UNIVERSITA DI URBINO. Valutazione e gestione di sistemi informativi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DI URBINO. Valutazione e gestione di sistemi informativi"

Transcript

1 UNIVERSITA DI URBINO Valutazione e gestione di sistemi informativi Dispense per l Anno Accademico Riccardo Colombo Urbino, Dicembre 2003

2 INDICE INDICE INTRODUZIONE Obiettivi del Corso Definizione di Information and Comunication Technology Evoluzione dell ICT e suo impatto sui sistemi di valutazione Evoluzione dei principali applicativi gestionali Impatto dell ICT sull organizzazione VALUTAZIONE DEI SISTEMI INFORMAITVI Obiettivi del capitolo Le tecniche finanziarie La gestione del portafoglio informatico GESTIONE DI PROGETTO: LE COMPONENTI STRUTTURALI Obiettivi del capitolo La gestione complessiva della filiera Le tecniche di project management and control Le modalità di selezione dei prodotti e dei fornitori GESTIONE DI PROGETTO: LE COMPONENTI CONTESTUALI Obiettivi del capitolo Il sistema di governo L adeguamento delle professionalità La razionalizzazione dei processi Lo sviluppo organizzativo ALLEGATO

3 1. INTRODUZIONE Obiettivi del Corso I riferimenti del corso Questo corso ha come oggetto l applicazione delle tecniche di valutazione degli investimenti e di programmazione e controllo alla realizzazione e gestione di sistemi informativi aziendali. Gli investimenti in Information and Comunication Technology (ICT) in Europa Occidentale ( per la definizione di ICT si rimanda al capoverso 1. 2.) sono ammontati nel 2002 a 597 milioni di euro, pari a circa il 6,7% del Prodotto Interno Lordo generato da questa area geografica. Si tratta di una cifra considerevole, che già di per sé giustificherebbe un approfondimento teorico sugli strumenti di governo di quanto ruota intorno alla gestione dell informazione. Esistono tuttavia anche una serie di aspetti qualitativi che inducono ad una riflessione. Complessa innovazione tecnologica Dall inizio degli anni 80 le tecnologie legate all informazione e alla comunicazione sono state caratterizzate da un elevato tasso di innovazione, che ha contribuito a diffonderle e a trasformarle da strumenti orientati a ridurre i costi ( automatizzando delle attività prima svolte dall uomo) a componente di integrazione dell organizzazione e dei rapporti tra questa e il mondo esterno ( per una spiegazione di questa evoluzione si veda il capoverso 1.3.). Le tappe fondamentali di questo sviluppo sono state costituite dall avvento del Personal Computer all inizio degli anni 80 e dalla crescita di Internet nel decennio successivo. Ma in realtà PC ed Web sono state solo la punta di un iceberg di tutta una serie di innovazioni, che hanno riguardato diversi livelli dell ICT: la riduzione dei costi e la crescita delle prestazioni dei microprocessori, delle memorie e più in generale della microelettronica, nonché delle infrastrutture ed apparecchiature di telecomunicazione; 3

4 l evoluzione dei sistemi operativi ( oggi concentrati in due grandi famiglie: Unix/Linux e Windows) verso funzionalità sempre più complesse e crescente portabilità su più piattaforme hardware; l introduzione e lo sviluppo di tecnologie di DBMS ( Data Base Management Systems), che centralizzano l organizzazione dei dati, permettendo quindi la loro condivisione da più processi aziendali. Senza la messa a punto di questi prodotti non era possibile pensare ad applicativi gestionali, che integrassero il flusso delle informazioni all interno dell organizzazione; lo sviluppo di applicativi gestionali non di tipo dipartimentale ( ciascun processo aziendale ha il proprio archivio) ma basati su un ridisegno dei processi aziendali ed una loro integrazione in termini di immissione e trasmissione delle informazioni ( per una illustrazione dei principali applicativi gestionali si veda il capoverso 1.4.). L innovazione tecnologica nel settore dell ICT è quindi il risultato composto di numerose discontinuità tecnologiche, alcune in qualche modo governate da alcuni leader di mercato ( si pensi al mondo Microsoft), altre come effetto dell azione di numerosi protagonisti anche esterni al mondo tradizionale dell informatica ( si pensi solo al ruolo dei grandi gruppi della telefonia e domani alla funzione competitiva che potrebbero svolgere le imprese di prodotti mediatici), altre infine casuali e difficilmente prevedibili ( si pensi al primo sviluppo di internet). 4

5 Nel grafico successivo viene fornita una rappresentazione delle complesse interrelazioni tra innovazioni tecnologiche tra loro molto differenti, che caratterizzano tuttavia l attuale evoluzione dell ICT Telecomunicazioni Microelettronica Sistemi Operativi Applicativi DBMS Per un azienda che utilizza i sistemi informativi, lo scenario tecnologico si presenta complesso, difficilmente governabile e in molti casi poco comprensibile nelle sue evoluzioni di lungo periodo. Proposizione 1: le scelte di investimento relative ai sistemi informativi si realizzano all interno di vincoli stringenti imposti dall evoluzione tecnologica e da soggetti esterni all azienda. Elevato impatto sull organizzazione Gli investimenti hanno sempre un impatto significativo sull organizzazione. Si pensi per esempio alla realizzazione di una linea di macchinari, che comporta un incremento dell automazione e che richiede di conseguenza un cambiamento nelle modalità di lavoro, nella preparazione professionale degli operatori e così via. 5

6 Generalmente l introduzione di una nuova tecnologia ha un impatto su una parte dell organizzazione ( quelle unità che devono interagire con essa) e ha effetti significativi sull organizzazione del lavoro e sulla formazione delle persone coinvolte. Le relazioni tra le unità organizzative coinvolte dalla nuova tecnologia e le altre unità organizzative sono ancora gestite da rapporti di tipo organizzativo: coordinamento gerarchico, procedure e così via. Nel caso degli investimenti in ICT il modello organizzativo dell azienda viene invece ridisegnato dalle caratteristiche dei nuovi sistemi informativi: essi hanno quindi un carattere profondamente pervasivo per l organizzazione ( per una rassegna delle teorie dell impatto dell ICT sull organizzazione si veda il capoverso 1. 5.). I sistemi ERP partono da un disegno dei processi aziendali, che in qualche modo precostituisce il flusso di informazioni e i ruoli dei diversi attori aziendali nella gestione dei dati e dei documenti: essi non solo spingono verso l integrazione ma tendono anche a definire il profilo organizzativo da dare alle relazioni interaziendali ( tendenzialmente basati sulla logica del coordinamento orizzontale rispetto a quello verticale). Intranet/Extranet favorisce la costruzione di un network, nel quale la comunicazione e la trasmissione dei documenti e dei dati non vengono filtrate dal coordinamento gerarchico e dai tradizionali rapporti fornitore-cliente, ma si basano sulle relazioni tra gli attori che partecipano realmente al processo di business. I Sistemi di Supporto Direzionale ( DSS e ESS), basati su database integrati e sulla possibilità di interrogazioni non preordinate rappresentano una revisione significativa rispetto ai tradizionali sistemi di reporting, che si caratterizzano per una struttura piramidale nella quale la trasmissione delle informazioni viene governata dalla stessa gerarchia aziendale ed è precostituita su tabelle standard. Si tratta solo di alcuni esempi delle ricadute sull organizzazione di recenti innovazioni dell ICT: essi sono sufficienti a chiarire come esista una potenziale contraddizione tra gli investimenti in ICT ( generalmente tendenti verso l integrazione) e le caratteristiche organizzative prevalenti ( basate sulla specializzazione professionale, sulla dimensione verticale e sulla chiusura del sistema azienda verso l esterno). Questa contraddizione si manifesta in due modalità, che hanno comunque un costo elevato per l azienda ( in termini di investimenti e di tempi): 6

7 elevata personalizzazione degli applicativi gestionali per renderli più vicini al tradizionale modo di operare dell organizzazione; elevate resistenze all introduzione dei Sistemi Informativi, che si riflettano in comportamenti non coerenti con quanto richiesto, nell esaltazione dei difetti e così via. Questi due fattori sono spesso le principali ragioni di insuccesso di un investimento in ICT. Proposizione 2 : gli investimenti in ICT incontrano resistenze nelle organizzazioni, che tendono a ricondurli alle tradizionali modalità di lavoro, riducendone di conseguenza i benefici. Immaterialità dell investimento Un intervento di sviluppo dei Sistemi Informativi si concretizza normalmente nell acquisto di hardware e di software, che in termini contabili si manifesta in una spesa di investimento ( e quindi destinata a patrimonio e ad ammortamento ) o nel pagamento di un canone di licenza ( e quindi in un costo di godimento di terzi nel Conto Economico). La rilevazione contabile dei costi di avvio e di gestione dei Sistemi Informativi è tuttavia inadeguata ad identificare l impegno economico e finanziario legato ad un investimento in informatica. Le regole contabili sono orientate a misurare e capitalizzare sistemi fisici per la produzione di beni e di servizi e tendono quindi a sottovalutare tutte le spese di sviluppo legate all introduzione di un nuovo sistema informativo, quali i costi di consulenza, quelli legati all avviamento, i costi di follow up che interessano altri settori aziendali e così via. I sistemi di contabilità industriale, che sono costruiti sui Centri di Costo e sulla destinazione dei costi al prodotto mediante la distinta o la commessa, tendono a considerare i costi relativi allo sviluppo dei sistemi informativi tra i costi indiretti, fornendo una visione inadeguata alla profonda interrelazione tra sistemi informativi, processi e prodotto. I sistemi di misurazione della qualità dei sistemi informativi e la conseguente ricerca di indicatori di performance sono ancora inadeguati e, malgrado gli sforzi compiuti negli ultimi anni, sono poco diffusi nelle aziende, restando di fatto tema esclusivo delle grandi Società di Software. 7

8 La strumentazione di Pianificazione e Controllo che proviene dal Bilancio, dal Sistema di Controllo di Gestione e da quello della Qualità, appaiono inadeguati rispetto alle caratteristiche intangibili e pervasive dei Sistemi Informativi. Proposizione 3 I sistemi di valutazione e gestione dei Sistemi Informativi trovano un insufficiente supporto nei Sistemi tradizionali di Controllo delle aziende e richiedono quindi un elevato livello di sincretismo ed innovazione per elaborare una strumentazione ad hoc. Fragilità dell Azienda Sino alla fine degli anni 70 le aziende, ovviamente quelle di media e grande dimensione, erano caratterizzate da centri di calcolo aziendali ( denominati CED: Centri di Elaborazione Dati), che gestivano potenti mainframe e possedevano anche capacità di programmazione, ovviamente nei linguaggi allora dominanti ( come il Cobol). La diffusione dei Personal Computer, il loro progressivo potenziamento in termini di funzionalità, la diffusione di applicativi gestionali realizzati in una logica di pacchetto standard ed altri fattori ancora ( non ultimo l idea che i costi informativi fossero costi indiretti e quindi non legati al prodotto/servizio) hanno condotto ad un progressivo indebolimento delle Direzioni e degli Uffici dedicati allo sviluppo e alla gestione dei Sistemi Informativi. Non esistono più capacità di sviluppo all interno dell azienda e ciò è senza dubbio coerente con la focalizzazione sul core-business e sull intensità del ritmo di innovazione tecnologica dell ICT. Il presidio delle capacità sistemistiche, ossia legate all analisi e alla progettazione dei sistemi informativi, si sono ridotte a poche persone nelle grandi aziende e sono di fatto inesistenti nelle piccole e medie imprese con il risultato di affidarsi a consulenti e alle società di software. L indebolimento delle capacità sistemistiche all interno delle aziende ha provocato di conseguenza un incapacità diffusa di svolgere funzioni di osservatorio tecnologico. In molti casi vengono ormai esternalizzate a fornitori esterni molte delle funzioni della Direzione Sistemi Informativi ( da quelle più semplici legate all assistenza a quelle di elaborazione e supporto allo sviluppo) sino all outsourcing dell intera Direzione. 8

9 Le aziende hanno gradualmente ristrutturato la catena del valore dei sistemi informativi, partendo dal presupposto che essi non facessero parte integrante del prodotto/servizio e fossero solo di supporto. Proposizione 4 La valutazione e gestione dei Sistemi Informativi si deve realizzare in un contesto aziendale molto debole ( in termini di ruoli e di competenze), nel quale è persino difficile identificare funzioni qualificate di interfaccia rispetto alle Società di Software Approccio Metodologico Complessità dell innovazione tecnologica, elevato impatto sull organizzazione, immaterialità degli investimenti e fragilità dell azienda sono tutti fattori che rendono la Valutazione e la Gestione dei Sistemi Informativi un campo di indagine molto articolato e che coinvolge necessariamente discipline tra loro differenti, anche se tutte caratterizzate da una forte matrice strategica ed organizzativa. La prima disciplina è costituita dalle tecniche di valutazione degli investimenti, che devono fare riferimento a quelle tipiche di carattere finanziario, alla loro applicabilità ad un investimento in Sistemi Informativi e quindi all eventuale ricorso ad approcci più sofisticati, quali l analisi Costi-Benefici e l analisi strategica. La seconda disciplina è costruita dal Project Management and Control ( PM), ossia dalle tecniche e dalle modalità finalizzate alla gestione dei progetti. La strumentazione di PM, pur all interno di principi generali comuni, si differenza in funzione dei diversi ambienti ai quali viene applicata: le costruzioni civili, i grandi impianti, lo sviluppo di nuovi prodotti, la ricerca e sviluppo e attività di miglioramento aziendale. La terza disciplina è rappresentata dalla gestione del cambiamento, ossia da tutte quelle tecniche organizzative e gestionali che sono orientare a favorire l innovazione dei comportamenti organizzativi. La quarta ed ultima disciplina è necessariamente quella organizzativa, ossia relativa ai ruoli e alle responsabilità della Direzione Sistemi Informativi e ai suoi rapporti con le altre funzioni aziendali. 9

10 Il tema della Valutazione e Gestione dei Sistemi Informativi può essere affrontato da due differenti punti di vista: quello legato alla realizzazione di un progetto, ossia relativo all introduzione di una nuova architettura informatica o di parti di essa, assumendo quindi caratteristiche di innovazione rispetto al preesistente assetto aziendale; e quello connesso alla gestione quotidiana delle problematiche informatiche, quali la manutenzione e l assistenza alla dotazione di hardware, agli applicativi gestionali e alla rete. Il corso affronta il primo ordine di problemi ( quelli legati alla realizzazione di un progetto informatico), in quanto realizzare con successo un investimento nei sistemi informativi rappresenta oggi uno dei fattori di successo di un impresa e di qualsiasi organizzazione e nella maggior parte delle aziende manca un processo decisionale chiaro per decidere quali investimenti tecnologici perseguire e per gestire questi investimenti ( Kenneth e Jane Laudon Management dei Sistemi Informativi ed. Pearson Prentice Hall 2003 pag.33) Definizione di Information and Comunication Technology Il termine Sistemi Informativi Aziendali può essere oggetto di diverse definizioni, da alcune molto ampie e omnicomprensive ( sistema informativo come insieme delle informazioni aziendali, siano esse esplicite o implicite, in formato elettronico o cartaceo) ad altre con un forte connotato tecnologico, identificando di fatto il sistema informativo con le tecnologie informatiche, di hardware e di software. Ai fini della Valutazione e della Gestione dei sistemi Informativi è utile analizzare le implicazioni che derivano da alcune delle definizioni proposte dalla letteratura e dalla prassi Information and Comunication Technology ( ICT) Una prima definizione è quella assunta dagli operatori del settore e considerata dalla European Information Tehnology Observatory ( in sigla EITO), che fa riferimento ai contenuti merceologici e parla, di conseguenza, di Information and Comunication Technology, che comprende: L hardware del computer, ossia l insieme di apparecchiature, dispositivi fisici, circuiti elettronici e microprocessori che permettono il funzionamento di un computer: in termini di prodotti comprende i server, i personal computer, le stazioni di lavoro e le stampanti; 10

11 Le apparecchiature di ufficio, oggi fondamentalmente costituite da fotocopiatrici; i software, ossia quell insieme di programmi che assicurano il funzionamento del computer, le sue funzionalità ed applicazioni: essi si distinguono a loro volta in software di base ( o sistemi operativi), in software di utilità e in software applicativi; i servizi informatici, ossia le attività di consulenza, personalizzazione, assistenza e manutenzione relative alla realizzazione di sistemi informativi; le apparecchiature di comunicazione per l utente finale ( end user comunications equipment ) che comprendono i sistemi telefonici fissi e mobili; le apparecchiature di rete,locali che di infrastruttura; i servizi di trasporto ( carrier services ): servizi di telefonia fissa e mobile, internet services. Nella Tabella successiva vengono riportati i valori in milione di euro relativi ai paesi dell Europa Occidentale: i 15 paesi dell UE, Svizzera e Norvegia: dati 2002, fonte European Information Technology Observatory Edizione 11 Ed. Franco Angeli pag. 51 Segmenti di ICT Valore % Hardware del Computer Apparecchiature di Ufficio Software Servizi Informatici ,8 1,6 10,7 20,7 Totale Sistemi Informativi ,8 Apparecchiature per l utente finale Apparecchiature di rete Servizi di Telefonia ,3 7,0 41,9 Totale Telecomunicazioni ,2 TOTALE ICT ,00 Questa definizione si presenta molto ampia ma ancora limitativa rispetto ad altre, che considerano anche il settore dei media e tutti i servizi legati al marketing e alla distribuzione. In questa accezione il valore 2002 dell ICT in Europa Occidentale 11

12 ammonterebbe alla cifra astronomica di milioni di euro ( si veda European Information Technology Observatory Edizione 11 Ed. Franco Angeli pag. 50). Individuare l ICT in termini merceologici ha il pregio di porre l enfasi sulla complessa interrelazione tra il mondo dell informatica e quello delle telecomunicazioni e sulla sinergia tra microelettronica, applicazioni e settori di riferimento che rende imprevedibile le caratteristiche e la direzione dell innovazione tecnologica. Come è sintetizzato in un recente studio della Gartner Inc. ( la più importante società di consulenza specializzata nell ICT: Tony Murphy Achieving Business Value from Technology ed. John Wiley e Sons Inc pag.xiii) l evoluzione tecnologica, supportata da una diminuzione di costi nelle tecnologie di base ( microprocessori, memorie, banda larga) hanno trasformato l ICT. Si è rapidamente ampliata da una risorsa di supporto, che fornisce vantaggi competitivi ( per esempio, costi, tempo, qualità) ad una risorsa di front-office ( marketing, vendite, ricerche sul contesto esterno) divenendo una necessità competitiva. Le nuove tecnologie hanno contribuito a supportare questi sviluppi. Ma le nuove tecnologie hanno esse stesse agito come catalizzatori per nuove iniziative competitive che a loro volta generano nuovi fattori critici di successo per gli investimenti in ICT. Ed è da questi fattori che occorre ricavare l incremento di valore dall ICT. Sempre secondo Gartner Inc, negli Stati Uniti gli investimenti in ICT hanno ormai raggiunto un incidenza del 50% sul totale della spesa in conto capitale effettuata dalle aziende nel Alcuni studi hanno tuttavia mostrato come questa spesa non abbia generato un ritorno soddisfacente: sulla base dei dati di produzione delle industrie ad alta intensità di investimenti in informatica emerge una produttività calante nel periodo ed alcune ricerche mostrano una relazione negativa tra spesa in IT e performance delle aziende. In altre parole, quanto più si spende tanto più peggiorano i risultati! (Tony Murphy Achieving Business Value from Technology ed. John Wiley e Sons Inc pag. XIV e XV). La definizione di ICT sotto il profilo merceologico evidenzia quindi come esista una generale insoddisfazione sui risultati ottenuti dagli investimenti, in parte riconducibile alle difficoltà di misurazione dei ritorni ed in parte anche al difficile connubio tra tecnologie ed organizzazione Informatica Gestionale Un altro modo per individuare i contenuti dell IT è di fare riferimento alle funzioni che essa ricopre nell azienda. Strassmann ( The business of value computer, The Information Economic Press 1990) 12

13 definisce il Management Information Systems come l insieme di tecnologie dell informazione che non fanno parte del processo produttivo del prodotto e del servizio, sono quindi quelle a supporto del management ( a questa definizione fa riferimento il termine italiano informatica gestionale, comunemente usato). Questa definizione, che riconduce ancora l informatica ad una funzione di supporto dei processi aziendali, concependola come un costo indiretto e non come parte integrante del core business, appare oggi in fase di superamento. Kenneth e Jane Laudon nel recente testo Management dei Sistemi Informativi parlano opportunamente di catena del valore delle informazioni, intesa come un insieme di attività a valore aggiunto per l acquisizione, la trasformazione e la distribuzione delle informazioni che i manager possono utilizzare per migliorare le attività decisionali, incrementare le prestazioni aziendali e infine migliorare i profitti aziendali ( Kenneth e Jane Laudon Management dei Sistemi Informativi ed. Pearson Prentice Hall 2003 pag. 13). I due autori sintetizzano graficamente la catena del valore delle informazioni, identificata come un flusso di attività ( raccolta, memorizzazione, elaborazione e distribuzione delle informazioni) che è al servizio dei processi primari del business così come di quelli tradizionalmente considerati di supporto. Processi primari di business Processi informativi Gestione dei processi di fornitura Gestione Aziendale Gestione dei clienti Gestione della conoscenza Raccolta e Elaborazione memorizzazio delle ne delle informazioni informazioni Distribuzione delle informazioni Pianificazione Coordinamento Controllo Modellazione e decisione Processi di supporto Un altra utile definizione è quella riportata da Bracchi, Francalanci e Motta ( Sistemi Informativi e Aziende in rete, ed. McGraw-Hill 2001 pag. 9), che distingue tra informatica gestionale, che dovrebbe identificarsi con le Tecnologie Informatiche di Supporto alle Decisioni, e quelle 13

14 che sono incorporate nel prodotto/servizio, nei processi produttivi nonché quelle di carattere infrastrutturale. Categorie di tecnologie dell informazione Tecnologie informatiche di automazione Contenuti Tecnologie che sono parte del processo produttivo del prodotto e del servizio: robot, macchine a controllo numerico, macchine di calcolo utilizzate per il controllo di processo, calcolatori impiegati per la diagnostica o per il controllo di qualità bancomat, registratori di cassa ecc. Tecnologie informatiche di supporto alle decisioni Tecnologie che sono utilizzate per la gestione del processo produttivo o del servizio: applicazioni di contabilità, programmi di gestione del personale, posta elettronica, teleconferenza, fogli elettronici, sistemi direzionali ecc. Tecnologie informatiche embedded Tecnologie che sono parte dei prodotti e dei servizi: strumentazione di bordo di una autovettura, sistemi di Internet Banking, telefoni cellulari che possono diventare piccoli calcolatori ecc. Tecnologie informatiche infrastrutturali Tecnologie utilizzate per la gestione e l esecuzione degli scambi informativi fra organizzazioni diverse: processamento dei dati, reti geografiche, reti municipalizzate, sistemi di comunicazione via satellite All interno delle tecnologie informatiche di supporto alle decisioni un interessante articolazione è quella proposta da Kenneth e Jane London con l individuazione di sei tipologie di sistemi ( Kenneth e Jane Laudon Management dei Sistemi Informativi ed. Pearson Prentice Hall 2003 pag ): 14

15 sistemi di elaborazione delle transazioni ( in sigla TPS Transaction Processing Systems): sono i sistemi di base che servono il livello operativo dell azienda. Un sistema di elaborazione delle transazioni è un sistema computerizzato che svolge e registra le transazioni di routine necessarie quotidianamente per condurre le attività aziendali: controllo ed elaborazione degli ordini per le vendite, programmazione e controllo delle macchine, controllo dei flussi di materiale ( logistica), sicurezza degli scambi finanziari, contabilità, amministrazione del personale; sistemi per l ufficio : sono le applicazioni informatiche che gestiscono i dati e i documenti con la finalità di aumentare la produttività dei lavoratori e di supportare il coordinamento e le attività di comunicazione di un ufficio: programmi di elaborazione dei testi e dei dati, desktop publishing e sistema di trattamento elettronico dei documenti; sistemi informativi per la gestione della conoscenza : sono le applicazioni informatiche rivolte ad archiviare e gestire il know-how aziendale ( in sigla KWS: Knowledge Work Systems): la gestione elettronica dei documenti, i sistemi CAD/CAM sino ai portali informativi; sistemi di gestione delle informazioni ( in sigla MIS : Management Information Systems), che servono principalmente le funzioni di pianificazione, controllo e supportano le decisioni a livello manageriale, estraendo i dati dai sistemi TPS mediante la produzione di report periodici standard; sistemi di supporto delle decisioni ( in sigla DSS : Decision Support Systems), che aiutano i manager a prendere decisioni che sono uniche e in rapido cambiamento affrontando problemi in cui la procedura per arrivare ad una soluzione può non essere completamente nota in anticipo; sistemi di supporto direzionale ( in sigla ESS : Exexutive Support Systems), che creano un ambiente generalizzato di calcolo e di comunicazione incorporando dati legati ai sistemi informativi aziendali ma anche da eventi esterni; Nel grafico successivo vengono sintetizzate le relazioni tra le differenti tipologie di sistemi, anche se occorre dire come la maggior parte delle aziende siano molto lontane da un assetto completo ed integrato. 15

16 Sistemi per le decisioni DSS Sistemi per la direzione ESS Sistemi per le Informazioni MIS Eventi Esterni Sistemi di Ufficio Sistemi per le transazioni TPS Sistemi Per la conoscenza Portafoglio Applicativo Un altra definizione di IT è quella introdotta da Nolan ( Nolan e Croson 1995) e ripresa da Bracchi, Francalanci e Motta ( Sistemi Informativi e Aziende in rete, ed. McGraw-Hill 2001 pag. 95 ) con il termine portafoglio applicativo, per analogia con il concetto finanziario di portafoglio d investimento. L analisi di portafoglio dovrebbe permettere all azienda di bilanciare gli investimenti in una logica di compatibilità tra esigenze e risorse. In questa accezione il portafoglio applicativo di una azienda può essere diviso in tre principali segmenti: portafoglio direzionale, che comprende le applicazioni informatiche a supporto dei cicli di pianificazione strategica e di pianificazione e controllo delle risorse aziendali: apparterrebbero a questo segmento tutti i prodotti di MIS, DSS e ESS ; portafoglio istituzionale, che comprende le applicazioni informatiche per i processi di supporto, quali l amministrazione, gestione delle risorse umane e contabilità: appartengono a questo segmento i sistemi di elaborazione delle transazioni, quali gli Erp; 16

17 portafoglio operativo, che comprende le applicazioni informatiche per i processi primari dell azienda, quali i sistemi di ufficio, quelli per la gestione della conoscenza, nonché le tecnologie incorporate nei prodotti e nei processi primari e le infrastrutture tecnologiche. Si tratta di una definizione particolarmente efficace ai nostri fini, in quanto permette di collocare gli investimenti in ICT su una matrice di portafoglio, rendendo possibile una scelta che tenga conto delle esigenze complessive dell azienda in termini informatici. Essa presenta tuttavia gli stessi difetti delle tradizionali matrici di portafoglio, che portano a sottovalutare i legami tra i diversi business focalizzando l attenzione su possibilità di investimento e disinvestimento che spesso sono irrealizzabili senza snaturare la missione stessa dell azienda. Questi difetti sono esaltati nel caso dell ICT, in quanto l Information and Comunication Technology è caratterizzata proprio da una funzione crescente di integrazione tra le differenti attività aziendali, rispondendo, di fatto, a necessità operative e competitive che impongono determinati investimenti nell architettura informatica dell azienda per una sorta di adeguatezza rispetto alle condizioni del settore di appartenenza. Gli investimenti in ICT rappresentano un fattore di base ( in qualche misura igienico ) e non appartengono all area discrezionale delle scelte aziendali Considerazioni di Sintesi Ciascuna delle definizioni analizzate coglie un aspetto dell ICT, rilevando tuttavia l insufficienza degli attuali approcci teorici al tema dell informatica e del suo impatto con l organizzazione: non è ancora stata analizzata in modo esaustivo l integrazione tra informatica e modello di business e tra i diversi segmenti dell informatica. La carenza di modelli teorici di riferimento che siano veramente esaustivi dell attuale funzione dell informatica nei processi aziendali si riflette nei seguenti aspetti : difficoltà ad identificare lo stesso oggetto dell investimento in sistemi informativi, troppo spesso ridotto alla valutazione di un applicativo gestionale ( anche se complesso) e del suo impatto su alcuni processi aziendali; difficoltà a definire, di conseguenza, i confini e i vincoli di un progetto in sistemi informativi, che spesso viene concepito in termini riduttivi rispetto al suo effettivo impatto sull azienda; 17

18 difficoltà a cogliere e regolamentare i rapporti tra i Sistemi Informativi, in quanto Ente Aziendale di supporto, e i processi aziendali primari, dei quali l informatica è ormai parte integrante; difficoltà a interiorizzare nella cultura e nella prassi aziendale le modalità di lavoro imposte dall informatica creando in tal modo uno scollamento tra nuove tecnologie ed organizzazione Evoluzione dell ICT e suo impatto sui sistemi di valutazione Questo capitolo è un estratto del capoverso Some Historical Perspective del libro di Tony Murphy Achieving Business Value from Technology Gartner 2002, pagine L evoluzione dell ICT può suddivisa in quattro ere. Alto Era IV Integrazione Esterna Impatto sulla struttura di business Era II Personal Computer Era III Integrazione Interna Basso Era I Automazione ed Efficienza Era I Automazione, Controllo dei Costi ed Efficienza In questa fase, i computer furono acquistati per automatizzare specifici business o funzioni aziendali, che generalmente coinvolgevano grandi volumi di transazioni ripetitive.tipiche 18

19 applicazioni erano le paghe e la gestione ordini. I sistemi sviluppati in questa fase erano rivolti ad eliminare i processi basati su un ampio uso di documenti e a ridurre i calcoli manuali aumentando velocità e accuratezza. Questi fattori fornivano anche la giustificazione per valutare i progetti in sistemi informativi e le motivazioni principali erano dirette, costituite da tangibili risparmi. Era relativamente facile stabilire che cosa potesse essere automatizzato e valutare l impatto dell automazione in termini di risparmio ( per esempio il personale). I costi di sviluppo e di gestione del Sistema Informativo si potevano limitare alle spese dirette ed indirette associate con lo sviluppo, la gestione e l imputazione dei dati, nonché al costo dell hardware. In termini organizzativi le risorse e le competenze dedicate alla gestione dei Sistemi Informativi erano concentrate in un Ufficio specifico, profondamente separato dagli altri Uffici. Il Ced ( era il nome che veniva dato all ufficio dedicato ai Sistemi Informativi) aveva una scarsa conoscenza del business, così come gli utenti non erano incoraggiati ad approfondire la conoscenza dell informatica. Questa separazione creava una serie di problemi ( incomprensioni e conflitti) che avevano comunque una scarsa importanza perché l informatica andava a sostituire forza lavoro Era II Produttività e Miglioramento dell uso da parte dell utente La caratteristica più significativa di questa era è stata la crescita esplosiva del Personal Computer dal 1981 in avanti. Con l avvento del Pc si riducono i costi dell hardware e del software, si diffondono pacchetti informatici standard e soprattutto tende ad essere eliminata la separazione tra specialisti informatici ed utente. Viene inoltre sconvolto il lavoro d ufficio con la progressiva crescente autonomia dell utente nell uso di molte applicazioni. Ai fini della valutazione della fattibilità di un progetto informatico il principale cambiamento che è derivato da questa fase è stata una crescente applicazione delle tecniche finanziarie, che si basavano sul concetto del valore temporale del denaro. In effetti questo significa che il denaro ha un costo e quindi devono essere analizzati i progetti sulla base della distribuzione temporale dei benefici ( più rapidi per quanto possibile) e dei costi differiti ( da sostenersi più lontani nel tempo). 19

20 I costi e i benefici derivanti dall introduzione dei Pc non erano, tuttavia, facilmente quantificabili a priori, in quanto si trattava di un investimento articolato nel tempo e il cui impatto sulla produttività non era chiaro. Cominciavano ad essere richiamati aspetti organizzativi e quelli legati alla rapidità e fluidità delle informazioni come giustificazione degli investimenti. Come conseguenza venne introdotto il concetto di benefici intangibili Era III : Nuovo Modello di Business- Interno La caratteristica più distintiva di questa fase è stata la transizione dell ICT da un miglioramento nella gestione delle transazioni e nelle modalità di lavoro dell utente ad uno strumento al servizio di nuovi modi di fare business. C e una crescente enfasi sulla visione del business come una serie di processi che possono e devono essere fondamentalmente ridisegnati e semplificati dall applicazione dell ICT. Questo approccio è conosciuto come riprogettazione dei processi ( BPR: Business Process Reengineering). Si diffonde la richiesta di una maggiore integrazione all interno dell azienda, che ponga fine a sistemi frammentati e ad isole di automazione. Come l informazione diviene un fattore determinante di successo, la condivisione delle informazioni e la gestione della conoscenza assumono un significato crescente. Ciò significa che le barriere tecniche ed organizzative che hanno impedito l integrazione devono essere sostanzialmente rimosse, come un abitudine obsoleta. Le implicazioni per l ICT sono immense. I vecchi sistemi vengono rimpiazzati da applicazioni ERP ( Enterprise Resource Planning), mentre cresce rapidamente lo sviluppo di applicazioni legate alla condivisione e alla gestione della conoscenza, come data warehouses. Si assiste inoltre ad una esplosione dell outsourcing della funzione ICT che è sempre più vista come un gestore di servizi piuttosto che un fornitore diretto. L Era III portò ai primi tentativi di superare i criteri contabili per valutare gli investimenti in ICT. Ciò derivò dalla crescente realizzazione della loro inadeguatezza e anche dal contributo teorico della Catena del Valore di Michael Porter, che identificò ed isolò le componenti fondamentali del processo di creazione del valore di un azienda, liberandosi dai limiti dell analisi costi-benefici. Uno dei più influenti scrittori di questo periodo fu Paul Strassman, che aprì nuovi terreni di ricerca spostando l attenzione dalle analisi di payback alle questioni organizzative, culturali e a quelle legate allo sviluppo delle competenze e delle capacità delle persone. 20

UNIVERSITA DI URBINO. Valutazione e gestione di sistemi informatici

UNIVERSITA DI URBINO. Valutazione e gestione di sistemi informatici UNIVERSITA DI URBINO Valutazione e gestione di sistemi informatici Dispense per l Anno Accademico 2005-2006 Riccardo Colombo Urbino, 29 dicembre 2005 1 1. INTRODUZIONE 1. 1. Presupposti del Corso Secondo

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Tecnologie dell informazione e controllo 2 Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale IT e coordinamento esterno IT e

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI. Definizione, classificazioni

SISTEMI INFORMATIVI. Definizione, classificazioni SISTEMI INFORMATIVI Definizione, classificazioni IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE A cosa serve una definizione? a identificare i confini del SI a identificarne le componenti a chiarire le variabili progettuali

Dettagli

ELATOS WEB SOFTWARE GESTIONALE ASP

ELATOS WEB SOFTWARE GESTIONALE ASP ELATOS WEB SOFTWARE GESTIONALE ASP L OUTSOURCING È uno degli strumenti manageriali, di carattere tattico e strategico, che hanno conosciuto maggiore espansione nel corso dell ultimo decennio e che continuerà

Dettagli

The new outsourcing wave: multisourcing

The new outsourcing wave: multisourcing EVOLUZIONE DEI MODELLI DI OUTSOURCING La pratica dell outsourcing, cioè del trasferire all esterno dell azienda singole attività, processi o infrastrutture è in voga da tempo, e negli anni ha dimostrato

Dettagli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli I sistemi informativi Il processo

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE. Definizione, classificazioni

SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE. Definizione, classificazioni SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Definizione, classificazioni IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE A cosa serve una definizione? Esistono diverse prospettive tecnica, organizzativa, della comunicazione e quindi

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: Alla fine di ogni lezione Modalità esame: scritto 1 Sistema informativo. Prima definizione Un sistema

Dettagli

L ICT e l innovazione

L ICT e l innovazione Il valore del Project Management nei Progetti di Innovazione nelle Piccole e Medie Imprese L ICT e l innovazione Milano, 15 dicembre 2006 Enrico Masciadra, PMP emasciadra@libero.it Le cinque forze competitive

Dettagli

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Un azienda è caratterizzata da: 1. Persone legate tra loro da

Dettagli

Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione

Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione Prof. Andrea Borghesan & Dr.ssa Francesca Colgato venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: mercoledì dalle 10.00 alle 11.00 Modalità

Dettagli

Il Ruolo Strategico dei Sistemi Informativi. vincenzo.calabro@computer.org

Il Ruolo Strategico dei Sistemi Informativi. vincenzo.calabro@computer.org Il Ruolo Strategico dei Sistemi Informativi vincenzo.calabro@computer.org Agenda Il ruolo dei Sistemi Informativi Nozioni Processi di business e SI Tipi di SI per il business Sistemi d impresa Tipi di

Dettagli

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE Non vi è dubbio che nello scenario economico attuale per incrementare il proprio vantaggio competitivo sia importante focalizzare l attenzione sugli aspetti

Dettagli

*oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti

*oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti *oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti significa soprattutto un supporto professionale concreto!

Dettagli

NOTE E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI STRATEGIA E FUNZIONALITÀ

NOTE E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI STRATEGIA E FUNZIONALITÀ LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) STRATEGIA E FUNZIONALITÀ L INTEGRAZIONE DELLE ATTIVITÀ LA COMUNICAZIONE TRA LE UNITA AZIENDALI I PROCESSI DECISIONALI RILEVANZA

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Un azienda è caratterizzata da: 1. Persone legate tra loro da

Dettagli

ICT: le leve nella creazione del valore

ICT: le leve nella creazione del valore ICT: le leve nella creazione del valore di Alessio Piccioni Consulente Mondaini Partners Srl Le soluzioni ICT rappresentano un investimento sempre più di rilevanza strategica, che incide profondamente

Dettagli

INDICE 22-02-2005 15:25 Pagina V. Indice

INDICE 22-02-2005 15:25 Pagina V. Indice INDICE 22-02-2005 15:25 Pagina V Indice Gli autori XIII XVII Capitolo 1 I sistemi informativi aziendali 1 1.1 INTRODUZIONE 1 1.2 IL MODELLO INFORMATICO 3 1.2.1. Il modello applicativo 3 Lo strato di presentazione

Dettagli

Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING. Ousourcing, origine. Classificazione, due coordinate. Information Technology Outsourcing (ITO)

Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING. Ousourcing, origine. Classificazione, due coordinate. Information Technology Outsourcing (ITO) Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING Paolo Atzeni Dipartimento di Informatica e Automazione Università Roma Tre 15/01/2004 Delega operativa dei servizi connessi all informatica che un Cliente

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FAGIOLI

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FAGIOLI Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FAGIOLI Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE I Cap.1 Gestire

Dettagli

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Una soluzione ERP integrata CONNETTERE Microsoft Dynamics NAV 2009 SEMPLIFICARE ANALIZZARE Microsoft Dynamics NAV 2009 è un ERP innovativo, flessibile

Dettagli

Integrazione dei processi aziendali Sistemi ERP e CRM. Alice Pavarani

Integrazione dei processi aziendali Sistemi ERP e CRM. Alice Pavarani Integrazione dei processi aziendali Sistemi ERP e CRM Alice Pavarani Un ERP rappresenta la maggiore espressione dell inseparabilità tra business ed information technology: è un mega-package di applicazioni

Dettagli

ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione. Raffaello Balocco Politecnico di Milano

ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione. Raffaello Balocco Politecnico di Milano ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione Raffaello Balocco Politecnico di Milano Agenda Investimenti in ICT e competitività Le ICT come reale leva strategica La

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

Il tuo business si evolve. Fai evolvere il tuo gestionale. Costruiamo i motori di un pianeta più intelligente.

Il tuo business si evolve. Fai evolvere il tuo gestionale. Costruiamo i motori di un pianeta più intelligente. Il tuo business si evolve. Fai evolvere il tuo gestionale. Costruiamo i motori di un pianeta più intelligente. esperienza + innovazione affidabilità Da IBM, una soluzione completamente nuova: ACG Vision4,

Dettagli

Introduzione ai software gestionali. Corso Gestione dei flussi di informazione

Introduzione ai software gestionali. Corso Gestione dei flussi di informazione Introduzione ai software gestionali Corso Gestione dei flussi di informazione 1 Integrazione informativa nelle aziende Problemi: frammentazione della base informativa aziendale crescente complessità organizzative

Dettagli

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche 1. La e-company: definizione e caratteristiche 2. Le tre direttrici di sviluppo del

Dettagli

Obiettivi conoscitivi

Obiettivi conoscitivi Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Strumenti avanzati di management accounting. Profili internazionali. Anno Accademico

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE I Cap.7 Cloud

Dettagli

piattaforma comune miglioramento del processo adeguamento all anno 2000 sistemi legacy obsoleti visibilità dei dati standardizzazione di più sedi

piattaforma comune miglioramento del processo adeguamento all anno 2000 sistemi legacy obsoleti visibilità dei dati standardizzazione di più sedi AO automazioneoggi Facciamo un po d ordine L approccio ai progetti di implementazione di sistemi ERP è spesso poco strutturato e il processo di implementazione risulta essere frequentemente inefficiente

Dettagli

Informatica Industriale Modello organizzativo Enterprise Resource Planner

Informatica Industriale Modello organizzativo Enterprise Resource Planner DIIGA - Università Politecnica delle Marche A.A. 2006/2007 Informatica Industriale organizzativo Enterprise Resource Planner Luca Spalazzi spalazzi@diiga.univpm.it www.diiga.univpm.it/~spalazzi/ Informatica

Dettagli

Introduzione alla Business Intelligence. E-mail: infobusiness@zucchetti.it

Introduzione alla Business Intelligence. E-mail: infobusiness@zucchetti.it Introduzione alla Business Intelligence E-mail: infobusiness@zucchetti.it Introduzione alla Business Intelligence Introduzione Definizione di Business Intelligence: insieme di processi per raccogliere

Dettagli

MICROSOFT DYNAMICS: SOLUZIONI GESTIONALI PER L AZIENDA

MICROSOFT DYNAMICS: SOLUZIONI GESTIONALI PER L AZIENDA MICROSOFT DYNAMICS: SOLUZIONI GESTIONALI PER L AZIENDA Microsoft Dynamics: soluzioni gestionali per l azienda Le soluzioni software per il business cercano, sempre più, di offrire funzionalità avanzate

Dettagli

II Modulo Organizzazione dei Sistemi Informativi

II Modulo Organizzazione dei Sistemi Informativi II Modulo Organizzazione dei Sistemi Informativi DA CHE COSA E COMPOSTO COME SI ACCEDE CHI LO USA A CHE COSA SERVE Risorse hardware e software: - Server - LAN (router, HUB Firewall,..) - Storage - pacchetti

Dettagli

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Una soluzione ERP ALL AVANGUARDIA CONNETTERE Microsoft Dynamics NAV 2009 SEMPLIFICARE ANALIZZARE Microsoft Dynamics NAV 2009 è una soluzione di gestione

Dettagli

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE Non vi è dubbio che nello scenario economico attuale per incrementare il proprio vantaggio competitivo sia importante focalizzare l attenzione sugli aspetti

Dettagli

LA GESTIONE INFORMATIZZATA DELL ORGANIZZAZIONE

LA GESTIONE INFORMATIZZATA DELL ORGANIZZAZIONE LA GESTIONE INFORMATIZZATA DELL ORGANIZZAZIONE Ioanis Tsiouras 1 (Rivista Gli speciali di Qualità - Qualità Informatica suppl. n.1 al n.3 di QUALITÀ, Maggio/Giugno 1998) 1. L organizzazione: dalle funzioni

Dettagli

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni CONCLUSIONI Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera all interno di un network. Si è svolta un attenta analisi della letteratura sui network, sulle conoscenze, sulla

Dettagli

CO.E.S. Compagnia Edil Sanitaria S.p.a.

CO.E.S. Compagnia Edil Sanitaria S.p.a. CO.E.S. COMPAGNIA EDIL SANITARIA S.P.A. 1. PROFILO DELLA SOCIETÀ È stata costituita nel 1965. La filosofia che da sempre anima le strategie di CO.E.S. è la proposta al mercato idrotermosanitario di soluzioni

Dettagli

Criteri fondamentali per un sistema CRM

Criteri fondamentali per un sistema CRM Criteri fondamentali per un sistema CRM Definizione di C.R.M. - Customer Relationship Management Le aziende di maggiore successo dimostrano abilità nell identificare, capire e soddisfare i bisogni e le

Dettagli

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE Non vi è dubbio che nello scenario economico attuale per incrementare il proprio vantaggio competitivo sia importante focalizzare l attenzione sugli aspetti

Dettagli

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) ICT GOVERNANCE ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1 Sviluppo storico del CRM 50 60 Avvento dei brand items e delle agenzie di pubblicità 70 Avvento del

Dettagli

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale Gestione documentale Gestione documentale Dalla dematerializzazione dei documenti

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II

Dettagli

Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics

Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics La suite Microsoft Dynamics comprende soluzioni integrate, flessibili e semplici da utilizzare per automatizzare i

Dettagli

Progetto Rilancio: il caso Costruzioni SpA

Progetto Rilancio: il caso Costruzioni SpA Progetto Rilancio: il caso Costruzioni SpA di Massimo Lazzari, Davide Mondaini e Violante Battistella (*) In questo contributo verrà illustrato il caso di un impresa che, aderendo al Progetto Ri-Lancio,

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 4 1 Le esigenze di cambiamento LA TRADIZIONALE STRUMENTAZIONE E LE METODOLOGIE DEL CONTROLLO si contraddistinguono per: Focalizzazione

Dettagli

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT Maturità di molte applicazioni su cliente, interlocutori sempre più tecnicamente preparati e esigenti, banalizzazione di know how e di processo nelle diverse offerte spingono

Dettagli

Le tecnologie per le imprese

Le tecnologie per le imprese Le tecnologie per le imprese Obiettivi della lezione L evoluzione delle tecnologie dell informazione e della comunicazione Le tre funzioni dell ICT Direttrici e problematiche delle tecnologie disponibili

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

BALANCED SCORECARD. Premessa

BALANCED SCORECARD. Premessa BALANCED SCORECARD Premessa Il progresso tecnologico, la globalizzazione dei mercati, l avvento dei paesi emergenti hanno provocato turbolenze e mutamenti tali da poter affermare che la più grande sfida

Dettagli

Valutazione e gestione di sistemi informatici

Valutazione e gestione di sistemi informatici Valutazione e gestione di sistemi informatici Dispense per l Anno Accademico 2007-2008 Riccardo Colombo Urbino, 18 settembre 2007 1. INTRODUZIONE... 5 1.1. Presupposti del Corso... 5 1.2. Obiettivi del

Dettagli

SOLUZIONI DI GOVERNO: HEGOS

SOLUZIONI DI GOVERNO: HEGOS SOLUZIONI DI GOVERNO: HEGOS Il governo della salute è oggi una politica di gestione obbligata per conciliare i vincoli di bilancio, sempre più stringenti, con la domanda di salute dei cittadini. L ICT

Dettagli

ICT e strategie. L influenza delle ICT sulla strategia

ICT e strategie. L influenza delle ICT sulla strategia ICT e strategie Information Systems Design L influenza delle ICT sulla strategia 1. Miglioramento dei processi decisionali strategici e di pianificazione e controllo 2. Strumento per perseguire la strategia

Dettagli

Collaborazione: gestione documentale, workflow e portali. I vantaggi della collaborazione per l ottimizzazione della produttività

Collaborazione: gestione documentale, workflow e portali. I vantaggi della collaborazione per l ottimizzazione della produttività Collaborazione: gestione documentale, workflow e portali I vantaggi della collaborazione per l ottimizzazione della produttività Collaborazione: gestione documentale, workflow e portali I vantaggi della

Dettagli

Sistemi informativi aziendali

Sistemi informativi aziendali Sistemi informativi aziendali Lezione 12 prof. Monica Palmirani Sistemi informativi e informatici Sistemi informativi = informazioni+processi+comunicazione+persone Sistemi informatici = informazioni+hardware+software

Dettagli

Sistemi informativi aziendali

Sistemi informativi aziendali Sistemi informativi aziendali Lezione 12 prof. Monica Palmirani Sistemi informativi e informatici Sistemi informativi = informazioni+processi+comunicazione+persone Sistemi informatici = informazioni+hardware+software

Dettagli

Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali. Dai processi aziendali ai sistemi informativi

Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali. Dai processi aziendali ai sistemi informativi Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali. Dai processi aziendali ai sistemi informativi di Simone Cavalli (simone.cavalli@unibg.it) Bergamo, febbraio

Dettagli

Sistemi informativi aziendali

Sistemi informativi aziendali Operatore giuridico d impresa Informatica Giuridica A.A 2002/2003 II Semestre Sistemi informativi aziendali prof. Monica Palmirani Sistemi informativi e informatici Sistemi informativi = informazioni+processi+comunicazione+persone

Dettagli

> LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco.

> LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco. > LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco. Perché investire in innovazione 2 Perché scegliere MediaNET 4 A chi si rivolge MediaNET 6 I numeri 7 Soluzioni e servizi 8 L identità MediaNET

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.2 Gestire

Dettagli

PROTEO srl Consulenti di Direzione ed Organizzazione

PROTEO srl Consulenti di Direzione ed Organizzazione La missione Affiancare le aziende clienti nello sviluppo e controllo del loro business Servire il suo Cliente con una offerta illimitata e mirata a risolvere le Sue principali esigenze Selezionare Partners

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

Corso di Informatica per la Gestione Aziendale

Corso di Informatica per la Gestione Aziendale Corso di Informatica per la Gestione Aziendale Anno Accademico: 2008/2009 4 parte DOCENTI: Prof.ssa Cecilia Rossignoli Dott. Gianluca Geremia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale

Dettagli

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI Proposte formative Un team di esperti in progettazione formativa è a disposizione per lo sviluppo di soluzioni personalizzate e la realizzazione di percorsi costruiti intorno alle esigenze di ciascuna

Dettagli

SAP BUSINESS ONE LA SOLUZIONE GESTIONALE PER LE IMPRESE IN CRESCITA

SAP BUSINESS ONE LA SOLUZIONE GESTIONALE PER LE IMPRESE IN CRESCITA SAP Solution Brief SAP BUSINESS ONE LA SOLUZIONE GESTIONALE PER LE IMPRESE IN CRESCITA SAP Business One è una soluzione semplice ed efficace, che soddisfa le esigenze specifiche delle piccole e medie imprese.

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE Riccardo Cappellin OS.E.L.R. - Osservatorio sulle Economie Locali e Regionali Dipartimento di Economia e Istituzioni Università di Roma "Tor Vergata"

Dettagli

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

Sistemi informativi secondo prospettive combinate

Sistemi informativi secondo prospettive combinate Sistemi informativi secondo prospettive combinate direz acquisti direz produz. direz vendite processo acquisti produzione vendite INTEGRAZIONE TRA PROSPETTIVE Informazioni e attività sono condivise da

Dettagli

NUMERO 1O l esperienza migliora il business

NUMERO 1O l esperienza migliora il business NUMERO 1O l esperienza migliora il business Dal 1986 al vostro fianco NUMERO 1O, a più di vent anni dalla sua nascita, rappresenta il polo di riferimento nell esperienza informatica legata al business.

Dettagli

Via F. Bulgherini 1 25020 FLERO (BS) Tel. 030/2563480 Fax. 030/2563470 Via Verdi, 70-20038 SEREGNO (MI) Tel. 0362/237874 P.IVA 03248470175 Cap. Soc.

Via F. Bulgherini 1 25020 FLERO (BS) Tel. 030/2563480 Fax. 030/2563470 Via Verdi, 70-20038 SEREGNO (MI) Tel. 0362/237874 P.IVA 03248470175 Cap. Soc. AS/400 STAMPANTI SERVER WINDOWS WORKSTATIONS MATERIALI DI CONSUMO SERVER LINUX CORSI DI FORMAZIONE CHI SIAMO Solution Line è una società di consulenza composta da professionisti di pluriennale esperienza,

Dettagli

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido Starter Package è una versione realizzata su misura per le Piccole Imprese, che garantisce una implementazione più rapida ad un prezzo ridotto. E ideale per le aziende che cercano ben più di un semplice

Dettagli

Lo Studio di Fattibilità

Lo Studio di Fattibilità Lo Studio di Fattibilità Massimo Mecella Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Definizione Insieme di informazioni considerate necessarie alla decisione sull investimento

Dettagli

STRATEGIE DI ACQUISIZIONE DELLE FORNITURE ICT

STRATEGIE DI ACQUISIZIONE DELLE FORNITURE ICT STRATEGIE DI ACQUISIZIONE DELLE FORNITURE ICT Paolo Atzeni Dipartimento di Informatica e Automazione Università Roma Tre 03/02/2008 (materiale da: Manuali e lucidi su sito CNIPA, in particolare di M. Gentili)

Dettagli

Sistemi informativi aziendali struttura e processi

Sistemi informativi aziendali struttura e processi Sistemi informativi aziendali struttura e processi Concetti generali sull informatica aziendale Copyright 2011 Pearson Italia Prime definizioni Informatica Scienza che studia i principi di rappresentazione

Dettagli

Il ROI del consolidamento dei Server

Il ROI del consolidamento dei Server Il ROI del consolidamento dei Server Sul lungo periodo, un attività di consolidamento dei server è in grado di far scendere i costi IT in modo significativo. Con meno server, le aziende saranno in grado

Dettagli

Collaborative Planning, Forecasting and Replenishment (CPFR) 1

Collaborative Planning, Forecasting and Replenishment (CPFR) 1 Collaborative Planning, Forecasting and Replenishment (CPFR) 1 Il Collaborative Planning, Forecasting and Replenishment (CPFR) è uno approccio di gestione a disposizione delle imprese che ha lo scopo di

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Anno accademico 2008-2009 Economia e gestione delle imprese Prof. Arturo Capasso 1 2 1 Ciclo dell informazione PROGRAMMAZIONE Decisioni ESECUZIONE Informazioni CONTROLLO Risultati 3 Organizzazione e Sistema

Dettagli

Gestione della conoscenza

Gestione della conoscenza Gestione della conoscenza Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Automazione del lavoro d ufficio Chiunque può avvalersi di un computer allo scopo di snellire ed ottimizzare il proprio lavoro Voler fare

Dettagli

Processi gestionali. Sistemi Informativi Aziendali. Sistemi Informativi Aziendali. Umberto Nanni. Umberto Nanni

Processi gestionali. Sistemi Informativi Aziendali. Sistemi Informativi Aziendali. Umberto Nanni. Umberto Nanni DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA AUTOMATICA E GESTIONALE ANTONIO RUBERTI Processi gestionali 1 Informatizzazione per Sistemi Informativi 1. Elaborazione Dati, Automazione Industriale supporto EDP

Dettagli

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda Fa quadrato attorno alla tua azienda Professional Perché scegliere Cosa permette di fare la businessintelligence: Conoscere meglio i dati aziendali, Individuare velocemente inefficienze o punti di massima

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Anno accademico 2007-2008 Economia e gestione delle imprese Prof. Arturo Capasso 1 2 Ciclo dell informazione PROGRAMMAZIONE Decisioni ESECUZIONE Informazioni CONTROLLO Risultati 3 1 Organizzazione e Sistema

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business.

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. ACCREDITED PARTNER 2014 Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Gariboldi Alberto Group Srl è una realtà

Dettagli

Nata per sviluppare sistemi informativi aziendali all avanguardia.

Nata per sviluppare sistemi informativi aziendali all avanguardia. filosofia Nata per sviluppare sistemi informativi aziendali all avanguardia. case history Abbiamo aiutato i nostri clienti a trasformare gli investimenti tecnologici in elementi strategici. Software house

Dettagli

Introduzione alla Business Intelligence

Introduzione alla Business Intelligence SOMMARIO 1. DEFINIZIONE DI BUSINESS INTELLIGENCE...3 2. FINALITA DELLA BUSINESS INTELLIGENCE...4 3. DESTINATARI DELLA BUSINESS INTELLIGENCE...5 4. GLOSSARIO...7 BIM 3.1 Introduzione alla Pag. 2/ 9 1.DEFINIZIONE

Dettagli

Sistemi di Gestione dei Dati e dei Processi Aziendali. Sistemi ERP e controlli automatici

Sistemi di Gestione dei Dati e dei Processi Aziendali. Sistemi ERP e controlli automatici Sistemi di Gestione dei Dati e dei Processi Aziendali Sistemi ERP e controlli automatici Obiettivi della sessione Al termine di questa sessione sarete in grado di: Descrivere gli obiettivi di un sistema

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso INCA CGIL Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione dei

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso ELETECNO ST

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso ELETECNO ST Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso ELETECNO ST Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione

Dettagli

L ufficio mobile nelle aziende italiane

L ufficio mobile nelle aziende italiane di Corrado Giustozzi e Pierluigi Ascani Forze di vendita e agenti itineranti possono ormai fare a meno di un ufficio vero e proprio: un computer portatile con modem/fax e connessione cellulare è quanto

Dettagli

PRESENTAZIONE Taurus Informatica S.r.l. Area Lotus

PRESENTAZIONE Taurus Informatica S.r.l. Area Lotus Pag. 1 di 9 PRESENTAZIONE Taurus Informatica S.r.l. Sommario...2 IL MONDO LOTUS...2 LA NOSTRA ESPERIENZA...4 Formazione...4 Sviluppo e Sistemi...4 LA NOSTRA PROPOSTA...8 Area formazione...8 Area sviluppo...8

Dettagli

Value Manager. Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione

Value Manager. Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager è una soluzione completa

Dettagli

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI 1. Lavorare per progetti La parola, oltre ad avere il significato del lessico comune, significa anche approccio manageriale, soprattutto da quando

Dettagli

Organization Intelligence: Approccio e Tecnologia

Organization Intelligence: Approccio e Tecnologia Organization Intelligence: Approccio e Tecnologia [Knowledge] «In organizations it often becomes embedded not only in documents or repositories but also in organizational routines, processes, practices

Dettagli