Qualità come leva strategica per il successo. Milano,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Qualità come leva strategica per il successo. Milano, 28 11 2011"

Transcript

1 Qualità come leva strategica per il successo Milano,

2 Sommario Il Gruppo Le Operations Strategie per la Qualità Progetto Qualità & Welfare L attuale organizzazione e I risultati raggiunti

3 Overview of Luxottica Group

4 Luxottica Group overview 1 Group 130 Countries 64,000 People 11 Plants 45 Brands ~7,000 Stores >8 mn OneSight patients >55 mn Manufactured frames >60 mn Customers 4

5 Key financial figures FY bn Group sales 3.6 bn Retail sales 2.2 bn Wholesale sales 712 mn Operating income 402 mn Net income 8.9 bn Market capitalization (1) (1) As of September 30,

6 50 years of excellence Acquisition of Oakley Strengthening Latam retail 2009 First step into retail in Latin America 2006 Starting retail expansion in China 2004 Strengthening retail in North America: Cole National 2003 OPSM Acquisition of Ray-Ban 2001 Entry into sun retail: Sunglass Hut 2000 LISTING ON BORSA ITALIANA Acquisition of Vogue Acquisition of Persol Entering the MVC business in US: EyeMed Starting license agreements with the fashion industry Entry into optical retail: LensCrafters LISTING ON NYSE 1974 Entrance in wholesale distribution 1971 Launch of 1 st collection of prescription eyewear 1961 Producer of frames components 6

7 What Luxottica stands for

8 Entrepreneurship & Growth We see opportunities that others don t and understand the value of taking risks. We trust our instincts and listen to our intuition so that we will continue to lead the industry. Milestones 1990 US listing 1995 LensCrafters 1999 Ray-Ban 2001 Sunglass Hut 2003 OPSM 2007 Oakley what s next? Growth is in our DNA Leonardo Del Vecchio 8

9 Vertical integration One of the competitive advantages underpinning our past and future successes is our vertically integrated business model, which is unique in the eyewear industry. distribution Customer prototypes logistic design manufacturing 9

10 Innovation Creativity and innovation are the foundations of our success and the way we work. We love what we do and believe we make a difference in people s lives. Registered patent 5% of the mix Keep on re-inventing: Light Ray collection in sun and optical Over 600 patents and 1,000 trademarks HDO technology 1,500 athletes loyal to the brand The first 2D lenses ever made with high-wrap curvature Unique proposition Structured assortment management Fast replenishment 32 milin visitors 15 milion viewed virals 1.8 milion Facebook fans 10

11 Brands overview

12 The best brand portfolio in the industry A strong and diversified brand portfolio House brands License brands (1) Video Brands (1) Starting from

13 Ray-Ban: the most successful eyewear brand The authentic global Icon Since 1937 Ray-Ban is the most successful eyewear brand in the world, worn by movie stars, musicians, athletes, rebels and mavericks Timeless, original, authentic, free, American, iconoclastic cool and courageous: Ray-Ban is the unsurpassed leader in eyewear market, an indispensable part of modern culture Seven decades of design, technology and innovation, combining cool style and exceptional quality both in frame and lens to deliver legendary sunglasses and optical frames The Aviator, born in 1937, and the Wayfarer, launched in 1952 are today inimitable icons still setting trends The recent launch of Ray Ban Tech with Carbon Fiver collection opened a new fronteer offering high tech confort in very day life 13

14 Oakley: global, iconic, unique, authentic #1 sport and performance eyewear brand in the world Established in 1975 and headquartered in Southern California, Oakley is one of the leading sports brands in the world Oakley s Superior High Definition Optics meet the toughest demands of world-class athletes, military, law enforcement and active consumers The holder of more than 600 patents, Oakley captures a unique blend of technology, design and art in its sunglasses, goggles, prescription eyewear, apparel, footwear and accessories Oakley has both men s and women s product lines that target Sports Performance, Active and Lifestyle consumers Product distribution is global and spans wholesale to retail, and optical to sport 14

15 Wholesale

16 Wholesale distribution A global coverage......with a selective distribution 130 countries, 5 continents Leadership in key markets: approx. 40 direct subsidiaries representing over 90% of sales Reaching approx. 200,000 doors Leveraging on a very strong brand portfolio Plenty of potential for additional growth from exiting and new brands A different distribution strategy by brand Plenty of new opportunities Emerging markets New channels opportunities: department stores, travel retail Service is a key differentiator Brand positioning Luxury Premium Fashion Fashion Lifestyle N. doors 8,000-12,000 15,000-25,000 60, , , ,000 16

17 Retail

18 Leader in optical and sun retail A strong and diversified retail brand portfolio Over 7,000 stores worldwide Leading premium optical retailer in: North America Asia-Pacific Latin America Greater China Optical Leading specialty premium sun retailer worldwide Leading operator of leased optical departments in host stores in North America One of the largest managed vision care operators in the US, through EyeMed Sun 18

19 LensCrafters almost 1,200 stores as of June 30, 2011 LensCrafters is a leader in optical retailing in North America and is expanding its presence in the premium eyewear market in China. Nearly 900 stores in North America have fully-equipped in-store laboratories to produce glasses in about one hour. 19

20 Sunglass Hut almost 2,500 stores as of June 30, 2011 Since the acquisition of Sunglass Hut in 2001, Luxottica has become a world leader in the specialty sun retail business 20

21 Financial results

22 NET SALES financial performance (millions of Euro) 6,000 5,000 4,000 3,000 2,000 1, ,798 5,202 4,966 5,094 4, % 14.1% 12.6% % 2010 NET SALES BREAKDOWN 22

23 Net income (millions of Euro)

24 Luxottica Group Foundation

25 OneSight foundation A Luxottica foundation, OneSight s mission is to restore and preserve clear vision for the 314 million adults and children worldwide who cannot afford or do not have access to primary vision care. Our vision is a world where primary eye care is a reality for everyone. Through OneSight, we donate our expertise in eye care and eyewear to give back to those in need. We ve helped more than 7.5 million people since Results Global Eye Care: 15 Global Clinics to 11 different countries 149,412 people helped Regional Eye Care: 34 Regional and Vision Van Clinics across North America, China and Australia 26,335 people helped Community Eye Care: 164,908 helped through in-store and community outreach programs across North America and Asia- Pacific Preventative Eye Care: The OneSight Research Foundation awarded US$250,000 to each of eight organizations that support diabetic retinopathy research 20 optometry students received scholarships from the OneSight Research Foundation totaling $40,000 OneSight Clinic volunteers were able to help a 74-year old woman who did not have glasses. She was blind in one eye and incredibly far-sighted in the other. The team found a perfect prescription match which allowed her to see clearly for the first time in 5 years. Thailand Global Clinic,

26 Operations

27 Luxottica operations: where we are Foot Hill Ranch Winnipeg Knoxville Columbus Memphis Dallas Agordo Cencenighe Sedico Pederobba Rovereto Lauriano Izmir (Turchia) Bhiw adi (India) Tristar Plant Acetate Tristar Plant Metal Tristar Plant Decorations AMERICA Foothill Ranch (U.S.A) RX Lenses Labs : Columbus(U.S.A) Dallas(U.S.A) Memphis (U.S.A) Knoxville(U.S.A) Winnipeg (Canada) EUROPE Agordo (Italy) Cencenighe (Italy) Sedico (Italy) Pederobba (Italy) Rovereto (Italy) Lauriano (Italy) Izmir (Turkey) ASIA Dong Guan (China) -Tristar Plant Acetate -Tristar Plant Metal -Tristar Plant Decorations Bhiwadi (India) Luxottica Quality 27

28 The plants Luxottica Chinese plants, Dongguan Oakley Headquarters and main manufacturing facility, Foothill Ranch (California) Luxottica s main manufacturing plant, Agordo (Italy) 28

29 First-class manufacturing capabilities Lenses Plastic Metal Acetate Los Angeles Lauriano Los Angeles Pederobba Agordo & Rovereto Tristar Sedico Tristar Greater flexibility to quickly adjust and shift production as needed 29

30 Operiamo in contesti diversissimi con dinamiche differenti Usa 13 /h + 3,2% Italia 22 /h + 2,6% Cina 1,5 /h + 20% Brasile 5,5 /h + 6,5% Piano triennale

31 Global logistic network Luxottica has one of the most efficient and advanced logistics system in the industry, with 18 distribution centers worldwide There are 3 main distribution centers (hubs) in strategic locations serving the major markets: Sedico in Europe, Atlanta in the Americas and Dongguan in the Asia-Pacific region Foothill Ranch Mexico Winnipeg Cincinnati Dallas Toronto Columbus Atlanta Sedico Turkey India Dongguan Hong Kong Japan Singapore Rio de Janeiro Sidney 31

32 Organization chart Operations Oakley C. Baden Luxottica Deputy Chairman L. Francavilla HR N. Pela Luxottica CFO E. Cavatorta Luxottica Lean System Engineering Planning Produz Ops Acquisti Logistic LABS Oakley Quality ITALY ASIA HR Cost Control Piano triennale

33 Strategie per la Qualità

34 IL CAMBIO DI PARADIGMA E LA NUOVA ORGANIZZAZIONE L evoluzione del Quality Management C.Salomoni 34

35 L equilibrio tra il change management e un azienda in crescita LA SFIDA 1. Dimensioni mondiali dell azienda 2. Complessità logistica e culturale 3. Contesto economico CHANGE MANAGEMENT L evoluzione del Quality Management C.Salomoni PROFITABLE AND GROWING COMPANY 35

36 Strategia CHIAREZZA SCELTA DETERMINAZIONE L evoluzione del Quality Management C.Salomoni 36

37 Il cambio di paradigma APPROCCIO STORICO APPROCCIO MANAGERIALE azioni basate solo sull esperienza interventi una tantum e scorrelati tendenza a rimediare al problema azioni basate su dati e fatti applicazione di un metodo eliminazione delle cause IL DATO RAPPRESENTA LA REALTÀ? L evoluzione del Quality Management C.Salomoni 37

38 Processi & Qualità dei Dati Job Shop Lean Production Processi complessi, non lineari e personalizzati Variabili numerose Processi chiari, lineari e standardizzati Variabili minimizzate BASSA QUALITÀ DEI DATI MIGLIORAMENTO DIFFICOLTOSO ALTA QUALITÀ DEI DATI MIGLIORAMENTO CONTINUO L evoluzione del Quality Management C.Salomoni 38

39 Nuovo ambito per la Qualità Fornitori IMPROVEMENT PROCESS Processo Clienti QUALITÀ FORNITORI QUALITÀ DI PRODOTTO QUALITÀ DI PROCESSO AFTER SALES SISTEMA QUALITÀ L evoluzione del Quality Management C.Salomoni 39

40 TRAINING ACTIVITES E PROGETTI L evoluzione del Quality Management C.Salomoni 40

41 La crescita delle competenze EXTERNAL KNOW HOW COMPANY KNOW HOW HUMAN RESOURCES COURSES A WORLDWIDE APPROACH: 6σ L evoluzione del Quality Management C.Salomoni 41

42 6σ come linguaggio comune e approccio condiviso S L P 6σ T Trianing activities Production units A Agordo L Lauriano T Tristar R Rovereto P Pederobba S Sedico A R L evoluzione del Quality Management C.Salomoni 42

43 From Tristar to Luxottica Lean University: training plan TRISTAR LEAN UNIVERSITY - YEAR 1 Lean Manufacturing System Lean Thinking Lean and Six Sigma Value Stream Analysis Line Balance Uniform Load Statistical Process Control Xbar-R Charts Discrete Data Control Charts Process Capability One Piece Flow Line balance: Creating continuous flow Uniform Load: Levelling Production Ergonomics Pull Scheduling Small batch size: reducing set-up time SMED for production environment LUXOTTICA LEAN UNIVERSITY - YEAR 2 25 green belt training LUXOTTICA LEAN UNIVERSITY - YEAR 3 25 green belt black belt L evoluzione del Quality Management C.Salomoni 43

44 Progetti di miglioramento all interno del Gruppo S L A T P Improvement Projects Production Units A Agordo L Lauriano T Tristar R Rovereto P Pederobba S Sedico R L evoluzione del Quality Management C.Salomoni 44

45 PROGETTI P50 L evoluzione del Quality Management C.Salomoni 45

46 Costi della qualità e progetti P50 TQC IQC PRODUZIONE PROGETTAZIONE FORNITORI CLIENTE L evoluzione del Quality Management C.Salomoni 46

47 KPIs e P50 SCARTI PF+SML P50 FQC ( ) IQC ( ) ANVA QUALITÀ COSTI DEL PERSONALE DI QUALITÀ + COSTI DI GARANZIA = IQC( ) IQC% versato pf sml( ) FQC( ) FQC% versato pf sml( ) TQC ( ) COSTI TOTALI DELLA NON QUALITÀ TQC% IQC( ) FQC( ) versato pf sml( ) L evoluzione del Quality Management C.Salomoni 47

48 Progetti di miglioramento di Gruppo [P 50] Target Plant Macroprocess Costs Actions (cost centres) Metal Plant 1 Injected Finishing Plant 2 Acetate Finishing Quality Costs - 50 % in 2 years Plant 3 Plant 4 Injected Finishing Metal Finishing Scrapped NVAA FTE VSM: Actions VSM: Actions VSM: Actions VSM: Actions Plant 5 Acetate Finishing Plant 6 Plastic Lenses Glass Lenses L evoluzione del Quality Management C.Salomoni 48

49 Progetto Qualità & Welfare

50 Il coinvolgimento di TUTTI In questo momento di incertezza LUXOTTICA ha deciso di percorrere la strada della responsabilità, prendendosi cura con il Progetto Qualità & Welfare sia dei suoi Clienti interni che di quelli esterni, orientando le sue scelte verso la continua ricerca della loro piena soddisfazione. Mettere al primo posto le Persone significa mettere al primo posto la soddisfazione del Cliente, solo dipendenti soddisfatti saranno interessati ad appagare le esigenze e le aspettative dei Clienti finali. 50

51 Il progetto welfare: Sistema Welfare Luxottica e l azionariato del fare Un sistema che crea valore e lo trasferisce alle persone Le nostre persone operano ogni giorno per creare valore Possono contribuire a creare valore aggiuntivo, da trasformare in dividendi immediati Il Sistema Welfare Luxottica deve essere per i dipendenti una forma di azionariato del fare 51

52 In cosa consiste il progetto Welfare Se il gruppo mettesse in busta paga 100 euro in più, ai suoi dipendenti ne arriverebbero solo 50 per effetto del cuneo fiscale. I mezzi Accordi con le catene di retail per acquistare beni di uso primario; convenzioni con centri di medicina preventiva e diagnostica; cure odontoiatriche, pediatriche e specialistiche; aiuti per l'uso dei mezzi di trasporto; interventi per l'istruzione scolastica; borse di studio e orientamento professionale. Il progetto ha interessato persone nei 6 stabilimenti italiani per un valore di 2,7 milioni di euro Le collaborazioni E stato possibile perché realizzato INSIEME da Luxottica, Organizzazioni Sindacali e Territorio 52

53 Un esperimento accolto bene e come un caso raro Giancarlo :40:10h Ad Agordo sanno perfettamente che non possono fare a meno delle maestranze italiane... e i nostri ragazzi sanno perfettamente che potranno contare su Luxottica......Luxottica è, e rimarrà sempre la prima... la qualità non è acqua... ciao LXVI :12:24h Bravi bravi bravi, da imitare!! Luciano F :08:48h credo resterà un esempio isolato, la mentalità dell'imprenditore medio italiano è molto diversa il dubbioso :26:03h...come nella mia azienda...ah ah ah. comunque mi sembra una cosa seria, assolutamente lontana dalla mentalità italiana 53

54 Qualità & Welfare Sistema Welfare Luxottica e l azionariato del fare Un sistema che crea valore e lo trasferisce alle persone Nel 2009 la non Qualità ha generato costi per 30 Ml Ciascuno può contribuire a recuperare questo valore che va disperso, anche attraverso l attenzione al come lavora, l abitudine quotidiana a rispettare le regole che guidano i processi, la cura del luogo e degli strumenti che usa, l esempio che può costituire per gli altri Possiamo misurare il recupero di valore, attivare e monitorare il circolo virtuoso che crea valore e lo trasferisce alle persone Chiederemo a tutti di mettere in pratica alcuni comportamenti, facendoli diventare abitudini diffuse 54

55 Il Circolo virtuoso: La Qualità del Lavoro per la Qualità della Vita Qualità della vita Impiego delle risorse liberate in piani Welfare Qualità dei processi Liberazione di risorse Qualità dei prodotti Riduzione degli sprechi 55

56 I 4 principi per migliorare 1. ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO Il rispetto delle regole condivise, che migliorano il proprio e l altrui lavoro, e lo spirito proattivo rendono un gruppo di persone formalmente unito nel raggiungere uno o più obiettivi comuni. Allenare la propria capacità critica con proposte di innovazione e semplificazione contribuisce al miglioramento continuo Come posso fare in pratica? Praticare la qualità, applicando le regole condivise e trasformando le Istruzioni Operative di Qualità in abitudini quotidiane 2. PREVENZIONE Individuare e proporre azioni atte ad anticipare possibili problemi, capitalizzare l esperienza e la conoscenza proprie ed altrui evitano l insorgere o il ripetersi di eventi dannosi. Come posso fare in pratica? Vedere in anticipo i possibili problemi, suggerire interventi preventivi e salvaguardie 3. COMUNICAZIONE Abituarsi allo scambio fluido di informazioni significa preoccuparsi che ognuno sappia quello che gli serve per lavorare al meglio. La comunicazione permette di stabilire e mantenere un contatto all interno dei diversi enti dell azienda, favorisce il dibattito e l individuazione delle soluzioni. Come posso fare in pratica? Partecipare ai meeting periodici per la divulgazione dei risultati e per un allargato coinvolgimento 4. COLLEGGIALITÀ Lavorare insieme significa sentirsi parte di un gruppo, interagire con gli altri, cooperare. Prendere l iniziativa per promuovere il miglioramento, porta a guardare anche al di là delle proprie mansioni: lo sguardo esterno vede meglio. Sentirsi corresponsabili dei risultati significa sapere che anch io sono Luxottica e che Luxottica mi riguarda Come posso fare in pratica? Sostenere il mio gruppo di lavoro, chiedere un supporto quando necessario 56

57 Declinazioni ed esempi ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO Effettuare le pause collettive che consentono di non sbilanciare i flussi Mantenere ordinata e pulita la postazione di lavoro (banco, attrezzature, macchine, strumentazioni) Conoscere e rispettare le procedure e le Istruzioni Operative di Qualità (IOQ) AGORDO: BANCHETTO RIPARATORE LINEA 11 FINITURA L ordine consente di trovare quello che ci serve e di accorgerci di ciò che manca solo con un colpo d occhio PEDEROBBA: INTESTATURA Le istruzioni operative riassumono quanto appreso negli anni da ogni singolo, suggeriscono i controlli nei momenti più opportuni, definiscono la sequenza delle operazioni più corretta e sono in continua evoluzione per migliorare SEDICO: AREA FINITO (ISOLE) Se un rematore si ferma, gli altri devono faticare di più per poter far andare avanti la barca, per questo le pause collettive sono un vantaggio per tutti 57

58 Declinazioni ed esempi PREVENZIONE Utilizzare i contenitori appropriati per il deposito e movimentazione dei componenti/occhiali e mantenerli puliti e in buono stato. Manipolare correttamente i componenti e gli occhiali durante le fasi di lavorazioni utilizzando i dispositivi utili (guanti, tappetini da banco, rivestimenti in gomma per le pinze di registrazione ecc) ad evitare difettosità superficiali CONTENITORI PER OCCHIALI FINITI METALLO (ROVERETO, AGORDO) I diversi contenitori sono stati studiati per non danneggiare gli occhiali durante il trasporto. Mantenendoli puliti si eviteranno strisci e danneggiamenti LINEE DI MONTAGGIO (PEDEROBBA, AGORDO) Il nostro prodotto è un gioiello che richiede cura durante le lavorazioni e il trasporto: guanti, tappetini, attrezzature adeguatamente rivestite evitano i danneggiamenti 58

59 Declinazioni ed esempi COMUNICAZIONE Segnalare tempestivamente le difettosità rilevate o malfunzionamenti di attrezzature, macchine, strumentazioni. Segnalare e registrare correttamente cause, numero di non conformità, tempi di riparazione su modulistica/sistemi informativi (dati di riparazioni, scarto, ANVA) LAURIANO LENTI: SEGNALATO UN NUOVO TIPO La segnalazione immediata di un problema, fa sì che si possa risolvere al più presto possibile. PEDEROBBA: QUADRATURA ORE Non registrando correttamente i dati, si ottengono informazioni sbagliate e non si riescono ad individuare correttamente le cause dei problemi DI DIFETTO 59

60 Qtà Nc % week 16,0% 14,0% 12,0% 10,0% 8,0% 6,0% 4,0% 2,0% 2,4% 4,8% 0,0% ACCOPPIAMENTO AST/FRO/TALL 20 11,9% 2,4% COLORE NC 50 4,8% 4,8% Pareto difetti 11,9% SUPERFICIE ASTA NC 20 2,4% 2,4% 14,3% 7,1% SUPERFICIE LENTI NC 20 Descrizione Codice Non Conformità 11,9% 2,4% 9,5% TIMBRATURA NC 50 2,4% 4,8% VITI NC 50 Declinazioni ed esempi COLLEGGIALITÀ Cogliere e segnalare opportunità di miglioramento (postazione, contenitori, attrezzature, strumenti di controllo, metodo di lavoro) Rendersi partecipi negli obiettivi e nei risultati della Qualità (quality corner) 2,00 % 1,50 % 1,56% 1,78% 1,50 1,40 1,30 1,20 1,10 30,0% 25,0% 20,0% 15,0% 1,00 % 0,81% 0,88% 0,96% Quantità lavorata in % 0,50 % 22,8% 24,2% 24,6% 26,4% 26,4% 0,00 % 18,5% 18,0% 19,3% ,0% 3,5% 5,0% 0,1% 0,5% 0,5% 1,3% 1,8% 1,9% 1,8% 1,5% 1,9% 0,0% 1 / 1TOTALE 2 / 2 3 STABILIMENTI / 3 4 / 4 5 / 5 6 / 6 7 / 7 8 / 8 9 / 9 % quantità entrata a controllo % quantità campionata 1,33 1,31 1,19 1,18 1,09 1,05 1,00 1,05 0,97 0,90 0,80 MEETING SETTIMANALI DI PRODUZIONE E QUALITÀ Tutti possono partecipare a migliorare l azienda: ogni suggerimento per cambiare in meglio è benvenuto 0, Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug+ Ago GRAFICI DEI QUALITY CORNER DI AGORDO, PEDEROBBA, SEDICO Interessarsi a come stanno andando gli indicatori, significa interessarsi al nostro lavoro, alla nostra azienda, al nostro futuro 60

61 Struttura dell indicatore Extra consumi di materie prime, componenti e relative manodopere IQC (Internal Quality Cost) Attività a non valore aggiunto riconducibili a problemi Qualitativi di prodotto o di sistema Personale addetto ad attività per la Qualità Versato prodotto finito Numero di occhiali prodotti Indicatore IQC (costo non Qualità per occhiale) = IQC ( ) Versato prodotto finito 61

62 Come misuriamo la Qualità (nel Processo e del Prodotto) 15,0% 11,6% % acetato % metallo % iniettato Qualità percepita dal Mercato (LQS) 10,0% 5,0% 0,0% 8,9% 3,3% 4,2% 3,0% 3,0% 6,9% 4,0% 4,8% 3,9% 3,8% 2,5% 2,6% 3,1% 3,5% 2,0% 1,9% 2,0% 1,7% 1,6% 1,2% 2,3% 2,7% 1,6% 1,3% 1,1% 0,8% Q4-08 gen-09 feb-09 mar-09 apr-09 mag-09 giu-09 lug-09 ago-09 1,50 TOTALE STABILIMENTI Qualità interna (IQC) 1,40 1,30 1,20 1,10 1,00 0,90 1,33 1,09 1,05 1,31 1,19 1,18 1,05 Target = 1,07 ( - 20%) 0,97 0,80 0,70 ytd ago 1, Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug+ Ago 62

63 Organizzazione e risultati

64 Quality: organization chart Group Quality (C. Salomoni) Quality System Product Quality Quality Controller Imprvmt Process Italy China (C. Minto) Oakley LOM Logistic After Sales SQM Improv. Pr. Quality S. Product Q. SQM Improv. Pr. Plant Plant Glob Supply Chain, 3 years Plan 64

65 After Sales Service: Organization chart After Sales Corporate Services Process Developm. Spare Parts managemnt After Sales Center EU After Sales Center US After Sales Center CN India Turchia After Sales Subsidiary After Sales Subsidiary After Sales Subsidiary Brasile Messico 65

66 The functions Engineering Manufacturing Distribution PRODUCT QUALITY (APQP & LAB) SUPPLIER QUALITY QUALITY MANUFACTURING PRODUCT QUALITY (LQS) QUALITY SYSTEM & AUDITING AFTER SALES Customer Satisfied PROCESS IMPROVEMENT Luxottica Quality 66

67 KPI s Engineering Manufacturing Distribution Customer Satisfied APQP IQC LQS PQL FQR APQP IQC LQS PQL FQR Engineering Quality Level Internal Quality Cost Pre Delivery Inspection Product Quality Level Field Quality Returns Target 2011 Lev el 2010 Target 2011 Lev el 2010 Target 2011 Target 2011 Lev el 2010 Target 2011 N.C. Indr. < 2% IQC < 8,7% LQS < 95,5 PQL > 98 FQR 1 a. < 0,5% Luxottica Quality 67

68 APQP: Team & KPI s Product Quality New APQP Team (Advanced Product Quality Planning): Dedicated to ensure that the model is designed and developed conforming to quality specifications, time and capacity demands APQP Index: % of Models with more than 24 hrs production delay Italy M A I Collection March 2011 Tot. Models 240 Status 3: Creation of drawing Status 2: Creation of tools Status 1: Creation of samples (preseries) Status 0: Models to be mass produced PRODUCTION 97 models Mod.exam / Mod.pass Blocks / Mod. exam. 11% 4% 32% 8% 100% 18% 100% 25% M A I P ROJECT DRAWINGS C Y CLES P RODUCIBILITY RE SI DENT METAL DWG I N SPECTION LI ST OF TOOLS BO M C O ST E STIMATION C H ECK & A CCEPTANCE O F A CTIVITIES T OOLS (C omponents) A VANSERIE C O MPONENTS C OMPONENTS CHECK T OOLS (A vanseries) A VANSERIE M ODEL A VANSERIE C HECK C H ECK & A CCEPTANCE Luxottica Quality O F A CTIVITIES DWG RE GISTRATION I N FORMATION BO M + C YCLES M ST ER LENS C O ST E STIMATION C H ECK & A CCEPTANCE O F A CTIVITIES RE SI DENT ACETATE RE SI DENT I NJ. N.C. NO DEROGATION 3 3% N.C. WITH DEROGATION 10 10% SET UP 15 15% NO N.C % 68

69 KPI s: New PQL Index Product Quality WEIGHT OF TEST CATHEGORY = WEIGHT OF MAINS DEFECT FAMILIES OF RETURNS Paint adhesion 10% Esthetical defects 8% DEFECT Breaks TEST CATEGORY MECHANICAL TESTS TEST 1. Pad arm break 2. New Endurance 3. Stress resistance for titanium frames 4. Memory metal test Breaks 82% Paint adhesion PAINT 1. Adhesion Esthetical defects LQS INDEX 1. IOQ 600/ LQS index PQL index , ,60 93,57 96,1 94,3 94,1396,7 94,36 93,6695,8 94, ,76 88,32 90,75 90, ,00 85,80 85, gen-11 feb-11 mar-11 apr-11 mag-11 Test meccanici Test vernice LQS index PQL index Luxottica Quality 69

70 Supplier Development Plan Supplier Quality Firefighting Suppliers Dev. Plan Risk Approach 2012 P.P.M SUPPLIER BASE 76% of Total Defectiveness came from 19% of Suppliers Base 24% 76% 19% 81% Results p.p.m. by Suppliers Group B p.p.m. by Suppliers Group A P.P.M p.p.m. tot p.p.m. by Suppliers Group B p.p.m. by Suppliers Group A +18% -55% (May ytd) Luxottica Quality Main Actions -Supplier re-organization -Standardized check workstation -In process control programs -Control Plans, Checking tools, -Processes/moduls change -Deviation management -Source Inspections -Quality Targets 70

71 KPI s: IQC Quality Manufacturing IQC Italian Plants 15% 12% 9% 13,9% 11,3% P50 IQC REDUCTION PLAN - 44% vs % 3% 9,2% 7,8% 0% FRC 2011 Main activities for IQC reduction: - detailed intra-plant action plan with Central Quality supervision - cell design - 5 s - kaizen events - continuous improvement projects on critical processes - saving actions on main materials families - Non-value adding activities cost reduction projects IQC(%) IQC: FORMULA IQC Value Production Value IQC[Value] Extra Consumption [Value] Non adding Value Activities [Value] Fte[Cost] Luxottica Quality 71

72 KPI s: LQS Product Quality 7% 6% 5% 4% 3% 2% 1% 0% 6,3% 2,3% LQS-GLOBAL OPERATION 1,2% 0,8% 0,7% 0,9% 0,8% Q '10 2Q '10 3Q '10 4Q '10 1Q '11 year quarter LQS: FORMULA LQS INDEX: PRE DELIVERY INSPECTION LQS N i 1 C D i -Inspection by sampling plan -High number of defects LQS N lots sampled C totalsampled totalof defective frames found in lot i D i Luxottica Quality 72

73 KPI s: LQS Index Product Quality ,0 90,5 LQS index-global OPERATION quarter target 95,5 95,5 95,5 95,5 95,5 95,0 95,8 94,8 95,7 96,4 70 1Q '10 2Q '10 3Q '10 4Q '10 1Q '11 2Q '11 LQS Index: FORMULA LQS INDEX: PRE DELIVERY INSPECTION -Inspection by sampling plan LQS INDEX N 100 Ci C i j 1 1 d i p ij -High number of defects -High seriousness of defects LQS Index Ci number of pieces sampled from lot i N lots sampled pij weight of defect jfound in lot i C totalsampled d totalnumber of defects found in lot i i Luxottica Quality 73

74 KPI s 2011: IQC,LQS Index & FQR Total & Main Plants IQC LQS index FQR AGORDO TRISTAR TOTALE 14% 12% 10% 8% 6% 4% 2% 14% 12% 10% 8% 6% 4% 2% 0% 14% 12% 10% 8% 6% 4% 2% 10,3% 9,2% 10,4% 8,9% Gen '11 8,8% 8,6% 8,4% 8,2% 8,1% 8,1% 8,3% 8,0% Feb '11 Mar '11 4,3% 7,1% 4,1% 4,1% 3,8% 4,0% Gen '11 9,7% 9,3% Gen '11 8,2% Feb '11 9,1% 7,6% Feb '11 Mar '11 9,4% 8,9% Mar '11 4,2% Apr '11 9,0% 8,8% Apr '11 7,7% Apr '11 7,0% Mag '11 7,8% 6,8% 6,8% 6,8% Giu '11 IIIQ '11 IVQ '11 3,9% 4,5% 4,5% 4,5% 2,5% Mag '11 8,6% 7,5% Mag '11 Giu '11 IIIQ '11 8,6% 8,4% IVQ '11 7,9% 7,4% 7,3% 7,0% Giu '11 IIIQ '11 IVQ ' ,8 IVQ ,7 96,5 97,5 96,5 97,0 IVQ ,5 IVQ ,0 95,5 95,5 95,5 95,7 96,7 95,8 96,3 IQ ,0 95,5 95,5 95,5 95,5 95,5 96,0 IQ ,0 95,5 95,5 95,5 95,5 95,5 96,0 95,8 97,0 96,4 96,7 IQ 2011 Apr '11 Apr '11 Apr '11 Mag '11 Mag '11 Mag '11 Giu '11 Giu '11 Giu '11 95,5 IIQ 2011 IIQ 2011 IIQ ,5 IIIQ 2011 IIIQ 2011 IIIQ ,0 IVQ 2011 IVQ 2011 IVQ ,0% 3,5% 3,0% 2,5% 2,0% 1,5% 1,0% 0,5% 0,0% 4,0% 3,5% 3,0% 2,5% 2,0% 1,5% 1,0% 0,5% 0,0% 4,0% 3,5% 3,0% 2,5% 2,0% 1,5% 1,0% 0,5% 0,0% Lug. '07 Lug. '07 Lug. '07 Set. '07 Gen. Mar. Giu. '08 '08 '08 Ago. '08 Set. Gen. Mar. Giu. Ago. '07 '08 '08 '08 '08 Set. Gen. Mar. Giu. Ago. '07 '08 '08 '08 '08 Gen. Mar. Apr. '09 '09 '09 Mag. Lug. Dic. '09 '09 '09 Gen. Mar. Apr. Mag. Lug. Dic. '09 '09 '09 '09 '09 '09 Gen. Mar. Apr. Mag. Lug. Dic. '09 '09 '09 '09 '09 '09 Gen. Mar. Lug. Dic. '10 '10 '10 '10 Gen. Mar. Lug. Dic. '10 '10 '10 '10 Gen. Mar. Lug. Dic. '10 '10 '10 '10 AGORDO TRISTAR TOTALE Luxottica Quality 74

75 Benchmarking items: TEST LUXOTTICA ISO STANDARD TEST Benchmark Periodical benchmarking activities with main competitors in order to: Define areas of improvement Be alligned with competitors product performaces DIMENSIONAL MECHANICAL TESTS PAINT Dimensional tollerances (size, temple length) Dimensional stability Bridge deformation Endurance test Lenses retention Ignition resistance Perspiration resistance Optical radiation resistance Nickel release MECHANICAL TESTS PAINT Hinges fatigue resistance Static Deformation New Endurance Paint adhesion after perspiration ISO Mandrino after perspiration ISO Paint adhesion after ageing QUV Luxottica Quality 75

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Process automation Grazie a oltre trent anni di presenza nel settore e all esperienza maturata in ambito nazionale e internazionale, Elsag Datamat ha acquisito un profondo know-how dei processi industriali,

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

company P R O F I L E

company P R O F I L E company P R O F I L E la nostra azienda about us PASSIONE E TRADIZIONE NEL NOSTRO PASSATO PASSION AND DEEP-ROOTED TRADITION Lavorwash nasce nel 1975 ed è da oltre 35 anni uno dei maggiori produttori al

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte Mariano Ammirabile Cloud Computing Sales Leader - aprile 2011 2011 IBM Corporation Evoluzione dei modelli di computing negli anni Cloud Client-Server

Dettagli

BRating Analysis. Summary Concluse le analisi mensili sui dati aggiornati a fine Marzo 2015. 15/04/2015. Statistiche del sistema

BRating Analysis. Summary Concluse le analisi mensili sui dati aggiornati a fine Marzo 2015. 15/04/2015. Statistiche del sistema BRating Analysis 15/04/2015 Summary Concluse le analisi mensili sui dati aggiornati a fine Marzo 2015. Per quanto riguarda il mercato azionario I protagonisti del mese sono stati i fondi che investono

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Agata Landi Convegno ANIMP 11 Aprile 2014 IL GRUPPO ALSTOM Project management in IS&T L esperienza Alstom 11/4/2014 P 2 Il gruppo Alstom Alstom Thermal

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

Il Data Quality, un problema di Business!

Il Data Quality, un problema di Business! Knowledge Intelligence: metodologia, modelli gestionali e strumenti tecnologici per la governance e lo sviluppo del business Il Data Quality, un problema di Business! Pietro Berrettoni, IT Manager Acraf

Dettagli

Delta. Centro di progettazione e sviluppo. Research & Development Department. Controllo resistenza alla corrosione Corrosion resistance testing.

Delta. Centro di progettazione e sviluppo. Research & Development Department. Controllo resistenza alla corrosione Corrosion resistance testing. Delta PATENT PENDING Sistema di apertura per ante a ribalta senza alcun ingombro all interno del mobile. Lift system for doors with vertical opening: cabinet interior completely fittingless. Delta Centro

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé.

il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé. il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé. COLLECTION luna material and shapes evoke the celestial

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015

INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015 INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015 Data: 23/04/2015 Ora: 17:45 Mittente: UniCredit S.p.A. Oggetto: Pioneer Investments e Santander Asset Management: unite per creare un leader globale nell asset management

Dettagli

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi.

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. I modelli di sourcing Il mercato offre una varietà di modelli di sourcing, ispirati

Dettagli

Sistemi di Asset Management per la gestione delle Facilities: il caso Ariete Soc. Coop.

Sistemi di Asset Management per la gestione delle Facilities: il caso Ariete Soc. Coop. Sistemi di Asset Management per la gestione delle Facilities: il caso Ariete Soc. Coop. Sottotitolo : Soluzioni di Asset Management al servizio delle attività di Facility Management Avanzato Ing. Sandro

Dettagli

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing La best practice ITILv3 nell IT Sourcing Novembre 2009 Indice 1. Introduzione... 4 1.1. Il contesto dell outsourcing... 4 1.2. Le fasi di processo e le strutture di sourcing... 7 1.3. L esigenza di governance...

Dettagli

La nostra storia, il vostro futuro.

La nostra storia, il vostro futuro. La nostra storia, il vostro futuro. JPMorgan Funds - Corporate La nostra storia, il vostro futuro. W were e wer La nostra tradizione, la vostra sicurezza Go as far as you can see; when you get there, you

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004 ! VERBI CHE TERMINANO IN... COME COSTRUIRE IL SIMPLE PAST ESEMPIO e aggiungere -d live - lived date - dated consonante + y 1 vocale + 1 consonante (ma non w o y) cambiare y in i, poi aggiungere -ed raddoppiare

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Terni, 12 Marzo 20115

COMUNICATO STAMPA. Terni, 12 Marzo 20115 COMUNICATO STAMPA Terni, 2 Marzo 205 TERNIENERGIA: Il CDA della controllata Free Energia approva il progetto di bilancio al 3 Dicembre 204 Il CEO Stefano Neri premiato a Hong Kong per la sostenibilità

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not?

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not? Il passato Grammar File 12 Past simple Il past simple inglese corrisponde al passato prossimo, al passato remoto e, in alcuni casi, all imperfetto italiano. Con l eccezione del verbo be, la forma del past

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. LA METODOLOGIA EFQM E IL QUESTIONARIO DI AUTO VALUTAZIONE... 4 3. LA METODOLOGIA

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Paolo Ferrandi Responsabile Tecnico Research for Enterprise Systems Federico Bonelli Engineer Process mining & Optimization Un

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET

LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET Internet una finestra sul mondo... Un azienda moderna non puo negarsi ad Internet, ma.. Per attivare un reale business con transazioni commerciali via Internet

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti 1 Web conferencing software Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti Arpa Piemonte 2 Che cosa è Big Blue Button? Free, open source, web conferencing software Semplice ed immediato ( Just push

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

The Verification Process in the ASTRI Project: the Verification Control Document (VCD)

The Verification Process in the ASTRI Project: the Verification Control Document (VCD) The Verification Process in the ASTRI Project: the Verification Control Document (VCD) L. Stringhetti INAF-IASF Milano on behalf of the ASTRI Collaboration 1 1 Summary The ASTRI/CTA project The ASTRI Verification

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

SOL terra Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2014

SOL terra Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2014 SOL terra Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2014 MADE IN ITALY SOL - Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2013 Sol è un sistema basato interamente sull interpretazione di innovativi principi di calcolo

Dettagli

3. LO STAGE INTERNAZIONALE

3. LO STAGE INTERNAZIONALE 3. LO STAGE INTERNAZIONALE 3.1. IL CONCETTO La formazione professionale deve essere considerata un mezzo per fornire ai giovani la conoscenza teorica e pratica richiesta per rispondere in maniera flessibile

Dettagli

E INNOVAZIONE EFFICIENZA AND INNOVATION EFFICIENCY PER CRESCERE IN EDEFFICACIA TO GROW IN AND EFFECTIVENESS

E INNOVAZIONE EFFICIENZA AND INNOVATION EFFICIENCY PER CRESCERE IN EDEFFICACIA TO GROW IN AND EFFECTIVENESS Una società certificata di qualità UNI EN ISO 9001-2000 per: Progettazione ed erogazione di servizi di consulenza per l accesso ai programmi di finanziamento europei, nazionali e regionali. FIT Consulting

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd Workshop Career Management: essere protagonisti della propria storia professionale Torino, 27 febbraio 2013 L evoluzione del mercato del lavoro L evoluzione del ruolo del CFO e le competenze del futuro

Dettagli

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti Federico Corradi Workshop SIAM Cogitek Milano, 17/2/2009 COGITEK s.r.l. Via Montecuccoli 9 10121 TORINO Tel. 0115660912 Fax. 0115132623Cod. Fisc.. E Part.

Dettagli

PANNELLO FRONTALE: QUERCIA STYLE CANNELLA PROFILO: PINO NERO PIANO DI SERVIZIO E ZOCCOLO: AGGLOMERATO MEROPE

PANNELLO FRONTALE: QUERCIA STYLE CANNELLA PROFILO: PINO NERO PIANO DI SERVIZIO E ZOCCOLO: AGGLOMERATO MEROPE Una proposta dall estetica esclusiva, in cui tutti gli elementi compositivi sono ispirati dalla geometria più pura e dalla massima essenzialità del disegno per un progetto caratterizzato da semplicità

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy. da noi ogni sapone è unico. Authentically Made in Italy Florence

Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy. da noi ogni sapone è unico. Authentically Made in Italy Florence Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy da noi ogni sapone è unico alveare soap gori 1919 soap factory lavorazione artigianale italiana Handmade in Italy I nostri saponi sono il frutto di un

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Costruiamo relazioni di valore

Costruiamo relazioni di valore Costruiamo relazioni di valore www.dualitalia.com benvenuti in dual italia DUAL Italia, costituita a Milano nel 2000, è un agenzia di sottoscrizione assicurativa e riassicurativa specialista nei settori:

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

www.01net.it Il primo portale italiano per i professionisti dell Ict, per il trade e per le piccole e medie imprese utenti di Ict

www.01net.it Il primo portale italiano per i professionisti dell Ict, per il trade e per le piccole e medie imprese utenti di Ict www.01net.it Il primo portale italiano per i professionisti dell Ict, per il trade e per le piccole e medie imprese utenti di Ict 01NET NETWORK www.01net.it Pag 2 Dati di traffico 01net Network Totale

Dettagli

ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti

ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti Emanuele Bellingeri Managing Director, Head of ishares Italy Ottobre 2014 La differenza di ishares La differenza di ishares Crescita del

Dettagli

PRESENT PERFECT CONTINUOS

PRESENT PERFECT CONTINUOS PRESENT PERFECT CONTINUOS 1. Si usa il Present Perfect Continuous per esprimere un'azione che è appena terminata, che si è prolungata per un certo tempo e la cui conseguenza è evidente in questo momento.

Dettagli

40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine

40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine 40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine Le puttane sanno condividere le parti più private e delicate del corpo con perfetti sconosciuti. Le puttane hanno accesso a luoghi inaccessibili. Le puttane

Dettagli

Best practice per il Service Mgmt

Best practice per il Service Mgmt Best practice per il Service Mgmt IBM e il nuovo ITIL v3 Claudio Valant IT Strategy & Architecture Consultant IBM Global Technology Services IBM Governance and Risk Agenda Introduzione ad ITIL V3 Il ruolo

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli