UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA. Facoltà di Scienze della Comunicazione Indirizzo Comunicazioni di Massa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA. Facoltà di Scienze della Comunicazione Indirizzo Comunicazioni di Massa"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA Facoltà di Scienze della Comunicazione Indirizzo Comunicazioni di Massa Tesi di laurea in TEORIE E TECNICHE DEI NUOVI MEDIA IL CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT NELLA PUBBLICA AMMINSTRAZIONE -TRA REALTÀ E POSSIBILITÀ- Relatore: Prof. Alberto Marinelli Correlatore: Prof. Habib Sedehi Candidata: Francesca Dell Anno ANNO ACCADEMICO

2

3 Ai dolcissimi papy e mamma, che mi hanno permesso questo bellissimo viaggio, e a Rossella, grande amica di viaggio, con la quale questi cinque anni sono volati, divertenti, intensi e indimenticabili.

4

5 Il Customer Relationship Management nella Pubblica Amministrazione -tra realtà e possibilità- INTRODUZIONE 1. IL CRM IN AZIENDA TRA CULTURA, MARKETING E TECNOLOGIA 1.1 Gestire la relazione con i clienti. Ma come? p Come possiamo definire il Customer Relationship Management? p Il ciclo del CRM ed i suoi vantaggi p CRM e Contact Center p CRM e organizzazione di vendita p CRM e database: uno strumento strategico p CRM e marketing: permission marketing e marketing one-to-one p CRM nel 2004 e nel futuro p IL CRM NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 2.1 La centralità del cittadino nei concetti base della Pubblica Amministrazione p Il Citizen Relationship Management per

6 una comunicazione su misura dei cittadini: obiettivi, soluzioni e strategie p Casi di Citizen Relationship Management in Italia e nel mondo p IL PROGETTO UNOX1 DEL COMUNE DI MODENA 3.1 Il sistema Unox1 p I canali di comunicazione a disposizione del cittadino p Lo studio del feedback p La tecnologia impiegata per Unox1 p Lo sviluppo del sistema Unox1 p.154 Allegato: i sondaggi del Comune di Modena: uso p.170 di Unox1 4. LO STUDIO DELLE INTERFACCE DEL COMUNE DI MODENA: SI PUÒ PARLARE DI INTEGRAZIONE? 4.1 Introduzione: multicanalità e integrazione come requisiti fondamentali p Modalità di svolgimento del lavoro p La simulazione p I risultati p.210 CONCLUSIONI p.212 BIBLIOGRAFIA p.216

7 Introduzione Scrivendo questa tesi mi sono posta l obiettivo di dimostrare quanto sia necessario per le imprese private e pubbliche adottare un approccio centrato sulla valorizzazione della relazione con il singolo utente, che lo si voglia chiamare cliente o cittadino. Sto parlando del Customer Relationship Management (CRM), cioè di una filosofia aziendale, di sistemi applicativi, di una strategia di business che, attraverso un approccio di tipo integrato che coinvolga persone, tecnologie, reparti e procedure, riesca a porre l utente al centro di ogni processo ed ogni iniziativa, con l obiettivo di considerarlo non solo in quanto fruitore di servizi, ma in quanto preziosa fonte di informazioni. Tutti i dati raccolti dagli utenti e sugli utenti saranno quindi utilizzati nella realizzazione di servizi sempre più personalizzati ed efficaci. La mia tesi vuole però prendere solo spunto dal CRM nell ambito privato per trasferirlo nell ambito della Pubblica Amministrazione, spunto necessario ed essenziale per capire fin dove possono espandersi le potenzialità del CRM. Siamo ovviamente in presenza di due ambienti molto differenti per obbiettivi, strategie, possibilità finanziarie e forma mentis; propongo così un I

8 paragone che faccia emergere quanto nella Pubblica Amministrazione è stato fatto e quanto ancora si potrebbe fare per posizionare i propri cittadini al centro di ogni progetto ed ogni considerazione. Nei diversi progetti di CRM realizzati dai vari Comuni d Italia e d Europa sono stata guidata costantemente dalla tecnologia, alla quale attribuisco un importanza fondamentale e decisiva nella corretta e completa realizzazione di tali iniziative. Non avrebbe alcun senso, infatti, parlare di importanti progetti di personalizzazione di servizi, di analisi di bisogni dei singoli cittadini e di ascolto senza mostrare quanto valore e importanza rivestano i canali comunicativi, i media utilizzati e gli strumenti informatici. Mi sono molto soffermata su un progetto di CRM in particolare, il sistema Unox1 che il Comune di Modena mette al servizio dei suoi cittadini e che permette una comunicazione bidirezionale e personalizzabile; un progetto innovativo che dimostra quanto l Amministrazione possa essere attenta alle dinamiche di interazione con i propri cittadini. Il lavoro si chiude con un mio studio empirico sull efficacia ed integrazione della comunicazione del Comune di Modena, su cui darò un personale giudizio in base ai risultati ottenuti. II

9 Saranno sempre presenti in questa tesi, anche laddove non sono materialmente scritti, i concetti di integrazione, multicanalità e personalizzazione. Spero che da queste pagine traspaia tutto l entusiasmo che mi ha accompagnata nell affascinante mondo del CRM e nella stesura di questo lavoro. III

10

11 CAPITOLO 1: IL CRM IN AZIENDA TRA CULTURA, MARKETING E TECNOLOGIA Il vero significato di un rapporto non è altro che il ricordo delle precedenti interazioni. Nei rapporti non si comincia da capo ogni volta, ma la qualità è determinata dal modo in cui si richiamano e si utilizzano le interazioni precedenti nelle interazioni attuali (Michael Simpson, direttore marketing, Interact Commerce Corporation) 1. Ho inserito queste due frasi prima di addentrarmi nel complesso e allo stesso tempo affascinante mondo del CRM perché delineano la sua vera essenza, i suoi veri obiettivi, tanto nel settore privato che in quello pubblico. Uno dei principali obiettivi del CRM è, infatti, quello di procurare al cliente o al cittadino un esperienza soddisfacente. La relazione con un cliente dovrebbe essere concepita come una conversazione senza fine, indipendentemente dal suo interlocutore, che si tratti di un addetto alla contabilità, un impiegato dell assistenza clienti o un rappresentante, che il contatto avvenga in seguito ad una ricezione di una chiamata dal servizio ordini telefonici, ad una lettera di marketing one-to-one o 1 Paul Greenberg, CRM, Apogeo, Milano, 2001, pag. 35 1

12 Il CRM in azienda tra cultura, marketing e tecnologia a una nuova visita al sito web. Il cliente si aspetta che esista una qualche forma di coscienza collettiva a livello aziendale. Si deve quindi costruire un infrastruttura che metta insieme la storia delle interazioni di un cliente in una fonte unica di informazioni. 2

13 Il CRM in azienda tra cultura, marketing e tecnologia Gestire la relazione con i clienti. Ma come? Fino a pochissimo tempo fa il cliente era la persona che acquistava beni o servizi dall azienda, ma con la globalizzazione degli anni Novanta e con la definitiva affermazione di Internet il concetto di customer demand ha preso il posto del tradizionale product demand. I consumatori sono sempre più alla ricerca di un offerta personalizzata, che si avvicini alle proprie caratteristiche, sono liberi di muoversi e spostarsi più liberamente rispetto al passato, di esplorare mercati una volta irraggiungibili e forse nemmeno conosciuti, di acquistare nel momento che ritengono opportuno. Oggi è il cliente a decidere, e non si lascia più plasmare ed influenzare dal prodotto. Grazie alla tecnologia il cambiamento avviene a una velocità mai raggiunta prima e consiste soprattutto nel modo in cui potenzia i consumatori. Ha dato loro accesso ad un numero maggiore di informazioni e di opzioni rispetto al passato, rendendo molto pratica la valutazione delle alternative (comparison shopping). I consumatori possono ottenere più informazioni sui prodotti di loro interesse in un lasso di tempo molto più breve, quindi le loro aspettative crescono sempre più. Questa nuova consapevolezza, insieme con la maggiore domanda di tempo libero, crea consumatori informati e 3

14 Il CRM in azienda tra cultura, marketing e tecnologia impazienti. Tutto è cambiato ed è diventato più simile ad un processo continuo, in tempo reale, che ad un piano prestabilito. Se il cliente chiede dei cambiamenti, l azienda deve adeguarsi, non solo per prosperare, ma per sopravvivere: questa è la flessibilità. Dal momento che disporre di buoni prodotti e buoni prezzi non è più sufficiente, perché il mercato amplia le possibilità di scelta tra un prodotto e l altro e moltiplica i confronti fra promesse, prezzi e qualità di ciò che acquistiamo, l obiettivo delle aziende, nell impossibilità di diversificare in modo efficace la propria offerta, si sposta verso la ricerca della fedeltà dei propri clienti, con tutti i mezzi consentiti dalla comunicazione. Per mantenere i clienti fedeli è meglio quindi, oggi, impostare la propria politica commerciale sulle relazioni, piuttosto che sui prodotti. Qualche anno fa i clienti erano abituati a tollerare un CRM scarso perché un impresa offriva un prodotto decisamente migliore, perché era geograficamente vicina o perché il prezzo era più conveniente. Questi vantaggi competitivi vengono erosi dalle trasformazioni che la tecnologia sta introducendo nel mondo del commercio. La più tradizionale forma di vantaggio competitivo è la localizzazione. La teoria economica dice che, in assenza di altri fattori, i clienti preferiscono percorrere la distanza più breve per effettuare una transazione con un impresa. Ora 4

15 Il CRM in azienda tra cultura, marketing e tecnologia l offerta migliore può non essere quella del negozio dall altra parte della strada ma quella del negozio dall altra parte del mondo. Anche la dimensione viene penalizzata dalla new economy; viene infatti eroso il vantaggio delle società più grandi di attuare migliori politiche di prezzo. Grazie all elettronica, i nuovi mercati online aggregano domanda e offerta, consentendo alle aziende di tutte le dimensioni di beneficiare delle economie di scala. La consapevolezza e la presenza sul mercato diventano anche più facili da ottenere, indipendentemente dalla dimensione. Un buon utilizzo di internet può dare l impressione che un impresa sia molto più grande di quanto non lo sia in realtà. Forse la trasformazione più sorprendente è costituita dal passaggio da una differenziazione centrata sul prodotto ad una centrata sul servizio. Quasi tutti i prodotti a cui possiamo pensare sono sottoposti a forze competitive che ne attenuano ogni aspetto di differenziazione. Ma tutti questi cambiamenti eccezionali apportati dalla tecnologia hanno un ulteriore decisiva conseguenza: la diminuzione dei contatti umani instaurati con la clientela. Infatti tempo fa la distanza tra le parti in un rapporto di tipo consumer to business era quella di una stretta di mano. Cominciò ad aumentare con l introduzione del telefono e tuttora sta aumentando grazie ai canali di e-business: , web e 5

16 Il CRM in azienda tra cultura, marketing e tecnologia telefonia mobile. Le relazioni con i clienti sono essenziali nella determinazione del comportamento del cliente e nel processo del successo o del fallimento delle imprese; tutto questo mentre altre forme tradizionali di differenziazione tra le imprese si assottigliano. Un azienda non è in grado di controllare il ritmo del progresso tecnologico, l economia, ancora meno la concorrenza, ma può controllare il modo di gestire le interazioni con la clientela. Secondo Jon Anton, guru americano dei call center, se vendere la prima volta non è impossibile, vendere la seconda volta allo stesso cliente, che è ciò che conta veramente, richiede l esistenza di un entità impalpabile della quale poche aziende hanno già avvertito il bisogno: una relazione 2. I clienti veramente fedeli costituiscono infatti una fetta di mercato inattaccabile dalla concorrenza. Il costo delle vendite a clienti consolidati è notevolmente inferiore rispetto a quello necessario a generare la consapevolezza di mercato, acquisire nuovi clienti e stabilire un rapporto commerciale con loro. (Craig Conway, presidente e amministratore delegato, Peoplesoft Inc.) 3. Ciò che le aziende di oggi devono tenere presente è che non esistono più vere e proprie caratteristiche per identificare un cliente, ma solo 2 Martino Ronchi, CRM per tutti, Franco Angeli, Milano, 2003, pag.9 3 Paul Greenberg, CRM, Apogeo, Milano,

17 Il CRM in azienda tra cultura, marketing e tecnologia modi diversi di trattare con tipologie diverse di clienti, siano essi dipendenti, soci o acquirenti. Capire cosa desiderano e chi sono i clienti permette di offrire un prodotto soddisfacente. La soddisfazione porta fedeltà e un cliente fedele costa meno, ingenera un passaparola positivo ed instaura un rapporto di fiducia e di cooperazione con l azienda. Il cliente è l asset più importante di un azienda, e la relazione col cliente è oggi l investimento a più alto ritorno. Solo dopo aver compreso i cambiamenti della natura dei clienti possiamo capire che mantenere la fedeltà di un cliente, regola del commercio da tempi immemorabili, è cosa diversa dalla creazione di un sistema capace di fornire lo strumento per conservare la fedeltà in un mondo di quasi sei miliardi di anime: il Customer Relationship Management. 7

18 Il CRM in azienda tra cultura, marketing e tecnologia Come possiamo definire il Customer Relationship Management? Il Customer Relationship Management è costituito da un insieme di definizioni, concetti e metodologie complesse, fluide e in costante evoluzione che cambiano in base alla domanda dei clienti in tempo reale e alle condizioni di mercato in rapida evoluzione. Di conseguenza è necessario che il CRM fornisca un contenitore che presenti la stessa fluidità di quello che contiene. Il CRM è stato definito un sistema rivolto al cliente, una strategia, un insieme di fasi commerciali, una metodologia ; infatti è ognuna di queste cose. Customer Relationhip Management significa letteralmente gestire la relazione con il cliente. AZIENDA CRM CLIENTI Dal momento che ai primi tre posti il cliente vuole avere: Attenzione Professionalità 8

19 Il CRM in azienda tra cultura, marketing e tecnologia Azione (Jon Anton, purdue university, indiana) 4 e tenuto conto di numerose variabili che hanno influenzato le abitudini di consumo, quali il prezzo, la disponibilità di scelta, l estrema facilità di acquisto e il miglioramento della logistica, le aziende devono legare il cliente con sistemi diretti molto efficaci. Il CRM interviene, tra azienda e cliente, per supplire alla mancanza di un rapporto di tipo umano, reso impossibile dai grandi numeri: fa confluire la cultura, le strategie, le tecnologie di un azienda verso l unico importante obiettivo di legare a sé il cliente, fidelizzarlo, farlo sentire realmente soddisfatto dell esperienza e della relazione che lo lega all azienda stessa. Implementando un sistema di CRM si assolvono due funzioni: da una parte i clienti hanno la sensazione, giusta, di mantenere rapporti diretti e privilegiati con l azienda, dall altra l azienda ha la possibilità di distinguere quali sono i clienti più redditizi, determinare che cosa genera quel profitto e fare in modo che le transazioni e le pratiche commerciali specifiche di quel cliente mantengano o incrementino la propria redditività. Allo stesso modo l azienda ha la capacità di individuare i clienti non redditizi, di scoprire perché non lo sono e di modificare le proprie tattiche per garantire una redditività futura. Al centro del CRM c è una 4 Martino Ronchi, CRM per tutti, Franco Angeli, Milano,

20 Il CRM in azienda tra cultura, marketing e tecnologia predisposizione mentale, un rito e un insieme di processi e di politiche aziendali che coinvolgono tutta una società; c è un nuovo modo di porsi con le persone con cui si entra in contatto. Un buon CRM deve essere in grado di aiutare tutta l impresa a prendere decisioni migliori più in fretta, deve essere integrato, approfondito e pervasivo. Deve sfruttare le tecnologie in modo tale da permettere a chiunque, clienti, dipendenti e fornitori, di lavorare all interno della società e di accedere con facilità alle applicazioni e alle analisi, dovunque esse si trovino. Tutti, infatti, si devono far carico delle pubbliche relazioni, ad ogni livello, entrando in contatto con i clienti attraverso i vari punti di contatto (customer point). Attualmente si delineano sostanzialmente tre grandi scuole principali di pensiero: 1) quella di carattere strategico riferibile a Kotler 5 e Levitt; 2) quella che cura più l aspetto tattico ed operativo della relazione col singolo cliente e che fa capo a Don Peppers; 3) quella che potrebbe essere denominata tecnologico-logistica che si basa sull impiego di strumenti tecnologici (software applicativo) e organizzativi molto sofisticati e che comportano anche investimenti non indifferenti. Il CRM, in realtà, è tutte e tre queste cose, e cioè una filosofia aziendale volta a curare relazioni personali e 5 Kotler, Il marketing secondo kotler, Il Sole 24 ore,

21 Il CRM in azienda tra cultura, marketing e tecnologia personalizzate con i clienti, al fine di mantenerli, e che si avvale per questo di tutta una serie di informazioni che richiedono l utilizzo di un database gestito da un software applicativo. Anche se la nascita del moderno CRM viene comunemente collocata verso la prima metà degli anni 90, il concetto di gestire buoni rapporti con la clientela è qualcosa che perfino i proprietari di piccoli negozi conoscevano da sempre. È però negli anni 80 che la gestione del cliente, al fine di mantenerlo fedele, diviene l obiettivo primario delle aziende, soprattutto a causa delle concentrazioni di aziende iniziate in quel periodo, che accrescono l importanza dei clienti e introducono la grande distribuzione organizzata come interlocutore primario anche per le aziende sino ad allora orientate solo sul consumatore, non essendo abituate a grossi interlocutori intermedi. I primi prodotti CRM si concentravano sull automazione e sulla riduzione dei costi. Erano mirati a un singolo reparto o a una singola funzione commerciale, come l assistenza o le vendite. L efficienza di queste isole automizzate era limitata, in quanto il loro raggio di influenza non oltrepassava i confini del reparto. Evolvendosi in suite, i prodotti CRM hanno integrato i ruoli tradizionali di interazione con il cliente nel marketing, nelle vendite e nell assistenza all interno di un unico sistema. Il CRM deve essere visto come una sorta di 11

22 Il CRM in azienda tra cultura, marketing e tecnologia ecosistema finalizzato alla creazione di relazioni sempre più strette tra i suoi membri: l'impresa, i fornitori, i clienti e i partner. Gli studi teorici e le implementazioni pratiche delle soluzioni di CRM hanno portato all individuazione di tre ambienti distinti all interno dei quali si realizzano differenti espressioni del CRM. Le azioni di CRM più a diretto contatto con il cliente avvengono all interno del cosiddetto Collaborative CRM, l ambiente nel quale avvengono i processi di gestione dell'interazione con il cliente sui vari canali disponibili. A supporto di questo ambiente si pongono il front office ed il back office aziendali, all interno del quale trovano posto le funzioni marketing, vendite e di approvvigionamento. Tale ambiente, secondo la filosofia del CRM, è definito Operational CRM. Il terzo ambiente, infine, è il cosiddetto Analytical CRM, all interno del quale avvengono i processi di raccolta, manipolazione ed analisi delle informazioni a supporto di tutte le azioni di CRM. Il CRM deve iniziare con una strategia aziendale che determina cambiamenti nei processi organizzativi e operativi che, a loro volta, vengono resi possibili dall Information Technology. Il processo inverso non funziona: una società non può automatizzare il percorso verso una nuova strategia aziendale. Il CRM non è una tecnologia: la tecnologia ne consente il funzionamento, e la tecnologia viene utilizzata 12

23 Il CRM in azienda tra cultura, marketing e tecnologia per automatizzare o consentire alcuni o tutti i processi e le iniziative commerciali di un organizzazione. La tecnologia può servirsi sia di molte soluzioni separate, scelte tra le migliori, sia di piattaforme più estese, integrate per raggiungere l obiettivo di un attività gestita tecnologicamente. La strategia tecnologica è in genere un riflesso del coordinamento, o della sua mancanza, all interno dell organizzazione. (Brent Frei, presidente e amministratore delegato, Onix Software) 6. L integrazione e la completezza nell applicare queste tecnologie determina l ottima riuscita di una strategia di CRM, ma questo non significa che tutte le aziende puntino a questo risultato o capiscano l importanza di investire in un progetto simile. Infatti le strategie tecnologiche che le aziende utilizzano rientrano in uno di questi quattro livelli 7 : 1. CRM funzionale 2. CRM dipartimentale 3. CRM parziale 4. CRM In un azienda che opera al livello funzionale, l organizzazione è caratterizzata dalla settorializzazione o granularità nella gestione indipendente dei suoi processi 6 Paul Greenberg, CRM, Apogeo, Milano 2001, pag Paul Greenberg, CRM, Apogeo, Milano,

24 Il CRM in azienda tra cultura, marketing e tecnologia commerciali. Il coordinamento e la cooperazione all interno dei team sono difficoltosi, quasi impossibili tra dipartimenti. Un esempio possono essere le previsioni sulle vendite, le risposte automatiche alle e l autoassistenza web, soluzioni tecniche autonome. L ottenimento di un soddisfacente rendimento degli investimenti in questo modello è di solito possibile solo in aziende molto grandi, e solo quando le economie di scala lo rendono possibile. In una società operante al livello dipartimentale, l organizzazione è caratterizzata dalla sincronizzazione intradipartimentale attraverso l implementazione di processi coordinati e l utilizzo di tecnologia attraverso l intero dipartimento. I processi e la tecnologia interdipartimentale sono scarsi. Tipici esempi di strutture a questo livello sono l automazione delle forza vendita, i call center e la gestione dei canali. Questo è possibile in aziende di qualsiasi dimensione. Il rendimento degli investimenti in questo modello varia normalmente da due a cinque volte l investimento, e raramente c è un aumento significativo del grado di fedeltà della clientela. Questo modello potrebbe permettere ad un individuo o ad un singolo reparto di rendere un miglior servizio al cliente, ma non crea un legame tra il cliente e l azienda nel suo complesso. 14

25 Il CRM in azienda tra cultura, marketing e tecnologia In un azienda operante al livello di CRM parziale, l organizzazione si basa sui processi precedenti, continuando a perfezionare la sincronizzazione intradipartimentale con processi coordinati e tecnologia di dipartimento. Questo livello, tuttavia, trae sicuramente beneficio dal coordinamento interdipartimentale di processi e tecnologie caratterizzato, per esempio, dalla condivisione da parte delle vendite e del marketing di una banca dati sulla clientela o dalla sincronizzazione delle strategie. In un azienda operante al livello di CRM completo, l organizzazione ha una banca dati clienti a gestione unica in base alla quale l intera organizzazione coordina i processi e le strategie. In questo caso il rendimento degli investimenti varia da cinque a dieci volte l investimento. La tecnologia utilizzata in questo ambiente di solito apporta benefici a tutti i livelli della struttura operativa, aiutando a rendere più efficienti tutti i rami dell attività. Il livello è caratterizzato da un unico e universalmente condiviso elenco clienti e dati, da strategie e processi di dipartimento coordinati, da reportistica e analisi in tempo reali, da processi basati su internet e di tipo tradizionali intrecciati in un unico mosaico CRM. 15

26 Il CRM in azienda tra cultura, marketing e tecnologia Il ciclo del CRM ed i suoi vantaggi L implementazione in un azienda di un sistema completo di CRM genera un ciclo continuo costituito da due fasi principali. La prima fase riguarda la funzione marketing, e consiste nell analisi delle relazioni esistenti con i clienti attraverso una segmentazione delle loro preferenze e dei comportamenti d acquisto, per passare poi, ad una definizione precisa dei target in base alle informazioni raccolte. I risultati di questa attività alimentano la seconda fase del processo di CRM, che coinvolge maggiormente il settore progettazione/produzione, che si occupa di tradurre in prodotti da commercializzare le indicazioni sulle preferenze dei consumatori ricevute da parte del settore marketing, il settore vendite, nel quale vengono sviluppate offerte personalizzate, spesso a livello individuale, e l assistenza clienti, chiamata a rispondere con prontezza a problemi ed eventuali richieste. Dai ritorni in termini di vendite effettuate e di informazioni raccolte attraverso le interazioni avute dai clienti con i servizi di assistenza può ripartire l analisi del settore marketing che chiude il ciclo. I vantaggi apportati dal buon funzionamento di questo ciclo si possono riassumere in: 16

27 Il CRM in azienda tra cultura, marketing e tecnologia Vantaggio competitivo nei confronti dei concorrenti. Mentre la qualità del prodotto o del servizio offerto da un azienda può essere eguagliato in modo relativamente semplice dalla concorrenza attraverso l impiego di tecnologie simili e l impegno di risorse finanziarie adeguate, la capacità di andare incontro con maggiore prontezza alle esigenze dei clienti, o addirittura anticiparle, è un vantaggio competitivo molto più facile da mantenere sul mercato. Esso non è, infatti, trasferibile come un brevetto o un macchinario, ma deriva dalla conoscenza profonda ed integrata dei comportamenti dei propri clienti. Semplificazione dell organizzazione interna. L automazione e l introduzione di tecnologia necessarie per supportare un sistema complesso di CRM hanno effetti sulla possibilità di accesso e fruizione delle informazioni aziendali aumentandone la flessibilità ed eliminando la necessità di livelli intermedi. Aumento della base dei clienti. Incrementando l efficienza ed attirando nuovi clienti attraverso una corretta gestione delle relazioni, si pone l azienda nella posizione di guadagnare più denaro e soddisfare ancora più clienti innescando un circolo virtuoso di reciproca soddisfazione. 17

28 Il CRM in azienda tra cultura, marketing e tecnologia CRM e Contact Center Il collaborative CRM raggruppa tutti i mezzi, le tecnologie e le strategie che permettono all azienda di interagire con i suoi clienti e viceversa. In quanto punto di contatto tra l azienda ed i clienti, i canali del collaborative CRM sono una fonte di inestimabile valore per quanto riguarda caratteristiche, desideri e necessità del mercato di riferimento. Il collaborative CRM può sfruttare un ampia gamma di canali per interagire con i clienti. A quelli tradizionali, come la posta ordinaria ed i centri di assistenza, se ne sono aggiunti altri grazie all avvento di nuove tecnologie e nuovi mezzi di comunicazione. Un nuovo canale di interazione con la clientela molto diffuso tra aziende di tutte le dimensioni ed i settori merceologici è il call center. I call center moderni hanno origine dai vecchi servizi di assistenza telefonica, cioè gli help desk, centri di richieste di aiuto da parte dei clienti, proteste e informazioni. Già con l introduzione dell ACD (Automatic Call Distribution), un centralino intelligente in grado di instradare le chiamate secondo parametri predefiniti, il Call Center è diventato uno strumento strategico 8 : l azienda è in grado di guidare il flusso delle 8 Martino Ronchi, Call Center Istruzioni per l uso, Franco Angeli, Milano,

29 Il CRM in azienda tra cultura, marketing e tecnologia richieste in base ad ogni singola necessità. Grazie al continuo sviluppo delle nuove tecnologie, i call center si sono trasformati in sistemi completi di interazione con i clienti. Attraverso i call center, i clienti possono oggi non solo ricevere assistenza per problemi con i prodotti o i servizi dell azienda, ma anche richiedere informazioni di tipo tecnico, amministrativo e commerciale, eseguire operazioni gestionali, usufruire di servizi a valore aggiunto. Un tipico esempio di call center multifunzionale è quello degli operatori di telefonia mobile. Affinché l operatore del call center sia in grado di gestire in modo efficiente l interazione con il cliente, deve essere in grado di reperire in tempi ridottissimi, tutte le informazioni che l azienda ha a disposizione su di lui. Nel caso dell operatore telefonico, ad esempio, il profilo tariffario, la tipologia di utilizzo del servizio, eventuali precedenti contatti con il call center. Allo stesso tempo deve essere in grado di generare un flusso di informazioni verso le altre aree dell azienda in base a ciò che di nuovo è riuscito a capire da un interazione appena conclusa. Questo fluire di informazioni può essere realizzato solamente attraverso strumenti informatici specializzati che integrano le funzioni telefoniche vere e proprie con l infrastruttura aziendale. In altri casi la tecnologia aiuta ulteriormente i call center permettendo ad un utente di svolgere le più 19

30 Il CRM in azienda tra cultura, marketing e tecnologia comuni operazioni amministrative e di reperimento delle informazioni, senza la necessità di dover interpellare un operatore in carne ed ossa. Questi sistemi sono generalmente noti con la sigla IVR (Interactive Voice Response). Si tratta dei sistemi automatizzati, generalmente raggiungibili attraverso il telefono, con i quali un cliente può interagire per ottenere il risultato desiderato. Questa categoria di strumenti copre un ampio ventaglio di tecnologie, dai risponditori in grado di riconoscere i toni del telefono e con un percorso di interazione fisso, come, ad esempio, i sistemi per la telelettura dei contatori, fino a sistemi più sofisticati in grado di riconoscere il linguaggio parlato ed adeguare l interazione al dialogo che si sta sviluppando. Le ultime applicazioni consentono anche l integrazione della telefonia con il computer, permettendo di raccogliere informazioni sia tramite internet che tramite telefono e di spedirle ad un determinato operatore o inoltrarlo su un determinato desktop: parlo della CTI (Computer Telephony Integration). Ecco perché ora non si parla più di Call Center, ma di Contact Center, CIC (Customer Interaction Center), o Web Center. Al Contact Center vengono affidati sempre più compiti: non solo il customer service, ma anche la vendita diretta, la gestione di appuntamenti, le indagini di mercato quantitative e 20

I vantaggi di un sistema CRM

I vantaggi di un sistema CRM I vantaggi di un sistema CRM Come gestire il rapporto con i clienti per affrontare in maniera risoluta la concorrenza Il sempre maggior uso di Internet non solo come fonte di informazioni ma come vero

Dettagli

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) ICT GOVERNANCE ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1 Sviluppo storico del CRM 50 60 Avvento dei brand items e delle agenzie di pubblicità 70 Avvento del

Dettagli

Database Commerciali/ Marketing. Indice: 1. Gli elementi chiave del db commerciale/ marketing 2. Come si costruisce un db commerciale/ marketing

Database Commerciali/ Marketing. Indice: 1. Gli elementi chiave del db commerciale/ marketing 2. Come si costruisce un db commerciale/ marketing Database Commerciali/ Marketing Indice: 1. Gli elementi chiave del db commerciale/ marketing 2. Come si costruisce un db commerciale/ marketing Database Commerciali/ Marketing Gli elementi chiave del db

Dettagli

CRM - Nuova visione organizzativa per eccellere nella soddisfazione dei clienti

CRM - Nuova visione organizzativa per eccellere nella soddisfazione dei clienti CRM - Nuova visione organizzativa per eccellere nella soddisfazione dei clienti Cos è il CRM Customer Relationship Management Che cos è un cliente? In quanti modi definire il CRM? I vantaggi di CRM. Il

Dettagli

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Obiettivi della lezione Illustrare il passaggio dall orientamento alla transazione all orientamento alla relazione nel marketing contemporaneo

Dettagli

Contact Center. solutions

Contact Center. solutions Contact Center solutions Rafforzate le relazioni con i clienti e proteggete i profitti Il contact center è l interfaccia principale che la vostra organizzazione presenta alla sua risorsa più preziosa:

Dettagli

MARKETING AUTOMATION Potenzialità, numeri e vantaggi

MARKETING AUTOMATION Potenzialità, numeri e vantaggi 01 MARKETING AUTOMATION Potenzialità, numeri e vantaggi Contenuti 1.0 1.1 1.2 Marketing Automation, un introduzione Cosa e quanto cambia in azienda Le prestazioni Le aziende che utilizzano la marketing

Dettagli

GAT.crm Customer Solution Case Study

GAT.crm Customer Solution Case Study GAT.crm Customer Solution Case Study NETSI e GAT.crm danno voce alla tua azienda IN BREVE Profilo aziendale NETSI è attiva da diversi anni sul molti fronti: ad esempio, è infatti uno dei maggiori partner

Dettagli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media INFORMAZIONI Materiale

Dettagli

L azienda Estesa. Giancarlo Stillittano

L azienda Estesa. Giancarlo Stillittano L azienda Estesa Giancarlo Stillittano L azienda estesa L azienda ha necessità di rafforzare le relazioni al suo interno (tra funzioni,uffici, stabilimenti produttivi e filiali di vendita) e si trova al

Dettagli

www.coregaincrm.it Il cuore del tuo business è conquistare il cuore del tuo cliente. CoregainCRM è prodotto e distribuito da Vecomp. www.vecomp.

www.coregaincrm.it Il cuore del tuo business è conquistare il cuore del tuo cliente. CoregainCRM è prodotto e distribuito da Vecomp. www.vecomp. www.coregaincrm.it Il cuore del tuo business è conquistare il cuore del tuo cliente. CoregainCRM è prodotto e distribuito da Vecomp. www.vecomp.it coregain time to market Il CRM che fa pulsare il tuo business.

Dettagli

Business Intelligence CRM

Business Intelligence CRM Business Intelligence CRM CRM! Customer relationship management:! L acronimo CRM (customer relationship management) significa letteralmente gestione della relazione con il cliente ;! la strategia e il

Dettagli

Utilizzare i paradigmi dei social network per sviluppare un processo strutturale all'interno del CRM

Utilizzare i paradigmi dei social network per sviluppare un processo strutturale all'interno del CRM Utilizzare i paradigmi dei social network per sviluppare un processo strutturale all'interno del CRM 1.1 CRM e Social CRM Dal momento del suo sviluppo, il CRM è sempre stato utilizzato da molte aziende

Dettagli

Glossario CRM - Customer Relationship Management -

Glossario CRM - Customer Relationship Management - Glossario CRM - Customer Relationship Management - 1 Account Management Account Management offre un approccio strategico per mantenere clienti ad alto valore aggiunto e trasformarli in clienti soddisfatti

Dettagli

Parlare al cittadino e comunicare attraverso Internet: comunicazione e raccolta dati.

Parlare al cittadino e comunicare attraverso Internet: comunicazione e raccolta dati. Parlare al cittadino e comunicare attraverso Internet: comunicazione e raccolta dati. Marzo 2002 - Paolo Sensini 00 XX 1 Tipologie servizi (1) Servizi vetrina Esempio tipo Struttura Pregi e difetti Servizi

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Nuovi metodi di analisi della relazione con il cliente: il CRM

Nuovi metodi di analisi della relazione con il cliente: il CRM Nuovi metodi di analisi della relazione con il cliente: il CRM Dott. Gabriele Sabato Abstract Nel corso del processo di evoluzione della nostra società moderna si è riscontrato sempre più l insorgere di

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

di Giorgia Facchini (*)

di Giorgia Facchini (*) strategica Strategie di Customer Relationship Management di Giorgia Facchini (*) Il Customer Relationship Management ha costituito negli ultimi anni un opportunità a disposizione delle PMI per poter valutare

Dettagli

CRM: IL FUTURO DEL MARKETING ATTRAVERSO LA CONOSCENZA DEL CLIENTE

CRM: IL FUTURO DEL MARKETING ATTRAVERSO LA CONOSCENZA DEL CLIENTE UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI UDINE FACOLTÁ DI ECONOMIA Corso di Laurea in Economia Aziendale Esame di Laurea CRM: IL FUTURO DEL MARKETING ATTRAVERSO LA CONOSCENZA DEL CLIENTE Tutore: Prof. Maria Chiarvesio

Dettagli

L ICT e l innovazione

L ICT e l innovazione Il valore del Project Management nei Progetti di Innovazione nelle Piccole e Medie Imprese L ICT e l innovazione Milano, 15 dicembre 2006 Enrico Masciadra, PMP emasciadra@libero.it Le cinque forze competitive

Dettagli

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006 Il CRM operativo 2 maggio 2006 1. Il marketing relazionale Il marketing relazionale si fonda su due principi fondamentali che è bene ricordare sempre quando si ha l opportunità di operare a diretto contatto

Dettagli

PRESENTAZIONE SERVIZI P.M.I.

PRESENTAZIONE SERVIZI P.M.I. PRESENTAZIONE SERVIZI P.M.I. Profilo La Società Hermes nasce nel 2010 per portare sul mercato le esperienze maturate da un team di specialisti e ricercatori informatici che hanno operato per anni come

Dettagli

Contact Center & CRM Forum 2014

Contact Center & CRM Forum 2014 17.6.2014 Contact Center & CRM Forum 2014 Come sviluppare e coordinare la convergenza dei diversi canali su un unico Contact Center? Best Practices di Multicanalità e Customer Experience. Agenda 1. Company

Dettagli

Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM in Camomilla Milano

Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM in Camomilla Milano Facoltà di lingua e cultura italiana CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM

Dettagli

Dal CRM all e-crm. Andrea De Marco

Dal CRM all e-crm. Andrea De Marco Dal CRM all e-crm Andrea De Marco Qualità Uno dei principali fattori competitivi nell attuale contesto di mercato è rappresentato dalla qualità delle relazione online che vengono gestite tramite servizi

Dettagli

Multicanalità in Ferrovie: alcune riflessioni

Multicanalità in Ferrovie: alcune riflessioni Multicanalità in Ferrovie: alcune riflessioni Alessandro Musumeci Direttore Centrale Sistemi Informativi Roma, 18 aprile 2013 Ora esiste il Web 2.0: le persone al centro. Interconnesse Informate Disintermediate

Dettagli

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media Capitolo 2 Comprendere le relazioni UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media IL CONCETTO DI RELAZIONE Le implementazioni di CRM sono concepite nell ottica

Dettagli

Contatti profittevoli

Contatti profittevoli Contatti profittevoli paolo.vitali@yourvoice.com Milano, 25 gennaio 2002 CONTATTARE significa: Informare Proporre nuovi servizi / prodotti Suscitare nuove esigenze Cliente Utente Socio Collega Partner

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ORIENTAMENTO ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 ASPETTATIVE E SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 MISURARE

Dettagli

Introduzione alla Business Intelligence. E-mail: infobusiness@zucchetti.it

Introduzione alla Business Intelligence. E-mail: infobusiness@zucchetti.it Introduzione alla Business Intelligence E-mail: infobusiness@zucchetti.it Introduzione alla Business Intelligence Introduzione Definizione di Business Intelligence: insieme di processi per raccogliere

Dettagli

29/01/2015 - Camera di Commercio Macerata

29/01/2015 - Camera di Commercio Macerata 29/01/2015 - Camera di Commercio Macerata Cos è? Il Customer Relationship Management (CRM) è una strategia per la gestione di tutte le interazioni che hanno luogo con i clienti potenziali ed esistenti.

Dettagli

Seminario di Formazione Sales & Marketing Alberghiero SALES & MORE CONSULTING FORMAZIONE

Seminario di Formazione Sales & Marketing Alberghiero SALES & MORE CONSULTING FORMAZIONE Seminario di Formazione Sales & Marketing Alberghiero SALES & MORE CONSULTING FORMAZIONE Marketing Strategico L'analisi attenta del mercato di riferimento può aprire nuove prospettive al business alberghiero:

Dettagli

CRM: Come le PMI possono organizzare la loro attività senza costi di licenza

CRM: Come le PMI possono organizzare la loro attività senza costi di licenza CRM: Come le PMI possono organizzare la loro attività senza costi di licenza Il Customer Relationship Management (CRM) punta a costruire, estendere ed approfondire le relazioni esistenti tra un'azienda

Dettagli

GESTIRE UNA FIERA GESTIONE FIERE CON

GESTIRE UNA FIERA GESTIONE FIERE CON GESTIONE FIERE CON INTRODUZIONE Ad ognuno la giusta azione di Marketing All interno del cosiddetto Customer Acquisition Funnel 1, la gestione di una fiera si rivolge, come nel caso del telemarketing, ai

Dettagli

di Giorgia Facchini Marketing e vendite >> CRM

di Giorgia Facchini Marketing e vendite >> CRM STRATEGIE DI CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT di Giorgia Facchini Marketing e vendite >> CRM INTRODUZIONE L acronimo CRM sta per Customer Relationship Management, ossia gestione delle relazioni con i clienti,

Dettagli

Bank of America Il Mobile Banking

Bank of America Il Mobile Banking Bank of America Il Mobile Banking Questa breve sintesi è solo un supporto alla comprensione del caso e non ne sostitusce la lettura. L analisi del caso avverrà venerdì 11 settembre pomeriggio (le domande

Dettagli

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Un azienda è caratterizzata da: 1. Persone legate tra loro da

Dettagli

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato Le relazioni con il mercato 1 IL SISTEMA CLIENTE E IL PRESIDIO DELLA RELAZIONE CONSULENZIALE Nella situazione attuale, il venditore deve fornire un servizio sempre più di qualità, trasformandosi nel gestore

Dettagli

SMS Strategic Marketing Service

SMS Strategic Marketing Service SMS Strategic Marketing Service Una piattaforma innovativa al servizio delle Banche e delle Assicurazioni Spin-off del Politecnico di Bari Il team Conquist, Ingenium ed il Politecnico di Bari (DIMEG) sono

Dettagli

MARKETING (3 DI 3) R i v i s t a in t e r n a z i o n a l e d e l G r u p p o B a i n RESULTS. ANNO VIII NUMERO 2 (3 A parte ) Dicembre 2002

MARKETING (3 DI 3) R i v i s t a in t e r n a z i o n a l e d e l G r u p p o B a i n RESULTS. ANNO VIII NUMERO 2 (3 A parte ) Dicembre 2002 R i v i s t a in t e r n a z i o n a l e d e l G r u p p o B a i n RESULTS MARKETING (3 DI 3) ANNO VIII NUMERO 2 (3 A parte ) Dicembre 2002 Bain & Company RESULTS Dopo la prima e la seconda parte di questo

Dettagli

I valori distintivi della nostra offerta di BPO:

I valori distintivi della nostra offerta di BPO: Business Process Outsourcing Partner 3M Software è il partner di nuova generazione, per la progettazione e la gestione di attività di Business Process Outsourcing, che offre un servizio completo e professionale.

Dettagli

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto La conoscenza del Cliente come fonte di profitto Giorgio Redemagni Responsabile CRM Convegno ABI CRM 2003 Roma, 11-12 dicembre SOMMARIO Il CRM in UniCredit Banca: la Vision Le componenti del CRM: processi,

Dettagli

Dal CRM all ERM: nella condivisione degli obiettivi di business la chiave di una strategia di successo

Dal CRM all ERM: nella condivisione degli obiettivi di business la chiave di una strategia di successo Dal CRM all ERM: nella condivisione degli obiettivi di business la chiave di una strategia di successo ABI CRM 2002 Gabriella Lo Conte Marketing Manager Roma, 13 Dicembre 2002 Agenda TeleAp Customer Relationship

Dettagli

Marketing nel commercio elettronico Parte 1

Marketing nel commercio elettronico Parte 1 Marketing nel commercio elettronico Parte 1 Dr. Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Marketing Marketing: insieme

Dettagli

A vaya IP Office Soluzioni per Contact Center

A vaya IP Office Soluzioni per Contact Center A vaya IP Office Soluzioni per Contact Center Migliorate il servizio ai clienti accrescere la produttività Soluzioni per centri di contatto che migliorano il servizio, accrescono la produttività e riducono

Dettagli

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Microsoft Dynamics CRM e le istituzioni finanziare dedicate alle famiglie banche, banche assicurazioni e sim Premessa Ogni impresa che opera nel settore

Dettagli

1.Che cos è e come si articola un Business Plan

1.Che cos è e come si articola un Business Plan CODINEXT 1 1.Che cos è e come si articola un Business Plan Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto

Dettagli

Guida al CRM. White Paper FrontRange Solutions. SysAround S.r.l. Pagina 1 di 18. Via Cappuccini, 4 20122 Milano

Guida al CRM. White Paper FrontRange Solutions. SysAround S.r.l. Pagina 1 di 18. Via Cappuccini, 4 20122 Milano Guida al CRM White Paper FrontRange Solutions Pagina 1 di 18 SOMMARIO 1. Il CRM: come può migliorare il business aziendale... 3 1.1 Il CRM... 3 1.2 Quali sono i vantaggi di avere una strategia CRM?...

Dettagli

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Luca Molteni Elena Feltrinelli Università Bocconi Milano Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 febbraio

Dettagli

Strategie di web-marketing

Strategie di web-marketing Strategie di web-marketing Prima di iniziare il web-marketing Prima di iniziare una strategia di web-marketing, è necessario comprendere se questo possa essere veramente utile alla propria azienda: Cosa

Dettagli

Figura 1 - Home page del sito www.tecnofer85.it. Politecnico Innovazione 1

Figura 1 - Home page del sito www.tecnofer85.it. Politecnico Innovazione 1 TECNOFER 85 S.R.L. 1. PROFILO DELLA SOCIETÀ Tecnofer 85 è un azienda commerciale che tratta prodotti di ferramenta, nasce nel 1985 come fornitore di aziende artigiane per iniziativa dell attuale titolare

Dettagli

Ottimizza le prestazioni del tuo Call Center Call center e marketing intelligence: quali le relazioni?

Ottimizza le prestazioni del tuo Call Center Call center e marketing intelligence: quali le relazioni? Ottimizza le prestazioni del tuo Call Center Call center e marketing intelligence: quali le relazioni? Milano, 4 Giugno 2002 Obiettivi dell incontro Obiettivi dell incontro Condividere alcune riflessioni

Dettagli

ONC Srl. Il nostro valore aggiunto

ONC Srl. Il nostro valore aggiunto ONC Srl Il nostro valore aggiunto grave crisi economica fase recessiva mercati instabili terremoto finanziario difficoltà di crescita per le aziende Il mercato La nuova sfida per le aziende: Riuscire a

Dettagli

IL CRM di Platinumdata

IL CRM di Platinumdata IL CRM di Platinumdata Cos è un CRM? Il Customer relationship management (CRM) o Gestione delle Relazioni coi Clienti è legato al concetto di fidelizzazione e gestione dei clienti. Attualmente il mercato

Dettagli

Criteri fondamentali per un sistema CRM

Criteri fondamentali per un sistema CRM Criteri fondamentali per un sistema CRM Definizione di C.R.M. - Customer Relationship Management Le aziende di maggiore successo dimostrano abilità nell identificare, capire e soddisfare i bisogni e le

Dettagli

IL CRM NELL ERA DEL CLIENTE. modi in cui un CRM moderno può aiutarti a deliziare i tuoi clienti e contribuire alla tua crescita.

IL CRM NELL ERA DEL CLIENTE. modi in cui un CRM moderno può aiutarti a deliziare i tuoi clienti e contribuire alla tua crescita. IL CRM NELL ERA DEL CLIENTE modi in cui un CRM moderno può aiutarti a deliziare i tuoi clienti e contribuire alla tua crescita ebook 1 SOMMARIO Introduzione Allineare meglio le vendite e il marketing Creare

Dettagli

Creare un rapporto duraturo con i clienti. Realizzare una completa integrazione. Investire nel futuro. CRM. Customer Relationship Management

Creare un rapporto duraturo con i clienti. Realizzare una completa integrazione. Investire nel futuro. CRM. Customer Relationship Management Creare un rapporto duraturo con i clienti. Realizzare una completa integrazione. Investire nel futuro. CRM Customer Relationship Management Cosa vuol dire CRM? L espressione significa letteralmente gestione

Dettagli

Progetto Analisi del fenomeno della precoce mortalità delle imprese e del passaggio generazionale

Progetto Analisi del fenomeno della precoce mortalità delle imprese e del passaggio generazionale Progetto Analisi del fenomeno della precoce mortalità delle imprese e del passaggio generazionale progetto realizzato con il contributo Segreteria organizzativa Adeguarsi al cambiamento E-commerce e organizzazione

Dettagli

BIBLIOGRAFIA. A. Mandelli, Internet Marketing, Mc Graw-Hill, 1998. P. Seybold, R. Marshak, Customers.com, Business International, 1998

BIBLIOGRAFIA. A. Mandelli, Internet Marketing, Mc Graw-Hill, 1998. P. Seybold, R. Marshak, Customers.com, Business International, 1998 BIBLIOGRAFIA A. Mandelli, Internet Marketing, Mc Graw-Hill, 1998 P. Seybold, R. Marshak, Customers.com, Business International, 1998 D. Peppers, M. Rogers, B. Dorf, Marketing One To One, Il Sole 24 Ore,

Dettagli

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Servizi di connessione Prodotti a supporto del business Per sfruttare al meglio una rete di ricarica per veicoli

Dettagli

Semplifica la gestione di una forza lavoro globale

Semplifica la gestione di una forza lavoro globale Semplifica la gestione di una forza lavoro globale Cezanne HR è un azienda internazionale, che gestisce clienti in tutto il mondo. Per questo sappiamo quanto possa essere complicato gestire le Risorse

Dettagli

GAT.crm Customer Solution Case Study

GAT.crm Customer Solution Case Study GAT.crm Customer Solution Case Study Contact Center in Outsourcing Il gruppo PHONEMEDIA B-SERVICES Un caso di successo con SISECO In breve Profilo aziendale Phonemedia-B-Services è la prima struttura italiana

Dettagli

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business 2 La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business (2 - migliorate la vostra credibilità: i 5 passi per dimostrare l efficacia del Marketing) Pagina 1 di 9 SOMMARIO PREMESSA...

Dettagli

Enova - web è un prodotto di Studio Lodetti

Enova - web è un prodotto di Studio Lodetti INDICE: 04 per comunicare e crescere 05 cos è - non solo un CRM 06 l importanza 07 caratteristiche 08 applicazione 10 versiona base 11 versione master 12 moduli e versioni personalizzate 15 per la pubblica

Dettagli

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Il Modello di Soddisfazione-Loyalty consente alla banca di scoprire quali azioni mettere in campo per rendere concretamente più fedeli i clienti, incrementandone

Dettagli

La fidelizzazione dei clienti...

La fidelizzazione dei clienti... La fidelizzazione dei clienti... Ieri era diverso... Fino a ieri, la tendenza è stata quella di considerare le attività di fidelizzazione partendo dalla vendita... poteva andar bene......ma oggi tutto

Dettagli

La funzione dell imprenditore è proprio quella di controllare e di guidare questa costante evoluzione, queste continue influenze sulla vita

La funzione dell imprenditore è proprio quella di controllare e di guidare questa costante evoluzione, queste continue influenze sulla vita PREMESSA L evoluzione dell Industria italiana nel secondo dopoguerra può essere suddivisa in tre fasi distinte: la prima si colloca nel periodo compreso tra gli anni cinquanta e gli anni sessanta, la seconda

Dettagli

Access, MSDE 2000, SQLServerExpress2005 e MySQL per soluzioni di media complessità e per soluzioni entry level ;

Access, MSDE 2000, SQLServerExpress2005 e MySQL per soluzioni di media complessità e per soluzioni entry level ; Gruppo SIGLA, attiva da diversi anni nel settore della Computer Telephony Integration, ha realizzato SiTel, un sistema di comunicazione multicanale (telefonia fissa analogica e digitale, telefonia mobile,

Dettagli

Premessa... 1. Vantaggi di un sistema ERP... 2. Fasi del processo... 3. Zone di rischio... 4

Premessa... 1. Vantaggi di un sistema ERP... 2. Fasi del processo... 3. Zone di rischio... 4 Sommario Premessa... 1 Vantaggi di un sistema ERP... 2 Fasi del processo... 3 Zone di rischio... 4 Premessa Le tecnologie informatiche hanno rivoluzionato da tempo il modo in cui lavorano le aziende e

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il Business Plan è il principale strumento per valutare la convenienza economica e la fattibilità di un nuovo progetto di impresa. Documento indispensabile per accedere

Dettagli

Dall Email Marketing ai Dynamic Contents

Dall Email Marketing ai Dynamic Contents Dall Email Marketing ai Dynamic Contents DM&P è un'agenzia di comunicazione integrata e casa di produzione dall esperienza più che decennale, con un consolidato know how in diversi settori merceologici,

Dettagli

Ruth P. Stevens LEAD GENERATION. Generare nuovi contatti commerciali con strumenti d avanguardia

Ruth P. Stevens LEAD GENERATION. Generare nuovi contatti commerciali con strumenti d avanguardia Ruth P. Stevens LEAD GENERATION Generare nuovi contatti commerciali con strumenti d avanguardia Sommario L autrice, ringraziamenti...ix Capitolo 1 Introduzione alla lead generation... 1 Definiamo i termini:

Dettagli

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO 1 LE ORIGINI I primi studi sul marketing relazionale risalgono alla seconda metà degli anni ' 70 e sono riferiti al settore dei beni industriali negli

Dettagli

BENCHMARKING SERVIZIO CONTACT CENTER PUBLIC UTILITIES

BENCHMARKING SERVIZIO CONTACT CENTER PUBLIC UTILITIES BENCHMARKING SERVIZIO CONTACT CENTER PUBLIC UTILITIES a cura di Gianluca Loparco 1 (gianluca.loparco@tin.it) Modello gestionale e parametri di funzionamento dei contact center. Il benchmarking rivolto

Dettagli

CRM Basilea 2 :: :: :: :: PMI Center. -CRM per Basilea 2 - Cedac Software Srl

CRM Basilea 2 :: :: :: :: PMI Center. -CRM per Basilea 2 - Cedac Software Srl PMI Center -CRM per Basilea 2 - Cedac Software Srl 1 La tecnologia ha rimodulato i rapporti fra PMI e sistema Bancario a) anno 1987 - scambio telematico flussi informativi e dispositivi monobanca b) anno

Dettagli

PROGRAMMA CORSI 1. LA QUALITÀ DEL FRONT OFFICE NELLE STRUTTURE ALBERGHIERE E RISTORATIVE

PROGRAMMA CORSI 1. LA QUALITÀ DEL FRONT OFFICE NELLE STRUTTURE ALBERGHIERE E RISTORATIVE CORSI 1. LA QUALITÀ DEL FRONT OFFICE NELLE STRUTTURE ALBERGHIERE E RISTORATIVE In un mondo del lavoro altamente competitivo, nel quale l offerta turistica è molto vasta e i clienti possono scegliere tra

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento APPROFONDIMENTO ICT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento OBIETTIVI, STRATEGIE E TATTICHE DI MARKETING ON-LINE: L INTERNET MARKETING PLAN ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

IL BOOKING NEL REVENUE MANAGEMENT

IL BOOKING NEL REVENUE MANAGEMENT 1 IL BOOKING NEL REVENUE MANAGEMENT AUTORI Paolo Desinano Centro Italiano di Studi Superiori sul Turismo di Assisi Riccardo Di Prima Proxima Service INTRODUZIONE Il momento del booking è il momento della

Dettagli

Quando il marketing chiede il permesso. Di Patrizia Menchiari

Quando il marketing chiede il permesso. Di Patrizia Menchiari Quando il marketing chiede il permesso Di Patrizia Menchiari Sempre più aziende, in modo particolare nel campo dell e-business, scelgono la comunicazione interattiva basata sul consenso e sulla fiducia,

Dettagli

MAPINFO PER IL SETTORE RETAIL

MAPINFO PER IL SETTORE RETAIL MAPINFO PER IL SETTORE RETAIL Utilizzare la Location Intelligence come vantaggio competitivo L O C AT I O N L O C AT I O N L O C AT I O N! MapInfo fornisce soluzioni per l analisi spaziale e la visualizzazione

Dettagli

GAT.crm Customer Solution Case Study

GAT.crm Customer Solution Case Study GAT.crm Customer Solution Case Study SET Contact Center di Successo con VoIp e Crm In breve Profilo aziendale La storia di SET inizia nel 1989 dalla ferma volontà di Valter Vestena, che dopo aver creato

Dettagli

perché è importante? Cos'è l'esperienza clienti e Di: Brett Shockley, Senior Vice President e CTO, Avaya

perché è importante? Cos'è l'esperienza clienti e Di: Brett Shockley, Senior Vice President e CTO, Avaya Cos'è l'esperienza clienti e perché è importante? Di: Brett Shockley, Senior Vice President e CTO, Avaya vaya definisce il Customer Experience Management (CEM) Acome la disciplina con cui si gestiscono

Dettagli

Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali. Sistemi informativi aziendali

Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali. Sistemi informativi aziendali Corso Sistemi Informativi Aziendali,. Sistemi informativi aziendali di Simone Cavalli (simone.cavalli@unibg.it) Bergamo, Marzo 2009 Corso Sistemi Informativi Aziendali - Il customer relationship management

Dettagli

Parte Quinta Le Strategie Cliente

Parte Quinta Le Strategie Cliente Parte Quinta Le Strategie Cliente Con il simbolo ^ le slide che non sono state discusse in aula C è una sola definizione valida dello scopo del business: creare un cliente. Sarà quest ultimo che determinerà

Dettagli

Catalogo formativo Anno 2012-2013

Catalogo formativo Anno 2012-2013 Catalogo formativo Anno 2012-2013 www.kaleidoscomunicazione.it marketing & innovazione >> Email Marketing >> L email è ad oggi lo strumento di comunicazione più diffuso tra azienda e cliente e dunque anche

Dettagli

ConCert - CTP Certified Telemarketing Professional Syllabus area teleselling/telemarketing

ConCert - CTP Certified Telemarketing Professional Syllabus area teleselling/telemarketing ConCert - CTP Certified Telemarketing Professional Syllabus area teleselling/telemarketing Indice degli argomenti 2. Modulo 2 Teleselling/Telemarketing...2 2.1. Servizi e tecnologie...2 2.1.1. Call Center...2

Dettagli

CRM : I SISTEMI DI CONTATTO. Scopo dei sistemi di contatto Il modello tecnologico Il modello applicativo Il modello funzionale Diffusione

CRM : I SISTEMI DI CONTATTO. Scopo dei sistemi di contatto Il modello tecnologico Il modello applicativo Il modello funzionale Diffusione CRM : I SISTEMI DI CONTATTO Scopo dei sistemi di contatto Il modello tecnologico Il modello applicativo Il modello funzionale Diffusione Scopo dei sistemi di contatto Si basano sulla attività di operatori

Dettagli

RELAZIONE E COMUNICAZIONE. Sviluppare la gestione delle relazioni con i clienti grazie a:

RELAZIONE E COMUNICAZIONE. Sviluppare la gestione delle relazioni con i clienti grazie a: RELAZIONE E COMUNICAZIONE Sviluppare la gestione delle relazioni con i clienti grazie a: Microsoft Office System 2007 Windows Vista Microsoft Exchange Server 2007 è ancora più potente ed efficace, grazie

Dettagli

Cap. 9 Marketing Automation

Cap. 9 Marketing Automation Cap. 9 Marketing Automation 1 Scopo e ambito dei sistemi di Marketing automation Le Applicazioni di Marketing automation supportano pianificazione, controllo ed esecuzione delle campagne finalizzate ad

Dettagli

Introduzione alla Business Intelligence

Introduzione alla Business Intelligence SOMMARIO 1. DEFINIZIONE DI BUSINESS INTELLIGENCE...3 2. FINALITA DELLA BUSINESS INTELLIGENCE...4 3. DESTINATARI DELLA BUSINESS INTELLIGENCE...5 4. GLOSSARIO...7 BIM 3.1 Introduzione alla Pag. 2/ 9 1.DEFINIZIONE

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

MODULO Informatica Generale (Q Z) Anno Accademico 2001-2002. Information & Communication Technology ICT. V Lezione

MODULO Informatica Generale (Q Z) Anno Accademico 2001-2002. Information & Communication Technology ICT. V Lezione MODULO Informatica Generale (Q Z) Anno Accademico 2001-2002 Information & Communication Technology ICT V Lezione COS E L ICT E L UNIONE TRA LE TECNOLOGIE E LE FUNZIONALITA TIPICHE DEI PERSONAL COMPUTER

Dettagli

Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE

Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE Il successo delle aziende, oggi, dipende dalla collaborazione e dalle partnership con altre organizzazioni. Emergono sempre di più le reti di organizzazioni. Oggi

Dettagli

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile Obiettivi dell incontro Oggi cercheremo di rispondere ad alcune domande: Che cosa andiamo

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

Introduzione al Web Marketing e Social Networking

Introduzione al Web Marketing e Social Networking Introduzione al Web Marketing e Social Networking Relatore: Andrea Baioni www.andreabaioni.it abaioni@andreabaioni.it DEFINIZIONI E DIFFERENZE Marketing tradizionale un sistema integrato di attività, organizzato

Dettagli

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Direttori e Commerciali; Tutti coloro che devono gestire un gruppo

Dettagli

Come utilizzare la conoscenza del cliente per incrementare la profittabilità dei servizi finanziari: le esperienze di UniCredito Italiano

Come utilizzare la conoscenza del cliente per incrementare la profittabilità dei servizi finanziari: le esperienze di UniCredito Italiano Come utilizzare la conoscenza del cliente per incrementare la profittabilità dei servizi finanziari: le esperienze di UniCredito Italiano Maurizio Perego Responsabile Comunicazione e Marketing Relazionale

Dettagli

2. e i risultati che si vogliono conseguire

2. e i risultati che si vogliono conseguire L obiettivo di questo intervento consiste nel mostrare come trarre la massima efficienza nelle operazioni multi-canale di vendita e sincronizzazione online. Per efficienza si intende la migliore coniugazione

Dettagli