REGOLARIZZAZIONE DEGLI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI SCADUTI IL 30 SETTEMBRE 2016 dopo la circolare 12 ottobre 2016, n. 42/E. di Giancarlo Modolo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLARIZZAZIONE DEGLI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI SCADUTI IL 30 SETTEMBRE 2016 dopo la circolare 12 ottobre 2016, n. 42/E. di Giancarlo Modolo"

Transcript

1 REGOLARIZZAZIONE DEGLI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI SCADUTI IL 30 SETTEMBRE 2016 dopo la circolare 12 ottobre 2016, n. 42/E di Giancarlo Modolo

2 Aspetti generali

3 Tipologia delle dichiarazioni Presentazione in termini (es.: entro 30.9) Correttiva in termini (es.: entro 30.9) Presentazione dichiarazioni Integrativa a favore del contribuente Integrativa a vantaggio dell Erario Integrativa per modificare/trasformare la richiesta di rimborso

4 Dichiarazione correttiva in termini Se il contribuente intende, prima della scadenza del termine di presentazione, rettificare o integrare una dichiarazione già presentata, compila e invia una nuova dichiarazione, completa di tutte le sue parti, barrando la casella Correttiva nei termini. Così operando, sussiste la possibilità di: esporre redditi non dichiarati in tutto o in parte; evidenziare oneri deducibili o per i quali spetta la detrazione, non indicati in tutto o in parte in quella presentata precedentemente. Se dal nuovo Modello UNICO risulta: un minor credito, deve corrispondere la differenza rispetto all importo del credito utilizzato a compensazione degli importi a debito risultanti dalla precedente dichiarazione; un maggior credito o un minor debito, la differenza rispetto all importo del credito o del debito risultante dalla dichiarazione precedente può essere indicata a rimborso, o come credito da portare in diminuzione di ulteriori importi a debito.

5 Integrazione della dichiarazione Scaduti i termini di presentazione della dichiarazione, come regola, il contribuente -> può rettificare o integrare la dichiarazione originaria presentando, secondo le stesse modalità previste per la dichiarazione originaria, una nuova dichiarazione completa di tutte le sue parti, su modello conforme a quello approvato per il periodo d imposta cui si riferisce la dichiarazione. può presentare la dichiarazione integrativa se è stata validamente presentata la dichiarazione originaria, tenendo presente che sono considerate valide anche le dichiarazioni presentate entro 90 giorni dal termine di scadenza, fatta salva l applicazione delle sanzioni.

6 Dichiarazione integrativa a favore del contribuente La dichiarazione integrativa a favore può essere presentata entro il termine previsto per la presentazione della dichiarazione relativa al periodo d imposta successivo: per correggere errori od omissioni, che hanno determinato l indicazione: di un maggior reddito; o, comunque: di un maggior debito d imposta o di un minor credito; per correggere errori od omissioni non rilevanti: per la determinazione della base imponibile, dell imposta; per il versamento del tributo; e che non siano di ostacolo all esercizio dell attività di controllo ["violazioni meramente formali" che non ostacolano, quindi, l'attività di accertamento].

7 Dichiarazione integrativa a favore del contribuente Sentenza Corte di Cassazione 30 giugno 2016, n : il comma 8-bis dell art. 2 del D.P.R. 322/1998, che consente la dichiarazione integrativa a favore con compensazione dell eventuale credito con modello F24, non costituisce un «di cui» del precedente comma 8, riguardante esclusivamente la dichiarazione integrativa a sfavore, ma una norma del tutto autonoma e specifica. Pertanto, non sono operativi due binari temporali per la dichiarazione integrativa, uno breve (con possibilità di compensazione del credito) ed uno lungo (entro il termine di decadenza dell accertamento) senza tale possibilità. Il limite decadenziale, indipendentemente dalle modalità e termini di cui alla dichiarazione integrativa e dall istanza di rimborso, si rende operativo anche alla possibilità per il contribuente di opporsi, in sede di contenzioso, alla maggiore pretesa tributaria. Il contribuente ha sempre la possibilità di opporsi alla maggiore pretesa tributaria, dimostrando errori, di fatto o di diritto, commessi nella redazione della dichiarazione incidente sull obbligazione tributaria.

8 Dichiarazione integrativa a favore del contribuente ATTENZIONE -> I soggetti che, nel rispetto dei principi contabili, procedono alla correzione di errori contabili derivanti dalla mancata imputazione di componenti negativi nell'esercizio di competenza, la cui dichiarazione non è più emendabile ai sensi del comma 8-bis, art. 2, D.P.R. 322/1998, possono presentare una dichiarazione integrativa con il prospetto "Errori contabili" presente nel quadro RS (righi da RS201 a RS230). Tale prospetto è riservato ai contribuenti che per i periodi d'imposta in cui gli errori sono stati commessi erano imprese in contabilità ordinaria (o partecipavano a dette imprese in caso di trasparenza fiscale) e, ovviamente, detti periodi d imposta devono essere precedenti a quello oggetto della presente dichiarazione integrativa. Con circolare 24 settembre 2013, n. 31, l'agenzia delle entrate ha fornito chiarimenti interpretativi in merito al trattamento fiscale applicabile.

9 Presentazione dichiarazione integrativa Specificare quali quadri o allegati della dichiarazione originaria sono stati oggetto di aggiornamento e quali non sono stati invece modificati, indicando nelle caselle: relative ai quadri compilati presenti nel riquadro Firma della dichiarazione ; presenti nel riquadro Tipo di dichiarazione e nella casella relativa alla compilazione del quadro NI (interruzione tassazione di gruppo) del frontespizio della dichiarazione integrativa, in sostituzione della barratura; il codice: 1 - quadro o allegato compilato sia nella dichiarazione integrativa, sia nella dichiarazione originaria senza modifiche; 2 - quadro o allegato compilato nella dichiarazione integrativa, ma assente o compilato diversamente nella dichiarazione originaria; 3 - quadro o allegato presente nella dichiarazione originaria ma assente nella dichiarazione integrativa.

10 Specificazioni per dichiarazione integrativa codice Quadro o allegato presente in dichiarazione originaria Quadro o allegato presente in dichiarazione integrativa variazioni 1 presente presente NO 2 non presente presente - 2 presente presente SI 3 presente non presente -

11 Dichiarazione integrativa per trasformare richiesta rimborso crediti d imposta in utilizzo in compensazione il comma 8-ter all'art. 2, D.P.R. n. 322/98, che prevede la possibilità di "trasformare" la richiesta di rimborso dei crediti delle imposte (IRPEF/IRES/IRAP), espressa nella relativa dichiarazione, in richiesta di utilizzo in compensazione degli stessi a condizione che: il rimborso non sia stato già erogato, anche in parte; venga presentata una nuova dichiarazione, entro 120 giorni dalla scadenza del termine ordinario di presentazione. Attenzione -> nell ipotesi di dichiarazione integrativa che, oltre alla modifica prevista dal predetto comma 8-ter, provveda anche alla correzione di errori od omissioni, deve essere compilata solamente la casella "Dichiarazione integrativa" oppure "Dichiarazione integrativa a favore", in relazione alle rettifiche apportate.

12 Dichiarazione omessa La situazione di dichiarazione omessa si realizza quando l adempimento dichiarativo: non è stato presentato; è stato presentato con ritardo superiore a 90 giorni oppure senza la sottoscrizione del contribuente e non sia stata regolarizzata entro 30 giorni dall'invito dell'ufficio. Attenzione -> il vigente art. 1 del D.Lgs , n. 471, proporziona la sanzione applicabile all'omessa presentazione della dichiarazione all'eventuale ritardo nell'adempimento. Omessa presentazione della dichiarazione -> sanzione applicabile compresa tra: 250,00 e 1.000,00, se non è dovuta imposta (possibile aumento fino al doppio per i soggetti obbligati alla tenuta delle scritture contabili); tra il 120% ed il 240%, se è dovuta imposta (con un minimo di 250,00).

13 Dichiarazione omessa Se la dichiarazione dei redditi omessa viene presentata entro il termine di presentazione della dichiarazione inerente al periodo di imposta successivo, la sanzione base (dal 120% al 240%) si riduce della metà, oltre alla variazione degli importi minimi. Quindi: sanzione in misura fissa -> da un minimo di 150,00 ad un massimo di 500,00, se non è dovuta imposta (possibile aumento fino al doppio per i soggetti obbligati alla tenuta delle scritture contabili); sanzione dal 60% al 120% delle imposte dovute, con un minimo di 200,00. Attenzione -> La riduzione della sanzione si rende operativa solamente se il soggetto interessato non è stato interessato da attività amministrativa di accertamento (compresa la formale conoscenza del medesimo).

14 Dichiarazione tardiva La dichiarazione presentata entro 90 giorni dalla scadenza del termine (tardiva presentazione), a norma dell'art. 2, comma 7, del D.P.R , n. 322, si deve considerare valida (con applicazione delle sanzioni predette). Poiché la dichiarazione tardiva, presentata entro 90 giorni, è valida, dalla medesima non può risultare un'imposta dovuta ma, eventualmente, un'imposta dichiarata e non versata (da assoggettare alla sanzione del 30% - art. 13 del D.Lgs. 471/1997). Attenzione -> Il contribuente ha la possibilità di regolarizzare la mancata presentazione della dichiarazione nel termine di 90 giorni dalla scadenza prevista, mediante l'istituto del ravvedimento operoso.

15 Sanzioni amministrative Tardiva presentazione (entro 90 gg.) da 250,00 a 2.000, % dell imposta eventualmente dovuta Presentazione entro 1 anno dal termine con imposta dovuta -> dal 60% al 120% (minimo dovuto 200,00); con imposta non dovuta -> da 150,00 a 500,00. Presentazione oltre 1 anno dal termine con imposta dovuta -> dal 120% al 240% (minimo dovuto 250,00); con imposta non dovuta -> da 250,00 a 1.000,00.

16 Omessa e tardiva dichiarazione Omessa presentazione dichiarazione dei redditi (persone fisiche, società di persone e soggetti Ires con esercizio coincidente con l'anno solare) -> regolarizzazione possibile: entro il 28 settembre, se il modello UNICO viene presentato in banca o posta (nelle situazioni consentite: scadenza 30 giugno); entro il 29 dicembre, se modello UNICO viene presentato in via telematica. Presentazione dichiarazione nei 90 giorni successivi alla scadenza -> sanzione è ridotta a 1/10 del minimo (art. 13, comma l, lett. c), del D.Lgs. 472/1997) -> sanzione amministrativa minima in caso di omessa presentazione della dichiarazione dei redditi (con regolarizzazione entro 90 giorni) -> sanzione ridotta prevista pari a 25,00 (1/10 di 250,00).

17 Correzione della dichiarazione entro 90 giorni Caso 1 -> Dichiarazione presentata entro 30 settembre (in termini). Successivamente viene rilevato un errore nella compilazione (errore non rilevabile in sede di controllo automatizzato o formale es.: omessa o errata indicazione di redditi, indicazione di indebite detrazioni o deduzioni). Entro 90 giorni dalla scadenza viene presentata una dichiarazione integrativa. Sanzione ai fini del ravvedimento per errori non rilevabili mediante controlli automatizzati e formali: 250 (art. 8, comma 1, D.Lgs. 471/1997), ridotta ad 1/9, ai sensi della lettera a- bis), comma 1, art. 13 del D.Lgs. 472/1997) = 27,78. + sanzione per omesso versamento, se dovuto, ridotta in relazione a quando interviene il ravvedimento.

18 Correzione della dichiarazione entro 90 giorni Caso 2 -> Dichiarazione presentata entro 30 settembre (in termini). Successivamente viene rilevato un errore nella compilazione (errore rilevabile in sede di controllo automatizzato o formale es.: errore di calcolo nella determinazione degli imponibili). Entro 90 giorni dalla scadenza viene presentata una dichiarazione integrativa. Situazione del ravvedimento per errori rilevabili mediante controlli automatizzati e formali: sanzione configurabile -> solamente quella per omesso versamento, pari al 30% di ogni ammontare non corrisposto. N.B.: In sede di ravvedimento, la sanzione amministrativa può essere versata in misura ridotta a seconda del momento in cui interviene il ravvedimento.

19 Presentazione dichiarazione entro 90 giorni Caso -> Dichiarazione non presentata entro 30 settembre. Successivamente, entro 90 giorni dalla scadenza, la dichiarazione viene presentata (dichiarazione tardiva). Dalla dichiarazione può o meno risultare un debito d imposta. Sanzione amministrativa applicabile alla tardiva dichiarazione: 250 (art. 8, comma 1, D.Lgs. 471/1997), ridotta ad 1/10, ai sensi della lettera c), comma 1, art. 13 del D.Lgs. 472/1997 = 25,00. + sanzione per omesso versamento, se dovuto, ridotta in relazione a quando interviene il ravvedimento.

20 Correzione dichiarazione oltre 90 giorni Caso 1 -> Dichiarazione presentata entro 30 settembre (in termini). Successivamente, oltre i 90 giorni, viene rilevato un errore nella compilazione (errore non rilevabile in sede di controllo automatizzato o formale es.: omessa o errata indicazione di redditi). Viene presentata una dichiarazione integrativa. Infedele dichiarazione: sanzione compresa tra il 90% e il 180% della maggiore imposta dovuta o della differenza del credito utilizzato, ravvedibile, anche a seguito di una lettera di compliance: con dichiarazione integrativa; con versamento, oltre al tributo dovuto e agli interessi, della corrispondente sanzione proporzionale ridotta - assorbente le altre violazioni inerenti all infedeltà dichiarativa disvelata o quella prevista per l omesso versamento. N.B.: Entità sanzione ridotto avvalendosi del ravvedimento operoso (il quantum della riduzione dipende dal momento del ravvedimento).

21 Correzione dichiarazione oltre 90 giorni Caso 2 -> Dichiarazione presentata entro 30 settembre (in termini). Successivamente viene rilevato un errore nella compilazione (errore rilevabile in sede di controllo automatizzato o formale es.: errore di calcolo nella determinazione degli imponibili). Viene presentata una dichiarazione integrativa. Regolarizzazione della propria situazione: presentazione di una dichiarazione integrativa; + versamento della maggiore imposta eventualmente dovuta, gli interessi e la sanzione per omesso versamento (30% di ogni importo non versato). N.B.: Entità della sanzione amministrativa ridotta in relazione al momento in cui interviene il ravvedimento.

22 Dichiarazione omessa Caso -> Dichiarazione non presentata entro 30 settembre e nemmeno entro i 90 giorni successivi. dichiarazione omessa -> sanzione compresa tra il 120% e il 240% dell ammontare delle imposte dovute, con un minimo di 250 (se non sono dovute imposte -> sanzione da 250 a 1.000). Se la dichiarazione omessa viene comunque presentata entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa al periodo d imposta successivo (e in ogni caso prima dell inizio di qualunque attività di accertamento, di cui il contribuente abbia avuto formale conoscenza) si rende operativa: la sanzione amministrativa dal 60% al 120% dell ammontare delle imposte dovute, con un minimo di 200; la sanzione amministrativa da 150 a 500, se non sono dovute imposte.

23 Omessi versamenti - Ravvedimento Attenzione -> per l omesso versamento, operative le lettere da a) a b-ter) del comma 1, dell art. 13, del D.Lgs. 472/97 > sanzione sarà pari a: % se il versamento avviene 1,50% entro 30 giorni (ulteriormente ridotta nei primi 14 giorni) 1,6667% entro 90 giorni 3,75% 4,2857% 5% entro termine di presentazione della dichiarazione relativa all'anno nel corso del quale la violazione è stata commessa entro termine di presentazione della dichiarazione relativa all'anno successivo a quello nel corso del quale la violazione è stata commessa oltre il termine di presentazione della dichiarazione relativa all'anno successivo a quello nel corso del quale la violazione è stata commessa.

24 Dichiarazione Iva Omessa presentazione della dichiarazione Iva annuale -> applicazione di sanzioni Dal 120% al 240% dell'imposta dovuta, con un minimo di 250,00. Attenzione -> dichiarazione Iva omessa presentata entro il termine di presentazione di quella successiva (in assenza di attività di accertamento di cui il contribuente ha avuto formale conoscenza) sanzione dal 60% al 120% dell'imposta dovuta, con un minimo di 200,00. Se l operatore economico Iva effettua esclusivamente operazioni per le quali l'imposta non si rende dovuta, in caso di: omessa dichiarazione si rende operativa sanzione da 250,00 ad 2.000,00; presentazione dichiarazione Iva omessa entro il termine di presentazione di quella successiva (in assenza di attività di accertamento di cui il contribuente ha avuto formale conoscenza) -> sanzione da 150,00 ad 1.000,00.

25 Omessa dichiarazione Iva e imposta dovuta Dichiarazione presentata entro 90 giorni dalla scadenza -> considerata "valida", ma dalla medesima non può risultare un'imposta dovuta (art. 5, comma 1, del D.Lgs. 471/1997); ma, eventualmente: un'imposta dichiarata e non versata (soggetta alla sanzione del 30% - vedere circolare 25 gennaio 1999, n. 23). Il soggetto Iva che, a norma dell art. 13, comma 1, lettera c), D.Lgs. n. 472/1997, intende regolarizzare l'omessa presentazione della dichiarazione Iva annuale in cui risulta un'imposta dovuta, deve necessariamente: regolarizzare l'omessa presentazione della dichiarazione Iva, corrispondendo la sanzione ridotta di 25,00 (1/10 di 250,00); presentare la dichiarazione annuale Iva nei 90 giorni dalla scadenza originaria.

26 Omessa dichiarazione Iva e imposta dovuta Dichiarazione Iva entro 90 giorni con imposte non corrisposte -> per regolarizzare la situazione, oltre presentazione della dichiarazione, è necessario corrispondere: 25,00, per ritardata presentazione della dichiarazione; Iva dovuta non versata; sanzione ridotta collegata al tardivo versamento dell'imposta; interessi moratori con maturazione giorno per giorno (attualmente: nella misura dello 0,20% annuo). Presentazione dichiarazione Iva entro 90 giorni Ravvedimento operoso -> sanzione amministrativa ridotta: 25,00. Imposta dovuta e interessi Sanzione ridotta in relazione al periodo di corresponsione.

27 Omessa dichiarazione Iva e imposta non dovuta Dichiarazione entro 90 giorni con imposte corrisposte o non dovute -> per regolarizzare la situazione è necessario: corrispondere la sanzione da applicare pari a 25,00 -> cioè 1/10 del minimo [1/10 di 250,00]; procedere a presentare la dichiarazione nel termine predetto. Se la dichiarazione Iva è presentata in forma unificata, l'omessa presentazione può risultare regolarizzata pagando la sanzione ridotta, tenendo, però, presente che è necessario: ripresentare il modello UNICO con tutte le sue componenti (redditi e Iva); barrare anche la casella "Iva" nel riquadro "Tipo di dichiarazione" del Frontespizio; barrare la casella "Dichiarazione integrativa" nel medesimo riquadro. N.B.: in assenza di imposte dovute -> costo del ravvedimento pari a 50,00 ( 25,00 x 2).

28 Errori e omissioni in dichiarazione Iva Dichiarazione a sfavore del soggetto passivo Iva [DEBITO] Presentazione di dichiarazione integrativa Iva con ravvedimento operoso (casella: dichiarazione integrativa) Entro 28/12 anno nel quale è stata presentata la dichiarazione Entro 30/9 anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione Entro o oltre 30/9 secondo anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione

29 Errori e omissioni in dichiarazione Iva Dichiarazione a favore del soggetto passivo Iva [CREDITO] Presentazione di dichiarazione integrativa Iva con ravvedimento operoso (casella: dichiarazione integrativa a favore) Entro 30/9 dell anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione, con possibilità di utilizzo del credito in compensazione Attenzione -> la dichiarazione integrativa deve essere presentata seguendo le modalità previste per la dichiarazione originaria e deve risultare completa di tutte le sue parti.

30 Quadro RS Dichiarazione integrativa per errori contabili

31 Dichiarazione integrativa Errori contabili Regola -> correzione degli errori contabili -> imputare al conto economico dell'esercizio sociale o periodo d imposta in cui è stato individuato l'errore un componente a rettifica della voce patrimoniale che, a suo tempo, fu interessata dal medesimo. Attenzione -> gli errori contabili: consistono nell'impropria o mancata applicazione di un principio contabile (se le informazioni ed i dati necessari per la sua corretta applicazione sono disponibili); si possono verificare a causa di: errori matematici; errate interpretazioni di fatti; negligenza nel raccogliere le informazioni e/o dati disponibili per un coerente trattamento contabile.

32 Dichiarazione integrativa Errori contabili Ai fini dichiarativi -> mancata imputazione di componente negativo nel corretto periodo d imposta di competenza -> in un periodo di imposta successivo può essere contabilizzato un componente negativo per rettificare all'errore -> necessario presentare una dichiarazione integrativa per rettificare l'annualità in cui è presente l'omessa coerente imputazione. Il prospetto «Errori contabili» del quadro RS deve essere utilizzato dai soggetti: che hanno posto in essere la correzione di errori contabili per mancata imputazione di componenti negativi nell'esercizio di competenza il cui adempimento dichiarativo non è più emendabile; sui quali ricadono gli effetti di tale correzione (regime della trasparenza). Attenzione -> annualità con omessa coerente imputazione non è più emendabile con la dichiarazione integrativa a favore -> sussiste la possibilità di dare evidenza all'elemento di costo non dedotto, tramite la compilazione del prospetto di cui al quadro RS "Errori contabili".

33 Dichiarazione integrativa Errori contabili Il prospetto «Errori contabili» del quadro RS deve essere compilato: nell ipotesi in cui il modello UNICO 2016 viene presentato come dichiarazione integrativa a favore -> tale prospetto può essere compilato anche dai contribuenti che, per i periodi di imposta in cui gli errori sono stati commessi, detenevano partecipazioni in società in contabilità ordinaria; nel caso in cui il modello UNICO 2016 viene presentato come dichiarazione integrativa a sfavore nella quale confluiscono gli effetti di correzione di errori contabili considerati "a favore". Attenzione -> gli errori contabili devono necessariamente risultare commessi in periodi di imposta precedenti a quello oggetto della dichiarazione integrativa.

34 Dichiarazione integrativa Errori contabili Nel prospetto «Errori contabili» del quadro RS» i righi interessati (Unico SC -> da RS201 a RS230) devono essere compilati per evidenziare le risultanze delle riliquidazioni dei precedenti periodi di imposta autonomamente effettuate dal contribuente. La riliquidazione esplica effetti per quanto attiene: alla determinazione della base imponibile ai fini dell'imposta sul reddito; a tutte le componenti sintetizzate in dichiarazione che dalla stessa derivano o sulla medesima si commisurano (ad es.: perdite d'impresa riportabili). Attenzione -> è indispensabile procedere a redigere tanti riquadri del prospetto «Errori contabili» quanti sono i periodi di imposta interessati dalle riliquidazioni.

35 Dichiarazione integrativa Errori contabili Se gli errori contabili sono stati commessi in periodi d'imposta in cui il soggetto applicava un regime di trasparenza fiscale, il prospetto «Errori contabili» deve essere compilato: dal soggetto trasparente (o ex trasparente), che procede alla regolarizzazione degli errori; nonché: dai soci sui quali ricadono gli effetti delle relative riliquidazioni. Analoga operatività procedurale deve risultare applicata anche nell'ipotesi in cui il soggetto partecipi (o abbia partecipato) al consolidato fiscale (Circolare AdE 3/2014, puntualizza che tale prospetto può essere compilato anche in caso di disconoscimento del regime consolidato).

36 Dichiarazione integrativa Errori contabili Nel rigo RS201 (o RS2011) deve risultare annotato: a colonna 1, la data di inizio del periodo di imposta in cui è stato commesso l'errore contabile, o nell ipotesi di errori contabili interessanti più periodi di imposta da regolarizzazione, è necessario specificare il periodo di imposta meno recente; a colonna 2, la data di fine del periodo di imposta in cui è stato commesso l'errore contabile, o nell ipotesi di errori contabili interessanti più periodi di imposta da regolarizzazione, è necessario specificare il periodo di imposta meno recente; a colonna 3, il codice fiscale del soggetto che ha commesso gli errori contabili, se diverso dal soggetto dichiarante a seguito di operazioni straordinarie con estinzione del dante causa.

37 Dichiarazione integrativa Errori contabili Nelle colonne 1, 2, 3 e 4 deve risultare specificato il riferimento al campo della dichiarazione inerente al periodo di imposta predetto, nel quale sarebbe stato annotato un diverso importo rispetto al valore originariamente dichiarato, se non fosse stato commesso l'errore contabile. In particolare, è necessario indicare: a colonna 1, il quadro; a colonna 2, il numero del modulo; a colonna 3, il numero di rigo; a colonna 4, il numero di colonna; mentre, a colonna 5, deve essere riportato il diverso importo che sarebbe stato dichiarato nel campo individuato dalle precedenti colonne, se non fosse stato commesso l'errore contabile oggetto di rettifica.

38 Dichiarazione integrativa Errori contabili ESEMPIO PROSPETTO «ERRORI CONTABILI» DEL QUADRO RS (da istruzioni modello Unico 2016 SC) Caso -> si ipotizzi una società che dopo la presentazione del modello UNICO SC 2016 ha rilevato l omessa imputazione di un costo di competenza del 2013 (UNICO SC 2014) per un ammontare pari a 500. Nel periodo d imposta 2013 aveva evidenziato: un utile di esercizio, pari a 3.000; nessuna variazione in aumento o in diminuzione nel quadro RF; acconti versati, pari a 200; e nel periodo d imposta 2014 aveva evidenziato un imposta a credito pari a 100. La società, ferma restando la ripresa a tassazione del componente negativo rilevato nel conto economico del periodo d imposta 2016, riliquida la dichiarazione del periodo d imposta 2013 imputando tale componente negativo. La maggiore IRES versata nel 2014, pari a 137, costituisce un eccedenza di versamento a saldo riportabile nei periodi d imposta successivi al 2013.

39 Dichiarazione integrativa Errori contabili ESEMPIO PROSPETTO «ERRORI CONTABILI» DEL QUADRO RS (da istruzioni modello Unico 2016 SC) Il prospetto «Errori contabili» del quadro RS deve risultare così redatto: 1 di 3

40 Dichiarazione integrativa Errori contabili ESEMPIO PROSPETTO «ERRORI CONTABILI» DEL QUADRO RS (da istruzioni modello Unico 2016 SC) Il prospetto «Errori contabili» del quadro RS deve risultare così redatto: 2 di 3

41 Dichiarazione integrativa Errori contabili ESEMPIO PROSPETTO «ERRORI CONTABILI» DEL QUADRO RS (da istruzioni modello Unico 2016 SC) Il prospetto «Errori contabili» del quadro RS deve risultare così redatto: 3 di 3

42 Grazie per l attenzione prestata

DICHIARAZIONI INTEGRATIVE E CORRETTIVE

DICHIARAZIONI INTEGRATIVE E CORRETTIVE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONI INTEGRATIVE E CORRETTIVE Commissione Diritto Tributario Nazionale Milano, 7 settembre 2016 - Sala Convegni Odcec-Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA

Dettagli

Fiscal News N. 249 Unico 2012: integrativa entro il Categoria: Sottocategoria: ravvedimento di Unico 2012 Premessa 30 settembre Dichiarazione

Fiscal News N. 249 Unico 2012: integrativa entro il Categoria: Sottocategoria: ravvedimento di Unico 2012 Premessa 30 settembre Dichiarazione Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 249 26.09.2013 Unico 2012: integrativa entro il 30.09 Categoria: Intermediari Sottocategoria: Adempimenti Il termine del 30.09.2013 incide anche

Dettagli

Dichiarazioni integrative. Giacomo Manzana -

Dichiarazioni integrative. Giacomo Manzana - Dichiarazioni integrative Giacomo Manzana - www.manzana.it Dichiarazione correttiva nei termini Nell ipotesi in cui il contribuente intenda, prima della scadenza del termine (30 settembre 2015 per i soggetti

Dettagli

OGGETTO: 129/F = Regolarizzazione costi e ricavi non contabilizzati.

OGGETTO: 129/F = Regolarizzazione costi e ricavi non contabilizzati. OGGETTO: 129/F = Regolarizzazione costi e ricavi non contabilizzati. Nella circolare n. 31/E del 24 settembre 2013, l Agenzia delle Entrate ha chiarito come, in presenza di una mancata contabilizzazione

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 160 23.05.2016 Unico: la compilazione del frontespizio Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico Tra i campi da compilare nel modello Unico

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 331 03.11.2016 Omesso versamento Iva e possibile compensazione Categoria: Iva Sottocategoria: Varie A cura di Paola Sabatino Nel caso di omesso

Dettagli

Il regime sanzionatorio e il ravvedimento operoso Nardia Parducci Dottore commercialista in Lucca

Il regime sanzionatorio e il ravvedimento operoso Nardia Parducci Dottore commercialista in Lucca Il regime sanzionatorio e il ravvedimento operoso Nardia Parducci Dottore commercialista in Lucca 86 La dichiarazione dei sostituti d imposta è articolata in due parti: a) Il mod. 770 semplificato utilizzato

Dettagli

Giovedì 25 ottobre Ultimi giorni per il 730 integrativo

Giovedì 25 ottobre Ultimi giorni per il 730 integrativo Giovedì 25 ottobre Ultimi giorni per il 730 integrativo Entro il prossimo 25 ottobre il contribuente, in caso di errori nella compilazione della dichiarazione, può presentare al CAF o al professionista

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 340 14.11.2016 Dichiarazione integrativa e mancata indicazione di un reddito da locazione L immobile ad uso non abitativo A cura di Andrea Amantea

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 328 28.10.2016 Dichiarazione integrativa: nuovi termini A cura di Pasquale Pirone Categoria: Contribuenti Sottocategoria: Adempimenti Con l art.

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 321 21.10.2016 Omesso canone cedolare secca in dichiarazione: il ravvedimento Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico A cura di Pasquale

Dettagli

Correzione degli errori contabili: aspetti procedurali e fiscali

Correzione degli errori contabili: aspetti procedurali e fiscali S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Correzione degli errori contabili: aspetti procedurali e fiscali Giancarlo Dello Preite 14 Maggio 2014 - Auditorium San Fedele S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Dettagli

Il regime sanzionatorio e il ravvedimento operoso

Il regime sanzionatorio e il ravvedimento operoso Guida al Lavoro I SUPPLEMENTI Il regime sanzionatorio e il ravvedimento operoso La dichiarazione dei sostituti d imposta è articolata in due parti: a) Il mod. 770 Semplificato deve essere utilizzato dai

Dettagli

Come sanare il mancato versamento della mini-imu

Come sanare il mancato versamento della mini-imu Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 30 28.01.2014 Come sanare il mancato versamento della mini-imu Passata la scadenza del 24 gennaio 2014, è ancora possibile utilizzare il ravvedimento

Dettagli

IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Artt. 1, 8 e 13, D.Lgs. n. 471/97 Art. 13, D.Lgs. n. 472/97 Circolare Agenzia Entrate 12.10.2016, n. 42/E Recentemente l Agenzia

Dettagli

Ravvedimento operoso - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Ravvedimento operoso - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Ravvedimento operoso - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate STUDIO PULIANI VIA F.TURATI 10 01016 TARQUINIA (VT) 0039 0766 / 845157 FAX 0766/848558 WWW. STUDIOPULIANI.COM 1 PREMESSA L Agenzia delle Entrate,

Dettagli

La Dichiarazione Integrativa a favore

La Dichiarazione Integrativa a favore Paola Piantedosi (Avvocato e Commercialista in Taranto) La Dichiarazione Integrativa a favore 1 L istituto del ravvedimento operoso consente all autore (ed ai soggetti solidalmente obbligati) di omissioni

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 57 14.07.2014 Sanzioni tributarie e ravvedimento operoso Il sistema sanzionatorio previsto per errori e omissioni collegate alla dichiarazione

Dettagli

IL NUOVO RAVVEDIMENTO OPEROSO - LEGGE DI STABILITÀ 2015

IL NUOVO RAVVEDIMENTO OPEROSO - LEGGE DI STABILITÀ 2015 IL NUOVO RAVVEDIMENTO OPEROSO - LEGGE DI STABILITÀ 2015 IL NUOVO CORSO COLLABORATIVO (1) IL QUADRO NORMATIVO CAMBIA Si punta su un modello di cooperazione tra AF e contribuente Obiettivo: perseguire il

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 19 21.05.2014 La correzione degli errori contabili UNICO SC 2014 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico SC 2014 La redazione del bilancio relativo

Dettagli

LA REGOLARIZZAZIONE DEGLI OMESSI / INSUFFICIENTI VERSAMENTI D IMPOSTA

LA REGOLARIZZAZIONE DEGLI OMESSI / INSUFFICIENTI VERSAMENTI D IMPOSTA LA REGOLARIZZAZIONE DEGLI OMESSI / INSUFFICIENTI VERSAMENTI D IMPOSTA Nel corso del 2015 il Legislatore ha modificato: l istituto del ravvedimento operoso; il regime sanzionatorio, la cui decorrenza è

Dettagli

CIRCOLARE DI STUDIO 33/2016. Parma, 31 Ottobre 2016

CIRCOLARE DI STUDIO 33/2016. Parma, 31 Ottobre 2016 CIRCOLARE DI STUDIO 33/2016 Parma, 31 Ottobre 2016 OGGETTO: Chiarimenti in materia di ravvedimento operoso Di seguito si fornisce un breve riepilogo dei chiarimenti forniti dall Agenzia delle entrate con

Dettagli

Anno 2013 N. RF229. La Nuova Redazione Fiscale

Anno 2013 N. RF229. La Nuova Redazione Fiscale Anno 2013 N. RF229 www.redazionefiscale.it ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale Pag. 1 / 7 OGGETTO MODELLO 730 INTEGRATIVO - PRESENTAZIONE ENTRO IL 25/10 RIFERIMENTI ISTRUZIONI MODELLO 730/2013 CIRCOLARE

Dettagli

20.10.2014 Modello 770: il ravvedimento

20.10.2014 Modello 770: il ravvedimento Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 36 20.10.2014 Modello 770: il ravvedimento Categoria: Sottocategoria: Ravvedimento I sostituti d imposta tenuti alla presentazione del

Dettagli

Ambito di applicazione. Sotto il profilo soggettivo, la misura interessa:

Ambito di applicazione. Sotto il profilo soggettivo, la misura interessa: Prot. 82/2013 Milano, 03-05-2013 Circolare n. 46/2013 AREA: Circolari, Fiscale Irap - Deducibilità dalle Imposte sui Redditi dell Irap Relativa alle Spese per il Personale Dipendente Circolare dell'agenzia

Dettagli

730, Unico 2016 e Studi di settore Pillole di aggiornamento

730, Unico 2016 e Studi di settore Pillole di aggiornamento 730, Unico 2016 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 106 03.10.2016 Modello UNICO integrativo e correttivo Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico A cura di Pasquale Pirone Nella presente

Dettagli

NOVITA STUDI DI SETTORE 2016

NOVITA STUDI DI SETTORE 2016 NOVITA STUDI DI SETTORE 2016 Le principali novità modulistica e Sp. Tec. La legge di stabilità 2016 riconosce a imprenditori e professionisti che, a far data dal 15 ottobre 2015, investono in beni materiali

Dettagli

Ad uso degli Uffici 50&Più Caaf e strutture convenzionate Anno IX - N. 3 / 2014

Ad uso degli Uffici 50&Più Caaf e strutture convenzionate Anno IX - N. 3 / 2014 ORIENTAMENTI FISCALI Ad uso degli Uffici 50&Più Caaf e strutture convenzionate Anno IX - N. 3 / 2014 LA CORREZIONE DEL MOD. 730/2014 CON IL MOD. UNICO 2014 1. GENERALITÀ I contribuenti che si sono avvalsi

Dettagli

TRASFORMAZIONE AGEVOLATA ADEMPIMENTI PRATICI. Vincenzo GUARINO Stefania TELESCA

TRASFORMAZIONE AGEVOLATA ADEMPIMENTI PRATICI. Vincenzo GUARINO Stefania TELESCA ADEMPIMENTI PRATICI Vincenzo GUARINO Stefania TELESCA RISERVE DA SOCIETA DI CAPITALI Nella trasformazione di una società di capitali in società in società semplice, le riserve di utili vengono tassate

Dettagli

COMUNICAZIONE N. 10 DEL

COMUNICAZIONE N. 10 DEL ASSOCIAZIONE IMPEGNO E PASSIONE ASSOCIAZIONE SINDACALE DI COMMERCIALISTI - A.I.P. C.F. : 95142960657 P.IVA: 05115830654 COMUNICAZIONE N. 10 DEL 03.08.15 Cari Colleghi, in merito alla problematica relativa

Dettagli

UNICO SC 2011: dichiarazione tardiva e integrativa

UNICO SC 2011: dichiarazione tardiva e integrativa UNICO SC 2011: dichiarazione tardiva e integrativa di Francesco Leone L ADEMPIMENTO I contribuenti che non presentano la dichiarazione dei redditi entro il 30 settembre possono presentare una dichiarazione

Dettagli

DICHIARAZIONE INTEGRATIVA SEMPLICE. - art.8, legge 27 dicembre 2002 n. 289.

DICHIARAZIONE INTEGRATIVA SEMPLICE. - art.8, legge 27 dicembre 2002 n. 289. DICHIARAZIONE INTEGRATIVA SEMPLICE - art.8, legge 27 dicembre 2002 n. 289. SOGGETTI INTERESSATI TUTTI I CONTRIBUENTI CHE HANNO PRESENTATO O CHE AVREBBERO DOVUTO PRESENTARE UNA DICHIARAZIONE ENTRO IL 31

Dettagli

Linea Sistemi Srl Lecce Via del Mare 15 Tel. 0832/ / Tel. 0832/ /

Linea Sistemi Srl Lecce Via del Mare 15 Tel. 0832/ / Tel. 0832/ / Linea Sistemi Srl Lecce Via del Mare 15 Tel. 0832/392697 0832/458995 Tel. 0832/372266 0832/372308 e-mail : lineasistemi@tiscali.it Dichiarazione Integrativa/Correttiva Integrativa, Correttiva nei termini,

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 336 09.11.2016 Anomalie anno 2012: le comunicazioni del Fisco Categoria: Contribuenti Sottocategoria: Adempimenti A cura di Pasquale Pirone In

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 334 21.12.2015 Unico tardivo entro il 29.12 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Ravvedimento La mancata presentazione di Unico 2015 può essere

Dettagli

CONTROLLO delle DICHIARAZIONI CHIARIMENTI della C.M. 18/E/2011

CONTROLLO delle DICHIARAZIONI CHIARIMENTI della C.M. 18/E/2011 Circolare informativa per la clientela n. 28/2011 del 15 settembre 2011 CONTROLLO delle DICHIARAZIONI CHIARIMENTI della C.M. 18/E/2011 In questa Circolare 1. Controllo automatico delle dichiarazioni Comunicazione

Dettagli

Correzione errori di bilancio

Correzione errori di bilancio n 38 del 18 ottobre 2013 circolare n 659 del 16 ottobre 2013 referente BERENZI/mr Correzione errori di bilancio La circolare n. 31/E del 24 settembre fornisce chiarimenti interpretativi in ordine al corretto

Dettagli

IMPOSTE DIRETTE IRPEF IRES IRAP Cedolare secca Acconti 2016

IMPOSTE DIRETTE IRPEF IRES IRAP Cedolare secca Acconti 2016 IMPOSTE DIRETTE IRPEF IRES IRAP Cedolare secca Acconti 2016 PERSONE FISICHE E SOCIETA DI PERSONE Misura del versamento L imposta da versare a titolo di acconto è pari al 100% dell'importo del rigo RN61

Dettagli

IVA. Acconto del Alla cassa entro il

IVA. Acconto del Alla cassa entro il Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 364 10.12.2014 IVA. Acconto del 29.12. Alla cassa entro il 29.12.2014. Categoria: Iva Sottocategoria: Adempimenti Entro il 27.12 di ogni anno

Dettagli

MODELLO IRAP In questa Circolare. Circolare informativa per la clientela n. 18/2016 del 20 maggio Dichiarazione Irap Novità 2016

MODELLO IRAP In questa Circolare. Circolare informativa per la clientela n. 18/2016 del 20 maggio Dichiarazione Irap Novità 2016 Circolare informativa per la clientela n. 18/2016 del 20 maggio 2016 MODELLO IRAP 2016 In questa Circolare 1. Dichiarazione Irap Novità 2016 2. Soggetti passivi Irap 3. Modalità e termini di presentazione

Dettagli

COME SI PAGA PER LA REGOLARIZZAZIONE VIOLAZIONI DI NATURA FORMALE

COME SI PAGA PER LA REGOLARIZZAZIONE VIOLAZIONI DI NATURA FORMALE XIII. XIII. Il Il ravvedimento ravvedimento operoso operoso Come si paga per la regolarizzazione violazione di natura formale Come si paga per la regolarizzazione - violazione di natura formale - omesso

Dettagli

Anno 2014 N. RF262. La Nuova Redazione Fiscale

Anno 2014 N. RF262. La Nuova Redazione Fiscale Anno 2014 N. RF262 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO CORREZIONE DEL 730 MODELLO INTEGRATIVO ENTRO IL 27/10 RIFERIMENTI ISTRUZIONI MODELLO 730/2014 CIRCOLARE

Dettagli

L AUMENTO DELLE SANZIONI RIDOTTE PER IL RAVVEDIMENTO OPEROSO

L AUMENTO DELLE SANZIONI RIDOTTE PER IL RAVVEDIMENTO OPEROSO Circolare N. 06 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 25 gennaio 2011 L AUMENTO DELLE SANZIONI RIDOTTE PER IL RAVVEDIMENTO OPEROSO La Legge di stabilità 2011 ha aumentato la misura delle sanzioni

Dettagli

SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2013 pag. 293 PERSONE FISICHE E SOCIETA DI PERSONE

SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2013 pag. 293 PERSONE FISICHE E SOCIETA DI PERSONE SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2013 pag. 293 19 novembre 2013 108/GD/om Imposte dirette - IR- PEF - IRES - IRAP - Cedolare Secca - Acconti Contenuto in sintesi Si illustrano le modalità di determinazione e versamento

Dettagli

L agenda dei pagamenti di Unico 2013, Irap 2013, Iva 2013 e della prima rata Imu

L agenda dei pagamenti di Unico 2013, Irap 2013, Iva 2013 e della prima rata Imu L agenda di Unico, Imu e degli altri pagamenti del Pag. n. 1 L agenda dei pagamenti di Unico, Irap, Iva e della prima rata Imu A CURA DI SALVINA MORINA E TONINO MORINA Persone fisiche, società di persone,

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 287 27.09.2016 Unico 2016: il recupero dei pagamenti eccedenti Categoria: Unico Sottocategoria: Dichiarazione Il contribuente che effettua un

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 58 15.07.2014 Adeguamento agli studi di settore in Unico Categoria: Studi di settore Sottocategoria: Varie Al fine di evitare il rischio di

Dettagli

Imposte dirette - IRPEF - IRES - IRAP - Cedolare Secca - Acconti

Imposte dirette - IRPEF - IRES - IRAP - Cedolare Secca - Acconti Prot. 298/2012 Milano, 12-11-2012 Circolare n. 110/2012 AREA: Circolari, Fiscale Imposte dirette - IRPEF - IRES - IRAP - Cedolare Secca - Acconti Con l avvicinarsi della scadenza del 30 novembre, termine

Dettagli

SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2016 pag. 450

SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2016 pag. 450 SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2016 pag. 450 11 novembre 2016 167/ER/om Imposte dirette - IR- PEF - IRES - IRAP - Cedolare secca - Acconti 2016 RN61 Mod. Unico2016PF Inferiore o uguale a 51,65 Superiore a 51,65

Dettagli

Contenuto in sintesi

Contenuto in sintesi DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 105 09.11.2012-105/GD/om TITOLO: Imposte dirette - IRPEF - IRES - IRAP - Cedolare Secca Acconti. Contenuto in sintesi Con la presente comunicazione si illustrano

Dettagli

Agenzia delle Entrate FAQ Liquidazioni Periodiche IVA

Agenzia delle Entrate FAQ Liquidazioni Periodiche IVA Agenzia delle Entrate FAQ Liquidazioni Periodiche IVA Nel rigo VP8 deve essere indicato l'intero importo del credito risultante dal periodo precedente o solo la quota utilizzata in detrazione? Il rigo

Dettagli

Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti

Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti N. 107 06.10.2016 Le correzioni al Modello 730/2016 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: 730 Nella presente fiscal

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 33 del 25 Febbraio 2011 Ai gentili clienti Loro sedi Versamento tassa annuale sui libri sociali entro il 16 marzo 2011 Gentile cliente, con la presente desideriamo ricordarle

Dettagli

DATI ICI 2006 RICHIESTI NEL MODELLO 730/2007

DATI ICI 2006 RICHIESTI NEL MODELLO 730/2007 Servizio INFORMATIVA 730 INFORMATIVA N. 26 Prot. 2974 DATA 10.04.2007 Settore: Oggetto: Riferimenti: IMPOSTE SUI REDDITI ICI dovuta per il 2006 e possibilità di ravvedimento operoso D.L. n. 223/2006; Modello

Dettagli

19. QUADRO SV - TRATTENUTE DI ADDIZIONALI COMUNALI ALL IRPEF

19. QUADRO SV - TRATTENUTE DI ADDIZIONALI COMUNALI ALL IRPEF 19. QUADRO SV - TRATTENUTE DI ADDIZIONALI COMUNALI ALL IRPEF ATTENZIONE Il presente quadro non deve essere compilato dalle amministrazioni dello Stato, comprese quelle con ordinamento autonomo. Il quadro

Dettagli

Istanza di rimborso Irap - Casistica ed esempi

Istanza di rimborso Irap - Casistica ed esempi Focus di pratica professionale di Lelio Cacciapaglia Istanza di rimborso Irap - Casistica ed esempi In data 17 dicembre 2012 è stato approvato il modello (con le relative istruzioni) per l istanza di rimborso

Dettagli

F.N.A.A.R.C. Federazione Nazionale Associazioni Agenti e Rappresentanti di Commercio

F.N.A.A.R.C. Federazione Nazionale Associazioni Agenti e Rappresentanti di Commercio F.N.A.A.R.C. Federazione Nazionale Associazioni Agenti e Rappresentanti di Commercio 2 DICEMBRE 2013 - IMPOSTE DIRETTE - IRPEF - IRES - IRAP - CEDOLARE SECCA - ACCONTI Si ricorda la scadenza del 2 dicembre

Dettagli

w w w. f e r d i n a n d o b o c c i a. i t

w w w. f e r d i n a n d o b o c c i a. i t Circolare n.12 del 6 marzo 2013 A TUTTI I CLIENTI L O R O S E D I Oggetto: TASSA ANNUALE DI VIDIMAZIONE LIBRI SOCIALI VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO Le società di capitali, anche se in fase di liquidazione,

Dettagli

Il Mod. 730/2011 integrativo

Il Mod. 730/2011 integrativo Il Mod. 730/2011 integrativo di Roberta Aiolfi e Valerio Artina (*) L ADEMPIMENTO Se il contribuente riscontra nella dichiarazione 730 gia` presentata errori od omissioni la cui correzione comporta un

Dettagli

Anno 2016 RF293 DOMANDE E RISPOSTE DELLA REDAZIONE IL RAVVEDIMETO DEL MODELLO UNICO 2016

Anno 2016 RF293 DOMANDE E RISPOSTE DELLA REDAZIONE IL RAVVEDIMETO DEL MODELLO UNICO 2016 Anno 2016 RF293 REDAZIONE FISCALE www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 6 OGGETTO CIRCOLARE DEL 25/11/2016 DOMANDE E RISPOSTE DELLA REDAZIONE IL RAVVEDIMETO DEL MODELLO UNICO 2016 1 - OMESSA PRESENTAZIONE UNICO

Dettagli

RAVVEDIMENTO OPEROSO MODALITA E TERMINI

RAVVEDIMENTO OPEROSO MODALITA E TERMINI OMISSIONI R A V V E D E R S I E POSSIBILE RAVVEDIMENTO OPEROSO MODALITA E TERMINI I. M. U. 2013 - Art. 13, D.Lgs. 472/1997 e successive modificazioni. - Art. 1, comma 20 lett. a) e 22, Legge n. 220/2010

Dettagli

Periodico informativo n. 63/2010

Periodico informativo n. 63/2010 Periodico informativo n. 63/2010 ENTRO IL 30 SETTEMBRE È POSSIBILE PORTARE ULTERIORE DOCUMENTAZIONE PER 730 E UNICO 2010 Gentile cliente, è nostra cura metterla al corrente, con il presente documento informativo,

Dettagli

F.N.A.A.R.C. L imposta da versare a titolo di acconto è pari al 100% dell'importo del rigo RN61 "Differenza" del mod. Unico 2015 PF.

F.N.A.A.R.C. L imposta da versare a titolo di acconto è pari al 100% dell'importo del rigo RN61 Differenza del mod. Unico 2015 PF. Imposte dirette - IRPEF - IRES - IRAP - Cedolare secca Acconti 2015 Si illustrano le modalità di determinazione e versamento della seconda o unica rata dell acconto IRPEF, IRAP ed IRES e della cedolare

Dettagli

Bologna, 29 maggio Circolare n. 17/2017. Oggetto: Comunicazioni periodiche IVA: le FAQ dell Agenzia delle Entrate

Bologna, 29 maggio Circolare n. 17/2017. Oggetto: Comunicazioni periodiche IVA: le FAQ dell Agenzia delle Entrate Oggetto: Comunicazioni periodiche IVA: le FAQ dell Agenzia delle Entrate Bologna, 29 maggio 2017 Circolare n. 17/2017 Gentile Cliente, Il D.L. 193/2016 ha introdotto l obbligo, per i soggetti passivi IVA,

Dettagli

Circolare n. 18/2016. Dichiarazioni integrative Novità del DL n. 193 conv. L n. 225

Circolare n. 18/2016. Dichiarazioni integrative Novità del DL n. 193 conv. L n. 225 Dichiarazioni integrative Novità del DL 22.10.2016 n. 193 conv. L. 1.12.2016 n. 225 1 PREMESSA Con l art. 5 del DL 22.10.2016 n. 193, come modificato in sede di conversione nella L. 1.12.2016 n. 225, è

Dettagli

ACCONTO DI NOVEMBRE (AVV. MAURIZIO VILLANI)

ACCONTO DI NOVEMBRE (AVV. MAURIZIO VILLANI) STUDIO LEGALE TRIBUTARIO Avv. MAURIZIO VILLANI PATROCINANTE IN CASSAZIONE VIA CAVOUR, 56 TEL. 0832 247510 73100 LECCE LECCE, 10/11/2004 ACCONTO DI NOVEMBRE (AVV. MAURIZIO VILLANI) Il 30 novembre p.v. scade

Dettagli

4 Ottobre Le dichiarazioni integrative e il ravvedimento operoso: il punto della situazione

4 Ottobre Le dichiarazioni integrative e il ravvedimento operoso: il punto della situazione 4 Ottobre 2016 Le dichiarazioni integrative e il ravvedimento operoso: il punto della situazione Lo scarto della dichiarazione Lo scarto del file/dichiarazione [art. 9 co. 11 D.M. 31.07.1998] «Tutte le

Dettagli

Anno 2014 N. RF300. La Nuova Redazione Fiscale

Anno 2014 N. RF300. La Nuova Redazione Fiscale Anno 2014 N. RF300 www.redazionefiscale.it ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale Pag. 1 / 8 OGGETTO MODELLO 770/2014 - RAVVEDIMENTO DELLE VIOLAZIONI ENTRO IL 18/12 RIFERIMENTI DLGS. N. 472/97; DLGS. N.

Dettagli

Dott. Salvatore Giordano Commercialista in Salerno

Dott. Salvatore Giordano Commercialista in Salerno Dott. Salvatore Giordano Commercialista in Salerno Premessa La legge di stabilità 2015 (L. 190/2014), ai commi 634-640 ha disciplinato l adempimento spontaneo dei contribuenti, compreso il ravvedimento

Dettagli

Dichiarazione IVA 2012: ravvedimento operoso

Dichiarazione IVA 2012: ravvedimento operoso Dichiarazione IVA 2012: ravvedimento operoso di Roberto Fanelli (*) L ADEMPIMENTO Il contribuente puo` regolarizzare le violazioni commesse nel corso del 2011 entro il termine di presentazione della dichiarazione

Dettagli

Circolare informativa 6/2016. ( a cura di Sara Razzi) BOLLO VIRTUALE

Circolare informativa 6/2016. ( a cura di Sara Razzi) BOLLO VIRTUALE Roma, 14 marzo 2016 Circolare informativa 6/2016 ( a cura di Sara Razzi) BOLLO VIRTUALE L imposta di bollo può essere corrisposta: mediante pagamento ad intermediario convenzionato con l Agenzia delle

Dettagli

Nel rigo VP8 deve essere indicato l'intero importo del credito risultante dal periodo precedente o solo la quota utilizzata in detrazione?

Nel rigo VP8 deve essere indicato l'intero importo del credito risultante dal periodo precedente o solo la quota utilizzata in detrazione? Nel rigo VP8 deve essere indicato l'intero importo del credito risultante dal periodo precedente o solo la quota utilizzata in detrazione? L'imponibile delle operazioni passive per le quali, in base a

Dettagli

Ambito di applicazione

Ambito di applicazione OGGETTO: 42/F = Deducibilità dalle imposte sui redditi dell'irap relativa alle spese per il personale dipendente Circolare dell'agenzia delle Entrate n. 8/E del 3 aprile 2013. Come noto, l'art. 2 del D.L

Dettagli

RAVVEDIMENTI VIOLAZIONI, UTILIZZO E COMPENSAZIONI CREDITI

RAVVEDIMENTI VIOLAZIONI, UTILIZZO E COMPENSAZIONI CREDITI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO REGOLARIZZAZIONE ADEMPIMENTI DICHIARATIVI RAVVEDIMENTI VIOLAZIONI, UTILIZZO E COMPENSAZIONI CREDITI Commissione Diritto Tributario Nazionale Milano, 9 novembre

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 335 08.11.2016 Omesso canone di locazione anno 2012 Categoria: Contribuenti Sottocategoria: Adempimenti A cura di Pasquale Pirone Il contribuente

Dettagli

2.1. La dichiarazione dei redditi. La dichiarazione IVA. La dichiarazione dei sostituti d imposta. La dichiarazione «unificata».

2.1. La dichiarazione dei redditi. La dichiarazione IVA. La dichiarazione dei sostituti d imposta. La dichiarazione «unificata». in realtà al contribuente di rettificare la propria dichiarazione dei redditi e di richiedere entro i limiti ordinari di decadenza e di prescrizione previsti dalla legge in via generale il rimborso di

Dettagli

Deducibilità dell IRAP relativa al costo del lavoro I chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Deducibilità dell IRAP relativa al costo del lavoro I chiarimenti dell Agenzia delle Entrate n 15 del 19 aprile 2013 circolare n 292 del 16 aprile 2013 referente BERENZI/mr Deducibilità dell IRAP relativa al costo del lavoro I chiarimenti dell Agenzia delle Entrate L Agenzia delle entrate ha fornito

Dettagli

FISCAL NEWS. La circolare di aggiornamento professionale. Studi di settore

FISCAL NEWS. La circolare di aggiornamento professionale. Studi di settore a cura di Antonio Gigliotti FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 01 Settembre 2014 Categoria Sottocategoria Studi di settore in Unico Studi di settore Modelli Il Modello Studi di settore

Dettagli

Prospetto SV TRATTENUTE DI ADDIZIONALI COMUNALI ALL IRPEF

Prospetto SV TRATTENUTE DI ADDIZIONALI COMUNALI ALL IRPEF Prospetto SV TRATTENUTE DI ADDIZIONALI COMUNALI ALL IRPEF ADEMPIMENTO SOGGETTI INTERESSATI COME SI COMPILA CASI PARTICOLARI CASI PRATICI Il prospetto SV riguarda il riepilogo dei dati relativi alle trattenute

Dettagli

Il ravvedimento operoso è disciplinato dall'articolo 13 del decreto legislativo 472/97

Il ravvedimento operoso è disciplinato dall'articolo 13 del decreto legislativo 472/97 Ravvedimento operoso Per chi, per vari motivi, non ha potuto pagare le rate dell'imu, TASI o TARI entro le scadenze stabilite, è possibile ovviare a tale ritardo utilizzando l'istituto giuridico del Ravvedimento

Dettagli

VERSAMENTO TASSA ANNUALE SUI LIBRI SOCIALI ENTRO IL 18 MARZO 2013

VERSAMENTO TASSA ANNUALE SUI LIBRI SOCIALI ENTRO IL 18 MARZO 2013 FABIO BETTONI LAURA LOCATELLI RACHELE DENEGRI Circolare n. 09 del 1 marzo 2013 VERSAMENTO TASSA ANNUALE SUI LIBRI SOCIALI ENTRO IL 18 MARZO 2013 PREMESSA La tassa annuale per la numerazione e bollatura

Dettagli

IRAP PARZIALMENTE DEDUCIBILE DA IRES E IRPEF

IRAP PARZIALMENTE DEDUCIBILE DA IRES E IRPEF SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI MODALITÀ DI FRUIZIONE DELLA DETRAZIONE PERIODI PRECEDENTI AL 2008 COME COMPILARE LA DICHIARA- ZIONE DEI REDDITI IRAP PARZIALMENTE DEDUCIBILE DA IRES E IRPEF Art. 6, cc. 1-4 D.L.

Dettagli

Nel rigo VP8 deve essere indicato l'intero importo del credito risultante dal periodo precedente o solo la quota utilizzata in detrazione?

Nel rigo VP8 deve essere indicato l'intero importo del credito risultante dal periodo precedente o solo la quota utilizzata in detrazione? Faq Nel rigo VP8 deve essere indicato l'intero importo del credito risultante dal periodo precedente o solo la quota utilizzata in detrazione? L'imponibile delle operazioni passive per le quali, in base

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 316 04.11.2014 Il nuovo ravvedimento operoso lunghissimo Si potrà sanare la propria posizione anche dopo l anno Categoria: Finanziaria Sottocategoria:

Dettagli

15/2015 Febbraio/2/2015 (*) Napoli 4 Febbraio 2015

15/2015 Febbraio/2/2015 (*) Napoli 4 Febbraio 2015 Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli 15/2015 Febbraio/2/2015 (*) Napoli 4 Febbraio 2015 La Legge 190/2014, (Stabilità 2015) pubblicata sulla G.U. n. 300 del 29 dicembre 2014,

Dettagli

Fiscal Flash N. 326. IMU: i rimedi dopo il 16 dicembre 2013. La notizia in breve 17.12.2013

Fiscal Flash N. 326. IMU: i rimedi dopo il 16 dicembre 2013. La notizia in breve 17.12.2013 Fiscal Flash La notizia in breve N. 326 17.12.2013 IMU: i rimedi dopo il 16 dicembre 2013 Come comportarsi per sanare eventuali omissioni od errori legati al saldo IMU Categoria: Imposte locali Sottocategoria:

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Friuli Venezia Giulia - Direzione Generale

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Friuli Venezia Giulia - Direzione Generale Prot. n. AOODRFR/11471 Trieste, 20 dicembre 2012 A mezzo posta elettronica Ai Dirigenti degli istituti scolastici statali e paritari della Regione E p. c. Ai Dirigenti degli Uffici V-VI-VII-VIII Al Sito

Dettagli

CALENDARIO SCADENZE ED ADEMPIMENTI FISCALI - Settembre 2013

CALENDARIO SCADENZE ED ADEMPIMENTI FISCALI - Settembre 2013 CALENDARIO SCADENZE ED ADEMPIMENTI FISCALI - Settembre 2013 SCADENZE ED ADEMPIMENTI FISCALI (Settembre 2013) Scadenza del 17.9.2013 Imposta municipale propria IMU versamento L articolo 13 del Decreto Legge

Dettagli

730, Unico 2016 e Studi di settore

730, Unico 2016 e Studi di settore 730, Unico 2016 e Studi di settore N. 27 13.04.2016 2014 Categoria: Unico Sottocategoria: Ravvedimento Come noto, l istituto del ravvedimento operoso è stato oggetto di rilevanti modifiche, ad opera della

Dettagli

RISOLUZIONE N. 85/E. Roma, 12 agosto 2011

RISOLUZIONE N. 85/E. Roma, 12 agosto 2011 RISOLUZIONE N. 85/E Roma, 12 agosto 2011 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Richiesta di rimborso per somme erogate a titolo di incremento della produttività negli anni 2008 e 2009. Compilazione

Dettagli

SOMMARIO: 1. Termini e modalità di versamento. 2. Reddito imponibile. 3. Reddito imponibile per i contribuenti minimi. 4.

SOMMARIO: 1. Termini e modalità di versamento. 2. Reddito imponibile. 3. Reddito imponibile per i contribuenti minimi. 4. OGGETTO: Riscossione 2010 dei contributi dovuti dagli iscritti alle gestioni artigiani e commercianti sulla quota di reddito eccedente il minimale e dai liberi professionisti iscritti alla gestione separata

Dettagli

Roma, 23 Novembre Prot. n. 630 /2010/AR/SS/GN. AI CORRISPONDENTI C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI. Circolare n.: 28/2010

Roma, 23 Novembre Prot. n. 630 /2010/AR/SS/GN. AI CORRISPONDENTI C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI. Circolare n.: 28/2010 C.A.F. UIL S.P.A. CENTRO ASSISTENZA FISCALE DELLA UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE LEGALE VIA DI SAN CRESCENZIANO, 25 00199 ROMA TELEFONO 06/86.22.631 TELEFAX 06/86.22.63.33 E-MAIL cafuil@cafuil.it CAPITALE

Dettagli

RAVVEDIMENTO OPEROSO MODALITA E TERMINI

RAVVEDIMENTO OPEROSO MODALITA E TERMINI Servizio Tributi OMISSIONI R A V V E D E R S I E POSSIBILE RAVVEDIMENTO OPEROSO MODALITA E TERMINI I M U T A S I 2015 - Art. 13, D.Lgs. 472/1997 e successive modificazioni. - Art. 1, comma 20 lett. a)

Dettagli

regolarizzare il versamento dell acconto Imu/Tasi 2014 senza maggiorazioni entro un termine stabilito dai singoli Comuni.

regolarizzare il versamento dell acconto Imu/Tasi 2014 senza maggiorazioni entro un termine stabilito dai singoli Comuni. Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 219 03.09.2014 IMU/TASI: come sanare il mancato versamento del 16 giugno 2014 Passata la scadenza del 16 giugno 2014 e il salvacondotto comunale,

Dettagli

Anno 2010 N. RF144. La Nuova Redazione Fiscale

Anno 2010 N. RF144. La Nuova Redazione Fiscale ODCEC VASTO Anno 2010 N. RF144 La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 10 OGGETTO 30 SETTEMBRE 2010 - DICHIARAZIONE INTEGRATIVA SUL 2008 RIFERIMENTI ART. 13 D.LGS N. 472/97 - D.LGS.

Dettagli

- ASPETTI GENERALI DELLA DICHIARAZIONE IVA

- ASPETTI GENERALI DELLA DICHIARAZIONE IVA INDICE Novità dei Modelli IVA 2012... pag. 9 Novità nella dichiarazione IVA annuale...» 9 Mod. IVA BASE 2012... pag. 12 Il Modello IVA BASE...» 12 Soggetti interessati...» 12 Soggetti esclusi...» 13 Caratteristiche

Dettagli

VERSAMENTO TASSA ANNUALE SUI LIBRI SOCIALI ENTRO IL 17 MARZO 2014

VERSAMENTO TASSA ANNUALE SUI LIBRI SOCIALI ENTRO IL 17 MARZO 2014 FABIO BETTONI LAURA LOCATELLI RACHELE DENEGRI Circolare n. 06 del 10 marzo 2014 VERSAMENTO TASSA ANNUALE SUI LIBRI SOCIALI ENTRO IL 17 MARZO 2014 PREMESSA La tassa annuale per la numerazione e bollatura

Dettagli

RAVVEDIMENTO OPEROSO: NUOVI TERMINI E SANZIONI

RAVVEDIMENTO OPEROSO: NUOVI TERMINI E SANZIONI Aspetti generali 1 1 RAVVEDIMENTO OPEROSO: NUOVI TERMINI E SANZIONI a cura di Giancarlo Modolo 1 Milano, 13 gennaio 2015 Aspetti generali 1 2 La legge di stabilità 2015, nel riformulare le regole dell

Dettagli

DICHIARAZIONI INTEGRATIVE e RAVVEDIMENTO OPEROSO L 190/2014. G. Manzana

DICHIARAZIONI INTEGRATIVE e RAVVEDIMENTO OPEROSO L 190/2014. G. Manzana DICHIARAZIONI INTEGRATIVE e RAVVEDIMENTO OPEROSO L 190/2014 G. Manzana www.manzana.it DR INTEGRATIVE ART. 2, C. 8, DPR 322/98 ART. 2, C. 8-BIS, DPR 322/98 INTEGRATIVA ENTRO TERMINI ACCERTAMENTO INTEGRATIVA

Dettagli

w w w. f e r d i n a n d o b o c c i a. i t

w w w. f e r d i n a n d o b o c c i a. i t Circ. n. 7 del 30 marzo 2009 A TUTTI I CLIENTI L O R O S E D I Oggetto: RAVVEDIMENTO OPEROSO: NUOVE REGOLE Il ricorso allo strumento del cosiddetto ravvedimento operoso per regolarizzare violazioni quali:

Dettagli