SCHEDA DI PROGETTO DI INTERVENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCHEDA DI PROGETTO DI INTERVENTO"

Transcript

1 SCHEDA DI PROGETTO DI INTERVENTO 1.1 Informazioni generali Titolo Progetto: alla salute! Progetto Unità di Strada per la Prevenzione di Comportamenti di Abuso di Alcool e Nuove Droghe nella Popolazione Giovanile Obiettivo di Settore: AREA DIPENDENZE - Sviluppare e qualificare gli interventi di prevenzione primaria 1.2 Soggetto pubblico titolare Comune di Livorno 1.2b Soggetto gestore Ausl 6 Livorno Ser.T. 1.3 Soggetto Attuatore Centro Italiano di Solidarietà (Ceis) Livorno ONLUS Sede legale: Via Chiesa di Salviano, Livorno Tel 0586/ Fax 0586/ Sede operativa: via Mastacchi, 93/A Tel. 0586/ Fax 0586/ Mail: Associazione P24 Lila Livorno Via delle Travi, Livorno Tel e Fax 0586/ Mail: 1.4 Responsabile del Progetto Responsabile del progetto per la P24 LILA Livorno: Luca Barsotti Responsabile del progetto per il Ceis solidarietà: Nicola Falleni

2 1.5 Spesa totale prevista VOCE DI COSTO IMPORTO Personale Educatori Costo Unit. 15 Q.ta Operatore di rete/coordinatore Costo Unit. 20 Q.ta Amministrazione Allestimento Unità di Strada Totale Macrovoce Spese mezzo di trasporto (Bollo, Assicurazione). 500 Manutenzione mezzo di trasporto 500 Stampa di materiale divulgativo e promozionale di prevenzione 1000 Manutenzione annuale strumento. 110 Spese carburante. 810 Ricambio Boccagli Usa e Getta Etilometro 1500 Materiale di Consumo 1000 Pubblicazione dati di ricerca 1600 Beni di consumo (bevande non alcoliche, schede di rilevazione dati, etc.) Totale macrovoce 8020 IMPORTO TOTALE b Finanziamento totale concesso , Eventuale compartecipazione finanziaria di soggetti privati Cofinanziamento da parte dell ente gestore: Il cofinanziamento avviene tramite: - fornitura del mezzo di trasporto (Camper - Unità di strada) in possesso di uno dei due soggetti attuatori - fornitura di una unità etilometro 1.7 Localizzazione dell Intervento Un fenomeno in evoluzione. L esperienza condotta dall Unità di Strada sul territorio livornese nei due anni di lavoro ha evidenziato l evoluzione del fenomeno del consumo di alcool e nuove droghe nel contesto locale. L andamento del fenomeno relativamente agli aspetti di calo dell età di esordio dei consumi e incremento delle situazioni di policonsumo ha registrato negli ultimi mesi un ulteriore sviluppo. Sempre più frequente in strada è l osservazione di situazioni di consumo da parte di adolescenti

3 con età progressivamente più basse e di situazioni in cui l assunzione di sostanze comporta il policonsumo. In risposta a questa tendenza occorre individuare nuove strategie progettuali di intervento capaci di rispondere ai seguenti bisogni emergenti: - sviluppo ulteriore del policonsumo (mix di sostanze sia legali, che illegali) - situazioni di consumo intensivo all interno di contesti di divertimento e aggregazione notturna - incremento di episodi di aggressività nei contesti di aggregazione notturna e nello specifico nei ritrovi giovanili informali (piazze e strade, esterni al circuito dei locali privati) Nello specifico dai dati di monitoraggio emerge una diffusione massiccia del consumo delle sostanze psicoattive (legali e non), collegate ad una cultura dello sballo. Il lavoro di strada ha messo in luce come se da un lato l uso di sostanze sia un fenomeno socialmente accettato e largamente diffuso tra le fasce giovani e giovanissime della popolazione livornese, dall altro esiste una buona e per certi aspetti inaspettata sensibilità verso stili di vita più sicuri. Nelle attività realizzate fino ad ora si è verificato come fenomeno classico, il passaggio di mano delle chiavi di macchina da parte dei frequentatori del camper, alla ricerca della persona in grado di guidare, così come alto è stato l interesse verso le informazioni sulle sostanze, sugli effetti di queste sull organismo e su tutto ciò che è percepito come rischio. La percezione è quella che se da un lato queste fasce ricercano attivamente sensazioni forti al limite e spesso oltre il legale, legate anche a comportamenti rischiosi, dall altro la promozione di messaggi specifici di riduzione del danno trova un terreno fertile e apre un dialogo e un confronto tra utenti e operatori, che spesso approda ad una maggior consapevolezza dei rischi cui va incontro l utente. Riteniamo pertanto fondamentale il potenziamento delle azioni di prevenzione, anche in risposta ad un bisogno di presenza fisica, ma anche di informazioni e confronto esplicitamente richiesto tanto dai ragazzi che popolano il mondo della notte, quanto dai gestori dei locali e dalle forze dell ordine. La poli-assunzione. L alcool, dunque, sta assumendo sempre più un ruolo di sostanza trasversale rispetto ad altri comportamenti di abuso o di comportamenti a rischio, grazie soprattutto alla propria versatilità d uso e alla caratteristica culturale che ha in sé, rispetto alle droghe, neutra o addirittura positiva. La prevenzione nei luoghi di aggregazione notturna, ma non solo Data l importanza che sembrano assumere i luoghi del divertimento per la vita dei giovani, è importante riuscire a costruire degli interventi di prevenzione in questi ambienti, tenendo presente che proprio qui si consumano spesso sostanze psicoattive, in particolare l alcol il cui utilizzo è trasversale a tutte le diverse tipologie di locali, concerti e feste. In queste occasioni, inoltre, è possibile raggiungere delle persone, ad esempio i giovani lavoratori, a cui difficilmente si arriva in altre situazioni, come ad esempio con gli interventi di prevenzione nelle scuole. L esperienza di questi anni ha inoltre suggerito l opportunità di collegare gli interventi erogati dalle associazioni titolari del progetto in contesti di aggregazione differenziati, ma percorsi dalla medesima utenza. Zone di Intervento: Comune di Livorno Comune di Collesalvetti 1.8 Obiettivi del Progetto In continuità con le precedenti esperienze di prevenzione in strada riguardo all uso di sostanze, si intende orientare il sistema di azioni, previsto nell ambito dell Unità di Strada, verso alcune direttrici fondamentali di intervento: - Indagine sui comportamenti e mappatura del fenomeno sul territorio. La ricerca sul campo è stata potenziata mediante lo sviluppo di un questionario notevolmente approfondito, elaborato in collaborazione con Leopoldo Grosso del Gruppo Abele

4 - Informazione ed azioni di prevenzione, come nucleo centrale dell intervento - Allestimento di spazi Chill-out finalizzati ad offrire un contesto di decompressione nelle situazioni di policonsumo e di consumo intensivo. - Intervento diurno finalizzato a creare un aggancio con le figure di riferimento all interno dei contesti informali di aggregazione giovanile. - Collegamento delle azioni dell UDS con altri progetti in fase di attuazione e destinati al medesimo target di riferimento, quali i percorsi di prevenzione nelle scuole (Liberamente2, interventi di educazione alla salute) oppure i laboratori extra-scolastici di prevenzione - Divulgazione e restituzione dei dati raccolti sia verso il contesto istituzionale, che verso la popolazione. Obiettivi specifici delle azioni di prevenzione svolte sull Uds. - Le caratteristiche dei luoghi di divertimento consentono di porsi alcuni obiettivi di intervento: incrementare la consapevolezza sui rischi a breve termine nel consumo di alcol e nella poliassunzione di sostanze, - Incrementare il livello di informazione circa gli effetti a lungo periodo dell abuso di alcool, sull organismo - dissuadere dalla guida in stato di ebbrezza - promuovere comportamenti sociali per una guida sicura - promuovere stili di vita più corretti. 1.9 Risultati attesi (qualitativi e quantitativi) Le aspettative in merito all intervento progettato vengono a suddividersi nelle quattro macro-aree di intervento: 1. Indagine. Prosecuzione del lavoro di indagine sul territorio, andando ad individuare le zone nevralgiche, le caratteristiche dei locali maggiormente coinvolti in comportamenti di uso ed abuso, le caratteristiche della popolazione che frequenta tali contesti. Una mappatura quindi definita secondo criteri geografici e demografici, della realtà locale rispetto al fenomeno specifico. Una mappatura definita a partire dai risultati delle indagini effettuate e dalla restituzione dei dati provenienti dalle schede di rilevazione dei dati. 2. Prevenzione. Incremento del livello di consapevolezza circa l uso e l abuso di sostanze alcoliche, mediante l uso dell etilometro in ambito preventivo, attività di ascolto e counseling, distribuzione di materiale informativo. Realizzare spazi di decompressione (chill out room) all'interno dei contesti di aggregazione e divertimento notturno Realizzare interventi di aggancio e di educativa di strada in ambito diurno nei contesti di aggregazione informali (prevalentemente piazza Attias, piazza Magenta e sale giochi piazza Cavour). Individuazione di figure leader all'interno dei contesti di educazione per sviluppare percorsi educativi nell'ottica peer to peer 3. Connessioni progettuali con altri interventi. Sviluppare sinergie e collegamenti con i progetti gestiti dalle associazioni Ceis-Comunità e P24-Lilalivorno, in materia di prevenzione di comportamenti a rischio e promozione della salute rivolti al medesimo target di popolazione. In particolare saranno create connessioni tra gli interventi nelle scuole, i laboratori extrascolastici di prevenzione e le attività dell'unità di strada. Tali connessioni consentiranno ad esempio, di orientare i ragazzi agganciati mediante gli interventi educativi di strada pomeridiani verso le occasioni di aggregazione extrascolastica, oppure di sviluppare all'interno dei laboratori di prevenzione, materiali informativi da utilizzare all'interno delle attività serali del camper, creando momenti di scambio

5 sia relazionale tra i ragazzi partecipanti ai progetti, sia di materiali tra le azioni dei progetti stessi. 4. Divulgazione. Svolgere azioni di informazione sul territorio in merito alle realtà legate all uso ed abuso di sostanze alcoliche nella popolazione giovanile. In particolare sarà organizzato nel mese di aprile un seminario di disseminazione dei risultati della ricerca condotta sul campo e di riflessione sull'evoluzione dei fenomeni di consumo giovanile di sostanze legali e non. Il seminario avrà l'obiettivo di coinvolgere il tessuto sociale livornese, le scuole e le istituzioni, stimolando un confronto in vista delle possibili strategie ulteriori di intervento Principali attività previste Attività in contesto diurno L'intervento nei contesti di aggregazione diurna prevederà una presenza settimanale nei contesti di aggregazione, mediamente l'impegno previsto sarà di 2h a settimana. Le fasi operative prevederanno una prima azione di osservazione dei contesti di aggregazione e di mappatura a partire da alcuni agganci già in essere che coinvolgono figure leader di riferimento nei contesti stessi. La fase di osservazione servirà come fase prodromica alle successive azioni di orientamento verso le opportunità aggregative extrascolastiche e laboratoriali previste all'interno di progetti di promozione della salute e di prevenzione in essere nelle associazioni Ceis-Comunità e P24-Lilalivorno. Mappatura del territorio, e rapporto con i locali (pub, discopub, etc ) Nell'ottica di intervento inteso come ricerca-azione, ottica che ha guidato con successo le azioni operative del progetto in questi anni, proseguirà l'attività di raccolta informazioni sulla popolazione target nei contesti di riferimento e di sviluppo di eventuali collaborazioni e azioni condivise con i locali. Come nelle passate edizioni, la mappatura del territorio accompagnerà l intero corso del progetto, come azione di rilevazione statistica dell evoluzione del fenomeno sul territorio. La postazione Diventa necessario individuare uno spazio nel quale sia possibile sviluppare un contatto tra l'operatore ed i giovani livornesi, senza doversi limitare alla distribuzione di materiali informativi. La sistemazione di un camper attrezzato permette di costituire uno spazio definito e riconoscibile. Questo allontanamento dall area di divertimento non è solo fisico, ma diventa anche la costruzione di una parentesi nello svago, un momento in cui rilassarsi e poter confrontarsi con gli operatori, acquisire informazioni nuove o discutere i propri comportamenti. Allestimento zona Chill-out La zona Chill-out sarà realizzata mediante l'allestimento di un contesto di decompressione collocato in una posizione decentrata del locale, rispetto alla collocazione della console e delle aree caratterizzate da musica ad alto volume. La rilevazione e la diffusione dei dati Il progetto prevede l'utilizzo di una scheda di rilevazione dati particolareggiata da compilare da parte degli operatori, di un questionario approfondito sviluppato in collaborazione con il Gruppo Abele di Torino e la realizzazione di un prodotto finale che raccolga tutte le rilevazioni alcolemiche e le interviste dei giovani che affluiranno al camper.

6 Lettura e trattamento dei dati Il materiale proveniente dalle interviste verrà integrato con le rilevazioni dei dati operati all interno dell unità di strada, e presentato nel report finale del progetto. Collegamento con altri interventi progettuali Le azioni di collegamento saranno sviluppate mediante circolarità di utenza e di materiali prodotti tra i progetti Contenuti tecnici (metodologia adottata, strumenti di lavoro, ecc ) La costruzione di una relazione tra i giovani e gli operatori del progetto diventa quindi la principale strategia di intervento, permettendo agli operatori di decodificare i deficit informativi, di stabilire lo stadio motivazionale in rapporto con le sostanze (Di Clemente 1994), le abitudini, le credenze, le norme di comportamento del gruppo di appartenenza e quindi di intervenire per modificare questi elementi. Le tecniche di intervento relazionale Il contesto in cui si sviluppa questo intervento rende la costruzione di questa relazione complessa, richiedendo un setting molto flessibile: può essere difficile contattare le persone, si possono verificare incontri limitati ad un sola uscita, colloqui che si aprono e si chiudono in pochi minuti, distacchi dal dialogo con l'operatore e successive riprese di contatto, interruzioni o sovrapposizioni da parte di altre persone, ecc. I contatti possono realizzarsi non solo con singole persone, ma anche con coppie o piccoli gruppi di amici, che insieme si avvicinano alla postazione e dialogano con gli operatori. Bisogna quindi tenere in considerazione la possibilità di costruire sia relazioni individuali che di gruppo. L aggancio è l azione per entrare in contatto con i giovani. La presenza di operatori in un area di divertimento suscita inevitabilmente, oltre ad una curiosità iniziale che facilita l avvicinamento, una sensazione di intrusione e di diffidenza (ad esempio sul possibile rapporto con le forze dell ordine e il controllo dell abuso di sostanze). Per superare questi problemi è necessario premettere all intervento vero e proprio una fase neutrale, in cui si utilizzano una serie di strumenti e di strategie per creare una situazione attrattiva, con distribuzione di materiale, di bibite e snacks, videobox, ecc. La relazione occasionale è quel contatto che va oltre la trasmissione di informazione mirate, permettendo di focalizzarsi su credenze, opinioni e comportamenti relativi alle sostanze psicoattive. Tanto maggiore si rivela il tempo a disposizione e/o la disponibilità di chi si ferma sul camper, tanto più è possibile conoscere le convinzioni, gli atteggiamenti e le valutazioni che queste persone hanno delle sostanze alteranti. Tutto ciò è occasione per offrire loro degli stimoli per ristrutturare le rappresentazioni delle sostanze e del consumo. La relazione consolidata può essere realizzata mediante la presenza degli operatori per più serate nello stesso locale o nella stessa zona, permettendo quindi una ripresa del dialogo con quelle persone che lo frequentano abitualmente. Il consolidamento della relazione crea inoltre le condizioni per affrontare un colloquio centrato maggiormente sul proprio rapporto con le sostanze, nel quale l operatore può svolgere azioni di counselling. L etilometro: uno strumento di prevenzione La prova con l etilometro è stata usata, sinora, soprattutto con funzioni di controllo e repressione della guida in stato di ebbrezza. Questo stesso strumento può essere efficacemente utilizzato anche negli interventi di prevenzione nei luoghi del divertimento e a tale scopo il nostro gruppo di lavoro ha elaborato delle indicazioni tecniche operative.

7 L etilometro può svolgere in queste situazioni diverse funzioni contemporaneamente: 1. Strumento di approccio e relazione 2. Strumento per informare e discutere sull alcol 3. Strumento per acquisire maggior consapevolezza sulle proprie reazioni all alcol 4. Strumento di dissuasione dalla guida in stato di ebbrezza 1.12 Durata complessiva dell intervento e principali fasi di lavoro Fase TITOLO Tempi (mesi) a g o s e t o t t n o v d i c g e n f e b 1 Coinvolgimento in rete dei gestori dei locali 2 Mappatura delle zone di intervento m a r a p r ma g giu lug 3 Effettuazione delle uscite dirette notturne & diurne 4 Elaborazione dati 5 Diffusione del prodotto finale 1.13 Profilo degli operatori richiesti per la realizzazione dell intervento Risorse professionali: Q.tà Tipologia Ente di appartenenza n. ore/sett 2 Operatori di strada LILA Livorno e Ceis Solidarietà 12 cad./sett 2 Operatore di rete/cordinatore LILA Livorno e Ceis solidarietà 6 cad./sett 2 Amministrativi LILA Livorno e Ceis solidarietà 2 cad./sett L operatore di rete svolgerà le seguenti funzioni: - coinvolgimento dei gestori dei locali da ballo e dei locali di ritrovo, un azione che prevederà un forte investimento iniziale per divulgare il progetto e coinvolgere gli operatori del settore, e che proseguirà consentendo di mantenere un buon rapporto di collaborazione. - (In continuità con il progetto Carta Giovane ) implementazione e aggiornamento delle offerte della rete dei soggetti che partecipano al progetto, sia pubblici, che privati; gestione e aggiornamento del data-base degli utenti possessori della Carta; attività di informazione e promozione del servizio al fine di un sempre migliore suo utilizzo Tipologia di utenza per l intervento e stima della dimensione (domanda prevista) 1 Livello diretti Giovani frequentatori dei locali notturni del Comune di Livorno e Collesalvetti 2 Livello indiretti 1. L intera cittadinanza che potrà beneficiare degli effetti di un attività di prevenzione diretta con i ragazzi che dovrebbero modificare il proprio livello di consumo problematico.

8 2. Gli operatori del settore che beneficeranno di una rilevazione dati aggiornata sul fenomeno uso - abuso - poliassunzione di sostanze alteranti, dati utili per poter riflettere sulle tipologie di interventi di prevenzione fin qui adottati e sulla loro reale ricaduta sul territorio Strumenti e Indicatori previsti per il monitoraggio e la valutazione. Indicatore Indice Strumento 1. Indagine. Numero di rilevazioni effettuate Compilazione di almeno 5 Scheda di rilevazione dati nell arco di una uscita schede di rilevazione dati individuali 2. Prevenzione. Numero di test effettuati Rilevazione media di 10 Test tramite etilometro di cui nell arco di una uscita misurazione per ogni uscita sarà dotata l unità di strada Numero di contatti ad uscita Almeno 20 contatti di media ad Diario di bordo dell unità di Numero di contatti nelle uscire diurne Realizzazione del progetto e divulgazione dei dati rilevati uscita Almeno 20 contatti inseriti in percorsi laboratoriali 3. Divulgazione. Stesura di un report cartaceo distribuito nelle sedi istituzionali; Divulgazione dati tramite sitoweb strada Diario delle attività Diario di bordo dell unità di strada, riunioni di staff e schede di rilevazione dati

Coordinamento Veneto Progetti di Prevenzione Selettiva tramite Unità Mobile

Coordinamento Veneto Progetti di Prevenzione Selettiva tramite Unità Mobile Certe Notti: Coordinamento Veneto Progetti di Prevenzione Selettiva tramite Unità Mobile AA.VV. (a cura di Paolo BELLO) paolo.bello@ulss.belluno.it www.fuoriposto.it DESCRIZIONE Il ruolo della Prevenzione

Dettagli

Progetto. Prevenzione selettiva in materia di nuove droghe Finanziamento: Euro 146.790,00

Progetto. Prevenzione selettiva in materia di nuove droghe Finanziamento: Euro 146.790,00 Ministero della Solidarietà Sociale ACCORDO, AI SENSI DELL ART. 4 DEL DECRETO LEGISLATIVO 28 AGOSTO 1997, N. 281, CONCERNENTE UN PROGRAMMA DI COLLABORAZIONE TRA IL MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE,

Dettagli

Obiettivi e finalità

Obiettivi e finalità Obiettivi e finalità Il servizio si propone di realizzare interventi di prevenzione e riduzione dei rischi rispetto al consumo di sostanze legali e illegali, nei principali ambiti di frequentazione giovanile

Dettagli

Scheda 2 Esperienze Nazionali comparabili per tipo di intervento, territorio coperto o rete attivata

Scheda 2 Esperienze Nazionali comparabili per tipo di intervento, territorio coperto o rete attivata Scheda 2 Esperienze Nazionali comparabili per tipo di intervento, territorio coperto o rete attivata Non sono molti i progetti di outreach attivi in Italia nell ambito dei consumi nei contesti formali

Dettagli

SICURA LA NOTTE. Prevenzione degli incidenti stradali da guida in stato di ebbrezza. Luoghi di divertimento notturno (bar, discoteche, pub)

SICURA LA NOTTE. Prevenzione degli incidenti stradali da guida in stato di ebbrezza. Luoghi di divertimento notturno (bar, discoteche, pub) PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE PROMOZIONE DELLA SALUTE 2004-2005 (DD 466-29.11.04) BANDO REGIONALE 2004-2005 PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE (DD 500-20.12.04 BURP 51 23.12.04) SICURA LA NOTTE Filone

Dettagli

PERSONAGGI ED INTERPRETI

PERSONAGGI ED INTERPRETI PERSONAGGI ED INTERPRETI REFERENTE DEL PROGETTO Responsabile Daniela Nocentini Unione Comuni Montani del Casentino Responsabile dei Servizi Sociali Via Roma, n. 203 52014 POPPI Tel. 0575 507258 Fax 0575

Dettagli

Progetto Interventi a bassa soglia

Progetto Interventi a bassa soglia Progetto Interventi a bassa soglia 1 Ente Gestore: Comune di Venezia Responsabile del progetto: Dott. Marino Costantini Assessorato alle Politiche Sociali-Settore Servizi alla Persona Via Pio X 4, 30170

Dettagli

Alcol e velocità. Ipotesi progettuale sulle problematiche correlate all alcol, relative alla guida dei ciclomotori e dei veicoli IN PRIMO PIANO

Alcol e velocità. Ipotesi progettuale sulle problematiche correlate all alcol, relative alla guida dei ciclomotori e dei veicoli IN PRIMO PIANO R D 30 N PRMO PANO D STEFANO RAFANELL potesi progettuale sulle problematiche correlate all alcol, relative alla guida dei ciclomotori e dei veicoli D a qualche anno a questa parte il consumo di alcol da

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena SCHEDA-PROGETTO PER LE ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSE DA EE.LL. (PUNTO 2.2, LETTERE A. E B. DELL ALLEGATO A) FINALIZZATE AD INTERVENTI RIVOLTI AD ADOLESCENTI E GIOVANI. (L.R. 14/08 "NORME IN MATERIA

Dettagli

PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA COMUNE DI BRESCIA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente Proponente il progetto COMUNE DI BRESCIA Assessorato Pubblica Istruzione e Politiche Giovanili P.zza Vittoria n 5

Dettagli

PROGETTO MY SPACE: CENTRO DIURNO PER LA RIABILITAZIONE DI ADOLESCENTI TOSSICODIPENDENTI PROGETTO A CURA DEL DIPARTIMENTO ASL 3 GENOVESE

PROGETTO MY SPACE: CENTRO DIURNO PER LA RIABILITAZIONE DI ADOLESCENTI TOSSICODIPENDENTI PROGETTO A CURA DEL DIPARTIMENTO ASL 3 GENOVESE PROGETTO MY SPACE: CENTRO DIURNO PER LA RIABILITAZIONE DI ADOLESCENTI TOSSICODIPENDENTI PROGETTO A CURA DEL DIPARTIMENTO ASL 3 GENOVESE ANNO 2008-2010 CENTRO DIURNO PER LA RIABILITAZIONE DI ADOLESCENTI

Dettagli

1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza.

1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza. Piano operativo Schede 1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza. 3. Identificativo della linea o delle linee di intervento generale/i 2.9 Prevenzione e sorveglianza

Dettagli

4.5- L OFFERTA FORMATIVA COOPERATIVA SOCIALE PICCOLO PRINCIPE - ONLUS

4.5- L OFFERTA FORMATIVA COOPERATIVA SOCIALE PICCOLO PRINCIPE - ONLUS PIANO INTEGRATO DIRITTO ALLO STUDIO Anno Scolastico 2012 2013 4.5- L OFFERTA FORMATIVA COOPERATIVA SOCIALE PICCOLO PRINCIPE - ONLUS SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO SCUOLA SECONDARIA DI 2 GRADO

Dettagli

CENTRO LA TENDA - Napoli

CENTRO LA TENDA - Napoli OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DISAGIO E LA SOLIDARIETÀ NELLE STAZIONI ITALIANE CENTRO LA TENDA - Napoli STAZIONE DI NAPOLI CENTRALE SCHEDA DI PRESENTAZIONE DEL CENTRO E DEL PROGETTO HELP CENTER Referente

Dettagli

STATE COMODI Assistenza Anziani Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia

STATE COMODI Assistenza Anziani Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia STATE COMODI Assistenza Anziani Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia 1. IN BREVE Il presente progetto intende potenziare la rete di protezione sociale di anziani in particolare situazione di

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE PIANO DI COMUNICAZIONE La legge regionale n. 5/2009 e il Piano Regionale della Salute 2011-2013 promuovono la centralità del cittadino e il suo coinvolgimento nei processi di miglioramento dei Servizi

Dettagli

Presentazione delle attività formative. Obiettivi e contenuti del Piano

Presentazione delle attività formative. Obiettivi e contenuti del Piano Piano di formazione e informazione dei Team di Valutazione alle indagini nazionali e internazionali Conferenze di servizio per i dirigenti scolastici Presentazione delle attività formative. Obiettivi e

Dettagli

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT PROGETTO CHIOCCIOL@.IT Premessa: Secondo una ricerca condotta da Skuola.net, in Italia un giovane su tre (nella fascia di età che va dagli undici ai venti anni) sarebbe sempre connesso ai social network.

Dettagli

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE PROVINCIA DI PISTOIA PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO Premessa La progettazione di un centro socio educativo sul territorio di Serravalle P.se nasce dall

Dettagli

SISTEMA DI MONITORAGGIO E VALUTAZIONE * (Obbligatorio all atto della richiesta di accreditamento per enti di 1^ classe)

SISTEMA DI MONITORAGGIO E VALUTAZIONE * (Obbligatorio all atto della richiesta di accreditamento per enti di 1^ classe) Mod. S/MON SISTEMA DI MONITORAGGIO E VALUTAZIONE * (Obbligatorio all atto della richiesta di accreditamento per enti di 1^ classe) Ente: CARITAS ITALIANA Cod. Ente: NZ01752 Elementi obbligatori del sistema

Dettagli

ASL TO2 DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 2 C. Olievenstein

ASL TO2 DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 2 C. Olievenstein DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 2 C. Olievenstein 57 Dipartimento Patologia delle Dipendenze 2 C. Olievenstein Circoscrizioni 6 e 7 Unplugged È un programma scolastico di prevenzione delle dipendenze,

Dettagli

L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI

L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI Workshop n. 10 L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI Introducono il tema e coordinano i lavori - Simona Cherubini, Lega delle Cooperative - Giancarlo Pasinetti,

Dettagli

Istituto Comprensivo M. Calderini G. Tuccimei - Roma. Area Gestione del Piano dell Offerta Formativa. Funzione Strumentale: Linda Langella

Istituto Comprensivo M. Calderini G. Tuccimei - Roma. Area Gestione del Piano dell Offerta Formativa. Funzione Strumentale: Linda Langella Istituto Comprensivo M. Calderini G. Tuccimei - Roma Area Gestione del Piano dell Offerta Formativa Funzione Strumentale: Linda Langella L incarico di Funzione Strumentale della Gestione del Piano dell

Dettagli

"GIOVANE CITTADINANZA: dalla prevenzione verticale alla peer education"

GIOVANE CITTADINANZA: dalla prevenzione verticale alla peer education "GIOVANE CITTADINANZA: dalla prevenzione verticale alla peer education" SISTEMA DI VALUTAZIONE INDICE DEL DOCUMENTO 1. Linee guida per la valutazione.. pag. 2 2. Dimensioni e tempi della valutazione...

Dettagli

Centro di attività extrascolastiche e giovanili per ragazzi fino ai 14 anni

Centro di attività extrascolastiche e giovanili per ragazzi fino ai 14 anni Bellinzona, 24 marzo 2014 PROGETTO 1 Centro di attività extrascolastiche e giovanili per ragazzi fino ai 14 anni Associazione genitori Scuole Sud Piazza Indipendenza 1, cp 1012, 6501 Bellinzona www.lamurata.ch

Dettagli

IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA

IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA PROGETTO IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA Anno 2010 1 Progetto In-Contro Nuovi spazi di comunicazione. Percorsi di partecipazione giovanile

Dettagli

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri Scuola Media di Serravalle Maggi Marco Con su len t e edu ca t i vo Esper t o i n pr ocessi for m a t i vi I st r u tt or e Met od o Gor d on Progetto FILO DIRETTO con se stessi e gli altri Proposte di

Dettagli

PIANO DI EROGAZIONE 2015

PIANO DI EROGAZIONE 2015 Fondazione della Comunità di Monza e Brianza PIANO DI EROGAZIONE 2015 Giovedì 19 Marzo -ore 17 Casa del Volontariato - MONZA 1 Un ultimo sguardo al 2014 2 QUALCHE NUMERO sul 2014 996.000 17 patrocini euro

Dettagli

Manuale di Servizio PROGETTO STREET WORKERS (PSW) Indice

Manuale di Servizio PROGETTO STREET WORKERS (PSW) Indice PROGETTO STREET WORKERS (PSW) Indice Indice Descrizione 1 Pianificazione del servizio 1.1 Metodologie di intervento (MdiS) - Attività e metodologie previste - Descrizione delle linee guida di intervento

Dettagli

1) Ente proponente il progetto: UNA MANO PER TE SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE ONLUS REGIONE PUGLIA

1) Ente proponente il progetto: UNA MANO PER TE SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE ONLUS REGIONE PUGLIA Estratto scheda Progetto ENTE 1) Ente proponente il progetto: UNA MANO PER TE SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE ONLUS 2) Codice di accreditamento: NZ04068 3) Albo e classe di iscrizione: REGIONE PUGLIA 4 CARATTERISTICHE

Dettagli

SCHEDA PROGETTO SERVIZIO CIVILE

SCHEDA PROGETTO SERVIZIO CIVILE SEDE DI Biblioteca Civica Via Padre Reginaldo Giuliani, 1 Tel.039.386984 TITOLO PROGETTO Dal centro alla periferia: i confini della lettura 4 OPERATORE LOCALE DI PROGETTO PRESSO SEDE DI Giustino Pasciuti

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ LICEO CLASSICO STATALE SAN CARLO Corso Cavour n.17 41100 Modena Tel. 059/222726 Fax 059/210503 e-mail :segreteria@liceosancarlo.it sito internet: www.liceosancarlo.it; codice fiscale: 80009890361; codice

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: LA CASA DELLE GENTI SETTORE e Area di Intervento: A12 Assistenza ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO FINALITA GENERALE Finalità generale del progetto

Dettagli

ELEMENTI DI SINTESI DEL PROGETTO

ELEMENTI DI SINTESI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO GIOVANI X GIOVANI SETTORE E AREA DI INTERVENTO ELEMENTI DI SINTESI DEL PROGETTO E 03 Educazione e promozione culturale/animazione culturale verso i giovani OBIETTIVI DEL PROGETTO Il

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO VENOSA II Piazza Don Bosco - 85029 VENOSA (PZ) -TEL. 0972/35254 - FAX 0972/35254 Cod.Mecc. PZIC88900E - C.F. 93024800760 Sito

Dettagli

Centro Direzionale Via G.Porzio - Isola E3 80143 - Napoli Tel: 081.19811450 Fax: 081.19811451 Sito: www.amesci.org Email: info@amesci.

Centro Direzionale Via G.Porzio - Isola E3 80143 - Napoli Tel: 081.19811450 Fax: 081.19811451 Sito: www.amesci.org Email: info@amesci. BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO IL MIO SPAZIO SETTORE D INTERVENTO AREA D INTERVENTO OBIETTIVO GENERALE OBIETTIVI SPECIFICI ASSISTENZA MINORI Il progetto qui presentato ha l obiettivo generale di alleviare

Dettagli

UNA RICERCA ESPLORATIVA

UNA RICERCA ESPLORATIVA UNA RICERCA ESPLORATIVA ISTRUZIONE E CAPITALE SOCIALE Prof. Adriana Fazio Anno scolastico 2009/2010 1 Istruzione e capitale sociale Capitale sociale è una rete di relazioni caratterizzate da fiducia e

Dettagli

Come sta cambiando il mondo delle dipendenze nel mondo giovanile

Come sta cambiando il mondo delle dipendenze nel mondo giovanile Come sta cambiando il mondo delle dipendenze nel mondo giovanile Adolescenti, dipendenza da internet, gioco e possibili strategie preventive di scuola e famiglia Carlo Cenedese SerDAzienda ULSS 7 Regione

Dettagli

Piano delle azioni di comunicazione

Piano delle azioni di comunicazione Piano delle azioni di comunicazione Il ruolo della comunicazione Il successo delle politiche di sviluppo individuate all'interno dei P.I.C. è condizionato anche da un coerente sistema di azioni d'informazione

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

GIU IL CAPPELLO Assistenza disabili Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia

GIU IL CAPPELLO Assistenza disabili Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia GIU IL CAPPELLO Assistenza disabili Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia 1. IN BREVE Il presente progetto intende favorire l inserimento sociale e lavorativo delle persone con disabilità, indipendentemente

Dettagli

COME NASCE IL PROGETTO GIOVANE CITTADINANZA

COME NASCE IL PROGETTO GIOVANE CITTADINANZA INTRODUZIONE COME NASCE IL PROGETTO GIOVANE CITTADINANZA 1.1. ORGANIZZAZIONE E FASI DEL PROGETTO Giovane Cittadinanza (GC) è un progetto finanziato dal fondo nazionale di intervento per la lotta alla droga

Dettagli

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE 2015

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE 2015 PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE 2015 Ente: ASSOCIAZIONE PROVINCIALE PER I MINORI Indirizzo: via Valentina Zambra 11 - TRENTO Recapito telefonico: 0461829896 Indirizzo e-.mail: associazioneminori@appm.it

Dettagli

Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia

Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia PREMESSA L OSA (operatore/operatrice socioassistenziale) - Ha uno statuto di professionista qualificato con Attestato

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG)

Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG) Mod. A2 PGZ Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG) 1. Codice Progetto PRT_3_ 2015 2. Titolo del progetto EXPOniamoci 2015 3. Riferimenti del compilatore Nome Andrea Cognome

Dettagli

Finanziamenti finalizzati alla lotta alla droga

Finanziamenti finalizzati alla lotta alla droga Finanziamenti finalizzati alla lotta alla droga Finanziamenti finalizzati alla lotta alla droga FINANZIAMENTI FINALIZZATI AL CONTRASTO DELLE DIPENDENZE ANNI 2003-2004 Nel corso del 2003, con Delibera

Dettagli

Project Management in oratorio CORSO PER DIRETTORI DI ORATORIO ARCIDIOCESI DI FERMO

Project Management in oratorio CORSO PER DIRETTORI DI ORATORIO ARCIDIOCESI DI FERMO Project Management in oratorio CORSO PER DIRETTORI DI ORATORIO ARCIDIOCESI DI FERMO DEFINIZIONE Il project management viene identificato come una combinazione di persone, risorse e fattori organizzativi,

Dettagli

FORMULARIO DI CANDIDATURA

FORMULARIO DI CANDIDATURA AVVISO PUBBLICO A PRESENTARE PROPOSTE NEL SETTORE DELLE POLITICHE GIOVANILI Azione ProvincEgiovani Anno 2013 FORMULARIO DI CANDIDATURA Parte I Identificazione della proposta Parte II.a Informazioni sul

Dettagli

Ruolo ed attività previste per i giovani in servizio civile nell ambito del progetto.

Ruolo ed attività previste per i giovani in servizio civile nell ambito del progetto. Allegato B) CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: Mercurio Settore di intervento del progetto: n) educazione contro ogni forma di discriminazioni anche per orientamento sessuale Codice identificativo

Dettagli

Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG)

Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG) Mod. A2 PGA Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG) 1. Codice Progetto GIPRO_1_ 2015 2. Titolo del progetto "Essere educatore. Ruolo e strategie psico-educative per chi inter-agisce

Dettagli

LA CITTA DEI GIOVANI

LA CITTA DEI GIOVANI LA CITTA DEI GIOVANI Provincia di Cuneo Comune di Bra Area tematica Informagiovani Minori/politiche giovanili/educativa territoriale Cultura/Biblioteca/Scuola di pace Turismo/manifestazioni/Cultura Numero

Dettagli

7. RISPOSTE RELATIVE ALLE IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE PER LA SALUTE

7. RISPOSTE RELATIVE ALLE IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE PER LA SALUTE 7. RISPOSTE RELATIVE ALLE IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE PER LA SALUTE 7.1 Prevenzione e trattamento delle malattie infettive droga-correlate 7.1.1 Prevenzione 7.1.2 Counselling 7.2 Prevenzione dei decessi

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.)

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado GALILEO GALILEI (Associato alla rete delle scuole UNESCO) Via Venezia, 1566020 SAN GIOVANNI TEATINO (CH) Telefoni:

Dettagli

E...STATE CON NOI! PER VIVERE UN GIORNO DA ARTISTA, CUOCO, ACROBATA, BALLERINO, SPORTIVO

E...STATE CON NOI! PER VIVERE UN GIORNO DA ARTISTA, CUOCO, ACROBATA, BALLERINO, SPORTIVO www.ilpuntocoop.it IL PUNTO S.C.S. O.N.L.U.S. Società Cooperativa Sociale 10090 GASSINO T.se (TO) Via Bussolino Centro, 16 E-mail: ilpunto@ilpuntocoop.it Albo Nazionale A119438 P.IVA e Cod. Fisc. 05339380015

Dettagli

Progetto Rete Sicurascuola Promozione di un clima scolastico positivo

Progetto Rete Sicurascuola Promozione di un clima scolastico positivo ATTIVITÀ PER L INTEGRAZIONE E IL MIGLIORAMENTO DELLE ATTIVITÀ PERSONALI Progetto Rete Sicurascuola Promozione di un clima scolastico positivo DOCENTE RESPONSABILE PROGETTO: Cerisola Emanuela e Fantoni

Dettagli

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di "gradualità" e "continuità".

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di gradualità e continuità. 1 Accogliere un bambino in un servizio educativo per la prima infanzia, significa accogliere tutta la sua famiglia, individuando tutta una serie di strategie di rapporto fra nido/centro gioco e casa, volte

Dettagli

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Dott.ssa Manuela Bina Ph.D.* ** in collaborazione con Elena Cattelino**, Silvia Bonino*, Emanuela Calandri* *Università degli Studi

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

ANZI A NO' RI P OSA progetto pilota di teatro e arti visive

ANZI A NO' RI P OSA progetto pilota di teatro e arti visive ANZI A NO' RI P OSA progetto pilota di teatro e arti visive SINTESI PROGETTUALE ANZIaNO' RIpOSA è un progetto pilota che nasce dall'incontro dei bisogni rilevati presso la Casa di Riposo di Beinette e

Dettagli

SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA

SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA 1. NUMERO AZIONE RIPROGRAMMAZIONE PIANO DI ZONA 2 E 3 ANNO DEL 1 TRIENNIO 6 2. TITOLO AZIONE SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Analisi del Contesto Nel piano

Dettagli

cooperativa sociale comunità del giambellino

cooperativa sociale comunità del giambellino cooperativa sociale comunità del giambellino via Gentile Bellini 6-20146 Milano tel 02 42 56 19 - fax 02 48 95 41 83 giambellino@giambellino.org http://www.giambellino.org CARTA DEI SERVIZI comunità d

Dettagli

Espr.it La comunità genera nuovo welfare

Espr.it La comunità genera nuovo welfare Espr.it La comunità genera nuovo welfare CHE COS È IL WELFARE? Sono azioni e servizi rivolti a tutti i cittadini e finalizzati a ridurre le diseguaglianze sociali, a generare benessere e tutela sociale.

Dettagli

Camp Fondazione Atm. L Orma Via De Rolandi, 12 20156 (MI) Tel: 02 33002932 Fax: 02 33000525 Iscritta al Registro Provinciale APS n 133

Camp Fondazione Atm. L Orma Via De Rolandi, 12 20156 (MI) Tel: 02 33002932 Fax: 02 33000525 Iscritta al Registro Provinciale APS n 133 PRESENTA Camp Fondazione Atm IL PROGETTO EDUCATIVO DESCRIZIONE DELL INIZIATIVA Il soggiorno estivo rivolto ai bambini e ragazzi della Fondazione Atm è un percorso di azione formativa all interno del quale

Dettagli

Report soddisfazione dell utenza nei servizi educativi per la prima infanzia

Report soddisfazione dell utenza nei servizi educativi per la prima infanzia Report soddisfazione dell utenza nei servizi educativi per la prima infanzia Processo: Monitoraggio della soddisfazione dell utenza nei servizi educativi per la prima infanzia P 5.2 Pagina 1 di 8 Questionari

Dettagli

Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) Il CONSIGLIO DI ISTITUTO ADOTTA

Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) Il CONSIGLIO DI ISTITUTO ADOTTA Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) VISTO il DPR 8 marzo 1999, n. 275 art. 3, c.3: Il Piano dell'offerta formativa è elaborato

Dettagli

Dalle mura al servizio aziendale di riabilitazione psichiatrica.

Dalle mura al servizio aziendale di riabilitazione psichiatrica. SEMINARIO Continua il percorso. Il 19 Marzo 2009 a Palazzo Ducale Lucca- Sala Mario Tobino- la F.A.S.M. ha proposto, coinvolgendo le Istituzioni, il seminario Terapie riabilitative per la salute mentale.

Dettagli

BANDO 2015 SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

BANDO 2015 SERVIZIO CIVILE NAZIONALE BANDO 2015 SERVIZIO CIVILE NAZIONALE ENTE: coprogettazione tra i Comuni di: Sala Bolognese (comune capofila), Anzola dell Emilia, Calderara di Reno, Crevalcore, San Giovanni in Persiceto, Sant Agata Bolognese.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GIOI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GIOI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GIOI Autonomia n 156- Codice SA5Y1-cod. min. SAIC8AQ00L SCUOLA INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO Via L. Salati,18-84056 GIOI (SA)- tel. - fax 0974-991194 e-mail SAIC8AQ00L@ISTRUZIONE.IT-c.f.84003600651

Dettagli

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 REPORT Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 Mestre, 28 giugno 2012 Regione del Veneto - Direzione Piani e Programmi Settore Primario Autorità di Gestione PSR Veneto 2007-2013 Il

Dettagli

Articolo pubblicato sul periodico Dal fare al dire. n. 1 (2011), pp. 54-62

Articolo pubblicato sul periodico Dal fare al dire. n. 1 (2011), pp. 54-62 Articolo pubblicato sul periodico Dal fare al dire n. 1 (2011), pp. 54-62 GIOVANI E GIOCO D AZZARDO: INDAGINE ESPLORATIVA SULLA CONOSCENZA E SULLE ABITUDINI DI GIOCO DEGLI STUDENTI BIELLESI LOREDANA ACQUADRO*

Dettagli

T A V O L O P E R M A N E N T E S U L L A P R E V E N Z I O N E D E L L E D I P E N D E N Z E

T A V O L O P E R M A N E N T E S U L L A P R E V E N Z I O N E D E L L E D I P E N D E N Z E COMUNE DI PAVIA Assessorato Istruzione e Politiche Giovanili T A V O L O P E R M A N E N T E S U L L A P R E V E N Z I O N E D E L L E D I P E N D E N Z E Premessa L Assessorato Istruzione e Politiche

Dettagli

Progetto giovani, oggi e domani 2013

Progetto giovani, oggi e domani 2013 Progetto giovani, oggi e domani Progetto per le Politiche Giovanili nei comuni di Montaldo Roero Ceresole d Alba Pocapaglia Sanfrè Sommariva Perno In collaborazione con Asl CN2 - Servizi Socio Assistenziali

Dettagli

Attività ludico-educative per ragazzi - Estate 2013 -

Attività ludico-educative per ragazzi - Estate 2013 - Attività ludico-educative per ragazzi - Estate 2013 - PROPOSTA RISERVATA AGLI ADERENTI AL CRAEM Un tuffo nella terra sarda (S. Teresa di Gallura OT) dall 1 al 19 luglio o dal 18 al 31 luglio dai 12 ai

Dettagli

Libera Università degli Studi San Pio V di Roma. Facoltà di Scienze politiche Facoltà di Lingue e Letterature straniere Facoltà di Economia

Libera Università degli Studi San Pio V di Roma. Facoltà di Scienze politiche Facoltà di Lingue e Letterature straniere Facoltà di Economia Libera Università degli Studi San Pio V di Roma Facoltà di Scienze politiche Facoltà di Lingue e Letterature straniere Facoltà di Economia Anno Accademico 2007/2008 Corso di perfezionamento e di aggiornamento

Dettagli

SINTESI FATTI NON FOSTE 5 Prov. ANCONA

SINTESI FATTI NON FOSTE 5 Prov. ANCONA SINTESI FATTI NON FOSTE 5 Prov. ANCONA CARATTERISTICHE PROGETTO 1) Titolo del progetto: FATTI NON FOSTE 5 Prov. Ancona 2) Descrizione dell area di intervento: Il progetto nasce da un accordo di partnerariato

Dettagli

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE Ente: COOPERATIVA SOCIALE VILLA MARIA Indirizzo: PIAZZA S. MARTINO - LENZIMA DI ISERA 2 - ISERA Recapito telefonico: 0464 387801 Indirizzo e-.mail: segreteria@coopvillamaria.org

Dettagli

Insieme per crescere Interventi educativi e ricreativi bambini e pre-adolescenti.

Insieme per crescere Interventi educativi e ricreativi bambini e pre-adolescenti. SCHEDA DI PROGETTO relativa al Programma finalizzato alla promozione di diritti e di opportunità per l'infanzia e l'adolescenza Titolo del progetto n. 6 Insieme per crescere Interventi educativi e ricreativi

Dettagli

Le famiglie fanno Centro Progetto ai sensi della DGR n. 1216/2012

Le famiglie fanno Centro Progetto ai sensi della DGR n. 1216/2012 Comune di Gradara Provincia di Pesaro e UrBino Settore Politiche Sociali Assessore Solindo Pantucci Le famiglie fanno Centro Progetto ai sensi della DGR n. 1216/2012 A cura di: Dott.ssa Carmen Pacini Responsabile

Dettagli

La redazione del Programma Triennale per la Trasparenza e Integrità è strutturata in sezioni relative a:

La redazione del Programma Triennale per la Trasparenza e Integrità è strutturata in sezioni relative a: La redazione del Programma Triennale per la Trasparenza e Integrità è strutturata in sezioni relative a: 1. Premessa ; 2. Supporto normativo; 3. Sezione programmatica: attività di pianificazione, definizione

Dettagli

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE PREMESSA I concetti di cura e territorio sono al centro di iniziative ed interventi realizzati da più enti che aderiscono al sotto tavolo sulla

Dettagli

Progetto Punto ea Capo 2011. 1.Introduzione

Progetto Punto ea Capo 2011. 1.Introduzione PIANO DEGLI INTERVENTI FINALIZZATI A CONTRASTARE LA DIPENDENZA DA DROGHE ALCOOL E FARMACI ( Art.127 del D.P.R. 9.10.1990, n.309, come modificato dalla Legge 18.02.99, n.45) Progetto Punto ea Capo 2011

Dettagli

Presentazione: Ragazzi Al Volante: L influenza del gruppo di coetanei sui comportamenti di guida

Presentazione: Ragazzi Al Volante: L influenza del gruppo di coetanei sui comportamenti di guida Presentazione: Ragazzi Al Volante: L influenza del gruppo di coetanei sui comportamenti di guida a cura di Renato Pocaterra, Responsabile scientifico di Fondazione IARD Sonia Colombo, Ricercatore di Fondazione

Dettagli

PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia

PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia ABSTRACT PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia La riforma del sistema scolastico ha delineato nuovi possibili scenari all interno dei quali devono

Dettagli

Relazione Finale. Report_006_12_F_3. Seminari formativi per le scuole Uso Consapevole delle tecnologie nel Comune di Solesino

Relazione Finale. Report_006_12_F_3. Seminari formativi per le scuole Uso Consapevole delle tecnologie nel Comune di Solesino Cod. doc.: RT-03 Rev: 0.1 Data: 05.05.14 Relazione Finale Report_006_12_F_3 Seminari formativi per le scuole Uso Consapevole delle tecnologie nel Comune di Solesino CLIENTE: Comune di Solesino COMMESSA:

Dettagli

Pro.Sa: P0283 VALUTAZIONE PROGETTO: 21/22 FINANZIAMENTO CONCESSO: 5000.00

Pro.Sa: P0283 VALUTAZIONE PROGETTO: 21/22 FINANZIAMENTO CONCESSO: 5000.00 PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE PROMOZIONE DELLA SALUTE 2004-2005 (DD 466-29.11.04) BANDO REGIONALE 2004-2005 PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE (DD 500-20.12.04 BURP 51 23.12.04) PRONTI? PARTENZA VIA!!!!

Dettagli

Sintetica descrizione del progetto: azioni previste, strumenti, metodologie e destinatari

Sintetica descrizione del progetto: azioni previste, strumenti, metodologie e destinatari Scheda riepilogativa del programma finalizzato Centri per l adattamento dell ambiente domestico per anziani e disabili - Anno 2004 in attuazione della Delibera del Consiglio regionale n. 615/2004 Riferimenti:

Dettagli

ALLEGATO 6. TITOLO DEL PROGETTO L'elefante Imprigionato

ALLEGATO 6. TITOLO DEL PROGETTO L'elefante Imprigionato ALLEGATO 6 SEDE DI SVOLGIMENTO E POSTI DISPONIBILI ENTE Coordinamento Associazioni di Volontariato della provincia dell'aquila - Centro di Servizio per il Volontariato della provincia dell Aquila SEDE

Dettagli

modus s.r.l Via G. Boccaccio, 50 50133 FIRENZE - Tel. e Fax 055.676048 e- mail: modus@modusricerche.it

modus s.r.l Via G. Boccaccio, 50 50133 FIRENZE - Tel. e Fax 055.676048 e- mail: modus@modusricerche.it Nel settore delle ricerche di mercato per la distribuzione in oltre 25 anni di attività ha sviluppato e consolidato un modus operandi basato sulla ricerca, il confronto e lo scambio di competenze. modus

Dettagli

COME COMUNICHIAMO LA COMUNICAZIONE CON LE FAMIGLIE LA COMUNICAZIONE INTERNA

COME COMUNICHIAMO LA COMUNICAZIONE CON LE FAMIGLIE LA COMUNICAZIONE INTERNA COME COMUNICHIAMO LA COMUNICAZIONE CON LE FAMIGLIE LA COMUNICAZIONE INTERNA LA COMUNICAZIONE ESTERNA: la collaborazione con il Territorio il Sito web dell Istituto Pagina 1 di 6 I.C.TRILUSSA - ELABORAZIONE

Dettagli

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Premessa: Un sistema integrato

Dettagli

"ALVARO - GEBBIONE" Via Botteghelle, 29 89129 REGGIO CALABRIA C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003

ALVARO - GEBBIONE Via Botteghelle, 29 89129 REGGIO CALABRIA C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003 ISTITUTO COMPRENSIVO " - GEBBIONE" Via Botteghelle, 29 89129 REGGIO CALABRIA C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003 PIANO INTEGRATO PON 2013/14 PROT. N. AOODGAI8439 DEL 02/08/2014 Prot. 2252/18.08.2014 Al personale

Dettagli

Indice. Tecniche e metodologie di coaching. 2 di 10

Indice. Tecniche e metodologie di coaching. 2 di 10 LEZIONE DI TECNICHE E METODOLOGIE DI COACHING PROF.SSA ROBERTA TEMPONE Indice 1 Prerequisiti per attivare un team working --------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale. Indicazioni operative

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale. Indicazioni operative 1 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale Indicazioni operative Priorità strategiche della valutazione - Riduzione della

Dettagli

CAMBIANO (TO) CANDIOLO (TO) SCALENGHE (TO) Via Santa Maria, 24. Via San Bartolomeo, 40 VINOVO (TO)

CAMBIANO (TO) CANDIOLO (TO) SCALENGHE (TO) Via Santa Maria, 24. Via San Bartolomeo, 40 VINOVO (TO) TITOLO DEL PROGETTO ENTE PROGETTANTE COMUNE DOVE INDIRIZZO CODICE SEDE DI ATTUAZIONE PROGETTO N. VOLONTARI TIPO POSTO pezzettino AREA D'INTERVENTO REQUISITI OBBLIGATORI DOVE INVIARE LE DOMANDE E RICEVERE

Dettagli

IL SORRISO TELEFONO GIOVANI Uno sguardo sul presente e un ponte verso il futuro 1

IL SORRISO TELEFONO GIOVANI Uno sguardo sul presente e un ponte verso il futuro 1 IL SORRISO TELEFONO GIOVANI Uno sguardo sul presente e un ponte verso il futuro 1 di Maria Pia Bianchi 2 Il Sorriso - Telefono Giovani, è un centralino di ascolto ed aiuto telefonico rivolto alle nuove

Dettagli