Università del Piemonte Orientale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università del Piemonte Orientale"

Transcript

1 Compito di Algebra del 13 Gennaio ) Trovare l ordine di [11] 112 in Z 112. Si dica poi per quali valori di k si ha [11] k 112 [34] 112 = [31] 112. Soluzione. L ordine di [11] 112 è 12. k ) Dire per quali valori del parametro a Z il sistema { n + a 72 3 n ammette soluzioni. Si trovino tutte le soluzioni per a = 20. Soluzione. Il sistema è equivalente all equazione diofantea 3 a + 72x = y, cioè 72x 120y = 4 + a. L equazione è risolubile quando 4 + a è un multiplo di 24 = MCD(72, 120), cioè [a] 24 = [ 4] 24 = [20] 24. Per a = 20 la soluzione è n ) Calcolare, se esistono, le radici quadrate di [10] 533. Descrivere in dettaglio il procedimento seguito. Soluzione. Le radici sono ±[98] 533 e ±[189] ) Dato che nel compito scorso si parlava di Linux, per non essere accusato di parzialità l esercizio di oggi riguarda un altro sistema operativo. Un mio amico usa tutti i giorni un computer su cui è installato Windows Vista TM Ultra Professional. Oggi (13 Gennaio) il computer si è bloccato a causa della scheda di rete e questo inconveniente si verifica regolarmente ogni 34 giorni. Il 3 Gennaio il computer si era bloccato a causa della scheda audio e questo inconveniente si verifica regolarmente ogni 26 giorni. Dire quanti sono i giorni nel corso del 2009 in cui il computer non si blocca. Descrivere in dettaglio il procedimento di calcolo seguito. Soluzione. 341.

2 Compito di Algebra del 15 Dicembre 2008 (file pari) 1) Risolvere l equazione [29] 84 x [7] 84 = [20] 84 [10] 84 x. Soluzione. L equazione è equivalente a [39] 84 [x] 84 = [27] 84, le cui soluzioni sono [x] 84 = [5] 84, [x] 84 = [33] 84 e [x] 84 = [61] 84. 2) Risolvere il sistema { n n Soluzione. La prima equazione è equivalente a 14 n , la cui soluzione è n La seconda equazione è equivalente a n Dato che MCD(25, 10) non divide 15 4 = 11 il sistema non ha soluzioni. 3) Il Presidente Hush ha iniziato a studiare i numeri in base 16. Il suo insegnante gli ha chiesto di calcolare le ultime tre cifre decimali dell espressione in base 16: FBI CIA. Aiuta il Presidente a trovare il risultato descrivendo in dettaglio il procedimento di calcolo da seguire. Soluzione. Le ultime tre cifre sono ) Io accendo il computer tutti i giorni esattamente una volta al giorno. Oggi il sistema operativo ha eseguito il controllo della partizione /dev/hda1 e tale controllo avviene ogni 28 accensioni (quindi ogni 28 giorni). Tre giorni fa era stato eseguito il controllo della partizione /dev/hda2 e tale controllo avviene ogni 35 accensioni. Dodici giorni fa era stato eseguito il controllo della partizione /dev/hda3 e tale controllo avviene ogni 36 accensioni. Tra quanti giorni verranno controllate contemporaneamente due partizioni? Tra quanti giorni verranno controllate contemporaneamente tutte e tre le partizioni? Descrivere in dettaglio il procedimento di calcolo seguito. Soluzione. Tra 168 giorni saranno controllate contemporaneamente le partizioni /dev/hda1 e /dev/hda3. Tutte e tre le partizioni lo stesso giorno non saranno mai controllate.

3 Compito di Algebra dell 8 Gennaio ) Dire per quali valori del parametro a Z l equazione diofantea 49x 21y + a = 4a + 1 ammette soluzioni. Si trovino poi tutte le soluzioni per a = 5. Soluzione. Deve essere 3a , da cui a 7 2. Per a = 5 l equazione è equivalente a 7x 3y = 2 la cui soluzione generale è x = 1 + 3k, y = 3 + 7k per ogni k Z. 2) Trovare l ordine di [7] 90 in Z 90. Si dica poi per quali valori di k si ha [7] k [60] 90 = [1] 90. Soluzione. L ordine di [7] 90 è 12. k ) Calcolare le radici quadrate di [3] 73, descrivendo in dettaglio il procedimento di calcolo seguito. Soluzione. ±[21] 73. 4) Non tutti sanno che nel 2009 potremo osservare il passaggio della cometa Galois che è visibile dalla Terra ogni 39 anni. Nel 1997 invece si è verificato il passaggio della cometa Abel, fenomeno che avviene ogni 27 anni. Entrambe le comete sono visibili tra Febbraio e Maggio. In quale anno sarà possibile osservare entrambe le comete nella notte del 29 Febbraio? Descrivere in dettaglio il procedimento di calcolo seguito. Soluzione. Nel 2672 e successivamente ogni 1404 anni. Gli anni bisestili nei quali si possono osservare entrambe le comete sono infatti dati dalla soluzione del sistema { n n n 4 0.

4 Compito di Algebra del 20 Dicembre 2007 (file dispari) 1) Dire per quali valori del parametro a Z l equazione diofantea 156x + 182y + 3 = 6a + 7 ammette soluzioni. Si trovino poi tutte le soluzioni per a = 5. Soluzione. L equazione 156x + 182y = 6a + 4 ha soluzione quando MCD(156, 182) = 26 divide 6a + 4, quindi deve essere 6a 22 mod 26, da cui 3a 11 mod 13 e quindi a 8 mod 13. Per a = 5 l equazione è equivalente a 6x + 7y = 1 la cui soluzione generale è x = 1 + 7k, y = 1 6k per ogni k Z. 2) Si dica per quali valori di k si ha 7 888k Soluzione. Dato che ϕ(33) = 20, [7] = [7] 8 33 = [ 2] 33. L equazione è quindi equivalente a [ 2] k 33 = [25] 33 la cui soluzione è k ) Sappiamo che il numero è il prodotto di due numeri primi, uno dei quali ha la forma 7X7, cioè non conosciamo solo la cifra delle decine. Calcolare, se esistono, le radici quadrate di [108565] Descrivere in dettaglio il procedimento seguito. Soluzione. Le radici sono ±[1024] e ±[122566] ) Costruire uno schema di condivisione di segreti basato sul teorema cinese del resto, che permetta a quattro partecipanti A, B, C, D di condividere un segreto. Lo schema deve essere tale che il segreto deve poter essere ricostruito solamente da B e C oppure da A, C, e D. Qualsiasi altro gruppo di partecipanti non deve essere in grado di ricostruire il segreto. Il modulo assegnato ad ogni partecipante deve essere maggiore di 50. Giustificare la risposta. Soluzione. È sufficiente scegliere 3 numeri primi tra loro maggiori di 50. Possiamo prendere 51, 52, e 53. Il segreto è identificato da una chiave k compresa fra 0 e = Ai partecipanti A, B, C, D vengono assegnati rispettivamente i valore k mod 51, k mod 51 52, k mod 53, e k mod 52.

5 Compito di Algebra del 20 Dicembre 2007 (file pari) 1) Risolvere l equazione [36] [22] 105 [x] 105 = [10] 105 [x] [30] 105. Soluzione. L equazione è equivalente a [12] 105 [x] 105 = [99] 105 che ha come soluzioni [x] 105 = {[17] 105, [52] 105, [87] 105 }. 2) Risolvere il sistema { 4 n n Soluzione. La prima equazione è equivalente a n 9 6, la seconda a n La soluzione è quindi n ) Calcolare, se esistono, le radici quadrate di [111] 1247 e [112] Descrivere in dettaglio il procedimento seguito. Soluzione. [112] 1247 non ha radici quadrate. Le radici di [111] 1247 sono ±[683] 1247 e ±[306] ) In un sistema di crittografia RSA, la chiave pubblica consiste nel modulo n = e dell esponente di codifica e = Inoltre scoprite che uno dei due primi che costituiscono il modulo è un numero della forma 187X (quindi non conoscete solamente la cifra delle unità). Calcolare l esponente di decodifica d, descrivendo in dettaglio il procedimento di calcolo seguito. Soluzione. I primi della forma 187X sono 1871, 1873, e 1877, ma solo l ultimo di questi divide n. Di conseguenza abbiamo p = 1877, q = Ne segue che φ(n) = , e l esponente di decodifica si ottiene applicando l algoritmo di euclide esteso alla coppia ( , 2053) che fornisce il risultato d =

6 Compito di Algebra del 2 Luglio ) Risolvere l equazione [18] 41 [x] 41 + [21] 41 = [7] 41 + [23] 41 [x] 41. Soluzione. L equazione è equivalente a [36] 41 [x] 41 = [13] 41. Abbiamo [36] 1 41 = [8] 41 quindi [x] 41 = [8] 41 [13] 41 = [22] 41. 2) Risolvere il sistema { 7 n 22 9 n Soluzione. La prima equazione è equivalente a n La soluzione è quindi n ) Sia n = Si dica quali sono le ultime due cifre decimali di n e si calcoli n mod 99. Soluzione. Le ultime due cifre decimali di n sono date da n mod 100. Dato che ϕ(100) = 40 abbiamo che n mod 100 = 61 3 mod 100 = 81. Per calcolare n mod 99 osserviamo che = Dato che 100 i mod 99 = 1 abbiamo che [ ] 99 = [ ] 99 = [34] 99. Essendo ϕ(99) = 60 abbiamo [n] 99 = [34] 3 99 = [1] 99. 4) In un sistema di crittografia RSA, la chiave pubblica consiste nel modulo n = e dell esponente di codifica e = Inoltre scoprite che uno dei due primi che dividono il modulo termina per 13. Calcolare l esponente di decodifica d, descrivendo in dettaglio il procedimento di calcolo seguito. Soluzione. Tra i numeri che terminano per 13 l unico che divide n è Di conseguenza abbiamo p = 1213, q = 787. Ne segue che φ(n) = , e l esponente di decodifica si ottiene applicando l algoritmo di euclide esteso alla coppia (952632, 1049) che fornisce il risultato d =

7 Compito di Algebra del 24 Gennaio ) Trovare l ordine di [3] 106 in Z 106. Si dica poi per quali valori di k si ha [3] k 106 [56] 106 = [81] 106. Soluzione. L ordine di [3] 106 è 52. k ) Risolvere il sistema { ( 3) n n n Soluzione. La prima equazione è equivalente a 4 n 31 2, e quindi a n 5 3. La seconda equazione è equivalente a n 9 0. Il sistema iniziale ha quindi soluzione n ) Calcolare, se esistono, le radici quadrate di [803] 899. Descrivere in dettaglio il procedimento seguito. Soluzione. Le radici sono ±[51] 899 e ±[268] ) In un sistema di crittografia RSA, la chiave pubblica consiste nel modulo n = e dell esponente di codifica e = Inoltre scoprite che i due primi che costituiscono la fattorizzazione del modulo sono entrambi compresi fra 1000 e e uno di essi scritto in binario contiene solamente la cifra 1. Calcolare l esponente di decodifica d, descrivendo in dettaglio il procedimento di calcolo seguito. Soluzione. I numeri che scritti in binario contengono solamente la cifra 1 sono quelli della forma 2 k 1. La condizione che i numeri siano compresi tra 1000 e implica che k deve essere compreso fra 10 e 13. L unico numero primo di questo tipo è Di conseguenza abbiamo p = 8191, q = Ne segue che φ(n) = , e l esponente di decodifica si ottiene applicando l algoritmo di euclide esteso alla coppia ( , 1147) che fornisce il risultato d =

8 Compito di Algebra del 13 Dicembre ) Trovare tutte le soluzioni dell equazione [74] 93 [x] 93 + [41] 93 = [35] 93 + [17] 93 [x] 93. Soluzione. L equazione è equivalente a [57] 93 [x] 93 = [87] 93 le cui soluzioni sono x = {[26] 93, [57] 93, [88] 93 }. 2) Risolvere il sistema { 3 803n n Soluzione. Dato che ϕ(77) = 60 abbiamo che la prima equazione è equivalente a 3 23n 77 38, e quindi a 5 n la cui soluzione è n Dato che ϕ(49) = 42, la seconda equazione è equivalente a 2 n la cui soluzione è n Il sistema iniziale è quindi equivalente al sistema { n n la cui soluzione è n ) Sia n = Si dica quanto vale n mod 162. Soluzione. Essendo ϕ(162) = 54 e MCD(7, 162) = 1, abbiamo [77767] = [7] = [7] = [61] 162. Per quanto riguarda il secondo addendo abbiamo mod 162 = 45 ed essendo MCD(45, 162) = 9 non possiamo applicare il teorema di Eulero. Però è immediato verificare che per ogni k > 1 vale 45 k mod 162 = 81. Abbiamo quindi che [n] 162 = [ ] 162 = [142] ) In un protocollo di Diffie-Hellman i valori pubblici sono p = 2143, g = 24, g a mod p = 921, g b mod p = Inoltre riuscite a scoprire che l esponente a è una potenza di 3 minore di Calcolare la chiave segreta g ab mod p, descrivendo in dettaglio il procedimento di calcolo seguito. Soluzione. Possiamo calcolare il valore a calcolando g 3 mod p, g 32 mod p, g 33 mod p, etc. fino a quando non otteniamo il valore 921. Osserviamo che per calcolare il valore g 3k+1 è sufficiente elevare al cubo g 3k quindi sono richieste solo due moltiplicazioni. Facendo i calcoli in questo modo si ottiene a = 243. Il valore segreto g ab mod p è dato quindi da mod 2143 = 1660.

9 Prova parziale di Algebra del 23 Novembre ) Trovare l ordine di [5] 82 in Z 82. Si dica poi per quali valori di k si ha [5] k 82 + [4] 82 = [13] 82. Soluzione. L ordine di [5] 82 è 20. k ) Risolvere il sistema { n n Soluzione. La prima equazione è equivalente a n 7 6, la seconda è equivalente a n La soluzione è quindi n ) Trovare le soluzioni dell equazione x 2 + x[287] [306] 403 = [0] 403. Descrivere in dettaglio il procedimento seguito. Suggerimento: usare, con le opportune modifiche, la formula per la risoluzione delle equazioni di secondo grado con coefficienti in R. Soluzione. Applicando la formula x = ( b ± b 2 4ac)/2, e osservando che [2] = [202] 403, otteniamo: x = ( [287] 403 ± ) [142] 403 [202] 403. Essendo le radici quadrate di [142] 403 uguali a ±[255] 403 e ±[317] 403 otteniamo x = ( [287] 403 ± [255] 403 ) [202] 403 e x = ( [287] 403 ± [317] 403 ) [202] 403. da cui ricaviamo le 4 soluzioni [101] 403, [15] 403, [132] 403, [387] ) Costruire uno schema di condivisione di segreti basato sul teorema cinese del resto, che permetta a cinque partecipanti A, B, C, D, E di condividere un segreto. Lo schema deve essere tale che il segreto deve poter essere ricostruito solamente da A, B, C oppure da A, B, D, E. Qualsiasi altro gruppo di partecipanti non deve essere in grado di ricostruire il segreto. Il modulo assegnato ad ogni partecipante deve essere maggiore o uguale a 30. Giustificare la risposta. Soluzione. È sufficiente scegliere 4 numeri primi tra loro maggiori o uguali a 30. Possiamo prendere 31, 32, 33, e 35. Il segreto è identificato da una chiave k compresa fra 0 e = Ai partecipanti A, B, D, E viene assegnato rispettivamente il valore k modulo 31, 32, 33, 35. Al partecipante C viene assegnato k mod

10 Prova parziale di Algebra del 23 Ottobre 2006 (file pari) 1) Trovare tutte le soluzioni dell equazione [25] 112 [x] [8] 112 = [50] 112 [5] 112 [x] 112. Soluzione. L equazione è equivalente a [30] 112 [x] 112 = [42] 112 le cui soluzioni sono x {[35] 112, [91] 112 }. 2) Dire quali sono i punti della retta 34x+21y = 3 che hanno coordinate (x, y) entrambe intere e tali che x + y = 11. Soluzione. Il problema è equivalente a trovare le soluzioni intere (x, y) dell equazione diofantea 34x + 21y = 3 che soddisfano al vincolo x + y = 11. La soluzione generale dell equazione diofantea è x = k, y = 39 34k. Affinché sia x + y = 11 deve essere 15 13k = 11 da cui k = 2. L unico punto che soddisfa alle condizioni richieste è quindi x = 18, y = 29. 3) Su un foglio trovate scritto: L equazione diofantea 1188t s = XY ammette soluzioni. dove X e Y sono cifre illeggibili. Sapendo che i numeri sono stati scritti in base 10, trovare due cifre X e Y che rendano l affermazione vera. Soluzione. Dato che MCD(1188, 1683) = 99 il numero XY deve essere multiplo di 9 e di 11. Utilizziamo i criteri di divisibilià in base 10. Affinché XY sia multiplo di 9 deve essere X + Y = 5, e affinché XY sia multiplo di 11 deve essere Y X = 1. Una soluzione è quindi X = 2, Y = 3. 4) Da una fontana dovete procurarvi esattamente un litro di acqua, ma avete a disposizione solamente una damigiana da 4.5 litri e una tanica da 13 litri. Come potete fare? Descrivere in dettaglio il procedimento. Soluzione. Vogliamo ottenere 1 litro aggiungendo e togliendo multipli di 4.5 e 13 litri. Osserviamo che moltiplicando per 2 l equazione 4.5s + 13t = 1 si ottiene l equazione diofantea 9s + 26t = 2 la cui soluzione è s = 6 e t = 2. Ne segue quindi che = 1. Per ottenere un litro riempiamo 6 volte la damigiana versando ogni volta il contenuto nella tanica e svuotando quest ultima quando è piena. Quando la tanica è stata svuotata 2 volte abbiamo raccolto 27 litri e ne abbiamo buttati 26, quindi nella damigiana è rimasto esattamente un litro.

11 Prova parziale di Algebra del 23 Ottobre 2006 (file dispari) 1) Trovare tutte le soluzioni dell equazione [74] 112 [x] [51] 112 = [79] [41] 112 [x] 112. Soluzione. L equazione è equivalente a [33] 112 [x] 112 = [28] 112 la cui soluzione è x = [28] ) Dire quali sono i punti della retta 29y = 3+21x che hanno coordinate (x, y) entrambe intere e tali che x + y = 43. Soluzione. Il problema è equivalente a trovare le soluzioni intere (x, y) dell equazione diofantea 21x + 29y = 3 che soddisfano al vincolo x+y = 43. La soluzione generale dell equazione diofantea è x = 33+29k, y = 24+21k. Affinché sia x + y = 43 deve essere k = 43 da cui k = 2. L unico punto che soddisfa alle condizioni richieste è quindi x = 25, y = 18. 3) Su un foglio trovate scritto: L equazione diofantea 1144t 792s = X Y ammette soluzioni. dove X e Y sono cifre illeggibili. Sapendo che i numeri sono stati scritti in base 10, quanto devono valere X e Y affinché l affermazione sia vera? Soluzione. Dato che M CD(1144, 792) = 88 il numero X Y deve essere multiplo di 8 e di 11. Utilizziamo i criteri di divisibilià in base 10. Affinché X Y sia multiplo di 8 deve essere Y = 6, e affinché X sia multiplo di 11 deve essere X = 7. 4) Da una fontana dovete procurarvi esattamente un litro di acqua, ma avete a disposizione solamente una damigiana da 3.5 litri e una tanica da 12 litri. Come potete fare? Descrivere in dettaglio il procedimento. Soluzione. Vogliamo ottenere 1 litro aggiungendo e togliendo multipli di 3.5 e 12 litri. Osserviamo che moltiplicando per 2 l equazione 3.5s + 12t = 1 si ottiene l equazione diofantea 7s + 24t = 2 la cui soluzione è s = 14 e t = 4. Ne segue quindi che = 1. Per ottenere un litro riempiamo 14 volte la damigiana versando ogni volta il contenuto nella tanica e svuotando quest ultima quando è piena. Quando la tanica è stata svuotata 4 volte abbiamo raccolto 49 litri e ne abbiamo buttati 48, quindi nella damigiana è rimasto esattamente un litro.

4 0 = 4 2 = 4 4 = 4 6 = 0.

4 0 = 4 2 = 4 4 = 4 6 = 0. Elementi di Algebra e Logica 2008. Esercizi 4. Gruppi, anelli e campi. 1. Determinare la tabella additiva e la tabella moltiplicativa di Z 6. (a) Verificare dalla tabella moltiplicativa di Z 6 che esistono

Dettagli

Lezione 3 - Teoria dei Numeri

Lezione 3 - Teoria dei Numeri Lezione 3 - Teoria dei Numeri Problema 1 Trovare il più piccolo multiplo di 15 formato dalle sole cifre 0 e 8 (in base 10). Il numero cercato dev'essere divisibile per 3 e per 5 quindi l'ultima cifra deve

Dettagli

CONGRUENZE. proprietà delle congruenze: la congruenza è una relazione di equivalenza inoltre: Criteri di divisibilità

CONGRUENZE. proprietà delle congruenze: la congruenza è una relazione di equivalenza inoltre: Criteri di divisibilità CONGRUENZE I) Definizione: due numeri naturali a e b si dicono congrui modulo un numero naturale p se hanno lo stesso resto nella divisione intera per p. Si scrive a b mod p oppure a b (p) proprietà delle

Dettagli

Argomenti della lezione. Criteri di divisibilità fattorizzazione m.c.m. e M.C.D. frazioni ed espressioni

Argomenti della lezione. Criteri di divisibilità fattorizzazione m.c.m. e M.C.D. frazioni ed espressioni Argomenti della lezione Criteri di divisibilità fattorizzazione m.c.m. e M.C.D. frazioni ed espressioni Quale cifra deve assumere la lettera c affinché i numeri 821c e 82c1 siano divisibili per 2? Un numero

Dettagli

A.A CORSO DI ALGEBRA 1. PROFF. P. PIAZZA, E. SPINELLI. SOLUZIONE ESERCIZI FOGLIO 5.

A.A CORSO DI ALGEBRA 1. PROFF. P. PIAZZA, E. SPINELLI. SOLUZIONE ESERCIZI FOGLIO 5. A.A. 2015-2016. CORSO DI ALGEBRA 1. PROFF. P. PIAZZA, E. SPINELLI. SOLUZIONE ESERCIZI FOGLIO 5. Esercizio 5.1. Determinare le ultime tre cifre di n = 13 1625. (Suggerimento. Sfruttare il Teorema di Eulero-Fermat)

Dettagli

Il Ricevente comunica pubblicamente una chiave e. Il Mittente codifica il messaggio usando la funzione f(m, e) = C e

Il Ricevente comunica pubblicamente una chiave e. Il Mittente codifica il messaggio usando la funzione f(m, e) = C e Crittografia a chiave pubblica. Il problema della crittografia è semplice da enunciare: vi sono due persone, il Mittente e il Ricevente, che vogliono comunicare fra loro senza che nessun altro possa leggere

Dettagli

Parte Seconda. Prova di selezione culturale

Parte Seconda. Prova di selezione culturale Parte Seconda Prova di selezione culturale TEORIA DEGLI INSIEMI MATEMATICA ARITMETICA Insieme = gruppo di elementi di cui si può stabilire inequivocabilmente almeno una caratteristica in comune. Esempi:

Dettagli

Piccolo teorema di Fermat

Piccolo teorema di Fermat Piccolo teorema di Fermat Proposizione Siano x, y Z, p N, p primo. Allora (x + y) p x p + y p (mod p). Piccolo teorema di Fermat Proposizione Siano x, y Z, p N, p primo. Allora (x + y) p x p + y p (mod

Dettagli

3/10/ Divisibilità e massimo comun divisore

3/10/ Divisibilità e massimo comun divisore MCD in N e Polinomi 3/10/2013 1 Divisibilità e massimo comun divisore 1.1 Divisibilità in N In questa sezione introdurremo il concetto di divisibilità e di massimo comun divisore di due numeri naturali

Dettagli

Quando possiamo dire che un numero a è sottomultiplo del numero b? Al posto dei puntini inserisci è divisibile per oppure è divisore di

Quando possiamo dire che un numero a è sottomultiplo del numero b? Al posto dei puntini inserisci è divisibile per oppure è divisore di ESERCIZI Quando possiamo dire che un numero a è divisibile per un numero b? Quando possiamo dire che un numero a è sottomultiplo del numero b? Quando un numero si dice primo? Al posto dei puntini inserisci

Dettagli

Lezione 4. Problemi trattabili e soluzioni sempre più efficienti. Gianluca Rossi

Lezione 4. Problemi trattabili e soluzioni sempre più efficienti. Gianluca Rossi Lezione 4 Problemi trattabili e soluzioni sempre più efficienti Gianluca Rossi Trattabile o intrattabile? Consideriamo ora il problema, ben noto a tutti gli studenti a partire dalla scuola media, di calcolare

Dettagli

Moltiplicazione. Divisione. Multipli e divisori

Moltiplicazione. Divisione. Multipli e divisori Addizione Sottrazione Potenze Moltiplicazione Divisione Multipli e divisori LE QUATTRO OPERAZIONI Una operazione aritmetica è quel procedimento che fa corrispondere ad una coppia ordinata di numeri (termini

Dettagli

Riassumiamo le proprietà dei numeri reali da noi utilizzate nel corso di Geometria.

Riassumiamo le proprietà dei numeri reali da noi utilizzate nel corso di Geometria. Capitolo 2 Campi 2.1 Introduzione Studiamo ora i campi. Essi sono una generalizzazione dell insieme R dei numeri reali con le operazioni di addizione e di moltiplicazione. Nel secondo paragrafo ricordiamo

Dettagli

RACCOLTA DI ALCUNI ESERCIZI TRATTI DA COMPITI D ESAME SUL SISTEMA CRITTOGRAFICO RSA

RACCOLTA DI ALCUNI ESERCIZI TRATTI DA COMPITI D ESAME SUL SISTEMA CRITTOGRAFICO RSA RACCOLTA DI ALCUNI ESERCIZI TRATTI DA COMPITI D ESAME SUL SISTEMA CRITTOGRAFICO RSA Attenzione: questi sono alcuni esercizi d esame, sugli argomenti di questa dispensa. Non sono una selezione di quelli

Dettagli

SISTEMI LINEARI. x y + 2t = 0 2x + y + z t = 0 x z t = 0 ; S 3 : ; S 5x 2y z = 1 4x 7y = 3

SISTEMI LINEARI. x y + 2t = 0 2x + y + z t = 0 x z t = 0 ; S 3 : ; S 5x 2y z = 1 4x 7y = 3 SISTEMI LINEARI. Esercizi Esercizio. Verificare se (,, ) è soluzione del sistema x y + z = x + y z = 3. Trovare poi tutte le soluzioni del sistema. Esercizio. Scrivere un sistema lineare di 3 equazioni

Dettagli

Giovanna Carnovale. October 18, Divisibilità e massimo comun divisore

Giovanna Carnovale. October 18, Divisibilità e massimo comun divisore MCD in N e Polinomi Giovanna Carnovale October 18, 2011 1 Divisibilità e massimo comun divisore 1.1 Divisibilità in N In questa sezione introdurremo il concetto di divisibilità e di massimo comun divisore

Dettagli

Esercizi svolti di aritmetica

Esercizi svolti di aritmetica 1 Liceo Carducci Volterra - Classi 1A, 1B Scientifico - Francesco Daddi - 15 gennaio 29 Esercizi svolti di aritmetica Esercizio 1. Dimostrare che il quadrato di un numero intero che finisce per 25 finisce

Dettagli

m = a k n k + + a 1 n + a 0 Tale scrittura si chiama rappresentazione del numero m in base n e si indica

m = a k n k + + a 1 n + a 0 Tale scrittura si chiama rappresentazione del numero m in base n e si indica G. Pareschi COMPLEMENTI ED ESEMPI SUI NUMERI INTERI. 1. Divisione con resto di numeri interi 1.1. Divisione con resto. Per evitare fraintendimenti nel caso in cui il numero a del Teorema 0.4 sia negativo,

Dettagli

La fattorizzazione e la phi di Eulero

La fattorizzazione e la phi di Eulero La fattorizzazione e la phi di Eulero Di Cristiano Armellini, cristiano.armellini@alice.it Supponiamo di voler trovare i fattori p, q del numero intero n (anche molto grande). Dalla Teoria dei numeri sappiamo

Dettagli

Congruenze. Alberto Abbondandolo Forte dei Marmi, 17 Novembre 2006

Congruenze. Alberto Abbondandolo Forte dei Marmi, 17 Novembre 2006 Congruenze Alberto Abbondandolo Forte dei Marmi, 17 Novembre 2006 1 Il resto nella divisione tra interi Consideriamo i numeri naturali 0, 1, 2, 3,... ed effettuiamone la divisione per 3, indicando il resto:

Dettagli

TEOREMA DEL RESTO E REGOLA DI RUFFINI

TEOREMA DEL RESTO E REGOLA DI RUFFINI TEOREMA DEL RESTO E REGOLA DI RUFFINI ALCUNI TEOREMI IMPORTANTI Prendiamo una divisione intera tra numeri: 6 : 3 = 2. Il resto di questa divisione è 0, e questo significa che moltiplicando il quoziente

Dettagli

Stage di preparazione olimpica - Lucca

Stage di preparazione olimpica - Lucca Stage di preparazione olimpica - Lucca Esercizi di Aritmetica - docente Luca Ghidelli - luca.ghidelli@sns.it 18 gennaio 2013 1 Diofantea risolubile Trovare tutti gli interi (relativi) x e y tali che xy

Dettagli

L1 L2 L3 L4. Esercizio. Infatti, osserviamo che p non può essere un multiplo di 3 perché è primo. Pertanto, abbiamo solo due casi

L1 L2 L3 L4. Esercizio. Infatti, osserviamo che p non può essere un multiplo di 3 perché è primo. Pertanto, abbiamo solo due casi Sia p 5 un numero primo. Allora, p è sempre divisibile per 4. Scriviamo p (p ) (p + ). Ora, p 5 è primo e, quindi, dispari. Dunque, p e p + sono entrambi pari. Facciamo vedere anche che uno tra p e p +

Dettagli

1 Disquazioni di primo grado

1 Disquazioni di primo grado 1 Disquazioni di primo grado 1 1 Disquazioni di primo grado Si assumono assodate le regole per la risoluzione delle equazioni lineari Ricordando che una disuguaglianza è una scrittura tra due espressioni

Dettagli

1 Soluzione degli esercizi del capitolo 4

1 Soluzione degli esercizi del capitolo 4 "Introduzione alla matematica discreta /ed" - M. G. Bianchi, A. Gillio degli esercizi del capitolo 4 Esercizio 4. (pag. 47) Sia X =,,3,4} e sia R la relazione su X così definita: R = (,),(,),(,),(,),(,4),(3,3),(4,)}.

Dettagli

z =[a 4 a 3 a 2 a 1 a 0 ] 10

z =[a 4 a 3 a 2 a 1 a 0 ] 10 Esercizio 1. Sia z =[a 4 a 3 a 2 a 1 a 0 ] 10 un numero intero (la notazione significa che le cifre con cui rappresento z in base 10 sono a 4,..., a 0 {0, 1,..., 9}, ecioè z = a 4 10 4 + a 3 10 3 + a 2

Dettagli

II Esonero di Matematica Discreta - a.a. 06/07. Versione B

II Esonero di Matematica Discreta - a.a. 06/07. Versione B II Esonero di Matematica Discreta - a.a. 06/07 1. Nell anello dei numeri interi Z: Versione B a. Determinare la scrittura posizionale in base 9 del numero che in base 10 si scrive) 5293 e la scrittura

Dettagli

Esercizio L1 L2 L3. Il numero 1152 scomposto in fattori primi si scrive [1] [2] [3] 7 31 [4] Risposta

Esercizio L1 L2 L3. Il numero 1152 scomposto in fattori primi si scrive [1] [2] [3] 7 31 [4] Risposta Il numero 1152 scomposto in fattori primi si scrive [1] 2 7 3 2 [2] 2 5 11 [3] 7 31 [4] 1152 Il numero 1152 termina con la cifra 2 e, di conseguenza, è divisibile per 2. Questo significa che ha il numero

Dettagli

Allenamenti di matematica: Algebra e Teoria dei Numeri

Allenamenti di matematica: Algebra e Teoria dei Numeri Brescia, 18 novembre 2011 Allenamenti di matematica: Algebra e Teoria dei Numeri 1. (a) Risolvi l equazione x 3 12x 2 + 29x 18 = 0. (b) Risolvi l equazione precedente utilizzando il seguente metodo. Effettua

Dettagli

Corso di preparazione ai Giochi di Archimede Aritmetica, algebra e teoria dei numeri

Corso di preparazione ai Giochi di Archimede Aritmetica, algebra e teoria dei numeri Corso di preparazione ai Giochi di Archimede Aritmetica, algebra e teoria dei numeri 1) Il numero reale a è tale che l equazione x 2 + 2ax + 1 = 0 Ammette due soluzioni reali coincidenti. Quanti sono i

Dettagli

NUMERI PRIMI E TEORMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA Definizione 1. Sia p Z, p ±1. Si dice che p è primo se

NUMERI PRIMI E TEORMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA Definizione 1. Sia p Z, p ±1. Si dice che p è primo se NUMERI PRIMI E TEORMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA Definizione 1. Sia p Z, p ±1. Si dice che p è primo se ( a, b Z) (p ab = (p a p b). Teorema 1. Sia p Z, p ±1. Allora p è primo se e solo se ( a, b Z)

Dettagli

nota 1. Aritmetica sui numeri interi.

nota 1. Aritmetica sui numeri interi. nota 1. Aritmetica sui numeri interi. Numeri interi. Numeri primi. L algoritmo di Euclide per il calcolo del mcd. Equazioni diofantee di primo grado. Congruenze. Il Teorema Cinese del Resto. 1 0. Numeri

Dettagli

1 Relazione di congruenza in Z

1 Relazione di congruenza in Z 1 Relazione di congruenza in Z Diamo ora un esempio importante di relazione di equivalenza: la relazione di congruenza modn in Z. Definizione 1 Sia X = Z, a,b Z ed n un intero n > 1. Si dice a congruo

Dettagli

PREPARAZIONE ALLE GARE DI MATEMATICA - CORSO BASE

PREPARAZIONE ALLE GARE DI MATEMATICA - CORSO BASE Liceo Scientifico Gullace PREPARAZIONE ALLE GARE DI MATEMATICA - CORSO BASE Aritmetica 014-15 1 Lezione 1 DIVISIBILITÀ, PRIMI E FATTORIZZAZIONE Definizioni DIVISIBILITÀ': dati due interi a e b, diciamo

Dettagli

SCHEMI DI MATEMATICA

SCHEMI DI MATEMATICA SCHEMI DI MATEMATICA SCHEMA 1: somme algebriche tra numeri ( ci sono sia somme che sottrazioni) Obiettivo dello schema1: saper risolvere espressioni come : -3-6 Metodo: se il segno dei due numeri è uguale

Dettagli

LE EQUAZIONI DI SECONDO GRADO

LE EQUAZIONI DI SECONDO GRADO LE EQUAZIONI DI SECONDO GRADO Definizione: un equazione è di secondo grado se, dopo aver applicato i principi di equivalenza, si può scrivere nella forma, detta normale: ax + bx + c 0!!!!!con!a 0 Le lettere

Dettagli

I. Foglio di esercizi su vettori linearmente dipendenti e linearmente indipendenti. , v 2 = α v 1 + β v 2 + γ v 3. α v 1 + β v 2 + γ v 3 = 0. + γ.

I. Foglio di esercizi su vettori linearmente dipendenti e linearmente indipendenti. , v 2 = α v 1 + β v 2 + γ v 3. α v 1 + β v 2 + γ v 3 = 0. + γ. ESERCIZI SVOLTI DI ALGEBRA LINEARE (Sono svolti alcune degli esercizi proposti nei fogli di esercizi su vettori linearmente dipendenti e vettori linearmente indipendenti e su sistemi lineari ) I. Foglio

Dettagli

LEZIONE 15. (15.1.2) p(x) = a 0 x n + a 1 x n a n 1 x + a n = a h x n h.

LEZIONE 15. (15.1.2) p(x) = a 0 x n + a 1 x n a n 1 x + a n = a h x n h. LEZIONE 15 15.1. Polinomi a coefficienti complessi e loro e loro radici. In questo paragrafo descriveremo alcune proprietà dei polinomi a coefficienti complessi e delle loro radici. Già nel precedente

Dettagli

Kangourou della Matematica 2017 Coppa Kangourou a squadre Semifinale turno A Cervia, 6 maggio Quesiti

Kangourou della Matematica 2017 Coppa Kangourou a squadre Semifinale turno A Cervia, 6 maggio Quesiti Kangourou della Matematica 2017 Coppa Kangourou a squadre Semifinale turno A Cervia, 6 maggio 2017 Quesiti 1. Addendi Il numero 5 6 può essere ottenuto sia come prodotto di 6 fattori ognuno uguale a 5

Dettagli

Un polinomio è un espressione algebrica data dalla somma di più monomi.

Un polinomio è un espressione algebrica data dalla somma di più monomi. 1 I polinomi 1.1 Terminologia sui polinomi Un polinomio è un espressione algebrica data dalla somma di più monomi. I termini di un polinomio sono i monomi che compaiono come addendi nel polinomio. Il termine

Dettagli

MAPPA MULTIPLI E DIVISORI

MAPPA MULTIPLI E DIVISORI MAPPA MULTIPLI E DIVISORI 1 MULTIPLI E DIVISORI divisibilità definizione di multiplo criteri di divisibilità definizione di divisore numeri primi e numeri composti scomposizione in fattori primi calcolo

Dettagli

DIVISIBILITA, DIVISORI E MULTIPLI. Conoscenze

DIVISIBILITA, DIVISORI E MULTIPLI. Conoscenze DIVISIBILITA, DIVISORI E MULTIPLI Conoscenze 1. Completa: a) Dati due numeri naturali a e b, con b diverso da..., si dice che a è divisibile per b se... b) In N la divisione è possibile solo se... 2. Sostituisci

Dettagli

Appunti sulla circonferenza

Appunti sulla circonferenza 1 Liceo Falchi Montopoli in Val d Arno - Classe 3 a I - Francesco Daddi - 16 aprile 010 Appunti sulla circonferenza In queste pagine sono trattati gli argomenti riguardanti la circonferenza nel piano cartesiano

Dettagli

Equazioni lineari con due o più incognite

Equazioni lineari con due o più incognite Equazioni lineari con due o più incognite Siano date le uguaglianze: k 0; x + y = 6; 3a + b c = 8. La prima ha un termine incognito rappresentato dal simbolo letterale k; la seconda ha due termini incogniti

Dettagli

RISPOSTE MOTIVATE QUIZ D AMMISSIONE MATEMATICA

RISPOSTE MOTIVATE QUIZ D AMMISSIONE MATEMATICA RISPOSTE MOTIVATE QUIZ D AMMISSIONE 1999-2000 MATEMATICA 76. A cosa è uguale: a-b? A) a-b = (- b-a) B) a-b = (- a-b) C) a-b = (a/b) D) a-b = -( b- a) E) a-b = 1/(ab) L espressione a-b costituisce un polinomio,

Dettagli

20 MARZO 2010 TESTO E SOLUZIONI

20 MARZO 2010 TESTO E SOLUZIONI 25 a GARA MATEMATICA CITTÀ DI PADOVA 20 MARZO 2010 TESTO E SOLUZIONI 1.- È dato un rettangolo ABCD. Si dimostri che per un qualunque punto P del piano vale : PD 2 + PB 2 = PA 2 + PC 2 con AC una diagonale.

Dettagli

1 Multipli di un numero

1 Multipli di un numero Multipli di un numero DEFINIZIONE. I multipli di un numero sono costituiti dall insieme dei prodotti ottenuti moltiplicando quel numero per la successione dei numeri naturali. I multipli del numero 4 costituiscono

Dettagli

Il nano sulle spalle del gigante

Il nano sulle spalle del gigante Il nano sulle spalle del gigante il sottile legame che separa matematica e informatica Miriam Di Ianni Università di Roma Tor Vergata Cosa è un problema? Dal dizionario: In matematica e in altre scienze,

Dettagli

Matematica Discreta e Algebra Lineare (per Informatica)

Matematica Discreta e Algebra Lineare (per Informatica) Matematica Discreta e Algebra Lineare (per Informatica) Docente: Alessandro Berarducci Anno accademico 2016-2017, versione 14 Marzo 2017 Tipiche domande d esame La seguente lista di domande non intende

Dettagli

Disequazioni - ulteriori esercizi proposti 1

Disequazioni - ulteriori esercizi proposti 1 Disequazioni - ulteriori esercizi proposti Trovare le soluzioni delle seguenti disequazioni o sistemi di disequazioni:. 5 4 >. 4. < 4. 4 9 5. 9 > 6. > 7. < 8. 5 4 9. > > 4. < 4. < > 9 4 Non esitate a comunicarmi

Dettagli

RETTE E PIANI NELLO SPAZIO

RETTE E PIANI NELLO SPAZIO VETTORI E GEOMETRIA ANALITICA 1 RETTE E PIANI NELLO SPAZIO Rette e piani in forma cartesiana e parametrica. Parallelismo e perpendicolarità, posizioni reciproche tra rette e piani, distanze. Esercizio

Dettagli

TEN Radici quadrate modulo p e modulo p k. Radici quadrate modulo p, con p > 2.

TEN Radici quadrate modulo p e modulo p k. Radici quadrate modulo p, con p > 2. TEN 2008. Radici quadrate modulo p e modulo p k. Radici quadrate modulo p, con p > 2. Lemma 1. Sia n Z. Sia p > 2 un numero primo. (a) n è un quadrato modulo p se e solo se n p 1 2 1 mod p; (b) Sia n 0

Dettagli

Ancora sui criteri di divisibilità di Marco Bono

Ancora sui criteri di divisibilità di Marco Bono Ancora sui criteri di divisibilità di Talvolta può essere utile conoscere i divisori di un numero senza effettuare le divisioni, anche se la diffusione delle calcolatrici elettroniche, sotto varie forme,

Dettagli

Un monomio è in forma normale se è il prodotto di un solo fattore numerico e di fattori letterali con basi diverse. Tutto quanto sarà detto di

Un monomio è in forma normale se è il prodotto di un solo fattore numerico e di fattori letterali con basi diverse. Tutto quanto sarà detto di DEFINIZIONE Espressione algebrica costituita dal prodotto tra una parte numerica (coefficiente) e una o più variabili e/o costanti (parte letterale). Variabili e costanti possono comparire elevate a potenza

Dettagli

Esercizio. Sia a R non nullo e siano m, n numeri interi non nulli con m n. Allora a m /a n è uguale a. [1] 1/a n m [2] 1/a m n [3] 1/a n m [4] a n m

Esercizio. Sia a R non nullo e siano m, n numeri interi non nulli con m n. Allora a m /a n è uguale a. [1] 1/a n m [2] 1/a m n [3] 1/a n m [4] a n m Sia a R non nullo e siano m, n numeri interi non nulli con m n. Allora a m /a n è uguale a [1] 1/a n m [2] 1/a m n [3] 1/a n m [4] a n m Vale la [1] perché per le proprietà delle potenze risulta a m a

Dettagli

RETTE E PIANI. ove h R. Determinare i valori di h per cui (1) r h e α sono incidenti ed, in tal caso, determinare l angolo ϑ h da essi formato;

RETTE E PIANI. ove h R. Determinare i valori di h per cui (1) r h e α sono incidenti ed, in tal caso, determinare l angolo ϑ h da essi formato; RETTE E PIANI Esercizi Esercizio 1. Nello spazio con riferimento cartesiano ortogonale Oxyz si considerino la retta r h ed il piano α rispettivamente di equazioni x = 1 + t r h : y = 1 t α : x + y + z

Dettagli

3x + x 5x = x = = 4 + 3x ; che equivale, moltiplicando entrambi i membri per 2, a risolvere. 4x + 6 x = 4 + 3x.

3x + x 5x = x = = 4 + 3x ; che equivale, moltiplicando entrambi i membri per 2, a risolvere. 4x + 6 x = 4 + 3x. 1 Soluzioni esercizi 1.1 Equazioni di 1 e grado Risolvere le seguenti equazioni di 1 grado: 1) 3x 5x = 1 x. Abbiamo: 3x + x 5x = 1 + x = 1 + 4 x = 5. ) x + 3 x = + 3x. Facciamo il m.c.m. : 4x + 6 x = 4

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA 5 LA RETTA

UNITÀ DIDATTICA 5 LA RETTA UNITÀ DIDATTICA 5 LA RETTA 5.1 - La retta Equazione generica della retta Dalle considerazioni emerse nel precedente capitolo abbiamo compreso come una funzione possa essere rappresentata da un insieme

Dettagli

Esercizi di Matematica per la prova di ammissione alla Scuola Galileiana /16

Esercizi di Matematica per la prova di ammissione alla Scuola Galileiana /16 Esercizi di Matematica per la prova di ammissione alla Scuola Galileiana - 015/16 Esercizio 1 Per quali valori n Z \ {0} l espressione è un numero intero positivo? (n + 5)(n + 6) 6n Soluzione. Il problema

Dettagli

Esercizi sulle radici

Esercizi sulle radici Esercizi sulle radici Semplificazione Per semplificare una radice utilizzando, quando necessario, i valori assoluti, dobbiamo ricordare che se una radice ha indice pari, il suo radicando (il numero che

Dettagli

Concentriamo la nostra attenzione sull insieme dei numeri razionali Q. In Q sono definite

Concentriamo la nostra attenzione sull insieme dei numeri razionali Q. In Q sono definite Lezioni del 22 e 24 settembre. Numeri razionali. 1. Operazioni, ordinamento. Indichiamo con N, Z, Q gli insiemi dei numeri naturali, interi relativi, e razionali: N = {0, 1, 2,...} Z = {0, ±1, ±2,...}

Dettagli

Colorazioni di mappe e basi di Gröbner

Colorazioni di mappe e basi di Gröbner Colorazioni di mappe e basi di Gröbner Marcelo Escudeiro Hernandes 12 Luglio 2012 Per il famoso Teorema dei quattro colori, abbiamo bisogno solo di quattro colori per colorare una mappa in modo che nessuna

Dettagli

Università degli Studi del Piemonte Orientale Facoltà di Scienze M.F.N. Precorso di Matematica APPUNTI (preparati da Pier Luigi Ferrari)

Università degli Studi del Piemonte Orientale Facoltà di Scienze M.F.N. Precorso di Matematica APPUNTI (preparati da Pier Luigi Ferrari) Università degli Studi del Piemonte Orientale Facoltà di Scienze M.F.N. Precorso di Matematica APPUNTI (preparati da Pier Luigi Ferrari) 0. Come usare questi appunti In questi appunti troverete alcune

Dettagli

1 Il polinomio minimo.

1 Il polinomio minimo. Abstract Il polinomio minimo, così come il polinomio caratterisico, è un importante invariante per le matrici quadrate. La forma canonica di Jordan è un approssimazione della diagonalizzazione, e viene

Dettagli

I numeri complessi. Andrea Corli 31 agosto Motivazione 1. 2 Definizioni 1. 3 Forma trigonometrica di un numero complesso 3

I numeri complessi. Andrea Corli 31 agosto Motivazione 1. 2 Definizioni 1. 3 Forma trigonometrica di un numero complesso 3 I numeri complessi Andrea Corli 3 agosto 009 Indice Motivazione Definizioni 3 Forma trigonometrica di un numero complesso 3 4 Radici di un numero complesso 4 5 Equazioni di secondo grado e il teorema fondamentale

Dettagli

Kangourou della Matematica 2012 Coppa a squadre Kangourou Semifinale turno A Cervia, 5 maggio Quesiti

Kangourou della Matematica 2012 Coppa a squadre Kangourou Semifinale turno A Cervia, 5 maggio Quesiti Kangourou della Matematica 0 Coppa a squadre Kangourou Semifinale turno A Cervia, 5 maggio 0 Quesiti. umeri di quest anno Quanti numeri interi positivi n sono tali che entrambi i numeri n 0 e n + 0 siano

Dettagli

Sistemi di 1 grado in due incognite

Sistemi di 1 grado in due incognite Sistemi di 1 grado in due incognite Problema In un cortile ci sono polli e conigli: in totale le teste sono 7 e zampe 18. Quanti polli e quanti conigli ci sono nel cortile? Soluzione Indichiamo con e con

Dettagli

Precorso CLEF-CLEI, esercizi di preparazione al test finale con soluzioni

Precorso CLEF-CLEI, esercizi di preparazione al test finale con soluzioni Precorso CLEF-CLEI, esercizi di preparazione al test finale con soluzioni ARITMETICA 1. Scomporre in fattori primi 2500 e 5600. Soluzione: Osserviamo che entrambi i numeri sono multipli di 100 = 2 2 5

Dettagli

Anno 1. M.C.D. e m.c.m. fra monomi

Anno 1. M.C.D. e m.c.m. fra monomi Anno 1 M.C.D. e m.c.m. fra monomi 1 Introduzione In questa lezione impareremo come calcolare il massimo comune divisore (M.C.D.) e il minimo comune multiplo (m.c.m.) di due o più monomi. Infine introdurremo

Dettagli

1 Ampliamento del piano e coordinate omogenee

1 Ampliamento del piano e coordinate omogenee 1 Ampliamento del piano e coordinate omogenee Vogliamo dare una idea, senza molte pretese, dei concetti che stanno alla base di alcuni calcoli svolti nella classificazione delle coniche. Supponiamo di

Dettagli

Congruenze. Trovare la cifra dell unità dei seguenti numeri 2013 2013 [3] 2014 2014 [6] 2015 2015 [5]

Congruenze. Trovare la cifra dell unità dei seguenti numeri 2013 2013 [3] 2014 2014 [6] 2015 2015 [5] Congruenze Trovare la cifra dell unità dei seguenti numeri 2013 2013 [3] 2014 2014 [6] 2015 2015 [5] (basta fare una congruenza modulo 10) Trovare la cifra dell unità e la cifra delle decine dei seguenti

Dettagli

+ 1)... (e k + 1). Si indica con (n), chiamato numero di Eulero di n, il numero dei numeri naturali minori di n e primi con n.

+ 1)... (e k + 1). Si indica con (n), chiamato numero di Eulero di n, il numero dei numeri naturali minori di n e primi con n. "Come si fa" a svolgere vari tipi di esercizi 1 numeri e congruenze (algoritmi avvertenze casi speciali esempi) Attenzione gli argomenti non sono in ordine Alcuni degli esercizi presentati erano parte

Dettagli

6. Soluzione degli esercizi su: massimo comun divisore e minimo comune multiplo.

6. Soluzione degli esercizi su: massimo comun divisore e minimo comune multiplo. M. Barlotti Soluzioni per gli Esercizi di Algebra v.!". Capitolo 6 Pag. 1 6. Soluzione degli esercizi su: massimo comun divisore e minimo comune multiplo. Esercizio 6.1 Sia A ³ Ö"", %( $**, #%$ """. Rispetto

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 2

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 2 Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 2 Dato un numero N rappresentato in base dieci, la sua rappresentazione in base due sarà del tipo: c m c m-1... c 1 c 0 (le c i sono cifre

Dettagli

= < < < < < Matematica 1

= < < < < < Matematica  1 NUMERI NATURALI N I numeri naturali sono: 0,1,2,3,4,5,6,7,8,9,10,11,12,13,... L insieme dei numeri naturali è indicato con la lettera. Si ha cioè: N= 0,1,2,3,4,5,6,7,.... L insieme dei naturali privato

Dettagli

DISEQUAZIONI ALGEBRICHE

DISEQUAZIONI ALGEBRICHE UNITÀ. DISEQUAZIONI ALGEBRICHE. Generalità e definizioni sulle diquazioni algebriche.. Diquazioni di primo grado.. Diquazioni di condo grado.. Diquazioni di grado superiore al condo.. Diquazioni fratte.

Dettagli

ALGEBRA I: SOLUZIONI QUINTA ESERCITAZIONE 9 maggio 2011

ALGEBRA I: SOLUZIONI QUINTA ESERCITAZIONE 9 maggio 2011 ALGEBRA I: SOLUZIONI QUINTA ESERCITAZIONE 9 maggio 2011 Esercizio 1. Usando l algoritmo euclideo delle divisioni successive, calcolare massimo comune divisore e identità di Bézout per le seguenti coppie

Dettagli

Equazioni di Primo grado

Equazioni di Primo grado Equazioni di Primo grado Definizioni Si dice equazione di primo grado un uguaglianza tra due espressioni algebriche verificata solo per un determinato valore della variabile x, detta incognita. Si chiama

Dettagli

DEFINIZIONE. L unità frazionaria 1n (con n 0) rappresenta una sola delle n parti uguali in cui è stato diviso l intero.

DEFINIZIONE. L unità frazionaria 1n (con n 0) rappresenta una sola delle n parti uguali in cui è stato diviso l intero. L unità frazionaria DEFINIZIONE. L unità frazionaria n con n 0 rappresenta una sola delle n parti uguali in cui è stato diviso l intero. Sono unità frazionarie: ognuna di esse indica che l intero è stato

Dettagli

CRITTOGRAFIA 2014/15 Appello del 13 gennaio Nome: Cognome: Matricola:

CRITTOGRAFIA 2014/15 Appello del 13 gennaio Nome: Cognome: Matricola: CRITTOGRAFIA 2014/15 Appello del 13 gennaio 2015 Esercizio 1 Crittografia ellittica [9 punti] 1. Descrivere l algoritmo di Koblitz per trasformare un messaggio m, codificato come numero intero, in un punto

Dettagli

( ) ( ) 2 + 3( a + b) = ( ) + b( x 1) = ( ) ( ) b( x + y) = ( ) x 2 ( a + b) y 2 + ( a + b) = ( ) + ( a b) = ( ) a( 4x + 7) = ( ) + 3a( 2 5y) =

( ) ( ) 2 + 3( a + b) = ( ) + b( x 1) = ( ) ( ) b( x + y) = ( ) x 2 ( a + b) y 2 + ( a + b) = ( ) + ( a b) = ( ) a( 4x + 7) = ( ) + 3a( 2 5y) = 1 Scomposizione in fattori di un polinomio Scomporre in fattori un polinomio significa trasformare il polinomio, che è una somma algebrica di monomi, nel prodotto di fattori con il grado più basso possibile.

Dettagli

Esercitazioni di Matematica

Esercitazioni di Matematica Università degli Studi di Udine Anno Accademico 009/00 Facoltà di Agraria Corsi di Laurea in VIT e STAL Esercitazioni di Matematica novembre 009 Trovare le soluzioni della seguente disequazione: x + +

Dettagli

Compito A

Compito A Compito A 1. Data l iperbole Γ di equazione y = (2x-1)/(3x+6), individua i punti A e B di intersezione della bisettrice del secondo e quarto quadrante con Γ (risolvi il problema sia graficamente che analiticamente).

Dettagli

Sistemi lineari. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara

Sistemi lineari. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara Sistemi lineari Lorenzo Pareschi Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara http://utenti.unife.it/lorenzo.pareschi/ lorenzo.pareschi@unife.it Lorenzo Pareschi (Univ. Ferrara)

Dettagli

Insiemistica. Capitolo 1. Prerequisiti. Obiettivi. Gli insiemi numerici di base Divisibilità e fattorizzazione nei numeri interi

Insiemistica. Capitolo 1. Prerequisiti. Obiettivi. Gli insiemi numerici di base Divisibilità e fattorizzazione nei numeri interi Capitolo 1 Insiemistica Prerequisiti Gli insiemi numerici di base Divisibilità e fattorizzazione nei numeri interi Obiettivi Sapere utilizzare opportunamente le diverse rappresentazioni insiemistiche Sapere

Dettagli

Francesco Zumbo

Francesco Zumbo La retta - Teorema di Talete - Equazione della retta: passante per due punti, implicita, esplicita - Parallele e Perpendicolari - Fascio Propio e improprio - Intersezione tra rette Francesco Zumbo www.francescozumbo.it

Dettagli

1 L estrazione di radice

1 L estrazione di radice 1 L estrazione di radice Consideriamo la potenza 3 2 = 9 di cui conosciamo: Esponente 3 2 = 9 Valore della potenza Base L operazione di radice quadrata consiste nel chiedersi qual è quel numero x che elevato

Dettagli

35 è congruo a 11 modulo 12

35 è congruo a 11 modulo 12 ARITMETICA MODULARE Scegliamo un numero m che chiameremo MODULO Identifichiamo ogni altro numero con il suo resto nella divisione per m Tutti i numeri col medesimo resto si trovano insieme nella classe

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. ..3. Prodotti notevoli Per quanto visto in precedenza, in generale per moltiplicare un polinomio di m termini per uno di n termini devono effettuarsi m n moltiplicazioni, così per esempio per moltiplicare

Dettagli

Teoria dei Numeri. Lezione del 31/01/2011. Stage di Massa Progetto Olimpiadi

Teoria dei Numeri. Lezione del 31/01/2011. Stage di Massa Progetto Olimpiadi Teoria dei Numeri Lezione del 31/01/2011 Stage di Massa Progetto Olimpiadi Criteri di Divisibilità 2: ultima cifra pari 3: somma (o somma della somma) delle cifre divisibile per 3 4: ultime due cifre divisibili

Dettagli

Le equazioni e i sistemi di primo grado

Le equazioni e i sistemi di primo grado Le equazioni e i sistemi di primo grado prof. Roberto Boggiani Isiss Marco Minghetti 1 settembre 009 Sommario In questo documento verrà trattato in modo semplice e facilmente comprensibile la teoria delle

Dettagli

Equazioni, funzioni e algoritmi: il metodo delle secanti

Equazioni, funzioni e algoritmi: il metodo delle secanti Equazioni, funzioni e algoritmi: il metodo delle secanti Christian Ferrari 1 Introduzione La risoluzione di equazioni in R ci ha mostrato che solo per le equazioni polinomiali di primo e secondo grado,

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Principio di induzione matematica

Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Principio di induzione matematica Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Principio di induzione matematica Il Principio di induzione matematica è una tecnica di dimostrazione che permette la dimostrazione simultanea di infinite affermazioni.

Dettagli

x1 + 2x 2 + 3x 3 = 0 nelle tre incognite x 1, x 2, x 3. Possiamo risolvere l equazione ricavando l incognita x 1 x 1 = 2x 2 3x 3 2r 1 3r 2 x 2 x 3

x1 + 2x 2 + 3x 3 = 0 nelle tre incognite x 1, x 2, x 3. Possiamo risolvere l equazione ricavando l incognita x 1 x 1 = 2x 2 3x 3 2r 1 3r 2 x 2 x 3 Matematica II -..9 Spazio delle soluzioni di un sistema lineare omogeneo.. Consideriamo l equazione lineare omogenea nelle tre incognite x, x, x 3. x + x + 3x 3 = Possiamo risolvere l equazione ricavando

Dettagli

Equazioni di primo grado

Equazioni di primo grado Equazioni di primo grado 15 15.1 Identità ed equazioni Analizziamo le seguenti proposizioni: a ) cinque è uguale alla differenza tra sette e due ; b ) la somma di quattro e due è uguale a otto ; c ) il

Dettagli

Massimi e minimi vincolati

Massimi e minimi vincolati Massimi e minimi vincolati Data una funzione G C 1 (D), dove D è un aperto di R 2, sappiamo bene dove andare a cercare gli eventuali punti di massimo e minimo relativi. Una condizione necessaria affinché

Dettagli

Risoluzione di ax 2 +bx+c = 0 quando a, b, c sono numeri complessi.

Risoluzione di ax 2 +bx+c = 0 quando a, b, c sono numeri complessi. LeLing14: Ancora numeri complessi e polinomi Ārgomenti svolti: Risoluzione di ax + bx + c = 0 quando a, b, c sono numeri complessi La equazione di Eulero: e i θ = cos(θ) + i sin(θ) La equazione x n = a,

Dettagli

Funzioni derivabili (V. Casarino)

Funzioni derivabili (V. Casarino) Funzioni derivabili (V. Casarino) Esercizi svolti 1) Applicando la definizione di derivata, calcolare la derivata in = 0 delle funzioni: a) 5 b) 3 4 c) + 1 d) sin. ) Scrivere l equazione della retta tangente

Dettagli

Funzioni implicite - Esercizi svolti

Funzioni implicite - Esercizi svolti Funzioni implicite - Esercizi svolti Esercizio. È data la funzione di due variabili F (x, y) = y(e y + x) log x. Verificare che esiste un intorno I in R del punto di ascissa x 0 = sul quale è definita

Dettagli

Equazioni Problemi con Equazioni.(Teoria 27-28/es ) A ) Introduzione.

Equazioni Problemi con Equazioni.(Teoria 27-28/es ) A ) Introduzione. Equazioni Problemi con Equazioni.(Teoria 27-28/es.96-100) A ) Introduzione. 1) Ad un numero aggiungo quattro ed ottengo 12. Trova il numero. Il numero che non conosciamo è detto incognita, e viene normalmente

Dettagli