Ascoli Piceno, li 17/01/2011 Dott. Ing. Fernando Mistichelli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ascoli Piceno, li 17/01/2011 Dott. Ing. Fernando Mistichelli"

Transcript

1 Dott. Ing. FERNANDO MISTICHELLI Via Cola D Amatrice, n Ascoli Piceno Cod. fisc.: MST FNN 52P06A462L -P. Iva: Ph/fax: mobile ph: E - mail: ORIGINALE N. 155/2009 R.G.E. TRIBUNALE DI ASCOLI PICENO Cancelleria Esecuzioni Immobiliari PROCEDIMENTO DI ESECUZIONE IMMOBILIARE N. 155/2009 R.G.E.. (creditore procedente) rappresentata e difesa dall Avv... del Foro di Fermo e con lui elettivamente domiciliata presso l Avv... con studio legale in. - contro - (debitori esecutati) Giuramento del CTU: 14/10/2010 Prossima udienza: 25/03/2011 Giudice: Dott. RAFFAELE AGOSTINI RELAZIONE DEL CONSULENTE TECNICO D UFFICIO Ascoli Piceno, li 17/01/2011 IL CTU Dott. Ing. Fernando Mistichelli Procedura esecutiva immobiliare N. 155/2009 R.G.E. - Giudice Dott. Raffaele Agostini

2 INDICE 1 PREMESSE, QUESITI.... pag. 3 2 OPERAZIONI PERITALI..... pag DESCRIZIONE, IN TERMINI GENERALI, DELL INTERO COMPENDIO IMMOBIOLIARE PIGNORATO... pag IDENTIFICAZIONE CATASTALE DEGLI IMMOBILI PIGNORATI... pag SITUAZIONE DI CONSERVATORIA RR.II pag Trascrizioni... pag Iscrizioni pag LOTTO N. 1 - UNITA IMMOBILIARE N. 1 APPARTAMENTO SITO IN COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO, VIA MOROSINI, N. 27, CENSITO AL CATASTO FABBRICATI DI DETTO COMUNE AL FOGLIO 5, PARTICELLA 887, SUB 3, PIANO 1 pag DESCRIZIONE DELL IMMOBILE PIGNORATO. pag Dati censuari e confini.... pag Descrizione dell immobile pag Consistenza.... pag Situazione edilizio-urbanistica e sanitaria pag Stato di possesso pag STIMA DELL IMMOBILE PIGNORATO..... pag RISPOSTA AI QUESITI... pag DESCRIZIONE RIEPILOGATIVA DEL BENE E VALORE STIMATO.. pag LOTTO N. 2 - UNITA IMMOBILIARE N. 2 LOCALE AD USO GARAGE SITO IN COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO, VIA MOROSINI, N. 27, CENSITO AL CATASTO FABBRICATI DI DETTO COMUNE AL FOGLIO 5, PARTICELLA 887, SUB 18, PIANO T.. pag DESCRIZIONE DELL IMMOBILE PIGNORATO.. pag Dati censuari e confini.... pag Descrizione dell immobile..... pag Consistenza.... pag Situazione edilizio-urbanistica e sanitaria pag Stato di possesso..... pag STIMA DELL IMMOBILE PIGNORATO.... pag RISPOSTA AI QUESITI.... pag DESCRIZIONE RIEPILOGATIVA DEL BENE E VALORE STIMATO.. pag LOTTO N. 3 - UNITA IMMOBILIARE N. 3 APPARTAMENTO SITO IN COMUNE DI ASCOLI PICENO, CORSO MAZZINI, N. 377, CENSITO AL CATASTO FABBRICATI DI DETTO COMUNE AL FOGLIO 169, PARTICELLA 1013, SUB 2, PIANO T pag DESCRIZIONE DELL IMMOBILE PIGNORATO.. pag Dati censuari e confini.... pag Descrizione dell immobile pag Consistenza.... pag Situazione edilizio-urbanistica e sanitaria pag Stato di possesso pag STIMA DELL IMMOBILE PIGNORATO. pag RISPOSTA AI QUESITI.... pag DESCRIZIONE RIEPILOGATIVA DEL BENE E VALORE STIMATO... pag. 55 2

3 ALLEGATI All. A Verbale operazioni peritali.... pag. 57 All. B Visure c/o Agenzia del Territorio - Ufficio Provinciale di Ascoli Piceno - Catasto Fabbricati Comune di San Benedetto del Tronto.. pag. 58 All. C Visure c/o Agenzia del Territorio - Ufficio Provinciale di Ascoli Piceno - Catasto Fabbricati Comune di Ascoli Piceno... pag. 58 All. D Visure c/o Agenzia del Territorio - Ufficio Provinciale di Ascoli Piceno - Servizio di Pubblicità Immobiliare.. pag. 60 All. E Titoli edilizi relativi agli immobili siti in Comune di San Benedetto del Tronto, via Morosini, pag. 61 All. F Stralcio Variante generale del PRG del Comune di San Benedetto del Tronto e norme tecniche di attuazione (NTA) pag. 62 All. G Certificazione ex artt. 159 e ss. cod. civ. - Estratto per sunto dell atto di matrimonio dell esecutato. pag. 63 All. H Certificazione ex artt. 159 e ss. cod. civ. - Estratto per sunto dell atto di matrimonio dell esecutato... pag. 64 All. I Comunicazione Amministratore del condominio di San Benedetto del Tronto, via Morosini, pag. 65 All. L Relazione Notarile Notaio Giuseppe Di Tuoro pag. 66 LOTTO N. 1 - UNITA IMMOBILIARE N. 1 APPARTAMENTO SITO IN COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO, VIA MOROSINI, N. 27, CENSITO AL CATASTO FABBRICATI DI DETTO COMUNE AL FOGLIO 5, PARTICELLA 887, SUB 3, PIANO 1 All.1.a Estratto di mappa (scala 1:2.000) pag. 67 All.1.b Planimetria catastale (scala 1:200) pag. 68 All.1.c Planimetria aggiornata su base catastale (scala 1:100)... pag. 69 All.1.d Documentazione fotografica pag. 70 LOTTO N. 2 - UNITA IMMOBILIARE N. 2 LOCALE AD USO GARAGE SITO IN COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO, VIA MOROSINI, N. 27, CENSITO AL CATASTO FABBRICATI DI DETTO COMUNE AL FOGLIO 5, PARTICELLA 887, SUB 18, PIANO T All.2.a Estratto di mappa (scala 1:2.000) pag. 71 All.2.b Planimetria catastale (scala 1:200) pag. 72 All.2.d Documentazione fotografica..... pag. 73 LOTTO N. 3 - UNITA IMMOBILIARE N. 3 APPARTAMENTO SITO IN COMUNE DI ASCOLI PICENO, CORSO MAZZINI, N. 377, CENSITO AL CATASTO FABBRICATI DI DETTO COMUNE AL FOGLIO 169, PARTICELLA 1013, SUB 2, PIANI T-1 All.3.a Estratto di mappa (scala 1:2.000) pag. 74 All.3.b Planimetria catastale (scala 1:200).... pag. 75 All.3.c Documentazione fotografica..... pag. 76 PROCEDIMENTO DI ESECUZIONE IMMOBILIARE N. 155/2009 R.G.E... (creditore procedente) rappresentata e difesa dall Avv. del Foro di Fermo e con lui elettivamente 3

4 domiciliata presso l Avv.. con studio legale in.. contro (debitori esecutati) Giuramento del CTU: 14/10/2010 Prossima udienza: 25/03/2011 Giudice: Dott. RAFFAELE AGOSTINI 1. PREMESSE, QUESITI - a seguito di incarico da parte del Giudice dell Esecuzione Dott. Raffaele Agostini del Tribunale di Ascoli Piceno lo scrivente Dott. Ing. Fernando Mistichelli, iscritto all'ordine degli Ingegneri della Provincia di Ascoli Piceno e all'albo dei Consulenti Tecnici del Tribunale di Ascoli Piceno, in corso di udienza del 18/06/2008 prestava il giuramento di rito quale C.T.U. nel procedimento di esecuzione immobiliare di che trattasi; - il Giudice dell Esecuzione concedeva per il deposito in Cancelleria della relazione peritale il temine fino a quarantacinque giorni prima dell udienza per la vendita fissata per il giorno 11/12/2009; - in occasione del giuramento venivano formalizzati i quesiti nei seguenti termini: 1) IDENTIFICAZIONE E DESCRIZIONE DEL BENE OGGETTO DELLA VENDITA, ALTRE INFORMAZIONI PER L ACQUIRENTE Specificando se il pignoramento riguarda l intera proprietà del bene o una quota di esso (evidenziando, in tale evenienza, i nominativi dei comproprietari) o altro diritto reale, descriva l esperto l immobile pignorato (comune, località, via, numero civico, piano, numero interno, caratteristiche interne ed esterne, contesto in cui si trova - ad es. parte di un condominio o altro complesso immobiliare con parti comuni -, caratteristiche generali della zona e servizi da essa offerti) con indicazione: a) della superficie, dei confini e dei dati catastali attuali verificando la corrispondenza di tali dati con quelli riportati nell atto di pignoramento; b) degli accessi; c) delle eventuali pertinenze, accessori e millesimi di parti comuni (es. posti auto comuni, giardino, ecc.); d) dell importo annuo delle spese fisse di gestione e manutenzione (spese condominiali ordinarie), delle eventuali spese condominiali straordinarie già deliberate ma non ancora scadute, delle eventuali spese condominiali scadute e non pagate negli ultimi due anni anteriori alla data della perizia; 4 QUESITI

5 e) della utilizzazione prevista dallo strumento urbanistico comunale; f) se il debitore esecutato è coniugato, ed, in caso affermativo, relazionando sullo stato patrimoniale dei coniugi e riferendo se l immobile pignorato faccia parte del fondo patrimoniale eventualmente costituito dai coniugi e/o se, per sua provenienza, debba ritenersi facente parte della comunione dei beni ex artt. 159 e ss. cod. civ.; 2) SITUAZIONE EDILIZIO-URBANISTICA E SANITARIA DELL IMMOBILE Acquisisca il certificato di destinazione urbanistica ove ricorra il caso previsto dall art. 30, comma 2 del D.P.R. 6 giugno 2001, n Fornisca gli estremi della concessione/licenza ad edificare o del permesso di costruire nonché della eventuale concessione/permesso in sanatoria o dichiari che la costruzione è iniziata prima del 1 settembre 1967; indichi eventuali pratiche edilizie in corso; verifichi la regolarità del bene sotto il profilo urbanistico e, in caso di esistenza di opere abusive, accerti l eventuale sanabilità degli abusi riscontrati ai sensi delle leggi 47/1985 e 724/1994 e 326/2003 calcolando i relativi costi della sanatoria; accerti la situazione sanitaria dell immobile fornendo gli estremi dei provvedimenti di abitabilità/agibilità. 3) STATO DI POSSESSO Accerti se l immobile è libero ovvero occupato precisando se è occupato da terzi ed a che titolo o dal debitore; ove esso sia occupato in base ad un contratto di affitto o di locazione, verifichi la data di registrazione del contratto e la sua scadenza, la data di scadenza per l eventuale disdetta, l eventuale data di rilascio fissata o lo stato della causa eventualmente in corso per il rilascio. 4) VINCOLI ED ONERI GIURIDICI Indichi l esistenza sul bene pignorato di vincoli ed oneri giuridici distinguendo, mediante elencazione separata, quelli che resteranno a carico dell acquirente e quelli che saranno invece cancellati o regolarizzati dalla procedura, menzionando, per questi ultimi, i costi a ciò presumibilmente necessari; l esperto dovrà, in ogni caso, pronunciarsi esplicitamente, in senso affermativo o negativo, sulla esistenza dei seguenti oneri e vincoli: che resteranno a carico dell acquirente - Vincoli (soli in quanto trascritti) ed oneri di natura condominiale; - Domande giudiziali (precisando se la causa sia ancora in corso ed in che 5

6 stato) ed altre trascrizioni; - Vincoli artistici, storici, di inalienabilità o indivisibilità; - Esistenza di diritti demaniali (diritti di superficie o servitù pubbliche) o di usi civici; - Atti di asservimento urbanistici e cessioni di cubatura; - Convenzioni matrimoniali e provvedimenti di assegnazione della casa coniugale al coniuge; che saranno cancellati o regolarizzati al momento della vendita a cura della procedura - Iscrizioni (a spese dell acquirente); - Pignoramenti ed altre trascrizioni pregiudizievoli (a spese dell acquirente); - Difformità catastali (a spese della procedura); 5) STIMA DELL IMMOBILE Determini il valore commerciale dell immobile secondo la migliore scienza ed esperienza del settore immobiliare di riferimento, per tipologia, classe, ubicazione, stato di fatto ed epoca di alienazione indicando, comunque, il criterio di stima utilizzato nonché le fonti di informazioni utilizzate per la stima; esponga, altresì, analiticamente i dovuti adeguamenti e le necessarie correzioni della stima precisando, in maniera distinta, (a) quelli per l abbattimento forfettario in relazione alla differenza tra oneri tributari calcolati sul prezzo pieno anziché sui valori catastali e l assenza della garanzia per vizi occulti e le eventuali spese condominiali insolute (decurtazione minima del 10% del valore dell immobile), (b) per lo stato d uso e manutenzione dell immobile, (c) per lo stato di possesso (sopra sub 3), (d) per i vincoli e gli oneri non eliminabili dalla procedura (sopra sub 4) e per quelli che saranno eliminati ma a spese dell acquirente (sopra sub 4), (e) per l eventuale necessità di bonifica da eventuali rifiuti, anche tossici o nocivi, e (f) per altri oneri e pesi; se del caso, il valore finale del bene, al netto di tali decurtazioni e correzioni, deve essere espresso prefigurando le due diverse ipotesi in cui eventuali oneri di regolarizzazione catastale siano assunti dalla procedura ovvero siano lasciati interamente a carico dell acquirente; rediga, infine, una dettagliata descrizione riepilogativa del bene ai fini della formazione del bando d asta e del decreto di trasferimento dell immobile; Il Giudice dell Esecuzione dispone, inoltre, che l esperto: 6

7 a) prima di ogni altra attività controlli la completezza dei documenti di cui all art. 567, secondo comma c.p.c. segnalando immediatamente al Giudice quelli mancanti o inidonei e sospendendo temporaneamente le operazioni peritali; b) comunichi per iscritto a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno al debitore, al creditore procedente e ai comproprietari la data ed il luogo di inizio delle operazioni peritali; c) ove il pignoramento abbia ad oggetto più beni, valuti l opportunità di formare per la vendita uno o più lotti; in caso affermativo, predisponga i lotti e, ove necessario, identifichi i nuovi confini e provveda altresì, previa autorizzazione del Giudice, alla realizzazione del relativo frazionamento; ove siano formati più lotti, l esperto redigerà, dopo aver descritto, in termini generali, l intero compendio immobiliare pignorato, in fascicoletti separati, tante relazioni quanti sono i lotti individuati rispondendo in ciascuna di esse ai quesiti sopra riportati; d) ove il pignoramento abbia a oggetto una quota, fornisca il proprio motivato parere sulla comoda divisibilità del bene individuando, in caso affermativo, gli enti che potrebbero essere separati in favore della procedura; in caso negativo,al fine di assumere determinazioni ex art. 600 comma 2 c.p.c. fornisca brevi osservazioni in ordine alla riuscita della vendita della quota indivisa stessa, ovvero alla probabilità che essa frutterà ricavi pari o maggiori del valore della quota, determinato ai sensi dell art. 568 c.p.c. ; e) se l immobile o gli immobili non risultano accatastati (il che, salva l ipotesi di vendita in un unico lotto dell intera area pignorata e di tutte le edificazioni soprastanti, è d impedimento alla stessa pronuncia dell ordinanza di vendita) sospenda le operazioni peritali e, prontamente, informi il creditore procedente presentando istanza al Giudice per l autorizzazione all accatastamento; qualora non risultino corretti o siano incompleti i dati contenuti nella visura catastale attuale, esegua le variazioni necessarie o determini i valori mancanti procedendo all aggiornamento del catasto; 7

8 f) acquisisca - a ciò espressamente autorizzandolo - direttamente presso i rispettivi competenti uffici i documenti mancanti che siano necessari o utili per l espletamento dell incarico (visure, certificati, planimetrie, ecc.) con l unica esclusione della documentazione di cui all art. 567, comma 2, c.p.c. che deve essere prodotta dalla parte a pena di decadenza; l esperto è altresì autorizzato a servirsi della propria autovettura per i sopralluoghi e per gli accessi presso i competenti uffici; g) in caso di impossibilità di accedere all immobile autorizza lo stesso ad accedere all immobile pignorato avvalendosi, ove necessario, dell ausilio della forza pubblica, di cui viene chiesta in questa sede l assistenza ex artt. 68 comma 3 c.p.c. e 14 R.D. 30/01/1941 n. 12, e di un fabbro o di un falegname, indipendentemente dalla volontà e dalla presenza in loco del debitore esecutato o di terzi occupanti senza titolo. In caso di sfondamento della porta, verrà cambiata la serratura e la relativa chiave, per la mancanza di persona disposta a riceverla, verrà consegnata al Cancelliere che la custodirà e di ciò sarà dato avviso mediante affissione all ingresso dell immobile a cura dell ausiliario; h) eccettuati le evenienze sopra indicate subb a) ed e) non sospenda, in nessun caso, senza l autorizzazione del Giudice, le operazioni peritali; in caso di richiesta di sospensione e/o di differimento delle operazioni peritali ad opera delle parti non assuma alcuna iniziativa (soprattutto non sospenda le operazioni peritali) ed informi soltanto la parte interessata che, a tal fine, deve essere presentata istanza al Giudice il quale, qualora non sussistano ragioni obiettivamente ostative alla prosecuzione dell esecuzione forzata e/o delle operazioni peritali, potrà sospendere l esecuzione soltanto su istanza di tutti i creditori muniti di titolo esecutivo (art. 624-bis c.p.c.); i) depositi, oltre all originale, due copie della relazione; j) almeno quarantacinque giorni prima della sopraindicata udienza fissata per la vendita, invii copia della relazione peritale al debitore a mezzo posta ordinaria nonché a tutti i creditori della procedura (non soltanto a quella procedente) a mezzo fax, posta o ; 8

9 k) alleghi alla relazione almeno due fotografie esterne del bene e almeno due interne, nonché la planimetria del bene, visura catastale attuale, copia della concessione edilizia o della licenza edilizia ed atti di sanatoria, copia dell eventuale contratto di locazione o verbale delle dichiarazioni del terzo occupante e gli eventuali documenti ritenuti necessari, l) depositi un cd-rom o dvd avente i seguenti files: fa) file contenente la relazione per l ufficio del G.E. contenente tutti i dati, anche personali delle parti (perizia.doc); fb) file contenente la perizia, per uso pubblicazione, eliminando tutti i dati personali (generalità del debitore, comproprietari, confinanti, affittuari, ecc. e ogni altro dato personale idoneo a rilevare l identità di questi ultimi e/o di eventuali soggetti terzi, non previsto dalla legge e comunque eccedente e non pertinente rispetto alla procedura di vendita in corso; fc) file contenente planimetria (planim.doc); alleghi, inoltre, gli avvisi di ricevimento delle raccomandate degli avvisi di inizio delle operazioni peritali e l attestazione di aver trasmesso alle parti copia della relazione peritale. Il Giudice dell Esecuzione avverte, infine, l esperto che: a) per la sollecita conclusione della procedura, risulta essenziale il rigoroso rispetto del termine concesso per il deposito della relazione peritale sicché è fondamentale che il professionista accetti l incarico soltanto se sia certamente in grado di osservare tale termine; b) richieste di proroghe dei termini non verranno accolte salve quelle tempestivamente eccezionale formulate e dovute a cause oggettive di carattere e, quindi, non imputabili al consulente diversamente si procederà alla sua immediata sostituzione; si evidenzia, poi, come sia di straordinaria importanza che l esperto depositi la relazione nei termini assegnati onde evitare un rinvio dell udienza con evidente aggravio per le parti e per l Ufficio; l indebita sospensione delle operazioni peritali ed il mancato rispetto dei termini da parte del consulente sono ostativi al conferimento di nuovi incarichi e verranno segnalati al Presidente del Tribunale per le valutazioni di sua competenza; c) in caso di risposte non esaustive sui quesiti formulati e/o di carenze nella 9

10 documentazione depositata sarà disposta l integrazione della perizia senza alcun compenso; non sarà, inoltre, liquidato alcunché all acquisizione dei suindicati elementi integrativi; sino d) assegna a titolo di fondo spese la somma di. 400,00 da porre a carico del creditore procedente. 2. OPERAZIONI PERITALI Si riportano, di seguito, le varie fasi delle operazione peritali svolte, il tutto così come si evince dalla lettura del relativo verbale (V. All. A.- Verbale operazioni peritali). 4 Previo avviso scritto a mezzo lettera raccomandata con ricevuta di ritorno il sottoscritto CTU in data 29/10/2010, alle ore 10,30, ha dato inizio alle operazioni peritali con l accesso presso l immobile oggetto di procedura esecutiva sito in Ascoli Piceno, Corso Mazzini 377, di proprietà dell esecutato. Alla presenza continua del signor, unico intervenuto, lo scrivente CTU ha effettuato una visita completa estesa allo stato dei luoghi, procedendo nel contempo ad effettuare un dettagliato rilievo fotografico. In particolare sulla scorta di una planimetria catastale in scala 1:200, preliminarmente acquisita presso l Agenzia del Territorio - Uffcio Provinciale di Ascoli Piceno - Catasto Fabbricati - il sottoscritto ha effettuato un riscontro della conformità di detto elaborato grafico con lo stato dei luoghi. Quindi, sempre in data 29/10/2010, alle ore 16,00 le operazioni peritali sono proseguite con l accesso ai beni immobili di proprietà dell esecutato Capriotti Piero, siti in Comune di San Benedetto del Tronto, via Morosini, 27. Anche quì, alla presenza continua del signor. e della consorte., entrambi intervenuti, lo scrivente CTU ha effettuato una visita completa estesa allo stato dei luoghi, procedendo nel contempo ad effettuare un dettagliato rilievo fotografico. In particolare sulla scorta delle planimetrie catastali in scala 1:200, 10

11 preliminarmente acquisite presso l Agenzia del Territorio - Uffcio Provinciale di Ascoli Piceno - Catasto Fabbricati - il sottoscritto ha effettuato un riscontro della conformità di detto elaborato grafico con lo stato dei luoghi. Nel contempo, presso gli uffici competenti, sono state effettuate visure, reperite planimetrie degli immobili, richieste certificazioni, provvedendo, in sostanza, ad acquisire tutti gli elementi ritenuto utili per l'espletamento dell'incarico. FORMAZIONE DI LOTTI DISTINTI - Sulla base di quanto disposto al sopra riportato punto 5, sub c), preso atto che il pignoramento ha per oggetto n. 3 beni immobili distinti, censiti al Catasto Fabbricati come unità immobiliari distinte, si è ritenuto opportuno formare altrettanti n. 3 lotti distinti. Pertanto lo scrivente CTU, dopo aver descritto, in termini generali, l intero compendio immobiliare, ha redatto, in appositi capitoli tante relazioni separate, quanti sono i lotti individuati, rispondendo, in ciascuna di esse, ai quesiti come sopra formulati. I lotti di che trattasi, come riportati nell atto di pignoramento, sono così individuati: Lotto n. 1 - Unita immobiliare n. 1 Appartamento sito in Comune di San Benedetto del Tronto, via Morosini, 27, censito al Catasto Fabbricati di detto Comune al foglio 5, particella 887, sub 3, piano 1. Lotto n. 2 - Unita immobiliare n. 2 Locale ad uso garage sito in Comune di San Benedetto del Tronto, via Morosini, 27, censito al Catasto Fabbricati di detto Comune al foglio 5, particella 887, sub 18, piano T. Lotto n. 3 - Unita immobiliare n. 3 Appartamento sito in Comune di Ascoli Piceno, corso Mazzini, n. 377, censito al Catasto Fabbricati di detto Comune al foglio 169, particella 1013, sub 2, piano T DESCRIZIONE, IN TERMINI GENERALI, DELL INTERO COMPENDIO IMMOBILIARE PIGNORATO Come risulta dall atto di pignoramento i beni immobili oggetto di procedura esecutiva sono i seguenti: 11

12 1.1. Appartamento sito in Comune di San Benedetto del Tronto, via Morosini, n. 27, censito al Catasto Fabbricati di detto Comune al foglio 5, particella 887, sub 3, piano Locale ad uso garage sito in Comune di San Benedetto del Tronto, via Morosini, n. 27, censito al Catasto Fabbricati di detto Comune al foglio 5, particella 887, sub 18, piano T Appartamento sito in Comune di Ascoli Piceno, corso Mazzini, n. 377, censito al Catasto Fabbricati di detto Comune al foglio 169, particella 1013, sub 2, piano T Appartamento sito in Comune di San Benedetto del Tronto, via Morosini, censito al Catasto Fabbricati di detto Comune al foglio 5, particella 887, sub 3, piano 1. L appartamento di che trattasi è un immobile porzione di una palazzina di civile abitazione sita in Comune di San Benedetto del Tronto, via Morosini, n. 27, appena ad ovest dell ex campo di calcio Ballarin, su un ampia area di pertinenza delimitata ad est dalla via Morosini, ad ovest da un area di proprietà delle ferrovie dello stato, mentre sui lati nord e sud da aree intestate ad altre ditte. Detta palazzina, la cui epoca di costruzione risale alla prima metà degli anni 70, si sviluppa su più piani e precisamente sui piani terra, primo, secondo, terzo e sottotetto; essa è caratterizzata da struttura portante interamente in conglomerato cementizio armato, con solai di piano e di copertura in latero-cemento armato e tamponamenti in laterizio e risulta intonacata e tinteggiata esternamente, con infissi (finestre) in legno con serrandone in pvc di tipo avvolgibile. L appartamento oggetto di pignoramento è ubicato al piano primo del fabbricato e si accede ad esso attraverso una scala condominiale posta sul lato sud Locale ad uso garage sito in Comune di San Benedetto del Tronto, via Morosini, n. 27, censito al Catasto Fabbricati di detto Comune al foglio 5, particella 887, sub 18, piano T. 12

13 Trattasi di una unità immobiliare porzione della stessa palazzina di civile abitazione di cui sopra, sita in Comune di San Benedetto del Tronto, via Morosini, n. 27 e posta al piano terra di questa, con accesso attraverso l area di pertinenza dal lato nord Appartamento sito in Comune di Ascoli Piceno, corso Mazzini, n. 377, censito al Catasto Fabbricati di detto Comune al foglio 169, particella 1013, sub 2, piano T-1. L appartamento di che trattasi è porzione di un edificio di civile abitazione sito nel centro storico del Comune di Ascoli Piceno, in Corso Mazzini 377. Trattasi di un fabbricato di remota costruzione (sicuramente antecedente al 1967) che si sviluppa su più piani (piani terra, primo, secondo e copertura a tetto), caratterizzata da struttura portante interamente in muratura con solai di piano e di copertura lignei. L appartamento oggetto di procedura è posto al piano primo di detto fabbricato, sul lato opposto a Corso Mazzini dove invece è ubicato il portone di ingresso all androne ed alla scala condominiale. E annesso all appartamento un piccolo locale ad uso fondaco posto al piano terra. 4. IDENTIFICAZIONE CATASTALE DEGLI IMMOBILI PIGNORATI Dalle visure effettuate presso l Agenzia del Territorio - Ufficio Provinciale di Ascoli Piceno - Catasto Fabbricati del Comune di San Benedetto del Tronto - risulta quanto segue: Unità immobiliare N.1 - foglio 5, particella 887, sub. 3, categoria A/2, classe 4, consistenza vani 4, rendita Euro 382,18, via Francesco Morosini, n piano: 1; Dati derivanti da: Voltura del 28/06/ /07/1989 Intestati n. 5035/1984 in atti dal nato a.. il.. - Cod. fisc.:.- Diritti e oneri reali: proprietà per 1000/ Immobili siti in Comune di San Benedetto del Tronto

14 Dati derivanti da: Voltura del 28/06/1984 n. 5035/1984 in atti dal 27/07/ Repertorio n.: Rogante:. - Sede: Grottammare Registrazione: UR n del 18/07/1984 Unità immobiliare N.1 - foglio 5, particella 887, sub. 18, categoria C/6 classe 5, consistenza 16 mq., rendita Euro 85,94, via Francesco Morosini, n piano: 1; Dati derivanti da: Voltura del 28/06/1984 n. 5035/1984 in atti dal 27/07/1989 Intestati 1 -. nato a.. il. - Cod. fisc.: - Diritti e oneri reali: proprietà per 1000/1000. Dati derivanti da: Voltura del 28/06/1984 n. 5035/1984 in atti dal 27/07/ Repertorio n.: Rogante:. - Sede: Grottammare Registrazione: UR n del 18/07/1984 (V. All. B - Visure c/o Agenzia del Territorio - Ufficio Provinciale di Ascoli Piceno - Catasto Fabbricati del Comune di Ascoli Piceno). Dalle visure effettuate presso l Agenzia del Territorio - Ufficio Provinciale di Ascoli Piceno - Catasto Fabbricati del Comune di Ascoli Piceno - risulta quanto segue: Unità immobiliare N.1 - foglio 169, particella 1013, sub. 2, zona censuaria 1, categoria A/3, classe 1, consistenza 3,5 vani, rendita Euro 144,25, Corso Mazzini, n piano: T-1; Dati derivanti da: Variazione d Ufficio del 01/01/1994 n /1994 in atti dal 16/02/ Rettifica zona censuaria - art. 2 Legge del 24/03/1993 n. 75. Intestati 1 - nato a.. il. - Cod. fisc.:.; diritti e oneri reali: proprietà per 1/2:; 2 - nato a. il - Cod. fisc.: Immobile sito in Comune di Ascoli Piceno 14

15 ; diritti e oneri reali: proprietà per ½ in regime di separazione di beni. Dati derivanti da: Istrumento (atto pubblico) del 22/05/2001 Trascrizione n /2001 in atti dal 12/07/2001 (protocollo n ) Repertorio n Rogante:. - Sede: Ascoli Piceno - Donazione accettata. (V. All. C - Visure c/o Agenzia del Territorio - Ufficio Provinciale di Ascoli Piceno - Catasto Fabbricati del Comune di Ascoli Piceno). 5. SITUAZIONE DI CONSERVATORIA RR.II. Dalle visure effettuate presso l Agenzia del Territorio - Servizio Pubblicità Immobiliare - Ufficio Provinciale del Territorio di Ascoli Piceno - risulta quanto segue (in ordine cronologico): 5.1. TRASCRIZIONI Nota di trascrizione del 25/07/1984 Reg. Gen. n Reg. Part. n Dati relativi al titolo: Descrizione: Atto notarile pubblico Data: 22/10/1992; numero di repertorio: 11300/2493 Pubblico Ufficiale: Notaio Dati relativi alla convenzione Specie: Atto tra vivi Immobili Unità negoziale n. 1 Immobile n. 1 - Descrizione: Compravendita Sede: Grottammare (AP) Comune di San Benedetto del Tronto (AP), codice H769, Catasto Fabbricati, foglio 5, part. 887, sub 3, natura A2 - Abitazione civile - consistenza 4 vani - via Morosini, 27, piano 1; Immobile n. 2 Comune di San Benedetto del Tronto (AP), codice H769, Catasto Fabbricati, foglio 5, part. 887, sub 18, natura C6 - Autorimesse - consistenza 16 mq. - via Morosini, 27, piano T; 15

16 Soggetti a favore Soggetto n. 1. nato il a.. (AP) codice fiscale:.; - Relativamente all unità neg. n. 1 - diritto di proprietà per la quota di 1/1. Soggetti contro Soggetto n. 1. nato il a (..) codice fiscale: ; Soggetto n. 2. in. nata il. a, codice fiscale:.. Nota di trascrizione del 28/10/1992 Reg. Gen. n Reg. Part. n Dati relativi al titolo: Descrizione: Atto notarile pubblico Data: 22/10/1992; numero di repertorio: Pubblico Ufficiale: Notaio Dati relativi alla convenzione Specie: Atto tra vivi - Descrizione: Compravendita Immobili Unità negoziale n. 1 Immobile n. 1 Sede: Ascoli Piceno (AP) foglio 169, particella 1013, sub. 3, zona censuaria 1, categoria A/3, classe 1, consistenza 3,5 vani, Corso Mazzini, n piano: T-1; Soggetti a favore nato il a (AP) codice fiscale: ; - Relativamente all unità neg. n. 1 - diritto di proprietà per la quota di 1/ nata il ad, codice fiscale. - Relativamente all unità neg. n. 1 - diritto di proprietà per la quota di 1/2; 16

17 Soggetti contro nata il a (.) codice fiscale:.. - Relativamente all unità neg. n. 1 - diritto di proprietà per la quota di 1/1 Nota di trascrizione del 13/06/2001 Reg. Gen. n Reg. Part. n Dati relativi al titolo: Descrizione: Atto notarile pubblico Data: 22/05/2001; numero di repertorio: 5185 Pubblico Ufficiale: Cod. fiscale: Sede: Ascoli Piceno (AP) Dati relativi alla convenzione Specie: Atto tra vivi Immobili Unità negoziale n. 1 Immobile n. 1 - Descrizione: 133 Donazione accettata foglio 169, particella 1013, sub. 3, zona censuaria 1, categoria A/3, classe 1, consistenza 3,5 vani, Corso Mazzini, n piano: T-1; Soggetti a favore nato il a (.) codice fiscale: - Relativamente all unità negoziale n. 1 - diritto di proprietà per la quota di 1/2 in regime di separazione di beni; Soggetti contro nata il ad., codice fiscale. - Relativamente all unità negoziale n. 1 - diritto di proprietà per la quota di 1/2 in regime di separazione di beni; Nota di trascrizione del 20/10/2009 Reg. Gen. n Reg. Part. n Dati relativi al titolo: 17

18 Descrizione: Atto Giudiziario Data: 29/09/2009; numero di repertorio: 1882/2009 Pubblico Ufficiale: Tribunale di Ascoli Piceno Cod. fiscale: Sede: Ascoli Piceno (AP) Dati relativi alla convenzione Specie: Atto esecutivo cautelare Descrizione: Verbale di pignoramento immobili Richiedente: Avv... Immobili Unità negoziale n. 1 Immobile n. 1 Comune di San Benedetto del Tronto (AP), codice H769, Catasto Fabbricati, foglio 5, part. 887, sub 3, natura A2 - Abitazione civile - consistenza 4 vani - via Morosini, 27, piano 1; Immobile n. 2 Comune di San Benedetto del Tronto (AP), codice H769, Catasto Fabbricati, foglio 5, part. 887, sub 18, natura C6 - Autorimesse - consistenza 16 mq. - via Morosini, 27, piano T; Unità negoziale n. 2 Immobile n. 1 Comune di Ascoli Piceno (AP), codice A462, Catasto Fabbricati, foglio 169, part. 1013, sub 2, natura A3 - Abitazione civile di tipo economico - consistenza 3 vani - Corso Mazzini, 377, piani T-1; Soggetti a favore con sede a.. (.) - codice fiscale: ; - Relativamente all unità neg. n. 1 - diritto di proprietà per la quota di 1/1 - Relativamente all unità neg. n. 2 - diritto di proprietà per la quota di 1/1 Soggetti contro Soggetto n. 1. nato il. a. (.) codice fiscale: 18

19 - Relativamente all unità neg. n. 1 - diritto di proprietà per la quota di 1/1. Soggetto n. 2. nato il a (.) codice fiscale:. - Relativamente all unità neg. n. 2 - diritto di proprietà per la quota di 1/ ISCRIZIONI Nota di iscrizione del 19/05/2007 Reg. Gen. n Reg. Part. n Dati relativi al titolo: Descrizione: Atto notarile pubblico Data: 15/05/2007; numero di repertorio: 4116/2157 Notaio:. Sede: Ascoli Piceno (AP) Dati relativi all ipoteca o al privilegio Codice fiscale:. Specie dell ipoteca o del privilegio: Ipoteca volontaria Derivante da: 176 Concessione a garanzia di mutuo fondiario Capitale: ,00; Totale: ,00; Durata: 15 anni Immobili Unità negoziale n. 1 Immobile n. 1 Comune di San Benedetto del Tronto (AP), codice H769, Catasto Fabbricati, foglio 5, part. 887, sub 3, natura A2 - Abitazione civile - consistenza 4 vani - via Morosini, 27, piano 1; Immobile n. 2 Comune di San Benedetto del Tronto (AP), codice H769, Catasto Fabbricati, foglio 5, part. 887, sub 18, natura C6 - Autorimesse - consistenza 16 mq. - via Morosini, 27, piano T; Soggetti a favore Soggetto n. 1. con sede a. (..)

20 codice fiscale:.. - Relativamente all unità neg. n. 1 - diritto di proprietà per la quota di 1/1 Soggetti contro Soggetto n. 1. nato il a. (.) codice fiscale:.. - Relativamente all unità neg. n. 1 - diritto di proprietà per la quota di 1/1. Nota di iscrizione del 01/02/2008 Reg. Gen. n Reg. Part. n. 199 Dati relativi al titolo: Descrizione: Atto notarile pubblico Data: 30/01/2008; numero di repertorio: 4686/2577 Notaio: Sede: Ascoli Piceno (AP) Dati relativi all ipoteca o al privilegio Codice fiscale:.. Specie dell ipoteca o del privilegio: Ipoteca volontaria Derivante da: 176 Concessione a garanzia di mutuo fondiario Capitale: ,00; Totale: ,00 Durata: 15 anni Immobili Unità negoziale n. 1 Immobile n. 1 Comune di Ascoli Piceno (AP), codice A462, Catasto Fabbricati, foglio 169, part. 1013, sub 2, natura A3 - Abitazione civile di tipo economico - consistenza 3 vani - Corso Mazzini, 377, piani T-1; Soggetti a favore Soggetto n. 1 con sede a (.) - - codice fiscale:. - Relativamente all unità neg. n. 1 - diritto di proprietà per la quota di 1/1 Soggetti contro Soggetto n. 1 20

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Disposizioni generali in materia di espropriazione immobiliare Modalità di presentazione delle offerte e di svolgimento delle procedure di VENDITA

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE CIVILE

TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE CIVILE ALLEGATO AL VERBALE DELL UDIENZA DEL TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE CIVILE PROCEDURA N R.G.E. PROCEDIMENTO DI DIVISIONE N. I L G I U D I C E Visto il provvedimento reso all udienza del nella procedura esecutiva

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 217 del 14/11/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CESSIONE IN PROPRIETÀ DI AREA GIÀ CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE NELL AMBITO DEL

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità Direzione Centrale Catasto e Cartografia Modalità di aggiornamento relative alle intestazioni catastali presenti nelle dichiarazioni di DOCFA e nelle Domande di Volture Prima iscrizione degli immobili

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

Linee guida per le ESECUZIONI IMMOBILIARI

Linee guida per le ESECUZIONI IMMOBILIARI ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TRENTO TRIBUNALE CIVILE DI TRENTO Linee guida per le ESECUZIONI IMMOBILIARI FORMA DEL PIGNORAMENTO L atto di pignoramento deve contenere l avvertimento al debitore che, se intende

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI 5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI In questo capitolo, dopo aver definito il concetto di «coefficienti correttivi», verranno esaminati nel dettaglio i coefficienti di riduzione previsti dalla Circolare del Ministero

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici Ufficio Condono Edilizio Ufficio Diritto di Accesso Agli Atti Mod. 10/E (10.06.2013 )

Dettagli

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa COMUNE DI LARI Provincia di Pisa DETERMINAZIONE N. 519 Numerazione servizio 201 Data di registrazione 17/12/2009 COPIA Oggetto : DECRETO DI ESPROPRIO RELATIVO A PROCEDIMENTO ESPROPRIATIVO PER PUBBLICA

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE ATTIVITÀ 42.99.01 LOTTIZZAZIONE DEI TERRENI CONNESSA CON L URBANIZZAZIONE ATTIVITÀ 68.10.00 COMPRAVENDITA DI

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Art. 1. Norme generali 1.1 Come stabilito dal D.Lgs 252/2005, l Associato può richiedere un anticipazione sulla posizione individuale maturata: a)

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL P.R.G., NEL CAPOLUOGO E NELLE FRAZIONI. Approvato con

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Timbro UR. Alienante (i) Acquirente (i) Cognome, nome / Ditta, altri enti 1 Domicilio / Sede Nazionalità 2 Quota di comproprietà

Timbro UR. Alienante (i) Acquirente (i) Cognome, nome / Ditta, altri enti 1 Domicilio / Sede Nazionalità 2 Quota di comproprietà Dichiarazione dei dati per gli acquisti di proprietà fondiarie a norma degli art. 970a CCS e 43 e ss. LRF (da allegare all'istanza di iscrizione) da compilare dall'alienante Timbro UR Alienante (i) Cognome,

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Società immobiliari CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Ai sensi dell art. 2249 c.c., le società che hanno

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

meglio descritte nella relazione tecnica allegata

meglio descritte nella relazione tecnica allegata Modello 05: Spazio riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo 14,62 Al Dirigente del Settore II Comune di Roccapalumba Oggetto: l sottoscritt nat a ( ) il / / residente a ( ) in via n. C.F. in qualità

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

MANUALE UTENTE PER LA RICHIESTA DI TRASFERIMENTO DI TITOLARITÁ

MANUALE UTENTE PER LA RICHIESTA DI TRASFERIMENTO DI TITOLARITÁ MANUALE UTENTE PER LA RICHIESTA DI TRASFERIMENTO DI TITOLARITÁ Novembre 2014 INDICE Sezione 1: Documentazione e Classificazione dei Cambi di Titolarità... 4 1. TIPOLOGIE DI CAMBI DI TITOLARITÀ... 8 1.1.

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

VADEMECUM DELLA COMPRAVENDITA

VADEMECUM DELLA COMPRAVENDITA VADEMECUM DELLA COMPRAVENDITA Tutto ciò che deve sapere e fare chi vende e chi compra un immobile A cura della Commissione Permanente di Studio ANIAG Aggiornamento - Ottobre 2007 Sede Nazionale Via della

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Ministero dei lavori pubblici Direzione generale edilizia statale e sovvenzionata div. XVI-bis: Norme per i collaudi dei fabbricati costruiti da cooperative edilizie fruenti

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania)

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Business Plan KIG RE - DIOMA Valore acquisizioni immobiliari, gestione, sviluppo e ricollocazione assets immobiliari della società veicolo di investimento

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

BREVE GUIDA ALL ACQUISTO DELLA CASA

BREVE GUIDA ALL ACQUISTO DELLA CASA BREVE GUIDA ALL ACQUISTO DELLA CASA Che tipo di abitazione Avete deciso di acquistare una casa. Vediamo gli aspetti più importanti da controllare sotto il profilo tecnico- legale. Non fatevi scrupolo a

Dettagli

ATTRIBUZIONE/AGGIORNAMENTO CLASSAMENTO CATASTALE. COMUNICAZIONE ADESIONE DEFINIZIONE AGEVOLATA I.C.I. art. 16 bis del regolamento comunale ICI

ATTRIBUZIONE/AGGIORNAMENTO CLASSAMENTO CATASTALE. COMUNICAZIONE ADESIONE DEFINIZIONE AGEVOLATA I.C.I. art. 16 bis del regolamento comunale ICI ATTRIBUZIONE/AGGIORNAMENTO CLASSAMENTO CATASTALE COMUNICAZIONE ADESIONE DEFINIZIONE AGEVOLATA ICI art 16 bis del regolamento comunale ICI Il sottoscritto Nato a il CF Residente a in via tel con riferimento

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

Oppure passaggio all Urbano di un fabbricato rurale senza subalterni,

Oppure passaggio all Urbano di un fabbricato rurale senza subalterni, Schede esemplificative delle Tipologie di atti di aggiornamento attualmente trattate dalla procedura Pregeo 10 APAG Nella Tabella seguente sono riportate sinteticamente le tipologie di atti di aggiornamento

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI Gli aggiornamenti più recenti proroga della maggiore detrazione Irpef per le spese di ristrutturazione agevolazione per l acquisto di mobili ed elettrodomestici

Dettagli

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI Gli aggiornamenti più recenti proroga della maggiore detrazione Irpef per le spese di ristrutturazione agevolazione per l acquisto di mobili ed elettrodomestici

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale COMUNE DI VENEZIA Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale N. 87 DEL 14 MAGGIO 2015 E presente il COMMISSARIO STRAORDINARIO: VITTORIO

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA Gli aggiornamenti più recenti agevolazioni prima casa e utilizzo del credito d imposta detrazione interessi passivi sui mutui per l acquisto dell abitazione principale acquisto di fabbricati ristrutturati

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

La Sanatoria degli Abusi Edilizi nelle Procedure Esecutive

La Sanatoria degli Abusi Edilizi nelle Procedure Esecutive Atti del Convegno del 18 Gennaio 2014 La Sanatoria degli Abusi Edilizi nelle Procedure Esecutive Relatore Dott. Geom. Gabriele Di Natale www.studiodinatale.it --- info@studiodinatale.it 1 1. Premessa:

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno).

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). Dati Schede 2 C - Mod. C enti non commerciali COMUNE DI... D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO ENTI NON COMMERCIALI E ATTIVITÀ SOCIALI Organizzazioni, fondazioni, associazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA' DI CALCOLO DELL'INDENNITA' PREVISTA DALL'ART.15 DELLA LEGGE 29/6/39 N.1497.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA' DI CALCOLO DELL'INDENNITA' PREVISTA DALL'ART.15 DELLA LEGGE 29/6/39 N.1497. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA' DI CALCOLO DELL'INDENNITA' PREVISTA DALL'ART.15 DELLA LEGGE 29/6/39 N.1497. Art. 1 - L'indennità risarcitoria di cui all'art.15 L. 29 giugno 1939 n.1497 si

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli