Il loop del CRM analitico Tutorial sulle tecnologie chiave Il caso Telecom Italia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il loop del CRM analitico Tutorial sulle tecnologie chiave Il caso Telecom Italia"

Transcript

1 CRM ANALITICO E CUSTOMER PROFILING Gianmario Motta Sergio Garajo Il loop del CRM analitico Tutorial sulle tecnologie chiave Il caso Telecom Italia

2 SISTEMI DI CRM ANALITICO: SCOPO GESTIONALE Il CRM transazionale gestisce singole transazioni con il cliente Per gestire la relazione con il cliente tuttavia occorre una regia Occorre cioè avere informazioni per pianificare, eseguire e controllare la relazione con il cliente p.e. per: Fare nuove offerte a clienti potenziali ed esistenti Segmentare offerta il servizio rispetto al profilo dei clienti Aumentare e controllare la lealtà (tenere i clienti ed aumentare il fatturato) Segmentare la risposta in ragione del profilo del cliente (scheda cliente) Per analizzare le informazioni ed elaborare le azioni occorrono inoltre sistemi di supporto alle decisioni Tali esigenze richiedono un sistema ad hoc. CRM analitico CRM analitico- nov 2002 Copyright Gianmario Motta

3 CRM ANALITICO E CUSTOMER PROFILING Gianmario Motta Sergio Garajo Il loop del CRM analitico Tutorial sulle tecnologie chiave Il caso Telecom Italia

4 IL LOOP DEL CRM ANALITICO Supporto alle decisioni Elaborazione delle transazioni Sistemi di traffico CRM Customer Relationship Management Estrazione e normalizzazione Storia traffico, clienti assistenza, tariffe Indici primari Data Warehouse Clienti Dati esterni Nomi clienti Sistema Report Direzione Data mart Gestione delle Campagne Analisi clienti Indici di valutazione cliente CRM analitico- nov 2002 Copyright Gianmario Motta

5 IL LOOP DEL CRM ANALITICO: STRATEGIA. strategia modulare la gestione del cliente in ragione della sua fidelizzazione Per attuare la strategia occorre definire la fidelizzazione classificare la clientela definire una metrica univoca realizzare il processo informatico per calcolare la fidelizzazione acquisire i dati dai sistemi di base calcolare il valore per tutti i clienti attuare le strategie con processi supportati informaticamente campagne azioni sui clienti attraverso i vari canali Valore del cliente Fidelizzazione del cliente sfide marginali diamanti ambasciatori B A Matrice di classificazione della clientela (adattato da Busacca 1998) A B CRM analitico- nov 2002 Copyright Gianmario Motta

6 IL LOOP DEL CRM ANALITICO : INDICI E PROFILAZIONE CLIENTE ILLUSTRATIVA ACQUSTI PRESSO NOI A INDICE FIDELIZZAZIONE F ACQUSTI TOTALI T F = A/T F = indice economico di fidelizzazione del cliente A = valore acquisti (consumi) presso azienda T = valore totale acquisti del cliente (Adattato da Busacca 1998) p1 p2 p3 e1 e2 e3 Per definire la fidelizzazione occorre definire una metrica (= indice) La scomposizione dell indice identifica variabili e algoritmi Le foglie dell albero-indice individuano dati elementari La analisi deve anche indicare come acquisire, certificare e memorizzare i dati elementari Alcuni dati dell esempio possono essere ricavati solo da ricerche esterne Infatti nel caso di una società telefonica CRM analitico- nov 2002 Copyright Gianmario Motta

7 IL LOOP DEL CRM ANALITICO : ATTUAZIONE STRATEGIE Sistemi di traffico CRM Customer Relationship Management Estrazione e normalizzazione Data Warehouse Clienti Dati esterni Sistema Report Direzione Data mart Gestione delle Campagne Analisi clienti Nomi clienti Indici di valutazione cliente L indice è inutile se non è utilizzato per attuare la strategia di gestione segmentata dei clienti A questo scopo: è trasferito opportunamente ai canali di contatto con il cliente é utilizzato per segmentare i clienti su cui promuovere (gestione delle campagne) CRM analitico- nov 2002 Copyright Gianmario Motta

8 IL LOOP DEL CRM ANALITICO : INDICI PER CONTACT CENTER Sistemi di traffico CRM Customer Relationship Management Estrazione e normalizzazione Data Warehouse Clienti Dati esterni Nomi clienti Sistema Report Direzione Data mart Gestione delle Campagne Indici di valutazione cliente Analisi clienti La maschera di un Contact Center riporta una Scheda Cliente Il CRM analitico inserisce nella Scheda Cliente gli indici per informare l operatore sul tipo di cliente che ha davanti ed adeguarne il comportamento Nel nostro esempio l indice è fidelizzazione La rappresentazione grafica degli indici è adeguata ad una lettura immediata Tali classificazioni del cliente possono essere utilizzate nel routing delle chiamate (Automatic Call Distribution) per differenziare il trattamento del cliente CRM analitico- nov 2002 Copyright Gianmario Motta

9 IL LOOP DEL CRM ANALITICO : GESTIONE CAMPAGNE Sistemi di traffico CRM Customer Relationship Management Estrazione e normalizzazione Data Warehouse Clienti Dati esterni Nomi clienti Sistema Report Direzione Data mart Gestione Campagne Indici di valutazione cliente Analisi clienti La gestione campagne è un sistema di supporto alle decisioni che seleziona i clienti da contattare con offerte e/ o informazioni La parte centrale del processo è la selezione della lista clienti target, basata sui dati di profilazione contenuti del Data Warehouse La parte finale del processo comprende: trasmissione liste ai canali contatto (posta, mail, fax, contact center, altri) valutazione efficacia campagna Si veda il work flow a fianco (esemplificato su Siebel7) CRM analitico- nov 2002 Copyright Gianmario Motta

10 IL LOOP DEL CRM ANALITICO : CONCLUSIONI Efficacia gestionale e competitiva del CRM analitico dipende dalla capacità di tradurre le analisi in azioni chiudendo il ciclo azione-analisi-decisione-azione Il CRM analitico include una vasta gamma di tecnologie che vanno collegate ed integrate Conseguentemente progettare e realizzare un CRM analitico efficace richiede una gamma ampia di competenze Sui contenuti e di processi marketing e vendite Sulle specializzazioni informatiche delle tecnologie che compongono il sistema informatico del CRM analitico. Sulla integrazione sistemistica CRM analitico- nov 2002 Copyright Gianmario Motta

11 CRM ANALITICO E CUSTOMER PROFILING Gianmario Motta Sergio Garajo Il loop del CRM analitico Tutorial sulle tecnologie chiave Il caso Telecom Italia

12 Tutorial sulle tecnologie chiave Il CRM analitico rispecchia lo schema a livelli di dei sistemi direzionali detti anche di supporto alle decisioni o di Business Intelligence Di seguito diamo una definizione di massima dei livelli di elaborazione richiamandone le tecnologie chiave Sigle e acronimi DSS : Decision Support System Business Intelligence OLAP (On Line Analytical Processing) ERP Enterprise Resource Management CRM Customer Relationship Management CRM analitico- nov 2002 Copyright Gianmario Motta

13 ARCHITETTURA: LIVELLO 1 FONTI Motori di calcolo CARICAMENTO TRASFORMAZIONE ESTRAZIONE Motori di presentazione DATA MART DATA WAREHOUSE ALTRI DATI BASI DATI TRANSAZIONALI Altri motori Sono rappresentate tipicamente da basi dati di sistemi di livello operativo Forniscono i dati elementari sulle operazioni che compongono le informazioni utilizzate nelle elaborazioni di supporto alle decisioni Minuti conversazione Forniscono anche dati anagrafici Dati anagrafici dei clienti, Tariffe applicate CRM analitico- nov 2002 Copyright Gianmario Motta

14 ARCHITETTURA: LIVELLO 2 ESTRAZIONE, TRASFORMAZIONE, CARICAMENTO Motori di calcolo CARICAMENTO TRASFORMAZIONE ESTRAZIONE Motori di presentazione DATA MART DATA WAREHOUSE ALTRI DATI BASI DATI TRANSAZIONALI Altri motori La estrazione seleziona periodicamente i dati delle fonti in ragione della periodicità del processo decisionale che lo utilizza Attraverso operazioni i dati delle fonti (dati source) sono trasformati in informazioni per il sistema informativo direzionale (dati target) I minuti di conversazione sono totalizzati per fascia oraria I totali sono valorizzati alla tariffa corrente e/o minima sul mercato I dati trasformati sono caricati in una base dati finalizzata alla consultazione il data warehouse Altri dati possono essere caricati direttamente da data entry Tariffe della concorrenza CRM analitico- nov 2002 Copyright Gianmario Motta

15 ARCHITETTURA : LIVELLO 3A DATA WAREHOUSE Motori di calcolo CARICAMENTO TRASFORMAZIONE ESTRAZIONE Motori di presentazione DATA MART DATA WAREHOUSE ALTRI DATI BASI DATI TRANSAZIONALI Altri motori E una raccolta tematica di dati non volatili Un data warehouse sui clienti concentra informazioni ricavate da molteplici fonti interne ed esterne Conserva informazioni storiche periodizzate Serie storiche dei minuti di conversazioni segmentati per fascia oraria Serie storiche delle tariffe E finalizzato alla consultazione e fornisce la base di conoscenza e di informazione ai processi di analisi e di decisione manageriale CRM analitico- nov 2002 Copyright Gianmario Motta

16 ARCHITETTURA : LIVELLO 3A DATA WAREHOUSE Schema indicativo Tabella Chiave Y Tabella Chiave X. Tabella dei fatti Tabella Chiave Tabella Chiave Z La informazioni memorizzate sono caratterizzata da chiavi composte che rispecchiano i criteri di segmentazione e di analisi del management Chiavi: Periodo, Cliente, Fascia oraria, Proprietà: Minuti di conversazione,. Lo schema tipico del data warehouse è a stella dove: Le informazioni sono registrate in una tabelle dei fatti La tabella dei fatti è relazionata alle tabelle delle chiavi Le tabelle delle chiavi sono associate alla tabella dei fatti Tale schema è finalizzato alla consultazione CRM analitico- nov 2002 Copyright Gianmario Motta

17 ARCHITETTURA : CENNI ALLE TECNOLOGIE PER I LIVELLI 2-32 Il ciclo che va dalla estrazione dei dati alla creazione del data warehouse è supportato da suite di tool generici interfacce semplici (Drag & Drop) Progetto di Dati Target Mappatura Dati Source sui Dati Target Generazione del codice di trasformazione 1 Definizione Fonti 5 Creazione del Data Warehouse 6 Estrazione dei Dati CRM analitico- nov 2002 Copyright Gianmario Motta

18 ARCHITETTURA: LIVELLO 3 B DATA MART Motori di calcolo CARICAMENTO TRASFORMAZIONE ESTRAZIONE Motori di presentazione DATA MART DATA WAREHOUSE ALTRI DATI BASI DATI TRANSAZIONALI Altri motori Memorizzano le informazioni finalizzate a un uso particolare e/o prodotte da sistemi di supporto decisionale lista clienti di una campagna indici di valutazione Hanno lo scopo di facilitare la consultazione dei dati Possono essere implementate su vari schemi di dati a stella altre (ipercubo, che sarà approfondito successivamente) CRM analitico- nov 2002 Copyright Gianmario Motta

19 ARCHITETTURA: LIVELLO 4 MOTORI APPLICATIVI Motori di calcolo CARICAMENTO TRASFORMAZIONE ESTRAZIONE Motori di presentazione DATA MART DATA WAREHOUSE ALTRI DATI BASI DATI TRANSAZIONALI Altri motori I motori applicativi sono moduli che elaborano informazioni per il management Moduli di calcolo e di supporto alle decisioni Pianificazione delle campagne Calcolo del budget Moduli che gestiscono la presentazione di informazioni memorizzate (sistemi di reporting) Analisi del traffico telefonico Moduli di data mining, che assistono l analista a trovare relazioni nei dati con varie tecniche statistiche Probabilità di abbandono dei clienti, CRM analitico- nov 2002 Copyright Gianmario Motta

20 ARCHITETTURA: LIVELLO 4 CENNI ALLE TECNOLOGIE DI REPORTING /ANALISI Le tecnologie si basano sulla creazione di uno strato semantico che riclassifica informazioni provenienti da fonti diversificate Gestione delle elaborazioni e della distribuzione Gestione del formato (editing) Strato semantico di mappatura Datamart Data warehouse CRM analitico- nov 2002 Copyright Gianmario Motta

21 ARCHITETTURA: LIVELLO 4 Reporting/ Segmentazione per CRM analitico ILLUSTRATIVO CRM analitico- nov 2002 Copyright Gianmario Motta

22 ARCHITETTURA: LIVELLO 4 MOTORI DI CALCOLO Motori di calcolo CARICAMENTO TRASFORMAZIONE ESTRAZIONE Motori di presentazione DATA MART DATA WAREHOUSE ALTRI DATI BASI DATI TRANSAZIONALI Altri motori I motori di calcolo sono suite di moduli che elaborano informazioni per il management Pianificazione delle campagne Calcolo del budget I maggiori vendor di CRM offrono suite per il supporto dei processi di marketing (CRM analitico) I grandi vendor ERP (SAP, Oracle, Peoplesoft) e di Business Intelligence (SAS) offrono suite applicative per supportare l intero processo di management di impresa chiamate SEM (Strategic Enterprise Management) CRM analitico- nov 2002 Copyright Gianmario Motta

23 ARCHITETTURA: LIVELLO 4 Processo di Gestione Campagne Preparazione Progettazione Esecuzione Valutazione Pianificazione campagne Definizione scopo, risultati attesi, target Definizione target (= lista clienti) Definizione offerta Definizione canali Pianificazione operativa Rilascio lista ai canali Esecuzione da parte dei canali Monitoraggio avanzamento Acquisizione dati su contatti e accettazioni Valutazione efficacia e efficienza contatti Valutazione comportamento cliente Il sistema supporta il processo Informatizzando selezione ed estrazione di liste clienti dalle basi dati o data ware house Informatizzando la progettazione delle fasi della campagna Trasferendo informazioni da sistema analitico ai sistemi transazionali dei canali e viceversa (vedi lucido seguente) CRM analitico- nov 2002 Copyright Gianmario Motta

24 ARCHITETTURA: LIVELLO 4 Gestione Campagne : pagina home ILLUSTRATIVO CRM analitico- nov 2002 Copyright Gianmario Motta

25 ARCHITETTURA: LIVELLO 4 Gestione Campagne : funzioni di workflow ILLUSTRATIVO CRM analitico- nov 2002 Copyright Gianmario Motta

26 CONCLUSIONE Le tecnologie dei sistemi informativi possono supportare le decisioni attraverso una catena di elaborazioni Il quadro di insieme dei sistemi informativi direzionali ha individuato varie specificità Architettura a livelli Caricamenti periodici Famiglie di moduli applicativi per il supporto decisionale Trasformazione dei dati in informazioni diverse opzioni di implementazione della architettura Tool Soluzioni singole Suite integrate verticali Motori di calcolo CARICAMENTO TRASFORMAZIONE ESTRAZIONE Motori di presentazione DATA MART DATA WAREHOUSE ALTRI DATI BASI DATI TRANSAZIONALI Altri motori CRM analitico- nov 2002 Copyright Gianmario Motta

27 CRM ANALITICO E CUSTOMER PROFILING Gianmario Motta Sergio Garajo Il loop del CRM analitico Tutorial sulle tecnologie chiave Il caso Telecom Italia

28 IL CASO TELECOM ITALIA : SOMMARIO Background su Telecom Italia L'antecedente: il caso TIM Gli indicatori di profilazione La architettura informatica del progetto Telecom Italia Cronaca del progetto Telecom Italia Criticità ed opportunità Conclusioni CRM analitico- nov 2002 Copyright Gianmario Motta

29 TELECOM ITALIA : BACKGOUND DIVISIONE CLIENTI RESIDENZIALI Oltre 20 M di abbonati Competizione su prezzo (Infostrada, Wind, Operatori Locali (OLO) con carrier preselection) Necessità di sapere + governare i consumi Necessità di strutturare e integrare CRM operazionale allora in avviamento Dicembre 1999: decisione di lanciare un progetto di customer profiling che riutilizzasse la esperienza e le tecnologie TIM Marzo 2000: inizio progetto CPS (Customer Profiling Clienti) Fine progetto R1: settembre CRM analitico- nov 2002 Copyright Gianmario Motta

30 Struttura organizzativa Comitato Guida MI.BI Project Commitee Steering Commitee MI.R.M.ST ITS Gruppi di Lavoro Dati Customer Profiling Applicazioni Architettura MI.CC MI.P C Project Office CRM analitico- nov 2002 Copyright Gianmario Motta

31 AREE DI INDAGINE Panoramica Indici CPS INDICI DESCRIZIONE DEL CLIENTE TIPOLOGIA DI TRAFFICO SVILUPPATO VALUTAZIONE ECONOMICO- COMPORTAMENTALE MODALITA DI UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERAZIONE TI/CLIENTE ANAGRAFICA E CONSISTENZE di PRODOTTI/SERVIZI TRAFFICO USCENTE, CHIAMATE LONG DISTANCE, CHIAMATE VERSO MOBILE, UTILIZZO INTERNET MARGINE, DISALLINEAMENTO, INSOLVENZA UTILIZZO VAS, IMPEGNO RETE, UTILIZZO DI TARIFFE SCONTATE, INCIDENZA FASCE ORARIE CONTATTI CON CC, SEGNALAZIONE GUASTI COMPORTAMENTO ATTESO CHURN (Indicatore di allarme ) Le aree di indagine individuano aree omogenee di informazioni rilevanti dal punto di vista della segmentazione e profilatura della clientela, e consentono di focalizzare le tematiche da approfondire sia nella fase di stesura dei requisiti sia durante l utilizzo del CPS Per ogni area di indagine si strutturano e sintetizzano le informazioni (indici mensili) che identificano le caratteristiche rilevanti della clientela Tracciando nel tempo il profilo dei clienti, mediante il sistema di indicatori, si può valutare la rilevanza economica e commerciale attuale e futura di ciascuno di essi, individuare segmenti omogenei per i quali realizzare dei piani di azione ad hoc, monitorare l effetto delle azioni CRM analitico- nov 2002 Copyright Gianmario Motta

32 Classificazione Indici CPS Indici descrittivi e comportamentali: individuano e quantificano: chi è il cliente (o la linea): p.e. anagrafica, consistenza, fatturazione come il servizio è utilizzato dal cliente: p.e. indici sconto quale tipologia di traffico sviluppa il cliente: p.e. traffico uscente per TT chi è chiamato dal cliente: p.e. friends & family. le interazioni fra cliente e gestore: p.e. contatti con TI, insolvenza quali servizi di supporto sono utilizzati dal cliente: p.e. utilizzo vas. Indici economici: permettono di capire quanto vale il cliente (p.e. margine e disallineamento) Indici predittivi: associano una probabilità di accadimento al comportamento atteso del cliente riguardo a margine o LTV, churn (di traffico, di linea, di cliente) CRM analitico- nov 2002 Copyright Gianmario Motta

33 Indici CPS Indice di margine : redditività della singola linea Margine TI = Margine da traffico uscente nazionale + Margine da traffico uscente internazionale + Margine da traffico uscente nazionale vs internet + Margine da canone di abbonamento + Margine da assistenza + Margine da prodotti + Margine da utilizzo V.A.S. + Margine da billing e compensazioni + Margine da bad debt + Margine da promozione/omaggio/sconto Tengono conto del valore del traffico uscente nazionale e internazionale al netto dei costi CRM analitico- nov 2002 Copyright Gianmario Motta Tiene conto del valore del traffico uscente nazionale verso gli ISP al netto dei costi Tiene conto del canone di abbonamento di accesso e del tipo di pricing. Tiene conto del ricavo da canone di manutenzione, al netto dei costi per gli interventi di assistenza e manutenzione effettuati. Tiene conto di ricavi e costi associati all acquisto/noleggio di apparecchiature (es. Sirio, fax, ecc.). Tiene conto del canone di abbonamento e dell utilizzo dei Servizi a Valore Aggiunto (Memotel, STS, Fido,.). Tiene conto di costi e ricavi derivanti dalla stampa e spedizione delle bollette. Tiene conto dei costi connessi al ritardo nel pagamento delle bollette. Tiene conto dei costi derivante da eventuali promozioni, sconti o omaggi offerti al singolo cliente.

34 Indici CPS : Indice di Disallineamento Disallineamento tariffario (vs. tariffa considerata) = Costo reale mensile sostenuto con la tariffa in uso (valore del traffico + costi d uso) - Valore minuti di traffico nel mese + Costi d uso (fissi mensili), secondo le caratteristiche della tariffa considerata Un disallineamento positivo indica la convenienza economica, per il cliente, a passare al sistema tariffario considerato. Il disallineamento è calcolato simulando il traffico uscente tassato verso le direttrici nazionali ed internazionali relative ai numeri telefonici. Il disallineamento è calcolato al netto dell IVA CRM analitico- nov 2002 Copyright Gianmario Motta

35 Schema del processo di elaborazione Data Warehouse Primario Traffico Data warehouse Primario Cliente Processi di costruzione del datawarehaouse Data cleaning e costruzione del datawarehouse Processi di calcolo degli indici di profiling Calcolo indici descrittivi di anagrafica e consistenza della linea e del cliente Calcolo indici comportamental i e dati dettaglio del comportamento d uso Calcolo indici predittivi Indice dichurn di allarme Processi di elaborazione indici Query/ Reporting Clustering Manutenzione Predittivi integrazione con i sistemi aziendali Dati sulla singola linea Dati su segmenti/liste interfaccia utilizzatori Visualizzazione e analisi dati Unità Organizzative: MI.R.M MI.R... Sistemi Informativi Aziendali: Customer Care Supporto vendite... calcolo degli indici utilizzo degli indici CRM analitico- nov 2002 Copyright Gianmario Motta

36 Architettura informatica FONTE : sas Institute 2000 Call Center (Cartella cliente) CRM Reporting Calcolo indicatori predittivi DW Traff. Segmentazione INDICI DI CHURN DW Cliente Indici predittivi Altre fonti ETL Indici comportamentali Indici descrittivi DWD storico DATA MART DATA MART DATA MART CRM analitico- nov 2002 Copyright Gianmario Motta

37 GLI ANTECEDENTI INFORMATICI : ANALISI DEL TRAFFICO TIM (1999) FONTE : ORACLE 1999 Volumi M+ CONVERSAZIONI AL GIORNO 150 GB DB TRAFFICO 1.5 TB DB AGGREGATI (profondità 12 mesi) 0.5 TB DB MULTIDIMENSIONALI (profondità 18 mesi) MIRRORING COMPLETO DEI DATI (5 TB fisici) NB IL SISTEMA E STATO SUCCESSIVAMENTE ESTESO CON MOTORI DI ANALISI E INTEGRATO CON IL CRM OLTP CRM analitico- nov 2002 Copyright Gianmario Motta

38 Funzionalità: : Segmentazione e Reporting SEGMENTAZIONE (ON-LINE E OFF-LINE) Consente di selezionare insiemi di linee telefoniche che soddisfano criteri scelti dall utilizzatore tra gli indicatori presenti nella base dati del CPS/R e di ottenere statistiche su un ventaglio di variabili di analisi scelte a loro volta tra gli indicatori del CPS/R. Per analisi standardizzate, è prevista una modalità on-line. In modalità off-line, la segmentazione è libera ed è possibile effettuare la segmentazione secondo tutti gli indici del CPS/R, ma i tempi di elaborazione possono essere lunghi. ESTRAZIONE LISTE Permette di accedere a informazioni di dettaglio dei clienti che rispondono alle caratteristiche della segmentazione impostata. REPORTING Visualizza informazioni su un determinato aggregato di clienti individuato in base a date dimensioni di analisi, rendendo disponibili statistiche precalcolate CRM analitico- nov 2002 Copyright Gianmario Motta

39 CRONACA E CRITICITA CRONACA Progetto on time e on budget : Inizio a marzo Collaudo settembre Rilascio integrazione con sistemi CC in ottobrenovembre CRITICITA Volumi enormi (vicini ai 10 TB) Durata e complessità caricamento (alcuni giorni) Scarso controllo sulla qualità dati da parte CRM analitico Sfasatura aggiornamenti fra dati prodotto e cliente dati traffico CRM analitico- nov 2002 Copyright Gianmario Motta

40 CONCLUSIONI I progetti di CRM analitico si possono realizzare in pochi mesi anche in grandissime aziende Occorre una squadra multi-disciplinare e di qualità Conviene puntare su un numero ridotto di indicatori prioritari sicuramente fattibili ed alimentabili Chiave successo: condivisione fra Vendite (canali) e Marketing No troppa sofisticazione statistica (mining e churn) Verificare a priori la scelta della soluzione IT: Soluzioni verticali integrate monofornitore Assemblaggio di moduli applicativi multifornitore Fai da te su misura CRM analitico- nov 2002 Copyright Gianmario Motta

41 CRM ANALITICO E CUSTOMER PROFILING Gianmario Motta Sergio Garajo Appendice

42 APPENDICE : GLOSSARIO DSS Decision Support System EIS Executive Information System ERP Enterprise Resource Planning ERM Enterprise Resource Management CRM Customer Relationship Management SEM Strategic Enterprise Management EPM Enterprise Resource Management (sinonimo di SEM) BSC Balanced Score Card KPI Key Performance Indicators CSF Critical Success Factors DW Data Warehouse BW Business Warehouse (varietà di DW) OLAP On Line Analytical Processing OLTP On Line Transaction Processing CRM analitico- nov 2002 Copyright Gianmario Motta

43 CRM ANALITICO E CUSTOMER PROFILING TRACCIA ESEMPLIFICATIVA DI UN DOCUMENTO INIZIALE DI SPECIFICA REQUISITI FUNZIONALI ANALISI FONTI DI DATI GAP ANALYSIS PIANO DI LAVORO

44 REQUISITI I requisiti comprendono varie parti: Indici di profilazione Analisi di profilazione Gestione delle campagne marketing Gestione del contatto e orientamento commerciale Gestione dei dati CRM analitico- nov 2002 Copyright Gianmario Motta

45 REQUISITI: INDICI DI PROFILAZIONE 1. Comportamentali: descrivono il comportamento corrente di ogni cliente nell utilizzo dei prodotti 2. Di valore: valutano il margine ed il valore del singolo cliente 3. Di propensione: stimano il comportamento atteso del singolo cliente Abbandono : individuano i clienti a rischio di abbandono Acquisto : individuano i clienti con propensione all acquisto per i prodotti/servizi 4. Descrittivi: descrivono il singolo cliente, il suo stile di vita e i servizi/prodotti che consuma Profilo consumo : descrivono le scelte del cliente Stile di vita : identificano il tenore della vita del cliente Profilo socio-demografico, professionale, culturale : descrivono il quadro anagrafico, il livello culturale del cliente Stato cliente : descrivono il rapporto cliente Nota : i dati descrittivi dei clienti sono raccolti con un questionario e dati esterni per i prospect CRM analitico- nov 2002 Copyright Gianmario Motta

46 REQUISITI: INDICI DI PROFILAZIONE- esempio 1. Indici comportamentali Indici comportamentali di operatività generale 1. Grado di sofisticazione dei prodotti in uso Identifica il cliente che utilizza prodotti complessi e personalizzabili; potrà essere utilizzato per la stima del Livello di competenza 2. Cross selling Identifica il possesso e l'utilizzo delle famiglie di prodotti 3. Permeabilità alle novità dell'offerta Indica la reattività del cliente alle nuove iniziative commerciali 4. Canali principale (operatività) Identifica i canali maggiormente utilizzati per effettuare disposizioni 5. Canali principale (redditività) Identifica il canale maggiormente redditizio per la banca 6. Indice di fedeltà Stima la fedeltà del cliente in base alla frequenza di riacquisto Indici comportamentali di operatività specifica per tipo di prodotto (p.e. prodotti bancari) 1. Trend di operatività Variazione nel tempo delle transazioni effettuate su Conto Corrente 2. Picco di liquidità Individua un significativo incremento di liquidità in conto corrente 3. Utilizzo carte di credito e debito Classifica il cliente in base al tipo di operazioni effettuate e alla frequenza di utilizzo di carte di credito e di debito 4. Distribuzione acquisti con carte di credito e debito 5. Spesa con carte di credito e debito Ammontare medio dei pagamenti con carte di credito e debito 6. Giacenza liquida Ammontare medio della liquidità CRM analitico- nov 2002 Copyright Gianmario Motta

47 REQUISITI: INDICI DI PROFILAZIONE- esempio 1. Indici comportamentali-continua continua Canali di relazione (esempio banca) 1. Canali di relazione preferenziali Identifica i canali maggiormente utilizzati 2. Frequenza di contatto Individua il numero di contatti del cliente per canale e totale con la banca per trimestre 3. Anzianità dell' ultimo contatto Individua il tempo trascorso dall'ultimo contatto (informativo e/o dispositivo) 4. Principali causali di contatto per canale Identifica le principali causali di contatto per canale 5. Cliente registrato non attivato Identifica i clienti che si sono registrati ma non hanno ancora attivato il servizio Canale on-line (esempio banca) 1. Stile di navigazione Classifica i clienti in termini di tempo dedicato, frequenza di accesso e causale di contatto con la banca on-line 2. Servizi della banca on-line preferiti Individua le tipologie di servizi della banca on-line richiesti dal cliente con maggior frequenza Canale telefonico (esempio banca) 1. Servizi della banca telefonica preferiti Individua le tipologie di servizi della banca telefonica richiesti dal cliente con maggior frequenza CRM analitico- nov 2002 Copyright Gianmario Motta

48 REQUISITI: INDICI DI PROFILAZIONE- esempio 2. Indici di valore Valore 1. Lifetime value (LTV) 2. Ricavi 3. Mix ricavi Margine 1. Margine da operatività Costi e ricavi associati all'utilizzo dei prodotti 2. Margine da relazione Costi e ricavi (se previsti) associati all'utilizzo dei servizi di supporto al clienti 3. Margine da acquisizione Costi e ricavi (se previsti) associati alle modalità e ai canali di acquisizione 4. Composizione del margine per prodotto Distribuzione del margine per famiglia di prodotti 5. Composizione del margine per canale Distribuzione del margine per canale di relazione 6. Trend dei margini Variazione nel tempo del margine e delle sue componenti CRM analitico- nov 2002 Copyright Gianmario Motta

49 REQUISITI: INDICI DI PROFILAZIONE- esempio 3. Indici di propensione Abbandono 1. Drop di operatività Identifica il cliente che ha avuto una significativa riduzione dell'operatività media 2. Criticità della relazione Stima la criticità della relazione del cliente con la banca in base al tipo e alle modalità di reclamo 3. Propensione all'abbandono Identifica il cliente potenzialmente a rischio di abbandono Acquisto 1. Potenziale commerciale Stima del reddito e del patrimonio 2. Dotazione ottimale Ripartizione del potenziale per famiglia di prodotti 3. Gap di dotazione Differenza tra dotazione ottimale e portafoglio prodotti in uso 4. Grado di fidelizzazione Quota di potenziale del cliente allocata (share of wallet) 5. Propensione all'acquisto Identifica il cliente potenzialmente propenso all'acquisto di prodotti della banca CRM analitico- nov 2002 Copyright Gianmario Motta

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

Business Intelligence

Business Intelligence aggregazione dati Business Intelligence analytic applications query d a t a w a r e h o u s e aggregazione budget sales inquiry data mining Decision Support Systems MIS ERP data management Data Modeling

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Business Intelligence: dell impresa

Business Intelligence: dell impresa Architetture Business Intelligence: dell impresa Silvana Bortolin Come organizzare la complessità e porla al servizio dell impresa attraverso i sistemi di Business Intelligence, per creare processi organizzativi

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

IT FOR BUSINESS AND FINANCE

IT FOR BUSINESS AND FINANCE IT FOR BUSINESS AND FINANCE Business Intelligence Siena 14 aprile 2011 AGENDA Cos è la Business Intelligence Terminologia Perché la Business Intelligence La Piramide Informativa Macro Architettura Obiettivi

Dettagli

IL PROGRAMMA PER GESTIRE IL TUO CENTRO ESTETICO

IL PROGRAMMA PER GESTIRE IL TUO CENTRO ESTETICO business professional IL PROGRAMMA PER GESTIRE IL TUO CENTRO ESTETICO www.igrandisoft.it La I Grandi Soft è nata nel 1995 e ha sviluppato l attività su tutto il territorio nazionale. All interno della

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Prof. Like you. Prof. Like you. Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01. Email info@zerounoinformatica.it / Web www.hottimo.

Prof. Like you. Prof. Like you. Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01. Email info@zerounoinformatica.it / Web www.hottimo. Pag. 1/7 Prof. Like you Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01 Email / Web / Social Pag. 2/7 hottimo.crm Con CRM (Customer Relationship Management) si indicano tutti gli aspetti di interazione

Dettagli

Sistemi ERP e i sistemi di BI

Sistemi ERP e i sistemi di BI Sistemi ERP e i sistemi di BI 1 Concetti Preliminari Cos è un ERP: In prima approssimazione: la strumento, rappresentato da uno o più applicazioni SW in grado di raccogliere e organizzare le informazioni

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Cos è la Businèss Intèlligèncè

Cos è la Businèss Intèlligèncè Cos è la Businèss Intèlligèncè di Alessandro Rezzani Il sistema informativo aziendale... 2 Definizione di Business Intelligence... 6 Il valore della Business Intelligence... 7 La percezione della Business

Dettagli

dal Controllo di Gestione alla Business Intelligence

dal Controllo di Gestione alla Business Intelligence dal Controllo di Gestione alla strumenti strategici per la gestione delle imprese Giovanni Esposito Bergamo, 29 Ottobre 2012 dal Controllo di Gestione alla 25/10/2012 1 Agenda 14:00 Benvenuto Il Sistema

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Corso Tecnologie dell informazione applicata ai processi aziendali. Il sistema di misurazione delle prestazioni aziendali

Corso Tecnologie dell informazione applicata ai processi aziendali. Il sistema di misurazione delle prestazioni aziendali Corso Tecnologie dell informazione applicata ai processi aziendali. Il sistema di misurazione delle prestazioni aziendali Simone.cavalli@unibg.it Bergamo, Febbraio 2008 Il sistema di misurazione delle

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Introduzione Agenda La misura del valore: i fattori che influenzano il valore di un azienda

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

La soluzione di gestione aziendale per le piccole e medie imprese Overview della soluzione

La soluzione di gestione aziendale per le piccole e medie imprese Overview della soluzione La soluzione di gestione aziendale per le piccole e medie imprese Overview della soluzione Indice dei contenuti Introduzione 3 SAP Business One: le caratteristiche 4 Vantaggi per le aziende 5 Panoramica

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

La Business Intelligence

La Business Intelligence Parte 1 La Business Intelligence Capitolo 1 Cos è la Business Intelligence 1.1 Il sistema informativo aziendale Sempre la pratica dev essere edificata sopra la buona teorica. Leonardo da Vinci Le attività,

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Gestisci. Organizza. Risparmia. Una lunga storia, uno sguardo sempre rivolto al futuro. InfoSvil è una società nata nel gennaio 1994 come

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Telecom Italia Dicembre 2013

Telecom Italia Dicembre 2013 RICARICABILE BUSINESS TIM : PROPOSIZIONE ESCLUSIVA PER MEPA Telecom Italia Dicembre 2013 Ricaricabile Business TIM La piattaforma ricaricabile business di Telecom Italia prevede un basket per singola linea.

Dettagli

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale Analisi esplorative di dati testualilezione 2 Le principali tecniche di analisi testuale Facendo riferimento alle tecniche di data mining,

Dettagli

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014 Milano, Settembre 2014 la nostra promessa Dialogare con centinaia, migliaia o milioni di persone. Una per una, interattivamente. 10/1/2014 2 la nostra expertise YourVoice è il principale operatore italiano

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

Il Data Quality, un problema di Business!

Il Data Quality, un problema di Business! Knowledge Intelligence: metodologia, modelli gestionali e strumenti tecnologici per la governance e lo sviluppo del business Il Data Quality, un problema di Business! Pietro Berrettoni, IT Manager Acraf

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

un occhio al passato per il tuo business futuro

un occhio al passato per il tuo business futuro 2 3 5 7 11 13 17 19 23 29 31 37 41 43 47 53 59 61 un occhio al passato per il tuo business futuro BUSINESS DISCOVERY Processi ed analisi per aziende virtuose Che cos è La Business Discovery è un insieme

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

Le Dashboard di cui non si può fare a meno

Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le aziende più sensibili ai cambiamenti stanno facendo di tutto per cogliere qualsiasi opportunità che consenta loro di incrementare il business e di battere

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta Guardare oltre L idea 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta I nostri moduli non hanno altrettante combinazioni possibili, ma la soluzione è sempre una, PERSONALIZZATA

Dettagli

Analisi per tutti. Panoramica. Considerazioni principali. Business Analytics Scheda tecnica. Software per analisi

Analisi per tutti. Panoramica. Considerazioni principali. Business Analytics Scheda tecnica. Software per analisi Analisi per tutti Considerazioni principali Soddisfare le esigenze di una vasta gamma di utenti con analisi semplici e avanzate Coinvolgere le persone giuste nei processi decisionali Consentire l'analisi

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo relazioni Gregory Bateson

Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo relazioni Gregory Bateson Le Tecnologie della Relationship Management e l interazione con le funzioni ed i processi aziendali Angelo Caruso, 2001 Relationship Management Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP Storia ed evoluzione dei sistemi ERP In questo breve estratto della tesi si parlerà dei sistemi ERP (Enterprise Resource Planning) utilizzabili per la gestione delle commesse; questi sistemi utilizzano

Dettagli

Il software per la gestione smart del Call Center

Il software per la gestione smart del Call Center Connecting Business with Technology Solutions. Il software per la gestione smart del Call Center Center Group srl 1 Comunica : per la gestione intelligente del tuo call center Comunica è una web application

Dettagli

DISPENSA SULLA GESTIONE DELLE RELAZIONI CON LA CLIENTELA di Gennaro Iasevoli

DISPENSA SULLA GESTIONE DELLE RELAZIONI CON LA CLIENTELA di Gennaro Iasevoli DISPENSA SULLA GESTIONE DELLE RELAZIONI CON LA CLIENTELA di Gennaro Iasevoli Cap. 21 del testo, Marketing. Il Management orientato al mercato, A. Mattiacci & A. Pastore, HOEPLI, 2013 G. Iasevoli Indice

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A.

Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A. Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A. Gestione Contabile : Piano dei conti : Suddivisione a 2 o 3 livelli del piano dei conti Definizione della coordinata CEE a livello di piano dei conti

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Le soluzioni migliori per il tuo lavoro. Area Clienti Business www.impresasemplice.it. Mobile. Il meglio di TIM e Telecom Italia per il business.

Le soluzioni migliori per il tuo lavoro. Area Clienti Business www.impresasemplice.it. Mobile. Il meglio di TIM e Telecom Italia per il business. Le soluzioni migliori per il tuo lavoro Area Clienti Business www.impresasemplice.it Mobile Il meglio di TIM e Telecom Italia per il business. Telefonia mobile cos'è l'area Clienti business L Area Clienti

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED ANALYTICS WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it www.technologytransfer.it ADVANCED ANALYTICS

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Ottimizzare le performance con i sistemi di Business Intelligence. Rapporto 2009 Osservatorio Business Intelligence

Ottimizzare le performance con i sistemi di Business Intelligence. Rapporto 2009 Osservatorio Business Intelligence Ottimizzare le performance con i sistemi di Business Intelligence Rapporto 2009 Osservatorio Business Intelligence Novembre 2009 Copyright e utilizzo dei contenuti I Report non potranno essere oggetto

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli