L EQUILIBRIO CHIMICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L EQUILIBRIO CHIMICO"

Transcript

1 EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili. Un esempio di reazione reversibile è la reazione di formazione dello ioduro di idrogeno, in cui la reazione diretta porta alla formazione dello ioduro di idrogeno a partire da idrogeno ed iodio: H + I HI e la reazione inversa ne determina invece la decomposizione: HI H + I e reazioni per le quali non avviene quanto sopra esposto, ovvero per le quali non avviene normalmente la reazione inversa, vengono indicate con il termine di reazioni irreversibili. Nelle reazioni reversibili, man mano che i prodotti si formano cominciano a dar luogo alla reazione inversa: avvengono quindi contemporaneamente le due reazioni, quella diretta e quella inversa. Esaminiamo l intero fenomeno più dettagliatamente: all inizio della reazione sono presenti soltanto i reagenti e, quindi, l unica reazione che avviene è quella diretta; non appena cominciano a formarsi i prodotti, comincia ad avvenire anche la reazione inversa. Ma, nella fase iniziale, la concentrazione dei reagenti è to maggiore di quella dei prodotti e, pertanto, la velocità della reazione diretta (curva rossa) è to maggiore della velocità della reazione inversa (curva blu); di conseguenza, la quantità di reagenti che si trasformano in prodotti è to maggiore della quantità di prodotti che si trasformano in reagenti. Osservando il sistema a livello macroscopico si rileva soltanto la reazione diretta: una certa quantità di reagenti scompare, mentre si forma una certa quantità di prodotti. 75

2 Con il procedere della reazione, la concentrazione dei reagenti diminuisce e la concentrazione dei prodotti aumenta: di conseguenza, la velocità della reazione diretta diminuisce, mentre la velocità della reazione inversa aumenta. Quando le velocità delle due reazioni diventano uguali, i reagenti che si trasformano in prodotti sono compensati dai prodotti che si trasformano in reagenti: le concentrazioni dei reagenti e quelle dei prodotti rimangono quindi costanti nel tempo. In queste condizioni si dice che la reazione ha raggiunto l uilibrio: in altre parole, un sistema è in uilibrio chimico se la sua composizione non cambia in maniera rilevabile durante un arco di tempo ragionevolmente lungo. A livello macroscopico, sembra che la reazione si sia fermata, perché non si osservano più variazioni nella concentrazione dei reagenti o dei prodotti: a livello microscopico, avvengono due processi i cui effetti si annullano reciprocamente. Quindi, l uilibrio chimico comporta l assenza di cambiamenti macroscopici, ma non implica l assenza di processi a livello microscopico: quando si vuole sottolineare questo aspetto, si dice che l uilibrio chimico è un uilibrio dinamico. Nelle uazioni chimiche delle reazioni che raggiungono l uilibrio si usa una doppia freccia, per indicare che avvengono contemporaneamente sia la reazione diretta sia quella inversa; ad esempio, l uazione della reazione di formazione dello ioduro di idrogeno ha la forma: H + I HI a. Che cosa significa dire che una reazione è reversibile? b. Una reazione esplosiva è reversibile o irreversibile? E una reazione di combustione? c. Si mettono a reagire due sostanze A e B; descrivi che cosa succede a partire dall istante iniziale: quali sostanze sono presenti al momento zero? E dopo che la reazione è iniziata? Man mano che la reazione procede, come variano le concentrazioni delle varie sostanze? d. Che cosa si intende per miscela di reazione? Che cosa si intende per uilibrio chimico? e. Durante una reazione chimica la velocità della reazione diretta diminuisce o aumenta? Perché? E la velocità della reazione inversa? Quando la reazione raggiunge l uilibrio? f. Vuoi sapere se una certa reazione ha raggiunto l uilibrio. Come procederesti sperimentalmente? g. Si dice che l uilibrio chimico è un uilibrio dinamico: che cosa si intende con questa espressione? Come spiegheresti il concetto di uilibrio dinamico ricorrendo alla possibilità di considerare i due livelli di descrizione, macroscopico e microscopico? 76

3 FATTORI che INFUENZANO l EQUIIBRIO CHIMICO Da quanto abbiamo detto, è facile dedurre che la situazione di uilibrio di una reazione chimica è caratterizzata dai valori della concentrazione di ciascuno dei reagenti e di ciascuno dei prodotti: in questo paragrafo studieremo quali fattori influenzano, o possono influenzare, la situazione di uilibrio e come essa si modifica se alcuni di questi fattori vengono modificati. Per capire in quale modo ciascun fattore possa influenzare l uilibrio chimico, è importante sottolineare che i sistemi in uilibrio tendono, per quanto possibile, a mantenere tale situazione. Se si agisce su un sistema in uilibrio con una qualche azione di disturbo dall esterno, il sistema reagisce in modo da contrastare, per quanto possibile, gli effetti di questa azione raggiungendo una nuova situazione di uilibrio: tale comportamento viene comunemente espresso dal principio di e Chàtelier, in base al quale se si apporta una qualche modifica a una miscela di reazione all uilibrio, il sistema risponde in modo da contrastare gli effetti della modifica apportata, e lo fa fino a raggiungere una nuova situazione di uilibrio. Ciò significa che la concentrazione dei reagenti e dei prodotti cambia nella direzione che consente di opporsi alla modifica apportata (capiremo meglio questo discorso man mano che considereremo degli esempi concreti). Influenza della natura dei reagenti e dei prodotti Ogni reazione ha le proprie condizioni di uilibrio: esistono reazioni che raggiungono l uilibrio quando la concentrazione dei reagenti è ancora to alta e quella dei prodotti to bassa (si dice allora che l uilibrio è spostato verso i reagenti, o anche che è spostato verso sinistra ) ed esistono invece reazioni che raggiungono l uilibrio quando la concentrazione dei reagenti è to bassa e quella dei prodotti to alta (si dice allora che l uilibrio è spostato verso i prodotti, o anche che è spostato verso destra ); esistono infine reazioni che raggiungono l uilibrio in situazioni intermedie fra le due appena descritte. e concentrazioni delle varie specie all uilibrio sono quindi caratteristiche di ogni reazione, cioè dipendono dal tipo di reagenti e dal tipo di prodotti di quella reazione: è ovvio che non avrebbe significato considerare che cosa succede se si modifica questo fattore. a natura delle sostanze coinvolte in una reazione chimica è ciò che identifica la reazione: considerare sostanze diverse significherebbe considerare reazioni diverse, e non più i cambiamenti della situazione di uilibrio di una certa reazione. Concentrazione dei reagenti e dei prodotti uilibrio chimico è caratterizzato dalla concentrazione all uilibrio dei reagenti e dei prodotti della reazione considerata: la concentrazione di ciascuna specie è suscettibile di modifiche, perché possiamo aggiungere una certa quantità di una data specie dall esterno, oppure prelevarla dalla miscela di reazione. 77

4 Il sistema risponde a interventi di questo tipo in modo da opporsi alla modifica fatta, cioè da contrastarne gli effetti: a seconda del tipo di intervento, avverrà in maggiore entità la reazione diretta o quella inversa, fino al raggiungimento di una nuova situazione di uilibrio. Se avviene in maggiore entità la reazione diretta, diciamo che i prodotti vengono favoriti o che l uilibrio si sposta verso i prodotti o si sposta verso destra ; se invece avviene in maggiore entità la reazione inversa, diciamo che i reagenti vengono favoriti o che l uilibrio si sposta verso i reagenti o si sposta verso sinistra. Consideriamo come esempio la reazione di formazione dello ioduro di idrogeno: H + I HI Supponiamo che la reazione abbia raggiunto l uilibrio: nella miscela di reazione sono presenti ecole di idrogeno, di iodio e di acido iodidrico; le concentrazioni di queste tre sostanze sono quelle tipiche dell uilibrio per la reazione considerata nelle condizioni in cui si opera. Se a questo punto si interviene a modificare la concentrazione di una delle tre sostanze, l uilibrio si sposterà nella direzione che permette di contrastare la modifica apportata. Per maggiore chiarezza, consideriamo tutti i casi possibili: - qualora si introduca ioduro di idrogeno nella miscela di reazione, la concentrazione di quest ultimo nella miscela di reazione aumenta: per opporsi all aumento, il sistema risponde facendo avvenire in maggior entità la reazione che consuma HI, cioè la reazione inversa. Quindi una parte dello ioduro di idrogeno introdotto si decompone in idrogeno e iodio e il sistema raggiunge una nuova situazione di uilibrio: l intervento ha favorito i reagenti e l uilibrio si è quindi spostato verso sinistra; - qualora si sottragga ioduro di idrogeno dalla miscela di reazione, la concentrazione di ioduro di idrogeno presente nella miscela di reazione diminuisce: per contrastare questo effetto, avviene in maggior entità la reazione che produce acido iodidrico, cioè la reazione diretta. a risposta del sistema favorisce i prodotti e l uilibrio si sposta quindi verso destra: tale fenomeno è particolarmente importante per i processi industriali, dove l obiettivo è quello di ottimizzare la formazione dei prodotti. Se si continua a sottrarre i prodotti dalla miscela di reazione, il sistema risponde facendo formare nuove quantità di prodotti: ad esempio, nel processo per la produzione di ioduro di idrogeno, se si continua ad allontanare il prodotto dalla miscela di reazione man mano che si forma, il sistema risponde continuando a produrre ioduro di idrogeno; - qualora si introduca idrogeno oppure iodio nella miscela di reazione, dovrà avvenire in maggiore entità la reazione che consuma idrogeno oppure iodio, cioè la reazione diretta e l uilibrio si sposterà verso i prodotti; - se infine si sottrae idrogeno oppure iodio dalla miscela di reazione, per compensare l idrogeno oppure lo iodio sottratti, avviene in maggiore entità la reazione che produce idrogeno oppure iodio, cioè la reazione inversa: l uilibrio si sposta quindi verso i reagenti. 78

5 Temperatura Quando la temperatura cambia, cambia anche la situazione di uilibrio: la direzione del cambiamento è determinata dalle caratteristiche energetiche della reazione diretta, cioè dal fatto che essa sia esotermica o endotermica. Se la reazione diretta è esotermica, questo significa che la reazione diretta produce calore: la reazione inversa allora è endotermica, cioè assorbe calore; supponiamo che la reazione abbia raggiunto l uilibrio. Se, a questo punto, si interviene per far aumentare la temperatura della miscela di reazione, si deve fornire calore al sistema: il sistema risponde in modo da consumare, almeno in parte, il calore fornito e avviene quindi in maggiore entità la reazione inversa che, essendo endotermica, consuma calore; l uilibrio si sposta quindi verso sinistra. Se, invece, si interviene per far diminuire la temperatura della miscela di reazione, si deve sottrarre calore al sistema: questo risponde in modo da compensare, almeno in parte, il calore sottratto e avviene quindi in maggiore entità la reazione diretta che, essendo esotermica, produce calore; l uilibrio si sposta quindi verso destra. Nel caso in cui la reazione diretta sia endotermica si ottengono dei risultati complementari a quelli sopra esaminati: se si fa aumentare la temperatura della miscela di reazione, l uilibrio si sposta verso destra, favorendo quindi la formazione dei prodotti; se, invece, si fa diminuire la temperatura della miscela di reazione, l uilibrio si sposta verso sinistra, favorendo quindi i reagenti. Pressione e variazioni di pressione influenzano l uilibrio chimico soltanto se alla reazione partecipano sostanze allo stato gassoso e se la reazione stessa comporta una variazione del numero totale di ecole di gas: in tal caso, se si aumenta la pressione, l uilibrio si sposta verso quella situazione che comporta un numero minore di ecole di gas; se si diminuisce la pressione, l uilibrio si sposta verso quella situazione che comporta un numero maggiore di ecole di gas. Consideriamo come esempio la reazione di formazione dell ammoniaca, in cui tutte le sostanze sono allo stato gassoso; l uazione bilanciata ci mostra come da un totale di quattro ecole di reagenti si formano due ecole di prodotto: 3 H (g) + N (g) NH3 (g) In termini macroscopici, il numero totale di i di sostanze allo stato gassoso fra i reagenti è doppio del numero totale di i di gas fra i prodotti e, quindi, la reazione fa dimezzare il numero di i di gas: se, quando la reazione ha raggiunto l uilibrio, si aumenta la pressione sulla miscela di reazione, il sistema risponde in modo da contrastare tale aumento, cioè in modo da far diminuire la pressione esercitata dalla miscela stessa. Avviene quindi in maggiore entità la reazione che porta a una diminuzione del numero di i di gas, cioè la reazione diretta. 79

6 Se invece, quando la reazione ha raggiunto l uilibrio, si diminuisce la pressione sulla miscela di reazione, il sistema risponde in modo da contrastare tale diminuzione, cioè in modo da far aumentare la pressione esercitata dalla miscela stessa: avviene quindi in maggiore entità la reazione che porta a un aumento del numero di i di gas, cioè la reazione inversa. Questo comportamento viene utilizzato nella preparazione industriale dell ammoniaca, che viene infatti eseguita a pressioni to elevate: in tali condizioni, l uilibrio è fortemente spostato a destra ed il processo diviene economicamente vantaggioso. Quando la reazione non comporta alcun cambiamento nel numero totale di i di sostanza gassose, le variazioni di pressione non causano nessuna modifica della situazione di uilibrio. Presenza di catalizzatori a presenza di un catalizzatore non ha nessun effetto sull uilibrio chimico: in una situazione di uilibrio chimico, infatti, avvengono contemporaneamente sia la reazione diretta sia quella inversa, con velocità uguali. a presenza di un catalizzatore abbassa allo stesso modo l energia di attivazione della reazione diretta e l energia di attivazione della reazione inversa; quindi non favorisce una delle due reazioni rispetto all altra. a. Elenca i fattori da cui dipende l uilibrio chimico. b. Quale effetto hanno i catalizzatori sulla situazione di uilibrio? Perché? c. Se si aggiunge un catalizzatore ad una miscela di reazione in condizioni di uilibrio, si notano cambiamenti? d. Spiega che cosa si intende con le espressioni: l uilibrio si sposta verso destra (o verso sinistra). e. Che cosa dice il principio di e Chàtelier? f. Spiega perché in una reazione esotermica l uilibrio si sposta a sinistra se aumenta la temperatura. g. In quali casi le variazioni di pressione producono un effetto sull uilibrio chimico? Perché? h. Considera la reazione di formazione dello ioduro di idrogeno; sapendo che la reazione è endotermica, rispondi alle seguenti domande: - quali specie sono presenti nell istante iniziale della reazione? - che cosa succede alla concentrazione di ciascuna specie prima che venga raggiunto l uilibrio? - che cosa succede alla concentrazione di ciascuna specie dopo che l uilibrio è stato raggiunto? - in condizioni di uilibrio, stabilisci se vengono favoriti i reagenti o i prodotti qualora: si aggiunga altro ioduro di idrogeno; si sottragga idrogeno; si aumenti la temperatura; si aumenti la pressione; si aggiunga un catalizzatore. 80

7 a COSTANTE di EQUIIBRIO Consideriamo una generica reazione chimica dove con A, B, C e D si indicano le sostanze in gioco e con a, b, c e d si indicano i rispettivi coefficienti stechiometrici. aa + bb cc + dd a frazione che ha al numeratore il prodotto delle concentrazioni dei prodotti, ciascuna elevata a un esponente pari al coefficiente stechiometrico di quel prodotto nell uazione chimica bilanciata, e per denominatore il prodotto delle concentrazioni dei reagenti, ciascuna elevata ad un esponente pari al coefficiente stechiometrico di quel reagente, viene chiamata quoziente di reazione e indicata con la lettera Q: Q c d C D A a B b Poiché al numeratore compaiono le concentrazioni dei prodotti, il valore del quoziente di reazione è tanto più alto quanto maggiore è la quantità dei prodotti: in questo senso, il valore di Q ci dà quindi un idea di quanto la reazione abbia favorito la formazione dei prodotti in un certo istante. Man mano che una reazione procede, la concentrazione dei prodotti aumenta e quella dei reagenti diminuisce: quindi, il valore del quoziente di reazione aumenta; quando una reazione raggiunge l uilibrio, le concentrazioni dei reagenti e dei prodotti non cambiano più, rimanendo costanti nel tempo. In tal caso, anche il valore del quoziente di reazione rimane costante ed il suo valore viene chiamato costante di uilibrio K della reazione: K c C D a A B d b Nell espressione della costante di uilibrio i termini [A], [B], [C] e [D] rappresentano i valori delle concentrazioni all uilibrio: quindi, per trovare il valore della costante di uilibrio è sufficiente determinare le concentrazioni di tutte le specie nella miscela di reazione quando la reazione ha raggiunto l uilibrio. Il valore della costante di uilibrio è diverso per reazioni diverse ed è legato alla natura dei reagenti e dei prodotti, cioè alla natura della reazione considerata; la costante di uilibrio permette di stabilire quanto una reazione procede verso la formazione dei prodotti. Più alto è il valore di K, più l uilibrio è spostato verso i prodotti, e maggiore è quindi la concentrazione dei prodotti rispetto a quella dei reagenti; più basso è il valore di K, più l uilibrio è invece spostato verso i reagenti. Il valore della costante di uilibrio varia al variare della temperatura: se la temperatura aumenta, la costante di uilibrio K aumenta quando la reazione diretta è endotermica, e diminuisce quando la reazione diretta è esotermica; se la temperatura diminuisce, il valore della costante di uilibrio K diminuisce quando la reazione diretta è endotermica, e aumenta quando la reazione diretta è esotermica. 81

8 entità della variazione di K a seguito di una certa variazione di temperatura è diversa da reazione a reazione ed è più accentuata per le reazioni esotermiche; per la reazione di dissociazione del pentacloruro di fosforo (che è una reazione endotermica) alla temperatura di 7 C la costante di uilibrio ha un valore pari a 0,04 / e alla temperatura di 487 C ha un valore pari a 33,3 / (un aumento di temperatura pari a 60 C fa aumentare quindi la costante di uilibrio di quasi millecinquecento volte): PCl5 (g) PCl3 (g) + Cl (g) Per la reazione di formazione del cloruro di idrogeno (che è una reazione esotermica) alla temperatura di 7 C la costante di uilibrio vale 3, e alla temperatura di 37 C vale, ; in questo caso un aumento di temperatura di 300 C fa diminuire la costante di uilibrio di otto ordini di grandezza: H (g) + Cl (g) HCl(g) Quando si considera l uilibrio di una reazione eterogenea diviene importante distinguere fra le concentrazioni che possono variare e quelle che sono costanti per loro natura: la concentrazione di specie disciolte in soluzione può variare, e così pure la concentrazione dei gas; per quanto riguarda i solidi e i liquidi puri, invece, la concentrazione è costante, cioè è costante il rapporto fra numero di i e volume. Quando si scrive l espressione della costante di uilibrio per una reazione eterogenea, i valori costanti di concentrazione vengono inglobati nella costante di uilibrio e non compaiono quindi nella frazione; per comprendere meglio le ragioni di ciò, consideriamo come esempio la reazione di formazione dell anidride carbonica: C(s) + O (g) CO (g) a costante di uilibrio per questa reazione dovrebbe essere scritta nella forma: K CO C O Ma poiché il carbonio è allo stato solido, la sua concentrazione ha un valore costante; conviene quindi portare quest ultima a destra del segno di uguale ed indicare con K il prodotto delle due costanti: K ' CO O Quindi, il rapporto fra le concentrazioni delle due sostanze allo stato gassoso è una costante, ed è questa che viene considerata come costante di uilibrio della reazione: i valori delle costanti di uilibrio riportati nelle tabelle inglobano già le concentrazioni dei solidi e dei liquidi puri. Nel caso dei gas, la concentrazione può essere espressa in funzione della pressione: questo permette di scrivere l espressione della costante di uilibrio anche in termini di pressioni parziali, per le reazioni in cui tutte le sostanze sono allo stato gassoso. 8

9 Consideriamo ad esempio la generica reazione: aa + bb cc + dd in cui tutte le specie chimiche coinvolte siano allo stato gassoso; per tale reazione è possibile definire la costante di uilibrio Kp espressa in funzione delle pressioni parziali di reagenti e prodotti per mezzo della seguente relazione: K p p p C A c a p p D B d b In generale, la relazione tra la costante di uilibrio Kp definita in funzione delle pressioni parziali e la costante di uilibrio Kc definita in funzione delle concentrazioni ari può essere espressa per mezzo della seguente relazione, dove R è la costante dei gas, T è la temperatura espressa in Kelvin e n è la variazione del numero di i gassose: K p K ( RT ) c n a costante di uilibrio ha dimensioni diverse per reazioni diverse: queste dimensioni possono essere ricavate facilmente dall espressione della costante di uilibrio per la reazione assegnata. a. Per la reazione di decomposizione dell acqua allo stato gassoso, alla temperatura di 77 C la costante di uilibrio è pari a 9,3 10-1, mentre alla temperatura di 177 C vale 5, a reazione di decomposizione dell acqua è esotermica o endotermica? Spiega le ragioni della tua risposta. b. Che cosa si intende per quoziente di reazione? Come cambia il quoziente di reazione nel corso di una reazione? Che cosa puoi dire del quoziente di reazione quando la reazione raggiunge l uilibrio? Che cosa è la costante di uilibrio? c. Per una reazione, determini le concentrazioni delle sostanze coinvolte in un certo momento e usi questi valori per calcolare il valore del quoziente di reazione Q; spiega quali sarebbero le tue conclusioni nei seguenti casi: - il valore che trovi per Q è minore della costante di uilibrio di quella reazione; - il valore che trovi per Q è uguale alla costante di uilibrio di quella reazione; - il valore che trovi per Q è maggiore della costante di uilibrio di quella reazione. d. Perché la concentrazione dei solidi e dei liquidi puri non compare nell espressione della costante di uilibrio? e. Perché, quando si scrive l uazione chimica di una reazione e si vuole considerare l uilibrio, è importante specificare lo stato fisico delle sostanze coinvolte nella reazione? f. a costante di uilibrio: A. è un numero senza dimensioni; B. ha le stesse dimensioni per tutte le reazioni; C. ha dimensioni che possono essere diverse a seconda delle reazioni. g. Una reazione ha la costante di uilibrio pari a 107: ti aspetti che l uilibrio sia spostato verso i reagenti o verso i prodotti? h. Qual è la relazione fra Kc e Kp nel caso di una reazione che avviene in fase gassosa? 83

10 Esercizio: Si sono messe a reagire due i di idrogeno e due i di iodio alla temperatura di 490 C; quando la reazione ha raggiunto l uilibrio, si sono determinate le concentrazioni delle specie presenti all uilibrio e si sono trovati i seguenti valori: [H] = 0,456 / [I] = 0,456 / [HI] = 3,088 / Calcolare la costante di uilibrio per la reazione sopra citata alla temperatura di 490 C. uazione chimica associata alla reazione di formazione dello ioduro di idrogeno può essere rappresentata nel modo seguente: H + I HI a corrispondente costante di uilibrio può essere quindi calcolata, conoscendo le concentrazioni di reagenti e prodotti all uilibrio, in questo modo: K HI H I 3,088 0,456 0,456 45,9 Esercizio: Alla temperatura di 800 C la costante di uilibrio per la reazione: I(g) + Cl(g) ICl(g) è pari a 9,09; si introducono 1,64 di iodio e 1,64 di cloro in un recipiente di : calcolare la concentrazione di tutte le specie presenti all uilibrio. In una reazione di uilibrio solo una parte dei reagenti si trasforma nei corrispondenti prodotti; a priori non possiamo sapere quale frazione dei reagenti si converte nei prodotti: possiamo solo indicare con x la variazione nella concentrazione dei reagenti e dei prodotti nel passaggio dalla situazione iniziale a quella relativa all uilibrio. e concentrazioni iniziali dei reagenti possono essere determinate nel modo seguente: 1,64 I 0, 8 i 1,64 Cl 0, 8 i e concentrazioni all uilibrio di tutte le specie coinvolte sono quindi le seguenti: concentrazioni iniziali 0,8 I(g) + Cl(g) ICl(g) 0,8 / variazione - x - x x concentrazioni uilibrio 0,8 x,8 x 0 x Introducendo le concentrazioni relative all uilibrio nell espressione del quoziente di reazione, ed imponendo che il valore di quest ultimo sia pari al valore della costante di uilibrio, si ottiene un uazione nella sola incognita x che, risolta, ci porta a definire le concentrazioni di tutte le specie all uilibrio. 84

11 K ICl I Cl (0,8 4 x x) (0,8 9,09 x) 4 x 9,09 (0,8 x) (0,8 x) 5,09 x 14,91 x 6,11 0 x, 44 1 x 0, 49 a soluzione x 1 dell uazione di secondo grado non è accettabile in quanto porterebbe a concentrazioni dei reagenti all uilibrio negative; le concentrazioni all uilibrio di tutte le specie coinvolte possono essere quindi ottenute utilizzando il valore x : I Cl 0,8 0,49 0, 33 ICl i 0, 98 VERIFICA delle CONOSCENZE 1. a reazione di decomposizione del pentacloruro di fosforo è: PCl5 (g) PCl3 (g) + Cl (g) Spiega in quale direzione si sposta l uilibrio se: - si aggiunge PCl5 dall esterno; - si aggiunge cloro dall esterno; - si sottrae dall esterno il PCl3 man mano che si forma.. Spiega in quale direzione si sposta l uilibrio se si aumenta la temperatura alla quale si fa avvenire ciascuna delle seguenti reazioni: H (g) + I (g) HI(g) reazione endotermica HBr (g) H(g) + Br (g) reazione endotermica H (g) + S(s) HS(g) reazione esotermica 3. Spiega in quale direzione si sposta l uilibrio nelle seguenti reazioni se si fa aumentare la pressione a cui avviene la reazione: PCl5 (g) PCl3 (g) + Cl (g) NO(g) + O(g) NO (g) H (g) + CO (g) HO(g) + CO(g) SO (g) + O(g) SO3 (g) CaCO3 (s) CaO(s) + CO (g) 85

12 4. Considera la reazione di decomposizione del vapor d acqua: HO(g) H (g) + O (g) Sapendo che la reazione è endotermica, rispondi alle seguenti domande: - quali specie sono presenti nell istante iniziale della reazione? - che cosa succede alla concentrazione di ciascuna specie prima che venga raggiunto l uilibrio? - che cosa succede alla concentrazione di ciascuna specie dopo che l uilibrio è stato raggiunto? - supponendo che la reazione abbia raggiunto l uilibrio, stabilisci se, in ciascuno dei casi elencati qui di seguito, vengono favoriti i reagenti o i prodotti: a. si aggiunge dell altro vapor d acqua; b. si sottrae idrogeno; c. si aumenta la temperatura; d. si aumenta la pressione; e. si aggiunge un catalizzatore. 5. Come viene determinata la costante di uilibrio di una reazione chimica? 6. a frase la costante di uilibrio per la formazione dello ioduro di idrogeno è 54,6 trasmette un informazione completa? Spiega. 7. Stabilisci se e come cambia la costante di uilibrio di una reazione chimica nelle seguenti situazioni: - si introduce una certa quantità di uno dei reagenti; - si sottrae una certa quantità di uno dei reagenti; - si aumenta la temperatura, e la reazione è esotermica; - si aumenta la temperatura, e la reazione è endotermica; - si aumenta la pressione. 8. Considera la reazione di formazione dello ioduro di idrogeno e scrivi la sua costante di uilibrio; successivamente scrivi l uazione della reazione di decomposizione dello ioduro di idrogeno e definisci l espressione della corrispondente costante di uilibrio: trova quindi la relazione fra le due costanti in base al confronto delle loro espressioni. Sapresti generalizzare questo risultato? ESERCIZI 1. Alla temperatura di 448 C la costante di uilibrio per la reazione di formazione dello ioduro di idrogeno vale 50,; in un recipiente di 1 si introducono 1,4 di idrogeno e,88 di iodio: calcolare la concentrazione di tutte le specie presenti all uilibrio. Risposta: [H] = 0,06 /; [I] = 1,70 /; [HI] =,36 /. Alla temperatura di 448 C la costante di uilibrio per la reazione di formazione dello ioduro di idrogeno è uguale a 50,; calcolare la concentrazione di tutte le specie presenti all uilibrio nelle due seguenti situazioni, entrambe considerate alla temperatura di 448 C: 86

13 a) in un recipiente di 1 si introducono 1,00 di idrogeno e 1,00 di iodio; b) in un recipiente di 1 si introducono,00 di ioduro di idrogeno. Risposta: a. [H] = 0, /; [I] = 0, /; [HI] = 1,56 / b. [H] = 0, /; [I] = 0, /; [HI] = 1,56 / 3. Alla temperatura di 900 C la costante di uilibrio per la reazione: CH4 (g) + HO(g) CO (g) + 3 H (g) vale 0,6 / ; in un miscela di reazione all uilibrio contenuta in un recipiente di,4 sono presenti 0,64 di metano, 1,08 di acqua e,6 di idrogeno. Calcolare la concentrazione dell ossido di carbonio nella miscela. Risposta: [CO] = 0,0 / 4. Alla temperatura di 448 C la costante di uilibrio per la reazione di formazione dello ioduro di idrogeno vale 50,; partendo da una e di idrogeno e da una e di iodio si fa avvenire la reazione in un recipiente dal volume di 1. e concentrazione delle specie presenti all uilibrio sono le seguenti: [H] = 0, / [I] = 0, / [HI] = 1,56 / Se a questo punto si introducono nel recipiente 1,60 di idrogeno, quali saranno le concentrazioni delle varie specie nella nuova situazione di uilibrio? Risposta: [H] = 1,64 /; [I] = 0,04 /; [HI] = 1,9 / 4. Calcolare la Kp della seguente reazione alla temperatura di 77 C: SO (g) + O (g) SO3 (g) sapendo che si raggiunge l uilibrio quando le concentrazione delle specie presenti hanno i valori qui di seguito riportati: [SO] = 3, / [O] = 4, / [SO3] = 4, / Risposta: Kp = 3,65 atm Quando si scioglie in acqua, l -glucosio subisce il fenomeno della mutarotazione trasformandosi parzialmente in -glucosio, la cui massa are è uguale a quella dell -glucosio; l uilibrio viene raggiunto quando il 63,6% del glucosio totale è presente nella forma. Calcolare la costante di uilibrio della reazione: -glucosio (aq) -glucosio (aq) Risposta: Kc = 1,75 6. a reazione che trasforma l acido fumarico C4H4O4 in acido malico C4H6O5 avviene in acqua ed in presenza dell enzima fumarasi; la costante di uilibrio per la reazione: C4H4O4 (aq) + HO (l) C4H6O5 (aq) è pari a 3,5; calcolare la quantità di acido fumarico puro che si deve pesare per preparare un litro di una soluzione che contenga 0,0 i di acido malico all uilibrio. Risposta: 0,6 87

14 7. Un volume di 10 litri di una miscela costituita dal 90% di O e dal 10% di SO alla pressione di l atm ed alla temperatura di 0 C viene fatto passare su un catalizzatore: all uilibrio si trova che si sono formate 0,05 i di SO3 in base alla seguente reazione: SO (g) + O (g) SO3 (g) Calcolare la costante di uilibrio in funzione delle pressioni parziali. Risposta: Kp =,53 atm In un recipiente di 3 litri si introducono 5 g di N e 16 g di O: si chiude il recipiente e si scalda fino a l300 C; sapendo che a quella temperatura la costante di uilibrio per la reazione: N + O NO è di 6,4 10-6, calcolare la quantità (in i) di NO e la sua pressione parziale all uilibrio. Risposta: n = 7, i; pno =5 torr 9. Si pone a reagire una miscela uiecolare di CO e di vapor d acqua ad una certa temperatura; a questa temperatura la costante di uilibrio per la reazione: CO + HO H + CO è di 3,6. Calcolare la composizione della miscela all uilibrio. Risposta: H 3,%; CO 3,%; CO 17,8%; HO 17,8% 10. Una soluzione contiene 7,16 g di HgCl per litro; sapendo che la costante di dissociazione per l uilibrio: HgCl HgCl + + Cl è di 3,310-7, calcolare le concentrazioni di tutte le specie presenti all uilibrio, la pressione osmotica della soluzione a 0 C e la pressione osmotica alla stessa temperatura, quando la soluzione contiene anche 0,585 g/ di cloruro di sodio NaCl. Risposta: [HgCl + ] = [Cl ] = 1, i/; [HgCl] = 0,1 M; =,4 atm; =,70 atm 88

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in SUL LIBRO DA PAG 306 A PAG 310 Quesiti e problemi ESERCIZI 1 Le reazioni producono energia 1 Qual è il fattore più importante per stabilire se una reazione è esotermica o endotermica? Per stabilire se

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI Conversione Massa Moli DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI - ESERCIZI GUIDATI - LEGENDA DEI SIMBOLI: M = Peso molecolare m(g) = quantità in g di elemento o di composto n = numero di moli Ricorda che l'unità

Dettagli

I legami. 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1):

I legami. 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1): Percorso 3 I legami E S E R C I Z I A Legame covalente omeopolare 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1): 2) Rappresenta la struttura della molecola di ossigeno

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

NUMERI DI OSSIDAZIONE

NUMERI DI OSSIDAZIONE NUMERI DI OSSIDAZIONE Numeri in caratteri romani dotati di segno Tengono conto di uno squilibrio di cariche nelle specie poliatomiche Si ottengono, formalmente, attribuendo tutti gli elettroni di valenza

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI. Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto

CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI. Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto Percentuale in peso = g soluto / g soluzione x 100 H 2 O 2 al 3% Percentuale

Dettagli

Esercitazione IX - Calorimetria

Esercitazione IX - Calorimetria Esercitazione IX - Calorimetria Esercizio 1 Un blocco di rame di massa m Cu = 5g si trova a una temperatura iniziale T i = 25 C. Al blocco viene fornito un calore Q = 120J. Determinare la temperatura finale

Dettagli

La struttura della materia

La struttura della materia Unità didattica 11 La struttura della materia Competenze 1 Descrivere il modello atomico di Dalton 2 Spiegare le caratteristiche macroscopiche e microscopiche delle principali trasformazioni fisiche 3

Dettagli

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo).

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo). 1 Modelli matematici Un modello è un insieme di equazioni e altre relazioni matematiche che rappresentano fenomeni fisici, spiegando ipotesi basate sull osservazione della realtà. In generale un modello

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

1. Agli estremi di una resistenza di 30 ohm è applicata una tensione di 120 volt. Calcolare la quantità di elettricità passata in 12 ore.

1. Agli estremi di una resistenza di 30 ohm è applicata una tensione di 120 volt. Calcolare la quantità di elettricità passata in 12 ore. ESERCIZI pag: 458 1. Agli estremi di una resistenza di 30 ohm è applicata una tensione di 120 volt. Calcolare la quantità di elettricità passata in 12 ore. 2. Una dinamo produce 6 amp a 160 v. Calcolare

Dettagli

Equazioni dierenziali ordinarie del prim'ordine

Equazioni dierenziali ordinarie del prim'ordine 21 Maggio 2012 - Lab. di Complementi di Matematica e Calcolo Numerico Equazioni dierenziali ordinarie del prim'ordine Indice 1 Integrazione di un'equazione cinetica 2 2 Cinetica di adsorbimento di Langmuir

Dettagli

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 Ing. Gennaro Augurio Direttore Operativo ITAGAS AMBIENTE Via R. Paolucci, 3 Pescara gennaro.augurio@itagasambiente.it GSM 347-99.10.915

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 375)

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 375) Quesiti e problemi (sul libro da pag. 375) 1 Le equazioni di reazione 1 Che cosa si intende per reagente? Che cosa si intende per prodotto? 2 Disegna lo schema delle seguenti reazioni (che devono essere

Dettagli

7.9 Reazioni che introducono un centro Stereogenico

7.9 Reazioni che introducono un centro Stereogenico 7.9 eazioni che introducono un centro tereogenico Molte reazioni convertono reagenti achirali a prodotti chirali. E importante ricordare, comunque che se tutti i i componenti iniziali (reagenti, catalizzatori,

Dettagli

In copertina: A. Minorenti Il moto Browniano

In copertina: A. Minorenti Il moto Browniano 1 In copertina: A. Minorenti Il moto Browniano 2 Nomenclatura chimica e formule brute/struttura ELEMENTI Metalli Non metalli + O 2 Ossidi Anidridi + H 2 O Idrossidi Ossoacidi o Acidi Sali Gli Elementi

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

UN MODELLO MATEMATICO PER LA PIROLISI DI BIOMASSE

UN MODELLO MATEMATICO PER LA PIROLISI DI BIOMASSE UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA MAIM ENGINEERING S.r.l. UN MODELLO MATEMATICO PER LA PIROLISI DI BIOMASSE Mario Cruccu, Laura Sanna Maim Engineering S.r.l., Piazza Giovanni

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno Strutture di Lewis E un metodo semplice per ottenere le formule di struttura di composti covalenti nota la formula molecolare, la configurazione elettronica del livello di valenza degli atomi e la connettività

Dettagli

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata».

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata». Esercizi sul calcolo del ph Generalità introduttive 1. L'ammoniaca :NH 3 non possiede alcun ruppo ossidrilico. Come puoi spieare il suo comportamento basico? 2. Spiea il sinificato del termine «acido coniuato»

Dettagli

Sostituzioni sull anello aromatico

Sostituzioni sull anello aromatico Sostituzioni sull anello aromatico Criteri per stabilire l esistenza di carattere aromatico 1. Il composto deve essere ciclico, planare e deve avere una nuvola ininterrotta di elettroni π sopra e sotto

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle STRUTTURA ATOMO Com è fatto l atomo ATOMO UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle PROTONI particelle con carica elettrica positiva e

Dettagli

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510)

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510) Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510) 2 Il numero di ossidazione 1 Assegna il n.o. a tutti gli elementi dei seguenti composti. a) Hg 3 (PO 3 ) 2 Hg: +2; P: +3; O: 2 b) Cu(NO 2 ) 2 Cu: +2; N: +3; O:

Dettagli

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma.

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma. Addizione: PROPRIETA' COMMUTATIVA Cambiando l'ordine degli addendi la somma non cambia. 1) a + b = b + a PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI

SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI 1. Quanti ml di NaOH 1,25 N debbono essere aggiunti ad 1 litro di NaOH 0,63 N per ottenere una soluzione 0,85 N? [550 ml] 2. Quali volumi 0,55 N e 0,098 N debbono essere

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli 1 E1-ALCOLI CIMICA OGANICA ALCOLI Formula generale Desinenza -olo Gli alcoli Gli alcoli sono, dopo gli idrocarburi, i composti organici più comuni, che è possibile considerare come derivati dagli alcani

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Progetto macchina con tetto fotovoltaico

Progetto macchina con tetto fotovoltaico ITIS A.PACINOTTI Via Montaione 15 Progetto macchina con tetto fotovoltaico Classe 2 C Informatica Docente referente: Prof.ssa Leccesi Progetto: Educarsi al futuro Premessa Motivazione per la partecipazione

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

QUESITI A RISPOSTA APERTA

QUESITI A RISPOSTA APERTA QUESITI A RISPOSTA APERTA 1.Che cosa sono gli spettri stellari e quali informazioni si possono trarre dal loro studio? Lo spettro di un qualsiasi corpo celeste altro non è che l insieme di tutte le frequenze

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE L ibridizzazione o ibridazione è una ricombinazione dei propri orbitali atomici che un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine

Dettagli

LE SOLUZIONI 1.molarità

LE SOLUZIONI 1.molarità LE SOLUZIONI 1.molarità Per mole (n) si intende una quantità espressa in grammi di sostanza che contiene N particelle, N atomi di un elemento o N molecole di un composto dove N corrisponde al numero di

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Daniele Trovò allievo dell ITIS Natta di Padova Reazioni degli acidi carbossilici 1

Daniele Trovò allievo dell ITIS Natta di Padova Reazioni degli acidi carbossilici 1 Indice: Pagina Acidità degli acidi carbossilici 2 eattività degli acidi carbossilici 4 Preparazione dei cloruri 5 Preparazione delle anidridi 6 Preparazioni degli esteri 7 Preparazioni delle ammidi 8 Sintesi

Dettagli

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Chimica è una parolaccia? Si direbbe di sì, a giudicare dalle reazioni della opinione pubblica che associa

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che lavora con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA Prerequisiti - Impiego di Multipli e Sottomultipli nelle equazioni - Equazioni lineari di primo grado e capacità di ricavare le formule inverse - nozioni base di fisica

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico

Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico 1.1 Lo schema di misurazione Le principali grandezze elettriche che caratterizzano un bipolo in corrente continua, quali per esempio

Dettagli

ESTRAZIONE DI RADICE

ESTRAZIONE DI RADICE ESTRAZIONE DI RADICE La radice è l operazione inversa dell elevamento a potenza. L esponente della potenza è l indice della radice che può essere: quadrata (); cubica (); quarta (4); ecc. La base della

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che vive con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Frazioni e numeri razionali

Frazioni e numeri razionali Frazioni e numeri razionali I numeri naturali sono i primi numeri che hai incontrato, quando hai cominciato a contare con le dita. Ma vuoi eseguire tutte le sottrazioni. E allora hai bisogno dei numeri

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA LA NOTAZIONE SCIENTIFICA Definizioni Ricordiamo, a proposito delle potenze del, che = =.000 =.000.000.000.000 ovvero n è uguale ad seguito da n zeri. Nel caso di potenze con esponente negativo ricordiamo

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL Ing. Maurizio Rea (Gruppo SOL) ECOMONDO - Sessione Tecnologie di Produzione Rimini, 3 Novembre 2010 IL GRUPPO SOL Profilo aziendale

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Fornitore : Dow Corning S.A. Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio Servizio : Dow

Dettagli

Temperatura dilatazione lineare, superficiale, volumetrica

Temperatura dilatazione lineare, superficiale, volumetrica Temperatura dilatazione lineare, superficiale, volumetrica ESERCIZIO N 1 La temperatura in una palestra è di 18 C mentre all esterno il termometro segna la temperatura di 5 C. Quanto vale la differenza

Dettagli

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso SAGGI ANALITICI SU ALIMENTI CONTENENTI CARBOIDRATI OBIETTIVI Fase 1: Dimostrare, mediante l uso del distillato di Fehling, se

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA 1 PRESENTAZIONE GENERALE 1. GENERALITÀ La presente relazione è relativa alla realizzazione di un nuovo impianto di produzione di energia elettrica.

Dettagli

Unità 1. I Numeri Relativi

Unità 1. I Numeri Relativi Unità 1 I Numeri Relativi Allinizio della prima abbiamo introdotto i 0numeri 1 naturali: 2 3 4 5 6... E quattro operazioni basilari per operare con essi + : - : Ci siamo però accorti che la somma e la

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

I numeri. Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri?

I numeri. Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri? I numeri Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri? Come ti sarai reso conto, i numeri occupano un ruolo importante nella tua vita: dai numeri che esprimono il prezzo degli oggetti venduti in un

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 15.1.2011 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 12/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 10/2011 DELLA COMMISSIONE del 14 gennaio 2011 riguardante i materiali e gli oggetti

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia La diversità tra gli agenti economici è alla base della nascita dell attività economica e, in generale, lo scambio di beni e servizi ha

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Legge del Raffreddamento di Newton

Legge del Raffreddamento di Newton Legge del Raffreddamento di Newton www.lepla.eu Obiettivo L'obiettivo di questo esperimento è studiare l'andamento temporale della temperatura di un oggetto che si raffredda e trovare un modello matematico

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI Premessa La presente relazione fornisce i criteri e le modalità mediante i quali verranno valutate le dosi efficaci per lavoratori dipendenti,

Dettagli

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione UNI 10389 Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione 1. Scopo e campo di applicazione La presente norma prescrive le procedure per la misurazione in opera del rendimento di

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli