 maggio scorso presso la Comunità dei Padri Camilliani di Macchia-Monte Sant Angelo, ho iniziato parlando

Dettagli

IL LAVORO DEI SOCI NELL IMPRESA

IL LAVORO DEI SOCI NELL IMPRESA IL LAVORO DEI SOCI NELL IMPRESA Il rapporto di lavoro Le implicazioni contributive Rapporto di lavoro Il socio prestatore d opera Il socio lavoratore Il socio amministratore della società Le collaborazioni

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Provveditorato Regionale per la Lombardia LABORATORI DEONTOLOGICI Titolo VI del Codice Deontologico RESPONSABILITA DELL ASSISTENTE

Dettagli

CAPITOLO III I SOGGETTI RELIGIOSI

CAPITOLO III I SOGGETTI RELIGIOSI CAPITOLO III I SOGGETTI RELIGIOSI SOMMARIO: 1. I soggetti religiosi. Premessa 2. Le persone fisiche 3. Gli enti religiosi (rinvio) 4. Le confessioni religiose *** 1. I SOGGETTI RELIGIOSI. PREMESSA I soggetti

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

CITTADINANZA ATTIVA. modo multiforme, di mobilitare risorse. modalità e strategie differenziate per. tutelare diritti, esercitando poteri e

CITTADINANZA ATTIVA. modo multiforme, di mobilitare risorse. modalità e strategie differenziate per. tutelare diritti, esercitando poteri e CITTADINANZA ATTIVA è la capacità dei cittadini di organizzarsi in modo multiforme, di mobilitare risorse umane tecniche e finanziarie, e di agire con modalità e strategie differenziate per tutelare diritti,

Dettagli

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA Secondo la terapia cognitiva, l uomo possiede la chiave della comprensione e soluzione del suo disturbo psicologico entro il campo della sua coscienza. I problemi dell individuo

Dettagli

FORMAZIONE DELL UOMO E EDUCAZIONE COSMICA (Dalle conferenze tenute da M.M. al congresso di San Remo del 1949 e da alcuni saggi pubblicati dal 1949 al 1951 e riportati nel quaderno del Consiglio Regionale

Dettagli

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1 Lo stile di comando teoria degli stili comportamentali teoria contingente teorie di processo Corso di E. A. 1 Lo stile di comando La leadership può essere definita come il processo attraverso il quale

Dettagli

CODICE ETICO KODAK S.P.A.

CODICE ETICO KODAK S.P.A. MARZO 2014 SOMMARIO 1. INTRODUZIONE... 4 1.1 La missione di Kodak e il rapporto di fiducia con i Portatori d Interesse... 4 1.2 Reciprocità... 4 1.3 Destinatari e ambito di applicazione del Codice Etico...

Dettagli

AUTONOMIA DI RICERCA, SPERIMENTAZIONE E SVILUPPO

AUTONOMIA DI RICERCA, SPERIMENTAZIONE E SVILUPPO AUTONOMIA DI RICERCA, SPERIMENTAZIONE E SVILUPPO Ivana Summa, 2003 Il quadro giuridico L art. 21, comma 10 della Legge 15 marzo 1997 n. 59 attribuisce alle singole istituzioni scolastiche autonome anche

Dettagli

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA 1 LE SOCIETÀ UMANE E IL BENE COMUNE Ciascuna persona partecipa a più società umane di varia natura: famiglie, Stato, istituti pubblici

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Presentazione della metodologia volta a graduare le particolari posizioni organizzative ai fini della corresponsione della retribuzione di posizione

Dettagli

GRUPPO LVMH CODICE DI CONDOTTA

GRUPPO LVMH CODICE DI CONDOTTA GRUPPO LVMH CODICE DI CONDOTTA I II III PREMESSA PRINCIPI APPLICAZIONE 1 I. PREMESSA Il Gruppo LVMH ( LVMH ) intende essere il leader indiscusso nel settore dei beni di lusso. Il suo sviluppo e il suo

Dettagli

L'Economia della Buona Vita

L'Economia della Buona Vita L'Economia della Buona Vita Un'intervista con il filosofo brasiliano Euclides André Mance di Anna Chiesura Dalla filosofia della liberazione all'elaborazione di un progetto alternativo alla società capitalistica

Dettagli

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI di Confindustria 19 giugno 2014 1 Il presente Codice, approvato dalla Assemblea straordinaria di Confindustria del 19 giugno 2014, è parte integrante dello Statuto

Dettagli

La decisione. Claudia Casadio Logica e Psicologia del Pensiero Laurea Triennale - Indirizzo Gruppi A.A. 2004-05. Contents First Last Prev Next

La decisione. Claudia Casadio Logica e Psicologia del Pensiero Laurea Triennale - Indirizzo Gruppi A.A. 2004-05. Contents First Last Prev Next La decisione Claudia Casadio Logica e Psicologia del Pensiero Laurea Triennale - Indirizzo Gruppi A.A. 2004-05 Contents 1 Dimensioni della decisione................................... 3 2 Modalità della

Dettagli

APPUNTI - LE RIFORME DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E LA CENTRALITÀ DELLA LEGGE 241/90.

APPUNTI - LE RIFORME DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E LA CENTRALITÀ DELLA LEGGE 241/90. APPUNTI - LE RIFORME DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E LA CENTRALITÀ DELLA LEGGE 241/90. Definire l efficienza non è compito semplice perché non esiste una sua definizione che, in poche parole, possa darci

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

Marco Senatore Scambiare autonomia. Le motivazioni interiori come risorse per affrontare le crisi del nostro tempo

Marco Senatore Scambiare autonomia. Le motivazioni interiori come risorse per affrontare le crisi del nostro tempo Saggistica Aracne Marco Senatore Scambiare autonomia Le motivazioni interiori come risorse per affrontare le crisi del nostro tempo Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia

La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia Maurizio Canavari e Nicola Cantore Unità di Ricerca: Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria Università degli Studi di Bologna

Dettagli

6. Il nuovo contratto del personale tecnicoamministrativo

6. Il nuovo contratto del personale tecnicoamministrativo 6. Il nuovo contratto del personale tecnicoamministrativo L innovazione principale contenuta nel Contratto collettivo nazionale di lavoro (CCNL) del personale tecnico-amministrativo sottoscritto il 9 agosto

Dettagli

Lezione 7. Team building e team work: il ruolo del leader e le modalità di gestione del team

Lezione 7. Team building e team work: il ruolo del leader e le modalità di gestione del team Lezione 7 Team building e team work: il ruolo del leader e le modalità di gestione del team 1 COS E UN GRUPPO Si definisce gruppo: un insieme di individui con caratteristiche o interessi comuni, legati

Dettagli

Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva

Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva di Anna Maria Megna in Persone e lavoro. Rivista di cultura delle risorse umane, n. 511, anno XLV, n. 3, giugno 2009 La leadership emotiva fa

Dettagli

La leadership educativa

La leadership educativa La leadership educativa Vincenzo Lumia Quale valenza e specificità assumono in ambito educativo i termini leader e leadership? A quali condizioni un educatore (genitore, insegnante, allenatore, animatore,

Dettagli

Gruppi di sostegno alla persona ed alla comunità: strategie di promozione del benessere esistenziale

Gruppi di sostegno alla persona ed alla comunità: strategie di promozione del benessere esistenziale Gruppi di sostegno alla persona ed alla comunità: strategie di promozione del benessere esistenziale Psicologia di comunità La Psicologia di comunità nasce nel 1965 in America, ad opera di docenti universitari

Dettagli

www.daca.it La leadership Il concetto e gli stili di leadership

www.daca.it La leadership Il concetto e gli stili di leadership La leadership www.daca.it Il concetto e gli stili di leadership Lo studio della leadership, nell ambito specifico della letteratura sui comportamenti organizzativi, nasce e si fonda su un filone di ricerca

Dettagli

La costituzione aggiunge:

La costituzione aggiunge: B.5: Offerta accademica Introduzione La preparazione dell offerta accademica del Pontificio Ateneo S. Anselmo, nella sua globalità, ha avuto come linee guida nella sua storia recente la ricerca sulle fonti,

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA DIREZIONE ATTIVITA AMMINISTRATIVA SERVIZIO ORGANIZZAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE UFFICIO ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA Report finali

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

CODICE ETICO. DI ACI Informatica SPA

CODICE ETICO. DI ACI Informatica SPA CODICE ETICO DI ACI Informatica SPA Versione 2 approvata dal Consiglio di Amministrazione di ACI Informatica S.p.A. il 16/11/2009. I riferimenti del Codice Etico a ACI Informatica o Società o Azienda si

Dettagli

Cambiare mentalità. Il lavoro come vocazione

Cambiare mentalità. Il lavoro come vocazione Cambiare mentalità. di Jaime Ortega Professore ordinario di Organizzazione aziendale, Dipartimento di Economia aziendale, Università Carlos III di Madrid Negli ultimi vent anni (1991-2011) in Europa e

Dettagli

Discipline e competenze

Discipline e competenze Discipline e competenze Per assistenza è possibile contattare lo staff Pearson scrivendo al seguente indirizzo e-mail: helpdesk@pearson.it oppure chiamando il numero : 0332.802251 La didattica per competenze

Dettagli

5.6. INGLESE PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE PRIMO BIENNIO

5.6. INGLESE PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE PRIMO BIENNIO 5.6. INGLESE Coordinatore del Dipartimento di lingue comunitarie: prof.ssa Elena Galeotti Docenti componenti il Dipartimento di lingue comunitarie: proff. Isabella Birrini, Stefania Colavizza, Paola Fogar,

Dettagli

La psicologia e la crisi del positivismo

La psicologia e la crisi del positivismo La psicologia e la crisi del positivismo Cerchiamo di chiarire in quale modo il positivismo sia entrato in crisi dall'interno a partire dall'anello più debole dello spettro delle scienze positive, costituito

Dettagli

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

La nozione di prova e di argomenti di prova

La nozione di prova e di argomenti di prova 1 La nozione di prova e di argomenti di prova SOMMARIO 1. L attività istruttoria nel processo civile. 2. La prova. 3. L oggetto della prova. 4. Classificazione delle prove. 5. L onere della prova. 1. L

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

La motivazione del personale 2013

La motivazione del personale 2013 La motivazione del personale 2013 Federica Bandini Concetto fondamentale Necessario garantire continua compatibilità tra: Esigenze del sistema organizzativo (ente) Esigenze di individui e gruppi Assicurare

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Corso di ECONOMIA AZIENDALE

Corso di ECONOMIA AZIENDALE Corso di ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2010-2011 Prof.Armando Urbano Università degli Studi di Bari Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea: Assistente Sanitario L economia Aziendale È la disciplina

Dettagli

Descrizione del profilo professionale dell Operatore dei Servizi Sociali.

Descrizione del profilo professionale dell Operatore dei Servizi Sociali. Descrizione del profilo professionale dell Operatore dei Servizi Sociali. L Operatore dei Servizi Sociali, con una specifica formazione professionale di carattere teorico e tecnico-pratico e nell ambito

Dettagli

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MILANO 29 30 APRILE FINANZA PUBBLICA TEORIE ECONOMICHE Sergio Zucchetti 1 Una parentesi: le teorie economiche Quando in Italia si parla di politiche

Dettagli

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1)

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) La conoscenza pedagogica, nella misura in cui fa riferimento alla persona considerata nel suo complesso, non si fonda sul procedimento conoscitivo della

Dettagli

HERBERT MARCUSE: IL LOGOS DELLA TECNICA Paola Grimaldi

HERBERT MARCUSE: IL LOGOS DELLA TECNICA Paola Grimaldi HERBERT MARCUSE: IL LOGOS DELLA TECNICA Paola Grimaldi La polemica contro la società repressiva e l ostinata difesa dell individuo costituiscono i temi principali della riflessione di Herbert Marcuse,

Dettagli

CODICE ETICO. SICUREMA S.r.l. SAFETY CONSULTING 1. INTRODUZIONE

CODICE ETICO. SICUREMA S.r.l. SAFETY CONSULTING 1. INTRODUZIONE CODICE ETICO 1. INTRODUZIONE Il Codice Etico (di seguito, in breve, Codice) esprime gli impegni e le responsabilità etiche nella conduzione degli affari e delle attività aziendali assunti dai collaboratori

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Etnocentrismo e relativismo culturale. Lezione

Etnocentrismo e relativismo culturale. Lezione Etnocentrismo e relativismo culturale Lezione ETNOCENTRISMO ETNOCENTRISMO È IL TERMINE TECNICO CHE DESIGNA UNA CONCEZIONE PER LA QUALE IL PROPRIO GRUPPO (IN-GROUP) È CONSIDERATO IL CENTRO DI OGNI COSA,

Dettagli

Teorie Etiche - Kant

Teorie Etiche - Kant Teorie Etiche - Kant Gianluigi Bellin January 27, 2014 Tratto dalla Stanford Encyclopedia of Philosophy online alle voce Kant s Moral Philosophy. La filosofia morale di Immanuel Kant Immanuel Kant, visse

Dettagli

La difesa della proprietà intellettuale è una problematica molto importante per una serie di differenti elementi.

La difesa della proprietà intellettuale è una problematica molto importante per una serie di differenti elementi. La difesa della proprietà intellettuale è una problematica molto importante per una serie di differenti elementi. I fattori per i quali il tessile abbigliamento soffre di consistenti fenomeni di contraffazione,

Dettagli

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia 1. Indicazioni Nazionali Curricolo (2012): spunti per ripensare la didattica scolastica. 2. Indicazioni

Dettagli

Adam Smith e l ordine di mercato

Adam Smith e l ordine di mercato Paradigmi dell economia marzo-maggio 2011 Adam Smith e l ordine di mercato Giovanni Pavanelli Università di Torino Adam Smith (1723-1790): studia filosofia, lettere classiche e matematica a Glasgow (tra

Dettagli

c.6 La leadership manageriale

c.6 La leadership manageriale c.6 La leadership manageriale 6.1. Dal management alla leadership 6.2.Gestione delle risorse umane 6.3.La partecipazione dei dipendenti 6.4. Lo stile della leadership manageriale -ruolo importante dei

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT ALLEGATO 3 PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

In ricordo del professor Veniero Del Punta

In ricordo del professor Veniero Del Punta I In ricordo del professor Veniero Del Punta Il professor Veniero Del Punta, da vari decenni autorevole e prestigioso membro del nostro Comitato Scientifico, è improvvisamente mancato il 3 aprile scorso.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO FINALITA GENERALI L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere nei

Dettagli

Seminario di approfondimento Il valore della conoscenza Facoltà SEA - Corso di Sociologia a.a. 2007/2008 E. Martini 1 La società contemporanea è definita come società dell informazione, quando si vuole

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE

ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE La scuola del primo ciclo, avviando il pieno sviluppo della persona, concorre

Dettagli

IL RUOLO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO CON IL TERRITORIO E LE ISTITUZIONI --------------- 7 BIBLIOGRAFIA

IL RUOLO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO CON IL TERRITORIO E LE ISTITUZIONI --------------- 7 BIBLIOGRAFIA LEZIONE: IL RAPPORTO SCUOLA TERRITORIO PROF. DIAMANTE MAROTTA Indice 1 INTRODUZIONE -------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LE

Dettagli

AVV. LUCIA CASELLA Patrocinante in Cassazione. AVV. GIOVANNI SCUDIER Patrocinante in Cassazione AVV. ROBERTA PACCAGNELLA

AVV. LUCIA CASELLA Patrocinante in Cassazione. AVV. GIOVANNI SCUDIER Patrocinante in Cassazione AVV. ROBERTA PACCAGNELLA I testi delle Circolari dello Studio si trovano nel sito www.casellascudier.it 1 2 Il Certificatore Energetico: una nuova professione? Padova, 25 giugno 2010 Sono moltissime, ed assai varie, le questioni

Dettagli

Regolamento per la disciplina del reclutamento del personale di Istituto Luce Cinecittà S.r.l.

Regolamento per la disciplina del reclutamento del personale di Istituto Luce Cinecittà S.r.l. Regolamento per la disciplina del reclutamento del personale di Istituto Luce Cinecittà S.r.l. PARTE I DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 Procedure di assunzione 1- Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

LA PSICOLOGIA SOCIALE Il Gruppo

LA PSICOLOGIA SOCIALE Il Gruppo Universita per gli stranieri DANTE ALIGHIERI LA PSICOLOGIA SOCIALE Il Gruppo Prof. Vincenzo Maria ROMEO ETNOCENTRISMO Il proprio gruppo (ingroup) è considerato il centro di ogni cosa e tutti gli altri

Dettagli

Oggetto: Commenti dell Associazione Italiana Internal Auditors al documento di consultazione N. 42/2011

Oggetto: Commenti dell Associazione Italiana Internal Auditors al documento di consultazione N. 42/2011 Oggetto: Commenti dell Associazione Italiana Internal Auditors al documento di consultazione N. 42/2011 Come noto, l Associazione Italiana Internal Auditors, parte dell Institute of Internal Auditors,

Dettagli

Un nuovo sguardo alla società: siamo sempre più vecchi e sempre più giovani. L incidenza degli immigrati e i contesti consolidati d integrazione

Un nuovo sguardo alla società: siamo sempre più vecchi e sempre più giovani. L incidenza degli immigrati e i contesti consolidati d integrazione Un nuovo sguardo alla società: siamo sempre più vecchi e sempre più giovani. L incidenza degli immigrati e i contesti consolidati d integrazione Indagine demografica (1981-2013) con dati aggiornati al

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli