/La cultura dell innovazione/ Comportamenti e ambienti innovativi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "/La cultura dell innovazione/ Comportamenti e ambienti innovativi"

Transcript

1 Scheda libro /La cultura dell innovazione/ Comportamenti e ambienti innovativi Riccardo Viale

2 /1/ tesi del libro 2 Riccardo Viale, "La cultura dell innovazione. Comportamenti e ambienti innovativi" Il Sole 24 ore, Milano, 2008

3 tesi del libro Il titolo La cultura dell innovazione, comportamenti e ambienti innovativi racchiude in sé la tesi del libro, ovvero il concetto base attorno al quale si sviluppano le diverse argomentazioni, organizzate in capitoli e affidate a diversi autori. L innovazione non deve essere considerata e studiata come un rigoroso processo scientifico, tecnologico o economico. Essa è intrinseca alla società, al territorio e alla cultura all interno della quale si sviluppa e come tale non racchiude soltanto aspetti razionali, ma anche e soprattutto l insieme di quei valori emotivi e culturali, quali la creatività, la passione, l arte, che ne caratterizzano e identificano il tessuto sociale. In corrispondenza all aspetto culturale dell innovazione, viene evidenziata anche la dimensione locale, ovvero, la forte tendenza a concentrarsi in determinati luoghi, dove possono nascere e svilupparsi fitte reti di relazioni sociali, in grado di incoraggiare il confronto tra individui, lo scambio e la circolazione di conoscenza ed esperienza, facilitando così l emergere di nuove soluzioni e idee. Nel suo complesso l innovazione può essere, quindi, considerata come un fenomeno urbano. Percorso contenuti Come detto in precedenza, ogni capitolo è affidato ad un autore diverso che indaga ed argomenta un aspetto dell innovazione, coerentemente alla tesi complessiva del libro. Si parte così da un analisi storica del problem solving, per analizzare il ruolo della conoscenza e della creatività nei processi innovativi, descrivendo l importanza della dimensione locale e sociale del territorio di sviluppo, evidenziando il ruolo delle imprese e le loro prospettive. Un percorso complesso e completo attraverso gli aspetti dei processi innovativi che possono essere raggruppati in tre macroaree: il territorio, le imprese, i valori della società. S Maria Dukhvalova // Francesco Donati // Chiara Gambarana Eleonora Ganini // Flavia Frison // Clara Fustinoni // Dina Skuratovich 3

4 /2/ situazione di contesto 4 Riccardo Viale, "La cultura dell innovazione. Comportamenti e ambienti innovativi" Il Sole 24 ore, Milano, 2008

5 situazione di contesto Note sull autore: Riccardo Viale // Il Professore Riccardo Viale è nato a Torino il 31 dicembre Nel 1978 ha conseguito la laurea in Medicina e Chirurgia con la specializzazione in Psichiatria presso l Università degli Studi di Torino. E docente stabile di Politica della Ricerca e dell Innovazione presso la Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione di Roma; Professore ordinario di Logica e Filosofia della Scienza presso la Facoltà di Sociologia dell Università degli Studi di Milano-Bicocca. Membro e Visiting Scholar di diversi Atenei stranieri: Oxford; Aix en Provence; Rice, Houston; Friburgo; Universidade Federal di Rio de Janeiro; Santa Barbara, Universidade Federal Fluminense di Niteroi, Brasile. Invitato come Distinguished Visiting Fellow presso la Columbia University di New York ( ). Fondatore e Presidente della Fondazione Rosselli; Direttore del Laboratorio sull Innovazione, la Ricerca e l Impresa (LIRA) dell Università degli Studi di Milano-Bicocca; Direttore Scientifico dell Istituto di Metodologia della Scienza e della Tecnologia di Torino. Dal 2004 al 2006 è stato editorialista de La Stampa. Attualmente è editorialista de Il Sole 24 Ore. Principali interessi di ricerca: Metodologia ed epistemologia delle scienze sociali; Cognizione sociale e cervello; Epistemologia sociale; Teorie della razionalità limitata; Modelli cognitivi del ragionamento e della decisione; Teoria cognitiva della scienza; Economia cognitiva; Antropologia cognitiva; Sociologia della scienza; Sociologia neurocognitiva; Innovazione tecnologica; Politica della ricerca. La Cultura Dell innovazione Maria Dukhvalova // Francesco Donati // Chiara Gambarana Eleonora Ganini // Flavia Frison // Clara Fustinoni // Dina Skuratovich 5

6 situazione di contesto Editore: Il Sole 24 Ore Data di pubblicazione: 2008 Siamo nel secolo dell'innovazione permanente e pervasiva. Dall'impresa manifatturiera alle istituzioni culturali e sportive, l'innovazione gioca un ruolo centrale nella vita organizzativa e nelle decisioni strategiche. Per capire il fenomeno ci si affida tradizionalmente al lavoro degli economisti. Questo tipo di analisi riesce a rappresentare, però, solo gli aspetti esterni del processo innovativo; non è in grado, invece, di spiegarne né la genesi né i meccanismi intimi di sviluppo. L'obiettivo di questo testo è coprire tale vuoto, concentrandosi sugli aspetti psicologici, valoriali e sugli incentivi sociali e istituzionali in grado di generare comportamenti innovativi. Un libro quanto mai attuale che spiega come si genera e si produce l'innovazione. Un riferimento importantissimo che attraverso le voci di grandi esperti italiani di psicologia, economia, sociologia, politica della ricerca, epistemologia e teoria della complessità, cerca di chiarire una serie di incombenti questioni. Quali sono le caratteristiche cognitive nella soluzione creativa dei problemi; che tipo di propensione al rischio ha l'innovatore; quali sono i valori culturali che incentivano comportamenti innovativi; come possiamo caratterizzare gli ambienti ed i territori che favoriscono la nascita di imprese innovative; cosa deve fare un'impresa per generare innovazioni di successo economico; che ruolo ha la ricerca scientifica nell'alimentare l'innovazione tecnologica. Si tratta di testo particolarmente interessante per chi desidera accostarsi a uno dei temi cardine dell economia contemporanea. Altri testi: Il libro verde sull innovazione. Come rilanciare l innovazione in italia M. Calderini - M. Sobrero Editore: Il Sole 24 Ore Data di pubblicazione: 2008 L'importanza della ricerca e dell'innovazione per la competitività 6 Riccardo Viale, "La cultura dell innovazione. Comportamenti e ambienti innovativi" Il Sole 24 ore, Milano, 2008

7 delle imprese e dei sistemi economici è un elemento ormai consolidato. Il primo libro verde, curato dalla Fondazione Cotec, parte da questo dato per sviluppare un'articolata e approfondita analisi dell'attuale situazione italiana in tema di ricerca e innovazione. Dopo una rapida, ma significativa ed approfondita ricognizione generale sullo stato di salute (o di malattia) del paese rispetto all'innovazione, il testo fornisce indicazioni specifiche nei diversi campi. La cultura dell innovazione in italia Fondazione Cotec, Wired, e IRPPS del CNR Data di pubblicazione: 2009 Nell ambito delle celebrazioni della Giornata Nazionale per l Innovazione, è stato distribuito il primo Rapporto Annuale sulla Cultura dell Innovazione, realizzato dalla Cotec in collaborazione con il mensile Wired e l Istituto di Ricerche sulla Popolazione e le Politiche Sociali del Cnr. Il Rapporto è stato prodotto a partire da un campione di oltre 2000 cittadini italiani, stratificati per genere, età e area di provenienza in modo da rappresentare nella maniera più fedele possibile uno spaccato dell intera popolazione. Ne emerge la consapevolezza dell importanza del lavoro, della ricerca e dello studio come fattori fondamentali per innovare. Vengono ritenuti indispensabili anche incentivi finanziari e simbolici adeguati per motivare chi intraprende la difficile strada dell innovatore. Il Rapporto sulla cultura dell innovazione costituisce il primo episodio di uno studio che si propone di essere realizzato annualmente quale aggiornamento periodico dell analisi del grado di diffusione della cultura dell innovazione nella società italiana, un fenomeno complesso e di importanza strategica per il futuro del Paese. Maria Dukhvalova // Francesco Donati // Chiara Gambarana Eleonora Ganini // Flavia Frison // Clara Fustinoni // Dina Skuratovich 7

8 /3/ argomenti fondanti il testo 8 Riccardo Viale, "La cultura dell innovazione. Comportamenti e ambienti innovativi" Il Sole 24 ore, Milano, 2008

9 origine storiche dell'innovazione permanente capitolo 1 (Riccardo Viale) Il primo capitolo ci introduce al tema dell innovazione permanente, che caratterizza i giorni nostri, andandone ad indagare le origini storiche. Se in passato le t non erano frequenti e si trasformavano in difficoltà in innovazioni che si diffondevano lentamente nel mercato, oggi la situazione si è capovolta. Riccardo Viale, come molti altri autori, fa risalire la svolta tra la fine del XIX e gli inizi del XX secolo, soprattutto negli USA. Una serie di incentivi (economici, culturali, istituzionali ecc.) hanno incoraggiato in quegli anni comportamenti innovativi, che a loro volta hanno rafforzato tali incentivi, generando così circoli virtuosi e quindi innovazione permanente. I cambiamenti di quegli anni sono legati a quelle che Viale chiama le 3 C (che s influenzano a vicenda): aumento della Concorrenza del mercato, scoperta dei rendimenti crescenti legati alla Conoscenza scientifica delle tecnologie e sempre maggiore disponibilità di Capitale finanziario per le imprese impegnate in ricerca e sviluppo. La concorrenza diventa significativa con la rivoluzione dei trasporti della seconda metà dell 800 (treno, auto), con la maggiore urbanizzazione, l aumento del reddito medio disponibile e le leggi antitrust statunitensi del 1890; in un contesto fortemente concorrenziale, che caratterizza la globalizzazione dei giorni nostri, diventa fondamentale per le imprese distinguersi attraverso prodotti e processi innovativi. Il secondo fattore, la conoscenza scientifica delle tecnologie, sviluppatosi con la seconda rivoluzione industriale e incentivato dalle leggi sui brevetti (che consentono alle imprese di proteggere le proprie innovazioni) porta alla nascita dei primi laboratori di ricerca e sviluppo all interno delle imprese e alle collaborazioni tra università e imprese; la ricerca e quindi l innovazione diventano un must delle imprese. La disponibilità di Capitale finanziario diventa fondamentale per le imprese della seconda rivoluzione industriale (a differenza di quelle della prima), che creano fusioni, dando presto vita a società per azioni; il mercato azionario permette così l investimento nelle imprese di grandi quantità di capitali, utilizzati soprattutto in ricerca e sviluppo. Le imprese di oggi sono ormai strutturalmente collegate alle istituzioni finanziarie. S A Maria Dukhvalova // Francesco Donati // Chiara Gambarana Eleonora Ganini // Flavia Frison // Clara Fustinoni // Dina Skuratovich 9

10 ostacoli cognitivi ad innovazione capitolo 2 (Fabio del Missier e Rino Rumiati) La psicologia cognitiva, spiegata da Fabio Del Missier e Rino Rumiati, come chiave di lettura dei meccanismi mentali chiamati in gioco nella generazione d'innovazione. Le diverse attività cognitive: 1. individuare problemi/opportunità non immediatamente evidenti; 2. generare soluzioni per problemi mal definiti; 3. scoprire nuove procedure volte a produrre diversi tipi d'innovazione rispettivamente I. identificazione di un nuovo bisogno o esigenza, nuovo modo di concepire un prodotto; II. ideazione di un nuovo prodotto o servizio, o di una loro componente, o trasformazione innovativa di un prodotto o servizio già esistente; III. ideazione di nuovi processi) possono avere esiti qualitativi soggettivamente differenti in base alla naturale influenza di elementi cognitivi aiutanti o opponenti tali attività, il capitolo offre dei suggerimenti pratici per alimentare un'impostazione mentale efficace nella produzione di idee innovative. INDAGA A 10 Riccardo Viale, "La cultura dell innovazione. Comportamenti e ambienti innovativi" Il Sole 24 ore, Milano, 2008

11 creatività e innovazione capitolo 3 (Paolo Cherubini) Paolo Cherubini contrappone alla versione allargata della spiegazione cognitiva dell innovazione (presentata nel capito precedente da Fabio Del Missier e Rino Rumiati) una sua versione ristretta. In poche parole nella tesi viene brevemente affrontata la questione della natura dell innovazione e del pensiero creativo. Dopo un ampia analisi delle tesi di dottorato sulla creatività, Cherubini ha notato che nonostante l argomento fosse lo stesso, nelle aree diverse si usavano termini diversi(le tesi di area economicofinanziaria preferivano termine innovazione, focalizzandosi sugli aspetti organizzativi, mentre le tesi de area psicologica usavano più il termine creatività, focalizzandosi sugli aspetti isndividuali). Così l autore sostiene che la psicologia cognitiva può aiutare a capire solo l attività di problem solving finalizzata all'adattamento di una soluzione tradizionale a un contesto nuovo. Più problematica invece, per la psicologia, l'analisi empirica della creatività assoluta, cioè pensare o realizzare qualcosa che non era stato né pensato né realizzato prima e che costituisce un'innovazione. Nella tesi l autore descrive 4 approcci dello studio della creatività: psicometrico e psicologico; cognitivo-sperimentale; storico-ideografico ; cognitivo-computazionale. Avvertendo comunque che ciascuno dei quattro approcci ha dei seri limiti, intrinseci al loro essere approcci indiretti. Un altro aspetto importantissimo che sottolinea psicologo è che una delle caratteristiche dei più grandi innovatori è la capacità di superare gli schemi tradizionali di pensiero attraverso l utilizzo creativo delle analogie. S A Maria Dukhvalova // Francesco Donati // Chiara Gambarana Eleonora Ganini // Flavia Frison // Clara Fustinoni // Dina Skuratovich 11

12 propensione a innovare e conoscenza di sfondo capitolo 4 (Andrea Pozzali) Prendendo per assunto che l innovazione è un fenomeno relativamente poco diffuso, ovvero fortemente legato a determinate dimensioni temporali, spaziali e sociali, Andrea Pozzali, nel capitolo 4, cerca di mettere in luce quelli che possono essere i fattori di influenza per lo sviluppo dell innovazione, attraverso un focus sull individuo, sulla sua interazione con l ambiente fisico, sociale e culturale. In particolare viene analizzato il rapporto tra innovazione e conoscenza. Quest ultima viene classificata in conoscenza proposizionale, che ha la sua manifestazione nelle scoperte scientifiche; conoscenza prescrittiva, che traduce la scoperta in invenzione; conoscenza tacita, definita da Michael Polanyi, come l insieme di tutte quelle forme di sapere possedute più o meno consapevolmente dal soggetto e che per loro natura non possono essere codificate. Questa a sua volta può essere classificata in conoscenza tacita competenziale, che racchiude ed interessa le abilità fisiche di un individuo; conoscenza tacita cognitiva, che riguarda le competenze linguistiche; conoscenza tacita di sfondo, che racchiude tutti quei valori, quelle credenze, quei comportamenti, assunti dall individuo in quanto inserito in un determinato contesto socio-culturale. E proprio sull importanza e sulla relazione di quest ultima con i processi di innovazione, che si sviluppa la tesi del capitolo, ovvero: L innovazione non può essere vista come un fenomeno puramente economico o ingegneristico: per poter essere compresa, deve essere considerata anche come un fenomeno sociale e culturale. (Pozzali, 2008 p. 130) In particolare, al termine del capitolo, vengono evidenziati i tre fattori fondamentali che influenzano la propensione di una determinata società all innovazione: il peso della tradizione culturale, ovvero la propensione alla rottura con le consuetudini del passato e con le abitudini consolidate; l orientamento positivo nei confronti del rischio, ovvero la disponibilità ad accettare un determinato livello di rischio nei processi di sviluppo e innovazione, tale da considerare i possibili fallimenti come parti integranti di tali processi; la tendenza al pensiero veloce, ovvero la propensione ad assumere decisio- 12 Riccardo Viale, "La cultura dell innovazione. Comportamenti e ambienti innovativi" Il Sole 24 ore, Milano, 2008

13 ni fondamentali in tempi relativamente brevi, in modo da limitare l incertezza e l indecisione: in un contesto innovativo e dinamico, prendere decisioni in tempi rapidi è spesso una necessità vitale. In conclusione si può affermare che la propensione all innovazione di una determinata cultura è data dal giusto equilibrio tra questi fattori. Un terreno fertile per l innovazione sarà, quindi, quella cultura in grado di liberarsi dal peso della tradizione, disposta a convivere con un livello ragionevole di rischio e di vulnerabilità e in grado di premiare i soggetti in grado di prendere decisioni fondamentali in tempi rapidi. S A Maria Dukhvalova // Francesco Donati // Chiara Gambarana Eleonora Ganini // Flavia Frison // Clara Fustinoni // Dina Skuratovich 13

14 la dimensione locale dell'innovazione capitolo 5 (Guido Martinotti e Andrea Pozzali) Guido Martinotti è professore di Sociologia urbana presso la facoltà di Sociologia dell Università di Milano Bicocca. Il quinto capitolo ci mostra come l innovazione dipenda fortemente dal luogo,cioè dal contesto locale in cui si sviluppa. Martinotti e Pozzali, attraverso il caso della Silicon Valley, individuano alcuni dei fattori che rendono determinate zone geografiche maggiormente propense all innovazione rispetto ad altre. Un fattore è la presenza di un capitale sociale, cioè una fitta rete sociale che collega vari attori dell innovazione (università, centri di ricerca, aziende, istituzioni pubbliche), relazioni che possono essere sia formali che informali. Nella Silicon Valley questa rete è caratterizzata dalla presenza di numerose università di eccellenza. Un altro fattore concerne le caratteristiche del sistema industriale, che nel caso della Silicon Valley consiste in microelettrica e network computing, settore da costruire ex novo e quindi più propenso ala nascita di piccole aziende innovative e dinamiche. In California c erano anche condizioni istituzionali favorevoli: diffusione in larga scala del venture capital, mercato del lavoro flessibile e aperto, politiche di finanziamento federali generose nei confronti della ricerca universitaria. Non ultimi i fattori culturali: forte spinta all imprenditorialità individuale, orientamento positivo nei confronti dell assunzione di rischio, valutazione positiva dei casi di insuccesso, della competizione, dello stress. S A 14 Riccardo Viale, "La cultura dell innovazione. Comportamenti e ambienti innovativi" Il Sole 24 ore, Milano, 2008

15 la capacità di innovare nelle imprese capitolo 6 (Luigi Marengo) Luigi Marengo raggruppa i fattori che determinano il successo innovativo in un'impresa in quattro categorie: la capacità di percepire le minacce e le opportunità nell ambiente circostante; la capacità di mettere in atto i necessari e conseguenti cambiamenti interni; la capacità di tradurre il cambiamento in risultato economico e la capacità di mantenere queste condizioni nel tempo. Un'azienda è in grado di innovare se riesce ad approfittare delle nuove conoscenze tecnologiche generate al suo interno o esterno; se riesce a cogliere i cambiamenti di gusto o i bisogni latenti dei consumatori; se riesce a seguire in modo efficace l'attività dei concorrenti; se riesce a occupare nuove nicchie di mercato locale o internazionale; se riesce ad approfittare delle opportunità generate da nuovi vincoli o da incentivi legali e dal quadro istituzionale e politico generale; se riesce a mantenere attivo questo ciclo di condizioni senza fossilizzarsi su alcune routine organizzative. S A Maria Dukhvalova // Francesco Donati // Chiara Gambarana Eleonora Ganini // Flavia Frison // Clara Fustinoni // Dina Skuratovich 15

16 conoscenza tecnologica e innovazione: il ruolo crescente dell'innovazione (Pier Paolo Patrucco) Questo capitolo pone al centro dell economia dell innovazione la dimensione relazionale, comunicativa e cooperativa che sta dietro alla creazione di conoscenza e d innovazione. La comunicazione tecnologica viene poi definita come quel supporto necessario all accumulazione della conoscenza stessa, che permette la crescita delle imprese. Ogni programma per la diffusione dell innovazione nelle imprese dovrebbe tenere in considerazione, oltre alla componente puramente tecnologica, altre componenti, quali: il fattore umano, la cultura d impresa, la cultura sociale e la cultura di mercato. Le imprese sono il motore per la generazione e la diffusione di conoscenza solo se sono in grado di implementare interazioni e scambi di conoscenza efficaci con altre imprese, università, organizzazioni etc. Devono trarre vantaggio dall esterno, dalla multidisciplinarietà e rendere accessibile la propria conoscenza tramite i mezzi di comunicazione tecnologica. capitolo 7 S A 16 Riccardo Viale, "La cultura dell innovazione. Comportamenti e ambienti innovativi" Il Sole 24 ore, Milano, 2008

17 complessità nei percorsi dell'innovazione capitolo 8 (Pietro Terna) Lo slogan del capitolo è more is different, è il titolo di un articolo di Philip Anderson, e dagli suoi studi sugli elementi di numero elevato che interagiscono. Complessità depende dalla quantità degli elementi partecipanti dell'interazione tra gli elementi secondo le regole implicite o esplicite Questi due livelli di lettura si sovrappongono. I sistemi complessi hanno le seguenti caratteristiche (secondo Holland) ' il parallelismo, con moltitudine di agenti che interagiscono e producono un gran numero di segnali e informazione simultaneamente ' l'azione condizionale, per cui gli agenti adottano schemi del tipo se/allora, con l'azione conseguente ad allora che può a sua volta essere un segnale che genera interazioni o retroazioni ' la presenza di moduli o blocchi di regole, cha agiscano in sequenza ' la capacita di adattamento ed evoluzione con il cambiamento continuo degli agenti Tutto l'articolo è dedicato alla ricerca della spiegazione di cos'è la complessità, soprattutto nel mondo economico attuale, spinto dall'innovazione tecnologica costante, come è possibile studiare questo sistema complesso per produrre gli strumenti per la politica economica. La complessità come abbiamo visto ha più livelli in cui gli agenti (partecipanti del sistema), interagendo tra di loro, creano una rete di significati ed interazioni. Nel contesto economico abbiamo tre tipi di agenti importanti per lo sviluppo dell'innovazione: ' enti di governo ' enti di ricerca (soprattutto università) ' le imprese Il successo degli studi dell''innovazione e dell'applicazione nella realtà dipendono da quanto siano efficaci tutti i tre attori sia nel loro compito sia nell'interagire con gli altri. S A Maria Dukhvalova // Francesco Donati // Chiara Gambarana Eleonora Ganini // Flavia Frison // Clara Fustinoni // Dina Skuratovich 17

18 /4/ sistema dei legami e delle genealogie 18 Riccardo Viale, "La cultura dell innovazione. Comportamenti e ambienti innovativi" Il Sole 24 ore, Milano, 2008

19 sistema dei legami e delle genealogie Il volume La cultura dell innovazione, promosso dalla Fondazione Cotec (Fondazione per l innovazione Tecnologica), parte dall analisi della possibilità dell innovazione nell industria manifatturiera e nel settore dei servizi dicendo che questo fenomeno può essere promosso e spiegato e promosso solo con un attenta analisi di tipo psicologico, culturale e istituzionale. Essendo un testo composto da più parti scritte dagli autori specializzati nei settori diversi (psicologia,filosofia, formazione, economia e finanza, sociologia, storia delle scienze e tecnologia ecc.) il volume risulta in se interdisciplinare. Viale gli unisce nella discussione sul tema della cultura dell innovazione, e risulta interessante quanto sono differenti non tanto opinioni ma i punti di vista dell osservazione del problema posto. In ogni caso però si sottolinea l importante dominanza del fattore socio-culturale e del ambiente nel quale si avvisa lo sviluppo dell innovazione. In uno degli articoli Riccardo Viale dice che da più anni si parla, in Italia, sulla falsariga dell'esperienza americana, di educare i giovani all'innovazione. Di fronte alla differente propensione all'innovazione di aree geografiche, territori e contesti locali, si pensa che la causa si trovi proprio in uno specifico atteggiamento culturale e psicologico dell'individuo. Viale sottolinea che la conoscenza di sfondo "inno genetica" che l'individuo assorbe nei suoi processi di sviluppo e socializzazione sembra di influire in modo determinante. Valori e norme comportamentali come la curiosità intellettuale, la capacità di "problem solving", l'anticonformismo nelle soluzioni, la propensione al rischio, il gusto per la conoscenza e la comprensione della realtà naturale e umana, sembrano iscritti nella cultura locale, trasmessa attraverso l'istruzione e l'interazione sociale. Solo queste specificità sembrano di spiegare la differente performance innovativa di aree che hanno analoghi fattori di contesto economico, finanziario e amministrativo, come alcune regioni degli Stati Uniti. Qui che viene avvisata la necessità da alcuni studiosi e policy maker di orientare gli strumenti educativi verso la promozione di questo tipo di valori e comportamenti, quando il contesto locale ne sia privo. Il vero problema a questo punto è Come educare alla cultura Maria Dukhvalova // Francesco Donati // Chiara Gambarana Eleonora Ganini // Flavia Frison // Clara Fustinoni // Dina Skuratovich 19

20 sistema dei legami e delle genealogie dell'innovazione? La tendenza attuale è di orientare i programmi scolastici, liceali e universitari, verso i contenuti legati all'innovazione. Cultura scientifica, tecnologica, economica e di "business administration" instillata ad adolescenti viene proposta come lo strumento privilegiato. Ed appunto a questa tendenza che tralascia alcuni importanti errori si contrappone Viale. Dagli studi della nuova psicologia dell'età evolutiva (Alison Gopnik The Philosophical Baby, Farrar, Strauss and Giroux New York, 2010) si afferma che l'evoluzione cognitiva presenta un cambiamento che potrebbe essere rappresentato, metaforicamente, come il passaggio da una fase di ricerca a quella di sviluppo produttivo. Così i bambini nei primi anni di vita presentano il potenziale più alto di capacità creativa e di ricerca rispetto alle fasi successive. La loro mente e il loro corpo sono uno strumento d'indagine continua, di creazione di ipotesi sulla base dell'evidenza e della fantasia e di controllo e cambiamento concettuale alla luce di nuovi dati. La mente è libera di indagare e di sondare innumerevoli possibilità di interpretare il mondo. Il corpo permette l'interazione sensoriale con la realtà esterna da cui ricevere, elaborare e immagazzinare sempre nuovi dati. I bambini sono dei veri e propri laboratori di ricerca viventi. Dopo i primi anni però diminuisce progressivamente l'effervescenza creativa e prende piede una tendenza a sistematizzare e sviluppare le proprie ipotesi sul mondo. La necessità di affrontare, in modo sempre più autonomo e pragmaticamente di successo, la realtà circostante portano il futuro adulto a fissare e utilizzare gli strumenti concettuali di cui dispone. Così si passa, per usare la terminologia di Thomas Kuhn, a una fase di "scienza normale" dove la componente di cambiamento concettuale diventa minore. Il bambino, e successivamente l'adolescente, come "scienziato normale" perde progressivamente quell'apertura e permeabilità mentale che contraddistingue le prime fasi di sviluppo. È un errore, quindi, pensare di poter influire sulla propensione all'attività creativa e innovativa con programmi didattici che inizino a livello adolescenziale. È corretto invece concentrarsi su fasi di sviluppo precedenti cercando di alimentare e mantenere vivo nel tempo la 20 Riccardo Viale, "La cultura dell innovazione. Comportamenti e ambienti innovativi" Il Sole 24 ore, Milano, 2008

21 dimensione di "child as a little scientist" (bambino come piccolo scienziato). Non si può dimenticare in questo contesto l attività e il lavoro di uno dei più grandi Maestri del Design italiano Bruno Munari. Lui in sostanza ha messo in pratica i concetti sopraccennati, realizzando numerosi progetti per la stimolazione e sviluppo della creatività dei bambini piccoli, ed altri per lo sviluppo della propriocezione e coordinazione per bambini ipovedenti e ciechi. Viale evidenzia uno secondo errore: ovvero credere di promuovere la propensione all'innovazione attraverso programmi centrati solo sulla conoscenza tecnico scientifica e su quella di tipo economico gestionale. Come evidenzia il rapporto Cotec -Wired del 2009 sulla cultura dell'innovazione non è chiaro se l'acculturazione verso la scienza e tecnologia abbia una influenza determinante nell'accettazione delle tecnologie. Sembrano esserci altri fattori più profondi, come quelli legati al genere. Ad esempio, all'interno di campioni di scienziati maschi e femmine, con la stessa base conoscitiva, continua a esserci una differenza sensibile nell'accettazione delle tecnologie, con una maggiore propensione nei maschi che nelle femmine. Anche l'età sembra giocare un ruolo importante nel favorire, nei più giovani, una maggiore percezione degli aspetti benefici delle tecnologie. La maggiore propensione e apertura verso il nuovo, insita in questo atteggiamento, sembra diminuire progressivamente con l'età, dal "piccolo scienziato" in poi. Autore sostiene che aspetti cognitivi ed emozionali sono intrecciati nel determinare la tendenza al pensiero creativo, una minore percezione del rischio e un atteggiamento innovatore. Da queste considerazioni emerge che una proposta educativa adeguata dovrebbe non avere solo una finalità contenutistica, ma soprattutto procedurale. In altre parole si tratterebbe di agire più sul "know how" che sul "know that" del giovane. Maria Dukhvalova // Francesco Donati // Chiara Gambarana Eleonora Ganini // Flavia Frison // Clara Fustinoni // Dina Skuratovich 21

22 /5/ capacità di anticipazione 22 Riccardo Viale, "La cultura dell innovazione. Comportamenti e ambienti innovativi" Il Sole 24 ore, Milano, 2008

Agenda degli incontri

Agenda degli incontri PROGETTO DI FORMAZIONE LEARNING BY DOING Descrizione Percorso Un percorso di formazione per supportare i docenti a formare in modo esplicito le competenze trasversali dei loro allievi. E ormai noto che

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Introduzione. Sul piano analitico, l improvvisazione è un concetto multidimensionale che può assumere diverse forme. Può essere vista come:

Introduzione. Sul piano analitico, l improvvisazione è un concetto multidimensionale che può assumere diverse forme. Può essere vista come: Disciplina, inciampo felice, responsabilità: i tre contributi che fanno da prefazione a questo mio testo colgono ciascuno una componente rilevante del tema dell improvvisazione. Punti di vista peculiari

Dettagli

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE : L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE Definizioni Per lo sviluppo di un impresa sono necessarie sia le abilità dell imprenditore che quelle dei manager * Le abilità imprenditoriali sono

Dettagli

ISIS Carducci-Dante Trieste PRIMO BIENNIO

ISIS Carducci-Dante Trieste PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ISIS Carducci-Dante Trieste INDIRIZZI NUOVO ORDINAMENTO Liceo delle scienze umane Liceo delle scienze umane opzione economico-sociale Liceo classico Liceo linguistico Liceo musicale

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA. Via Besenghi, 27. 34143 Trieste. Tel - Fax 040 300300

Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA. Via Besenghi, 27. 34143 Trieste. Tel - Fax 040 300300 L'ARCA - CONSORZIO SERVIZI PER L'INFANZIA ASSOCIAZIONE FORMAZIONE EDUCATORI Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA il guscio cooperativa sociale

Dettagli

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità Convegno rivolto a dirigenti e personale docente della scuola Fondazione CUOA Altavilla Vicentina, 21 maggio 2008 15.00 18.00 1 Il 21 maggio scorso, la Fondazione

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 Le 11 competenze di base del coaching sono state sviluppate per permettere una migliore comprensione delle competenze e degli approcci utilizzati nell ambito della

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE. Laboratorio Life Skills Education 2007

PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE. Laboratorio Life Skills Education 2007 PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE 200 Programma di lavoro PRIMA PARTE: FONDAMENTI TEORICI la scuola dell autonomia come contesto di promozione della salute e dello sviluppo personale e sociale

Dettagli

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE Significa riconoscere che la società e il sociale possono diventare oggetto di ricerca empirica. Si può realizzare essenzialmente attraverso due operazioni: quella concettuale e quella osservativa. È importante

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE Riccardo Cappellin OS.E.L.R. - Osservatorio sulle Economie Locali e Regionali Dipartimento di Economia e Istituzioni Università di Roma "Tor Vergata"

Dettagli

Studio Staff R.U. S.r.l. Consulenti di Direzione REFERENZE AREA FORMAZIONE Nell ambito della propria strategia di crescita, lo Studio Staff R.U. ha da sempre riservato un ruolo importante alle attivitàdi

Dettagli

GIOCHI DIDATTICI ISPEF

GIOCHI DIDATTICI ISPEF FAUSTO PRESUTTI GIOCHI DIDATTICI ISPEF LA METODOLOGIA DEL GIOCO LE CARATTERISTICHE E LE REGOLE DEL GIOCO Le caratteristiche fondamentali delle attività di gioco sono: a) la spontaneità, cioè la mancanza

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I)

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) Istituto Paritario Minerva Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA La legge 62 del 10 Marzo 2000, recante Norme sulla parità scolastica e disposizioni sul diritto allo

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1 Lo stile di comando teoria degli stili comportamentali teoria contingente teorie di processo Corso di E. A. 1 Lo stile di comando La leadership può essere definita come il processo attraverso il quale

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali Grazia Batarra, Carla Sabatini Turismo: prodotti, imprese e professioni per il quinto anno Edizione mista Tramontana Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per

Dettagli

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale di Alberto Boletti INTRODUZIONE Lo studio dell organizzazione aziendale ha sempre suscitato in me una forte curiosità,

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

[Digitare il testo] Pagina 1

[Digitare il testo] Pagina 1 [Digitare il testo] Pagina 1 Il concetto di gruppo si sviluppa a partire dal 1895 con Gustave Le Bon e la Psicologia delle folle, in cui i gruppi vengono considerati come forme pericolose ed irrazionali;

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Scuole dell infanzia di Baraggiole e Calderara PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Anni scolastici 2012-13/2014-15 Le scuole dell infanzia dell Istituto Comprensivo T. Croci si pongono come obiettivo, nel corso

Dettagli

LA STRUTTURA DEL RAV

LA STRUTTURA DEL RAV GUIDA PRATICA ALLA ELABORAZIONE DEL RAV IN FUNZIONE DEL MIGLIORAMENTO Dino Cristanini Vico Equense 30 Gennaio 2015 LA STRUTTURA DEL RAV 1 CONTESTO E RISORSE Quali vincoli presentano? Quali leve positive

Dettagli

Organizzazione come Cervello

Organizzazione come Cervello Organizzazione come Cervello Molte sono state le considerazioni fatte per descrivere la funzione del cervello: Una sofisticata banca dati Un sistema complesso di reazioni chimiche che danno vita ad azioni

Dettagli

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI 2.1 Novità e caratteristiche Il segno distintivo dei licei? Una formazione culturale di base per così dire a banda larga, propedeutica alla continuazione degli studi e

Dettagli

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche INTRODUZIONE La presente trattazione ha come oggetto l analisi di un caso, che ho seguito durante il tirocinio, svolto durante la mia formazione in psicoterapia sistemica, in qualità di osservatrice. L

Dettagli

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR)

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) UNA CULTURA, UNA TRADIZIONE, UN SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE: IL CASO DI CASTELLI (TE) Indicazioni progettuali per un analisi territoriale, per un progetto di

Dettagli

RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE INDICE 1 PREMESSA 5 IL PROGETTO RIMOTIVAZIONE 6 PRIMA PARTE IL CONTESTO TEORICO DI RIFERIMENTO 8 CAPITOLO PRIMO I DIVERSI MODELLI

Dettagli

PERCORSO DI FORMAZIONE SUI METODI DI APPRENDIMENTO COOPERATIVO. LABORATORIO PERMANENTE di FORMAZIONE E RICERCA

PERCORSO DI FORMAZIONE SUI METODI DI APPRENDIMENTO COOPERATIVO. LABORATORIO PERMANENTE di FORMAZIONE E RICERCA PERCORSO DI FORMAZIONE SUI METODI DI APPRENDIMENTO COOPERATIVO LABORATORIO PERMANENTE di FORMAZIONE E RICERCA Dr. Andrea Bertucci Psicologo e Dottore di Ricerca in Scienze Cognitive E mail: andrea.bertucci@yahoo.com

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI La progettazione formativa e didattica GLI STILI E LE MODALITA DI DI APPRENDIMENTO: dalle dalle conoscenze alla alla interiorizzazione dei dei comportamenti organizzativi 1 IL IL PERCORSO DELL APPRENDIMENTO

Dettagli

8 Promuovere una fondazione dedicata alla raccolta fondi

8 Promuovere una fondazione dedicata alla raccolta fondi Presentazione Di anno in anno, alle aziende nonprofit si richiede di assistere sempre più persone, di offrire servizi sempre più completi, di essere sempre più coerenti e affidabili. Molte aziende nonprofit

Dettagli

A cura di Roberta Ferdenzi, componente del Coordinamento pedagogico provinciale di Piacenza

A cura di Roberta Ferdenzi, componente del Coordinamento pedagogico provinciale di Piacenza Provincia di Piacenza Settore Sistema Scolastico e servizi alla persona e alla comunità RIFLESSIONI SUL LAVORO DEL COORDINATORE CHE OPERA PER FACILITARE, SUPPORTARE, SVILUPPARE LA CRESCITA PROFESSIONALE

Dettagli

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA Silvano MARSEGLIA E per me un grande piacere ed un onore aprire i lavori di questo nostro Congresso Straordinario

Dettagli

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e siccome la valutazione si basa sulle abilità dimostrate

Dettagli

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori ARTICOLI ORIGINALI Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori 38 Tratto dalla propria Tesi di Master La percezione del Coordinatore Infermieristico sulla competenza

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 3 - La strategia aziendale Unità didattica 1 - Strategia: contenuti, oggetti, finalità Antonio Dallara Caratteristiche

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

L UOMO L ORGANIZZAZIONE

L UOMO L ORGANIZZAZIONE UNITÀ DIDATTICA 1 L UOMO E L ORGANIZZAZIONE A.A 2007 / 2008 1 PREMESSA Per poter applicare con profitto le norme ISO 9000 è necessario disporre di un bagaglio di conoscenze legate all organizzazione aziendale

Dettagli

Convegno 20 gennaio 2014 Istituto Schiapparelli Gramsci Milano - ASL Pesante -

Convegno 20 gennaio 2014 Istituto Schiapparelli Gramsci Milano - ASL Pesante - ISIS Facchinetti di Castellanza Convegno 20 gennaio 2014 Istituto Schiapparelli Gramsci Milano - ASL Pesante - Finalità ed obiettivi L offerta formativa del nostro istituto, per quanto attiene la formazione

Dettagli

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1)

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) La conoscenza pedagogica, nella misura in cui fa riferimento alla persona considerata nel suo complesso, non si fonda sul procedimento conoscitivo della

Dettagli

L USCITA DIDATTICA COME EDUCAZIONE ALLA GEOGRAFIA, ALLA STORIA E AL TURISMO

L USCITA DIDATTICA COME EDUCAZIONE ALLA GEOGRAFIA, ALLA STORIA E AL TURISMO L USCITA DIDATTICA COME EDUCAZIONE ALLA GEOGRAFIA, ALLA STORIA E AL TURISMO Spunti di riflessione teorici e pratici a cura di Thomas Gilardi e Paolo Molinari Valori didattici, formativi e sociali dell

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE L insegnamento delle scienze dovrebbe essere caratterizzato dall utilizzo e dall acquisizione delle metodologie euristiche, che alimentano

Dettagli

ASPETTI ORGANIZZATIVI

ASPETTI ORGANIZZATIVI MOTIVAZIONE Fin dalla prima infanzia, i bambini/e esplorano con le mani e con il corpo l ambiente intorno a loro. Attraverso la percezione sensoriale, cominciano ad elaborare una rappresentazione mentale

Dettagli

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le seguenti undici competenze chiave del coaching sono state sviluppate per fornire una maggiore comprensione rispetto alle capacità ed agli approcci

Dettagli

APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA

APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA Tiziana Monticone 1 Tiziana Monticone l emergere di un sé e di un identità professionale è il risultato di un rapporto complesso tra: la formazione la

Dettagli

Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi

Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi 2 Pure Performance La nostra Cultura Alfa Laval è un azienda focalizzata sul cliente e quindi sul prodotto con una forte cultura

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

IL CALCIO A 5 NELL ATTIVITA DI BASE

IL CALCIO A 5 NELL ATTIVITA DI BASE IL CALCIO A 5 NELL ATTIVITA DI BASE IL BAMBINO I giovani giocatori che frequentano la scuola calcio appartengono alla fascia di età classificata come età evolutiva. La letteratura sociologica identifica

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Pag. 1 di 6 PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) 2012/2013 Come saprete il nostro istituto opera da oltre 40 anni, ed è l unico LICEO paritario

Dettagli

Curricolo, Competenze, Educazione ambientale: riflessioni epistemologiche, metodologiche e didattiche. Carlo Fiorentini

Curricolo, Competenze, Educazione ambientale: riflessioni epistemologiche, metodologiche e didattiche. Carlo Fiorentini Curricolo, Competenze, Educazione ambientale: riflessioni epistemologiche, metodologiche e didattiche Carlo Fiorentini Alfabeti ecologici Ministero dell ambiente Gruppo di Saggi costituito dal Sottosegretario

Dettagli

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Premessa L Audit organizzativo si fonda sull ascolto organizzativo che presenta come obiettivo primario la valorizzazione

Dettagli

DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE. Dalla raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre 2006

DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE. Dalla raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre 2006 COMPETENZA S P I R I T O D I I N I Z I A T I V A E D I I M P R E N D I T O R I A L I T A DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE Dalla raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre 2006

Dettagli

Il Direttore Generale. Loredana Gulino

Il Direttore Generale. Loredana Gulino PICCOLI E GRANDI INVENTORI CRESCONO: UN LUNGO VIAGGIO NELLE SCUOLE ITALIANE PER PROMUOVERE LA CULTURA BREVETTUALE PREMESSA Quando, nel 2008, ho assunto la direzione della Direzione Generale per la Lotta

Dettagli

CAP 2 Le fonti dell innovazione. Gestione dell innovazione

CAP 2 Le fonti dell innovazione. Gestione dell innovazione CAP 2 Le fonti dell innovazione Gestione dell innovazione 1 La creatività L innovazione può scaturire da molte fonti diverse: Mente degli individui Ricerca universitaria, EPR, incubatori di imprese, fondazioni

Dettagli

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Indice Presentazione 4 Norme per il Corso di laurea specialistica in Disegno industriale del prodotto

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 RAGIONI DELLA SCELTA L acqua è un elemento fondamentale per la nostra vita. E importante

Dettagli

Camp Fondazione Atm. L Orma Via De Rolandi, 12 20156 (MI) Tel: 02 33002932 Fax: 02 33000525 Iscritta al Registro Provinciale APS n 133

Camp Fondazione Atm. L Orma Via De Rolandi, 12 20156 (MI) Tel: 02 33002932 Fax: 02 33000525 Iscritta al Registro Provinciale APS n 133 PRESENTA Camp Fondazione Atm IL PROGETTO EDUCATIVO DESCRIZIONE DELL INIZIATIVA Il soggiorno estivo rivolto ai bambini e ragazzi della Fondazione Atm è un percorso di azione formativa all interno del quale

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari Michele Galeotti Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B

Dettagli

IcTgS PRIMO LEVI SEREGNO. Il Sistema Moda

IcTgS PRIMO LEVI SEREGNO. Il Sistema Moda IcTgS PRIMO LEVI SEREGNO Il Sistema Moda S. M. comprende tutte le imprese della filiera Tessile- Abbigliamento Accessori: - filatura, tessitura e lavorazione (fibre naturali, artificiali e sintetiche);

Dettagli

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Genova, 16 marzo 2006 Via Balbi, 1a - 16126 GENOVA Tel. 010/2095962 Fax 010/2095961 e-mail: cared@unige.it Master

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo La ricerca di gruppo è un metodo attraverso il quale gli studenti collaborano tra di loro a piccoli gruppi per esaminare

Dettagli

test di autorientamento

test di autorientamento università degli studî suor orsola benincasa facoltà di scienze della formazione CORSO DI LAUREA IN Scienze dell Educazione test di autorientamento Prova a rispondere alle seguenti domande e confronta

Dettagli

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA Parte III : R&S nella piccola e media impresa Angelo Bonomi PICCOLE E MEDIE IMPRESE E R&S Esistono varie definizioni di piccole e

Dettagli

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che L alunno/a è stato/a ammesso/a alla classe successiva/all Esame di Stato al termine del 1 ciclo

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE

SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE Premessa SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE L elaborazione di un curricolo trasversale relativo alla cittadinanza e costituzione nasce dall esigenza

Dettagli

dopo la crisi rinnoviamo la professione di Patrizia Bonaca ODCEC di Roma

dopo la crisi rinnoviamo la professione di Patrizia Bonaca ODCEC di Roma Il mondo delle professioni sta affrontando un periodo di profondi cambiamenti dovuti all evoluzione culturale che l attuale crisi economica richiede. E in atto un vero e proprio cambio di paradigma, che

Dettagli

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI 1. Lavorare per progetti La parola, oltre ad avere il significato del lessico comune, significa anche approccio manageriale, soprattutto da quando

Dettagli

L Orientamento Scolastico Professionale

L Orientamento Scolastico Professionale Istituto Comprensivo di Cappella Maggiore anno scolastico 2013-2014 L Orientamento Scolastico Professionale una proposta Finalità dell incontro Condividere i modelli di Orientamento Scolastico Professionale

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1.

Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1. Castelfranco E., 13 04-2013 Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1. Come già specificato il progetto, parte integrante del POF della scuola,

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE E E GESTIONE DEL CORE KNOWLEDGE

RAPPRESENTAZIONE E E GESTIONE DEL CORE KNOWLEDGE KNOWLEDGE MANAGEMENT Seminario Tematico Università di Milano-Bicocca RAPPRESENTAZIONE E E GESTIONE DEL CORE KNOWLEDGE Stefania Bandini Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione Università

Dettagli

Promuovere e valutare competenze nella scuola

Promuovere e valutare competenze nella scuola Promuovere e valutare competenze nella scuola Intervento di Michele Pellerey Sul concetto di competenza in un contesto scolastico Nei documenti della Commissione Europea sulla competenze chiave della cittadinanza

Dettagli

Quando un problema è veramente un problema? Aspetti cognitivi Aspetti relazionali Aspetti esistenziali

Quando un problema è veramente un problema? Aspetti cognitivi Aspetti relazionali Aspetti esistenziali Quando un problema è veramente un problema? Aspetti cognitivi Aspetti relazionali Aspetti esistenziali I denominatori comuni di tutti i problemi La presenza di una richiesta, o di una sfida, che crea una

Dettagli

Il curricolo per competenze e la didattica disciplinare. Obiettivi e metodologia

Il curricolo per competenze e la didattica disciplinare. Obiettivi e metodologia Il curricolo per competenze e la didattica disciplinare Obiettivi e metodologia Presentazione e premessa Breve presentazione personale Il tema Curricolo per competenze e didattica disciplinare sarà trattato

Dettagli

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7 AREA human resources La selezione del personale 3 L assessment e la valutazione del potenziale 4 Gli strumenti 5 L analisi di clima 7 AREA management & behavioral training La formazione del personale 9

Dettagli

UNA SCUOLA PER AMARE

UNA SCUOLA PER AMARE UNA SCUOLA PER AMARE L iniziativa UNA SCUOLA PER AMARE vuole essere una chiave d accesso per entrare nelle scuole, ma soprattutto nella sfera affettiva dei giovani, alla quale durante il percorso scolastico

Dettagli

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370 Buongiorno a tutti. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Rettore che questa mattina ci ha onorato

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice INSEGNAMENTO DI PSICOLOGIA DELL ORIENTAMENTO SCOLASTICO E PROFESSIONALE LEZIONE I ORIENTAMENTO E PSICOLOGIA PROF.SSA ANNAMARIA SCHIANO Indice 1 L orientamento: significato e tipologie ---------------------------------------------------------------

Dettagli

LA TERAPIA PSICO- COMPORTAMENTALE. Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca

LA TERAPIA PSICO- COMPORTAMENTALE. Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca LA TERAPIA PSICO- COMPORTAMENTALE Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca PANORAMICA Scopi e obiettivi del trattamento Ridurre i sintomi dell ADHD Ridurre i sintomi in comorbidità Ridurre il

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

LA SICUREZZA E IMPORTANTE

LA SICUREZZA E IMPORTANTE DISC PROFILO VERDE INTRODUZIONE Le persone con un alto profilo comportamentale VERDE preferiscono lavorare all interno di strutture esistenti e collaborare con gli altri. Il VERDE vuole sentirsi sicuro

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli