Controllo dei Processi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Controllo dei Processi -2005-"

Transcript

1 Controllo dei Processi Monitoraggio ed autosintonia A.Balestrino, A.Landi Dipartimento di Sistemi Elettrici e Automazione Via Diotisalvi, 5616 PISA. Sommario. In questo lavoro vengono presentate alcune tecniche per il monitoraggio delle prestazioni degli anelli di controllo, con riferimento alle risposte sia temporali che frequenziali. Viene presentata inoltre una procedura di monitoraggio, valutazione e predisposizione dei controllori utilizzando tecniche di autosintonia direttamente implementabili in tempo reale a ciclo chiuso. 1. Introduzione. A livello industriale spesso occorre considerare la presenza di un elevato numero di anelli di controllo. Possiamo immaginare un reparto con qualche centinaio di anelli di controllo relativi ad azionamenti e movimentazioni automatiche di varia natura. Alcuni rapporti indicano che in pratica oltre il 30% degli anelli sono sintonizzati in modo scadente, con una influenza diretta sulla qualità finale dei prodotti ( Ender, 1993). La de-sintonizzazione dei controllori può essere dovuta alla variabilità delle condizioni di funzionamento dei vari processi, in particolare alla presenza di non linearità di varia natura (ad esempio valvole, attriti, etc.) (Haggman, Bialkowski, 199). A partire da una sintonizzazione iniziale accurata o ottimale accade che nel tempo le prestazioni si deteriorano, e pertanto occorrerebbe risintonizzare i vari controllori. Se questa operazione dovesse essere ripetuta ad esempio una volta al giorno per 100 anelli l impegno di personale esperto (ingegneri o operai specializzati) porterebbe ad un costo intollerabile per l azienda. Il personale esperto spesso è personale con un lungo addestramento negli anni e quando si ritira dal lavoro non sempre è sostituibile con operatori giovani. E molto più conveniente sostituire le attività di monitoraggio ed intervento sugli impianti, per quanto possibile, utilizzando le risorse delle tecnologie informatiche. Una possibile soluzione di questo problema è il controllo self tuning che prevede la determinazione in linea dei parametri del processo e quindi la risintonia automatica dei parametri del controllore. Nella forma più accademica questo prevede l esecuzione di algoritmi per l identificazione dei parametri del processo e quindi la predisposizione del controllore, ottimale secondo criteri predefiniti, Fig. 1.

2 In una forma più semplificata talvolta può essere sufficiente rilevare le variazioni di prestazione rispetto a quelle nominali e se queste superano dei limiti prefissati inviare un messaggio a chi si fa carico della supervisione. L allarme in sala di controllo, valutato dagli addetti, può portare all intervento sulla linea per i provvedimenti del caso. Il monitoraggio e la valutazione delle prestazioni di un controllore costituisce una area di ricerca molto attiva (Harris et al. 1999; Qin, 1998). Possiamo suddividere questa attività come segue: Monitoraggio statistico delle prestazioni Monitoraggio nel dominio del tempo Monitoraggio nel dominio della frequenza In questa presentazione tralasceremo il monitoraggio statistico che spesso assume come benchmark un sistema di controllo a minima varianza. Tale approccio richiede la conoscenza accurata dei modelli del processo e dei disturbi, informazioni che sono raramente disponibili con precisione. In questo lavoro concentreremo l attenzione sul monitoraggio a partire da caratteristiche nel dominio del tempo ad esempio legate alla risposta a gradino in ingresso o quale disturbo, e/o a partire da caratteristiche frequenziali più usuali e di diretta interpretazione per l ingegnere industriale. Figura 1. Controllo Self Tuning

3 Nel seguito faremo riferimento allo schema classico di un sistema di controllo ad un solo ingresso ed una sola uscita, come riportato in Figura. L ingresso è indicato con R, l uscita con y; L ed u e sono indicano eventuali disturbi. Figura. Sistema di controllo L impianto descritto da G P (s) si ipotizza che possa essere approssimato con un modello del primo ordine più ritardo: G P (s) = Ae s 1+ st θ (1) Il tempo di ritardo θ è un mezzo semplice per rappresentare gli effetti di un ritardo finito, di zeri a parte reale positiva, di approssimazioni sull ordine del processo. Il parametro θ spesso più che coincidere con un reale ritardo è soltanto una rappresentazione degli effetti di cui prima e pertanto è detto ritardo apparente. Con riferimento alla risposta ad un gradino in ingresso gli indicatori di prestazione più comunemente usati sono il tempo di salita t r (Astrom et al.,199), il tempo di assestamento t s (Swanda, Seborg, 1999), la sovraelongazione o overshoot O s (Seborg et al., 1989), l indice IAE (l integrale del valore assoluto dell errore) che è legato alla qualità del prodotto finale ( F. G. Shinskey,1990).

4 . E conveniente utilizzare degli indici adimensionali; ciò si ottiene dividendo opportunamente per il ritardo apparente. Definiremo quindi il tempo di salita dimensionale τ r = t r /θ il tempo di assestamento dimensionale τ s = t s /θ IAE dimensionale J = IAE/(Rθ) Dall esame di questi indici è possibile risalire alla valutazione della qualità delleprestazioni del sistema di controllo. I controllori che prenderemo in esame, per il loro largo impiego,sono i controllori standard ad azione proporzionale integrale PI ed ad azione proporzionale integrale derivativa PID.. L approccio di Swanda e Seborg. Se si progetta un controllore PI utilizzando la tecnica IMC (Internal Model Control) (Chien and Fruehauf, 1990) allora: 1+ st G = As ( τ +θ ) c () c Il parametro τ c è il parametro di progetto da sintonizzare in dipendenza degli obiettivi desiderati. Nel seguito si suppone τ c > θ, la scelta di τ c θ fornisce una soluzione per cui l indice IAE è prossimo al minimo e la sovraelongazione è minima o assente (Rivera et al., 1986). Il modello a ciclo aperto utilizzando un controllore IMC-PI è il seguente: G = GcG θ = s( τ e s + θ) (4) OL P A ciclo chiuso si ha: W( s) G GP 1+ GcG c sθ e + s( τ + θ) c = = (5) sθ P e c Si osservi che la risposta a ciclo chiuso resta determinata per la sua forma dal parametro τ c /θ e la risposta al gradino per un dato parametro di forma resta determinata dal solo θ (Rivera et al., 1986). Si ottiene la seguente stima per il tempo di assestamento adimensionale: τ s = t s /θ = τ c /θ (6) stima che per τ c > θ non eccede il vero tempo di assestamento di un fattore 1.1 (Swanda, 1999).

5 Per l indice IAE normalizzato si ha la seguente stima: J = 1 + τ c /θ (7) Combinando le due equazioni si ricava: J = τ s /.30 τ s > 3.30 (8) Corrispondentemente si ricavano il margine di guadagno A m, ed il margine di fase Φ m, A m = 1/ G ol (j ω c ) = π (1 τ c + ) θ (9) Φ m = π + arg[g OL (j ω g )] = π/ - 1/(1+ τ c /θ ) (10) dove π (11) c ω = θ corrisponde alla frequenza per cui si ha uno sfasamento di 180, mentre ω g corrisponde alla frequenza per cui la funzione di trasferimento a ciclo aperto ha modulo unitario. Elaborando queste relazioni si ottiene: A m = 0.5π[τ s / ] (1) Φ m = π/ - 1/( τ s / ) = π/ [1-1/A m ) (13) A. P. Swanda e D. E. Seborg nel loro lavoro Controller Performance Assessment Based on Set-point Response Data apparso nei Proceedings of the American Control Conference San Diego, California, June 1999 a partire dall analisi precedente presentano i risultati delle simulazioni relativi a 5 modelli di processo: Modello 1: Modello : GP1( s) sθ e 1+ s = s G ( ) e P s = (1+ s)

6 Modello 3: Modello 4: Modello 5: G P3 G P 4 G s0.4 ( s) = (1+ 1.5s) e (1+ s) ( s) = 1 5 (1+ s) s0.4 s) = (1 0.75s) e (1+ s) P5( 3 Utilizzando la forma standard per un regolatore PI: U(s)/E(s) = K (1 + 1/ τ I s ) (14) si ritrovano delle relazioni sostanzialmente eguali per tutti i modelli, convalidando la bontà dell approccio. In particolare interpolando con una legge di regressione lineare si ritrova: J = τ s /.43 for τ s >3.30 (15) Nelle Figure seguenti sono riportati i confronti fra i risultati delle simulazioni e i valori teorici. Fig.3 - Confronto fra le relazioni empiriche ed analitiche fra il tempo di assestamento normalizzato τ s sulle ascisse e l indice di qualità normalizzato J sulle ordinate.

7 Fig. 4 - Confronto fra le relazioni empiriche ed analitiche fra margine di guadagno A m sulle ordinate e tempo di assestamento normalizzato τ s sulle ascisse. Fig. 5- Confronto fra le relazioni empiriche ed analitiche fra margine di fase Φ m sulle ordinate e tempo di assestamento normalizzato τ s sulle ascisse.

8 Se si procede nel dominio del tempo, noti il tempo di assestamento t s = τ s θ e dell indice di qualità IAE = Jθ, possiamo risalire alla determinazione del tempo di ritardo apparente θ: =. 30 IAE t θ (16) s Se il sistema presenta prestazioni ottimali allora dovrà essere soddisfatta la relazione (8). Se si procede nel dominio della frequenza possiamo determinare (vedi Bal.Landi IEEE) il margine di guadagno A m ed il margine di fase Φ m ; se il sistema presenta prestazioni ottimali allora dovrà essere soddisfatta la relazione (13). Se si procede nel dominio del tempo utilizzando la tecnica dell autosintonia con relè (Åström, K.J. and T. Hägglund (1984)), si veda la Fig.3, allora è possibile determinare A m ed ω c. La pulsazione ω c consente di risalire a θ, e quindi A m consente di ritrovare un ideale τ c. Se il sistema presenta prestazioni ottimali allora questo τ c dovrà corrispondere al parametro τ c inserito nel controllore PI. Fig.3 Tecnica di autosintonia con relè. 3. L approccio di Huang-Jeng Nel loro lavoro Monitoring and Assessment of Control Performance for Single Loop Systems H-P.Huang e J-C. Jeng (00) considerano processi del primo ordine con ritardo sθ G s Ae P1( ) = 1+ st (1) e processi del secondo ordine con ritardo descritto dalla seguente funzione di trasferimento:

9 G P sθ Ae = ζ s 1+ s + ω ω n n Introducendo la normalizzazione dei tempi e quindi delle frequenze analogamente a quanto fatto nella sezione precedente, possiamo porre: S = sθ (18) Con tale posizione considerando il modello (1) viene individuato il migliore modello a ciclo aperto che minimizza l indice IAE corrispondentemente all inseguimento di un segnale a gradino in ingresso: IAE = e( t) dt (19) 0 (17) Utilizzando una procedura numerica di ottimizzazione si trova: G * OL1 ( s) = 0.76( θs) e sθ sθ (0) IAE 1 * = θ (1) Per un sistema del secondo ordine con ritardo si trova: G * OL ( s) = 0.83( θs θ s sθ ) e sθ () IAE * = θ (3) Per un sistema del terzo ordine con ritardo si trova: G * OL3 ( s) = ( θ s+ 0.97θ s + 0.5θ s ) e sθ(1+ 1.6θs θ s ) sθ (4) IAE 3 * = θ (5)

10 Gli ultimi due risultati forniscono indici IAE quasi eguali, e quindi un ulteriore incremento dell ordine risulta poco utile. Con riferimento a questi modelli ideali si può verificare che le funzioni di * trasferimento GOL ( s) presentano un margine di ampiezza pari a ed un margine di fase di circa 60. Quindi questi sistemi presentano buone caratteristiche di robustezza. Per il controllore supponiamo di utilizzare dei controllori standard PI e PID con le seguenti strutture: controllore PI controllore PID Gc( s) * Gc( s) k (1+ sτ I) τ s c = (6) I (1+ τ I s+ τ Iτ τ s(1+ τ s) ) k c D = s (7) I f Normalizzando il tempo di salita e l indice IAE rispetto al parametro θ, per un processo del primo ordine con ritardo, utilizzando in modo ottimale un controllore PI o PID si ritrovano le relazioni espresse in Fig. 4. Fig.4 - Relazioni fra tempo di salita τ r e IAE normalizzati.

11 Controllo PI: t r = IAE θ 1.57 < IAE/ θ <.1 (8) Controllo PID: t r = 1.86 θ IAE = 1.38 θ (9) In modo analogo per un impianto del secondo ordine tempo di salita e IAE normalizzati sono rappresentati graficamente come in Fig.5; essendo la relazione dipendente dallo smorzamento ζ in figura vengono individuate delle regioni possibili, indicate in grigio. Fig. 5 Regioni ottimali per impianti del secondo ordine al variare dello smorzamento. Controllo PI: max(t r ) = IAE θ.7 < IAE/ θ < 4.0 (30) min(t r ) = IAE θ.7 < IAE/ θ < 4.0 Controllo PID: max(t r )= θ IAE IAE / θ 1.73 θ < IAE <.1 θ (31)

12 min(t r )= 6.567θ IAE IAE / θ 1.73 θ < IAE <.1 θ I grafici riportati nelle figure 4 e 5 possono essere usati per la valutazione delle prestazioni di un sistema di controllo contenenti un regolatore PI o PID. Per la determinazione dei parametri t r, IAE e ritardo apparente θ si può procedere utilizzando una delle molte tecniche disponibili per l identificazione in linea del modello a ciclo aperto o a ciclo chiuso, come illustrato nella Fig Esempio illustrativo. Consideriamo un controllo PID per un processo descritto dalla seguente funzione di trasferimento: G P ( s) = s e (1+ 3.6s+ 4s ) ed una predisposizione iniziale del controllore PID con i seguenti parametri: 1. kc = 3.0 τ I = 3.0 τ D = 1.0 e successivamente le seguenti predisposizioni:. kc = 1.8 τ I = 4.0 τ D = kc =.0 τ I = 3.5 τ D = kc =.0 τ I = 3. τ D = 1.5 Le corrispondenti risposte al gradino sono riportate in Fig. 6. I valori normalizzati del tempo di salita e dell indice IAE sono riportati in Fig. 7. Il grafico mette chiaramente in risalto la differenza fra le prestazioni; la migliore è indicata essere la predisposizione n.4. Questa conclusione può essere verificata direttamente nel dominio del tempo confrontando le differenti risposte al gradino. (3)

13 Fig. 6 Risposte al gradino per differenti scelte del controllore. Fig.7 Monitoraggio in linea della prestazioni

14 5. Autosintonia di Regolatori PI(D) e valutazione in linea delle prestazioni. Una procedura di autosintonia può essere considerata costituita da tre fasi: 1) Generazione di una perturbazione nel processo ) Analisi della risposta 3) Calcolo dei parametri del regolatore Esistono diversi approcci possibili: 1) Sperimentazione in Anello Aperto/Anello chiuso ) Perturbazione esterna (gradino, impulso, sinusoide ) /interna (disturbo) 3) Calcolo esplicito o non del modello del processo 4) Calcolo dei parametri del regolatore a partire dal modello, da regole/da ottimizzazione della risposta Le caratteristiche desiderabili sono: 1) Semplicità per applicazioni in automatico ) Rapidità per frequenti applicazioni 3) Perturbazioni di entità limitata L obiettivo con regolatori PI(D) è quello di garantire buone prestazioni nonostante variazioni del processo nel tempo; non si richiede la stretta ottimalità della risposta. Le possibili tecniche usate per perturbare il sistema e permettere così l identificazione dei cambiamenti avvenuti possono essere a ciclo aperto o a ciclo chiuso. Tecniche in Anello Aperto Si riconoscono le seguenti fasi: Si disconnette il regolatore, rendendo aperto il circuito Si impone una variazione a gradino (impulso) in ingresso: x(t) Si registra l uscita: y(t) Si costruisce un modello approssimato del processo. Nel caso di monitoraggio e autosintonia in linea ovviamente non è possibile disconnettere il regolatore ed operare a ciclo aperto sull impianto, pertanto le tecniche a ciclo aperto non possono essere usate. Tecniche in Anello Chiuso Si analizza la risposta in seguito ad una perturbazione, con regolatore inserito: la perturbazione può essere di tipo diverso; ad esempio variazione del riferimento r(t) a gradino (caso più comune) o aggiunta di un segnale pseudorandom a valor medio nullo.

15 Una ulteriore possibilità è quella di far ricorso alle tecniche a relay (Åström, K.J. and T. Hägglund (1984)), senza però aprire l anello di controllo (K.K. Tan, T.H. Lee, X. Jiang : Robust on-line relay automatic tuning of PID control systems, ISA Transactions 39 (000) 19-3). E opportuno quindi utilizzare uno schema modificato come in Figura 8. Fig.8 - Tecnica del relé con schema a ciclo chiuso In tale schema l impianto, descritto da G p (s), è inserito in un anello di controllo a ciclo chiuso utilizzando un controllore G c.0 (s). GP( s ) G yr (s) = Gc 1+ GP( s ) G.0 ( s) ( s) (33) c.0 Il controllore inserito inizialmente ha una funzione di trasferimento pari a: 1 Gc.0( s) = k c sτ (34) D. 0 sτ i.0 Viene costituito un ulteriore anello esterno mediante richiusura su un blocco a relè. Se questo sistema si porta su un ciclo limite stabile, oscillando con una pulsazione ω u, allora la funzione di trasferimento G ry (jω u ) può essere ricavata basandosi sulla linearizzazione armonica (tecnica della funzione descrittiva). Ne segue che G p (jω u ) vale : G P (jω u ) = [1 G yr G yr( jω ) u ( jωu)] Gc. 0( jω ) u (35) Sia la risposta in frequenza ideale nota e pari a Ĝ yr (jω u ), Allora per ottenere tale risposta occorrerà avere un controllore la cui risposta dovrà valere:

16 Ĝ c (jω u ) = [1 Gˆ yr Gˆ ( jω ) yr u ( jω )] u G ( jω ) p u (36) I parametri K c, τ i e τ d del controllore PID G c (s) possono essere scelti in modo che G c (jω) = Ĝ c (jω u ) per ω = ω u. Osserviamo che le incognite sono 3 (K c, τ i e τ d ), mentre l equazione precedente ne fornisce soltanto. Possiamo quindi aggiungere la condizione usuale nella pratica: τ d = τ i /4, come suggerito da Ziegler-Nichols (194) e da Astrom and Hagglund (1988). La risposta in frequenza del controllore desiderato Ĝ c (jω u ) può essere ricavata a partire da G yr (jω u ) e Ĝ yr (jω u ) come: Ĝ c (jω u ) = Gˆ ( jω ) [1 ( jω )]. 0( jω ) yr u G yr u Gc u (37) [1 Gˆ ( jω )] u G ( jω ) yr yr Usando un controllore PID controller con τ d = τ i /4, possiamo riscrivere G c (jω u ) come segue: G c (jω u ) = K (1+ 0.5τ jωu τ i jω c i ) u Facendo corrispondere G c (jω u ) a Ĝ c (jω u ) otteniamo la forma esatta: τ i K 0.5π + arg( ˆ tan ωu Gˆ c( jωu) = ωuτ i τ ωu ( j G c ω u ) = (39) c i u Con questa tecnica abbiamo la possibilità di perturbare il sistema a ciclo chiuso portandolo ad oscillare sulla pulsazione caratteristica ω u, avendo il pieno controllo dell ampiezza delle oscillazioni mediante il controllo dell ampiezza del relé. L anello esterno può essere inserito in modo intermittente e dal rilievo della ω u e del margine di guadagno è possibile eseguire il monitoraggio delle prestazioni. Se le prestazioni si degradano, ad esempio per variazioni parametriche dell impianto, possiamo intervenire per una nuova predisposizione dei parametri del controllore. Ad esempio in Fig.9 e 10 sono riportati alcuni casi di autosintonia (Rasmussen ). (38)

17 Fig. 9 Autosintonia e predisposizione del controllore PID imponendo G ol (jω u )= -0.5e jπ/4, Fig.10 Autosintonia e predisposizione del controllore PID utilizzando le regole di predisposizione di Ziegler-Nichols

18 6. Monitoraggio dei disturbi. Con riferimento allo schema di Fig.8 supponiamo di avere inserito il relé nell anello esterno e valutiamo gli effetti dovuti a possibili disturbi presenti nell impianto. Essendo disponibile l onda quadra di oscillazione in uscita al relé è possibile risalire alla componente di prima armonica in uscita del processo con l usuale tecnica di Fourier. Possiamo quindi ritenere disponibili sia la pulsazione ω u che l ampiezza µ della corrispondente variabile di errore e(t). Integrando e(t) su mezzo periodo di oscillazione possiamo ricavare il valore limite dell indice IAE in assenza di disturbi: π / ω IAE lim = µ sin( t) dt = u 0 ω µ ωu (40) La presenza di disturbi nel processo altera il valore dell indice IAE calcolato sul semiperiodo (o un multiplo opportuno). Scegliendo opportunamente l ampiezza del relé, e quindi µ, dal confronto fra l indice IAE misurato e IAE lim si può rilevare la presenza di disturbi e la loro rilevanza (Hagglund, 1995,1999). Qualora si rilevassero condizioni anomale è possibili intervenire sul sistema per riconfigurarlo opportunamente. 7. Conclusioni. In questo lavoro sono state illustrate alcune tecniche per il monitoraggio e la valutazione delle prestazioni di sistemi di controllo ad un solo ingresso ed una sola uscita. I controllori esaminati sono quelli standard. Le tecniche sono di tipo deterministico e fanno riferimento ad indici temporali e/o frequenziali di uso corrente nella pratica ingegneristica. E stato mostrato come utilizzare la tecnica di autosintonia per l implementazione in linea degli algoritmi di monitoraggio e valutazione delle prestazioni.

19 8. Riferimenti. 1. Astrom, K. J., C. C. Hang, P. Persson and W. K. Ho, Towards Intelligent PID Control, Automatica, vol. 8, 1-9 (199).. Bialkowski, W.L., Control of the Pulp and Paper Making Process, Levine, W.S. (Editor), The Control Handbook, CRC Press & IEEE Press, Chapter 7, , (1996). 3. Ender, D., Process Control Performance: Not as Good as You Think, Control Eng., vol. 40, no.10, 180 (1993). 4. Hagglund, T., Acontrol loop performance monitor Control Engineering Practice, Vol.3, n , Hagglund, T., Automatic detection of sluggish control loops, Control Engineering Practice 7(1999) Haggman, B. and W. Bialkowski, Performance of Common Feedback Regulators for First-Order and Deadtime Dynamics, Control Systems 9, Whistler, B.C., Canada (199). 7. Harris T., C. Seppala, and L. Desborough, A Review of Performance Monitoring and Assessment Techniques for Univariate and Multivariate Control Systems, J. Process Control, vol. 9, 1-17 (1999). 8. Huang,H-P.,J-C.Jeng, Monitoring and Assessment of Control Performance for Single Loop Systems,Ind. Eng. Chem. Res. 00, 41, Qin, J., Control Performance Monitoring - a Review and Assessment, Comp. and Chem. Eng., vol. 3, (1998). 10. Rasmussen, H. Automatic tuning of PID regulators (June 1993). ISSN Pages 30. ISSN Aalborg University. 11. Rivera, D. E., M. Morari, and S. Skogestad, Internal Model Control. 4. PID Controller Design, Ind. Eng. Chem. Process Des. Dev., vol.5, 5-65 (1986) 1. Seborg, D. E., T. F. Edgar and D. A. Mellichamp, Process Dynamics and Control, John Wiley, New York (1989). 13. Shinskey, F., How Good are Our Controllers in Absolute Performance and Robustness, Measurement + Control, vol.3, (1990). 14. Swanda,A.P., D. E. Seborg Controller Performance Assessment Based on Set-point Response Data Proceedings of the American Control Conference San Diego, California, June K.K. Tan, T.H. Lee, X. Jiang : Robust on-line relay automatic tuning of PID control systems, ISA Transactions 39 (000) 19-3

20 IEEE TRANSACTIONS ON AUTOMATIC CONTROL, VOL. 48, NO. 9, SEPTEMBER 003 Tracking of Random References: Random Sensitivity Function and Tracking Quality Indicators Yongsoon Eun, Pierre T. Kabamba, and Semyon M. Meerkov Abstract In this note, the problem of random reference tracking by linear feedback systems is addressed. The approach is based on the so-called random sensitivity function, which plays the same role as the usual sensitivity function in step reference tracking. Using the random sensitivity function, quality indicators for random reference tracking are introduced, and their utilization for analysis and design of servomechanisms is illustrated. Index Terms Random reference, sensitivity function, tracking. I. INTRODUCTION A. Motivation In many applications, reference signals to be tracked are deterministic, e.g., steps, ramps, etc. On the other hand, a number of applications require tracking random references. For instance, in hard disk servo systems, the reference signal is often modeled as a Gaussian random process [1]. The purpose of this note is to address the issue of random reference tracking in linear feedback systems. The quality of random reference tracking in a system shown in Fig. 1 could be characterized by the standard deviation of the error signal, σ e. This measure, however, is too crude to reveal the causes of poor tracking. Indeed, Fig. shows responses of this system with three different G(s) and the same reference signal (a realization of colored noise with power spectral density S R (ω) = 6/(1 + (ω) 6 )). While in each of the three cases, σ e is the same (σ e = 0.67), the reasons for poor tracking are different. Namely, in Fig. (a) poor tracking appears to be due to static unresponsiveness, in Fig. (b) due to slow dynamics in comparison with the reference signal, and in Fig. (c) due to oscillatory behavior of the output. This example shows that σ e is not capable of discriminating between the causes of poor tracking, and new measures are necessary. The goal of this note is to introduce such measures (referred to as indicators) and illustrate their utility for analysis and design of control systems. B. Approach

21 In the case of step inputs, the tracking properties of the linear system shown in Fig. 1 are characterized in the frequency domain by the sensitivity function ω 1 ( j ) = ω 1+ G( jω) 0 S (1) i.e., by the steady-state errors in tracking harmonic inputs of different frequencies. Specifically, bandwidth, resonance peak, resonance frequency and dc gain of S(jω) characterize the quality of step tracking. The approach of this work is based on a different sensitivity function, referred to as Random Sensitivity. The RS function, denoted as RS(Ω); 0 < Ω <, represents the steady-state errors in tracking random inputs of bandwidth. It turns out that, in the same manner as S(jω) characterizes the quality of step input tracking, RS(Ω) characterizes the quality of random reference tracking. More specifically, its bandwidth, resonance peak, resonance frequency and dc gain define the quality of tracking in the time domain and, in particular, predict and quantify the responses shown in Fig.. C. Contributions The contributions of this note are as follows. Introduction of RS(Ω) as a tool for analysis of tracking quality of random references. Analysis of properties of RS(Ω) and its comparison with S(jω). Introduction of indicators, which relate the behavior of RS(Ω)to the quality of random reference tracking in the time domain. Utilization of these indicators for performance specification in analysis and design of feedback systems. The outline of this note is as follows. Section II describes the class of random references considered. In Section III, the random sensitivity function is introduced and analyzed. Tracking quality indicators are introduced in Section IV, a design example is treated in Section V, and conclusions are formulated in Section VI. II. BAND-LIMITED REFERENCE SIGNALS

22 Reference signals considered in this work are colored noise processes obtained by filtering standard white noise through the third-order Butterworth filter 3 ( s; Ω ) = 3 + Ω s Ωs 3 Ω + sω +Ω F () 3 where the dc gain is selected so that the standard deviation of the output is 1. These reference signals are denoted as r(t;ω ). Realizations of r(t;ω) for Ω= 1 rad/s and 4 rad/s are given in Fig. 3. Clearly, reference signals could be parameterized in other ways as well, for instance, by higher order Butterworth filters. However, as it is indicated in Section III, results are not sensitive to the parameterization involved and, therefore, the simplest one, defined by (), is used. III. RANDOM SENSITIVITY FUNCTION The random sensitivity function of the system of Fig. 1 is defined as the standard deviation of the error signal, e, for band-limited references r(t;ω), i.e., RS(Ω) = σ e (Ω), 0 < Ω < (3) Clearly, RS(Ω) can be evaluated as [] 1 RS( Ω ) = F( jω; Ω) S( jω) dω (4) π 0

23 Although RS(Ω) is still a standard deviation, it is a function of and, thus, is more informative than the single number σ e obtained for a fixed random input process. For example, the random sensitivity functions of the three systems of Fig. are qualitatively different although they take the same value for Ω = 0.5 rad/s (see Fig. 4). Properties of RS(Ω) and its relation to S(jω) are given in the following theorem. Theorem 1: Assume that the closed-loop system of Fig. 1 is asymptotically stable and G(s) is strictly proper. Then i) lim Ω 0 RS(Ω) = S(j0) ; ii) lim Ω RS(Ω) = lim Ω S(jω) = 1;

24 iii) supω>0 RS(Ω) sup ω>0 S(jω). Proof: See Appendix. Fig. 5 provides comparison of RS(Ω) and S(jω) for the system of Fig. 1 with G( s) ωn + ζ ω ) = (5) s ( s n for several values of ζ. As indicated in Theorem 1, the two curves coincide at zero frequency, converge to 1 as frequencies increase, and RS(Ω) has a smaller peak. In addition, as one can see, RS(Ω) has a less pointed peak than S(jω)

25 Similar to S(jω), the function RS(Ω) can be characterized by four quantities: random dc gain, random bandwidth, random resonance frequency, and random resonance peak. They are defined as follows. Random dc gain: R dc = lim Ω 0 RS(Ω ) (6) Random bandwidth: RΩ BW = min { Ω RS(Ω) = 1/ } (7) Random resonance frequency: RΩ r = arg maxω>0rs(ω) (8) Random resonance peak: RM r = supω>0rs(ω) (9) As stated in Theorem 1, the dc gains of RS(Ω) and S(jω) are the same, i.e., R dc = S(j0). The bandwidths, resonance frequencies, and resonance peaks of RS(Ω) and S(jω) exhibit different behavior. They are illustrated in Fig. 6 for G(s) of (5). As one can see, for practical values of ζ,

26

27 The bandwidths, resonance frequencies, and resonance peaks of RS() and js(j!)j exhibit different behavior. They are illustrated in Fig. 6 for G(s) of (5). As one can see, for practical values of ζ, RΩ BW and RΩ r are larger than ω BW and ω r respectively, while RM r is smaller than M r. Remark 1: Selecting higher order Butterworth filters does not significantly change the behavior of RS(Ω). Indeed Fig. 7 illustrates random sensitivity functions, calculated according to (4), but for Butterworth filters of order 3, 5, and 7, for G(s) in (5). Clearly, RS(Ω) is robust with respect to reference signal parameterization. IV. TRACKING QUALITY INDICATORS Similarly to gain and phase margins, which in most cases characterize stability robustness, tracking quality indicators are numbers associated with RS(Ω), which in most cases predict the quality of random reference tracking. Three indicators will be introduced. The first two are defined as follows: I 1 = R dc (10) I = Ω/RΩ BW (11) where Ω is the bandwidth of the reference signal. The first indicator characterizes the level of static responsiveness, while the second characterizes dynamic properties such as lagging or oscillatory behavior.

Sistemi di controllo industriali

Sistemi di controllo industriali Sistemi di controllo industriali Regolatori PID: funzionamento e taratura Modello, funzionamento e realizzazione pratica Metodi di taratura in anello chiuso Metodi di taratura in anello aperto Un esempio

Dettagli

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI Tesi di Laurea Analisi statistica di propagazione di campo elettromagnetico in ambiente urbano. Relatori:

Dettagli

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Sezione 1 / Section 1 2 Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Elements of identity: the logo Indice 2.01 Elementi d identità 2.02 Versioni declinabili 2.03 Versioni A e A1, a colori

Dettagli

Nome: Nr. Mat. Firma:

Nome: Nr. Mat. Firma: Controlli Automatici - A.A. 1/11 Ingegneria Gestionale 13 Settembre 11 - Esercizi Nome: Nr. Mat. Firma: Rispondere alle seguenti domande. a) Calcolare la trasformata di Laplace X(s) dei seguenti segnali

Dettagli

REGOLATORI STANDARD PID

REGOLATORI STANDARD PID CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria Gestionale http://www.automazione.ingre.unimore.it/pages/corsi/controlliautomaticigestionale.htm REGOLATORI STANDARD PID Ing. Federica Grossi Tel. 059 2056333 e-mail: federica.grossi@unimore.it

Dettagli

Combinazioni serie IL-MIL + MOT

Combinazioni serie IL-MIL + MOT Combinazioni tra riduttori serie IL-MIL e MOT Combined series IL-MIL + MOT reduction units Combinazioni serie IL-MIL + MOT Sono disponibili varie combinazioni tra riduttori a vite senza fine con limitatore

Dettagli

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE INDEX: 1. GENERAL INFORMATION 2. REGISTRATION GUIDE 1. GENERAL INFORMATION This guide contains the correct procedure for entering the software page http://software.roenest.com/

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

User Guide Guglielmo SmartClient

User Guide Guglielmo SmartClient User Guide Guglielmo SmartClient User Guide - Guglielmo SmartClient Version: 1.0 Guglielmo All rights reserved. All trademarks and logos referenced herein belong to their respective companies. -2- 1. Introduction

Dettagli

Prestazioni dei sistemi in retroazione

Prestazioni dei sistemi in retroazione Prestazioni dei sistemi in retroazione (ver..2). Sensitività e sensitività complementare Sia dato il sistema in retroazione riportato in Fig... Vogliamo determinare quanto è sensibile il sistema in anello

Dettagli

Università degli studi di Salerno. Project Work svolto da Federico Fabbricatore matr. 0612200629. Traccia

Università degli studi di Salerno. Project Work svolto da Federico Fabbricatore matr. 0612200629. Traccia Università degli studi di Salerno Project Work svolto da Federico Fabbricatore matr. 0612200629 Traccia SINGLE LOOP CUSTOM PROCESS con Process Model = Disturbance Model 1. adotta un controllore PID ideale

Dettagli

CONTROLLO NEL DOMINIO DELLA FREQUENZA

CONTROLLO NEL DOMINIO DELLA FREQUENZA SISTEMI DI CONTROLLO Ingegneria Meccanica e Ingegneria del Veicolo http://www.dii.unimore.it/~lbiagiotti/sistemicontrollo.html CONTROLLO NEL DOMINIO DELLA FREQUENZA Ing. Luigi Biagiotti e-mail: luigi.biagiotti@unimore.it

Dettagli

Efficienza nelle macchine utensili con sercos energy D. Dallefrate, Milano 21/6/2012

Efficienza nelle macchine utensili con sercos energy D. Dallefrate, Milano 21/6/2012 Efficienza nelle macchine utensili con sercos energy D. Dallefrate, Milano 21/6/2012 1 Efficienza nelle macchine utensili con sercos energy Sommario Il problema La soluzione Gli strumenti Esempi applicativi

Dettagli

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 me Ho CALL FOR PAPERS: 4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 Software Engineering aims at modeling, managing and implementing software development products

Dettagli

REGOLATORI STANDARD PID

REGOLATORI STANDARD PID SISTEMI DI CONTROLLO Ingegneria Meccanica e Ingegneria del Veicolo http://www.dii.unimore.it/~lbiagiotti/sistemicontrollo.html Regolatore Proporzionale, Integrale, Derivativo - PID Tre azioni di combinate

Dettagli

C.B.Ferrari Via Stazione, 116-21020 Mornago (VA) Tel. 0331 903524 Fax. 0331 903642 e-mail cbferrari@cbferrari.com 1. Cause di squilibrio a) Asimmetrie di carattere geometrico per necessità di progetto

Dettagli

Esercizi Programming Contest

Esercizi Programming Contest Esercizi Programming Contest Alberto Montresor 22 maggio 2012 Alcuni degli esercizi che seguono sono associati alle rispettive soluzioni. Se il vostro lettore PDF lo consente, è possibile saltare alle

Dettagli

CONTROLLORI STANDARD PID. Guido Vagliasindi Controlli Automatici A.A. 06/07 Controllori Standard PID

CONTROLLORI STANDARD PID. Guido Vagliasindi Controlli Automatici A.A. 06/07 Controllori Standard PID ONTROLLORI STANDARD PID Guido Vagliasindi ontrolli Automatici A.A. 6/7 ontrollori Standard PID MODELLO DEI REGOLATORI PID Tra le ragioni del vastissimo utilizzo dei regolatori PID nella pratica dell automazione

Dettagli

Circuiti non lineari

Circuiti non lineari Circuiti non lineari Parametri sistemi nonlineari Compressione del Guadagno PO (dbm) fondamentale db 2 a armonica Al crescere della potenza in ingresso il guadagno satura. La P I a cui la caratteristica

Dettagli

Guida all installazione del prodotto 4600 in configurazione plip

Guida all installazione del prodotto 4600 in configurazione plip Guida all installazione del prodotto 4600 in configurazione plip Premessa Questo prodotto è stato pensato e progettato, per poter essere installato, sia sulle vetture provviste di piattaforma CAN che su

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Funzioni di trasferimento: robustezza e prestazioni Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it

Dettagli

ANALISI FREQUENZIALE E PROGETTO NEL DOMINIO DELLE FREQUENZE

ANALISI FREQUENZIALE E PROGETTO NEL DOMINIO DELLE FREQUENZE CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria della Gestione Industriale e della Integrazione di Impresa http://www.automazione.ingre.unimore.it/pages/corsi/controlliautomaticigestionale.htm ANALISI FREQUENZIALE E PROGETTO

Dettagli

Capitolo 7: Domanda con il reddito in forma di moneta

Capitolo 7: Domanda con il reddito in forma di moneta Capitolo 7: Domanda con il reddito in forma di moneta 7.1: Introduzione L unica differenza tra questo capitolo e il precedente consiste nella definizione del reddito individuale. Assumiamo, infatti, che

Dettagli

GstarCAD 2010 Features

GstarCAD 2010 Features GstarCAD 2010 Features Unrivaled Compatibility with AutoCAD-Without data loss&re-learning cost Support AutoCAD R2.5~2010 GstarCAD 2010 uses the latest ODA library and can open AutoCAD R2.5~2010 DWG file.

Dettagli

LO LH BUSREP. 1 2 3 Jp2. Jp1 BUSREP. Ripetitore di linea seriale RS 485 Manuale d installazione RS 485 Serial Line Repeater Instruction Manual

LO LH BUSREP. 1 2 3 Jp2. Jp1 BUSREP. Ripetitore di linea seriale RS 485 Manuale d installazione RS 485 Serial Line Repeater Instruction Manual Jp MS 4 LINEA 4 MS MS LINEA LINEA Tx4 Tx Tx Tx BUSREP S Jp Jp LINEA GND +,8 Jp4 BUSREP Ripetitore di linea seriale RS 485 Manuale d installazione RS 485 Serial Line Repeater Instruction Manual Edizione/Edition.

Dettagli

Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT. Incontro del 22 luglio 2014

Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT. Incontro del 22 luglio 2014 Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT Incontro del 1 Piano di lavoro 1. Condivisione nuova versione guide operative RNDT 2. Revisione regole tecniche RNDT (allegati 1 e 2 del Decreto 10 novembre 2011) a)

Dettagli

Calcolo efficienza energetica secondo Regolamento UE n. 327/2011 Energy efficiency calculation according to EU Regulation no.

Calcolo efficienza energetica secondo Regolamento UE n. 327/2011 Energy efficiency calculation according to EU Regulation no. Calcolo efficienza energetica secondo Regolamento UE n. 327/2011 Energy efficiency calculation according to EU Regulation no. 327/2011 In base alla direttiva ErP e al regolamento UE n. 327/2011, si impone

Dettagli

Controllo Predittivo (cenni)

Controllo Predittivo (cenni) Controllo Predittivo (cenni) Controllo Digitale - A. Bemporad - A.a. 2007/08 Optimizer Model Predictive Control Plant Reference r(t) Input u(t) Output y(t) Measurements MODEL: è richiesto un modello del

Dettagli

Fondamenti di Automatica - I Parte Il progetto del controllore

Fondamenti di Automatica - I Parte Il progetto del controllore Fondamenti di Automatica - I Parte Il progetto del controllore Antonio Bicchi, Giordano Greco Università di Pisa 1 INDICE 2 Indice 1 Introduzione 3 2 Approssimazioni della f.d.t. in anello chiuso 5 3 Metodi

Dettagli

Differenziazione sistemi dinamici

Differenziazione sistemi dinamici Il controllo di sistemi ad avanzamento temporale si basa sulle tecniche di controllo in retroazione, ovvero, elabora le informazione sullo stato del processo (provenienti dai sensori) in modo sa inviare

Dettagli

Spiegare brevemente il principale beneficio del controllo in cascata (per sistemi a fase non minima).

Spiegare brevemente il principale beneficio del controllo in cascata (per sistemi a fase non minima). Spiegare brevemente il principale beneficio del controllo in cascata (per sistemi a fase non minima). Il controllo in cascata si usa per migliorare la risposta al setpoint, e soprattutto al disturbo di

Dettagli

Il Lean Thinking, un applicazione pratica nella produzione su commessa

Il Lean Thinking, un applicazione pratica nella produzione su commessa FACOLTÀ DI INGEGNERIA RELAZIONE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA GESTIONALE Il Lean Thinking, un applicazione pratica nella produzione su commessa RELATORI IL CANDIDATO Prof.

Dettagli

Algoritmi e strutture di dati 2

Algoritmi e strutture di dati 2 Algoritmi e strutture di dati 2 Paola Vocca Lezione 2: Tecniche golose (greedy) Lezione1- Divide et impera 1 Progettazione di algoritmi greedy Tecniche di dimostrazione (progettazione) o Greedy algorithms

Dettagli

Controllo di velocità angolare di un motore in CC

Controllo di velocità angolare di un motore in CC Controllo di velocità angolare di un motore in CC Descrizione generale Il processo è composto da un motore in corrente continua, un sistema di riduzione, una dinamo tachimetrica ed un sistema di visualizzazione.

Dettagli

Controllo delle Vibrazioni mediante l uso di PAC (Programmable Automation Controller)

Controllo delle Vibrazioni mediante l uso di PAC (Programmable Automation Controller) Unione Europea Università degli studi di Salerno Dipartimento di Ingegneria Industriale Dottorato di Ricerca in Ingegneria Meccanica X Ciclo N.S. (2008-2011) Controllo delle Vibrazioni mediante l uso di

Dettagli

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it Dipartimento Ing. Gestionale Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it Lean

Dettagli

Dr Mila Milani. Comparatives and Superlatives

Dr Mila Milani. Comparatives and Superlatives Dr Mila Milani Comparatives and Superlatives Comparatives are particular forms of some adjectives and adverbs, used when making a comparison between two elements: Learning Spanish is easier than learning

Dettagli

Spin Applicazioni Magnetiche S.r.l. Programmi di calcolo per la simulazione elettromeccanica, termica e meccatronica

Spin Applicazioni Magnetiche S.r.l. Programmi di calcolo per la simulazione elettromeccanica, termica e meccatronica Spin Applicazioni Magnetiche S.r.l. Programmi di calcolo per la simulazione elettromeccanica, termica e meccatronica -Applicazioni multifisiche - 1 Sommario PORTUNUS & Simulink hardware e struttura di

Dettagli

Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing

Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing Roberto Butinar Cristiano Dal Farra Danilo Selva 1 Agenda Panoramica sulla metodologia CRISP-DM (CRoss-Industry Standard Process

Dettagli

Corso di Ottimizzazione MODELLI MATEMATICI PER IL PROBLEMA DELLO YIELD MANAGEMENT FERROVIARIO. G. Di Pillo, S. Lucidi, L. Palagi

Corso di Ottimizzazione MODELLI MATEMATICI PER IL PROBLEMA DELLO YIELD MANAGEMENT FERROVIARIO. G. Di Pillo, S. Lucidi, L. Palagi Corso di Ottimizzazione MODELLI MATEMATICI PER IL PROBLEMA DELLO YIELD MANAGEMENT FERROVIARIO G. Di Pillo, S. Lucidi, L. Palagi in collaborazione con Datamat-Ingegneria dei Sistemi s.p.a. YIELD MANAGEMENT

Dettagli

ACCREDIA L ENTE ITALIANO DI ACCREDITAMENTO

ACCREDIA L ENTE ITALIANO DI ACCREDITAMENTO ACCREDIA L ENTE ITALIANO DI ACCREDITAMENTO ACCREDIA 14 Settembre 2012 Emanuele Riva Coordinatore dell Ufficio Tecnico 1-29 14 Settembre 2012 Identificazione delle Aree tecniche Documento IAF 4. Technical

Dettagli

GSA. SINT Informatica Srl. BCP Busarello+Cott+Partner Inc. GROUNDING SYSTEM ANALYSIS 1995 2007 - (Rel. 3.0-10/2007)

GSA. SINT Informatica Srl. BCP Busarello+Cott+Partner Inc. GROUNDING SYSTEM ANALYSIS 1995 2007 - (Rel. 3.0-10/2007) GSA GROUNDING SYSTEM ANALYSIS 1995 2007 - (Rel. 3.0-10/2007) GSA è un programma di calcolo per la progettazione e l analisi di dispersori per impianti di terra a bassa frequenza sviluppato da SINT Informatica

Dettagli

RAPPORTO TECNICO ANALISI FINITURA SUPERFICIALE IMPIANTO IN TITANIO IMPIANTO con Lotto 002520 CON TRATTAMENTO SUPERFICIALE SL TECOM IMPLANTOLOGY

RAPPORTO TECNICO ANALISI FINITURA SUPERFICIALE IMPIANTO IN TITANIO IMPIANTO con Lotto 002520 CON TRATTAMENTO SUPERFICIALE SL TECOM IMPLANTOLOGY REPORT TECNICO Pagina 1 di 8 RAPPORTO TECNICO ANALISI FINITURA SUPERFICIALE IMPIANTO IN TITANIO IMPIANTO con Lotto 002520 CON TRATTAMENTO SUPERFICIALE SL TECOM IMPLANTOLOGY TECHNICAL REPORT ROUGHNESS ANALYSIS

Dettagli

Comunicato Stampa. Press Release

Comunicato Stampa. Press Release Comunicato Stampa Come previsto dal Capitolo XII, Paragrafo 12.4 del Prospetto Informativo Parmalat S.p.A. depositato presso la Consob in data 27 maggio 2005 a seguito di comunicazione dell avvenuto rilascio

Dettagli

SISTEMI DIGITALI DI CONTROLLO

SISTEMI DIGITALI DI CONTROLLO Sistemi Digitali di Controllo A.A. 9- p. /3 SISTEMI DIGITALI DI CONTROLLO Prof. Alessandro De Luca DIS, Università di Roma La Sapienza deluca@dis.uniroma.it Lucidi tratti dal libro C. Bonivento, C. Melchiorri,

Dettagli

REGOLATORI STANDARD PID

REGOLATORI STANDARD PID CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria della Gestione Industriale REGOLATORI STANDARD PID Ing. Luigi Biagiotti Tel. 5 29334 / 5 29368 e-mail: lbiagiotti@deis.unibo.it http://www-lar.deis.unibo.it/~lbiagiotti

Dettagli

no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02

no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02 TECHNICAL REPORT RAPPORTO TECNICO no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02 This technical report may only be quoted in full. Any use for advertising purposes must be granted in writing. This report is

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

PROGRAMMA DI VALUTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM

PROGRAMMA DI VALUTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM PROGRAMMA DI VALU UTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM Versione del 24/ /01/2014 LIFE099 ENV/IT/000068 WASTE LESS in CHIANTI Prevenzione e riduzione dei rifiuti nel territorio del Chianti INDICE

Dettagli

MATLAB:Condizionamento Sistemi Lineari.

MATLAB:Condizionamento Sistemi Lineari. 1 Francesca Mazzia Dipartimento Interuniversitario di Matematica Università di Bari MATLAB:Condizionamento Sistemi Lineari. Innanzitutto vediamo qual è la funzione Matlab che ci permette di calcolare il

Dettagli

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Studenti iscritti al I anno (immatricolati nell a.a. 2014-2015 / Students enrolled A. Y. 2014-2015) Piano di studi 17-27 Novembre 2014 (tramite web self-service)

Dettagli

Capitolo 7 Analisi di Sistemi a Dati Campionati

Capitolo 7 Analisi di Sistemi a Dati Campionati Capitolo 7 Analisi di Sistemi a Dati Campionati Un sistema di controllo digitale è costituito da elementi a tempo continuo (il processo da controllare, l attuatore, il trasduttore analogico, il filtro

Dettagli

Babaoglu 2006 Sicurezza 2

Babaoglu 2006 Sicurezza 2 Key Escrow Key Escrow Ozalp Babaoglu! In many situations, a secret (key) is known to only a single individual " Private key in asymmetric cryptography " The key in symmetric cryptography or MAC where the

Dettagli

ISAC. Company Profile

ISAC. Company Profile ISAC Company Profile ISAC, all that technology can do. L azienda ISAC nasce nel 1994, quando professionisti con una grande esperienza nel settore si uniscono, e creano un team di lavoro con l obiettivo

Dettagli

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant UNIONE DELLA A Solar Energy Storage Pilot Power Plant DELLA Project Main Goal Implement an open pilot plant devoted to make Concentrated Solar Energy both a programmable energy source and a distribution

Dettagli

Pubblicazioni COBIT 5

Pubblicazioni COBIT 5 Pubblicazioni COBIT 5 Marco Salvato CISA, CISM, CGEIT, CRISC, COBIT 5 Foundation, COBIT 5 Trainer 1 SPONSOR DELL EVENTO SPONSOR DI ISACA VENICE CHAPTER CON IL PATROCINIO DI 2 La famiglia COBIT 5 3 Aprile

Dettagli

Attuatore a relè Manuale di istruzioni

Attuatore a relè Manuale di istruzioni Attuatore a relè Manuale di istruzioni www.ecodhome.com 1 Sommario 3 Introduzione 4 Descrizione e specifiche prodotto 5 Installazione 6 Funzionamento 6 Garanzia 2 Introduzione SmartDHOME vi ringrazia per

Dettagli

Embedded Control con LabVIEW Real- Time e FieldPoint

Embedded Control con LabVIEW Real- Time e FieldPoint Embedded Control con LabVIEW Real- Time e FieldPoint Overview Modellizzazione e progetto di controllo Simulazione e tuning Estensione del concetto di controllo di sistema LabVIEW Real-Time Controllo discretizzato

Dettagli

Esercizi proposti di Fondamenti di Automatica - Parte 4

Esercizi proposti di Fondamenti di Automatica - Parte 4 Esercizi proposti di Fondamenti di Automatica - Parte 4 2 Aprile 26 Sia dato il sistema di controllo a controreazione di Fig. 1, in cui il processo ha funzione di trasferimento P (s) = 1 (1 +.1s)(1 +.1s).

Dettagli

Strumentazione e Controllo dei Processi Chimici I : Introduzione ai Sistemi di Controllo

Strumentazione e Controllo dei Processi Chimici I : Introduzione ai Sistemi di Controllo Strumentazione e Controllo dei Processi Chimici I : Introduzione ai Sistemi di Controllo Claudio Scali Laboratorio di Controllo dei Processi Chimici (CPCLab) Dipartimento di Ingegneria Chimica (DICCISM)

Dettagli

Famiglie di tabelle fatti

Famiglie di tabelle fatti aprile 2012 1 Finora ci siamo concentrati soprattutto sulla costruzione di semplici schemi dimensionali costituiti da una singola tabella fatti circondata da un insieme di tabelle dimensione In realtà,

Dettagli

up date basic medium plus UPDATE

up date basic medium plus UPDATE up date basic medium plus UPDATE Se si potesse racchiudere il senso del XXI secolo in una parola, questa sarebbe AGGIORNAMENTO, continuo, costante, veloce. Con UpDate abbiamo connesso questa parola all

Dettagli

ENPCOM European network for the promotion of the Covenant of Mayors

ENPCOM European network for the promotion of the Covenant of Mayors ENPCOM European network for the promotion of the Covenant of Mayors Censimento e monitoraggio dei consumi energetici e comportamento dei cittadini Controllo Energetico dei Consumi degli Edifici Monitoraggio

Dettagli

Introduzione. Classificazione delle non linearità

Introduzione. Classificazione delle non linearità Introduzione Accade spesso di dover studiare un sistema di controllo in cui sono presenti sottosistemi non lineari. Alcuni di tali sottosistemi sono descritti da equazioni differenziali non lineari, ad

Dettagli

Name on a passport, HANGTAG

Name on a passport, HANGTAG recagroup design architecture art cinema travel music food Name on a passport, HANGTAG A quick look at printing techniques for hangtags RECA GROUP The hangtag of a garment is its ID card, its passport,

Dettagli

You can visualize the free space percentage in Compact Flash memory from the MENU/INFO C.F. UTILITY-FREE SPACE page.

You can visualize the free space percentage in Compact Flash memory from the MENU/INFO C.F. UTILITY-FREE SPACE page. This release introduces some new features: -TUNE PITCH -FREE SPACE -TUNER -DRUMKIT EDITOR From the PARAM MIDI page, it is possible to modify the "TUNE PITCH" parameter, which allows you to tune up the

Dettagli

On Line Press Agency - Price List 2014

On Line Press Agency - Price List 2014 On Line Press Agency - Price List Partnerships with Il Sole 24 Ore Guida Viaggi, under the brand GVBusiness, is the official publishing contents supplier of Il Sole 24 Ore - Viaggi 24 web edition, more

Dettagli

Risposta temporale: esercizi

Risposta temporale: esercizi ...4 Risposta temporale: esercizi Esercizio. Calcolare la risposta al gradino del seguente sistema: G(s) X(s) = s (s+)(s+) Y(s) Per ottenere la risposta al gradino occorre antitrasformare la seguente funzione:

Dettagli

Guida utente User Manual made in Italy Rev0

Guida utente User Manual made in Italy Rev0 Guida utente User Manual Rev0 made in Italy Indice/Index Informazioni generali General Info... 3 Guida Rapida per messa in funzione Start Up procedure... 3 Login Login... 3 Significato dei tasti Botton

Dettagli

Mod. 1067 INTERFACCIA USB/KEY USB/KEY INTERFACE. Sch./Ref.1067/003

Mod. 1067 INTERFACCIA USB/KEY USB/KEY INTERFACE. Sch./Ref.1067/003 Mod. 1067 DS1067-019 LBT8388 INTERFACCIA USB/KEY USB/KEY INTERFACE Sch./Ref.1067/003 ITALIANO DESCRIZIONE GENERALE L interfaccia 1067/003 consente di collegare alla Centrale 1067/032 o 1067/042 (ver. 2.00

Dettagli

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORTI DIPENDENTI MINISTERO AFFARI ESTERI ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORT I DIPENDENTI MINISTE RO AFFARI ESTER I ATTESTATO

Dettagli

Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione

Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione Margini di stabilità Indicatori di robustezza della stabilità Margine di guadagno Margine di fase Stabilità regolare e marginale ed estensioni delle definizioni

Dettagli

Gestione, automazione e comunicazione. Quality of Service (QoS)

Gestione, automazione e comunicazione. Quality of Service (QoS) Corso di Laurea Magistrale di Ingegneria Elettrica Gestione, automazione e comunicazione dei sistemi elettrici AA 2014-15 Quality of Service (QoS) nella Smart Grid Francesco Benzi Versione in fase di revisione

Dettagli

AVVISO n.17252 25 Settembre 2007

AVVISO n.17252 25 Settembre 2007 AVVISO n.17252 25 Settembre 2007 Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : dell'avviso Oggetto : Modifiche alle Istruzioni al Regolamento IDEM: Theoretical Fair Value (TFV)/Amendments

Dettagli

Clicca sulle immagini di preview qui sotto per aprire e visualizzare alcuni esempi di presentazioni dinamiche create con Focusky:

Clicca sulle immagini di preview qui sotto per aprire e visualizzare alcuni esempi di presentazioni dinamiche create con Focusky: Focusky Focusky è l innovativo e professionale software progettato per creare resentazioni interattive ad alto impatto visivo e ricco di effetti speciali (zoom, transizioni, flash, ecc..). A differenza

Dettagli

Prova scritta di Controlli Automatici

Prova scritta di Controlli Automatici Prova scritta di Controlli Automatici Corso di Laurea in Ingegneria Meccatronica, AA 2011 2012 10 Settembre 2012 Domande a Risposta Multipla Per ognuna delle seguenti domande a risposta multipla, indicare

Dettagli

Unbounce Optimization

Unbounce Optimization Unbounce Optimization Alberto Mucignat Milano, 01 dicembre 2015 Doralab - Experience Design Company User Intelligence User Experience Design Business value 2 3 Full stack UX design Architettura dell informazione

Dettagli

Laboratorio di Amministrazione di Sistema (CT0157) parte A : domande a risposta multipla

Laboratorio di Amministrazione di Sistema (CT0157) parte A : domande a risposta multipla Laboratorio di Amministrazione di Sistema (CT0157) parte A : domande a risposta multipla 1. Which are three reasons a company may choose Linux over Windows as an operating system? (Choose three.)? a) It

Dettagli

La qualità vista dal monitor

La qualità vista dal monitor La qualità vista dal monitor F. Paolo Alesi - V Corso di aggiornamento sui farmaci - Qualità e competenza Roma, 4 ottobre 2012 Monitoraggio La supervisione dell'andamento di uno studio clinico per garantire

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA TEST REPORT

RAPPORTO DI PROVA TEST REPORT RAPPORTO DI PROVA TEST REPORT Titolo (Title): VIBRATION TEST ON FRIGOBOX T0056 Richiedente (Customer): Ente/Società (Dept./Firm): Sig. (Mr.): Indirizzo (Address): EUROENGEL S.R.L. C. SCAMARDELLA Via Ferrini,

Dettagli

ECVUSBO MANUALE DEL PRODOTTO DEVICE MANUAL

ECVUSBO MANUALE DEL PRODOTTO DEVICE MANUAL ECVUSBO MANUALE DEL PRODOTTO DEVICE MANUAL INDICE TABLE OF CONTENTS 1. Introduzione... pag. 3 1. Introduction... pag. 3 2. Requisiti di sistema... pag. 3 1. System requirements... pag. 3 3. Installazione...

Dettagli

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 Ingegneria del Software Testing Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 1 Definizione IEEE Software testing is the process of analyzing a software item to detect the differences between

Dettagli

Esaminiamo ora, più in dettaglio, questi 5 casi. Avv. Maurizio Iorio

Esaminiamo ora, più in dettaglio, questi 5 casi. Avv. Maurizio Iorio Normativa RAEE 2 e normativa sui rifiuti di Pile ed Accumulatori : gli obblighi posti in capo ai Produttori che introducono AEE, Pile e accumulatori in paesi diversi da quelli in cui sono stabiliti Avv.

Dettagli

Dry clutch for automated manual transmissions. University of Salerno Department of Industrial Engineering. Mechanical Engineering

Dry clutch for automated manual transmissions. University of Salerno Department of Industrial Engineering. Mechanical Engineering European Union University of Salerno University of Salerno Department of Industrial Engineering Ph.D. Thesis in Mechanical Engineering Cycle XII (2011-2013) Dry clutch for automated manual transmissions

Dettagli

13-1 SISTEMI A DATI CAMPIONATI: INTRODUZIONE. y(t) TMP. y k. Trasduttore. Schema di base di un sistema di controllo digitale

13-1 SISTEMI A DATI CAMPIONATI: INTRODUZIONE. y(t) TMP. y k. Trasduttore. Schema di base di un sistema di controllo digitale SISTEMI A DATI CAMPIONATI: INTRODUZIONE + e k u k u(t) r k C D/A P y k TMP A/D Trasduttore y(t) Schema di base di un sistema di controllo digitale A/D: convertitore analogico digitale C: controllore digitale

Dettagli

Appendice E - Appendix E PANNELLI FOTOVOLTAICI - PHOTOVOLTAIC PANELS

Appendice E - Appendix E PANNELLI FOTOVOLTAICI - PHOTOVOLTAIC PANELS Appendice E - Appendix E PANNELLI FOTOVOLTAICI - PHOTOVOLTAIC PANELS I sistemi mod. i-léd SOLAR permettono di alimentare un carico sia in bassa tensione 12-24V DC, sia a 230v AC, tramite alimentazione

Dettagli

UNI EN ISO 12944-6. Corrosion protection of steel structures by protective paint systems. Laboratory performance test for

UNI EN ISO 12944-6. Corrosion protection of steel structures by protective paint systems. Laboratory performance test for via di Marmiceto, 6/C-56016 Ospeetto PISA P.IVA 01115340505 CCIAA Pi 101169 Report n 2050451/5 UNI EN ISO 12944-6 Corrosion protection of steel structures by protective paint systems Laboratory performance

Dettagli

CONFIGURATION MANUAL

CONFIGURATION MANUAL RELAY PROTOCOL CONFIGURATION TYPE CONFIGURATION MANUAL Copyright 2010 Data 18.06.2013 Rev. 1 Pag. 1 of 15 1. ENG General connection information for the IEC 61850 board 3 2. ENG Steps to retrieve and connect

Dettagli

Decode NGS data: search for genetic features

Decode NGS data: search for genetic features Decode NGS data: search for genetic features Valeria Michelacci NGS course, June 2015 Blast searches What we are used to: online querying NCBI database for the presence of a sequence of interest ONE SEQUENCE

Dettagli

Capitolo 2. Un introduzione all analisi dinamica dei sistemi

Capitolo 2. Un introduzione all analisi dinamica dei sistemi Capitolo 2 Un introduzione all analisi dinamica dei sistemi Obiettivo: presentare una modellistica di applicazione generale per l analisi delle caratteristiche dinamiche di sistemi, nota come system dynamics,

Dettagli

Compatibilità del Portale Piaggio con Internet Explorer 10 e 11. Internet Explorer 10

Compatibilità del Portale Piaggio con Internet Explorer 10 e 11. Internet Explorer 10 Italiano: Explorer 10 pagina 1, Explorer 11 pagina 2 English: Explorer 10 page 3 and 4, Explorer 11 page 5. Compatibilità del Portale Piaggio con Internet Explorer 10 e 11 Internet Explorer 10 Con l introduzione

Dettagli

Orlando Allocca Regolatori standard

Orlando Allocca Regolatori standard A09 159 Orlando Allocca Regolatori standard Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06) 93781065 ISBN 978-88-548-4882-7

Dettagli

Examples of chemical equivalence

Examples of chemical equivalence hemical equivalence Two spins are chemically equivalent if: There is a symmetry operation that exchange their positions, or There is a dynamic process between two or more energetically equivalent conformations

Dettagli

TNCguide OEM Informativa sull introduzione di documentazione aggiuntiva nella TNCguide

TNCguide OEM Informativa sull introduzione di documentazione aggiuntiva nella TNCguide Newsletter Application 4/2007 OEM Informativa sull introduzione di documentazione aggiuntiva nella APPLICABILITÀ: CONTROLLO NUMERICO itnc 530 DA VERSIONE SOFTWARE 340 49x-03 REQUISITI HARDWARE: MC 420

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Regolatori PID Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1 Regolatori PID CENNI STORICI

Dettagli

Attuatore a relè Manuale di istruzioni

Attuatore a relè Manuale di istruzioni Attuatore a relè Manuale di istruzioni www.ecodhome.com 1 Sommario 3 Introduzione 4 Descrizione e specifiche prodotto 5 Installazione 6 Funzionamento 6 Garanzia 2 Introduzione SmartDHOME vi ringrazia per

Dettagli

GCE. Edexcel GCE Italian(9330) Summer 2006. Mark Scheme (Results)

GCE. Edexcel GCE Italian(9330) Summer 2006. Mark Scheme (Results) GCE Edexcel GCE Italian(9330) Summer 006 Mark Scheme (Results) Unit Reading and Writing Question Answer Testo.. B B C - A 4 Testo. a. passione che passione b. attrae c. sicuramemte d. favorito ha favorito

Dettagli

M12 X-4. Mixer Preamplifier MASTER 5 AUX TUNER TAPE CD 10-15 VOLUME BASS HIGH. MAINOUT 90-245V JACK 50/60 Hz 3 T1,25A. R 10 60-20 30 mic.

M12 X-4. Mixer Preamplifier MASTER 5 AUX TUNER TAPE CD 10-15 VOLUME BASS HIGH. MAINOUT 90-245V JACK 50/60 Hz 3 T1,25A. R 10 60-20 30 mic. M12 X-4 Mixer Preamplifier INPUT VOICE VOICE VOICE VOICE CH 1 PIOITY A CH PIOITY AUX TUNE TAPE CD MASTE STEEO MAINOUT M12 X-4 1 1 1 1 1 1-1 +1-1 +1 1 1 1 CHANNE 1 CHANNE 2 CHANNE 3 CHANNE4 SOUCES VOUME

Dettagli

norme BS 88 BS 88 standards fusibili e portafusibili norme bs 88 FuSeS and FuSeHolDeRS

norme BS 88 BS 88 standards fusibili e portafusibili norme bs 88 FuSeS and FuSeHolDeRS fusibili e portafusibili norme bs 88 FuSeS and FuSeHolDeRS BS 88 StanDaRDS norme BS 88 BS 88 standards Fusibili BS 88 extrarapidi - Tensione nominale 240V 158 High speed BS 88 fuses - Rated voltage 240V

Dettagli

Microscopi digitali con Tablet PC B-190TB

Microscopi digitali con Tablet PC B-190TB Microscopi digitali con Tablet PC B-190TB La serie B-190 è il risultato di una perfetta fusione tra anni di esperienza nel settore microscopia e uno studio di design raffinato. Questa serie rappresenta

Dettagli