CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO"

Transcript

1 CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO 5 Premettiamo una Definizione: si chiama atto i moto i un sistema materiale in un ato istante t, l insieme elle velocità i tutti i punti el sistema all istante t. E errato parlare i velocità i un sistema, perchè in generale i punti non hanno la stessa velocità. Bisogna parlare i velocità. Il moto i un sistema i punti materiali si ice rigio se le istanze fra essi sono costanti nel tempo, ovvero P 1 P 2 =cost P 1,P 2 S (1) Tuttelevoltecheleimensionielcorposonotrascurabilirispettoalcampoincui avviene il moto, si può parlare i punto materiale. Corpo Rigio: corpo soggetto solo a moti rigii. Schematizza, entro certi limiti, il comportamento i molti solii naturali. Punto Soliale: i punti fissati attorno al corpo seguono il corpo rigio nel suo movimento. Osservazione: anche un corpo eformabile può muoversi rigiamente. Problema: come iniviuare la posizione i un C.R. nello spazio? Stuiamo prima il caso piano (2) ³ I versori i, j sono soliali con il corpo rigio e sono efiniti a piacere. Ruotano X i θ verso x, si ottiene la sovrapposizione egli ³ assi che iniviua l orientazione ella terna soliale. La posizione ella coppia i, j rispetto alla coppia i versori ³ I, J si iniviua nel seguente moo: ½ i = α 11 I + α 12 J j = α 21 I + α 22 J, (3) con le conizioni i ortogonalità ½ i i = j j =1 i j =0 = α α 2 12 =1 α α 2 22 =1 α 11 α 21 + α 12 α 22 =0, (4)

2 6 ove i coefficienti α ij (t) sono 4 funzioni el tempo legate alle 3 conizioni preceenti. Esiste un parametro inipenente. Dal isegno possiamo ricavare che i = α 11I + α121j =cosθ {z} I +sinθ {z} J α 11 α 12 j = α 21I + α22j = sin {z θ } I +cosθ. (5) {z} J α 21 α 22 Descriviamo ora le coorinate el punto P tramite la coppia (x, y) elacoppia (X, Y ). P (x, y) escrive la posizione el punto P in un sistema i coorinate soliale con il C.R., per cui P (x, y) è rappresentato a elle costanti. Scriviamo la posizione i P rispetto all origine O P O =(P A)+(A O) =x i + y j + X A I + Y A J. (6) Introuceno la ipenenza al tempo t, possiamo scrivere (P O)(t) =x i (t)+y j (t)+x A (t) I + Y A (t) J. (7) La coppia (x, y) è costante, mentre i (t) e j (t) sono noti se è noto θ (t). La posizione el C.R. nel piano è nota se sono noti (X A,Y A,θ). Nello spazio esistono gli angoli i Eulero (θ, φ, ψ). Si ricavano con un proceimento analogo a quello el piano, ma con un grao i complessità superiore. Moti Rigii Particolari Moto Traslatorio Def. Si ice che un C.R. si muove i moto traslatorio se P 1,P 2 C.R. = P 2 P 1 è un vettore costante nel tempo in moulo, irezione e verso. 1. Il moto è traslatorio se i versori ella terna sono costanti. Infatti P 2 P 1 =[(P 2 A)+(A O)] [(P 1 A)+(A O)] = (P 2 A) (P 1 A) x 2 i + y 2 j + z 2 ³ x 1 i + y 1 j + z 1 = cost. (8) 2. Il moto è traslatorio se i punti el sistema hanno la stessa velocità (variabile istante per istante, in generale), enominata velocità el moto traslatorio v. Dim. Il moto è traslatorio = P 1,P 2 C.R P 2 P 1 = cost. Ma anche (P 2 O) (P 1 O) =cost. Derivano rispetto al tempo t si ottiene v P2 v P1 =0 = v P2 = v P1. (9) Viceversa, se v è costante, allora tutti i punti si muovono i moto rettilineo uniforme.

3 Moto Rotatorio Def. Un moto rigio si ice rotatorio se rimangono fissi nel moto i punti i una retta (asse i rotazione) In realtà, basta che siano fissi ue punti appartenenti alla retta. Detti P punto fuori all asse e Q piee ella perpenicolare, tutti i punti escrivono in un intervallo t archi i circonferenza con angoli al centro θ. Si efinisce la velocità angolare el moto rotatorio il vettore ω = θ. 7 La velocità i P si calcola con v P = ω (P Q) = ω [(P O)+(O Q)] = ω (P O)+ ω (O Q) (10) con O punto qualunque ell asse z. Ma ω (O Q) = ω (P Q) = ω (P O). Vogliamo ora calcolare la velocità i un punto P soliale con il C.R. che si muove rispetto a un sistema i riferimento con origine O. v P = t (P O) = t [(P O)+(A O)] = v A + (P A). (11) t P A =x i + y j + z con (x, y, x) costanti. Quini v P = v A + t ³ x i + y j + z = v A + x t i + y t j + z t. (12) Ricoriamo che i = α 11 (t) I+α 12 (t) J+α 13 (t) K, j = α 21 (t) I+... α ij (t)sono funzioni egli angoli i Eulero. Vogliamo calcolare i, j,. Ricaviamo le seguenti t t t ientità alle regole el prootto scalare per i versori i, j e i i =1 = i i =0 t j j =1 = j j =0 (13) t =1 = =0 t e i j =0 = i j = i j t t j =0 = j = j t t i =0 = i = i t t (14)

4 8 Teorema i Poisson Sia C un corpo rigio in moto, i, j e siano i versori i una terna ortonormale estra soliale con il corpo. Esiste e è unico un vettore ω, inipenente alla terna scelta tale che le erivate ei versori i, j e rispetto al tempo t siano espresse a: i = ω i t j = ω j t = ω t tale vettore viene etto velocità angolare., (15) Dim. La imostrazione si basa su tre punti: 1) esistenza, 2) unicità e 3)inipenenza alla terna prescelta. 1. Dimostriamo che esiste un vettore ω tale che µ µ µ ω = t j i + t i j + t i j. (16) Verifichiamo tale formula calcolano ω i, ω j e ω. µ µ µ ω i = t j i + t i j + t i j i µ h µ t h µ i j ii + t i j ii h µ = t i h i + t i j ji. (17) Utilizzano le tabelle 13 e 14, scambiamo i fattori tra loro, per cui µ h i t i µ h µ µ + t i j ji = t i + t i j µ µ µ = t i i i + t i j j + t i j = t i. (18) Si noti che nell ultimo passaggio abbiamo inserito un coefficiente nullo t i i =0. (19) Questa aggiunta ci ha permesso i poter ricostruire il vettore i.analogamente l esistenza si imostra per gli altri ue t versori. 2. ³ Unicità. Dimostrazione per assuro. Supponiamo che per la terna assegnata A; i, j, esista un secono vettore ω 0 6= ω tale che valgano le equazioni i Poisson. Questo vuol ire che i = ω 0 i = ω i = t ω 0 ω i =0 = ω 0 ω i j = ω 0 j = ω j = t ω 0 ω j =0 = ω 0 ω j = ω 0 = ω = t ω 0 ω =0 = ω 0 ω (20) Poichè il vettore ω 0 ω risulta essere parallelo a tutti e tre i versori = ω 0 ω = 0, infatti il vettore nullo è l unico che può essere contemporaneamente parallelo a tutti e tre i versori..

5 9 3. Inipenenza alla terna soliale prescelta. Premettiamo un Lemma Lemma Sia P un punto soliale al C.R., allora v P = v A + ω (P A). (21) Dim.el Lemma Consieriamo P A =x i + y j + z con (x, y, x) costanti P A =(P O)+(O A) =x i + y j + z (22) e erivo rispetto al tempo t v P v A = x t i + y t j + z t ³ ³ ³ = x ω i + y ω j + z ω ³ ³ ³ = ω x i + ω y j + ω z ³ = ω x i + y j + z = ω (P A). C.V.D. (23) L equazione 21 può essere messa nella forma (P A) = ω (P A). (24) t Scegliamo una secona terna con origine in A i versori i 0, j 0 e 0 echiamiamo ω 0 il vettore che verifica le formule i Poisson t i 0 = ω 0 i 0 t j 0 = ω 0 j 0 t 0 = ω 0 0. (25) Consiero P soliale al C.R. tale che P A = i 0 ; grazie al Lemma t (P A) = ω (P A) = ³ 0 ³ 0 i = ω i, (26) t ma poichè valgono le Eq.(25) t i 0 = ω 0 i 0. (27) Quini ω 0 i 0 = ω i 0 = ω 0 i 0 ³ ω 0 i = ω ω 0 i 0 = 0. (28) Aesso sia P il punto sull asse y 0 che ista 1 a A tale che P A = j 0.Dal Lemma abbiamo che t (P A) = ω (P A) = ³ 0 ³ 0 j = ω j, (29) t ma poichè valgono le Eq.(25) t j 0 = ω 0 j 0. (30)

6 10 Quini ω 0 j 0 = ω j 0 = ω 0 j 0 ³ ω 0 j = ω ω 0 j 0 = 0. (31) Ancora una volta possiamo ire ½ ω 0 ω i 0 =0 = ω 0 ω j 0 =0 = ω 0 ω i 0 ω 0 ω j 0 (32) = ω 0 ω = 0 e ω 0 = ω. Osservazione Cambiano punto a A a B, ω non cambia. Il vettore velocità angolare non ipene all origine ella terna soliale ω 0 = ω. (33) ω A = ω B Preneno infatti in B assi paralleli ai corrisponenti assi in A, l espressione i ω legata ai versori egli assi che sono gli stessi per le ue terne è la stessa. Stuiamo le conseguenze el teorema i Poisson nel caso piano. Riconsieriamo la fig.2. In questo esempio = K (versori al piano) e t = 0. (34) Richiamiamo l Eq.(5) ½ i =cosθ I +sinθ J j = sin θi +cosθj. (35) Calcoliamo le erivate rispetto al tempo t ½ i = sin θ θ I +cosθ θ J t j = cos θ θ I sin θ θ (36) J t e µ ω = t ³ i j = sin 2 θ θ +cos 2 θ θ = θ. (37) Conseguenza (el Lemma) el Teorema i Poisson è che esiste uno e un solo vettore ω tale che v P = v A + ω (P A). (38) Se cambiamo punto soliale sostituteno A con B, otteniamo v P = v B + ω (P B). (39) Questa legge lega la velocità i ue punti qualsiasi soliali al C.R. Se consieriamo il caso particolare ω = 0 v P = v A P, A C.R. (40) Si ice che l atto i moto ètraslatorio. Invece, se esiste un punto A soliale con il C.R. con velocità nulla v P = ω (P A), (41) si ice che l atto i moto è rotatorio.

7 Invarianti Cinematici Se un corpo ha in ogni istante un atto i moto rototraslatorio, il suo moto è rigio. Dim. Siano P e Q C.R. qualsiasi. Calcoliamo P Q 2 t = t [(P Q) (P Q)] = t [(P Q)] (P Q)+(P Q) (P Q) t =2 [(P Q)] (P Q). (42) t Ma P Q =(P O) (Q O) con O punto fisso e la preceente formula iventa =2( v P v Q ) (P Q) =2[ ω (P Q)] (P Q) = 0 (43) equini P Q = costante. 1. Sia ω 6= 0 e consieriamo v P = v Q + ω (P Q), (44) moltiplichiamo scalarmente per ω v P ω =[ v Q + ω (P Q)] ω = v Q ω +[ ω (P Q)] ω {z } =0 = v P ω = v Q ω P, Q C.R. (45) La quantità I = v P ω (46) si chiama invariante scalare cinematico 11 secono il vettore ω hanno uguale componente 2. Punti che stanno su una stessa retta parallela a ω hanno uguale velocità. Infatti sia r ω esia u il versore i ω, allora v P = v Q + ω (P Q) =α u α R

8 12 = ω (α u) =0 perchè paralleli = v P = v Q. (47) 3. Sono uguali le componenti elle velocità i ue punti qualsiasi el C.R. secono la retta che li congiunge. Se la velocità fosse iversa i 2 punti varierebbero la loro istanza. Quini il moto non sarebbe più rigio. Infatti a moltiplichiamo scalarmente per u v P = v Q + ω (P Q), v P u = v Q u +[ ω (P Q)] u = v Q u, (48) ove abbiamo usato il parallelismo tra (P Q) e u. Seinuncertoistante esiste un punto Q soliale al C.R. con velocità nulla, allora si può riurre l atto i moto rototraslatorio a atto i moto rotatorio attorno a Q. P C.R. v P = /v Q + ω (P Q). (49) Se esiste Q tale che v Q =0allora esiste una retta i punti soliali al C.R. con velocità nulla. Problema Come facciamo a riconoscere l atto i moto rotatorio? v Q =0.PresoA soliale prefissato, Cerchiamo Q tale che 0= v Q = v A + ω (Q A) = ω (Q A) = v A. (50) L equazione vettoriale è stata già stuiata e le sue soluzioni sono: a) Se v A =0 = Q = A. b) Se v A 6=0, C.N.S. per l esistenza è che ω v A =0. Questo vuol ire che l invariante cinematico eve annullarsi. La soluzione generale ell equazione vettoriale è: Q A = ω v A ω 2 + λ ω. (51)

9 La soluzione è formata a tutti i punti che stanno su una retta parallela a ω 13 Se l invariante cinematico I 6= 0, non esiste alcun punto soliale al C.R. con velocità nulla. Tuttavia esiste la retta Q A efinita nella preceente equazione, la quale ha la particolarità i avere i punti che hanno velocità parallela a ω. Dim. Dall equazione v Q = v A + ω (Q A); v Q ω v Q ω =0 v Q ω = v A ω +[ ω (Q A)] ω = v A ω + ω 2 (Q A) [(Q A) ω] ω µ µ ω = v A ω + ω 2 va ω va + λ ω + λ ω ω ω ω 2 ω 2 = v A ω + ω v A + λω 2 ω λω 2 ω = v A ω + ω v A =0. (52) IpuntiQ r hanno velocità parallela a ω. Sono i punti el C.R. che hanno la minore velocità. I 6= 0 v P ω = v Q v Q 6=0 v P = v Q + ω (P Q) ω (P Q) v Q v P 2 = v Q 2 + ω (P Q) 2 (53) Osservazione Se ω 6= 0e I =0, tutti i punti hanno velocità perpenicolare a ω. In questo caso, l asse el Mozzi, che in generale è costituito a punti con velocità parallela a ω, saràcostituitoapuntiavelocitànulla,ovvero:sei =0e ω 6= 0 = l atto i moto è rotatorio (Asse el Mozzi Asse i Istantanea Rotazione).

10 14 Viceversa, se l atto i moto è rotatorio = I =0. Infatti, esisterà un punto C tale che v C =0 = I = v P ω = v C ω =0. (54) Inoltre, l asse istantanea rotazione (passante per C e parallelo a ω) coinciecon l asse el Mozzi. Quini per veere se l atto i moto con ω 6= 0è riucibile a un atto i moto rotatorio, basta veere se I =0. Cosa succee nel piano. Sia ω 6= 0, ω nel caso piano è normale al piano el moto ( ω π). Consieriamo l invariante cinematico I = v P ω. Poichè il moto è piano, v P è un vettore parallelo al piano (piano irettore) = I = v P ω =0( v P ω). Dalla preceente imostrazione, possiamo ire che esiste un punto C π con v C =0. C è etto centro istantanea rotazione. Se ω 6= 0un moto rigio piano è in ogni istante rotatorio ½ vp = ω (P C) v P = ω P C e v P P C (55) Teorema i Chasles Dato un moto rigio piano, sia ω 6= 0. Note le irezioni ella velocità i ue punti soliali al C.R., P e Q, in un istante il centro istantanea rotazione si trova sulle rette perpenicolari a tali irezioni nei punti O è il centro istantanea rotazione Esempio: Asta rigia Consieriamo l asta i lunghezza l nel piano (x, y). Calcoliamo la velocità v A e preniamo come versore uscente. Allora ω = θ (il vettore ω è entrante nel piano) e v A = ω (A C) = θ ( l sin θ) J = θl sin θ I (56)

11 15 oppure x A = l cos θ A O =l cos θ I ¾ = v A = l θ sin θ I. (57) Accelerazioni ei punti i un C.R. Siano P e A ue punti soliali con il C.R. Scriviamo la formula ella velocità per i ue punti v P = v A + ω (P A) (58) e eriviamo rispetto al tempo t a P = a A + ω (P A)+ ω ( v P v A ) = a A + ω (P A)+ ω [ ω (P A)]. (59) Cinematica Relativa (Teorema i Galilei o legge i composizione elle velocità) Velocità Sia O un osservatore fisso, O 0 un osservatore mobile e P in moto relativo rispetto a entrambi gli osservatori. Costruiamo il vettore posizione P O =(P O 0 )+(O 0 O) =x (t) i + y (t) j + z (t) +(O 0 O). (60) Derivo rispetto al tempo t ambo i membri v {z} P = ẋ i + ẏ j + ż + x t i + y t j + z t + v O 0. assoluta La quantità v P,rel = ẋ i + ẏ j + ż (61) rappresenta la velocità relativa el punto rispetto all osservatore mobile. Segue che ³ ³ ³ v {z} P = v P,rel + x ω i + y ω j + z ω + v O 0 assoluta ³ ³ ³ = v P,rel + ω x i + ω y j + ω z ³ + v O 0 = v P,rel + ω x i + y j + z + v O 0 = v P,rel +[ ω (P O 0 )+ v O 0]. (62) ω rappresenta la velocità angolare ella terna mobile rispetto a quella fissa. Il termine tra parentesi quare rappresenta la velocità i trascinamento i P,cioèla velocità i P come se fosse soliale con la terna mobile. In sisntesi scriviamo v {z} P = v P,rel + v P,trasc = v P,rel + v S. (63) assoluta

12 16 Accelerazione i Coriolis Dall Eq.(63), eriviamo rispetto al tempo t per ricavare le accelerazioni a {z} P = t v P,rel + t v S, (64) assoluta ma v P,rel = ẋ i + ẏ j + ż, quini t v P,rel =ẍ i +ÿ j + z + ẋ t i + ẏ t j + ż t. (65) Il termine a P,rel =ẍ i +ÿ j + z rappresenta l accelerazione relativa e l Eq.(65) si può scrivere t v P,rel = a P,rel + ẋ t i + ẏ t j + ż t ³ ³ ³ = a P,rel +ẋ ω i +ẏ ω j +ż ω ³ ³ ³ = a P,rel + ω ẋ i + ω ẏ j + ω ż ³ = a P,rel + ω ẋ i + ẏ j + ż = a P,rel + ω v P,rel. (66) Calcoliamo la erivata rispetto al tempo t ella velocità i trascinamento t v S = t [ ω (P O0 )+ v O 0] a O 0 + ω (P O 0 )+ ω t [P O0 ] = a O 0 + ω (P O 0 )+ ω h x (t) i + y (t) j + z (t) t i = a O 0 + ω h (P O 0 )+ ω ẋ i + ẏ j + ż ³ ³ ³ + x ω i + y ω j + z ω i = a O 0 + ω h³ ³ ³ (P O 0 )+ ω v P,rel + ω ω x i + ω y j + ω z i = a O 0 + ω h³ ³ ³ (P O 0 )+ ω v P,rel + ω ω x i + ω y j + ω z i = a O 0 + ω h ³ (P O 0 )+ ω v P,rel + ω ω x i + y j + z i = a O 0 + ω (P O 0 )+ ω v P,rel + ω [ ω (P O 0 )]. (67) Il termine a S = a O 0 + ω (P O 0 )+ ω [ ω (P O 0 )], (68) viene chiamato accelerazione i trascinamento e corrispone all acelerazione el punto P come se questo fosse rigiamente collegato alla terna mobile. Quini t v S = a S + ω v P,rel (69) e, in totale a {z} P = a P,rel + ω v P,rel + a S + ω v P,rel = a P,rel + a S +2 ω v P,rel. (70) assoluta Il termine a C =2 ω v P,rel (71) si chiama accelerazione i Coriolis

13 17 Legge i composizione elle velocità angolari Denotiamo con ω ass, la velocità angolare vista all osservatore fisso ω rel, la velocità angolare vista all osservatore mobile Ω, la velocità angolare ella terna mobile rispetto a quella fissa Segue che presi ue punti P e Q C.R., l osservatore fisso vee l osservatore mobile vee. (72) v P,ass. = v Q,ass. + ω ass (P Q), (73) v P,rel. = v Q,rel. + ω rel (P Q). (74) Sottraeno membro a membro le ue uguaglianze si ottiene: v P,ass. v P,rel. = v Q,ass. v Q,rel. + ω ass (P Q)+ ω rel (P Q) v P,ass. v P,rel. = v Q,ass. v Q,rel. + ω ass (P Q)+ ω rel (P Q). (75) Dall Eq.(63) si ricava v P,rel. + v P,S v P,rel. = v Q,rel. + v Q,S v Q,rel. +( ω ass ω rel ) (P Q) = v P,S = v Q,S +( ω ass ω rel ) (P Q). (76) La velocità i trascinamento può essere trasformata teneno conto el vettore Ω. Questo ci conuce a ½ vp,s = v A,ass. + Ω (P A) v Q,S = v A,ass. + Ω (Q A), (77) ove A è l origine ella terna mobile. Sostitueno nell Eq.(76), si ottiene v A,ass. + Ω (P A) = v A,ass. + Ω (Q A)+( ω ass ω rel ) (P Q). (78) Raccoglieno Ω a primo membro, possiamo scrivere Ω (P Q) =( ω ass ω rel ) (P Q). P, Q soliali col C.R. (79) Portano tutto a primo membro si ottiene ³ Ω ωass + ω rel (P Q) =0 = Ω ωass + ω rel P Q P, Q = Ω ωass + ω rel = 0 = ω ass = Ω + ω rel. (80) ω ass è la somma ella velocità angolare vista all osservatore mobile e alla velocità angolare i trascinamento ella terna mobile. La relazione nell Eq.(80) trauce la legge i composizione elle velocità angolari.

Moti e sistemi rigidi

Moti e sistemi rigidi Moti e sistemi rigidi Dispense per il corso di Meccanica Razionale 1 di Stefano Siboni 1. Moto rigido di un sistema di punti Sia dato un sistema S di N 2 punti materiali P i, i = 1,..., N. Per configurazione

Dettagli

ondulatorio della luce; tuttavia l'ottica geometrica eç un punto di partenza

ondulatorio della luce; tuttavia l'ottica geometrica eç un punto di partenza O2. Introuzione all'ottica geometrica Premessa Lo stuio egli strumenti astronomici non puoç prescinere al comportamento onulatorio ella luce; tuttavia l'ottica geometrica eç un punto i partenza necessario,

Dettagli

Dinamica del corpo rigido: Appunti.

Dinamica del corpo rigido: Appunti. Dinamica del corpo rigido: Appunti. I corpi rigidi sono sistemi di punti materiali, discreti o continui, che hanno come proprietà peculiare quella di conservare la loro forma, oltre che il loro volume,

Dettagli

r i =. 100 In generale faremo riferimento al tasso unitario.

r i =. 100 In generale faremo riferimento al tasso unitario. . Operazioni finanziarie Si efinisce operazione finanziaria (O.F.) ogni operazione relativa a impegni monetari e si efinisce operazione finanziaria elementare uno scambio, tra ue iniviui, i capitali iversi.

Dettagli

H ds = 2πRH = Ni H = Ni 2πR. N(k m 1) M = 0.05A

H ds = 2πRH = Ni H = Ni 2πR. N(k m 1) M = 0.05A Esercizio Un anello toroiale i piccola sezione avente raggio meio R = 0cm è fatto i ferro con permeabilità magnetica relativa = 5000. Una bobina con N = 000 spire è avvolta sulla superficie ell anello.

Dettagli

L'equazione di continuità

L'equazione di continuità L'equazione i continuità Una prima imostrazione. Consieriamo il volume occupato a una istribuzione i cariche ρ (t, x). È possibile esprimere la proprietà i conservazione ella carica nel seguente moo t

Dettagli

Le molle. M. Guagliano

Le molle. M. Guagliano Le molle M. Guagliano Introuzione Le molle sono organi meccanici che hanno la proprietà i eformarsi molto sotto carico, ma rimaneno nel campo elastico el materiale i cui sono costituite, ovvero non accumulano

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

GIROSCOPIO. Scopo dell esperienza: Teoria fisica. Verificare la relazione: ω p = bmg/iω

GIROSCOPIO. Scopo dell esperienza: Teoria fisica. Verificare la relazione: ω p = bmg/iω GIROSCOPIO Scopo dell esperienza: Verificare la relazione: ω p = bmg/iω dove ω p è la velocità angolare di precessione, ω è la velocità angolare di rotazione, I il momento principale d inerzia assiale,

Dettagli

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ES. 1 - Due treni partono da due stazioni distanti 20 km dirigendosi uno verso l altro rispettivamente alla velocità costante di v! = 50,00 km/h e v 2 = 100,00 km

Dettagli

Andrea Pagano, Laura Tedeschini Lalli

Andrea Pagano, Laura Tedeschini Lalli 3.5 Il toro 3.5.1 Modelli di toro Modelli di carta Esempio 3.5.1 Toro 1 Il modello di toro finito che ciascuno può costruire è ottenuto incollando a due a due i lati opposti di un foglio rettangolare.

Dettagli

2. Giovedì 5/03/2015, 11 13. ore: 2(4) Spazi vettoriali euclidei. Vettori nello spazio fisico: Prodotto scalare e prodotto

2. Giovedì 5/03/2015, 11 13. ore: 2(4) Spazi vettoriali euclidei. Vettori nello spazio fisico: Prodotto scalare e prodotto Registro delle lezioni di MECCANICA 1 Corso di Laurea in Matematica 8 CFU - A.A. 2014/2015 docente: Francesco Demontis ultimo aggiornamento: 21 maggio 2015 1. Lunedì 2/03/2015, 11 13. ore: 2(2) Presentazione

Dettagli

Ricordiamo ora che a è legata ad x (derivata seconda) ed otteniamo

Ricordiamo ora che a è legata ad x (derivata seconda) ed otteniamo Moto armonico semplice Consideriamo il sistema presentato in figura in cui un corpo di massa m si muove lungo l asse delle x sotto l azione della molla ideale di costante elastica k ed in assenza di forze

Dettagli

Studio di una funzione razionale fratta (autore Carlo Elce)

Studio di una funzione razionale fratta (autore Carlo Elce) Stuio i funzioni Carlo Elce 1 Stuio i una funzione razionale fratta (autore Carlo Elce) Per rappresentare graficamente una funzione reale i una variabile reale bisogna seguire i seguenti passi: Passo 1)

Dettagli

Teorema di Sostituzione

Teorema di Sostituzione Teorema i Sostituzione Le Fiure (a) e (b) i seuito riportate, si riferiscono al Teorema i sostituzione che afferma: Una impeenza Z a percorsa a una corrente, può essere sostituita un eneratore i tensione

Dettagli

5. LE RAPPRESENTAZIONI CARTOGRAFICHE vers 100609

5. LE RAPPRESENTAZIONI CARTOGRAFICHE vers 100609 5. LE RAPPRESENTAZIONI CARTOGRAFICHE vers 100609 sostituscono le pagg. 50-58 (fino alle eq. 5.28) Come già visto è stato scelto l'ellissoide come riferimento planimetrico sul quale proiettare tutti i punti

Dettagli

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili I risultati principali della teoria dell ottimizzazione, il Teorema di Fermat in due variabili e il Test dell hessiana, si applicano esclusivamente

Dettagli

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo Momento di una forza Nella figura 1 è illustrato come forze uguali e contrarie possono non produrre equilibrio, bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo esteso.

Dettagli

Lezione del 28-11-2006. Teoria dei vettori ordinari

Lezione del 28-11-2006. Teoria dei vettori ordinari Lezione del 8--006 Teoria dei vettori ordinari. Esercizio Sia B = {i, j, k} una base ortonormale fissata. ) Determinare le coordinate dei vettori v V 3 complanari a v =,, 0) e v =, 0, ), aventi lunghezza

Dettagli

F 2 F 1. r R F A. fig.1. fig.2

F 2 F 1. r R F A. fig.1. fig.2 N.1 Un cilindro di raggio R = 10 cm e massa M = 5 kg è posto su un piano orizzontale scabro (fig.1). In corrispondenza del centro del cilindro è scavata una sottilissima fenditura in modo tale da ridurre

Dettagli

COME SI RISOLVE UN PROBLEMA DI DINAMICA ROTAZIONALE (punto materiale ovvero corpo puntiforme )

COME SI RISOLVE UN PROBLEMA DI DINAMICA ROTAZIONALE (punto materiale ovvero corpo puntiforme ) COME SI RISOLVE UN PROBLEMA DI DINAMICA ROTAZIONALE (punto materiale ovvero corpo puntiforme ) 1. Caso dell'osservatore inerziale: l'analisi del problema procede in modo analogo a quanto fatto per la dinamica

Dettagli

Massimi e minimi vincolati

Massimi e minimi vincolati Massimi e minimi vincolati In problemi di massimo e minimo vincolato viene richiesto di ricercare massimi e minimi di una funzione non definita su tutto R n, ma su un suo sottoinsieme proprio. Esempio:

Dettagli

STRATEGIA DI CAMPIONAMENTO E VALUTAZIONE DEGLI ERRORI CAMPIONARI 1

STRATEGIA DI CAMPIONAMENTO E VALUTAZIONE DEGLI ERRORI CAMPIONARI 1 INDAGINE MULTISCOPO SULLA SICUREZZA DELLE DONNE STRATEGIA DI CAMPIONAMENTO E VALUTAZIONE DEGLI ERRORI CAMPIONARI - INTRODUZIONE La popolazione i interesse ell inagine è costituita alle onne i età compresa

Dettagli

Esempi di funzione. Scheda Tre

Esempi di funzione. Scheda Tre Scheda Tre Funzioni Consideriamo una legge f che associa ad un elemento di un insieme X al più un elemento di un insieme Y; diciamo che f è una funzione, X è l insieme di partenza e X l insieme di arrivo.

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

09 - Funzioni reali di due variabili reali

09 - Funzioni reali di due variabili reali Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 09 - Funzioni reali di due variabili reali Anno Accademico 2013/2014

Dettagli

1. calcolare l accelerazione del sistema e stabilire se la ruota sale o scende [6 punti];

1. calcolare l accelerazione del sistema e stabilire se la ruota sale o scende [6 punti]; 1 Esercizio Una ruota di raggio R = 15 cm e di massa M = 8 Kg può rotolare senza strisciare lungo un piano inclinato di un angolo θ 2 = 30 0, ed è collegato tramite un filo inestensibile ad un blocco di

Dettagli

Soluzioni Esercitazione VIII. p(t)dt = R

Soluzioni Esercitazione VIII. p(t)dt = R S. a Si ha Soluioni Esercitaione VIII PT > + ptt ptt perché pt per t u + perché

Dettagli

2.1 Definizione di applicazione lineare. Siano V e W due spazi vettoriali su R. Un applicazione

2.1 Definizione di applicazione lineare. Siano V e W due spazi vettoriali su R. Un applicazione Capitolo 2 MATRICI Fra tutte le applicazioni su uno spazio vettoriale interessa esaminare quelle che mantengono la struttura di spazio vettoriale e che, per questo, vengono dette lineari La loro importanza

Dettagli

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE. Esercizi x + z = Esercizio. Data la curva x, calcolare l equazione del cilindro avente γ y = 0 come direttrice e con generatrici parallele al vettore v = (, 0, ).

Dettagli

Determinazione della quota sul livello del mare del monte Etna

Determinazione della quota sul livello del mare del monte Etna Deterinazione ella quota sul livello el are el onte Etna a.s. 998/999 classe 5 oorinatore: Prof.. Epainona Preessa Per ottenere una isura i tutto rispetto, ci siao avvalsi ella consulenza e ella collaborazione

Dettagli

IL SISTEMA DEI PREZZI DI LEON WALRAS

IL SISTEMA DEI PREZZI DI LEON WALRAS IL SISTEMA DEI PREZZI DI LEON WALRAS E L EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Sommario: 1. Introuzione 2. Il sistema ei prezzi i Walras e l equilibrio economico generale 3. Le contraizioni implicite nel sistema

Dettagli

L EQUILIBRIO UNIVERSALE dalla meccanica celeste alla fisica nucleare

L EQUILIBRIO UNIVERSALE dalla meccanica celeste alla fisica nucleare L EQUILIBRIO UNIVERSALE dalla meccanica celeste alla fisica nucleare Cap.4 giroscopio, magnetismo e forza di Lorentz teoria del giroscopio Abbiamo finora preso in considerazione le condizionidi equilibrio

Dettagli

ed é dato, per P (t) una qualsiasi parametrizzazione di cui sopra, da

ed é dato, per P (t) una qualsiasi parametrizzazione di cui sopra, da 1 Integrali su una curva regolare Sia C R N una curva regolare, ossia: (1) C é l immagine di una funzione P (t) definita in un intervallo [a, b] (qui preso chiuso e limitato), tipicamente chiuso e limitato,

Dettagli

ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI. (Visione 3D)

ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI. (Visione 3D) ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI () Una immagine (digitale) permette di percepire solo una rappresentazione 2D del mondo La visione 3D si pone lo scopo di percepire il mondo per come è in 3 dimensioni

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Fisica Generale 1 per Ing. Gestionale e Chimica (Prof. F. Forti) A.A. 2011/12 Appello del 29/01/2013.

Fisica Generale 1 per Ing. Gestionale e Chimica (Prof. F. Forti) A.A. 2011/12 Appello del 29/01/2013. Fisica Generale per Ing. Gestionale e Chimica (Prof. F. Forti) A.A. 20/2 Appello del 29/0/203. Tempo a disposizione: 2h30. Scrivere solamente su fogli forniti Modalità di risposta: spiegare sempre il procedimento

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

Energia potenziale L. P. Maggio 2007. 1. Campo di forze

Energia potenziale L. P. Maggio 2007. 1. Campo di forze Energia potenziale L. P. Maggio 2007 1. Campo di forze Consideriamo un punto materiale di massa m che si muove in una certa regione dello spazio. Si dice che esso è soggetto a un campo di forze, se ad

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO. Esercizio.

LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO. Esercizio. LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO Esercizio Esercizio Esercizio Dati esercizio: I 1 =5,0 Kg m 2 I 2 =10 Kg m 2 ω i =10giri/sec

Dettagli

Coordinate Cartesiane nel Piano

Coordinate Cartesiane nel Piano Coordinate Cartesiane nel Piano O = (0,0) origine degli assi ascissa, y ordinata sistemi monometrici: stessa unità di misura sui due assi, y sistemi dimetrici: unità di misura diverse sui due assi (spesso

Dettagli

Navigazione di Veicoli Autonomi

Navigazione di Veicoli Autonomi Luca Baglivo Navigazione i Veicoli Autonomi Pianificazione e Controllo i Traiettoria Appunti per il corso i Robotica Spaziale per Ingegneria Aerospaziale PREFAZIONE Lo scopo ella presente ispensa è quello

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

Funzioni. Il concetto di funzione nasce da quello di corrispondenza fra grandezze. Tale corrispondenza può essere data in svariati modi:

Funzioni. Il concetto di funzione nasce da quello di corrispondenza fra grandezze. Tale corrispondenza può essere data in svariati modi: Funzioni Il concetto di funzione nasce da quello di corrispondenza fra grandezze. Tale corrispondenza può essere data in svariati modi: da un rilevamento empirico da una formula (legge) ESEMPI: 1. la temperatura

Dettagli

Forze come grandezze vettoriali

Forze come grandezze vettoriali Forze come grandezze vettoriali L. Paolucci 23 novembre 2010 Sommario Esercizi e problemi risolti. Per la classe prima. Anno Scolastico 2010/11 Parte 1 / versione 2 Si ricordi che la risultante di due

Dettagli

CdS in Ingegneria Energetica, Università di Bologna Programma dettagliato del corso di Fisica Generale T-A prof. S. Pellegrini

CdS in Ingegneria Energetica, Università di Bologna Programma dettagliato del corso di Fisica Generale T-A prof. S. Pellegrini CdS in Ingegneria Energetica, Università di Bologna Programma dettagliato del corso di Fisica Generale T-A prof. S. Pellegrini Introduzione. Il metodo scientifico. Principi e leggi della Fisica. I modelli

Dettagli

Capitolo 6. Curve nel piano. 6.1 Curve Piane ed Equazioni Parametriche. Introduzione:VariTipidiCurve.

Capitolo 6. Curve nel piano. 6.1 Curve Piane ed Equazioni Parametriche. Introduzione:VariTipidiCurve. Capitolo 6 Curve nel piano 6.1 Curve Piane ed Equazioni Parametriche. Introduzione:VariTipidiCurve. Le curve nel piano xy si presentano con una tipologia molto variegata. Ecco quattro esempi base: 1 0.5

Dettagli

FUNZIONE REALE DI UNA VARIABILE

FUNZIONE REALE DI UNA VARIABILE FUNZIONE REALE DI UNA VARIABILE Funzione: legge che ad ogni elemento di un insieme D (Dominio) tale che D R, fa corrispondere un elemento y R ( R = Codominio ). f : D R : f () = y ; La funzione f(): A

Dettagli

Prova parziale di Geometria e Topologia I - 5 mag 2008 (U1-03, 13:30 16:30) 1/8. Cognome:... Nome:... Matricola:...

Prova parziale di Geometria e Topologia I - 5 mag 2008 (U1-03, 13:30 16:30) 1/8. Cognome:... Nome:... Matricola:... Prova parziale di Geometria e Topologia I - 5 mag 2008 (U1-03, 13:30 16:30) 1/8 Cognome:................ Nome:................ Matricola:................ (Dare una dimostrazione esauriente di tutte le

Dettagli

27/05/2013. essendo μ 0 la permeabilità magnetica nel vuoto:

27/05/2013. essendo μ 0 la permeabilità magnetica nel vuoto: 7/05/013 L unità i carica magnetica nel S.I. è il Weber (Wb). L espressione qualitativa elle interazioni magnetiche è ata alla legge i Coulomb per il magnetismo: F K 0 1 1 4 0 1 esseno μ 0 la permeabilità

Dettagli

4. Proiezioni del piano e dello spazio

4. Proiezioni del piano e dello spazio 4. Proiezioni del piano e dello spazio La visualizzazione di oggetti tridimensionali richiede di ottenere una vista piana dell'oggetto. Questo avviene mediante una sequenza di operazioni. Innanzitutto,

Dettagli

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO. Parte 1

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO. Parte 1 TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Parte 1 La geometria è la scienza che studia la forma e l estensione dei corpi e le trasformazioni che questi possono subire. In generale per trasformazione geometrica

Dettagli

Test di autovalutazione Corso di Laurea in Tossicologia dell ambiente e degli alimenti

Test di autovalutazione Corso di Laurea in Tossicologia dell ambiente e degli alimenti Test di autovalutazione Corso di Laurea in Tossicologia dell ambiente e degli alimenti Quesito 1 Un punto materiale di massa 5 kg si muove di moto circolare uniforme con velocità tangenziale 1 m/s. Quanto

Dettagli

4 Dispense di Matematica per il biennio dell Istituto I.S.I.S. Gaetano Filangieri di Frattamaggiore EQUAZIONI FRATTE E SISTEMI DI EQUAZIONI

4 Dispense di Matematica per il biennio dell Istituto I.S.I.S. Gaetano Filangieri di Frattamaggiore EQUAZIONI FRATTE E SISTEMI DI EQUAZIONI 119 4 Dispense di Matematica per il biennio dell Istituto I.S.I.S. Gaetano Filangieri di Frattamaggiore EQUAZIONI FRATTE E SISTEMI DI EQUAZIONI Indice degli Argomenti: TEMA N. 1 : INSIEMI NUMERICI E CALCOLO

Dettagli

I ESERCITAZIONE. Soluzione

I ESERCITAZIONE. Soluzione I ESERCITAZIONE 1. Moto rettilineo uniforme Un bagnino B è sulla spiaggia a distanza d B = 50 m dalla riva e deve soccorrere un bagnante H che è in acqua a d H = 100 m dalla riva. La distanza tra il punto

Dettagli

EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esercizi svolti. y = xy. y(2) = 1.

EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esercizi svolti. y = xy. y(2) = 1. EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esercizi svolti 1. Determinare la soluzione dell equazione differenziale (x 2 + 1)y + y 2 =. y + x tan y = 2. Risolvere il problema di Cauchy y() = 1 2 π. 3. Risolvere il problema

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

Momenti elettrici e magnetici dei nuclei

Momenti elettrici e magnetici dei nuclei Capitolo 1 Momenti elettrici e magnetici dei nuclei 1.1 Momenti magnetici La misura del momento magnetico di una particella, o di un insieme di particelle, dà informazioni sullo spin del sistema in osservazione.

Dettagli

Basi di matematica per il corso di micro

Basi di matematica per il corso di micro Basi di matematica per il corso di micro Microeconomia (anno accademico 2006-2007) Lezione del 21 Marzo 2007 Marianna Belloc 1 Le funzioni 1.1 Definizione Una funzione è una regola che descrive una relazione

Dettagli

- Onde corpuscolari (di materia) che descrivano il comportamento ondulatorio delle particelle.

- Onde corpuscolari (di materia) che descrivano il comportamento ondulatorio delle particelle. Richiami di onde Durante il corso di fisica avete visto che le onde possono dividersi in - Onde meccaniche (come quelle del mare, le onde sismiche, le onde sonore) caratterizzate dalla necessità di un

Dettagli

IL CALCOLO VETTORIALE (SUPPLEMENTO AL LIBRO)

IL CALCOLO VETTORIALE (SUPPLEMENTO AL LIBRO) IL CALCOLO VETTORIALE SUPPLEMENTO AL LIBRO CLAUDIO BONANNO Contents. Campi di vettori e operatori 2. Il lavoro di un campo di vettori 5 2.. Lavoro e campi conservativi 6 2.2. Lavoro e campi irrotazionali:

Dettagli

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie Forze, leggi della dinamica, diagramma del corpo libero 1 FORZE Grandezza fisica definibile come l' agente in grado di modificare lo stato di quiete o di moto di un corpo. Ci troviamo di fronte ad una

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Moto circolare uniforme

Moto circolare uniforme Moto circolare uniforme 01 - Moto circolare uniforme. Il moto di un corpo che avviene su una traiettoria circolare (una circonferenza) con velocità (in modulo, intensità) costante si dice moto circolare

Dettagli

Metodi Numerici per Equazioni Ellittiche

Metodi Numerici per Equazioni Ellittiche Metodi Numerici per Equazioni Ellittiche Vediamo ora di descrivere una tecnica per la risoluzione numerica della più semplice equazione ellittica lineare, l Equazione di Laplace: u xx + u yy = 0, (x, y)

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Anche nel caso che ci si muova e si regga una valigia il lavoro compiuto è nullo: la forza è verticale e lo spostamento orizzontale quindi F s =0 J.

Anche nel caso che ci si muova e si regga una valigia il lavoro compiuto è nullo: la forza è verticale e lo spostamento orizzontale quindi F s =0 J. Lavoro Un concetto molto importante è quello di lavoro (di una forza) La definizione di tale quantità scalare è L= F dl (unità di misura joule J) Il concetto di lavoro richiede che ci sia uno spostamento,

Dettagli

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola Analisi 2 Argomenti Successioni di funzioni Definizione Convergenza puntuale Proprietà della convergenza puntuale Convergenza uniforme Continuità e limitatezza Teorema della continuità del limite Teorema

Dettagli

LEZIONE 23. Esempio 23.1.3. Si consideri la matrice (si veda l Esempio 22.2.5) A = 1 2 2 3 3 0

LEZIONE 23. Esempio 23.1.3. Si consideri la matrice (si veda l Esempio 22.2.5) A = 1 2 2 3 3 0 LEZIONE 23 231 Diagonalizzazione di matrici Abbiamo visto nella precedente lezione che, in generale, non è immediato che, data una matrice A k n,n con k = R, C, esista sempre una base costituita da suoi

Dettagli

Documentazione esterna al software matematico sviluppato con MatLab

Documentazione esterna al software matematico sviluppato con MatLab Documentazione esterna al software matematico sviluppato con MatLab Algoritmi Metodo di Gauss-Seidel con sovrarilassamento Metodo delle Secanti Metodo di Newton Studente Amelio Francesco 556/00699 Anno

Dettagli

EQUAZIONI DIFFERENZIALI. 1. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x 2 log t (d) x = e t x log x (e) y = y2 5y+6

EQUAZIONI DIFFERENZIALI. 1. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x 2 log t (d) x = e t x log x (e) y = y2 5y+6 EQUAZIONI DIFFERENZIALI.. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x log t (d) x = e t x log x (e) y = y 5y+6 (f) y = ty +t t +y (g) y = y (h) xy = y (i) y y y = 0 (j) x = x (k)

Dettagli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti.

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Def. Si dice equazione differenziale lineare del secondo ordine

Dettagli

Grandezze scalari e vettoriali

Grandezze scalari e vettoriali Grandezze scalari e vettoriali Esempio vettore spostamento: Esistono due tipi di grandezze fisiche. a) Grandezze scalari specificate da un valore numerico (positivo negativo o nullo) e (nel caso di grandezze

Dettagli

Geometria analitica di base (prima parte)

Geometria analitica di base (prima parte) SAPERE Al termine di questo capitolo, avrai appreso: come fissare un sistema di riferimento cartesiano ortogonale il significato di equazione di una retta il significato di coefficiente angolare di una

Dettagli

Corso di Analisi Numerica

Corso di Analisi Numerica Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Analisi Numerica 8 - METODI ITERATIVI PER I SISTEMI LINEARI Lucio Demeio Dipartimento di Scienze Matematiche 1 Norme e distanze 2 3 4 Norme e distanze

Dettagli

GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI

GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI Capitolo3:Layout 1 17-10-2012 15:33 Pagina 73 CAPITOLO 3 GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI OBIETTIVI Conoscere le grandezze fisiche necessarie alla trattazione dei circuiti elettrici Comprendere la necessità

Dettagli

FUNZIONI ELEMENTARI - ESERCIZI SVOLTI

FUNZIONI ELEMENTARI - ESERCIZI SVOLTI FUNZIONI ELEMENTARI - ESERCIZI SVOLTI 1) Determinare il dominio delle seguenti funzioni di variabile reale: (a) f(x) = x 4 (c) f(x) = 4 x x + (b) f(x) = log( x + x) (d) f(x) = 1 4 x 5 x + 6 ) Data la funzione

Dettagli

Esponenziali e logaritmi

Esponenziali e logaritmi Capitolo 9 Esponenziali e logaritmi... Capitolo 0 Funzioni circolari 0. Descrizione di fenomeni periodici Tra le funzioni elementari ne esistono due atte a descrivere fenomeni che si ripetono periodicamente

Dettagli

Esercitazioni di Meccanica Razionale

Esercitazioni di Meccanica Razionale Esercitazioni di Meccanica Razionale a.a. 2002/2003 Composizione di stati cinetici Maria Grazia Naso naso@ing.unibs.it Dipartimento di Matematica Università degli Studi di Brescia Esercitazioni di Meccanica

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15 Materia: FISICA 1) INTRODUZIONE ALLA SCIENZA E AL METODO SCIENTIFICO La Scienza moderna. Galileo ed il metodo sperimentale. Grandezze

Dettagli

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 8. Rimini, 7 ottobre 2014. Il mercato dei titoli

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 8. Rimini, 7 ottobre 2014. Il mercato dei titoli Macroeconomia Laura Vici laura.vici@unibo.it www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 8 Rimini, 7 ottobre 2014 Macroeconomia 158 Il mercato ei titoli Sul mercato ei titoli si etermina il prezzo ei titoli

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003 Sessione straordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003 Sessione straordinaria ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 3 Sessione straordinaria Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA È assegnata

Dettagli

Curve in R n. Curve parametrizzate.

Curve in R n. Curve parametrizzate. Curve in R n Generalmente ci sono ue moi per escrivere una curva in R n, ovvero è possibile scrivere un equazione parametrica o un equazione cartesiana. Esempio: una retta in R 2 può essere escritta in

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

LEZIONE 31. B i : R n R. R m,n, x = (x 1,..., x n ). Allora sappiamo che è definita. j=1. a i,j x j.

LEZIONE 31. B i : R n R. R m,n, x = (x 1,..., x n ). Allora sappiamo che è definita. j=1. a i,j x j. LEZIONE 31 31.1. Domini di funzioni di più variabili. Sia ora U R n e consideriamo una funzione f: U R m. Una tale funzione associa a x = (x 1,..., x n ) U un elemento f(x 1,..., x n ) R m : tale elemento

Dettagli

2 R = mgr + 1 2 mv2 0 = E f

2 R = mgr + 1 2 mv2 0 = E f Esercizio 1 Un corpo puntiforme di massa m scivola lungo la pista liscia di raggio R partendo da fermo da un altezza h rispetto al fondo della pista come rappresentato in figura. Calcolare: a) Il valore

Dettagli

Premesse alla statistica

Premesse alla statistica Premesse alla statistica Versione 22.10.08 Premesse alla statistica 1 Insiemi e successioni I dati di origine sperimentale si presentano spesso non come singoli valori, ma come insiemi di valori. Richiamiamo

Dettagli

x 2 + y2 4 = 1 x = cos(t), y = 2 sin(t), t [0, 2π] Al crescere di t l ellisse viene percorsa in senso antiorario.

x 2 + y2 4 = 1 x = cos(t), y = 2 sin(t), t [0, 2π] Al crescere di t l ellisse viene percorsa in senso antiorario. Le soluzioni del foglio 2. Esercizio Calcolare il lavoro compiuto dal campo vettoriale F = (y + 3x, 2y x) per far compiere ad una particella un giro dell ellisse 4x 2 + y 2 = 4 in senso orario... Soluzione.

Dettagli

QUESITO 1 A FISICA. Il candidato illustri il primo principio della termodinamica. Consideri poi la seguente

QUESITO 1 A FISICA. Il candidato illustri il primo principio della termodinamica. Consideri poi la seguente QUESITO 1 A Il candidato illustri il primo principio della termodinamica. Consideri poi la seguente circostanza: nel cilindro di un motore avviene una rapida espansione di un gas contro il pistone. Il

Dettagli

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA Esercizio 1 Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Un volano è costituito da un cilindro rigido omogeneo,

Dettagli

Modellazione cinematica e pianificazione del movimento per semplici Robot planari e per il Robot planare FARM dell ENEA di Frascati

Modellazione cinematica e pianificazione del movimento per semplici Robot planari e per il Robot planare FARM dell ENEA di Frascati Prova finale di laurea in Ingegneria Informatica, indirizzo Automazione Modellazione cinematica e pianificazione del movimento per semplici Robot planari e per il Robot planare FARM dell ENEA di Frascati

Dettagli

MOMENTI DI INERZIA. m i. i=1

MOMENTI DI INERZIA. m i. i=1 MOMENTI DI INEZIA Massa Ad ogni punto materiale si associa uno scalare positivo m che rappresenta la quantità di materia di cui è costituito il punto. m, la massa, è costante nel tempo. Dato un sistema

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Analisi dei sistemi dinamici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1 Analisi dei

Dettagli

Forze elastiche e Molla elicoidale versione 1.02 preliminare

Forze elastiche e Molla elicoidale versione 1.02 preliminare Forze elastiche e Molla elicoidale versione 1.02 preliminare MDV April 18, 2015 1 Elasticità L elasticità è la proprietà dei corpi soldi di tornare nella loro forma originale dopo avere subito una deformazione

Dettagli

3. Quale affermazione è falsa?

3. Quale affermazione è falsa? 1. Quale affermazione è falsa? Se la funzione f) è continua e monotona crescente su R e se f) = 1 e f4) =, allora ha un unico zero nell intervallo, 4) f) non si annulla mai in R f ) > nell intervallo,

Dettagli

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26 Indice L attività di recupero 6 Funzioni Teoria in sintesi 0 Obiettivo Ricerca del dominio e del codominio di funzioni note Obiettivo Ricerca del dominio di funzioni algebriche; scrittura del dominio Obiettivo

Dettagli

FISICA. MECCANICA: La Cinematica unidimensionale. Autore: prof. Pappalardo Vincenzo docente di Matematica e Fisica

FISICA. MECCANICA: La Cinematica unidimensionale. Autore: prof. Pappalardo Vincenzo docente di Matematica e Fisica FISICA MECCANICA: La Cinematica unidimensionale Autore: prof. Pappalardo Vincenzo docente di Matematica e Fisica LA MECCANICA La Meccanica è quella parte della fisica che studia il movimento e si compone

Dettagli

CAPITOLO 16 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI

CAPITOLO 16 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI CAPITOLO 16 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI Abbiamo studiato successioni e serie numeriche, ora vogliamo studiare successioni e serie di funzioni. Dato un insieme A R, chiamiamo successione di funzioni

Dettagli

Complementi di Analisi per Informatica *** Capitolo 2. Numeri Complessi. e Circuiti Elettrici. a Corrente Alternata. Sergio Benenti 7 settembre 2013

Complementi di Analisi per Informatica *** Capitolo 2. Numeri Complessi. e Circuiti Elettrici. a Corrente Alternata. Sergio Benenti 7 settembre 2013 Complementi di Analisi per nformatica *** Capitolo 2 Numeri Complessi e Circuiti Elettrici a Corrente Alternata Sergio Benenti 7 settembre 2013? ndice 2 Circuiti elettrici a corrente alternata 1 21 Circuito

Dettagli