Cosa sono gli esoneri?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cosa sono gli esoneri?"

Transcript

1 Cosa sono gli esoneri? Per superare l esame di Istituzioni di Matematiche è obbligatorio superare una prova scritta. Sono previsti due tipi di prova scritta: gli esoneri e gli appelli. Gli esoneri sono più di uno (solitamente tre, ognuno dei quali riguarda una parte di programma e si svolgono ad intervalli di tempo regolari. Per iscriversi al primo esonero è sufficiente scrivere il proprio nome, cognome e corso di Laurea negli appositi foglietti fatti circolare dal docente durante le lezioni. L iscrizione agli esoneri successivi non è richiesta. Qualora lo studente non sia presente a lezione può farsi iscrivere da un compagno di corso o, in via del tutto eccezionale, può inviare un al docente. Agli esoneri il candidato dovrà portare con sé carta e penna in quantità sufficiente ed un valido documento di identità. Il candidato, durante lo svolgimento della prova, può utilizzare qualsiasi tipo di materiale cartaceo (libri, dispense, quaderno degli appunti ecc. e di calcolatrici non programmabili. NON È CONSENTITO l uso di computers, calcolatrici grafiche, telefonini ecc. Inoltre l esonero è una prova individuale e quindi, durante lo svolgimento della prova, è vietato comunicare con altri. L inosservanza di questa regola comporterà una penalizzazione. Gli esoneri consistono nell affrontare una prova a quiz del tipo esame per la patente di guida: i quesiti sono proposti nella forma seguente: Cognome: Nome: C.d.L.: A Limitarsi a scrivere nella colonna destra, all altezza della freccia, la lettera corrispondente alla soluzione corretta Determinare la soluzione dell equazione 1 + x = 2 1 Risposta: A 2 B 0 C 1 D 2 E 3 C La lettera in grassetto situata in alto a destra (in questo caso A caratterizza il testo. Tale lettera deve essere tenuta a mente, o ricopiata in agenda, dal candidato: gli sarà utile per poter controllare se la correzione del proprio elaborato è avvenuta correttamente. Per rispondere ai quesiti non bisogna mettere crocette ma bisogna scrivere nella colonna destra, all altezza della freccia, la lettera corrispondente alla soluzione corretta (in questo caso C. Per tutta la durata della prova scritta non è consentito allontanarsi dall aula. Il docente può, a sua completa discrezione, permettere la consegna dell elaborato prima del termine: in questo caso la prova si considera conclusa e il candidato deve lasciare l aula. Durante lo svolgimento delle prove scritte, soprattutto all inizio ed alla fine, il docente comunica ad alta voce alcune disposizioni alle quali gli studenti devono attenersi per il corretto svolgimento della prova. Per non disturbare la concentrazione degli esaminandi, tali disposizioni sono comunicate una sola volta, è quindi necessario prestare la massima attenzione. Ad ogni esonero corrisponde un voto in trentesimi proporzionale al numero di quiz risolti correttamente, eventualmente decurtato delle penalità collezionate durante lo svolgimento della prova. Le risposte sbagliate non danno luogo a punteggi negativi. L esonero si intende superato se il voto non è inferiore a 15. Gli studenti che superano tutti gli esoneri sono ammessi a sostenere la prova orale. Gli studenti che hanno ottenuto negli esoneri un voto medio non inferiore a 18 sono esonerati dal sostenere la prova orale e possono verbalizzare tale voto direttamente.

2 Esonero del 15 Novembre 2001 Cognome: Nome: C.d.L.: A Limitarsi a scrivere nella colonna destra, all altezza della freccia, la lettera corrispondente alla soluzione corretta Determinare le soluzioni dell equazione: x 2 +1= x +1 1Risposta: A 0 B 0, 1 C 1, 2 D 1 E 2 B Dati i vettori di R 3 X =(t, 1,t, Y =(t +1, 2t, 2; Per quali valori di t R sono paralleli? 2Risposta: A 0 B 1 C 2 D 3 E -1 B Per quali valori di t R sono ortogonali? 3Risposta: A 0,-5 B 1,-5 C 0 D -5 E -1 A ( cos π Determinare il rango della matrice Risposta: A 0 B 1 C 2 D 3 E 4 B Determinare il prodotto righe per colonne 5Risposta: A ( ( 1 2 B ( 1 7 C 2 5 D B 6Calcolare il determinante Risposta: A 34 B 18 C -34 D -18 E 0 C 7Si consideri, al variare del parametro reale k, il sistema x + kz = k 2kx + ky =1 3x +2y +2z = k +1 icalcolare il determinante della matrice dei coefficienti del sistema. Risposta: A 2k k 2 B 2k + k 2 C 2k + k 2 D k + k 2 E 0 A iiper quali valori di k NON si può applicare il teorema di Cramer? Risposta: A k =0, 1 B k =0, 2 C k = 1, 2 D nessuno E k =0, 2 E iiiper quali valori di k il sistema è impossibile? Risposta: A k =0, 2 B k =0, 2 C k =0 D k =1 E nessuno C ivper quali valori di k il sistema ammette infinite soluzioni? Risposta: A k =0, 2 B k =0, 2 C k =0 D k =2 E nessuno D

3 Esonero del 15 Novembre 2001 Cognome: Nome: C.d.L.: B Limitarsi a scrivere nella colonna destra, all altezza della freccia, la lettera corrispondente alla soluzione corretta Determinare le soluzioni dell equazione: x 2 +1= x 1 1Risposta: A 0, -1 B 0, 1 C 1, 2 D 1 E 2 Dati i vettori di R 3 X =( t, 2,t, Y =(t, 1, 2t; Per quali valori di t R sono paralleli? 2Risposta: A 0 B 1 C 2 D 3 E nessuno Per quali valori di t R sono ortogonali? 3Risposta: A 0,-5 B 1,-5 C 0 D 2 E ± 2 Determinare il rango della matrice ( cos π Risposta: A 0 B 1 C 2 D 3 E 4 Determinare il prodotto righe per colonne 5Risposta: A ( ( 1 2 B ( 1 7 C 2 5 D Calcolare il determinante Risposta: A -17 B 17 C -34 D 34 E 0 7Si consideri, al variare del parametro reale k, il sistema kx + ky + z =1 kx +2z =1 3x + ky +5z =1 icalcolare il determinante della matrice dei coefficienti del sistema. Risposta: A 0 B 6k +2k 2 C 6k 2k 2 D 6k +2k 2 E 6k 2k 2 iiper quali valori di k NON si può applicare il teorema di Cramer? Risposta: A k =0, 3 B k =0, 2 C k =0, 3 D nessuno E k =0, 2 iiiper quali valori di k il sistema è impossibile? Risposta: A k =0, 2 B k =0, 3 C k =0, 2 D k =2 E nessuno ivper quali valori di k il sistema ammette infinite soluzioni? Risposta: A k =0, 3 B k =0, 2 C k =0 D nessuno E k =3

4 Esonero del 15 Novembre 2001 Cognome: Nome: C.d.L.: C Limitarsi a scrivere nella colonna destra, all altezza della freccia, la lettera corrispondente alla soluzione corretta Determinare le soluzioni dell equazione: x 2 2x +2= x 1Risposta: A 0, -1 B 0, 1 C 1, 2 D 1 E 2 Dati i vettori di R 3 X =(t, 1,t, Y =(t 1, 2t, 2; Per quali valori di t R sono paralleli? 2Risposta: A 0 B 1 C 2 D -1 E nessuno Per quali valori di t R sono ortogonali? 3Risposta: A 0,-5 B 1,-5 C 0, 5 D -5 E -1 Determinare il rango della matrice ( cos π Risposta: A 0 B 1 C 2 D 3 E Determinare il prodotto righe per colonne ( 5Risposta: A B ( C ( D Calcolare il determinante Risposta: A -16 B 17 C -17 D 0 E 16 7Si consideri, al variare del parametro reale k, il sistema ky 3z = k kx +3y =1 2x + y 3z = 1 icalcolare il determinante della matrice dei coefficienti del sistema. Risposta: A 18 3k +3k 2 B 3k + k 2 C k +3k 2 D 6 6k +3k 2 E k +3k 2 iiper quali valori di k NON si può applicare il teorema di Cramer? Risposta: A k = 2, 3 B k =2, 3 C k =2, 3 D nessuno E k =0 iiiper quali valori di k il sistema è impossibile? Risposta: A k = 2, 3 B k =2, 3 C k = 2 D k =3 E nessuno ivper quali valori di k il sistema ammette infinite soluzioni? Risposta: A k =3 B k = 2, 3 C k =2, 3 D nessuno E k = 2

5 Esonero del 15 Novembre 2001 Cognome: Nome: C.d.L.: D Limitarsi a scrivere nella colonna destra, all altezza della freccia, la lettera corrispondente alla soluzione corretta Determinare le soluzioni dell equazione: x 2 +2x +2= x 1Risposta: A 0, -1 B 0, 1 C 1, 2 D -1, -2 E 2 Dati i vettori di R 3 X =(t, 0, 1, Y =(t, t, t; Per quali valori di t R sono paralleli? 2Risposta: A -1 B 1 C 2 D 0 E nessuno Per quali valori di t R sono ortogonali? 3Risposta: A 0,-5 B 1,-5 C 0 D -5 E 0, -1 Determinare il rango della matrice ( cos π Risposta: A 0 B 1 C 2 D 3 E 4 Determinare il prodotto righe per colonne 5Risposta: A ( 1 2 B 7 5 ( C ( D Calcolare il determinante Risposta: A 0 B -32 C 32 D 30 E -30 7Si consideri, al variare del parametro reale k, il sistema x +2y z =1 x 2ky z =1 2kx 4y +2z =2k icalcolare il determinante della matrice dei coefficienti del sistema. Risposta: A 4 8k +4k 2 B 8k +4k 2 C 4+8k D 4 4k 2 E 4+8k +4k 2 iiper quali valori di k NON si può applicare il teorema di Cramer? Risposta: A k =1 B k = 1 C k =1, 1 D nessuno E k =0 iiiper quali valori di k il sistema è impossibile? Risposta: A k = 1 B k =1 C nessuno D k =0 E k =1, 1 ivper quali valori di k il sistema ammette infinite soluzioni? Risposta: A k = 1 B k =1 C k =0 D nessuno E k =1, 1

6 Esonero del 15 Novembre 2001 Cognome: Nome: C.d.L.: E Limitarsi a scrivere nella colonna destra, all altezza della freccia, la lettera corrispondente alla soluzione corretta Determinare le soluzioni dell equazione: x 2 +2x +2= x +2 1Risposta: A 0, -1 B 0, 1 C 1, 2 D 1 E 2 Dati i vettori di R 3 X =(t, 0, 1, Y =(t, t, t; Per quali valori di t R sono paralleli? 2Risposta: A 0, 1 B 0 C 1 D -1 E nessuno Per quali valori di t R sono ortogonali? 3Risposta: A 0,-1 B 1,-5 C 0 D -5 E -1 Determinare il rango della matrice ( cos π Risposta: A 0 B 1 C 2 D 3 E 4 Determinare il prodotto righe per colonne 5Risposta: A ( ( 1 2 B ( 1 7 C 2 5 D Calcolare il determinante Risposta: A 0 B -12 C 12 D -16 E 16 7Si consideri, al variare del parametro reale k, il sistema ky + z =3 kx + y +2z = k kx +4y z = 2 icalcolare il determinante della matrice dei coefficienti del sistema. Risposta: A 5k k 2 B 5k + k 2 C 5k k 2 D k k 2 E k 5k 2 iiper quali valori di k NON si può applicare il teorema di Cramer? Risposta: A k = 1, 5 B k =0, 1 C k =0, 5 D nessuno E k =0, 5 iiiper quali valori di k il sistema è impossibile? Risposta: A k =0, 5 B k =5 C nessuno D k =0 E k =0, 5 ivper quali valori di k il sistema ammette infinite soluzioni? Risposta: A k =5 B k =0, 5 C k =0 D nessuno E k =0, 5

7 Esonero del 15 Novembre 2001 Cognome: Nome: C.d.L.: F Limitarsi a scrivere nella colonna destra, all altezza della freccia, la lettera corrispondente alla soluzione corretta Determinare le soluzioni dell equazione: x 2 2x +2= x 2 1Risposta: A 0, -1 B 0, 1 C 1, 2 D 1 E 2 Dati i vettori di R 3 X =(t, 1, 1, Y =(0,t,1; Per quali valori di t R sono paralleli? 2Risposta: A 0 B 1 C 2 D 3 E nessuno Per quali valori di t R sono ortogonali? 3Risposta: A 0,-5 B 1, 0 C 0 D 1 E -1 Determinare il rango della matrice ( cos π Risposta: A 0 B 1 C 2 D 3 E Determinare il prodotto righe per colonne ( 5Risposta: A B ( C ( D Calcolare il determinante Risposta: A 45 B -45 C 10 D -10 E 0 7Si consideri, al variare del parametro reale k, il sistema x ky + z =1 ky +2z = k x kz =2k icalcolare il determinante della matrice dei coefficienti del sistema. Risposta: A k k 2 B 3k + k 2 C 3k + k 2 D 3k k 2 E 3k k 2 iiper quali valori di k NON si può applicare il teorema di Cramer? Risposta: A k =0, 1 B k =0, 3 C k =0, 3 D nessuno E k =1, 3 iiiper quali valori di k il sistema è impossibile? Risposta: A k =0, 1 B k =0, 3 C nessuno D k =0, 3 E k =1, 3 ivper quali valori di k il sistema ammette infinite soluzioni? Risposta: A k = 3 B k =0, 1 C k =0 D k =0, 3 E nessuno

8 Corsi di Laurea in Sc. Naturali e Sc. Ambientali - Facoltà di Scienze M.F.N. Esonero del 15 Novembre 2001 SOLUZIONI Testo\Domanda i 7ii 7iii 7iv A B B A B B C A E C D B A A E C C A E C B D C C D C C A E A A D E D D D E B D B E B C A E A B A C B E A E D A F B E D B A A D C D E a B A E C B A A A D E b A D C B C E A E C D c C B A C A C E C B D d D B A B D E D C D E e A E D B B A E B C A f B D E C A B A E D A

9 Esonero del 10 Gennaio 2002 Cognome: Nome: C.d.L.: A Limitarsi a scrivere nella colonna destra, all altezza della freccia, la lettera corrispondente alla soluzione corretta 1 Determinare il ite x 3 +2x 3 x 1 x 2 2x +1 Risposta: A 0 B 1 C + D E Il ite non esiste 2 Determinare il ite e 6x cos(x x 0 x + x 2 Risposta: A 2 B 6 C + D E Il ite non esiste ( x +1 3 Calcolare la derivata nel punto x = 0 della funzione log x 2 +1 Risposta: A 0 B 1 C -1 D 2 E 2 4 Calcolare il ite x + (ex x 2 x 3. Risposta: A B + C 0 D 1 E non esiste 5 Si consideri la funzione f(x =2 x 2 + log(2x +2. i Determinare l insieme di definizione di f(x. Risposta: A x > 1 B x < 1 C x 1 D x 1 E 0 < x < 1 ii Calcolare il ite per x + di f(x. Risposta: A 0 B 1 C + D non esiste E iii Calcolare la derivata f (x dif(x. Risposta: A 1 2x 2x2 1 x B 2x 2x2 1+x C 1 2x 2x2 1+x D 1+2x+2x2 2+2x E 1+2x 2+2x iv Quali sono i punti di massimo relativo di f(x? Risposta: A B C 0 D 2 E nessuno v Quali sono i punti di minimo relativo di f(x? Risposta: A B C 0 D 2 E nessuno vi Dei grafici disegnati nel foglio allegato, quale si avvicina di più a quello di f(x? Risposta: A B C D F G H L M N

10 Esonero del 10 Gennaio 2002 Cognome: Nome: C.d.L.: B Limitarsi a scrivere nella colonna destra, all altezza della freccia, la lettera corrispondente alla soluzione corretta 1 Determinare il ite x 3 +2x 3 x 1 + x 2 2x +1 Risposta: A 0 B 1 C + D E Il ite non esiste 2 Determinare il ite 1 e 2x x 0 x 2 x Risposta: A 2 B 6 C + D E Il ite non esiste ( sen(x+1 3 Calcolare la derivata nel punto x = 0 della funzione log x +1 Risposta: A 0 B 1 C -1 D 2 E 2 4 Calcolare il ite x + (x2 e x x. Risposta: A B + C 0 D 1 E non esiste 5 Si consideri la funzione f(x =x 2 + log(3 x. i Determinare l insieme di definizione di f(x. Risposta: A x > 3 B x < 3 C x 0 D x < 0 E 3 < x < 3 ii Calcolare il ite per x di f(x. Risposta: A 0 B 1 C + D non esiste E iii Calcolare la derivata f (x dif(x. Risposta: A 1 6x 3+x B 1 6x 2x2 3+x C 1+6x 2x2 3 x iv Quali sono i punti di massimo relativo di f(x? D 1+6x 2x2 3 x E 2x 3+x Risposta: A B C 0 D E nessuno v Quali sono i punti di minimo relativo di f(x? Risposta: A B C 0 D E nessuno vi Dei grafici disegnati nel foglio allegato, quale si avvicina di più a quello di f(x? Risposta: A B C D F G H L M N

11 Esonero del 10 Gennaio 2002 Cognome: Nome: C.d.L.: C Limitarsi a scrivere nella colonna destra, all altezza della freccia, la lettera corrispondente alla soluzione corretta 1 Determinare il ite x 2 4x +4 x 2 x 4 16 Risposta: A 0 B 1 C + D E Il ite non esiste 2 Determinare il ite log(x x 0 + x 2 + x Risposta: A 2 B 6 C + D E Il ite non esiste 3 Calcolare la derivata nel punto x = 0 della funzione log ( cos(x x 2 +1 Risposta: A 0 B 1 C -1 D 2 E 2 4 Calcolare il ite x + (ex e 3x x 5. Risposta: A B + C 0 D 1 E non esiste 5 Si consideri la funzione f(x =2x + log(x +5. i Determinare l insieme di definizione di f(x. Risposta: A x > 0 B x 5 C x < 5 D x > 5 E x 5 ii Calcolare il ite per x + di f(x. Risposta: A 0 B 1 C D non esiste E + iii Calcolare la derivata f (x dif(x. Risposta: A 2x+11 x+5 B 2x 11 x+5 C 10x 1 x 5 D 1 x+5 E 2x2 1 x+5 iv Quali sono i punti di massimo relativo di f(x? Risposta: A B C 0 D E nessuno v Quali sono i punti di minimo relativo di f(x? Risposta: A B C 0 D E nessuno vi Dei grafici disegnati nel foglio allegato, quale si avvicina di più a quello di f(x? Risposta: A B C D F G H L M N

12 Esonero del 10 Gennaio 2002 Cognome: Nome: C.d.L.: D Limitarsi a scrivere nella colonna destra, all altezza della freccia, la lettera corrispondente alla soluzione corretta 1 Determinare il ite x 10 3 x + x Risposta: A 0 B 1 C + D E Il ite non esiste 2 Determinare il ite x 0 + log(x x 2 + x 4 Risposta: A 2 B 6 C + D E Il ite non esiste ( 2 x 3 Calcolare la derivata nel punto x = 0 della funzione log 1+e x Risposta: A 0 B 1 C -1 D 2 E 2 4 Calcolare il ite x + (x3 +1e 2x. Risposta: A B + C 0 D 1 E non esiste 5 Si consideri la funzione f(x =1 x 2 log(6 2x. i Determinare l insieme di definizione di f(x. Risposta: A x > 3 B x 0 C x < 0 D 3 < x < 3 E x < 3 ii Calcolare il ite per x di f(x. Risposta: A 0 B 1 C D non esiste E + iii Calcolare la derivata f (x dif(x. Risposta: A 1 6x x B 1 3 x C 1 6x+2x2 3+x D 1+6x+2x2 3 x E 1 6x+2x2 3 x iv Quali sono i punti di massimo relativo di f(x? Risposta: A B 7 2 C 0 D E nessuno v Quali sono i punti di minimo relativo di f(x? Risposta: A B 7 2 C 0 D E nessuno vi Dei grafici disegnati nel foglio allegato, quale si avvicina di più a quello di f(x? Risposta: A B C D F G H L M N

13 Esonero del 10 Gennaio 2002 Cognome: Nome: C.d.L.: E Limitarsi a scrivere nella colonna destra, all altezza della freccia, la lettera corrispondente alla soluzione corretta 1 Determinare il ite x 3 + x 2 x x 2 2x Risposta: A 0 B 1 C + D E Il ite non esiste 2 Determinare il ite x 0 x 2 x 3 1 cos x Risposta: A 2 B 6 C + D E Il ite non esiste 3 Calcolare la derivata nel punto x = 0 della funzione log ( cos(x 1+2x Risposta: A 0 B 1 C -1 D 2 E 2 4 Calcolare il ite ( e 1 x + 1 x+1 + x. Risposta: A B + C 0 D 1 E non esiste 5 Si consideri la funzione f(x =3x log(x 2. i Determinare l insieme di definizione di f(x. Risposta: A x 0 B x 0 C x 0 D x>0 E x<3 ii Calcolare il ite per x + di f(x. Risposta: A 0 B 1 C D non esiste E + iii Calcolare la derivata f (x dif(x. Risposta: A 3+ 2 x B 3 1 x 2 C 1 x D 3 2 x E 3 2x iv Quali sono i punti di massimo relativo di f(x? Risposta: A 3 2 B 3 C 2 3 D 3 2 E nessuno v Quali sono i punti di minimo relativo di f(x? Risposta: A 3 2 B 3 C 2 3 D 3 2 E nessuno vi Dei grafici disegnati nel foglio allegato, quale si avvicina di più a quello di f(x? Risposta: A B C D F G H L M N

14 Esonero del 10 Gennaio 2002 Cognome: Nome: C.d.L.: F Limitarsi a scrivere nella colonna destra, all altezza della freccia, la lettera corrispondente alla soluzione corretta 1 Determinare il ite x 2 x 2 3x +2 x 3 2x 2 3x +6 Risposta: A 0 B 1 C + D E Il ite non esiste 2 Determinare il ite sen(6x + x 2 x 0 x + x 2 Risposta: A 2 B 6 C + D E Il ite non esiste 3 Calcolare la derivata nel punto x = 0 della funzione log ( 1+2x cos(x Risposta: A 0 B 1 C -1 D 2 E 2 4 Calcolare il ite x + e 2x x 4 + x 3. Risposta: A B + C 0 D 1 E non esiste 5 Si consideri la funzione f(x = log(4 + x+2x 2. i Determinare l insieme di definizione di f(x. Risposta: A x < 4 B x > 4 C x < 4 D x > 4 E x 0 ii Calcolare il ite per x + di f(x. Risposta: A 0 B 1 C D non esiste E + iii Calcolare la derivata f (x dif(x. Risposta: A 16x x+4 B 1 x+4 C 4x2 +16x+1 4+x D 16x+1 4 x iv Quali sono i punti di massimo relativo di f(x? E 4x2 16x 1 4+x Risposta: A B 15 2 C 0 D E nessuno v Quali sono i punti di minimo relativo di f(x? Risposta: A B 15 2 C 0 D E nessuno vi Dei grafici disegnati nel foglio allegato, quale si avvicina di più a quello di f(x? Risposta: A B C D F G H L M N

15 Allegato all'esonero del 10 gennaio Istituzioni di Matematiche (Sc. Nat. e Amb. A B C D H F G L M N

16 Corsi di Laurea in Sc. Naturali e Sc. Ambientali - Facoltà di Scienze M.F.N. Esonero del 10 Gennaio 2002 SOLUZIONI Testo\Domanda i 5ii 5iii 5iv 5v 5vi A D B B B A E C A E B B C A A A B C D B D N C A D A B D E A E E H D B D C C E C E A D G E D A E D C E D E C A F B B D B B E C A D D a D A A B B C D B D N b C D B A D E A E E H c A B A B A E C A E B d B A D C C E D E C A e D B C D B E C A D D f B D E B E C E A D G

17 Esonero del 1 febbraio 2002 Cognome: Nome: C.d.L.: A Per le domande 1-6 itarsi a scrivere nella colonna destra, all altezza della freccia, la lettera corrispondente alla soluzione corretta 1 Quale delle seguenti funzioni è una primitiva della funzione f(x = 2 log(x x per x>0? Risposta: A log 2 (x B log(x 2 C log(2x D x log(x E log(x/x 2 Calcolare l integrale indefinito (x cos(xdx. Risposta: A x sen(x B x 2 sen(x+2x cos(x C 2x sen(x x 2 cos(x D sen(x x cos(x 3 Calcolare l integrale definito 1 0 (6x3 x +1dx. Risposta: A 0 B 1 C 2 D 3 E 4 F 5 4 Calcolare l integrale definito 1 0 4e3 x dx. Risposta: A 4(e 3 e 2 B 2(e e 1 C 2(e 4 e 2 D 4(e 9 e 8 E 4(e 4 e 5 F 2(e 3 e 2 5 Solo una delle seguenti equazioni differenziali NON è lineare omogenea. Indicare quale: Risposta: A y = yt 2 B y = y 2 1 C y = ye t D y = ty E y = sen(ty 6 Trovare tutte le soluzioni dell equazione differenziale y = ty. Risposta: A y = C + e t2 B y = Ce t2 C y = Ce t2 /2 D y = Ce t E y = Ct 2 7 Risolvere il Problema di Cauchy ( 2 y = t 1 y y(1 = e. Scrivere qui di seguito SOLTANTO la soluzione ottenuta (e non i calcoli eseguiti per ottenerla:

18 Esonero del 1 febbraio 2002 Cognome: Nome: C.d.L.: B Per le domande 1-6 itarsi a scrivere nella colonna destra, all altezza della freccia, la lettera corrispondente alla soluzione corretta 1 Quale delle seguenti funzioni è una primitiva della funzione f(x = 2 x per x>0? Risposta: A log 2 (x B log(x 2 C log(2x D x log(x E log(x/x 2 Calcolare l integrale indefinito x cos(xdx. Risposta: A x sen(x + cos(x B x 2 sen(x+2x cos(x C 2x sen(x x 2 cos(x D sen(x 3 Calcolare l integrale definito 1 0 (6x3 xdx. Risposta: A 0 B 1 C 2 D 3 E 4 F 5 4 Calcolare l integrale definito 1 0 4e2x+1 dx. Risposta: A 4(e 3 e 2 B 2(e e 1 C 2(e 4 e 2 D 4(e 9 e 8 E 4(e 4 e 5 F 2(e 3 e 5 Solo una delle seguenti equazioni differenziali NON è lineare omogenea. Indicare quale: Risposta: A y = e y B y = ty y C y = ye t D y = ty E y = sen(ty 6 Trovare tutte le soluzioni dell equazione differenziale y = cos(2t y. Risposta: A y = Ce sen(2t B y = C sen(2t C y = Ce sen(2t/2 D y = Ce sen(2t/2 E y = Ct 2 7 Risolvere il Problema di Cauchy y = t +1 y 2t y(1 = e 1/2. Scrivere qui di seguito SOLTANTO la soluzione ottenuta (e non i calcoli eseguiti per ottenerla:

19 Esonero del 1 febbraio 2002 Cognome: Nome: C.d.L.: C Per le domande 1-6 itarsi a scrivere nella colonna destra, all altezza della freccia, la lettera corrispondente alla soluzione corretta 1 Quale delle seguenti funzioni è una primitiva della funzione f(x = log(x + 1 per x > 0? Risposta: A log 2 (x B log(x 2 C log(2x D x log(x E log(x/x 2 Calcolare l integrale indefinito (x sen(xdx. Risposta: A x sen(x + cos(x B x 2 sen(x C 2x sen(x x 2 cos(x D sen(x x cos(x 3 Calcolare l integrale definito 1 0 (6x3 x +4dx. Risposta: A 0 B 1 C 2 D 3 E 4 F 5 4 Calcolare l integrale definito 1 0 4ex+8 dx. Risposta: A 4(e 3 e 2 B 2(e e 1 C 2(e 4 e 2 D 4(e 9 e 8 E 4(e 4 e 5 F 2(e 3 e 2 5 Solo una delle seguenti equazioni differenziali NON è lineare omogenea. Indicare quale: Risposta: A y = t 2 y B y = y C y = y ye t D y = t sen(y E y = sen(ty 6 Trovare tutte le soluzioni dell equazione differenziale y = y t. Risposta: A y = C/t B y = Ct C y = C/t 2 D y = Ce t E y = Clog t 7 Risolvere il Problema di Cauchy y = t 1 y t y(1 = e 2. Scrivere qui di seguito SOLTANTO la soluzione ottenuta (e non i calcoli eseguiti per ottenerla:

20 Esonero del 1 febbraio 2002 Cognome: Nome: C.d.L.: D Per le domande 1-6 itarsi a scrivere nella colonna destra, all altezza della freccia, la lettera corrispondente alla soluzione corretta 1 Quale delle seguenti funzioni è una primitiva della funzione f(x = 1 x per x>0? Risposta: A log 2 (x B log(x 2 C log(2x D x log(x E log(x/x 2 Calcolare l integrale indefinito x sen(xdx. Risposta: A x sen(x + cos(x B x 2 sen(x+2x cos(x C x 2 cos(x D sen(x x cos(x 3 Calcolare l integrale definito 1 0 (6x3 x 1dx. Risposta: A 0 B 1 C 2 D 3 E 4 F 5 4 Calcolare l integrale definito 1 0 4e4 2x dx. Risposta: A 4(e 3 e 2 B 2(e e 1 C 2(e 4 e 2 D 4(e 9 e 8 E 4(e 4 e 5 F 2(e 3 e 2 5 Solo una delle seguenti equazioni differenziali NON è lineare omogenea. Indicare quale: Risposta: A y = yt 2 B y = ty +2y C y = e ty D y = ty E y = sen(ty 6 Trovare tutte le soluzioni dell equazione differenziale y = 8 y. Risposta: A y = C + e 8t B y = Ce 8t C y = Ce 8t D y =8t E y = Ce 4t 7 Risolvere il Problema di Cauchy y = (1+ 1t 2 y y(1 = 2. Scrivere qui di seguito SOLTANTO la soluzione ottenuta (e non i calcoli eseguiti per ottenerla:

21 Esonero del 1 febbraio 2002 Cognome: Nome: C.d.L.: E Per le domande 1-6 itarsi a scrivere nella colonna destra, all altezza della freccia, la lettera corrispondente alla soluzione corretta 1 Quale delle seguenti funzioni è una primitiva della funzione f(x = log(x2 x per x>0? Risposta: A log 2 (x B log(x 2 C log(2x D x log(x E log(x/x 2 Calcolare l integrale indefinito (2 + x cos(xdx. Risposta: A (2 + x sen x cos(x B (2 + x sen x + cos(x C (2 + x sen x D sen(x cos(x 3 Calcolare l integrale definito 1 0 (6x3 x +3dx. Risposta: A 0 B 1 C 2 D 3 E 4 F 5 4 Calcolare l integrale definito 1 0 4ex 5 dx. Risposta: A 4(e 3 e 2 B 2(e e 1 C 2(e 4 e 2 D 4(e 9 e 8 E 4(e 4 e 5 F 2(e 3 e 2 5 Solo una delle seguenti equazioni differenziali NON è lineare omogenea. Indicare quale: Risposta: A y = yt 2 B y = y y 2 C y = ye t D y = ty E y = sen(ty 6 Trovare tutte le soluzioni dell equazione differenziale y = 6t y. Risposta: A y = C + e 6t2 B y = Ce 3t2 C y = Ce 6t D y = Ce 3t2 E y = Ct 2 7 Risolvere il Problema di Cauchy y = 1 2t t 2 y y(1 = 2. Scrivere qui di seguito SOLTANTO la soluzione ottenuta (e non i calcoli eseguiti per ottenerla:

22 Esonero del 1 febbraio 2002 Cognome: Nome: C.d.L.: F Per le domande 1-6 itarsi a scrivere nella colonna destra, all altezza della freccia, la lettera corrispondente alla soluzione corretta 1 Quale delle seguenti funzioni è una primitiva della funzione f(x = 1+x x per x>0? Risposta: A log 2 (x B log(x 2 C log(2x D x log(x E log(x+x 2 Calcolare l integrale indefinito (6 4xe 2x dx. Risposta: A (3 2xe 2x B (4 2xe 2x C (6 2xe 2x D 6e 2x 3 Calcolare l integrale definito 1 0 (6x3 x +2dx. Risposta: A 0 B 1 C 2 D 3 E 4 F 5 4 Calcolare l integrale definito 1 0 4e2x 1 dx. Risposta: A 4(e 3 e 2 B 2(e e 1 C 2(e 4 e 2 D 4(e 9 e 8 E 4(e 4 e 5 F 2(e 3 e 2 5 Solo una delle seguenti equazioni differenziali NON è lineare omogenea. Indicare quale: Risposta: A y = yt 2 B y = e t y C y = y ye t D y = ty E y = t log(y 6 Trovare tutte le soluzioni dell equazione differenziale y = 1 t 2 y. Risposta: A y = C + e et B y = Ce 1/t C y = Ce t2 /2 D y = Ce t E y = Ce 1/t 7 Risolvere il Problema di Cauchy y = 2t2 +1 t y(1 = e. y Scrivere qui di seguito SOLTANTO la soluzione ottenuta (e non i calcoli eseguiti per ottenerla:

23 Corsi di Laurea in Sc. Naturali e Sc. Ambientali - Facoltà di Scienze M.F.N. Esonero del 1 febbraio 2002 SOLUZIONI Testo\Domanda A A B C A B C B B A B F A D C D C F D D A D C D A C C B E A B E E B D F E B D B E E a A A F D B D b B C C A A A c D B B F D C d C B D B C D e A B A C B E f E D E E E B SOLUZIONI DEL SETTIMO ESERCIZIO. COMPITO A: y(t =e 2+2 log t t = t 2 e 2 t COMPITO B: y(t =e t/2+log t 1/2 = t e t/2 COMPITO C: y(t =e 1+t log t = e t+1 /t COMPITO D: y(t = 2e t 1/t COMPITO E: y(t =2e 1 1/t 2 log t =2e 1 1/t /t 2 COMPITO F: y(t =e t2 +log t = t e t2 COMPITO a: y(t =e 1+t log t = e t+1 /t COMPITO b: y(t =e 2+2 log t t = t 2 e 2 t COMPITO c: y(t =e t/2+log t 1/2 = t e t/2 COMPITO d: COMPITO e: y(t =e t2 +log t = t e t2 y(t = 2e t 1/t COMPITO f: y(t =2e 1 1/t 2logt =2e 1 1/t /t 2

24 Esonero del 14 Novembre 2002 Cognome: Nome: C.d.L.: A Limitarsi a scrivere nella colonna destra, all altezza della freccia, la lettera corrispondente alla soluzione corretta Determinare l insieme delle soluzioni della disequazione: x Risposta: A {x 2} {2 x} B [ 2, 2] C {0} D {x 2} {0} {2 x} E {x < 2} {2 <x} {0} Dati i vettori di R 3 X =(t +1,t 2, 3t, Y = ( t, t+1 4, 3 2 ; Per quali valori di t R sono paralleli? 2 Risposta: A 0 B 1 C 0,1 D nessuno E 1, 1 2 Per quali valori di t R sono ortogonali? 3 Risposta: A 5 ± 3 2 B nessuno C 0 D 0,1 E 0, 5 ± 3 2 Una sola delle seguenti applicazioni tra spazi vettoriali è lineare; quale? 4 Risposta: A f(x, y, z = (x, y, z 2 B f(x, y, z =x +2y + log(1 + z C f(x, y =(x, xy, y D f(x 1,x 2,x 3,x 4 = ( x 1 x 2, 6x 3 + x 4, log [ e (x1 x4] Determinare il prodotto righe per colonne 5 Risposta: A B ( cos π ( C ( D Calcolare il determinante Risposta: A 2 B -5 C 12 D 1 E 6 F 10 7 Si consideri, al variare del parametro reale k, il sistema x + y +(3 kz =1 kx + y + kz =2 kx + kz =2 i Calcolare il determinante della matrice dei coefficienti del sistema. Risposta: A 2k k 2 B 2k + k 2 C 2k + k 2 D k + k 2 E 0 ii Per quali valori di k NON si può applicare il teorema di Cramer? Risposta: A k =0, 1 B k =0, 2 C k = 1, 2 D nessuno E k =0, 2 iii Per quali valori di k il sistema è impossibile? Risposta: A k =0, 2 B k =0, 2 C k =0 D k =1 E nessuno iv Per quali valori di k il sistema ammette infinite soluzioni? Risposta: A k =0, 2 B k =0, 2 C k =0 D k =2 E nessuno

25 Esonero del 14 Novembre 2002 Cognome: Nome: C.d.L.: B Limitarsi a scrivere nella colonna destra, all altezza della freccia, la lettera corrispondente alla soluzione corretta Determinare l insieme delle soluzioni della disequazione: 8 x 2 < 8 1 Risposta: A { 4 <x<4} B {x 4} {4 x} {0} C {x 0} D [ 4, 4] \{0} E { 4 <x<0} {0 <x<4} Dati i vettori di R 3 X =(2t, 1 t, 2, Y = ( t, 3 2 t, t 1 ; Per quali valori di t R sono paralleli? 2 Risposta: A 0 B 1 C 2 D 2,-1 E nessuno Per quali valori di t R sono ortogonali? 3 Risposta: A nessuno B 7 ± 65 2 Una sola delle seguenti applicazioni tra spazi vettoriali è lineare; quale? 4 Risposta: A f(x, y = ( y, y, y 2 B f(x, y, z =( x2,y,z C 0 D 1 E 7 ± 65, 0 2 C f(x, y, z =x +2y + 3 log (e z D f(x 1,x 2,x 3,x 4 = ( e (x1+x2+x3+x4 1, 0, 0 Determinare il prodotto righe per colonne 5 Risposta: A B ( senπ 2 ( ( 1 3 C 2 2 D Calcolare il determinante Risposta: A 2 B 5 C 12 D 1 E 6 F 10 7 Si consideri, al variare del parametro reale k, il sistema (2 + kx +2y + z =1 2x + y +2z =1 k 3x +2y +(2 kz =3 i Calcolare il determinante della matrice dei coefficienti del sistema. Risposta: A 0 B k + k 2 C k k 2 D 1+k 2 E 1 k 2 ii Per quali valori di k NON si può applicare il teorema di Cramer? Risposta: A k =0, 1 B k =0, 1 C k =0 D nessuno E k =1, 1 iii Per quali valori di k il sistema è impossibile? Risposta: A k =0 B k = 1 C k =1 D k =2 E nessuno iv Per quali valori di k il sistema ammette infinite soluzioni? Risposta: A k =0 B k = 1 C k =1 D k =2 E nessuno

6. Calcolare le derivate parziali prime e seconde, verificando la validità del teorema di Schwarz:

6. Calcolare le derivate parziali prime e seconde, verificando la validità del teorema di Schwarz: FUNZIONI DI PIU VARIABILI Esercizi svolti. Determinare il dominio delle seguenti funzioni e rappresentarlo graficamente : (a) f log( x y ) (b) f log(x + y ) (c) f y x 4 (d) f sin(x + y ) (e) f log(xy +

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti.

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Def. Si dice equazione differenziale lineare del secondo ordine

Dettagli

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA DEFINIZIONE: Dato un numero reale a che sia a > 0 e a si definisce funzione esponenziale f(x) = a x la relazione che ad ogni valore di x associa uno e un solo

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali.

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. CAPITOLO 7 Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. Esercizio 7.1. Determinare il rango delle seguenti matrici al variare del parametro t R. 1 4 2 1 4 2 A 1 = 0 t+1 1 A 2 = 0 t+1 1

Dettagli

La funzione è continua nel suo dominio perchè y = f(x) è composizione di funzioni continue. Il punto x = 0 è un punto isolato per D f.

La funzione è continua nel suo dominio perchè y = f(x) è composizione di funzioni continue. Il punto x = 0 è un punto isolato per D f. FUNZIONI CONTINUE - ALCUNI ESERCIZI SVOLTI SIMONE ALGHISI 1. Continuità di una funzione Dati un insieme D R, una funzione f : D R e x 0 R, si è detto che f è continua in x 0 se sono soddisfatte le seguenti

Dettagli

Classe di abilitazione A019 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione A019 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione A019 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor a.a. 2013/14 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Polinomi e serie di Taylor Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli

Dettagli

Calcolo differenziale Test di autovalutazione

Calcolo differenziale Test di autovalutazione Test di autovalutazione 1. Sia f : R R iniettiva, derivabile e tale che f(1) = 3, f (1) = 2, f (3) = 5. Allora (a) (f 1 ) (3) = 1 5 (b) (f 1 ) (3) = 1 2 (c) (f 1 ) (1) = 1 2 (d) (f 1 ) (1) = 1 3 2. Sia

Dettagli

QUADERNI DI DIDATTICA

QUADERNI DI DIDATTICA Department of Applied Mathematics, University of Venice QUADERNI DI DIDATTICA Tatiana Bassetto, Marco Corazza, Riccardo Gusso, Martina Nardon Esercizi sulle funzioni di più variabili reali con applicazioni

Dettagli

POLITECNICO di BARI - A.A. 2012/2013 Corso di Laurea in INGEGNERIA Informatica e dell Automazione

POLITECNICO di BARI - A.A. 2012/2013 Corso di Laurea in INGEGNERIA Informatica e dell Automazione POLITECNICO di BARI - A.A. 0/03 Corso di Laurea in INGEGNERIA Informatica e dell Automazione Problema Sia f :[0, +[! R una funzione continua. La funzione composta g() =f(kk) è c o n t i n u a? Problema

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Classe di abilitazione C110 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C110 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C110 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Esercizi su lineare indipendenza e generatori

Esercizi su lineare indipendenza e generatori Esercizi su lineare indipendenza e generatori Per tutto il seguito, se non specificato esplicitamente K indicherà un campo e V uno spazio vettoriale su K Cose da ricordare Definizione Dei vettori v,,v

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Note integrative ed Esercizi consigliati

Note integrative ed Esercizi consigliati - a.a. 2006-07 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Civile (CIS) Note integrative ed consigliati Laura Poggiolini e Gianna Stefani Indice 0 1 Convergenza uniforme 1 2 Convergenza totale 5 1 Numeri

Dettagli

Equazioni differenziali ordinarie

Equazioni differenziali ordinarie Capitolo 2 Equazioni differenziali ordinarie 2.1 Formulazione del problema In questa sezione formuleremo matematicamente il problema delle equazioni differenziali ordinarie e faremo alcune osservazioni

Dettagli

Dispensa sulle funzioni trigonometriche

Dispensa sulle funzioni trigonometriche Sapienza Universita di Roma Dipartimento di Scienze di Base e Applicate per l Ingegneria Sezione di Matematica Dispensa sulle funzioni trigonometriche Paola Loreti e Cristina Pocci A. A. 00-0 Dispensa

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto.

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto. 29 giugno 2009 - PROVA D ESAME - Geometria e Algebra T NOME: MATRICOLA: a=, b=, c= Sostituire ai parametri a, b, c rispettivamente la terzultima, penultima e ultima cifra del proprio numero di matricola

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

FOGLIO 4 - Applicazioni lineari. { kx + y z = 2 x + y kw = k. 2 k 1

FOGLIO 4 - Applicazioni lineari. { kx + y z = 2 x + y kw = k. 2 k 1 FOGLIO 4 - Applicazioni lineari Esercizio 1. Si risolvano i seguenti sistemi lineari al variare di k R. { x y + z + 2w = k x z + w = k 2 { kx + y z = 2 x + y kw = k Esercizio 2. Al variare di k R trovare

Dettagli

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara Esercizi di Algebra Lineare Claretta Carrara Indice Capitolo 1. Operazioni tra matrici e n-uple 1 1. Soluzioni 3 Capitolo. Rette e piani 15 1. Suggerimenti 19. Soluzioni 1 Capitolo 3. Gruppi, spazi e

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

Appunti di Algebra Lineare

Appunti di Algebra Lineare Appunti di Algebra Lineare Indice 1 I vettori geometrici. 1 1.1 Introduzione................................... 1 1. Somma e prodotto per uno scalare....................... 1 1.3 Combinazioni lineari e

Dettagli

x 1 + x 2 3x 4 = 0 x1 + x 2 + x 3 = 0 x 1 + x 2 3x 4 = 0.

x 1 + x 2 3x 4 = 0 x1 + x 2 + x 3 = 0 x 1 + x 2 3x 4 = 0. Problema. Sia W il sottospazio dello spazio vettoriale R 4 dato da tutte le soluzioni dell equazione x + x 2 + x = 0. (a. Sia U R 4 il sottospazio dato da tutte le soluzioni dell equazione Si determini

Dettagli

L. Pandolfi. Lezioni di Analisi Matematica 2

L. Pandolfi. Lezioni di Analisi Matematica 2 L. Pandolfi Lezioni di Analisi Matematica 2 i Il testo presenta tre blocchi principali di argomenti: A Successioni e serie numeriche e di funzioni: Cap., e 2. B Questa parte consta di due, da studiarsi

Dettagli

Matrice rappresent. Base ker e img. Rappresentazione cartesiana ker(f) + im(f).

Matrice rappresent. Base ker e img. Rappresentazione cartesiana ker(f) + im(f). Due Matrici A,B. Ker f = ker g. 1- Ridurre a scala A e B e faccio il sistema. 2 Se Vengono gli stessi valori allora, i ker sono uguali. Cauchy 1 autovalore, 1- Metto a matrice x1(0),x2(0),x3(0) e la chiamo

Dettagli

Forme bilineari e prodotti scalari. Definizione Dato lo spazio vettoriale V (K) sul campo K, una funzione. b :

Forme bilineari e prodotti scalari. Definizione Dato lo spazio vettoriale V (K) sul campo K, una funzione. b : Forme bilineari e prodotti scalari Definizione Dato lo spazio vettoriale V (K) sul campo K, una funzione b : { V V K ( v, w) b( v, w), si dice forma bilineare su V se per ogni u, v, w V e per ogni k K:

Dettagli

f(x, y, z) = (x + ky + z, x y + 2z, x + y z) f(x, y, z) = (x + 2y z, x + y z, x + 2y) F (f(x)) = (f(0), f(1), f(2))

f(x, y, z) = (x + ky + z, x y + 2z, x + y z) f(x, y, z) = (x + 2y z, x + y z, x + 2y) F (f(x)) = (f(0), f(1), f(2)) Algebra Lineare e Geometria Analitica Politecnico di Milano Ingegneria Applicazioni Lineari 1. Sia f : R 3 R 3 l applicazione lineare definita da f(x, y, z) = (x + ky + z, x y + 2z, x + y z) per ogni (x,

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE INDICE A che cosa serve la prova di ammissione pag. I Come è strutturata la prova III Come rispondere al questionario V Indicazioni sulle principali conoscenze richieste XII Testo della prova del 4 settembre

Dettagli

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1]

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1] Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1] Esercizio 1. Determinare il dominio delle seguenti funzioni: 1. y = 16 x ;. y = e 1 x +4 + x + x + 1; 3. y = 10 x x 3 4x +3x; 4. y =

Dettagli

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0 FUNZIONI CONVESSE Sia I un intervallo aperto di R (limitato o illimitato) e sia f(x) una funzione definita in I. Dato x 0 I, la retta r passante per il punto P 0 (x 0, f(x 0 )) di equazione y = f(x 0 )

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Forma d onda rettangolare non alternativa.

Forma d onda rettangolare non alternativa. Forma d onda rettangolare non alternativa. Lo studio della forma d onda rettangolare è utile, perché consente di conoscere il contenuto armonico di un segnale digitale. FIGURA 33 Forma d onda rettangolare.

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI

APPLICAZIONI LINEARI APPLICAZIONI LINEARI 1. Esercizi Esercizio 1. Date le seguenti applicazioni lineari (1) f : R 2 R 3 definita da f(x, y) = (x 2y, x + y, x + y); (2) g : R 3 R 2 definita da g(x, y, z) = (x + y, x y); (3)

Dettagli

Classe di abilitazione A036 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione A036 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione A036 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

Classe di abilitazione C450 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C450 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C450 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

Rette e piani con le matrici e i determinanti

Rette e piani con le matrici e i determinanti CAPITOLO Rette e piani con le matrici e i determinanti Esercizio.. Stabilire se i punti A(, ), B(, ) e C(, ) sono allineati. Esercizio.. Stabilire se i punti A(,,), B(,,), C(,, ) e D(4,,0) sono complanari.

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas.8.6.. - -.5.5 -. In questa dispensa ricordiamo la classificazione delle funzioni elementari e il dominio di esistenza delle stesse. Inoltre

Dettagli

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE IMMATRICOLAZIONI AL PRIMO ANNO DEI CORSI DI LAUREA TRIENNA- LI IN INGEGNERIA DEL POLITECNICO DI BARI - A.A. 2015/2016 Sommario REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE...

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

La curva grafico della funzione, partendo dal punto A(a,f(a)), si snoda con continuità, senza interruzioni, fino ad approdare nel punto B(b,f(b)).

La curva grafico della funzione, partendo dal punto A(a,f(a)), si snoda con continuità, senza interruzioni, fino ad approdare nel punto B(b,f(b)). Calcolo differenziale Il teorema di Rolle TEOREMA DI ROLLE Ipotesi f continua su [a, b] f derivabile per lo meno su (a,b) f(a) = f(b) Tesi Esiste almeno un punto c in (a, b) tale che Giustificazione con

Dettagli

Capitolo Dodicesimo CALCOLO DIFFERENZIALE PER FUNZIONI DI PIÙ VARIABILI

Capitolo Dodicesimo CALCOLO DIFFERENZIALE PER FUNZIONI DI PIÙ VARIABILI Capitolo Dodicesimo CALCOLO DIFFERENZIALE PER FUNZIONI DI PIÙ VARIABILI CAMPI SCALARI Sono dati: un insieme aperto A Â n, un punto x = (x, x 2,, x n )T A e una funzione f : A Â Si pone allora il PROBLEMA

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

FUNZIONI DI DUE VARIABILI: graöci 3D e curve di livello

FUNZIONI DI DUE VARIABILI: graöci 3D e curve di livello FUNZIONI DI DUE VARIABILI: graöci 3D e curve di livello Una funzione di due variabili Ë una funzione in cui per ottenere un valore numerico bisogna speciöcare il valore di 2 variabili x e y, non pi di

Dettagli

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06 Analisi Mat. - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 3-3-6 Sia p il polinomio di quarto grado definito da pz = z 4. Sia S il settore circolare formato dai numeri complessi che hanno modulo minore o

Dettagli

2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 1 INTRODUZIONE

2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 1 INTRODUZIONE 2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 INTRODUZIONE Il problema agli autovalori di un operatore La trattazione del problema agli autovalori di un operatore fatta negli spazi finitodimensionali

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

Metodi numerici per la risoluzione di equazioni. Equazioni differenziali ordinarie

Metodi numerici per la risoluzione di equazioni. Equazioni differenziali ordinarie Metodi numerici per la risoluzione di equazioni differenziali ordinarie Dipartimento di Matematica, http://dm.ing.unibs.it/gastaldi/ Lezione 5-31 ottobre 2005 Outline 1 Il problema di Cauchy Il problema

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali. www.vincenzoscudero.it novembre 2009

ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali. www.vincenzoscudero.it novembre 2009 ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali v.scudero www.vincenzoscudero.it novembre 009 1 1 Funzioni algebriche fratte 1.1 Esercizio svolto y = x 1 x 11x + 10 (generalizzazione)

Dettagli

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo).

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo). 1 Modelli matematici Un modello è un insieme di equazioni e altre relazioni matematiche che rappresentano fenomeni fisici, spiegando ipotesi basate sull osservazione della realtà. In generale un modello

Dettagli

Dipendenza dai dati iniziali

Dipendenza dai dati iniziali Dipendenza dai dati iniziali Dopo aver studiato il problema dell esistenza e unicità delle soluzioni dei problemi di Cauchy, il passo successivo è vedere come le traiettorie di queste ultime dipendono

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

Sviluppi di Taylor Esercizi risolti

Sviluppi di Taylor Esercizi risolti Esercizio 1 Sviluppi di Taylor Esercizi risolti Utilizzando gli sviluppi fondamentali, calcolare gli sviluppi di McLaurin con resto di Peano delle funzioni seguenti fino all ordine n indicato: 1. fx ln1

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA LAUREE QUADRIENNALI: FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA o ECONOMIA E COMMERCIO media aritmetica dei voti degli esami di profitto con esclusione dei voti delle Teologie e di quelli riguardanti

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015 Compito di SISTEMI E MODELLI 9 Febbraio 5 Non é ammessa la consultazione di libri o quaderni. Le risposte vanno giustificate. Saranno rilevanti per la valutazione anche l ordine e la chiarezza di esposizione.

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Lezione del 28-11-2006. Teoria dei vettori ordinari

Lezione del 28-11-2006. Teoria dei vettori ordinari Lezione del 8--006 Teoria dei vettori ordinari. Esercizio Sia B = {i, j, k} una base ortonormale fissata. ) Determinare le coordinate dei vettori v V 3 complanari a v =,, 0) e v =, 0, ), aventi lunghezza

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

FASCI DI RETTE. scrivere la retta in forma esplicita: 2y = 3x + 4 y = 3 2 x 2. scrivere l equazione del fascio di rette:

FASCI DI RETTE. scrivere la retta in forma esplicita: 2y = 3x + 4 y = 3 2 x 2. scrivere l equazione del fascio di rette: FASCI DI RETTE DEFINIZIONE: Si chiama fascio di rette parallele o fascio improprio [erroneamente data la somiglianza effettiva con un fascio!] un insieme di rette che hanno tutte lo stesso coefficiente

Dettagli

Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte

Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte 1 Introduzione In questa lezione impareremo a definire e ricercare le funzioni inverse e le funzioni composte. Al termine di questa lezione sarai in grado di:

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

x (x i ) (x 1, x 2, x 3 ) dx 1 + f x 2 dx 2 + f x 3 dx i x i

x (x i ) (x 1, x 2, x 3 ) dx 1 + f x 2 dx 2 + f x 3 dx i x i NA. Operatore nabla Consideriamo una funzione scalare: f : A R, A R 3 differenziabile, di classe C (2) almeno. Il valore di questa funzione dipende dalle tre variabili: Il suo differenziale si scrive allora:

Dettagli

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo Momento di una forza Nella figura 1 è illustrato come forze uguali e contrarie possono non produrre equilibrio, bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo esteso.

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Laboratorio di Elettrotecnica

Laboratorio di Elettrotecnica 1 Laboratorio di Elettrotecnica Rappresentazione armonica dei Segnali Prof. Pietro Burrascano - Università degli Studi di Perugia Polo Scientifico Didattico di Terni 2 SEGNALI: ANDAMENTI ( NEL TEMPO, NELLO

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

FORME DIFFERENZIALI IN R 3 E INTEGRALI

FORME DIFFERENZIALI IN R 3 E INTEGRALI FORME DIFFERENZIALI IN R 3 E INTEGRALI CLADIO BONANNO Contents 1. Spazio duale di uno spazio vettoriale 1 1.1. Esercizi 3 2. Spazi tangente e cotangente 4 2.1. Esercizi 6 3. Le forme differenziali e i

Dettagli

In Edumeter le domande proposte nei questionari possono avere quattro risposte: 2 con valore negativo e 2 con valore positivo.

In Edumeter le domande proposte nei questionari possono avere quattro risposte: 2 con valore negativo e 2 con valore positivo. In Edumeter le domande proposte nei questionari possono avere quattro risposte: 2 con valore negativo e 2 con valore positivo. Le risposte negative vengono memorizzate con i valori 1 e 2. Le risposte positive

Dettagli

Le Derivate delle Funzioni Elementari

Le Derivate delle Funzioni Elementari Capitolo 4 Le Derivate delle Funzioni Elementari In questo Capitolo impareremo a trovare la formula per la funzione derivata di una funzione elementare, cioè di una funzione costruita con ingredienti di

Dettagli

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem)

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Raccolta di Esercizi di Matematica Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Contenuti: 8-1. L ordine Algebrico delle Operazioni 8-2. Problemi sulle Percentuali 8-3. Le Forme Standard e Point-Slope

Dettagli

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1 LEZIONE 14 141 Dimensione di uno spazio vettoriale Abbiamo visto come l esistenza di una base in uno spazio vettoriale V su k = R, C, permetta di sostituire a V, che può essere complicato da trattare,

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

Appunti e generalità sulle funzioni reali di variabili reali.

Appunti e generalità sulle funzioni reali di variabili reali. Appunti e generalità sulle funzioni reali di variabili reali. Premessa Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire solamente i concetti

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

Nel triangolo disegnato a lato, qual è la misura, in gradi e primi sessagesimali, di α?

Nel triangolo disegnato a lato, qual è la misura, in gradi e primi sessagesimali, di α? QUESITO 1 Nel triangolo disegnato a lato, qual è la misura, in gradi e primi sessagesimali, di α? Applicando il Teorema dei seni si può determinare il valore di senza indeterminazione, in quanto dalla

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli