Interruzione della terapia an/coagulante/an/aggregante per procedure invasive

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Interruzione della terapia an/coagulante/an/aggregante per procedure invasive"

Transcript

1 Interruzione della terapia an/coagulante/an/aggregante per procedure invasive Giorgia Saccullo Ematologia con trapianto Policlinico Universitario di Palermo

2 1. L en2tà del rischio trombo2co/emorragico 2. Gli approcci a=uali 3. Le procedure a basso rischio 4. La bridging therapy 5. Le linee guida ACCP/FCSA

3 Sensi2vity analysis on the annual risk of stroke and periprocedural risk of hemorrhage Periprocedural Probability of hemorrhage A Hold warfarin Annual risk of stroke per 100 pt/yrs without antithrombotic therapy B C Dose Reduction Continue warfarin Gerson LB et al, Am J Med 2004

4 Percentuale di trombosi e sua riduzione in terapia an2coagulante Indicazioni % di trombosi senza terapia Riduzione del rischio in terapia TEV acuto 1 mese TEV acuto 2 e 3 mese TEV recidivante FA non valvolare FA non valvolare con embolismo Valvole meccaniche 8 75 Trombosi arteriosa acuta (1 mese) 15 66

5 Il rischio peri operatorio standard Pre operatorio Intra operatorio Post operatorio Rischio emorragico * - +* Rischio trombo2co * + ++* *Secondo la procedura chirurgica

6 Il rischio peri operatorio nei pazien2 an2coagula2 Pre operatorio Intra operatorio Post operatorio Rischio emorragico ** ** Rischio trombo2co - +* ** ** * Secondo la patologia di base **Secondo la patologia di base e/o la procedura chirurgica

7 Fa=ori di scelta per un approccio idoneo: Rischio di trombosi Valutazione del rischio di tromboembolie (TE) mentre la TAO è sospesa: Indicazioni per la TAO Fa=ori di rischio associa2 Conseguenze della TE 7. Prandoni P et al. Thromb Haemost. 2002;88(3): Fedullo PF, Tapson VF. N Engl J Med. 2003; 349:

8 Classificazione del rischio tromboembolico Rischio TE Elevato Indicazioni TAO Protesi mitralica Protesi aor2ca non recente o associata a FA TEV < 3 mesi Basso FA senza storia di stroke o altri fa=ori di rischio Protesi valvolare aor2ca a doppio disco FA > 3 mesi Ansell et al. Chest 2004

9 Classificazione del rischio tromboembolico Rischio TE Elevato Moderato Indicazioni TAO Protesi mitralica, aor2ca non recente o associata a pregresso stroke FA + stroke o TIA o valvulopa2a mitralica TEV recente o associato a neoplasia, APA, cardiopa2a e pneumopa2a cronica Protesi aor2ca o FA e > 2 fa=ori di rischio per stroke TEV < 6 mesi Basso Protesi aor2ca o FA e < 2 fa=ori di rischio per stroke TEV > 6 mesi DoukeXs et al. Thromb Res. 2003

10 Conseguenze del tromboembolismo (TE) Pazien/ con TE arterioso Pazien/ con TEV ricorrente Mortatlità 20% 6% Danno permanente 60% 5%

11 Fa=ori di scelta per un approccio idoneo: Rischio di emorragia Rischio di emorragie: Terapia an2coagulante Tipo di intervento Conseguenze delle emorragie

12 Fa=ori di rischio emorragico Rischio emorragico basso pre operatoriamente ma elevato durante e dopo la chirurgia maggiore (2po e sede dell intervento) TAO: INR >1,5; dopo sospensione occorrono 3 5 giorni per o=enere un INR < 1,5. Eparina: aumento del rischio di emorragie post operatorie: 3% (Kearon C. NEJM, 1997)

13 Conseguenze delle emorragie Emorragie post chirurgiche maggiori: 3%, spesso senza conseguenze Fatali nel 3% degli even2

14 Classificazione del rischio emorragico Rischio Elevato Chirurgia o procedure invasive Neurologica, vescicale, vascolare maggiore; Prostatectmia, bypass AoC, biopsie a cielo coperto; olipectomie Moderato Addominale, toracica, ortopedica maggiore; Inserzione di pacemaker Basso Catara=a; cucolecistectomia laparoscopica; ernioplas2ca; Angiografia coronarica; avulsione dentaria DoukeXs et al. 2003

15 1. L en2tà del rischio trombo2co/emorragico 2. Gli approcci a=uali 3. Le procedure a basso rischio 4. La bridging therapy 5. Le linee guida ACCP/FCSA

16 Opzioni terapeu2che: 1. Con2nuazione della TAO 2. Sospensione temporanea della TAO 3. Sospensione temporanea della TAO e sos2tuzione con eparina ( bridging therapy ) quando INR < intervallo terapeu2co

17 Problema2che con gli an2coagulan2 La sospensione della warfarina richiede diversi giorni per o=enere un INR < 1.5 (ritenuto sicuro per le manovre interven2s2che) Alla ripresa, sono necessari diversi giorni per ripris2nare un INR terapeu2co Di fa=o, la ges2one perioperatoria con la sola warfarina non è ohmale

18 Problema2che con gli an2coagulan2 Pochi studi prospehci e controlla2 con un numero significa2vo di pazien2 Studi disponibili: Retrospehvi, Numero limitato di pazien2, Indicazioni a TAO diverse, Procedure ed interven2 diversi. Poche informazioni sull efficacia e sicurezza delle diverse modalità terapeu2che

19 Non vi è consenso nel tra=amento perioperatorio. Le opzioni terapeu2che sono classicamente: Non sospendere il tra=amento con AVK. La sua sospensione temporanea con eventuale sos2tuzione con eparina a dosi terapeu2che ( bridging therapy ) quando l INR è inferiore all intervallo terapeu2co. L American College of Cardiology e l American Heart Associa2on (ACC/AHA) e l American College of Chest Physicians (ACPP) suggeriscono la bridging therapy nella maggior parte dei pazien2 mentre altri autori applicano la terapia eparinica solo nei pazien2 con un rischio TE molto elevato (*, **, ***). Mentre vi è chiara evidenza che l eparina non frazionata (ENF) ed a basso peso molecolare (EBPM) siano efficaci nella prevenzione del TE venoso, controverso è il loro effe=o nella prevenzione del TE arterioso (^). Le scelte terapeu2che sono in genere condivise nei pazien2 ad elevato rischio di TE, controverse sono quelle per i pazien2 con rischio moderato e basso. * Kearon C. Management of an2coagula2on before and aner elec2ve surgery. Hematology 2003: (ASH 2003 Ed. book). **Ansell JE, Hirsh J, Poller L, Bussey H, Jacobson A, Hylek E. The pharmacology and management of the vitamin K antagonists. Seventh ACCP conference on an2thrombo2c and thromboly2c therapy. Chest 2004, 126:204S 233S. ***Bonow RO, Carabello B, de Leon AC jr, et al. ACC/AHA guidelines for the management of pa2ents with valvular heart disease: execu2ve summary. A report of the American College of Cardiology/American Task Force on Prac2ce Guidelines (Commi=ee on Management of pa2ents with Valvular Heart Disease) Circula2on 1998,98: ^5. Kearon C, Hirsh J. Management of an2coagula2on before and aner elec2ve surgery. N Engl J Med 1997, 336:

20 1. La dimensione del problema 2. L en2tà del rischio trombo2co/emorragico 3. Gli approcci a=uali 4. Le procedure a basso rischio 5. La bridging therapy 6. Le linee guida ACCP/FCSA

21 Problema2che con gli an2coagulan Interven</procedure per i quali non è necessario sospendere il traaamento con AVK Chirurgia cutanea Catara=a con anestesia topica (da preferire) Artrocentesi e iniezioni intessu2 molli e ar2colari Punture e cateterismi di vene ed arterie superficiali Puntura sternale e biopsia osteomidollare Procedure cardiologiche Eco transesofageo Procedure odontoiatriche semplici Avulsioni dentarie e altre procedure

22 1. La dimensione del problema 2. L en2tà del rischio trombo2co/emorragico 3. Gli approcci a=uali 4. Le procedure a basso rischio 5. La bridging therapy 6. Le linee guida ACCP/FCSA

23 Execu/ve Summary: An/thrombo/cTherapy and Preven/on of Thrombosis, 9 th ed: American College of Chest Physicians. Evidence Based Clinical Prac/ce Guidelines Chest 2012;141;7S 47S DOI /chest.1412S In pa/ents who require temporary interrup/on of a VKA before surgery, we recommend stopping VKAs approximately 5 days before surgery instead of stopping VKAs a shorter /me before surgery (Grade 1C) 2.2. In pa/ents who require temporary interrup/on of a VKA before surgery, we recommend resuming VKAs approximately 12 to 24 h auer surgery (evening of or next morning) and when there is adequate hemostasis instead of later resump/on of VKAs (Grade 2C) In pa/ents with a mechanical heart valve, atrial fibrilla/on, or VTE at high risk for thromboembolism, we suggest bridging an/coagula/on instead of no bridging during interrup<on of VKA therapy (Grade 2C). In pa/ents with a mechanical heart valve, atrial fibrilla/on, or VTE at low risk for thromboembolism, we suggest no bridging instead of bridging an/coagula/on during interrup/on of VKA therapy (Grade 2C).

24 FEDERAZIONE CENTRI PER LA DIAGNOSI DELLA TROMBOSI E LA SORVEGLIANZA DELLE TERAPIE ANTITROMBOTICHE FCSA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE, CHIRURGIA E MANOVRE INVASIVERACCOMANDAZIONI DELLA FCSA Bridging nei pazien/ ad Alto Rischio Giorno 5: sospensione TAO Giorno 4: inizio eparina se il paziente era in acenocumarolo (se paziente in range terapeu2co al momento della sospensione) Giorno 3: inizio eparina se il paziente era in warfarin (se paziente in range terapeu2co al momento della sospensione) Usare dosi di EBPM ogni 12 ore secondo il peso corporeo Ul2ma somministrazione almeno 12 ore prima dell intervento Controllo INR prima dell intervento Intervento con INR <1.5 Riprendere eparina alle stesse dosi la mahna successiva (se almeno 12 ore dopo l uscita dalla sala e se emostasi sicura). Giorno + 1: riprendere TAO ad una dose del 50% superiore a quella abituale (se emostasi sicura e se il paziente è in grado di assumere farmaci per os). Giorno + 2: proseguire TAO ad una dose del 50% superiore a quella abituale (se emostasi sicura) Giorno + 3 e successivi: proseguire TAO alla dose abituale (se emostasi sicura). Sospendere l eparina dopo due giorni con INR superiore a 2 (o a 2.5 per pazien2 a target 3).

25 Bridging nei pazien/ a Rischio Basso Moderato Giorno 5: sospensione TAO Giorno 4: inizio eparina se il paziente era in acenocumarolo (se paziente in range terapeu2co al momento della sospensione) Giorno 3: inizio eparina se il paziente era in warfarin (se paziente in range terapeu2co al momento della sospensione) Usare dosi di eparina profilahche ogni 24 ore: nadroparina : < 50 Kg: 2850 U, Kg: 3800 U, > 70 Kg: 5700 U enoxaparina 4000 U Ul2ma somministrazione almeno 12 ore prima dell intervento Controllo INR prima dell intervento Intervento con INR <1.5 Riprendere eparina a dosi profilahche la mahna successiva (se almeno 12 ore dopo l uscita dalla sala e se emostasi sicura). Giorno + 1: riprendere TAO ad una dose del 50% superiore a quella abituale (se emostasi sicura e se il paziente è in grado di assumere farmaci per os). Giorno + 2: proseguire TAO ad una dose del 50% superiore a quella abituale (se emostasi sicura) Giorno + 3 e successivi: proseguire TAO alla dose abituale (se emostasi sicura). Sospendere l eparina dopo due giorni con INR superiore a 2 (o a 2.5 per pazien2 a target 3)

26 Standardized Low Molecular Weight Heparin Bridging Regimen in Outpa/ents on Oral An/coagulants Undergoing Invasive Procedure or Surgery. An Incep/on Cohort Management Study V. Pengo, MD; U. Cucchini, MD; G. Denas, MD; N. Erba, MD; G. Guazzaloca, MD; L. La Rosa, MD; V. De Micheli, MD; S. Testa, MD; R. Frontoni, MD; D. Prisco, MD; G. Nante, MD; S. Iliceto, MD; for the Italian Federa2on of Centers for the Diagnosis of Thrombosis and Management of An2thrombo2c Therapies (FCSA) STUDY DESIGN Table 1. An/coagula/on Protocols Applied According to Pa/ent Thromboembolic Risk Protocol A: Pa/ents at High TE Risk, IU Weight, kg Nadroparin* (Twice Daily, SC) Enoxaparin* (Twice Daily, SC) < Protocol B: Pa/ents at Low to Intermediate TE Risk, IU Weight, kg Nadroparin* (Once Daily, SC) Enoxaparin (Once Daily, SC) < TE indicates thromboembolic. *Dosages (units of an2 factor Xa) varying according to body weight. Prophylac2c dosage that is independent of body weight.

27 Table 3. Types of Procedures According to the Bleeding Risk Surgery/Procedure n %* High bleeding risk (n369) Abdominal Orthopedic Maxillofacial Urologic Vascular Gynecologic Ocular Mammary Neurosurgery Low bleeding risk (n893) Gastrointes2nal Endoscopy Cutaneous surgery Cistoscopy Biopsies Hand surgery Angiography Ocular procedures ENT procedures Gynecologic procedures PM/ICD implanta2on Miscellaneous Hepa2c procedures Arthroscopy ENT indicates ear, nose, and throat; PM/ICD, pacemaker/implantable cardioverter defibrillator. *Percentage with respect to the group total. Micrographic surgery, cutaneous oncology, and other surgery requiring hospitaliza2on

28 Primary safety outcome: MAJOR BLEEDING Results There were 15 episodes of major bleeding (1.2%; 95% CI, 0.7 to 2.0). All events were postprocedural, and none was fatal. Most of the bleeding episodes (11 of 15) were overt surgical site bleeding, and 9 required the transfusion of 2 U packed red blood cells. Of the 15 major bleeding events, 8 occurred in the 295 cases bridged with protocol A (2.7%) and 7 in the 967 cases bridged with protocol B (0.7%; P0.011). 7 major bleeding events occurred in 369 cases of high bleeding risk procedures (1.9%), and the remaining 8 occurred in 893 cases of low bleeding risk procedures (0.9%; P0.16). On exact logisxc regression analysis, protocol A predicted the occurrence of major bleeding (odds ra2o, 4.6; 95% CI, 1.0 to 19.1; P0.047). Table 4. Thromboembolic Event Details Pa2ent Sex Age, y Indica2on Procedure Event Event Day* Comments 1 F 64 DVT Hemicolectomy PE 5 Thrombosis of the pulmonary artery segmental branches 2 F 63 AF+MVR Saphenectomy PE 0 No preopera2ve bridging with LMWH because day 4 INR3.1 3 F 83 PE Femoral PE (fatal) 6 History of PE osteosynthesis 4 F 57 AVR+ Saphenectomy Systemic 3 No postopera2ve LMWH because of a MV repair embolism considerablesurgical site hematoma 5 F 70 AF+stroke+MVR Colonoscopy TIA 13 Day 10 INR2.7 DVT indicates deep vein thrombosis; PE, pulmonary embolism; AF, atrial fibrilla2on; MVR, mitral valve replacement; AVR, aor2c valve replacement; and TIA, transient ischemic a=ack. *Number of days aner the procedure.

29 Patients Requiring Interruption of Long-Term Oral Anticoagulant Therapy: The Use of Fixed Sub-Therapeutic Doses of Low-Molecular Weight Heparin 1 Alessandra Malato, 1 Giorgia Saccullo, 1 Lucio Lo Coco, 1 Domenica Caramazza, 1 Ignazio Abbene, 1 Giuseppina Pizzo, 2 Alessandra Casuccio and 1 Sergio Siragusa STUDY DESIGN Pa/ents Characteris/cs (no. 328) Findings Mean age (range, y) 62.3 (25/89) M/F (%) 53/47 Weight, mean +SD (Kg) Bridging therapy with nadroparin, n (%) 142 (43.2%) Bridging therapy with enoxaparin, n (%) 186 (56.7%) All Venous Thromboembolism (VTE) events, n (%) 45 (13.7%) Events las2ng < 3 months 18 Events las2ng > 3 months 27 Atrial Fibrilla2on without previous stroke (AF NoAT), n (%) Atrial Fibrilla2on with previous stroke (AF AT), n (%) 122 (37.1%) 58 (17.6%) Prosthe2c Aor2c Valves (PAV), n (%) 35 (10.6%) Prostethic Mitralic Valves (PMV), n (%) 44 (13.4%) Study protocol. LMWH, low molecular weight heparin; VKA, vitamin K antagonist. Note: LMWH means 3800 UI an2 FXa of nadroparin or 4000 UI of enoxaparin an2 FXa; LMWH was started preopera2vely when INR 1.5; LMWH was stopped postopera2vely when there was an INR value of at least 2.0; VKA was started as the pa2ents usual daily dose prior to hospitaliza2on. Others (arterial hypertension, dilata2ve myocardiopathy, valvulopathy, miocardial infarc2on, coronary artery by pass gran), n (%) 24 (7.1%)

30 Results Pa2ents n (%) TE total, n (%) 95%CI Arterial, n (%) 95%CI Venous, n (%) 95% CI Thromboembolic events in Low Risk, High risk groups and total pa2ents Low risk group 182 (55.4%) 1 (0.54) 0.54 to (0.75) 0.45 to 1.95 High risk group 146 (44.6%) 5 (3.4) 0.5 to (2.0) to (1.3) ** 0.5 to 3.1 Total 328 (100%) 6 (1.8) 0.4 to (0.9) 0.1 to (0.9) 0.1 to 1.9 P value* *Fishers exact test. +Three events (one peripheral arterial thromboembolism and two transient ischemic a=acks) occurred in AF AT pa2ents. **Two events (isolated pulmonary embolism and deep vein thrombosis) occurred in VTE pa2ents. One event (DVT) occurred in AF AT pa2ents. TE, thromboembolism; AF AT, atrial fibrilla2on with previous stroke; VTE, venous thrombo embolism; CI, confidence intervals. Incidence of major bleeding events in low and high risk group accordingly to type of procedures Type of procedures (328) Major surgery (103) n (%) 95% Confidence Interval Low risk group (182) 1/35 (2.8) 2.6 to 8.2 High risk group (146) 6/68 (8.8) TKR, n (%) 0 2 (2.9) THR, n (%) 1 (2.8) 2 (2.9) Abdominal hernia repair, n (%) Aortofemoral construc2on, n (%) Minor surgery*(225) n (%) 0 1 (1.4) 0 1 (1.4) 0/147 0/78 P value 2.1 to *Fishers exact test. See text for defini2on and descrip2on. TKR, total knee replacement; THR, total hip replacement.

31 Bridging therapy with fixed doses of low molecular weight heparin in cancer pa2ents on long term warfarin 1 Giorgia Saccullo, 1 Alessandra Malato, 1 Lucio Lo Coco, 1 Simona Raso, 1 Marco Santoro, 1 Valen2na Zammit, 2 Antonio Russo, and 1 Sergio Siragusa Ca=edra ed U.O. di Ematologia con trapianto, Policlinico Universitario di Palermo STUDY DESIGN Pa/ents characteris/cs (n=156) Mean age (range, y) 66.6(32/89) M/F (%) 84/72 Weight, mean + SD (Kg) Solid cancer, n (%) 98 (62.8) Haematological cancer, n (%) 58 (37.2) Advanced/metasta2c cancer, n (%) 101 (64.7) Bridging therapy with nadroparin, n (%) 71 (45.5) Bridging therapy with enoxaparin, n (%) 79 (50.6) Bridging therapy with others heparin compounds, n (%) 6 (3.8) Low risk for TE 88 (56.4) Pa2ents on chemotherapy induced platelet deple2on 22 High risk for TE 68 (43.5) Pa2ents on chemotherapy induced platelet deple2on 17 Venous thromboembolism, n (%) 52 (33.3) Events las2ng < 3 months, n (%) 28 Events las2ng > 3 months, n (%) 24 Atrial fibrilla2on without previous stroke (AF NoAT), n (%) 48 (30.7) Atrial fibrilla2on with previous stroke (AF AT), n (%) 21 (13.4) Prosthe2c aor2c/mitral valves (PAV), n (%) 19 (12.1) Others (arterial hypertension, dilata2ve myocardiopathy, 16 (10.2) valvulopathy, myocardial infarc2on, coronary artery by pass gran), n (%)

32 Results Thromboembolic events in the low risk, high risk and total pa/ent groups Events, n (%) TE total, n (%, 95%CI) Arterial, n (%, 95% CI Venous, n (%, 95% CI) Low risk group (68) 1 (1.4, 95% CI ) 0 1 (1.4, 95% CI ) High risk group (88) 4^ (4.5, 95% CI ) 1 (1.1, 95% CI ) 3 (3.4, 95% CI ) Total (156) 5 (3.2, 95% CI (0.6, 95% CI ) 4 (2.5, 95% CI ) Fisher s exact test. ^ One event occurred in this group during chemotherapy induced thrombocytopenia. Abbrevia2ons: TE, thromboembolism; AF AT, atrial fibrilla2on with previous stroke; VTE, venous thromboembolism; CI, confidence interval P value among low and highrisk group Incidence of major bleeding events in the low and high risk groups accordingly to type of procedure Type of procedure (n) Low risk group High risk group Major surgery (54) n (%, 95% CI) 0 3 (5.5, 95% CI ) Non major surgery (63) n (%, 95% CI) 0 0 Chemotherapy induced thrombocytopenia (49) n (%, 95% CI) 0 2 (4.1, 95% CI )

33 TAO e terapia perioperatoria, un approccio mul2disciplinare Individualizzata sul rischio tromboembolico ed emorragico Considerare le scelte del chirurgo, anestesista, cardiologo Considerare la preferenza del paziente

34 Platelet inhibitory drugs: dura/on of bleeding risk* *Based on minimal data; no Xme points between 2 hours and 4 days Konkle BA. Acquired disorders of platelet funcxon. EducaXonal Session. Hematology 2011:

35 Terapia an/aggregante 3.4. In pa/ents who are receiving acetylsalicylic acid (ASA) for the secondary preven/on of cardiovascular disease and are having minor dental or dermatologic procedures or cataract surgery, we suggest con/nuing ASA around the /me of the procedure instead of stopping ASA 7 to 10 days before the procedure (Grade 2C) In pa/ents at moderate to high risk for cardiovascular events who are receiving ASA therapy and require noncardiac surgery, we suggest con/nuing ASA around the /me of surgery instead of stopping ASA 7 to 10 days before surgery (Grade 2C). In pa/ents at low risk for cardiovascular events who are receiving ASA therapy, we suggest stopping ASA 7 to 10 days before surgery instead of con<nua<on of ASA (Grade 2C) In pa/ents who are receiving ASA and require coronary artery bypass grau (CABG) surgery, we suggest con/nuing ASA around the /me of surgery instead of stopping ASA 7 to 10 days before surgery (Grade 2C). In pa/ents who are receiving dual an/platelet drug therapy and require CABG surgery, we suggest con/nuing ASA around the /me of surgery and stopping clopidogrel/prasugrel 5 days before surgery instead of con<nuing dual an<platelet therapy around the /me of surgery (Grade 2C). CHEST 2012; 141(2)(Suppl):7S 47S

36 Ematologia Policlinico Universitario di Palermo Università degli Studi di Palermo Palazzo Chiaramonte Steri Par2colare soffi=o ligneo La Vucciria R. Gu=uso 1974 Cor2le Interno

37 Managing OAT in pa2ents with mechanical heart valves undergoing elec2ve surgery: Results of a survey conducted among Italian physicians Minor surgery: pre operaxve management Stop OAT without heparin 12 (16.7%) Full dose sc UFH or LMWH 38 (52.8%) Full dose iv UFH 0 Other 22 (30.5%) Ageno et al. Blood Coagul Fibrinolysis 2004

38 Minor surgery: post operaxve management Resume OAT without heparin 1 (1.4%) Full dose sc UFH or LMWH 23 (31.9%) Low dose sc UFH or LMWH 44 (61.1%) Full dose iv UFH 0 Other 4 (5.5%)

39 Descrip2on of major events Pa2ent group alloca2on Event Type of surgery Time of occurrence (days INR value Treatment (index diseases*) aner surgery) High risk (AF AT) Peripheral arterial TE Vascular Angioplasty plus an2platelets plus VKA High risk (AF AT) TIA Gastrectomy VKA High risk (AF AT) TIA GI endoscopy VKA High risk (VTE < 3 months) Isolated PE Hemicolectomy Full dose of LMWH plus VKA High risk (AF AT) DVT Prostatectomy Full dose of LMWH plus VKA Low risk (VTE > 3 months) DVT Hysterectomy Full dose of LMWH plus VKA High risk (PMV) Wound haematoma TKR 1 < 1.2 Re interven2on plus ST* High risk (AF AT) Wound haematoma THR 0 < 1.2 ST High risk (AF AT) Overt surgical site bleed THR 0 < 1.2 ST High risk (AF AT) Overt surgical site bleed Abdominal hernia repair 1 < 1.2 ST High risk (AF AT) Wound haematoma TKR 1 < 1.2 ST High risk (VTE < 3 months) Overt surgical site bleed Aortofemoral construc2on 2 < 1.2 ST Low risk (AF NoAT) Overt surgical site bleed THR 3 < 1.2 ST *See text for explana2on. INR, interna2onal normalized ra2o; TE, thromboembolism; VKA, vitamin K antagonist; TIA, transient ischemic a=ack; GI, gastrointes2nal; LMWH, low molecular weight heparin; ST, standard treatment means packed red cell transfusion and vitamin K administra2on; TKR, total knee replacement; THR, total hip replacement.

La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante

La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante Con particolare riferimento all impianto di CIEDs Guido Rossetti S.C. Cardiologia A.S.O. S.Croce e Carle - Cuneo CHEST 2012 Raccomandazioni

Dettagli

Nuovi anticoagulanti a confronto: i risultati dei trials clinici

Nuovi anticoagulanti a confronto: i risultati dei trials clinici Nuovi anticoagulanti a confronto: i risultati dei trials clinici Walter Ageno Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale Università dell Insubria Varese ACCP 2012 Treatment of VTE 2012 Real-life treatment

Dettagli

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci Choice of Initial Anticoagulant Regimen in Patients With Proximal DVT In patients with acute DVT of the leg, we

Dettagli

Piani terapeutici e dosaggi: la prescrizione dei nuovi farmaci anticoagulanti

Piani terapeutici e dosaggi: la prescrizione dei nuovi farmaci anticoagulanti Piani terapeutici e dosaggi: la prescrizione dei nuovi farmaci anticoagulanti Nicoletta Riva Centro di Ricerca Malattie Tromboemboliche e Terapie Antitrombotiche Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale,

Dettagli

ICTUS CEREBRALE E RISCHIO EMORRAGICO

ICTUS CEREBRALE E RISCHIO EMORRAGICO GESTIONE DEI FARMACI ANTIAGGREGANTI E ANTICOAGULANTI IN SPECIFICI CONTESTI CLINICI Rimini 15 marzo 2011 Dipartimento Malattie Cardiovascolari U.O. Medicina Interna - Angiologia ICTUS CEREBRALE E RISCHIO

Dettagli

Oltre alla fibrillazione atriale: SCA, embolia polmonare e HIT (argatroban) Federico Nardi SOC Cardiologia Ospedale Castelli

Oltre alla fibrillazione atriale: SCA, embolia polmonare e HIT (argatroban) Federico Nardi SOC Cardiologia Ospedale Castelli I NUOVI FARMACI ANTICOAGULANTI Oltre alla fibrillazione atriale: SCA, embolia polmonare e HIT (argatroban) Federico Nardi SOC Cardiologia Ospedale Castelli Verbania NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI FIBRILLAZIONE

Dettagli

Pre e post intervento fino 3 gg 1.900 UI = 0.2 ml 2.850 UI = 0,3 ml 3.800 UI = 0,4 ml < 50 50-69

Pre e post intervento fino 3 gg 1.900 UI = 0.2 ml 2.850 UI = 0,3 ml 3.800 UI = 0,4 ml < 50 50-69 -ALLEGATO 1 Eparine a Basso Peso Molecolare: prodotti in distribuzione e prodotti sostituiti. PROFILASSI TVP IN CHIRURGIA: dosi equipotenti da scheda tecnica Dalteparina PRODOTTO FORNITO SOLO QUANDO NON

Dettagli

Attuale Gestione della Terapia Anticoagulante

Attuale Gestione della Terapia Anticoagulante Attuale Gestione della Terapia Anticoagulante Furio Colivicchi Dipartimento Cardiovascolare ACO S.Filippo Neri Roma Dicumarolici e Prevenzione dello Stroke nella FA non valvolare Per oltre 60 anni gli

Dettagli

Cardiopatia ischemica e fibrillazione atriale: Antiaggreganti e anticoagulanti orali

Cardiopatia ischemica e fibrillazione atriale: Antiaggreganti e anticoagulanti orali Cardiopatia ischemica e fibrillazione atriale: Antiaggreganti e anticoagulanti orali Francesco Di Pede Dipartimento Cardiologico ULSS 10 Portogruaro-San Donà di Piave CIRCA IL 20% DEI PAZIENTI IN FIBRILLAZIONE

Dettagli

Linee guida per la gestione dei pazienti in terapia con anticoagulanti orali che devono sottoporsi ad intervento chirurgico

Linee guida per la gestione dei pazienti in terapia con anticoagulanti orali che devono sottoporsi ad intervento chirurgico Linee guida per la gestione dei pazienti in terapia con anticoagulanti orali che devono sottoporsi ad intervento chirurgico PREMESSA La chirurgia dei pazienti in terapia con anticoagulanti orali è un problema

Dettagli

La pratica clinica extraospedaliera

La pratica clinica extraospedaliera La pratica clinica extraospedaliera Focus sui problemi aperti nella gestione territoriale del rischio TEV 1. Pazienti medici 2. Pazienti oncologici medici 3. Quale durata della profilassi nei pazienti

Dettagli

SCHEDA FARMACO ELIQUIS 2,5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM CONFEZIONE DA 10, 20 E 60 CPR

SCHEDA FARMACO ELIQUIS 2,5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM CONFEZIONE DA 10, 20 E 60 CPR Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Apixaban (Eliquis) SCHEDA FARMACO ELIQUIS 2,5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM CONFEZIONE

Dettagli

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Daniela Poli La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Atrial fibrillation occurred in 1 2% of the general population. Over 6 million Europeans suffer from this arrhythmia, and its

Dettagli

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come?

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? R. Albisinni UOC Medicina Infettivologica e dei Trapianti Ospedale Monaldi Seconda Università di Napoli Introduzione La terapia anticoagulante

Dettagli

Ges$one del sanguinamento durante terapia con i nuovi an$coagulan$ orali (NAO)

Ges$one del sanguinamento durante terapia con i nuovi an$coagulan$ orali (NAO) Mee$ng della Società Italiana di Ematologia Sperimentale Firenze, 29 marzo 2012 Ges$one del sanguinamento durante terapia con i nuovi an$coagulan$ orali (NAO) Alberto Tosetto Centro Malattie Emorragiche

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CARLO POMA Dipartimento di Medicina di Laboratorio Struttura complessa di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale Primario: Dott. Massimo Franchini Il Centro TAO di Mantova

Dettagli

Farmaci anticoagulanti

Farmaci anticoagulanti Farmaci anticoagulanti vecchi e nuovi Direct oral anticoagulant drugs Direct selective inhibitors of Factor Xa Rivaroxaban Apixaban Edoxaban Betrixaban Direct selective inhibitors of Factor IIa Dabigatran

Dettagli

Aspetti pratici della gestione perioperatoria degli anticoagulanti

Aspetti pratici della gestione perioperatoria degli anticoagulanti Aspetti pratici della gestione perioperatoria degli anticoagulanti Marco Donadini Degenza Breve Internistica e Centro Trombosi Ospedale di Circolo - Varese Perchè è importante nella pratica clinica? La

Dettagli

Dagli studi clinici al real life

Dagli studi clinici al real life UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE A. AVOGADRO OSPEDALE MAGGIORE DELLA CARITA NOVARA Dagli studi clinici al real life Dott.G.Francalacci Divisione Clinicizzata di Cardiologia Novara, 15/01/2015

Dettagli

Commissione per il Buon Uso del Farmaco INDICAZIONI ALL USO APPROPRIATO DELLE EPARINE A BASSO PESO MOLECOLARE (EBPM)

Commissione per il Buon Uso del Farmaco INDICAZIONI ALL USO APPROPRIATO DELLE EPARINE A BASSO PESO MOLECOLARE (EBPM) Commissione per il Buon Uso del Farmaco INDICAZIONI ALL USO APPROPRIATO DELLE EPARINE A BASSO PESO MOLECOLARE (EBPM) Le EBPM e il Fondaparinux sono stati approvati inizialmente per la prevenzione del

Dettagli

RIVAROXABAN NEL TRATTAMENTO DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO E NELLA PREVENZIONE DELLE RECIDIVE

RIVAROXABAN NEL TRATTAMENTO DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO E NELLA PREVENZIONE DELLE RECIDIVE Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n.189 relativo a RIVAROXABAN NEL TRATTAMENTO DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO

Dettagli

Il loro ruolo terapeutico nella FA Indicazioni per la prescrizione Cosa è necessario sapere e ricordare. dr. Moreno Marri

Il loro ruolo terapeutico nella FA Indicazioni per la prescrizione Cosa è necessario sapere e ricordare. dr. Moreno Marri Il loro ruolo terapeutico nella FA Indicazioni per la prescrizione Cosa è necessario sapere e ricordare Dr. Moreno Marri 05/07/13 Fibrillazione atriale e ictus La FA è associata a un aumento di 5 volte

Dettagli

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE. indicazioni, durata, stratificazione del rischio trombotico

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE. indicazioni, durata, stratificazione del rischio trombotico LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE indicazioni, durata, stratificazione del rischio trombotico Piera Maria Ferrini Medicina Interna ad indirizzo Angiologico e Coagulativo Centro Emostasi Parma 18/3/2014 AGENDA

Dettagli

CAPRI CARDIOVASCULAR CONFERENCE Capri, march 28 29, 2014

CAPRI CARDIOVASCULAR CONFERENCE Capri, march 28 29, 2014 CAPRI CARDIOVASCULAR CONFERENCE Capri, march 28 29, 2014 Rivaroxaban nella fibrillazione atriale e oltre RIVAROXABAN, DALLE EVIDENZE SCIENTIFICHE ALL IMPIEGO PRATICO NELLA FA Pasquale Perrone Filardi Università

Dettagli

Dubbi, certezze e prospettive in tema di terapia anticoagulante orale

Dubbi, certezze e prospettive in tema di terapia anticoagulante orale Maggio 25 Dubbi, certezze e prospettive in tema di terapia anticoagulante orale L impiego degli anticoagulanti orali nei pazienti con cardiopatia ischemica Dott. Paolo Bellotti Savona Razionale alla base

Dettagli

Una nuova strategia terapeutica per il trattamento del tromboembolismo venoso: lo studio EINSTEIN. Picchi C., Barone M., Beltrametti C., Piovella F.

Una nuova strategia terapeutica per il trattamento del tromboembolismo venoso: lo studio EINSTEIN. Picchi C., Barone M., Beltrametti C., Piovella F. Boll Soc Med Chir Pavia 2009; 122: 85-98 Comunicazione all adunanza del 19 febbraio 2009 Una nuova strategia terapeutica per il trattamento del tromboembolismo venoso: lo studio EINSTEIN Picchi C., Barone

Dettagli

S.I.M.G. Società Italiana di Medicina Generale Area Cardiovascolare. Referente dr. Alessandro Filippi

S.I.M.G. Società Italiana di Medicina Generale Area Cardiovascolare. Referente dr. Alessandro Filippi S.I.M.G. Società Italiana di Medicina Generale Area Cardiovascolare Referente dr. Alessandro Filippi Nuovi Anticoagulanti orali per la prevenzione di ictus ed embolia sistemica nella fibrillazione atriale

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI RIVAROXABAN ATC B01AX06 (Xarelto ) Presentata da Componente Commissione PTR In data Dicembre 2009 Per le seguenti motivazioni: Per la prevenzione del tromboembolismo

Dettagli

Nuovi Anticoagulanti per la Fibrillazione Atriale Dalla Prescrizione al Follow-up

Nuovi Anticoagulanti per la Fibrillazione Atriale Dalla Prescrizione al Follow-up Nuovi Anticoagulanti per la Fibrillazione Atriale Dalla Prescrizione al Follow-up Paolo Verdecchia, F.A.C.C., F.E.S.C., F.A.H.A. Hospital of Assisi Department of Medicine Via Valentin Müller, 1 06081 -

Dettagli

Nuovi anticoagulanti orali: Indicazioni ed uso clinico

Nuovi anticoagulanti orali: Indicazioni ed uso clinico Nuovi anticoagulanti orali: Indicazioni ed uso clinico Dr.ssa Elena Barban Dipartimento Medicina Interna VICENZA Farmaco anticoagulante ideale Somministrazione orale e buona biodisponibilità Azione rapida

Dettagli

Documento ANMCO su prevenzione del. anticoagulanti orali

Documento ANMCO su prevenzione del. anticoagulanti orali Documento ANMCO su prevenzione del tromboembolismo nella FA e ruolo dei nuovi anticoagulanti orali Paolo Colonna, MD FESC FANMCO Cardiology Hospital, Policlinico of Bari 1. Fisiopatologia del tromboembolismo

Dettagli

Gestione perioperatoria dei vecchi anticoagulanti (AVK ed EPARINE)

Gestione perioperatoria dei vecchi anticoagulanti (AVK ed EPARINE) La terapia anticoagulante old and new : gestione perioperatoria e degli eventi emorragici Giovedì 18 dicembre 2014 Aula Michelangelo A.O. Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Varese Gestione perioperatoria

Dettagli

Trombofilia, trombosi venose superficiali e trombosi venose profonde

Trombofilia, trombosi venose superficiali e trombosi venose profonde Fiumicino, 19 dicembre 2015 Parte terza Trombofilia, trombosi venose superficiali e trombosi venose profonde www.cos.it/mediter Trombosi venosa profonda Ricerca Dynamed: Deep vein Thrombosis (DVT) Tipi

Dettagli

Come affrontare una rivascolarizzazione percutanea elettiva in paziente in terapia con NOAC per FANV

Come affrontare una rivascolarizzazione percutanea elettiva in paziente in terapia con NOAC per FANV Come affrontare una rivascolarizzazione percutanea elettiva in paziente in terapia con NOAC per FANV Antonietta Ledda Cardiologia P.O. Cervello - Palermo 2 ottobre 2015 Tavola Rotonda NAO E CARDIOPATIA

Dettagli

Limiti e benefici dei NAO nel binomio cardiopatia ischemica e FANV. Maddalena Lettino Humanitas Research Hospital, Rozzano (MI)

Limiti e benefici dei NAO nel binomio cardiopatia ischemica e FANV. Maddalena Lettino Humanitas Research Hospital, Rozzano (MI) Limiti e benefici dei NAO nel binomio cardiopatia ischemica e FANV Maddalena Lettino Humanitas Research Hospital, Rozzano (MI) Disclosure Speaker fee: Astra Zeneca, BMS, Boehringer, Eli Lilly, Daichii

Dettagli

La fibrillazione atriale in rosa

La fibrillazione atriale in rosa La fibrillazione atriale in rosa E proprio vero che le donne rischiano l ictus più degli uomini? Paolo Verdecchia, F.A.C.C., F.E.S.C., F.A.H.A. Hospital of Assisi Department of Medicine Via Valentin Müller,

Dettagli

Dr. Simone Burocchi. Proge8o Formazione Avanzata in Cardiologia nel Web 2014 Scuola di Specializzazione in Mala/e dell Apparato Cardiovascolare

Dr. Simone Burocchi. Proge8o Formazione Avanzata in Cardiologia nel Web 2014 Scuola di Specializzazione in Mala/e dell Apparato Cardiovascolare Scuola di Specializzazione in Mala/e dell Apparato Cardiovascolare Dire8ore Prof. Massimo Volpe Facoltà di Medicina e Psicologia, Università di Roma Sapienza Anno Accademico 2013-2014 Dr. Simone Burocchi

Dettagli

Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti

Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti Meeting scientifico Giovanni Introcaso Servizio di Medicina di laboratorio Centro

Dettagli

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI SOTTOPOSTI A PROCEDURE CHIRURGICHE

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI SOTTOPOSTI A PROCEDURE CHIRURGICHE Pag 1 di 11 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. PERSONALE INTERESSATO... 3 3. PAROLE CHIAVE... 3 4. PROCEDURA OPERATIVA... 3 4.1 PREMESSA... 3 4.2 PROFILASSI MECCANICA... 4 4.2.1 Controindicazioni

Dettagli

HEART AND BRAIN SOUTH TYROL MEETING CARDIOVERSIONE ED ARITMOLOGIA INTERVENTISTICA: RUOLO DEI NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI. Massimiliano Maines

HEART AND BRAIN SOUTH TYROL MEETING CARDIOVERSIONE ED ARITMOLOGIA INTERVENTISTICA: RUOLO DEI NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI. Massimiliano Maines HEART AND BRAIN SOUTH TYROL MEETING CARDIOVERSIONE ED ARITMOLOGIA INTERVENTISTICA: RUOLO DEI NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI Massimiliano Maines Park Hotel Laurin - Bolzano, 14 novembre 2014 Nuovi anticoagulanti

Dettagli

Direttore Prof. Gian Luigi Scapoli

Direttore Prof. Gian Luigi Scapoli AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA DI FERRARA ARCISPEDALE S.ANNA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA SEZIONE DI EMATOLOGIA Centro per lo Studio dell Emostasi e della Trombosi Direttore Prof. Gian Luigi Scapoli

Dettagli

Valutazione clinica del rischio tromboembolico

Valutazione clinica del rischio tromboembolico Valutazione clinica del rischio tromboembolico Caterina Trischitta Direttore UOC di Medicina Interna P.O. Gravina di Caltagirone ASP Catania Il tromboembolismo venoso (TEV) Definizione La malattia tromboembolica

Dettagli

La profilassi del TEV nel paziente oncologico nelle nuove Linee Guida ACCP

La profilassi del TEV nel paziente oncologico nelle nuove Linee Guida ACCP La profilassi del TEV nel paziente oncologico nelle nuove Linee Guida ACCP ANDREA FONTANELLA Presidente FADOI Campania Direttore Dipartimento per la Formazione Clinica e l Aggiornamento Fondazione FADOI

Dettagli

Manovre Invasive e Complicanze Emorragiche con i NAO

Manovre Invasive e Complicanze Emorragiche con i NAO Varese 19 Dicembre Manovre Invasive e Complicanze Emorragiche con i NAO Francesco Dentali, Dipartimento di Medicina Clinica Università dell Insubria Varese Manovre Invasive/Interventi Chirurgici Manovre

Dettagli

Innovazione e sostenibilità economica nel settore dei dispositivi medici. Sabrina Trippoli Unità di HTA Estav Centro regione Toscana

Innovazione e sostenibilità economica nel settore dei dispositivi medici. Sabrina Trippoli Unità di HTA Estav Centro regione Toscana Innovazione e sostenibilità economica nel settore dei dispositivi medici Sabrina Trippoli Unità di HTA Estav Centro regione Toscana Guanti in vinile Stent coronarici Valvola aortica percutanea Mammografo

Dettagli

33,5 milioni di persone affette da FA nel 2010

33,5 milioni di persone affette da FA nel 2010 TAVOLA ROTONDA La terapia con i Nuovi Anticoagulanti Orali: La gestione «sul campo» di una classe di farmaci innovativi I Prescrittori: Il Cardiologo Massimo Milli Cardiologia SMN Azienda Sanitaria di

Dettagli

Statement. Confermato in più occasioni il profilo di efficacia e sicurezza di dabigatran etexilato

Statement. Confermato in più occasioni il profilo di efficacia e sicurezza di dabigatran etexilato Confermato in più occasioni il profilo di efficacia e sicurezza di dabigatran etexilato Il British Medical Journal pubblica un articolo non equilibrato riguardante dabigatran Ingelheim, Germany, 23 luglio

Dettagli

I nuovi anticoagulanti orali (NAO). Cosa cambia? t.lenzi imola

I nuovi anticoagulanti orali (NAO). Cosa cambia? t.lenzi imola I nuovi anticoagulanti orali (NAO). Cosa cambia? t.lenzi imola Limiti della terapia con antagonisti della Vitamina K Risposta non prevedibile Finestra di trattamento stretta (INR range 2-3) Monitoraggio

Dettagli

Documento PTR n. 170 relativo a:

Documento PTR n. 170 relativo a: Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n. 170 relativo a: COMPLESSO PROTROMBINICO UMANO A 4 FATTORI E SCHEDA

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

MINI SCHEDA HTA RIVAROXABAN (XARELTO ) INDICAZIONE TROMBOSI VENOSA PROFONDA

MINI SCHEDA HTA RIVAROXABAN (XARELTO ) INDICAZIONE TROMBOSI VENOSA PROFONDA 1/9 MINI SCHEDA HTA RIVAROXABAN (XARELTO ) INDICAZIONE TROMBOSI VENOSA PROFONDA Nome Commerciale XARELTO Principio Attivo Rivaroxaban Ditta Produttrice Bayer S.p.a. ATC B01AF01 Formulazione Compresse rivestite

Dettagli

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE OSPEDALE A. AJELLO DI MAZARA DEL VALLO SERVIZIO DI PATOLOGIA CLINICA F.C.S.A. N 72 LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE MANUALE PER IL PAZIENTE A cura di Dr. Rosa Rubino Dr. Carla Lombardo P.O. Mazara del Vallo

Dettagli

Gestione del paziente post-trombosi venosa profonda. Anna Maria Cerbone, Antonella Tufano

Gestione del paziente post-trombosi venosa profonda. Anna Maria Cerbone, Antonella Tufano NPT NUOVE PROSPETTIVE IN TERAPIA Comitato Scientifico: Aulisa L, Bizzi B, Caione P, Calisti A, Chiozza ML, Cittadini A, Ferrara P, Formica MM, Ottaviano S, Pignataro L, Pitzus F, Pretolani E, Riccardi

Dettagli

Prevenzione delle recidive di tromboembolismo venoso dopo un primo episodio di embolia polmonare

Prevenzione delle recidive di tromboembolismo venoso dopo un primo episodio di embolia polmonare ARTICOLO ORIGINALE Prevenzione delle recidive di tromboembolismo venoso dopo un primo episodio di embolia polmonare M. Campanini Medicina Interna II e d Urgenza, Azienda Ospedaliera Maggiore della Carità,

Dettagli

PROTOCOLLO TROMBOSI VENOSA PROFONDA

PROTOCOLLO TROMBOSI VENOSA PROFONDA STRUTTURA COMPLESSA MEDICINA E CHIRURGIA DI ACCETTAZIONE E URGENZA PROTOCOLLO TROMBOSI VENOSA PROFONDA Introduzione. Pagina 1 Il trattamento classico della Trombosi Venosa Profonda prossimale degli arti

Dettagli

COME GESTIRE L INTERRUZIONE DEL TRATTAMENTO ANTICOAGULANTE IN VISTA DI MANOVRE INVASIVE E INTERVENTI DI CHIRURGIA MAGGIORE

COME GESTIRE L INTERRUZIONE DEL TRATTAMENTO ANTICOAGULANTE IN VISTA DI MANOVRE INVASIVE E INTERVENTI DI CHIRURGIA MAGGIORE COME GESTIRE L INTERRUZIONE DEL TRATTAMENTO ANTICOAGULANTE IN VISTA DI MANOVRE INVASIVE E INTERVENTI DI CHIRURGIA MAGGIORE SOPHIE TESTA Centro Emostasi E Trombosi Laboratorio Analisi Chimico-Cliniche E

Dettagli

Terapia antitrombotica

Terapia antitrombotica Farmacologia Cardiovascolare_5 Terapia antitrombotica Terapia antitrombotica Antiaggreganti Anticoagulanti Goodman & Gilman s NO Ca 2+ Aggregazione Prevenzione, Antiaggregazione Terapia antitrombotica

Dettagli

A proposito di scintigrafia polmonare nella diagnosi di embolia polmonare

A proposito di scintigrafia polmonare nella diagnosi di embolia polmonare A proposito di scintigrafia polmonare nella diagnosi di embolia polmonare Giuseppe Favretto, a nome della Commissione ANMCO-SIC per le Linee Guida per Profilassi, Diagnosi e Terapia della Tromboembolia

Dettagli

PREPARAZIONE ALLO SCREENING DEL COLON L ADESIONE ALLO SCREENING DEL TUMORE DEL COLON-RETTO

PREPARAZIONE ALLO SCREENING DEL COLON L ADESIONE ALLO SCREENING DEL TUMORE DEL COLON-RETTO PREPARAZIONE ALLO SCREENING DEL COLON L ADESIONE ALLO SCREENING DEL TUMORE DEL COLON-RETTO Marco Ruina Approfondimento diagnostico di Secondo Livello (FOBT+): PERCORSO Colloquio Colonscopia Clisma opaco

Dettagli

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE OARALE: DALLA TEORIA ALLA PRATICA. Mauro Silingardi

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE OARALE: DALLA TEORIA ALLA PRATICA. Mauro Silingardi LA TERAPIA ANTICOAGULANTE OARALE: DALLA TEORIA ALLA PRATICA Mauro Silingardi Guastalla, 23 Settembre 2011 Di Di cosa parliamo Gestione pratica della TAO cosa NON parliamo Nuovi antitrombotici Durata ottimale

Dettagli

Contraccezione ormonale, HRT e rischio tromboembolico

Contraccezione ormonale, HRT e rischio tromboembolico Trombosi ed Emostasi in Ostetricia e Ginecologia. Varese, 22 settembre 2012 Contraccezione ormonale, HRT e rischio tromboembolico Alessandro Squizzato Research Center on Thromboembolic Disorders and Antithrombotic

Dettagli

Emesso da: Data 24/11/2010 Firma:

Emesso da: Data 24/11/2010 Firma: !"# Approvato da: DDCG Data 24/11/2010 Firma: Emesso da: Data 24/11/2010 Firma: $ % &'( ')*! " # $% & % '!!!"# $$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$ Gruppo di lavoro: "!"# Firma Dr. Carmelo Guccione Dr. Diego

Dettagli

PROTOCOLLO SULLA GESTIONE DEGLI ANTIAGGREGANTI NEL PERIOPERATORIO REGIONE PIEMONTE- ASL 2 OSPEDALE TORINO NORD EMERGENZA SAN GIOVANNI BOSCO

PROTOCOLLO SULLA GESTIONE DEGLI ANTIAGGREGANTI NEL PERIOPERATORIO REGIONE PIEMONTE- ASL 2 OSPEDALE TORINO NORD EMERGENZA SAN GIOVANNI BOSCO ASL 2-Torino P.O. San Giovanni Bosco N documento Pagina 1 di 8 PROTOCOLLO SULLA GESTIONE DEGLI ANTIAGGREGANTI NEL PERIOPERATORIO Data emissione 1-10-2008 Revisione n Data revisione 1-10-2010 REGIONE PIEMONTE-

Dettagli

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio Dott. Tommaso Gristina UOS di Ematologia UOC di Patologia Clinica Direttore Dott.ssa S.

Dettagli

INNOVAZIONI IN TEMA DI TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO. Davide Imberti. Medicina Interna Ospedale G. DA SALICETO PIACENZA

INNOVAZIONI IN TEMA DI TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO. Davide Imberti. Medicina Interna Ospedale G. DA SALICETO PIACENZA INNOVAZIONI IN TEMA DI TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO Davide Imberti Medicina Interna Ospedale G. DA SALICETO PIACENZA TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO Davide Imberti Medicina Interna MAR Azienda

Dettagli

Il Care Management infermieristico del paziente in terapia con NAO

Il Care Management infermieristico del paziente in terapia con NAO Il Care Management infermieristico del paziente in terapia con NAO Dott.ssa Antonella Cocorocchio CPSI UOC PS-BO AO S. Giovanni Addolorata Roma Coordinatore Area Nursing Simeu Lazio Definizione Il care

Dettagli

Documento informativo: un dispositivo medicoper la chiusura dell auricola atriale sinistra (LAA)

Documento informativo: un dispositivo medicoper la chiusura dell auricola atriale sinistra (LAA) Documento informativo: un dispositivo medicoper la chiusura dell auricola atriale sinistra (LAA) Informazioni sul dispositivo medico La fibrillazione atriale (FA) in sé non è una patologia potenzialmente

Dettagli

Gestione intra-ospedaliera dell ictus acuto. Giancarlo Agnelli Università di Perugia

Gestione intra-ospedaliera dell ictus acuto. Giancarlo Agnelli Università di Perugia Gestione intra-ospedaliera dell ictus acuto Giancarlo Agnelli Università di Perugia Nel comune di Perugia (~150.000 abitanti) g ( ) ~450 stroke/anno (60 emorragie) Nel bacino di utenza ospedale di Perugia

Dettagli

Porta alla lisi successiva del coagulo

Porta alla lisi successiva del coagulo Nuovi anticoagulanti orali Mauro Miselli Il processo emostatico Risposta dell organismo ad una offesa interruzione di continuità dell endotelio Uno dei più efficaci meccanismi di auto- regolazione dell

Dettagli

La gestione del paziente in Terapia con NOAC: la realtà organizzativa dell ASL4 Chiavarese.

La gestione del paziente in Terapia con NOAC: la realtà organizzativa dell ASL4 Chiavarese. La gestione del paziente in Terapia con NOAC: la realtà organizzativa dell ASL4 Chiavarese. Dr. Gianluigi Devoto Direttore Laboratorio Analisi ASL 4 Chiavarese Introduzione Con l introduzione nella pratica

Dettagli

MitraClip Percutaneous Mitral Valve Repair

MitraClip Percutaneous Mitral Valve Repair MitraClip Percutaneous Mitral Valve Repair Espandi le Tue Opzioni di Trattamento per i Pazienti con Insufficienza Mitralica Espandi le Tue Opzioni di Trattamento per i Pazienti con Insuffi cienza Mitralica

Dettagli

Andrea Rubboli, Giuseppe Di Pasquale. Unità Operativa Complessa di Cardiologia, Ospedale Maggiore, Bologna

Andrea Rubboli, Giuseppe Di Pasquale. Unità Operativa Complessa di Cardiologia, Ospedale Maggiore, Bologna IL TRATTAMENTO ANTITROMBOTICO DOPO STENTING CORONARICO NEI PAZIENTI CON INDICAZIONE AD ANTICOAGULAZIONE CRONICA: EVIDENZE SCIENTIFICHE E PRATICA CLINICA CORRENTE Andrea Rubboli, Giuseppe Di Pasquale Unità

Dettagli

Fa ore IXa Fa ore VIIIa

Fa ore IXa Fa ore VIIIa Obj102 Vi proponiamo questo articolo, pubblicato su CHEST, che è piuttosto inquietante. Non abbiamo le competenze per giudicarlo e lo stesso autore avvisa che è un opinione, non un articolo scientifico

Dettagli

Qualità della terapia con anticoagulanti orali e fattori associati con un adeguato livello di anticoagulazione nei pazienti anziani

Qualità della terapia con anticoagulanti orali e fattori associati con un adeguato livello di anticoagulazione nei pazienti anziani G Gerontol 2010;58:105-109 Società Italiana di Gerontologia e Geriatria Articolo originale breve Brief original article Sezione Clinica Qualità della terapia con anticoagulanti orali e fattori associati

Dettagli

IL RISCHIO CARDIACO IN CHIRURGIA NON CARDIACA. Come sospendere la terapia antiaggregante nei cardiopatici prima di un intervento?

IL RISCHIO CARDIACO IN CHIRURGIA NON CARDIACA. Come sospendere la terapia antiaggregante nei cardiopatici prima di un intervento? IL RISCHIO CARDIACO IN CHIRURGIA NON CARDIACA Come sospendere la terapia antiaggregante nei cardiopatici prima di un intervento? Fondazione Arturo Pinna Pintor 12 dicembre 2011 Perché si usano gli antiaggreganti?

Dettagli

INIBITORI DIRETTI DELLA TROMBINA: UNA RIVOLUZIONE TERAPEUTICA?

INIBITORI DIRETTI DELLA TROMBINA: UNA RIVOLUZIONE TERAPEUTICA? Progressi diagnostico-terapeutici nella fibrillazione atriale INIBITORI DIRETTI DELLA TROMBINA: UNA RIVOLUZIONE TERAPEUTICA? P.M. Mannucci Direzione Scientifica, IRCCS Fondazione Cà Granda Ospedale Maggiore

Dettagli

PROGRAMMA PRELIMINARE. IIIˆ Edizione. Livorno Trombosi. Gray Zones MEETING & CONFERENCE CENTRE. Livorno PANCALDI

PROGRAMMA PRELIMINARE. IIIˆ Edizione. Livorno Trombosi. Gray Zones MEETING & CONFERENCE CENTRE. Livorno PANCALDI PROGRAMMA PRELIMINARE IIIˆ Edizione Livorno Trombosi Gray Zones MEETING & CONFERENCE CENTRE Livorno PANCALDI 9-10 OTTOBRE 2015 PATROCINI RICHIESTI I GIORNATA VENERDÌ 9 OTTOBRE 2015 08,15 Registrazione

Dettagli

Incidenza e patogenesi delle complicanze tromboemboliche

Incidenza e patogenesi delle complicanze tromboemboliche Incidenza e patogenesi delle complicanze tromboemboliche Alessandro Inno Ospedale Sacro Cuore don Calabria Negrar - Verona Trombosi e cancro Armand Trousseau (1801-1867) Patogenesi Donnellan et al, Curr

Dettagli

L altra faccia della luna: la medicina declinata al femminile

L altra faccia della luna: la medicina declinata al femminile L altra faccia della luna: la medicina declinata al femminile Malattia coronarica e donna: differenze di genere Garbagnate M.se 13 marzo 2010 Maddalena Lettino Fondazione IRCCS Policlinico S. Matteo, Pavia

Dettagli

PROGETTO TAO SORESINA E COOP

PROGETTO TAO SORESINA E COOP PROGETTO TAO SORESINA E COOP Sophie Testa Direttore U.O. Laboratorio Analisi Chimico Cliniche e Microbiologiche Centro Emostasi e Trombosi Istituti Ospitalieri Cremona TAO: TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE

Dettagli

1 Congresso Nazionale. Vittorio Pengo Clinica Cardiologica Università di Padova

1 Congresso Nazionale. Vittorio Pengo Clinica Cardiologica Università di Padova 1 Congresso Nazionale Vittorio Pengo Clinica Cardiologica Università di Padova Anticoagulants John W. Eikelboom, Circulation. 2010;121:1523 1532. Advantages using New Anticoagulants Rapid onset of action

Dettagli

La gestione dei pazienti in terapia anticoagulante orale in Medicina Generale e lo score CHADS 2 : una revisione fra pari

La gestione dei pazienti in terapia anticoagulante orale in Medicina Generale e lo score CHADS 2 : una revisione fra pari Osservatorio professionale La gestione dei pazienti in terapia anticoagulante orale in Medicina Generale e lo score CHADS 2 : una revisione fra pari Franco B. Morelli, Paola M. Mandelli, Massimo Venturini,

Dettagli

Rischio Emorragico. farma memo. scritto è meglio! International Normalized Ratio. Rischio Trombotico

Rischio Emorragico. farma memo. scritto è meglio! International Normalized Ratio. Rischio Trombotico Rischio Emorragico 6 5 4 3 2 1 International Normalized Ratio farma memo scritto è meglio! Rischio Trombotico Campagne regionali per la sicurezza del paziente: La prevenzione degli errori di terapia Un

Dettagli

LE TERAPIE ANTICOAGULANTI:

LE TERAPIE ANTICOAGULANTI: CONVEGNO LE TERAPIE ANTICOAGULANTI: Dallo stato dell arte alla pratica clinica attraverso l autorità regolatoria Cremona, venerdì 14 marzo 2014 Azienda Istituti Ospitalieri Aula Magna La recente introduzione

Dettagli

Disposizioni regionali per l utilizzo dei farmaci NOAcs. Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica Dipartimentale AUSL Frosinone

Disposizioni regionali per l utilizzo dei farmaci NOAcs. Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica Dipartimentale AUSL Frosinone Disposizioni regionali per l utilizzo dei farmaci NOAcs Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica Dipartimentale AUSL Frosinone LINEE DI INDIRIZZO SUL RUOLO DEI NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI (NAO)

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO GRUPPO ENDOSCOPISTI DELLO SCREENING

LINEE DI INDIRIZZO GRUPPO ENDOSCOPISTI DELLO SCREENING LINEE DI INDIRIZZO GRUPPO ENDOSCOPISTI DELLO SCREENING Fabio Monica E. Bottona, A. Fantin, B. Germanà Indicazioni proposte Indicazioni proposte SEDAZIONE COSCIENTE LA COLONSCOPIA NEI PAZIENTI IN TERAPIA

Dettagli

Il paziente anticoagulato

Il paziente anticoagulato Il paziente emorragico Il paziente anticoagulato Pavia, 8 febbraio 2013 Nicole1a Erba Stru%ura Semplice Dipar/mentale Emostasi e Trombosi Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco Il tra1amento an;coagulante

Dettagli

CASO CLINICO T.I.A. E RESTENOSI DOPO PTCA

CASO CLINICO T.I.A. E RESTENOSI DOPO PTCA CASO CLINICO T.I.A. E RESTENOSI DOPO PTCA E. Puggioni Dipartimento di Cardiologia, Ospedali del Tigullio CASO CLINICO! T.C. uomo di 73 anni. 1. Ernia jatale 2. Ipertensione arteriosa. 3. 1989: ematoma

Dettagli

Tromboembolismo venoso (TEV) Le dimensioni del problema

Tromboembolismo venoso (TEV) Le dimensioni del problema La terapia anticoagulante Tromboembolismo venoso (TEV) Le dimensioni del problema Importante causa di morbidità e mortalità in pazienti medici e chirurgici Meno del 50% dei pz con embolia polmonare (EP)

Dettagli

CMACE 2011/RCOG 2007. Prevenzione del TEV in gravidanza e rapporti con gli stati trombofilici IL PUNTO DI VISTA DELL INTERNISTA

CMACE 2011/RCOG 2007. Prevenzione del TEV in gravidanza e rapporti con gli stati trombofilici IL PUNTO DI VISTA DELL INTERNISTA Il tromboembolismo venoso colpisce tra le 5 e le 12 donne ogni 10,000 gravidanze Durante la gravidanza il rischio di sviluppare eventi trombotici è6 volte maggiore rispetto alla popolazione femminile in

Dettagli

IV FORUM SULLA MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA

IV FORUM SULLA MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA Registro Informatizado de Enfermedad Trombo Embólica (RIETE) IV FORUM SULLA MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA RIETE ITALIAN INVESTIGATORS MEETING MILAN, NOVEMBER 30th 2013 Registro Informatizado de Enfermedad

Dettagli

Le infezioni dei presidi elettronici intracardiaci (CIED) Sagone Antonio MD E.P. Lab. H. L. Sacco Milano

Le infezioni dei presidi elettronici intracardiaci (CIED) Sagone Antonio MD E.P. Lab. H. L. Sacco Milano Le infezioni dei presidi elettronici intracardiaci (CIED) Sagone Antonio MD E.P. Lab. H. L. Sacco Milano Le infezioni nei presidi elettronici intracardiaci A livello mondiale, si contano circa 3.25 milioni

Dettagli

Workshop Evidence-based Medicine. Workshop Clinici Interattivi (2)

Workshop Evidence-based Medicine. Workshop Clinici Interattivi (2) GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

La gestione della terapia anticoagulante orale.

La gestione della terapia anticoagulante orale. La gestione della terapia anticoagulante orale. Competenze Infermieristiche Coagulazione del sangue meccanismo fisiologico di protezione che ha il compito di limitare e arrestare l emorragia EMOSTASI Coagulazione

Dettagli

APPROFONDIMENTI SISET

APPROFONDIMENTI SISET La profilassi del tromboembolismo venoso in chirurgia ortopedica maggiore: il ruolo di rivaroxaban Davide Imberti*, Domenico Prisco** *Centro Emostasi e Trombosi, Ospedale Civile, Piacenza ** Dipartimento

Dettagli

LA DIETA NELLE PATOLOGIE CRONICHE. Do#. Antonio Verginelli

LA DIETA NELLE PATOLOGIE CRONICHE. Do#. Antonio Verginelli LA DIETA NELLE PATOLOGIE CRONICHE Do#. Antonio Verginelli In Italia, come in tu5 i Paesi a elevato livello socio- economico, le patologie non trasmissibili sono, a#ualmente quelle che incidono maggiormente

Dettagli

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

{ TEV: ASPETTI CLINICI RE ROBERTA MEDICINA INTERNA II NOVARA

{ TEV: ASPETTI CLINICI RE ROBERTA MEDICINA INTERNA II NOVARA { TEV: ASPETTI CLINICI RE ROBERTA MEDICINA INTERNA II NOVARA La sottoscritta Re Roberta ai sensi dell art. 3.3 sul Conflitto di Interessi, pag. 17 del Reg. Applicativo dell Accordo Stato Regione del 5

Dettagli