Cosa sono gli esoneri?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cosa sono gli esoneri?"

Transcript

1 Cosa sono gli esoneri? Per superare l esame di Istituzioni di Matematiche è obbligatorio superare una prova scritta. Sono previsti due tipi di prova scritta: gli esoneri e gli appelli. Gli esoneri sono più di uno (solitamente tre, ognuno dei quali riguarda una parte di programma e si svolgono ad intervalli di tempo regolari. Per iscriversi al primo esonero è sufficiente scrivere il proprio nome, cognome e corso di Laurea negli appositi foglietti fatti circolare dal docente durante le lezioni. L iscrizione agli esoneri successivi non è richiesta. Qualora lo studente non sia presente a lezione può farsi iscrivere da un compagno di corso o, in via del tutto eccezionale, può inviare un al docente. Agli esoneri il candidato dovrà portare con sé carta e penna in quantità sufficiente ed un valido documento di identità. Il candidato, durante lo svolgimento della prova, può utilizzare qualsiasi tipo di materiale cartaceo (libri, dispense, quaderno degli appunti ecc. e di calcolatrici non programmabili. NON È CONSENTITO l uso di computers, calcolatrici grafiche, telefonini ecc. Inoltre l esonero è una prova individuale e quindi, durante lo svolgimento della prova, è vietato comunicare con altri. L inosservanza di questa regola comporterà una penalizzazione. Gli esoneri consistono nell affrontare una prova a quiz del tipo esame per la patente di guida: i quesiti sono proposti nella forma seguente: Cognome: Nome: C.d.L.: A Limitarsi a scrivere nella colonna destra, all altezza della freccia, la lettera corrispondente alla soluzione corretta Determinare la soluzione dell equazione 1 + x = 2 1 Risposta: A 2 B 0 C 1 D 2 E 3 C La lettera in grassetto situata in alto a destra (in questo caso A caratterizza il testo. Tale lettera deve essere tenuta a mente, o ricopiata in agenda, dal candidato: gli sarà utile per poter controllare se la correzione del proprio elaborato è avvenuta correttamente. Per rispondere ai quesiti non bisogna mettere crocette ma bisogna scrivere nella colonna destra, all altezza della freccia, la lettera corrispondente alla soluzione corretta (in questo caso C. Per tutta la durata della prova scritta non è consentito allontanarsi dall aula. Il docente può, a sua completa discrezione, permettere la consegna dell elaborato prima del termine: in questo caso la prova si considera conclusa e il candidato deve lasciare l aula. Durante lo svolgimento delle prove scritte, soprattutto all inizio ed alla fine, il docente comunica ad alta voce alcune disposizioni alle quali gli studenti devono attenersi per il corretto svolgimento della prova. Per non disturbare la concentrazione degli esaminandi, tali disposizioni sono comunicate una sola volta, è quindi necessario prestare la massima attenzione. Ad ogni esonero corrisponde un voto in trentesimi proporzionale al numero di quiz risolti correttamente, eventualmente decurtato delle penalità collezionate durante lo svolgimento della prova. Le risposte sbagliate non danno luogo a punteggi negativi. L esonero si intende superato se il voto non è inferiore a 15. Gli studenti che superano tutti gli esoneri sono ammessi a sostenere la prova orale. Gli studenti che hanno ottenuto negli esoneri un voto medio non inferiore a 18 sono esonerati dal sostenere la prova orale e possono verbalizzare tale voto direttamente.

2 Esonero del 15 Novembre 2001 Cognome: Nome: C.d.L.: A Limitarsi a scrivere nella colonna destra, all altezza della freccia, la lettera corrispondente alla soluzione corretta Determinare le soluzioni dell equazione: x 2 +1= x +1 1Risposta: A 0 B 0, 1 C 1, 2 D 1 E 2 B Dati i vettori di R 3 X =(t, 1,t, Y =(t +1, 2t, 2; Per quali valori di t R sono paralleli? 2Risposta: A 0 B 1 C 2 D 3 E -1 B Per quali valori di t R sono ortogonali? 3Risposta: A 0,-5 B 1,-5 C 0 D -5 E -1 A ( cos π Determinare il rango della matrice Risposta: A 0 B 1 C 2 D 3 E 4 B Determinare il prodotto righe per colonne 5Risposta: A ( ( 1 2 B ( 1 7 C 2 5 D B 6Calcolare il determinante Risposta: A 34 B 18 C -34 D -18 E 0 C 7Si consideri, al variare del parametro reale k, il sistema x + kz = k 2kx + ky =1 3x +2y +2z = k +1 icalcolare il determinante della matrice dei coefficienti del sistema. Risposta: A 2k k 2 B 2k + k 2 C 2k + k 2 D k + k 2 E 0 A iiper quali valori di k NON si può applicare il teorema di Cramer? Risposta: A k =0, 1 B k =0, 2 C k = 1, 2 D nessuno E k =0, 2 E iiiper quali valori di k il sistema è impossibile? Risposta: A k =0, 2 B k =0, 2 C k =0 D k =1 E nessuno C ivper quali valori di k il sistema ammette infinite soluzioni? Risposta: A k =0, 2 B k =0, 2 C k =0 D k =2 E nessuno D

3 Esonero del 15 Novembre 2001 Cognome: Nome: C.d.L.: B Limitarsi a scrivere nella colonna destra, all altezza della freccia, la lettera corrispondente alla soluzione corretta Determinare le soluzioni dell equazione: x 2 +1= x 1 1Risposta: A 0, -1 B 0, 1 C 1, 2 D 1 E 2 Dati i vettori di R 3 X =( t, 2,t, Y =(t, 1, 2t; Per quali valori di t R sono paralleli? 2Risposta: A 0 B 1 C 2 D 3 E nessuno Per quali valori di t R sono ortogonali? 3Risposta: A 0,-5 B 1,-5 C 0 D 2 E ± 2 Determinare il rango della matrice ( cos π Risposta: A 0 B 1 C 2 D 3 E 4 Determinare il prodotto righe per colonne 5Risposta: A ( ( 1 2 B ( 1 7 C 2 5 D Calcolare il determinante Risposta: A -17 B 17 C -34 D 34 E 0 7Si consideri, al variare del parametro reale k, il sistema kx + ky + z =1 kx +2z =1 3x + ky +5z =1 icalcolare il determinante della matrice dei coefficienti del sistema. Risposta: A 0 B 6k +2k 2 C 6k 2k 2 D 6k +2k 2 E 6k 2k 2 iiper quali valori di k NON si può applicare il teorema di Cramer? Risposta: A k =0, 3 B k =0, 2 C k =0, 3 D nessuno E k =0, 2 iiiper quali valori di k il sistema è impossibile? Risposta: A k =0, 2 B k =0, 3 C k =0, 2 D k =2 E nessuno ivper quali valori di k il sistema ammette infinite soluzioni? Risposta: A k =0, 3 B k =0, 2 C k =0 D nessuno E k =3

4 Esonero del 15 Novembre 2001 Cognome: Nome: C.d.L.: C Limitarsi a scrivere nella colonna destra, all altezza della freccia, la lettera corrispondente alla soluzione corretta Determinare le soluzioni dell equazione: x 2 2x +2= x 1Risposta: A 0, -1 B 0, 1 C 1, 2 D 1 E 2 Dati i vettori di R 3 X =(t, 1,t, Y =(t 1, 2t, 2; Per quali valori di t R sono paralleli? 2Risposta: A 0 B 1 C 2 D -1 E nessuno Per quali valori di t R sono ortogonali? 3Risposta: A 0,-5 B 1,-5 C 0, 5 D -5 E -1 Determinare il rango della matrice ( cos π Risposta: A 0 B 1 C 2 D 3 E Determinare il prodotto righe per colonne ( 5Risposta: A B ( C ( D Calcolare il determinante Risposta: A -16 B 17 C -17 D 0 E 16 7Si consideri, al variare del parametro reale k, il sistema ky 3z = k kx +3y =1 2x + y 3z = 1 icalcolare il determinante della matrice dei coefficienti del sistema. Risposta: A 18 3k +3k 2 B 3k + k 2 C k +3k 2 D 6 6k +3k 2 E k +3k 2 iiper quali valori di k NON si può applicare il teorema di Cramer? Risposta: A k = 2, 3 B k =2, 3 C k =2, 3 D nessuno E k =0 iiiper quali valori di k il sistema è impossibile? Risposta: A k = 2, 3 B k =2, 3 C k = 2 D k =3 E nessuno ivper quali valori di k il sistema ammette infinite soluzioni? Risposta: A k =3 B k = 2, 3 C k =2, 3 D nessuno E k = 2

5 Esonero del 15 Novembre 2001 Cognome: Nome: C.d.L.: D Limitarsi a scrivere nella colonna destra, all altezza della freccia, la lettera corrispondente alla soluzione corretta Determinare le soluzioni dell equazione: x 2 +2x +2= x 1Risposta: A 0, -1 B 0, 1 C 1, 2 D -1, -2 E 2 Dati i vettori di R 3 X =(t, 0, 1, Y =(t, t, t; Per quali valori di t R sono paralleli? 2Risposta: A -1 B 1 C 2 D 0 E nessuno Per quali valori di t R sono ortogonali? 3Risposta: A 0,-5 B 1,-5 C 0 D -5 E 0, -1 Determinare il rango della matrice ( cos π Risposta: A 0 B 1 C 2 D 3 E 4 Determinare il prodotto righe per colonne 5Risposta: A ( 1 2 B 7 5 ( C ( D Calcolare il determinante Risposta: A 0 B -32 C 32 D 30 E -30 7Si consideri, al variare del parametro reale k, il sistema x +2y z =1 x 2ky z =1 2kx 4y +2z =2k icalcolare il determinante della matrice dei coefficienti del sistema. Risposta: A 4 8k +4k 2 B 8k +4k 2 C 4+8k D 4 4k 2 E 4+8k +4k 2 iiper quali valori di k NON si può applicare il teorema di Cramer? Risposta: A k =1 B k = 1 C k =1, 1 D nessuno E k =0 iiiper quali valori di k il sistema è impossibile? Risposta: A k = 1 B k =1 C nessuno D k =0 E k =1, 1 ivper quali valori di k il sistema ammette infinite soluzioni? Risposta: A k = 1 B k =1 C k =0 D nessuno E k =1, 1

6 Esonero del 15 Novembre 2001 Cognome: Nome: C.d.L.: E Limitarsi a scrivere nella colonna destra, all altezza della freccia, la lettera corrispondente alla soluzione corretta Determinare le soluzioni dell equazione: x 2 +2x +2= x +2 1Risposta: A 0, -1 B 0, 1 C 1, 2 D 1 E 2 Dati i vettori di R 3 X =(t, 0, 1, Y =(t, t, t; Per quali valori di t R sono paralleli? 2Risposta: A 0, 1 B 0 C 1 D -1 E nessuno Per quali valori di t R sono ortogonali? 3Risposta: A 0,-1 B 1,-5 C 0 D -5 E -1 Determinare il rango della matrice ( cos π Risposta: A 0 B 1 C 2 D 3 E 4 Determinare il prodotto righe per colonne 5Risposta: A ( ( 1 2 B ( 1 7 C 2 5 D Calcolare il determinante Risposta: A 0 B -12 C 12 D -16 E 16 7Si consideri, al variare del parametro reale k, il sistema ky + z =3 kx + y +2z = k kx +4y z = 2 icalcolare il determinante della matrice dei coefficienti del sistema. Risposta: A 5k k 2 B 5k + k 2 C 5k k 2 D k k 2 E k 5k 2 iiper quali valori di k NON si può applicare il teorema di Cramer? Risposta: A k = 1, 5 B k =0, 1 C k =0, 5 D nessuno E k =0, 5 iiiper quali valori di k il sistema è impossibile? Risposta: A k =0, 5 B k =5 C nessuno D k =0 E k =0, 5 ivper quali valori di k il sistema ammette infinite soluzioni? Risposta: A k =5 B k =0, 5 C k =0 D nessuno E k =0, 5

7 Esonero del 15 Novembre 2001 Cognome: Nome: C.d.L.: F Limitarsi a scrivere nella colonna destra, all altezza della freccia, la lettera corrispondente alla soluzione corretta Determinare le soluzioni dell equazione: x 2 2x +2= x 2 1Risposta: A 0, -1 B 0, 1 C 1, 2 D 1 E 2 Dati i vettori di R 3 X =(t, 1, 1, Y =(0,t,1; Per quali valori di t R sono paralleli? 2Risposta: A 0 B 1 C 2 D 3 E nessuno Per quali valori di t R sono ortogonali? 3Risposta: A 0,-5 B 1, 0 C 0 D 1 E -1 Determinare il rango della matrice ( cos π Risposta: A 0 B 1 C 2 D 3 E Determinare il prodotto righe per colonne ( 5Risposta: A B ( C ( D Calcolare il determinante Risposta: A 45 B -45 C 10 D -10 E 0 7Si consideri, al variare del parametro reale k, il sistema x ky + z =1 ky +2z = k x kz =2k icalcolare il determinante della matrice dei coefficienti del sistema. Risposta: A k k 2 B 3k + k 2 C 3k + k 2 D 3k k 2 E 3k k 2 iiper quali valori di k NON si può applicare il teorema di Cramer? Risposta: A k =0, 1 B k =0, 3 C k =0, 3 D nessuno E k =1, 3 iiiper quali valori di k il sistema è impossibile? Risposta: A k =0, 1 B k =0, 3 C nessuno D k =0, 3 E k =1, 3 ivper quali valori di k il sistema ammette infinite soluzioni? Risposta: A k = 3 B k =0, 1 C k =0 D k =0, 3 E nessuno

8 Corsi di Laurea in Sc. Naturali e Sc. Ambientali - Facoltà di Scienze M.F.N. Esonero del 15 Novembre 2001 SOLUZIONI Testo\Domanda i 7ii 7iii 7iv A B B A B B C A E C D B A A E C C A E C B D C C D C C A E A A D E D D D E B D B E B C A E A B A C B E A E D A F B E D B A A D C D E a B A E C B A A A D E b A D C B C E A E C D c C B A C A C E C B D d D B A B D E D C D E e A E D B B A E B C A f B D E C A B A E D A

9 Esonero del 10 Gennaio 2002 Cognome: Nome: C.d.L.: A Limitarsi a scrivere nella colonna destra, all altezza della freccia, la lettera corrispondente alla soluzione corretta 1 Determinare il ite x 3 +2x 3 x 1 x 2 2x +1 Risposta: A 0 B 1 C + D E Il ite non esiste 2 Determinare il ite e 6x cos(x x 0 x + x 2 Risposta: A 2 B 6 C + D E Il ite non esiste ( x +1 3 Calcolare la derivata nel punto x = 0 della funzione log x 2 +1 Risposta: A 0 B 1 C -1 D 2 E 2 4 Calcolare il ite x + (ex x 2 x 3. Risposta: A B + C 0 D 1 E non esiste 5 Si consideri la funzione f(x =2 x 2 + log(2x +2. i Determinare l insieme di definizione di f(x. Risposta: A x > 1 B x < 1 C x 1 D x 1 E 0 < x < 1 ii Calcolare il ite per x + di f(x. Risposta: A 0 B 1 C + D non esiste E iii Calcolare la derivata f (x dif(x. Risposta: A 1 2x 2x2 1 x B 2x 2x2 1+x C 1 2x 2x2 1+x D 1+2x+2x2 2+2x E 1+2x 2+2x iv Quali sono i punti di massimo relativo di f(x? Risposta: A B C 0 D 2 E nessuno v Quali sono i punti di minimo relativo di f(x? Risposta: A B C 0 D 2 E nessuno vi Dei grafici disegnati nel foglio allegato, quale si avvicina di più a quello di f(x? Risposta: A B C D F G H L M N

10 Esonero del 10 Gennaio 2002 Cognome: Nome: C.d.L.: B Limitarsi a scrivere nella colonna destra, all altezza della freccia, la lettera corrispondente alla soluzione corretta 1 Determinare il ite x 3 +2x 3 x 1 + x 2 2x +1 Risposta: A 0 B 1 C + D E Il ite non esiste 2 Determinare il ite 1 e 2x x 0 x 2 x Risposta: A 2 B 6 C + D E Il ite non esiste ( sen(x+1 3 Calcolare la derivata nel punto x = 0 della funzione log x +1 Risposta: A 0 B 1 C -1 D 2 E 2 4 Calcolare il ite x + (x2 e x x. Risposta: A B + C 0 D 1 E non esiste 5 Si consideri la funzione f(x =x 2 + log(3 x. i Determinare l insieme di definizione di f(x. Risposta: A x > 3 B x < 3 C x 0 D x < 0 E 3 < x < 3 ii Calcolare il ite per x di f(x. Risposta: A 0 B 1 C + D non esiste E iii Calcolare la derivata f (x dif(x. Risposta: A 1 6x 3+x B 1 6x 2x2 3+x C 1+6x 2x2 3 x iv Quali sono i punti di massimo relativo di f(x? D 1+6x 2x2 3 x E 2x 3+x Risposta: A B C 0 D E nessuno v Quali sono i punti di minimo relativo di f(x? Risposta: A B C 0 D E nessuno vi Dei grafici disegnati nel foglio allegato, quale si avvicina di più a quello di f(x? Risposta: A B C D F G H L M N

11 Esonero del 10 Gennaio 2002 Cognome: Nome: C.d.L.: C Limitarsi a scrivere nella colonna destra, all altezza della freccia, la lettera corrispondente alla soluzione corretta 1 Determinare il ite x 2 4x +4 x 2 x 4 16 Risposta: A 0 B 1 C + D E Il ite non esiste 2 Determinare il ite log(x x 0 + x 2 + x Risposta: A 2 B 6 C + D E Il ite non esiste 3 Calcolare la derivata nel punto x = 0 della funzione log ( cos(x x 2 +1 Risposta: A 0 B 1 C -1 D 2 E 2 4 Calcolare il ite x + (ex e 3x x 5. Risposta: A B + C 0 D 1 E non esiste 5 Si consideri la funzione f(x =2x + log(x +5. i Determinare l insieme di definizione di f(x. Risposta: A x > 0 B x 5 C x < 5 D x > 5 E x 5 ii Calcolare il ite per x + di f(x. Risposta: A 0 B 1 C D non esiste E + iii Calcolare la derivata f (x dif(x. Risposta: A 2x+11 x+5 B 2x 11 x+5 C 10x 1 x 5 D 1 x+5 E 2x2 1 x+5 iv Quali sono i punti di massimo relativo di f(x? Risposta: A B C 0 D E nessuno v Quali sono i punti di minimo relativo di f(x? Risposta: A B C 0 D E nessuno vi Dei grafici disegnati nel foglio allegato, quale si avvicina di più a quello di f(x? Risposta: A B C D F G H L M N

12 Esonero del 10 Gennaio 2002 Cognome: Nome: C.d.L.: D Limitarsi a scrivere nella colonna destra, all altezza della freccia, la lettera corrispondente alla soluzione corretta 1 Determinare il ite x 10 3 x + x Risposta: A 0 B 1 C + D E Il ite non esiste 2 Determinare il ite x 0 + log(x x 2 + x 4 Risposta: A 2 B 6 C + D E Il ite non esiste ( 2 x 3 Calcolare la derivata nel punto x = 0 della funzione log 1+e x Risposta: A 0 B 1 C -1 D 2 E 2 4 Calcolare il ite x + (x3 +1e 2x. Risposta: A B + C 0 D 1 E non esiste 5 Si consideri la funzione f(x =1 x 2 log(6 2x. i Determinare l insieme di definizione di f(x. Risposta: A x > 3 B x 0 C x < 0 D 3 < x < 3 E x < 3 ii Calcolare il ite per x di f(x. Risposta: A 0 B 1 C D non esiste E + iii Calcolare la derivata f (x dif(x. Risposta: A 1 6x x B 1 3 x C 1 6x+2x2 3+x D 1+6x+2x2 3 x E 1 6x+2x2 3 x iv Quali sono i punti di massimo relativo di f(x? Risposta: A B 7 2 C 0 D E nessuno v Quali sono i punti di minimo relativo di f(x? Risposta: A B 7 2 C 0 D E nessuno vi Dei grafici disegnati nel foglio allegato, quale si avvicina di più a quello di f(x? Risposta: A B C D F G H L M N

13 Esonero del 10 Gennaio 2002 Cognome: Nome: C.d.L.: E Limitarsi a scrivere nella colonna destra, all altezza della freccia, la lettera corrispondente alla soluzione corretta 1 Determinare il ite x 3 + x 2 x x 2 2x Risposta: A 0 B 1 C + D E Il ite non esiste 2 Determinare il ite x 0 x 2 x 3 1 cos x Risposta: A 2 B 6 C + D E Il ite non esiste 3 Calcolare la derivata nel punto x = 0 della funzione log ( cos(x 1+2x Risposta: A 0 B 1 C -1 D 2 E 2 4 Calcolare il ite ( e 1 x + 1 x+1 + x. Risposta: A B + C 0 D 1 E non esiste 5 Si consideri la funzione f(x =3x log(x 2. i Determinare l insieme di definizione di f(x. Risposta: A x 0 B x 0 C x 0 D x>0 E x<3 ii Calcolare il ite per x + di f(x. Risposta: A 0 B 1 C D non esiste E + iii Calcolare la derivata f (x dif(x. Risposta: A 3+ 2 x B 3 1 x 2 C 1 x D 3 2 x E 3 2x iv Quali sono i punti di massimo relativo di f(x? Risposta: A 3 2 B 3 C 2 3 D 3 2 E nessuno v Quali sono i punti di minimo relativo di f(x? Risposta: A 3 2 B 3 C 2 3 D 3 2 E nessuno vi Dei grafici disegnati nel foglio allegato, quale si avvicina di più a quello di f(x? Risposta: A B C D F G H L M N

14 Esonero del 10 Gennaio 2002 Cognome: Nome: C.d.L.: F Limitarsi a scrivere nella colonna destra, all altezza della freccia, la lettera corrispondente alla soluzione corretta 1 Determinare il ite x 2 x 2 3x +2 x 3 2x 2 3x +6 Risposta: A 0 B 1 C + D E Il ite non esiste 2 Determinare il ite sen(6x + x 2 x 0 x + x 2 Risposta: A 2 B 6 C + D E Il ite non esiste 3 Calcolare la derivata nel punto x = 0 della funzione log ( 1+2x cos(x Risposta: A 0 B 1 C -1 D 2 E 2 4 Calcolare il ite x + e 2x x 4 + x 3. Risposta: A B + C 0 D 1 E non esiste 5 Si consideri la funzione f(x = log(4 + x+2x 2. i Determinare l insieme di definizione di f(x. Risposta: A x < 4 B x > 4 C x < 4 D x > 4 E x 0 ii Calcolare il ite per x + di f(x. Risposta: A 0 B 1 C D non esiste E + iii Calcolare la derivata f (x dif(x. Risposta: A 16x x+4 B 1 x+4 C 4x2 +16x+1 4+x D 16x+1 4 x iv Quali sono i punti di massimo relativo di f(x? E 4x2 16x 1 4+x Risposta: A B 15 2 C 0 D E nessuno v Quali sono i punti di minimo relativo di f(x? Risposta: A B 15 2 C 0 D E nessuno vi Dei grafici disegnati nel foglio allegato, quale si avvicina di più a quello di f(x? Risposta: A B C D F G H L M N

15 Allegato all'esonero del 10 gennaio Istituzioni di Matematiche (Sc. Nat. e Amb. A B C D H F G L M N

16 Corsi di Laurea in Sc. Naturali e Sc. Ambientali - Facoltà di Scienze M.F.N. Esonero del 10 Gennaio 2002 SOLUZIONI Testo\Domanda i 5ii 5iii 5iv 5v 5vi A D B B B A E C A E B B C A A A B C D B D N C A D A B D E A E E H D B D C C E C E A D G E D A E D C E D E C A F B B D B B E C A D D a D A A B B C D B D N b C D B A D E A E E H c A B A B A E C A E B d B A D C C E D E C A e D B C D B E C A D D f B D E B E C E A D G

17 Esonero del 1 febbraio 2002 Cognome: Nome: C.d.L.: A Per le domande 1-6 itarsi a scrivere nella colonna destra, all altezza della freccia, la lettera corrispondente alla soluzione corretta 1 Quale delle seguenti funzioni è una primitiva della funzione f(x = 2 log(x x per x>0? Risposta: A log 2 (x B log(x 2 C log(2x D x log(x E log(x/x 2 Calcolare l integrale indefinito (x cos(xdx. Risposta: A x sen(x B x 2 sen(x+2x cos(x C 2x sen(x x 2 cos(x D sen(x x cos(x 3 Calcolare l integrale definito 1 0 (6x3 x +1dx. Risposta: A 0 B 1 C 2 D 3 E 4 F 5 4 Calcolare l integrale definito 1 0 4e3 x dx. Risposta: A 4(e 3 e 2 B 2(e e 1 C 2(e 4 e 2 D 4(e 9 e 8 E 4(e 4 e 5 F 2(e 3 e 2 5 Solo una delle seguenti equazioni differenziali NON è lineare omogenea. Indicare quale: Risposta: A y = yt 2 B y = y 2 1 C y = ye t D y = ty E y = sen(ty 6 Trovare tutte le soluzioni dell equazione differenziale y = ty. Risposta: A y = C + e t2 B y = Ce t2 C y = Ce t2 /2 D y = Ce t E y = Ct 2 7 Risolvere il Problema di Cauchy ( 2 y = t 1 y y(1 = e. Scrivere qui di seguito SOLTANTO la soluzione ottenuta (e non i calcoli eseguiti per ottenerla:

18 Esonero del 1 febbraio 2002 Cognome: Nome: C.d.L.: B Per le domande 1-6 itarsi a scrivere nella colonna destra, all altezza della freccia, la lettera corrispondente alla soluzione corretta 1 Quale delle seguenti funzioni è una primitiva della funzione f(x = 2 x per x>0? Risposta: A log 2 (x B log(x 2 C log(2x D x log(x E log(x/x 2 Calcolare l integrale indefinito x cos(xdx. Risposta: A x sen(x + cos(x B x 2 sen(x+2x cos(x C 2x sen(x x 2 cos(x D sen(x 3 Calcolare l integrale definito 1 0 (6x3 xdx. Risposta: A 0 B 1 C 2 D 3 E 4 F 5 4 Calcolare l integrale definito 1 0 4e2x+1 dx. Risposta: A 4(e 3 e 2 B 2(e e 1 C 2(e 4 e 2 D 4(e 9 e 8 E 4(e 4 e 5 F 2(e 3 e 5 Solo una delle seguenti equazioni differenziali NON è lineare omogenea. Indicare quale: Risposta: A y = e y B y = ty y C y = ye t D y = ty E y = sen(ty 6 Trovare tutte le soluzioni dell equazione differenziale y = cos(2t y. Risposta: A y = Ce sen(2t B y = C sen(2t C y = Ce sen(2t/2 D y = Ce sen(2t/2 E y = Ct 2 7 Risolvere il Problema di Cauchy y = t +1 y 2t y(1 = e 1/2. Scrivere qui di seguito SOLTANTO la soluzione ottenuta (e non i calcoli eseguiti per ottenerla:

19 Esonero del 1 febbraio 2002 Cognome: Nome: C.d.L.: C Per le domande 1-6 itarsi a scrivere nella colonna destra, all altezza della freccia, la lettera corrispondente alla soluzione corretta 1 Quale delle seguenti funzioni è una primitiva della funzione f(x = log(x + 1 per x > 0? Risposta: A log 2 (x B log(x 2 C log(2x D x log(x E log(x/x 2 Calcolare l integrale indefinito (x sen(xdx. Risposta: A x sen(x + cos(x B x 2 sen(x C 2x sen(x x 2 cos(x D sen(x x cos(x 3 Calcolare l integrale definito 1 0 (6x3 x +4dx. Risposta: A 0 B 1 C 2 D 3 E 4 F 5 4 Calcolare l integrale definito 1 0 4ex+8 dx. Risposta: A 4(e 3 e 2 B 2(e e 1 C 2(e 4 e 2 D 4(e 9 e 8 E 4(e 4 e 5 F 2(e 3 e 2 5 Solo una delle seguenti equazioni differenziali NON è lineare omogenea. Indicare quale: Risposta: A y = t 2 y B y = y C y = y ye t D y = t sen(y E y = sen(ty 6 Trovare tutte le soluzioni dell equazione differenziale y = y t. Risposta: A y = C/t B y = Ct C y = C/t 2 D y = Ce t E y = Clog t 7 Risolvere il Problema di Cauchy y = t 1 y t y(1 = e 2. Scrivere qui di seguito SOLTANTO la soluzione ottenuta (e non i calcoli eseguiti per ottenerla:

20 Esonero del 1 febbraio 2002 Cognome: Nome: C.d.L.: D Per le domande 1-6 itarsi a scrivere nella colonna destra, all altezza della freccia, la lettera corrispondente alla soluzione corretta 1 Quale delle seguenti funzioni è una primitiva della funzione f(x = 1 x per x>0? Risposta: A log 2 (x B log(x 2 C log(2x D x log(x E log(x/x 2 Calcolare l integrale indefinito x sen(xdx. Risposta: A x sen(x + cos(x B x 2 sen(x+2x cos(x C x 2 cos(x D sen(x x cos(x 3 Calcolare l integrale definito 1 0 (6x3 x 1dx. Risposta: A 0 B 1 C 2 D 3 E 4 F 5 4 Calcolare l integrale definito 1 0 4e4 2x dx. Risposta: A 4(e 3 e 2 B 2(e e 1 C 2(e 4 e 2 D 4(e 9 e 8 E 4(e 4 e 5 F 2(e 3 e 2 5 Solo una delle seguenti equazioni differenziali NON è lineare omogenea. Indicare quale: Risposta: A y = yt 2 B y = ty +2y C y = e ty D y = ty E y = sen(ty 6 Trovare tutte le soluzioni dell equazione differenziale y = 8 y. Risposta: A y = C + e 8t B y = Ce 8t C y = Ce 8t D y =8t E y = Ce 4t 7 Risolvere il Problema di Cauchy y = (1+ 1t 2 y y(1 = 2. Scrivere qui di seguito SOLTANTO la soluzione ottenuta (e non i calcoli eseguiti per ottenerla:

21 Esonero del 1 febbraio 2002 Cognome: Nome: C.d.L.: E Per le domande 1-6 itarsi a scrivere nella colonna destra, all altezza della freccia, la lettera corrispondente alla soluzione corretta 1 Quale delle seguenti funzioni è una primitiva della funzione f(x = log(x2 x per x>0? Risposta: A log 2 (x B log(x 2 C log(2x D x log(x E log(x/x 2 Calcolare l integrale indefinito (2 + x cos(xdx. Risposta: A (2 + x sen x cos(x B (2 + x sen x + cos(x C (2 + x sen x D sen(x cos(x 3 Calcolare l integrale definito 1 0 (6x3 x +3dx. Risposta: A 0 B 1 C 2 D 3 E 4 F 5 4 Calcolare l integrale definito 1 0 4ex 5 dx. Risposta: A 4(e 3 e 2 B 2(e e 1 C 2(e 4 e 2 D 4(e 9 e 8 E 4(e 4 e 5 F 2(e 3 e 2 5 Solo una delle seguenti equazioni differenziali NON è lineare omogenea. Indicare quale: Risposta: A y = yt 2 B y = y y 2 C y = ye t D y = ty E y = sen(ty 6 Trovare tutte le soluzioni dell equazione differenziale y = 6t y. Risposta: A y = C + e 6t2 B y = Ce 3t2 C y = Ce 6t D y = Ce 3t2 E y = Ct 2 7 Risolvere il Problema di Cauchy y = 1 2t t 2 y y(1 = 2. Scrivere qui di seguito SOLTANTO la soluzione ottenuta (e non i calcoli eseguiti per ottenerla:

22 Esonero del 1 febbraio 2002 Cognome: Nome: C.d.L.: F Per le domande 1-6 itarsi a scrivere nella colonna destra, all altezza della freccia, la lettera corrispondente alla soluzione corretta 1 Quale delle seguenti funzioni è una primitiva della funzione f(x = 1+x x per x>0? Risposta: A log 2 (x B log(x 2 C log(2x D x log(x E log(x+x 2 Calcolare l integrale indefinito (6 4xe 2x dx. Risposta: A (3 2xe 2x B (4 2xe 2x C (6 2xe 2x D 6e 2x 3 Calcolare l integrale definito 1 0 (6x3 x +2dx. Risposta: A 0 B 1 C 2 D 3 E 4 F 5 4 Calcolare l integrale definito 1 0 4e2x 1 dx. Risposta: A 4(e 3 e 2 B 2(e e 1 C 2(e 4 e 2 D 4(e 9 e 8 E 4(e 4 e 5 F 2(e 3 e 2 5 Solo una delle seguenti equazioni differenziali NON è lineare omogenea. Indicare quale: Risposta: A y = yt 2 B y = e t y C y = y ye t D y = ty E y = t log(y 6 Trovare tutte le soluzioni dell equazione differenziale y = 1 t 2 y. Risposta: A y = C + e et B y = Ce 1/t C y = Ce t2 /2 D y = Ce t E y = Ce 1/t 7 Risolvere il Problema di Cauchy y = 2t2 +1 t y(1 = e. y Scrivere qui di seguito SOLTANTO la soluzione ottenuta (e non i calcoli eseguiti per ottenerla:

23 Corsi di Laurea in Sc. Naturali e Sc. Ambientali - Facoltà di Scienze M.F.N. Esonero del 1 febbraio 2002 SOLUZIONI Testo\Domanda A A B C A B C B B A B F A D C D C F D D A D C D A C C B E A B E E B D F E B D B E E a A A F D B D b B C C A A A c D B B F D C d C B D B C D e A B A C B E f E D E E E B SOLUZIONI DEL SETTIMO ESERCIZIO. COMPITO A: y(t =e 2+2 log t t = t 2 e 2 t COMPITO B: y(t =e t/2+log t 1/2 = t e t/2 COMPITO C: y(t =e 1+t log t = e t+1 /t COMPITO D: y(t = 2e t 1/t COMPITO E: y(t =2e 1 1/t 2 log t =2e 1 1/t /t 2 COMPITO F: y(t =e t2 +log t = t e t2 COMPITO a: y(t =e 1+t log t = e t+1 /t COMPITO b: y(t =e 2+2 log t t = t 2 e 2 t COMPITO c: y(t =e t/2+log t 1/2 = t e t/2 COMPITO d: COMPITO e: y(t =e t2 +log t = t e t2 y(t = 2e t 1/t COMPITO f: y(t =2e 1 1/t 2logt =2e 1 1/t /t 2

24 Esonero del 14 Novembre 2002 Cognome: Nome: C.d.L.: A Limitarsi a scrivere nella colonna destra, all altezza della freccia, la lettera corrispondente alla soluzione corretta Determinare l insieme delle soluzioni della disequazione: x Risposta: A {x 2} {2 x} B [ 2, 2] C {0} D {x 2} {0} {2 x} E {x < 2} {2 <x} {0} Dati i vettori di R 3 X =(t +1,t 2, 3t, Y = ( t, t+1 4, 3 2 ; Per quali valori di t R sono paralleli? 2 Risposta: A 0 B 1 C 0,1 D nessuno E 1, 1 2 Per quali valori di t R sono ortogonali? 3 Risposta: A 5 ± 3 2 B nessuno C 0 D 0,1 E 0, 5 ± 3 2 Una sola delle seguenti applicazioni tra spazi vettoriali è lineare; quale? 4 Risposta: A f(x, y, z = (x, y, z 2 B f(x, y, z =x +2y + log(1 + z C f(x, y =(x, xy, y D f(x 1,x 2,x 3,x 4 = ( x 1 x 2, 6x 3 + x 4, log [ e (x1 x4] Determinare il prodotto righe per colonne 5 Risposta: A B ( cos π ( C ( D Calcolare il determinante Risposta: A 2 B -5 C 12 D 1 E 6 F 10 7 Si consideri, al variare del parametro reale k, il sistema x + y +(3 kz =1 kx + y + kz =2 kx + kz =2 i Calcolare il determinante della matrice dei coefficienti del sistema. Risposta: A 2k k 2 B 2k + k 2 C 2k + k 2 D k + k 2 E 0 ii Per quali valori di k NON si può applicare il teorema di Cramer? Risposta: A k =0, 1 B k =0, 2 C k = 1, 2 D nessuno E k =0, 2 iii Per quali valori di k il sistema è impossibile? Risposta: A k =0, 2 B k =0, 2 C k =0 D k =1 E nessuno iv Per quali valori di k il sistema ammette infinite soluzioni? Risposta: A k =0, 2 B k =0, 2 C k =0 D k =2 E nessuno

25 Esonero del 14 Novembre 2002 Cognome: Nome: C.d.L.: B Limitarsi a scrivere nella colonna destra, all altezza della freccia, la lettera corrispondente alla soluzione corretta Determinare l insieme delle soluzioni della disequazione: 8 x 2 < 8 1 Risposta: A { 4 <x<4} B {x 4} {4 x} {0} C {x 0} D [ 4, 4] \{0} E { 4 <x<0} {0 <x<4} Dati i vettori di R 3 X =(2t, 1 t, 2, Y = ( t, 3 2 t, t 1 ; Per quali valori di t R sono paralleli? 2 Risposta: A 0 B 1 C 2 D 2,-1 E nessuno Per quali valori di t R sono ortogonali? 3 Risposta: A nessuno B 7 ± 65 2 Una sola delle seguenti applicazioni tra spazi vettoriali è lineare; quale? 4 Risposta: A f(x, y = ( y, y, y 2 B f(x, y, z =( x2,y,z C 0 D 1 E 7 ± 65, 0 2 C f(x, y, z =x +2y + 3 log (e z D f(x 1,x 2,x 3,x 4 = ( e (x1+x2+x3+x4 1, 0, 0 Determinare il prodotto righe per colonne 5 Risposta: A B ( senπ 2 ( ( 1 3 C 2 2 D Calcolare il determinante Risposta: A 2 B 5 C 12 D 1 E 6 F 10 7 Si consideri, al variare del parametro reale k, il sistema (2 + kx +2y + z =1 2x + y +2z =1 k 3x +2y +(2 kz =3 i Calcolare il determinante della matrice dei coefficienti del sistema. Risposta: A 0 B k + k 2 C k k 2 D 1+k 2 E 1 k 2 ii Per quali valori di k NON si può applicare il teorema di Cramer? Risposta: A k =0, 1 B k =0, 1 C k =0 D nessuno E k =1, 1 iii Per quali valori di k il sistema è impossibile? Risposta: A k =0 B k = 1 C k =1 D k =2 E nessuno iv Per quali valori di k il sistema ammette infinite soluzioni? Risposta: A k =0 B k = 1 C k =1 D k =2 E nessuno

Corso di Matematica per CTF Appello 15/12/2010

Corso di Matematica per CTF Appello 15/12/2010 Appello 15/12/2010 Svolgere i seguenti esercizi: 1) Calcolare entrambi i limiti: a) lim(1 x) 1 e x 1 ; x 0 x log 2 x b) lim x 1 1 cos(x 1). 2) Data la funzione: f(x) = x log x determinarne dominio, eventuali

Dettagli

EQUAZIONI DIFFERENZIALI. 1. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x 2 log t (d) x = e t x log x (e) y = y2 5y+6

EQUAZIONI DIFFERENZIALI. 1. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x 2 log t (d) x = e t x log x (e) y = y2 5y+6 EQUAZIONI DIFFERENZIALI.. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x log t (d) x = e t x log x (e) y = y 5y+6 (f) y = ty +t t +y (g) y = y (h) xy = y (i) y y y = 0 (j) x = x (k)

Dettagli

Attenzione: i programmi sono cambiati negli anni. Non tutti gli esercizi nella presente raccolta riguardano argomenti trattati.

Attenzione: i programmi sono cambiati negli anni. Non tutti gli esercizi nella presente raccolta riguardano argomenti trattati. Si raccolgono qui temi d esame, esercizi e domande di teoria dati negli anni 3-4 nei corsi di Analisi Matematica I presso il DTG di Vicenza. Il materiale è stato reso disponibile dai docenti che hanno

Dettagli

EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esercizi svolti. y = xy. y(2) = 1.

EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esercizi svolti. y = xy. y(2) = 1. EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esercizi svolti 1. Determinare la soluzione dell equazione differenziale (x 2 + 1)y + y 2 =. y + x tan y = 2. Risolvere il problema di Cauchy y() = 1 2 π. 3. Risolvere il problema

Dettagli

I appello - 24 Marzo 2006

I appello - 24 Marzo 2006 Facoltà di Ingegneria - Corso di Laurea in Ing. Energetica e Gestionale A.A.2005/2006 I appello - 24 Marzo 2006 Risolvere gli esercizi motivando tutte le risposte. I.) Studiare la convergenza puntuale,

Dettagli

6. Calcolare le derivate parziali prime e seconde, verificando la validità del teorema di Schwarz:

6. Calcolare le derivate parziali prime e seconde, verificando la validità del teorema di Schwarz: FUNZIONI DI PIU VARIABILI Esercizi svolti. Determinare il dominio delle seguenti funzioni e rappresentarlo graficamente : (a) f log( x y ) (b) f log(x + y ) (c) f y x 4 (d) f sin(x + y ) (e) f log(xy +

Dettagli

COGNOME e NOME: FIRMA: MATRICOLA:

COGNOME e NOME: FIRMA: MATRICOLA: Anno Accademico 203/ 204 Corsi di Analisi Matematica I (Proff A Villani e F Faraci) Prova d Esame del giorno 6 febbraio 204 Prima prova scritta (compito A) Non sono consentiti formulari, appunti, libri

Dettagli

Scrivere nome, cognome e numero di matricola su tutti i fogli che si consegnano!

Scrivere nome, cognome e numero di matricola su tutti i fogli che si consegnano! ANNO ACCADEMICO 2014 15 SCIENZE GEOLOGICHE E SCIENZE NATURALI E AMBIENTALI MATEMATICA TERZO COMPITINO TESTO A PROFF. MARCO ABATE E ROSETTA ZAN 29 maggio 2015 Nome e cognome Matricola ISTRUZIONI: Si possono

Dettagli

FACOLTÀ DI INGEGNERIA ESAME DI ANALISI MATEMATICA A A.A. 2008/2009 - Ing. Biomedica, Elettrica, Elettronica, Informatica - L Z

FACOLTÀ DI INGEGNERIA ESAME DI ANALISI MATEMATICA A A.A. 2008/2009 - Ing. Biomedica, Elettrica, Elettronica, Informatica - L Z FACOLTÀ DI INGEGNERIA ESAME DI ANALISI MATEMATICA A A.A. 2008/2009 - Ing. Biomedica, Elettrica, Elettronica, Informatica - L Z L esame è costituito da una prova scritta (o, in alternativa, da due prove

Dettagli

Numeri Complessi. 4. Ricordando che, se z è un numero complesso, zz è un numero reale, mettere sotto la forma. z 2 + 2z + 2 = 0. z 2 + 2z + 6 = 0.

Numeri Complessi. 4. Ricordando che, se z è un numero complesso, zz è un numero reale, mettere sotto la forma. z 2 + 2z + 2 = 0. z 2 + 2z + 6 = 0. Numeri Complessi. Siano z = + i e z 2 = i. Calcolare z + z 2, z z 2, z z 2 e z z 2. 2. Siano z = 2 5 + i 2 e z 2 = 5 2 2i. Calcolare z + z 2, z z 2, z z 2 e z z 2. 3. Ricordando che, se z è un numero complesso,

Dettagli

COGNOME e NOME: FIRMA: MATRICOLA:

COGNOME e NOME: FIRMA: MATRICOLA: Anno Accademico 04/ 05 Corsi di Analisi Matematica I Proff. A. Villani, R. Cirmi e F. Faraci) Prova d Esame del giorno 6 febbraio 05 Prima prova scritta compito A) Non sono consentiti formulari, appunti,

Dettagli

15 febbraio 2010 - Soluzione esame di geometria - 12 crediti Ingegneria gestionale - a.a. 2009-2010 COGNOME... NOME... N. MATRICOLA...

15 febbraio 2010 - Soluzione esame di geometria - 12 crediti Ingegneria gestionale - a.a. 2009-2010 COGNOME... NOME... N. MATRICOLA... 15 febbraio 010 - Soluzione esame di geometria - 1 crediti Ingegneria gestionale - a.a. 009-010 COGNOME.......................... NOME.......................... N. MATRICOLA............. La prova dura

Dettagli

Ingegneria Elettronica, Informatica e delle Telecomunicazioni Prova scritta di ANALISI B - 06/04/2006

Ingegneria Elettronica, Informatica e delle Telecomunicazioni Prova scritta di ANALISI B - 06/04/2006 Ingegneria Elettronica, Informatica e delle Telecomunicazioni Prova scritta di ANALISI B - 06/04/2006 CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA... NOME E COGNOME:... NUMERO DI MATRICOLA:... (scrivere nome e cognome

Dettagli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti.

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Def. Si dice equazione differenziale lineare del secondo ordine

Dettagli

MATEMATICA GENERALE - (A-D) Prova d esame del 1 giugno 2012 - FILA A

MATEMATICA GENERALE - (A-D) Prova d esame del 1 giugno 2012 - FILA A MATEMATICA GENERALE - (A-D) Prova d esame del giugno 202 - FILA A Nome e cognome Matricola I Parte OBBLIGATORIA (quesiti preliminari: punto ciascuno). Riportare le soluzioni su questo foglio, mostrando

Dettagli

a) Osserviamo innanzi tutto che dev essere x > 0. Pertanto il dominio è ]0, + [. b) Poniamo t = log x. Innanzi tutto si ha:

a) Osserviamo innanzi tutto che dev essere x > 0. Pertanto il dominio è ]0, + [. b) Poniamo t = log x. Innanzi tutto si ha: ESERCIZIO - Data la funzione f (x) = (log x) 6 7(log x) 5 + 2(log x) 4, si chiede di: a) calcolare il dominio di f ; ( punto) b) studiare la positività e le intersezioni con gli assi; (3 punti) c) stabilire

Dettagli

EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esercizi con soluzione

EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esercizi con soluzione EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esercizi con soluzione. Calcolare l integrale generale delle seguenti equazioni differenziali lineari del primo ordine: (a) y 2y = (b) y + y = e x (c) y 2y = x 2 + x (d) 3y + y

Dettagli

Sono definite in sottoinsiemi di R n (n N), a valori in R Ci si limiterà al caso di R 2 o di R 3

Sono definite in sottoinsiemi di R n (n N), a valori in R Ci si limiterà al caso di R 2 o di R 3 1 FUNZIONI DI PIÙ VARIABILI 1 1 Funzioni di più variabili Sono definite in sottoinsiemi di R n (n N), a valori in R Ci si limiterà al caso di R 2 o di R 3 Definizione 1.1 Dati D R 2 e f : D R, l insieme

Dettagli

Analisi I - IngBM - 2014-15 COMPITO A 21 Febbraio 2015 COGNOME... NOME... MATRICOLA... VALUTAZIONE... +... =...

Analisi I - IngBM - 2014-15 COMPITO A 21 Febbraio 2015 COGNOME... NOME... MATRICOLA... VALUTAZIONE... +... =... Analisi I - IngBM - 2014-15 COMPITO A 21 Febbraio 2015 COGNOME........................ NOME............................. MATRICOLA....................... VALUTAZIONE..... +..... =...... 1. Istruzioni Gli

Dettagli

Numeri Complessi. 4. Ricordando che, se z è un numero complesso, zz è un numero reale, mettere sotto la forma. z 2 + 2z + 2 = 0. z 2 + 2z + 6 = 0.

Numeri Complessi. 4. Ricordando che, se z è un numero complesso, zz è un numero reale, mettere sotto la forma. z 2 + 2z + 2 = 0. z 2 + 2z + 6 = 0. Numeri Complessi. Siano z = + i e z 2 = i. Calcolare z + z 2, z z 2, z z 2 e z z 2. 2. Siano z = 2 5 + i 2 e z 2 = 5 2 2i. Calcolare z + z 2, z z 2, z z 2 e z z 2. 3. Ricordando che, se z è un numero complesso,

Dettagli

DOMINIO di FUNZIONI. PREREQUISITI: Grafici delle funzioni elementari. Calcolo di EQUAZIONI e DISEQUAZIONI, intere e fratte.

DOMINIO di FUNZIONI. PREREQUISITI: Grafici delle funzioni elementari. Calcolo di EQUAZIONI e DISEQUAZIONI, intere e fratte. DOMINIO di FUNZIONI PREREQUISITI: Grafici delle funzioni elementari. Calcolo di EQUAZIONI e DISEQUAZIONI, intere e fratte. Tutorial di Barberis Paola - 2009 Definizioni: FUNZIONE e DOMINIO LA FUNZIONE

Dettagli

Prova di recupero del debito formativo di matematica 02/11/09 A

Prova di recupero del debito formativo di matematica 02/11/09 A Prova di recupero del debito formativo di matematica 02/11/09 A Barrare la risposta esatta. Per ogni quesito, la risposta esatta è unica. Ogni risposta esatta vale un punto, ogni risposta errata comporta

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

Prova scritta di Geometria 2 Prof. M. Boratynski

Prova scritta di Geometria 2 Prof. M. Boratynski 10/9/2008 Es. 1: Si consideri la forma bilineare simmetrica b su R 3 associata, rispetto alla base canonica {e 1, e 2, e 3 } alla matrice 3 2 1 A = 2 3 0. 1 0 1 1) Provare che (R 3, b) è uno spazio vettoriale

Dettagli

MODALITA E DATE DEGLI ESAMI

MODALITA E DATE DEGLI ESAMI A.A. 2015/16 CORSO DI ANALISI MATEMATICA 1 PER I CORSI DI LAUREA IN MATEMATICA E FISICA I semestre, 12 crediti Teoria: 9 crediti, tenuti da me Esercitazioni: 3 crediti, tenuti dal Dott. Bruno Scardamaglia

Dettagli

Facoltà di Economia. Anno Accademico 2009-2010 - Programma del Corso. Matematica Generale (PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO)

Facoltà di Economia. Anno Accademico 2009-2010 - Programma del Corso. Matematica Generale (PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO) Insegnamento Docente Corso di Laurea CFU 8 Lingua di Insegnamento Italiano Semestre di svolgimento Primo Tipologia Fondamentale SSD SECS-S/06 Codice di Ateneo Anno di Corso Primo Matematica Generale (PROGRAMMA

Dettagli

Matematica e Statistica

Matematica e Statistica Matematica e Statistica Prova d esame (0/07/03) Università di Verona - Laurea in Biotecnologie - A.A. 0/3 Matematica e Statistica Prova di MATEMATICA (0/07/03) Università di Verona - Laurea in Biotecnologie

Dettagli

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA DEFINIZIONE: Dato un numero reale a che sia a > 0 e a si definisce funzione esponenziale f(x) = a x la relazione che ad ogni valore di x associa uno e un solo

Dettagli

MATEMATICA GENERALE - (A-D) Prova d esame del 7 febbraio 2012 - FILA A

MATEMATICA GENERALE - (A-D) Prova d esame del 7 febbraio 2012 - FILA A MATEMATICA GENERALE - (A-D) Prova d esame del 7 febbraio 2012 - FILA A Nome e cognome Matricola I Parte OBBLIGATORIA (quesiti preliminari: 1 punto ciascuno). Riportare le soluzioni su questo foglio, mostrando

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Civile Analisi Matematica I

Corso di Laurea in Ingegneria Civile Analisi Matematica I Corso di Laurea in Ingegneria Civile Analisi Matematica I Lezioni A.A. 2003/2004, prof. G. Stefani primo semiperiodo 22/9/03-8/11/03 Testo consigliato: Robert A. Adams - Calcolo differenziale 1 - Casa

Dettagli

Esercizio 2 Si consideri la funzione f definita dalle seguenti condizioni: e x. per x 1 f(x) = α x + e 1 per 1 < x

Esercizio 2 Si consideri la funzione f definita dalle seguenti condizioni: e x. per x 1 f(x) = α x + e 1 per 1 < x FUNZIONI Esercizio 1 Studiare la funzione f(x) = ln ( ) x e disegnarne il grafico. x 1 Esercizio 2 Si consideri la funzione f definita dalle seguenti condizioni: { e x per x 1 f(x) = α x + e 1 per 1

Dettagli

Analisi Matematica 2 per Matematica Esempi di compiti, primo semestre 2011/2012

Analisi Matematica 2 per Matematica Esempi di compiti, primo semestre 2011/2012 Analisi Matematica 2 per Matematica Esempi di compiti, primo semestre 211/212 Ricordare: una funzione lipschitziana tra spazi metrici manda insiemi limitati in insiemi limitati; se il dominio di una funzione

Dettagli

Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio

Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio. Funzioni e insiemi numerici.4 Verificare che (A B) (A B) = (A A ) B. ) Sia (a, b) (A B) (A B). Allora a (A A ) e b B, da cui (a,

Dettagli

SIMULAZIONE TEST ESAME - 1

SIMULAZIONE TEST ESAME - 1 SIMULAZIONE TEST ESAME - 1 1. Il dominio della funzione f(x) = log (x2 + 1)(4 x 2 ) (x 2 2x + 1) è: (a) ( 2, 2) (b) ( 2, 1) (1, 2) (c) (, 2) (2, + ) (d) [ 2, 1) (1, 2] (e) R \{1} 2. La funzione f : R R

Dettagli

CLASSE 4B LICEO SCIENTIFICO PROGRAMMA SVOLTO A.S. 2011-12. Disciplina : MATEMATICA. Docente Prof.ssa Paola Perego

CLASSE 4B LICEO SCIENTIFICO PROGRAMMA SVOLTO A.S. 2011-12. Disciplina : MATEMATICA. Docente Prof.ssa Paola Perego CONVITTO NAZIONALE MARIA LUIGIA di Parma CLASSE 4B LICEO SCIENTIFICO PROGRAMMA SVOLTO A.S. 2011-12 Disciplina : MATEMATICA Docente Prof.ssa Paola Perego COMPETENZE CONOSCENZE Funzione esponenziale e logaritmica

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Edile Anno Accademico 2013/2014 Analisi Matematica

Corso di Laurea in Ingegneria Edile Anno Accademico 2013/2014 Analisi Matematica Corso di Laurea in Ingegneria Edile Anno Accademico 2013/2014 Analisi Matematica Nome... N. Matricola... Ancona, 29 marzo 2014 1. (7 punti) Studiare la funzione determinandone: f(x) = e x x il dominio;

Dettagli

I appello - 26 Gennaio 2007

I appello - 26 Gennaio 2007 Facoltà di Ingegneria - Corso di Laurea in Ing. Informatica e delle Telecom. A.A.006/007 I appello - 6 Gennaio 007 Risolvere gli esercizi motivando tutte le risposte. (N.B. il quesito teorico è obbligatorio)

Dettagli

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali.

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. CAPITOLO 7 Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. Esercizio 7.1. Determinare il rango delle seguenti matrici al variare del parametro t R. 1 4 2 1 4 2 A 1 = 0 t+1 1 A 2 = 0 t+1 1

Dettagli

6) f(x, y) = xy 1 log(5 2x 2y) x + y. 2x x 2 y 2 z 2 x 2 + y 2 + z 2 x Esercizio 2. Studiare gli insiemi di livello delle seguenti funzioni:

6) f(x, y) = xy 1 log(5 2x 2y) x + y. 2x x 2 y 2 z 2 x 2 + y 2 + z 2 x Esercizio 2. Studiare gli insiemi di livello delle seguenti funzioni: FUNZIONI IN PIÙ VARIABILI 1. Esercizi Esercizio 1. Determinare il dominio delle seguenti funzioni, specificando se si tratta di un insieme aperto o chiuso: 1) f(x, ) = log(x x ) ) f(x, ) = x + 3) f(x,

Dettagli

Determinare estremo superiore ed estremo inferiore dell insieme ( 1) n A = n + 1 : n IN

Determinare estremo superiore ed estremo inferiore dell insieme ( 1) n A = n + 1 : n IN Prima prova di verifica in itinere di ANALISI MATEMATICA Gennaio 00 Determinare estremo superiore ed estremo inferiore dell insieme { } ( ) n A = n + : n IN specificando se si tratta rispettivamente di

Dettagli

x ( 3) + Inoltre (essendo il grado del numeratore maggiore del grado del denominatore, d ancora dallo studio del segno),

x ( 3) + Inoltre (essendo il grado del numeratore maggiore del grado del denominatore, d ancora dallo studio del segno), 6 - Grafici di funzioni Soluzioni Esercizio. Studiare il grafico della funzione f(x) = x x + 3. ) La funzione è definita per x 3. ) La funzione non è né pari, né dispari, né periodica. 3) La funzione è

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Numeri Complessi. 4. Ricordando che, se z è un numero complesso, zz è un numero reale, mettere sotto la forma. z 2 + 2z + 2 = 0. z 2 + 2z + 6 = 0.

Numeri Complessi. 4. Ricordando che, se z è un numero complesso, zz è un numero reale, mettere sotto la forma. z 2 + 2z + 2 = 0. z 2 + 2z + 6 = 0. Numeri Complessi. Siano z = + i e z 2 = i. Calcolare z + z 2, z z 2, z z 2 e z z 2. 2. Siano z = 2 5 + i 2 e z 2 = 5 2 2i. Calcolare z + z 2, z z 2, z z 2 e z z 2. 3. Ricordando che, se z è un numero complesso,

Dettagli

18. Calcolo differenziale: esercizi

18. Calcolo differenziale: esercizi 18. Calcolo differenziale: esercizi Esercizio 18.7. Determinare, se non espressamente indicato, il dominio delle seguenti funzioni e studiarne la continuità e la derivabilità. 1. f(x) = log x(xe x );.

Dettagli

Durata della prova: 3h. 2 +y 4. tan y sin y lim = 1. (x 4 +y 2 )y 3

Durata della prova: 3h. 2 +y 4. tan y sin y lim = 1. (x 4 +y 2 )y 3 Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea in Matematica Analisi Matematica II (Gruppo ), A.A. 22/3 Prova scritta del 28 gennaio 23 Durata della prova: 3h. sercizio (8 punti). Si consideri

Dettagli

La funzione è continua nel suo dominio perchè y = f(x) è composizione di funzioni continue. Il punto x = 0 è un punto isolato per D f.

La funzione è continua nel suo dominio perchè y = f(x) è composizione di funzioni continue. Il punto x = 0 è un punto isolato per D f. FUNZIONI CONTINUE - ALCUNI ESERCIZI SVOLTI SIMONE ALGHISI 1. Continuità di una funzione Dati un insieme D R, una funzione f : D R e x 0 R, si è detto che f è continua in x 0 se sono soddisfatte le seguenti

Dettagli

Analisi Matematica I Palagachev

Analisi Matematica I Palagachev Analisi Matematica I Palagachev Numeri complessi Risolvere nel campo complesso C la seguente equazione: ) 3 z i = i z + 2 Risolvere nel campo complesso C la seguente equazione: z 2 + 2iz = 2 3 Risolvere

Dettagli

09 - Funzioni reali di due variabili reali

09 - Funzioni reali di due variabili reali Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 09 - Funzioni reali di due variabili reali Anno Accademico 2013/2014

Dettagli

CORSO DI ANALISI MATEMATICA 2 ESERCIZI. Carlo Ravaglia

CORSO DI ANALISI MATEMATICA 2 ESERCIZI. Carlo Ravaglia CORSO DI ANALISI MATEMATICA ESERCIZI Carlo Ravaglia 8 febbraio 6 iv Indice 4 Calcolo differenziale 4 Derivate parziali 4 Derivate parziali 4 Massimi e minimi 4 Massimi e minimi di funzioni 43 Derivate

Dettagli

Programma definitivo Analisi Matematica 2 - a.a. 2005-06 Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Civile (ICI)

Programma definitivo Analisi Matematica 2 - a.a. 2005-06 Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Civile (ICI) 1 Programma definitivo Analisi Matematica 2 - a.a. 2005-06 Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Civile (ICI) Approssimazioni di Taylor BPS, Capitolo 5, pagine 256 268 Approssimazione lineare, il simbolo

Dettagli

MATEMATICA GENERALE Prova d esame del 18 giugno 2013 - FILA A

MATEMATICA GENERALE Prova d esame del 18 giugno 2013 - FILA A MATEMATICA GENERALE Prova d esame del 8 giugno 23 - FILA A Nome e cognome Matricola I Parte. QUESITI PRELIMINARI. Riportare le soluzioni su questo foglio, mostrando i vari passaggi e calcoli.. Si scriva

Dettagli

POLITECNICO di BARI - A.A. 2012/2013 Corso di Laurea in INGEGNERIA Informatica e dell Automazione

POLITECNICO di BARI - A.A. 2012/2013 Corso di Laurea in INGEGNERIA Informatica e dell Automazione POLITECNICO di BARI - A.A. 0/03 Corso di Laurea in INGEGNERIA Informatica e dell Automazione Problema Sia f :[0, +[! R una funzione continua. La funzione composta g() =f(kk) è c o n t i n u a? Problema

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Docente: Anna Valeria Germinario. Università di Bari. A.V.Germinario (Università di Bari) Analisi Matematica ITPS 1 / 22

Docente: Anna Valeria Germinario. Università di Bari. A.V.Germinario (Università di Bari) Analisi Matematica ITPS 1 / 22 Laurea in Informatica e Tecnologie per la Produzione del Software Corso di Analisi Matematica Calcolo differenziale e approssimazioni, formula di Taylor Docente: Anna Valeria Germinario Università di Bari

Dettagli

Esponenziali e logaritmi

Esponenziali e logaritmi Esponenziali e logaritmi Corso di accompagnamento in matematica Lezione 4 Sommario 1 La funzione esponenziale Proprietà Grafico 2 La funzione logaritmo Grafico Proprietà 3 Equazioni / disequazioni esponenziali

Dettagli

Equazioni differenziali Corso di Laurea in Scienze Biologiche Istituzioni di Matematiche A.A. 2007-2008. Dott.ssa G. Bellomonte

Equazioni differenziali Corso di Laurea in Scienze Biologiche Istituzioni di Matematiche A.A. 2007-2008. Dott.ssa G. Bellomonte Equazioni differenziali Corso di Laurea in Scienze Biologiche Istituzioni di Matematiche A.A. 2007-2008 Dott.ssa G. Bellomonte Indice 1 Introduzione 2 2 Equazioni differenziali lineari del primo ordine

Dettagli

Esercizi su lineare indipendenza e generatori

Esercizi su lineare indipendenza e generatori Esercizi su lineare indipendenza e generatori Per tutto il seguito, se non specificato esplicitamente K indicherà un campo e V uno spazio vettoriale su K Cose da ricordare Definizione Dei vettori v,,v

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica

Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Esame di Geometria (Prof. F. Tovena) Argomenti: Proprietà di nucleo e immagine di una applicazione lineare. dim V = dim

Dettagli

Analisi matematica I (10 CFU, 100 ore) Corso17(gruppoSOV-UCCZ) )

Analisi matematica I (10 CFU, 100 ore) Corso17(gruppoSOV-UCCZ) ) Analisi matematica I (10 CFU, 100 ore) Corso17(gruppoSOV-UCCZ) ) Periodo didattico: 30/09/2013-17/01/2014 (14 settimane) Docente: Sergio Rolando E-mail: sergio.rolando@unito.it Ricevimento:??, aula consulenze,

Dettagli

Trigonometria: breve riepilogo.

Trigonometria: breve riepilogo. Corso di laurea in Matematica Corso di Analisi Matematica - Dott.ssa Sandra Lucente Trigonometria: breve riepilogo. Definizioni iniziali Saper misurare un angolo in gradi sessagesimali, saper svolgere

Dettagli

Esame di Analisi Matematica prova scritta del 23 settembre 2013

Esame di Analisi Matematica prova scritta del 23 settembre 2013 Esame di Analisi Matematica prova scritta del 23 settembre 2013 1. Determinare dominio, limiti significativi, intervalli di monotonia della funzione f (x) = (2x + 3) 2 e x/2 e tracciarne il grafico. In

Dettagli

ESERCITAZIONI DI ANALISI 1 FOGLIO 1 FOGLIO 2 FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI. Marco Pezzulla

ESERCITAZIONI DI ANALISI 1 FOGLIO 1 FOGLIO 2 FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI. Marco Pezzulla ESERCITAZIONI DI ANALISI FOGLIO FOGLIO FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI Marco Pezzulla gennaio 05 FOGLIO. Determinare il dominio e il segno della funzione ( ) f(x) arccos x x + π/3.

Dettagli

1 Massimi e minimi liberi 1. 2 Massimi e minimi vincolati 7. 3 Soluzioni degli esercizi 12

1 Massimi e minimi liberi 1. 2 Massimi e minimi vincolati 7. 3 Soluzioni degli esercizi 12 UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica 1 Massimi e minimi delle funzioni di più variabili Indice 1 Massimi e minimi liberi 1 Massimi e minimi vincolati 7 3 Soluzioni degli esercizi

Dettagli

Matematica 1 - Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica

Matematica 1 - Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Matematica 1 - Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Esercitazione su massimi e minimi vincolati 9 dicembre 005 Esercizio 1. Considerare l insieme C = {(x,y) R : (x + y ) = x } e dire se è una curva

Dettagli

Programma precorso di matematica

Programma precorso di matematica Programma precorso di matematica a.a. 015/16 Quello che segue è il programma dettagliato del precorso. Si fa riferimento al testo [MPB] E. Acerbi, G. Buttazzo: Matematica Preuniversitaria di Base, Pitagora

Dettagli

Elenco Ordinato per Materia Chimica

Elenco Ordinato per Materia Chimica ( [B,25404] Perché le ossa degli uccelli sono pneumatiche, cioè ripiene di aria? C (A) per consentire i movimenti angolari (B) per immagazzinare come riserva di ossigeno X(C) per essere più leggere onde

Dettagli

Metodi Matematici per l Economia A-K Corso di Laurea in Economia - anno acc. 2012/2013 12 febbraio 2013

Metodi Matematici per l Economia A-K Corso di Laurea in Economia - anno acc. 2012/2013 12 febbraio 2013 Tempo massimo 2 ore. Consegnare solamente la bella copia. Metodi Matematici per l Economia A-K Corso di Laurea in Economia - anno acc. 212/213 12 febbraio 213 1. Disegnare il grafico della funzione: [1

Dettagli

Algebra Lineare e Geometria

Algebra Lineare e Geometria Algebra Lineare e Geometria Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica A.A. 2013-2014 Prova d esame del 16/06/2014. 1) a) Determinare la matrice associata all applicazione lineare T : R 3 R 4 definita da

Dettagli

Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione:

Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione: Verso l'esame di Stato Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione: y ln 5 6 7 8 9 0 Rappresenta il campo di esistenza determinato

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA Anno Accademico 2012/2013 REGISTRO DELL ATTIVITÀ DIDATTICA Docente: ANDREOTTI MIRCO Titolo del corso: MATEMATICA ED ELEMENTI DI STATISTICA Corso: CORSO UFFICIALE Corso

Dettagli

CORSO DI LAUREA INF TWM ANNO DI IMMATRICOLAZIONE MATRICOLA

CORSO DI LAUREA INF TWM ANNO DI IMMATRICOLAZIONE MATRICOLA COGNOME NOME CORSO DI LAUREA INF TWM ANNO DI IMMATRICOLAZIONE MATRICOLA SIMULAZIONE SCRITTO DI MATEMATICA DISCRETA, SECONDA PARTE Per ottenere la sufficienza bisogna rispondere in modo corretto ad almeno

Dettagli

2 Argomenti introduttivi e generali

2 Argomenti introduttivi e generali 1 Note Oltre agli esercizi di questa lista si consiglia di svolgere quelli segnalati o assegnati sul registro e genericamente quelli presentati dal libro come esercizio o come esempio sugli argomenti svolti

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Funzioni reali di variabile reale Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità

Dettagli

Primo semestre: martedì 14.15 16.00, giovedì 14.15 16.00 Secondo semestre: martedì 09.00 10.30, giovedì 13.30 16.00

Primo semestre: martedì 14.15 16.00, giovedì 14.15 16.00 Secondo semestre: martedì 09.00 10.30, giovedì 13.30 16.00 A86001 a.a. 2010/11 MATEMATICA per ECONOMIA, FINANZA e MANAGEMENT Classe standard Docenti: Dr. G.P. Crespi, Edificio 1, Piano Terra, 0331-572-418, e-mail: pcrespi@liuc.it Orario di lezione: Dr. G. Bonzini,

Dettagli

Applicazioni lineari

Applicazioni lineari CAPITOLO 8 Applicazioni lineari Esercizio 8.. Sia T : R 3 R 3 l applicazione definita da T(x,x,x 3 ) = (x,x,x 3 ). Stabilire se T è lineare. Esercizio 8.. Verificare che la funzione determinante definita

Dettagli

Matematica Generale II (5 Cfu) Economia e amministrazione delle imprese (A-Lh)

Matematica Generale II (5 Cfu) Economia e amministrazione delle imprese (A-Lh) Matematica Generale II (5 Cfu) Economia e amministrazione delle imprese (A-Lh) A.A. 2014-2015 Docente Vanda Tulli e-mail: vanda.tulli@unimib.it tel: 0264483164 Edificio U7, quarto piano, stanza 4018 Esercitatore

Dettagli

Alcune note sulle serie di potenze 1

Alcune note sulle serie di potenze 1 Alcune note sulle serie di potenze Contents G. Falqui Preliminari 2 Serie di potenze 3 3 Rappresentazione di funzioni mediante serie di potenze 7 3. Esempi notevoli........................... 9 3.2 Formula

Dettagli

ISIS: G. Tassinari Pozzuoli

ISIS: G. Tassinari Pozzuoli ISIS: G. Tassinari Pozzuoli Programmazione di Matematica classe 5 a B a.s. 05/06 Docente M.Rosaria Vassallo Modulo : Funzioni e limiti di funzioni Gli obiettivi generali : Iniziare un approccio più rigoroso

Dettagli

ESERCIZI APPLICAZIONI LINEARI

ESERCIZI APPLICAZIONI LINEARI ESERCIZI APPLICAZIONI LINEARI PAOLO FACCIN 1. Esercizi sulle applicazioni lineari 1.1. Definizioni sulle applicazioni lineari. Siano V, e W spazi vettoriali, con rispettive basi B V := (v 1 v n) e B W

Dettagli

Facoltà di Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell'informazione anno accademico 2014/15 Registro lezioni del docente SPORTELLI LUIGI

Facoltà di Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell'informazione anno accademico 2014/15 Registro lezioni del docente SPORTELLI LUIGI Facoltà di Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell'informazione anno accademico 2014/15 Registro lezioni del docente SPORTELLI LUIGI Attività didattica ANALISI MATEMATICA [2000] Periodo di svolgimento:

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

AUSILI DIDATTICI. OBIETTIVI EDUCATIVI e DIDATTICI TRASVERSALI

AUSILI DIDATTICI. OBIETTIVI EDUCATIVI e DIDATTICI TRASVERSALI Programmazione di Matematica Anno Scolastico 2015/2016 5ACAT IIS Cigna-Baruffi-Garelli 1) Contesto della classe: classe discretamente collaborativa e disciplinata. Non ho eseguito test di ingresso. 2)

Dettagli

Esercizi svolti. 1. Si consideri la funzione f(x) = 4 x 2. a) Verificare che la funzione F(x) = x 2 4 x2 + 2 arcsin x è una primitiva di

Esercizi svolti. 1. Si consideri la funzione f(x) = 4 x 2. a) Verificare che la funzione F(x) = x 2 4 x2 + 2 arcsin x è una primitiva di Esercizi svolti. Si consideri la funzione f() 4. a) Verificare che la funzione F() 4 + arcsin è una primitiva di f() sull intervallo (, ). b) Verificare che la funzione G() 4 + arcsin π è la primitiva

Dettagli

TEMA 1. 1. Della seguente matrice, calcolare i complementi algebrici e il determinante: a + b 1 a 2 S = a + b + 3 a + 2b. x = t. f = x 2 + 2xy 3y 2,

TEMA 1. 1. Della seguente matrice, calcolare i complementi algebrici e il determinante: a + b 1 a 2 S = a + b + 3 a + 2b. x = t. f = x 2 + 2xy 3y 2, Prova scritta di MATEMATICA B1 Vicenza, 17 marzo 008 TEMA 1 1 1 A = 1 0 1. 3 0 1. Stabilire se il seguente sottoinsieme di M(, R): {( ) a + b 1 a S = a, b R}, a + b + 3 a + b è un sottospazio di M(, R).

Dettagli

QUADERNI DI DIDATTICA

QUADERNI DI DIDATTICA Department of Applied Mathematics, University of Venice QUADERNI DI DIDATTICA Tatiana Bassetto, Marco Corazza, Riccardo Gusso, Martina Nardon Esercizi sulle funzioni di più variabili reali con applicazioni

Dettagli

Presentazione del corso di Matematica I

Presentazione del corso di Matematica I Corsi di laurea in Scienze Geologiche e Chimica A.A. 2012/13 Angelica MALASPINA Dipartimento di Matematica, Informatica ed Economia, Università degli Studi della Basilicata Dati del corso e del docente

Dettagli

COMPLEMENTI DI ANALISI VETTORIALE

COMPLEMENTI DI ANALISI VETTORIALE COMPLEMENTI DI ANALISI VETTORIALE Giovanni Maria Troianiello 7 settembre 25 CALENDARIO DEGLI ORALI DI CHI HA SUPERATO LO SCRITTO ENTRO LA SESSIONE ESTIVA (ATTENZIONE: È POSSIBILE CHE SI RENDANO NECESSARIE

Dettagli

Richiami su norma di un vettore e distanza, intorni sferici in R n, insiemi aperti, chiusi, limitati e illimitati.

Richiami su norma di un vettore e distanza, intorni sferici in R n, insiemi aperti, chiusi, limitati e illimitati. PROGRAMMA di Fondamenti di Analisi Matematica 2 (DEFINITIVO) A.A. 2010-2011, Paola Mannucci, Canale 2 Ingegneria gestionale, meccanica e meccatronica, Vicenza Testo Consigliato: Analisi Matematica, M.

Dettagli

DOMINIO di FUNZIONI PREREQUISITI: Grafici delle funzioni elementari. Calcolo di EQUAZIONI e DISEQUAZIONI, intere, fratte e scomposte.

DOMINIO di FUNZIONI PREREQUISITI: Grafici delle funzioni elementari. Calcolo di EQUAZIONI e DISEQUAZIONI, intere, fratte e scomposte. DOMINIO di FUNZIONI PREREQUISITI: Grafici delle funzioni elementari. Calcolo di EQUAZIONI e DISEQUAZIONI, intere, fratte e scomposte. Tutorial di Barberis Paola agg 2015 FUNZIONE e DOMINIO LA FUNZIONE

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor a.a. 2013/14 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Polinomi e serie di Taylor Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli

Dettagli

Universita degli Studi di Roma Tor Vergata Facolta di Ingegneria - Edile ed Edile-Architettura

Universita degli Studi di Roma Tor Vergata Facolta di Ingegneria - Edile ed Edile-Architettura Universita degli Studi di Roma Tor Vergata Facolta di Ingegneria - Edile ed Edile-Architettura Primo Esonero del corso di Geometria Docente F. Flamini, Roma, 2//28 SOLUZIONI COMPITO I ESONERO Esercizio.

Dettagli

x 1 + x 2 3x 4 = 0 x1 + x 2 + x 3 = 0 x 1 + x 2 3x 4 = 0.

x 1 + x 2 3x 4 = 0 x1 + x 2 + x 3 = 0 x 1 + x 2 3x 4 = 0. Problema. Sia W il sottospazio dello spazio vettoriale R 4 dato da tutte le soluzioni dell equazione x + x 2 + x = 0. (a. Sia U R 4 il sottospazio dato da tutte le soluzioni dell equazione Si determini

Dettagli

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto.

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto. 29 giugno 2009 - PROVA D ESAME - Geometria e Algebra T NOME: MATRICOLA: a=, b=, c= Sostituire ai parametri a, b, c rispettivamente la terzultima, penultima e ultima cifra del proprio numero di matricola

Dettagli

Corso di Laurea in Matematica Prova di orientamento. Questionario 1

Corso di Laurea in Matematica Prova di orientamento. Questionario 1 Università Roma Tre Facoltà di Scienze M.F.N. Corsi di Studio in Matematica Corso di Laurea in Matematica Prova di orientamento Questionario 1 Questionario preparato per consentire la autovalutazione in

Dettagli

FOGLIO 4 - Applicazioni lineari. { kx + y z = 2 x + y kw = k. 2 k 1

FOGLIO 4 - Applicazioni lineari. { kx + y z = 2 x + y kw = k. 2 k 1 FOGLIO 4 - Applicazioni lineari Esercizio 1. Si risolvano i seguenti sistemi lineari al variare di k R. { x y + z + 2w = k x z + w = k 2 { kx + y z = 2 x + y kw = k Esercizio 2. Al variare di k R trovare

Dettagli

Indirizzo Fisico Informatico Matematico matematica per le classi 47A, 48A, 49A

Indirizzo Fisico Informatico Matematico matematica per le classi 47A, 48A, 49A Indirizzo Fisico Informatico Matematico matematica per le classi 47A, 48A, 49A 1. L'intersezione di tre insiemi contiene 1 solo elemento (cioè esiste un unico elemento comune a tutti e tre gli insiemi).

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

Matematica generale CTF

Matematica generale CTF Equazioni differenziali 9 dicembre 2015 Si chiamano equazioni differenziali quelle equazioni le cui incognite non sono variabili reali ma funzioni di una o più variabili. Le equazioni differenziali possono

Dettagli

Classe di abilitazione A019 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione A019 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione A019 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli