Confronto locale di funzioni

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Confronto locale di funzioni"

Transcript

1 Confronto locale di funzioni Equivalenza di funzioni in un punto Sia A R ed f, g due funzioni definite in A a valori in R. Sia x 0 R un punto di accumulazione per A. Definizione. Si dice che f è equivalente a g per x x 0 e si scrive: f x0 g, se esistono un intorno I(x 0, δ) ed una funzione h(x) definita in I(x 0, δ) A \ {x 0 } tali che: (a) = g(x)h(x), x I(x 0, δ) A \ {x 0 }; (b) h(x) = Proposizione.2 Se g(x) 0 in un intorno bucato I(x 0, δ ) A \ {x 0 } di x 0 allora f x0 g g(x) =. Dimostrazione Sia f x0 g allora esistono I(x 0, δ) ed h(x) tali che = g(x)h(x), x I(x 0, δ) A \ {x 0 } e h(x) =. Sia δ 0 = min{δ, δ } allora g(x) 0 per ogni x I(x 0, δ 0 ) A \ {x 0 }. g(x) = h(x) =. Viceversa, se g(x) 0 in un intorno bucato I(x 0, δ ) A \ {x 0 } di x 0, si può scegliere h(x) = /g(x). È facile verificare che valgono le condizioni (a) e (b) della Definizione.. Proposizione.3 La relazione x0 intorno bucato di x 0. è di equivalenza nell insieme delle funzioni definite in un

2 2 Dimostrazione Siano f, g, h funzioni definite in intorni bucati di x 0. La riflessività della relazione è ovvia. Simmetria: Se f x0 g allora esistono I(x 0, δ) ed k(x) soddisfacenti le condizioni (a) e (b) della Definizione.. Visto che k(x) =, esiste un intorno I(x 0, α) tale che k(x) > 0 per x I(x 0, α) \ {x 0 }. Allora se x I(x 0, δ) I(x 0, α) \ {x 0 }, si ha: g(x) = k(x) con k(x) =. f x0 g g x0 f. Transitività Se f x0 g e g x0 h, esistono due intorni di x 0, I(x 0, δ ) ed I(x 0, δ 2 ) e due funzioni k (x) e k 2 (x) con k (x) = k 2 (x) = tali che e = g(x)k (x), x I(x 0, δ ) A \ {x 0 } g(x) = h(x)k 2 (x), x I(x 0, δ 2 ) A \ {x 0 }. Ma allora se x I(x 0, δ ) I(x 0, δ 2 ) A \ {x 0 } si ha: = h(x)k (x)k 2 (x) e k (x)k 2 (x) = e quindi f x0 h. Esempio.4 Si ha : x x 2 ; infatti Si ha pure: x 3 2x 0 2x; infatti x 0 x 3 2x 2x = Questi esempi sono solo casi particolari della seguente Proposizione.5 Sia p(x) = (i) p(x) + a n x n x 2 + x + x 2 =. n a k x k un polinomio a coefficienti reali. Allora k=0 (ii) p(x) 0 m(x) dove m(x) è il monomio di grado minimo in p(x). Dimostrazione (i) Si ha: a 0 + a x + + a n x n x + a n x ( n a0 = x + a n x n + a x a n x n + + a n x n a n x n + a nx n ) a n x n (ii) Se a n x n, n n, è il monomio di grado minimo in p(x), allora: a n x n + + a n x n x 0 a n x n ( an x n = x 0 a n x n + + a nx n ) a n x n = =

3 3 La seguente lista di equivalenze si trae facilmente dai iti notevoli fin qui incontrati. ) sin x 0 x 2) cos x 0 2 x2 3) tan x 0 x 4) ( + x) α 0 αx 5) log( + x) 0 x 6) e x 0 x 7) sinh x 0 x 8) cosh x 0 2 x2 Nota.6 Se = l R \ {0} allora f è equivalente in x 0 alla funzione costatemente uguale a l in un intorno di x 0. Se l = 0, l affermazione precedente non è più vera, in generale: infatti f è equivalente a 0 in x 0, allora = 0 in un intorno bucato di {x 0 }. Proposizione.7 Supponiamo che f x0 g. Valgono le seguenti affermazioni: (i) se esiste, allora esiste g(x) e = g(x). (ii) se g(x) > 0 in un intorno bucato di x 0, allora anche > 0 in un intorno bucato di x 0. Dimostrazione Poiché f x0 g, esistono un intorno I(x 0, δ) e una funzione h(x) tali che: = g(x)h(x), x I(x 0, δ) A \ {x 0 } e h(x) =. Il teorema di permanenza del segno assicura allora che esiste un intorno bucato di x 0 dove h(x) > 0. Sia α il raggio di quest intorno. (i) Se δ = min{α, δ}, di ha e quindi g(x) = h(x), x I(x 0, δ ) \ {x 0 } A g(x) = h(x) =. (ii)se g(x) > 0 in I(x 0, β) \ {x 0 } A e h(x) > 0 in I(x 0, α) \ {x 0 } A e, ancora, = g(x)h(x), x I(x 0, δ) A \ {x 0 }, se γ = min{α, β, δ}, si ha certamente > 0 x I(x 0, γ) A \ {x 0 }

4 4 D ora in poi, per semplificare un po le dimostrazioni, supporremo che le funzioni che consideriamo siano diverse da zero in un intorno bucato dello zero. Questo ci consentirà, per la Proposizione., d intendere l equivalenza di due funzioni f e g in (un intorno di) x 0 nel modo seguente. f x0 g g(x) =. Quest ipotesi, benché restrittiva, è verificata da tutte le funzioni che si incontrano abitualmente nelle applicazioni. Resta inteso, però, che le proposizioni che daremo restano valide (salvo diverso avviso) anche nel caso generale. Si lascia alla buona volontà del lettore di provare le affermazioni senza quest ipotesi. Proposizione.8 Siano f, f 2, g, g 2 funzioni di A in R ed x 0 D(A). Valgono le seguenti affermazioni: (i) Se f x0 g e f 2 x0 g 2, allora f f 2 x0 g g 2. (ii) Se f x0 g, f 2 x0 g 2 e g 2 (x) 0 in un intorno bucato di x 0, allora f f 2 x0 g g 2. () Dimostrazione Si tratta di semplici applicazioni delle proposizioni riguardanti le operazioni con i iti. Per la (ii), va notato che l ipotesi che sia g 2 (x) 0 in un intorno bucato di x 0, implica, a causa dell equivalenza f 2 x0 g 2, che anche f 2 (x) 0 in un intorno bucato di x 0. Cosicché, entrambi i rapporti che compaiono nella () sono definiti in un intorno bucato di x 0 ed i iti che è necessario calcolare hanno senso. Nota.9 Diversamente dal caso della moltiplicazione, non è detto che se f x0 g e f 2 x0 g 2, allora anche f + f 2 x0 g + g 2. Si considerino, ad esempio, le funzioni: f (x) = x f 2 (x) = x 2 x g (x) = x g 2 (x) = x 4 x Allora, f 0 g e f 2 0 g 2. Ma (f + f 2 )(x) = x 2 e (g + g 2 )(x) = x 4 e queste due funzioni non sono equivalenti a 0. Diamo adesso alcune applicazioni delle proposizioni fin qui discusse. Esempio.0 Determiniamo il x sin x x 0 2 tan 2 x. Sappiamo che sin x 0 x e tan x 0 x. Applicando la Proposizione.8 si ha allora: x sin x 2 tan 2 x 0 x x 2x x = 2.

5 5 Dalla Proposizione.7(i) segue allora che x 0 x sin x 2 tan 2 x = 2. Esempio. Si voglia calcolare x 0 Procedendo come nell esempio.0, si ha: 3 log( + x) sin x. 4( cos x) log( + x) 0 x, sin x 0 x, cos x 0 2 x2 ; Perció Si conclude che 3 log( + x) sin x 4( cos x) 0 3x x 4 2 x2 = log( + x) sin x = 3 x 0 4( cos x) 2. Esempio.2 Calcoliamo Si ha: x 0 + x x sin 2. x 3 + x 0 3 x, sin x 0 x. 3 + x sin 2 x = x x x 2 = x 0 + 3x = +. Siano f : A B, f 2 : A B e g : B R. Sia x 0 D(A). Supponiamo che f x0 f 2. Si può dire che g f x0 g f 2? La risposta è, in generale, negativa, come mostra il seguente esempio. Esempio.3 Siano f (x) = x 2 + x, f 2 (x) = x 2, g(y) = e y. In questo caso f + f 2 ma g f + g f 2. Infatti, Vi sono però due importanti eccezioni: e x2 +x = x + e x2 x + ex = +.

6 6 Proposizione.4 Siano f, g : A R, x 0 R un punto di accumulazione per A ed f x0 g. (i) Se α R ed f α (x) e g α (x) sono definite in un intorno bucato di x 0, allora f α x0 g α. (ii) Se g(x) > 0 in un intorno bucato di x 0 ed esiste g(x) = l allora log x0 log g(x). Dimostrazione (i) Basta osservare che: f α (x) g α (x) = ( ) α =. g(x) (ii) Osserviamo che se g(x) > 0 in un intorno bucato di x 0, anche > 0 in un intorno bucato di x 0 per l equivalenza di f e g. Inoltre, l ipotesi che g(x) = l, assicura l esistenza di un intorno bucato di x 0 in cui log g(x) 0. Si ha allora: log log g(x) = log g(x) g(x) log g(x) = log g(x) log g(x) + =. Esempio.5 Calcoliamo x x 2 + x 3 x 0 + log(x + ). Si ha: x 2 + x 3 0 x 2 e quindi, per la Proposizione.4(i), x 2 + x 3 0 x 2 = x = x per x 0. Risulta quindi x x 2 + x 3 x x log(x + ) 0 + = x. x Esempio.6 Calcoliamo x x 2 + x 3 x 0 + log(x + ) x + = x 0 + x = 0. log(x 6 + 4). log x Anche qui si può applicare la Proposizione.4 ( la (ii) stavolta) e si ha: x x 6 log(x 6 + 4) + log(x 6 ) = 6 log x. log(x 6 + 4) 6 log x = x + log x x + log x = 6

7 7 Esempio.7 Calcoliamo Si ha: log 5x 4 + 3x x + x(x + 5) 5x 4 + 3x x 4 e quindi 5x 4 + 3x x 2 5; ne segue che log 5x 4 + 3x log(x 2 5). Inoltre x(x + 5) + x. log 5x 4 + 3x log log x = = 0. x + x(x + 5) x + x Proposizione.8 Siano f : A B e g, g 2 : B R ed x 0 R un punto di accumulazione per A. Sia = y 0. Supponiamo che g (y) y0 g 2 (y) e che valga una almeno delle seguenti condizioni: (a) g, g 2 sono continue in y 0 ; (b) esiste un intorno bucato di x 0 in cui y 0. Allora g f x0 g 2 f. Dimostrazione (a) Se g, g 2 sono continue in y 0, allora Poiché g (y) y0 g 2 (y) si ha: e quindi g () = g (y 0 ) e g 2 () = g 2 (y 0 ). g (y) = g 2 (y) = g (y 0 ) = g 2 (y 0 ) y y 0 y y 0 g () g 2 () = g (y 0 ) g 2 (y 0 ) = y y 0 g (y) g 2 (y) =, facendo uso del principio di sostituzione della variabile. (b) Anche in questo caso si fa uso del principio di sostituzione della variabile. In questo caso si ha: g () = g (y) e g 2 () = g 2 (y). y y 0 y y 0 g () g 2 () = y y 0 g (y) g 2 (y) =.

8 8 Esempio.9 Calcoliamo sin(2x 3 5x) x 0 5x 4 + x. 2 Osserviamo intanto che 2x 3 5x 0 per x 0. Poiché sin y 0 y, per la proposizione precedente si ha : sin(2x 3 5x) 0 2x 3 5x 0 5x. Inoltre 5x 4 + x 2 0 x 2 e quindi 5x 4 + x 2 0 x 2 = x. sin(2x 3 5x) 5x = x 0 5x 4 + x 2 x 0 x. Ma quest ultimo ite non esiste. Infatti e Esempio.20 Calcoliamo x + 5x = 5 x 0 + x 5x = 5. x 0 x sinh(3x 3 + 5) x 2 e 4x3. + Osserviamo che 3x per x +. Inoltre Essendo x x 2, si ha: x + Esempio.2 Calcoliamo sinh y + e y 2. sinh (3x 3 e 3x ) +. 2 sinh (3x 3 + 5) x 2 e 4x3 = + sin log( + 3x 5 tan x). x 0 x 2 + 3x 5 +5 x + e x3 2x 2 = 0. Notiamo, innanzitutto, che la funzione è ben definita in un intorno di 0, essendo x 2 + 3x 5 > 0 per x > 3. 3 Si ha poi: sin log( + 3x 5 tan x) 0 log( + 3x 5 tan x) 0 3x 5 tan x 0 3x 6 e x 2 + 3x 5 0 x 6. sin log( + 3x 5 tan x) = 3. x 0 x 2 + 3x 5

9 9 2 o-piccoli Sia A R ed f, g due funzioni definite in A a valori in R. Sia x 0 R un punto di accumulazione per A. Definizione 2. Si dice che f è o-piccolo di g per x x 0 e si scrive: f = o(g), x x 0, se esistono un intorno I(x 0, δ) ed una funzione h(x) definita in I(x 0, δ) A \ {x 0 } tali che: (a) = g(x)h(x), x I(x 0, δ) A \ {x 0 }; (b) h(x) = 0 Proposizione 2.2 Se g(x) 0 in un intorno bucato I(x 0, δ ) A \ {x 0 } di x 0 allora f = o(g), x x 0 g(x) = 0. Anche in questo paragrafo, per le dimostrazioni, ci metteremo sempre nell ipotesi della Proposizione 2.2. Diamo alcuni semplici esempi x 2 = o(x) per x 0; x = o(x 2 ) per x + ; sin x = o(x) per x +. Quest ultimo esempio mostra che può essere f = o(g) per x x 0 senza che esista il x x0. f e g possono comportarsi in modo molto diverso per x x 0. Proposizione 2.3 Sia f = o(g), per x x 0. (a) Se g(x) = l, allora = 0; (b) Se = l R \ {0}, allora g(x) = Proposizione 2.4 f = o() per x x 0 = 0 La facile dimostrazione è lasciata come esercizio. Vediamo adesso che succede riguardo alle operazioni.

10 0 Proposizione 2.5 Valgono le seguenti affermazioni: (i) f = o(g) per x x 0, c R \ {0} f = o(cg) per x x 0 (ii) f = o(g) per x x 0, ed f 2 = o(g) per x x 0 f + f 2 = o(g) per x x 0. (iii) f = o(g) per x x 0, ed h(x) è una funzione definita in un intorno bucato di x 0, hf = o(hg) per x x 0. (iv) f = o(g) per x x 0, ed h = o(k) per x x 0, fh = o(gk) per x x 0. (v) f = o(g) per x x 0 e g x0 h f = o(h) per x x 0. (vi) f x0 h ed h = o(g) per x x 0 f = o(g) per x x 0. Anche la dimostrazione di queste affermazioni è molto semplice e viene lasciata come esercizio. Nota 2.6 Le proprietà (i)-(iv) elencate nella proposizione precedente vengono spesso scritte, in modo simbolico e conciso, nel modo seguente: (i ) o(g) = c o(g) per x x 0, c R \ {0}. (ii ) o(g) + o(g) = o(g) per x x 0. (iii ) ho(g) = o(hg) per x x 0. (iv) o(g)o(k) = o(gk) per x x 0. Queste regole assumono un significato più preciso, e molto meno simbolico, se si pensa ad o(g) ( per x x 0 ) come ad un insieme di funzioni. Fissata g, infatti o(g) è l insieme di tutte le funzioni che sono o(g) per x x 0 nel senso della Definizione 2.. Tenendo in mente questo fatto, la (ii ), per esempio, si legge: la somma di due funzioni appartenenti ad o(g) per x x 0 è ancora una funzione appartenente ad o(g) per x x 0. L importanza degli o-piccoli è messa in luce dal seguente: Teorema 2.7 (Principio di einazione dei termini trascurabili) Se f = o(f) per x x 0 e g = o(g) per x x 0, allora + f (x) g(x) + g (x) = g(x). Dimostrazione Diamo questa dimostrazione nel caso più generale possibile, cioè senza supporre che f e g siano diverse da zero in un intorno bucato di x 0. Per le ipotesi, esistono due intorni I(x 0, δ ) ed I(x 0, δ 2 ) e due funzioni h (x) ed h 2 (x) tali che e h (x) = h 2 (x) = 0 f (x) = h (x) x I(x 0, δ ) \ {x 0 } A,

11 Allora g (x) = g(x)h 2 (x) x I(x 0, δ 2 ) \ {x 0 } A. + f (x) g(x) + g (x) = ( + h (x)) g(x)( + h 2 (x)) = g(x). Esempio 2.8 Si voglia calcolare x + 3 x x 0 + tan 2 x. Si ha:x = o(3 x) = o( x) per x 0 +. x + 3 x x 0 + tan 2 x = x 0 + x x tan 2 x = x 0 + x 2 = +. Teorema 2.9 f x0 g f g = o(g), per x x 0. Dimostrazione Basta osservare che g(x) = g(x) = 0. g(x) Nota 2.0 Si suole anche scrivere, se f g = o(g), per x x 0 che = g(x) + o(g) per xtox 0. Il teorema precedente dunque afferma che f x0 g f = g + o(g), per x x 0 Esempio 2. Calcoliamo sin x + tan x x 0 x + x. Da sin x 0 x si ha sin x = x + o(x), x 0 e da tan x 0 x si ha tan x = x + o(x), x 0. sin x + tan x = 2x + o(x), x 0. Inoltre x + x 0 x; quindi x + x = x + o(x), x 0. Allora: sin x + tan x x 0 x 2x + o(x) = + x x 0 x + o(x) = 2x x 0 x = 2. Esempio 2.2 Calcoliamo Per x 0, si ha: x x 3 x. sin x 3 + x 3 x sin x = ( 3 + x ) ( 3 x ) sin x 3 = x + o( 3 x) ( 3 x + o( 3 x)) x + o(x) 2 3 = x + o(x) x + o(x).

12 2 3 + x 3 2 x 3 = x + o(x) x 0 sin x x 0 x + o(x) = 2 3. Quanto fin qui visto si applica, con ovvie modifiche, anche alle successioni. Diamo un esempio. Esempio 2.3 Calcoliamo il ite della successione {a n } di termine generale a n = n + n n n. Si ha n + n n n = n = n = n ( + ) ( n ) n n ( ( + n + n ) n ) +. n Dall equivalenza ( + x) α 0 αx si deduce che + = n 2 n + o( 2 ), n + n e e, in conclusione = n 2 n + o( 2 ), n +. n n + n n n = ( n n + o( ) ), n + n a n = + n o( n ), n + a n =. n + Per concludere, diamo una tabella, di equivalenze. Si lascia al lettore di verificarle.

13 3 equivalente in x 0 a g(x) sin x 0 x cos x 0 2 x2 tan x 0 x log( + x) 0 x e x 0 x sinh x 0 x cosh x 0 2 x2 tanh x 0 x arcsin x 0 x arctan x 0 x sett sinh x 0 x sett tanh x 0 x sinh x + 2 ex cosh x + 2 ex sett sinh x + log x sett cosh x + log x sinh x 2 e x cosh x 2 e x sett sinh x log( x) Esercizio Dimostrare le seguenti equivalenze: arccos x 2( x) cos x π 2 tan x π 2 π 2 x π 2 x sett cosh x 2(x )

1) Applicando la definizione di derivata, calcolare la derivata in x = 0 delle funzioni: c) x + 1 d)x sin x.

1) Applicando la definizione di derivata, calcolare la derivata in x = 0 delle funzioni: c) x + 1 d)x sin x. Funzioni derivabili Esercizi svolti 1) Applicando la definizione di derivata, calcolare la derivata in x = 0 delle funzioni: a)2x 5 b) x 3 x 4 c) x + 1 d)x sin x. 2) Scrivere l equazione della retta tangente

Dettagli

Forme indeterminate e limiti notevoli

Forme indeterminate e limiti notevoli Forme indeterminate e iti notevoli Limiti e continuità Forme indeterminate e iti notevoli Forme indeterminate Teorema di sostituzione Limiti notevoli Altre forme indeterminate 2 2006 Politecnico di Torino

Dettagli

Simboli di Landau. Equivalenza. Esempi (limiti notevoli).

Simboli di Landau. Equivalenza. Esempi (limiti notevoli). Simboli di Landau Conducono ad un algebra snella e significativa per il calcolo di iti Procurano un linguaggio tecnico per confrontare il comportamento di due funzioni nell intorno bucato di c (comportamento

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA

CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA ESERCITAZIONI DI ANALISI MATEMATICA I BREVI RICHIAMI DELLA TEORIA DEI LIMITI. Confronto di infinitesimi. Sia A sottoinsieme di R, sia 0 punto di accumulazione di A nella topologia

Dettagli

Continuità di funzioni

Continuità di funzioni Continuità di funzioni Annalisa Cesaroni, Paola Mannucci e Alvise Sommariva Università degli Studi di Padova Dipartimento di Matematica 2 novembre 2015 Annalisa Cesaroni, Paola Mannucci e Alvise Sommariva

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN FISICA

CORSO DI LAUREA IN FISICA CORSO DI LAUREA IN FISICA ANALISI MATEMATICA I BREVI RICHIAMI DELLA TEORIA DEI LIMITI. Confronto di infinitesimi. Sia A sottoinsieme di R, sia 0 punto di accumulazione di A nella topologia di R quindi

Dettagli

I POLINOMI DI TAYLOR. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 16/17 Sviluppi di Taylor cap7.pdf 1

I POLINOMI DI TAYLOR. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 16/17 Sviluppi di Taylor cap7.pdf 1 I POLINOMI DI TAYLOR c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 16/17 Sviluppi di Taylor cap7.pdf 1 Il simbolo o piccolo Siano f (x) e g(x) funzioni infinitesime per x x 0 e consideriamo f (x) il lim

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Limiti di funzioni

Corso di Analisi Matematica Limiti di funzioni Corso di Analisi Matematica Limiti di funzioni Laurea in Informatica e Comunicazione Digitale A.A. 2013/2014 Università di Bari ICD (Bari) Analisi Matematica 1 / 39 1 Definizione di ite 2 Il calcolo dei

Dettagli

Sviluppi e derivate delle funzioni elementari

Sviluppi e derivate delle funzioni elementari Sviluppi e derivate delle funzioni elementari In queste pagine dimostriamo gli sviluppi del prim ordine e le formule di derivazioni delle principali funzioni elementari. Utilizzeremo le uguaglianze lim

Dettagli

Limiti e continuità. Teoremi sui limiti. Teorema di unicità del limite Teorema di permanenza del segno Teoremi del confronto Algebra dei limiti

Limiti e continuità. Teoremi sui limiti. Teorema di unicità del limite Teorema di permanenza del segno Teoremi del confronto Algebra dei limiti Limiti e continuità Teorema di unicità del ite Teorema di permanenza del segno Teoremi del confronto Algebra dei iti 2 2006 Politecnico di Torino 1 Se f(x) =` ` è unico Per assurdo, siano ` 6= `0 con f(x)

Dettagli

Funzioni derivabili (V. Casarino)

Funzioni derivabili (V. Casarino) Funzioni derivabili (V. Casarino) Esercizi svolti 1) Applicando la definizione di derivata, calcolare la derivata in = 0 delle funzioni: a) 5 b) 3 4 c) + 1 d) sin. ) Scrivere l equazione della retta tangente

Dettagli

Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 2 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata, Matematica

Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 2 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata, Matematica DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Università degli Studi di Trento Via Sommarive - Povo (TRENTO) Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 2 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata,

Dettagli

Calcolo integrale: esercizi svolti

Calcolo integrale: esercizi svolti Calcolo integrale: esercizi svolti Integrali semplici................................ Integrazione per parti............................. Integrazione per sostituzione......................... 4 4 Integrazione

Dettagli

vuol dire che preso M > 0 sufficientemente grande, esiste δ = δ(m) > 0 tale per cui x 1 > M lim

vuol dire che preso M > 0 sufficientemente grande, esiste δ = δ(m) > 0 tale per cui x 1 > M lim AMA Ing.Edile - Prof. Colombo Esercitazioni: Francesco Di Plinio - francesco.diplinio@libero.it Limiti - Soluzioni. Esercizio 5.2. ii) Dire che x 5 x + x = +, vuol dire che preso M > 0 sufficientemente

Dettagli

Esercizi sulle Funzioni

Esercizi sulle Funzioni AM0 - A.A. 03/4 ALFONSO SORRENTINO Esercizi sulle Funzioni Esercizio svolto. Trovare i domini di definizione delle seguenti funzioni: a) f) sin + cos ; b) g) log ) ; c) h) sin + e sin. Soluzione. a) La

Dettagli

Funzioni (parte II).

Funzioni (parte II). Funzioni (parte II). Paola Mannucci e Alvise Sommariva Università degli Studi di Padova Dipartimento di Matematica 21 ottobre 214 Paola Mannucci e Alvise Sommariva Introduzione. 1/ 55 Funzioni trigonometriche.

Dettagli

1 Polinomio di Taylor 1. 2 Formula di Taylor 2. 3 Alcuni sviluppi notevoli 2. 4 Uso della formula di Taylor nel calcolo dei limiti 4

1 Polinomio di Taylor 1. 2 Formula di Taylor 2. 3 Alcuni sviluppi notevoli 2. 4 Uso della formula di Taylor nel calcolo dei limiti 4 1 POLINOMIO DI TAYLOR 1 Formula di Taylor Indice 1 Polinomio di Taylor 1 Formula di Taylor 3 Alcuni sviluppi notevoli 4 Uso della formula di Taylor nel calcolo dei iti 4 5 Soluzioni degli esercizi 6 La

Dettagli

SVILUPPI DI TAYLOR Esercizi risolti

SVILUPPI DI TAYLOR Esercizi risolti Esercizio 1 SVILUPPI DI TAYLOR Esercizi risolti Utilizzando gli sviluppi fondamentali, calcolare gli sviluppi di McLaurin con resto di Peano delle funzioni seguenti fino all ordine n indicato: 1. fx log1

Dettagli

Prove scritte di Analisi I - Informatica

Prove scritte di Analisi I - Informatica Prove scritte di Analisi I - Informatica Prova scritta del 3 gennaio Esercizio Stabilire il comportamento delle seguenti serie: n= n + 3 sin n, n= ( ) n n + 3 sin n, n= (n)! (n!), n= n + n 9 n + n. Esercizio

Dettagli

13 LIMITI DI FUNZIONI

13 LIMITI DI FUNZIONI 3 LIMITI DI FUNZIONI Estendiamo la nozione di ite a funzioni reali di variabile reale. Definizione caratterizzazione per successioni) Si ha fx) = L x 0, L R) se e solo se per ogni successione a n x 0 con

Dettagli

Alcune nozioni di calcolo differenziale

Alcune nozioni di calcolo differenziale Alcune nozioni di calcolo differenziale G. Mastroeni, M. Pappalardo 1 Limiti per funzioni di piu variabili Supporremo noti i principali concetti algebrici e topologici relativi alla struttura dello spazio

Dettagli

3. Successioni di insiemi.

3. Successioni di insiemi. 3. Successioni di insiemi. Per evitare incongruenze supponiamo, in questo capitolo, che tutti gli insiemi considerati siano sottoinsiemi di un dato insieme S (l insieme ambiente ). Quando occorrerà considerare

Dettagli

25 IL RAPPORTO INCREMENTALE - DERIVATE

25 IL RAPPORTO INCREMENTALE - DERIVATE 25 IL RAPPORTO INCREMENTALE - DERIVATE Definizione Sia f una funzione reale di variabile reale. Allora, dati x, y domf con x y, si definisce il rapporto incrementale di f tra x e y come P f (x, y = f(x

Dettagli

Analisi matematica I. Sviluppi di Taylor e applicazioni. Sviluppi di Taylor. Operazioni sugli sviluppi di Taylor e applicazioni

Analisi matematica I. Sviluppi di Taylor e applicazioni. Sviluppi di Taylor. Operazioni sugli sviluppi di Taylor e applicazioni Analisi matematica I e applicazioni Operazioni sugli sviluppi di Taylor e applicazioni 2 2006 Politecnico di Torino 1 e applicazioni Formule di Taylor con resto di Peano: caso e n =0 n =1 Formule di Taylor

Dettagli

Esercizi di Analisi Matematica I

Esercizi di Analisi Matematica I Esercizi di Analisi Matematica I (corso tenuto dal Prof Alessandro Fonda) Università di Trieste, CdL Fisica e Matematica, aa 2012/2013 1 Principio di induzione 1 Dimostrare che per ogni numero naturale

Dettagli

Riassumiamo le proprietà dei numeri reali da noi utilizzate nel corso di Geometria.

Riassumiamo le proprietà dei numeri reali da noi utilizzate nel corso di Geometria. Capitolo 2 Campi 2.1 Introduzione Studiamo ora i campi. Essi sono una generalizzazione dell insieme R dei numeri reali con le operazioni di addizione e di moltiplicazione. Nel secondo paragrafo ricordiamo

Dettagli

Esercizi svolti. a 2 x + 3 se x 0; determinare a in modo che f risulti continua nel suo dominio.

Esercizi svolti. a 2 x + 3 se x 0; determinare a in modo che f risulti continua nel suo dominio. Esercizi svolti 1. Sia sin(x ) f(x) = x ( 1 + x 1 ) se x > 0 a x + 3 se x 0; determinare a in modo che f risulti continua nel suo dominio.. Scrivere l equazione della retta tangente nel punto di ascissa

Dettagli

Limite di successioni

Limite di successioni Limite di successioni Ricordiamo che: una successione è una funzione a : n N a (n) R si pone a n = a (n) e la successione stessa viene indicata con (a n ) n0 oppure a 0,a 1,a 2,a 3,... è ammesso che sia

Dettagli

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi risolti

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi risolti CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi risolti. Determinare [cos x] x kπ/ al variare di k in Z. Ove tale ite non esista, discutere l esistenza dei iti laterali. Identificare i punti di discontinuità della

Dettagli

CORSO DI ANALISI MATEMATICA 2 SOLUZIONI ESERCIZI PROPOSTI 15/04/2013

CORSO DI ANALISI MATEMATICA 2 SOLUZIONI ESERCIZI PROPOSTI 15/04/2013 CORSO DI ANALISI MATEMATICA SOLUZIONI ESERCIZI PROPOSTI 5/04/03 D.BARTOLUCCI, D.GUIDO. Integrali Impropri Esercizio. (CRITERIO DEL CONFRONTO). Dimostrare che se f : (a, b] R e g(x) : (a, b] R sono integrabili

Dettagli

Argomento 4. Calcolo dei limiti II: forme indeterminate

Argomento 4. Calcolo dei limiti II: forme indeterminate Argomento 4 Calcolo dei iti II: forme indeterminate Confronto tra infiniti (forme indeterminate e ) Definizione 4 Una funzione f si dice un infinito per x P se =+ o Date le funzioni f e g, infiniti per

Dettagli

1 Primitive e integrali indefiniti

1 Primitive e integrali indefiniti Analisi Matematica 2 CORSO DI STUDI IN SMID CORSO DI ANALISI MATEMATICA 2 CAPITOLO 2 CALCOLO INTEGRALE Primitive e integrali indefiniti. Definizione di primitiva e di integrale indefinito Data una funzione

Dettagli

Dimostrazione. Indichiamo con α e β (finiti o infiniti) gli estremi dell intervallo I. Poniamo

Dimostrazione. Indichiamo con α e β (finiti o infiniti) gli estremi dell intervallo I. Poniamo C.6 Funzioni continue Pag. 114 Dimostrazione del Corollario 4.25 Corollario 4.25 Sia f continua in un intervallo I. Supponiamo che f ammetta, per x tendente a ciascuno degli estremi dell intervallo, iti

Dettagli

Limiti di successioni

Limiti di successioni Capitolo 5 Limiti di successioni 5.1 Successioni Quando l insieme di definizione di una funzione coincide con l insieme N costituito dagli infiniti numeri naturali 1, 2, 3,... talvolta si considera anche

Dettagli

21 IL RAPPORTO INCREMENTALE - DERIVATE

21 IL RAPPORTO INCREMENTALE - DERIVATE 21 IL RAPPORTO INCREMENTALE - DERIVATE Definizione Sia f una funzione reale di variabile reale. Allora, dati x, y domf con x y, si definisce il rapporto incrementale di f tra x e y come P f (x, y = f(x

Dettagli

Funzioni di più variabli: dominio, limiti, continuità

Funzioni di più variabli: dominio, limiti, continuità Funzioni di più variabli: dominio, limiti, continuità Riccarda Rossi Università di Brescia Analisi Matematica B Riccarda Rossi (Università di Brescia) Funzioni di più variabli Analisi Matematica B 1 /

Dettagli

Teorema delle Funzioni Implicite

Teorema delle Funzioni Implicite Teorema delle Funzioni Implicite Sia F una funzione di due variabili definita in un opportuno dominio D di R 2. Consideriamo l equazione F (x, y) = 0, questa avrà come soluzioni coppie di valori (x, y)

Dettagli

Esercizi riguardanti limiti di successioni e di funzioni

Esercizi riguardanti limiti di successioni e di funzioni Esercizi riguardanti iti di successioni e di funzioni Davide Boscaini Queste sono le note da cui ho tratto le esercitazioni del giorno 0 Novembre 20. Come tali sono ben lungi dall essere esenti da errori,

Dettagli

LIMITI E CONTINUITÀ 2 / ESERCIZI PROPOSTI

LIMITI E CONTINUITÀ 2 / ESERCIZI PROPOSTI ANALISI MATEMATICA I - AA 03/04 LIMITI E CONTINUITÀ / ESERCIZI PROPOSTI L asterisco contrassegna gli esercizi più difficili Simboli di Landau Provare che: a) cos = o (sin ) b) 3 = o + 3 e + 3 = o 3 c)

Dettagli

A Analisi Matematica 1 (Corso di Laurea in Informatica e Bioinformatica) Simulazione compito d esame

A Analisi Matematica 1 (Corso di Laurea in Informatica e Bioinformatica) Simulazione compito d esame COGNOME NOME Matr. A Analisi Matematica (Corso di Laurea in Informatica e Bioinformatica) Firma dello studente Tempo: 3 ore. Prima parte: test a risposta multipla. Una ed una sola delle 4 affermazioni

Dettagli

EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esercizi svolti. y = xy. y(2) = 1.

EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esercizi svolti. y = xy. y(2) = 1. EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esercizi svolti 1. Determinare la soluzione dell equazione differenziale (x 2 + 1)y + y 2 =. y + x tan y = 2. Risolvere il problema di Cauchy y() = 1 2 π. 3. Risolvere il problema

Dettagli

Analisi Matematica 1 (Modulo) Prove Parziali A.A. 1999/2008

Analisi Matematica 1 (Modulo) Prove Parziali A.A. 1999/2008 Analisi 1 Polo di Savona Analisi Matematica 1 (Modulo) Prove Parziali A.A. 1999/2008 1- PrA1.TEX [] Analisi 1 Polo di Savona Prima prova Parziale 21/10/1998 Prima prova Parziale 21/10/1998 Si consideri

Dettagli

Calcolo integrale. Regole di integrazione

Calcolo integrale. Regole di integrazione Calcolo integrale Linearità dell integrale Integrazione per parti Integrazione per sostituzione Integrazione di funzioni razionali 2 2006 Politecnico di Torino Proprietà Siano e funzioni integrabili su

Dettagli

Alcuni esercizi: funzioni di due variabili e superfici

Alcuni esercizi: funzioni di due variabili e superfici ANALISI MATEMATICA T- (C.d.L. Ing. per l ambiente e il territorio) - COMPL. DI ANALISI MATEMATICA (A-K) (C.d.L. Ing. Civile) A.A.008-009 - Prof. G.Cupini Alcuni esercizi: funzioni di due variabili e superfici

Dettagli

LIMITI - ESERCIZI SVOLTI

LIMITI - ESERCIZI SVOLTI LIMITI - ESERCIZI SVOLTI ) Verificare mediante la definizione di ite che a) 3 5) = b) = + ) c) 3n n + n+ = + d) 3+ = 3. ) Calcolare utilizzando i teoremi sull algebra dei iti a) 3 + ) b) + c) 0 + d) ±

Dettagli

Temi d esame di Analisi Matematica 1

Temi d esame di Analisi Matematica 1 Temi d esame di Analisi Matematica 1 Area di Ingegneria dell Informazione - a cura di M. Bardi 31.1.95 f(x) = xe arctan 1 x (insieme di definizione, segno, iti ed asintoti, continuità e derivabilità, crescenza

Dettagli

Analisi Matematica I DISEQUAZIONI Risposte Pagina Es. 1 Es. 2 Es. 3 Es. 4 Es. 5 1

Analisi Matematica I DISEQUAZIONI Risposte Pagina Es. 1 Es. 2 Es. 3 Es. 4 Es. 5 1 Analisi Matematica I DISEQUAZIONI Risposte Pagina Es. Es. Es. 3 Es. 4 Es. 5 AVVERTENZA: Scrivere le risposte scelte nello spazio in alto a destra. In ogni esercizio una sola risposta è corretta. Esercizio.

Dettagli

Svolgimento degli esercizi del Capitolo 1

Svolgimento degli esercizi del Capitolo 1 Analisi Matematica a edizione Svolgimento degli esercizi del Capitolo a) Si ha perciò si distinguono due casi: I) se x < 7,siha x 7 se x 7 x 7 7 x se x < 7, x 7 7 x x x 5 x 5, e poiché 5 > 7 la disequazione

Dettagli

a) Determinare il dominio, i limiti agli estremi del dominio e gli eventuali asintoti di f. Determinare inoltre gli zeri di f e studiarne il segno.

a) Determinare il dominio, i limiti agli estremi del dominio e gli eventuali asintoti di f. Determinare inoltre gli zeri di f e studiarne il segno. 1 ESERCIZI CON SOLUZIONE DETTAGLIATA Esercizio 1. Si consideri la funzione f(x) = e x 3e x +. a) Determinare il dominio, i limiti agli estremi del dominio e gli eventuali asintoti di f. Determinare inoltre

Dettagli

19 LIMITI FONDAMENTALI - II

19 LIMITI FONDAMENTALI - II 19 LIMITI FONDAMENTALI - II 3. Il ite che permette il calcolo di forme indeterminate in cui sono presenti funzioni logaritmiche è: log1 + = 1. La dimostrazione di questo ite si ha subito dal ite Esempio.

Dettagli

ESERCIZI SUI PUNTI DI NON DERIVABILITÀ TRATTI DA TEMI D ESAME

ESERCIZI SUI PUNTI DI NON DERIVABILITÀ TRATTI DA TEMI D ESAME ESERCIZI SUI PUNTI DI NON DERIVABILITÀ TRATTI DA TEMI D ESAME a cura di Michele Scaglia FUNZIONI DERIVABILI Sia f : domf R una funzione e sia 0 domf di accumulazione per domf Chiamiamo derivata prima di

Dettagli

LEZIONE 15. (15.1.2) p(x) = a 0 x n + a 1 x n a n 1 x + a n = a h x n h.

LEZIONE 15. (15.1.2) p(x) = a 0 x n + a 1 x n a n 1 x + a n = a h x n h. LEZIONE 15 15.1. Polinomi a coefficienti complessi e loro e loro radici. In questo paragrafo descriveremo alcune proprietà dei polinomi a coefficienti complessi e delle loro radici. Già nel precedente

Dettagli

ANALISI MATEMATICA PER IL CdL IN INFORMATICA ESERCIZI SULLE DISEQUAZIONI

ANALISI MATEMATICA PER IL CdL IN INFORMATICA ESERCIZI SULLE DISEQUAZIONI ANALISI MATEMATICA PER IL CdL IN INFORMATICA ESERCIZI SULLE DISEQUAZIONI Risolvere le seguenti disequazioni: ( 1 ) x < x + 1 1) 4x + 4 x ) x + 1 > x 4x x 10 ) x 4 x 5 4x + > ; 4) ; 5) 0; ) x 1 x + 1 x

Dettagli

Soluzioni dei quesiti della maturità scientifica A.S. 2009/2010

Soluzioni dei quesiti della maturità scientifica A.S. 2009/2010 Soluzioni dei quesiti della maturità scientifica AS 009/010 Nicola Gigli Sun-Ra Mosconi giugno 010 Quesito 1 Un generico polinomio di grado n si può scrivere nella forma p(x) a 0 + a 1 x + + a n x n dove

Dettagli

SOLUZIONI COMPITO del 1/02/2013 ANALISI MATEMATICA I - 9 CFU INGEGNERIA MECCANICA - INGEGNERIA ENERGETICA INGEGNERIA AMBIENTE e TERRITORIO TEMA A

SOLUZIONI COMPITO del 1/02/2013 ANALISI MATEMATICA I - 9 CFU INGEGNERIA MECCANICA - INGEGNERIA ENERGETICA INGEGNERIA AMBIENTE e TERRITORIO TEMA A SOLUZIONI COMPITO del /0/0 ANALISI MATEMATICA I - 9 CFU INGEGNERIA MECCANICA - INGEGNERIA ENERGETICA INGEGNERIA AMBIENTE e TERRITORIO TEMA A Esercizio Osserviamo che la serie proposta è a termini di segno

Dettagli

Argomento 6 Derivate

Argomento 6 Derivate Argomento 6 Derivate Derivata in un punto Definizione 6. Data una funzione f definita su un intervallo I e 0 incrementale di f in 0 di incremento h = 0 = il rapporto I, si chiama rapporto per = 0 + h =

Dettagli

Quando non espressamente detto, intendiamo che: f : R R x 0 R è punto di accumulazione per dom(f).

Quando non espressamente detto, intendiamo che: f : R R x 0 R è punto di accumulazione per dom(f). Teoremi sui iti Quando non espressamente detto, intendiamo che: f : R R 0 R è punto di accumulazione per dom(f). Teorema di unicità del ite. Supponiamo che f ammetta ite l (finito o infinito) per 0. Allora

Dettagli

Principio di induzione: esempi ed esercizi

Principio di induzione: esempi ed esercizi Principio di induzione: esempi ed esercizi Principio di induzione: Se una proprietà P n dipendente da una variabile intera n vale per n e se, per ogni n N vale P n P n + allora P vale su tutto N Variante

Dettagli

Derivazione. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara

Derivazione. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara Derivazione Lorenzo Pareschi Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara http://utenti.unife.it/lorenzo.pareschi/ lorenzo.pareschi@unife.it Lorenzo Pareschi (Univ. Ferrara)

Dettagli

1 prof. Claudio Saccon, Dipartimento di Matematica Applicata, () December 30, / 26

1 prof. Claudio Saccon, Dipartimento di Matematica Applicata, () December 30, / 26 ANALISI 1 1 UNDICESIMA LEZIONE DODICESIMA LEZIONE TREDICESIMA LEZIONE Derivata - definizione e teoremi di calcolo delle derivate Massimi e minimi relativi e teorema di Fermat Teorema di Lagrange Monotonia

Dettagli

Corso di Analisi Matematica

Corso di Analisi Matematica Corso di Laurea in Ingegneria Edile Corso di TEOREMI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Lucio Demeio Dipartimento di Ingegneria Industriale e delle Scienze Matematiche Teorema di Estremi locali Richiamiamo la

Dettagli

tele limite è unico. Ciò significa che se non può accadere che una funzione abbia limiti diversi per x. Se per assurdo si avesse che lim f ( x)

tele limite è unico. Ciò significa che se non può accadere che una funzione abbia limiti diversi per x. Se per assurdo si avesse che lim f ( x) Calcolo dei iti (C. DIMAURO) Per il calcolo dei iti ci serviamo di alcuni teoremi. Tali teoremi visti nel caso in cui, valgono anche quando Teorema dell unicità del ite: se una funzione ammette ite per

Dettagli

Alcuni Teoremi sulle funzioni continue e uniforme continuità

Alcuni Teoremi sulle funzioni continue e uniforme continuità Alcuni Teoremi sulle funzioni continue e uniforme continuità Teorema 0. Una funzione f(x) è continua in x 0 se e solo se per ogni sucessione {x n } dom(f) con x n x 0 dom(f), risulta f(x n ) f(x 0 ). (Non

Dettagli

Compiti d Esame A.A. 2005/2006

Compiti d Esame A.A. 2005/2006 Compiti d Esame A.A. 25/26 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA A.A. 25/26 I Esercitazione 21 Aprile 26 { y = xy ln(xy) si chiede di dimostrare che: y(1) = 1, (a) ammette un unica soluzione massimale y =

Dettagli

1 Limiti e continuità per funzioni di una variabile

1 Limiti e continuità per funzioni di una variabile 1 Limiti e continuità per funzioni di una variabile Considerazioni introduttive Consideriamo la funzione f() = sin il cui dominio naturale è R\ {0}. Problema: non è possibile calcolare il valore di f per

Dettagli

INFINITESIMI ed INFINITI a cura di Angelica Malaspina Università degli Studi della Basilicata

INFINITESIMI ed INFINITI a cura di Angelica Malaspina Università degli Studi della Basilicata INFINITESIMI ed INFINITI a cura di Angelica Malaspina Università degli Studi della Basilicata In queste pagine utilizzeremo il simbolo R = [, + ]. Se x 0 R, con la scrittura x x 0 intenderemo che x x 0

Dettagli

Esercizi di Analisi Matematica

Esercizi di Analisi Matematica Università degli Studi di Udine Anno Accademico 006/07 Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Esercizi di Analisi Matematica Esercizi del 3 ottobre 006 Dimostrare

Dettagli

Massimo limite e minimo limite di una funzione

Massimo limite e minimo limite di una funzione Massimo limite e minimo limite di una funzione Sia f : A R una funzione, e sia p DA). Per ogni r > 0, l insieme ) E f p r) = { fx) x A I r p) \ {p} } è non vuoto; inoltre E f p r ) E f p r ) se 0 < r r.

Dettagli

Esercizi per il corso Matematica clea

Esercizi per il corso Matematica clea Esercizi per il corso Matematica clea Daniele Ritelli anno accademico 008/009 Lezione : Numeri naturali e principio di induzione Esercizi svolti. Provare che + + + n. Provare che + + + n n(n + ) n(n +

Dettagli

1 - CONFRONTO LOCALE: I SIMBOLI DI LANDAU

1 - CONFRONTO LOCALE: I SIMBOLI DI LANDAU - CONFRONTO LOCALE: I SIMBOLI DI LANDAU Nello studio del comportamento di una funzione vicino ad un punto 0, dopo aver visto se la funzione ammette ite (finito, nullo o infinito, per 0, può interessare

Dettagli

1 Successioni di funzioni

1 Successioni di funzioni Successioni di Esercizio.. Studiare la convergenza puntuale ed uniforme della seguente successione di (.) f n (x) = n x Osserviamo che fissato x R f n(x) = + n x x R. x ( n + x ) = pertanto la successione

Dettagli

ESERCIZIARIO SULL'APPLICAZIONE DELLE DERIVATE

ESERCIZIARIO SULL'APPLICAZIONE DELLE DERIVATE ESERCIZIARIO SULL'APPLICAZIONE DELLE DERIVATE Determinare l incremento della funzione f (x) = x 2 relativo al punto x 0 e all incremento x x 0, nei seguenti casi:. x 0 =, x = 2 2. x 0 =, x =. 3. x 0 =,

Dettagli

x 1 Fig.1 Il punto P = P =

x 1 Fig.1 Il punto P = P = Geometria di R 2 In questo paragrafo discutiamo le proprietà geometriche elementari del piano Per avere a disposizione delle coordinate nel piano, fissiamo un punto, che chiamiamo l origine Scegliamo poi

Dettagli

Calcolo differenziale per funzioni di una variabile

Calcolo differenziale per funzioni di una variabile Capitolo 8 8. Definizione di derivata Sia y = f(x) definita nell intervallo A e sia fissato x 0 A. Diamo a x 0 un arbitrario incremento 0 su A, e indichiamo con y = f(x 0 + ) f(x 0 ) il corrispondente

Dettagli

Calcolo di integrali definiti utilizzando integrali dipendenti da parametri

Calcolo di integrali definiti utilizzando integrali dipendenti da parametri Calcolo di integrali definiti utilizzando integrali dipendenti da parametri Mosè Giordano 6 novembre Introduzione I seguenti esercizi mostrano alcuni esempi di applicazioni degli integrali dipendenti da

Dettagli

Esercizi svolti. g(x) = sono una l inversa dell altra. Utilizzare la rappresentazione grafica di f e f 1 per risolvere l equazione f(x) = g(x).

Esercizi svolti. g(x) = sono una l inversa dell altra. Utilizzare la rappresentazione grafica di f e f 1 per risolvere l equazione f(x) = g(x). Esercizi svolti. Discutendo graficamente la disequazione > 3 +, verificare che l insieme delle soluzioni è un intervallo e trovarne gli estremi.. Descrivere in forma elementare l insieme { R : + > }. 3.

Dettagli

(File scaricato da lim. x 1. x + ***

(File scaricato da  lim. x 1. x + *** Esercizio 35 File scaricato da http://www.etrabyte.info) Calcolare: 3 ) 3 + Risulta: 3 ) 3 = + La forma indeterminata può essere rimossa determinando un fattore razionalizzante. In generale, se il fattore

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA ESERCIZI SUI LIMITI 2

CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA ESERCIZI SUI LIMITI 2 CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA ESERCITAZIONI DI ANALISI MATEMATICA I ESERCIZI SUI LIMITI CALCOLARE IL VALORE DEI SEGUENTI LIMITI sine 4 log e e sin e 5 tan sin 5 7 tan 9 sin + e e + 4 6 8 + 0 n + log +

Dettagli

a) Il denominatore dev essere diverso da zero. Studiamo il trinomio x 2 5x + 6. Si ha: x 1,2 = 5 ± se x ], 2[ ]3, + [;

a) Il denominatore dev essere diverso da zero. Studiamo il trinomio x 2 5x + 6. Si ha: x 1,2 = 5 ± se x ], 2[ ]3, + [; ESERCIZIO - Data la funzione f (x) + x2 2x x 2 5x + 6, si chiede di: a) calcolare il dominio di f ; (2 punti) b) studiare la positività e le intersezioni con gli assi; (3 punti) c) stabilire se f ha asintoti

Dettagli

i) la somma e il prodotto godano delle proprietà associativa, commutativa e distributiva;

i) la somma e il prodotto godano delle proprietà associativa, commutativa e distributiva; 1 Spazi vettoriali 11 Definizioni ed assiomi Definizione 11 Un campo è un insieme K dotato di una operazione somma K K K, (x, y) x + y e di una operazione prodotto K K K, (x, y) xy tali che i) la somma

Dettagli

ANALISI B alcuni esercizi proposti

ANALISI B alcuni esercizi proposti ANALISI B alcuni esercizi proposti G.P. Leonardi Parte II 1 Limiti e continuità per funzioni di 2 variabili Esercizio 1.1 Calcolare xy log(1 + x ) lim (x,y) (0,0) 2x 2 + 5y 2 Esercizio 1.2 Studiare la

Dettagli

ESERCIZIO SVOLTO N 1 ESERCIZIO SVOLTO N 2. Determinare e rappresentare graficamente il dominio della funzione

ESERCIZIO SVOLTO N 1 ESERCIZIO SVOLTO N 2. Determinare e rappresentare graficamente il dominio della funzione ESERCIZIO SVOLTO N 1 Determinare e rappresentare graficamente il dominio della funzione f(x, y) = y 2 x 2 Trovare gli eventuali punti stazionari e gli estremi di f Il dominio della funzione è dato da dom

Dettagli

Algebra Lineare e Geometria. Il teorema fondamentale dell algebra. 1 Non c è un ordine totale sull insieme dei complessi

Algebra Lineare e Geometria. Il teorema fondamentale dell algebra. 1 Non c è un ordine totale sull insieme dei complessi Università di Bergamo Anno accademico 2008 2009 Primo anno di Ingegneria Algebra Lineare e Geometria Il teorema fondamentale dell algebra 1 Non c è un ordine totale sull insieme dei complessi Vogliamo

Dettagli

FUNZIONI CONTINUE - ESERCIZI SVOLTI

FUNZIONI CONTINUE - ESERCIZI SVOLTI FUNZIONI CONTINUE - ESERCIZI SVOLTI 1) Verificare che x è continua in x 0 per ogni x 0 0 ) Verificare che 1 x 1 x 0 è continua in x 0 per ogni x 0 0 3) Disegnare il grafico e studiare i punti di discontinuità

Dettagli

A.A CORSO DI ALGEBRA 1. PROFF. P. PIAZZA, E. SPINELLI. SOLUZIONE ESERCIZI FOGLIO 5.

A.A CORSO DI ALGEBRA 1. PROFF. P. PIAZZA, E. SPINELLI. SOLUZIONE ESERCIZI FOGLIO 5. A.A. 2015-2016. CORSO DI ALGEBRA 1. PROFF. P. PIAZZA, E. SPINELLI. SOLUZIONE ESERCIZI FOGLIO 5. Esercizio 5.1. Determinare le ultime tre cifre di n = 13 1625. (Suggerimento. Sfruttare il Teorema di Eulero-Fermat)

Dettagli

LIMITI E CONTINUITÀ 1 / ESERCIZI PROPOSTI

LIMITI E CONTINUITÀ 1 / ESERCIZI PROPOSTI ANALISI MATEMATICA I - A.A. 03/04 LIMITI E CONTINUITÀ / ESERCIZI PROPOSTI L asterisco contrassegna gli esercizi più difficili. Definizioni di ite e di continuità. Sia k>0un parametro reale fissato. Verificare

Dettagli

1. Scrivere il termine generale a n delle seguenti successioni e calcolare lim n a n:

1. Scrivere il termine generale a n delle seguenti successioni e calcolare lim n a n: Serie numeriche.6 Esercizi. Scrivere il termine generale a n delle seguenti successioni e calcolare a n: a),, 4, 4 5,... b), 9, 4 7, 5 8,... c) 0,,,, 4,.... Studiare il comportamento delle seguenti successioni

Dettagli

Esercizio 1. Sia f(x) = sin x, g(x) = log x. La funzione g(f 2 (x)) è. A log(sin 2 x); B log sin x ; C log(sin x 2 ); D sin log x 2.

Esercizio 1. Sia f(x) = sin x, g(x) = log x. La funzione g(f 2 (x)) è. A log(sin 2 x); B log sin x ; C log(sin x 2 ); D sin log x 2. 1 Esercizio 1. Sia f(x) = sin x, g(x) = log x. La funzione g(f 2 (x)) è A log(sin 2 x); B log sin x ; C log(sin x 2 ); D sin log x 2. Esercizio 2. Sia f(x) = sin(log x ). Questa funzione è Esercizio 3.

Dettagli

LIMITI. 1. Definizione di limite.

LIMITI. 1. Definizione di limite. LIMITI 1. Definizione di limite. Sia A un sottoinsieme di IR; se il numero reale x 0 è di accumulazione per A in ogni intorno di x 0 si trovano elementi di A distinti da x 0. Allora ha senso chiedersi

Dettagli

misura. Adesso, ad un arbitrario punto P dello spazio associamo una terna di numeri reali x

misura. Adesso, ad un arbitrario punto P dello spazio associamo una terna di numeri reali x 4. Geometria di R 3. Questo paragrafo è molto simile al paragrafo : tratta infatti delle proprietà geometriche elementari dello spazio R 3. Per assegnare delle coordinate nello spazio, fissiamo innanzitutto

Dettagli

Precorso di Matematica

Precorso di Matematica UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTA DI ARCHITETTURA Precorso di Matematica Anna Scaramuzza Anno Accademico 2005-2006 4-10 Ottobre 2005 INDICE 1. ALGEBRA................................. 3 1.1 Equazioni

Dettagli

Polinomi. 2 febbraio Docente: Francesca Benanti. L Anello dei Polinomi. Divisibilità in K[x] Scomposizione di... Prodotti Notevoli.

Polinomi. 2 febbraio Docente: Francesca Benanti. L Anello dei Polinomi. Divisibilità in K[x] Scomposizione di... Prodotti Notevoli. Polinomi Docente: Francesca Benanti 2 febbraio 2008 Page 1 of 25 1. L Anello dei Polinomi Lo studio dei polinomi in una indeterminata a coefficienti in un campo è posto immediatamente dopo lo studio degli

Dettagli

FUNZIONI ELEMENTARI, DISEQUAZIONI, NUMERI REALI, PRINCIPIO DI INDUZIONE Esercizi risolti

FUNZIONI ELEMENTARI, DISEQUAZIONI, NUMERI REALI, PRINCIPIO DI INDUZIONE Esercizi risolti FUNZIONI ELEMENTARI, DISEQUAZIONI, NUMERI REALI, PRINCIPIO DI INDUZIONE Esercizi risolti Discutendo graficamente la disequazione x > 3 + x, verificare che l insieme delle soluzioni è un intervallo e trovarne

Dettagli

DERIVATE E LORO APPLICAZIONE

DERIVATE E LORO APPLICAZIONE DERIVATE E LORO APPLICAZIONE SIMONE ALGHISI 1. Applicazione del calcolo differenziale 1 Abbiamo visto a lezione che esiste un importante legame tra la continuità di una funzione y = f(x) in un punto x

Dettagli

Frazioni algebriche. Osserviamo che un espressione di questo tipo si ottiene talvolta quando ci si propone di ottenere il quoziente di due monomi.

Frazioni algebriche. Osserviamo che un espressione di questo tipo si ottiene talvolta quando ci si propone di ottenere il quoziente di due monomi. Frazioni algebriche 14 14.1 Definizione di frazione algebrica Diamo la seguente definizione: Definizione 14.1. Si definisce frazione algebrica un espressione del tipo A B polinomi. dove A e B sono Osserviamo

Dettagli

TEN Radici quadrate modulo p e modulo p k. Radici quadrate modulo p, con p > 2.

TEN Radici quadrate modulo p e modulo p k. Radici quadrate modulo p, con p > 2. TEN 2008. Radici quadrate modulo p e modulo p k. Radici quadrate modulo p, con p > 2. Lemma 1. Sia n Z. Sia p > 2 un numero primo. (a) n è un quadrato modulo p se e solo se n p 1 2 1 mod p; (b) Sia n 0

Dettagli

24 IL RAPPORTO INCREMENTALE - DERIVATE

24 IL RAPPORTO INCREMENTALE - DERIVATE 24 IL RAPPORTO INCREMENTALE - DERIVATE Definizione Sia f una funzione reale di variabile reale. Allora, dati x, y 2 domf con x 6= y, sidefinisceilrapporto incrementale di f tra x e y come P f (x, y) =

Dettagli

Abbiamo già visto nel capitolo sulle funzioni che, negli estremi del suo dominio, una funzione può avere degli asintoti.

Abbiamo già visto nel capitolo sulle funzioni che, negli estremi del suo dominio, una funzione può avere degli asintoti. Capitolo 7 Limiti di funzioni Abbiamo già visto nel capitolo sulle funzioni che, negli estremi del suo dominio, una funzione può avere degli asintoti. Ricordiamo che un asintoto verticale = a si presenta

Dettagli

IL TEOREMA DEGLI ZERI Una dimostrazione di Ezio Fornero

IL TEOREMA DEGLI ZERI Una dimostrazione di Ezio Fornero IL TEOREMA DEGLI ZERI Una dimostrazione di Ezio Fornero Il teorema degli zeri è fondamentale per determinare se una funzione continua in un intervallo chiuso [ a ; b ] si annulla in almeno un punto interno

Dettagli

Tracce di soluzioni di alcuni esercizi di matematica 1 - gruppo 76-93

Tracce di soluzioni di alcuni esercizi di matematica 1 - gruppo 76-93 Tracce di soluzioni di alcuni esercizi di matematica 1 - gruppo 76-93 5. Funzioni continue Soluzione dell Esercizio 76. Osserviamo che possiamo scrivere p() = n (a n + u()) e q() = m (b m + v()) con lim

Dettagli