Market-Driven Management, Competitive Customer Value ed economia d impresa globale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Market-Driven Management, Competitive Customer Value ed economia d impresa globale"

Transcript

1 Market-Driven Management, Competitive Customer Value ed economia d impresa globale Silvio M. Brondoni * Abstract Il market-driven management è una strategia aziendale che presuppone il confronto diretto e continuo con i concorrenti, in una logica di customer value management. Il market-driven management privilegia quindi una visione outside-in, articolata su l individuazione di offerte con valore più alto dei competitor per provocare l incontro con la domanda ( Prima e meglio dei competitor ). Nei mercati globali e in eccesso di offerta, il successo delle imprese market-driven è condizionato dalla intensità di presenza e dal livello di sofisticazione delle risorse immateriali d impresa (corporate intangible assets), cioè di quelle particolari capacità gestionali che riguardano il patrimonio di marca, il sistema informativo aziendale e la cultura d impresa. Keywords: Market-Driven Management; Concorrenza globale; Economia d impresa globale; Patrimonio di marca; Sistema informativo aziendale; Cultura d impresa. 1. Market-Driven Management: Prima e meglio dei competitor Il market-driven management è una strategia aziendale che presuppone il confronto diretto e continuo con i concorrenti, in una logica di customer value management 1. Il market-driven management è adottato dalle imprese che competono nei mercati aperti e riformula il tradizionale approccio di marketing management, introdotto negli anni 50 da Alfred P. Sloan di GM per vincere la supremazia della product orientation imposta negli anni 30 da Henry Ford con la leggendaria modello T nera. Il marketing management, infatti, presuppone la conoscenza della domanda (e soprattutto dei suoi segmenti), per poter offrire un prodotto in grado di occupare un dato spazio di mercato. Con il marketing management, quindi, il processo gestionale parte dalla domanda, per definire poi i caratteri di un prodotto destinato a colmare uno specifico vuoto di offerta (spazio di mercato) che tende ad essere stabile per tempi non brevi. Con il market-driven management, invece, l orientamento al mercato è innanzitutto volto ad individuare un temporaneo spazio di concorrenza, cioè un vuoto di domanda da rendere altamente instabile nei volumi di vendita e nelle attese della clientela per effetto di continue proposte innovative. In altri termini, il processo di gestione market driven presuppone che, prima di tutto, l impresa si focalizzi sulla concorrenza (market-space) per individuare temporanee opportunità di domanda (bubble demand), scegliendo poi le caratteristiche di prodotto più aderenti alle attese della domanda, al fine di predisporre contingenti (ma forti) vantaggi differenziali di offerta (competitive pricing, prima e meglio dei concorrenti) 2. In sintesi, come ha indicato l impianto teorico di Kenichi Ohmae, il market-driven management è indispensabile per competere nei mercati saturi e dominati da una clientela instabile e poco fedele 3. * Professore Ordinario di Economia e Gestione delle Imprese e Coordinatore ISTEI, U- niversità degli Studi di Milano-Bicocca

2 16 2. Market-Driven Management e Competitive Customer Value La strategia di market-driven management (dominata dal customer value e dal confronto diretto e continuo con i concorrenti) si è sviluppata con la globalizzazione a partire dagli anni 80, soprattutto per effetto delle numerose innovazioni introdotte da Toyota e da altre aziende leader giapponesi (lean production; just in time; total quality; mass customisation; bubble demand management) 4. In particolare, nei mercati globali, contraddistinti da consumatori sempre più volubili e non fedeli, la gestione market-driven risulta molto attrattiva perché privilegia: 1. attività incentrate sulla redditività di concorrenza, anziché sulla semplice customer satisfaction 5, 2. politiche di mercato basate su innovazione e competitive pricing, per stimolare all acquisto clienti incerti e instabili 6, 3. e infine, metriche di performance con un orizzonte anche di brevissimo periodo 7. Il market-driven management esalta quindi nuovi comportamenti di acquisto, che enfatizzano il competitive customer value, in cui la domanda finale tende a non collocarsi più alla fine della catena delle transazioni, con una posizione marginale, passiva e condizionabile nelle scelte con limitati investimenti di marketing. Al contrario, la domanda si pone in una relazione di circolarità con il trade ed i produttori, esprimendo nuovi modelli di acquisto, basati su comportamenti non-fedeli, che si affiancano ai noti meccanismi di fedeltà 8. Nelle organizzazioni market-based, la cultura d impresa impone a tutte le funzioni aziendali (produzione, vendite, programmazione e controllo, marketing e finanza) di far meglio dei concorrenti e di essere anticipative con una gestione outside-in, basata sull offerta di beni con un valore più alto dei competitor e sull acquisizione time-based di conoscenze dal mercato 9. La gestione d impresa con un orientamento market-driven si qualifica pertanto con: - una dimensione culturale, con norme e valori (corporate responsibility) coerenti con la complessità e la trasparenza dei mercati globali 10 ; - una dimensione di analisi, basata sul continuo monitoraggio del sistema di concorrenza e sostenuta da flussi pull/push di comunicazione aziendale 11 ; - e, da ultimo, una dimensione operativa, dove il tempo è il fattore critico di successo per gestire una variabilità redditizia della domanda Mercati globali e Market-Driven Management La globalizzazione e i nuovi confini di concorrenza impongono alle imprese una nuova filosofia di gestione competitiva orientata al mercato (market-driven management), in cui predomina il competitive customer value management, cioè la vendita ad aggregati instabili di clientela (bubble demand) con un confronto diretto e continuo con i concorrenti 13. In effetti, la gestione market-driven delle imprese che operano con una visione di economia globale si caratterizza per:

3 17 - attività organizzate su mercati (ossia con riferimento diretto prima ai concorrenti, e poi alla domanda), anziché focalizzate sulla customer satisfaction di segmenti di domanda (con un ruolo subordinato alla dimensione competitiva); - politiche di mercato basate sull innovazione continua, per soddisfare domande mutevoli e instabili; - e, infine, nuove metriche di valutazione dei fattori-chiave di concorrenza (soprattutto immateriali) che determinano le performance d impresa. Il market-driven management assume rilevanza critica nello sviluppo delle imprese che si confrontano nei mercati aperti, dove l orientamento competitivo parte dal basso, per forzare l incontro tra offerta e domanda, generando transazioni ed al contempo flussi di comunicazione (push/pull communication) 14. Le organizzazioni market-based sono infatti molto orientate alla comunicazione e permeabili alle informazioni, ed inoltre presuppongono che tutte le funzioni aziendali (produzione, vendite, programmazione e controllo, marketing e finanza) siano: coscienti delle condotte dei concorrenti; anticipative delle attese della domanda; ed infine, determinate a proporre soluzioni oltre i compiti delle singole funzioni e gli spazi fisici di concorrenza naturale 15. Il market-driven management privilegia quindi una visione outside-in, articolata su: l individuazione di offerte con valore più alto dei competitor per provocare l incontro con la domanda; la creazione del valore massimo pro tempore progettando e offrendo beni a specifiche bolle di domanda; ed infine l acquisizione time-based di utili conoscenze di mercato. La gestione d impresa market-driven si qualifica pertanto con: una dimensione culturale, con norme e valori di condotta (corporate responsibility) coerenti con la complessità e la trasparenza dei mercati globali; una dimensione di analisi basata sul continuo monitoraggio del sistema di concorrenza secondo una moderna economia d impresa in condizioni d instabilità; ed, infine, una dimensione di azione, dove il tempo è il fattore vitale (time-based competition), in una logica di gestione d impresa orientata alla mutabilità delle relazioni di domanda e offerta. 4. Economia d impresa globale, Market-Driven Management e risorse immateriali Corporate L economia d impresa globale si interfaccia con molteplici spazi di competizione, contraddistinti da differenti intensità di concorrenza e quindi la gestione d impresa market-driven risulta riferita ad un sistema complesso di ambiti, connotati da specifiche condizioni competitive, che tipicamente si possono sintetizzare in: - condizioni di scarsità di offerta (D>O), dominate da forme di mercato monopolistiche, con una economia d impresa focalizzata su price competition e su mercati locali; - condizioni di domanda e offerta in equilibrio dinamico (D O), ovvero mercati in oligopolio statico e con concorrenza controllata, dove l economia d impresa manifesta una diffusa internazionalizzazione e

4 18 politiche di non-price competition (tipicamente utilizzando advertising e sales promotion); - condizioni di eccesso di offerta (D<O), riferite a mercati in oligopolio dinamico, in cui l economia d impresa enfatizza la centralità delle risorse immateriali (corporate intangibile assets e product intangibile assets), la globalizzazione dei mercati e la criticità di una innovazione continua per la domanda intermedia e la domanda finale. La globalizzazione dei mercati evidenzia un profondo ripensamento della filosofia di sviluppo di lungo periodo delle grandi imprese-leader, che tendono a contemperare la crescita dei volumi offerti (supply-driven management) con una focalizzazione prioritaria alla concorrenza ed al soddisfacimento della domanda (market-driven management). Un debole orientamento al mercato, può infatti minare la forza competitiva d impresa, per il manifestarsi di: eccessi di centralizzazione decisionale; una progressiva insensibilità alle opportunità dei mercati locali; un attuazione burocratica delle strategie corporate a livello locale; il danneggiamento dell immagine di marca 16 ; il deterioramento del patrimonio di marca (brand equity) 17. La globalizzazione, in particolare, impone l abbandono del riferimento competitivo ad un dominio chiuso, coincidente con particolari contesti fisici o amministrativi (una categoria di prodotto, un paese, una regione, un area geografica, ecc.) 18. Nei mercati globali si superano i tradizionali schemi di concorrenza, focalizzati sulla semplice espansione dei volumi delle vendite di dati prodotti in definite aree geografiche, e le politiche di sviluppo privilegiano la customer satisfaction a forte sensibilità competitiva, che apre le classi di prodotto e stimola una ricerca di incroci innovativi tra vuoti di offerta e bisogni non soddisfatti della domanda. In realtà, la competizione nei mercati globali configura uno spazio multidimensionale, per cui un determinato ambito geografico può comportare la concomitante presenza di competitors molto diversi. Inoltre, le condotte di concorrenza sono ulteriormente rivoluzionate in quanto devono prevedere: mercati saturi e domande molto volatili; condizioni di time-based competition ; ed infine processi di comunicazione che condizionano vendite e produzione. In questo ambito la logica di concorrenza diviene First Community, Second Business, ovvero prima si vende e poi si produce, con lo stravolgimento delle tradizionali condotte competitive (tipiche di mercati non saturi, con lenti processi imitativi e dove la comunicazione segue produzione e vendita) sintetizzate nel modello First Business, Second Community, in pratica prima si produce e poi si vende. In altri termini, un nuovo approccio competitivo, con un sovvertimento di ordine gerarchico tra customer satisfaction e produzione: i beni si realizzano infatti solo quando sono noti livello e intensità delle opportunità di vendita e grado di soddisfazione richiesta dagli acquirenti. Una concezione prettamente fisica dello spazio di competizione risulta pertanto primitiva e limitativa rispetto a piani di concorrenzialità in cui specifici contesti geografici sono demandati ad esprimere peculiari vantaggi competitivi parziali (cioè riguardanti la produzione, il marketing, la R&D,

5 19 ecc.), da coordinare in un più vasto sistema di operatività e di redditività (market-space management). L evoluzione della struttura dello spazio competitivo trova ulteriore riscontro nella drastica riduzione dei tempi di azione e reazione concorrenziale. L estensione dei fronti di concorrenza e la necessità di disporre di un sistema di informazioni coerente con ridotti intervalli decisionali determina infatti orizzonti competitivi di brevissimo periodo, riferiti ad una molteplicità di oggetti (prodotti, prezzi, azioni promozionali, ecc.), su cui occorre decidere anche in simultanea ed in tempo reale, con una molteplicità di soggetti 19. Lo sviluppo d impresa presuppone pertanto innovativi rapporti spaziotemporali di concorrenza, che più precisamente riguardano: - tempi decisionali brevissimi, sulla base di una concorrenza timebased, con la riduzione dei tempi burocratici di non-azione; - spazi di concorrenza legati all attrattività ed alla capacità di soddisfazione del business e quindi non condizionati da confini geografici fisici e da vincoli di giurisdizione del management locale. I mercati globali, in sintesi, impongono alle imprese di confrontarsi con confini di concorrenza in cui: 1. lo spazio diviene per l impresa un fattore di competizione (marketspace competition), che si qualifica con caratteri dinamici e instabili, per la variabilità indotta dalla continua innovazione dell offerta e per la selettività crescente della domanda; 2. le condotte competitive aziendali sono dominate da coordinate spaziali complesse (market-space management), risorse immateriali di prodotto (che definiscono la gestione dell impresa globale, tipicamente costituiti da: design; marca; servizi pre-vendita; servizi postvendita) 20 e risorse immateriali corporate (specificamente riguardanti l economia d impresa globale e riferite a cultura d impresa, sistema informativo aziendale e patrimonio di marca), per la presenza di imprese che operano in diverse aree geografiche, con prodotti molto differenziati e con dissimili rapporti di immaterialità/materialità (che in concreto individuano differenti situazioni di competitività, definibili in prima approssimazione come: economie di scarsità; economie con concorrenza controllata, con domanda e offerta in equilibrio dinamico; ed infine, economie in eccesso di offerta. Nei mercati ad elevata tensione competitiva, peraltro, lo sviluppo duraturo d impresa non dipende primariamente dai volumi o dalle connotazioni di singoli prodotti (facilmente imitabili nelle caratteristiche tangibili e con fattori intangibili di offerta product intangible assets contraddistinti da un altissima volatilità delle spese di marketing) 21. Nei mercati globali e in eccesso di offerta, infatti, il successo di impresa è piuttosto condizionato dalla intensità di presenza a dal livello di sofisticazione delle risorse immateriali d impresa (corporate intangible assets), cioè di quelle particolari capacità gestionali che riguardano l insieme delle conoscenze accumulate ed il complesso dei canali che permettono l acquisizione delle informazioni vitali per l azienda.

6 20 5. Market-Driven Management e sistema delle risorse immateriali Corporate nell economia dell impresa globale Le risorse immateriali corporate governabili dall impresa si ricollegano a: l affermazione e il consolidamento di una specifica cultura dell organizzazione 22 ; la progettazione e la gestione del sistema informativo aziendale; ed infine la creazione e lo sviluppo di un definito patrimonio di marca (brand equity). Le singole risorse immateriali (patrimonio di marca, sistema informativo e cultura d impresa) in realtà costituiscono un sistema strettamente integrato, dove cioè ciascuna componente intangibile trae valore dalle altre e ad esse si connette in vario modo. Inoltre, la valutazione in sistema delle risorse immateriali di impresa implica che l'insieme individuato non sia circoscritto alla semplice somma degli elementi che lo costituiscono, ma si componga anche delle interazioni che tra di essi si sviluppano. In tal modo, cultura d impresa, sistema informativo e patrimonio di marca, se considerati come elementi costitutivi di un sistema, attribuiscono valore all impresa cui appartengono non solo in via autonoma, ma soprattutto in quanto sono in relazione tra loro. La struttura descritta è rappresentata in Figura1, dove si evidenzia il cosiddetto sistema delle risorse immateriali d impresa. Il sistema dei corporate intangible asset costituito da cultura d impresa, sistema informativo e patrimonio di marca propone alcuni aspetti-chiave: - le singole risorse immateriali devono essere sviluppate, mediante investimenti specificamente destinati allo sviluppo; - l immaterialità che contraddistingue i corporate intangibile asset ne complica certamente la rappresentabilità, ma non esclude in alcun modo la necessità di valutare l efficacia degli investimenti ad esse dedicati 23 ; - le risorse immateriali richiedono tempo per essere costituite quindi occorre tempo anche per apprezzare l economicità delle scelte di gestione indirizzate al loro sviluppo; - in quanto parti di un sistema, non è possibile prospettare il mantenimento delle singole risorse, una volta che esse siano state estratte dal contesto in cui e per cui sono state sviluppate, per essere inserite in differenti sistemi di risorse, ad esempio per effetto di fusioni di imprese. Le precedenti considerazioni attribuiscono rilievo centrale alle interrelazioni che si sviluppano tra le risorse immateriali e spiegano i fondamenti dei processi di governo di un sistema aziendale di risorse immateriali nell economia di un impresa globale, senza condizionamenti fisici di competitività e con un prioritario orientamento al competitive customer value (market-space management). In effetti, gli intangible asset sopra indicati consentono la gestione di strutture aziendali complesse (network) 24 e quindi, ad esempio, un impresa può affermare un identica cultura aziendale in differenti paesi, mentre non sono trasferibili da un impresa all altra poiché, in realtà, sono cedibili solo gli elementi tangibili delle risorse indicate 25.

7 21 Figura 1: Sistema delle risorse immateriali d impresa Cultura d'impresa Comunicazione aziendale Sistema informativo Brand Equity Performance aziendale Fonte: S.M. Brondoni, M. Gatti, M. Corniani, Cultura d impresa, Intangible Assets e modelli di concorrenza, ISTEI, Progetto Comunicazione Aziendale, cit. 5.1 Market-Driven Management e cultura d impresa La criticità della cultura d impresa è oggi particolarmente evidente nelle grandi corporation. Le imprese di maggiori dimensioni, infatti, si confrontano con la globalizzazione secondo una concezione di spazio di concorrenza che supera i confini della fisicità e risulta ampliato dallo sfruttamento di potenzialità non materiali (market-space competition) 26. In questo contesto di spazio competitivo aperto, la cultura d impresa si sviluppa nell organizzazione aziendale con una operatività pervasiva, enfatizzata ed accelerata dalle potenzialità delle nuove reti di comunicazione, quali: Internet (cioè, una rete pubblica, mondiale, con libero accesso); Intranet (ovvero reti private aziendali, utilizzabili solo dai dipendenti); E- xtranet (ossia l estensione di date reti Intranet al di fuori dell azienda, per il coinvolgimento di specifiche imprese co-makers). Nelle organizzazioni complesse orientate a superare gli ambiti fisici di concorrenza (market-space management) appare quindi evidente la centralità della cultura d impresa nel governo del sistema delle relazioni interne, esterne e di co-makership, dal momento che queste relazioni si basano su una stretta e diffusa interattività, realizzabile in tempo reale e senza condizionamenti di spazio fisico. La globalizzazione dei mercati e l affermazione di un modello di economia d impresa globale (con il superamento degli ambiti fisici e geografici di operatività e con l adozione di una visione sistemica delle risorse immate-

8 22 riali) impone l evoluzione della cultura organizzativa 27 in una più complessa cultura d impresa, enfatizzandone le finalità competitive e le componenti di sviluppo esterno 28. In effetti, la cultura d impresa assume connotazioni più ampie di quella meramente organizzativa, correlandosi alla personalità d impresa e tendendo pertanto a permeare ogni espressione e manifestazione della vita dell organizzazione, sia all interno sia nei riguardi dell ambiente esterno. Le organizzazioni che operano con complessi rapporti di mercato presentano una cultura d impresa articolata, con una dimensione interna interfacciata con numerosi altri livelli di responsabilità della gestione del consenso (Figura 2) 29, specificamente riguardanti: dimensione interna dipendenti dimensione di networking co-makers e partners dimensione di integrazione global markets dimensione di trasparenza 30 shareholders & finance dimensione di Corporate Ethics 31 government e media dimensione di Brand Responsibility 32 domanda intermedia e finale. Figura 2: Le dimensioni della cultura d impresa La cultura aziendale esprime pertanto la corporate identity (personalità d impresa), nei rapporti con l ambiente esterno (clienti; intermediari; concorrenti) e soprattutto all interno della struttura, nei confronti delle molteplici u- nità operative del network, articolate per tipologia di rapporto (dipendenti; co-makers; partners), diffuse nello spazio, ma comunque orientate a comportamenti omogenei (superando quindi le specificità di condotta locali) e sincroni a livello internazionale (ovvero con tempi di azione/reazione indipendenti dalla collocazione geografica) 33.

9 23 Nei rapporti esterni, in particolare, la personalità d impresa contribuisce fortemente a determinare l immagine, ossia i caratteri differenziali competitivi di un organizzazione. Clienti, azionisti, finanziatori, fornitori, autorità pubbliche 34 distributori, concorrenti, ecc., sulla base dei rapporti instaurati concorrono essi stessi a determinare il profilo d immagine, che valutano in continuo rispetto a propri schemi percettivi e cognitivi. L immagine è infatti la risultante della rielaborazione, da parte dei principali gruppi di interlocutori (key-opinion makers), di un complesso di segnali che, veicolati direttamente dall impresa o provenienti da altre fonti (media, concorrenti, consumatori, finanziatori, ecc.), contribuiscono a qualificare, con specifiche valenze, il profilo dell azienda. Nell economia globale d impresa, al livello interno della organizzazione, la personalità d impresa è finalizzata ad affermare un elevata identificazione, per realizzare un forte allineamento di obiettivi, interessi e comportamenti 35. Un simile allineamento esplicita i valori-guida e le regole di condotta dell azienda, ponendo le basi per agire unitariamente nel raggiungimento di finalità comuni; ad evidenza senza i connotati tipici (sociali, formativi, etnici, religiosi, ecc.) delle strutture locali e configurando il passaggio dal Product Management e dal Country Management al Key-People Management, che focalizza le risorse-chiave su un numero ridotto di persone, con profili molto aderenti ad una mission d impresa globale e dunque svincolati da appartenenze geografiche statiche Market-Driven Management e sistema informativo aziendale Nelle imprese che assumono lo spazio di operatività come un fattore competitivo (market-space competition) 37, anche il sistema informativo individua una risorsa immateriale critica, le cui connotazioni discendono dalla cultura dominante nell organizzazione 38. Uno spazio di operatività vasto e mutevole presuppone lo sviluppo di continue interrelazioni propositive e a tale scopo il sistema informativo costituisce il tramite necessario per la valutazione critica delle potenzialità e dei limiti che si manifestano all esterno ed all interno di un organizzazione strutturata a rete per operare sui mercati globali. Il processo di gestione dei flussi di comunicazione sulla base di sistemi informativi evoluti permette di acquisire e di diffondere in continuo, all interno di strutture organizzative complesse ed articolate, informazioni e dati che interagiscono con il complesso delle conoscenze esistenti. In un ottica di gestione competitiva dello spazio (market-space management), la cultura d impresa diviene in realtà centrale nel configurare il sistema informativo come strumento di governo dei flussi di comunicazione interni ed esterni e di conseguenza stabilisce al di là di confini geografici ed amministrativi le linee di integrazione e di adattamento che (in rapporto ad una specifica comunque unica e non replicabile identità aziendale) consentono ad un organizzazione di porsi in sintonia con i molteplici ambienti in cui opera 39. La globalizzazione dei mercati e la crescente volatilità delle preferenze di prodotto modificano profondamente le regole del gioco competitivo: i prodotti ad elevata differenziazione di marketing risultano infatti ad alta redditività solo per le organizzazioni che dispongono di conoscenze e di capacità per

10 24 intercettare la variabilità della domanda e quindi per creare continue nicchie di consumo (bubble demand) 40, arrivando per prime a soddisfarle (time-tomarket) e ottenendo un consistente reddito con l abbandono tempestivo della bolla di domanda (time competition) 41, all arrivo dei concorrenti-imitatori. Nei contesti ad elevata intensità competitiva, il sistema informativo assume notevole rilevanza nella gestione delle cosiddette bolle di domanda e nella determinazione dei prezzi orientati alla concorrenza (competitive pricing) 42. Nei mercati globali ad alta intensità competitiva, la stabilità ripetitiva degli acquisti viene infatti a mancare e si accentua la presenza di una nonfedeltà di comportamento. In altri termini, uno stato di discontinuità da governare mediante l obsolescenza di offerta e l innovazione continua di prodotto, pianificata sulla base delle disponibilità della clientela (monitorata con tecniche e strumenti nuovi, come competitive intelligence, data mining 43, fidelity card, ecc.), frammentando domande preesistenti e ricomponendole in gruppi instabili di acquirenti, variamente sensibili al prezzo ma comunque molto aperti all informazione e alla comunicazione. La non-fedeltà si esprime con una valutazione critica del valore di specifici prodotti, in relazione al sistema di offerta di particolari punti di vendita in dati momenti. La decisione di acquisto può pertanto modificarsi radicalmente nel tempo e/o nello spazio oppure tardare a manifestarsi, con il rinvio dell acquisto dal momento che tende ad ottimizzare informazioni mutevoli sul valore differenziale del bene (brand benefit) e, congiuntamente, sulla specificità di vantaggio del luogo di acquisto (outlet benefit). La non-fedeltà pone in discussione i meccanismi di inerzia tipici della fedeltà (brand con valori stabili, vendute in un ridotto numero di punti di vendita) e induce i produttori e il trade ad attivare programmi di fidelizzazione, che inseguono proprio la domanda non-fedele con proposte allettanti, per costruire una relazione dinamica di acquisto ( stop & go ) da canalizzare in un sistema di punti di vendita reali e virtuali, comunque integrati in una logica di market-space competition. La fidelizzazione sfrutta quindi i vantaggi redditizi, ma volatili tipici delle relazioni di non-fedeltà, e per questo scopo richiede massicci investimenti. Investimenti che l industria di marca deve finalizzare al sistema informativo e allo sviluppo dei fattori immateriali di prodotto (brand responsibility, product design, merchandising). Il trade è chiamato invece ad effettuare costanti ed elevati investimenti nel sistema informativo aziendale per disporre di conoscenze molto aggiornate sul comportamento d acquisto della domanda finale nell ambito di un sistema molto differenziato di offerta (network) Market-Driven Management e patrimonio di marca Da ultimo, l economia d impresa globale con una gestione fortemente orientata alla competizione (market-driven management) riscontra un fondamentale fattore di sviluppo nel patrimonio di marca (brand equity). Il patrimonio di marca sintetizza gli effetti delle azioni di comunicazione condotte da un impresa per lo sviluppo della relazione di mercato di una marca (brand) e di conseguenza definisce anche lo stato del vantaggio competitivo di cui l impresa dispone con dati mercati per specifiche offerte.

11 25 In un ottica di market-space competition, il patrimonio di marca può essere sfruttato per il superamento degli ambiti fisici di competitività sotto differenti angolazioni, che in alcuni casi privilegiano il valore potenziale di specifiche marche (ad esempio, con politiche di Brand Extension e di Brand Portfolio), mentre in altre fattispecie focalizzano la forza di una marca per lo sviluppo dell azienda nel suo complesso (tipicamente mediante politiche di franchising, licensing e cornering). In effetti, l allargamento dei confini di concorrenza (market-space competition), sulla base del patrimonio di marca di specifiche offerte aziendali, può essere sviluppata mediante il ricorso al portafoglio di marca (Brand Portfolio) 45. Peraltro la politica di estensione della marca (Brand Extension) a differenti classi di prodotto. rappresenta una strategia naturale di espansione dello spazio competitivo per le imprese che perseguono uno sviluppo aziendale mediante la valorizzazione di determinate risorse immateriali d impresa, da destinare alla penetrazione in nuove aree di attività (categorie di prodotto). Il controllo di spazi globali di competizione può essere mantenuto anche da un network nel suo complesso, cioè indipendentemente da specifiche offerte e piuttosto correlatamente ad un patrimonio di marca riferito ad una determinata corporate brand. In proposito, tipici strumenti possono essere individuati in: franchising 46, licensing e cornering. Nei mercati globali, in particolare, i caratteri di flessibilità spaziale tipici del franchising risultano ulteriormente avvalorati e quindi preziosi per lo sviluppo. Infatti, i benefici connessi alla localizzazione e all esclusività geografica perdono drasticamente di importanza, mentre divengono critici peculiari fattori immateriali di competizione, quali: la notorietà di insegna (e quindi l entità e la continuità delle spese promozionali); l articolazione e la diversificazione per tipologia di offerta degli affiliati (per gestire l ottimizzazione di quantità vendute, invendute e invendibili); la coerenza tra immagine di insegna e politica di comunicazione integrata degli affiliati; ed infine la sofisticazione degli strumenti informativi e di coordinamento organizzativi, soprattutto per lo sviluppo di comportamenti, valori e cultura d impresa. Una gestione di impresa orientata al superamento dei vincoli fisici di concorrenza può essere perseguita anche con il licensing, cioè con la cessione temporanea dei diritti di uso di un marchio (Trade Mark) 47. In passato, il licensing si limitava allo sfruttamento commerciale dei marchi con vasta notorietà, per integrare l attività caratteristica d impresa con ricavi addizionali di varia entità. In realtà, il licensing può essere considerato come un attività di valorizzazione del patrimonio di marca e soprattutto come uno strumento per e- stendere le valenze competitive di notorietà e di immagine di una marca in settori diversi dal core business d impresa 48. Da ultimo, lo spazio competitivo d impresa può essere accresciuto anche con il ricorso al cornering; cioè con la cessione, da parte di un retailer, di spazi (o più propriamente, di condizioni) di vendita a favore di un produttore, sviluppando un azione sinergica tra insegna e marca. Il cornering, nella sua forma più tradizionale e diffusa, consente infatti ai distributori ed ai produttori di ampliare i rispettivi confini di concorrenza. Il cornering peraltro definisce nuovi confini di concorrenza (market-space

12 26 competition) tra retailer e produttori anche con forme più innovative, cosiddette di virtual cornering. Queste (pur prevedendo sempre un contratto e la negoziazione di condizioni di presenza, un minimo garantito, provvigioni pro-quota sul fatturato e tempi contrattuali con scadenze fisse e rinnovabili) si estendono in effetti decisamente nelle configurazioni immateriali di competizione ad esempio con l ausilio interattivo di chioschi multimediali, web windows, data base mailing, ecc. contribuendo a delineare nuovi rapporti industria-distribuzione, con inediti rapporti tra vendita di beni e servizi presale / aftersale e soprattutto con enormi flussi di push/pull communication) 49. Note 1 Cfr. Silvio M. Brondoni, Ouverture de Market-Driven Management e mercati globali 1, Symphonya.Emerging Issues in Management (), n. 1, Cfr. Silvio M. Brondoni, Il Market-Driven Management nell economia d impresa globale, in Nadia Olivero, Vincenzo Russo, Manuale di psicologia dei consumi, McGraw Hill, Milano, 2009; Roger J. Best, Market-Based Management, Prentice Hall, Upper Sadle River, 2004; Frederick E. Webster, Market-Driven Management, John Wiley & Sons, New York, 2002;Jean-Jacques Lambin, Silvio M. Brondoni, Ouverture de Market-Driven Management, Symphonya.Emerging Issues in Management (), n. 1, ; Jean-Jacques Lambin, Market-Driven Management, McGraw-Hill, London, 2000; Gaetano M. Golinelli, L approccio sistemico al governo d impresa, vol. 1, L impresa sistema vitale, CEDAM, Padova, 2000; George, S. Day, The Market-Driven Organization, The Free Press, New York, 1999; George S. Day, The Market-Driven Strategy, The Free Press, New York, Cfr. Kenichi Ohmae, Globalization, Regions and the New Economy, UCLA, Center for Globalization and Policy Research, Working Paper n.1, January Cfr. Taiichi Ohno, Toyota Production System: Beyond Large Scale Production, Productivity Press, Shelton, Cfr. Silvio M. Brondoni, Ouverture de Eccesso di offerta e mercati globali-1, Symphonya.Emerging Issues in Management (), n. 1, Cfr. Silvio M. Brondoni, Ouverture de Eccesso di offerta e mercati globali-2, Symphonya.Emerging Issues in Management (), n. 2, Cfr. Silvio M. Brondoni (ed.), Cultura di network performance e dinamiche competitive, Giappichelli, Torino, Cfr. Jean-Jacques Lambin, La nuova complessità del mercato globale,in Silvio M. Brondoni (ed.), Market-Driven Management e mercati globali, Giappichelli, Torino, Cfr. Elisa Arrigo, Federica Codignola, Imprese globali e Cross-Cultural Management, in Silvio M. Brondoni (ed.), Cultura di network performance e dinamiche competitive, cit. 10 Cfr. Elio Borgonovi, Valore economico sostenibile nella società globale: regole e comportamenti aziendali, Symphonya.Emerging Issues in Management (), n. 2, 2007; Enrico Cavalieri, Etica e responsabilità sociale nelle imprese, Symphonya.Emerging Issues in Management (), n. 2, 2007; Cosetta Pepe, Valori e relazioni d impresa nelle filiere globali, Symphonya.Emerging Issues in Management (), n. 2, 2007; Antonella Zucchella, La responsabilità sociale nelle reti d impresa, Symphonya.Emerging Issues in Management (), n. 2, 2007; Clara Caselli, Etica e responsabilità d impresa nelle relazioni internazionali, Symphonya.Emerging Issues in Management (), n. 1, 2003; Daniela M. Salvioni, Corporate Governance e responsabilità d impresa, Symphonya.Emerging Issues in Management (), n. 1, 2003; Vincenzo Tassinari, La filiera socialmente responsabile. Il caso Coop Italia, Symphonya.Emerging Issues in Management (), n. 1, 2003; Silvio M. Brondoni, Ouverture de Responsabilità d impresa e Market-Space Competition, Symphonya.Emerging Issues in Management (), n. 1, 2003.

13 27 11 Cfr. Margherita Corniani, Comunicazione digitale, sistema informativo e Market-Driven Management, in Silvio M. Brondoni (ed.), Market-Driven Management e mercati globali, Giappichelli, Torino, 2007; Margherita Corniani, Digital Marketing Communication, Symphonya.Emerging Issues in Management (), n. 2, Cfr. Elisa Rancati, Il tempo nelle imprese orientate alla concorrenza, in Silvio M. Brondoni (ed.), Market-Driven Management e mercati globali, cit. 13 Cfr. Silvio M. Brondoni, Market-Driven Management e neoprotezionismo, MARK UP, giugno 2005; Silvio M. Brondoni, Market-Driven Management: meglio e prima dei competitor, MARK UP, luglio-agosto 2005; Gaetano M. Golinelli, Mauro Gatti, L impresa sistema vitale. Il governo dei rapporti intersistemici, Symphonya.Emerging Issues in Management (), n. 2, Il market-driven management configura una politica di mercato specificamente in grado di contrastare le misure nazionali di protezionismo. Ad esempio, le catene distributive francesi e tedesche si scontrano spesso con le norme degli Stati-nazione per la tutela dal made in China ; tuttavia, le misure di difesa protezionistica sono in realtà deboli -come quelle già adottate in Europa negli anni 60 per contrastare (appunto, invano) l invasione delle moto giapponesi- perché basate su matrici di concorrenza elementare (fondate sulla semplice difesa delle produzioni nazionali, senza riferimento ai differenziali di capacità di concorrenza ed alle abilità di soddisfacimento della domanda). Cfr. Silvio M. Brondoni, Ouverture de Market-Driven Management e mercati globali 2, Symphonya.Emerging Issues in Management (), n. 2, Cfr. Frederick E. Webster, Market-Driven Management e strategia aziendale nei mercati globali, in Silvio M. Brondoni (ed.), Market-Driven Management e mercati globali, cit. 16 La marca (Brand), rappresentando la relazione che si sviluppa tra offerta e domanda, si trova in una posizione centrale rispetto ad un complesso sistema di flussi informativi, alcuni dei quali provengono all impresa dalla domanda - e più in generale dall ambiente esterno - mentre altri muovono dall impresa in direzione della domanda e dell ambiente in generale (comunicazione aziendale). La marca trova posto al centro di questo sistema di flussi e si sviluppa grazie ad essi, costituendo il frutto di un processo continuo di azione-reazione che congiunge la realtà aziendale (risorse, obiettivi, valori, ecc.) al contesto esterno di mercato e di ambiente in generale. v. Silvio M. Brondoni, Mauro Gatti, Margherita Corniani, Competizione globale, risorse immateriali e responsabilità sociale d impresa, 25 Convegno AIDEA, Novara, 4-5 ottobre Il patrimonio di marca (Brand Equity), ossia lo stato in un definito momento della relazione di marca è l asset che origina dal sistema dei flussi informativi interni ed esterni, e in un ottica competitiva si connette alle performance aziendali. Nel confronto concorrenziale, infatti, l impresa con un definito patrimonio di marca emerge in quanto portatrice di connotazioni specifiche (immagine di marca) e note (notorietà di marca) che le consentono di occupare una posizione privilegiata rispetto alle altre imprese. Cfr. Silvio M. Brondoni, Patrimonio di marca e gestione d impresa, Symphonya.Emerging Issues in Management (), n. 1, Con riferimento all Italia, alcuni recenti esempi evolutivi imposti dai mercati globali e dal passaggio da ambienti chiusi a contesti competitivi aperti si possono riscontrare in: liberalizzazione degli orari di aperture dei centri commerciali (e più in generale degli esercizi commerciali) come da molto tempo praticato in Europa; liberalizzazione delle merceologie di prodotto offerte del trade; nuova cultura delle ferie estive per le imprese di produzione e di distribuzione, con l abbandono della chiusura generalizzata e concentrata nel mese di agosto (con un adeguamento agli standard europei delle ferie diluite ). 19 Cfr. Silvio M. Brondoni, Comunicazione, performance e sistema delle risorse immateriali d impresa, Sinergie, n.59, 2002.

14 28 20 Cfr. Silvio M. Brondoni, Risorse immateriali e concorrenza d impresa, Silvio M. Brondoni (ed.), Il sistema delle risorse immateriali d impresa: cultura d impresa, sistema informativo e patrimonio di marca, Giappichelli, Torino, Cfr. George S. Day, David J. Reibstein, Managing Brands in Global Markets, H. Gatignon, J.R. Kimberly, R.E. Gunther (eds.), Alliance on Globalizing, University Press, Cambridge, Cfr. Silvio M. Brondoni, Mauro Gatti, Margherita Corniani, Cultura d impresa, intangible assets e modelli di concorrenza, in Progetto Comunicazione Aziendale, ISTEI-Istituto di E- conomia d Impresa, Università degli Studi di Milano-Bicocca, gennaio Cfr. Robert S. Kaplan, David P. Norton, Measuring the Strategic Readiness of Intangible Assets, Harvard Business Review, February, Cfr. Silvio M. Brondoni (ed.), Cultura di network performance e dinamiche competitive, cit. 25 Per il patrimonio di marca, il solo elemento separabile da un contesto aziendale è il marchio (Trade Mark). Il marchio è l aspetto tangibile ed identificativo di una data offerta, ma prescinde dal valore della relazione (Brand) stabilita con un certo mercato. Una volta ceduto, un marchio contraddistingue un offerta gestita da una impresa diversa: la nuova proprietà non potrà che adeguare alle proprie specificità la relazione con il mercato (marca), sviluppando di conseguenza un patrimonio di marca diverso da quello originario. Per il sistema informativo aziendale, l elemento tangibile è costituito dal sistema informatico. Questo si compone della strumentazione (hardware e software) e della architettura che la governa e può essere replicato a piacere, senza però alcuna possibilità di ricostituire la medesima risorsa immateriale originaria. Il solo fatto di servire alle esigenze informative di una nuova impresa determina un diverso uso delle medesime attrezzature e coinvolge persone differenti, dando vita ad un nuovo sistema informativo. Anche la cultura aziendale non può essere separata da un impresa, neppure mediante il trasferimento di immobili, persone-chiave, ecc. che pure sono importanti veicoli delle principali istanze culturali caratteristiche. L acquisizione della sede di una impresa o l assunzione delle sue risorse umane non consentono di riprodurne la cultura. A contatto con nuove realtà interne ed esterne, le stesse persone sviluppano infatti differenti forme e livelli di sintonia. 26 Cfr. Silvio M. Brondoni, Ouverture de Market-Space Management, Symphonya.Emerging Issues in Management, (), n. 1, La cultura organizzativa identifica il complesso delle routine organizzative, cioè la memoria collettiva che conserva le soluzioni a determinati problemi di adattamento all ambiente e di integrazione interna che nel tempo, sulla base dell esperienza e di processi di apprendimento, si sono affermati come i più adatti ad assicurare la sopravvivenza e lo sviluppo dell impresa. Una volta memorizzate, le routine vengono riutilizzate per affrontare tipologie di problemi con caratteristiche simili a quelli che in precedenza le stesse routine hanno contribuito a risolvere. 28 Cfr. Mauro Gatti, Cultura d impresa, risorse immateriali e competitvità, Silvio M. Brondoni (ed.), Il sistema delle risorse immateriali d impresa: cultura d impresa, sistema informativo e patrimonio di marca, Giappichelli, Torino, Cfr. Silvio M. Brondoni, Ouverture de Cultura d impresa e complessità di mercato, Symphonya.Emerging Issues in Management (), n. 2, Nelle economie a forte concorrenza, lo sviluppo dell azienda sui mercati globali comporta un fabbisogno finanziario molto elevato, per cui l autofinanziamento ed il credito bancario non sono sufficienti ed occorre fare ricorso a mercati e intermediari finanziari. La comunicazione finanziaria diviene allora fondamentale ed esalta una cultura aziendale di trasparenza, dal momento che i flussi informativi non possono essere limitati a rapporti diretti, semplici ed occasionali, con pochi interlocutori (banche e soci). Cfr. Daniela M. Salvioni, Cultura della trasparenza e comunicazione economico-finanziaria d impresa, Symphonya.Emerging Issues in Management (), n. 2, Cfr. Elisa Arrigo, Responsabilità aziendale e performance economico-sociale, Giappichelli, Torino, 2008.

15 29 32 Cfr. Silvio M. Brondoni, Patrimonio di marca e gestione d impresa, Symphonya. Emerging Issues in Management (), n. 1, Cfr. Silvio M. Brondoni, Network e cultura della concorrenza, in Silvio M. Brondoni (ed.), Cultura di network performance e dinamiche competitive, cit. 34 Cfr. Flavio Gnecchi, Market-Driven Management e servizi pubblici locali, Giappichelli, Torino, Cfr. Daniela M. Salvioni, Comunicazione, cultura e governo economico d impresa, Sinergie, maggio-dicembre, Cfr. Jean-Jacques Lambin, Il marketing strategico dopo l 11 Settembre, Symphonya.Emerging Issues in Management ( ), n.1, Cfr. Maria Emilia Garbelli, Il sistema informativo nei network cooperativi di imprese, Silvio M. Brondoni (ed.), Il sistema delle risorse immateriali d impresa: cultura d impresa, sistema informativo e patrimonio di marca, Giappichelli, Torino, Individuare il sistema informativo alla stregua di una risorsa significa riconoscere il suo contributo alla produzione del risultato aziendale, ossia il suo ruolo nel governare i flussi di informazioni che di tale gestione sono la linfa. Con riferimento alla relazione con il patrimonio di marca, ad esempio, il sistema informativo si esprime nella attivazione e nel governo dei flussi di informazioni provenienti dall esterno (ad esempio domanda, concorrenti, sistema legislativo) ed, allo stesso tempo, è lo strumento che ne consente la diffusione all interno dell azienda, così da rendere possibile lo sviluppo di decisioni a loro volta destinate ad orientare i flussi informativi in uscita (comunicazione aziendale) ed ulteriori flussi in entrata (raccolta di informazioni specifiche, competitive intelligence e ricerche di mercato e di marketing). In questo senso, il sistema informativo costituisce per l impresa la capacità di acquisire elaborare e diffondere una molteplicità di flussi di informazione finalizzati a mantenere e/o sviluppare una definita relazione tra offerta e domanda (marca) e quindi uno specifico patrimonio di marca. v. Silvio M. Brondoni, Mauro Gatti, Margherita Corniani, Competizione globale, risorse immateriali e responsabilità sociale d impresa, cit. 39 La cultura d impresa impronta così ad unitarietà il sistema informativo, caratterizzandolo rispetto ad una precisa identità aziendale. In tal senso, ad esempio, a seconda del modello di gestione del consenso di una definita impresa, il sistema informativo potrà essere contraddistinto da una accessibilità più diffusa e libera, oppure da percorsi di fruizione rigidamente prestabiliti. 40 Cfr. Margherita Corniani, Segmentazione e aggregazione della domanda aziendale, Giappichelli Torino, Cfr. Elisa Rancati, Risorse immateriali d impresa e concorrenza basata sul tempo, Silvio M. Brondoni (ed.), Il sistema delle risorse immateriali d impresa: cultura d impresa, sistema informativo e patrimonio di marca, Giappichelli, Torino, 2004; Flavio Gnecchi, Margherita Corniani, Bolle di domanda, comunità virtuali e potenziale di domanda, Symphonya.Emerging Issues in Management (), n. 2, Cfr. Werner Reinartz, Customizing Prices nei mercati on-line, Symphonya.Emerging Issues in Management (), n. 1, 2002; Giuseppe Cappiello, Politiche di prezzo e concorrenza basata sul tempo, Giappichelli, Torino, Cfr. Antonella Reitano, Data Mining e sistemi informativi di concorrenza, Silvio M. Brondoni (ed.), Il sistema delle risorse immateriali d impresa: cultura d impresa, sistema informativo e patrimonio di marca, Giappichelli, Torino, Cfr. Sabina Riboldazzi, Competitive Customer Value nelle imprese della grande distribuzione, Giappichelli, Torino, Cfr. Flavio Gnecchi, Paolo Ricotti, la reingegnerizzazione del portafoglio di marca. Il caso Gruppo COIN, Symphonya.Emerging Issues in Management (), n. 1,

16 30 46 I sistemi di franchising riguardano network di imprese in cui una struttura centrale (franchisor) è collegata a organizzazioni-satellite (franchisee) con rapporti economico-contrattuali di co-makership, ovvero dotati di autonomia gestionale all interno di uno specifico progetto imprenditoriale di gruppo. Cfr. Marisa Amoroso, Bernardino Quattrociocchi (eds.), Le dinamiche evolutive del franchising in Italia: tra sviluppo locale e competizione internazionale, Sinergie. Rapporti di ricerca, n. 28, maggio Il licensing (cessione dei diritti di uso del marchio) è una tecnica gestionale nata e consolidatasi negli USA, che si basa sulla forza di mercato di una marca (Brand), cioè sul più elementare fattore intangibile di prodotto. Il licensing costituisce una politica competitiva internazionale più sofisticata del licencing (vendita di prodotti su licenza), che in tempi precedenti era stata sviluppata soprattutto da imprese britanniche con vaste ramificazioni commerciali nell impero UK- con riguardo a prodotti tangibili, con l obiettivo di ampliare la produzione in partnership/co-makership, in aree geografiche controllate e in via di sviluppo. Cfr. Silvio M. Brondoni (ed.), Marketing Lexicon, CLUEB, Bologna, 1999, pp.187 e In quest ottica, il diritto d uso di un marchio è ceduto al maggior numero di utilizzatori, anche di settori molto eterogenei e in genere slegati da valenze di sviluppo della marca.cfr. Fabio Albanese, Merchandising e Licensing per lo sviluppo della Brand Equity. Il caso Coca-Cola, in Brand E- quity, Symphonya.Emerging Issues in Management (), n.1, Cfr. Andrea Francesco Martinelli, Dal Cornering al Virtual Cornering, Symphonya.Emerging Issues in Management (), n. 1, 2002.

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Prof.ssa Claudia M. Golinelli Relazioni tra proprietà, gestione

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Una holding per sviluppare sinergie Pag. 1. Il Gruppo e le sue attività Pag. 2. La filosofia della holding Pag. 4

Una holding per sviluppare sinergie Pag. 1. Il Gruppo e le sue attività Pag. 2. La filosofia della holding Pag. 4 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Una holding per sviluppare sinergie Pag. 1 Il Gruppo e le sue attività Pag. 2 La filosofia della holding Pag. 4 Contact: Barabino & Partners Claudio Cosetti c.cosetti@barabino.it

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 8 Le strategie dell internazionalizzazione: gli investimenti diretti esteri Che cosa comporta realizzare un IDE? Costituisce di norma la

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Esperienze di successo per un vantaggio competitivo 27 ottobre 2011 Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Raffaella Graziosi Project & Portfolio Manager ACRAF SpA Gruppo Angelini

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Che cos è la Qualità?

Che cos è la Qualità? Che cos è la Qualità? Politecnico di Milano Dipartimento di Elettrotecnica 1 La Qualità - Cos è - La qualità del prodotto e del servizio - L evoluzione del concetto di qualità - La misura della qualità

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

LA POLITICA DI PRODOTTO

LA POLITICA DI PRODOTTO LA POLITICA DI PRODOTTO COS E UN PRODOTTO? LE FASI PER LA DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI PRODOTTO CLASSIFICAZIONE EVENTUALE LANCIO DI NUOVI PRODOTTI DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI MARCA DEFINIZIONE DELLA

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA IL RUOLO STRATEGICO DELLE AZIENDE COME ACCELERATORI DEL SISTEMA ECONOMICO E DELL OCCUPAZIONE: IL CASO " LA CREAZIONE DI VALORE CONDIVISO SI FOCALIZZA SULL

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE Prof. MARCO GIULIANI Docente di Economia Aziendale Università Politecnica delle Marche Socio LIVE m.giuliani@univpm.it Jesi, 11 ottobre 2013 1 Prime

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

DISPENSA N. 18 MARKETING

DISPENSA N. 18 MARKETING 1 E PIANIFICAZIONE Per marketing si intende l'insieme di attività che servono per individuare a chi vendere, che cosa vendere e come vendere, con l'obiettivo di soddisfare í bisogni e i desideri del consumatore,

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli