Tempo a disposizione: 150 minuti. 1 Studiare, al variare del parametro reale k, il seguente sistema lineare: x + ky = k 2x + ky + z = 0.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tempo a disposizione: 150 minuti. 1 Studiare, al variare del parametro reale k, il seguente sistema lineare: x + ky = k 2x + ky + z = 0."

Transcript

1 Università degli Studi di Catania Anno Accademico Corso di Laurea in Informatica Prova in itinere di Matematica Discreta (1 CFU) 1 Dicembre 014 A Tempo a disposizione: 150 minuti 1 Studiare, al variare del parametro reale k, il seguente sistema lineare: x + ky = k x + ky + z = 0 y z = k Nel piano sono dati il punto A(, 0) e la retta b) x + y 1 = 0 Trovare le rette passanti per A che formano con l asse x e la retta b) un triangolo di area 3 Nello spazio sono dati il punto A(0, 1, 0), il piano α) x + y z = 0 e le rette y z = 0 x + y 1 = 0 r), s) x + y + = 0 x z + 1 = 0 (a) Trovare la retta t) passante per A, parallela ad α) ed ortogonale ad r) (b) Trovare la proiezione ortogonale di s) su α) (c) Trovare la distanza di A da r) (d) Trovare il simmetrico di A rispetto ad α) (e) Trovare la retta passante per A ed incidente le rette r) ed s) (f) Trovare il piano contenente s) e parallelo ad r)

2 1 Dicembre 014 Svolgimento della prova scritta 1 Siano A = 1 k 0 k , A = Riduciamo per righe la matrice A : A R R R 1 1 k 0 k 0 k 1 k k R 3 R 3 +R 1 k 0 k k k Se 1 k 0, ovvero se k 1, il sistema è determinato Se k = 1, il sistema diventa x + y = 1 y + z = 1 k 0 k 0 k 1 k 0 1 k 0 0 che è indeterminato ed ammette 1 soluzioni: (1 h, h, h ) Un generico punto P sulla retta b) ha coordinate P (a, 1 a), con a R La retta b) interseca l asse x nel punto B(1, 0) In riferimento al triangolo ABP, scelta come base il segmento AB la cui lunghezza è 1, la lunghezza dell altezza P H ad essa relativa è data da 1 a Così si ha che: A (AP B) = AB P H = 1 1 a La condizione A (AP B) =, imposta dal quesito, diventa 1 a = 1 a = 4 a = 3 a = 5 Pertanto, i punti richiesti hanno coordinate P 1 (5, 4) e P ( 3, 4) Da quanto trovato segue che esistono due rette che risolvono il quesito: la prima è la retta passante per A e P 1 (che denotiamo con r 1 )) e la seconda è quella passante per A e P (che denotiamo con r )) Tali rette hanno equazioni r 1 ) y = 4 3 (x ), r ) y = 4 (x ) 5 3 (a) La retta t) richiesta è intersezione del piano π 1 passante per A e parallelo a α) e del piano π contenente A e perpendicolare ad r) Il piano π 1 ha equazione 1(x 0) + 1(y 1) 1z = 0 ovvero x + y z 1 = 0 Per determinare il piano π, calcoliamo preliminarmente il punto improprio di r, P (r) Tale punto si determina intersecando la retta r) (scritta in coordinate omogenee) con il piano improprio t = 0:

3 t = 0 y z = 0 x + y + t = 0 da cui segue subito che P (r) ( 1, 1, 1, 0) e di conseguenza r ( 1, 1, 1) Così il piano π ha equazione 1(x 0)+1(y 1)+1(z 0) = 0 ovvero x y z+1 = 0 Quindi: x + y z 1 = 0 t) :, x y z + 1 = 0 da cui, con facili conti: t) : x = z y = 1 (b) La proiezione richiesta è l intersezione tra il piano α) e il piano σ contenente per s) ed ortogonale ad α) Scriviamo l equazione del fascio di piani contenenti s): λ(x + y 1) + µ(x z + 1) = 0 Un vettore ortogonale ad un generico piano del suddetto fascio è w = (λ + µ, λ, µ) Un vettore ortogonale al piano α) è v = (1, 1, 1) Imponendo che w e v siano ortogonali, si ha: Così w v = 0 λ + µ + λ + µ = 0 λ + µ = 0 σ : y + z = 0 e quindi la proiezione richiesta è la retta x + y z = 0 y + z = 0 (c) Determiniamo le intersezioni tra la retta r) ed il piano π passante per A e ortogonale ad r) determinato nel punto (a): y z = 0 x + y + = 0 x y z + 1 = 0 da cui segue che π e r) si intersecano nel punto H( 5, 1, 1 ) A questo punto segue subito che ( 5 d(a, r) = d(a, H) = ) = 9 (d) Determiniamo la retta passante per A e ortogonale ad α): x = t y = 1 + t z = t,

4 Il punto A, simmetrico di A rispetto al piano α) deve appartenere alla suddetta retta e quindi A (t, 1 + t, t) Per la condizione di simmetria, il punto medio M del segmento AA deve appartenere al piano α), ovvero ( t, + t, t ) α), perciò t + + t + t = 0 t = 3 In conclusione ( A 3, 1 3, ) 3 (e) La retta m) richiesta è l intersezione del piano σ 1 passante per A e contenente r) e del piano σ passante per A e contenente s) Determiniamo σ 1 Allo scopo, scriviamo l equazione del fascio di piani contenenti r) e imponiamo successivamente il passaggio per A: λ(y z) + µ(x + y + ) = 0, da cui imponendo il passaggio per A si ottiene λ + 3µ = 0 e quindi si può scegliere λ = 3 e µ = 1, ottenendo così σ 1 : 3y 3z x y = 0 Determiniamo σ Allo scopo, scriviamo l equazione del fascio di piani contenenti s) e imponiamo successivamente il passaggio per A: λ(x + y 1) + µ(x z + 1) = 0, da cui imponendo il passaggio per A si ottiene λ 0 + µ = 0 e quindi In definitiva m) : σ : x + y 1 = 0 3y 3z x y = 0 x + y 1 = 0 (f) Nel punto (a) abbiamo già visto che P (r) ( 1, 1, 1, 0) Scriviamo l equazione del fascio di piani contenenti s) (scritta in coordinate omogenee): λ(x + y t) + µ(x z + t) = 0 Imponendo che P (r) appartenga al suddetto fascio, si ottiene µ = 0, quindi si può scegliere λ = 1 e si trova che il piano richiesto ha equazione: x + y 1 = 0

5 Università degli Studi di Catania Anno Accademico Corso di Laurea in Informatica Prova in itinere di Matematica Discreta (1 CFU) 1 Dicembre 014 B Tempo a disposizione: 150 minuti 1 Studiare, al variare del parametro reale k, il seguente sistema lineare: x + y + kz = 1 (k + 3)y + z = x + y = k Nel piano sono dati il punto A(, 1) e la retta r) x y = 0 Trovare i punti P della retta r) tali che l area del triangolo OAP (dove O(0, 0)) valga 3 Nello spazio sono dati il punto A(, 1, 0), il piano α) x + y z = 0 e le rette x + y = 0 z = 0 r), s) x z + 1 = 0 x + y + = 0 (a) Trovare la retta t) passante per A, parallela ad α) ed incidente r) (b) Trovare la proiezione ortogonale di r) su α) (c) Trovare la distanza di A da r) (d) Trovare la simmetrica di r rispetto ad α) (e) Trovare la retta passante per A ed incidente le rette r) ed s) (f) Trovare il piano contenente s) e parallelo ad r)

6 1 Dicembre 014 Svolgimento della prova scritta 1 Siano A = 1 k 0 k + 3 1, A = 1 0 Riduciamo per righe la matrice A : A R 3 R 1 +R 3 1 k 1 0 k k k + 1 R 3 R 3 kr 0 k k k 1 k 1 0 k k 3k k Se k + 3k 4 0, ovvero se k 4 k 1, il sistema è determinato Se k = 1, il sistema diventa x + y + z = 1 4x + z = che è indeterminato ed ammette 1 soluzioni: (h, 3h 1, 4h) Se k = 4, il sistema è impossibile per il teorema di Rouché-Capelli, poiché il rango della matrice dei coefficienti è minore del rango della matrice completa In particolare r(a) = < r(a ) = 3 Un generico punto P sulla retta r) ha coordinate P (a, a), con a R Posto AH = d(a, r), si ha che OP AH A (OAP ) = Risulta OP = a + a = a, 1 AH = d(a, r) = = La condizione A (OAP ) =, imposta dal quesito, diventa a = a = 4 a = ±4 Pertanto, i punti richiesti hanno coordinate P 1 (4, 4) e P ( 4, 4) 3 (a) La retta t) richiesta è intersezione del piano π 1 passante per A e parallelo ad α) e del piano π contenente A ed r) Il piano π 1 ha equazione 1(x ) + 1(y 1) 1z = 0 ovvero x + y z 3 = 0 Per determinare il piano π, scriviamo l equazione del fascio di piani passanti per r: λ(x + y) + µ(x z + 1) = 0 e imponiamo il passaggio per A, ottenendo 3λ + 3µ = 0 λ = µ,

7 così il piano π ha equazione y + z 1 = 0 Quindi: x + y z 3 = 0 t) : y + z 1 = 0 (b) La proiezione richiesta è l intersezione tra il piano α) e il piano σ contenente r) ed ortogonale ad α) Scriviamo l equazione del fascio di piani contenenti r): λ(x + y) + µ(x z + 1) = 0 Un vettore ortogonale ad un generico piano del suddetto fascio è w = (λ + µ, λ, µ) Un vettore ortogonale al piano α) è v = (1, 1, 1) Imponendo che w e v siano ortogonali, si ha: Così w v = 0 λ + µ + λ + µ = 0 λ + µ = 0 σ : y + z 1 = 0 e quindi la proiezione richiesta è la retta x + y z = 0 y + z 1 = 0 (c) Determiniamo il punto improprio di r), P (r), intersecando la retta r) (scritta in coordinate omogenee) con il piano improprio t = 0: t = 0 x + y = 0, x z + t = 0 da cui segue subito che P (r) (1, 1, 1, 0) e di conseguenza r (1, 1, 1) Determiniamo, adesso, il piano π passante per A e ortogonale ad r): π : 1(x ) 1(y 1) + 1(z 0) = 0 ovvero π : x y + z 1 = 0 Calcoliamo π r risolvendo il sistema x + y = 0 x z + 1 = 0 x y + z 1 = 0 Si vede subito che il suddetto sistema ammette la soluzione H(0, 0, 1) Quindi: d(a, r) = d(a, H) = = 6 (d) Determiniamo r α: x + y = 0 x z + 1 = 0 x + y z = 0 z = 0 x = 1 y = x = 1 quindi r α = Q, dove Q( 1, 1, 0) Inoltre il punto B(0, 0, 1) r) Determiniamo preliminarmente il simmetrico di B

8 rispetto ad α) Allo scopo scriviamo equazioni parametriche della retta a) passante per B e ortogonale ad α): x = t a) : y = t z = t + 1 Un generico punto B a) ha coordinate B (t, t, 1 t) Richiediamo che il punto medio M del segmento BB appartenga ad α) Avendosi ( t M, t, t ) la condizione di appartenenza di M ad α) diventa t + t t = 0 da cui si ricava t = e così 3 ( B 3, 3, 1 ) 3 La simmetrica r ) della retta r) rispetto ad α) è dunque la retta passante per Q e B : x = y = z da cui r y ) : = z x = 5 ( ) y 3 3 (e) La retta m) richiesta è l intersezione del piano σ 1 passante per A e contenente r e del piano σ passante per A e contenente s) Nel punto (a) abbiamo già trovato il piano σ 1 (lì è stato chiamato π ): σ 1 : y + z 1 = 0 Scriviamo, ora, il fascio di piani contenenti s): λ(x + y + ) + µz = 0 Imponendo il passaggio per A si ricava λ = 0, quindi In definitiva m) : σ : z = 0 y + z 1 = 0 z = 0 (f) Nel punto (c) è stato trovato il punto improprio di r): P (r) (1, 1, 1, 0) Scriviamo l equazione del fascio di piani contenenti s) (scritta in coordinate omogenee): λz + µ(x + y + t) = 0 Imponendo che P (r) appartenga al suddetto fascio, si ottiene λ µ = 0 e quindi si può scegliere λ = µ = 1, così il piano richiesto ha equazione: x + y + z + = 0

9 Università degli Studi di Catania Anno Accademico Corso di Laurea in Informatica Prova in itinere di Matematica Discreta (1 CFU) Febbraio 015 A1 Tempo a disposizione: 150 minuti 1 Studiare, al variare del parametro reale h, il seguente sistema lineare: x + y + z = 0 y + z = 1 hx + (1 + h)y + 3hz = 1 Nel piano sono dati i punti O(0, 0) e A(1, 1) Trovare i quadrati aventi A ed O come vertici consecutivi ed area 3 Nello spazio siano dati il punto A(1, 0, 0), il piano α) x + y z = 0 e le rette y z = 0 y z + 1 = 0 r), s) x + y + 1 = 0 x z = 0 (a) Provare che r) ed s) sono sghembe e trovare la retta passante per A e complanare con r) ed s) (b) Trovare la distanza di A da r) (c) Trovare il simmetrico di A rispetto ad α) (d) Trovare la proiezione ortogonale di r) su α)

10 Febbraio 015 Svolgimento della prova scritta 1 Siano A = h 1 + h 3h Riduciamo per righe la matrice A : A R 3 R 3 hr h 1, A = R 3 R 3 R h 1 + h 3h h 1 0 Se h 1 0, ovvero se h 1, il sistema è determinato Se h = 1, il sistema diventa x + y + z = 0 y + z = 0 x + 4y + 3z = 1 che è indeterminato ed ammette 1 soluzioni: (t, 1 t, t), al variare di t R La retta passante per O ed A ha equazione y = x Per individuare un quadrato di quelli verificanti la condizione assegnata, occorre determinare i rimanenti due vertici Tali vertici appartengono alle rette passanti per O ed A, rispettivamente, e perpendicolari alla retta passante per O ed A Consideriamo, ad esempio, la retta passante per O e perpendicolare alla retta y = x: essa ha equazione y = x Osserviamo che, trovate le coordinate del terzo vertice, quelle del quarto sono univocamente determinate Quindi è sufficiente trovare le coordinate del terzo vertice Un generico punto P sulla retta y = x ha coordinate P (a, a), con a R I segmenti OA e OP sono dunque due lati consecutivi del quadrato Q in oggetto Occorre, dunque, richiedere che tale quadrato abbia area L area di Q è data da A (Q) = OA OP = a + a = a La condizione A (Q) =, imposta dal quesito, diventa a = a = 1 a = ±1 Pertanto, i punti richiesti hanno coordinate P 1 (1, 1) e P ( 1, 1) Da quanto trovato segue che esistono due quadrati che risolvono il quesito Il primo quadrato, Q 1, ha tre vertici coincidenti con i punti O, A, P 1 Il quarto vertice B 1 lo si può determinare, ad esempio, effettuando l intersezione tra la retta passante per A e parallela a y = x (che ha equazione y = x + ) e la retta passante per P 1 e parallela a y = x (che ha equazione y = x ): si trova che B 1 (, 0) Il secondo quadrato, Q, ha tre vertici coincidenti con i punti O, A, P Il quarto vertice B lo si può determinare, ad esempio, effettuando l intersezione tra la retta passante per A e parallela a y = x (che ha equazione y = x + ) e la retta passante per P e parallela a y = x (che ha equazione y = x + ): si trova che B (0, )

11 3 (a) Si consideri il sistema x z = 0 y z + 1 = 0 y z = 0 x + y + 1 = 0 Con facili conti si trova che il sistema precedente è equivalente al sistema x = z z = 1 y = z z = 1 3 che è chiaramente impossibile Quindi le rette r) ed s) sono sghembe Si trovi, ora, l equazione del piano π 1 passante per A e contenente r) e l equazione del piano π passante per A e contenente s) L equazione del fascio di piani contenenti r) è data, al variare di λ, µ R, da λ(y z + 1) + µ(x z) = 0 Imponendo il passaggio per A si ottiene λ + µ = 0, quindi si può scegliere λ = 1 e µ = 1 ottenendo π 1 ) x y + z 1 = 0 L equazione del fascio di piani contenenti s) è data, al variare di λ, µ R, da λ(y z) + µ(x + y + 1) = 0

12 Imponendo il passaggio per A si ottiene µ = 0, quindi µ = 0 e λ è qualsiasi e si ha π ) y z = 0 La retta richiesta è l intersezione dei piani π 1 ) e π ): x y + z 1 = 0 y z = 0 (b) Le equazioni parametriche della retta r) sono: x = 1 + t r) y = t z = t quindi il vettore v = (, 1, 1) è parallelo ad r) e di conseguenza il punto improprio di r) è P (r)(, 1, 1, 0) L equazione del piano π) passante per A e perpendicolare ad r) è π) (x 1) y z = 0 Determiniamo l intersezione tra π) ed r), risolvendo il sistema (x 1) y z = 0 y z = 0 x + y + 1 = 0 Con facili conti si trova che la soluzione del precedente sistema è la terna H ( 1,, 3 3 3) La distanza d(a, r) richiesta è dunque la distanza tra i punti A ed H: (1 ) d(a, H) = = 3 3 (c) Un vettore ortogonale al piano α) è w = (1, 1, 1) Scriviamo equazioni parametriche della retta passante per A e avente come vettore di direzione w: x = 1 + t y = t z = t Un generico punto K appartenente alla suddetta retta ha coordinate K(1 + t, t, t) Calcoliamo, ora, le coordinate del punto medio M del segmento KA: ( + t M, t, t ) Imponiamo che M α) ottenendo + t + t + t = 0, da cui t = 3 Si conclude che il simmetrico A di A rispetto ad α) ha coordinate ( A 1 3, 3, ) ( 1 3 3, 3, ) 3

13 (d) Scriviamo l equazione del fascio di piani contenenti la retta r): λ(x + y + 1) + µ(y z) = 0 Un vettore u ortogonale ad un generico piano del suddetto fascio ha componenti u = (λ, λ + µ, µ) Occorre richiedere che u sia ortogonale a w = (1, 1, 1) Tale condizione, equivale ad imporre che il prodotto scalare tra tali vettori sia nullo, ovvero che: u w = 0 λ + λ + µ + µ = 0 3λ + µ = 0, quindi si può scegliere λ = e µ = 3 Il piano del fascio corrispondente a tali valori dei parametri λ e µ è x + y + 3z + = 0 La proiezione ortogonale richiesta è dunque la retta x + y + 3z + = 0 x + y z = 0

14 Università degli Studi di Catania Anno Accademico Corso di Laurea in Informatica Prova in itinere di Matematica Discreta (1 CFU) Febbraio 015 A Tempo a disposizione: 150 minuti 1 È dato l endomorfismo f : R 3 R 3 definito dalle relazioni f(1, 0, 0) = (h, 0, h), f(0, 1, 1) = (0, h + 1, 1), f(0, 0, 1) = (1, 0, h) (a) Studiare f al variare di h determinando in ciascun caso Imf e Kerf (b) Trovare la matrice associata ad f rispetto alle basi canoniche (c) Calcolare f 1 (1,, 4) (d) Studiare la semplicità di f nel caso h = 1 È data l applicazione lineare f : R 4 R 3 associata rispetto alle basi canoniche alla matrice M = h h 1 + 3h (a) Studiare f al variare di h determinando in ciascun caso Imf e Kerf (b) Trovare la matrice associata ad f rispetto alle basi A = (1, 0, 0, 0), (0, 0, 0, 1), (0, 0, 1, 1), (0, 1, 0, 0)} e B = (1, 1, 0), (0, 1, 1), (0, 0, 1)}

15 Febbraio 015 Svolgimento della prova scritta 1 (a) Tenendo conto delle assegnazioni della consegna, si ha: inoltre f(e 1 ) = (h, 0, h), f(0, 1, 1) = f ((0, 1, 0) + (0, 0, 1)) = f(e + e 3 ) = f(e ) + f(e 3 ) = (0, h + 1, 1), quindi f(e ) + f(e 3 ) = (0, h + 1, 1) (1) e poi f(e 3 ) = (1, 0, h) () Sostituendo la () nella (1), si trova f(e ) = (0, h + 1, 1) (1, 0, h) = ( 1, h + 1, 1 h), quindi f(e ) = ( 1, h + 1, 1 h) In questo modo abbiamo le immagini tramite f dei vettori della base canonica di R 3, E 3 = e 1, e, e 3 } È dunque possibile scrivere la matrice associata all endomorfismo rispetto alla base canonica E 3 Essa è M E 3,E 3 h (f) = h h h 1 h h ( Si trova subito che det M E 3,E 3 h ) (f) = h(h + 1)(h 1) Per h 0 e h ±1, f è un isomorfismo, cioè è iniettiva e suriettiva Ker f = (0, 0, 0)} e Im f = R 3 Sia h = 0 In tal caso ( quindi dim Im f = ρ M E 3,E 3 h (f) = M E 3,E 3 h Inoltre dim Ker f = dim R 3 dim Im f = 1 e, ) (f) = e una base di Im f è ( 1, 1, 1), (1, 0, 0)} Dunque Ker f =(x, y, z) R 3 : y+z = 0, y = 0}=(x, y, z) R 3 : y = 0, z = 0}= (1, 0, 0) Sia h = 1 In tal caso ( quindi dim Im f = ρ M E 3,E 3 h (f) = M E 3,E 3 h Inoltre dim Ker f = dim R 3 dim Im f = 1 e, ) (f) = e una base di Im f è (1, 0, 1), ( 1,, 0)} Ker f = (x, y, z) R 3 : x y + z = 0, y = 0, x + z = 0}= = (x, y, z) R 3 : x = z, y = 0}= (1, 0, 1)

16 Sia h = 1 In tal caso ( quindi dim Im f = ρ M E 3,E 3 h (f) = M E 3,E 3 h Inoltre dim Ker f = dim R 3 dim Im f = 1 e, ) (f) = e una base di Im f è ( 1, 0, 1), ( 1, 0, )} Ker f = (x, y, z) R 3 : x y + z = 0, x + y z = 0}= = (x, y, z) R 3 : x = z 3, y = z } = (1,, 3) 3 (b) La matrice richiesta è la matrice M E 3,E 3 h (f) trovata nel punto (a) (c) Occorre discutere il sistema hx y + z = 1 (h + 1)y = hx + (1 h)y + hz = 4 Detta A la matrice completa del suddetto sistema, si ha A = h h h 1 h h 4 Riduciamo per righe la matrice A A R 3 R 3 R 1 R 3 R h h h h 1 3 h h h R 3 R 3 +R R 3 R 3 h+1 3 R Se h 0 e h ±1 il sistema è determinato e si ha f 1 (1,, 4) = h h h 1 5 h h (h 1)(h+1) 5(h+1) 3 3 ( ) h 3h h(h + 1)(h 1), h + 1, 5h 1 (h + 1)(h 1) Se h = ±1 il sistema è impossibile poiché la terza equazione è sempre falsa (infatti per h = 1 si trova 0 = 4 e per h = 1 si trova 0 = ) 3 Se h = 0 il sistema è impossibile avendosi y + z = = 1 3y z = 5 y = 1 z = 5 = 1 z = (d) Si consideri la matrice M E 3,E 3 1 (f): M E 3,E 3 1 (f) =

17 Calcoliamo, ora, il polinomio caratteristico p(t) della matrice M E 3,E 3 1 (f), ovvero calcoliamo ( ) p(t) = det M E 3,E 3 1 (f) ti = det 1 t t t = t(t ) L autovalore t = 0 ha molteplicità algebrica pari a 1, mentre l autovalore t = ha molteplicità algebrica pari a Determiniamo adesso gli autospazi V 0 e V, associati rispettivamente all autovalore t = 0 e all autovalore t = Chiaramente l autospazio V 0 è il nucleo dell endomorfismo f L autospazio V è invece il nucleo dell endomorfismo associato alla matrice M E 3,E 3 1 (f) I e lo si determina risolvendo il sistema x + y z = 0 x z = 0 Tale sistema ammette 1 soluzioni: (s, 0, s), s R e di conseguenza V = (1, 0, 1) Si ha dunque che la molteplicità geometrica dell autovalore t =, ovvero la dimensione dell autospazio V, è pari ad 1 e quindi essa non è uguale alla molteplicità algebrica dell autovalore t = Si conclude che per h = 1 l endomorfismo f non è semplice (a) Riduciamo per righe la matrice M: M R 3 R 3 hr h R 3 R 3 R h Se h 0, la matrice M ha rango 3 e quindi dim Im f = 3 e pertanto Im f = R 3 Sempre nel caso in cui h 0, il nucleo di f si ottiene risolvendo il sistema x + z + t = 0 y + z + t = 0 t = 0 che ammette 1 soluzioni: ( w, w, w, 0), w R Ne viene che Ker f = (, 1, 1, 0) e dim Ker f = 1 Sia, ora, h = 0 In tal caso Im f = (1, 0, 0), (0, 1, 1) e quindi Im f = (x, y, z) R 3 : y z = 0} Sempre nel caso in cui h = 0, il nucleo di f si ottiene risolvendo il sistema x + z + t = 0 y + z + t = 0

18 che ammette soluzioni: ( v u, v u, v, u), u, v R Di conseguenza, dim Ker f = e poiché ( v u, v u, v, u) = v(, 1, 1, 0) + u( 1, 1, 0, 1), una base del nucleo è l insieme (, 1, 1, 0), ( 1, 1, 0, 1)} e quindi Ker f = (, 1, 1, 0), ( 1, 1, 0, 1) (b) Si richiede la matrice M A,B h (f) È noto che essa si può esprimere nel modo seguente: M A,B h (f) = P E3,B M E 4,E 3 h (f)p A,E 4, dove M E 4,E 3 h (f) = M Si ha P A,E 4 = Determiniamo P E3,B Allo scopo, si riduca per righe la matrice K = Si ha: K R R +R R 3 R 3 R pertanto In definitiva: M A,B h (f) = P E 3,B = Svolgendo i facili conti, si trova M A,B h (f) = h h 1 + 3h h 1 3h 1 5h 3 0,

19 Università degli Studi di Catania Anno Accademico Corso di Laurea in Informatica Prova di Matematica Discreta (1 CFU) Febbraio 015 Prova completa Tempo a disposizione: 150 minuti 1 È dato l endomorfismo f : R 3 R 3 definito dalle relazioni f(1, 0, 0) = (h, 0, h), f(0, 1, 1) = (0, h + 1, 1), f(0, 0, 1) = (1, 0, h) (a) Studiare f al variare di h determinando in ciascun caso Imf e Kerf (b) Trovare la matrice associata ad f rispetto alle basi canoniche (c) Calcolare f 1 (1,, 4) (d) Studiare la semplicità di f nel caso h = 1 Nello spazio sono dati il piano α) x y z = 0, il punto A(1, 0, 1) e la retta r) x = y z = 0 Trovare: (a) la retta passante per A e parallela ad α) ed ortogonale ad r); (b) il simmetrico di A rispetto ad α); (c) la distanza di A da r) 3 Risolvere il seguente sistema di congruenze: x 5 mod 3 3x mod 5 4 Quanti sono i numeri naturali di 8 cifre aventi le prime tre pari ed in ordine crescente e le ultime tre in ordine decrescente? 5 Trovare la cardinalità dell insieme delle soluzioni intere del seguente sistema: x + y + z = 30 0 < x 4 y 1 z >

20 Febbraio 015 Svolgimento della prova scritta 1 (a) Tenendo conto delle assegnazioni della consegna, si ha: inoltre f(e 1 ) = (h, 0, h), f(0, 1, 1) = f ((0, 1, 0) + (0, 0, 1)) = f(e + e 3 ) = f(e ) + f(e 3 ) = (0, h + 1, 1), quindi f(e ) + f(e 3 ) = (0, h + 1, 1) (1) e poi f(e 3 ) = (1, 0, h) () Sostituendo la (3) nella (), si trova f(e ) = (0, h + 1, 1) (1, 0, h) = ( 1, h + 1, 1 h), quindi f(e ) = ( 1, h + 1, 1 h) In questo modo abbiamo le immagini tramite f dei vettori della base canonica di R 3, E 3 = e 1, e, e 3 } È dunque possibile scrivere la matrice associata all endomorfismo rispetto alla base canonica E 3 Essa è M E 3,E 3 h (f) = h h h 1 h h ( ) Si trova subito che det M E 3,E 3 h (f) = h(h + 1)(h 1) Per h 0 e h ±1, f è un isomorfismo, cioè è iniettiva e suriettiva Dunque Ker f = (0, 0, 0)} e Im f = R 3 Sia h = 0 In tal caso ( quindi dim Im f = ρ M E 3,E 3 h (f) = M E 3,E 3 h Inoltre dim Ker f = dim R 3 dim Im f = 1 e, ) (f) = e una base di Im f è ( 1, 1, 1), (1, 0, 0)} Ker f =(x, y, z) R 3 : y+z = 0, y = 0}=(x, y, z) R 3 : y = 0, z = 0}= (1, 0, 0) Sia h = 1 In tal caso ( quindi dim Im f = ρ M E 3,E 3 h (f) = M E 3,E 3 h Inoltre dim Ker f = dim R 3 dim Im f = 1 e, ) (f) = e una base di Im f è (1, 0, 1), ( 1,, 0)} Ker f = (x, y, z) R 3 : x y + z = 0, y = 0, x + z = 0}= = (x, y, z) R 3 : x = z, y = 0}= (1, 0, 1)

21 Sia h = 1 In tal caso ( quindi dim Im f = ρ M E 3,E 3 h (f) = M E 3,E 3 h Inoltre dim Ker f = dim R 3 dim Im f = 1 e, ) (f) = e una base di Im f è ( 1, 0, 1), ( 1, 0, )} Ker f = (x, y, z) R 3 : x y + z = 0, x + y z = 0}= = (x, y, z) R 3 : x = z 3, y = z } = (1,, 3) 3 (b) La matrice richiesta è la matrice M E 3,E 3 h (f) trovata nel punto (a) (c) Occorre discutere il sistema hx y + z = 1 (h + 1)y = hx + (1 h)y + hz = 4 Detta A la matrice completa del suddetto sistema, si ha A = h h h 1 h h 4 Riduciamo per righe la matrice A A R 3 R 3 R 1 R 3 R h h h h 1 3 h h h R 3 R 3 +R R 3 R 3 h+1 3 R Se h 0 e h ±1 il sistema è determinato e si ha f 1 (1,, 4) = h h h 1 5 h h (h 1)(h+1) 5(h+1) 3 3 ( ) h 3h h(h + 1)(h 1), h + 1, 5h 1 (h + 1)(h 1) Se h = ±1 il sistema è impossibile poiché la terza equazione è sempre falsa (infatti per h = 1 si trova 0 = 4 e per h = 1 si trova 0 = ) 3 Se h = 0 il sistema è impossibile avendosi y + z = = 1 3y z = 5 y = 1 z = 5 = 1 z = (d) Si consideri la matrice M E 3,E 3 1 (f): M E 3,E 3 1 (f) =

22 Calcoliamo, ora, il polinomio caratteristico p(t) della matrice M E 3,E 3 1 (f), ovvero calcoliamo ( ) p(t) = det M E 3,E 3 1 (f) ti = det 1 t t t = t(t ) L autovalore t = 0 ha molteplicità algebrica pari a 1, mentre l autovalore t = ha molteplicità algebrica pari a Determiniamo adesso gli autospazi V 0 e V, associati rispettivamente all autovalore t = 0 e all autovalore t = Chiaramente l autospazio V 0 è il nucleo dell endomorfismo f L autospazio V è invece il nucleo dell endomorfismo associato alla matrice M E 3,E 3 1 (f) I e lo si determina risolvendo il sistema x + y z = 0 x z = 0 Tale sistema ammette 1 soluzioni: (s, 0, s), s R e di conseguenza V = (1, 0, 1) Si ha dunque che la molteplicità geometrica dell autovalore t =, ovvero la dimensione dell autospazio V, è pari ad 1 e quindi essa non è uguale alla molteplicità algebrica dell autovalore t = Si conclude che per h = 1 l endomorfismo f non è semplice (a) Il piano π 1 ) passante per A e parallelo ad α) ha equazione 1(x 1) + ( 1)(y) + ( )(z + 1) = 0, ovver π 1 ) x y z 3 = 0 Si vede subito che un vettore di direzione della retta r) è (0, 1, ) Il piano π passante per A e perpendicolare ad r) è dunque 0(x 1) + 1(y) + (z + 1) = 0 ovvero π ) y + z + = 0 La retta cercata è l intersezione dei piani π 1 ) e π ): x y z 3 = 0 y + z + = 0 (b) Un vettore ortogonale al piano α) è w = (1, 1, ) Scriviamo equazioni parametriche della retta passante per A e avente come vettore di direzione w: x = 1 + t y = t z = 1 t Un generico punto K appartenente alla suddetta retta ha coordinate K(1 + t, t, 1 t) Calcoliamo, ora, le coordinate del punto medio M del segmento KA: ( + t M, t ) + t,

23 Imponiamo che M α) ottenendo + t + t t = 0, da cui t = 1 Si conclude che il simmetrico A di A rispetto ad α) ha coordinate A (1 1, ( 1), 1 ( 1)) (0, 1, 1) (c) L equazione del piano π) passante per A e perpendicolare ad r) è π) y + z + = 0 Determiniamo l intersezione tra π) ed r), risolvendo il sistema y + z + = 0 x = 0 y z = 0 Con facili conti si trova che la soluzione del precedente sistema è la terna H ( 0,, 4 5 5) La distanza d(a, r) richiesta è dunque la distanza tra i punti A ed H: d(a, H) = = 5 3 Occupiamoci della congruenza x 5 mod 3 Scriviamo l identità di Bézout relativa a (, 3): da cui si ottengono le relazioni 1 = (, 3) = 3 1 1, 5 = 3 5 5, 5 = ed infine ( 5) = ( 5) Si riconosce così che una soluzione particolare della prima congruenza è x = 5, così la totalità delle soluzioni di tale congruenza è x 5 mod 3, ovvero Occupiamoci, ora, della congruenza x 1 mod 3 3x mod 5 Scriviamo l identità di Bézout relativa a (3, 5): da cui si ottengono le relazioni 1 = (3, 5) = 3 5 1, 3 = 1 + 5, 3 4 = + 5

24 Si riconosce così che una soluzione particolare della seconda congruenza è x = 4, così la totalità delle soluzioni di tale congruenza è x 4 mod 5 Si consideri adesso il sistema x 1 mod 3 x 4 mod 5 (1) Detta x una soluzione di tale sistema, si ha x = 1 + 3h x = 4 + 5k Confrontando le due equazioni si ottiene 1 + 3h = 4 + 5k da cui Dall identità di Bézout relativa a (3, 5) si ricava 3 = 3h 5k () 3 = (3) Confrontando () e (3), si ricava h = 6 e k = 3, così una soluzione particolare del sistema (1) è x = 19 In definitiva, la totalità delle soluzioni del sistema proposto è x = 19 mod [3, 5], ovvero x 4 mod 15 4 Le cifre sono 10 I numeri naturali richiesti devono avere 8 cifre I numeri pari sono 4; ogni volta che di questi ne scegliamo 3, soltanto una sola loro disposizione è quella che ci interessa poiché si richiede che essi siano disposti in ordine crescente Di conseguenza, si può prescindere dal numero di disposizioni giacché ad ogni disposizione corrisponde una sola combinazione utile In altri termini, possiamo collocare tre cifre pari in ordine crescente in C 4,3 modi In modo analogo, dovendo disporre tre cifre in ordine decrescente (non è stato precisato nulla circa la loro parità), avremo C 10,3 combinazioni possibili Non si fa alcuna richiesta particolare sulle due cifre restanti, che dunque possono essere disposte sia in ordine crescente che decrescente; ne viene che in tal caso il numero di disposizioni utili corrisponde al numero di disposizioni con ripetizione di 10 elementi presi a due a due, ovvero è pari a 10 Riassumendo, i numeri naturali che soddisfano la condizione posta sono C 4,3 10 C 10,3 = ( 4 3 ) 10 ( 10 3 ) = Il sistema proposto è equivalente al seguente: x + y + z = 30 1 x 4 y 1 z 3

25 Posto X = x 1, Y = y 1, Z = z 3, il suddetto sistema è a sua volta equivalente al seguente: X + Y + Z = 5 0 X 3 Y 0 Z 0 Denotata con la cardinalità richiesta, si ha: = 1, dove con 1 si è denotata la cardinalità dell insieme delle soluzioni intere del sistema X + Y + Z = 15 X 0 (s 1 ) Y 0 Z 0 e con si è denotata la cardinalità dell insieme delle soluzioni intere del sistema X + Y + Z = 5 X 4 (s ) Y 0 Z 0 Posto X = X 4, il sistema (s ) è equivalente al seguente X + Y + Z = 1 X 0 Y 0 Z 0 Alla luce di ciò, si ha subito = C (r) 3,5 C (r) 3,1

26 Università degli Studi di Catania Anno Accademico Corso di Laurea in Informatica Prova in itinere di Matematica Discreta (1 CFU) 4 Febbraio 015 A1 Tempo a disposizione: 150 minuti 1 Studiare, al variare del parametro reale h, il seguente sistema lineare: hx y + z = h hy z = 1 x hy + z = 1 Nel piano sono date le rette r) x y = 0 ed s) x y = 0 Trovare i punti P di s) tali che, detta H la proiezione ortogonale di P su r), l area del triangolo OP H valga 3 3 Nello spazio siano dati il punto A(1, 0, 1), il piano α) x + y z = 0 e le rette x y = 0 x = 0 r), s) z + 1 = 0 y z = 0 (a) Provare che r) ed s) sono sghembe e trovare la retta che le incontra ortogonalmente (b) Trovare la distanza di A da r) (c) Trovare il simmetrico di A rispetto ad α) (d) Trovare la retta passante per A, parallela ad α) ed incidente r)

27 4 Febbraio 015 Svolgimento della prova scritta 1 Siano A = h h 1 1 h 1, A = Riduciamo per righe la matrice A : A R 1 R 3 1 h h 1 1 R 3 R 3 hr 1 h 1 1 h R 3 R 3 +(1 h)r h 1 1 h 0 h h h h h h Se h 1 0, ovvero se h 1, il sistema è determinato Se h = 1, il sistema diventa x y + z = 1 1 h h h 1 h 0 y z = 1 che è indeterminato ed ammette 1 soluzioni: (, 1 + t, t), al variare di t R Un generico punto P su s) ha coordinate P (a, a), a R Scriviamo l equazione della retta n passante per P e perpendicolare ad r): n) y a = (x a), ovvero n) x + y = 3a Determiniamo le coordinate del punto H di intersezione tra r) ed n): x + y = 3a x y = 0 da cui H( 3a, 3 a) Abbiamo: a P H = 4 + a 4 = a, 9 OH = 4 a a = 3 a L area del triangolo OP H è data da: A (OP H) = OH P H Imponendo che A (OP H) = 3 e sostituendo i valori di OH e di P H si ottiene: a 3 a = 6

28 da cui si ricava a = 4 e quindi a = ± Pertanto esistono due punti P che soddisfano la condizione posta ed hanno coordinate P 1 (, 4), P (, 4) 3 (a) Un vettore di direzione di r) è v = (1, 1, 0) e un vettore di direzione di s) è w = (0, 1, 1) Un generico punto P appartenente ad r) ha coordinate P (a, a, 1) e un generico punto Q appartenente ad s) ha coordinate Q(0, b, b) Un vettore di direzione della retta passante per P e Q è u = ( a, b a, b + 1) Si impongono le condizioni di ortogonalità v u = 0, w u = 0 che danno luogo al sistema a + b a = 0 a = 1 3 b a + b + 1 = 0 b = 3 Pertanto P ( 13 ) (, 13, 1, Q 0, ) 3, 3 La retta passante per P e Q che incontra ortogonalmente le rette r) ed s) ha dunque equazione: x = y da cui 3x + 3y + = 0 3y + 3z + 4 = 0 = z , 3 (b) Le equazioni parametriche della retta r) sono: x = t r) y = t z = 1 quindi il vettore v = (1, 1, 0) è parallelo ad r) e di conseguenza il punto improprio di r) è P (r)(1, 1, 0, 0) L equazione del piano γ) passante per A e perpendicolare ad r) è γ) 1(x 1) + 1 y = 0, ossia γ) x + y 1 = 0 Determiniamo l intersezione tra γ) ed r), risolvendo il sistema x + y 1 = 0 x y = 0 z + 1 = 0 Con facili conti si trova che la soluzione del precedente sistema è la terna H ( 1, 1, 1) La distanza d(a, r) richiesta è dunque la distanza tra i punti A ed H: 1 d(a, H) = = (c) Poiché A α), si conclude che il simmetrico A di A rispetto ad α) coincide con A: A A

29 (d) Scriviamo l equazione del fascio di piani contenenti la retta r): λ(x y) + µ(z + 1) = 0 Imponendo il passaggio per A si ottiene l equazione omogenea λ + µ = 0 Scegliendo λ = e µ = 1, si trova che l equazione del piano π) contenente r) e passante per A è π) x y z 1 = 0 Poiché A α), il piano passante per A e parallelo ad α) è α) stesso Ne viene che la retta richiesta è l intersezione di π) con α), ovvero: x y z 1 = 0 x + y z = 0

30 Università degli Studi di Catania Anno Accademico Corso di Laurea in Informatica Prova in itinere di Matematica Discreta (1 CFU) 4 Febbraio 015 A Tempo a disposizione: 150 minuti 1 È dato l endomorfismo f : R 3 R 3 associato rispetto alle basi canoniche alla matrice A = h h 1 1 h 0 (a) Studiare f al variare di h determinando in ciascun caso Imf e Kerf (b) Studiare la semplicità di f nel caso h = 1 (c) Calcolare f 1 (h, h, 0) È data l applicazione lineare f : R 3 R 4 definito dalle relazioni f(1, 0, 0) = (h, 0, h, 1), f(0, 1, 1) = (0, h + 1, 0, 0), f(0, 0, 1) = (1, 0, h, 0) (a) Studiare f al variare di h determinando in ciascun caso Imf e Kerf (b) Trovare la matrice associata ad f rispetto alle basi canoniche (c) Trovare la matrice associata ad f rispetto alle basi A = (1, 0, 0), (0, 1, 1), (0, 0, 1)} e B = (1, 1, 0, 0), (0, 1, 0, 0), (0, 0, 1, 0), (1, 0, 1, 1)}

31 4 Febbraio 015 Svolgimento della prova scritta 1 (a) Riduciamo la matrice A: A R 1 R 3 1 h 1 1 h 0 h 1 1 R 3 R 3 R 1 1 h 1 1 h R 3 R 3 R 1 h 1 1 h h 0 Allora, se h 1, si ha ρ(a) = dim Im f = 3, quindi Imf = R 3 e quindi dim ker f = 0 e ker f = (0, 0, 0)} Sia ora h = 1 In tal caso il nucleo di f si trova risolvendo il sistema x y z = 0 x y = 0 ed evidentemente ker f ha dimensione 1 e risulta ker f = (1, 1, 0) Inoltre dim Im f = Im f = (1, 1, ), ( 1, 0, 1) e le equazioni cartesiane dell immagine si trovano imponendo che det = 0 x y z da cui si ha x + y z = 0 (b) Sia h = 1 In tal caso A = Calcoliamo, ora, il polinomio caratteristico p(t) della matrice A, ovvero t 1 p(t) = det(a ti) = det 1 1 t 1 = t (t 1) 1 1 t L autovalore t = 0 ha molteplicità algebrica pari a, mentre l autovalore t = 1 ha molteplicità algebrica pari a 1 Determiniamo adesso l autospazio V 0 associato all autovalore t = 0: chiaramente esso è il nucleo dell endomorfismo f nel caso h = 1 e si è già visto che in tal caso dim ker f = 1, pertanto la molteplicità geometrica dell autovalore t = 0 è pari a 1 Ne viene che le molteplicità algebrica e geometrica dell autovalore t = 0 non sono uguali Ciò basta per concludere che l endomorfismo non è semplice per h = 1 (Non è dunque necessario determinare l autospazio V 1 associato all autovalore t = 1) (c) Occorre discutere il sistema x + hy z = h x + hy = 0 x + (h 1)y z = h Detta M la matrice completa del suddetto sistema, si ha

32 M = Riduciamo per righe la matrice M 1 h 1 h 1 h 0 0 h 1 1 h M R 3 R 3 R 1 1 h 1 h 1 h h + h Se h 1 il sistema è determinato e si ha R 3 R 3 R f 1 (h, h, 0) = ( h, h, h ) 1 h 1 h 1 h h 0 h + h Se h = 1 il sistema è indeterminato ed è equivalente al seguente x y = 0 z = 1 quindi f 1 (h, h, 0) = (t, t, 1), t R} (a) Determiniamo le immagini dei vettori della base canonica E 3 mediante f Dalle relazioni che definiscono f e dalla sua linearità, si deduce subito che: f(e 1 ) = (h, 0, h, 1), f(e ) = (0, h + 1, 0, 0) (1, 0, h, 0) = ( 1, h + 1, h, 0), f(e 3 ) = (1, 0, h, 0) Ne viene che la matrice associata ad f rispetto alle basi canoniche è h 1 1 M E 3,E 4 = 0 h h h h Riduciamo per righe la matrice M E 3,E 4 : M E 3,E 4 R 3 R 3 hr 1 R 3 R h h h h 0 0 h h h h R 3 R 4 R 4 R 4 (h h )R h h h h 0 0 h h Allora, se h 1, ovviamente ker f = (0, 0, 0)} e dim Imf = 3 Le equazioni cartesiane dell immagine sono date da

33 det h 0 h 1 1 h + 1 h h 0 x y z t = 0 Nella suddetta matrice si operi la sostituzione R 4 R 4 tr 1 ; occorre dunque calcolare h 0 h 1 det 1 h + 1 h h 0 x ht y z ht 0 Per farlo effettuiamo lo sviluppo di Laplace rispetto all ultima colonna Quindi: det h 0 h 1 1 h + 1 h h 0 x y z t = 0 det Svolgendo i facili conti, si trova che l immagine ha equazione hx z + (h h )t = 0 Sia, ora, h = 1 In tal caso il nucleo di f è dato da x y + z = 0 x = 0 1 h + 1 h 1 0 h x ht y z ht e dunque dim ker f = 1 e ker f = (0, 1, 1) Inoltre in tal caso ρ(m E 3,E 4 ) = = dim Im f = e risulta che Im f = ( 1, 0, 1, 1), (1, 0, 1, 0) = 0 (b) La matrice richiesta è la matrice M E 3,E 4 trovata nel punto (a) (c) Si richiede la matrice M A,B h (f) È noto che essa si può esprimere nel modo seguente: M A,B h (f) = P E 4,B M A,E 3 h (f)p A,A Ovviamente P A,A = I 3 Dalle assegnazioni fatte nella consegna si ha subito che M A,E 4 h = h h h 0 h Determiniamo P E 4,B Allo scopo, si riduca per righe la matrice K =

34 Si ha: K R 1 R 1 R 4 pertanto In definitiva: M A,B h (f) = R R R 1 P E 4,B = R 3 R 3 +R Svolgendo i facili conti, si trova M A,B h (f) = h h h 0 h h h h h h

35 Università degli Studi di Catania Anno Accademico Corso di Laurea in Informatica Prova di Matematica Discreta (1 CFU) 4 Febbraio 015 Prova completa Tempo a disposizione: 150 minuti 1 È dato l endomorfismo f : R 3 R 3 definito dalle relazioni f(1, 0, 0) = (h, 0, h), f(0, 1, 1) = (0, h + 1, 1), f(0, 0, 1) = (1, 0, h) (a) Studiare f al variare di h determinando in ciascun caso Imf e Kerf (b) Trovare la matrice associata ad f rispetto alle basi canoniche (c) Calcolare f 1 (1,, 4) (d) Studiare la semplicità di f nel caso h = 1 Nello spazio sono dati il piano α) x y z = 0, il punto A(1, 0, 1) e la retta r) x = y z = 0 Trovare: (a) la retta passante per A e parallela ad α) ed ortogonale ad r); (b) il simmetrico di A rispetto ad α); (c) la distanza di A da r) 3 Risolvere il seguente sistema di congruenze: x 5 mod 3 3x mod 5 4 Quanti sono i numeri naturali di 8 cifre aventi le prime tre pari ed in ordine crescente e le ultime tre in ordine decrescente? 5 Trovare la cardinalità dell insieme delle soluzioni intere del seguente sistema: x + y + z = 30 0 < x 4 y 1 z >

36 4 Febbraio 015 Svolgimento della prova scritta 1 (a) Tenendo conto delle assegnazioni della consegna, si ha: inoltre f(e 1 ) = (h, 0, h), f(0, 1, 1) = f ((0, 1, 0) + (0, 0, 1)) = f(e + e 3 ) = f(e ) + f(e 3 ) = (0, h + 1, 1), quindi f(e ) + f(e 3 ) = (0, h + 1, 1) (1) e poi f(e 3 ) = (1, 0, h) () Sostituendo la (3) nella (), si trova f(e ) = (0, h + 1, 1) (1, 0, h) = ( 1, h + 1, 1 h), quindi f(e ) = ( 1, h + 1, 1 h) In questo modo abbiamo le immagini tramite f dei vettori della base canonica di R 3, E 3 = e 1, e, e 3 } È dunque possibile scrivere la matrice associata all endomorfismo rispetto alla base canonica E 3 Essa è M E 3,E 3 h (f) = h h h 1 h h ( ) Si trova subito che det M E 3,E 3 h (f) = h(h + 1)(h 1) Per h 0 e h ±1, f è un isomorfismo, cioè è iniettiva e suriettiva Dunque Ker f = (0, 0, 0)} e Im f = R 3 Sia h = 0 In tal caso ( quindi dim Im f = ρ M E 3,E 3 h (f) = M E 3,E 3 h Inoltre dim Ker f = dim R 3 dim Im f = 1 e, ) (f) = e una base di Im f è ( 1, 1, 1), (1, 0, 0)} Ker f =(x, y, z) R 3 : y+z = 0, y = 0}=(x, y, z) R 3 : y = 0, z = 0}= (1, 0, 0) Sia h = 1 In tal caso ( quindi dim Im f = ρ M E 3,E 3 h (f) = M E 3,E 3 h Inoltre dim Ker f = dim R 3 dim Im f = 1 e, ) (f) = e una base di Im f è (1, 0, 1), ( 1,, 0)} Ker f = (x, y, z) R 3 : x y + z = 0, y = 0, x + z = 0}= = (x, y, z) R 3 : x = z, y = 0}= (1, 0, 1)

37 Sia h = 1 In tal caso ( quindi dim Im f = ρ M E 3,E 3 h (f) = M E 3,E 3 h Inoltre dim Ker f = dim R 3 dim Im f = 1 e, ) (f) = e una base di Im f è ( 1, 0, 1), ( 1, 0, )} Ker f = (x, y, z) R 3 : x y + z = 0, x + y z = 0}= = (x, y, z) R 3 : x = z 3, y = z } = (1,, 3) 3 (b) La matrice richiesta è la matrice M E 3,E 3 h (f) trovata nel punto (a) (c) Occorre discutere il sistema hx y + z = 1 (h + 1)y = hx + (1 h)y + hz = 4 Detta A la matrice completa del suddetto sistema, si ha A = h h h 1 h h 4 Riduciamo per righe la matrice A A R 3 R 3 R 1 R 3 R h h h h 1 3 h h h R 3 R 3 +R R 3 R 3 h+1 3 R Se h 0 e h ±1 il sistema è determinato e si ha f 1 (1,, 4) = h h h 1 5 h h (h 1)(h+1) 5(h+1) 3 3 ( ) h 3h h(h + 1)(h 1), h + 1, 5h 1 (h + 1)(h 1) Se h = ±1 il sistema è impossibile poiché la terza equazione è sempre falsa (infatti per h = 1 si trova 0 = 4 e per h = 1 si trova 0 = ) 3 Se h = 0 il sistema è impossibile avendosi y + z = = 1 3y z = 5 y = 1 z = 5 = 1 z = (d) Si consideri la matrice M E 3,E 3 1 (f): M E 3,E 3 1 (f) =

38 Calcoliamo, ora, il polinomio caratteristico p(t) della matrice M E 3,E 3 1 (f), ovvero calcoliamo ( ) p(t) = det M E 3,E 3 1 (f) ti = det 1 t t t = t(t ) L autovalore t = 0 ha molteplicità algebrica pari a 1, mentre l autovalore t = ha molteplicità algebrica pari a Determiniamo adesso gli autospazi V 0 e V, associati rispettivamente all autovalore t = 0 e all autovalore t = Chiaramente l autospazio V 0 è il nucleo dell endomorfismo f L autospazio V è invece il nucleo dell endomorfismo associato alla matrice M E 3,E 3 1 (f) I e lo si determina risolvendo il sistema x + y z = 0 x z = 0 Tale sistema ammette 1 soluzioni: (s, 0, s), s R e di conseguenza V = (1, 0, 1) Si ha dunque che la molteplicità geometrica dell autovalore t =, ovvero la dimensione dell autospazio V, è pari ad 1 e quindi essa non è uguale alla molteplicità algebrica dell autovalore t = Si conclude che per h = 1 l endomorfismo f non è semplice (a) Il piano π 1 ) passante per A e parallelo ad α) ha equazione 1(x 1) + ( 1)(y) + ( )(z + 1) = 0, ovver π 1 ) x y z 3 = 0 Si vede subito che un vettore di direzione della retta r) è (0, 1, ) Il piano π passante per A e perpendicolare ad r) è dunque 0(x 1) + 1(y) + (z + 1) = 0 ovvero π ) y + z + = 0 La retta cercata è l intersezione dei piani π 1 ) e π ): x y z 3 = 0 y + z + = 0 (b) Un vettore ortogonale al piano α) è w = (1, 1, ) Scriviamo equazioni parametriche della retta passante per A e avente come vettore di direzione w: x = 1 + t y = t z = 1 t Un generico punto K appartenente alla suddetta retta ha coordinate K(1 + t, t, 1 t) Calcoliamo, ora, le coordinate del punto medio M del segmento KA: ( + t M, t ) + t,

39 Imponiamo che M α) ottenendo + t + t t = 0, da cui t = 1 Si conclude che il simmetrico A di A rispetto ad α) ha coordinate A (1 1, ( 1), 1 ( 1)) (0, 1, 1) (c) L equazione del piano π) passante per A e perpendicolare ad r) è π) y + z + = 0 Determiniamo l intersezione tra π) ed r), risolvendo il sistema y + z + = 0 x = 0 y z = 0 Con facili conti si trova che la soluzione del precedente sistema è la terna H ( 0,, 4 5 5) La distanza d(a, r) richiesta è dunque la distanza tra i punti A ed H: d(a, H) = = 5 3 Occupiamoci della congruenza x 5 mod 3 Scriviamo l identità di Bézout relativa a (, 3): da cui si ottengono le relazioni 1 = (, 3) = 3 1 1, 5 = 3 5 5, 5 = ed infine ( 5) = ( 5) Si riconosce così che una soluzione particolare della prima congruenza è x = 5, così la totalità delle soluzioni di tale congruenza è x 5 mod 3, ovvero Occupiamoci, ora, della congruenza x 1 mod 3 3x mod 5 Scriviamo l identità di Bézout relativa a (3, 5): da cui si ottengono le relazioni 1 = (3, 5) = 3 5 1, 3 = 1 + 5, 3 4 = + 5

40 Si riconosce così che una soluzione particolare della seconda congruenza è x = 4, così la totalità delle soluzioni di tale congruenza è x 4 mod 5 Si consideri adesso il sistema x 1 mod 3 x 4 mod 5 (1) Detta x una soluzione di tale sistema, si ha x = 1 + 3h x = 4 + 5k Confrontando le due equazioni si ottiene 1 + 3h = 4 + 5k da cui Dall identità di Bézout relativa a (3, 5) si ricava 3 = 3h 5k () 3 = (3) Confrontando () e (3), si ricava h = 6 e k = 3, così una soluzione particolare del sistema (1) è x = 19 In definitiva, la totalità delle soluzioni del sistema proposto è x = 19 mod [3, 5], ovvero x 4 mod 15 4 Le cifre sono 10 I numeri naturali richiesti devono avere 8 cifre I numeri pari sono 4; ogni volta che di questi ne scegliamo 3, soltanto una sola loro disposizione è quella che ci interessa poiché si richiede che essi siano disposti in ordine crescente Di conseguenza, si può prescindere dal numero di disposizioni giacché ad ogni disposizione corrisponde una sola combinazione utile In altri termini, possiamo collocare tre cifre pari in ordine crescente in C 4,3 modi In modo analogo, dovendo disporre tre cifre in ordine decrescente (non è stato precisato nulla circa la loro parità), avremo C 10,3 combinazioni possibili Non si fa alcuna richiesta particolare sulle due cifre restanti, che dunque possono essere disposte sia in ordine crescente che decrescente; ne viene che in tal caso il numero di disposizioni utili corrisponde al numero di disposizioni con ripetizione di 10 elementi presi a due a due, ovvero è pari a 10 Riassumendo, i numeri naturali che soddisfano la condizione posta sono C 4,3 10 C 10,3 = ( 4 3 ) 10 ( 10 3 ) = Il sistema proposto è equivalente al seguente: x + y + z = 30 1 x 4 y 1 z 3

41 Posto X = x 1, Y = y 1, Z = z 3, il suddetto sistema è a sua volta equivalente al seguente: X + Y + Z = 5 0 X 3 Y 0 Z 0 Denotata con la cardinalità richiesta, si ha: = 1, dove con 1 si è denotata la cardinalità dell insieme delle soluzioni intere del sistema X + Y + Z = 15 X 0 (s 1 ) Y 0 Z 0 e con si è denotata la cardinalità dell insieme delle soluzioni intere del sistema X + Y + Z = 5 X 4 (s ) Y 0 Z 0 Posto X = X 4, il sistema (s ) è equivalente al seguente X + Y + Z = 1 X 0 Y 0 Z 0 Alla luce di ciò, si ha subito = C (r) 3,5 C (r) 3,1

42 Università degli Studi di Catania Anno Accademico Corso di Laurea in Informatica Prove in itinere di Matematica Discreta (1 CFU) 7 Marzo 015 Tempo a disposizione: 150 minuti A1 1 Studiare, al variare del parametro reale h, il seguente sistema lineare: x + hy = 0 x + hy + z = 1 hx + y z = h Nello spazio sono dati il punto A(1, 0, 1), il piano α) x + y z = 0 e la retta r) x y = z = 0 Trovare (a) la retta passante per A, parallela ad α) ed ortogonale ad r); (b) la distanza di A da r); (c) il simmetrico di A rispetto ad α); (d) la proiezione ortogonale di r) su α) A 3 È dato l endomorfismo f : R 3 R 3 definito, rispetto alle basi canoniche, dalle relazioni f(x, y, z) = (x + hy, hx + 4y, x y + (h )z), h R (a) Trovare la matrice associata ad f rispetto alle basi canoniche (b) Studiare f al variare del parametro h determinando in ciascun caso ker f e Im f (c) Trovare, al variare del parametro h, l immagine inversa del vettore (1, 0, ) (d) Studiare la semplicità di f nel caso h = ed eventualmente trovare una base di autovettori 4 Sia data la matrice A = ( h 1 Studiare, al variare del parametro reale h, l applicazione lineare f : R 3 R associata ad A rispetto alle basi canoniche Trovare la matrice associata ad f rispetto alla base canonica di R 3 e alla base B = (0, ), (, 1)} di R )

43 7 Marzo 015 Svolgimento della prova scritta A1 1 Siano A = 1 h 0 1 h 1 h 1 1, A = Riduciamo per righe la matrice A : A R 1 R 1 h h 0 0 R 3 R 3 +R 1 h 1 1 h R 3 R 3 +(1+h)R 1 h h 1 1 h 1 1 h 1 h h h 1 + h h 1 h h h h Se h ±1, il sistema è determinato e la sua unica soluzione è la terna ( h h 1, 1 h 1, 1) Se h = 1, il sistema è indeterminato ed ammette 1 soluzioni: (t, t, 1), al variare di t R Se h = 1, il sistema è impossibile (a) Determiniamo il piano π) passante per A e parallelo ad α): x 1 + y (z 1) = 0, cioè π) x + y z = 0 Le equazioni parametriche della retta r) sono x = t y = t z = dalle quali si deduce che P (r) (1, 1, 0, 0) Alla luce di ciò è facile scrivere l equazione del piano passante per A e ortogonale ad r); essa è: 1(x 1)+1(y) = 0, cioè x+y 1 = 0 Ne viene che la retta cercata è la seguente: x + y z = 0 x + y 1 = 0 (b) Nel punto (a) abbiamo trovato che l equazione del piano passante per A e ortogonale ad r) è x + y 1 = 0 Determiniamo l intersezione H di tale piano con r): x y = 0 x = y = 1 z = 0 z = x + y 1 = 0 quindi H ( 1, 1, ) Così si ha subito d(a, r)) = d(a, H) = = 3

44 (c) Poiché A α), si conclude che il simmetrico A di A rispetto ad α) coincide con A: A A (d) Scriviamo l equazione del fascio di piani contenenti la retta r): λ(x y) + µ(z ) = 0 Un vettore ortogonale ad α) è w = (1,, 1) ed un vettore ortogonale al generico piano del suddetto fascio è v = (λ, λ, µ) Imponendo la condizione di ortogonalità tra w e v, ovvero w v = 0, si trae λ λ µ = 0 da cui λ = µ Scegliendo, ad esempio, λ = 1 e µ = 1, si trova che il piano contenente r) e ortogonale ad α) ha equazione x y z + = 0 Ne viene che la retta cercata ha equazione x y z + = 0 x + y z = 0 3 (a) Si ha subito: A f(e 1 ) = f(1, 0, 0) = (1, h, 1), f(e ) = f(0, 1, 0) = (h, 4, ), f(e 3 ) = f(0, 0, 1) = (0, 0, h ) Ne viene che la matrice associata ad f rispetto alle basi canoniche è M E 3,E 3 (f) = 1 h 0 h h (b) Si trova che det M E 3,E 3 (f) = (h )(4 h ) Se h ±, si ha Im f = R 3 e ker f = (0, 0, 0)} Sia, ora, h = In tal caso si ha che ρ(m E 3,E 3 (f)) =, quindi dim Im f = e risulta Im f = (1,, 1), (, 4, 1) Troviamo le equazioni cartesiane dell immagine: det x y z = 0 x y = 0 Da quanto trovato in precedenza, si deduce che dim ker f = 1 e visto che il sistema lineare x + y = 0 x + 4y = 0 x y = 0 ammette le infinite soluzioni (0, 0, t), al variare di t R, si deduce che ker f = (0, 0, 1) Sia, infine, h = In tal caso si ha che ρ(m E 3,E 3 (f)) =, quindi dim Im f = e risulta Im f = (1,, 1), (, 4, 1) Troviamo le equazioni cartesiane dell immagine: det = 0 x + y = 0 x y z Da quanto trovato in precedenza, si deduce che dim ker f = 1 e visto che il sistema lineare x y = 0 x + 4y = 0 x y + 4z = 0

Tempo a disposizione: 150 minuti. 1 È dato l endomorfismo f : R 3 R 3 definito dalle relazioni

Tempo a disposizione: 150 minuti. 1 È dato l endomorfismo f : R 3 R 3 definito dalle relazioni Università degli Studi di Catania Anno Accademico 2014-2015 Corso di Laurea in Informatica Prova in itinere di Matematica Discreta (12 CFU) 17 Aprile 2015 Prova completa Tempo a disposizione: 150 minuti

Dettagli

0 < x 3. x 2 mod 5 x 0 mod 3. x 27 mod 7. 1 [7 punti] Risolvere il seguente sistema di congruenze:

0 < x 3. x 2 mod 5 x 0 mod 3. x 27 mod 7. 1 [7 punti] Risolvere il seguente sistema di congruenze: Dipartimento di Matematica e Informatica Anno Accademico 05-06 Corso di Laurea in Informatica (L-3) Prova scritta di Matematica Discreta ( CFU) 7 Settembre 06 Parte A Tempo a disposizione Ognuna delle

Dettagli

Tempo a disposizione. 120 minuti. 1 Sia dato l endomorfismo f : R 3 R 3 la cui matrice rispetto alla base canonica di R 3 è.

Tempo a disposizione. 120 minuti. 1 Sia dato l endomorfismo f : R 3 R 3 la cui matrice rispetto alla base canonica di R 3 è. Dipartimento di Matematica e Informatica Anno Accademico 2015-2016 Corso di Laurea in Informatica (L-31) Prova in itinere di Matematica Discreta (12 CFU) 13 Giugno 2016 B2 Tempo a disposizione. 120 minuti

Dettagli

Tempo a disposizione: 150 minuti. 1 Studiare, al variare del parametro reale k, ilseguentesistemalineare: 8. 2x + ky + z =0. y z =2k.

Tempo a disposizione: 150 minuti. 1 Studiare, al variare del parametro reale k, ilseguentesistemalineare: 8. 2x + ky + z =0. y z =2k. Università degli Studi di Catania Anno Accademico 4-5 Corso di Laurea in Informatica Prova in itinere di Matematica Discreta CFU) Dicembre 4 A Tempo a disposizione: 5 minuti Studiare, al variare del parametro

Dettagli

(E) : 4x 181 mod 3. h(h 1)x + 4hy = 0

(E) : 4x 181 mod 3. h(h 1)x + 4hy = 0 Dipartimento di Matematica e Informatica Anno Accademico 206-207 Corso di Laurea in Informatica (L-3) Prova scritta di Matematica Discreta (2 CFU) 6 Settembre 207 Parte A [0 punti] Sia data la successione

Dettagli

(a) 8x 9y = 2, (b) 28x + 6y = 33.

(a) 8x 9y = 2, (b) 28x + 6y = 33. Dipartimento di Matematica e Informatica Anno Accademico 2016-2017 Corso di Laurea in Informatica (L-31) Prova scritta di Matematica Discreta (12 CFU) 28 Giugno 2017 Parte A A1 1 [10 punti] Dimostrare

Dettagli

(E) : 2x 43 mod 5. (2 + h)x + y = 0

(E) : 2x 43 mod 5. (2 + h)x + y = 0 Dipartimento di Matematica e Informatica Anno Accademico 2016-2017 Corso di Laurea in Informatica (L-31) Prova scritta di Matematica Discreta (12 CFU) 27 Settembre 2017 Parte A 1 [10 punti] Sia data la

Dettagli

Per le risposte utilizza gli spazi predisposti. Quando richiesto, il procedimento va esposto brevemente, ma in maniera comprensibile.

Per le risposte utilizza gli spazi predisposti. Quando richiesto, il procedimento va esposto brevemente, ma in maniera comprensibile. COGNOME............................... NOME..................................... Punti ottenuti Esame di geometria Scrivi cognome e nome negli spazi predisposti in ciascuno dei tre fogli. Per ogni domanda

Dettagli

Esercizi per il corso di Algebra e Geometria L.

Esercizi per il corso di Algebra e Geometria L. Esercizi per il corso di Algebra e Geometria L AA 2006/2007 1 Foglio 1 In tutti gli esercizi che seguiranno lo spazio ambiente sarà il piano cartesiano a valori nel campo dei numeri reali, dove supporremo

Dettagli

AUTOVALORI, AUTOVETTORI, AUTOSPAZI

AUTOVALORI, AUTOVETTORI, AUTOSPAZI AUTOVALORI, AUTOVETTORI, AUTOSPAZI. Esercizi Esercizio. Sia f : R 3 R 3 l endomorfismo definito da f(x, y, z) = (x+y, y +z, x+z). Calcolare gli autovalori ed una base per ogni autospazio di f. Dire se

Dettagli

15 luglio Soluzione esame di geometria - Ing. gestionale - a.a COGNOME... NOME... N. MATRICOLA... ISTRUZIONI

15 luglio Soluzione esame di geometria - Ing. gestionale - a.a COGNOME... NOME... N. MATRICOLA... ISTRUZIONI 15 luglio 01 - Soluzione esame di geometria - Ing. gestionale - a.a. 01-01 COGNOME.......................... NOME.......................... N. MATRICOLA............. La prova dura ore. ISTRUZIONI Ti sono

Dettagli

Esercizi geometria analitica nello spazio. Corso di Laurea in Informatica. Docente: Andrea Loi. Correzione

Esercizi geometria analitica nello spazio. Corso di Laurea in Informatica. Docente: Andrea Loi. Correzione Esercizi geometria analitica nello spazio Corso di Laurea in Informatica Docente: Andrea Loi Correzione 1. Denotiamo con P 1, P 13, P 3, P 1, P, P 3, P i simmetrici di un punto P rispetto ai piani coordinati

Dettagli

RETTE E PIANI. ove h R. Determinare i valori di h per cui (1) r h e α sono incidenti ed, in tal caso, determinare l angolo ϑ h da essi formato;

RETTE E PIANI. ove h R. Determinare i valori di h per cui (1) r h e α sono incidenti ed, in tal caso, determinare l angolo ϑ h da essi formato; RETTE E PIANI Esercizi Esercizio 1. Nello spazio con riferimento cartesiano ortogonale Oxyz si considerino la retta r h ed il piano α rispettivamente di equazioni x = 1 + t r h : y = 1 t α : x + y + z

Dettagli

CdL in Ingegneria Gestionale e CdL in Ingegneria del Recupero Edilizio ed Ambientale

CdL in Ingegneria Gestionale e CdL in Ingegneria del Recupero Edilizio ed Ambientale CdL in Ingegneria Gestionale e CdL in Ingegneria del Recupero Edilizio ed Ambientale della prova scritta di Algebra Lineare e Geometria- Compito A- 8 Aprile 8 E assegnato l endomorfismo f : R 3 R 3 definito

Dettagli

Esercizi Applicazioni Lineari

Esercizi Applicazioni Lineari Esercizi Applicazioni Lineari (1) Sia f : R 4 R 2 l applicazione lineare definita dalla legge f(x, y, z, t) = (x + y + z, y + z + t). (a) Determinare il nucleo di f, l immagine di f, una loro base e le

Dettagli

Esercizi di ripasso: geometria e algebra lineare.

Esercizi di ripasso: geometria e algebra lineare. Esercizi di ripasso: geometria e algebra lineare. Esercizio. Sia r la retta passante per i punti A(2,, 3) e B(,, 2) in R 3. a. Scrivere l equazione cartesiana del piano Π passante per A e perpendicolare

Dettagli

Esercizi di GEOMETRIA e ALGEBRA LINEARE (Ingegneria Ambientale e Civile - Curriculum Ambientale)

Esercizi di GEOMETRIA e ALGEBRA LINEARE (Ingegneria Ambientale e Civile - Curriculum Ambientale) Esercizi di GEOMETRIA e ALGEBRA LINEARE (Ingegneria Ambientale e Civile - Curriculum Ambientale). Tra le seguenti matrici, eseguire tutti i prodotti possibili: 2 ( ) A = 0 3 4 B = C = 2 2 0 0 2 D = ( 0

Dettagli

Algebra lineare Geometria 1 11 luglio 2008

Algebra lineare Geometria 1 11 luglio 2008 Algebra lineare Geometria 1 11 luglio 2008 Esercizio 1. Si considerino la funzione: { R f : 3 R 3 (α, β, γ) ( 2β α γ, (k 1)β + (1 k)γ α, 3β + (k 2)γ ) dove k è un parametro reale, e il sottospazio U =

Dettagli

Corso di Geometria BIAR, BSIR Esercizi 10: soluzioni

Corso di Geometria BIAR, BSIR Esercizi 10: soluzioni Corso di Geometria 2010-11 BIAR, BSIR Esercizi 10: soluzioni 1 Geometria dello spazio Esercizio 1. Dato il punto P 0 = ( 1, 0, 1) e il piano π : x + y + z 2 = 0, determinare: a) Le equazioni parametriche

Dettagli

FONDAMENTI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA INGEGNERIA CHIMICA E DEI MATERIALI 8 SETTEMBRE 2015 VERSIONE A

FONDAMENTI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA INGEGNERIA CHIMICA E DEI MATERIALI 8 SETTEMBRE 2015 VERSIONE A FONDAMENTI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA INGEGNERIA CHIMICA E DEI MATERIALI 8 SETTEMBRE 015 VERSIONE A DOCENTE: MATTEO LONGO 1. Domande. Esercizi Esercizio 1 (8 punti). Al variare del parametro a R, considerare

Dettagli

FONDAMENTI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA

FONDAMENTI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA Cognome Nome Matricola FONDAMENTI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA Ciarellotto, Esposito, Garuti Prova del 21 settembre 2013 Dire se è vero o falso (giustificare le risposte. Bisogna necessariamente rispondere

Dettagli

CORSO DI LAUREA in Ingegneria Informatica (Vecchio Ordinamento)

CORSO DI LAUREA in Ingegneria Informatica (Vecchio Ordinamento) CORSO D LAUREA in ngegneria nformatica (Vecchio Ordinamento) Prova scritta di Geometria assegnata il 19/3/2002 Sia f : R 3 R 4 l applicazione lineare la cui matrice associata rispetto alle basi canoniche

Dettagli

Corso di Geometria Ing. Informatica e Automatica Test 1: soluzioni

Corso di Geometria Ing. Informatica e Automatica Test 1: soluzioni Corso di Geometria Ing. Informatica e Automatica Test : soluzioni k Esercizio Data la matrice A = k dipendente dal parametro k, si consideri il k sistema lineare omogeneo AX =, con X = x x. Determinare

Dettagli

Esercizi di Geometria e Algebra Lineare C.d.L. Ingegneria Meccanica

Esercizi di Geometria e Algebra Lineare C.d.L. Ingegneria Meccanica Esercizi di Geometria e Algebra Lineare C.d.L. Ingegneria Meccanica 1) Dati i vettori a = (2, 4), b = (1, 2), c = ( 1, 1), d = (3, 6), stabilire se c e d appartengono a Span(a, b}). 2) Nello spazio vettoriale

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE/ARCHITETTURA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE/ARCHITETTURA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE/ARCHITETTURA FOGLIO DI ESERCIZI 1 GEOMETRIA 2009/10 Esercizio 1.1 (2.2). Determinare l equazione parametrica e Cartesiana della retta dello spazio (a) Passante per i

Dettagli

Risoluzione di sistemi lineari

Risoluzione di sistemi lineari Risoluzione di sistemi lineari Teorema (Rouché-Capelli) Dato il sistema di m equazioni in n incognite Ax = b, con A M at(m, n) b R n x R n [A b] si ha che: matrice dei coefficienti, vettore dei termini

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE Corso di Laurea in Matematica GE110 - Geometria 1 a.a Prova scritta del TESTO E SOLUZIONI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE Corso di Laurea in Matematica GE110 - Geometria 1 a.a Prova scritta del TESTO E SOLUZIONI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE Corso di Laurea in Matematica GE110 - Geometria 1 a.a. 2011-2012 Prova scritta del 28-1-2013 TESTO E SOLUZIONI 1. Per k R considerare il sistema lineare X 1 X 2 + kx 3 =

Dettagli

= (cioè le due terne di numeri direttori ( devono essere ) proporzionali). Tale uguaglianza non è verificata, poiché risulta ρ

= (cioè le due terne di numeri direttori ( devono essere ) proporzionali). Tale uguaglianza non è verificata, poiché risulta ρ Alcuni esercizi sullo spazio euclideo R Nel seguito R indicherà lo spazio euclideo tridimensionale standard, dotato del riferimento cartesiano naturale (pag 56-57 del libro Nota: gli esercizi proposti

Dettagli

SPAZI EUCLIDEI, APPLICAZIONI SIMMETRICHE, FORME QUADRATICHE

SPAZI EUCLIDEI, APPLICAZIONI SIMMETRICHE, FORME QUADRATICHE SPAZI EUCLIDEI, APPLICAZIONI SIMMETRICHE, FORME QUADRATICHE. Esercizi Esercizio. In R calcolare il modulo dei vettori,, ),,, ) ed il loro angolo. Esercizio. Calcolare una base ortonormale del sottospazio

Dettagli

Geometria BATR-BCVR Esercizi 9

Geometria BATR-BCVR Esercizi 9 Geometria BATR-BCVR 2015-16 Esercizi 9 Esercizio 1. Per ognuna delle matrici A i si trovi una matrice ortogonale M i tale che Mi ta im sia diagonale. ( ) 1 1 2 3 2 A 1 = A 2 1 2 = 1 1 0 2 0 1 Esercizio

Dettagli

Esercizi di GEOMETRIA I - Algebra Lineare B = , calcolare A A t A + I

Esercizi di GEOMETRIA I - Algebra Lineare B = , calcolare A A t A + I Esercizi di GEOMETRIA I - Algebra Lineare. Tra le seguenti matrici, eseguire tutti i prodotti possibili: 2 ( ) A = 0 3 4 B = 2 0 0 2 D = ( 0 ) E = ( ) 4 4 2 C = 2 0 5 F = 4 2 6 2. Data la matrice A = 0

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI SU: GEOMETRIA TRIDIMENSIONALE. 2. Fissato un sistema di riferimento cartesiano dello spazio euclideo O, i, j, k,

ESERCIZI SVOLTI SU: GEOMETRIA TRIDIMENSIONALE. 2. Fissato un sistema di riferimento cartesiano dello spazio euclideo O, i, j, k, ESERCIZI SVOLTI SU: GEOMETRIA TRIDIMENSIONALE 1. Fissato un sistema di riferimento cartesiano dello spazio euclideo O, i, j, k, determinare un equazione omogenea del piano parallelo al vettore v = i+j,

Dettagli

10 dicembre Soluzione esame di geometria - Ingegneria gestionale - a.a COGNOME... NOME... N. MATRICOLA...

10 dicembre Soluzione esame di geometria - Ingegneria gestionale - a.a COGNOME... NOME... N. MATRICOLA... 10 dicembre 003 - Soluzione esame di geometria - Ingegneria gestionale - a.a. 003-004 COGNOME.......................... NOME.......................... N. MATRICOLA............. La prova dura 3 ore. ISTRUZIONI

Dettagli

Soluzione facsimile 2 d esame di geometria - Ingegneria gestionale - a.a ISTRUZIONI

Soluzione facsimile 2 d esame di geometria - Ingegneria gestionale - a.a ISTRUZIONI Soluzione facsimile d esame di geometria - Ingegneria gestionale - a.a. 00-004 COGNOME......................................... NOME......................................... N. MATRICOLA................

Dettagli

SPAZI VETTORIALI CON PRODOTTO SCALARE A =

SPAZI VETTORIALI CON PRODOTTO SCALARE A = SPAZI VETTORIALI CON PRODOTTO SCALARE Esercizi Esercizio. Nello spazio euclideo standard (R 2,, ) sia data la matrice 2 3 A = 3 2 () Determinare una base rispetto alla quale A sia la matrice di un endomorfismo

Dettagli

Ingegneria Civile. Compito di Geometria del 06/09/05. E assegnato l endomorfismo f : R 3 R 3 mediante le relazioni

Ingegneria Civile. Compito di Geometria del 06/09/05. E assegnato l endomorfismo f : R 3 R 3 mediante le relazioni Ingegneria Civile. Compito di Geometria del 06/09/05 E assegnato l endomorfismo f : R 3 R 3 mediante le relazioni I f(,, 0) = (h +,h+, ) f(,, ) = (h,h, h) f(0,, ) = (,h, h) con h parametro reale. ) Studiare

Dettagli

Esercizi svolti. Geometria analitica: rette e piani

Esercizi svolti. Geometria analitica: rette e piani Esercizi svolti. Sistemi di riferimento e vettori. Dati i vettori v = i + j k, u =i + j + k determinare:. il vettore v + u ;. gli angoli formati da v e u;. i vettore paralleli alle bisettrici di tali angoli;

Dettagli

Esercizi di Matematica di Base Scienze biologiche e Scienze e Tecnologie dell Ambiente

Esercizi di Matematica di Base Scienze biologiche e Scienze e Tecnologie dell Ambiente Esercizi di Matematica di Base Scienze biologiche e Scienze e Tecnologie dell Ambiente Dati i vettori di R (i) Calcolare il prodotto scalare v w, (ii) Stabilire se v e w sono ortogonali, (ii) Stabilire

Dettagli

Rette e piani nello spazio Federico Lastaria, Analisi e Geometria 1. Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1

Rette e piani nello spazio Federico Lastaria, Analisi e Geometria 1. Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1 ette e piani nello spazio Federico Lastaria, Analisi e Geometria 1 Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1 Federico Lastaria federico.lastaria@polimi.it ette e piani nello spazio. 9 Gennaio

Dettagli

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE. Vincenzo Di Gennaro

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE. Vincenzo Di Gennaro ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE Vincenzo Di Gennaro Sono raccolti, in ordine cronologico, gli esercizi di Algebra Lineare proposti nelle prove scritte per i vari corsi di Geometria che ho tenuto presso la

Dettagli

Esercizi di Geometria Affine

Esercizi di Geometria Affine Esercizi di Geometria Affine Sansonetto Nicola dicembre 01 Geometria Affine nel Piano Esercizio 1. Nel piano affine standard A (R) dotato del riferimento canonico, si consideri la retta τ di equazione

Dettagli

Dipartimento di Matematica Corso di laurea in Fisica Compito di Geometria assegnato il 1 Febbraio 2002

Dipartimento di Matematica Corso di laurea in Fisica Compito di Geometria assegnato il 1 Febbraio 2002 Compito di Geometria assegnato il 1 Febbraio 2002 Trovare l equazione della conica irriducibile tangente all asse x nel punto A(2, 0), tangente all asse y e passante per i punti B(1, 1) e C(2, 2) Scrivere

Dettagli

Esame di Geometria - 9 CFU (Appello del 14 gennaio A)

Esame di Geometria - 9 CFU (Appello del 14 gennaio A) Esame di Geometria - 9 CFU (Appello del 4 gennaio 24 - A) Cognome: Nome: Nr.matricola: Corso di laurea: Esercizio. Si considerino le rette s : { x x 2 2x 3 = 2 3x x 2 =, { x + x s 2 : 2 x 3 = x 2 =.. Stabilire

Dettagli

1. Calcolare gli invarianti ortogonali e riconoscere le seguenti quadriche.

1. Calcolare gli invarianti ortogonali e riconoscere le seguenti quadriche. Algebra Lineare e Geometria Analitica Politecnico di Milano Ingegneria Quadriche Esercizi 1. Calcolare gli invarianti ortogonali e riconoscere le seguenti quadriche. (a) x + y + z + xy xz yz 6x 4y + z

Dettagli

Prova scritta di Geometria 18/01/2016, Soluzioni Ing. Meccanica a.a

Prova scritta di Geometria 18/01/2016, Soluzioni Ing. Meccanica a.a Prova scritta di Geometria 8//26, Soluzioni Ing. Meccanica a.a. 25-6 Esercizio È data la conica γ : 3x2 2xy + 3y 2 + 8x + 3 =. a) Verificare che la conica è un ellisse e determinarne la forma canonica.

Dettagli

RETTE E PIANI NELLO SPAZIO

RETTE E PIANI NELLO SPAZIO VETTORI E GEOMETRIA ANALITICA 1 RETTE E PIANI NELLO SPAZIO Rette e piani in forma cartesiana e parametrica. Parallelismo e perpendicolarità, posizioni reciproche tra rette e piani, distanze. Esercizio

Dettagli

Esercizi per Geometria II Geometria euclidea e proiettiva

Esercizi per Geometria II Geometria euclidea e proiettiva Esercizi per Geometria II Geometria euclidea e proiettiva Filippo F. Favale 8 aprile 014 Esercizio 1 Si consideri E dotato di un riferimento cartesiano ortonormale di coordinate (x, y) e origine O. Si

Dettagli

Dipartimento di Matematica Corso di laurea in Matematica Compiti di Geometria II assegnati da dicembre 2000 a dicembre 2003

Dipartimento di Matematica Corso di laurea in Matematica Compiti di Geometria II assegnati da dicembre 2000 a dicembre 2003 Dipartimento di Matematica Corso di laurea in Matematica Compiti di Geometria assegnati da dicembre 2000 a dicembre 2003 11/12/2000 n R 4 sono assegnati i punti A(3, 0, 1, 0), B(0, 0, 1, 0), C(2, 1, 0,

Dettagli

Svolgimento degli esercizi sulla circonferenza

Svolgimento degli esercizi sulla circonferenza Liceo Classico Galilei Pisa - Classe a A - Prof. Francesco Daddi - 1 ottobre 011 Svolgimento degli esercizi sulla circonferenza Esercizio 1. La circonferenza ha centro in C 4 ), 7, 7 ) e raggio + 7 57

Dettagli

Universita degli Studi di Ancona Laurea in Ingegneria Meccanica ed Informatica a Distanza Anno Accademico 2005/2006. Matematica 2 (Analisi)

Universita degli Studi di Ancona Laurea in Ingegneria Meccanica ed Informatica a Distanza Anno Accademico 2005/2006. Matematica 2 (Analisi) Universita degli Studi di Ancona Laurea in Ingegneria Meccanica ed Informatica a Distanza Anno Accademico 2005/2006 Matematica 2 (Analisi) Nome:................................. N. matr.:.................................

Dettagli

Sapienza Università di Roma Corso di laurea in Ingegneria Energetica Geometria A.A ESERCIZI DA CONSEGNARE prof.

Sapienza Università di Roma Corso di laurea in Ingegneria Energetica Geometria A.A ESERCIZI DA CONSEGNARE prof. Sapienza Università di Roma Corso di laurea in Ingegneria Energetica Geometria A.A. 2015-2016 ESERCIZI DA CONSEGNARE prof. Cigliola Consegna per Martedì 6 Ottobre Esercizio 1. Una matrice quadrata A si

Dettagli

(x B x A, y B y A ) = (4, 2) ha modulo

(x B x A, y B y A ) = (4, 2) ha modulo GEOMETRIA PIANA 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(0, 4), e B(4, ) trovarne la distanza e trovare poi i punti C allineati con A e con B che verificano: (1) AC = CB (punto medio del segmento AB); ()

Dettagli

Prodotto scalare e ortogonalità

Prodotto scalare e ortogonalità Prodotto scalare e ortogonalità 12 Novembre 1 Il prodotto scalare 1.1 Definizione Possiamo estendere la definizione di prodotto scalare, già data per i vettori del piano, ai vettori dello spazio. Siano

Dettagli

GEOMETRIA PIANA. 1) sia verificata l uguaglianza di segmenti AC = CB (ossia C è punto medio del segmento AB);

GEOMETRIA PIANA. 1) sia verificata l uguaglianza di segmenti AC = CB (ossia C è punto medio del segmento AB); VETTORI E GEOMETRIA ANALITICA 1 GEOMETRIA PIANA Segmenti e distanza tra punti. Rette in forma cartesiana e parametrica. Posizioni reciproche di due rette, parallelismo e perpendicolarità. Angoli e distanze.

Dettagli

1 Rette e piani in R 3

1 Rette e piani in R 3 POLITECNICO DI MILANO. FACOLTÀ DI INGEGNERIA INDUSTRIALE. Analisi e Geometria 1. Sez. D - G. Docenti: Federico G. Lastaria, Mauro Saita, Nadir Zanchetta,. 1 1 Rette e piani in R 3 Una retta parametrizzata

Dettagli

20 gennaio Soluzione esame di geometria - 12 crediti Ingegneria gestionale - a.a COGNOME... NOME... N. MATRICOLA...

20 gennaio Soluzione esame di geometria - 12 crediti Ingegneria gestionale - a.a COGNOME... NOME... N. MATRICOLA... 0 gennaio 010 - Soluzione esame di geometria - 1 crediti Ingegneria gestionale - a.a. 009-010 COGNOME.......................... NOME.......................... N. MATRICOLA............. La prova dura ore.

Dettagli

GEOMETRIA E ALGEBRA LINEARE Soluzioni Appello del 17 GIUGNO Compito A

GEOMETRIA E ALGEBRA LINEARE Soluzioni Appello del 17 GIUGNO Compito A Soluzioni Appello del 17 GIUGNO 2010 - Compito A a) Se h = 7 il sistema ha infinite soluzioni (1 variabile libera), mentre se h 7 la soluzione è unica. b) Se h = 7 allora Sol(A b) = {( 7z, 5z + 5, z),

Dettagli

ESERCIZI DI MATEMATICA DISCRETA ANNO 2006/2007

ESERCIZI DI MATEMATICA DISCRETA ANNO 2006/2007 ESERCIZI DI MATEMATICA DISCRETA ANNO 6/7 //7 () Ridurre la seguente matrice ad una a scala ridotta utilizzando il metodo di Gauss-Jordan. Soluzione. () Determinare quante e quali sono le matrici a scala

Dettagli

Esercitazione 6 - Soluzione

Esercitazione 6 - Soluzione Anno Accademico 28-29 Corso di Algebra Lineare e Calcolo Numerico per Ingegneria Meccanica Esercitazione 6 - Soluzione Immagine, nucleo. Teorema di Rouché-Capelli. Esercizio Sia L : R 3 R 3 l applicazione

Dettagli

SISTEMI LINEARI MATRICI E SISTEMI 1

SISTEMI LINEARI MATRICI E SISTEMI 1 MATRICI E SISTEMI SISTEMI LINEARI Sistemi lineari e forma matriciale (definizioni e risoluzione). Teorema di Rouché-Capelli. Sistemi lineari parametrici. Esercizio Risolvere il sistema omogeneo la cui

Dettagli

Politecnico di Torino Facoltà di Architettura. Raccolta di esercizi proposti nelle prove scritte

Politecnico di Torino Facoltà di Architettura. Raccolta di esercizi proposti nelle prove scritte Politecnico di Torino Facoltà di Architettura Raccolta di esercizi proposti nelle prove scritte relativi a: algebra lineare, vettori e geometria analitica Esercizio. Determinare, al variare del parametro

Dettagli

Esercizi di Matematica Discreta - Parte I

Esercizi di Matematica Discreta - Parte I Esercizi di Matematica Discreta - Parte I 7 ottobre 0 AVVISO: Sia i testi che gli svolgimenti proposti possono contenere errori e/o ripetizioni Essi sono infatti opera di vari collage e, per ovvie questioni

Dettagli

Rette e piani nello spazio

Rette e piani nello spazio Rette e piani nello spazio Equazioni parametriche di una retta in R 3 : x(t) = x 0 + at r(t) : y(t) = y 0 + bt t R, parametro z(t) = z 0 + ct ovvero r(t) : X(t) = P 0 + vt, t R}, dove: P 0 = (x 0, y 0,

Dettagli

(2) Dato il vettore w = (1, 1, 1), calcolare T (w). (3) Determinare la matrice A associata a T rispetto alla base canonica.

(2) Dato il vettore w = (1, 1, 1), calcolare T (w). (3) Determinare la matrice A associata a T rispetto alla base canonica. 1. Applicazioni lineari Esercizio 1.1. Sia T : R 2 R 3 l applicazione lineare definita sulla base canonica di R 2 nel seguente modo: T (e 1 ) = (1, 2, 1), T (e 2 ) = (1, 0, 1). a) Esplicitare T (x, y).

Dettagli

I VERIFICA DI GEOMETRIA 1 CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA - 4 DICEMBRE 2007

I VERIFICA DI GEOMETRIA 1 CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA - 4 DICEMBRE 2007 A I VERIFICA DI GEOMETRIA 1 CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA - 4 DICEMBRE 2007 ESERCIZIO 1. Si consideri il seguente sistema di equazioni lineari x + y + 2z = 1 2x + ky + 4z = h 2x 2y + kz = 0 (a) Determinare,

Dettagli

Geometria analitica del piano pag 25 Adolfo Scimone. Equazione della retta perpendicolare ad una retta data passante per un punto

Geometria analitica del piano pag 25 Adolfo Scimone. Equazione della retta perpendicolare ad una retta data passante per un punto Geometria analitica del piano pag 5 Adolfo Scimone Equazione della retta perpendicolare ad una retta data passante per un punto Consideriamo una retta r di equazione r: ax by sia P ( x y), un punto del

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI

APPLICAZIONI LINEARI APPLICAZIONI LINEARI Esercizi Esercizio Date le seguenti applicazioni lineari f : R 2 R 3 definita da fx y = x 2y x + y x + y; 2 g : R 3 R 2 definita da gx y z = x + y x y; 3 h : Rx] 2 R 2 definita da

Dettagli

Esercizi per il corso di Algebra e Geometria L.

Esercizi per il corso di Algebra e Geometria L. Esercizi per il corso di Algebra e Geometria L. Alessandra Bernardi Il numero degli esercizi qui raccolti è volutamente elevato. Lo scopo è di fornire un ampio spettro di esercizi e la conseguente possibilità

Dettagli

Esercizi sulle coniche (prof.ssa C. Carrara)

Esercizi sulle coniche (prof.ssa C. Carrara) Esercizi sulle coniche prof.ssa C. Carrara Alcune parti di un esercizio possono ritrovarsi in un altro esercizio, insieme a parti diverse. È un occasione per affrontarle da un altra angolazione.. Determinare

Dettagli

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE (D) A = A = A = R 2,2. D5 Dire come bisogna scegliere i parametri h e k affinché la

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE (D) A = A = A = R 2,2. D5 Dire come bisogna scegliere i parametri h e k affinché la ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE (D) D1 Nello spazio vettoriale R 2,2 si consideri l insieme { V = X R 2,2 XA = AX, A = ( 1 1 1 2 )} delle matrici che commutano con A. Verifiare che V = L(I 2, A). Verificare

Dettagli

SISTEMI LINEARI. x y + 2t = 0 2x + y + z t = 0 x z t = 0 ; S 3 : ; S 5x 2y z = 1 4x 7y = 3

SISTEMI LINEARI. x y + 2t = 0 2x + y + z t = 0 x z t = 0 ; S 3 : ; S 5x 2y z = 1 4x 7y = 3 SISTEMI LINEARI. Esercizi Esercizio. Verificare se (,, ) è soluzione del sistema x y + z = x + y z = 3. Trovare poi tutte le soluzioni del sistema. Esercizio. Scrivere un sistema lineare di 3 equazioni

Dettagli

Capitolo 1 Vettori applicati e geometria dello spazio

Capitolo 1 Vettori applicati e geometria dello spazio Capitolo 1 Vettori applicati e geometria dello spazio Marco Robutti Facoltà di ingegneria Università degli studi di Pavia Tutorato di geometria e algebra lineare Anno accademico 2014-2015 Definizione (Vettore

Dettagli

Esercizi sulle coniche (prof.ssa C. Carrara)

Esercizi sulle coniche (prof.ssa C. Carrara) Esercizi sulle coniche prof.ssa C. Carrara Alcune parti di un esercizio possono ritrovarsi in un altro esercizio, insieme a parti diverse. È un occasione per affrontarle più volte.. Stabilire il tipo di

Dettagli

2 2 2 A = Il Det(A) = 2 quindi la conica è non degenere, di rango 3.

2 2 2 A = Il Det(A) = 2 quindi la conica è non degenere, di rango 3. Studio delle coniche Ellisse Studiare la conica di equazione 2x 2 + 4xy + y 2 4x 2y + 2 = 0. Per prima cosa dobbiamo classificarla. La matrice associata alla conica è: 2 2 2 A = 2 2 2 Il DetA = 2 quindi

Dettagli

Liceo Scientifico Michelangelo - Forte dei Marmi. Esercizi sulla circonferenza svolti - Classe Terza

Liceo Scientifico Michelangelo - Forte dei Marmi. Esercizi sulla circonferenza svolti - Classe Terza Liceo Scientifico Michelangelo - Forte dei Marmi Esercizi sulla circonferenza svolti - Classe Terza Esercizio 0. Stabilire se le equazioni x + y x + 3y + e x + y x + 6y 3 rappresentano una circonferenza

Dettagli

Esercitazione di Geometria I 13 dicembre Esercizio 1. Esercizio 2. Esercizio 3

Esercitazione di Geometria I 13 dicembre Esercizio 1. Esercizio 2. Esercizio 3 Esercitazione di Geometria I 13 dicembre 2008 a. Completa la seguente definizione: i vettori v 1, v 2,..., v n del K-spazio vettoriale V si dicono linearmente dipendenti se... b. Siano w 1, w 2, w 3 vettori

Dettagli

Soluzioni agli Esercizi di Geometria e Algebra per Ingegneria Aerospaziale (nuovo ordinamento)

Soluzioni agli Esercizi di Geometria e Algebra per Ingegneria Aerospaziale (nuovo ordinamento) Soluzioni agli Esercizi di Geometria e Algebra per Ingegneria Aerospaziale (nuovo ordinamento) Relazioni 1) Quali delle seguenti relazioni sono di equivalenza? x, y R {0} xry x/y Q x, y Z xry x + y è divisibile

Dettagli

Applicazioni lineari e diagonalizzazione. Esercizi svolti

Applicazioni lineari e diagonalizzazione. Esercizi svolti . Applicazioni lineari Esercizi svolti. Si consideri l applicazione f : K -> K definita da f(x,y) = x + y e si stabilisca se è lineare. Non è lineare. Possibile verifica: f(,) = 4; f(,4) = 6; quindi f(,4)

Dettagli

MATRICI E SISTEMI LINEARI

MATRICI E SISTEMI LINEARI - - MATRICI E SISTEMI LINEARI ) Calcolare i seguenti determinanti: a - c - d - e - f - g - 8 7 8 h - ) Calcolare per quali valori di si annullano i seguenti determinanti: a - c - ) Calcolare il rango delle

Dettagli

La retta nel piano. Supponiamo che la retta r sia assegnata attraverso un suo punto P 0 (x 0, y 0 ) e un vettore v (l, m) che ne indichi la direzione.

La retta nel piano. Supponiamo che la retta r sia assegnata attraverso un suo punto P 0 (x 0, y 0 ) e un vettore v (l, m) che ne indichi la direzione. La retta nel piano Equazioni vettoriale e parametriche di una retta Supponiamo che la retta r sia assegnata attraverso un suo punto P 0 (x 0, y 0 ) e un vettore v (l, m) che ne indichi la direzione. Condizione

Dettagli

Università degli Studi di Catania CdL in Ingegneria Industriale

Università degli Studi di Catania CdL in Ingegneria Industriale CdL in ngegneria ndustriale Prova scritta di Algebra Lineare e Geometria del 27 gennaio 2014 Usare solo carta fornita dal Dipartimento di Matematica e nformatica, riconsegnandola tutta. È vietato consultare

Dettagli

VETTORI NELLO SPAZIO ORDINARIO ,

VETTORI NELLO SPAZIO ORDINARIO , VETTORI E GEOMETRIA ANALITICA 1 VETTORI NELLO SPAZIO ORDINARIO Vettori ordinari ed operazioni. Dipendenza ed indipendenza lineare, basi. Prodotto scalare, proiezioni, angoli. Prodotto vettoriale e prodotto

Dettagli

4. Sia Γ la conica che ha fuoco F (1, 1) e direttrice d : x y = 0, e che passa per il punto P (2, 1).

4. Sia Γ la conica che ha fuoco F (1, 1) e direttrice d : x y = 0, e che passa per il punto P (2, 1). Geometria Complementi ed esercizi sulle coniche 1 (a) Scrivere l equazione dell ellisse Γ che ha fuochi F 1 ( 1, 1), F (1, 1) e che passa per il punto P (1, 1) (b) Determinare il centro, gli assi e i vertici

Dettagli

Esame di geometria e algebra

Esame di geometria e algebra Laurea Ing. 26 febbraio 2007 Traccia I COG 1 In R 3 sono assegnati i vettori: u 1 = (2, h, 0), u 2 = (1, 0, h), u 3 = (h, 1, 2). Stabilire se esistono valori reali del parametro h per cui S = {u 1, u 2,

Dettagli

Autovalori e autovettori

Autovalori e autovettori Autovalori e autovettori Definizione 1 (per endomorfismi). Sia V uno spazio vettoriale su di un campo K e f : V V un suo endomorfismo. Si dice autovettore per f ogni vettore x 0 tale che f(x) = λx, per

Dettagli

Determina il terzo vertice A di un triangolo di cui. l ortocentro

Determina il terzo vertice A di un triangolo di cui. l ortocentro La Retta Esercizi Esercizio 6. Determina il terzo vertice A di un triangolo di cui sono noti due vertici ; 1, 1; e l ortocentro ;. Soluzione 1 Analizziamo il problema ragionando, per semplicità, su un

Dettagli

GEOMETRIA /2009 II

GEOMETRIA /2009 II Universita degli Studi di Roma - "Tor Vergata" - Facolta Ingegneria Esercizi GEOMETRIA Edile e Edile-Architettura - a.a. 008/009 II Emisemestre - Settimana - Foglio 0 Docente: Prof. F. Flamini - Tutore:

Dettagli

Cenni sulle coniche 1.

Cenni sulle coniche 1. 1 Premessa Cenni sulle coniche 1. Corso di laurea in Ingegneria Civile ed Edile Università degli Studi di Palermo A.A. 2013/2014 prof.ssa Paola Staglianò (pstagliano@unime.it) Scopo della geometria analitica

Dettagli

Ingegneria Gestionale - Corso di Algebra lineare e Analisi II anno accademico 2009/2010 ESERCITAZIONE 4.4

Ingegneria Gestionale - Corso di Algebra lineare e Analisi II anno accademico 2009/2010 ESERCITAZIONE 4.4 Ingegneria Gestionale - Corso di Algebra lineare e Analisi II anno accademico 9/ ESERCITAZIONE. (Cognome) (Nome) (Numero di matricola) Proposizione Vera Falsa Per due punti distinti di R passa un unica

Dettagli

Esercizi di Geometria Affine ed Euclidea del Piano e dello Spazio

Esercizi di Geometria Affine ed Euclidea del Piano e dello Spazio Esercizi di Geometria Affine ed Euclidea del Piano e dello Spazio Sansonetto Nicola 15 aprile 2016 Geometria Affine nel Piano Esercizio 1. Nel piano affine standard A 2 (R) dotato del riferimento canonico,

Dettagli

Tempo a disposizione. 90 minuti. 1 [6 punti] Dimostrare che, per ogni n N, n 1, vale la disuguaglianza:

Tempo a disposizione. 90 minuti. 1 [6 punti] Dimostrare che, per ogni n N, n 1, vale la disuguaglianza: Dipartimento di Matematica e Informatica Anno Accademico 05-06 Corso di Laurea in Informatica (L-) Prova in itinere di Matematica Discreta ( CFU) Febbraio 06 A Tempo a disposizione. 90 minuti [6 punti]

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE/ARCHITETTURA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE/ARCHITETTURA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE/ARCHITETTURA II PROVA DI ACCERTAMENTO, FILA B GEOMETRIA 19/06/008 Esercizio 0.1. Si consideri il seguente endomorfismo di R 4 T (x, y, z, w) = (x + y z + w, y z, x +

Dettagli

1.[25 punti] Risolvere il seguente sistema di equazioni lineari al variare del parametro reale λ: X +Y +Z = 2. X 2Y +λz = 2

1.[25 punti] Risolvere il seguente sistema di equazioni lineari al variare del parametro reale λ: X +Y +Z = 2. X 2Y +λz = 2 Università di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Scienze MM.FF.NN. PROVA SCRITTA DI GEOMETRIA A del 27 giugno 2011 ISTRUZIONI PER LO SVOLGIMENTO. Scrivere cognome, nome, numero di matricola in alto a destra

Dettagli

16 gennaio Soluzione esame di geometria - 12 crediti Ingegneria gestionale - a.a COGNOME... NOME... N. MATRICOLA...

16 gennaio Soluzione esame di geometria - 12 crediti Ingegneria gestionale - a.a COGNOME... NOME... N. MATRICOLA... 16 gennaio 017 - Soluzione esame di geometria - 1 crediti Ingegneria gestionale - a.a. 016-017 COGNOME.......................... NOME.......................... N. MATRICOLA............. La prova dura ore.

Dettagli

Fasci di Coniche. Salvino Giuffrida. 2. Determinare e studiare il fascio Φ delle coniche che passano per A (1, 0) con tangente

Fasci di Coniche. Salvino Giuffrida. 2. Determinare e studiare il fascio Φ delle coniche che passano per A (1, 0) con tangente 1 Fasci di Coniche Salvino Giuffrida 1. Determinare e studiare il fascio Φ delle coniche che passano per O = (0, 0), con tangente l asse y, e per i punti (1, 0), (1, ). Determinare vertice e asse della

Dettagli

Condizione di allineamento di tre punti

Condizione di allineamento di tre punti LA RETTA L equazione lineare in x e y L equazione: 0 con,,, e non contemporaneamente nulli, si dice equazione lineare nelle due variabili e. Ogni coppia ; tale che: 0 si dice soluzione dell equazione.

Dettagli

1 Coniche. s (x, y, t ) (1) 1 (x, y, t )F r 2

1 Coniche. s (x, y, t ) (1) 1 (x, y, t )F r 2 1 Coniche Studieremo le curve nel piano euclideo, cioè nel piano con un sistema di riferimento cartesiano ortogonale fissato, oppure nel completamento proiettivo di questo piano, ottenuto con l introduzione

Dettagli

Mutue posizioni della parabola con gli assi cartesiani

Mutue posizioni della parabola con gli assi cartesiani Mutue posizioni della parabola con gli assi cartesiani L equazione di una parabola generica è data da: Consideriamo l equazione che definisce i punti di intersezione della parabola con l asse delle ascisse

Dettagli

Autovettori e autovalori

Autovettori e autovalori Autovettori e autovalori Definizione 1 Sia A Mat(n, n), matrice a coefficienti reali. Si dice autovalore di A un numero λ R tale che v 0 R n Av = λv. Ogni vettore non nullo v che soddisfa questa relazione

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE/ARCHITETTURA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE/ARCHITETTURA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE/ARCHITETTURA II PROVA DI ACCERTAMENTO, FILA A GEOMETRIA 19/06/008 Esercizio 0.1. Si consideri il seguente endomorfismo di R 4 T (x, y, z, w) = ( x + y + z + w, y + z,

Dettagli