Interruzione della terapia an/coagulante/an/aggregante per procedure invasive

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Interruzione della terapia an/coagulante/an/aggregante per procedure invasive"

Transcript

1 Interruzione della terapia an/coagulante/an/aggregante per procedure invasive Giorgia Saccullo Ematologia con trapianto Policlinico Universitario di Palermo

2 1. L en2tà del rischio trombo2co/emorragico 2. Gli approcci a=uali 3. Le procedure a basso rischio 4. La bridging therapy 5. Le linee guida ACCP/FCSA

3 Sensi2vity analysis on the annual risk of stroke and periprocedural risk of hemorrhage Periprocedural Probability of hemorrhage A Hold warfarin Annual risk of stroke per 100 pt/yrs without antithrombotic therapy B C Dose Reduction Continue warfarin Gerson LB et al, Am J Med 2004

4 Percentuale di trombosi e sua riduzione in terapia an2coagulante Indicazioni % di trombosi senza terapia Riduzione del rischio in terapia TEV acuto 1 mese TEV acuto 2 e 3 mese TEV recidivante FA non valvolare FA non valvolare con embolismo Valvole meccaniche 8 75 Trombosi arteriosa acuta (1 mese) 15 66

5 Il rischio peri operatorio standard Pre operatorio Intra operatorio Post operatorio Rischio emorragico * - +* Rischio trombo2co * + ++* *Secondo la procedura chirurgica

6 Il rischio peri operatorio nei pazien2 an2coagula2 Pre operatorio Intra operatorio Post operatorio Rischio emorragico ** ** Rischio trombo2co - +* ** ** * Secondo la patologia di base **Secondo la patologia di base e/o la procedura chirurgica

7 Fa=ori di scelta per un approccio idoneo: Rischio di trombosi Valutazione del rischio di tromboembolie (TE) mentre la TAO è sospesa: Indicazioni per la TAO Fa=ori di rischio associa2 Conseguenze della TE 7. Prandoni P et al. Thromb Haemost. 2002;88(3): Fedullo PF, Tapson VF. N Engl J Med. 2003; 349:

8 Classificazione del rischio tromboembolico Rischio TE Elevato Indicazioni TAO Protesi mitralica Protesi aor2ca non recente o associata a FA TEV < 3 mesi Basso FA senza storia di stroke o altri fa=ori di rischio Protesi valvolare aor2ca a doppio disco FA > 3 mesi Ansell et al. Chest 2004

9 Classificazione del rischio tromboembolico Rischio TE Elevato Moderato Indicazioni TAO Protesi mitralica, aor2ca non recente o associata a pregresso stroke FA + stroke o TIA o valvulopa2a mitralica TEV recente o associato a neoplasia, APA, cardiopa2a e pneumopa2a cronica Protesi aor2ca o FA e > 2 fa=ori di rischio per stroke TEV < 6 mesi Basso Protesi aor2ca o FA e < 2 fa=ori di rischio per stroke TEV > 6 mesi DoukeXs et al. Thromb Res. 2003

10 Conseguenze del tromboembolismo (TE) Pazien/ con TE arterioso Pazien/ con TEV ricorrente Mortatlità 20% 6% Danno permanente 60% 5%

11 Fa=ori di scelta per un approccio idoneo: Rischio di emorragia Rischio di emorragie: Terapia an2coagulante Tipo di intervento Conseguenze delle emorragie

12 Fa=ori di rischio emorragico Rischio emorragico basso pre operatoriamente ma elevato durante e dopo la chirurgia maggiore (2po e sede dell intervento) TAO: INR >1,5; dopo sospensione occorrono 3 5 giorni per o=enere un INR < 1,5. Eparina: aumento del rischio di emorragie post operatorie: 3% (Kearon C. NEJM, 1997)

13 Conseguenze delle emorragie Emorragie post chirurgiche maggiori: 3%, spesso senza conseguenze Fatali nel 3% degli even2

14 Classificazione del rischio emorragico Rischio Elevato Chirurgia o procedure invasive Neurologica, vescicale, vascolare maggiore; Prostatectmia, bypass AoC, biopsie a cielo coperto; olipectomie Moderato Addominale, toracica, ortopedica maggiore; Inserzione di pacemaker Basso Catara=a; cucolecistectomia laparoscopica; ernioplas2ca; Angiografia coronarica; avulsione dentaria DoukeXs et al. 2003

15 1. L en2tà del rischio trombo2co/emorragico 2. Gli approcci a=uali 3. Le procedure a basso rischio 4. La bridging therapy 5. Le linee guida ACCP/FCSA

16 Opzioni terapeu2che: 1. Con2nuazione della TAO 2. Sospensione temporanea della TAO 3. Sospensione temporanea della TAO e sos2tuzione con eparina ( bridging therapy ) quando INR < intervallo terapeu2co

17 Problema2che con gli an2coagulan2 La sospensione della warfarina richiede diversi giorni per o=enere un INR < 1.5 (ritenuto sicuro per le manovre interven2s2che) Alla ripresa, sono necessari diversi giorni per ripris2nare un INR terapeu2co Di fa=o, la ges2one perioperatoria con la sola warfarina non è ohmale

18 Problema2che con gli an2coagulan2 Pochi studi prospehci e controlla2 con un numero significa2vo di pazien2 Studi disponibili: Retrospehvi, Numero limitato di pazien2, Indicazioni a TAO diverse, Procedure ed interven2 diversi. Poche informazioni sull efficacia e sicurezza delle diverse modalità terapeu2che

19 Non vi è consenso nel tra=amento perioperatorio. Le opzioni terapeu2che sono classicamente: Non sospendere il tra=amento con AVK. La sua sospensione temporanea con eventuale sos2tuzione con eparina a dosi terapeu2che ( bridging therapy ) quando l INR è inferiore all intervallo terapeu2co. L American College of Cardiology e l American Heart Associa2on (ACC/AHA) e l American College of Chest Physicians (ACPP) suggeriscono la bridging therapy nella maggior parte dei pazien2 mentre altri autori applicano la terapia eparinica solo nei pazien2 con un rischio TE molto elevato (*, **, ***). Mentre vi è chiara evidenza che l eparina non frazionata (ENF) ed a basso peso molecolare (EBPM) siano efficaci nella prevenzione del TE venoso, controverso è il loro effe=o nella prevenzione del TE arterioso (^). Le scelte terapeu2che sono in genere condivise nei pazien2 ad elevato rischio di TE, controverse sono quelle per i pazien2 con rischio moderato e basso. * Kearon C. Management of an2coagula2on before and aner elec2ve surgery. Hematology 2003: (ASH 2003 Ed. book). **Ansell JE, Hirsh J, Poller L, Bussey H, Jacobson A, Hylek E. The pharmacology and management of the vitamin K antagonists. Seventh ACCP conference on an2thrombo2c and thromboly2c therapy. Chest 2004, 126:204S 233S. ***Bonow RO, Carabello B, de Leon AC jr, et al. ACC/AHA guidelines for the management of pa2ents with valvular heart disease: execu2ve summary. A report of the American College of Cardiology/American Task Force on Prac2ce Guidelines (Commi=ee on Management of pa2ents with Valvular Heart Disease) Circula2on 1998,98: ^5. Kearon C, Hirsh J. Management of an2coagula2on before and aner elec2ve surgery. N Engl J Med 1997, 336:

20 1. La dimensione del problema 2. L en2tà del rischio trombo2co/emorragico 3. Gli approcci a=uali 4. Le procedure a basso rischio 5. La bridging therapy 6. Le linee guida ACCP/FCSA

21 Problema2che con gli an2coagulan Interven</procedure per i quali non è necessario sospendere il traaamento con AVK Chirurgia cutanea Catara=a con anestesia topica (da preferire) Artrocentesi e iniezioni intessu2 molli e ar2colari Punture e cateterismi di vene ed arterie superficiali Puntura sternale e biopsia osteomidollare Procedure cardiologiche Eco transesofageo Procedure odontoiatriche semplici Avulsioni dentarie e altre procedure

22 1. La dimensione del problema 2. L en2tà del rischio trombo2co/emorragico 3. Gli approcci a=uali 4. Le procedure a basso rischio 5. La bridging therapy 6. Le linee guida ACCP/FCSA

23 Execu/ve Summary: An/thrombo/cTherapy and Preven/on of Thrombosis, 9 th ed: American College of Chest Physicians. Evidence Based Clinical Prac/ce Guidelines Chest 2012;141;7S 47S DOI /chest.1412S In pa/ents who require temporary interrup/on of a VKA before surgery, we recommend stopping VKAs approximately 5 days before surgery instead of stopping VKAs a shorter /me before surgery (Grade 1C) 2.2. In pa/ents who require temporary interrup/on of a VKA before surgery, we recommend resuming VKAs approximately 12 to 24 h auer surgery (evening of or next morning) and when there is adequate hemostasis instead of later resump/on of VKAs (Grade 2C) In pa/ents with a mechanical heart valve, atrial fibrilla/on, or VTE at high risk for thromboembolism, we suggest bridging an/coagula/on instead of no bridging during interrup<on of VKA therapy (Grade 2C). In pa/ents with a mechanical heart valve, atrial fibrilla/on, or VTE at low risk for thromboembolism, we suggest no bridging instead of bridging an/coagula/on during interrup/on of VKA therapy (Grade 2C).

24 FEDERAZIONE CENTRI PER LA DIAGNOSI DELLA TROMBOSI E LA SORVEGLIANZA DELLE TERAPIE ANTITROMBOTICHE FCSA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE, CHIRURGIA E MANOVRE INVASIVERACCOMANDAZIONI DELLA FCSA Bridging nei pazien/ ad Alto Rischio Giorno 5: sospensione TAO Giorno 4: inizio eparina se il paziente era in acenocumarolo (se paziente in range terapeu2co al momento della sospensione) Giorno 3: inizio eparina se il paziente era in warfarin (se paziente in range terapeu2co al momento della sospensione) Usare dosi di EBPM ogni 12 ore secondo il peso corporeo Ul2ma somministrazione almeno 12 ore prima dell intervento Controllo INR prima dell intervento Intervento con INR <1.5 Riprendere eparina alle stesse dosi la mahna successiva (se almeno 12 ore dopo l uscita dalla sala e se emostasi sicura). Giorno + 1: riprendere TAO ad una dose del 50% superiore a quella abituale (se emostasi sicura e se il paziente è in grado di assumere farmaci per os). Giorno + 2: proseguire TAO ad una dose del 50% superiore a quella abituale (se emostasi sicura) Giorno + 3 e successivi: proseguire TAO alla dose abituale (se emostasi sicura). Sospendere l eparina dopo due giorni con INR superiore a 2 (o a 2.5 per pazien2 a target 3).

25 Bridging nei pazien/ a Rischio Basso Moderato Giorno 5: sospensione TAO Giorno 4: inizio eparina se il paziente era in acenocumarolo (se paziente in range terapeu2co al momento della sospensione) Giorno 3: inizio eparina se il paziente era in warfarin (se paziente in range terapeu2co al momento della sospensione) Usare dosi di eparina profilahche ogni 24 ore: nadroparina : < 50 Kg: 2850 U, Kg: 3800 U, > 70 Kg: 5700 U enoxaparina 4000 U Ul2ma somministrazione almeno 12 ore prima dell intervento Controllo INR prima dell intervento Intervento con INR <1.5 Riprendere eparina a dosi profilahche la mahna successiva (se almeno 12 ore dopo l uscita dalla sala e se emostasi sicura). Giorno + 1: riprendere TAO ad una dose del 50% superiore a quella abituale (se emostasi sicura e se il paziente è in grado di assumere farmaci per os). Giorno + 2: proseguire TAO ad una dose del 50% superiore a quella abituale (se emostasi sicura) Giorno + 3 e successivi: proseguire TAO alla dose abituale (se emostasi sicura). Sospendere l eparina dopo due giorni con INR superiore a 2 (o a 2.5 per pazien2 a target 3)

26 Standardized Low Molecular Weight Heparin Bridging Regimen in Outpa/ents on Oral An/coagulants Undergoing Invasive Procedure or Surgery. An Incep/on Cohort Management Study V. Pengo, MD; U. Cucchini, MD; G. Denas, MD; N. Erba, MD; G. Guazzaloca, MD; L. La Rosa, MD; V. De Micheli, MD; S. Testa, MD; R. Frontoni, MD; D. Prisco, MD; G. Nante, MD; S. Iliceto, MD; for the Italian Federa2on of Centers for the Diagnosis of Thrombosis and Management of An2thrombo2c Therapies (FCSA) STUDY DESIGN Table 1. An/coagula/on Protocols Applied According to Pa/ent Thromboembolic Risk Protocol A: Pa/ents at High TE Risk, IU Weight, kg Nadroparin* (Twice Daily, SC) Enoxaparin* (Twice Daily, SC) < Protocol B: Pa/ents at Low to Intermediate TE Risk, IU Weight, kg Nadroparin* (Once Daily, SC) Enoxaparin (Once Daily, SC) < TE indicates thromboembolic. *Dosages (units of an2 factor Xa) varying according to body weight. Prophylac2c dosage that is independent of body weight.

27 Table 3. Types of Procedures According to the Bleeding Risk Surgery/Procedure n %* High bleeding risk (n369) Abdominal Orthopedic Maxillofacial Urologic Vascular Gynecologic Ocular Mammary Neurosurgery Low bleeding risk (n893) Gastrointes2nal Endoscopy Cutaneous surgery Cistoscopy Biopsies Hand surgery Angiography Ocular procedures ENT procedures Gynecologic procedures PM/ICD implanta2on Miscellaneous Hepa2c procedures Arthroscopy ENT indicates ear, nose, and throat; PM/ICD, pacemaker/implantable cardioverter defibrillator. *Percentage with respect to the group total. Micrographic surgery, cutaneous oncology, and other surgery requiring hospitaliza2on

28 Primary safety outcome: MAJOR BLEEDING Results There were 15 episodes of major bleeding (1.2%; 95% CI, 0.7 to 2.0). All events were postprocedural, and none was fatal. Most of the bleeding episodes (11 of 15) were overt surgical site bleeding, and 9 required the transfusion of 2 U packed red blood cells. Of the 15 major bleeding events, 8 occurred in the 295 cases bridged with protocol A (2.7%) and 7 in the 967 cases bridged with protocol B (0.7%; P0.011). 7 major bleeding events occurred in 369 cases of high bleeding risk procedures (1.9%), and the remaining 8 occurred in 893 cases of low bleeding risk procedures (0.9%; P0.16). On exact logisxc regression analysis, protocol A predicted the occurrence of major bleeding (odds ra2o, 4.6; 95% CI, 1.0 to 19.1; P0.047). Table 4. Thromboembolic Event Details Pa2ent Sex Age, y Indica2on Procedure Event Event Day* Comments 1 F 64 DVT Hemicolectomy PE 5 Thrombosis of the pulmonary artery segmental branches 2 F 63 AF+MVR Saphenectomy PE 0 No preopera2ve bridging with LMWH because day 4 INR3.1 3 F 83 PE Femoral PE (fatal) 6 History of PE osteosynthesis 4 F 57 AVR+ Saphenectomy Systemic 3 No postopera2ve LMWH because of a MV repair embolism considerablesurgical site hematoma 5 F 70 AF+stroke+MVR Colonoscopy TIA 13 Day 10 INR2.7 DVT indicates deep vein thrombosis; PE, pulmonary embolism; AF, atrial fibrilla2on; MVR, mitral valve replacement; AVR, aor2c valve replacement; and TIA, transient ischemic a=ack. *Number of days aner the procedure.

29 Patients Requiring Interruption of Long-Term Oral Anticoagulant Therapy: The Use of Fixed Sub-Therapeutic Doses of Low-Molecular Weight Heparin 1 Alessandra Malato, 1 Giorgia Saccullo, 1 Lucio Lo Coco, 1 Domenica Caramazza, 1 Ignazio Abbene, 1 Giuseppina Pizzo, 2 Alessandra Casuccio and 1 Sergio Siragusa STUDY DESIGN Pa/ents Characteris/cs (no. 328) Findings Mean age (range, y) 62.3 (25/89) M/F (%) 53/47 Weight, mean +SD (Kg) Bridging therapy with nadroparin, n (%) 142 (43.2%) Bridging therapy with enoxaparin, n (%) 186 (56.7%) All Venous Thromboembolism (VTE) events, n (%) 45 (13.7%) Events las2ng < 3 months 18 Events las2ng > 3 months 27 Atrial Fibrilla2on without previous stroke (AF NoAT), n (%) Atrial Fibrilla2on with previous stroke (AF AT), n (%) 122 (37.1%) 58 (17.6%) Prosthe2c Aor2c Valves (PAV), n (%) 35 (10.6%) Prostethic Mitralic Valves (PMV), n (%) 44 (13.4%) Study protocol. LMWH, low molecular weight heparin; VKA, vitamin K antagonist. Note: LMWH means 3800 UI an2 FXa of nadroparin or 4000 UI of enoxaparin an2 FXa; LMWH was started preopera2vely when INR 1.5; LMWH was stopped postopera2vely when there was an INR value of at least 2.0; VKA was started as the pa2ents usual daily dose prior to hospitaliza2on. Others (arterial hypertension, dilata2ve myocardiopathy, valvulopathy, miocardial infarc2on, coronary artery by pass gran), n (%) 24 (7.1%)

30 Results Pa2ents n (%) TE total, n (%) 95%CI Arterial, n (%) 95%CI Venous, n (%) 95% CI Thromboembolic events in Low Risk, High risk groups and total pa2ents Low risk group 182 (55.4%) 1 (0.54) 0.54 to (0.75) 0.45 to 1.95 High risk group 146 (44.6%) 5 (3.4) 0.5 to (2.0) to (1.3) ** 0.5 to 3.1 Total 328 (100%) 6 (1.8) 0.4 to (0.9) 0.1 to (0.9) 0.1 to 1.9 P value* *Fishers exact test. +Three events (one peripheral arterial thromboembolism and two transient ischemic a=acks) occurred in AF AT pa2ents. **Two events (isolated pulmonary embolism and deep vein thrombosis) occurred in VTE pa2ents. One event (DVT) occurred in AF AT pa2ents. TE, thromboembolism; AF AT, atrial fibrilla2on with previous stroke; VTE, venous thrombo embolism; CI, confidence intervals. Incidence of major bleeding events in low and high risk group accordingly to type of procedures Type of procedures (328) Major surgery (103) n (%) 95% Confidence Interval Low risk group (182) 1/35 (2.8) 2.6 to 8.2 High risk group (146) 6/68 (8.8) TKR, n (%) 0 2 (2.9) THR, n (%) 1 (2.8) 2 (2.9) Abdominal hernia repair, n (%) Aortofemoral construc2on, n (%) Minor surgery*(225) n (%) 0 1 (1.4) 0 1 (1.4) 0/147 0/78 P value 2.1 to *Fishers exact test. See text for defini2on and descrip2on. TKR, total knee replacement; THR, total hip replacement.

31 Bridging therapy with fixed doses of low molecular weight heparin in cancer pa2ents on long term warfarin 1 Giorgia Saccullo, 1 Alessandra Malato, 1 Lucio Lo Coco, 1 Simona Raso, 1 Marco Santoro, 1 Valen2na Zammit, 2 Antonio Russo, and 1 Sergio Siragusa Ca=edra ed U.O. di Ematologia con trapianto, Policlinico Universitario di Palermo STUDY DESIGN Pa/ents characteris/cs (n=156) Mean age (range, y) 66.6(32/89) M/F (%) 84/72 Weight, mean + SD (Kg) Solid cancer, n (%) 98 (62.8) Haematological cancer, n (%) 58 (37.2) Advanced/metasta2c cancer, n (%) 101 (64.7) Bridging therapy with nadroparin, n (%) 71 (45.5) Bridging therapy with enoxaparin, n (%) 79 (50.6) Bridging therapy with others heparin compounds, n (%) 6 (3.8) Low risk for TE 88 (56.4) Pa2ents on chemotherapy induced platelet deple2on 22 High risk for TE 68 (43.5) Pa2ents on chemotherapy induced platelet deple2on 17 Venous thromboembolism, n (%) 52 (33.3) Events las2ng < 3 months, n (%) 28 Events las2ng > 3 months, n (%) 24 Atrial fibrilla2on without previous stroke (AF NoAT), n (%) 48 (30.7) Atrial fibrilla2on with previous stroke (AF AT), n (%) 21 (13.4) Prosthe2c aor2c/mitral valves (PAV), n (%) 19 (12.1) Others (arterial hypertension, dilata2ve myocardiopathy, 16 (10.2) valvulopathy, myocardial infarc2on, coronary artery by pass gran), n (%)

32 Results Thromboembolic events in the low risk, high risk and total pa/ent groups Events, n (%) TE total, n (%, 95%CI) Arterial, n (%, 95% CI Venous, n (%, 95% CI) Low risk group (68) 1 (1.4, 95% CI ) 0 1 (1.4, 95% CI ) High risk group (88) 4^ (4.5, 95% CI ) 1 (1.1, 95% CI ) 3 (3.4, 95% CI ) Total (156) 5 (3.2, 95% CI (0.6, 95% CI ) 4 (2.5, 95% CI ) Fisher s exact test. ^ One event occurred in this group during chemotherapy induced thrombocytopenia. Abbrevia2ons: TE, thromboembolism; AF AT, atrial fibrilla2on with previous stroke; VTE, venous thromboembolism; CI, confidence interval P value among low and highrisk group Incidence of major bleeding events in the low and high risk groups accordingly to type of procedure Type of procedure (n) Low risk group High risk group Major surgery (54) n (%, 95% CI) 0 3 (5.5, 95% CI ) Non major surgery (63) n (%, 95% CI) 0 0 Chemotherapy induced thrombocytopenia (49) n (%, 95% CI) 0 2 (4.1, 95% CI )

33 TAO e terapia perioperatoria, un approccio mul2disciplinare Individualizzata sul rischio tromboembolico ed emorragico Considerare le scelte del chirurgo, anestesista, cardiologo Considerare la preferenza del paziente

34 Platelet inhibitory drugs: dura/on of bleeding risk* *Based on minimal data; no Xme points between 2 hours and 4 days Konkle BA. Acquired disorders of platelet funcxon. EducaXonal Session. Hematology 2011:

35 Terapia an/aggregante 3.4. In pa/ents who are receiving acetylsalicylic acid (ASA) for the secondary preven/on of cardiovascular disease and are having minor dental or dermatologic procedures or cataract surgery, we suggest con/nuing ASA around the /me of the procedure instead of stopping ASA 7 to 10 days before the procedure (Grade 2C) In pa/ents at moderate to high risk for cardiovascular events who are receiving ASA therapy and require noncardiac surgery, we suggest con/nuing ASA around the /me of surgery instead of stopping ASA 7 to 10 days before surgery (Grade 2C). In pa/ents at low risk for cardiovascular events who are receiving ASA therapy, we suggest stopping ASA 7 to 10 days before surgery instead of con<nua<on of ASA (Grade 2C) In pa/ents who are receiving ASA and require coronary artery bypass grau (CABG) surgery, we suggest con/nuing ASA around the /me of surgery instead of stopping ASA 7 to 10 days before surgery (Grade 2C). In pa/ents who are receiving dual an/platelet drug therapy and require CABG surgery, we suggest con/nuing ASA around the /me of surgery and stopping clopidogrel/prasugrel 5 days before surgery instead of con<nuing dual an<platelet therapy around the /me of surgery (Grade 2C). CHEST 2012; 141(2)(Suppl):7S 47S

36 Ematologia Policlinico Universitario di Palermo Università degli Studi di Palermo Palazzo Chiaramonte Steri Par2colare soffi=o ligneo La Vucciria R. Gu=uso 1974 Cor2le Interno

37 Managing OAT in pa2ents with mechanical heart valves undergoing elec2ve surgery: Results of a survey conducted among Italian physicians Minor surgery: pre operaxve management Stop OAT without heparin 12 (16.7%) Full dose sc UFH or LMWH 38 (52.8%) Full dose iv UFH 0 Other 22 (30.5%) Ageno et al. Blood Coagul Fibrinolysis 2004

38 Minor surgery: post operaxve management Resume OAT without heparin 1 (1.4%) Full dose sc UFH or LMWH 23 (31.9%) Low dose sc UFH or LMWH 44 (61.1%) Full dose iv UFH 0 Other 4 (5.5%)

39 Descrip2on of major events Pa2ent group alloca2on Event Type of surgery Time of occurrence (days INR value Treatment (index diseases*) aner surgery) High risk (AF AT) Peripheral arterial TE Vascular Angioplasty plus an2platelets plus VKA High risk (AF AT) TIA Gastrectomy VKA High risk (AF AT) TIA GI endoscopy VKA High risk (VTE < 3 months) Isolated PE Hemicolectomy Full dose of LMWH plus VKA High risk (AF AT) DVT Prostatectomy Full dose of LMWH plus VKA Low risk (VTE > 3 months) DVT Hysterectomy Full dose of LMWH plus VKA High risk (PMV) Wound haematoma TKR 1 < 1.2 Re interven2on plus ST* High risk (AF AT) Wound haematoma THR 0 < 1.2 ST High risk (AF AT) Overt surgical site bleed THR 0 < 1.2 ST High risk (AF AT) Overt surgical site bleed Abdominal hernia repair 1 < 1.2 ST High risk (AF AT) Wound haematoma TKR 1 < 1.2 ST High risk (VTE < 3 months) Overt surgical site bleed Aortofemoral construc2on 2 < 1.2 ST Low risk (AF NoAT) Overt surgical site bleed THR 3 < 1.2 ST *See text for explana2on. INR, interna2onal normalized ra2o; TE, thromboembolism; VKA, vitamin K antagonist; TIA, transient ischemic a=ack; GI, gastrointes2nal; LMWH, low molecular weight heparin; ST, standard treatment means packed red cell transfusion and vitamin K administra2on; TKR, total knee replacement; THR, total hip replacement.

Linee guida per la gestione dei pazienti in terapia con anticoagulanti orali che devono sottoporsi ad intervento chirurgico

Linee guida per la gestione dei pazienti in terapia con anticoagulanti orali che devono sottoporsi ad intervento chirurgico Linee guida per la gestione dei pazienti in terapia con anticoagulanti orali che devono sottoporsi ad intervento chirurgico PREMESSA La chirurgia dei pazienti in terapia con anticoagulanti orali è un problema

Dettagli

Emesso da: Data 24/11/2010 Firma:

Emesso da: Data 24/11/2010 Firma: !"# Approvato da: DDCG Data 24/11/2010 Firma: Emesso da: Data 24/11/2010 Firma: $ % &'( ')*! " # $% & % '!!!"# $$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$ Gruppo di lavoro: "!"# Firma Dr. Carmelo Guccione Dr. Diego

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

Che fare se il paziente scoagulato ha una complicanza emorragica?

Che fare se il paziente scoagulato ha una complicanza emorragica? Che fare se il paziente scoagulato ha una complicanza emorragica? La gestione dei pazienti in terapia anticoagulante orale (TAO) con complicanza emorragica gastrointestinale presenta aspetti problematici

Dettagli

343 TROMBOEMBOLISMO VENOSO

343 TROMBOEMBOLISMO VENOSO TROMBOEMBOLISMO VENOSO 343 TROMBOEMBOLISMO VENOSO tromboembolismo venoso Il Tromboembolismo Venoso (TEV) rappresenta una delle principali cause di morbilità e mortalità ospedaliera, anche se la sua incidenza

Dettagli

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione? Società Medico Chirurgica di Ferrara FIBRILLAZIONE ATRIALE E TROMBOSI VENOSA PROFONDA ASPETTI FISIOPATOLOGICI, CLINICI E TERAPEUTICI Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

Trattamento e prevenzione delle recidive nei pazienti con trombosi venosa profonda: i nuovi anticoagulanti orali

Trattamento e prevenzione delle recidive nei pazienti con trombosi venosa profonda: i nuovi anticoagulanti orali Trattamento e prevenzione delle recidive nei pazienti con trombosi venosa profonda: i nuovi anticoagulanti orali Dott. Angelo Ghirarduzzi Responsabile SSD Angiologia Reggio Emilia Cona,, Ferrara 29.09.12

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano

Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano Gig_7-419-477 CN 11-01-2002 17:01 Pagina 419 GIORN GERONTOL 2000; 48: 419-433 LINEE GUIDA Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano Antithrombotic strategies in the elderly A.M. CERBONE,

Dettagli

Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale

Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale FCSA - SIMG componenti della task-force FCSA Guido Finazzi Responsabile del Centro Emostasi e Trombosi Divisione di Ematologia Ospedali

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

LA TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA

LA TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA LA TERAPIA EL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2 Sinossi delle raccomandazioni 3 3. Pazienti con neoplasie solide e TEV (TVP, EP) 6 3.1 Eparine e

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA SREENING I TROMBOFILIA E INIAZIONI ALLA PROFILASSI FARMAOLOGIA IN GRAVIANZA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2. Sinossi delle raccomandazioni 4 3. Screening di trombofilia in gravidanza 9 3.1 Test da includere

Dettagli

LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO EMORRAGICO O CON EMORRAGIA IN ATTO

LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO EMORRAGICO O CON EMORRAGIA IN ATTO Dipartimento Clinico Assistenziale Oncologico Unità Operativa di Ematologia Centro Trapianto di Cellule Staminali Direttore Prof. Attilio Olivieri Versione del 18-2-2008 LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL

Dettagli

Nelle pagine successive... Raccomandazioni regionali per l utilizzo 2-3

Nelle pagine successive... Raccomandazioni regionali per l utilizzo 2-3 Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale - Area Valutazione del farmaco I NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI nella fibrillazione atriale non valvolare L impiego delle terapie anticoagulanti è molto diffuso: dai dati

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI Rel. 01/2009 13-02-2009 13:30 Pagina 1 LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI F. Orso, B. Del Taglia *, A.P. Maggioni* Dipartimento di Area Critica Medico

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica Congresso Nazionale Palermo 28/30 Ottobre 2010 Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Chirurgia generale e specialistica U.O.C. di Chirurgia

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare?

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? Marica Carughi Servizio Farmaceutico Nutrizionale A.O Sant Anna Como Milano, 21 maggio 2014 WHAT EVIDENCE SAYS? LINEE GUIDA: SI Making the best

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

ATTUALITÀ IN TERAPIA Nalmefene Le Nuove Entità Terapeutiche del 2013

ATTUALITÀ IN TERAPIA Nalmefene Le Nuove Entità Terapeutiche del 2013 N Nuum meerroo 11 22001144 IIN NFFO OR RM MA AZ ZIIO ON NEE IIN ND DIIP PEEN ND DEEN NTTEE EE A AG GG GIIO OR RN NA AM MEEN NTTO O SSA AN NIITTA AR RIIO O EDITORIALE. Missing, proprio missing FORUM CLINICO

Dettagli

Camminiamo insieme. Gli ematologi ai pazienti con trombocitemia

Camminiamo insieme. Gli ematologi ai pazienti con trombocitemia Camminiamo insieme Gli ematologi ai pazienti con trombocitemia 1 A cura di: Prof. Valerio De Stefano Professore Ordinario Istituto di Ematologia Università Cattolica di Roma - Policlinico Agostino Gemelli

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove?

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? Anna Prenestini SDA Bocconi Area Public Policy and Management 09 ottobre 2012 1 Un futuro da scrivere

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

Valutazione delle tecnologie emergenti

Valutazione delle tecnologie emergenti Dott Tom Jefferson Consulente Sez. Innovazione, Sperimentazione e Sviluppo Valutazione delle tecnologie emergenti Dispositivi Impiantabili: revisioni legislative" - Roma, 7 novembre 2013 L Agenzia Ente

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C T H O R A F L Y Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C SOMMARIO GRUPPO C (SUMMARY C GROUP) 1/C II SISTEMI DI DRENAGGIO TORACICO COMPLETI

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza Fiammengo P., Coscia A., De Donno V., Tulisso S., Maula S., Bianco M., Dall Aglio M., Farinasso D., Alessi D., Foco L., Costa L. Mentre la

Dettagli

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Le aree di incertezza nelle Cure Primarie: Quali sono le evidenze di efficacia dei probio-ci nelle patologie del tra9o gastrointes-nale? Edoardo Benede*o 1907

Dettagli

MALATTIE RARE DELLA COAGULAZIONE: CIO CHE NON SI SA. Aspetti sociali e progetti europei

MALATTIE RARE DELLA COAGULAZIONE: CIO CHE NON SI SA. Aspetti sociali e progetti europei MALATTIE RARE DELLA COAGULAZIONE: CIO CHE NON SI SA. Aspetti sociali e progetti europei Flora Peyvandi Centro Emofilia e Trombosi Angelo Bianchi Bonomi, Fondazione IRCCS Ospedale Maggiore Policlinico,

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

LE PROTEINE VITAMINA K DIPENDENTI: UN LINK ULTERIORE TRA OSSO E PARETE VASALE

LE PROTEINE VITAMINA K DIPENDENTI: UN LINK ULTERIORE TRA OSSO E PARETE VASALE LE PROTEINE VITAMINA K DIPENDENTI: UN LINK ULTERIORE TRA OSSO E PARETE VASALE Dott.ssa M.Pasquali VITAMINA K K1 fillochinone K2 menachinone (Carl Peter) Henrik Dam (1895-1976) Glutammato Proteina noncarbossilata

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT 9.00-11.00 I SESSIONE L essenziale di... in Anestesia Presidente: A. De Monte Udine Moderatori: F.E. Agrò Roma, Y. Leykin Pordenone 9.00 La gestione delle

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Edema maculare diabetico e trattamento laser

Edema maculare diabetico e trattamento laser Edema maculare diabetico e trattamento laser Diabetic macular edema and laser treatment Del Re A, Frattolillo A Centro Oculistico Del Re - Salerno Dr. Annibale Del Re e Dr. A. Frattolillo 18 RIASSUNTO

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

TROMBOSI: SI PREVIENE E SI CURA

TROMBOSI: SI PREVIENE E SI CURA Periodico quadrimestrale - N. 59 - agosto 2005 - Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/2/04 n.46) art. 1 comma 2 DCB Milano TROMBOSI: SI PREVIENE E SI CURA I nfarto, Ictus, Embolia,

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MONTU DOMENICO Data di nascita 26-03-1956 Amministrazione ASL CN1 Incarico attuale DIRETTORE SISP AMBITO FOSSANO-SALUZZO SAVIGLIANO Numero telefonico ufficio

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Antonio Motisi. Dipartimento di Colture Arboree Università degli Studi di Palermo

Antonio Motisi. Dipartimento di Colture Arboree Università degli Studi di Palermo Giornate di Studio: Un approccio integrato allo studio dei flussi di massa e di energia nel sistema suolo pianta atmosfera: esperienze e prospettive di applicazione in Sicilia Tecniche di misura dei flussi

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza Simona Giampaoli, Anna Rita Ciccaglione Istituto Superiore di Sanità Prevalenza e carico dell infezione cronica da virus dell epatite

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova Genova 31 gennaio 2014 CORSO RESIDENZIALE nuovi paradigmi per una terapia personalizzata nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto CON IL PATROCINIO DI Obiettivi Il trattamento del

Dettagli

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion»

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion» A.O. S.Antonio Abate, Gallarate Segreteria Scientifica dr. Filippo Crivelli U.O. di Anatomia Patologica Corso di Aggiornamento per Tecnici di Laboratorio di Anatomia Patologica AGGIORNAMENTI 2011 I edizione:

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA VALTELLINA E VALCHIAVENNA

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

Cefalea e donna. Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari. 13 marzo 2010. Maria Clara Tonini

Cefalea e donna. Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari. 13 marzo 2010. Maria Clara Tonini 13 marzo 2010 Cefalea e donna Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari Maria Clara Tonini Responsabile Centro Diagnosi e Cura delle Cefalee UO Neurologia Ospedale di Garbagnate M. Classificazione secondo

Dettagli

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Ble Consulting srl id. 363 BISFOSFONATI E VITAMINA D: RAZIONALI D'USO - 119072 Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Dr. Gandolini Giorgio Medici chirurghi 8,8 crediti

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I)

ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I) ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I) ESEMPIO 1 (continua): La costruzione del modello di Cox viene effettuata tramite un unico comando. Poiché il modello contiene una covariata categoriale

Dettagli

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI CONSERVAZIONE DEL DENTE CON STRAUMANN EMDOGAIN Dal 5 al 15 % della popolazione soffre di gravi forme di parodontite, che possono portare alla caduta dei

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

iovanella@disp.uniroma2.it http://www.disp.uniroma2.it/users/iovanella Verifica di ipotesi

iovanella@disp.uniroma2.it http://www.disp.uniroma2.it/users/iovanella Verifica di ipotesi iovanella@disp.uniroma2.it http://www.disp.uniroma2.it/users/iovanella Verifica di ipotesi Idea di base Supponiamo di avere un idea del valore (incognito) di una media di un campione, magari attraverso

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Basi di Dati. S Q L Lezione 5

Basi di Dati. S Q L Lezione 5 Basi di Dati S Q L Lezione 5 Antonio Virdis a.virdis@iet.unipi.it Sommario Gestione eventi Gestione dei privilegi Query Complesse 2 Esercizio 9 (lezione 4) Indicare nome e cognome, spesa e reddito annuali

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

Pinza da coagulazione e da taglio Duo CLICKLINE sec. SHAWKI GYN 50-3 07/2014/EW-IT

Pinza da coagulazione e da taglio Duo CLICKLINE sec. SHAWKI GYN 50-3 07/2014/EW-IT Pinza da coagulazione e da taglio Duo CLICKLINE sec. SHAWKI GYN 50-3 07/2014/EW-IT Introduzione Per eseguire un attenta dissezione nella maggior parte delle fasi operative in laparoscopia, si utilizza

Dettagli

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not?

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not? Il passato Grammar File 12 Past simple Il past simple inglese corrisponde al passato prossimo, al passato remoto e, in alcuni casi, all imperfetto italiano. Con l eccezione del verbo be, la forma del past

Dettagli