Corso di Diagnosi e Critical Appraisal in Nefrologia e Discipline correlate

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Diagnosi e Critical Appraisal in Nefrologia e Discipline correlate"

Transcript

1 Corso di Diagnosi e Critical Appraisal in Nefrologia e Discipline correlate Presidenti: Francesco Casino e Antonio Santoro Direttore scientifico: Simeone Andrulli Comitato Scientifico: il Consiglio Direttivo della SIN Ruolo della clinica e del laboratorio nella valutazione della funzione renale residua nella fase iniziale del trattamento sostitutivo Francesco Casino e Teodoro Lopez Matera, 8 Maggio 2015

2 Introduzione - La funzione renale (FR) è quantificata dalla velocità di filtrazione glomerulare (GFR, ml/min/1.73m 2 ). - Con riferimento specifico alle fasi iniziali della terapia dialitica, ci sono almeno 3 aspetti in cui il monitoraggio del GFR può avere un ruolo importante: 1. La scelta del momento giusto (timing) per iniziare la terapia sostitutiva (HD o DP). 2. La graduazione del ritmo e della dose della terapia sostitutiva (dialisi incrementale). 3. La ricerca e la verifica dell efficacia di terapie miranti a preservare la FRR nel pz. in dialisi (HD,DP)

3 La stima pratica di GFR Nella routine clinica, soprattutto per la stadiazione di CKD, il GFR è correntemente stimato (egfr) con la formula a «4 variabili» derivata dallo studio MDRD: 175 x Cr x età x (0.742 se donna) x (1.21 se afro-am) Nei pz con CKD avanzata e/o in dialisi, però, l equazione MDRD sovrastima il GFR, e le linee guida europee raccomandano di usare la media di ClCr e KrU. Per misurare ClCr e Kr in HD si può misurare BUN e Cr nel sangue all attacco e nelle urine delle prec. 24 h

4 1) Il Timing per l inizio dialisi (ID) Il dibattito sul timing ottimale per l inizio dialisi è nato con la stessa dialisi, e non è ancora concluso. Le indicazioni alla dialisi erano inizialmente le più severe manifestazioni cliniche uremiche (I. Assolute). Poi si decise di iniziare dopo la comparsa delle manifestazioni meno gravi (I. Relative). E, infine, è stata ipotizzata l utilità di un inizio dialisi «precoce» (per cercare di prevenire del tutto le manifestazioni uremiche), basato non sulla clinica, ma su un indice numerico associato alla funzione renale (Krt/V).

5 LINEE GUIDA (NKF-DOQI, 1997) PER L INIZIO DELLA DIALISI 1) KrT/V settimanale = Kt/V settimanale in CAPD 2.0 (Kr 7-8, Ccr 12-14, GFR 10 ml/min) Kr (7 ml/min) * min (t) / ml (V) = / = 2 Oppure 2) npna 0.8 g/kg/d

6 Alcuni studi storici a favore della dialisi precoce Bonomini et. al fin dai primi anni 70 avevano mostrato una maggiore sopravvivenza, minore ospedalizzazione e maggiore frequenza di impiego a tempo pieno nei pazienti con inizio precoce, con ClCr ml/min Tattersall et. al (1995), valutando il follow-up di 63 pz che all ID avevano un Krt/V giornaliero di 0,15 ± 0,05 (in media 1.05 su base settimanale, inadeguato per la CAPD), trovarono che mortalità ed ospedalizzazione correlavano con età e comorbidità ed inversamente con KrT/V iniziale.

7 2010

8

9 Canadian Society of Nephrology 2014 clinical practice guideline for timing the initiation of chronic dialysis Key Points: Early initiation of dialysis does not improve survival, quality of life or hospital admission rates compared with late or deferred initiation of dialysis. We recommend an intent-to-defer strategy, whereby patients with an estimated glomerular filtration rate (egfr) below 15 ml/ min per 1.73 m2 are closely monitored by a nephrologist, with dialysis initiated when clinical indications emerge or the egfr is 6 ml/min per 1.73m2 or less, whichever of these should occur first.

10 2) Modalità di inizio: la Dialisi incrementale I pazienti avviati alla DP spesso iniziano il trattamento sostitutivo (RRT) con modalità incrementale. Al contrario, i pazienti avviati all HD molto spesso iniziano direttamente in ritmo trisettimanale.

11 2) Modalità di inizio: la Dialisi incrementale I pazienti avviati alla DP spesso iniziano il trattamento sostitutivo (RRT) con modalità incrementale. Al contrario, i pazienti avviati all HD molto spesso iniziano direttamente in ritmo trisettimanale. Il mancato sviluppo dell HD incrementale è probabilmente dovuto, in parte, al dato storico di un declino rapido di FRR in HD, che richiede un frequente monitoraggio di GFR e, in parte, ad errori causati da UKM

12 Concetti classici sulla Dialisi Incrementale La dialisi incrementale consiste nell aumento progressivo della dose di dialisi (Kt/V) in parallelo con la riduzione della funzione renale residua (FRR). Per poter eseguire la somma di Kt/V con FRR, che sono espressi in differenti unità di misura, è necessario prima uniformare le unità di misura. In pratica ci sono due possibilità: 1. Trasformare le unità di FRR in unità di Kt/V (Gotch) 2. Trasformare le unità di Kt/V in unità di FRR (EKR, Casino e Lopez) In entrambi i casi, si assume l equivalenza tra clearance dialitica (Kd) e clearance renale (Kr) dell urea.

13 Clearance renale (Kr) e Clearance dialitica (Kd) UKM assume, correttamente, l equivalenza matematica tra Kr e Kd

14 Clearance renale (Kr) e Clearance dialitica (Kd) UKM assume, correttamente, l equivalenza matematica tra Kr e Kd, però, quando si usa UKM per modellare la dial. incrementale, di fatto si assume, erroneamente, l equivalenza clinica tra FRR e Kd.

15 Clearance renale (Kr) e Clearance dialitica (Kd) UKM assume, correttamente, l equivalenza matematica tra Kr e Kd, però, quando si usa UKM per modellare la dial. incrementale, di fatto si assume, erroneamente, l equivalenza clinica tra FRR e Kd. Probabilmente, si continua ad usare UKM come guida nella prescrizione incrementale o perché non si è consapevoli dell errore, o perché si ritiene che tale errore non abbia gravi conseguenze pratiche. Infatti, non c è dubbio che FRR vale di più di Kd

16

17 Conseguenze dell erronea assunzione di equivalenza clinica nella prescrizione della dialisi incrementale Secondo UKM, l HD monosettimanale, pur essendo sicura e ben accetta al paziente, non è utilizzabile. Infatti, per es., anche un pz. asintomatico con Krc=6 (GFR 8-9) ml/min, che fino al giorno prima viveva bene senza dialisi, per il sol fatto di aver iniziato la dialisi, dovrebbe aver bisogno di una dose depurativa più che doppia di quella precedente, con una dose integrativa dialitica pari ad una clearance continua di 7 ml/min, per raggiungere un EKR totale pari 13 ml/min 14 Urea Clearance subito prima di iniziare al dialisi E K R d (m l/m in ) EKRd Krc Krc (ml/min)

18 Un approccio empirico alternativo per guidare la prescrizione incrementale senza UKM (utilizzato da anni a Matera nei pazienti stabili) 1 HD/wk GFR = 6 4 ml/min/1.73 m 2 2 HD/wk GFR = 4 2 ml/min/1.73 m 2 3 HD/wk GFR <2 ml/min/1.73 m 2

19

20 3) Preservazione del GFR in Dialisi E ormai ben stabilito che la presenza di una FRR anche minima si associa ad un miglioramento della sopravvivenza dei pazienti in dialisi (DP e HD). I meccanismi responsabili non sono ben noti ma probilmente sono legati alle funzioni renali principali:

21 3) Preservazione del GFR in Dialisi E ormai ben stabilito che la presenza di una FRR anche minima si associa ad un miglioramento della sopravvivenza dei pazienti in dialisi (DP e HD). I meccanismi responsabili non sono ben noti ma probilmente sono legati alle funzioni renali principali: -Escretoria, che elimina sia le tossine uremiche (piccole e medie e/o legate alle proteine), che i liquidi corporei in eccesso.

22 3) Preservazione del GFR in Dialisi E ormai ben stabilito che la presenza di una FRR anche minima si associa ad un miglioramento della sopravvivenza dei pazienti in dialisi (DP e HD). I meccanismi responsabili non sono ben noti ma probilmente sono legati alle funzioni renali principali: -Escretoria, che elimina sia le tossine uremiche (piccole e medie e/o legate alle proteine), che i liquidi corporei in eccesso. -Endocrina, come la produzione di Eritropoietina, e l attivazione della Vitamina D.

23 3) Preservazione del GFR in Dialisi E ormai ben stabilito che la presenza di una FRR anche minima si associa ad un miglioramento della sopravvivenza dei pazienti in dialisi (DP e HD). I meccanismi responsabili non sono ben noti ma probilmente sono legati alle funzioni renali principali: -Escretoria, che elimina sia le tossine uremiche (piccole e medie e/o legate alle proteine), che i liquidi corporei in eccesso. -Endocrina, come la produzione di Eritropoietina, e l attivazione della Vitamina D. - Però, molti AA sostengono che la diuresi è spesso mantenuta a spese di una pericolosa iperidratazione

24

25 Da un lato, la presenza di FRR in dialisi facilita l accettazione del trattamento da parte del paz., riduce le restrizioni idriche e migliora la sopravvivenza. Dall altro lato però, la sua stessa presenza dovrebbe sempre far sospettare la presenza di un sovraccarico idrico subclinico. Alcuni studi osservazionali più recenti hanno confermato le le osservazioni storiche fatte dal gruppo di Tassin, cioè che lo stretto controllo del VEC era associato a miglior controllo di PA e IVS, ma anche drammatica riduzione della diuresi Preservare GFR: trade-off tra comfort del pz e sovraccarico

26 EMERGING IMPORTANCE OF RRF in ESRF Vilar E, Farrington K. (Semin Dial. 2011) - RRF is well recognized as an important marker of outcomes in PD, and contributes vitally to solute clearance. Recently, its importance in HD has emerged with evidence that it is strongly associated with improved outcomes. - The presence of RRF is associated with improved nutrition, reduced erythropoetin requirements, better potassium clearance, and improved quality of life. - Retrospective and observational evidence is now available, which suggests that the presence of RRF is independently associated with survival and that this benefit goes beyond what is expected simply from augmentation of small solute clearance. - Preservation of RRF is now considered by many to be an important aspect of dialysis strategy.

27

28 Preservazione del GFR in HD Nei pz in dialisi, oltre ai fattori capaci di agire su GFR nella fase pre-dialitica, bisogna considerare quelli capaci di agire su GFR durante la dialisi, come la purezza dei liquidi e la biocompatibilità di tutto il sistema dialitico, non solo del filtro.

29

30 Preservazione del GFR in HD Nei pz in dialisi, oltre ai fattori capaci di agire su GFR nella fase pre-dialitica, bisogna considerare quelli capaci di agire su GFR durante la dialisi, come la purezza dei liquidi e la biocompatibilità di tutto il sistema materiali, non solo del filtro. Inoltre, bisogna evitare di disidratare rapidamente il pz, inducendo ipotensione ed ipoperfusione renale, che sembrano accelerare il declino di GFR.

31 RESULTS: Baseline factors negatively associated with rgfr were - a higher diastolic blood pressure (P < 0.001) and - a higher urinary protein loss (P < 0.001). - Primary kidney disease did not affect rgfr. - PD patients had a higher rgfr (P < 0.001) than HD patients. Investigation of possible effects of the dialysis procedure on the decline rate between 0 and three months showed that dialysis hypotension (P = 0.02) contributed to the decline in HD and the presence of episodes with dehydration contributed in PD (P = 0.004). CONCLUSIONS: rgfr is better maintained in PD patients than in HD patients. The associated factors such as a higher diastolic blood pressure, proteinuria, dialysis hypotension and dehydration can either be treated or avoided.

32 Fattori emergenti che proteggono GFR in HD In aggiunta ai fattori già visti come capaci di preservare il GFR in HD, ne stanno emergendo altri che, se confermati, potrebbero portare ad un radicale cambiamento del modo di iniziare l HD.

33 Fattori emergenti che proteggono GFR in HD In aggiunta ai fattori già visti come capaci di preservare il GFR in HD, ne stanno emergendo altri che, se confermati, potrebbero portare ad un radicale cambiamento del modo di iniziare l HD. Per es., sta emergendo l importanza della frequenza del trattamento sulla variazione di GFR, con un effetto negativo indotto dall HD più frequente

34

35 Nuovi fattori protettivi di GFR in HD In aggiunta ai fattori già visti come capaci di preservare il GFR in HD, ne stanno emergendo altri che, se confermati, potrebbero portare ad un radicale cambiamento del modo di iniziare l HD. Per es., sta emergendo l importanza della frequenza del trattamento sulla variazione di GFR, con un effetto negativo indotto dall HD più frequente e, inversamente, da un effetto protettivo associato ad un ritmo meno frequente...

36

37 Fattori emergenti che proteggono GFR in HD Estrapolando la linea di tendenza a preservare meglio GFR passando via via dall HD quotidiana, a quella trisettimanale e poi alla bisettimanale, abbiamo ipotizzato che i risultati possano essere ancora migliori in HD monosettimanale.

38 Fattori emergenti che proteggono GFR in HD Estrapolando la linea di tendenza a preservare meglio GFR passando via via dall HD quotidiana, a quella trisettimanale e poi alla bisettimanale, abbiamo ipotizzato che i risultati possano essere ancora migliori in HD monosettimanale. Per cercare di verificare tale ipotesi abbiamo eseguito uno studio retrospettivo su tutti i pz. cronici che hanno iniziato la dialisi nel nostro Centro negli ultimi 15 anni e sono stati seguiti per oltre 3 mesi.

39 Pazienti e Metodi Escludendo i pazienti con esordio chiaramente acuto, quelli che rientravano da Trapianto, e quelli seguiti nel Centro per meno di 3 mesi (deceduti o trasferiti ad altro Centro), sono rimasti un totale di 161 pazienti.

40 Principali caratteristiche dei pazienti all inizio dialisi Sesso (M/F) 91/70 Età inizio dialisi (anni) 68 ± 16 Peso (kg) 66,5 ± 14,4 BMI (kg/m 2 ) 26,3 ± 4,4 Nefropatia Glomerulare 28 (17%) Nefropatia Diabetica 33 (21%) Nefropatia Interstiziale 25 (15%) Nefropatia Vascolare 42 (26%) Diuresi (ml/die) 1593 ± 620 Proteinuria (g/die) 2,65 ± 2,60 GFR (ml/min/1.73m 2 ) 6,3 ± 1,9 PAS inizio dialisi (mmhg) 157,3 ± 26,8 PAD inizio dialisi (mmhg) 77,4 ± 15,3 Paz in terapia antipertensiva (N, %) 127 (79%) con ACEi/ARB 79 (49%) con CCB 69 (43%) Paz in terapia con statine (N, %) 34 (21%) Inizio dialisi in regime di ricovero (N%) 86 (53%) Inizio dialisi con CVC temporaneo (N%) 49 (30%)

41 Principali caratteristiche dei pazienti a baseline divisi per ritmo dialitico al 1^ mese 1 HD/wk 2HD/wk 3HD/wk P Sesso (M/F) 38/26 38/18 15/26 0,007 Età inizio dial (anni) 68±14 72±15 63±19 0,032 Peso (kg) 65,2±12,1 65,9±16,1 66,5±14,7 0,308 BMI (kg/m 2 ) 26,4±4,4 25,8±4,7 26,1±5,8 0,849 N. Glomerulare (%) 20% 16% 12% 0,551 N. Diabetica (%) 20% 18% 27% 0,558 N. Interstiziale (%) 20% 13% 12% 0,400 N. Vascolare (%) 25% 32% 20% 0,368 Diuresi (L/die) 1,8±0,7 1,5±0,6 1,3±0,4 0,000 Proteinuria (g/die) 2,2±1,8 2,6±3,2 3,3±3,6 0,120 GFR (ml/min/1.73m 2 ) 6,9±1,5 6,3±2,0 5,6±2,1 0,034 PAS iniz dial (mmhg) 158±23 154±27 161±31 0,475 PAD iniz dial (mmhg) 79±15 75±15 77±17 0,330 Inizio in ricovero (N%) 42% 48% 78% 0,001 Inizio con CVCt (N%) 14% 34% 51% 0,000

42 In 21 pazienti (13%) GFR a 3 mesi era aumentato vs baseline

43 Calo di GFR nei primi 3 mesi di HD, per ritmo dialitico in corso nel 1 mese 1 HD/wk (N=64) 0,45 ± 0,67 ml/min/1,73 per mese 2 HD/wk (N=56) 0,72 ± 0,94 ml/min/1,73 per mese 3 HD/wk (N=41) 1,04 ± 1,09 ml/min/1,73 per mese Totale (N=161) 0.69 ± 0,91 ml/min/1,73 per mese F = 5,515; P = 0,005

44 Durata dei periodi di trattamento con 1 2 e 3 HD settimanali nei 3 gruppi di pazienti (3m) GRUPPI N 1HD/wk (mesi) 2HD/wk (mesi) 3HD/wk (mesi) Totale (mesi) ±14 13±20 38±46 63± ±25 30±37 49± ±37 51±37

45 Principali predittori del calo di GFR, nei primi 3 mesi in ordine di introduzione nel modello di regressione 1. Ritmo di dialisi stabilizzato al 3 mese, 2. GFR iniziale, 3. Kt/V al terzo mese 4. Proteinuria basale,

46 SOPRAVVIVENZA RENALE 1 HD/wk 2 HD/wk 3HD/wk

47 SOPRAVVIVENZA IN DIALISI DEI PAZIENTI divisi in 3 gruppi in base al n di dialisi settimanali 1 HD/wk 2 HD/wk 3 HD/wk

48 Totale Dialisi eseguite nei 161 pazienti nel periodo 01/01/ /3/2015 mono bisett trisett tetraset quotid tot eseguite ,2% 18,5% 75,8% 1,4% 0,1% risparmio % 9% 18%

49 Conclusioni -E ormai chiaro che anche in HD bisogna cercare di monitorare e preservare il GFR (media Kr e ClCr).

50 Conclusioni -E ormai chiaro che anche in HD bisogna cercare di monitorare e preservare il GFR (media Kr e ClCr). -La preservazione di GFR è importante, ma non deve essere ottenuta a scapito di un sovraccarico idrico, che però può essere ridotto in modo non aggressivo.

51 Conclusioni -E ormai chiaro che anche in HD bisogna cercare di monitorare e preservare il GFR (media Kr e ClCr). -La preservazione di GFR è importante, ma non deve essere ottenuta a scapito di un sovraccarico idrico, che però può essere ridotto in modo non aggressivo. -I nostri dati mostrano un declino di GFR più lento con 2HD e ancor più con 1HD/wk: ciò suggerisce che in presenza di diuresi e GFR significativi non bisogna essere aggressivi né con l UF né con la depurazione (ritmo e dose).

52 Conclusioni -E ormai chiaro che anche in HD bisogna cercare di monitorare e preservare il GFR (media Kr e ClCr). -La preservazione di GFR è importante, ma non deve essere ottenuta a scapito di un sovraccarico idrico, che però può essere ridotto in modo non aggressivo. -I nostri dati mostrano un declino di GFR più lento con 2HD e ancor più con 1HD/wk: ciò suggerisce che in presenza di diuresi e GFR significativi non bisogna essere aggressivi né con l UF né con la depurazione (ritmo e dose). E proprio il contrario di quanto spesso accade!!!

53 Conclusioni -E ormai chiaro che anche in HD bisogna cercare di monitorare e preservare il GFR (media Kr e ClCr). -La preservazione di GFR è importante, ma non deve essere ottenuta a scapito di un sovraccarico idrico, che però può essere ridotto in modo non aggressivo. -I nostri dati mostrano un declino di GFR più lento con 2HD e ancor più con 1HD/wk: ciò suggerisce che in presenza di diuresi e GFR significativi non bisogna essere aggressivi né con l UF né con la depurazione (ritmo e dose). E proprio il contrario di quanto spesso accade!!! Purtroppo sono dati osservazionali.

54 Ci vorrebbe un Trial

55 Grazie per l attenzione

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA FUNZIONE RENALE NELLA PRATICA CLINICA

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA FUNZIONE RENALE NELLA PRATICA CLINICA MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA FUNZIONE RENALE NELLA PRATICA CLINICA Andrea MAGNANO Dirigente Nefrologo UOC Medicina Interna Ospedale Santa Maria di Borgo Val di Taro Azienda USL di Parma DEFINIZIONE THE

Dettagli

La MaCro per il monitoraggio, la governance e la valutazione delle Cure Primarie. Le Famiglie Professionali: Nefrologia

La MaCro per il monitoraggio, la governance e la valutazione delle Cure Primarie. Le Famiglie Professionali: Nefrologia La MaCro per il monitoraggio, la governance e la valutazione delle Cure Primarie Le Famiglie Professionali: Nefrologia Il punto L utilizzo dei dati amministrativi per l identificazione degli assistiti

Dettagli

Il problema della quantificazione della dose dialitica in CRRT.

Il problema della quantificazione della dose dialitica in CRRT. Il problema della quantificazione della dose dialitica in CRRT. Francesco Casino (Matera) Roma, 20-5-2011 La dose dialitica nei pazienti critici Nei pazienti con Insufficienza Renale Acuta (IRA o AKI)

Dettagli

emodialisi o dialisi peritoneale

emodialisi o dialisi peritoneale IV Corso teorico-pratico Nefrologia Interventistica Roma 6,8 Maggio 2013 Scelta del tipo di trattamento: emodialisi o dialisi peritoneale A.R. Rocca U.O.C Nefrologia e Dialisi Azienda Policlinico Umberto

Dettagli

Molte informazioni Insufficienza renale e diabete Maurizio Gallieni

Molte informazioni Insufficienza renale e diabete Maurizio Gallieni Insufficienza renale e diabete Molte informazioni Maurizio Gallieni U.O. Nefrologia e Dialisi A.O. Ospedale San Carlo Borromeo, Milano Medscape 21/9/2012 ASN September 2012 examine the relationship of

Dettagli

Percorso assistenziale del paziente diabetico con insufficienza renale: ruolo del Nefrologo

Percorso assistenziale del paziente diabetico con insufficienza renale: ruolo del Nefrologo Percorso assistenziale del paziente diabetico con insufficienza renale: ruolo del Nefrologo Convegno Regionale AMD-SID Bologna 6 Novembre 2009 Marco Ricardi UO Nefrologia e Dialisi Ospedale Guglielmo da

Dettagli

LA NEFROLOGIA IN ETA GERIATRICA. Funzione renale ed età e stima della GFR. Martino Marangella S.C. Nefrologia e Dialisi

LA NEFROLOGIA IN ETA GERIATRICA. Funzione renale ed età e stima della GFR. Martino Marangella S.C. Nefrologia e Dialisi LA NEFROLOGIA IN ETA GERIATRICA Funzione renale ed età e stima della GFR Martino Marangella S.C. Nefrologia e Dialisi A.O. Ordine Mauriziano di Torino Piano della presentazione Variazioni della funzione

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

Argomenti di Patologia Clinica Esami della funzione renale Rene e laboratorio Perché esaminare la funzionalità renale? Per identificare le disfunzioni renali Per diagnosticare le patologie renali Per monitorare

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA Malattie renali PREMESSA: In tutti i casi di malattia a carico dell emuntorio renale deve essere richiesta la visita specialistica nefrologica con allegati esami ematochimici

Dettagli

Non Autosufficienza. Forum sulla. Workshop Legami sociali e Salute. Armando Filippini Direttore Nefrologia e Dialisi Policlinico Casilino ASL RMB

Non Autosufficienza. Forum sulla. Workshop Legami sociali e Salute. Armando Filippini Direttore Nefrologia e Dialisi Policlinico Casilino ASL RMB Forum sulla Non Autosufficienza Bologna 9-10 novembre 2011 Centro Congressi Savoia Hotel Workshop Legami sociali e Salute Armando Filippini Direttore Nefrologia e Dialisi Policlinico Casilino ASL RMB LEGami

Dettagli

LA LINEA GRIGIA DELL INIZIO DIALISI: PRIMA POSSIBILE, Ovvero con

LA LINEA GRIGIA DELL INIZIO DIALISI: PRIMA POSSIBILE, Ovvero con G Ital Nefrol 2010; 27 (6): 574-583 PRO E CONTRO LA LINEA GRIGIA DELL INIZIO DIALISI: PRIMA POSSIBILE, Ovvero con modalità incrementale Francesco Gaetano Casino U.O. Nefrologia e Dialisi, Ospedale Madonna

Dettagli

Il danno renale acuto nel paziente con nefropa1a cronica

Il danno renale acuto nel paziente con nefropa1a cronica ACUTE KIDNEY INJURY (AKI): attualità e controversie Roma, 19 Maggio 2011 Il danno renale acuto nel paziente con nefropa1a cronica Giovanni Gambaro UOC Nefrologia e Dialisi Complesso Integrato Columbus-

Dettagli

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci Choice of Initial Anticoagulant Regimen in Patients With Proximal DVT In patients with acute DVT of the leg, we

Dettagli

Il trapianto d organo solido non renale è associato alla comparsa di nefropatie di varia origine e gravità. In questi pazienti è stato riportato un

Il trapianto d organo solido non renale è associato alla comparsa di nefropatie di varia origine e gravità. In questi pazienti è stato riportato un 1 Il trapianto d organo solido non renale è associato alla comparsa di nefropatie di varia origine e gravità. In questi pazienti è stato riportato un rischio di sviluppare una malattia renale cronica di

Dettagli

Epidemiologia CKD: situazione attuale. Vincenzo Bellizzi

Epidemiologia CKD: situazione attuale. Vincenzo Bellizzi Epidemiologia CKD: situazione attuale Vincenzo Bellizzi Nuovi pazienti con IRC all anno anno La maggioranza relativa del Campione, il 43% del totale, riceve ogni anno all ambulatorio meno di 50 nuovi pazienti

Dettagli

PROGETTO INDIVIDUAZIONE DEL RISCHIO RENALE

PROGETTO INDIVIDUAZIONE DEL RISCHIO RENALE PROGETTO INDIVIDUAZIONE DEL RISCHIO RENALE PERCORSO DI INTEGRAZIONE TRA MEDICO DI MEDICINA GENERALE E SPECIALISTA NEFROLOGO per la precoce individuazione e la prevenzione della insufficienza renale cronica

Dettagli

MONITORAGGIO dell ACCESSO VASCOLARE: FLUSSO, RICIRCOLO, MISURA delle PRESSIONI

MONITORAGGIO dell ACCESSO VASCOLARE: FLUSSO, RICIRCOLO, MISURA delle PRESSIONI VI Corso teorico-pratico Nefrologia Interventistica ATTUALITA in TEMA di PROGRAMMAZIONE,CREAZIONE e GESTIONE degli ACCESSI VASCOLARI per EMODIALISI Roma 6 8 maggio 2013 MONITORAGGIO dell ACCESSO VASCOLARE:

Dettagli

IL PROGETTO DI SVILUPPO DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITA MG NASINI, C.SCHELOTTO, P.RUSTIGHI, A.PRATO

IL PROGETTO DI SVILUPPO DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITA MG NASINI, C.SCHELOTTO, P.RUSTIGHI, A.PRATO IL PROGETTO DI SVILUPPO DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITA MG NASINI, C.SCHELOTTO, P.RUSTIGHI, A.PRATO Perché un sistema di qualità in Nefrologia? aiutare a valorizzare quello che di logico, valido

Dettagli

Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria

Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria Disease Oriented-Therapy (if available) Primarily life-prolongation

Dettagli

Registro emodialisi Regione Marche: caratteristiche dei pazienti e trattamenti

Registro emodialisi Regione Marche: caratteristiche dei pazienti e trattamenti Registro emodialisi Regione Marche: caratteristiche dei pazienti e trattamenti L insufficienza renale cronica (IRC), raggiungendo lo stadio di uremia terminale, determina la necessità di ricorrere al trattamento

Dettagli

Servizio Sanitario Regionale AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA Ospedale di rilievo nazionale e di alta specializzazione ( D.P.C.M.

Servizio Sanitario Regionale AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA Ospedale di rilievo nazionale e di alta specializzazione ( D.P.C.M. Servizio Sanitario Regionale NOTE INFORMATIVE SULLA SCELTA DEL TRATTAMENTO DIALITICO CONSENSO ALLA DIALISI Gentile Signore/a, a breve dovrà iniziare il trattamento dialitico, che comporterà significativi

Dettagli

PERDITA IRREVERSIBILE DELLE FUNZIONI DEI RENI TERAPIA SOSTITUTIVA. Artificiale: Dialisi

PERDITA IRREVERSIBILE DELLE FUNZIONI DEI RENI TERAPIA SOSTITUTIVA. Artificiale: Dialisi PERDITA IRREVERSIBILE DELLE FUNZIONI DEI RENI TERAPIA SOSTITUTIVA Artificiale: Dialisi Naturale: Trapianto EMODIALISI Metodica di depurazione extra- corporea realizzata mediante scambi di soluti e di acqua

Dettagli

DIABETE IN OSPEDALE: IL PAZIENTE CON INSUFFICIENZA RENALE LA SCELTA DEL TRATTAMENTO SOSTITUTIVO ARTIFICIALE DIALISI PERITONEALE

DIABETE IN OSPEDALE: IL PAZIENTE CON INSUFFICIENZA RENALE LA SCELTA DEL TRATTAMENTO SOSTITUTIVO ARTIFICIALE DIALISI PERITONEALE DIABETE IN OSPEDALE: IL PAZIENTE CON INSUFFICIENZA RENALE 25 GENNAIO 214 - CUNEO LA SCELTA DEL TRATTAMENTO SOSTITUTIVO ARTIFICIALE PRO DIALISI PERITONEALE LORIS NERI GIUSTO VIGLINO SOPRAVVIVENZA IN DIALISI

Dettagli

Complicanze degli accessi vascolari: il monitor di dialisi

Complicanze degli accessi vascolari: il monitor di dialisi Complicanze degli accessi vascolari: il monitor di dialisi NEFROLOGIA INTERVENTISTICA Seminario: complicanze accessi vascolari Roma 10 Maggio 2014 Matteo Baldinelli Efficienza dialitica Metodica HDB HDF

Dettagli

L ambulatorio della CKD: l esperienza dell Emilia Romagna col progetto PIRP. Angelo Rigotti

L ambulatorio della CKD: l esperienza dell Emilia Romagna col progetto PIRP. Angelo Rigotti L ambulatorio della CKD: l esperienza dell Emilia Romagna col progetto PIRP Angelo Rigotti Berloco Pasquale Brizzi Franco Canu Giuseppe Capasso Giovanbattista Costa Alessandro Nanni Dell Aquila Roberto

Dettagli

I progetti finalizzati del Registro: l esperienza del Registro Dialisi del Lazio

I progetti finalizzati del Registro: l esperienza del Registro Dialisi del Lazio XLVIII Congresso Nazionale della Società Italiana di Nefrologia I progetti finalizzati del Registro: l esperienza del Registro Dialisi del Lazio Anteo Di Napoli Laziosanità - Agenzia di Sanità Pubblica

Dettagli

Epidemiologia della Malattia Renale Cronica. Enzo Corghi. Istituti Clinici di Perfezionamento Milano

Epidemiologia della Malattia Renale Cronica. Enzo Corghi. Istituti Clinici di Perfezionamento Milano Epidemiologia della Malattia Renale Cronica Enzo Corghi Istituti Clinici di Perfezionamento Milano Epidemiologia (dal greco επι= sul, δημος= popolo e λογος= discorso, studio) è la disciplina biomedica

Dettagli

Ruolo della Dieta Ipoproteica nella Progressione della Malattia Renale Cronica Benefici e Limiti. Francesco F. Morbiato SIMPeSV

Ruolo della Dieta Ipoproteica nella Progressione della Malattia Renale Cronica Benefici e Limiti. Francesco F. Morbiato SIMPeSV Ruolo della Dieta Ipoproteica nella Progressione della Malattia Renale Cronica Benefici e Limiti Francesco F. Morbiato SIMPeSV Contenuto prevalenza della malattia renale cronica e fattori che ne influenzano

Dettagli

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Controversie sullo screening mammografico: pro e contro Edda Simoncini Breast Unit A.O.Spedali Civili Brescia Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera

Dettagli

M. De Benedictis Ospedale Mauriziano - TORINO. maurodebenedictis@yahoo.it

M. De Benedictis Ospedale Mauriziano - TORINO. maurodebenedictis@yahoo.it La Denervazione Renale M. De Benedictis Ospedale Mauriziano - TORINO maurodebenedictis@yahoo.it 1930-1960: Le prime evidenze 1930-1960s: Il Dr. Reginald H. Smithwick et. al hanno introdotto e sviluppato

Dettagli

Quantificazione della dose dialitica: Kt/V

Quantificazione della dose dialitica: Kt/V Quantificazione della dose dialitica: Kt/V Gianmario Bosticardo gmbostic@alice.it reparto.dialisi@aslbi.piemonte.it Nefrologia e Dialisi ASL BI Biella IL DANNO RENALE ACUTO: ATTUALITA E PROSPETTIVE Spazio

Dettagli

Come ottimizare l HDF ovvero Emodiafiltrazione: è il futuro?

Come ottimizare l HDF ovvero Emodiafiltrazione: è il futuro? XXII Corso Nazionale di Aggiornamento Come ottimizare l HDF ovvero Emodiafiltrazione: è il futuro? Ugo Teatini HDF: perché? 2 EBPG :Strategie in dialisi Guideline 2.1 L uso delle membrane sintetiche high-flux

Dettagli

SPECIALE. Italian Health Policy Brief. La malattia renale e le sue complicanze: percorso per una diagnosi precoce e gestione multidisciplinare

SPECIALE. Italian Health Policy Brief. La malattia renale e le sue complicanze: percorso per una diagnosi precoce e gestione multidisciplinare HPS Health Publishing and Services Italian Health Policy Brief OTTOBRE 2012 Italian Health Policy Brief La malattia renale e le sue complicanze: percorso per una diagnosi precoce e gestione multidisciplinare

Dettagli

Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano

Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano Pazienti in trattamento sostitutivo della funzione renale (USL 7 Zona Valdichiana) N Dialisi extracorporea 40 Dialisi peritoneale 10 Trapianto attivo

Dettagli

Diagnostica delle malattie renali: l automazione oggi e domani. Cosimo Ottomano MD CdA DasitGroup

Diagnostica delle malattie renali: l automazione oggi e domani. Cosimo Ottomano MD CdA DasitGroup Diagnostica delle malattie renali: l automazione oggi e domani Cosimo Ottomano MD CdA DasitGroup Kidney may undergo damages and/or dysfunction Markers of Damages Albuminuria (Immunological) [Total Proteinuria]

Dettagli

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

XXV Convegno Torino 3-4 Aprile 2014

XXV Convegno Torino 3-4 Aprile 2014 ? XXV Convegno Torino 3-4 Aprile 2014 UNIVERSITÀ DEL PIEMONTE ORIENTALE AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA "MAGGIORE DELLA CARITA Dipartimento di Medicina Traslazionale SCDU NEFROLOGIA E TRAPIANTO Cattedra

Dettagli

La terapia diuretica nel paziente con scompenso cardiaco

La terapia diuretica nel paziente con scompenso cardiaco La terapia diuretica nel paziente con scompenso cardiaco Enrico Fiaccadori Unita di Fisiopatologia della Insufficienza Renale Acuta e Cronica Universita degli Studi di Parma UOC Clinica e Immunologia Medica

Dettagli

Allegato 3: Tabella esami baseline per valutazione rischio e danno d organo e follow-up

Allegato 3: Tabella esami baseline per valutazione rischio e danno d organo e follow-up Allegato 3: Tabella esami baseline per valutazione rischio e danno d organo e follow-up Esami Routine Valori o risultato al Intervento baseline ECG Routine Neg per IVS Programmare Eco in 3-4 mesi (se compatibile

Dettagli

Focus sui nuovi dati degli annali specialistici sul rene

Focus sui nuovi dati degli annali specialistici sul rene Tavola Rotonda Diabete e Rene Focus sui nuovi dati degli annali specialistici sul rene Roberto Pontremoli Astra Zeneca- Bristol Myers Squibb Novartis Merck Sharpe & Dohme Italia Sano?i DATABASE 251 servizi

Dettagli

La valutazione della funzione renale nella definizione del profilo di rischio CV e nella gestione della terapia farmacologica. Gaetano Piccinocchi

La valutazione della funzione renale nella definizione del profilo di rischio CV e nella gestione della terapia farmacologica. Gaetano Piccinocchi La valutazione della funzione renale nella definizione del profilo di rischio CV e nella gestione della terapia farmacologica Gaetano Piccinocchi Stadiazione delle nefropatie croniche Stadi Descrizione

Dettagli

23 ottobre 2015. Ospedale San Raffaele, Milano. Come superare le barriere allo sviluppo del trapianto renale

23 ottobre 2015. Ospedale San Raffaele, Milano. Come superare le barriere allo sviluppo del trapianto renale 23 ottobre 2015 Ospedale San Raffaele, Milano Come superare le barriere allo sviluppo del trapianto renale Primary nursing e trapianto. Infermiere bridge di formazione, comunicazione e raccolta dati tra

Dettagli

Anemia e nefropatia. Stadi 1 4

Anemia e nefropatia. Stadi 1 4 Anemia e nefropatia Stadi 1 4 Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L iniziativa della National Kidney Foundation (NKF-KDOQI ) sviluppa linee

Dettagli

NSCLC - stadio iiib/iv

NSCLC - stadio iiib/iv I TUMORI POLMONARI linee guida per la pratica clinica NSCLC - stadio iiib/iv quale trattamento per i pazienti anziani con malattia avanzata? Il carcinoma polmonare è un tumore frequente nell età avanzata.

Dettagli

(Linee guida KDIGO 2012) NEFROLOGIA ASL4 SIMG TIGULLIO. Conferenza Stato-Regioni agosto 2014

(Linee guida KDIGO 2012) NEFROLOGIA ASL4 SIMG TIGULLIO. Conferenza Stato-Regioni agosto 2014 La malattia renale cronica è definita dalla presenza di danno renale o da GFR< 60 ml/min/1.73m²per almeno 3 mesi e può essere diagnosticata anche senza conoscerne le cause. (Linee guida KDIGO 2012) NEFROLOGIA

Dettagli

Linee guida per la diagnosi precoce e il trattamento della malattia renale cronica negli adulti

Linee guida per la diagnosi precoce e il trattamento della malattia renale cronica negli adulti Linee guida per la diagnosi precoce e il trattamento della malattia renale cronica negli adulti Antonino Cartabellotta 1*, Giuseppe Quintaliani 2 1 Medico Chirurgo, Fondazione GIMBE, 2 Medico Chirurgo,

Dettagli

Sinossi dei disegni di studio

Sinossi dei disegni di studio Sinossi dei disegni di studio di intervento osservazionali serie di casi trasversale ecologici individuali quasisperimentali sperimentali (RCT) coorte caso-controllo Studi caso-controllo Il punto di partenza

Dettagli

Ruolo della videotoracoscopia nel trattamento del cancro del polmone

Ruolo della videotoracoscopia nel trattamento del cancro del polmone Ruolo della videotoracoscopia nel trattamento del cancro del polmone Antonello Casaletto U. O. D. Chirurgia Toracica Responsabile: Dr. G. Urciuoli Azienda Ospedaliera Regionale San Carlo POTENZA Ruolo

Dettagli

Dialisi Peritoneale. PatientOnLine. Software di gestione completo per la PD P 3

Dialisi Peritoneale. PatientOnLine. Software di gestione completo per la PD P 3 Dialisi Peritoneale PatientOnLine Software di gestione completo per la PD P 3 P 3 Un programma completo di approccio alla Terapia PD P 3 è un programma di PD completo, che incorpora tutti gli aspetti del

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

La dieta in terapia conservativa. La dieta in terapia conservativa: rassegna dell evidenza. La dieta ipoproteica nell era dell EBM

La dieta in terapia conservativa. La dieta in terapia conservativa: rassegna dell evidenza. La dieta ipoproteica nell era dell EBM La dieta in terapia conservativa La dieta in terapia conservativa: rassegna dell evidenza Giorgio Bedogni Unità Fegato e Nutrizione, Centro Studi Fegato, Basovizza Rallentare la progressione dell insufficienza

Dettagli

Il ruolo e la responsabilità dell infermiere nella presa in carico del pz affetto da IR

Il ruolo e la responsabilità dell infermiere nella presa in carico del pz affetto da IR Il ruolo e la responsabilità dell infermiere nella presa in carico del pz affetto da IR Benedetto Maria Teresa Imola, 11/6/08 PERCORSI AMBULATORIO NEFROLOGICO AMBULATORIO DI PREDIALISI AMBULATORIO DIALISI:

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Master per data manager. Epidemiologia dei tumori. Screening in oncologia

Università del Piemonte Orientale. Master per data manager. Epidemiologia dei tumori. Screening in oncologia Università del Piemonte Orientale Master per data manager Epidemiologia dei tumori Screening in oncologia Epidemiologia Che cos è l epidemiologia Metodi e strumenti La descrizione epidemiologica di una

Dettagli

Budget Impact Analysis (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) Claudio Jommi @ Università del Piemonte Orientale, Economia e Regolazione del Farmaco pag.

Budget Impact Analysis (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) Claudio Jommi @ Università del Piemonte Orientale, Economia e Regolazione del Farmaco pag. Budget Impact Analysis (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) pag. 1 Confronto tra CEA e BIA La CEA stima i costi e l efficacia incrementali lifetime di una nuova terapia, rispetto ai trattamenti attualmente

Dettagli

Gestione del rischio KPC nella donazione e trapianto di organi

Gestione del rischio KPC nella donazione e trapianto di organi CNT Centro Nazionale Trapianti ISS 5 giugno 2012 Gestione del rischio KPC nella donazione e trapianto di organi Francesco Procaccio ISS-CNT - Roma Neuro ICU University City Hospital - Verona CNT Centro

Dettagli

Aspetti nutrizionali: Sarcopenia e prevenzione della perdita di massa magra

Aspetti nutrizionali: Sarcopenia e prevenzione della perdita di massa magra Aspetti nutrizionali: Sarcopenia e prevenzione della perdita di massa magra Luca Busetto Dipartimento di Medicina - DIMED Università degli Studi di Padova Centro per lo Studio e il Trattamento Integrato

Dettagli

Rischio di ospedalizzazione successiva alla prima dialisi nel Lazio: differenze per titolo di studio, età e genere.

Rischio di ospedalizzazione successiva alla prima dialisi nel Lazio: differenze per titolo di studio, età e genere. Rischio di ospedalizzazione successiva alla prima dialisi nel Lazio: differenze per titolo di studio, età e genere. Claudia Marino, Nera Agabiti, Anna Maria Bargagli, Laura Cacciani, Salvatore Di Giulio,

Dettagli

APPROPRIATEZZA della EGDS

APPROPRIATEZZA della EGDS APPROPRIATEZZA della EGDS Dr. P. Montalto U.O.C. Gastroenterologia OSPEDALE SAN JACOPO. GASTROENTEROLOGIA NELL ANZIANO Pisa, 28 settembre 2013 Totale: 60.626.442 abitanti ³65 anni: 12.301.537 abitanti

Dettagli

http://clinicalevidence.bmj.com/ceweb/about/knowledge.jsp Clinical evidence, 2005

http://clinicalevidence.bmj.com/ceweb/about/knowledge.jsp Clinical evidence, 2005 http://clinicalevidence.bmj.com/ceweb/about/knowledge.jsp Clinical evidence, 2005 2011 treatment effects Beneficial 4% 15% Likely to be beneficial 45% Trade off between Benefits and 23% harms Unlikely

Dettagli

LA NEFROPATIA DIABETICA

LA NEFROPATIA DIABETICA Università degli Studi di Catania LA NEFROPATIA DIABETICA Docente di Nefrologia corso di laurea e Sc. Spec nefrologia Definizione: Per Diabete mellito si intende un gruppo di patologie metaboliche caratterizzate

Dettagli

XXXIX CONGRESSO ANNUALE AIE Milano, 28-31 ottobre 2015. La sopravvivenza dei pazienti dializzati incidenti in Regione Veneto:

XXXIX CONGRESSO ANNUALE AIE Milano, 28-31 ottobre 2015. La sopravvivenza dei pazienti dializzati incidenti in Regione Veneto: XXXIX CONGRESSO ANNUALE AIE Milano, 28-31 ottobre 2015 La sopravvivenza dei pazienti dializzati incidenti in Regione Veneto: analisi della coorte 2007-2010 del Registro Veneto Dialisi e Trapianti (RVDT)

Dettagli

Budget Impact Analysis (Parte teorica) Claudio Jommi Professore Associato di Economia Aziendale, Università Piemonte Orientale

Budget Impact Analysis (Parte teorica) Claudio Jommi Professore Associato di Economia Aziendale, Università Piemonte Orientale Budget Impact Analysis (Parte teorica) Claudio Jommi Professore Associato di Economia Aziendale, Università Piemonte Orientale pag. 1 Confronto tra CEA e BIA La CEA stima i costi e l efficacia incrementali

Dettagli

Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto

Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto Antonio Palumbo Divisione di Ematologia Universitaria, Ospedale Molinette, Torino Per più di quattro

Dettagli

La gravidanza nella nefropatia diabetica

La gravidanza nella nefropatia diabetica Rene e gravidanza Gestione multidisciplinare, recenti acquisizioni e future strategie Taormina, 15-16 aprile 2011 La gravidanza nella nefropatia diabetica Lucia Del Vecchio Divisione di Nefrologia, Dialisi

Dettagli

Registro Italiano Dialisi e Trapianto. Esperienza 1996-2001

Registro Italiano Dialisi e Trapianto. Esperienza 1996-2001 Giornale Italiano di Nefrologia / Anno 21 n. 6, 2004 / pp. 561-567 Fatti, Opinioni e Altro Registro Italiano Dialisi e Trapianto. Esperienza 1996-2001 F. Conte, per la Commissione Nazionale Registro Italiano

Dettagli

Ipertensione Arteriosa e dintorni IL DANNO RENALE

Ipertensione Arteriosa e dintorni IL DANNO RENALE MEDICI PER SAN CIRO Ipertensione Arteriosa e dintorni IL DANNO RENALE Dr Ciro Lenti Dir. Medico I livello U.O. Nefrologia e Dialisi ASL 11 Empoli (FI) P.O. San Miniato (PI) GROTTAGLIE, 28/1/2007 Le malattie

Dettagli

Obiettivo ALIMENTAZIONE E NEFROPATIA DIABETICA. Programma. Programma

Obiettivo ALIMENTAZIONE E NEFROPATIA DIABETICA. Programma. Programma Obiettivo ALIMENTAZIONE E NEFROPATIA DIABETICA Discutere l evidenza relativa al trattamento nutrizionale del diabete e della nefropatia diabetica Giorgio Bedogni Unità di Epidemiologia Clinica Centro Studi

Dettagli

IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità

IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità 1 Giornata Nazionale del Gruppo Donna IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità Olbia, 16 e 17 marzo 2012 Mercure Olbia Hermaea Il Gruppo Donna di AMD:

Dettagli

Grandi Insufficienze d organo end stage : cure intensive e/o cure palliative?

Grandi Insufficienze d organo end stage : cure intensive e/o cure palliative? Sabato 4 Ottobre 2014 Aula Magna Nuovo Arcispedale S. Anna Cona, Ferrara Grandi Insufficienze d organo end stage : cure intensive e/o cure palliative? Dott.ssa Alda Storari Unità operativa di Nefrologia

Dettagli

Angioplastica dopo lisi nel paziente con STEMI

Angioplastica dopo lisi nel paziente con STEMI Angioplastica dopo lisi nel paziente con STEMI Paolo Rubartelli - Genova Key points: Chi usa la fibrinolisi nello STEMI, deve essere pronto a integrare, in maniera individualizzata, la strategia farmacologica

Dettagli

CLEARANCE. Il concetto di clearance esprime la efficacia della globalità dei nefroni nella eliminazione dei metaboliti filtrati dai glomeruli.

CLEARANCE. Il concetto di clearance esprime la efficacia della globalità dei nefroni nella eliminazione dei metaboliti filtrati dai glomeruli. CLEARANCE Il concetto di clearance esprime la efficacia della globalità dei nefroni nella eliminazione dei metaboliti filtrati dai glomeruli. Clearance of a bridge CLEARANCE La funzione glomerulare

Dettagli

Psicogeriatria e Medicina

Psicogeriatria e Medicina 53 Congresso Nazionale Società Italiana di Gerontologia e Geriatria L Italia? Non è un paese per vecchi Firenze, 29 novembre 2008 Lettura AIP/SIGG Psicogeriatria e Medicina Marco Trabucchi Presidente Associazione

Dettagli

La pressione arteriosa

La pressione arteriosa La pressione arteriosa Inquadramento semeiologico e diagnostico al paziente iperteso Prof. Giovanni Murialdo Corso Integrato di Semeiotica e Metodologia Clinica La Progressione dell Insufficienza Cardiaca

Dettagli

La gestione clinica integrata dei tumori neuroendocrini: La chemioterapia

La gestione clinica integrata dei tumori neuroendocrini: La chemioterapia La gestione clinica integrata dei tumori neuroendocrini: La chemioterapia Dr. Raffaele Addeo U.O.C. Oncologia Frattamaggiore (NA) Benevento, 5 ottobre 2012 Introduzione La chemioterapia sistemica, divenuta

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Ariela Benigni. Biol.Sci.D., Ph.D.

CURRICULUM VITAE. Ariela Benigni. Biol.Sci.D., Ph.D. CURRICULUM VITAE Ariela Benigni Biol.Sci.D., Ph.D. Dati Personali: Nome: Ariela Benigni Data e luogo di nascita: 16 Dicembre, 1955 - Bergamo Cittadinanza: Italiana Tel. 035 42131 E-mail: ariela.benigni@marionegri.it

Dettagli

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Diabete Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Epidemiologia Popolazione mondiale affetta intorno al 5%

Dettagli

/LQHH JXLGD SHU XQD FRUUHWWR DOLPHQWD]LRQH QHO SD]LHQWH FRQ LQVXIILFLHQ]D UHQDOH FURQLFD

/LQHH JXLGD SHU XQD FRUUHWWR DOLPHQWD]LRQH QHO SD]LHQWH FRQ LQVXIILFLHQ]D UHQDOH FURQLFD ,168)),&,(1=$5(1$/(&521,&$,5& 1. Obesità L I.R.C. può essere definita come la diminuzione della funzionalità renale che si instaura a seguito di una malattia renale cronica od alla cronicizzazione di una

Dettagli

- NEFROLOGIA E DIALISI DI VIZZOLO PREDABISSI - NEFROLOGIA E DIALISI DI CERNUSCO SUL NAVIGLIO NEFROLOGIA E DIALISI DI VIZZOLO PREDABISSI

- NEFROLOGIA E DIALISI DI VIZZOLO PREDABISSI - NEFROLOGIA E DIALISI DI CERNUSCO SUL NAVIGLIO NEFROLOGIA E DIALISI DI VIZZOLO PREDABISSI - NEFROLOGIA E DIALISI DI VIZZOLO PREDABISSI - NEFROLOGIA E DIALISI DI CERNUSCO SUL NAVIGLIO NEFROLOGIA E DIALISI DI VIZZOLO PREDABISSI Dott. Sergio Bisegna Reparto: U.O. Dialisi Direttore: Dott. Sergio

Dettagli

LO STAFF NEFROLOGICO E IL PAZIENTE CON MALATTIA RENALE CRONICA

LO STAFF NEFROLOGICO E IL PAZIENTE CON MALATTIA RENALE CRONICA LO STAFF NEFROLOGICO E IL PAZIENTE CON MALATTIA RENALE CRONICA F.MANESCALCHI GIORNATE MEDICHE SANTA MARIA NUOVA 2013 QUALI SONO I TRATTI PSICOLOGICI DEL PAZIENTE CON MALATTIA RENALE CRONICA? COSA CI DICONO

Dettagli

Insufficienza Renale Cronica

Insufficienza Renale Cronica Insufficienza Renale Cronica Le nefropatie croniche si classificano in: - Nefropatia con filtrazione glomerulare (FG) normale [ > 90 ml/min/1,73 m²]; - Nefropatia con diminuzione lieve del FG [89-60 ML

Dettagli

L Impegno di Novartis nella Medicina di Genere. Delia Colombo Emanuela Zagni Gilberto Bellia Modena, 20 Marzo 2015

L Impegno di Novartis nella Medicina di Genere. Delia Colombo Emanuela Zagni Gilberto Bellia Modena, 20 Marzo 2015 L Impegno di Novartis nella Medicina di Genere Delia Colombo Emanuela Zagni Gilberto Bellia Modena, 20 Marzo 2015 IMPEGNO NOVARTIS 2 CONSIDERAZIONI INIZIALI In Italia l impegno nella «terapia farmacologica

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA Dottorato di ricerca in Fisiopatologia Dell Insufficienza renale Ciclo XXII EFFETTI A LUNGO TERMINE DI UNA DIETA A BASSO VERSUS UNA DIETA A MODERATO CONTENUTO PROTEICO SULLA

Dettagli

L incidenza della funzione renale nella progressione della malattia aterosclerotica

L incidenza della funzione renale nella progressione della malattia aterosclerotica PROGETTO NAZIONALE - FORMAZIONE ATTIVA CFC 2015 «Dalla macrosimulazione alla clinica» Perugia, 22/24 maggio 2015 L incidenza della funzione renale nella progressione della malattia aterosclerotica Agostino

Dettagli

PIANO ASSISTENZIALE INDIVIDUALE DIALISI DOMICILIARE (P.A.I.D.D.) PROPOSTA di supporto al trattamento dialitico domiciliare

PIANO ASSISTENZIALE INDIVIDUALE DIALISI DOMICILIARE (P.A.I.D.D.) PROPOSTA di supporto al trattamento dialitico domiciliare Allegato C) Al Direttore del Distretto di dell Azienda Sanitaria Locale PIANO ASSISTENZIALE INDIVIDUALE DIALISI DOMICILIARE (P.A.I.D.D.) PROPOSTA di supporto al trattamento dialitico domiciliare Cognome

Dettagli

SMI(Superb microvascular Imaging) nella patologia pediatrica. Dott. Antonio De Fiores

SMI(Superb microvascular Imaging) nella patologia pediatrica. Dott. Antonio De Fiores SMI(Superb microvascular Imaging) nella patologia pediatrica. Dott. Antonio De Fiores SMI permette in alcuni casi non usare il contrasto per via endovenosa e determinare un vantaggio significativo per

Dettagli

I COSTI RAPPRESENTANO UN PROBLEMA IN CHIRURGIA LAPAROSCOPICA?

I COSTI RAPPRESENTANO UN PROBLEMA IN CHIRURGIA LAPAROSCOPICA? I COSTI RAPPRESENTANO UN PROBLEMA IN CHIRURGIA LAPAROSCOPICA? M.M. Lirici SESSIONE SIC-SICE Sistema ABC ACTIVITY BASED COSTING Gli elementi che generano il costo sono quelli che richiedono una prestazione

Dettagli

Ripercussione della combinazione IRC Diabete sulle Arteriopatie Dr. C. Mariani UO di Chirurgia Vascolare AO Ospedale San Carlo Borromeo Cattedra di

Ripercussione della combinazione IRC Diabete sulle Arteriopatie Dr. C. Mariani UO di Chirurgia Vascolare AO Ospedale San Carlo Borromeo Cattedra di Ripercussione della combinazione IRC Diabete sulle Arteriopatie Dr. C. Mariani UO di Chirurgia Vascolare AO Ospedale San Carlo Borromeo Cattedra di Chirurgia Vascolare UniMI Direttore Prof. P.G. Settembrini

Dettagli

XII Riunione annuale del Registro Dialisi del Lazio Dati preliminari dello studio sull accesso alle cure nefrologiche in fase predialitica

XII Riunione annuale del Registro Dialisi del Lazio Dati preliminari dello studio sull accesso alle cure nefrologiche in fase predialitica XII Riunione annuale del Registro Dialisi del Lazio Dati preliminari dello studio sull accesso alle cure nefrologiche in fase predialitica Anteo Di Napoli Roma, 21 novembre 2005 Razionale dello studio

Dettagli

SMID a.a. 2004/2005 Corso di Metodi Statistici in Biomedicina Tassi di incidenza 9/2/2005

SMID a.a. 2004/2005 Corso di Metodi Statistici in Biomedicina Tassi di incidenza 9/2/2005 SMID a.a. 2004/2005 Corso di Metodi Statistici in Biomedicina Tassi di incidenza 9/2/2005 Ricerca epidemiologica Gli epidemiologi sono interessati a conoscere l incidenza delle malattie per prevedere i

Dettagli

Farmaci antipertensivi per la prevenzione della progressione delle nefropatie croniche: Linea Guida

Farmaci antipertensivi per la prevenzione della progressione delle nefropatie croniche: Linea Guida Giornale Italiano di Nefrologia / Anno 24 S-37, 2007 / pp. S64-S82 Prevenzione della progressione del danno renale Farmaci antipertensivi per la prevenzione della progressione delle nefropatie croniche:

Dettagli

INCIDENZA DELLE NEFROPATIE E CONFRONTO CON LA LORO PREVALENZA NELLA POPOLAZIONE VENETA: STUDIO EPIDEMIOLOGICO

INCIDENZA DELLE NEFROPATIE E CONFRONTO CON LA LORO PREVALENZA NELLA POPOLAZIONE VENETA: STUDIO EPIDEMIOLOGICO Sede Amministrativa: Università degli Studi di Padova Dipartimento di : SCIENZE MEDICHE E CHIRURGICHE SCUOLA DI DOTTORATO DI RICERCA IN : SCIENZE MEDICHE, CLINICHE E SPERIMENTALI INDIRIZZO: SCIENZE NEFROLOGICHE

Dettagli

Sistemi di analisi. BCM - Body Composition Monitor Innovazione per un miglior outcome dei pazienti in dialisi

Sistemi di analisi. BCM - Body Composition Monitor Innovazione per un miglior outcome dei pazienti in dialisi Sistemi di analisi BCM - Body Composition Monitor Innovazione per un miglior outcome dei pazienti in dialisi Cardioprotective Haemodialysis BCM - Body Composition Monitor Nonostante i significativi progressi

Dettagli

Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati. Dott.ssa D. Piccolo

Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati. Dott.ssa D. Piccolo Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati Dott.ssa D. Piccolo Come mai il cattivo controllo glicemico è tanto frequente tra i pazienti ospedalizzati? Le informazioni disponibili sul grado

Dettagli

Dialisi Peritoneale. Prolong. Verso un concetto più ampio di PD P 3. Prolong

Dialisi Peritoneale. Prolong. Verso un concetto più ampio di PD P 3. Prolong Dialisi Peritoneale Prolong Verso un concetto più ampio di PD Protect Preserve P 3 Prolong P 3 Un nuovo approccio alla Dialisi Peritoneale P 3 è un programma di PD completo, appositamente studiato per

Dettagli

QUALITÁ DI VITA E ASPETTI PSICOLOGICI DELL ANZIANO UREMICO IN TRATTAMENTO DIALITICO: CONFRONTO TRA EMODIALISI E DIALISI PERITONEALE

QUALITÁ DI VITA E ASPETTI PSICOLOGICI DELL ANZIANO UREMICO IN TRATTAMENTO DIALITICO: CONFRONTO TRA EMODIALISI E DIALISI PERITONEALE GiornaleItaliano di Nefrologia / Anno 27 n. 3, 2010 / pp. 290-295 RICERCA QUALITÁ DI VITA E ASPETTI PSICOLOGICI DELL ANZIANO UREMICO IN TRATTAMENTO DIALITICO: CONFRONTO TRA EMODIALISI E DIALISI PERITONEALE

Dettagli

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA Convegno Nazionale Società Italiana di Chirurgia Ginecologica Endometriosi: patologia, clinica ed impatto sociale Sabato 8 Marzo 2014 - Bergamo ENDOMETRIOSI DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA A. Signorelli

Dettagli

Come prevenire e gestire l infezione da Clostridium difficile nelle strutture sanitarie

Come prevenire e gestire l infezione da Clostridium difficile nelle strutture sanitarie Agenzia Sanitaria Regionale Area Rischio infettivo Unità Gestione Rischio e Sicurezza Come prevenire e gestire l infezione da Clostridium difficile nelle strutture sanitarie Pietro Ragni Reggio Emilia,

Dettagli

L ACCESSO VASCOLARE PER DIALISI SU VASI NATIVI NEL PAZIENTE DIABETICO: ESPERIENZA DI UN SINGOLO CENTRO

L ACCESSO VASCOLARE PER DIALISI SU VASI NATIVI NEL PAZIENTE DIABETICO: ESPERIENZA DI UN SINGOLO CENTRO G Ital Nefrol 2010; 27 (5): 522-526 RICERCA L ACCESSO VASCOLARE PER DIALISI SU VASI NATIVI NEL PAZIENTE DIABETICO: ESPERIENZA DI UN SINGOLO CENTRO Paola David, Carlo Navino, Federica Capurro, Andreana

Dettagli