/La cultura dell innovazione/ Comportamenti e ambienti innovativi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "/La cultura dell innovazione/ Comportamenti e ambienti innovativi"

Transcript

1 Scheda libro /La cultura dell innovazione/ Comportamenti e ambienti innovativi Riccardo Viale

2 /1/ tesi del libro 2 Riccardo Viale, "La cultura dell innovazione. Comportamenti e ambienti innovativi" Il Sole 24 ore, Milano, 2008

3 tesi del libro Il titolo La cultura dell innovazione, comportamenti e ambienti innovativi racchiude in sé la tesi del libro, ovvero il concetto base attorno al quale si sviluppano le diverse argomentazioni, organizzate in capitoli e affidate a diversi autori. L innovazione non deve essere considerata e studiata come un rigoroso processo scientifico, tecnologico o economico. Essa è intrinseca alla società, al territorio e alla cultura all interno della quale si sviluppa e come tale non racchiude soltanto aspetti razionali, ma anche e soprattutto l insieme di quei valori emotivi e culturali, quali la creatività, la passione, l arte, che ne caratterizzano e identificano il tessuto sociale. In corrispondenza all aspetto culturale dell innovazione, viene evidenziata anche la dimensione locale, ovvero, la forte tendenza a concentrarsi in determinati luoghi, dove possono nascere e svilupparsi fitte reti di relazioni sociali, in grado di incoraggiare il confronto tra individui, lo scambio e la circolazione di conoscenza ed esperienza, facilitando così l emergere di nuove soluzioni e idee. Nel suo complesso l innovazione può essere, quindi, considerata come un fenomeno urbano. Percorso contenuti Come detto in precedenza, ogni capitolo è affidato ad un autore diverso che indaga ed argomenta un aspetto dell innovazione, coerentemente alla tesi complessiva del libro. Si parte così da un analisi storica del problem solving, per analizzare il ruolo della conoscenza e della creatività nei processi innovativi, descrivendo l importanza della dimensione locale e sociale del territorio di sviluppo, evidenziando il ruolo delle imprese e le loro prospettive. Un percorso complesso e completo attraverso gli aspetti dei processi innovativi che possono essere raggruppati in tre macroaree: il territorio, le imprese, i valori della società. S Maria Dukhvalova // Francesco Donati // Chiara Gambarana Eleonora Ganini // Flavia Frison // Clara Fustinoni // Dina Skuratovich 3

4 /2/ situazione di contesto 4 Riccardo Viale, "La cultura dell innovazione. Comportamenti e ambienti innovativi" Il Sole 24 ore, Milano, 2008

5 situazione di contesto Note sull autore: Riccardo Viale // Il Professore Riccardo Viale è nato a Torino il 31 dicembre Nel 1978 ha conseguito la laurea in Medicina e Chirurgia con la specializzazione in Psichiatria presso l Università degli Studi di Torino. E docente stabile di Politica della Ricerca e dell Innovazione presso la Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione di Roma; Professore ordinario di Logica e Filosofia della Scienza presso la Facoltà di Sociologia dell Università degli Studi di Milano-Bicocca. Membro e Visiting Scholar di diversi Atenei stranieri: Oxford; Aix en Provence; Rice, Houston; Friburgo; Universidade Federal di Rio de Janeiro; Santa Barbara, Universidade Federal Fluminense di Niteroi, Brasile. Invitato come Distinguished Visiting Fellow presso la Columbia University di New York ( ). Fondatore e Presidente della Fondazione Rosselli; Direttore del Laboratorio sull Innovazione, la Ricerca e l Impresa (LIRA) dell Università degli Studi di Milano-Bicocca; Direttore Scientifico dell Istituto di Metodologia della Scienza e della Tecnologia di Torino. Dal 2004 al 2006 è stato editorialista de La Stampa. Attualmente è editorialista de Il Sole 24 Ore. Principali interessi di ricerca: Metodologia ed epistemologia delle scienze sociali; Cognizione sociale e cervello; Epistemologia sociale; Teorie della razionalità limitata; Modelli cognitivi del ragionamento e della decisione; Teoria cognitiva della scienza; Economia cognitiva; Antropologia cognitiva; Sociologia della scienza; Sociologia neurocognitiva; Innovazione tecnologica; Politica della ricerca. La Cultura Dell innovazione Maria Dukhvalova // Francesco Donati // Chiara Gambarana Eleonora Ganini // Flavia Frison // Clara Fustinoni // Dina Skuratovich 5

6 situazione di contesto Editore: Il Sole 24 Ore Data di pubblicazione: 2008 Siamo nel secolo dell'innovazione permanente e pervasiva. Dall'impresa manifatturiera alle istituzioni culturali e sportive, l'innovazione gioca un ruolo centrale nella vita organizzativa e nelle decisioni strategiche. Per capire il fenomeno ci si affida tradizionalmente al lavoro degli economisti. Questo tipo di analisi riesce a rappresentare, però, solo gli aspetti esterni del processo innovativo; non è in grado, invece, di spiegarne né la genesi né i meccanismi intimi di sviluppo. L'obiettivo di questo testo è coprire tale vuoto, concentrandosi sugli aspetti psicologici, valoriali e sugli incentivi sociali e istituzionali in grado di generare comportamenti innovativi. Un libro quanto mai attuale che spiega come si genera e si produce l'innovazione. Un riferimento importantissimo che attraverso le voci di grandi esperti italiani di psicologia, economia, sociologia, politica della ricerca, epistemologia e teoria della complessità, cerca di chiarire una serie di incombenti questioni. Quali sono le caratteristiche cognitive nella soluzione creativa dei problemi; che tipo di propensione al rischio ha l'innovatore; quali sono i valori culturali che incentivano comportamenti innovativi; come possiamo caratterizzare gli ambienti ed i territori che favoriscono la nascita di imprese innovative; cosa deve fare un'impresa per generare innovazioni di successo economico; che ruolo ha la ricerca scientifica nell'alimentare l'innovazione tecnologica. Si tratta di testo particolarmente interessante per chi desidera accostarsi a uno dei temi cardine dell economia contemporanea. Altri testi: Il libro verde sull innovazione. Come rilanciare l innovazione in italia M. Calderini - M. Sobrero Editore: Il Sole 24 Ore Data di pubblicazione: 2008 L'importanza della ricerca e dell'innovazione per la competitività 6 Riccardo Viale, "La cultura dell innovazione. Comportamenti e ambienti innovativi" Il Sole 24 ore, Milano, 2008

7 delle imprese e dei sistemi economici è un elemento ormai consolidato. Il primo libro verde, curato dalla Fondazione Cotec, parte da questo dato per sviluppare un'articolata e approfondita analisi dell'attuale situazione italiana in tema di ricerca e innovazione. Dopo una rapida, ma significativa ed approfondita ricognizione generale sullo stato di salute (o di malattia) del paese rispetto all'innovazione, il testo fornisce indicazioni specifiche nei diversi campi. La cultura dell innovazione in italia Fondazione Cotec, Wired, e IRPPS del CNR Data di pubblicazione: 2009 Nell ambito delle celebrazioni della Giornata Nazionale per l Innovazione, è stato distribuito il primo Rapporto Annuale sulla Cultura dell Innovazione, realizzato dalla Cotec in collaborazione con il mensile Wired e l Istituto di Ricerche sulla Popolazione e le Politiche Sociali del Cnr. Il Rapporto è stato prodotto a partire da un campione di oltre 2000 cittadini italiani, stratificati per genere, età e area di provenienza in modo da rappresentare nella maniera più fedele possibile uno spaccato dell intera popolazione. Ne emerge la consapevolezza dell importanza del lavoro, della ricerca e dello studio come fattori fondamentali per innovare. Vengono ritenuti indispensabili anche incentivi finanziari e simbolici adeguati per motivare chi intraprende la difficile strada dell innovatore. Il Rapporto sulla cultura dell innovazione costituisce il primo episodio di uno studio che si propone di essere realizzato annualmente quale aggiornamento periodico dell analisi del grado di diffusione della cultura dell innovazione nella società italiana, un fenomeno complesso e di importanza strategica per il futuro del Paese. Maria Dukhvalova // Francesco Donati // Chiara Gambarana Eleonora Ganini // Flavia Frison // Clara Fustinoni // Dina Skuratovich 7

8 /3/ argomenti fondanti il testo 8 Riccardo Viale, "La cultura dell innovazione. Comportamenti e ambienti innovativi" Il Sole 24 ore, Milano, 2008

9 origine storiche dell'innovazione permanente capitolo 1 (Riccardo Viale) Il primo capitolo ci introduce al tema dell innovazione permanente, che caratterizza i giorni nostri, andandone ad indagare le origini storiche. Se in passato le t non erano frequenti e si trasformavano in difficoltà in innovazioni che si diffondevano lentamente nel mercato, oggi la situazione si è capovolta. Riccardo Viale, come molti altri autori, fa risalire la svolta tra la fine del XIX e gli inizi del XX secolo, soprattutto negli USA. Una serie di incentivi (economici, culturali, istituzionali ecc.) hanno incoraggiato in quegli anni comportamenti innovativi, che a loro volta hanno rafforzato tali incentivi, generando così circoli virtuosi e quindi innovazione permanente. I cambiamenti di quegli anni sono legati a quelle che Viale chiama le 3 C (che s influenzano a vicenda): aumento della Concorrenza del mercato, scoperta dei rendimenti crescenti legati alla Conoscenza scientifica delle tecnologie e sempre maggiore disponibilità di Capitale finanziario per le imprese impegnate in ricerca e sviluppo. La concorrenza diventa significativa con la rivoluzione dei trasporti della seconda metà dell 800 (treno, auto), con la maggiore urbanizzazione, l aumento del reddito medio disponibile e le leggi antitrust statunitensi del 1890; in un contesto fortemente concorrenziale, che caratterizza la globalizzazione dei giorni nostri, diventa fondamentale per le imprese distinguersi attraverso prodotti e processi innovativi. Il secondo fattore, la conoscenza scientifica delle tecnologie, sviluppatosi con la seconda rivoluzione industriale e incentivato dalle leggi sui brevetti (che consentono alle imprese di proteggere le proprie innovazioni) porta alla nascita dei primi laboratori di ricerca e sviluppo all interno delle imprese e alle collaborazioni tra università e imprese; la ricerca e quindi l innovazione diventano un must delle imprese. La disponibilità di Capitale finanziario diventa fondamentale per le imprese della seconda rivoluzione industriale (a differenza di quelle della prima), che creano fusioni, dando presto vita a società per azioni; il mercato azionario permette così l investimento nelle imprese di grandi quantità di capitali, utilizzati soprattutto in ricerca e sviluppo. Le imprese di oggi sono ormai strutturalmente collegate alle istituzioni finanziarie. S A Maria Dukhvalova // Francesco Donati // Chiara Gambarana Eleonora Ganini // Flavia Frison // Clara Fustinoni // Dina Skuratovich 9

10 ostacoli cognitivi ad innovazione capitolo 2 (Fabio del Missier e Rino Rumiati) La psicologia cognitiva, spiegata da Fabio Del Missier e Rino Rumiati, come chiave di lettura dei meccanismi mentali chiamati in gioco nella generazione d'innovazione. Le diverse attività cognitive: 1. individuare problemi/opportunità non immediatamente evidenti; 2. generare soluzioni per problemi mal definiti; 3. scoprire nuove procedure volte a produrre diversi tipi d'innovazione rispettivamente I. identificazione di un nuovo bisogno o esigenza, nuovo modo di concepire un prodotto; II. ideazione di un nuovo prodotto o servizio, o di una loro componente, o trasformazione innovativa di un prodotto o servizio già esistente; III. ideazione di nuovi processi) possono avere esiti qualitativi soggettivamente differenti in base alla naturale influenza di elementi cognitivi aiutanti o opponenti tali attività, il capitolo offre dei suggerimenti pratici per alimentare un'impostazione mentale efficace nella produzione di idee innovative. INDAGA A 10 Riccardo Viale, "La cultura dell innovazione. Comportamenti e ambienti innovativi" Il Sole 24 ore, Milano, 2008

11 creatività e innovazione capitolo 3 (Paolo Cherubini) Paolo Cherubini contrappone alla versione allargata della spiegazione cognitiva dell innovazione (presentata nel capito precedente da Fabio Del Missier e Rino Rumiati) una sua versione ristretta. In poche parole nella tesi viene brevemente affrontata la questione della natura dell innovazione e del pensiero creativo. Dopo un ampia analisi delle tesi di dottorato sulla creatività, Cherubini ha notato che nonostante l argomento fosse lo stesso, nelle aree diverse si usavano termini diversi(le tesi di area economicofinanziaria preferivano termine innovazione, focalizzandosi sugli aspetti organizzativi, mentre le tesi de area psicologica usavano più il termine creatività, focalizzandosi sugli aspetti isndividuali). Così l autore sostiene che la psicologia cognitiva può aiutare a capire solo l attività di problem solving finalizzata all'adattamento di una soluzione tradizionale a un contesto nuovo. Più problematica invece, per la psicologia, l'analisi empirica della creatività assoluta, cioè pensare o realizzare qualcosa che non era stato né pensato né realizzato prima e che costituisce un'innovazione. Nella tesi l autore descrive 4 approcci dello studio della creatività: psicometrico e psicologico; cognitivo-sperimentale; storico-ideografico ; cognitivo-computazionale. Avvertendo comunque che ciascuno dei quattro approcci ha dei seri limiti, intrinseci al loro essere approcci indiretti. Un altro aspetto importantissimo che sottolinea psicologo è che una delle caratteristiche dei più grandi innovatori è la capacità di superare gli schemi tradizionali di pensiero attraverso l utilizzo creativo delle analogie. S A Maria Dukhvalova // Francesco Donati // Chiara Gambarana Eleonora Ganini // Flavia Frison // Clara Fustinoni // Dina Skuratovich 11

12 propensione a innovare e conoscenza di sfondo capitolo 4 (Andrea Pozzali) Prendendo per assunto che l innovazione è un fenomeno relativamente poco diffuso, ovvero fortemente legato a determinate dimensioni temporali, spaziali e sociali, Andrea Pozzali, nel capitolo 4, cerca di mettere in luce quelli che possono essere i fattori di influenza per lo sviluppo dell innovazione, attraverso un focus sull individuo, sulla sua interazione con l ambiente fisico, sociale e culturale. In particolare viene analizzato il rapporto tra innovazione e conoscenza. Quest ultima viene classificata in conoscenza proposizionale, che ha la sua manifestazione nelle scoperte scientifiche; conoscenza prescrittiva, che traduce la scoperta in invenzione; conoscenza tacita, definita da Michael Polanyi, come l insieme di tutte quelle forme di sapere possedute più o meno consapevolmente dal soggetto e che per loro natura non possono essere codificate. Questa a sua volta può essere classificata in conoscenza tacita competenziale, che racchiude ed interessa le abilità fisiche di un individuo; conoscenza tacita cognitiva, che riguarda le competenze linguistiche; conoscenza tacita di sfondo, che racchiude tutti quei valori, quelle credenze, quei comportamenti, assunti dall individuo in quanto inserito in un determinato contesto socio-culturale. E proprio sull importanza e sulla relazione di quest ultima con i processi di innovazione, che si sviluppa la tesi del capitolo, ovvero: L innovazione non può essere vista come un fenomeno puramente economico o ingegneristico: per poter essere compresa, deve essere considerata anche come un fenomeno sociale e culturale. (Pozzali, 2008 p. 130) In particolare, al termine del capitolo, vengono evidenziati i tre fattori fondamentali che influenzano la propensione di una determinata società all innovazione: il peso della tradizione culturale, ovvero la propensione alla rottura con le consuetudini del passato e con le abitudini consolidate; l orientamento positivo nei confronti del rischio, ovvero la disponibilità ad accettare un determinato livello di rischio nei processi di sviluppo e innovazione, tale da considerare i possibili fallimenti come parti integranti di tali processi; la tendenza al pensiero veloce, ovvero la propensione ad assumere decisio- 12 Riccardo Viale, "La cultura dell innovazione. Comportamenti e ambienti innovativi" Il Sole 24 ore, Milano, 2008

13 ni fondamentali in tempi relativamente brevi, in modo da limitare l incertezza e l indecisione: in un contesto innovativo e dinamico, prendere decisioni in tempi rapidi è spesso una necessità vitale. In conclusione si può affermare che la propensione all innovazione di una determinata cultura è data dal giusto equilibrio tra questi fattori. Un terreno fertile per l innovazione sarà, quindi, quella cultura in grado di liberarsi dal peso della tradizione, disposta a convivere con un livello ragionevole di rischio e di vulnerabilità e in grado di premiare i soggetti in grado di prendere decisioni fondamentali in tempi rapidi. S A Maria Dukhvalova // Francesco Donati // Chiara Gambarana Eleonora Ganini // Flavia Frison // Clara Fustinoni // Dina Skuratovich 13

14 la dimensione locale dell'innovazione capitolo 5 (Guido Martinotti e Andrea Pozzali) Guido Martinotti è professore di Sociologia urbana presso la facoltà di Sociologia dell Università di Milano Bicocca. Il quinto capitolo ci mostra come l innovazione dipenda fortemente dal luogo,cioè dal contesto locale in cui si sviluppa. Martinotti e Pozzali, attraverso il caso della Silicon Valley, individuano alcuni dei fattori che rendono determinate zone geografiche maggiormente propense all innovazione rispetto ad altre. Un fattore è la presenza di un capitale sociale, cioè una fitta rete sociale che collega vari attori dell innovazione (università, centri di ricerca, aziende, istituzioni pubbliche), relazioni che possono essere sia formali che informali. Nella Silicon Valley questa rete è caratterizzata dalla presenza di numerose università di eccellenza. Un altro fattore concerne le caratteristiche del sistema industriale, che nel caso della Silicon Valley consiste in microelettrica e network computing, settore da costruire ex novo e quindi più propenso ala nascita di piccole aziende innovative e dinamiche. In California c erano anche condizioni istituzionali favorevoli: diffusione in larga scala del venture capital, mercato del lavoro flessibile e aperto, politiche di finanziamento federali generose nei confronti della ricerca universitaria. Non ultimi i fattori culturali: forte spinta all imprenditorialità individuale, orientamento positivo nei confronti dell assunzione di rischio, valutazione positiva dei casi di insuccesso, della competizione, dello stress. S A 14 Riccardo Viale, "La cultura dell innovazione. Comportamenti e ambienti innovativi" Il Sole 24 ore, Milano, 2008

15 la capacità di innovare nelle imprese capitolo 6 (Luigi Marengo) Luigi Marengo raggruppa i fattori che determinano il successo innovativo in un'impresa in quattro categorie: la capacità di percepire le minacce e le opportunità nell ambiente circostante; la capacità di mettere in atto i necessari e conseguenti cambiamenti interni; la capacità di tradurre il cambiamento in risultato economico e la capacità di mantenere queste condizioni nel tempo. Un'azienda è in grado di innovare se riesce ad approfittare delle nuove conoscenze tecnologiche generate al suo interno o esterno; se riesce a cogliere i cambiamenti di gusto o i bisogni latenti dei consumatori; se riesce a seguire in modo efficace l'attività dei concorrenti; se riesce a occupare nuove nicchie di mercato locale o internazionale; se riesce ad approfittare delle opportunità generate da nuovi vincoli o da incentivi legali e dal quadro istituzionale e politico generale; se riesce a mantenere attivo questo ciclo di condizioni senza fossilizzarsi su alcune routine organizzative. S A Maria Dukhvalova // Francesco Donati // Chiara Gambarana Eleonora Ganini // Flavia Frison // Clara Fustinoni // Dina Skuratovich 15

16 conoscenza tecnologica e innovazione: il ruolo crescente dell'innovazione (Pier Paolo Patrucco) Questo capitolo pone al centro dell economia dell innovazione la dimensione relazionale, comunicativa e cooperativa che sta dietro alla creazione di conoscenza e d innovazione. La comunicazione tecnologica viene poi definita come quel supporto necessario all accumulazione della conoscenza stessa, che permette la crescita delle imprese. Ogni programma per la diffusione dell innovazione nelle imprese dovrebbe tenere in considerazione, oltre alla componente puramente tecnologica, altre componenti, quali: il fattore umano, la cultura d impresa, la cultura sociale e la cultura di mercato. Le imprese sono il motore per la generazione e la diffusione di conoscenza solo se sono in grado di implementare interazioni e scambi di conoscenza efficaci con altre imprese, università, organizzazioni etc. Devono trarre vantaggio dall esterno, dalla multidisciplinarietà e rendere accessibile la propria conoscenza tramite i mezzi di comunicazione tecnologica. capitolo 7 S A 16 Riccardo Viale, "La cultura dell innovazione. Comportamenti e ambienti innovativi" Il Sole 24 ore, Milano, 2008

17 complessità nei percorsi dell'innovazione capitolo 8 (Pietro Terna) Lo slogan del capitolo è more is different, è il titolo di un articolo di Philip Anderson, e dagli suoi studi sugli elementi di numero elevato che interagiscono. Complessità depende dalla quantità degli elementi partecipanti dell'interazione tra gli elementi secondo le regole implicite o esplicite Questi due livelli di lettura si sovrappongono. I sistemi complessi hanno le seguenti caratteristiche (secondo Holland) ' il parallelismo, con moltitudine di agenti che interagiscono e producono un gran numero di segnali e informazione simultaneamente ' l'azione condizionale, per cui gli agenti adottano schemi del tipo se/allora, con l'azione conseguente ad allora che può a sua volta essere un segnale che genera interazioni o retroazioni ' la presenza di moduli o blocchi di regole, cha agiscano in sequenza ' la capacita di adattamento ed evoluzione con il cambiamento continuo degli agenti Tutto l'articolo è dedicato alla ricerca della spiegazione di cos'è la complessità, soprattutto nel mondo economico attuale, spinto dall'innovazione tecnologica costante, come è possibile studiare questo sistema complesso per produrre gli strumenti per la politica economica. La complessità come abbiamo visto ha più livelli in cui gli agenti (partecipanti del sistema), interagendo tra di loro, creano una rete di significati ed interazioni. Nel contesto economico abbiamo tre tipi di agenti importanti per lo sviluppo dell'innovazione: ' enti di governo ' enti di ricerca (soprattutto università) ' le imprese Il successo degli studi dell''innovazione e dell'applicazione nella realtà dipendono da quanto siano efficaci tutti i tre attori sia nel loro compito sia nell'interagire con gli altri. S A Maria Dukhvalova // Francesco Donati // Chiara Gambarana Eleonora Ganini // Flavia Frison // Clara Fustinoni // Dina Skuratovich 17

18 /4/ sistema dei legami e delle genealogie 18 Riccardo Viale, "La cultura dell innovazione. Comportamenti e ambienti innovativi" Il Sole 24 ore, Milano, 2008

19 sistema dei legami e delle genealogie Il volume La cultura dell innovazione, promosso dalla Fondazione Cotec (Fondazione per l innovazione Tecnologica), parte dall analisi della possibilità dell innovazione nell industria manifatturiera e nel settore dei servizi dicendo che questo fenomeno può essere promosso e spiegato e promosso solo con un attenta analisi di tipo psicologico, culturale e istituzionale. Essendo un testo composto da più parti scritte dagli autori specializzati nei settori diversi (psicologia,filosofia, formazione, economia e finanza, sociologia, storia delle scienze e tecnologia ecc.) il volume risulta in se interdisciplinare. Viale gli unisce nella discussione sul tema della cultura dell innovazione, e risulta interessante quanto sono differenti non tanto opinioni ma i punti di vista dell osservazione del problema posto. In ogni caso però si sottolinea l importante dominanza del fattore socio-culturale e del ambiente nel quale si avvisa lo sviluppo dell innovazione. In uno degli articoli Riccardo Viale dice che da più anni si parla, in Italia, sulla falsariga dell'esperienza americana, di educare i giovani all'innovazione. Di fronte alla differente propensione all'innovazione di aree geografiche, territori e contesti locali, si pensa che la causa si trovi proprio in uno specifico atteggiamento culturale e psicologico dell'individuo. Viale sottolinea che la conoscenza di sfondo "inno genetica" che l'individuo assorbe nei suoi processi di sviluppo e socializzazione sembra di influire in modo determinante. Valori e norme comportamentali come la curiosità intellettuale, la capacità di "problem solving", l'anticonformismo nelle soluzioni, la propensione al rischio, il gusto per la conoscenza e la comprensione della realtà naturale e umana, sembrano iscritti nella cultura locale, trasmessa attraverso l'istruzione e l'interazione sociale. Solo queste specificità sembrano di spiegare la differente performance innovativa di aree che hanno analoghi fattori di contesto economico, finanziario e amministrativo, come alcune regioni degli Stati Uniti. Qui che viene avvisata la necessità da alcuni studiosi e policy maker di orientare gli strumenti educativi verso la promozione di questo tipo di valori e comportamenti, quando il contesto locale ne sia privo. Il vero problema a questo punto è Come educare alla cultura Maria Dukhvalova // Francesco Donati // Chiara Gambarana Eleonora Ganini // Flavia Frison // Clara Fustinoni // Dina Skuratovich 19

20 sistema dei legami e delle genealogie dell'innovazione? La tendenza attuale è di orientare i programmi scolastici, liceali e universitari, verso i contenuti legati all'innovazione. Cultura scientifica, tecnologica, economica e di "business administration" instillata ad adolescenti viene proposta come lo strumento privilegiato. Ed appunto a questa tendenza che tralascia alcuni importanti errori si contrappone Viale. Dagli studi della nuova psicologia dell'età evolutiva (Alison Gopnik The Philosophical Baby, Farrar, Strauss and Giroux New York, 2010) si afferma che l'evoluzione cognitiva presenta un cambiamento che potrebbe essere rappresentato, metaforicamente, come il passaggio da una fase di ricerca a quella di sviluppo produttivo. Così i bambini nei primi anni di vita presentano il potenziale più alto di capacità creativa e di ricerca rispetto alle fasi successive. La loro mente e il loro corpo sono uno strumento d'indagine continua, di creazione di ipotesi sulla base dell'evidenza e della fantasia e di controllo e cambiamento concettuale alla luce di nuovi dati. La mente è libera di indagare e di sondare innumerevoli possibilità di interpretare il mondo. Il corpo permette l'interazione sensoriale con la realtà esterna da cui ricevere, elaborare e immagazzinare sempre nuovi dati. I bambini sono dei veri e propri laboratori di ricerca viventi. Dopo i primi anni però diminuisce progressivamente l'effervescenza creativa e prende piede una tendenza a sistematizzare e sviluppare le proprie ipotesi sul mondo. La necessità di affrontare, in modo sempre più autonomo e pragmaticamente di successo, la realtà circostante portano il futuro adulto a fissare e utilizzare gli strumenti concettuali di cui dispone. Così si passa, per usare la terminologia di Thomas Kuhn, a una fase di "scienza normale" dove la componente di cambiamento concettuale diventa minore. Il bambino, e successivamente l'adolescente, come "scienziato normale" perde progressivamente quell'apertura e permeabilità mentale che contraddistingue le prime fasi di sviluppo. È un errore, quindi, pensare di poter influire sulla propensione all'attività creativa e innovativa con programmi didattici che inizino a livello adolescenziale. È corretto invece concentrarsi su fasi di sviluppo precedenti cercando di alimentare e mantenere vivo nel tempo la 20 Riccardo Viale, "La cultura dell innovazione. Comportamenti e ambienti innovativi" Il Sole 24 ore, Milano, 2008

21 dimensione di "child as a little scientist" (bambino come piccolo scienziato). Non si può dimenticare in questo contesto l attività e il lavoro di uno dei più grandi Maestri del Design italiano Bruno Munari. Lui in sostanza ha messo in pratica i concetti sopraccennati, realizzando numerosi progetti per la stimolazione e sviluppo della creatività dei bambini piccoli, ed altri per lo sviluppo della propriocezione e coordinazione per bambini ipovedenti e ciechi. Viale evidenzia uno secondo errore: ovvero credere di promuovere la propensione all'innovazione attraverso programmi centrati solo sulla conoscenza tecnico scientifica e su quella di tipo economico gestionale. Come evidenzia il rapporto Cotec -Wired del 2009 sulla cultura dell'innovazione non è chiaro se l'acculturazione verso la scienza e tecnologia abbia una influenza determinante nell'accettazione delle tecnologie. Sembrano esserci altri fattori più profondi, come quelli legati al genere. Ad esempio, all'interno di campioni di scienziati maschi e femmine, con la stessa base conoscitiva, continua a esserci una differenza sensibile nell'accettazione delle tecnologie, con una maggiore propensione nei maschi che nelle femmine. Anche l'età sembra giocare un ruolo importante nel favorire, nei più giovani, una maggiore percezione degli aspetti benefici delle tecnologie. La maggiore propensione e apertura verso il nuovo, insita in questo atteggiamento, sembra diminuire progressivamente con l'età, dal "piccolo scienziato" in poi. Autore sostiene che aspetti cognitivi ed emozionali sono intrecciati nel determinare la tendenza al pensiero creativo, una minore percezione del rischio e un atteggiamento innovatore. Da queste considerazioni emerge che una proposta educativa adeguata dovrebbe non avere solo una finalità contenutistica, ma soprattutto procedurale. In altre parole si tratterebbe di agire più sul "know how" che sul "know that" del giovane. Maria Dukhvalova // Francesco Donati // Chiara Gambarana Eleonora Ganini // Flavia Frison // Clara Fustinoni // Dina Skuratovich 21

22 /5/ capacità di anticipazione 22 Riccardo Viale, "La cultura dell innovazione. Comportamenti e ambienti innovativi" Il Sole 24 ore, Milano, 2008

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Scuola di Management per le Università, gli Enti di ricerca e le Istituzioni Scolastiche Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Dott. William

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

4 th INTERNATIONAL FORUM OF DESIGN AS A PROCESS

4 th INTERNATIONAL FORUM OF DESIGN AS A PROCESS DIVERSITY: DESIGN / HUMANITIES 4 th INTERNATIONAL FORUM OF DESIGN AS A PROCESS LA DIVERSITA: DESIGN/HUMANITIES Incontro tematico scientifico della Rete Latina per lo sviluppo del design dei processi 19-22

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna

La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna Gualtiero Gandini Dipartimento di Scienze Mediche Veterinarie Università di Bologna membro del tavolo tecnico ANVUR

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 1. Introduzione IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 Ottobre 1970 Caratteristica saliente dell'epoca odierna sembra essere quella della transitorietà. E- spansione, andamento

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO 92 Generazione dei concetti di prodotto Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica Analizzare i prodotti della concorrenza Costruire e collaudare

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare?

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? TECNICHE H. Sei Cappelli per Pensare 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? Il metodo dei sei cappelli per pensare è stato inventato da Edward de Bono nel 1980. I cappelli rappresentano

Dettagli

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante!

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport non solo stanno meglio in salute ma prendono anche voti migliori a scuola! Lo dimostra una ricerca svolta al dipartimento

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

È senz altro riduttivo definire il libro di Antonello Ciervo come un saggio introduttivo. Si

È senz altro riduttivo definire il libro di Antonello Ciervo come un saggio introduttivo. Si Università degli studi di Roma La Sapienza, Dipartimento di Economia e Diritto, 17 dicembre 2013. Seminario organizzato nell ambito del Dottorato di Diritto pubblico dell economia dell Università degli

Dettagli

DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE

DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE LEZIONE: DAI SAPERI ALLE COMPETENZE PROF.SSA ANGELA ELIA Indice 1 DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE ----------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LE COMPETENZE

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare.

Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare. CALL FOR PAPERS Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare. 18-19 settembre 2008 Università di Milano-Bicocca L analisi del dono risulta sempre più presente nel dibattito

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli