Convenzione del Consiglio d Europa sulla contraffazione dei prodotti sanitari e reati affini che rappresentano una minaccia per la salute pubblica

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Convenzione del Consiglio d Europa sulla contraffazione dei prodotti sanitari e reati affini che rappresentano una minaccia per la salute pubblica"

Transcript

1 Convenzione del Consiglio d Europ sull ontrffzione dei prodotti snitri e reti ffini he rppresentno un mini per l slute puli Mos, 28/X/2011 1

2 Premess Gli Stti memri del Consiglio d Europ e gli ltri firmtri dell presente Convenzione, Considerto he lo sopo del Consiglio d Europ è quello di relizzre un mggiore unità tr i suoi Memri; Consttto he l ontrffzione dei prodotti snitri e i reti ffini, per l loro stess ntur, minino grvemente l slute puli; Rihimndo il Pino d zione dottto in osione del Terzo Vertie dei Cpi di Stto e di Governo del Consiglio d Europ (Vrsvi, Mggio 2005), he romnd lo sviluppo delle misure volte rfforzre l siurezz dei ittdini europei; Riordndo l Dihirzione Universle dei Diritti dell Uomo, prolmt dll Assemle generle delle Nzioni Unite il 10 diemre 1948, l Convenzione per l slvgurdi dei Diritti dell Uomo e delle Liertà fondmentli (1950, STE n 5), l Crt soile europe (1961, STE n 35), l Convenzione reltiv ll'elorzione di un Frmope Europe (1964, STE n 50) e il suo Protoollo (1989, STE n 134), l Convenzione per l protezione dei Diritti dell Uomo e dell dignità dell essere umno nei onfronti delle pplizioni dell iologi e dell mediin: Convenzione sui Diritti dell Uomo e l iomediin (1997, STE n 164) e i suoi Protoolli ddizionli (1998, STE n 168, 2002, STE n 186, 2005, STCE n 195, 2008, STCE n 203) e l Convenzione sull riminlità informti (2001, STE n 185); Riordndo ltresì il reltivo lvoro del Consiglio d Europ, in prtiolre le deisioni del Comitto dei Ministri e il lvoro dell Assemle prlmentre, in prtiolre l Risoluzione AP (2001)2 sul ruolo del frmist nel qudro dell siurezz snitri, le risposte dottte dl Comitto dei Ministri il 6 Aprile 2005 e il 26 Settemre 2007, rigurdnti rispettivmente le Romndzioni dell Assemle prlmentre 1673 (2004) su Contrffzione: prolemi e soluzioni e 1794 (2007) su Qulità dei mediinli in Europ, nonhé i progrmmi reltivi ondotti dl Consiglio d Europ; Tenendo nell dovut onsiderzione gli ltri strumenti legli e i progrmmi internzionli reltivi, ttuti in prtiolre dll Orgnizzzione Mondile dell Snità, nello speifio il lvoro ondotto dll tsk fore IMPACT, e dll Unione Europe, nonhé quelli relizzti nell mito del G8; Al fine di ontriuire effiemente l onseguimento dell oiettivo omune onsistente nel ontrsto ll riminlità legt ll ontrffzione dei prodotti snitri e reti ffini he rppresentno un mini per l slute puli, ttrverso l introduzione di nuove figure di reto e orrispondenti snzioni penli; Considerndo he lo sopo dell presente Convenzione è quello di prevenire e ontrstre le mine ll slute puli, e he l ttuzione delle misure dell Convenzione reltive l diritto penle dovrà essere relizzt tenendo in onsiderzione il suo sopo, osì ome il prinipio di proporzionlità; 2

3 Considerndo he l presente Convenzione non h d oggetto le questioni reltive i diritti di proprietà intellettule; Tenendo presente l neessità di elorre uno strumento internzionle glole inentrto sugli spetti legti ll prevenzione, ll protezione delle vittime e l diritto penle in tem di ontrsto tutte le forme di ontrffzione di prodotti snitri e reti ffini he rppresentno un mini per l slute puli, e he preved uno speifio seguito di ompetenz; Rionosendo he per ontrstre in modo effie l ontrffzione dei prodotti snitri e di reti ffini, è neessrio inorggire un strett ooperzione internzionle tr gli Stti memri e gli Stti non memri del Consiglio d Europ. Hnno onvenuto qunto segue: Cpitolo I Oggetto e sopo, prinipio di non disriminzione, mpo di pplizione, definizioni Artiolo 1 Oggetto e sopo 1 Sopo dell presente Convenzione è di prevenire e ontrstre le mine ll slute puli, ttrverso: l riminlizzzione di determinti tti; l protezione dei diritti delle vittime di reti istituiti i sensi dell presente Convenzione; l promozione dell ooperzione nzionle e internzionle. 2 Al fine di ssiurre un ttuzione effie delle disposizioni d prte delle Prti, l presente Convenzione istituise uno speifio menismo di follow up. Artiolo 2 Prinipio di non disriminzione L ttuzione delle disposizioni dell presente Convenzione dlle Prti, in prtiolre rispetto ll possiilità di enefiire delle misure he mirno proteggere i diritti delle vittime, deve essere ssiurt senz disriminzione lun, si ess fondt sul sesso, l rzz, il olore, l lingu, l età, l religione, le opinioni politihe o qulsisi ltr opinione, l origine nzionle o soile, l pprtenenz un minornz nzionle, l rihezz, l nsit, l orientmento sessule, lo stto di slute, l disilità o ltro sttus. Artiolo 3 Cmpo di pplizione L presente Convenzione rigurd i prodotti snitri, he sino o meno protetti di diritti di proprietà intellettule o he sino o meno prodotti generii, ivi inlusi gli essori 3

4 destinti d essere utilizzti on i dispositivi medii, osì ome le sostnze ttive, gli eipienti, i omponenti e i mterili destinti essere utilizzti nell produzione di questi. Artiolo 4 Definizioni Ai fini dell presente Convenzione: l espressione prodotto snitrio indi i mediinli e i dispositivi medii; il termine mediinle indi i mediinli uso umno e veterinrio, vle dire: i ii iii ogni sostnz o ssoizione di sostnze presentt ome vente proprietà urtive o profilttihe nelle mlttie umne o nimli; ogni sostnz o ssoizione di sostnze he può essere utilizzt sull uomo o somministrt gli uomini o gli nimli llo sopo di ripristinre, orreggere o modifire funzioni fisiologihe, eseritndo un zione frmologi, immunologi o metoli, ovvero llo sopo di stilire un dignosi medi; un mediinle in fse di sperimentzione; d e l espressione sostnz ttiv indi qulsisi sostnz o misel di sostnze destint essere utilizzt nell produzione di un mediinle e he divent, se impiegt nell produzione di quest ultimo, un prinipio ttivo di detto mediinle; il termine eipiente indi qulsisi sostnz he non è né un sostnz ttiv, né un mediinle finito, m he entr nell omposizione di un mediinle d uso umno o veterinrio ed è essenzile i fini dell integrità del prodotto finito; l espressione dispositivo medio indi qulsisi strumento, pprehio, impinto, softwre, mterile o ltro prodotto, utilizzto d solo o in ominzione, ompreso il softwre informtio impiegto fini dignostii e/o terpeutii e per il suo orretto funzionmento, e destinto dl frinte essere impiegto sull uomo sopo di: i ii iii iv dignosi, prevenzione, ontrollo, terpi o ttenuzione di un mltti; dignosi, ontrollo, terpi, ttenuzione o ompenszione di un ferit o di un hndip; studio, sostituzione o modifi dell ntomi o di un proesso fisiologio; intervento sul onepimento; 4

5 il qule prodotto non eseriti l zione priniple, nel o sul orpo umno, ui è destinto, on mezzi frmologii, immunologii o metolii, m l ui funzione poss essere odiuvt d tli mezzi; f g h i il termine essorio indi qulsisi prodotto he, pur non essendo un dispositivo medio, è destinto in modo speifio dl suo produttore essere utilizzto on un dispositivo medio l fine di onsentirne l'utilizzo seondo qunto previsto dl produttore del dispositivo medio; i termini omponenti e mterili indino tutti i omponenti e i mterili he sono prodotti e progettti nell produzione dei dispositivi medii e destinti essere utilizzti on detti dispositivi, e he sono essenzili i fini dell loro integrità; il termine doumento indi qulsisi doumento legto d un prodotto snitrio, un sostnz ttiv, un eipiente, un omponente, un mterile o un essorio, inluso l imllggio, l etihetttur, il foglio illustrtivo, il ertifito d origine o qulunque ltro ertifito he lo ompgni, o he si ltrimenti ssoito direttmente ll su produzione e/o ll su distriuzione; il termine produzione indi: i rispetto l mediinle, tutte le fsi del proesso di produzione del mediinle, di un sostnz ttiv o di un eipiente destinto l mediinle, o dei proessi he portno il mediinle, le sostnze ttive e gli eipienti llo stto di prodotto finito; ii rispetto l dispositivo medio, tutte le fsi del proesso di produzione, inlus l idezione, tnto del dispositivo medio he dei suoi omponenti o mterili, o dei proessi he portno il dispositivo medio e i suoi omponenti o mterili llo stto di prodotto finito; iii rispetto ll essorio, tutte le fsi del proesso di produzione, inlus l su idezione e i proessi he lo portno llo stto di prodotto finito; j k il termine ontrffzione indi un ingnnevole rppresentzione dell identità e/o dell origine; il termine vittim indi un person fisi he suis effetti fisii o psiologii vversi risultnti dll utilizzzione di un prodotto snitrio ontrfftto o di un prodotto snitrio frito, fornito o ommerilizzto senz utorizzzione, o non onformemente i requisiti, osì ome desritti nell rtiolo 8. 5

6 Cpitolo II Diritto penle sostnzile Artiolo 5 Produzione di ontrfftti 1 Ogni Prte dott misure legisltive e di ltr ntur l fine di istituire ome reti in onformità ll propri legislzione nzionle, l produzione internzionle di prodotti snitri, sostnze ttive, eipienti, omponenti, mterili ed essori ontrfftti. 2 Rispetto i mediinli e, lddove pproprito, i dispositivi medii, lle sostnze ttive, gli eipienti, il omm 1 si ppli tutte le dulterzioni degli stessi. 3 Ogni Stto o l Unione Europe, l momento dell firm o del deposito dei suoi strumenti di rtifi, ettzione o pprovzione, può dihirre, ttrverso un dihirzione indirizzt l Segretrio generle del Consiglio d Europ, he si riserv il diritto di non pplire, o di pplire solo in speifii si o ondizioni, il omm 1, on rigurdo gli eipienti, i omponenti e i mterili, e il omm 2 on rigurdo gli eipienti. Artiolo 6 Fornitur, offert di fornitur e trffio di ontrfftti 1 Ogni Prte dott misure legisltive e di ltr ntur l fine di istituire ome reti in onformità ll propri legislzione nzionle, qundo ommessi intenzionlmente, l fornitur o l offert di fornitur, inlus l intermedizione, il trffio, lo stoggio, l importzione e l esportzione di prodotti snitri ontrfftti, sostnze ttive, eipienti, omponenti, mterili e essori. 2 Ogni Stto o l Unione Europe, l momento dell firm o del deposito dei suoi strumenti di rtifi, ettzione o pprovzione, può dihirre, ttrverso un dihirzione indirizzt l Segretrio generle del Consiglio d Europ, he si riserv il diritto di non pplire, o di pplire solo in speifii si o ondizioni, il omm 1 on rigurdo gli eipienti, i omponenti e i mterili. Artiolo 7 Flsifizione dei doumenti 1 Ogni Prte dott misure legisltive e di ltr ntur l fine di istituire ome reti in onformità ll propri legislzione nzionle, l produzione di doumenti flsi o mnomissione di doumenti, lddove ommess intenzionlmente. 2 Ogni Stto o l Unione Europe, l momento dell firm o del deposito dei suoi strumenti di rtifi, ettzione o pprovzione, può dihirre, ttrverso un dihirzione indirizzt l Segretrio generle del Consiglio d Europ, he si riserv il diritto di non pplire, o di pplire solo in speifii si o ondizioni, il omm 1, on rigurdo i doumenti reltivi gli eipienti, i omponenti e i mterili. 6

7 Artiolo 8 Reti ffini he rppresentno un mini per l slute puli Ogni Prte dott misure legisltive e di ltr ntur l fine di istituire ome reti in onformità ll propri legislzione nzionle, lddove ommessi intenzionlmente, e nell misur in ui non ridno sotto le previsioni degli rtioli 5, 6 e 7: l produzione, lo stoggio, l importzione, l esportzione, l fornitur, l offert di fornitur o l immissione sul merto di: i ii mediinli senz utorizzzione, lddove quest si rihiest dll legislzione nzionle dell Prte; o dispositivi medii he non rispondno i requisiti di onformità, lddove questi sino rihiesti dll legislzione nzionle dell Prte; l uso ommerile di doumenti originli l di fuori dell uso l qule sono destinti ll interno dell ten di pprovvigionmento legle dei prodotti snitri, in onformità qunto speifito dll legislzione nzionle dell Prte. Artiolo 9 Compliità e tenttivo di reto 1 Ogni Prte dott misure legisltive e di ltr ntur l fine di istituire ome reti, lddove ommessi intenzionlmente, l ompliità nell ommissione di qulsisi ltro reto previsto i fini dell presente Convenzione. 2 Ogni Prte dott misure legisltive e di ltr ntur l fine di istituire ome reto il tenttivo volontrio di ommettere uno dei reti previsti i fini dell presente Convenzione. 3 Ogni Stto o l Unione Europe, l momento dell firm o del deposito dei suoi strumenti di rtifi, ettzione o pprovzione, può dihirre, ttrverso un dihirzione indirizzt l Segretrio generle del Consiglio d Europ, he si riserv il diritto di non pplire, o di pplire solo in speifii si o ondizioni, il omm 2, on rigurdo i reti stiliti in ordo on gli Artioli 7 e 8. Artiolo 10 Competenz 1 Ogni Prte dott misure legisltive e di ltr ntur l fine di stilire l ompetenz per qulsisi reto previsto i sensi dell presente Convenzione, lddove il reto veng ommesso: nel proprio territorio; o ordo di un nve ttente ndier dell Prte in questione; o ordo di un velivolo immtriolto seondo le disposizioni di legge dell Prte; o 7

8 d d un proprio ittdino o d un person itulmente residente nel suo territorio. 2 Ogni Prte dott misure legisltive e di ltr ntur l fine di stilire l ompetenz per qulsisi reto previsto i sensi dell presente Convenzione, nei si in ui l vittim del reto si un suo ittdino o person itulmente residente nel suo territorio. 3 Ogni Prte dott misure legisltive e di ltr ntur l fine di stilire l ompetenz per qulsisi reto previsto i sensi dell presente Convenzione, nei si in ui il presunto olpevole si trovi nel proprio territorio e non poss essere estrdto verso un ltro Pese in rgione dell su nzionlità. 4 Ogni Stto o l Unione Europe, l momento dell firm o del deposito dei suoi strumenti di rtifi, di ettzione o di pprovzione, può dihirre, ttrverso un dihirzione indirizzt l Segretrio generle del Consiglio d Europ, he si riserv il diritto di non pplire, o di pplire solo in speifii si o ondizioni, le disposizioni reltive ll ompetenz di ui l omm 1, sotto omm d, e l omm 2 del presente rtiolo. 5 Qundo più Prti rivendihino l propri ompetenz su un presunto reto previsto i sensi dell presente Convenzione, dovrnno onsultrsi, lddove opportuno, llo sopo di individure l ompetenz più pproprit per il proedimento. 6 Senz pregiudizio per le disposizioni generli di diritto internzionle, l presente Convenzione non eslude lun ompetenz penle eseritt d un Prte in onformità ll propri legislzione nzionle. Artiolo 11 Responsilità delle persone giuridihe 1 Ogni Prte dott misure legisltive e di ltr ntur llo sopo di ssiurre he le persone giuridihe possno essere ritenute responsili per reti previsti i fini dell presente Convenzione, qundo ommessi proprio enefiio, d qulunque person fisi, he gis si individulmente si ome prte di un orgno dell person giuridi, he eseriti un potere di direzione l suo interno, sto su: il potere di rppresentnz dell person giuridi; l utorità per prendere deisioni per onto dell person giuridi; l utorità per eseritre un ontrollo sull person giuridi. 2 Oltre i si previsti l omm 1, ogni Prte dott misure legisltive e di ltr ntur l fine di ssiurre he un person giuridi poss essere ritenut responsile qundo l mnnz di sorveglinz o di ontrollo d prte di un person fisi, indit l omm 1, i reso possiile l ommissione di un reto 8

9 previsto i fini dell presente Convenzione d prte di un person fisi he gis sotto l su utorità, per il vntggio dell summenziont person giuridi. 3 In se i prinipi giuridii dell Prte in questione, l responsilità di un person giuridi può essere penle, ivile o mministrtiv. 4 Tle responsilità viene stilit in modo d non pregiudire l responsilità penle delle persone fisihe he hnno ommesso il reto. Artiolo 12 Snzioni e misure 1 Ogni Prte dott misure legisltive e di ltr ntur l fine di ssiurre he i reti previsti i fini dell presente Convenzione sino puniili on snzioni effettive, proporzionte e dissusive, ivi omprese snzioni peunirie penli e non penli, he tengno onto dell loro grvità. Queste snzioni per i reti stiliti in onformità gli rtioli 5 e 6, qundo ommessi d persone fisihe, omprendono pene he prevedno l privzione dell liertà personle e he possno dr luogo ll estrdizione. 2 Ogni Prte dott misure legisltive e di ltr ntur l fine di ssiurre he le persone giuridihe dihirte responsili in onformità ll Artiolo 11, sino soggette snzioni effettive, proporzionte e dissusive, ivi omprese snzioni peunirie penli o non penli, he possno omprendere ltre misure, ome: interdizione temporne o permnente dll eserizio di ttività ommerile; ollomento sotto sorveglinz giudiziri; ordine di liquidzione giudizile. 3 Ogni Prte dott misure legisltive e di ltr ntur l fine di: permettere il sequestro e l onfis di: i ii prodotti snitri, sostnze ttive, eipienti, omponenti, mterili e essori, osì ome meri, doumenti e ltre strumentzioni utilizzte per ommettere i reti previsti i fini dell presente Convenzione, o per filitrne l loro ommissione; proventi di questi reti, o proprietà il ui vlore orrispond tli proventi; permettere l distruzione di prodotti snitri onfisti, sostnze ttive, eipienti, omponenti, mterili e essori he ostituisno l oggetto di un reto previsto i fini dell presente Convenzione; 9

10 dottre qulsisi ltr misur pproprit in rispost d un reto, osì d prevenire future infrzioni. Artiolo 13 Cirostnze ggrvnti Ogni Prte dott misure legisltive e di ltr ntur l fine di ssiurre he le seguenti irostnze, nell misur in ui esse non rppresentino già elementi ostitutivi del reto, possno essere onsiderte, in onformità lle disposizioni pertinenti dell propri legislzione nzionle, ome irostnze ggrvnti nell determinzione delle pene reltive i reti previsti i fini dell presente Convenzione: d e f il reto i usto l morte dell vittim o i provoto dnni ll su slute fisi o mentle; il reto si stto ommesso d persone he hnno usto dell fidui ripost in loro in qunto professionisti; il reto si stto ommesso d persone he hnno usto dell fidui ripost in loro ome produttori o fornitori; i reti reltivi forniture e offerte di fornitur sino stti ommessi fendo riorso mezzi di distriuzione su lrg sl, ome sistemi informtii, inluso Internet; il reto si stto ommesso nel qudro di un orgnizzzione riminle; il responsile si stto preedentemente ondnnto per reti dell stess ntur. Artiolo 14 Preedenti penli Ogni Prte dott misure legisltive e di ltr ntur l fine di onsentire he vengno prese in onsiderzione, l momento dell determinzione dell pen, le ondnne definitive inflitte d un ltr Prte per reti dell stess ntur. Cpitolo III Indgini, proedimenti giudiziri e diritto proedurle Artiolo 15 Apertur e proseuzione dei proedimenti Ogni Prte dott misure legisltive e di ltr ntur l fine di ssiurre he le indgini o l perseuzione dei reti stiliti in ordo ll presente Convenzione non sino suordinti d un denuni e he i proedimenti reltivi possno ontinure nhe in so di ritiro dell denuni. 10

11 Artiolo 16 - Indgini 1 Ogni Prte dott misure legisltive e di ltr ntur l fine di ssiurre he le persone, le unità o i servizi responsili delle indgini sino speilizzti nel mpo del ontrsto ll ontrffzione di prodotti snitri e reti ffini he rppresentno un mini per l slute puli o he questo sopo vengno formti degli ddetti, nhe in relzione lle indgini finnzirie. Queste unità o servizi sono dotti di degute risorse. 2 Ogni Prte dott misure legisltive e di ltr ntur, in onformità on l propri legislzione nzionle, l fine di ssiurre indgini effii e le zioni penli reltive i reti previsti i fini dell presente Convenzione, prevedendo, lddove pproprito, l possiilità di ondurre indgini finnzirie o sotto opertur e onsentendo di riorrere spedizioni ontrollte e d ltre tenihe speili di investigzione. Cpitolo IV Cooperzione tr utorità e smio di informzioni Artiolo 17 Misure nzionli di ooperzione e smio di informzioni 1 Ogni Prte dott misure legisltive e di ltr ntur l fine di ssiurre he i rppresentnti delle utorità snitrie, delle dogne, delle forze dell ordine, e di ltre utorità ompetenti si smino informzioni e ollorino in onformità ll propri legislzione nzionle l fine di prevenire e ontrstre effiemente l ontrffzione di prodotti snitri e reti ffini he rppresentno un mini per l slute puli. 2 Ogni Prte si impegn d ssiurre l ooperzione tr le proprie utorità ompetenti e i settori ommerili e industrili rigurdo l gestione del rishio onnesso ll ontrffzione di prodotti snitri e reti ffini he minino l slute puli. 3 Tenendo nell dovut onsiderzione le esigenze legte ll protezione dei dti personli, ogni Prte dott le misure legisltive e di ltr ntur l fine di istituire o rfforzre menismi he onsentno: di rievere e rogliere informzioni e dti, nhe ttrverso i punti di onttto, livello nzionle e lole e in ollorzione on il settore privto e l soietà ivile, llo sopo di prevenire e ontrstre l ontrffzione di prodotti snitri e reti ffini he rppresentno un mini per l slute puli; di rendere disponiili le informzioni e i dti ottenuti dlle utorità snitrie, dlle dogne, dlle forze di polizi e d ltre utorità ompetenti l fine di grntire l ooperzione tr questi. 11

12 4 Ogni Prte dott misure legisltive e di ltr ntur l fine di ssiurre he le persone, le unità o i servizi responsili dell ooperzione e dello smio di informzioni sino formte tle sopo. Cisun unità o servizio dovrà essere dott delle risorse degute. Cpitolo V Misure di prevenzione Artiolo 18 Misure di prevenzione 1 Ogni Prte dott misure legisltive e di ltr ntur l fine di stilire i requisiti di qulità e siurezz dei prodotti snitri. 2 Ogni Prte dott misure legisltive e di ltr ntur l fine di ssiurre l siurezz dell filier distriutiv dei prodotti snitri. 3 Con l intento di prevenire l ontrffzione dei prodotti snitri, delle sostnze ttive, degli eipienti, dei omponenti, dei mterili e degli essori, ogni Prte dott le misure neessrie l fine di provvedere tr l ltro: ll formzione di professionisti snitri, di fornitori, di forze di polizi e di utorità dognli, osì ome delle ltre ompetenti utorità regoltorie; ll promozione di mpgne di sensiilizzzione rivolte l pulio llo sopo di fornire informzioni sull ontrffzione dei prodotti snitri; ll prevenzione dell fornitur illegle di prodotti snitri, sostnze ttive, eipienti, omponenti, mterili e essori ontrfftti. Cpitolo VI Misure di protezione Artiolo 19 - Protezione delle vittime Ogni Prte dott misure legisltive e di ltr ntur l fine di proteggere i diritti e gli interessi delle vittime, in prtiolre: ssiurndo he le vittime ino esso lle informzioni rilevnti per il proprio so e neessrie per l protezione dell propri slute; ssistendo le vittime nel loro reupero fisio, psihio e soile; prevedendo, nell mito dell propri legislzione nzionle, il diritto delle vittime l risrimento d prte dei olpevoli. 12

13 Artiolo 20 Lo sttus di vittime nelle indgini e nei proedimenti penli 1 Ogni Prte dott misure legisltive e di ltr ntur l fine di proteggere i diritti e gli interessi delle vittime in tutte le fsi delle indgini e dei proedimenti penli, in prtiolre: d informndo le vittime dei propri diritti e dei servizi loro disposizione e, meno he non ino espresso l volontà di non rievere tli informzioni, del seguito dto lle loro denune, delle eventuli imputzioni, dello stto di vnzmento generle delle indgini o dei proedimenti penli, del loro ruolo ll interno di questi e dei risultti dei si he li rigurdno; onsentendo loro, in modo onforme lle norme proedurli dell propri legislzione nzionle, di essere soltti, di poter presentre elementi di prov e segliere gli strumenti on ui mnifestre le proprie opinioni, i propri isogni e preoupzioni, direttmente o per trmite di un intermedirio, e di essere presi in onsiderzione; fornendo loro gli deguti servizi di supporto ffinhé i loro diritti ed interessi sino deitmente presentti e presi in onsiderzione; dottndo misure effettive per l loro siurezz, quell delle loro fmiglie e dei testimoni loro disrio dll intimidzione e dll ritorsione. 2 Ogni Prte grntise he le vittime ino esso, sin dl loro primo onttto on le utorità ompetenti, ll informzione sulle proedure giudizirie e mministrtive pertinenti. 3 Ogni Prte ssiur he le vittime ino esso ll ssistenz legle, grtuit lddove grntito, qulor si possiile he esse sino prti nei proedimenti penli. 4 Ogni Prte dott misure legisltive e di ltr ntur l fine di ssiurre he le vittime di un reto, previsto in onformità ll presente Convenzione, ommesso ll interno del territorio di un Prte o in quello in ui i suoi residenti possno presentre le proprie denune dinnzi lle utorità ompetenti del proprio Stto di residenz. 5 Ogni Prte grntise, on misure legisltive e di ltr ntur, in onformità lle ondizioni stilite dll propri legislzione nzionle, l possiilità per gruppi, fondzioni, ssoizioni o orgnizzzioni governtive o non governtive di ssistere e/o supportre le vittime, on il loro onsenso, nei proedimenti penli he rigurdno i reti previsti in onformità ll presente Convenzione. 13

14 Cpitolo VII Cooperzione internzionle Artiolo 21 Cooperzione internzionle in mteri penle 1 Le Prti ooperno tr di loro in onformità on le lusole dell presente Convenzione ed in pplizione degli strumenti internzionli e regionli ppliili e degli ordi sti su disposizioni legisltive uniformi o di reiproità e dell propri legislzione nzionle, nell misur più mpi possiile, per gli sopi delle indgini o dei proedimenti he rigurdno i reti previsti i fini dell presente Convenzione, inlusi il sequestro e l onfis. 2 Le Prti ooperno nell misur più mpi possiile, seondo i trttti internzionli, regionli e ilterli ppliili e pertinenti rigurdo l estrdizione e l mutu ssistenz legle in mteri penle he rigurdi i reti previsti i fini dell presente Convenzione. 3 Qulor un Prte he suordini l estrdizione o l mutu ssistenz legle in mteri penle ll esistenz di un trttto riev un domnd di estrdizione o di ssistenz legle in mteri penle d un Prte on ui non i onluso un sifftto trttto ess può, gendo in pien onformità i propri olighi derivnti dl diritto internzionle e sottoposti lle ondizioni previste dll legislzione nzionle dell Prte solleitt, onsiderre l presente Convenzione ome se legle per l estrdizione o l mutu ssistenz legle nel rispetto dei reti previsti i fini dell presente Convenzione. Artiolo 22 Cooperzione internzionle sull prevenzione e ltre misure mministrtive 1 Le Prti ooperno l fine di grntire protezione e ssistenz lle vittime. 2 Le Prti designno, senz pregiudizio per i sistemi interni di smio informzioni, un punto di onttto nzionle responsile dell trsmissione e dell riezione delle rihieste di informzione e/o ooperzione rigurdnti l lott ll ontrffzione di prodotti snitri e reti ffini he rppresentno un mini per l slute puli. 3 Ogni Prte si impegn inserire, lddove pproprito, l prevenzione e il ontrsto dell ontrffzione di prodotti snitri e reti ffini he rppresentno un mini per l slute puli ll interno dei progrmmi di ssistenz e sviluppo ondotti vntggio degli Stti terzi. Cpitolo VIII Menismo di follow-up Artiolo 23 Comitto delle Prti 1 Il Comitto delle Prti è omposto di rppresentnti delle Prti dell Convenzione. 14

15 2 Il Comitto delle Prti è onvoto dl Segretrio generle del Consiglio d Europ. L su prim riunione si deve tenere entro un nno dll entrt in vigore, per il deimo tr i firmtri he l hnno rtifit, dell presente Convenzione. Esso si riunise in seguito su rihiest di lmeno un terzo delle Prti o del Segretrio generle. 3 Il Comitto delle Prti dott le proprie regole di proedur. 4 Il Comitto delle Prti è ssistito dl Segretrito del Consiglio d Europ nell dempimento delle sue funzioni. 5 L Prte ontrente he non si memro del Consiglio d Europ ontriuise l finnzimento del Comitto delle Prti seondo modlità stilite dl Comitto dei Ministri, previ onsultzione delle Prti. Artiolo 24 - Altri rppresentnti 1 L Assemle Prlmentre del Consiglio d Europ, il Comitto Europeo per i Prolemi Criminli (CDPC), osì ome gli ltri pertinenti Comitti intergoverntivi o sientifii del Consiglio d Europ, nominno isuno un rppresentnte del Comitto delle Prti l fine di ontriuire d un pproio multisettorile e multidisiplinre. 2 Il Comitto dei Ministri può invitre ltri orgnismi del Consiglio d Europ nominre un rppresentnte del Comitto delle Prti dopo verli onsultti. 3 Rppresentnti degli orgnismi internzionli pertinenti possono essere mmessi ome osservtori l Comitto delle Prti, seondo l proedur stilit dlle pertinenti regole del Consiglio d Europ. 4 Rppresentnti degli orgnismi uffiili delle Prti possono essere mmessi ome osservtori l Comitto delle Prti, seondo l proedur stilit dlle pertinenti regole del Consiglio d Europ. 5 Rppresentnti dell soietà ivile, e in prtiolre orgnizzzioni non governtive, possono essere mmesse ome osservtori l Comitto delle Prti, seondo l proedur stilit dlle pertinenti regole del Consiglio d Europ. 6 Nell nomin dei rppresentnti di ui i ommi dl 2 l 5, deve essere grntit un rppresentnz equilirt dei diversi settori e dei diversi miti. 7 I Rppresentnti nominti in se i ommi dll 1 l 5 prteipno gli inontri del Comitto delle Prti senz diritto di voto. 15

16 Artiolo 25 Funzioni del Comitto delle Prti 1 Il Comitto delle Prti vigil sull pplizione dell presente Convenzione. Le regole di proedur del Comitto delle Prti determinno il proedimento di vlutzione dell ttuzione dell Convenzione, utilizzndo un pproio multisettorile e multidisiplinre. 2 Il Comitto delle Prti fvorise inoltre l rolt, l nlisi e lo smio di informzioni, esperienze e uone prtihe tr gli Stti l fine di rfforzre l loro pità di prevenire e ontrstre l ontrffzione di prodotti snitri e reti ffini he rppresentno un mini per l slute puli. Il Comitto può vvlersi dell ompetenz di Comitti e ltri orgnismi pertinenti del Consiglio d Europ. 3 Inoltre, il Comitto delle Prti, ove pproprito: filit l uso effettivo e l ttuzione dell presente Convenzione, inlus l identifizione di qulsisi prolem e degli effetti di qulunque dihirzione o riserv effettut sull se dell presente Convenzione. esprime un prere su qulsisi questione rigurdnte l ttuzione dell presente Convenzione e fvorise lo smio di informzioni su signifitivi sviluppi legli, politii o tenologii; dott speifihe romndzioni nei onfronti delle Prti sull ttuzione dell presente Convenzione. 4 Il Comitto Europeo per i Prolemi Criminli (CDPC) è periodimente informto sulle ttività menzionte nei ommi 1, 2 e 3 del presente rtiolo. Cpitolo IX - Relzione on ltri strumenti internzionli Artiolo 26 Relzioni on ltri strumenti internzionli 1 L presente Convenzione non infii i diritti e gli olighi he derivno dlle disposizioni ontenute in ltri strumenti internzionli di ui le Prti dell presente Convenzione sono Prte o lo srnno e he ontengono disposizioni su questioni regolte dll presente Convenzione. 2 Le Prti dell presente Convenzione posso onludere ordi ilterli o multilterli tr di loro su questioni oggetto dell presente Convenzione, l fine di ompletrne o rfforzrne le disposizioni o filitre l pplizione dei prinipi in ess ontenuti. 16

17 Cpitolo X Emendmenti ll Convenzione Artiolo 27 Emendmenti 1 Ogni propost di emendmento ll presente Convenzione, presentt d un Prte, deve essere omunit l Segretrio generle del Consiglio d Europ e dllo stesso trsmess lle Prti, gli Stti memri del Consiglio d Europ, gli Stti non memri he hnno prteipto ll elorzione dell presente Convenzione o he godno dello sttus di osservtori del Consiglio d Europ, dell Unione Europe, e qulsisi Stto he si stto invitto firmre l presente Convenzione. 2 Ogni emendmento proposto d un Prte srà omunito l Comitto Europeo per i Prolemi Criminli (CDPC) e gli ltri omitti intergoverntivi e sientifii ompetenti del Consiglio d Europ, he trsmettono l Comitto delle Prti i loro preri sugli emendmenti proposti. 3 Il Comitto dei Ministri, tenendo in onsiderzione l emendmento proposto e il prere formulto dl Comitto delle Prti, potrà poi dottre l emendmento. 4 Il testo di ogni emendmento dottto dl Comitto dei Ministri osì ome previsto dl omm 3 del presente rtiolo srà inoltrto lle Prti per ettzione. 5 Qulsisi emendmento dottto osì ome previsto dl omm 3 del presente rtiolo entrerà in vigore il primo giorno del mese seguente ll sdenz del periodo di un mese prtire dll dt nell qule tutte le Prti vrnno informto il Segretrio generle dell loro ettzione. Cpitolo XI Clusole finli Artiolo 28 Firm e entrt in vigore 1 L presente Convenzione è pert ll firm degli Stti memri del Consiglio d Europ, ll Unione Europe e gli Stti non memri he ino preso prte ll su elorzione o godno dello sttus di osservtori del Consiglio d Europ. È ltresì pert ll firm di qulunque ltro Stto non memro del Consiglio d Europ su invito del Comitto dei Ministri. L deisione di invitre uno Stto non memro firmre l Convenzione deve essere dottt dll mggiornz previst dll rtiolo 20.d dello Sttuto del Consiglio d Europ, e ll unnimità dei voti dei rppresentnti degli Stti ontrenti on diritto di sedere l Comitto dei Ministri. Quest deisione è dottt dopo ver ottenuto l ordo unnime degli ltri Stti/Unione europe he ino espresso il onsenso essere sottoposti ll presente Convenzione. 2 L presente Convenzione è sottopost rtifi, ettzione o pprovzione. Gli strumenti di rtifi, di ettzione o di pprovzione srnno depositti presso il Segretrio generle del Consiglio d Europ. 17

18 3 L presente Convenzione entrerà in vigore il primo giorno del mese seguente ll sdenz di un periodo di tre mesi dll dt in ui inque firmtri, di ui lmeno tre Stti memri del Consiglio d Europ, vrnno espresso il proprio onsenso d essere impegnti dll Convenzione osì ome previsto dlle disposizioni dei ommi preedenti. 4 Nel rispetto di isuno Stto o dell Unione Europe, he i in seguito espresso il proprio onsenso d essere impegnto dll Convenzione, l stess entrerà in vigore il primo giorno del mese seguente ll sdenz di un periodo di tre mesi dll dt del deposito del suo strumento di rtifi, ettzione o pprovzione. Artiolo 29 Amito territorile di pplizione 1 Qulsisi Stto, o l Unione Europe, può ll tto dell firm o del deposito del proprio strumento di rtifi, ettzione o pprovzione, speifire il territorio o i territori in ui l presente Convenzione verrà pplit. 2 Qulsisi Prte può, in qulsisi momento suessivo, on un dihirzione rivolt l Segretrio generle del Consiglio d Europ, estendere l pplizione dell presente Convenzione qulsisi ltro territorio indito nell dihirzione e di ui egli ssiur le relzioni internzionli o nome del qule è utorizzto d impegni. Rispetto tle territorio, l Convenzione entrerà in vigore il primo giorno del mese seguente ll sdenz di un periodo di tre mesi dll dt di riezione di tle dihirzione d prte del Segretrio generle. 3 Cisun dihirzione res in virtù dei due preedenti ommi può, nei onfronti di qulsisi territorio indito nell dihirzione stess, essere ritirt per mezzo di un notifi rivolt l Segretrio generle del Consiglio d Europ. Il ritiro diventerà effettivo prtire dl primo giorno del mese seguente ll sdenz di un periodo di tre mesi suessivi ll dt di rievimento di suddett notifi d prte del Segretrio generle. Artiolo 30 Riserve 1 Non è mmess lun riserv lle disposizioni dell presente Convenzione, d eezione delle riserve espressmente previste. 2 Qulsisi Prte he i formulto un riserv può, in ogni momento, ritirrl ompletmente o przilmente on un notifi rivolt l Segretrio generle del Consiglio d Europ. Il ritiro vrà effetto prtire dll dt di rievimento dell suddett notifi d prte del Segretrio generle. Artiolo 31 Aordo mihevole Il Comitto delle Prti seguirà in strett ooperzione on il Comitto Europeo per i Prolemi Criminli (CDPC) e gli ltri pertinenti Comitti intergoverntivi o sientifii 18

19 l ttuzione dell presente Convenzione e filiterà, lddove neessrio, l ordo mihevole in merito tutte le diffioltà legte ll su ttuzione. Artiolo 32 Denuni 1 Qulsisi Prte può, in ogni momento, denunire l presente Convenzione per mezzo di un notifi l Segretrio generle del Consiglio d Europ. 2 Tle denuni vrà effetto il primo giorno del mese seguente ll sdenz di un periodo di tre mesi prtire dll dt di rievimento dell notifi stess d prte del Segretrio generle. Artiolo 33 Notifi Il Segretrio generle del Consiglio d Europ notifiherà lle Prti, gli Stti memri del Consiglio d Europ, gli Stti non memri he ino preso prte ll elorzione dell presente Convenzione o he godno dello sttus di osservtori del Consiglio d Europ, ll Unione Europe e qulsisi ltro Stto he si stto invitto siglre l presente Convenzione osì ome previsto dll Artiolo 28: d e ogni firm; il deposito di qulsivogli strumento di rtifi, ettzione o pprovzione; ogni dt di entrt in vigore dell presente Convenzione ome previsto dll Artiolo 28; ogni emendmento dottto ome previsto dll Artiolo 27 e l dt in ui l emendmento entrerà in vigore; qulsisi riserv effettut i sensi degli Artioli 5, 6, 7, 9 e 10 e qulsisi ritiro di un riserv espresso i sensi dell Artiolo 30; f qulsisi denuni effettut i sensi dell Artiolo 32; g qulsisi ltro tto, notifi o omunizione reltiv ll presente Convenzione. In fede, i sottosritti, pienmente iò utorizzti, hnno firmto l presente Convenzione. Ftt Mos, il 28 Ottore 2011, in inglese e frnese, entrmi i testi sono egulmente utentii, in un uni opi he verrà depositt negli rhivi del Consiglio d Europ. Il Segretrio generle del Consiglio d Europ ne trsmetterà opi onforme ertifit isuno Stto memro del Consiglio d Europ, gli Stti non memri he ino preso prte ll elorzione dell presente Convenzione o godno dello sttus di osservtori del Consiglio d Europ, ll Unione Europe, e qulsisi ltro Stto he si stto invitto siglre l presente Convenzione. 19

Convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia

Convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia Serie dei Trttti Europei - n 125 Convenzione europe per l protezione degli nimli d ompgni Strsurgo, 13 novemre 1987 Trduzione uffiile dell Cnelleri federle dell Svizzer Premolo Gli Stti memri del Consiglio

Dettagli

Convenzione sull'unificazione di taluni elementi del diritto dei brevetti d'invenzione

Convenzione sull'unificazione di taluni elementi del diritto dei brevetti d'invenzione Serie dei Trttti Europei - n 47 Convenzione sull'unificzione di tluni elementi del diritto dei revetti d'invenzione Strsurgo, 27 novemre 1963 Trduzione ufficile dell Cncelleri federle dell Svizzer Gli

Dettagli

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO IN LOCAZIONE A CANONE MODERATO

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO IN LOCAZIONE A CANONE MODERATO DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO IN LOCAZIONE A CANONE MODERATO Il sottosritto rihiedente l ssegnzione dell lloggio: Cognome e nome Codie Fisle Stto di nsit Comune di nsit Dt di nsit Provini di residenz

Dettagli

La parabola. Fuoco. Direttrice y

La parabola. Fuoco. Direttrice y L prol Definizione: si definise prol il luogo geometrio dei punti del pino equidistnti d un punto fisso detto fuoo e d un rett fiss dett direttrie. Un rppresentzione grfi inditiv dell prol nel pino rtesino

Dettagli

Gli Stati membri del Consiglio d Europa, firmatari della presente Convenzione,

Gli Stati membri del Consiglio d Europa, firmatari della presente Convenzione, Serie dei Trttti Europei - n 105 Convenzione europe sul rionosimento e l eseuzione delle deisioni in mteri di ffidmento dei minori e sull ristilimento dell ffidmento dei minori Lussemurgo, 20 mggio 1980

Dettagli

Convenzione del Consiglio d Europa sulla lotta contro la tratta di esseri umani

Convenzione del Consiglio d Europa sulla lotta contro la tratta di esseri umani Serie dei Trttti del Consiglio d'europ - n 197 Convenzione del Consiglio d Europ sull lott ontro l trtt di esseri umni Vrsvi, 16 mggio 2005 Trduzione in itlino ur dell Presidenz del Consiglio dei Ministri

Dettagli

Convenzione europea relativa al risarcimento delle vittime di reati violenti

Convenzione europea relativa al risarcimento delle vittime di reati violenti Serie dei Trttti Europei - n 116 Convenzione europe reltiv l risrcimento delle vittime di reti violenti Strsurgo, 24 novemre 1983 Trduzione ufficile dell Cncelleri federle dell Svizzer Gli Stti memri del

Dettagli

Accordo europeo concernente le persone partecipanti alle procedure davanti alla Corte europea dei Diritti dell Uomo

Accordo europeo concernente le persone partecipanti alle procedure davanti alla Corte europea dei Diritti dell Uomo Serie dei Trttti Europei - n 161 Aordo europeo onernente le persone prteipnti lle proedure dvnti ll Corte europe dei Diritti dell Uomo Strsurgo, 5 mrzo 1996 Trduzione uffiile dell Cnelleri federle dell

Dettagli

L attività bancaria. Unità didattiche che compongono il modulo. L intermediazione creditizia e il mercato dei capitali

L attività bancaria. Unità didattiche che compongono il modulo. L intermediazione creditizia e il mercato dei capitali Modulo L ttività nri I destintri del Modulo sono gli studenti del quinto nno he si pprestno llo studio delle rtteristihe fondmentli dell ttività delle ziende di redito. Al fine di inqudrre il ontesto dell

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 5 DICEMBRE 2014, n.5

REGOLAMENTO REGIONALE 5 DICEMBRE 2014, n.5 5 DICEMBRE 0, n.5 Regolmento di ttuzione di ui l rtiolo 7 dell legge regionle 7 settemre 0, n.6 (Norme in mteri dute dll lto) delle ttività nell mito dell edilizi. Assessorto ll Siurezz nei Cntieri Politihe

Dettagli

Convenzione sul riciclaggio, la ricerca, il sequestro e la confisca dei proventi di reato

Convenzione sul riciclaggio, la ricerca, il sequestro e la confisca dei proventi di reato Serie dei Trttti Europei - n 141 Convenzione sul riilggio, l rier, il sequestro e l onfis dei proventi di reto Strsurgo, 8 novemre 1990 Trduzione uffiile dell Cnelleri federle dell Svizzer Premolo Gli

Dettagli

d.bisogno c. mi ss io ne iso gni Valorizzare la Villa reale 1 Rendere nuovamente la Villa Reale polo di attrazione e di promozione della città

d.bisogno c. mi ss io ne iso gni Valorizzare la Villa reale 1 Rendere nuovamente la Villa Reale polo di attrazione e di promozione della città nome politio deleghe od. ontesto polit i. d.sse finlità C. sse iso gni d.isogno. mi ss io ne d.missioni.p ro gr m m d.progrmm inditori Dirigente ssegntri o Progrmm.Pr d.progetto oget to resp. Progetto

Dettagli

COMBINAZIONI DI CARICO SOLAI

COMBINAZIONI DI CARICO SOLAI COMBINAZIONI DI CARICO SOLAI (ppunti di Mrio Zfonte in fse di elorzione) Ai fini delle verifihe degli stti limite, seondo unto indito dll normtiv, in generle le ondizioni di rio d onsiderre, sono uelle

Dettagli

Analisi dei dati ottenuti dalla raccolta dei Questionari consegnati al Tessuto Imprenditoriale e Commerciale della Città di Magenta

Analisi dei dati ottenuti dalla raccolta dei Questionari consegnati al Tessuto Imprenditoriale e Commerciale della Città di Magenta QUESTIONRIO PINO GENERLE DEL TRFFIO URNO ITTÀ DI MGENT nlisi dei dti ottenuti dll rolt dei Questionri onsegnti l Tessuto Imprenditorile e ommerile dell ittà di Mgent Relizzt d onfommerio Mgent e stno Primo

Dettagli

Lezione. Investimenti Diretti Esteri (FDI) e Imprese Multinazionali

Lezione. Investimenti Diretti Esteri (FDI) e Imprese Multinazionali Lezione Investimenti Diretti Esteri FDI e Imprese Multinzionli 1 Definizioni Dimensione del fenomeno 3 Tipi di IDE 4 Il prdigm OLI 5 Il modello ``knowledge sed speifi ssets 6 Un modello di selt tr esportzione

Dettagli

T16 Protocolli di trasmissione

T16 Protocolli di trasmissione T16 Protoolli di trsmissione T16.1 Cos indi il throughput di un ollegmento TD?.. T16.2 Quli tr le seguenti rtteristihe dei protoolli di tipo COP inidono direttmente sul vlore del throughput? Impossiilità

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA CONCESSIONE DELLA PROTEZIONE GIURIDICA

REGOLAMENTO SULLA CONCESSIONE DELLA PROTEZIONE GIURIDICA REGOLAMENTO SULLA CONCESSIONE DELLA PROTEZIONE GIURIDICA Il Comitto centrle decret il regolmento seguente conformemente ll rt. 57 e ll rt. 9, cpv. 4 lett. i degli sttuti dell ASI del 5 novemre 00 Tutte

Dettagli

COMUNICAZIONE PER VARIAZIONE BIVACCHI FISSI (Legge regionale 18 febbraio 2010, n. 8)

COMUNICAZIONE PER VARIAZIONE BIVACCHI FISSI (Legge regionale 18 febbraio 2010, n. 8) COMUNICAZIONE PER VARIAZIONE BIVACCHI FISSI (Legge regionle 18 febbrio 2010, n. 8) N Prot. VARIAZIONE...del (d compilrsi cur dell ufficio competente) Al Comune di.. Il/L sottoscritto/: Cognome Nome Dt

Dettagli

Lezione 21 Investimenti Diretti Esteri (FDI) e Imprese Multinazionali 1) Definizioni. 5) Il modello ``knowledge based specific assets

Lezione 21 Investimenti Diretti Esteri (FDI) e Imprese Multinazionali 1) Definizioni. 5) Il modello ``knowledge based specific assets Lezione 1 Investimenti Diretti Esteri FDI e Imprese Multinzionli 1 Definizioni Dimensione del fenomeno 3 Tipi di IDE 4 Il prdigm OLI 5 Il modello ``knowledge sed speifi ssets 6 Un modello di selt tr esportzione

Dettagli

All'Inpdap sede di. Prov. CHIEDO LA PENSIONE DI VECCHIAIA DA COMPILARE SE IL RICHIEDENTE OPTA PER LA LIQUIDAZIONE IN FORMA CONTRIBUTIVA

All'Inpdap sede di. Prov. CHIEDO LA PENSIONE DI VECCHIAIA DA COMPILARE SE IL RICHIEDENTE OPTA PER LA LIQUIDAZIONE IN FORMA CONTRIBUTIVA io chiedo l pensione di vecchii P R O T O C O L L O I N P D A P All'Inpdp sede di 0 1 0 1 0 1 0 1 Acquisizione di ftti o stti del richiedente ttrverso l esibizione del suo documento di riconoscimento.

Dettagli

io chiedo la pensione di vecchiaia

io chiedo la pensione di vecchiaia io chiedo l pensione di vecchii PROTOCOLLO INPDAP All'Inpdp sede di 01010101 Acquisizione di ftti o stti del richiedente ttrverso l esibizione del suo documento di riconoscimento. (Art.45 del Testo Unico

Dettagli

Convenzione europea sull adozione dei minori

Convenzione europea sull adozione dei minori Serie dei Trttti Europei - n 58 Convenzione europe sull dozione dei minori Strsurgo, 24 prile 1967 Trduzione ufficile dell Cncelleri federle dell Svizzer Premolo Gli Stti memri del Consiglio d Europ, firmtri

Dettagli

Convenzione sulla protezione delle persone rispetto al trattamento automatizzato di dati a carattere personale

Convenzione sulla protezione delle persone rispetto al trattamento automatizzato di dati a carattere personale Serie ei Trttti Europei - n 108 Convenzione sull protezione elle persone rispetto l trttmento utomtizzto i ti rttere personle Strsurgo, 28 gennio 1981 Truzione uffiile ell Cnelleri feerle ell Svizzer Premolo

Dettagli

Modulo 9. Gli scambi con l estero. Unità didattiche che compongono il modulo. Tempo necessario. Obiettivi specifici di sapere

Modulo 9. Gli scambi con l estero. Unità didattiche che compongono il modulo. Tempo necessario. Obiettivi specifici di sapere 8 Modulo 9 Gli smi on l estero I destintri del modulo sono gli studenti del qurto nno he, dopo ver pprofondito le proprie onosenze rigurdo lle rtteristihe e lle funzioni delle ziende merntili, e in prtiolre

Dettagli

Immobile di via Bagnoli ex scuola elementare di Bagnoli ed area di pertinenza

Immobile di via Bagnoli ex scuola elementare di Bagnoli ed area di pertinenza ino delle Alienzioni e delle Vlorizzzioni Immobiliri Vrinte Art.58 L. 133/2008 Immobile di vi Bgnoli ex suol elementre di Bgnoli ed re di pertinenz Aree in Zon Industrile Relzione r Vigente e Vrinte Uiio

Dettagli

PROVE DI CARICO SU SOLAIO

PROVE DI CARICO SU SOLAIO .5. PROVE DI CARICO SU SOAIO Pg. di PROVE DI CARICO SU SOAIO. Sopo prov intende testre le strutture orizzontli, in termini di resistenz e di rispost elsti, sottoponendole lle mssime solleitzioni possiili

Dettagli

Convenzione europea per la repressione del terrorismo

Convenzione europea per la repressione del terrorismo Convenzione europe per l repressione del terrorismo Strsurgo, 27 gennio 1977 Trduzione ufficile dell Cncelleri federle dell Svizzer Serie dei Trttti Europei - n 90 Gli Stti memri del Consiglio d Europ,

Dettagli

Convenzione europea sulla coproduzione cinematografica

Convenzione europea sulla coproduzione cinematografica Convenzione europe sull oproduzione inemtogrfi Strsurgo, 2 ottore 1992 Trduzione uffiile dell Cnelleri federle dell Svizzer Serie dei Trttti Europei - n 147 Premolo Gli Stti memri del Consiglio d Europ

Dettagli

Convenzione europea sulla televisione transfrontaliera *

Convenzione europea sulla televisione transfrontaliera * Convenzione europe sull televisione trnsfrontlier * Strsurgo, 5 mggio 1989 Trduzione uffiile dell Cnelleri federle dell Svizzer Serie dei Trttti Europei - n 132 Premolo Gli Stti memri del Consiglio d Europ

Dettagli

LISTA DI CONTROLLO PER IL MONITORAGGIO DEGLI STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA E DELLE ANALISI DELLA CLE

LISTA DI CONTROLLO PER IL MONITORAGGIO DEGLI STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA E DELLE ANALISI DELLA CLE Commissione Teni per il supporto e il monitorggio degli studi di Mirozonzione Sismi (rtiolo 5, omm 7 dell OPCM 13 novemre 2010, n. 3907) LISTA DI CONTROLLO PER IL MONITORAGGIO DEGLI STUDI DI MICROZONAZIONE

Dettagli

Barriere all entrata e modello del Prezzo Limite Economia industriale Università Bicocca

Barriere all entrata e modello del Prezzo Limite Economia industriale Università Bicocca Brriere ll entrt e modello del Prezzo imite onomi industrile Università Bio Christin Grvgli - Giugno 006 Brriere ll entrt definizioni Condizioni he permettono lle imprese opernti in un industri di elevre

Dettagli

Lezione 7: Rette e piani nello spazio

Lezione 7: Rette e piani nello spazio Lezione 7: Rette e pini nello spzio In quest lezione i metteremo in un riferimento rtesino ortonormle dello spzio. I primi oggetti geometrii he individuimo sono le rette e i pini. Per qunto rigurd le rette

Dettagli

La statistica nei test Invalsi

La statistica nei test Invalsi L sttisti nei test Invlsi 1) Osserv il grfio seguente he rppresent l distriuzione perentule di fmiglie per numero di omponenti, in se l ensimento 2001.. Qul è l perentule di fmiglie on 2 omponenti? Rispost:..%.

Dettagli

Modulo 3. del mercato dei capitali. e la Borsa valori. Unità didattiche che compongono il modulo. Tempo necessario

Modulo 3. del mercato dei capitali. e la Borsa valori. Unità didattiche che compongono il modulo. Tempo necessario Modulo Il merto dei pitli e l Bors vlori I destintri del modulo sono gli studenti del qurto nno; essi, dopo ver ppreso quli differenti forme giuridihe un impres può ssumere e, on riferimento lle soietà

Dettagli

Accordo europeo sulla circolazione dei giovani con passaporto collettivo fra i Paesi membri del Consiglio d Europa

Accordo europeo sulla circolazione dei giovani con passaporto collettivo fra i Paesi membri del Consiglio d Europa Serie dei Trttti Europei - n 37 Accordo europeo sull circolzione dei giovni con pssporto collettivo fr i Pesi memri del Consiglio d Europ Prigi, 16 dicemre 1961 Trduzione ufficile dell Cncelleri federle

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI CRISI PER LA PERDITA DEL LAVORO - 2015

BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI CRISI PER LA PERDITA DEL LAVORO - 2015 BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI CRISI PER LA PERDITA DEL LAVORO - 2015 Art. 1 - FINALITA E OGGETTO Il presente ndo disciplin le modlità per l'ssegnzione

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

D.A.M.S. Legge sulla privacy D.Lgs 196/2003 e Codice della Privacy in merito alle misure di sicurezza per la protezione dei dati personali

D.A.M.S. Legge sulla privacy D.Lgs 196/2003 e Codice della Privacy in merito alle misure di sicurezza per la protezione dei dati personali D.A.M.S. Legge sull privcy D.Lgs 196/2003 e Codice dell Privcy in merito lle misure di sicurezz per l protezione dei dti personli Il presente documento intende fornire un prim vlutzione sui criteri tecnici

Dettagli

CORSO DI RAGIONERIA A.A. 2013/2014

CORSO DI RAGIONERIA A.A. 2013/2014 CORSO DI RAGIONERIA A.A. 2013/2014 MODULO A LEZIONE N. 10 LE SCRITTURE CONTABILI Il lesing IL CONTRATTO DI LEASING Il lesing è un contrtto tipico (non previsto dl Codice Civile) per mezzo del qule l ziend

Dettagli

-37 t+ -6MA62015 DELIBERAZIONE N. del Atti n. -/-

-37 t+ -6MA62015 DELIBERAZIONE N. del Atti n. -/- VIosPEoALE S^n.(GBr\R,,r,,1,,:r, ;,;;,; rr, r'-'-rr, "r,-^no -37 t+ -6MA62015 DELIBERAZIONE N. del Atti n. -/- KR/p Foglio n. 1 di 4 OGGETTO: decreto 19 mrzo 2015 - ggiornmento dell regol tecnic di prevenzione

Dettagli

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE G. Smmito, A. Bernrdo, Formulrio di mtemti Equzioni lgerihe F. Cimolin, L. Brlett, L. Lussrdi. EQUAZIONI ALGEBRICHE. Prinipi di equivlenz Si die identità un'uguglinz tr due espressioni ontenenti un o più

Dettagli

Come si può attivare il contribuente prima di adire al contenzioso avverso l atto di accertamento?

Come si può attivare il contribuente prima di adire al contenzioso avverso l atto di accertamento? Provini di Chieti Sessione d esme per l nno 2012 per il onseguimento dell ttestto di idoneità professionle ll eserizio dell ttività di onsulenz per l irolzione dei mezzi di trsporto. Quesiti rispost multipl

Dettagli

Convenzione contro il doping

Convenzione contro il doping Serie dei Trttti Europei - n 135 Convenzione ontro il doping Strsurgo, 16 novemre 1989 Trduzione uffiile dell Cnelleri federle dell Svizzer Premolo Gli Stti memri del Consiglio d Europ, gli ltri Stti Prte

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE "VOLTERRA - ELIA" 60100 TORRETTE DI ANCONA (AN)

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE VOLTERRA - ELIA 60100 TORRETTE DI ANCONA (AN) Eserizio finnzirio 2010 Mod. H (rt. 18,. 2) ENTRATE Voe Progrmmzione definitiv ertte risosse rimste d risuotere e = - 01 Avnzo di mministrzione utilizzto 01 Avnzo Non vinolto 02 Avnzo Vinolto 02 Finnzimento

Dettagli

8 Equazioni parametriche di II grado

8 Equazioni parametriche di II grado Equzioni prmetrihe di II grdo Un equzione he oltre ll inognit (o lle inognite) ontiene ltre lettere (un o più) si die letterri o prmetri e le lettere sono himte, nhe, prmetri; si suppong he l equzione

Dettagli

Relazioni e funzioni. Relazioni

Relazioni e funzioni. Relazioni Relzioni e unzioni Relzioni Deinizione: dti due insiemi A e B, si deinise un relzione R tr A e B un orrispondenz stilit d un proposizione tr un elemento A e B, in tl so si die he è in relzione on e si

Dettagli

Transazioni al di fuori della normale gestione. Emissione del Prestito Obbligazionario 02/11/2010. Analisi della trasparenza Giovanni Andrea Toselli

Transazioni al di fuori della normale gestione. Emissione del Prestito Obbligazionario 02/11/2010. Analisi della trasparenza Giovanni Andrea Toselli Università degli studi di Pvi Fcoltà di Economi.. 2010-20112011 Sezione 26 Anlisi dell trsprenz Giovnni Andre Toselli 1 Sezione 26 Trnszioni l di fuori dell normle gestione Operzioni sull struttur finnziri

Dettagli

Verifica del modulo: Il marketing dei prodotti turistici

Verifica del modulo: Il marketing dei prodotti turistici di Alessndro Siviero doente di Eonomi, mrketing e omunizione Strumenti APRILE/MAGGIO 00 Verifi del modulo: Il mrketing dei prodotti turistii Metodi di verifi e l pproio dello studente Nell rtiolo Il mrketing

Dettagli

] + [ ] [ ] def. ] e [ ], si ha subito:

] + [ ] [ ] def. ] e [ ], si ha subito: OPE OPERAZIONI BINARIE Definizione di operzione inri Dto un insieme A non vuoto, si him operzione (inri) su A ogni pplizione di A in A In generle, un'operzione su A viene indit on il simolo Se (x, y) è

Dettagli

Vettori - Definizione

Vettori - Definizione Vettori - Definizione z Verso Origine Modulo Direzione V y Form geometri x Form nliti Un vettore è un ente geometrio definito d: - Direzione: rett sull qule gie il vettore, he ne indi l orientmento nello

Dettagli

Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO

Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO Al termine di ciscun periodo d impost, dopo ver effettuto le scritture di ssestmento e rettific,

Dettagli

www.forzearmate.org PUBBLICHIAMO LA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE

www.forzearmate.org PUBBLICHIAMO LA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE www.forzearmte.org SIDEWEB è un società di servizi nt dll entusismo e dll esperienz pluriennle di coloro che hnno operto per nni nelle orgnizzzioni di tutel individule e collettiv, contribuendo con l propri

Dettagli

Febbraio 2014. PROGETTO: Studio di Architettura e Urbanistica Dott. Arch. Guido Leoni Via Affò, 4 - Parma - tel. 0521.233423

Febbraio 2014. PROGETTO: Studio di Architettura e Urbanistica Dott. Arch. Guido Leoni Via Affò, 4 - Parma - tel. 0521.233423 Comune di Poviglio Provinci di Reggio Emili Relzione illustrtiv dell Delierzione Consilire di pprovzione, dei coefficienti e prmetri di conversione che ssicurno l equivlenz tr le definizioni e le modlità

Dettagli

Carta europea delle lingue regionali o minoritarie

Carta europea delle lingue regionali o minoritarie Serie dei Trttti Europei - n 148 Crt europe delle lingue regionli o minoritrie Strsurgo, 5 novemre 1992 Trduzione uffiile dell Cnelleri federle dell Svizzer Premolo Gli Stti memri del Consiglio d Europ,

Dettagli

- Titolario anno 2015 -

- Titolario anno 2015 - 12/10/2015 Pgin 1 di 19 - Titolrio nno 2015 - Titolo: A Clssi reltive l Titolo A: Desrizione Titolo: AFFARI GENERALI Cod. Clsse: 1 Desrizione Clsse: Fsioli del personle di ruolo e non di ruolo dell mministrzione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI ACQUISIZIONE PAGAMENTI CON CARTA INFORMAZIONI SULL ACQUIRER

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI ACQUISIZIONE PAGAMENTI CON CARTA INFORMAZIONI SULL ACQUIRER FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI ACQUISIZIONE PAGAMENTI CON CARTA INFORMAZIONI SULL ACQUIRER Foglio Informtivo 2_27/06/2013 ICCREA BANCA S.p.A. - Istituto Centrle del Credito Coopertivo Sede legle e mministrtiv:

Dettagli

Protocollo di emendamento della Convenzione europea sulla televisione transfrontaliera

Protocollo di emendamento della Convenzione europea sulla televisione transfrontaliera Serie dei Trttti Europei - n 171 Protocollo di emendmento dell Convenzione europe sull televisione trnsfrontlier Strsburgo, 1 ottobre 1998 Trduzione ufficile dell Cncelleri federle dell Svizzer Gli Stti

Dettagli

COMUNE DI SUELLI. Settore Tecnico SETTORE : Cirina Sergio. Responsabile: 514 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 268 NUMERAZIONE GENERALE N. 10/07/2015.

COMUNE DI SUELLI. Settore Tecnico SETTORE : Cirina Sergio. Responsabile: 514 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 268 NUMERAZIONE GENERALE N. 10/07/2015. COMUNE DI SUELLI SETTORE : Responsbile: Settore Tecnico NUMERAZIONE GENERALE N. 514 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 68 in dt 10/07/015 OGGETTO: CIG: ZD514AB0B - AFFIDAMENTO SERVIZIO DI RIPARAZIONE AUTOVETTURA

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA

CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA COMPETENZE DI CITTADINANZA Agire in modo utonomo e responsile CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA COMPETENZE DI CITTADINANZA E TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE DISCIPLINARI TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLA

Dettagli

Quali documenti di circolazione occorrono per un veicolo che effettua un trasporto eccezionale?

Quali documenti di circolazione occorrono per un veicolo che effettua un trasporto eccezionale? Provini di Chieti Sessione d esme per l nno 2012 per il onseguimento dell ttestto di idoneità professionle ll eserizio dell ttività di onsulenz per l irolzione dei mezzi di trsporto. Quesiti rispost multipl

Dettagli

Statuto del Consiglio d Europa *

Statuto del Consiglio d Europa * Serie dei Trttti Europei n 1 Sttuto del Consiglio d Europ * Londr, 5.V.1949 Trduzione uffiile dell Cnelleri federle dell Svizzer. I Governi del Regno del Belgio, del Regno di Dnimr, dell Repuli Frnese,

Dettagli

(Atti non legislativi) DECISIONI

(Atti non legislativi) DECISIONI 9.4.2013 Gzzett uffiile dell Unione europe L 100/1 II (Atti non legisltivi) DECISIONI DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE del 26 mrzo 2013 he stilise le onlusioni sulle migliori tenihe disponiili

Dettagli

operazioni con vettori

operazioni con vettori omposizione e somposizione + = operzioni on vettori = + = + Se un vettore può essere dto dll omposizione di due o più vettori, questi vettori omponenti possono essere selti lungo direzioni ortogonli fr

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI ACQUISIZIONE PAGAMENTI CON CARTA INFORMAZIONI SULL ACQUIRER

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI ACQUISIZIONE PAGAMENTI CON CARTA INFORMAZIONI SULL ACQUIRER FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI ACQUISIZIONE PAGAMENTI CON CARTA INFORMAZIONI SULL ACQUIRER Foglio Informtivo n. 3_18/12/2013 ICCREA BANCA S.p.A. - Istituto Centrle del Credito Coopertivo Sede legle e mministrtiv:

Dettagli

Robotica industriale. Motori a magneti permanenti. Prof. Paolo Rocco (paolo.rocco@polimi.it)

Robotica industriale. Motori a magneti permanenti. Prof. Paolo Rocco (paolo.rocco@polimi.it) Rooti industrile Motori mgneti permnenti Prof. Polo Roo (polo.roo@polimi.it) Generzione di oppi L legge di Lorentz i die he un ri elettri q in moto on veloità v in un mpo mgnetio di intensità B è soggett

Dettagli

Ordinanza concernente la legge sul credito al consumo

Ordinanza concernente la legge sul credito al consumo Ordinnz concernente l legge sul credito l consumo (OLCC) 221.214.11 del 6 novemre 2002 (Stto 1 mrzo 2006) Il Consiglio federle svizzero, visti gli rticoli 14, 23 cpoverso 3 e 40 cpoverso 3 dell legge federle

Dettagli

Calcolo del costo unitario FASE 1

Calcolo del costo unitario FASE 1 ESERCIZIO Definizione el pino ei entri i osto e eterminzione el osto unitrio i prootto Clolo el osto unitrio FASE 1 Azien i prouzione: proue i eni,,, Il proesso prouttivo prevee 3 fsi o proessi prinipli:

Dettagli

Sondaggio piace l eolico?

Sondaggio piace l eolico? Songgio pie l eolio? Durnte l inugurzione i Stell sono stti istriuiti ei questionri per vlutre l inie i grimento ell eolio prte ell popolzione Sono stti ompilti e quini nlizzti 50 questionri Quest presentzione

Dettagli

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni:

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni: Mod. RED Sede di Domnd n. del Pensione n. ct. nto il stto civile bitnte Prov. CAP vi n. DICHIARA, sotto l propri responsbilità, che per gli nni: A B (brrre l csell reltiv ll propri situzione) NON POSSIEDE

Dettagli

o d M k m J B \< 2 i 0

o d M k m J B \< 2 i 0 Dt P ro i n, j G e g m o o d M k m J B \< 2 i 0 Lo scostm ento tr li preventivo sse st to e 1! consuntivo pri 73,0 min di minori u scite è dovuto : 1. m ggiori uscite per sp e se di funzionm ento reltive

Dettagli

Componenti per l elaborazione binaria dell informazione. Sommario. Sommario. Approfondimento del corso di reti logiche. M. Favalli.

Componenti per l elaborazione binaria dell informazione. Sommario. Sommario. Approfondimento del corso di reti logiche. M. Favalli. Sommrio Componenti per l elorzione inri ell informzione Approfonimento el orso i reti logihe M. Fvlli Engineering Deprtment in Ferrr Porte logihe 2 Il livello swith 3 Aspetti tenologii 4 Reti logihe omintorie

Dettagli

ISTANZA DI AMMISSIONE ALLA GARA D'APPALTO PER SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA NELL' ANNO SCOLASTICO 2015-2016. Il sottoscritto/a.

ISTANZA DI AMMISSIONE ALLA GARA D'APPALTO PER SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA NELL' ANNO SCOLASTICO 2015-2016. Il sottoscritto/a. Al Comune di Cursi Pizz Pio XII, snc 73020 CURSI (LE) ISTANZA DI AMMISSIONE ALLA GARA D'APPALTO PER SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA NELL' ANNO SCOLASTICO 2015-2016. Il sottoscritto/ nto/ il residente

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI ACQUISIZIONE PAGAMENTI CON CARTA INFORMAZIONI SULL ACQUIRER

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI ACQUISIZIONE PAGAMENTI CON CARTA INFORMAZIONI SULL ACQUIRER FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI ACQUISIZIONE PAGAMENTI CON CARTA INFORMAZIONI SULL ACQUIRER Foglio Informtivo n. 4_01/08/2014 ICCREA BANCA S.p.A. - Istituto Centrle del Credito Coopertivo Sede legle e mministrtiv:

Dettagli

LEGENDA DEI FASCICOLI DELL'ARCHIVIO titolario A

LEGENDA DEI FASCICOLI DELL'ARCHIVIO titolario A od.menogrfio VATD08000G odie fisle 94000170129 Vi Ahille Grndi, 4-21047 SARONNO (V) - Tel. 02/960.31.66 - Fx 02/967.01.431 e-mil: itzpp@itzpp.it sito internet: www.itzpp.it Sistem Qulità UNI EN ISO 9001

Dettagli

SICU FORMULARIO PREVENZIONE INCENDI SICUREZZA PROGETTO - MATERIALI DI ALLESTIMENTO IMPIANTO ELETTRICO ALLEGATI PROSPETTO RIEPILOGATIVO

SICU FORMULARIO PREVENZIONE INCENDI SICUREZZA PROGETTO - MATERIALI DI ALLESTIMENTO IMPIANTO ELETTRICO ALLEGATI PROSPETTO RIEPILOGATIVO D restituire 60 giorni prim dell inizio dell evento PREVENZIONE INCENDI REZZA PROGETTO - MATERIALI DI ALLESTIMENTO IMPIANTO ELETTRICO ALLEGATI DATI DA COMPILARE OBBLIGATORIAMENTE A CURA DEL PARTECIPANTE:

Dettagli

- Ufficio Unico PIT2 - Progetto Integrato Territoriale NORD BARESE

- Ufficio Unico PIT2 - Progetto Integrato Territoriale NORD BARESE - Ufficio Unico PIT2 - Progetto Integrto Territorile NORD BARESE Andri Brlett Bisceglie Bitonto Cnos di Pugli Corto Giovinzzo Mrgherit di Svoi Molfett Ruvo di Pugli Sn Ferdinndo di Pugli Terlizzi Trni

Dettagli

All'Inpdap - sede di. Prov. UN PRESTITO PLURIENNALE GARANTITO. Importo richiesto:

All'Inpdap - sede di. Prov. UN PRESTITO PLURIENNALE GARANTITO. Importo richiesto: io chiedo PROTOCOLLO INPDAP All'Inpdp - sede di Io sottoscritto/ Cod. 02020101 Acquisizione di ftti o stti del richiedente ttrverso l esibizione del suo documento di riconoscimento. (Art.45 del Testo Unico

Dettagli

Codice europeo di Sicurezza sociale

Codice europeo di Sicurezza sociale Serie dei Trttti Europei - n 48 Codie europeo di Siurezz soile Strsurgo, 16 prile 1964 Trduzione uffiile dell Cnelleri federle dell Svizzer Premolo Gli Stti memri del Consiglio d Europ, firmtri del presente

Dettagli

UDA N 2 Scienze e Tecnologie Applicate: Indirizzo INFORMATICA

UDA N 2 Scienze e Tecnologie Applicate: Indirizzo INFORMATICA Sch ed di pro gettzion e d elle Un ità d i App rend imento nu mero 1 UDA N 1 Scienze e Tecnologie Applicte: Indirizzo INFORMATICA UdA N 1 Disciplin Riferimento Titolo The incredibile mchine! informtic

Dettagli

4.5 Il Parco dello Sport del Lambro e il PLIS della Media Valle del Lambro

4.5 Il Parco dello Sport del Lambro e il PLIS della Media Valle del Lambro PGT Pino di Governo del Territorio 212 4.5 Il Pro dello Sport del Lmbro e il PLIS dell Medi Vlle del Lmbro Tngenile Est Nuovo pro Cresengo pro Vill Fini Nviglio dell Mrtesn pro Prdisi Lmbro pro dell Mrtesn

Dettagli

CENTRO DI RESPONSABILITA' "A"

CENTRO DI RESPONSABILITA' A PREENTIO FINANZIARIO GESTIONALE PLURIENNALE ES. 2015 2016 2017 CONSORZIO DI BONIFICA 4 CALTANISSETTA Residui ttivi presunti ll fine dell'nno in dell'nno in per l'nno 2015 Previsioni di css per l'nno 2015

Dettagli

Ricostruzione della cresta in zona 1.1. e 2.1 con lembo palatino a scorrimento coronale e posizionamento di due impianti Prima di Keystone Dental

Ricostruzione della cresta in zona 1.1. e 2.1 con lembo palatino a scorrimento coronale e posizionamento di due impianti Prima di Keystone Dental CASO CLINICO Riostruzione dell rest in zon 1.1. e 2.1 on lemo pltino sorrimento oronle e posizionmento di due impinti Prim di Keystone Dentl Andre Grssi, Odontoitr e liero professionist in Reggio Emili

Dettagli

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE.

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE. FCA D UN CCUTO SSTO CONTNNT PÙ GNATO CON UN TMNAL COMUN SNZA TMNAL COMUN. Si verifino quttro iruiti on due genertori: genertori on polrità onorde e un terminle omune genertori on polrità disorde e un terminle

Dettagli

Sintesi del Programma Operativo F. S. E. 2007-2013

Sintesi del Programma Operativo F. S. E. 2007-2013 Sintesi del Progrmm Opertivo F. S. E. 2007-2013 REGIONE BASILICATA Diprtimento Formzione, Lvoro, Cultur, Sport p_fuccell Sintesi del Progrmm Opertivo Bsilict F. S. E. 2007-2013 INDICE 1. L strtegi generle

Dettagli

APPROCCI EMPIRICI E RAZIONALI ALLA SINTESI DI NUOVE STRUTTURE ZEOLITICHE

APPROCCI EMPIRICI E RAZIONALI ALLA SINTESI DI NUOVE STRUTTURE ZEOLITICHE APPROCCI EMPIRICI E RAZIONALI ALLA SINTESI DI NUOVE STRUTTURE ZEOLITICHE Roberto Millini Diprtimento di Chimi-Fisi, EniTenologie S.p.A. Vi F. Mritno 26, I-20097 Sn Donto Milnese (MI) e-mil: rmillini@enitenologie.eni.it

Dettagli

Anticipata via fax il Settimo Torinese, 21/01/2009

Anticipata via fax il Settimo Torinese, 21/01/2009 VI RESCI - SETTIMO TORINESE VERLI E RPPORTI DI VISITE SUI CNTIERI DEL COORDINTORE PER L'ESECUZIONE nticipt vi fx il Settimo Torinese, 1/2009 Spett.le Impres RDE COSTRUZIONI S.r.l. Vi Pive 108 10014 Cluso

Dettagli

RIChIestA di BORsA di studio UNIVeRsItà O IstItUtI equipollenti

RIChIestA di BORsA di studio UNIVeRsItà O IstItUtI equipollenti prot. Istituto di Previdenz e Assistenz RIChIestA di BORsA di studio UNIVeRsItà O IstItUtI equipollenti SpzIo RISeRVTo ll Ip Cndidto punteggio esito Il sottoscritto (iscritto ll Ip) residente in vi /pizz

Dettagli

Temi speciali di bilancio

Temi speciali di bilancio Università degli Studi di Prm Temi specili di bilncio Le imposte (3) Il consolidto fiscle nzionle RIFERIMENTI Normtiv Artt. 117 129 del TUIR Art. 96 del TUIR Prssi contbile Documento OIC n. 25 Documento

Dettagli

Protocollo di intesa tra :

Protocollo di intesa tra : Protocollo di intes tr : o Comune di Correggio Servizio Socile Integrto AUSL di Reggio Emili Distretfo di Correggio Movimento per l Vit (ssocizione di Volontrito) Crits Croce Ross per lo sviluppo di un

Dettagli

RIEPILOGO per TIPOLOGIA SPESA Esercizio finanziario 2014

RIEPILOGO per TIPOLOGIA SPESA Esercizio finanziario 2014 Ministero dell'istruzione, dell'università e dell Rier Eserizio finnzirio 2014 Pgin n. 1 Desrizione Progrm mzione definitiv impegnte 01 Personle 138.826,94 41.707,73 41.707,73 0,00 97.119,21 0,00 0,00

Dettagli

Convenzione sul riconoscimento delle qualifiche relative all insegnamento superiore nella regione europea

Convenzione sul riconoscimento delle qualifiche relative all insegnamento superiore nella regione europea Serie dei Trttti Europei - n 165 Convenzione sul riconoscimento delle qulifiche reltive ll insegnmento superiore nell regione europe Lison, 11 prile 1997 Trduzione ufficile dell Cncelleri federle dell

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE Cm er dei D eputti 81 Sen to dell R epubblic XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE PAGINA BIANCA Cm er dei D eputti - 83 - S en to dell R epubblic

Dettagli

Indice. Modulo 4 Il credito e i calcoli finanziari. Sul libro Ripassiamo insieme... 2. Materiali digitali

Indice. Modulo 4 Il credito e i calcoli finanziari. Sul libro Ripassiamo insieme... 2. Materiali digitali Indie Sul liro Ripssimo insieme... 2 Mterili digitli Unità 1 Modulo 4 Il redito e i loli finnziri Il finnzimento dell ttività eonomi... 10 1 L funzione finnz e il fisogno finnzirio... 11 2 Le operzioni

Dettagli

L accertamento di un entrata corrente di natura patrimoniale

L accertamento di un entrata corrente di natura patrimoniale ........ Rilevzioni contbili: vecchi e nuov contbilità confronto. L ccertmento di un entrt corrente di ntur ptrimonile curdimurobellesi Dirigente Comune di Vicenz - Publicist... Premess Il cso L rubric

Dettagli

ALLEGATO A) Disciplinare del Fondo per la Progettazione degli Interventi Strategici

ALLEGATO A) Disciplinare del Fondo per la Progettazione degli Interventi Strategici ALLEGATO A) Disciplinre del Fondo per l Progettzione degli Interventi Strtegici 1. Finlità del fondo Al fine di rzionlizzre e ccelerre l spes per investimenti pubblici, con prticolre rigurdo ll relizzzione

Dettagli

Istruzioni per l'uso originali

Istruzioni per l'uso originali Istruzioni per l'uso originli SLS 78 M/P-1730 Fotoellule rrier di siurezz Disegno quotto it 03-2010/11 602042 0 150m 24 V DC 300 Hz Alloggimento rousto di metllo on lente in vetro, grdo di protezione IP

Dettagli

Corso di Laurea in Chimica Regolamento Didattico

Corso di Laurea in Chimica Regolamento Didattico Corso di Lure in Chimic Regolmento Didttico Art.. Il Corso di Lure in Chimic h come finlità l formzione di lureti con competenze nei diversi settori dell chimic per qunto rigurd si gli spetti teorici che

Dettagli

p a g i n e c o o p e r a t i v e

p a g i n e c o o p e r a t i v e p g i n e o o p e r t i v e supplemento 2 0 0 7 Pgine Coopertive: mensile di proprietà dell Leg delle Coopertive del Friuli Venezi Giuli - 33100 Udine Vi D. Cernzi, 8 - supplemento l n. 1-2 - gennio-febbrio

Dettagli

Da quali punti della casa passano i rumori. Materiali e tecniche per ridurre l inquinamento acustico

Da quali punti della casa passano i rumori. Materiali e tecniche per ridurre l inquinamento acustico I rumori in s vi dnno fstidio? È possiile porvi rimedio L inquinmento ustio è un prolem he tlor oinvolge le nostre itzioni. Vedimo ome eliminrlo qundo il rumore non pss ttrverso infissi insuffiienti, m

Dettagli

DICHIARO: Di voler riscuotere il prestito: in contanti presso l Istituto di Credito che effettua il servizio di Cassa per conto dell INPDAP

DICHIARO: Di voler riscuotere il prestito: in contanti presso l Istituto di Credito che effettua il servizio di Cassa per conto dell INPDAP io chiedo PROTOCOLLO INPDAP All'Inpdp - sede di Cod. 02010101 Io sottoscritto/ Acquisizione di ftti o stti del richiedente ttrverso l esibizione del suo documento di riconoscimento. (Art.45 del Testo Unico

Dettagli