POLITECNICO DI MILANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "POLITECNICO DI MILANO"

Transcript

1 POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria dei Sistemi Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale L Offshoring dell R&D e delle attività innovative Un Analisi Empirica Relatore: Professoressa Lucia Piscitello Correlatore: Dottor Stefano Elia Tesi di Laurea di Luigi Santoro Matricola Anno Accademico

2 SOMMARIO EXECUTIVE SUMMARY - ITALIANO... 1 EXCUTIVE SUMMARY - INGLESE... 5 CAPITOLO 1 L OFFSHORING: DEFINIZIONE, SVILUPPO E APPROCI TEORICI Introduzione: la globalizzazione dei mercati e l internazionalizzazione delle imprese Definizioni e parole chiave Sviluppo dell offshoring e dell outsourcing: dalle origini alla recente configurazione L impatto sulle scelte localizzative I driver Driver di costo Driver di competitività Driver di accesso alle risorse I Rischi Operational Risk Rischio Paese e del service provider Rischi esterni Approcci teorici 33 II

3 CAPITOLO 2 OFFSHORING DELL R&D E DELLE ATTIVITA INNOVATIVE: L EVOLUZIONE E LE TEORIE A SUPPORTO Introduzione: outsourcing e offshoring dell innovazione I primi sviluppi dell outsourcing e dell offshoring dell innovazione Sviluppo dell R&D e delle attività innovative: il paradigma dell open innovation e la formazione dei network di collaborazione Costi dell esternalizzazione e della delocalizzazione e i meccanismi di coordinamento L innovazione e le piccole-medie imprese Le teorie a supporto 58 CAPITOLO 3 OFFSHORING DELL R&D E DELLE ATTIVITA INNOVATIVE: I DRIVER, I RISCHI E LE SCELTE LOCALIZZATIVE I driver dell offshoring dell innovazione I fattori push e pull dell offshoring dell innovazione I rischi dell offshoring delle attività innovative Le scelte localizzative Le Performance Definizione degli obiettivi di ricerca 94 III

4 CAPITOLO 4 DESCRIZIONE DEL DATABASE ORN E DELLE METODOLOGIE DI ANALISI Definizione delle metodologie di analisi I dati l Offhoring Research Network (ORN) Il network internazionale L edizione La Survey (edizione 2009) Descrizione dei dati Classificazione rispetto allo stato di attuazione del progetto Classificazione rispetto al Paese di origine Classificazione rispetto al Paese di destinazione Classificazione rispetto alla dimensione dell impresa Classificazione rispetto al settore di appartenenza Classificazione rispetto al modello di governance adottato Classificazione rispetto al tipo di attività delocalizzata 124 CAPITOLO 5 ANALISI DELLE ATTIVITA INNOVATIVE Analisi descrittiva dei progetti di ofsshoring dell innovazione Ripartizione del campione Paesi di destinazione dell offshoring 129 IV

5 5.1.3 Dimensione Dimensione paese di destinazione Classificazione rispetto al modello di governance Settore di appartenenza Analisi dei driver, dei rischi, dei fattori localizzati e delle performance Analisi dei driver Relazione tra i Driver e il Tipo di Attività Relazione tra i Driver, il Tipo Di Attivita e il Paese Di Destinazione del progetto Relazione tra la dimensione aziendale e i driver dei progetti di offshoring dell innovazione Analisi dei rischi Relazione tra il tipo di attività delocalizzata e i rischi percepiti Relazione tra la dimensione dell impresa e i rischi percepiti nell offshoring dell innovazione Analisi delle performance Relazione tra le performance e il tipo di attività Relazione tra le performance e il paese di destinazione dei progetti di offshoring dell innovazione I fattori localizzativi Relazione tra i fattori localizzativi e l attività delocalizzata Relazione tra i fattori localizzativi e il paese di destinazione per i progetti di offshoring dell innovazione 196 V

6 CAPITOLO 6 CONCLUSIONI E RICERCHE FUTURE Risultati ottenuti Ricerche Future 201 Bibliografia 202 Appendice A - Survey ORN Appendice B Classificazione eurostat-oecd dell intensita tecnologica dei settori industriali Appendice C Tabelle con i dati relativi al Branch Descrizione dei dati 229 VI

7 Sommario delle Figure Figura 1. 1: classificazione dei progetti di esternalizzazione e delocalizzazione (Fonte: Robinson e Kalakota, 2004) Figura 1. 2: Evoluzione dell'offshoring, il passaggio dalla riduzione del costo del lavoro alla ricerca dei talenti (Fonte: Mc Kinsey, 2003) Figura 1. 3: Classificazione dei servizi secondo le dimensioni di conoscenza richiesta dal processo e del livello di contatto con il cliente (Youngdahl et al., 2008) Figura 1. 4: Evoluzione dell'importanza conferita ai driver tra il 2004 e il 2006 (Fonte: Lewin e Couto, 2006) Figura 2. 1: Classificazione dell'offshoring dell'r&d (Fonte: Moitra, 2008). 42 Figura 2. 2: Classificazione delle sussidiarie di R&D in base al collegamento con i network interni ed esterni (Fonte: Helble e Chong, 2004) Figura 2. 3: Benefici ed effetti negativi derivanti da un aumento della disaggregazione e della dispersione globale dell R&D (Fonte: Andersson e Pedersen, 2010) Figura 3. 1: Fattori che impattano sulla decisione localizzativa delle sedi offshore di attività innovative o di servizi amministrativi (Fonte: ORN, 2009) Figura 3. 2: Fattori che impattano sulla decisione localizzativa delle sedi offshore di attività innnovative o di servizi amministrativi (Fonte: ORN, 2009) Figura 3. 3: Distribuzione geografica degli investimenti nel settore farmaceutico tra il 2003 e il 2011 (Fonte LaSalle's 2011) Figura 3. 4: rischi percepiti dalle imprese (Fonte: ORN 2009) Figura 3. 5: punti di forza e di debolezza dell'india I

8 Figura 3. 6: classificazione delle attività coinvolte nei progetti di offshoring (Mc Kinsey, 2003) Figura 3. 7: classificazione dei dati Figura 4. 1: ripartizione del campione in base allo stato del progetto Figura 4. 2: Dispersione del campione in base al Paese di origine Figura 4. 3: Dispersione dei progetti di offshoring Figura 4. 4: distribuzione del campione in base al modello di governance Figura 4. 5: distribuzione del campione in base alla classificazione per valore delle attività Figura 5. 1: Distribuzione del campione delle attività innovative Figura 5. 2: Distribuzione del campione rispetto al Paese di destinazione dei progetti di offshoring Figura 5. 3: Paesi di destinazione dei progetti di offshoring delle attività ad alto valore aggiunto. A destra il grafico relativo alle attività innovative, a sinistra il grafico delle attività di ricerca e sviluppo Figura 5. 4: Continente di destinazione dei progetti di offshoring Figura 5. 5: distribuzione delle osservazioni rispetto alle dimensioni dell impresa e alla funzione delocalizzata Figura 5. 6: analisi specifica della relazione tipo di attività-dimensione per singola funzione Figura 5. 7: Grafico a sinistra, dati relativi alle piccole-medie imprese. Grafico a destra, relativo alle grandi imprese II

9 Figura 5. 8: Grafico a destra, modello di governance adottato nei progetti di offshoring di attività a medio-basso valore aggiunto. Grafico a sinistra, per attività ad alto valore aggiunto Figura 5. 9: Modello di governance adottato per la gestione delle attività ad alto e altissimo valore Figura 5. 10: Settore di appartenenza delle imprese che hanno delocalizzato attività ad alto valore Figura 5. 11: Analisi della relazione tipo di attività settore di appartenenza Figura 5. 12: Frequenza delle risposte con valore superiore a 3 per singolo driver Figura 5. 13: Media dei driver per le attività innovative e di ricerca e sviluppo. Il grafico a sinistra è relativo alle attività innovative il grafico a destra alle attività di ricerca e sviluppo Figura 5. 14: Frequenza delle risposte con valore superiore a 3 per le classi di driver Figura 5. 15: Valore medio dei punteggi attribuiti alle classi di driver per le attività innovative e di ricerca e sviluppo Figura 5. 16: driver valutati solo per i progetti destinati a Paesi industrializzati Figura 5. 17: driver valutati solo per i progetti destinati a Paesi emergenti Figura 5. 18: Frequenza dei rischi che hanno ottenuto un valore superiore a Figura 5. 19: Valore medio dei rischi per le attività innovative (grafico a sinistra) e per le attività di ricerca e sviluppo (grafico a destra) Figura 5. 20: relazione tra le attività e le classi di rischi Figura 5. 21: Valore medio delle classi di rischi per le attività innovative e di ricerca e sviluppo III

10 Figura 5. 22: valore medio attribuito ai rischi per le attività ad alto e altissimo valore aggiunto Figura 5. 23: Frequenza delle performance ritenute soddisfacenti classificate per attività Figura 5. 24: grafico a sinistra attività ad alto valore aggiunto, a destra in rosso il grafico delle attività ad altissimo valore aggiunto Figura 5. 25: grafico a sinistra in blu riferito ai Paesi industrializzati e grafico a destra riferito ai dati dei Paesi mergenti Figura 5. 26: valori medi attribuiti alle performance rispetto al tipo di attività Figura 5. 27: frequenze delle osservazioni che danno un valore medio - alto alle variabili definite precedentemente Figura 5. 28: : analisi dei fattori localizzati delle attività ad alto valore aggiunto distinti per Paese di destinazione Figura AppA. 1: Survey ORN Branch Figura AppA. 2: Survey ORN Branch Figura AppB. 1: classificazione eurostat - OECD Figura AppC. 1: Singole attività innovative che compongono il campione branch Figura AppC. 2: Paese di destinazione dei progetti di offshoring branch Figura AppC. 3: Relazione tra paese di destinazione e tipo di attività innovativa branch Figura AppC. 4: dimensioni dell'impresa attività innovative branch Figura AppC. 5: Relazione tra il Paese di destinazione e la dimensione dell'impresa 239 IV

11 Figura AppC. 6: Modello di governance adottato rispetto al tipo di attività delocalizzata branch Sommario delle Tabelle Tabella 1. 1: Differenze nelle valutazioni per la localizzazione dell'offshoring del manufacturing e dei servizi (Bunyaratavej et al., 2008) Tabella 1. 2: Principali driver dell offshoring (Fonte: Lewin e Peeters, 2006) Tabella 2. 1: differenze nei principi della closed e della open innovation (Chesbrough, 2003) Tabella 2. 2: Maccanismi di coordinamento (Fonte, Reger 2004) Tabella 3. 1: Fonte Jensen e Pedersen Tabella 3. 2: Punti di forza e di debolezza della Cina e politiche governative (Fonte Gassman e Zheng Han, 2004) Tabella 3. 3: principali riforme cinesi per l'r&d (Fonte Huang et al., 2004) Tabella 4. 1: Stato ti attuazione del progetto di offshoring Tabella 4. 2: Classificazione in base al Paese in cui è situato l'headquarter dell'impresa Tabella 4. 3: Classificazione dei progetti di offshoring in base ai Paesi di destinazione Tabella 4. 4: Distribuzione del campione rispetto alle dimensioni dell'impresa Tabella 4. 5: classificazione delle osservazioni in base al settore di appartenenza dell'impresa V

12 Tabella 4. 6: classificazione del campione in base al modello di governance adottato per la gestione del progetto Tabella 4. 7: Classificazione del campione in base alla funzione delocalizzata Tabella 4. 8: Classificazione del campione in base alla funzione delocalizzata Tabella 5. 1: Paese di destinazione senza elemento di disturbo Tabella 5. 2: Variabili analizzate nell analisi Tabella 5. 3: Definizione del campione di analisi Tabella 5. 4: Risultati dell analisi Tabella 5. 5: Media dei driver e F Value con * p < ** p < *** p < Tabella 5. 6: Procedura di Turkey - Cramer Tabella 5. 7: media dei driver e F Value con * p < ** p < *** p < Tabella 5. 8: procedura di Turkey - Cramer Tabella 5. 9: Variabili analizzate per effettuare l analisi dei rischi Tabella 5. 10: Definizione del campione di analisi Tabella 5. 11: Risultati ottenuti dall analisi Tabella 5. 12: Media dei rischi e F Value con. * p < ** p < *** p < Tabella 5. 13: Procedura Di Turkey - Cramer Tabella 5. 14: media dei rischi e F Value con. * p < ** p < *** p < VI

13 Tabella 5. 15: Procedura di Turkey - Cramer Tabella 5. 16: : variabili utilizzate per la valutazione delle performance Tabella 5. 17: definizione del campione di analisi Tabella 5. 18: analisi della frequenza delle osservazioni che valutano le performance con un voto maggiore uguale a Tabella 5. 19: variabili valutate nell'analisi Tabella 5. 20: definizione del campione di analisi Tabella 5. 21: frequenza dei valori medio - alti attribuiti alle singole variabili Tabella 5. 22: media dei fattori localizzativi e F Value con * p < ** p < *** p < Tabella 5. 23: Procedura di Turkey - Cramer Tabella AppC. 1: stato del progetto di offshoring branch Tabella AppC. 2: Paese di origine del progetto di offshoring branch Tabella AppC. 3: Paese di destinazione dei progetti di offshoring branch Tabella AppC. 4: Dimensioni dell'impresa branch Tabella AppC. 5: Settore di appartenenza branch Tabella AppC. 6: modello di governance adottato branch Tabella AppC. 7: Tipo di attività branch Tabella AppC. 8: Tipo di attività branch VII

14 ABSTRACT ITALIANO L offshoring, cioè la delocalizzazione di attività aziendali, nata intorno al 1960, ha assunto negli anni un importanza sempre maggiore. Le imprese ormai lo considerano uno strumento indispensabile per migliorare la gestione dei processi aziendali, sia in ambito manifatturiero sia in quello dei servizi. Negli anni novanta c è stata poi una svolta importante: oltre alle attività labour intensive, anche i servizi di business sono diventati oggetto di internazionalizzazione. Oggi la delocalizzazione di attività a elevato valore aggiunto è in costante crescita. Il presente lavoro di ricerca amplia gli studi empirici finora svolti sull argomento, andando ad approfondire le analisi relative all offshoring delle attività ad alto contenuto innovativo. Nel lavoro vengono identificati i tratti caratteristici dell offshoring dell innovazione e vengono sottolineate le differenze che contraddistinguono l offshoring delle attività ad alto valore aggiunto da quello delle attività a medio basso valore aggiunto. L analisi approfondisce le relazioni che intercorrono tra i driver, i rischi, i fattori localizzativi, le performance e il tipo di attività delocalizzata. Inoltre, tale relazione viene valutata anche rispetto a elementi di mediazione quali la dimensione dell impresa che attua il progetto di offshoring e al Paese di destinazione del progetto di delocalizzazione. A tale scopo sono stati effettuati test statici e approfondite analisi delle frequenze (con il supporto del software statistico Analyse it) utilizzando le informazioni del database Offshoring Research Network Le analisi hanno confermato la maggior parte delle ipotesi iniziali, ed hanno permesso di mettere in luce le relazioni che itercorrono tra driver, rischi, performance, fattori localizzativi e tipo di attività delocalizzata e l effetto della dimensione aziendale e del Paese di destinazione su queste relazioni. I

15 ABSTRACT INGLESE Offshoring, i.e. the relocation of a business process, has achieved an increasing importance during the recent years. Companies, through the relocation of parts of their business activities overseas, have reached new favourable opportunities. A key aspect, but not fully analysed yet, is the study of offshoring of R&D and innovation activities. This work focuses on three research purposes. The first objective is to analyze the characteristics of offshoring of innovation, to find the distinctive features compared to offshoring of low and middle value services. The objective is to identify the existence of distinctive features compared to offshoring of innovation in terms of governance models adopted, the countries of destination of the projects and the size of the firms carrying out this strategy. In the analysis fall into the category of activities with high added value (related to the development of knowledge and innovation): R&D, product design services, engineering services and analytical and knowledge services. The second objective is to identify the relationship between the type of activity involved in the project of offshoring (low, medium and high added value) and drivers underpinning the projects, perceived risks by enterprises, location factors that affect the choice of destination country and performances achieved by the implementation of offshoring. The third objective consist in deepening the relation between the elements defined in the preceding list and the type of activity mediated by specific characteristics of the company (size) and characteristics of the project (the destination country). To achieve the three objectives were used frequency analysis and statistical tests using the database provided by Offshoring Research Network (ORN). II

16 III

17 EXECUTIVE SUMMARY - ITALIANO L offshoring, cioè la delocalizzazione delle attività aziendali, ha assunto negli anni un importanza sempre maggiore. Le imprese ormai considerano l offshoring una strategia necessaria per migliorare la gestione dei processi aziendali, sia in ambito manifatturiero sia in quello dei servizi. Dalla seconda metà del 900, il modo di fare business è cambiato radicalmente, a fronte dello svilupparsi di due fenomeni: la globalizzazione dei mercati e l internazionalizzazione delle imprese. Per le aziende, con la delocalizzazione di parte delle loro attività all estero, si sono aperte nuove opportunità sempre più favorevoli. Il fenomeno è stato spinto dall introduzione di grandi innovazioni tecnologiche e dallo sviluppo dell Information and Communication Technology (ICT), che hanno cambiato il modo di gestire l attività industriale attraverso la standardizzazione dei principali processi di produzione, la digitalizzazione dell informazione ha reso più facilmente gestibili strutture imprenditoriali caratterizzate da un elevato tasso di dispersione geografica. A partire dagli anni sessanta, l offshoring è diventata una vera e propria strategia aziendale, interessando i processi manifatturieri, labour intensive, standardizzati e a basso valore aggiunto, di facile dislocazione in Paesi cosidetti low cost. Successivamente tra gli anni ottanta e novanta c è stata una svolta importante; oltre alle attività manifatturiere, anche i servizi di business sono diventati oggetto di internazionalizzazione. Si è passati così alla delocalizzazione di attività ad elevato valore aggiunto, knowledge intensive, che implicano competenze specifiche. Ciò ha portato l offshoring verso un nuovo livello includendo attività connesse allo sviluppo di conoscenza e innovazione. Il fenomeno ha catturato l attenzione di molti studiosi fin dall inizio, si è quindi sviluppata una vasta letteratura scientifica che mette a fuoco gli aspetti principali dell offshoring, come i driver associati alle decisioni, i rischi connessi alla 1

18 delocalizzazione, il ruolo dei fattori di localizzazione, la definizione del modello di governance ottimale e le performance dei progetti. Un aspetto molto importante, ma ancora troppo poco analizzato, è lo studio dell offshoring relativo all R&D e alle attività innovative. Questo lavoro si pone tre finalità di ricerca. Il primo obiettivo consiste nell analizzare approfonditamente le caratteristiche dell offshoring dell innovazione, nel trovare gli aspetti distintivi rispetto all offshoring dei servizi a basso e medio valore aggiunto. L obiettivo è quello di identificare l esistenza di tratti distintivi dell offshoring dell innovazione rispetto ai modelli di governance adottati, ai Paesi di destinazione dei progetti e alle dimensioni delle imprese che attuano questa strategia. Nell analisi rientrano nella categoria delle attività ad alto valore aggiunto (connesse allo sviluppo di conoscenza e innovazione) l R&D, il product design, i servizi ingegneristici e i servizi analitici e di conoscenza in linea con la classificazione adottata tradizionalmente dalla letteratura. Il secondo obiettivo consiste nell individuare la relazione che intercorre tra il tipo di attività coinvolta nel progetto di offshoring (a basso, medio e alto valore aggiunto) e: i driver alla base dei progetti; rischi percepiti dalle imprese; i fattori localizzativi che impattano sulla scelta del Paese di destinazione; le performance ottenute dall attuazione dell offshoring. Il terzo obiettivo consiste, invece, nell approfondire le relazioni tra gli elementi definiti nell elenco precedente e il tipo di attività mediate da caratteristiche specifiche dell impresa (la dimensione) e caratteristiche specifiche del progetto (il Paese di destinazione). Per raggiungere i tre obiettivi sono stati utilizzati l analisi delle frequenze e dei test statistici utilizzando il database fornito dall Offshoring Research Network (ORN), rete di ricerca a cui il Politecnico di Milano partecipa dal L ORN è un progetto internazionale di ricerca, attuato dal Duke University Center for Business Education and 2

19 Research (CIBER) nel Si basa sullo studio dei dati raccolti annualmente proponendo alle aziende la compilazione di una Survey. Attraverso queste informazioni è possibile monitorare le tendenze imprenditoriali durante la fase di implementazione di strategie di global sourcing dei servizi di business. Per quanto riguarda i risultati ottenuti, sono stati evidenziati i seguenti risultati: sono state evidenziate le caratteristiche specifiche dell offshoring dell innovazione: o Paese di destinazione: è stato riscontrato un maggiore interesse rispetto all offshoring degli altri servizi per i Paesi industrializzati (Europa Occidentale e Nord America) e per l Europa dell Est; o Modello di governance: le soluzioni captive e le joint venture assumono una rilevanza maggiore per l offshoring delle attività ad alto valore aggiunto e nello specifico per le attività di ricerca e sviluppo; o Dimensioni dell impresa: le piccole imprese propendono più per l offshoring delle attività connesse all innovazione; Sono stati individuate messe in luce le relazioni che intercorrono tra il tipo di attività delocalizzata e i driver, rischi, performance e fattori localizzativi evidenziando che: o Driver: dalle analisi si evince che le motivazioni connesse all accesso alle risorse e alla competitività hanno un impatto maggiore sulle scelte di adottare strategie di offshoring di attività ad alto valore aggiunto; o Rischi: anche la percezione da parte delle imprese varia a seconda del tipo di attività delocalizzata; nello specifico per le attività connesse all innovazione i rischi connessi alla dispersione di informazioni assumono una rilevanza molto superiore; o Fattori localizzativi: anche in questo caso le scelte di localizzazione sono strettamente connesse all attività delocalizzata; per le attività connesse 3

20 all innovazione la creazione di sinergie positive e il miglioramento dei fattori di competitività rappresentano i principali elementi valutati nella scelta di localizzazione; o Performance: se valutate rispetto ai driver e ai fattori localizzativi per l offshoring dell innovazione si evidenzia il raggiungimento di risultati non sempre soddisfacenti rispetto alle performance strategiche. È stato evidenziato come caratteristiche specifiche dell impresa (la dimensione) e del progetto (il Paese di destinazione) medino la relazione tra i driver, i rischi, i fattori localizzativi, le performance e l attività delocalizzata. In particolare le piccole imprese sono più attratte dalla possibilità di accedere a personale qualificato e a nuovi mercati e più spaventate dalle differenze culturali. Dall analisi si ottengono risultati molto interessanti anche rispetto alle differenze che contraddistinguono la percezione dei Paesi industrializzati e in via di sviluppo, i quali mostrano l assottigliarsi delle differenze in termini di risorse qualificate e capacità di sviluppare innovazione che contraddistinguono le due classi. Il risultato evidenzia la crescita dell Asia come una nuova destinazione per accedere a competenze e non solo per ridurre i costi. La ricerca fa richiami teorici obbligati, prendendo spunto dai modelli conosciuti, ma introducendo anche qualche spunto nuovo. I modelli testati analiticamente hanno confermato come corrette la maggior parte delle ipotesi iniziali, ed è stato possibile mettere in luce legami inizialmente ritenuti poco significativi. Questa è la maggior gratificazione per chi ha svolto il lavoro. 4

21 EXCUTIVE SUMMARY - INGLESE The offshoring, defined as the re-location of business activities, is increasing its own impact. Offshoring is nowadays considered as a necessary strategy to improve business processes management, both in manufacturing and service areas. Since the second half of the past century, business practices totally changed, in response to two major phenomena: market globalization and enterprise internationalization. The relocation of part of their assets abroad has opened up new favorable opportunities for many firms. This phenomena was driven by the introduction of major technological innovations and by the development of Information and Communication Technology (ICT), which changed the way we manage the business industry through the standardization of key production processes and the digitalization of information. These new tools simplified business structures providing a high rate of geographical dispersion. Since the sixties, offshoring become a real business strategy, involving manufacturing processes, which are labor intensive, standardized, low-value-added, easy deployment and can be performed in low cost countries. Later in the eighties and nineties there was a major turning point: in addition to manufacturing activities, the services business become the subject of internationalization. Therefore it started the relocation of high added value, capital intensive activities, thus leading offshoring to a novel level including activities related to the development of knowledge and innovation. Since the beginning, this phenomenon drew the attention of researchers and, nowadays, an extended literature describes offshoring, the drivers involved in the decision process, the risks associated with outsourcing, the role of location factors, the definition of the governance model and the performance arising from the implementation of the project. Nevertheless the offshoring of R&D and innovation activities is a key aspect still not exhaustively described. The present work focuses on three research purposes. The first goal is to analyze the characteristics of the offshoring of innovation, highlighting the distinctive features in comparison with the offshoring of low and 5

22 middle value services. In particular the aim will be the identification of distinctive features in terms of governance models adopted, countries of destination of the projects and size of the firms carrying out this strategy. Here it will be analyzed the high added value activities (related to the development of knowledge and innovation), such as R&D, product design services, engineering services and analytical and knowledge services, as described from literature. The second objective is the description of the relationship between the offshoring activity (of low, medium and high added value) and: drivers behind the projects; perceived risks by enterprises; location factors that affect the choice of destination country; performances achieved by the implementation of offshoring program. In the third part of the work the cross-connection between the fields previously listed will be studied, by taking into account the specific characteristics of the company (e.g. size) and of the project (e.g. the destination country). In order to achieve the three objectives, frequency analysis and statistical tests were run on data available in the database provided by the Offshoring Research Network (ORN). The ORN is an international research program, launched by the Duke University Center for Business Education and Research (CIBER) in This database is updated each year by the submission of Survey to the companies. Through these data it can be monitored the entrepreneurial tendencies during the implementation stage of global sourcing and business services. The results obtained can be summarized as follows: peculiar characteristics of offshoring of innovation were highlighted: o destination country: in comparison with offshoring of other services, the interest for industrialized countries (Western Europe and North America) and Eastern Europe are more evident; o model of governance: captive solution and joint ventures are more relevant for the offshoring of activities with high value added and specifically for research and development; 6

23 o size of company: small companies are more prone to offshoring of innovation-related activities; relationship between the type of outsourced activities and the drivers, risks, performance and location factors pointed out that: o driver: Analysis underlined that the rational behind the choice of offshoring of RD is the higher competitiveness and the easier access to resources, more than a simple costs reduction objective. o risks: the perception of risk by firms varies according to the type of activities outsourced; indeed the risks of critical information leakage assume higher impact on the innovation-related activities; o location factors: the choices of the location are closely linked to the activity to be delocalized. The creation of positive synergies and the possibility to improve the competitiveness are the factors considered more relevant for the choice of location for innovation-related activities; o performance: when evaluated in respect to drivers and location factors, the offshoring of innovation shows results not always fulfilling responding to the strategic performance expectations. It has been shown that the specific characteristics of the company (the size) and the project (the country of destination) mediate the relationship between the drivers, risks, location factors, performance and activity delocalized. In particular, small firms are more attracted by the possibility of access to qualified personnel and new markets, however they are warier about cultural differences. Data highlight some interesting results in respect to the differences identifying the perception of Industrialized countries versus developing countries. In fact, differences in terms of qualified human resources and capacity to develop innovation are decreasing. An evident example is the choice of Asia not only to reduce costs, but also to access to new competences. The project starts from theoretical excursus, arising from models from literature and, then, introducing some new ideas. The models, analytically tested, confirmed several of the initial hypothesis and highlighted some new links, unexpected at the beginning of the study. In the opinion of the author, this was the major point of gratification. 7

Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One - Oracle

Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One - Oracle FACOLTÀ DI INGEGNERIA RELAZIONE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA GESTIONALE Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

Parte 1 La strategia di espansione internazionale

Parte 1 La strategia di espansione internazionale Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore XIII XVI XVIII Parte 1 La strategia di espansione internazionale Capitolo 1 L internazionalizzazione delle imprese: scenari e tendenze

Dettagli

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 I requisiti per la gestione del rischio presenti nel DIS della nuova ISO 9001:2015 Alessandra Peverini Perugia 9/09/2014 ISO

Dettagli

PRESENTAZIONE AZIENDALE ATTIVITA E SERVIZI TECNOLOGIE PERSONALE OBIETTIVI ESPERIENZE

PRESENTAZIONE AZIENDALE ATTIVITA E SERVIZI TECNOLOGIE PERSONALE OBIETTIVI ESPERIENZE PRESENTAZIONE AZIENDALE ABOUT US ATTIVITA E SERVIZI ACTIVITY AND SERVICES TECNOLOGIE TECHNOLOGIES PERSONALE TEAM OBIETTIVI OBJECTIVI ESPERIENZE PRESENTAZIONE AZIENDALE B&G s.r.l. è una società di progettazione

Dettagli

Rischio... o Opportunità?

Rischio... o Opportunità? Rischio... o Opportunità? Convegno Cloud Computing per la Sanità Digitale Cloud Computing Come cambierà lo scenario del Mercato ICT nella Sanità: Rischio o Opportunità? Castelfranco Veneto, 18 Ottobre

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0232-12-2015

Informazione Regolamentata n. 0232-12-2015 Informazione Regolamentata n. 0232-12-2015 Data/Ora Ricezione 01 Aprile 2015 17:17:30 MTA Societa' : SAIPEM Identificativo Informazione Regolamentata : 55697 Nome utilizzatore : SAIPEMN01 - Chiarini Tipologia

Dettagli

LA STORIA STORY THE COMPANY ITI IMPRESA GENERALE SPA

LA STORIA STORY THE COMPANY ITI IMPRESA GENERALE SPA LA STORIA ITI IMPRESA GENERALE SPA nasce nel 1981 col nome di ITI IMPIANTI occupandosi prevalentemente della progettazione e realizzazione di grandi impianti tecnologici (termotecnici ed elettrici) in

Dettagli

Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi

Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi 1) information goes to work 2) model the way Quale migliore prospettiva

Dettagli

The information contained in this document belongs to ignition consulting s.r.l. and to the recipient of the document. The information is strictly

The information contained in this document belongs to ignition consulting s.r.l. and to the recipient of the document. The information is strictly The information contained in this document belongs to ignition consulting s.r.l. and to the recipient of the document. The information is strictly linked to the oral comments which were made at its presentation,

Dettagli

Pubblicazioni COBIT 5

Pubblicazioni COBIT 5 Pubblicazioni COBIT 5 Marco Salvato CISA, CISM, CGEIT, CRISC, COBIT 5 Foundation, COBIT 5 Trainer 1 SPONSOR DELL EVENTO SPONSOR DI ISACA VENICE CHAPTER CON IL PATROCINIO DI 2 La famiglia COBIT 5 3 Aprile

Dettagli

Supply Chain Management

Supply Chain Management Supply Chain Management Cosa è la Supply chain "il Supply Chain Management è un approccio integrato, orientato al processo per l'approvvigionamento, la produzione e la consegna di prodotti e servizi ai

Dettagli

SAMPLE. PROVA D AMMISSIONE Corso di Laurea EFI AREA MATEMATICO-STATISTICA

SAMPLE. PROVA D AMMISSIONE Corso di Laurea EFI AREA MATEMATICO-STATISTICA SAMPLE PROVA D AMMISSIONE Corso di Laurea EFI Cognome e Nome AREA MATEMATICO-STATISTICA 1. Supponete di fare un test di ipotesi e, sulla base dei risultati, di rifiutare l ipotesi nulla. Che cosa significa?

Dettagli

PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice

PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice OUR PHILOSOPHY PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT POLICY ERM MISSION manage risks in terms of prevention and mitigation proactively seize the

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU:

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU: Testi del Syllabus Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI Corso di studio: 3004 - ECONOMIA E MANAGEMENT Anno regolamento:

Dettagli

2006 IBM Corporation

2006 IBM Corporation La polarizzazione del mercato Polarizzazione del mercato consumer Bell Curves Crescita e valore percepito Well Curves Mass Competitive Spectrum Targeted Gli specialisti di settore devono possedere value

Dettagli

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu IL PIANO DI MARKETING NOTE tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu 1 Because its purpose is to create a customer, the business has two - and only two - functions:

Dettagli

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società F ondazione Diritti Genetici Biotecnologie tra scienza e società Fondazione Diritti Genetici La Fondazione Diritti Genetici è un organismo di ricerca e comunicazione sulle biotecnologie. Nata nel 2007

Dettagli

I modelli tradizionali del commercio internazionale

I modelli tradizionali del commercio internazionale I modelli tradizionali del commercio internazionale Il commercio internazionale segue i VC (Ricardo e neoclassico) Risultati I VC sono determinati dalle dotazioni fattoriali (HO) L integrazione commerciale

Dettagli

Incontro di Orientamento 5 maggio 2015. Laurea Magistrale Economia, Mercati e Management 2015/2016

Incontro di Orientamento 5 maggio 2015. Laurea Magistrale Economia, Mercati e Management 2015/2016 Incontro di Orientamento 5 maggio 2015 Laurea Magistrale Economia, Mercati e Management 2015/2016 Novità : 4 nuovi curricula LM 2015/16 Novità: 2 curricula in lingua inglese; Informazioni sul primo anno;

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

Confini del business e supply chain management

Confini del business e supply chain management Confini del business e supply chain management Roberta Bocconcelli a.a. 2011/2012 DESP Dipartimento di Eonomia, Società, Politica 1/27 La soddisfazione del cliente e la qualità totale Il cliente e la sua

Dettagli

INNOVARE PER COMPETERE INNOVATION IN FASHION CAMERA DI COMMERCIO PRATO INNOVATION IN FASHION

INNOVARE PER COMPETERE INNOVATION IN FASHION CAMERA DI COMMERCIO PRATO INNOVATION IN FASHION 25 OTTOBRE 2007 IV GIORNATA STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLA DISTRIBUZIONE E DELLA FILIERA PRODUTTIVA RELATORE Dott.sa Azzurra Sani Dott.sa STRATEGIE Azzurra DI INTERNAZIONALIZZAZIONE Sani Assegnista

Dettagli

Portfolio-Driven Performance Driving Business Results Across The Enterprise

Portfolio-Driven Performance Driving Business Results Across The Enterprise Portfolio-Driven Performance Driving Business Results Across The Enterprise IT Governance e Portfolio Management Supportare il Business The core business of tomorrow is a "new and different" idea today

Dettagli

L Asia come nuovo Motore per la crescita della PMI

L Asia come nuovo Motore per la crescita della PMI L Asia come nuovo Motore per la crescita della PMI M Direttore Generale Osservatorio Asia Paese del G8 che cresce di meno Sistema della piccola-media impresa Le PMI e la globalizzazione: Il Paradosso Italiano

Dettagli

Cenni introduttivi. L internazionalizzazione costituisce un fenomeno complesso ed eterogeneo nel grado e nelle modalità con il quale si esplica.

Cenni introduttivi. L internazionalizzazione costituisce un fenomeno complesso ed eterogeneo nel grado e nelle modalità con il quale si esplica. Cenni introduttivi L internazionalizzazione costituisce un fenomeno complesso ed eterogeneo nel grado e nelle modalità con il quale si esplica. L ambiente internazionale è diventato globale, come un unico

Dettagli

up date basic medium plus UPDATE

up date basic medium plus UPDATE up date basic medium plus UPDATE Se si potesse racchiudere il senso del XXI secolo in una parola, questa sarebbe AGGIORNAMENTO, continuo, costante, veloce. Con UpDate abbiamo connesso questa parola all

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

DIGITAL TRANSFORMATION. Trasformazione del business nell era digitale: Sfide e Opportunità per i CIO

DIGITAL TRANSFORMATION. Trasformazione del business nell era digitale: Sfide e Opportunità per i CIO DIGITAL TRANSFORMATION Trasformazione del business nell era digitale: Sfide e Opportunità per i CIO AL VOSTRO FIANCO NELLA DIGITAL TRANSFORMATION Le nuove tecnologie, tra cui il cloud computing, i social

Dettagli

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche?

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? Sintesi dei risultati Premessa L internazionalizzazione del sistema produttivo italiano costituisce uno degli obiettivi

Dettagli

GRUPPO TELECOM ITALIA. Open Access DRAFT FOR DISCUSSION FOR INTERNAL USE ONLY. 3 dicembre 2013

GRUPPO TELECOM ITALIA. Open Access DRAFT FOR DISCUSSION FOR INTERNAL USE ONLY. 3 dicembre 2013 GRUPPO TELECOM ITALIA Open Access Interventi ti di riassetto organizzativo 3 dicembre 2013 DRAFT FOR DISCUSSION FOR INTERNAL USE ONLY GRUPPO TELECOM ITALIA Agenda Access Area: rivisitazione del modello

Dettagli

La ISA nasce nel 1994 DIGITAL SOLUTION

La ISA nasce nel 1994 DIGITAL SOLUTION La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di consulenza ICT alle organizzazioni nell'ottica di migliorare la qualità e il valore dei servizi IT attraverso l'impiego

Dettagli

ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione. Raffaello Balocco Politecnico di Milano

ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione. Raffaello Balocco Politecnico di Milano ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione Raffaello Balocco Politecnico di Milano Agenda Investimenti in ICT e competitività Le ICT come reale leva strategica La

Dettagli

E-Business Consulting S.r.l.

E-Business Consulting S.r.l. e Rovigo S.r.l. Chi siamo Scenario Chi siamo Missione Plus Offerti Mercato Missionedi riferimento Posizionamento Metodologia Operativa Strategia Comunicazione Digitale Servizi Esempidi consulenza Clienti

Dettagli

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORTI DIPENDENTI MINISTERO AFFARI ESTERI ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORT I DIPENDENTI MINISTE RO AFFARI ESTER I ATTESTATO

Dettagli

Le strategie di internazionalizzazione

Le strategie di internazionalizzazione Le strategie di internazionalizzazione Elisabetta Marafioti Il processo di internazionalizzazione delle imprese Brescia, mercoledì 3 marzo 2010 Cos è una strategia di internazionalizzazione? Stiramento

Dettagli

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it Dipartimento Ing. Gestionale Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it Lean

Dettagli

CAPITOLO IX L Ingresso sui mercati esteri e la produzione internazionale

CAPITOLO IX L Ingresso sui mercati esteri e la produzione internazionale CAPITOLO IX L Ingresso sui mercati esteri e la produzione internazionale Valutare le differenti forme di ingresso sui mercati esteri, individuando le diverse motivazioni dietro ciascuna di esse Capitolo

Dettagli

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI Tesi di Laurea Analisi statistica di propagazione di campo elettromagnetico in ambiente urbano. Relatori:

Dettagli

Transforming for Results

Transforming for Results Transforming for Results Il nuovo paradigma per un efficace gestione del Capitale Umano 26 settembre 2013 Why deloitte? This is you This is you, Aligned This is you, Transformed Deloitte Business-Driven

Dettagli

Le migrazioni internazionali delle professioni altamente qualificate

Le migrazioni internazionali delle professioni altamente qualificate Le migrazioni internazionali delle professioni altamente qualificate Antonietta Pagano Roma 23 novembre 2010 Percorso delle lezioni Introduzione al fenomeno delle migrazioni qualificate Definizione di

Dettagli

La logistica e lo sviluppo economico: risorse umane Alessandro Perego. alessandro.perego@polimi.it

La logistica e lo sviluppo economico: risorse umane Alessandro Perego. alessandro.perego@polimi.it La logistica e lo sviluppo economico: risorse umane Alessandro Perego alessandro.perego@polimi.it Milano, Matching 2009, 23 Novembre 2009 Non-solo-distribuzione La logistica non è solo distribuzione fisica

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente CRISTINI GUIDO Matricola: 004533. Insegnamento: 12446 - MARKETING OPERATIVO. Anno regolamento: 2012 CFU:

Testi del Syllabus. Docente CRISTINI GUIDO Matricola: 004533. Insegnamento: 12446 - MARKETING OPERATIVO. Anno regolamento: 2012 CFU: Testi del Syllabus Docente CRISTINI GUIDO Matricola: 004533 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 12446 - MARKETING OPERATIVO Corso di studio: 3004 - ECONOMIA E MANAGEMENT Anno regolamento: 2012 CFU: 9

Dettagli

Service Design Programme

Service Design Programme Service Design Programme SERVICE DESIGN - cosa è Il Service Design è l attività di pianificazione e organizzazione di un servizio, con lo scopo di migliorarne l esperienza in termini di qualità ed interazione

Dettagli

PRODUCT LIFECYCLE MANAGEMENT

PRODUCT LIFECYCLE MANAGEMENT PRODUCT LIFECYCLE MANAGEMENT Una breve introduzione al mondo del PLM Business Development Management S.r.l. con il contributo del DIGEP del Politecnico di Torino Il PLM nasce come metodologia di gestione

Dettagli

ADVISORY. People & Change. Presentazione Servizi Presentazione dei servizi per la valorizzazione delle risorse umane. kpmg.com/it

ADVISORY. People & Change. Presentazione Servizi Presentazione dei servizi per la valorizzazione delle risorse umane. kpmg.com/it ADVISORY People & Change Presentazione Servizi Presentazione dei servizi per la valorizzazione delle risorse umane kpmg.com/it La Soluzione P&C in Italia In contesti di mercato fortemente competitivi e

Dettagli

brand implementation

brand implementation brand implementation brand implementation Underline expertise in reliable project management reflects the skills of its personnel. We know how to accomplish projects at an international level and these

Dettagli

IL SITO PRODUTTIVO NELL ECONOMIA DELLA COMPLESSITA

IL SITO PRODUTTIVO NELL ECONOMIA DELLA COMPLESSITA IL SITO PRODUTTIVO NELL ECONOMIA DELLA COMPLESSITA Prof. 1Corso: Supply chain management Docente: 1 IL SITO PRODUTTIVO L economia fordista di ispirazione taylorista ad un economia post fordista ha contribuito

Dettagli

PROGRAMMA DI VALUTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM

PROGRAMMA DI VALUTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM PROGRAMMA DI VALU UTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM Versione del 24/ /01/2014 LIFE099 ENV/IT/000068 WASTE LESS in CHIANTI Prevenzione e riduzione dei rifiuti nel territorio del Chianti INDICE

Dettagli

Il Cloud per aziende e pubbliche amministrazioni

Il Cloud per aziende e pubbliche amministrazioni Il Cloud per aziende e pubbliche amministrazioni Raffaello Balocco School of Management Politecnico di Milano 26 Giugno 2012 Il mercato del cloud mondiale: una crescita inarrestabile According to IDC Public

Dettagli

La forza lavoro del futuro: nuove strategie gestionali e previdenziali per le imprese

La forza lavoro del futuro: nuove strategie gestionali e previdenziali per le imprese La forza lavoro del futuro: nuove strategie gestionali e previdenziali per le imprese Marco Valerio Morelli, Mercer Valerio Salone, Mercer Ripensare l età e la sua gestione La prospettiva dell Age Management

Dettagli

Eco-REFITec: Seminary and Training course

Eco-REFITec: Seminary and Training course Eco-REFITec: Seminary and Training course About Eco-REFITec: Eco-REFITEC is a research project funded by the European Commission under the 7 th framework Program; that intends to support repair shipyards

Dettagli

Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing

Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing Roberto Butinar Cristiano Dal Farra Danilo Selva 1 Agenda Panoramica sulla metodologia CRISP-DM (CRoss-Industry Standard Process

Dettagli

Supply Chain Operations Reference - SCOR

Supply Chain Operations Reference - SCOR easypoli Supply Chain Operations Reference - SCOR Definizioni e schema di funzionamento del modello SCOR e discussione sui fornitori www.easypoli.it facebook.com/easypoli contatti@easypoli.it Supply Chain

Dettagli

Collaborazione e conoscenza: necessità e sfida per le aziende Marco Beltrami. IBM Global Business Services, Strategy&Change Leader

Collaborazione e conoscenza: necessità e sfida per le aziende Marco Beltrami. IBM Global Business Services, Strategy&Change Leader Collaborazione e conoscenza: necessità e sfida per le aziende Marco Beltrami IBM Global Business Services, Strategy&Change Leader La natura del lavoro sta cambiando The most important contribution management

Dettagli

Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali. Effetti del IDE sul paese d origine

Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali. Effetti del IDE sul paese d origine Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali Effetti del IDE sul paese d origine Effetti del IDE sul paese ospitante: il ruolo della capacità di assorbimento delle imprese locali

Dettagli

Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business

Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business Università : Università degli studi di Bologna Facoltà : Economia Indice di questo documento L' Appunto Le Domande d'esame e' un sito di

Dettagli

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 me Ho CALL FOR PAPERS: 4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 Software Engineering aims at modeling, managing and implementing software development products

Dettagli

Capitolo 9. di internazionalizzazione delle PMI. Alessandro Baroncelli, Luigi Serio - Economia e gestione delle imprese

Capitolo 9. di internazionalizzazione delle PMI. Alessandro Baroncelli, Luigi Serio - Economia e gestione delle imprese Capitolo 9 Reti d impresa d e processi di internazionalizzazione delle PMI Indice Le principali teorie e modelli di internazionalizzazione Le esperienze di internazionalizzazione delle pmi italiane La

Dettagli

scenario, trend, opportunità

scenario, trend, opportunità Cloud Computing nelle Imprese Italiane scenario, trend, opportunità Alfredo Gatti Managing Partner MODELLI EMERGENTI di SVILUPPO ed IMPLEMENTAZIONE Unione Parmense degli Industriali Pal. Soragna Parma

Dettagli

UN IMMAGINE MIGLIORE PER CRESCERE MEGLIO BRAND DESIGN PACKAGING CORPORATE IDENTITY ADV STILL LIFE

UN IMMAGINE MIGLIORE PER CRESCERE MEGLIO BRAND DESIGN PACKAGING CORPORATE IDENTITY ADV STILL LIFE UN IMMAGINE MIGLIORE PER CRESCERE MEGLIO BRAND DESIGN PACKAGING CORPORATE IDENTITY ADV STILL LIFE Caminiti Graphic è un team di professionisti specializzati in progetti di Brand Design, Packaging, ADV,

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI

INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Ravera Mario e-mail mario_ravera@fastwebnet.it Nazionalità Italiana Data di nascita 04/10/1969 ESPERIENZA LAVORATIVA Esperienze professionali (incarichi ricoperti)

Dettagli

Il software nel settore aerospaziale: indicazioni per la certificazione

Il software nel settore aerospaziale: indicazioni per la certificazione Il software nel settore aerospaziale: indicazioni per la certificazione 1 AGENDA Criticità del software nel settore aerospaziale Standard di riferimento esistenti e loro similitudini/differenze (panoramica

Dettagli

La delocalizzazione. Corso di Finanza internazionale Doriana Cucinelli 19-marzo-2013

La delocalizzazione. Corso di Finanza internazionale Doriana Cucinelli 19-marzo-2013 La delocalizzazione Corso di Finanza internazionale Doriana Cucinelli 19-marzo-2013 Agenda Cosa si intende per delocalizzazione Internazionalizzazione vs delocalizzazione Le forme di internazionalizzazione

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile

Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile Osservatorio Cloud & ICT as a Service Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile Mariano Corso Stefano Mainetti 17 Dicembre 2013 Collaborative Business

Dettagli

Le competenze richieste dal mercato per la conduzione dei progetti ICT

Le competenze richieste dal mercato per la conduzione dei progetti ICT GRUPPO TELECOM ITALIA Ministero dello Sviluppo Economico Scuola Superiore di Specializzazione in Telecomunicazioni Roma, 26 gennaio 2016 Le competenze richieste dal mercato per la conduzione dei progetti

Dettagli

Nell'era della Business Technology: il business e la tecnologia allineati per migliorare i risultati dell'azienda

Nell'era della Business Technology: il business e la tecnologia allineati per migliorare i risultati dell'azienda Nell'era della Business Technology: il business e la tecnologia allineati per migliorare i risultati dell'azienda Giovanni Vecchio Marketing Program Manager - Hewlett Packard Italiana S.r.l. Treviso, 13

Dettagli

THINKING DIGITAL SYNCHRONIZING WITH THE FUTURE PENSIERO DIGITALE: SINCRONIZZARSI COL FUTURO

THINKING DIGITAL SYNCHRONIZING WITH THE FUTURE PENSIERO DIGITALE: SINCRONIZZARSI COL FUTURO THINKING DIGITAL SYNCHRONIZING WITH THE FUTURE PENSIERO DIGITALE: SINCRONIZZARSI COL FUTURO A STEP FORWARD IN THE EVOLUTION Projecta Engineering developed in Sassuolo, in constant contact with the most

Dettagli

WEBGIS PER LA CONSULTAZIONE, L AGGIORNAMENTO E LO SVILUPPO DEI PIANI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI ROMA E DEI RELATIVI COMUNI

WEBGIS PER LA CONSULTAZIONE, L AGGIORNAMENTO E LO SVILUPPO DEI PIANI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI ROMA E DEI RELATIVI COMUNI WEBGIS PER LA CONSULTAZIONE, L AGGIORNAMENTO E LO SVILUPPO DEI PIANI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI ROMA E DEI RELATIVI COMUNI Monica RIZZO (*), Paolo SCALIA (*), Riccardo SCANO (*), Alessandro

Dettagli

Globalizzazione e trend della consulenza strategica

Globalizzazione e trend della consulenza strategica Globalizzazione e trend della consulenza strategica Giorgio Rossi Cairo * Abstract Lo scenario competitivo delle aziende è mutato completamente con la globalizzazione. Le aziende market-driven, orientate

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0232-42-2015

Informazione Regolamentata n. 0232-42-2015 Informazione Regolamentata n. 0232-42-2015 Data/Ora Ricezione 10 Settembre 2015 15:36:22 MTA Societa' : SAIPEM Identificativo Informazione Regolamentata : 63014 Nome utilizzatore : SAIPEMN01 - Chiarini

Dettagli

Informazioni aziendali: il punto di vista del Chief Information Security Officer ed il supporto di COBIT 5 for Information Security

Informazioni aziendali: il punto di vista del Chief Information Security Officer ed il supporto di COBIT 5 for Information Security Informazioni aziendali: il punto di vista del Chief Information Security Officer ed il supporto di COBIT 5 for Information Security Jonathan Brera Venezia Mestre, 26 Ottobre 2012 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Effetti sulla distribuzione del reddito

Effetti sulla distribuzione del reddito Sanna-Randaccio Lezione 17 Frammentazione della produzione a livello internazionale e commercio di beni intermedi Cosa è la frammentazione della produzione (offshore outsourcing) Cosa indicano i dati Perché

Dettagli

Economia e Gestione delle Imprese

Economia e Gestione delle Imprese Economia e Gestione delle Imprese Facoltà di Scienze Politiche Corso di Laurea in Economia Prof. Marco Galdenzi Anno accademico 2013/14 LA STRATEGIA La strategia è un sistema di comportamenti pianificati

Dettagli

Open Innovation. Valentina Lazzarotti LIUC Università Cattaneo

Open Innovation. Valentina Lazzarotti LIUC Università Cattaneo Open Innovation Valentina Lazzarotti LIUC Università Cattaneo 1 Agenda Definizioni Diversi modi di intendere l apertura- Variabili rilevanti Esempi di posizionamento Rischi e vantaggi Da cosa dipende in

Dettagli

Parte 1 Parte 2 Parte 3 Parte Trasversale

Parte 1 Parte 2 Parte 3 Parte Trasversale STRUTTURA Parte 1: Motivazioni e sfide per la migrazione di applicazioni Parte 2: Metodologia di migrazione delle applicazioni nel cloud Parte 3: Casi di studio Parte Trasversale: Comunicazione PASSAGGIO

Dettagli

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Per TECNOLOGIA si intendono i processi, le tecniche, i macchinari e le azioni utilizzati per trasformare gli input organizzativi (materiali,

Dettagli

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005 Information Systems Governance e analisi dei rischi con ITIL e COBIT Marco Salvato, KPMG Sessione di studio AIEA, Verona 25 Novembre 2005 1 Information Systems Governance L'Information Systems Governance

Dettagli

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA PROF.SSA MARIA ALESSANDRA ROSSI ALESSANDRA.ROSSI@UNISI.IT Innovazione e lavoro UN TEMA (DI)BATTUTO DA TEMPO SCHEMA DELLA LEZIONE Effetti dell innovazione

Dettagli

Economia e gestione delle Imprese internazionali. Ing. J.Malacarne Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Università di Bologna - 2009

Economia e gestione delle Imprese internazionali. Ing. J.Malacarne Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Università di Bologna - 2009 Economia e gestione delle Imprese internazionali Ing. J.Malacarne Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Università di Bologna - 2009 1 Contenuti del Corso 1. L internazionalizzazione delle Imprese:

Dettagli

*oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti

*oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti *oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti significa soprattutto un supporto professionale concreto!

Dettagli

AEO e sicurezza dei sistemi informativi. Luca Boselli, Senior Manager, KPMG Advisory S.p.A. Milano, 26 giugno 2008

AEO e sicurezza dei sistemi informativi. Luca Boselli, Senior Manager, KPMG Advisory S.p.A. Milano, 26 giugno 2008 AEO e sicurezza dei sistemi informativi Luca Boselli, Senior Manager, KPMG Advisory S.p.A. Milano, 26 giugno 2008 Agenda La sicurezza delle informazioni: introduzione e scenario di riferimento La sicurezza

Dettagli

Customer satisfaction and the development of commercial services

Customer satisfaction and the development of commercial services Customer satisfaction and the development of commercial services Survey 2014 Federica Crudeli San Donato Milanese, 27 May 2014 snamretegas.it Shippers day Snam Rete Gas meets the market 2 Agenda Customer

Dettagli

La soluzione IBM per la Busines Analytics Luca Dalla Villa

La soluzione IBM per la Busines Analytics Luca Dalla Villa La soluzione IBM per la Busines Analytics Luca Dalla Villa Cosa fa IBM Cognos Scorecards & Dashboards Reports Real Time Monitoring Supporto? Decisionale Come stiamo andando? Percezione Immediate immediata

Dettagli

2 MEETING INTERREGIONALE ANACI NORD OVEST BOARD OF CEPI-CEI

2 MEETING INTERREGIONALE ANACI NORD OVEST BOARD OF CEPI-CEI MILANO 2 MEETING INTERREGIONALE ANACI NORD OVEST BOARD OF CEPI-CEI MILANO 23/24/25 SETTEMBRE 2015 CON IL PATROCINIO LA CASA, L AMBIENTE, L EUROPA Nel corso dell Esposizione Universale EXPO2015 il 24 e

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Hotel Enteprise Corso Sempione, 91 Milano

Hotel Enteprise Corso Sempione, 91 Milano Hotel Enteprise Corso Sempione, 91 Milano Spend Management Transforming Procurement Savings into Business Value Gianluca Filacchione Global Head of Procurement Novartis Vaccines & Diagnostics Marzo 2011

Dettagli

Logistica Integrata. Introduzione

Logistica Integrata. Introduzione Logistica Integrata Introduzione Supply Chain : Introduzione Cos è il Supply Chain Management e la Logistica? Perché Supply Chain Management? Problematiche fondamentali 2 Che cos è la logistica? Perché

Dettagli

Massimo Florio, Network Industries and Social Welfare. The Experiment that Reshuffled European Utilities, Oxford University Press, 2013, pp. V-406.

Massimo Florio, Network Industries and Social Welfare. The Experiment that Reshuffled European Utilities, Oxford University Press, 2013, pp. V-406. Massimo Florio, Network Industries and Social Welfare. The Experiment that Reshuffled European Utilities, Oxford University Press, 2013, pp. V-406. 1. Il volume Network Industries and Social Welfare è

Dettagli

CREATING A NEW WAY OF WORKING

CREATING A NEW WAY OF WORKING 2014 IBM Corporation CREATING A NEW WAY OF WORKING L intelligenza collaborativa nella social organization Alessandro Chinnici Digital Enterprise Social Business Consultant IBM alessandro_chinnici@it.ibm.com

Dettagli

EMIT Executive Master in IT Governance & Management Franco Zuppini

EMIT Executive Master in IT Governance & Management Franco Zuppini EMIT Executive Master in IT Governance & Management Franco Zuppini Strumenti manageriali per la gestione del ciclo di vita dei servizi IT 4 Dicembre 2014 Con il patrocinio di Agenda Perché questo master

Dettagli

Cosa è e come si usa la Organization Intelligence. Fulvio De Caprio Area Manager Nord Ovest, it Consult

Cosa è e come si usa la Organization Intelligence. Fulvio De Caprio Area Manager Nord Ovest, it Consult Cosa è e come si usa la Organization Intelligence Fulvio De Caprio Area Manager Nord Ovest, it Consult Overload Informativo Siamo costretti a navigare in un mare di informazioni nel quale è facile «perdere

Dettagli

BIM E LIFE-LONG LEARNING SCUOLA MASTER F.LLI PESENTI POLITECNICO DI MILANO

BIM E LIFE-LONG LEARNING SCUOLA MASTER F.LLI PESENTI POLITECNICO DI MILANO BIM SUMMIT 2015 2 EDIZIONE BIM E LIFE-LONG LEARNING SCUOLA MASTER F.LLI PESENTI POLITECNICO DI MILANO Paola Ronca prof. Ordinario di «Tecnica delle Costruzioni», Polimi Direttore Scuola Master F.lli Pesenti

Dettagli

Organizzazione Informatica in Alstom Sergio Assandri Punta Ala, 27/09/2012

Organizzazione Informatica in Alstom Sergio Assandri Punta Ala, 27/09/2012 Organizzazione Informatica in Alstom Sergio Assandri Punta Ala, 27/09/2012 POWER Indice Motivazioni di questa organizzazione Alstom - Organizzazione IS&T Governance Organizzazione ITSSC ITSSC Modalità

Dettagli

TECNICHE di GESTIONE AZIENDALE

TECNICHE di GESTIONE AZIENDALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale e Logistica Integrata Insegnamento TECNICHE di GESTIONE AZIENDALE Docente dott.ing. GIAMPAOLO

Dettagli

Verona, 29-30 ottobre 2013!

Verona, 29-30 ottobre 2013! Verona, 29-30 ottobre 2013! Smart Home L evoluzione digitale dell ambiente domestico Marco Canesi M2M Sales & Marketing Manager Italy Home & Building 29 Ottobre 2013 1 Le abitazioni e gli edifici stanno

Dettagli

Solutions in motion.

Solutions in motion. Solutions in motion. Solutions in motion. SIPRO SIPRO presente sul mercato da quasi trent anni si colloca quale leader italiano nella progettazione e produzione di soluzioni per il motion control. Porsi

Dettagli

arte e personalità nel punto vendita

arte e personalità nel punto vendita arte e personalità nel punto vendita profilo aziendale company profile Venus è una società di consulenza specializzata nel settore marketing e retailing. Dal 1993 l obiettivo è divulgare la conoscenza

Dettagli

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi ÉTUDES - STUDIES Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi Polo Interregionale di Eccellenza Jean Monnet - Pavia Jean Monnet

Dettagli