MODULO: Circuiti elettrici in corrente alternata

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MODULO: Circuiti elettrici in corrente alternata"

Transcript

1 Università di Modena e Reggio E. Scuola di Specializzazione per l nsegnamento Secondario cl. A03 ciclo MODULO: Circuiti elettrici in corrente alternata Unità d apprendimento 3: Rappresentazione di grandezze sinusoidali mediante numeri complessi, trasformata di Steinmez. Unità d apprendimento : Circuiti in c.a. regime sinusoidale e transitorio (applicazioni di segnali cisoidali) Prampolini Katia Michelini Alberto a.a. 00/005

2 Grandezze elettriche alternate Una grandezza elettrica alternata è una grandezza variabile e periodica, ossia che dopo un intervallo di tempo T (detto periodo) riassume il valore iniziale. (t 0 +T) (t 0 ) ; T T Figura Oppure si può anche dire che una grandezza è alternata se nell unità di tempo si ripete con una frequenza f pari a /T. La grandezza /T viene chiamata appunto frequenza, ed esprime quante volte al secondo la grandezza elettrica si ripete. L unità della misura della frequenza si chiama Hz. Maggiore è il periodo con cui la grandezza elettrica si ripete, minore sarà il numero di volte con cui lo fa in un secondo e viceversa. Per esempio una grandezza che ha frequenza pari a 00 Hz, vuol dire che si ripete 00 volte in un secondo, avrà un periodo T /f 0.0 sec. Se invece la frequenza aumenta di 0 volte (000 Hz) il periodo diventa 0 volte più piccolo T 0.00 sec msec. Una grandezza elettrica variabile si dice sinusoidale se varia nel tempo con legge sinusoidale (o armonica) segnale sinusoidale freq. 50 Hz Periodo T 0.0s Figura Dalla cinematica del punto sappiamo che un esempio di moto di tipo armonico si può avere da un moto circolare uniforme, proiettandone il moto su di un diametro. Seguendo infatti un moto circolare uniforme di un punto materiale, suddividendo il periodo di rivoluzione in 8 istanti diversi ad uguale distanza tra loro, si proiettano sul diametro le posizioni che il punto assume in quegli istanti. Successivamente si possono riportare in un diagramma temporale le distanze delle proiezioni dal centro del cerchio sull asse delle ordinate, e gli 8 istanti diversi sull asse delle ascisse che diventa quindi l asse dei tempi.

3 Figura 3 Come si deduce dal diagramma, la legge con cui la posizione sul diametro si muove nel tempo è di tipo cosinusoidale (curva di colore rosso), dove l argomento (cioè l angolo) è quello che è descritto dal raggio del cerchio che individua il punto, che nella figura 3 è indicato con θ. n effetti la proiezione è data dal prodotto RAGGO*COS θ 3 θ 0 8 L angolo θ varia nel tempo e se il moto del punto è circolare uniforme, il raggio che lo individua descrive angoli uguali in tempi uguali, quindi la velocità con cui l angolo varia è costante: ω Δθ / Δt y e verrà chiamata velocità angolare (misurata in radianti al secondo) e la legge con cui l angolo varia è di tipo lineare θ ω t Dopo un tempo pari al periodo T il punto ha percorso un giro e torna nella posizione iniziale, l angolo descritto è quindi pari a π radianti. Un altra relazione per ω è quindi : ω π / T ; Ugualmente in un secondo il punto compierà /T f rivoluzioni quindi: ω π f ; La legge che descrive il movimento della proiezione sul diametro è quindi : Y(t) R cos (ω t) ; Se ora immaginiamo che il punto si muova partendo da una posizione più in avanti rispetto prima di un angolo φ, cosa cambierà nella legge oraria? Ovviamente in ogni istante il punto si troverà leggermente avanti rispetto al caso precedente, anticipando la posizione angolare di un angolo pari proprio a φ (FG. curva di colore blu) θ ω t + φ ; y(t) R cos(ω t + φ) ; La seconda grandezza alternata si dice in anticipo rispetto alla prima, con angolo di anticipo pari a φ. Ugualmente se il punto si muoveva partendo da una posizione più arretrata, di un angolo pari ad α ad esempio, la funzione che rappresentava il movimento della proiezione sul diametro era : y(t) R cos (ωt - α) ; La grandezza ora si dice che è in ritardo rispetto alla prima, di un angolo α 3

4 Figura α φ Quest ultimo caso lo si può notare nella figura, dove la grandezza in ritardo è stata rappresentata in colore nero. Le grandezze che caratterizzano una funzione alternata sono quindi:. ampiezza, (fig.5) che corrisponde al raggio della circonferenza;. frequenza, (fig. 6)più essa è grande più piccolo è il periodo e quindi più rapide si fanno le rivoluzioni attorno al cerchio; 3. fase iniziale (fig. 7), che corrisponde all angolo da cui comincia il moto circolare; ariazione d ampiezza y Figura 5 AMPEA Aumento della frequenza Figura 6 FRUENA α R cos α Figura 7 FASE

5 Per le grandezze elettriche alternate ( o segnali elettrici) l ampiezza non corrisponde esattamente al valore massimo che essa può assumere ma al valore efficace, o valore quadratico medio. Per definire il valore efficace di una grandezza alternata consideriamo una resistenza R sottoposta alla grandezza alternata in esame, corrente o tensione, e supponiamo di aver potuto misurare la potenza che in essa è dissipata per effetto. Ora sottoponiamo la stessa resistenza ad una grandezza elettrica equivalente, tensione o corrente ma continua, in modo tale da dissipare in calore la stessa potenza di prima. l valore della grandezza continua che provoca dissipa la stessa potenza della grandezza alternata (sulla stessa resistenza), viene detto valore efficace della grandezza alternata. Per ora considereremo solamente segnali armonici, per i quali il valore efficace è pari a : MAX /. n conclusione le grandezze elettriche sinusoidali sono rappresentate da espressioni del tipo (t) eff cos(ω t + φ) dove (t) è in questo caso una tensione elettrica (ma potrebbe essere anche una corrente) e il suo valore viene chiamato valore istantaneo. Per i casi reali che si affrontano nei circuiti elettrici, i segnali sono tutti isofrequenziali, cioè hanno la stessa frequenza. Ne consegue che per definire completamente ed univocamente una grandezza alternata basta definire due variabili: ampiezza e fase. Questo aiuta ad introdurre la rappresentazione matematica utilizzata per le grandezze alternate. n effetti per eseguire i vari calcoli con le grandezze elettriche alternate, riuscirebbe difficile farlo attraverso i valori istantanei, ma potremmo considerare il vettore che nell esempio del moto circolare, ruotava con velocità angolare ω in senso anti orario. Anch esso può definire in modo univoco la grandezza elettrica: esso ha, come tutti i vettori, due caratteristiche pertinenti: modulo e direzione che dalle figure 3 e, si vede come esse rappresentino rispettivamente il modulo e la fase del vettore e quindi anche della grandezza elettrica. Quindi ogni grandezza elettrica sinusoidale con ampiezza A, frequenza angolare ω e fase φ si può rappresentare con un vettore avente modulo A efficace, che ruota con velocità angolare ω in senso anti orario e che forma all istante t0 con l asse delle ascisse un angolo pari alla fase φ. Tale vettore prenderà il nome di fasore. Attraverso i fasori si possono eseguire tutte le operazioni matematiche che si eseguono con i vettori, il risultato sarà un favore che rappresenta una nuova grandezza sinusoidale. B A + B A + B A B A Come rappresentare matematicamente il fasore? Come per tutti i vettori possiamo usare i due modi classici per rappresentarlo : forma cartesiana e forma polare, ma con una novità. n effetti delle due componenti cartesiane potrei considerarne solo una, per esempio l ascissa. Essa infatti contiene tutte le informazioni che dobbiamo sapere per individuare il vettore (e quindi la grandezza alternata) : modulo e fase: se è l ampiezza e φ è la fase la componente del vettore sull asse x è cos (φ ) Questa espressione contiene sia il modulo che la fase. Per semplicità di calcoli conviene però conservare le due componenti cartesiane, per poi attribuire φ significato fisico reale solo ad una. n matematica esistono dei numeri che soddisfano pienamente le nostre richieste: i numeri complessi. Essi infatti hanno cos φ 5

6 due rappresentazioni (cartesiana e polare) come le nostre grandezze. numeri complessi sono rappresentati su di un diagramma che differisce dal diagramma cartesiano tradizionale, e che si chiama diagramma di Gauss. n tale diagramma nelle ascisse mettiamo i numeri reali, mentre nelle ordinate metteremo i numeri immaginari che hanno come unità j -. Ogni punto del piano individua un vettore il quale rappresenta un numero complesso, avente cioè una componente reale ed una immaginaria. Û cos φ + j sen φ; Ma di tale fasore, come già detto, interesserà ai fini pratici solamente Asse immaginario la parte reale. Come concilia questa notazione derivata dai numeri complessi con la nostra grandezza sinusoidale (t) cos (ωt + φ )? j sen φ Cioè come fa il fasore a ruotare con velocità ω? φ l numero complesso che considereremo sarà quello già definito prima che corrisponde alla posizione all istante iniziale, moltiplicato Asse reale per un altro numero complesso che avrà modulo unitario ma fase cosφ variabile, ossia sarà un vettore rotante al fine di giustificare il significato del termine fasore. l secondo numero complesso è quindi U cosωt + j senωt Esso infatti è un vettore che ruota con velocità angolare ω, il numero complesso complessivo sarà quindi (t) (cosφ + jsenφ)(cosωt + j senωt) cosφ cosωt - senφ senωt j Da questo prodotto interessa solamente la parte reale: (t) cosφ cosωt - senφ senωt cos (ωt + φ ) c.v.d. La trasformazione che permette di passare diretamente da un segnale sinusoidale di valore efficace eff e fase φ ad un numero complesso eff (cosφ + jsenφ) si chiama trasformata di Steinmez. Essa può essere espressa in tre modi diversi : forma cartesiana (o trigonometrica) Forma polare Forma esponenziale eff (cosφ + jsenφ) eff φ eff e jφ Ad esempio rappresentare nelle forme complesse conosciute la grandezza sinusoidale (t) 0 cos (ωt + 30) forma cartesiana (o trigonometrica) 0 (cos30 + jsen30) 8,7 + j5 Forma polare 0 30 Forma esponenziale 0 e j30 Per ritornare dalla forma complessa a quella istantanea si procede così: eff a + jb valore efficace eff a + b fase φ arctg (b/a); ad esempio nel caso precedente: eff 8, ; φ arctg (5 / 8,7) 30 (t) 0 sen (ω t + 30 ); 6

7 PROPRETA ALGEBRCHE DE NUMER COMPLESS. Somma algebrica : si sommano tra loro le parti reali e le parti immaginarie. Ad esempio: 0 cos (π 00 t + 5 ) + 5 cos ( π 00 t - 60 ) + 0 cos5 + j 0 sen cos 60 - j 5 sen j 7 +,5 - j,3 9,5 - j,7 eff (forma cartesiana) 9,5 +,7 9,8 φ arctg ( -0, / 6,7) -6 9,8-6 (forma polare) moltiplicazione per J e per -J moltiplicando per j si ottiene un fasore ruotato di 90 in senso orario rispetto all originale: ad esempio + j,8 5 j j ( + j) j -,8 35 j moltiplicando per j il fasore invece ruota di 90 ma in senso anti orario -j - j ( + j) - j +,8-5 j - -j complesso coniugato ogni numero complesso ha un coniugato, cioè un complesso che ha stessa parte reale ma parte immaginaria opposta. La somma di un complesso con il suo coniugato è un numero reale pari al doppio della parte reale del primo complesso. + j 3 - j 3; Moltiplicazione ( a + j b ) ( c + j d) a c - b d + j ( a d + b c); derivazione rispetto al tempo d d t d (cosωt + jsinωt) dt ( cosφ + jsinφ) jω [ jsin ( ωt + φ ) + cos( ωt + φ)] jω ( ωsinωt + jωcosωt ) ( cosφ + jsinφ) ωsin ( ωt + φ ) + jωcos( ωt + φ) equivale alla moltiplicazione per j ω: sen (α) cos (α - 90 ) ; - cos (α) cos (80 - α);. d (0 cos (ω t + 30 ) - ω 0 sen (ω t + 30 ) - ω 0 cos (ω t ) ω 0 cos(ω t + 0 ) ω 0 0 j ω

8 LOGLNG DMOSTRAONE DELLA CORRSPONDENA TRA UNA GRANDEA SNUSODALE cos (ωt + φ ) E LA PARTE REALE D UN NUMERO COMPLESSO CORRSPONDENTE ALLA TRASFORMATA D STENME.. (t) max cos (ωt + φ) ;. U cosωt + j senωt ; 3. eff ( cosφ + j sinφ) ;. φ ; eff 5. (t) Re[ U ] ; la relazione () La relazione () Rappresenta È un numero complesso solo la parte reale 5 Rappresenta Rappresenta Un numero complesso Di modulo eff solo la parte immaginaria raccogliendo J 5 esprime / dalla moltiplicazione di ottiene / Una grandezza che varia nel tempo Un vettore unitario l cui modulo è eff max 3 E di fase φ Considero solamente la parte reale c.v.d. 5 Con legge sinusoidale 3 Che ruota vocabolario 3 E la fase è Re( ) φ arctg m( ) Espresso in forma polare 3 Con frequenza ω Con velocità angolare ω E si definisce trasformata di Steinmez Per dimostrare la (5) E fase φ La relazione (3) La relazione () Si moltiplica la () per la (3) 8

9 CRCUT N CORRENTE ALTERNATA Ora si studieranno i comportamenti di risposta di alcuni circuiti, quando sono sottoposti ad una tensione (oppure una corrente) alternata sinusoidale. erranno trascurati tutti i fenomeni transitori connessi, considerando quindi il comportamento elettrico dopo un tempo idealmente infinito dalla chiusura dell interruttore. Questa situazione elettrica viene definita regime sinusoidale permanente. Obiettivo finale sarà : ricavare la corrente (o la tensione) in modulo e fase, con cui il circuito risponde ad una nota tensione ( o corrente). l primo circuito che si studia è il circuito puramente ohmico. Esso è costituito da un generatore di tensione alternata collegato ad una resistenza, ed è rappresentato nella figura. figura La legge di Ohm risulta valida anche in questo caso, quindi il valore istantaneo della corrente sarà proporzionale al valore istantaneo della tensione. La costante in gioco è la resistenza elettrica, che è una costante reale e quindi tra le due grandezze alternate non vi è sfasamento. loro fasori quindi sono in fase. ( t) eff cos( ω t + φ) ( t) () R R φ 30 R CRCUTO PURAMENTE CAPACTO E realizzato collegando un condensatore in serie ad un generatore di tensione (fig. ). Questa è una situazione che raramente può realizzarsi in pratica ed è da ritenersi un caso ideale, un modello matematico per capire la teoria del fenomeno. figura Sappiamo dall elettrostatica che la tensione che è ai capi di un condensatore è direttamente proporzionale alla carica accumulata sulle sue armature. Questa relazione viene estesa anche al caso dinamico come quello in oggetto quindi: Q C () C La tensione C ovviamente è la stessa che eroga il generatore ε(t) ε cos (ωt + φ). Dalla definizione di corrente ricaviamo: 9

10 ( ωt + φ) dq d[ c ε ( t)] d [ ε eff cos ( t) C C ω ε eff sen dt dt dt φ 90 (3) ( ωt + φ) C ω cos( ωt + + ) La relazione (3) mostra come la corrente non sia in fase con la tensione, ma risulti in sfasata di 90 in anticipo rispetto ad essa. noltre il suo modulo è proporzionale alla tensione, ma anche alla frequenza. Nel simbolismo di Steinmez la relazione tra tensione e corrente contiene un fattore immaginario j per giustificare il loro sfasamento. Dovendo infatti essere il fasore della corrente in anticipo di 90 su quello della tensione, il n complesso che rappresenta quest ultima grandezza dovrà essere moltiplicato per j, come si sa dalle proprietà dei numeri complessi. La legge di Ohm nel circuito capacitivo, nella notazione simbolica di Steinmez, è quindi: jω C () ( ) l numero immaginario x C è l equivalente della resistenza per il circuito in esame, ed ha infatti la j ω C stessa dimensione: Ω. A tale grandezza viene dato il nome di reattanza capacitiva. Ma quale giustificazione fisica trova lo sfasamento tra corrente e tensione? Sappiamo che la corrente che circola nel circuito rappresenta il movimento delle cariche mentre caricano il condensatore, accumulandosi sulle sue armature. La quantità di carica che può accumularsi sulle armature di un condensatore è proporzionale alla tensione che è applicata ai suoi capi. Se varia la tensione varia anche la carica. Osservando quindi il diagramma e temporale della tensione sinusoidale, si può evincere che ci sarà variazione di carica sulle armature del condensatore (e quindi passaggio di corrente nel circuito) in tutti gli istanti esclusi quelli dove la tensione raggiunge i valori massimi e minimi (fig. 3 ). x C C Punti di corrente max Punti di corrente nulla Figura 3 Punti di corrente min Negli altri istanti vi sarà sempre un trasporto di carica, e quindi passaggio di corrente nel circuito, con intensità diverse. Gli istanti dove è massima la corrente sono quelli dove la tensione varia di più a parità di tempo; nel grafico questi punti sono quelli in cui la curva della tensione ha massima o minima pendenza rispetto l asse delle ascisse. Precisamente i punti in questione sono quelli in cui la curva della tensione interseca l asse dei tempi: nei punti dove la tensione è crescente avremo un aumento di carica nelle armature del condensatore, e quindi una corrente positiva; nei punti dove la tensione è decrescente avremo una diminuzione di carica nelle armature del condensatore, e quindi una corrente negativa. Ora non rimane che unire i punti della fig. 3 per ottenere l andamento temporale della corrente: φ 0

11 CRCUTO PURAMENTE NDUTTO Anche in questo caso il circuito studiato è una situazione ideale che non trova riscontro nella realtà: non si può collegare un generatore ad una sola induttanza. Anche in questa circostanza avremmo comunque una resistenza in serie all induttanza dovuta alla resistenza del filo di rame, anche se molto debole. figura Un induttanza percorsa da una corrente variabile è soggetta ad una tensione di autoinduzione d i( t) ε ( t) L dove il segno meno è il contributo della legge di Lenz, per la quale la tensione indotta dt deve creare un flusso magnetico che si opponga alla variazione del flusso dovuto alla tensione applicata. La tensione applicata, che coincide con quella del generatore, dovrà essere quindi in ogni istante opposta a quella indotta, in questo modo in effetti si evita il corto circuito. d i( t) La tensione ai capi dell induttanza è legata alla corrente quindi dalla seguente relazione: ( t) L dt () che è un equazione differenziale dove l incognita è la corrente. n regime sinusoidale, grazie alla notazione complessa del metodo simbolico, questa relazione diventa più semplice: j ω L X L (6) La relazione (6) mostra che: la corrente è sfasata in ritardo di 90 rispetto alla tensione; essa è data dal rapporto che rappresenta la legge di Ohm del circuito, nella quale XL è un numero X L immaginario chiamato reattanza induttiva e si misura in Ω. Quale giustificazione fisica trova lo sfasamento tra tensione e corrente? Consideriamo l andamento di corrente nel tempo come in figura 5. Dall equazione () sappiamo che la tensione è proporzionale alla variazione di corrente, nella figura 5 vediamo che i punti dove la corrente non varia sono i punti di massimo e di minimo. n quegli istanti avremo una tensione nulla. noltre la massima variazione di corrente, a parità di variazione di tempo, avviene negli istanti in cui la curva interseca gli assi: quando la corrente aumenta avremo tensione positiva, se invece diminuisce la tensione sarà negativa. Punti di variazione massima di corrente Punti di variazione nulla di corrente Figura 5 Punti di variazione minima di corrente Collegando i vari punti di tensione massima minima e nulla si ottiene il suo andamento nel tempo, dal quale si evince lo sfasamento esistente.

12 CRCUTO RLC SERE. Ora consideriamo un circuito dove compaiono tutti gli elementi circuitali visti in precedenza, resistenza induttanza e capacità, collegati in serie ad un generatore di tensione sinusoidale. Anche in c.a. gli elementi in serie sono attraversati dalla stessa corrente, applicando la legge di maglia al circuito si ottiene: d i( t) Q ( t) R + L + C R i( t) + L + passando al metodo simbolico dt C R + jω L + jω C R + X L + X C R + jωl + jωc l equazione (7) rappresenta la legge di Ohm in c.a., dalla quale si comprende come anche in corrente alternata vi sia proporzionalità tra tensione e corrente. La costante di proporzionalità è detta impedenza, ed è però un numero complesso che si misura in Ω, è l equivalente della resistenza per i circuiti in c.a.. R + j ω L ; ω C R + ω L ω C ω L φ arctg ω C R l fatto che sia un n complesso suggerisce che tra tensione e corrente vi sia uno sfasamento, non di 90 come nei circuiti puramente induttivi o capacitivi, ma pari proprio all angolo φ che è la fase dell impedenza. Essa infatti ha parte reale pari alla resistenza R e parte immaginaria pari alla somma algebrica tra le reattanze X L ed X C. Tracciando il diagramma fasoriale del circuito (ponendo il fasore della corrente sull asse reale per semplicità) C Si può da esso ricavare la tensione del generatore come L somma vettoriale delle tre tensioni R L C. Lo sfasamento è evidente dal diagramma. Notare che la R è in fase con la corrente quindi φ è l angolo formato tra R e. Ora se R ricostruiamo la somma vettoriale delle tre tensioni, otterremmo un triangolo rettangolo (detto triangolo delle tensioni) i cui cateti sono R e la differenza L - C mentre l ipotenusa è la tensione. L - C (8) (7) φ Se immaginiamo di dividere tutti e tre i lati del triangolo delle tensioni per il valore della corrente, otterremmo un altro triangolo rettangolo con lati più piccoli, ma con angoli uguali (in particolare φ). Cioè avremmo un triangolo simile a quello delle tensioni e si chiama triangolo delle impedenze, i cui lati hanno le R il cateto verticale sarebbe dimensioni in Ω; precisamente il cateto orizzontale sarebbe la resistenza R R la reattanza X L X C L C ω L ω C R φ X

13 mentre l ipotenusa coincide con il modulo dell impedenza R + ω L. ω C Ricordando che la corrente è in fase con la R, e che l impedenza risulta in fase con la tensione, lo sfasamento esistente tra tensione e corrente è quindi determinabile con la terza delle relazioni (8). n un circuito in c.a. la fase dell impedenza equivalente coincide con lo sfasamento esistente tra la tensione e la corrente. Nel caso in oggetto la fase φ è positiva perché la reattanza induttiva è maggiore di quella capacitiva, la tensione quindi è in anticipo sulla corrente e il circuito si dice a carattere induttivo. Se al contrario fosse la reattanza capacitiva maggiore di quella induttiva avremmo la corrente in anticipo sulla tensione ed il carattere del circuito sarebbe capacitivo. nfine se le due reattanze fossero state uguali in modulo, avremmo avuto una reattanza equivalente nulla. L impedenza sarebbe formata solo dalla resistenza, la fase φ sarebbe nulla tensione e corrente sarebbero state in fase tra loro ed il circuito si direbbe a carattere ohmico, o anche in risonanza. Schema riassuntivo X L > X C R + ω L ω C X L < X C Comportamento Diagramma vettoriale Triangolo impedenze induttivo capacitivo φ>0 φ X L -X C R R R + ω L ω C φ< 0 φ X C -X L X L X C ohmico R φ 0 R Per qualsiasi valore di reattanza (induttiva e capacitiva) è sempre possibile che si verifichi il fenomeno della risonanza. n effetti se le reattanze sono diverse è sempre possibile trovare una frequenza alla quale esse diventano uguali. La frequenza alla quale si verifica il fenomeno della risonanza è legata ai parametri L e C: A questo valore di frequenza nel circuito circola la massima corrente possibile, a parità di ampiezza di tensione. Questo fenomeno viene sfruttato in diversi campi (sintonizzazione radio, rifasamento elettrico). 3

14 LOGLNG RSOLUONE D UN CRCUTO RLC SERE: DETERMNAONE DELLA CALCOLO DELLA FASE E DEL MODULO DELLA CORRENTE, DSEGNO DEL DAGRAMMA ETTORALE. d i( t) Q. ( t) R + L + C R i( t) + L + dt C. R + jω L + R + X L + X C jω C 3. X + ; + ; R JX R X φ arctg R ; La relazione () Rappresenta la legge di Kirchoff la relazione () Si ottiene applicando della maglia RLC; La trasformata di dell equazione () L equazione (3) riguarda La serie del Steinmez (metodo circuito simbolico) La relazione (3 bis) consente Di calcolare il La relazione (3 tris) Permette modulo della Di conoscere La fase del circuito Se la fase è positiva l circuito ha comportamento induttivo Se la fase è negativa l circuito ha comportamento capacitivo La corrente è in Se la fase è nulla anticipo sulla tensione La corrente è in ritardo sulla tensione l circuito è ohmico Corrente e tensione sono in fase

15 MPEDENE N SERE Consideriamo un circuito realizzato collegando due impedenze qualsiasi in serie ad un generatore di tensione sinusoidale, che eroga la tensione ( t) sen( ω t + ϕ) che con il metodo simbolico diventa cos ϕ + jsenϕ Le impedenze siano R + j X R + j X Essendo collegate in serie ovviamente sono attraversate dalla stessa corrente; la legge di maglia di Kirchoff quindi ci permette di scrivere: + + ( ) L impedenza equivalente serie è quindi il risultato della somma vettoriale delle due impedenze; cioè la è un numero complesso che ha per parte reale la somma delle due resistenze delle impedenze, e per parte immaginaria la soma algebrica delle due reattanze. R + j X + R + j X R + R + j X + X R + jx i cui modulo e fase sono: ( ) ( ) R + X X φ arctg R l modulo della corrente è Ovviamente anche in questo caso il comportamento elettrico del circuito è determinato dal segno della fase φ della Esempio Tensione 0 sen (π0 3 t + 5 ) mpedenze 0 + j - j Determiniamo innanzitutto il valore efficace della tensione: L impedenza equivalente è j + + j0; j eff 0 7 Poi determiniamo modulo e fase dell impedenza per poi calcolare la corrente Ω 0 φ arctg 35,5 eff 7 0,35 A 0 l circuito ha comportamento induttivo, la corrente è quindi in ritardo rispetto alla tensione di 35,5. l diagramma vettoriale del circuito è il seguente: Φ 35 5

16 MPEDENE N PARALLELO Come per i circuiti in c.c. anche in c.a. gli elementi in parallelo sono attraversati da correnti diverse, mentre ai loro capi hanno la stessa tensione. Consideriamo ancora due impedenze R + j X R + j X in parallelo con ai loro capi il generatore di tensione che eroga la tensione ( t) sen( ω t + ϕ) che si rappresenta in forma complessa cos ϕ + jsenϕ Le correnti nei due rami si determinano mediante la legge di Ohm, utilizzando la tensione del generatore: ; Per la legge del nodo di Kirchoff le corrente totale è la somma delle due corenti nei rami: Ritroviamo quindi la stessa formula della resistenza equivalente in parallelo, per i circuiti in c.c. Ora però la stessa operazione viene eseguita mediante i numeri complessi. Per quanto riguarda modulo e fase dell impedenza equivalente, vale quanto esposto per le impedenze serie. Per il diagramma vettoriale l unica novità rispetto prima è che ora le correnti che attraversano le due impedenze sono diverse, e vanno riferite alla tensione comune del generatore. Esempio Analizziamo ora un esempio che sfrutta il circuito della figura precedente, con gli stessi dati dell esempio sulle impedenze in serie. Determiniamo l impedenza equivalente ( + j) ( j) 0 0,8 j0,8 ; + 0,8, Ω; φ arctg j + j l circuito ha quindi comportamento capacitivo, la corrente totale sarà in anticipo sulla tensione. eff 7 l modulo della corrente è,7 A mentre le due correnti di ramo sono:, eff 7 eff 7 0,5 A,56 A Come si può notare, le correnti e sommate 5,6,5 darebbero un valore maggiore della tot. Ciò è dovuto al fatto che tali correnti non sono in fase, ma sono sfasate rispetto alla tensione del generatore comune con angoli diversi. Tali angoli corrispondono alle fasi delle due impedenze e. X X φ arctg arctg 50 φ arctg arctg 6, 6 R 0 R Quindi non si deve commettere l errore di sommare le correnti e in modulo per ottenere la corrente tot, ma bisogna usare la loro forma complessa. Φ 5 Φ 6

17 Risonanza parallelo Potenze 7

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI 1 Nel campo elettrotecnico-elettronico, per indicare una qualsiasi grandezza elettrica si usa molto spesso il termine di segnale. L insieme dei valori istantanei assunti

Dettagli

GRANDEZZE SINUSOIDALI

GRANDEZZE SINUSOIDALI GRANDEE SINUSOIDALI INDICE -Grandezze variabili. -Grandezze periodiche. 3-Parametri delle grandezze periodiche. 4-Grandezze alternate. 5-Grandezze sinusoidali. 6-Parametri delle grandezze sinusoidali.

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

Analisi in regime sinusoidale (parte V)

Analisi in regime sinusoidale (parte V) Appunti di Elettrotecnica Analisi in regime sinusoidale (parte ) Teorema sul massimo trasferimento di potenza attiva... alore della massima potenza attiva assorbita: rendimento del circuito3 Esempio...3

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

nica Cagliari ) m Viene detto (1) Dal sistema dell energia Un possibile

nica Cagliari ) m Viene detto (1) Dal sistema dell energia Un possibile Viene detto sistema polifase un sistema costituito da più tensioni o da più correnti sinusoidali, sfasate l una rispetto all altra. Un sistema polifase è simmetrico quando le grandezze sinusoidali hanno

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

FILTRI PASSIVI. Un filtro elettronico seleziona i segnali in ingresso in base alla frequenza.

FILTRI PASSIVI. Un filtro elettronico seleziona i segnali in ingresso in base alla frequenza. FILTRI PASSIVI Un filtro è un sistema dotato di ingresso e uscita in grado di operare una trasmissione selezionata di ciò che viene ad esso applicato. Un filtro elettronico seleziona i segnali in ingresso

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso

A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso 441 APPENDICE A4 NUMERI COMPLESSI A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso Si riepilogano i concetti e le operazioni elementari relativi ai numeri complessi. Sia z un numero complesso;

Dettagli

MACCHINA SINCRONA TRIFASE

MACCHINA SINCRONA TRIFASE MACCHIA SICROA TRIFASE + + + + + + + + + + + + + + + + + + L avvolgimento di eccitazione, percorso dalla corrente continua i e, crea una f.m.m. al traferro e quindi un campo magnetico in modo tale che

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua 1 UNIVERSITÀ DIGENOVA FACOLTÀDISCIENZEM.F.N. LABORATORIO IA Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua Anno Accademico 2001 2002 2 Capitolo 1 Richiami sui fenomeni elettrici Esperienze elementari

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Circuiti Elettrici Corrente elettrica Legge di Ohm Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Leggi di Kirchhoff Elementi di circuito: voltmetri, amperometri, condensatori

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

Elementi di analisi delle reti elettriche. Sommario

Elementi di analisi delle reti elettriche. Sommario I.T.I.S. "Antonio Meucci" di Roma Elementi di analisi delle reti elettriche a cura del Prof. Mauro Perotti Anno Scolastico 2009-2010 Sommario 1. Note sulla simbologia...4 2. Il generatore (e l utilizzatore)

Dettagli

Progetto di un alimentatore con Vo = +5 V e Io = 1 A

Progetto di un alimentatore con Vo = +5 V e Io = 1 A Progetto di un alimentatore con o +5 e Io A U LM7805/TO IN OUT S F T 5 4 8 - ~ ~ + + C GND + C + C3 3 R D LED Si presuppongono noti i contenuti dei documenti Ponte di Graetz Circuito raddrizzatore duale

Dettagli

Forma d onda rettangolare non alternativa.

Forma d onda rettangolare non alternativa. Forma d onda rettangolare non alternativa. Lo studio della forma d onda rettangolare è utile, perché consente di conoscere il contenuto armonico di un segnale digitale. FIGURA 33 Forma d onda rettangolare.

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

La funzione di risposta armonica

La funzione di risposta armonica 0.0. 3.1 1 La funzione di risposta armonica Se ad un sistema lineare stazionario asintoticamente stabile si applica in ingresso un segnale sinusoidale x(t) = sen ωt di pulsazione ω: x(t) = sin ωt (s) =

Dettagli

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA Prerequisiti - Impiego di Multipli e Sottomultipli nelle equazioni - Equazioni lineari di primo grado e capacità di ricavare le formule inverse - nozioni base di fisica

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno Parametri dei segnali periodici I segnali, periodici e non periodici, si suddividono in: bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

Dispensa sulle funzioni trigonometriche

Dispensa sulle funzioni trigonometriche Sapienza Universita di Roma Dipartimento di Scienze di Base e Applicate per l Ingegneria Sezione di Matematica Dispensa sulle funzioni trigonometriche Paola Loreti e Cristina Pocci A. A. 00-0 Dispensa

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc.

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. Classi Numeriche 1 1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. In questo breve capitolo richiamiamo le definizioni delle classi numeriche fondamentali, già note al lettore,

Dettagli

1. Determinazione del valore di una resistenza mediante misura voltamperometrica

1. Determinazione del valore di una resistenza mediante misura voltamperometrica 1. Determinazione del valore di una resistenza mediante misura voltamperometrica in corrente continua Si hanno a disposizione : 1 alimentatore di potenza in corrente continua PS 2 multimetri digitali 1

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

Introduzione. Classificazione delle non linearità

Introduzione. Classificazione delle non linearità Introduzione Accade spesso di dover studiare un sistema di controllo in cui sono presenti sottosistemi non lineari. Alcuni di tali sottosistemi sono descritti da equazioni differenziali non lineari, ad

Dettagli

APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7

APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7 APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7 11 settembre 2007 2 Indice 1 ASPETTI GENERALI 7 1.1 Introduzione........................................ 7 1.2 Classificazione delle macchine elettriche........................

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica La corrente elettrica La corrente elettrica è un movimento di cariche elettriche che hanno tutte lo stesso segno e si muovono nello stesso verso. Si ha corrente quando: 1. Ci sono cariche elettriche; 2.

Dettagli

I motori elettrici più diffusi

I motori elettrici più diffusi I motori elettrici più diffusi Corrente continua Trifase ad induzione Altri Motori: Monofase Rotore avvolto (Collettore) Sincroni AC Servomotori Passo Passo Motore in Corrente Continua Gli avvolgimenti

Dettagli

Macchine rotanti. Premessa

Macchine rotanti. Premessa Macchine rotanti Premessa Sincrono, asincrono, a corrente continua, brushless sono parecchi i tipi di motori elettrici. Per ognuno teoria e formule diverse. Eppure la loro matrice fisica è comune. Unificare

Dettagli

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001 Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 000-00 Problema Sia AB un segmento di lunghezza a e il suo punto medio. Fissato un conveniente

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

6. Moto in due dimensioni

6. Moto in due dimensioni 6. Moto in due dimensioni 1 Vettori er descriere il moto in un piano, in analogia con quanto abbiamo fatto per il caso del moto in una dimensione, è utile usare una coppia di assi cartesiani, come illustrato

Dettagli

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo Momento di una forza Nella figura 1 è illustrato come forze uguali e contrarie possono non produrre equilibrio, bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo esteso.

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 CONTROLLI DIGITALI Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica SISTEMI A TEMPO DISCRETO Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: cristian.secchi@unimore.it http://www.dismi.unimo.it/members/csecchi Richiami di Controlli

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

Laboratorio di Elettrotecnica

Laboratorio di Elettrotecnica 1 Laboratorio di Elettrotecnica Rappresentazione armonica dei Segnali Prof. Pietro Burrascano - Università degli Studi di Perugia Polo Scientifico Didattico di Terni 2 SEGNALI: ANDAMENTI ( NEL TEMPO, NELLO

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ

LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ LE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE COSA SONO LE FUNZIONI Dati due sottoinsiemi A e B non vuoti di R, una FUNZIONE da A a B è una relazione che associa ad ogni numero reale

Dettagli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli I numeri complessi Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli 1 Introduzione Studiare i numeri complessi può sembrare inutile ed avulso dalla realtà;

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Dinamica e Misura delle Vibrazioni

Dinamica e Misura delle Vibrazioni Dinamica e Misura delle Vibrazioni Prof. Giovanni Moschioni Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica Sezione di Misure e Tecniche Sperimentali giovanni.moschioni@polimi.it VibrazionI 2 Il termine

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

1 Introduzione alla dinamica dei telai

1 Introduzione alla dinamica dei telai 1 Introduzione alla dinamica dei telai 1.1 Rigidezza di un telaio elementare Il telaio della figura 1.1 ha un piano solo e i telai che hanno un piano solo, sono chiamati, in questo testo, telai elementari.

Dettagli

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Motori Elettrici Principi fisici Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Legge di Biot-Savart: un conduttore percorso da corrente di intensità

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Lo studio di unzione Ing. Alessandro Pochì Appunti di analisi Matematica per la Classe VD (a.s. 011/01) Schema generale per lo studio di una unzione Premessa Per Studio unzione si intende, generalmente,

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Esperimentatori: Durata dell esperimento: Data di effettuazione: Materiale a disposizione:

Esperimentatori: Durata dell esperimento: Data di effettuazione: Materiale a disposizione: Misura di resistenza con il metodo voltamperometrico. Esperimentatori: Marco Erculiani (n matricola 454922 v.o.) Noro Ivan (n matricola 458656 v.o.) Durata dell esperimento: 3 ore (dalle ore 9:00 alle

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli