POLITECNICO DI MILANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "POLITECNICO DI MILANO"

Transcript

1 POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria dei Sistemi Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale L Offshoring dell R&D e delle attività innovative Un Analisi Empirica Relatore: Professoressa Lucia Piscitello Correlatore: Dottor Stefano Elia Tesi di Laurea di Luigi Santoro Matricola Anno Accademico

2 SOMMARIO EXECUTIVE SUMMARY - ITALIANO... 1 EXCUTIVE SUMMARY - INGLESE... 5 CAPITOLO 1 L OFFSHORING: DEFINIZIONE, SVILUPPO E APPROCI TEORICI Introduzione: la globalizzazione dei mercati e l internazionalizzazione delle imprese Definizioni e parole chiave Sviluppo dell offshoring e dell outsourcing: dalle origini alla recente configurazione L impatto sulle scelte localizzative I driver Driver di costo Driver di competitività Driver di accesso alle risorse I Rischi Operational Risk Rischio Paese e del service provider Rischi esterni Approcci teorici 33 II

3 CAPITOLO 2 OFFSHORING DELL R&D E DELLE ATTIVITA INNOVATIVE: L EVOLUZIONE E LE TEORIE A SUPPORTO Introduzione: outsourcing e offshoring dell innovazione I primi sviluppi dell outsourcing e dell offshoring dell innovazione Sviluppo dell R&D e delle attività innovative: il paradigma dell open innovation e la formazione dei network di collaborazione Costi dell esternalizzazione e della delocalizzazione e i meccanismi di coordinamento L innovazione e le piccole-medie imprese Le teorie a supporto 58 CAPITOLO 3 OFFSHORING DELL R&D E DELLE ATTIVITA INNOVATIVE: I DRIVER, I RISCHI E LE SCELTE LOCALIZZATIVE I driver dell offshoring dell innovazione I fattori push e pull dell offshoring dell innovazione I rischi dell offshoring delle attività innovative Le scelte localizzative Le Performance Definizione degli obiettivi di ricerca 94 III

4 CAPITOLO 4 DESCRIZIONE DEL DATABASE ORN E DELLE METODOLOGIE DI ANALISI Definizione delle metodologie di analisi I dati l Offhoring Research Network (ORN) Il network internazionale L edizione La Survey (edizione 2009) Descrizione dei dati Classificazione rispetto allo stato di attuazione del progetto Classificazione rispetto al Paese di origine Classificazione rispetto al Paese di destinazione Classificazione rispetto alla dimensione dell impresa Classificazione rispetto al settore di appartenenza Classificazione rispetto al modello di governance adottato Classificazione rispetto al tipo di attività delocalizzata 124 CAPITOLO 5 ANALISI DELLE ATTIVITA INNOVATIVE Analisi descrittiva dei progetti di ofsshoring dell innovazione Ripartizione del campione Paesi di destinazione dell offshoring 129 IV

5 5.1.3 Dimensione Dimensione paese di destinazione Classificazione rispetto al modello di governance Settore di appartenenza Analisi dei driver, dei rischi, dei fattori localizzati e delle performance Analisi dei driver Relazione tra i Driver e il Tipo di Attività Relazione tra i Driver, il Tipo Di Attivita e il Paese Di Destinazione del progetto Relazione tra la dimensione aziendale e i driver dei progetti di offshoring dell innovazione Analisi dei rischi Relazione tra il tipo di attività delocalizzata e i rischi percepiti Relazione tra la dimensione dell impresa e i rischi percepiti nell offshoring dell innovazione Analisi delle performance Relazione tra le performance e il tipo di attività Relazione tra le performance e il paese di destinazione dei progetti di offshoring dell innovazione I fattori localizzativi Relazione tra i fattori localizzativi e l attività delocalizzata Relazione tra i fattori localizzativi e il paese di destinazione per i progetti di offshoring dell innovazione 196 V

6 CAPITOLO 6 CONCLUSIONI E RICERCHE FUTURE Risultati ottenuti Ricerche Future 201 Bibliografia 202 Appendice A - Survey ORN Appendice B Classificazione eurostat-oecd dell intensita tecnologica dei settori industriali Appendice C Tabelle con i dati relativi al Branch Descrizione dei dati 229 VI

7 Sommario delle Figure Figura 1. 1: classificazione dei progetti di esternalizzazione e delocalizzazione (Fonte: Robinson e Kalakota, 2004) Figura 1. 2: Evoluzione dell'offshoring, il passaggio dalla riduzione del costo del lavoro alla ricerca dei talenti (Fonte: Mc Kinsey, 2003) Figura 1. 3: Classificazione dei servizi secondo le dimensioni di conoscenza richiesta dal processo e del livello di contatto con il cliente (Youngdahl et al., 2008) Figura 1. 4: Evoluzione dell'importanza conferita ai driver tra il 2004 e il 2006 (Fonte: Lewin e Couto, 2006) Figura 2. 1: Classificazione dell'offshoring dell'r&d (Fonte: Moitra, 2008). 42 Figura 2. 2: Classificazione delle sussidiarie di R&D in base al collegamento con i network interni ed esterni (Fonte: Helble e Chong, 2004) Figura 2. 3: Benefici ed effetti negativi derivanti da un aumento della disaggregazione e della dispersione globale dell R&D (Fonte: Andersson e Pedersen, 2010) Figura 3. 1: Fattori che impattano sulla decisione localizzativa delle sedi offshore di attività innovative o di servizi amministrativi (Fonte: ORN, 2009) Figura 3. 2: Fattori che impattano sulla decisione localizzativa delle sedi offshore di attività innnovative o di servizi amministrativi (Fonte: ORN, 2009) Figura 3. 3: Distribuzione geografica degli investimenti nel settore farmaceutico tra il 2003 e il 2011 (Fonte LaSalle's 2011) Figura 3. 4: rischi percepiti dalle imprese (Fonte: ORN 2009) Figura 3. 5: punti di forza e di debolezza dell'india I

8 Figura 3. 6: classificazione delle attività coinvolte nei progetti di offshoring (Mc Kinsey, 2003) Figura 3. 7: classificazione dei dati Figura 4. 1: ripartizione del campione in base allo stato del progetto Figura 4. 2: Dispersione del campione in base al Paese di origine Figura 4. 3: Dispersione dei progetti di offshoring Figura 4. 4: distribuzione del campione in base al modello di governance Figura 4. 5: distribuzione del campione in base alla classificazione per valore delle attività Figura 5. 1: Distribuzione del campione delle attività innovative Figura 5. 2: Distribuzione del campione rispetto al Paese di destinazione dei progetti di offshoring Figura 5. 3: Paesi di destinazione dei progetti di offshoring delle attività ad alto valore aggiunto. A destra il grafico relativo alle attività innovative, a sinistra il grafico delle attività di ricerca e sviluppo Figura 5. 4: Continente di destinazione dei progetti di offshoring Figura 5. 5: distribuzione delle osservazioni rispetto alle dimensioni dell impresa e alla funzione delocalizzata Figura 5. 6: analisi specifica della relazione tipo di attività-dimensione per singola funzione Figura 5. 7: Grafico a sinistra, dati relativi alle piccole-medie imprese. Grafico a destra, relativo alle grandi imprese II

9 Figura 5. 8: Grafico a destra, modello di governance adottato nei progetti di offshoring di attività a medio-basso valore aggiunto. Grafico a sinistra, per attività ad alto valore aggiunto Figura 5. 9: Modello di governance adottato per la gestione delle attività ad alto e altissimo valore Figura 5. 10: Settore di appartenenza delle imprese che hanno delocalizzato attività ad alto valore Figura 5. 11: Analisi della relazione tipo di attività settore di appartenenza Figura 5. 12: Frequenza delle risposte con valore superiore a 3 per singolo driver Figura 5. 13: Media dei driver per le attività innovative e di ricerca e sviluppo. Il grafico a sinistra è relativo alle attività innovative il grafico a destra alle attività di ricerca e sviluppo Figura 5. 14: Frequenza delle risposte con valore superiore a 3 per le classi di driver Figura 5. 15: Valore medio dei punteggi attribuiti alle classi di driver per le attività innovative e di ricerca e sviluppo Figura 5. 16: driver valutati solo per i progetti destinati a Paesi industrializzati Figura 5. 17: driver valutati solo per i progetti destinati a Paesi emergenti Figura 5. 18: Frequenza dei rischi che hanno ottenuto un valore superiore a Figura 5. 19: Valore medio dei rischi per le attività innovative (grafico a sinistra) e per le attività di ricerca e sviluppo (grafico a destra) Figura 5. 20: relazione tra le attività e le classi di rischi Figura 5. 21: Valore medio delle classi di rischi per le attività innovative e di ricerca e sviluppo III

10 Figura 5. 22: valore medio attribuito ai rischi per le attività ad alto e altissimo valore aggiunto Figura 5. 23: Frequenza delle performance ritenute soddisfacenti classificate per attività Figura 5. 24: grafico a sinistra attività ad alto valore aggiunto, a destra in rosso il grafico delle attività ad altissimo valore aggiunto Figura 5. 25: grafico a sinistra in blu riferito ai Paesi industrializzati e grafico a destra riferito ai dati dei Paesi mergenti Figura 5. 26: valori medi attribuiti alle performance rispetto al tipo di attività Figura 5. 27: frequenze delle osservazioni che danno un valore medio - alto alle variabili definite precedentemente Figura 5. 28: : analisi dei fattori localizzati delle attività ad alto valore aggiunto distinti per Paese di destinazione Figura AppA. 1: Survey ORN Branch Figura AppA. 2: Survey ORN Branch Figura AppB. 1: classificazione eurostat - OECD Figura AppC. 1: Singole attività innovative che compongono il campione branch Figura AppC. 2: Paese di destinazione dei progetti di offshoring branch Figura AppC. 3: Relazione tra paese di destinazione e tipo di attività innovativa branch Figura AppC. 4: dimensioni dell'impresa attività innovative branch Figura AppC. 5: Relazione tra il Paese di destinazione e la dimensione dell'impresa 239 IV

11 Figura AppC. 6: Modello di governance adottato rispetto al tipo di attività delocalizzata branch Sommario delle Tabelle Tabella 1. 1: Differenze nelle valutazioni per la localizzazione dell'offshoring del manufacturing e dei servizi (Bunyaratavej et al., 2008) Tabella 1. 2: Principali driver dell offshoring (Fonte: Lewin e Peeters, 2006) Tabella 2. 1: differenze nei principi della closed e della open innovation (Chesbrough, 2003) Tabella 2. 2: Maccanismi di coordinamento (Fonte, Reger 2004) Tabella 3. 1: Fonte Jensen e Pedersen Tabella 3. 2: Punti di forza e di debolezza della Cina e politiche governative (Fonte Gassman e Zheng Han, 2004) Tabella 3. 3: principali riforme cinesi per l'r&d (Fonte Huang et al., 2004) Tabella 4. 1: Stato ti attuazione del progetto di offshoring Tabella 4. 2: Classificazione in base al Paese in cui è situato l'headquarter dell'impresa Tabella 4. 3: Classificazione dei progetti di offshoring in base ai Paesi di destinazione Tabella 4. 4: Distribuzione del campione rispetto alle dimensioni dell'impresa Tabella 4. 5: classificazione delle osservazioni in base al settore di appartenenza dell'impresa V

12 Tabella 4. 6: classificazione del campione in base al modello di governance adottato per la gestione del progetto Tabella 4. 7: Classificazione del campione in base alla funzione delocalizzata Tabella 4. 8: Classificazione del campione in base alla funzione delocalizzata Tabella 5. 1: Paese di destinazione senza elemento di disturbo Tabella 5. 2: Variabili analizzate nell analisi Tabella 5. 3: Definizione del campione di analisi Tabella 5. 4: Risultati dell analisi Tabella 5. 5: Media dei driver e F Value con * p < ** p < *** p < Tabella 5. 6: Procedura di Turkey - Cramer Tabella 5. 7: media dei driver e F Value con * p < ** p < *** p < Tabella 5. 8: procedura di Turkey - Cramer Tabella 5. 9: Variabili analizzate per effettuare l analisi dei rischi Tabella 5. 10: Definizione del campione di analisi Tabella 5. 11: Risultati ottenuti dall analisi Tabella 5. 12: Media dei rischi e F Value con. * p < ** p < *** p < Tabella 5. 13: Procedura Di Turkey - Cramer Tabella 5. 14: media dei rischi e F Value con. * p < ** p < *** p < VI

13 Tabella 5. 15: Procedura di Turkey - Cramer Tabella 5. 16: : variabili utilizzate per la valutazione delle performance Tabella 5. 17: definizione del campione di analisi Tabella 5. 18: analisi della frequenza delle osservazioni che valutano le performance con un voto maggiore uguale a Tabella 5. 19: variabili valutate nell'analisi Tabella 5. 20: definizione del campione di analisi Tabella 5. 21: frequenza dei valori medio - alti attribuiti alle singole variabili Tabella 5. 22: media dei fattori localizzativi e F Value con * p < ** p < *** p < Tabella 5. 23: Procedura di Turkey - Cramer Tabella AppC. 1: stato del progetto di offshoring branch Tabella AppC. 2: Paese di origine del progetto di offshoring branch Tabella AppC. 3: Paese di destinazione dei progetti di offshoring branch Tabella AppC. 4: Dimensioni dell'impresa branch Tabella AppC. 5: Settore di appartenenza branch Tabella AppC. 6: modello di governance adottato branch Tabella AppC. 7: Tipo di attività branch Tabella AppC. 8: Tipo di attività branch VII

14 ABSTRACT ITALIANO L offshoring, cioè la delocalizzazione di attività aziendali, nata intorno al 1960, ha assunto negli anni un importanza sempre maggiore. Le imprese ormai lo considerano uno strumento indispensabile per migliorare la gestione dei processi aziendali, sia in ambito manifatturiero sia in quello dei servizi. Negli anni novanta c è stata poi una svolta importante: oltre alle attività labour intensive, anche i servizi di business sono diventati oggetto di internazionalizzazione. Oggi la delocalizzazione di attività a elevato valore aggiunto è in costante crescita. Il presente lavoro di ricerca amplia gli studi empirici finora svolti sull argomento, andando ad approfondire le analisi relative all offshoring delle attività ad alto contenuto innovativo. Nel lavoro vengono identificati i tratti caratteristici dell offshoring dell innovazione e vengono sottolineate le differenze che contraddistinguono l offshoring delle attività ad alto valore aggiunto da quello delle attività a medio basso valore aggiunto. L analisi approfondisce le relazioni che intercorrono tra i driver, i rischi, i fattori localizzativi, le performance e il tipo di attività delocalizzata. Inoltre, tale relazione viene valutata anche rispetto a elementi di mediazione quali la dimensione dell impresa che attua il progetto di offshoring e al Paese di destinazione del progetto di delocalizzazione. A tale scopo sono stati effettuati test statici e approfondite analisi delle frequenze (con il supporto del software statistico Analyse it) utilizzando le informazioni del database Offshoring Research Network Le analisi hanno confermato la maggior parte delle ipotesi iniziali, ed hanno permesso di mettere in luce le relazioni che itercorrono tra driver, rischi, performance, fattori localizzativi e tipo di attività delocalizzata e l effetto della dimensione aziendale e del Paese di destinazione su queste relazioni. I

15 ABSTRACT INGLESE Offshoring, i.e. the relocation of a business process, has achieved an increasing importance during the recent years. Companies, through the relocation of parts of their business activities overseas, have reached new favourable opportunities. A key aspect, but not fully analysed yet, is the study of offshoring of R&D and innovation activities. This work focuses on three research purposes. The first objective is to analyze the characteristics of offshoring of innovation, to find the distinctive features compared to offshoring of low and middle value services. The objective is to identify the existence of distinctive features compared to offshoring of innovation in terms of governance models adopted, the countries of destination of the projects and the size of the firms carrying out this strategy. In the analysis fall into the category of activities with high added value (related to the development of knowledge and innovation): R&D, product design services, engineering services and analytical and knowledge services. The second objective is to identify the relationship between the type of activity involved in the project of offshoring (low, medium and high added value) and drivers underpinning the projects, perceived risks by enterprises, location factors that affect the choice of destination country and performances achieved by the implementation of offshoring. The third objective consist in deepening the relation between the elements defined in the preceding list and the type of activity mediated by specific characteristics of the company (size) and characteristics of the project (the destination country). To achieve the three objectives were used frequency analysis and statistical tests using the database provided by Offshoring Research Network (ORN). II

16 III

17 EXECUTIVE SUMMARY - ITALIANO L offshoring, cioè la delocalizzazione delle attività aziendali, ha assunto negli anni un importanza sempre maggiore. Le imprese ormai considerano l offshoring una strategia necessaria per migliorare la gestione dei processi aziendali, sia in ambito manifatturiero sia in quello dei servizi. Dalla seconda metà del 900, il modo di fare business è cambiato radicalmente, a fronte dello svilupparsi di due fenomeni: la globalizzazione dei mercati e l internazionalizzazione delle imprese. Per le aziende, con la delocalizzazione di parte delle loro attività all estero, si sono aperte nuove opportunità sempre più favorevoli. Il fenomeno è stato spinto dall introduzione di grandi innovazioni tecnologiche e dallo sviluppo dell Information and Communication Technology (ICT), che hanno cambiato il modo di gestire l attività industriale attraverso la standardizzazione dei principali processi di produzione, la digitalizzazione dell informazione ha reso più facilmente gestibili strutture imprenditoriali caratterizzate da un elevato tasso di dispersione geografica. A partire dagli anni sessanta, l offshoring è diventata una vera e propria strategia aziendale, interessando i processi manifatturieri, labour intensive, standardizzati e a basso valore aggiunto, di facile dislocazione in Paesi cosidetti low cost. Successivamente tra gli anni ottanta e novanta c è stata una svolta importante; oltre alle attività manifatturiere, anche i servizi di business sono diventati oggetto di internazionalizzazione. Si è passati così alla delocalizzazione di attività ad elevato valore aggiunto, knowledge intensive, che implicano competenze specifiche. Ciò ha portato l offshoring verso un nuovo livello includendo attività connesse allo sviluppo di conoscenza e innovazione. Il fenomeno ha catturato l attenzione di molti studiosi fin dall inizio, si è quindi sviluppata una vasta letteratura scientifica che mette a fuoco gli aspetti principali dell offshoring, come i driver associati alle decisioni, i rischi connessi alla 1

18 delocalizzazione, il ruolo dei fattori di localizzazione, la definizione del modello di governance ottimale e le performance dei progetti. Un aspetto molto importante, ma ancora troppo poco analizzato, è lo studio dell offshoring relativo all R&D e alle attività innovative. Questo lavoro si pone tre finalità di ricerca. Il primo obiettivo consiste nell analizzare approfonditamente le caratteristiche dell offshoring dell innovazione, nel trovare gli aspetti distintivi rispetto all offshoring dei servizi a basso e medio valore aggiunto. L obiettivo è quello di identificare l esistenza di tratti distintivi dell offshoring dell innovazione rispetto ai modelli di governance adottati, ai Paesi di destinazione dei progetti e alle dimensioni delle imprese che attuano questa strategia. Nell analisi rientrano nella categoria delle attività ad alto valore aggiunto (connesse allo sviluppo di conoscenza e innovazione) l R&D, il product design, i servizi ingegneristici e i servizi analitici e di conoscenza in linea con la classificazione adottata tradizionalmente dalla letteratura. Il secondo obiettivo consiste nell individuare la relazione che intercorre tra il tipo di attività coinvolta nel progetto di offshoring (a basso, medio e alto valore aggiunto) e: i driver alla base dei progetti; rischi percepiti dalle imprese; i fattori localizzativi che impattano sulla scelta del Paese di destinazione; le performance ottenute dall attuazione dell offshoring. Il terzo obiettivo consiste, invece, nell approfondire le relazioni tra gli elementi definiti nell elenco precedente e il tipo di attività mediate da caratteristiche specifiche dell impresa (la dimensione) e caratteristiche specifiche del progetto (il Paese di destinazione). Per raggiungere i tre obiettivi sono stati utilizzati l analisi delle frequenze e dei test statistici utilizzando il database fornito dall Offshoring Research Network (ORN), rete di ricerca a cui il Politecnico di Milano partecipa dal L ORN è un progetto internazionale di ricerca, attuato dal Duke University Center for Business Education and 2

19 Research (CIBER) nel Si basa sullo studio dei dati raccolti annualmente proponendo alle aziende la compilazione di una Survey. Attraverso queste informazioni è possibile monitorare le tendenze imprenditoriali durante la fase di implementazione di strategie di global sourcing dei servizi di business. Per quanto riguarda i risultati ottenuti, sono stati evidenziati i seguenti risultati: sono state evidenziate le caratteristiche specifiche dell offshoring dell innovazione: o Paese di destinazione: è stato riscontrato un maggiore interesse rispetto all offshoring degli altri servizi per i Paesi industrializzati (Europa Occidentale e Nord America) e per l Europa dell Est; o Modello di governance: le soluzioni captive e le joint venture assumono una rilevanza maggiore per l offshoring delle attività ad alto valore aggiunto e nello specifico per le attività di ricerca e sviluppo; o Dimensioni dell impresa: le piccole imprese propendono più per l offshoring delle attività connesse all innovazione; Sono stati individuate messe in luce le relazioni che intercorrono tra il tipo di attività delocalizzata e i driver, rischi, performance e fattori localizzativi evidenziando che: o Driver: dalle analisi si evince che le motivazioni connesse all accesso alle risorse e alla competitività hanno un impatto maggiore sulle scelte di adottare strategie di offshoring di attività ad alto valore aggiunto; o Rischi: anche la percezione da parte delle imprese varia a seconda del tipo di attività delocalizzata; nello specifico per le attività connesse all innovazione i rischi connessi alla dispersione di informazioni assumono una rilevanza molto superiore; o Fattori localizzativi: anche in questo caso le scelte di localizzazione sono strettamente connesse all attività delocalizzata; per le attività connesse 3

20 all innovazione la creazione di sinergie positive e il miglioramento dei fattori di competitività rappresentano i principali elementi valutati nella scelta di localizzazione; o Performance: se valutate rispetto ai driver e ai fattori localizzativi per l offshoring dell innovazione si evidenzia il raggiungimento di risultati non sempre soddisfacenti rispetto alle performance strategiche. È stato evidenziato come caratteristiche specifiche dell impresa (la dimensione) e del progetto (il Paese di destinazione) medino la relazione tra i driver, i rischi, i fattori localizzativi, le performance e l attività delocalizzata. In particolare le piccole imprese sono più attratte dalla possibilità di accedere a personale qualificato e a nuovi mercati e più spaventate dalle differenze culturali. Dall analisi si ottengono risultati molto interessanti anche rispetto alle differenze che contraddistinguono la percezione dei Paesi industrializzati e in via di sviluppo, i quali mostrano l assottigliarsi delle differenze in termini di risorse qualificate e capacità di sviluppare innovazione che contraddistinguono le due classi. Il risultato evidenzia la crescita dell Asia come una nuova destinazione per accedere a competenze e non solo per ridurre i costi. La ricerca fa richiami teorici obbligati, prendendo spunto dai modelli conosciuti, ma introducendo anche qualche spunto nuovo. I modelli testati analiticamente hanno confermato come corrette la maggior parte delle ipotesi iniziali, ed è stato possibile mettere in luce legami inizialmente ritenuti poco significativi. Questa è la maggior gratificazione per chi ha svolto il lavoro. 4

21 EXCUTIVE SUMMARY - INGLESE The offshoring, defined as the re-location of business activities, is increasing its own impact. Offshoring is nowadays considered as a necessary strategy to improve business processes management, both in manufacturing and service areas. Since the second half of the past century, business practices totally changed, in response to two major phenomena: market globalization and enterprise internationalization. The relocation of part of their assets abroad has opened up new favorable opportunities for many firms. This phenomena was driven by the introduction of major technological innovations and by the development of Information and Communication Technology (ICT), which changed the way we manage the business industry through the standardization of key production processes and the digitalization of information. These new tools simplified business structures providing a high rate of geographical dispersion. Since the sixties, offshoring become a real business strategy, involving manufacturing processes, which are labor intensive, standardized, low-value-added, easy deployment and can be performed in low cost countries. Later in the eighties and nineties there was a major turning point: in addition to manufacturing activities, the services business become the subject of internationalization. Therefore it started the relocation of high added value, capital intensive activities, thus leading offshoring to a novel level including activities related to the development of knowledge and innovation. Since the beginning, this phenomenon drew the attention of researchers and, nowadays, an extended literature describes offshoring, the drivers involved in the decision process, the risks associated with outsourcing, the role of location factors, the definition of the governance model and the performance arising from the implementation of the project. Nevertheless the offshoring of R&D and innovation activities is a key aspect still not exhaustively described. The present work focuses on three research purposes. The first goal is to analyze the characteristics of the offshoring of innovation, highlighting the distinctive features in comparison with the offshoring of low and 5

22 middle value services. In particular the aim will be the identification of distinctive features in terms of governance models adopted, countries of destination of the projects and size of the firms carrying out this strategy. Here it will be analyzed the high added value activities (related to the development of knowledge and innovation), such as R&D, product design services, engineering services and analytical and knowledge services, as described from literature. The second objective is the description of the relationship between the offshoring activity (of low, medium and high added value) and: drivers behind the projects; perceived risks by enterprises; location factors that affect the choice of destination country; performances achieved by the implementation of offshoring program. In the third part of the work the cross-connection between the fields previously listed will be studied, by taking into account the specific characteristics of the company (e.g. size) and of the project (e.g. the destination country). In order to achieve the three objectives, frequency analysis and statistical tests were run on data available in the database provided by the Offshoring Research Network (ORN). The ORN is an international research program, launched by the Duke University Center for Business Education and Research (CIBER) in This database is updated each year by the submission of Survey to the companies. Through these data it can be monitored the entrepreneurial tendencies during the implementation stage of global sourcing and business services. The results obtained can be summarized as follows: peculiar characteristics of offshoring of innovation were highlighted: o destination country: in comparison with offshoring of other services, the interest for industrialized countries (Western Europe and North America) and Eastern Europe are more evident; o model of governance: captive solution and joint ventures are more relevant for the offshoring of activities with high value added and specifically for research and development; 6

23 o size of company: small companies are more prone to offshoring of innovation-related activities; relationship between the type of outsourced activities and the drivers, risks, performance and location factors pointed out that: o driver: Analysis underlined that the rational behind the choice of offshoring of RD is the higher competitiveness and the easier access to resources, more than a simple costs reduction objective. o risks: the perception of risk by firms varies according to the type of activities outsourced; indeed the risks of critical information leakage assume higher impact on the innovation-related activities; o location factors: the choices of the location are closely linked to the activity to be delocalized. The creation of positive synergies and the possibility to improve the competitiveness are the factors considered more relevant for the choice of location for innovation-related activities; o performance: when evaluated in respect to drivers and location factors, the offshoring of innovation shows results not always fulfilling responding to the strategic performance expectations. It has been shown that the specific characteristics of the company (the size) and the project (the country of destination) mediate the relationship between the drivers, risks, location factors, performance and activity delocalized. In particular, small firms are more attracted by the possibility of access to qualified personnel and new markets, however they are warier about cultural differences. Data highlight some interesting results in respect to the differences identifying the perception of Industrialized countries versus developing countries. In fact, differences in terms of qualified human resources and capacity to develop innovation are decreasing. An evident example is the choice of Asia not only to reduce costs, but also to access to new competences. The project starts from theoretical excursus, arising from models from literature and, then, introducing some new ideas. The models, analytically tested, confirmed several of the initial hypothesis and highlighted some new links, unexpected at the beginning of the study. In the opinion of the author, this was the major point of gratification. 7

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso White Paper In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso Executive Summary Una volta stabilito il notevole impatto positivo che la Unified Communication (UC) può avere sulle aziende,

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Technology. Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it. Technology

SALARY SURVEY 2015. Technology. Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it. Technology SALARY SURVEY 2015 Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2015. Michael

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della GENOVA 2015-2030 UNA FINESTRA SUL FUTURO Ricerca tipo Delphi a cura della Sezione Terziario di Confindustria Genova Coordinamento della ricerca Sergio Di Paolo PERCHÉ IL FUTURO Immaginare il futuro aiuta

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE Prof. MARCO GIULIANI Docente di Economia Aziendale Università Politecnica delle Marche Socio LIVE m.giuliani@univpm.it Jesi, 11 ottobre 2013 1 Prime

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate 6.1 Metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti (MSNP) Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate Questo capitolo presenta alcune metodologie per gestire al meglio

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

Autodesk Un nuovo modello per la fornitura di software agli istituti didattici Domande frequenti Europa

Autodesk Un nuovo modello per la fornitura di software agli istituti didattici Domande frequenti Europa Autodesk Un nuovo modello per la fornitura di software agli istituti didattici Domande frequenti Europa Un nuovo modello per la fornitura di software agli istituti didattici Europa Nell'ottobre 2014, Autodesk

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business Portfolio Management GUARDIAN Solutions The safe partner for your business Swiss-Rev si pone come società con un alto grado di specializzazione e flessibilità nell ambito di soluzioni software per il settore

Dettagli

Process automation Grazie a oltre trent anni di presenza nel settore e all esperienza maturata in ambito nazionale e internazionale, Elsag Datamat ha acquisito un profondo know-how dei processi industriali,

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing La best practice ITILv3 nell IT Sourcing Novembre 2009 Indice 1. Introduzione... 4 1.1. Il contesto dell outsourcing... 4 1.2. Le fasi di processo e le strutture di sourcing... 7 1.3. L esigenza di governance...

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli