GENETICA DELLA MALATTIA DI PARKINSON E PARKINSONISMI GENETICI. Introduzione: l eziologia della Malattia di Parkinson è eterogenea

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GENETICA DELLA MALATTIA DI PARKINSON E PARKINSONISMI GENETICI. Introduzione: l eziologia della Malattia di Parkinson è eterogenea"

Transcript

1 2000 LIMPE - pubblicazione luglio 2000 GENETICA DELLA MALATTIA DI PARKINSON E PARKINSONISMI GENETICI PROF. VINCENZO BONIFATI Introduzione: l eziologia della Malattia di Parkinson è eterogenea La nosografia delle malattie neurodegenerative, compresi i parkinsonismi, basata sinora su criteri clinico-patologici, è in corso di revisione alla luce delle recenti scoperte derivanti dagli studi di tipo genetico e di biologia molecolare (1-2). Il concetto stesso di Malattia di Parkinson Idiopatica vacilla di fronte alla esistenza di molteplici cause in grado di produrre lo spettro anatomoclinico della malattia; pertanto sarebbe oggi più corretto parlare di Malattie di Parkinson. Poco senso ha ormai chiedersi quale sia la causa della malattia, mentre occorre chiarire quali siano le cause più frequenti, o i fattori più rilevanti. Una scoperta fondamentale degli ultimi anni è stata l identificazione di una rara forma di M. di Parkinson causata da mutazioni in un gene ( - synucleina), trasmesse in modo mendeliano, autosomico-dominante. Per altre rare forme mendeliane dominanti i geni sono stati mappati ma non ancora identificati. Altra novità rilevante è stata la identificazione di una forma di Parkinson giovanile di tipo autosomico recessivo, causato da mutazioni in un nuovo gene (parkina). Tale forma è più frequente delle forme dominanti; in alcuni casi è indistinguibile dal classico Parkinson Idiopatico a livello clinico, ma non sembra associata alla presenza dei corpi di Lewy sul piano neuropatologico. Il classico concetto della corrispondenza tra Parkinson Idiopatico (con risposta alla l-dopa) e degenerazione della s. nera con corpi di Lewy viene pertanto messo in discussione. I geni finora scoperti sono probabilmente in gioco solo in una minima parte di casi. Nella maggior parte dei casi le cause della Malattia di Parkinson restano sconosciute, e modelli di tipo monogenico non sembrano molto verosimili.

2 Probabilmente ci troviamo di fronte a complesse interazioni di molti fattori di tipo genetico e non-genetico. Fattori genetici hanno un ruolo nella eziopatogenesi della Malattia di Parkinson Familiarità La Malattia di Parkinson tende a ricorrere nella stessa famiglia più frequentemente di quanto possa avvenire per effetto del caso. Questo fenomeno viene ormai confermato in modo molto consistente dagli studi epidemiologici (3-4). Circa il 15-25% dei pazienti riferisce infatti la presenza di familiarità positiva. Occorre dire che la ricorrenza familiare di una malattia non è sinonimo di ereditarietà; esistono infatti molti altri fattori, come esposizioni ambientali, occupazionali, ecc. che tendono a ricorrere nelle famiglie, e potrebbero avere un ruolo nel determinare la aggregazione familiare di una malattia. Alcune elaborazioni di tipo genetico formale hanno tuttavia suggerito che la aggregazione familiare nella malattia di Parkinson sia espressione di uno o più fattori di suscettibilità genetica, piu' che di fattori di tipo ambientale. Al contrario, malattie genetiche possono presentarsi in forma sporadica, come nel caso delle affezioni di tipo recessivo, o nel caso di mutazioni "fresche", cioè di nuova apparizione nella ultima generazione e non presenti nei genitori, od ancora per effetto di incompleta penetranza della mutazione della generazione parentale, o di diversa espressività clinica. Inoltre, meccanismi genetici "non mendeliani" sono possibili e si associano a modelli di aggregazione familiare non convenzionali. E il caso delle malattie da "espansione" di DNA (mutazioni dinamiche), o delle alterazioni del DNA mitocondriale, che viene trasmesso solo per via materna, attraverso il citoplasma dell oocita secondo leggi molto simili a quelle della genetica delle popolazioni. Modelli di eredità mitocondriale potrebbero spiegare alcuni dei fenomeni osservati nella epidemiologia genetica della malattia di Parkinson. Studi sui Gemelli

3 Gli studi sui gemelli sono un classico modello per studiare il ruolo dei fattori genetici nella eziologia delle malattie. Infatti il genoma nucleare è interamente identico nei gemelli monozigotici, mentre è solo per il 50% identico nei gemelli di-zigotici (geneticamente equivalenti ai normali fratelli). La concordanza per una malattia genetica sarà quindi più elevata nei gemelli monozigoti rispetto a quelli dizigoti. Gli studi sui gemelli parkinsoniani hanno prodotto risultati molto controversi. Alcuni studi effettuati negli anni 80, sono oggi giudicati inconclusivi soprattutto per la esiguità dei casi analizzati (5). Nel corso del 1999 sono stati pubblicati due studi significativi. Il primo e' stato condotto su una coorte di migliaia di veterani statunitensi della 2 guerra mondiale (6). Sono state identificate molte coppie di gemelli di cui uno era affetto dalla Malattia di Parkinson. La concordanza clinica di malattia è risultata esigua tra i co-gemelli nel loro complesso, e soprattutto non dissimile tra gemelli mono- e di-zigotici; questo suggerirebbe che la causa del Parkinson sia di tipo non genetico. Tuttavia, analizzando separatamente i pazienti con esordio del Parkinson prima dei 50 anni, la concordanza nei co-gemelli monozigotici era molto alta, in accordo a modelli di causalità genetica, in tale sottogruppo. Questo studio ha il pregio di aver analizzato un ampio numero di casi, ma ha il limite di aver studiato i co-gemelli solo con metodo clinico. Studi recenti con fluoro-dopa e tomografia ad emissione di positroni (PET) hanno mostrato l esistenza di alterazioni sub-cliniche della via nigrostriatale in familiari (compresi co-gemelli) clinicamente non affetti. Il solo metodo clinico evidentemente è insufficiente a rilevare la reale entità della concordanza nei gemelli. Inoltre, il follow-up dello studio di Tanner è piuttosto breve, e gli stessi autori ammettono che un maggior periodo di osservazione potrebbe portare a rilevanti cambiamenti nelle conclusioni. Infine, un modello di ereditarietà di tipo mitocondriale non può essere studiato con il metodo dei gemelli, in quanto anche i gemelli mono-zigotici non sono identici nel loro corredo di DNA mitocondriale. Un secondo studio ha analizzato un numero più esiguo di gemelli con metodo PET (7). I risultati hanno confermato una bassa concordanza di tipo clinico nei co-gemelli in generale. Tuttavia, la PET ha dimostrato la presenza di alterazioni dopaminergiche subcliniche in molti co-gemelli monozigotici, e solo in pochi di-zigotici; inoltre una seconda PET effettuata dopo alcuni anni, ha mostrato una progressione delle alterazioni nigro-striatali nei soli co-gemelli monozigotici. Tali risultati suggeriscono fortemente l esistenza di fattori di tipo genetico nella eziopatogenesi della Malattia di Parkinson, almeno per la espressione del

4 deficit nigrostriatale a livello subclinico. E possibile che per la progressione della malattia fino al livello clinico, siano necessari altri fattori, di tipo genetico e/o non-genetico. Tale ipotesi permetterebbe la sintesi dei risultati degli studi clinici e PET sui gemelli. Le Forme mendeliane di Malattia di Parkinson PARK1, α - synucleina Si tratta della prima forma della Malattia di Parkinson in cui una causa precisa è stata identificata nel 1997 da Polymeropoulos e coll. (8), studiando una famiglia di origine italiana ormai molto nota come "Contursi kindred", dal nome della località di origine in provincia di Salerno. Dopo anni di ricerche cliniche e genealogiche in collaborazione con neurologi dell Università di Napoli (Di Iorio, Bonavita) e del New Jersey, USA (Golbe, Duvoisin) il locus della malattia è stato dapprima mappato sul braccio lungo del cromosoma 4, e quindi una mutazione genetica è stata identificata nel gene della -synucleina, che risiede in tale regione cromosomica. La mutazione (G209A) produce la sostituzione dell aminoacido Alanina in posizione 53 con Treonina (Ala53Thr). La stessa alterazione è stata riscontrata in alcune famiglie indipendenti di origine greca, suggerendo la possibilità che tutte queste famiglie mediterranee siano discendenti da un comune progenitore ancestrale, anche alla luce degli stretti legami storici tra Grecia ed Italia meridionale. Una seconda mutazione puntiforme (Ala30Pro) è stata identificata nel gene per α-synucleina in una famiglia tedesca, confermando il valore patogeno di tali mutazioni. Diverse centinaia di pazienti con Parkinson familiare o sporadico sono state analizzate per la ricerca delle mutazioni note o di altre nuove mutazioni nel gene per α-synucleina, finora con esito negativo, dimostrando che PARK1 è una forma molto rara di Malattia di Parkinson autosomica dominante (9). La penetranza clinica delle mutazioni è molto elevata, stimata intorno ad 85% (ossia 85% dei portatori della mutazione sviluppa la malattia clinica nel corso della vita. Le caratteristiche cliniche (il fenotipo clinico) del PARK1 sono caratterizzate da una età media di esordio più precoce (intorno a 45 anni, con ampia variabilità) e una maggiore aggressività di decorso rispetto alle forme classiche del Parkinson. Tuttavia, è possibile che tali caratteristiche debbano essere riviste alla luce di studi su casistiche più ampie. La risposta alla l-dopa è presente, almeno all inizio della malattia; alcuni individui sviluppano demenza.

5 Sul piano istopatologico PARK1 è caratterizzato dalla presenza massiccia di corpi di Lewy a livello cerebrale, con caratteristiche che ne configurano la collocazione nell ambito della malattie da corpi di Lewy diffuse. PARK1 si va delineando come una forma molto rara di Malattia di Parkinson genetica; tuttavia la sua importanza non è limitata al valore storico, in quanto prima forma di Parkinson con causa accertata. Infatti la presenza della proteina α-synucleina è stata individuata nei corpi di Lewy in tutti i casi di Parkinson, anche se sporadici (10). Tale proteina potrebbe quindi rappresentare un componente importante (forse il principale) nella patogenesi di tutte le malattie da corpi di Lewy (parkinsonismi e demenze). In alternativa, la deposizione della - synucleina potrebbe essere solo un epifenomeno, secondario alla degenerazione neuronale. Si ritiene che le rare mutazioni genetiche possano alterare le proprietà chimico-fisiche della -synucleina aumentandone la tendenza a formare filamenti insolubili (11). Questi ultimi si depositerebbero nel citoplasma, legati dalla ubiquitina e dalle strutture del proteasoma (organello deputato alla degradazione delle proteine cellulari) ma risulterebbero non-degradabili e si accumulerebbero formando i corpi di Lewy (12). Il meccanismo con cui la α-synucleina "mutata" induce o partecipa alla patogenesi del Parkinson potrebbe dunque essere del tutto indipendente dal suo ruolo fisiologico, in quanto le forme di PARK1 sono di tipo dominante (caratterizzate generalmente dalla acquisizione di nuove funzioni conferita alla proteina dalla mutazione genetica). I maggiori sforzi dei ricercatori sono ora rivolti a comprendere i meccanismi con cui la α-synucleina "normale" si deposita nei corpi di Lewy nei casi in cui non sono presenti mutazioni genetiche. Vari scenari sono ipotizzabili: aberrazioni nel livello della espressione genetica, interazioni con altre proteine cellulari anormali (come i componenti della via metabolica della ubiquitina e del proteasoma), o effetti di fattori "esogeni" come metalli pesanti e stress ossidativo, od infine meccanismi "intrinseci" di alterazione della conformazione proteica, in analogia alle malattie da prioni. Del tutto recentemente sono stati pubblicati i primi studi condotti su animali transgenici per α-synucleina. In un primo studio, sono stati generati topi transgenici che esprimono il gene umano della α-synucleina normale (quindi priva di mutazioni). Questi animali hanno sviluppato inclusioni neuronali citoplasmatiche (simili ai corpi di Lewy) ed inoltre inclusioni nucleari (non descritte nella malattia umana). Tali inclusioni

6 sono immunoreattive per la proteina α-synucleina transgenica. Inoltre i ceppi murini con maggiore livello di espressione del gene hanno sviluppato anche deficit biochimici nel sistema dopaminergico nigrostriatale e deficit neurologici di tipo motorio (13). Questo primo studio dovra essere confermato da altri studi indipendenti. Tuttavia esso suggerisce che un aumento della espressione del gene della α- synucleina, e/o un deficit della degradazione della proteina siano implicati nella patogenesi della malattia di Parkinson idiopatica. Si conosce ancora poco sulla funzione della α-synucleina (14). Si tratta di una proteina neuronale, localizzata a livello sinaptico ed importante probabilmente per la plasticità neuronale ed i processi di apprendimento di nuovi comportamenti. La elevata conservazione nella scala evolutiva ne suggerisce una funzione neuronale fondamentale. Nuovi spunti sul possibile ruolo fisiologico della α-synucleina sono stati forniti da un secondo studio su animali manipolati geneticamente (15). In questo caso, entrambe lo copie del gene della -synucleina sono state inattivate. I topi privi di α-synucleina si sono rivelati vitali, fertili, e non hanno mostrato alcuna alterazione neuropatologica morfologica (essi sviluppano un corredo completo di neuroni dopaminergici e di terminali sinaptici). Tuttavia tali animali mostrano deficit biochimici, fisiologici e comportamentali, riconducibili ad alterazioni funzionali della neurotrasmissione centrale dopaminergica. Gli autori di questo studio propongono pertanto che la α-synucleina svolga un importante ruolo di regolazione della sinapsi dopaminergica. Recentemente è stato scoperto che -synucleina si accumula anche nelle "inclusioni gliali citoplasmatiche", il tipico marker istopatologico della Atrofia Multisistemica, una forma di parkinsonismo degenerativo atipico, clinicamente molto distante dalla malattia di Parkinson ma forse legata da comuni vie patogenetiche (16). PARK2, parkina E merito di autori Giapponesi (Yamamura e coll.) aver enucleato un sottotipo di Parkinson familiare di tipo autosomico recessivo, con età di esordio molto precoce, buona risposta alla l-dopa, ma assenza dei corpi di Lewy (17). Nel 1997 il locus genetico di tale malattia è stato mappato sul braccio lungo del cromosoma 6, e nell anno seguente mutazioni sono state identificate da Kitada e coll. in un nuovo gene, dagli autori battezzato "parkin" (18).

7 Si tratta di un gene molto esteso, con struttura complessa. La proteina parkina contiene una regione moderatamente omologa alla ubiquitina, che ne suggerisce funzioni legate alle vie del catabolismo delle proteine, ed inoltre due sequenze di tipo "ring-finger" che suggeriscono interazioni con altre strutture proteiche. La presenza di tale malattia, già indicata come "parkin disease" o malattia della parkina, è stata dimostrata dal nostro gruppo anche in Europa, con la identificazione di oltre 10 mutazioni diverse in diverse famiglie, tra cui alcune Italiane (19). La natura delle mutazioni, che spesso provocano gravi alterazioni o assenza della proteina, confermano la natura recessiva della malattia. Per la notevole variabilità delle mutazioni, che sono inoltre distribuite in tutto il gene parkin, lo screening genetico è piuttosto indaginoso, e da considerarsi tuttora incompleto. Il fenotipo clinico è peculiare: l età di esordio è molto precoce, in media intorno a 35 anni in Europa (25 anni in Giappone). La sintomatologia è quella parkinsoniana, con possibilità di distonie dell arto inferiore all esordio e vivacità dei riflessi osteo-tendinei; la risposta alla l- dopa è eccellente, con sviluppo frequente di fluttuazioni motorie e discinesie. Il decorso è tipicamente molto lento. Sono assenti i disturbi cognitivi e autonomici gravi. La anatomia patologica del PARK2, studiata finora solo in pochissimi casi, sembra caratterizzata da perdita di neuroni e gliosi a livello della sostanza nera e del locus coeruleus, con assenza di corpi di Lewy. In un caso sono state descritte inclusioni neurofibrillari (tangles) per ora di incerto significato. Per la sua discreta frequenza anche nelle popolazioni caucasiche, PARK2 deve essere considerato nella pratica clinica del neurologo, di fronte a casi di Parkinson con esordio giovanile, specialmente se prima dei 40 anni, e familiarità di tipo compatibile con meccanismi recessivi (presenza di germani affetti, e genitori sani). Occorre ricordare infine che, per la sua natura recessiva, PARK2 può presentarsi in forma sporadica. PARK3, locus 2p13 Un nuovo locus genetico di suscettibilità per la malattia di Parkinson è stato identificato da Gasser e coll. nel 1998 sul braccio corto del cromosoma 2, in un gruppo di famiglie di origine Europea (20).

8 Le caratteristiche cliniche nelle famiglie in oggetto sono tipiche del Parkinson idiopatico, compresa una età di esordio media di 59 anni, e la presenza di corpi di Lewy nei casi con conferma autoptica. In alcune famiglie, alcuni pazienti sono affetti da demenza in aggiunta al parkinsonismo, altri casi presentano una demenza isolata. La penetranza della mutazione è piuttosto bassa, probabilmente inferiore al 40%, diversamente dalle mutazioni nel gene della - synucleina. Questo rende verosimile una implicazione di tale locus anche in forme "sporadiche" della malattia. Due delle famiglie "in linkage" provengono dal Sud della Danimarca e dal Nord della Germania; i discendenti vivono oggi in USA e Canada, e gli individui affetti possiedono un comune aplotipo (ossia marcatori genetici identici lungo una regione discreta del locus), suggerendo l esistenza di un progenitore ancestrale comune e rafforzando la probabilità che tale regione del cromosoma 2 contenga un gene di suscettibilità per la malattia. Tale gene resta ad oggi ignoto. Ubiquitina-idrolasi L1, locus 4p Recentemente Leroy e coll. hanno descritto una mutazione puntiforme nel gene dell enzima Ubiquitina Idrolasi Carbossi-Terminale L1 (UCH-L1, cromosoma 4p) in una famiglia tedesca con due fratelli affetti da PD (21). La mutazione induce una significativa riduzione della attività enzimatica ed ha quindi un correlato funzionale. Sebbene ulteriori studi siano necessari per stabilirne la patogenicità, tale mutazione potrebbe essere importante poiché confermerebbe un coinvolgimento diretto delle vie di degradazione proteica intracellulare (ubiquitina-proteasoma) nella PD. Tuttavia, ad oggi nessuna altra mutazione patogena è stata identificata in tale gene nelle famiglie studiate in Europa ed USA, e la variante descritta da Leroy e coll. potrebbe anche essere un neutrale polimorfismo nel gene UCH-L1. Iowa family, locus 4p Nel 1999 Farrer e coll. hanno mappato un ulteriore locus genetico in una forma autosomica dominante della malattia di Parkinson, studiando una famiglia statunitense originaria dell Iowa (22). Il fenotipo clinico consiste in parkinsonismo ad esordio precoce, in media a 35 anni, decorso molto aggressivo, e precoce sviluppo di demenza in aggiunta al parkinsonismo. La risposta alla l-dopa è presente all inizio della malattia, ma in seguito svanisce. Sono anche presenti

9 severe disautonomie. Sul piano istopatologico si tratta di una malattia da corpi di Lewy diffusa. Il locus della Iowa family mappa sul braccio corto del cromosoma 4 (4p) in una regione contigua a quella del gene UCH-L1. Tuttavia mutazioni del gene UCH-L1 sono state escluse nella famiglia dell Iowa, il cui gene resta sconosciuto. L interesse per tale locus è ulteriormente accentuato dalla presenza nella famiglia Iowan di individui con tremore posturale isolato (compatibile quindi con una diagnosi clinica di tremore essenziale) che possiedono lo stesso aplotipo dei familiari con Parkinson. Uno stesso difetto genetico potrebbe quindi essere in grado di produrre in individui diversi di una stessa famiglia fenotipi clinici così diversi da comprendere una forma oligosintomatica simile al tremore essenziale ed una forma severa di parkinsonismo-demenza. Anche alcuni parkinsonismi atipici hanno basi genetiche. Alterazioni genetiche sono state identificate in forme di parkinsonismi degenerativi atipici (degenerazioni multisistemiche con prominenti aspetti parkinsoniani), quindi caratterizzate da segni clinici addizionali, come distonie, segni piramidali, alterazioni della motilità oculare, precoce demenza, disturbi comportamentali, e/o con scarsa risposta alla l-dopa. Mutazioni del gene della proteina Tau (associata ai microtubuli) causano una forma mendeliana, autosomico-dominante di parkinsonismo atipico e demenza, oggi ribattezzata Demenza Frontotemporale con Parkinsonismo legata al Cromosoma 17 (FTDP-17) (23). Il gene tau è oggetto di intense ricerche per le possibili implicazioni anche in altre forme di parkinsonismo atipico in cui la proteina tau e' presente nelle lesioni istopatologiche (tauopatie), come Paralisi Sopranucleare Progressiva, Degenerazione Cortico-basale, e Malattia di Pick. Del tutto recentemente, in una ulteriore forma di degenerazione multisistemica con parkinsonismo atipico familiare trasmesso per via materna è stata identificata una mutazione del DNA mitocondriale (G11778A), sinora classicamente ritenuta associata ad una forma di atrofia ottica ereditaria (Leber) (24). Conclusioni Solo considerando le forme di Parkinson di tipo mendeliano (monogenico), sono già stati mappati 5 diversi loci genetici (Tabella, Figura).

10 In diverse altre famiglie con Parkinson compatibile con meccanismo autosomico dominante tutti i loci precedenti sono stati esclusi. Ciò suggerisce l esistenza di almeno un ulteriore locus per la malattia di Parkinson, e probabilmente ne esistono diversi altri. È possibile che i geni che saranno identificati in futuro siano implicati in percentuali più ampie di casi di Parkinson familiare e sporadico. Variazioni normali (polimorfismi) nei geni già identificati possono inoltre avere un ruolo come fattori di rischio nei casi di Parkinson sporadico. Alcuni studi in proposito sono stati già pubblicati, ma i risultati necessitano di ulteriori verifiche. Molto lavoro resta da compiere per analizzare la possibile interazione tra polimorfismi genetici ed esposizioni ambientali. Infine, le conoscenze scaturite dalle forme mendeliane rare, come PARK1 e PARK2, stanno apportando contributi inaspettati e cruciali anche per la comprensione della patogenesi delle forme classiche "sporadiche" della malattia di Parkinson. Processi patogenetici comuni vanno delineandosi, incentrati su proteine "critiche" come? -synucleina o tau, che risultano implicate in malattie solo apparentemente distinte, e che potrebbero aprire la strada per nuove e definitive strategie terapeutiche. TABELLA. Malattie di Parkinson Monogeniche

11 BIBLIOGRAFIA 1. Hardy J, Gwinn-Hardy K. Genetic classification of primary neurodegenerative disease. Science 1998; 282: Una eccellente rassegna sulla nuova classificazione della malattie degenerative del sistema nervoso, resa possibile dai recenti progressi nella genetica e biologia molecolare. 2. Gasser T. Genetics of Parkinson s disease. Clin Genet 1998; 54: Bonifati V, Fabrizio E, Vanacore N, De Mari M, Meco G. Familial Parkinson s Disease: A Clinical Genetic Analysis. Can J Neurol Sci 1995; 22:

12 4. Wood N. Genes and parkinsonism. J Neurol Neurosurg Psychiatry 1997; 62: Johnson WG, Hodge SE, Duvoisin R. Twin studies and the genetics of Parkinson s disease-a reappraisal. Mov Dis 1990; 5: Tanner CM, Ottman R, Goldman SM, Ellenberg J, Chan P, Mayeux R, Langston JW. Parkinson s Disease in Twins. An etiologic study. JAMA 1999; 281: Uno studio importante per il dibattito attuale sul ruolo dei fattori genetici nella malattia di Parkinson nella popolazione generale. I risultati di questo studio, condotto con soli metodi di diagnosi clinica, suggeriscono che il ruolo di fattori genetici sia trascurabile nella maggior parte dei casi della malattia, ma molto importante nei casi con esordio prima dei 50 anni. Lo studio presenta tuttavia alcuni limiti metodologici, per cui tali conclusioni sono state discusse da altri autori, e non possono essere considerate conclusive. 7. Piccini P, Burn DJ, Ceravolo R, Maraganore D, Brooks DJ. The role of inheritance in sporadic Parkinson s disease: evidence from a longitudinal study of dopaminergic function in twins. Ann Neurol 1999; 45: Uno studio elegante, condotto con tomografia ad emissione di positroni per la diagnosi pre-clinica delle alterazioni nigro-striatali. I co-gemelli monozigoti dei pazienti mostrano alterazioni sub-cliniche della via nigrostriatale piu frequentemente dei co-gemelli di-zigotici, ed inoltre nei monozigotici, tali deficit sembrano progressivi. Tali risultati suggeriscono fortemente un ruolo di fattori genetici nella patogenesi della malattia, almeno dei processi biologici che sottendono alle alterazioni sub-cliniche. E verosimile che altri fattori di tipo non-genetico siano necessari per la progressione della malattia fino allo stadio clinico. 8. Polymeropoulos MH, Lavedan C, Leroy E, Ide SE, Dehejia A, Dutra A, et al. Mutation in the -synuclein gene identified in families with Parkinson s disease. Science 1997; 276: Un lavoro fondamentale per la ricerca sulla malattia di Parkinson degli ultimi decenni, in cui viene identificata la prima mutazione genetica (nel gene per la synucleina) in grado di causare una forma mendeliana autosomica dominante della malattia di Parkinson con corpi di Lewy. 9. Vaughan JR, Dürr A, Tassin J, Gasser T, Bonifati V, De Michele G, et al. The -synuclein Ala53Thr mutation is not a common cause of familial Parkinson s disease: a study of 230 European cases. Ann Neurol 1998; 44:

13 10. Spillantini MG, Schmidt ML, Lee VM-Y, Trojanowski JQ, Jakes R, Goedert M. -Synuclein in Lewy bodies. Nature 1997: 388 : In questo lavoro viene descritta per la prima volta la presenza della proteina a -synucleina nei corpi di Lewy. Numerosi studi successivi hanno confermato il dato. 11. Conway KA, Harper JD, Lansbury PT. Accelerated in vitro fibril formation by a mutant -synuclein linked to early-onset Parkinson disease. Nat Med 1998; 4: Mezey E, Dehejia A, Harta G, Papp MI, Polymeropoulos MH, Brownstein MJ. Alpha synuclein in neurodegenerative disorders: murderer or accomplice? Nat Med 1998; 4: Masliah E, Rockenstein E, Veinbergs I, Mallory M, Hashimoto M, Takeda A, et al. Dopaminergic loss and inclusion body formation in alpha-synuclein mice: implications for neurodegenerative disorders. Science 2000; 287: Topi transgenici che esprimono il gene umano per a -synucleina sviluppano inclusioni neuronali cerebrali (alcune simili ai corpi di Lewy), deficit biochimici dopaminergici e deficit motori. E ancora presto per parlare di "modello animale della malattia a corpi di Lewy", ma i risultati rafforzano l ipotesi che alterazioni nella espressione genetica della a - synucleina siano importanti nella patogenesi della malattia umana. 14. Clayton DF, George JM. The synucleins: a family of proteins involved in synaptic function, plasticity, neurodegeneration and disease. TINS 1998; 21: Abeliovich A, Schmitz Y, Farinas I, Choi-Lundberg D, Ho WH, Castillo PE, et al. Mice lacking alpha-synuclein display functional deficits in the nigrostriatal dopamine system. Neuron 2000; 25: Nel topo in cui il gene della a -synucleina e stato completamente inattivato, lo sviluppo del sistema nervoso e normale, ma il funzionamento delle sinapsi dopaminergiche e alterato, suggerendo per la proteina a -synucleina una funzione di regolazione a tale livello. 16. Wakabayashi K, Yoshimoto M, Tsuji S, Takahashi H. -Synuclein immunoreactivity in glial cytoplasmic inclusions in multiple system atrophy. Neurosci Lett 1998; 249:

14 17. Yamamura Y, Kuzuhara S, Kondo K, Yanagi T, Uchida M, Matsumine H, Mizuno Y. Clinical, pathologic and genetic studies on autosomal recessive early-onset parkinsonism with diurnal fluctuations. Parkinsonism Relat Disord 1998; 4: Kitada T, Asakawa S, Hattori N, Matsumine H, Yamamura S, et al. Mutations in the parkin gene cause autosomal recessive juvenile parkinsonism. Nature 1998; 392: In questo lavoro un nuovo gene chiamato "parkin" viene clonato da una piccola regione del braccio lungo del cromosoma 6. Tale gene si estende per circa basi di DNA, contiene 12 esoni, e codifica per una proteina di 465 aminoacidi. In alcune famiglie Giapponesi vengono per la prima volta identificate mutazioni di tipo recessivo alla base del parkinsonismo giovanile. 19. Abbas N, Lücking CB, Ricard S, Dürr A, Bonifati V, De Michele G, et al. A wide variety of mutations in the parkin gene is responsible for autosomal recessive parkinsonism in Europe. Hum Mol Genet 1999; 8: Qusto lavoro raccoglie la piu ampia casistica finora publicata di famiglie Europee con parkinsonismo autosomico recessivo causato da mutazioni del gene parkin. In particolare sono descritte diverse mutazioni di tipo puntiforme, che sembrano invece rare in Giappone. 20. Gasser T, Müller-Myhsok B, Wszolek ZK, Oehlmann R, Calne DB, Bonifati V, et al. A susceptibility locus for Parkinson s disease maps to chromosome 2p13. Nature Genet 1998; 18: In questo lavoro viene identificato un secondo locus genetico (sul braccio corto del cromosoma 2), associato ad una forma autosomica dominante della malattia di Parkinson. Il gene responsabile di questa forma, classificata come PARK3 dal sistema OMIM (Online Mendelian Inheritance in Man), resta sconosciuto. 21. Leroy E, Boyer R, Auburger G, Leube B et al. The ubiquitin pathway in Parkinson s disease. Nature 1998; 395: Farrer M, Gwinn-Hardy K, Muenter M, Wavrant DeVrieze F, Crook R, et al. A chromosome 4p haplotype segregating with Parkinson s disease and postural tremor. Hum Mol Genet 1999; 8: In questo lavoro un nuovo locus genetico viene identificato sul braccio corto del cromosoma 4, in una famiglia con Parkinson-Demenza

15 autosomico dominante, studiata dai clinici da molti anni, ed originaria dell Iowa. Il gene mutato resta sconosciuto. 23. Hutton M, Lendon CL, Rizzu P, Baker M, Froelich S, Houlden H, et al. Association of missense and 5'-splice-site mutations in tau with the inherited dementia FTDP-17. Nature 1998; 393: Lavoro fondamentale per la ricerca sulla neurodegenerazione. Per la prima volta mutazioni nel gene per la proteina tau sono chiaramente identificate come causa di forme autosomico-dominanti della demenza fronto-temporale, una importante entita nosografica, che comprende nel suo spettro anatomo-clinico diverse precedenti descrizioni, compresa la malattia di Pick. Diversi altri lavori hanno successivamente identificato nuove mutazioni in altre famiglie. Tuttavia e oggi chiaro che il gene della proteina tau spiega sono una parte dei casi di demenza frontotemporale. Ancora una volta siamo di fronte ad una complessa eterogeneita eziologica, un paradigma comune nel panorama attuale della neurodegenerazione. 24. Simon DK, Pulst SM, Sutton JP, Browne SE, Beal MF, Johns DR. Familial multisystem degeneration with parkinsonism associated with the mitochondrial DNA mutation. Neurology 1999; 53:

MALATTIE UMANE LEGATE ALL UPP: IL MORBO DI PARKINSON

MALATTIE UMANE LEGATE ALL UPP: IL MORBO DI PARKINSON MALATTIE UMANE LEGATE ALL UPP: IL MORBO DI PARKINSON La degradazione proteica è uno dei meccanismi essenziali che regolano i livelli di proteine cellulari, coinvolto in processi cellulari cruciali dal

Dettagli

ATASSIA SPINOCEREBELLARE 17 (SCA17) (OMIM #607136)

ATASSIA SPINOCEREBELLARE 17 (SCA17) (OMIM #607136) ATASSIA SPINOCEREBELLARE 17 (SCA17) (OMIM #607136) Il gene implicato nella SCA17 è il gene TATA box-binding protein (TBP) che fa parte del complesso della RNA polimerasi II ed è essenziale per dare inizio

Dettagli

Cosa cambia con i nuovi criteri diagnostici? Dr.ssa Laura Bracco

Cosa cambia con i nuovi criteri diagnostici? Dr.ssa Laura Bracco Cosa cambia con i nuovi criteri diagnostici? Dr.ssa Laura Bracco DEMENZA Sindrome clinica caratterizzata dal deterioramento della memoria e delle altre funzioni cognitive rispetto al livello di sviluppo

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz www.fisiokinesiterapia.biz MORBO DI PARKINSON (MB) Malattia neurodegenerativa cronica e progressiva Eziologia sconosciuta Principalmente sporadica; rari i casi di eredità mendeliana con specifico difetto

Dettagli

Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna

Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna DNA: la molecola della vita L'acido desossiribonucleico (DNA) è un acido nucleico, presente nel nucleo delle cellule, che contiene le informazioni genetiche

Dettagli

Presentazione progetti di ricerca Struttura Complessa Neuropsichiatria Infantile

Presentazione progetti di ricerca Struttura Complessa Neuropsichiatria Infantile Presentazione progetti di ricerca Struttura Complessa Neuropsichiatria Infantile Studio Epidemiologico su Mucopolisaccaridosi Ricerca Geni Coinvolti in alcune forme di paraplegia spastica ereditaria Screening

Dettagli

Esistono tre forme di diabete

Esistono tre forme di diabete Il Diabete mellito L insulina regola la captazione del glucosio Incapacità delle cellule di captare il glucosio in circolo iperglicemia e glucosuria Disponendo di meno glucosio le cellule degradano i grassi

Dettagli

SLA La malattia: inquadramento eziopatogenetico. Claudia Caponnetto Savona, 7 febbraio 2009

SLA La malattia: inquadramento eziopatogenetico. Claudia Caponnetto Savona, 7 febbraio 2009 SLA La malattia: inquadramento eziopatogenetico Claudia Caponnetto Savona, 7 febbraio 2009 Sclerosi laterale amiotrofica Degenerazione motoneuronale ad andamento progressivo ed esito fatale Familiare in

Dettagli

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica PRODA Istituto di Diagnostica Clinica Sezione di Citogenetica e Genetica molecolare Responsabile: Dott. Guglielmo Sabbadini Specialista in Genetica Medica Informazioni per la diagnosi molecolare di sordita

Dettagli

Clinica e terapia. malattie. retiniche. delle. Direttore Scientifico Alfredo Pece

Clinica e terapia. malattie. retiniche. delle. Direttore Scientifico Alfredo Pece Clinica e terapia delle malattie retiniche Direttore Scientifico Alfredo Pece Genetica LA GENETICA Cosa sta succedendo nell ambito della diagnostica e della terapia farmacologica oggi? Scoperta di geni

Dettagli

Lo sviluppo del cancro è un processo complesso che coinvolge parecchi cambiamenti nella stessa cellula staminale. Poiché tutte le cellule staminali

Lo sviluppo del cancro è un processo complesso che coinvolge parecchi cambiamenti nella stessa cellula staminale. Poiché tutte le cellule staminali Tumore Cos è il tumore? Il tumore o neoplasia (dal greco neo,, nuovo, e plasìa,, formazione), o cancro se è maligno, è una classe di malattie caratterizzate da una incontrollata riproduzione di alcune

Dettagli

GENETICA MENDELIANA NELL UOMO

GENETICA MENDELIANA NELL UOMO GENETICA MENDELIANA NELL UOMO GENETICA FORMALE o GENETICA CLASSICA basata unicamente su risultati visibili di atti riproduttivi. È la parte più antica della genetica, risalendo agli esperimenti di Mendel

Dettagli

Quando Studiare il DAT

Quando Studiare il DAT Quando Studiare il A.Piccardo, E.O. Ospedali Galliera F. Nobili Università di Genova 123 I-FP-CIT (SCAN ) Pre-sinaptico FP- CIT Post-sinaptico Non interazione tra farmaci dopaminergici e imaging In presenza

Dettagli

*Patogenesi. *Più comune malattia da accumulo lisosomiale (1:75'000 nati); AR

*Patogenesi. *Più comune malattia da accumulo lisosomiale (1:75'000 nati); AR *Più comune malattia da accumulo lisosomiale (1:75'000 nati); AR *Errore congenito del metabolismo derivante da un deficit di β-glucocerebrosidasi, glicoproteina lisosomiale codificata dal gene GBA1 (cromosoma

Dettagli

Meccanismi Biochimici delle Neurodegenerazioni

Meccanismi Biochimici delle Neurodegenerazioni Meccanismi Biochimici delle Neurodegenerazioni Lesson1 Lesson2 Lesson3 Lesson4 Lesson5 Lesson6 INDEX Intro Aggregazione proteica: ripiegamento delle proteine sistema di controllo qualità delle proteine

Dettagli

Scala fenotipica. Dominante o recessivo? fenotipo. fenotipo. fenotipo A 1 A 1 A 2 A 2 A 1 A 2

Scala fenotipica. Dominante o recessivo? fenotipo. fenotipo. fenotipo A 1 A 1 A 2 A 2 A 1 A 2 fenotipo Dominante o recessivo? Scala fenotipica fenotipo A 1 A 1 A 2 A 2 fenotipo A 1 A 2 A 1 dominante A 1 e A 2. codominanti A 2 dominante A 1 dominanza incompleta A 2 dominanza incompleta Nei casi

Dettagli

"Ma.Tr.OC: un progetto europeo per studiare la progressione di malignità delle esostosi multiple"

Ma.Tr.OC: un progetto europeo per studiare la progressione di malignità delle esostosi multiple VIII Incontro-Convegno A.C.A.R 2006-2016: DIECI ANNI DI A.C.A.R. Montecatini Terme (PT), 16 Aprile 2016 A.C.A.R "Ma.Tr.OC: un progetto europeo per studiare la progressione di malignità delle esostosi multiple"

Dettagli

Realizzazione dell Unità di Bioinformatica dell IRCCS Neuromed. Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema

Realizzazione dell Unità di Bioinformatica dell IRCCS Neuromed. Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Realizzazione dell Unità di Bioinformatica dell IRCCS Neuromed Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema La Fondazione Neuromed è un organizzazione relativamente giovane, nata nel

Dettagli

Progetto sulle esostosi multiple

Progetto sulle esostosi multiple Progetto sulle esostosi multiple PROGETTO SULLE ESOSTOSI MULTIPLE EREDITARIE Dott. Leonardo D Agruma Servizio di Genetica Medica - Dipartimento dell Età Evolutiva IRCCS Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza

Dettagli

SINDROMI POLIENDOCRINE AUTOIMMUNI (SPA)

SINDROMI POLIENDOCRINE AUTOIMMUNI (SPA) SINDROMI POLIENDOCRINE AUTOIMMUNI (SPA) Codice di esenzione: RCG030 Definizione. Con tale termine vengono definite varie sindromi cliniche caratterizzate da insufficienze funzionali a carico di una o più

Dettagli

Mendeliana Autosomica Dominante (AD) Autosomica Recessiva (AR) X-linked Recessiva (X-linked R) X-linked Dominante (X-linked D) Y-linked

Mendeliana Autosomica Dominante (AD) Autosomica Recessiva (AR) X-linked Recessiva (X-linked R) X-linked Dominante (X-linked D) Y-linked Trasmissione ereditaria di un singolo gene (eredità monofattoriale) Mendeliana Autosomica Dominante (AD) Autosomica Recessiva (AR) X-linked Recessiva (X-linked R) X-linked Dominante (X-linked D) Y-linked

Dettagli

Bari, 27 Febbraio 2010 Nicoletta Resta Dipartimento di Biomedicina dell Età Evolutiva UOC Lab. Genetica Medica INDAGINI GENETICHE: QUANDO E PERCHE

Bari, 27 Febbraio 2010 Nicoletta Resta Dipartimento di Biomedicina dell Età Evolutiva UOC Lab. Genetica Medica INDAGINI GENETICHE: QUANDO E PERCHE Bari, 27 Febbraio 2010 Nicoletta Resta Dipartimento di Biomedicina dell Età Evolutiva UOC Lab. Genetica Medica INDAGINI GENETICHE: QUANDO E PERCHE EREDITA MENDELIANA CLASSICA ~ 600 E C M 10.000 Enzimi

Dettagli

LA MALATTIA DI PARKINSON

LA MALATTIA DI PARKINSON CORSO FAD LA MALATTIA DI PARKINSON ID ECM: 114181 CREDITI 12 CREDITI ECM DESTINATARI Farmacisti Territoriali e Ospedalieri DURATA Data di inizio 15 gennaio 2015 Data di fine 31 dicembre 2015 COSTO ABBONAMENTO

Dettagli

Genetica delle Patologie ad Eredità Complessa

Genetica delle Patologie ad Eredità Complessa Genetica delle Patologie ad Eredità Complessa La maggior parte delle malattie comuni dell adulto (es. diabete mellito e ipertensione) e delle malformazioni congenite (palatoschisi, difetti del tubo neurale)

Dettagli

Casi clinici esemplari

Casi clinici esemplari Modulo 5 Casi clinici esemplari Dott. Stelvio Sestini Medico Nucleare, Dirigente medico, UO di Medicina Nucleare USL4, Prato Background (1) Il radiofarmaco 123I-N-ω-fluoropropyl-2-β-carbometossi-3-β-(4-iodofenil)-nortropano

Dettagli

Dr.ssa Gabriella Silvestri Istituto di Neurologia, UCSC, Fondazione Policlinico A. Gemelli Roma Dr.ssa Marcella Masciullo IRCSS Santa Lucia, Roma

Dr.ssa Gabriella Silvestri Istituto di Neurologia, UCSC, Fondazione Policlinico A. Gemelli Roma Dr.ssa Marcella Masciullo IRCSS Santa Lucia, Roma Ereditarietà delle PSE e counselling genetico Dr.ssa Gabriella Silvestri Istituto di Neurologia, UCSC, Fondazione Policlinico A. Gemelli Roma Dr.ssa Marcella Masciullo IRCSS Santa Lucia, Roma Paraparesi

Dettagli

Il test genetico BRCA1/BRCA2

Il test genetico BRCA1/BRCA2 L identificazione Il test genetico BRCA1/BRCA2 M.G.Tibiletti UO Anatomia Patologica Ospedale di Circolo-Università dell Insubria Varese IL CARCINOMA MAMMARIO FORME SPORADICHE FORME EREDITARIE FORME FAMIGLIARI

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

Genetica, malattie rare e contesto familiare

Genetica, malattie rare e contesto familiare XXV Anniversario IRCCS E. Medea La salute del bambino tra genetica e neuroscienze Bosisio Parini, 11 dicembre 2010 Genetica, malattie rare e contesto familiare La genetica negli ultimi 25 anni Sequenziamento

Dettagli

Screening dei soggetti a rischio e diagnostica molecolare

Screening dei soggetti a rischio e diagnostica molecolare Screening dei soggetti a rischio e diagnostica molecolare Daniela Furlan U.O. Anatomia Patologica Varese, 3 luglio 2012 Il carcinoma pancreatico Patogenesi Suscettibilità genetica Implicazioni diagnostiche

Dettagli

Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA) www.fisiokinesiterapia.biz

Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA) www.fisiokinesiterapia.biz Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA) www.fisiokinesiterapia.biz Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA) La più grave fra le malattie che colpiscono il motoneurone: sclerosi atrofia gliotica laterale cordoni

Dettagli

Le demenze. Manuel Soldato Geriatra RSA S. F. Cabrini - Codogno

Le demenze. Manuel Soldato Geriatra RSA S. F. Cabrini - Codogno Le demenze Manuel Soldato Geriatra RSA S. F. Cabrini - Codogno LE DEMENZE DEFINIZIONE 1. La demenza definisce uno stato di progressivo decadimento delle funzioni cognitive prodotto da una patologia cerebrale

Dettagli

Mitocondri e malattie neurodegenerative. metabolismo energetico bilancio redox sopravvivenza cellulare metabolismo del calcio

Mitocondri e malattie neurodegenerative. metabolismo energetico bilancio redox sopravvivenza cellulare metabolismo del calcio Mitocondri e malattie neurodegenerative Mitocondri metabolismo energetico bilancio redox sopravvivenza cellulare metabolismo del calcio Danno mitocondriale: dismetabolismo energetico (necrosi) stress ossidativo

Dettagli

Elementi di Patologia Generale Dott.ssa Samantha Messina Lezione: Patologia Genetica

Elementi di Patologia Generale Dott.ssa Samantha Messina Lezione: Patologia Genetica Elementi di Patologia Generale Dott.ssa Samantha Messina Lezione: Patologia Genetica Anno accademico 2009/2010 I anno, II semestre CdL Infermieristica e Fisioterapia PATOLOGIA GENETICA Oggetto di studio

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

A cosa serve al clinico e alla famiglia conoscere il difetto di base? Correlazione genotipo fenotipo

A cosa serve al clinico e alla famiglia conoscere il difetto di base? Correlazione genotipo fenotipo 2 Convegno Nazionale Sindrome di Rubinstein Taybi Lodi, 17 19 maggio 2013 A cosa serve al clinico e alla famiglia conoscere il difetto di base? Correlazione genotipo fenotipo Donatella Milani Cristina

Dettagli

Malattie degenerative, sporadiche ed ereditarie, prevalentemente dementigene

Malattie degenerative, sporadiche ed ereditarie, prevalentemente dementigene Malattie degenerative, sporadiche ed ereditarie, prevalentemente dementigene Prof. Roberto Cotrufo 2009 Definizione di demenza La demenza è una sindrome caratterizzata da deterioramento di capacità cognitive

Dettagli

4 modulo didattico - Modalità di trasmissione delle malattie

4 modulo didattico - Modalità di trasmissione delle malattie 4 modulo didattico - Modalità di trasmissione delle malattie monogeniche. L analisi dell albero genealogico: uno strumento indispensabile della genetica medica I SIMBOLI DELL ALBERO GENEALOGICO L ANEMIA

Dettagli

POLICLINICO UNIVERSITARIO A GESTIONE DIRETTA

POLICLINICO UNIVERSITARIO A GESTIONE DIRETTA POLICLINICO UNIVERSITARIO A GESTIONE DIRETTA Istituto di Genetica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE Address: Istituto di Genetica - Facoltà di Medicina e Chirurgia PUGD - Università degli Studi di Udine

Dettagli

LA DIAGNOSI PRENATALE : PRESENTE E FUTURO

LA DIAGNOSI PRENATALE : PRESENTE E FUTURO LA DIAGNOSI PRENATALE : PRESENTE E FUTURO LA CONSULENZA GENETICA PRENATALE Fare Dr. Renato clic per Scarinci modificare lo stile del sottotitolo dello schema GENETICA CLINICA Costituisce la parte applicativa

Dettagli

SCREENING NEONATALE RISPARMIO PER IL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE?

SCREENING NEONATALE RISPARMIO PER IL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE? SCREENING NEONATALE GENETICO RISPARMIO PER IL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE? Pietro Chiurazzi Istituto di Genetica Medica Facoltà di Medicina e Chirurgia Università Cattolica Associazione Culturale Giuseppe

Dettagli

GENETICA ed EREDITARIETÀ

GENETICA ed EREDITARIETÀ GENETICA ed EREDITARIETÀ 1. Introduzione L Epidermolisi Bollosa (EB) è una malattia di carattere genetico, la cui causa è pertanto da ricercare nei caratteri ereditari di un individuo. I processi che avvengono

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

Oggetto: presentazione progetto di ricerca anno 2010

Oggetto: presentazione progetto di ricerca anno 2010 Associazione Un Vero Sorriso Onlus via Morghen, 5 10143 Torino Torino, 01/10/2010 Oggetto: presentazione progetto di ricerca anno 2010 Titolo: Nuovi approcci per l identificazione di mutazioni rare in

Dettagli

Linkage. Lezione 4 (riprendere il testo di Genetica ) By NA

Linkage. Lezione 4 (riprendere il testo di Genetica ) By NA Linkage Lezione (riprendere il testo di Genetica ) Tipi di mappe: mappe genetiche Mappe genetiche : si basano sulla frequenza di ricombinazione fra locus identificati attraverso marcatori di varia natura:

Dettagli

Dr.ssa Daniela Gragnaniello U.O. Neurologia-Ferrara LA MALATTIA DI ALZHEIMER

Dr.ssa Daniela Gragnaniello U.O. Neurologia-Ferrara LA MALATTIA DI ALZHEIMER Dr.ssa Daniela Gragnaniello U.O. Neurologia-Ferrara LA MALATTIA DI ALZHEIMER La Malattia di Alzheimer 1906 Tubinga: Congresso della Società degli Psichiatri Tedeschi del sud-ovest Una caratteristica malattia

Dettagli

49 Congresso Nazionale SIGG Firenze, 3-7 novembre 2004

49 Congresso Nazionale SIGG Firenze, 3-7 novembre 2004 49 Congresso Nazionale SIGG Firenze, 3-7 novembre 2004 Aumentato rischio di Mild Cognitive Impairment Amnesico in soggetti portatori dell allele ε 4 dell ApoE Valeria Cornacchiola, Roberto Monastero*,

Dettagli

PROF. MASSIMO TABATON - CURRICULUM VITAE

PROF. MASSIMO TABATON - CURRICULUM VITAE PROF. MASSIMO TABATON - CURRICULUM VITAE Stato Professionale 1980-1981: Assistente di ruolo in Neurologia, Osp. Di Alessandria 1987-1990 : Assistente Neurologo, Clinica Neurologica, Università di Genova

Dettagli

Che cos'è la SCLEROSI MULTIPLA

Che cos'è la SCLEROSI MULTIPLA Che cos'è la SCLEROSI MULTIPLA Sommario Che cos'è la sclerosi multipla? Chi viene colpito? Che cosa causa la sclerosi multipla? La sclerosi multipla è ereditaria? Come progredisce la malattia? IMPORTANTE:

Dettagli

Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione. Carlo Faravelli Università di Firenze

Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione. Carlo Faravelli Università di Firenze Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione Carlo Faravelli Università di Firenze PRINCIPALI INDICATORI EPIDEMIOLOGICI Epidemiologia INCIDENZA: numero di nuovi casi Anoressia Nervosa

Dettagli

Indice dell'opera. Prefazione. Capitolo 1 Introduzione alla genetica Genetica classica e moderna Genetisti e ricerca genetica Sommario

Indice dell'opera. Prefazione. Capitolo 1 Introduzione alla genetica Genetica classica e moderna Genetisti e ricerca genetica Sommario Indice dell'opera Prefazione Capitolo 1 Introduzione alla genetica Genetica classica e moderna Genetisti e ricerca genetica Capitolo 2 DNA: il materiale genetico La ricerca del materiale genetico La composizione

Dettagli

Farmaci antiparkinson e antidemenza: cenni di patologia generale

Farmaci antiparkinson e antidemenza: cenni di patologia generale Dott.ssa Alessandra Martinelli Dirigente Neurologo Ospedale Gervasutta UDINE Farmaci antiparkinson e antidemenza: cenni di patologia generale La Farmacia pubblica territoriale e la distribuzione per conto

Dettagli

GLAUCOMA. Ilaria Longo Genetica Medica AOUS

GLAUCOMA. Ilaria Longo Genetica Medica AOUS GLAUCOMA Ilaria Longo Genetica Medica AOUS Il glaucoma è un tratto complesso dal punto di vista genetico Eterogeneità di locus (mutazioni in loci diversi possono causare la stessa malattia) Ereditarietà

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE E TECNOLOGIE BIOMEDICHE

DIPARTIMENTO DI SCIENZE E TECNOLOGIE BIOMEDICHE DIPARTIMENTO DI SCIENZE E TECNOLOGIE BIOMEDICHE Istituto di Genetica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE Address: Istituto di Genetica DSTB - Università degli Studi di Udine P.le Kolbe,1-33100 Udine - ITALIA

Dettagli

Gangliosidosi GM1 e GM2

Gangliosidosi GM1 e GM2 Gangliosidosi GM1 e GM2 Le gangliosidosi appartengono ad un gruppo di malattie ereditarie conosciute come Lysosomal Storage Deseases (traducibile come malattie da stoccaggio lisosomale), in cui, a causa

Dettagli

Quotidiano. www.ecostampa.it

Quotidiano. www.ecostampa.it Quotidiano 097156 www.ecostampa.it Quotidiano 097156 www.ecostampa.it Lettori: 2.835.000 Diffusione: 431.913 12-NOV-2013 Dir. Resp.: Ezio Mauro da pag. 1 Lettori: 2.835.000 Diffusione: 431.913 12-NOV-2013

Dettagli

Molecular basis of the X-linked Dyskeratosis disease: insights from Drosophila

Molecular basis of the X-linked Dyskeratosis disease: insights from Drosophila Molecular basis of the X-linked Dyskeratosis disease: insights from Drosophila La ricerca è stata finalizzata allo studio della Discheratosi congenita X-linked (X-DC), una malattia genetica caratterizzata

Dettagli

Alice Laita Raffaella Fornaseri Sofia Raffa

Alice Laita Raffaella Fornaseri Sofia Raffa PSICOPATOLOGICO PSICOPATOLOGICO Alice Laita Raffaella Fornaseri Sofia Raffa CAPITOLO V CAPITOLO V RISCHIO RISCHIO SINDROME DI DOWN È una malattia genetica causata dalla presenza di un cromosoma 21 in più:

Dettagli

Verbale n. 4: Prove didattiche

Verbale n. 4: Prove didattiche Verbale n. 4: Prove didattiche Il giorno 25.10.2011 alle ore 8,30 presso la sede dell Università degli Studi Parthenope di Napoli, in Via Acton 38, si riunisce in quarta seduta la Commissione Giudicatrice,

Dettagli

L informazione ai pazienti

L informazione ai pazienti PREVENZIONE DELLE MALATTIE RARE: LO STATO DELL ARTE L informazione ai pazienti La Consulenza Genetica come strumento d informazione sulle malattie rare Dott. Danilo Deiana Servizio di Screening e Consulenza

Dettagli

Eredità non mendeliana

Eredità non mendeliana Eredità non mendeliana eredità extranucleare o citoplasmatica effetto materno eredità epigenetica (imprinting) anticipazione Eredità extranucleare eredità materna o paterna geni non nucleari: genomi mitocondriali

Dettagli

Il Cancro è una malattia genetica

Il Cancro è una malattia genetica Il Cancro è una malattia genetica PROCESSO MULTIFASICO Il Cancro è sempre genetico Talvolta il cancro è ereditario Ciò che viene ereditato non è la malattia, bensì la PREDISPOSIZIONE In assenza di ulteriori

Dettagli

Linee Guida per il Trattamento della Malattia di Parkinson 2002

Linee Guida per il Trattamento della Malattia di Parkinson 2002 LIMPE lega italiana per la lotta contro la malattia di parkinson le sindromi extrapiramidali e le demenze Linee Guida per il Trattamento della Malattia di Parkinson 2002 Guest Editor: Prof. B. Bergamasco

Dettagli

Analisi genetica nell uomo: alberi genealogici problemi interpretazione

Analisi genetica nell uomo: alberi genealogici problemi interpretazione Analisi genetica nell uomo: alberi genealogici problemi interpretazione Tipi di ereditarietà monofattoriale autosomica dominante recessiva legata al sesso dominante recessiva Alberi genealogici o pedigrees

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA a.a.2011-2012 11.10.2011 Lezioni N. 7 e 8 Ereditarietà Mendeliana Segregazione alleli, indipendenza geni, associazione, ricombinazione Dott.ssa Elisabetta Trabetti UN GENE =

Dettagli

DEMENZE CLASSIFICAZIONE EPIDEMIOLOGICA. DEMENZE FREQUENTI - Forme Degenerative (Alzheimer) 45% - Forme Vascolari 20% - Forme Miste 20%

DEMENZE CLASSIFICAZIONE EPIDEMIOLOGICA. DEMENZE FREQUENTI - Forme Degenerative (Alzheimer) 45% - Forme Vascolari 20% - Forme Miste 20% DEMENZE CLASSIFICAZIONE EPIDEMIOLOGICA DEMENZE FREQUENTI - Forme Degenerative (Alzheimer) 45% - Forme Vascolari 20% - Forme Miste 20% DEMENZE MENO FREQUENTI - M. di Creutzfeld - Jacob - M. di Binswanger

Dettagli

CLINICA DELLA MALATTIA DI HUNTINGTON. Elisa Unti Dipartimento Neuroscienze U.O.C. Neurologia Azienda Ospedaliera Universitaria Pisana

CLINICA DELLA MALATTIA DI HUNTINGTON. Elisa Unti Dipartimento Neuroscienze U.O.C. Neurologia Azienda Ospedaliera Universitaria Pisana CLINICA DELLA MALATTIA DI HUNTINGTON Elisa Unti Dipartimento Neuroscienze U.O.C. Neurologia Azienda Ospedaliera Universitaria Pisana Impersistenza motoria; Movimenti involontari; Ereditarietà; Disturbi

Dettagli

La trasmissione dei caratteri ereditari. Le leggi di Mendel (1882-1884)

La trasmissione dei caratteri ereditari. Le leggi di Mendel (1882-1884) La trasmissione dei caratteri ereditari Le leggi di Mendel (1882-1884) Le leggi di Mendel studiano la trasmissione di caratteri qualitativi prodotti da un singolo gene Procedimento sperimentale di Mendel

Dettagli

5 modulo didattico - Patologia cromosomica.

5 modulo didattico - Patologia cromosomica. 5 modulo didattico - Patologia cromosomica. G0 IL CICLO CELLULARE DI UNA CELLULA DI MAMMIFERO Avviene ogni volta che la cellula si divide Le tappe fondamentali del processo sono: Separazione dei due filamenti

Dettagli

La Malattia di Alzheimer. Manuel Soldato

La Malattia di Alzheimer. Manuel Soldato La Malattia di Alzheimer Manuel Soldato Caratteristiche Più frequente forma di demenza Deterioramento ingravescente delle capacità cognitive Comparsa di disturbi comportamentali e dell affettività Progressiva

Dettagli

OMOZIGOTE Dominante. OMOZIGOTE Recessivo ETEROZIGOTE

OMOZIGOTE Dominante. OMOZIGOTE Recessivo ETEROZIGOTE GENI E CARATTERI EREDITARI I caratteri ereditari corrispondono a precisi tratti di DNA, i geni, che contengono le informazioni per la sintesi delle proteine. Ciascun gene occupa nel cromosoma una determinata

Dettagli

SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA E MALATTIA DI KENNEDY: RUOLO DELLE CELLULE SATELLITI A CONFRONTO

SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA E MALATTIA DI KENNEDY: RUOLO DELLE CELLULE SATELLITI A CONFRONTO XX Incontro annuale del Gruppo Italiano di Patologia Ultrastrutturale Udine, 5-6 Marzo 2010 SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA E MALATTIA DI KENNEDY: RUOLO DELLE CELLULE SATELLITI A CONFRONTO Brini M 1,2, Scaramozza

Dettagli

Come approcciare le predisposizioni ereditarie in oncologia: la consulenza oncogenetica

Come approcciare le predisposizioni ereditarie in oncologia: la consulenza oncogenetica Come approcciare le predisposizioni ereditarie in oncologia: la consulenza oncogenetica Daniela Turchetti Cattedra e Unità Operativa di Genetica Medica Università di Bologna/Policlinico S.Orsola-Malpighi

Dettagli

Università degli Studi del Sannio

Università degli Studi del Sannio Università degli Studi del Sannio Dipartimento di Scienze e Tecnologie Corso: Basi Genetiche delle Malattie (8 CFU) 3 Prova Intercorso, 29 Maggio 2104 Nome Cognome Matricola 1) La distrofia muscolare di

Dettagli

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016 Psicopatologia dell anziano 02 marzo 2016 Invecchiamento e Psicopatogia Salute mentale dell anziano: nuovo campo della psicopatologia. Affinamento dei criteri di diagnosi, costruzione e validazione di

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

1.1. Struttura del sistema nervoso 1.1.1. stimoli nel sistema nervoso 12

1.1. Struttura del sistema nervoso 1.1.1. stimoli nel sistema nervoso 12 2 VIVE CON PARKINSON SOMMARIO SOMMARIO Prefazione 1. sistema nervoso 10 1.1. Struttura del sistema nervoso 1.1.1. stimoli nel sistema nervoso 12 1.2. 14 1.3. flusso di nel sistema nervoso 17 specializzazione,

Dettagli

Che cos è la fibrosi cistica

Che cos è la fibrosi cistica La scoperta del gene responsabile della fibrosi cistica ha permesso la messa a punto di un test genetico per identificare il portatore sano del gene della malattia. Si è aperto quindi un importante dibattito

Dettagli

Aggiornamenti in ambito genetico

Aggiornamenti in ambito genetico 10 Congresso Nazionale sulla Sindrome di Cornelia de Lange 1-4 novembre 2012 - Gabicce Aggiornamenti in ambito genetico Cristina Gervasini Genetica Medica Dip. Scienze della Salute Università degli Studi

Dettagli

Alberto Viale I CROMOSOMI

Alberto Viale I CROMOSOMI Alberto Viale I CROMOSOMI DA MENDEL ALLA GENETICA AL DNA ALLE MUTAZIONI I cromosomi sono dei particolari bastoncelli colorati situati nel nucleo delle cellule. Sono presenti nelle cellule di ogni organismo

Dettagli

Determinazione del sesso Cromosomi sessuali

Determinazione del sesso Cromosomi sessuali Determinazione del sesso Cromosomi sessuali Negli Eucarioti un cromosoma del sesso è un cromosoma presente in forme diverse nei due sessi. Uno è un cromosoma "X", l'altro strutturalmente e funzionalmente

Dettagli

LEZIONE 1 1 INTRODUZIONE ALLA NEUROPSICOLOGIA

LEZIONE 1 1 INTRODUZIONE ALLA NEUROPSICOLOGIA INTRODUZIONE ALLA LEZIONE INTRODUZIONE ALLA 2007 Università degli studi e-campus - Via Isimbardi 0-22060 Novedrate (CO) - C.F. 0854905004 Tel: 03/7942500-7942505 Fax: 03/794250 - info@uniecampus.it INTRODUZIONE

Dettagli

Screening dei gliomi cerebrali nei pazienti con sindrome di Ollier/Maffucci: come, quando e perché?

Screening dei gliomi cerebrali nei pazienti con sindrome di Ollier/Maffucci: come, quando e perché? Screening dei gliomi cerebrali nei pazienti con sindrome di Ollier/Maffucci: come, quando e perché? Dott. Giannantonio Spena Neurochirurgo Clinica Neurochirurgica Spedali Civili e Università di Brescia

Dettagli

Sintomi e segni. Disturbo. Sindrome. Disturbi Pervasivi dello Sviluppo

Sintomi e segni. Disturbo. Sindrome. Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Annamaria Petito SSIS 400H Sintomi e segni Sono le informazioni che derivano da consapevoli sensazioni del paziente e sono le interpretazioni date dal medico agli elementi

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE DI MALATTIE RARE: IL FETO COME PAZIENTE

DIAGNOSI PRENATALE DI MALATTIE RARE: IL FETO COME PAZIENTE PROF. GIOVANNI NERI Istituto di Genetica Medica, Università Cattolica del S. Cuore, Roma DIAGNOSI PRENATALE DI MALATTIE RARE: IL FETO COME PAZIENTE La diagnosi prenatale di malattie genetiche rare è pratica

Dettagli

Il DNA: la molecola della vita

Il DNA: la molecola della vita Il DNA: la molecola della vita Gli acidi nucleici comprendono il DNA (acido desossiribonucleico) e l RNA (acido ribonucleico). Sono costituiti da molecole molto grandi, formate da unità dette nucleotidi,

Dettagli

L identificazione MODELLI PREDITTIVI. Ileana Carnevali. UO Anatomia Patologica Ospedale di Circolo-Università dell Insubria Varese

L identificazione MODELLI PREDITTIVI. Ileana Carnevali. UO Anatomia Patologica Ospedale di Circolo-Università dell Insubria Varese L identificazione MODELLI PREDITTIVI Ileana Carnevali UO Anatomia Patologica Ospedale di Circolo-Università dell Insubria Varese TEST GENETICO COMPLICATO = USO LIMITATO COME SI SELEZIONANO DURANTE LA CGO

Dettagli

Malattia di Parkinson

Malattia di Parkinson Malattia di Parkinson James Parkinson (1817) An Essay on the Shaking Palsy Malattia di Parkinson idiopatica : Quadro Clinico: Esordio insidioso (unilaterale) Decorso cronico progressivo (bilaterale) Combinazione

Dettagli

I.I.S. A. VOLTA FROSINONE. Seconda prova scritta - Simulazione CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE

I.I.S. A. VOLTA FROSINONE. Seconda prova scritta - Simulazione CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE Progetto Formazione personale docente per gli Esami di Stato (Interventi formativi di cui al D.M. n. 23/2013 e al D.M. n. 351/2014 USR Lazio) A.S. 2014/2015 Seconda prova scritta - Simulazione Codice e

Dettagli

Polimorfismi LEZIONE 6. By NA 1

Polimorfismi LEZIONE 6. By NA 1 Polimorfismi LEZIONE 6 By NA 1 * Polimorfismo Variazione presente nella popolazione con una frequenza superiore a 1% Variazioni nell aspetto By NA 2 Polimorfismo proteico Variazione presente nella popolazione

Dettagli

I.7.1 Malattie genetiche legate al sesso

I.7.1 Malattie genetiche legate al sesso verificare tutti i possibili risultati della fecondazione tra cellula uovo e spermatozoi e constatare come le probabilità che nasca una femmina o un maschio sono entrambe pari al 50%. Figura 7 - Ad ogni

Dettagli

GENETICA GENERALE GENETICA UMANA E MOLECOLARE

GENETICA GENERALE GENETICA UMANA E MOLECOLARE GENETICA GENERALE GENETICA UMANA E MOLECOLARE Come si studiano i geni 1. Trasmissione genetica, studia i fenomeni del passaggio dei caratteri da generazione a generazione (sperimentale: in modelli animali

Dettagli

La genetica della distonia

La genetica della distonia La genetica della distonia L'ipotesi che alcune forme di distonia siano ereditarie risale a molti decenni orsono. Tuttavia, soltanto nel 1990 Ozelius e coll. sono stati in grado di localizzare per la prima

Dettagli

La trasmissione delle malattie genetiche. Anna Onofri

La trasmissione delle malattie genetiche. Anna Onofri La trasmissione delle malattie genetiche Gli alberi genealogici Anna Onofri I simboli maggiormente utilizzati Le malattie genetiche Molte malattie genetiche sono legate ad un singolo gene e possono verificarsi

Dettagli

PARKINSON CON DEMENZA E DEMENZA A CORPI DI LEWY: ASPETTI CLINICI

PARKINSON CON DEMENZA E DEMENZA A CORPI DI LEWY: ASPETTI CLINICI PARKINSON CON DEMENZA E DEMENZA A CORPI DI LEWY: ASPETTI CLINICI Emilia Martignoni Dipartimento di Scienze Mediche, Università degli Studi del Piemonte Orientale "A. Av o g a d ro", Novara Servizio di

Dettagli

La regolazione genica nei eucarioti

La regolazione genica nei eucarioti La regolazione genica nei eucarioti Lic. Scientifico A. Meucci Aprilia Prof. Rolando Neri Differenziamento negli eucarioti pluricellulari Negli eucarioti le cellule specializzate dei vari tessuti contengono

Dettagli

Piattaforma per studi su larga scala di eventi molecolari associati a patologie umane: applicazioni per la scoperta di nuovi farmaci

Piattaforma per studi su larga scala di eventi molecolari associati a patologie umane: applicazioni per la scoperta di nuovi farmaci Piattaforma per studi su larga scala di eventi molecolari associati a patologie umane: applicazioni per la scoperta di nuovi farmaci Roberto Ravazzolo Direttore Nicoletta Pedemonte Dirigente Biologo U.O.C.

Dettagli

Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo. alla realtà di ogni giorno

Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo. alla realtà di ogni giorno Editoriale n.10 Newsletter aprile 2013 Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo alla realtà di ogni giorno Identificare la specie, un obiettivo fondamentale quando

Dettagli

NUOVE PROSPETTIVE PER IL RIPRISTINO DELLO SVILUPPO CEREBRALE NELLA SINDROME DI DOWN

NUOVE PROSPETTIVE PER IL RIPRISTINO DELLO SVILUPPO CEREBRALE NELLA SINDROME DI DOWN NUOVE PROSPETTIVE PER IL RIPRISTINO DELLO SVILUPPO CEREBRALE NELLA SINDROME DI DOWN GRUPPO DI RICERCA Coordinamento Università Partner Progetto realizzato con il contributo di Assicurazioni Generali ABSTRACT

Dettagli

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica Test genetici per evidenziare il rischio di trombolfilia Il Fattore V della coagulazione è un cofattore essenziale per l attivazione della protrombina a trombina. La variante G1691A, definita variante

Dettagli