La disciplina del conferimento d azienda

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La disciplina del conferimento d azienda"

Transcript

1 di Dniele Cherubini Dottore in Economi in Perugi 1. Premess Il conferimento d ziend rientr tr le operzioni strordinrie, in qunto esul di normli ftti di gestione, essendo volto d un rdicle riorgnizzzione delle ttività produttive ttrverso il trsferimento di un ziend d un soggetto economico conferente d un diverso ente conferitrio, in cmbio non di denro, m di un prtecipzione l cpitle dell conferitri. Rientr nell fttispecie del conferimento nche l frequente trsformzione di impres individule in società, in qunto l trsformzione ver e propri è mmess per legge solo tr società. I soggetti del conferimento sono: il conferente: colui che pport l ziend ricevendone prtecipzioni; su volt può trttrsi di: person fisic non imprenditore (l ziend può esistere nche senz impres) imprenditore individule società ente, titolre di diritti di proprietà o ltro diritto rele (d es. usufrutto); il conferitrio: colui che riceve l ziend, umentndo di conseguenz il proprio cpitle; può trttrsi di: società ente, di nuov costituzione ( conferimento per scorporo ) ovvero preesistente ( conferimento per pporto o per concentrzione ), nel qule ultimo cso l conferitri dovrà deliberre un umento del cpitle socile con esclusione del diritto di opzione (rt c.c., co. 4). L oggetto del conferimento è l ziend, intes come il complesso dei beni orgnizzti dll imprenditore per l esercizio dell impres (rt c.c.), o un rmo di ess, inteso come uno specifico settore dell intero complesso ziendle, composto d un universits di beni tr loro coordinti ed utilizzbili per l relizzzione di un ciclo produttivo. Poiché vi sono lcuni beni che potrebbero rimnere presso il conferente, come d es. lcuni cespiti, il conto corrente, lcune posizioni creditorie/debitorie, ecc., viene d chiedersi qule si il confine tr conferimento di beni e conferimento d ziend. L rispost è quell di vlutre volt per volt se i beni mncnti sino tli d lterre l unità economico-funzionle dell ziend, l punto di non consentire l esercizio dell ttività d impres. Le motivzioni che portno l conferimento possono mirre diverse finlità: il rissetto orgnizztivo-produttivo, più problemtico nelle imprese di grndi dimensioni; l ristrutturzione finnziri, per ficre le diverse ree d ffri ll interno dell impres, d es. in bse l grdo di sviluppo, con notevoli riflessi sull fcilità di ccesso l cpitle di credito; l liquidzione di prte del ptrimonio dell impres, d es. in cso di presenz di settori in perdit; l concentrzione di imprese, nel cso in cui in un prticolre settore economico l grnde dimensione rppresenti un vntggio economico, d es. per fr fronte ll concorrenz. Si può ben intuire come l mteri che mi ccingo trttre si tlmente vst e dens di sfumture e di legmi doppio filo con ltri temi fiscli, che l presunzione di esurirne lo studio in quest sede srebbe sciocc d prte mi, ed oltretutto nche poco opportun, visto lo scopo del presente contributo, che è quello di dre un visione d insieme ll mteri, non disdegnndo in lcuni csi l pprofondimento, il tutto per tentre di rendere più chir possibile l disciplin dei conferimenti d ziend, che così sovente si verificno nell reltà d impres. Per tli motivi considererò brevemente l rgomento d un punto di vist civilistico, per poi proseguire soffermndomi sull spetto fiscle dell operzione, e concludere infine con l spetto opertivo. 2. Aspetti civilistici Il c.c. disciplin soltnto il conferimento di singoli beni, per cui l disciplin del conferimento d ziend deve ricvrsi dll ppliczione combint di 2 discipline civilistiche: quell che regol in generle i conferimenti societri (rtt. 2342, 2343, 2440, 2464, 2465 c.c.) quell dell disciplin del trsferimento dell ziend (rtt. 2112, c.c.). Si è detto che il conferente, in cmbio dell ziend riceverà un prtecipzione nell società conferitri: quindi occorrerà innnzitutto stbilire le percentuli di riprto degli utili e delle perdite di quest ultim, seguito dell cquisizione di tle prtecipzione d prte del conferente. Srà pertnto necessri un vlutzione del conferimento, che vverrà con modlità diverse second che si trtti di società di persone o di cpitli, e che in molti csi drà luogo ll emersione di un vlore di vvimento. Per i conferimenti in società di persone l vlutzione dei conferimenti è concordt tr i soci: non vi è l obbligo dell perizi, e questo cus dell responsbilità illimitt e solidle. Per i conferimenti in società di cpitli, invece, è necessri l redzione di un perizi di stim, onde grntire l integrità del cpitle socile ed evitre soprvvlutzioni dei beni conferiti dnno dei futuri creditori socili, i quli possono confidre esclusivmente sul ptrimonio socile: 1

2 per i conferimenti in S.p.. relzione di stim giurt d un esperto nominto dl Presidente del Tribunle competente, su istnz dell orgno mministrtivo del soggetto conferente; per i conferimenti in S.r.l. relzione di stim giurt d un esperto iscritto ll lbo dei revisori contbili (o d un società di revisione iscritt nell pposito lbo) su designzione dell società stess. L relzione di stim deve sempre contenere: l descrizione dei beni o dei crediti conferiti; l dt di riferimento delle vlutzioni; l ttestzione che il loro vlore è lmeno pri quello d essi ttribuito i fini dell determinzione del cpitle socile e dell eventule sovrpprezzo; i criteri di vlutzione seguiti. L iscrizione nel bilncio dell conferitri vverrà prudenzilmente per vlori inferiori o, l più, uguli quelli risultnti dll perizi, mentre l iscrizione vlori superiori creerebbe pregiudizi di ntur civilistic; il tutto è permeto d considerevoli risvolti di ntur fiscle che trtterò in seguito. V ricordto brevemente, e ciò vle solo per le s.p.., che entro 180 giorni dll perizi gli mministrtori devono effetture gli opportuni controlli e, ove necessrio, procedere ll revisione dell stim. Se risult che il vlore dell ziend è inferiore di oltre 1/5 quello per cui è vvenuto il conferimento, si può verificre che: l società riduce il cpitle socile nnullndo le zioni scoperte; i soci versno l differenz in denro; i soci recedono dll società, con diritto ll restituzione del conferimento. Per concludere sui conferimenti, è doveroso ricordre che seguito dell riform societri le sole s.r.l. possono conferire nche opere, servizi ed ltre ttività immterili (d es. know-how), corredte però obbligtorimente d polizz ssicurtiv o fideiussione bncri. Per qunto rigurd l disciplin del trsferimento dell ziend, si può brevemente segnlre che trovno ppliczione le seguenti disposizioni: vi è il divieto di concorrenz d prte del conferente, slv l fcoltà delle prti di escludere tle divieto; il conferitrio subentr nei contrtti stipulti dl conferente per l esercizio dell stess, ftt eccezione rigurdo i contrtti di crttere personle; se vi è giust cus il terzo contrente ceduto può recedere entro 3 mesi dll iscrizione del conferimento nel Registro delle Imprese (v. infr); l rt c.c. dispone che il rpporto di lvoro continu con il soggetto conferitrio subentrnte, ed il lvortore conserv tutti i diritti che ne derivno; i crediti vengono trsferiti nche senz notific l debitore ceduto, decorrere dll iscrizione nel R.I.; il debitore ceduto che, in buon fede, pg l conferente, è liberto dl proprio debito; i debiti vengono trsferiti, ed il conferente ne è liberto, non solo con l notific m nche con il consenso esplicito dei creditori, per i quli ovvimente non è indifferente il soggetto loro debitore. D ultimo, per concludere gli spetti civilistici, vedimo l successione temporle delle tppe ttrverso le quli si rticol il conferimento. Innnzitutto, e mi riferirò per lo più lle società di cpitli, l operzione deve essere precedut d un deliber dell orgno mministrtivo dell società conferente, l qule conterrà le rgioni che giustificno l operzione. Il conferimento ndrà poi pprovto dll ssemble; qulor dl conferimento derivi un modific dell tto costitutivo, l ssemble dovrà essere strordinri. In seguito ci srà tutt l fse dell vlutzione peritle già ffrontt, per rrivre infine ll stipul dell tto di conferimento, seguito di deliber dell ssemble strordinri, con contestule costituzione dell società conferitri (oppure umento del cpitle socile, nel cso di conferitri già esistente). L tto di conferimento deve essere depositto entro 30 giorni, con invio telemtico d prte del notio, per l iscrizione nel R.I., insieme ll relzione peritle. L tto di conferimento richiede sempre l form scritt, e in prticolre: società di cpitli tto pubblico redtto d un notio; società di persone scrittur privt utentict. In ogni cso devono essere osservte le forme stbilite dll legge per il trsferimento dei singoli beni che compongono l ziend. L dt di effetto del conferimento è quell di stipul dell tto di conferimento, senz possibilità di retro/postdtre gli effetti dell operzione. Per le società di cpitli il conferimento h effetto dll dt di iscrizione dell tto nel R.I. 3. Aspetti fiscli Imposte dirette. È sicurmente il punto più importnte ed rticolto. L operzione di conferimento v esmint scindendol su 2 pini in sequenz logic: l determinzione del risultto del conferimento; l modlità di tsszione dell (eventule) plusvlenz. Determinzione del risultto del conferimento. È il leitmotiv del presente contributo; il tutto si riduce in sostnz ll nlisi degli rtt. 175 e 176 del TUIR. Il conferimento può dr luogo ll produzione di mteri imponibile, rientrnte nell ctegori dei redditi di impres (o dei redditi, v. infr) e tsst i fini IRE e IRES, m NON rilevnte i fini IRAP. Questo insieme di beni che è l ziend vrà, nelle scritture contbili del soggetto che effettuerà poi il conferimento, un certo vlore contbile, dto dll differenz tr le poste ttive e quelle pssive quli risultno dll contbilità; vrà nche un suo vlore fiscle, individuto quindi secondo criteri fiscli e spesso diverso d quello contbile cus dell differenze tr l normtiv civilistic e quell fiscle (nel prosieguo dell trttzione spesso li considerò uguli per semplicità); vi srà nche un vlore economico, o vlore corrente, che srà ncor diverso di precedenti e che il perito dovrà determinre tenuto conto del ftto che vi possono essere plusvlori ltenti sui cespiti, oppure un vlore di vvimento positivo (goodwill) o negtivo (bdwill), ecc.; infine vi srà d individure un vlore di relizzo, che spesso coinciderà con i vlori di cui bbimo or detto, e 2

3 che possimo improprimente considerre come un sort di corrispettivo - compreso entro il limite mssimo del vlore economico risultnte dll stim - e che ci serve per determinre il risultto del conferimento, cioè l entità dell plusvlenz. Le regole stbilite dll riform delle operzioni di ristrutturzione ziendle del 1997 (Visco), e potenzite dll riform fiscle in vigore dl 2004 (D.Lgs. 344/2003), sono crtterizzte dll volontà del legisltore fiscle di rendere fisclmente neutrli le operzioni di conferimento, cioè non produttive di risultti tssbili. Le plusvlenze rimrrnno - in tutto o przilmente - ltenti l momento del conferimento, e verrnno tsste qundo: 1. il conferente cederà l prtecipzione ricevut in cmbio, oppure 2. il conferitrio cederà l ziend ricevut o i singoli beni di cui è compost. L rtio di tli norme è stto il ftto che il conferimento comport un sostituzione di beni di primo grdo, l ziend, con beni di secondo grdo, l prtecipzione, senz lcun relizzo dei plusvlori ltenti, per cui l tsszione pien di tle relizzo, come vveniv fino ll 08/11/1997, comportv l penlizzzione del conferente, con effetti distorsivi sui processi di riorgnizzzione ziendle. Esempio: vlore economico dell ziend 5.000, vlore iscritto in contbilità 1.000, l plusvlenz ltente di emergev per intero (nche se poi tr le modlità di tsszione dell plusvlenz vi er nche un regime sostitutivo di fvore). Or, prtire dl 2004, l impost sostitutiv del 19% sulle plusvlenze d conferimenti ziendli è stt bolit; l ttule impinto normtivo per l determinzione del risultto del conferimento è dto dlle seguenti norme del TUIR, le prime 2 di crttere gevoltivo, l terz di crttere generle: rt. 175 conferimenti vlori contbili di ziende o di prtecipzioni di controllo o di collegmento; rt. 176 conferimenti in regime di doppi sospensione d impost venti d oggetto SOLO ziende, non nche prtecipzioni; rt. 9 contiene un norm di crttere generle, pplicbile qundo non vi sono i requisiti per rientrre in lcun delle 2 norme gevoltive; ess f riferimento l vlore normle qule criterio per l determinzione del vlore di relizzo, cioè del corrispettivo dell operzione, equiprndo in sostnz il conferimento d un cessione d ziend titolo oneroso; su di esso non mi soffermerò ulteriormente, in qunto di ppliczione sempre meno frequente. Pssimo quindi llo studio dei primi 2 rticoli, decismente più interessnti. Art. 175 TUIR. Esso costituisce un derog ll norm generle contenut nell rt. 9, e si pone monte di qulsisi scelt circ l determinzione dell plusvlenz, in qunto offre l possibilità di effetture il conferimento senz relizzo di plusvlenze. Al 1 comm prevede che il vlore di relizzo, cioè il vlore presunto dell ziend trsferit, si pri l mggiore tr i 2 seguenti vlori: il vlore ttribuito dl conferente nelle proprie scritture contbili ll prtecipzione ricevut in cmbio il vlore ttribuito ll ziend o ll prtecipzione conferit nelle scritture contbili del conferitrio. Not bene: il riferimento è lle scritture contbili e non l bilncio, in qunto il conferimento è un vvenimento istntneo, per cui fine esercizio i vlori potrebbero essere o nche non esistere più, e quindi perdere di significtività i fini dell determinzione del vlore di relizzo. Quindi, per l determinre l plusvlenz si prende il mggiore dei 2 vlori e si sottre il costo fisclmente riconosciuto dell ziend (o dell prtecipzione conferit, si ricordi che l rticolo prevede il conferimento nche di quote o zioni), quello cioè che risultv dlle scritture del conferente prim del conferimento; l conseguenz di tle regime è che se i 2 soggetti dell operzione si ccordno per prescindere dl vlore di perizi e per iscrivere l ziend nelle proprie rispettive contbilità d un vlore pri l vlore fisclmente riconosciuto, quindi senz slti d impost, il tutto vviene in regime di neutrlità fiscle, senz emersione di plusvlenze, che però rimngono ltenti. Esempio: vlore economico dell ziend risultnte d perizi di stim 5.000, vlore iscritto in contbilità prim del conferimento 1.000, coincidente col vlore fiscle; le prti sono libere di scegliere di iscrivere l ziend d un vlore compreso tr il costo fisclmente riconosciuto (1.000 conferimento con continuità di vlori contbili) e il vlore peritle (5.000 conferimento vlori ggiornti correnti ), limite che non può essere superto senz disttendere le norme civilistiche dettte tutel dell integrità del ptrimonio, e quindi dei terzi. In questo cso le prti si ccordno per iscrivere l prtecipzione ricevut e l ziend conferit relizzndo quindi l continuità di vlori e non originndo in tl modo lcun plusvlenz: costo fisclmente riconosciuto nte conferimento scritture contbili conferente scritture contbili conferitrio A questo punto viene d chiedersi: visto che il vlore di relizzo può essere recepito per vlori d (neutrlità pien) (mssim imposizione), in quli csi i 2 soggetti opternno per l discontinuità di vlori, fcendo quindi emergere delle plusvlenze? Esempio: si riprendono i dti di prim, stvolt però: scritture contbili conferente costo fisclmente riconosciuto nte conferimento scritture contbili conferitrio Si relizz un plusvlenz di 1.500, che verrà tsst solo in cpo l conferente, tr l ltro con le modlità che esporremo più vnti. In questo cso il conferente potrebbe vere delle perdite pregresse, per cui troverà conveniente fr emergere subito delle plusvlenze tssbili d tssre col regime ordinrio, che sottrrrà, lmeno przilmente, dll imposizione utilizzndo le perdite stesse. Il conferitrio, d prte su, conseguirà nch esso un vntggio: il vlore di ssumerà subito rilevnz fiscle, con conseguente riduzione dell imposizione futur cus di mggiori mmortmenti, minori plusvlenze che si relizzernno qundo verrà cedut l ziend, o comunque uno o più tr i beni che ne fnno prte. Not bene: se il conferente ssume il vlore ed il conferitrio 2.500, srà il secondo vlore prevlere e d essere riconosciuto fisclmente, cosicché il conferente dovrà gestire un prtecipzione riconosciut fisclmente per 2.500, conseguendo un plusvlenz di che verrà tsst solo in cpo lui. Simmetricmente, se il conferente ssume il vlore 3

4 2.500 ed il conferitrio 2.000, prevrrà il primo vlore, il che comporterà sempre un plusvlenz di in cpo l solo conferente, mentre il conferitrio vrà perso l occsione per ottenere il riconoscimento fiscle delle plusvlenze ltenti esistenti nei beni conferiti, con conseguenti minori mmortmenti futuri, mggiori plusvlenze future in cso di cessione, ecc. M vi è nche un ltr fttispecie che può portre ll scelt per l discontinuità di vlori, e che ttiene i nuovi rpporti di forz che si insturno sul pino civilistico tr le prti. Il conferente, inftti, se d un lto è tentto di differire il più possibile l imposizione delle plusvlenze, dll ltro vorrebbe fr emergere il vlore economico dell ziend conferit, per fr vlere in pieno l su forz prteciptiv. Per questo motivo il disposto dell rt. 175 è mggiormente dtto i conferimenti in fmigli, in cui cioè le società rimngono possedute intermente dl conferente, o d questi insieme i propri fmiliri, senz che si crei lcun situzione di conflitto tr i soci in merito l vlore del conferimento. Esempio: ncor i dti di prim, però si consideri che l conferitri bbi un cpitle netto contbile di 3.000, ed un vlore economico di nch ess, tlché il peso prteciptivo effettivo del conferente srà pri l 50% (in qunto nche l ltr vle ed il loro vlore complessivo srebbe ). Se le prti decidono di ssumere il costo fisclmente riconosciuto (1.000) non si vrnno plusvlenze m ne discenderà un prtecipzione nell conferitri non certo rppresenttiv del vlore conferito: 1.000/4.000= 25%, dove ovvimente è dto dl cpitle dell conferitri (3.000) + l umento di cpitle pri l vlore di conferimento ssunto (1.000). Un soluzione per riequilibrre i rpporti potrebbe essere quell di ssumere il vlore di conferimento pri 3.000, cosicché il nuovo cpitle socile dell conferitri umenterà ed il peso prteciptivo rimrrà inttto l 50%, con emersione di plusvlenze di in cpo l conferente. Si chirisce che l rt. 175 non dett un regime di neutrlità fiscle, m solo un prticolre criterio di determinzione dell plusvlenz bsto sui vlori contbili nziché sul vlore normle di cui l derogto rt. 9, per cui l mmontre dell plusvlenz tssbile in cpo l conferente può trnquillmente originre d un ccordo tr le prti, escludendo con ciò ogni possibilità di contenzioso con il Fisco in sede di ccertmento, dto che è l norm stess che consente lle prti di determinre l plusvlenz d ssoggettre tsszione, o l limite di escluderl. Rest slv invece l ppliczione dell norm ntielusiv (rt. 37-bis DPR 600/73), ll qule occorre prestre precchi ttenzione in qunto tr gli tti inopponibili ll Amministrzione finnziri in qunto privi di vlide rgioni economiche, m solo diretti d ggirre obblighi o divieti previsti dll ordinmento tributrio e d ottenere riduzioni di imposte ltrimenti indebite, rientrno in primis le operzioni strordinrie, e quindi i conferimenti. Anche se l conferitri iscrive l ziend l costo fisclmente riconosciuto non si h l successione nei vlori fiscli - come vviene invece con l rt , con l conseguenz che per l conferitri i beni rilevno fisclmente in bse l vlore d essi ttribuito nelle proprie scritture contbili. Quindi finirnno nell contbilità solo i vlori netti dei beni conferiti, senz quindi trsferire le voci di rettific di tli beni esistenti nell contbilità del conferente, così come pure per il mgzzino si perderà l strtificzione storic delle rimnenze. Si prl in questo cso di conferimento sldi chiusi, mentre quello ex rt. 176, in cui si h l pien successione dei vlori fiscli, vviene sldi perti. Esempio: differenz tr sldi chiusi e perti. Computer cquistto il 01/01/2003 per 800 e mmortizzto per 240, quindi vlore residuo 560, coefficiente di mmortmento 20%, il conferimento dell ziend di cui il computer f prte è efficce dl 01/01/2005 (trlscimo il cso di mmortmento nticipto ricordndo, comunque, che trttndosi di beni già utilizzti, esso può essere utilizzto solo per l esercizio in cui è vvenuto il conferimento). Le quote di mmortmento srnno: 4 Sldi chiusi Sldi perti mm.to completto mm.to completto Come si vede l differenz non è priv di significto: sldi chiusi minori mmortmenti per un periodo più lungo sldi perti mggiori mmortmenti per un periodo più breve. Prim di proseguire è opportuno circoscrivere l mbito di ppliczione dell rt. 175 TUIR: requisiti soggettivi: i 2 soggetti devono essere residenti in Itli ed esercitre imprese commercili, possono essere imprenditori individuli (SOLO il conferente), società o enti commercili; se l ziend è situt in Itli e le prti sono soggetti non residenti, l rt. 175 co. 3 consente di mntenere l gevolzione oggetto del conferimento: ziende (v. supr) o prtecipzioni di controllo o di collegmento, prescindere dl periodo di possesso; per le prtecipzioni il richimo ll rt c.c. v filtrto tenuto conto che stimo prlndo di situzioni di controllo o di collegmento riferibili esclusivmente lle prtecipzioni oggetto di conferimento, e non quindi situzioni bste su ltri presupposti, quli d es. l esistenz di prticolri vincoli contrttuli, pertnto dell rticolo citto si dovrà tener conto di: comm 1 n. 1 controllo di diritto, derivnte dll disponibilità dell mggiornz dei voti esercitbili nell ssemble ordinri comm 1 n. 2 controllo di ftto, derivnte dll disponibilità di voti sufficienti per esercitre un influenz dominnte nell ssemble ordinri comm 3 collegmento, derivnte dll disponibilità di un numero di voti tli d esercitre un influenz notevole nell ssemble dell prtecipt: lmeno 20%, ovvero 10% per le società quotte, cso che ci tocc meno d vicino. Per concludere con le prtecipzioni, si f presente come l prtecipzione conferit non deve necessrimente essere rppresenttiv del controllo, essendo sufficiente che ess stess, nche se minoritri, consent ll conferitri di cquisire il controllo dell società prtecipt per effetto, ponimo, di ltre prtecipzioni che l conferitri già detenev.

5 Qundo l oggetto del conferimento (continu l rt. 175, co. 2) è costituito d prtecipzioni prive dei requisiti previsti dll disciplin dell prticiption exemption, che si ricordno brevemente qui di seguito (rt. 87 TUIR): possesso ininterrotto dl 1 giorno del 12 mese ntecedente l cessione; clssificzione tr le immobilizzzioni finnzirie fin nel primo bilncio chiuso durnte il periodo di possesso; residenz dell prtecipt in Stti d quelli regime fiscle privilegito; esercizio di impres commercile; llor in tl cso il vlore di relizzo srà determinto in bse l vlore normle ex rt. 9 solo le prtecipzioni ricevute in cmbio di quelle conferite possiedono invece i requisiti per l ppliczione dell pex, escluso per ovvi motivi quello reltivo l possesso ininterrotto, che ovvimente non può trovre ppliczione. Questo per evitre un sort di brtto di un prtecipzione esente con un non esente, d un costo fiscle prticmente nullo per effetto dell rt Infine l 4 comm si consider il cso dell imprenditore individule che conferisce l unic ziend, situzione decismente più ppetibile dopo l recente riform in vigore dl In tl cso l imprenditore, che cesserà di essere tle, ssumerà l prtecipzione d un vlore come sopr determinto, cioè d ccordo con il conferitrio d un vlore compreso tr il limite inferiore costituito dl costo fisclmente riconosciuto ed il limite mssimo costituito dl vlore economico (o di perizi, se il conferimento è in società di cpitli), relizzndo l pien neutrlità se si ssume il primo vlore (cioè quello fiscle). Qundo poi ndrà cedere l prtecipzione ricevut (senz limite minimo di possesso, e qui st l grnde novità, nel venir meno di quell disposizione ntielusiv che imponev il possesso per lmeno 3 nni, pen l non ssoggettbilità regimi fiscli più fvorevoli, e che di ftto impediv di nscondere un cessione d ziend dietro un più conveniente cessione di quote), relizzerà un plusvlenz considert non più tr i redditi d impres (l imprenditore inftti non è più tle) m tr i redditi, ssoggettt l regime del cpitl gin, e tsst comunque come prtecipzione qulifict (nche se non ne possiede i requisiti, in qunto l % possedut è inferiore l 20% dei diritti di voto in ssemble ordinri, oppure è inferiore l 25% del cpitle), quindi imponibile l 40%. Si sottoline che nel cso in questione, in cui cess l ttività dell impres individule, eventuli fondi in sospensione d impost verrnno ssoggettti tsszione, configurndo un ipotesi di distribuzione delle riserve stesse con decdenz dl beneficio dell sospensione; inoltre se l imprenditore mntiene presso di sé dei beni plusvlenti, l momento dell cesszione dell impres si verificherà l destinzione di tli beni finlità estrnee ll impres, con il conseguente relizzo degli stessi. Art. 176 TUIR. Il regime gevoltivo di cui l presente rticolo consente di tture i fini civilistici l operzione di conferimento senz nessun condizionmento di tipo fiscle, preservndo mggiormente in tl modo l integrità del bilncio. Circoscrivimo innnzitutto l mbito di ppliczione dell norm: requisiti soggettivi: l società conferitri deve essere soggetto IRES; sono questi soggetti, inftti, d essere mggiormente sensibili ll esigenz dell degumento dei vlori di bilncio quelli di perizi, come si cpirà meglio tr poco; il conferente può nche essere (dl 2004) imprenditore individule o società di persone oggetto del conferimento: si trtt di ziende o rmi di esse, sono escluse le prtecipzioni. Il disposto dell rticolo si crtterizz per il ftto che l complet neutrlità dell operzione è riconosciut prescindere di vlori ssunti nelle scritture contbili delle prti. In ltre prole, in virtù di tle regime di doppi sospensione (per il conferente ed il conferitrio) i prtecipnti srnno liberi di iscrivere nelle proprie contbilità i vlori quli risultno dll perizi, senz dr luogo nessun plusvlenz (nell immedito), riconoscendo però qule vlore fiscle l ultimo vlore fisclmente riconosciuto dell ziend conferit, qule risultv dlle scritture del conferente. Si relizzerà pertnto l successione pien nei vlori fiscli, l qule porterà con sé tutt un serie di conseguenze che rigurdno 360 l posizione fiscle del conferente, che verrà ereditt in toto dl conferitrio, con risvolti non sempre positivi. Vedimo in dettglio tli conseguenze: il conferente ssumerà come vlore fiscle dell prtecipzione ricevut l ultimo vlore fisclmente riconosciuto dell ziend conferit, con l conseguenz che, in cso di successiv cessione dell prtecipzione, l plusvlenz si clcolerà su tle vlore di crico, e non su quello, più lto, ssunto in contbilità. Esempio: costo fisclmente riconosciuto 1.000, vlore di perizi 5.000; il conferente iscrive in contbilità l prtecipzione che riceverà in cmbio 5.000, in più rileverà in Conto Economico un plusvlenz di che neutrlizzerà in sede di dichirzione con un vrizione in diminuzione; qundo cederà l prtecipzione 7.000, meno che non vi simo i requisiti per l pex, relizzerà fisclmente un plusvlenz di il conferitrio erediterà il vlore fiscle dell ziend conferit, subentrndo nell posizione del conferente in ordine ciscuno degli elementi ttivi e pssivi dell ziend, che quindi vengono ssunti llo stesso vlore che vevno presso il conferente prim dell operzione; mi preme sottolinere che l continuità di vlori di cui ll rt. 175 si riferisce l vlore complessivo, non l vlore nlitico dei singoli beni come in questo cso; si relizzerà quindi un doppio binrio: d un prte i vlori civilistici (o di perizi) iscritti nelle contbilità delle prtecipnti, dll ltr i vlori fiscli, efficci i fini tributri: in virtù di tle doppio binrio il conferitrio dovrà predisporre in sede di dichirzione un pposito prospetto di riconcilizione, vente il compito di ricondurre i vlori civilistici i vlori fiscli; il conferimento in questo cso vverrà sldi perti, cosicché d es. il conferitrio si vedrà riconosciuto si il costo storico che il reltivo fondo (v. esempio supr), inoltre conserverà l strtificzione storic delle rimnenze; per qunto rigurd il trsferimento del requisito del possesso tr conferente e conferitri: l società conferitri considererà l ziend conferit possedut nche per il periodo in cui è stt possedut dl conferente; l prtecipzione ricevut dll società conferente si consider iscritt come immobilizzzione finnziri nei bilnci in cui risultvno iscritti i beni dell ziend conferit, il che è di fondmentle importnz i fini di un successiv cessione in regime di pex; l eccedenz in sospensione di impost, formtsi in virtù delle norme tese ll eliminzione delle interferenze fiscli introdotte dlle riforme societri e fiscle (rt. 109 TUIR co. 4), non costituisce reddito per il conferente e si trsferisce dl conferente l conferitrio condizione che nche questi istituisc il vincolo di sospensione d impost. Esempio. Il conferente, prim del conferimento, vev effettuto mmortmenti nticipti per 1.000, sui quli vev clcolto le 5

6 imposte differite (considerimo IRES ed IRAP) pri ,25% = 372,5 relizzndo pertnto un mggior utile civilistico di 627,5. Per evitre che l deduzione dl reddito di impres di componenti negtivi di reddito non imputbili conto economico (1.000) permett l distribuzione di utili (627,5) che non hnno ncor scontto l imposizione, su tli mggiori utili è istituito un vincolo di sospensione d impost. Per fre ciò bisogn vincolre le riserve del ptrimonio netto per mss, senz pporre vincoli lle riserve espresse in bilncio, quindi non import se sino riserve di utili oppure di cpitli, purché sino diverse d quell legle. In questo modo, qulor il conferente vesse deliberto l distribuzione di utili d esercizio e di riserve di ptrimonio netto, e in conseguenz di ciò l mmontre delle restnti riserve (diverse d quell legle) e dei restnti utili portti nuovo fosse sceso l di sotto di 627,5 (ponimo 500), l differenz (nel ns. cso 127,5) vrebbe concorso ll formzione del reddito. Ebbene con il conferimento non si trsferisce quest riserv in sospensione d impost (si teng presente che con il conferimento si trsferiscono le poste ttive e pssive, non il ptrimonio netto!), m si trsferisce il vincolo di sospensione, lle suddette condizioni; in cso di verific fiscle presso il conferente, intervenut successivmente l conferimento e rigurdnte periodi d impost precedenti ll operzione stess, se l ufficio impositore effettu rilievi nei confronti del costo fiscle dei beni dell ziend poi trsferiti, non riconoscendoli in tutto o in prte, nche se il contenzioso di svolge tr conferente e Amministrzione finnziri, gli effetti si rifletternno sul conferitrio, poiché quest ultimo è subentrto 360 nell posizione del conferente. Per il conferitrio srebbe opportuno inserire nell tto di conferimento delle pposite clusole per cui: gli vengno notificti dl conferente eventuli contestzioni di costi, rigurdnti i beni dell ziend, seguito di ispezioni o verifiche; si previsto un indennizzo d prte del conferente nel cso di costi fiscli in tutto o in prte non riconosciuti; essendo il conferitrio il diretto interessto degli effetti di tli verifiche, mentre giuridicmente il rpporto srà tr conferente e Amministrzione finnziri, si il conferitrio nominre i consulenti per i rilievi del cso. Un ulteriore considerzione, molto importnte perché rende l rt. 176 decismente più ppetibile rispetto l precedente, è che esso pone espressmente l ripro dll norm ntielusiv in cso di conferimenti e successive cessioni effettute in esenzione totle in virtù dell pex. Infine si vuol sottolinere come l rt. 176 costituisc, in presenz ovvimente dei necessri requisiti, il regime nturle, cosicché per ssoggettre l plusvlenz ll tsszione normle ex rt. 9, è necessrio pposit opzione nell tto di conferimento. Le modlità di tsszione delle plusvlenze. Le plusvlenze relizzte con il conferimento vengono tsste con modlità diverse, second dell ntur dei soggetti prtecipnti, e del periodo di possesso dell ziend. Uno schem rissumerà meglio il tutto. Soggetti Periodo di possesso dell ziend Conferente Conferitrio Meno di 3 nni D 3 5 nni Più di 5 nni Soc. di persone regime di sospensione ex rt. 175, 4 comm regime di sospensione ex Imprenditore individule regime normle rt. 175, 4 comm (unic ziend) Soggetto IRES regime normle tssz. seprt (opzione) Soc. di persone regime normle regime normle regime differito fino 5 nni regime normle regime differito Imprenditore individule Soggetto IRES regime rt regime rt. 176 regime differito (opzione) Soc. di persone regime normle regime normle regime differito Società di persone Soggetto IRES regime rt. 176 Soggetto IRES regime rt. 176 regime differito (opzione) Soc. di persone regime normle regime normle regime differito Soggetto IRES regime rt. 176 regime rt. 176 regime differito (opzione) tssz. seprt (opzione) regime rt. 176 regime differito (opzione) tssz. seprt (opzione) L tbell è di fcile memorizzzione ove si ricordi qunto sinor esposto; bst solo tenere presente che: se l ziend è stt possedut per più di 3 nni il cedente h l fcoltà di frzionre l plusvlenz fino 5 esercizi, in rte costnti; l imprenditore individule può optre per l tsszione seprt dell plusvlenz, qulor ne bbi vuto il possesso per più di 5 nni. Minusvlenze. Nturlmente vi possono essere dei conferimenti cpci di generre minusvlenze. Ciò può vvenire qundo: il perito h ttribuito ll ziend un vlore economico inferiore l costo fiscle riconosciuto; pertnto le prti, non potendo superre il vlore di perizi senz disttendere le norme dettte tutel del ptrimonio socile, lo ccogliernno nelle proprie scritture contbili; in ssenz di stim peritle, d es. per conferimento in società di persone, le prti hnno convenzionlmente ttribuito l complesso ziendle un vlore inferiore l costo fiscle riconosciuto. Appre subito evidente come in tli ipotesi non vi si spzio per l ppliczione delle 2 norme gevoltive, m si ricorrerà ll disciplin ordinri di cui ll rt. 9 TUIR, che come si è già detto equipr i conferimenti lle cessioni titolo oneroso e quindi

7 consider come vlore di relizzo il vlore normle dell ziend conferit. L minusvlenz srà dt dll differenz tr il mggior costo fiscle ed il vlore normle dell ziend. Imposte indirette. Brevemente l situzione è l seguente: IVA il conferimento è operzione esclus d IVA (rt. 2 co. 3 DPR 633/72). Il conferitrio subentr in tutti i rpporti ttivi e pssivi i fini IVA. V presentt l dichirzione di vrizione dti ll Agenzi delle Entrte, con l qule è nche possibile comunicre che con il conferimento è vvenuto il trsferimento del plfond (purché nell tto ciò si espressmente previsto); Impost di registro l tto di conferimento v registrto entro 20 giorni dll stipul (o dll iscrizione nel R.I), ed è soggetto ll impost in misur fiss di 168 prescindere di soggetti coinvolti e di beni fcenti prte del complesso ziendle conferito; Imposte ipotecrie e ctstli in misur fiss di 168 per impost. 4. Aspetti opertivi Il conferente dovrà effetture le scritture di ssestmento, in prticolre dovrà clcolre le quote di mmortmento rpportte ll frzione di esercizio nte conferimento, dovrà clcolre l quot di TFR, vlutre il mgzzino, rilevre rtei e risconti, ecc.; dovrà quindi eliminre le poste ptrimonili prive di rilevnz economic, quli oneri pluriennli d mmortizzre e fondi rischi, che non hnno più rgione di esistere dopo il conferimento in qunto erno situzioni rigurdnti esclusivmente il soggetto conferente, e quindi vnno eliminte utilizzndo come controprtit il conto economico, ed in prticolre un componente negtivo di reddito per i primi, un soprvvenienz ttiv per i secondi; dovrà quindi trsferire le ttività e le pssività reltive ll ziend conferit l conferitrio, rilevrne il credito e fr emergere l eventule plusvlenz di conferimento tr le componenti strordinrie del conto economico; dovrà infine clcolre il reddito dell frzione d esercizio nte conferimento, comprensiv dell plusvlenz. Il conferitrio rileverà, qulor si trtti di società preesistente, l umento del cpitle socile e l ccensione di un riserv sovrpprezzo zioni, l qule, cus dell redditività dell conferitri stess, e dell consistenz delle sue riserve ptrimonili, risponderà ll esigenz di riequilibrre i rpporti prteciptivi tr i vecchi soci e il nuovo socio conferente; come controprtit si vrà il credito verso il conferente, che deve pportre i propri beni ll società; si vrà quindi il trsferimento delle poste ttive e pssive, or vlori fisclmente riconosciuti, or vlori di perizi, or d un vlore intermedio, sldi chiusi o sldi perti, second del regime dottto, come bbimo vuto modo di vedere. Per fissre meglio le idee, concluderò il tutto con un esempio. Esempio. Il 15/02/2005 l società Alf s.n.c. conferisce un rmo dell propri ziend, l cui situzione ptrimonile è rppresentt infr, ll preesistente società Bet s.p.., che contestulmente ument il proprio cpitle socile di A cus dell redditività dell società Bet, e dell consistenz delle riserve ptrimonili, vi srà un sovrpprezzo di che risponderà ll esigenz di equilibrre i rpporti prteciptivi tr vecchi e nuovi soci e che in virtù dell rt deve essere integrlmente versto ll tto dell sottoscrizione. Il conferimento, che viene iscritto nel R.I. il 01/03/2005, vviene vlori di perizi, in doppi sospensione di impost come d rt. 176, essendo questo il regime nturle in presenz dei requisiti previsti dl TUIR. Il 01/07/2005 gli mministrtori, dopo ver controllto le vlutzioni peritli, si ccorgono che il vlore dell ziend è di , cus di lcune vlutzioni di cui non si è tenuto conto in sede di perizi, rigurdnti i fbbricti (che gli mministrtori hnno vlutto in ) e le ttrezzture (vlutte dgli mministrtori , come il vlore di libro), e provvedono ll revisione dell stim. Essendo inoltre inferiore di oltre il 20% rispetto l vlore peritle (circ il 22% in meno), il socio Alf s.n.c., che vuol difendere l su prtecipzione nell Bet s.p.., decide di reintegrre, versndo l differenz di Si presentno le scritture reltive ll conferente ed ll conferitri. Situzione rmo d ziend dell società Alf s.n.c.: Vlori post ssestmento Vlori di perizi e rettific Fbbricti ( Fondo mm.to fbbricti) Attrezzture ( Fondo mm.to ttrezzture) Rimnenze di prodotti finiti Clienti ( Fondo svlutzione crediti) Totle ttivo Fornitori Debiti Fondo TFR Totle pssivo Totle Ptrimonio netto vlori fisclmente riconosciuti Vlore corrente dell ziend come d perizi 7

8 Società conferente: Fornitori Debiti Fondo TFR Credito di conferimento v/bet s.p.. Prtecipzioni Minusvlenze ex rt Società Bet c/reintegro conferimento 01/03/ /03/2005 Fbbricti Attrezzture Rimnenze prodotti finiti Clienti Credito di conf. v/bet s.p.. Plusvlenze /07/2005 Soc. Bet c/reintegro conferimento /07/2005 Bnc c/c Società conferitri: Società Alf c/sottoscrizione Fbbricti Attrezzture Rimnenze prodotti finiti Clienti Svlutzioni ex rt Società Alf c/reintegro Bnc c/c 15/02/ /03/ /07/2005 Cpitle socile Riserv sovrpprezzo zioni Fornitori Debiti Fondo TFR Società Alf c/sottoscrizione Fbbricti Attrezzture /07/2005 Svlutzioni ex rt /07/2005 Società Alf c/reintegro

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio *

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio * www.solmp.it Le : gestione contbile ed iscrizione in bilncio * Piero Pisoni, Fbrizio Bv, Dontell Busso e Alin Devlle ** 1. Premess Le sono esminte nei seguenti spetti: Il presente elborto è trtto d: definizione

Dettagli

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni:

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni: Mod. RED Sede di Domnd n. del Pensione n. ct. nto il stto civile bitnte Prov. CAP vi n. DICHIARA, sotto l propri responsbilità, che per gli nni: A B (brrre l csell reltiv ll propri situzione) NON POSSIEDE

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Dispense di Mtemtic clsse quint -Gli integrli Quest oper è distriuit con: Licenz Cretive Commons Attriuzione - Non commercile - Non opere derivte. Itli Ing. Alessndro Pochì Appunti di lezione svolti ll

Dettagli

Esercizi sulle serie di Fourier

Esercizi sulle serie di Fourier Esercizi sulle serie di Fourier Corso di Fisic Mtemtic,.. 3- Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno Novembre 3 Sviluppo in serie di Fourier (esponenzile) In questi esercizi, si richiede di sviluppre

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

PERDITE SU CREDITI E SVALUTAZIONE CREDITI

PERDITE SU CREDITI E SVALUTAZIONE CREDITI PERDITE SU CREDITI E SVALUTAZIONE CREDITI Codice civile: I crediti devono essere iscritti secondo il vlore presumibile di relizzzione; quindi già l netto dell svlutzione derivnte dl monitorggio di ciscun

Dettagli

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo Istituto di Antropologi dell Regi Università di Rom Vrizioni di sviluppo del lobo frontle nell'uomo pel Dott. SERGIO SERGI Libero docente ed iuto ll cttedr di Antropologi. Il problem dei rpporti di sviluppo

Dettagli

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone 3 Questionrio Quesito 1 Provre che un sfer è equivlente i /3 del cilindro circoscritto. r 4 3 Il volume dell sfer è 3 r Il volume del cilindro

Dettagli

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è:

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è: Titolzione Acido Debole Bse Forte L rezione che vviene nell titolzione di un cido debole HA con un bse forte NOH è: HA(q) NOH(q) N (q) A (q) HO Per quest rezione l costnte di equilibrio è: 1 = = >>1 w

Dettagli

NOME BUBBICO ROCCO LUIGI CODICE FISCALE

NOME BUBBICO ROCCO LUIGI CODICE FISCALE Riservto ll Poste itline Sp N. Protocollo t di presentzione UNI CONORME AL PROVVEIMENTO AGENZIA ELLE ENTRATE EL 000 E SUCCESSIVI PROVVEIMENTI Periodo d'impost 0 COGNOME COICE ISCALE Informtiv sul trttmento

Dettagli

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace Appunti di Anlisi mtemtic Polo Acquistpce 23 febbrio 205 Indice Numeri 4. Alfbeto greco................................. 4.2 Insiemi..................................... 4.3 Funzioni....................................

Dettagli

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1 M.Blconi e R.Fontn, Disense di conomi: 3) quilirio del consumtore L scelt di equilirio del consumtore ntegrzione del C. 21 del testo di Mnkiw 1 Prte 1 l vincolo di ilncio Suonimo che il reddito di un consumtore

Dettagli

Definizioni fondamentali

Definizioni fondamentali Definizioni fondmentli Sistem scisse su un rett 1 Un rett si ce orientt qundo su ess è fissto un verso percorrenz Dti due punti qulsisi A e B un rett orientt r, il segmento AB che può essere percorso d

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI GUIDA ll ASSUNZIONE e ll CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI Aggiornt l 31 gennio 2015 PROGRAMMA POT Pinificzione Territorile Opertiv PROGRAMMA POT Pinificzione

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE G. Smmito, A. Bernrdo, Formulrio di mtemti Equzioni lgerihe F. Cimolin, L. Brlett, L. Lussrdi. EQUAZIONI ALGEBRICHE. Prinipi di equivlenz Si die identità un'uguglinz tr due espressioni ontenenti un o più

Dettagli

11. Attività svolta dall Agenzia, risorse e aspetti organizzativi

11. Attività svolta dall Agenzia, risorse e aspetti organizzativi 11. Attività svolt dll Agenzi, risorse e spetti orgnizztivi 11.1 Attività istituzionle svolt i sensi dell Deliberzione istitutiv In un vlutzione complessiv delle ttività svolte dll Agenzi i sensi dell

Dettagli

METODO VOLTAMPEROMETRICO

METODO VOLTAMPEROMETRICO METODO OLTAMPEOMETCO Tle etodo consente di isrre indirettente n resistenz elettric ed ipieg l definizione stess di resistenz : doe rppresent l tensione i cpi dell resistenz e l corrente che l ttrers coe

Dettagli

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti Problemi di mssimo e minimo in Geometri olid Problemi su poliedri Indice dei problemi risolti In generle, un problem si riferisce un figur con crtteristice specifice (p.es., il numero dei lti dell bse)

Dettagli

Sommario GIOVANI... 5 DONNE... 7. iscritti nelle liste. di mobilità IRAP... 24. Basilicataa. Piemontee Sicilia Toscana.

Sommario GIOVANI... 5 DONNE... 7. iscritti nelle liste. di mobilità IRAP... 24. Basilicataa. Piemontee Sicilia Toscana. lle ASSUN ZIONI AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIO NI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALII Guid 2013 PROGRAMMAA POT Pinificzione territorile opertiv Aggiornt l 31 dicembre 20133 Sommrio PRINCIPI GENERALI... 4 GIOVANI...

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

Macchine elettriche in corrente continua

Macchine elettriche in corrente continua cchine elettriche in corrente continu Generlità Può essere definit mcchin un dispositivo che convert energi d un form un ltr. Le mcchine elettriche in prticolre convertono energi elettric in energi meccnic

Dettagli

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Dispense CHIMICA GENERALE E ORGANICA (STAL) 010/11 Prof. P. Crloni EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Qundo si prl di rezioni di equilirio dei composti inorgnici, un considerzione prticolre viene rivolt lle

Dettagli

Grazie. Normativa sulle emissioni dell'epa. Avviso relativo alla garanzia. Servizio "Mercury Premier"

Grazie. Normativa sulle emissioni dell'epa. Avviso relativo alla garanzia. Servizio Mercury Premier Grzie per vere cquistto uno dei migliori motori fuoribordo sul mercto che si rivelerà un ottimo investimento per l nutic d diporto. Il fuoribordo è stto fbbricto d Mercury Mrine, leder internzionle nel

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA Modello 9/11 DIHIRZIONE DI INIZIO TTIVITÀ, VRIZIONE DTI O ESSZIONE TTIVITÀ I FINI IV (IMPRESE INDIVIDULI E LVORTORI UTONOMI) Informativa sul dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del

Dettagli

YOGURT. Dosi per. 150 più secondo il. fermenti. eccezionalee. il nostroo lavorare. intestino. forma. Alla fine

YOGURT. Dosi per. 150 più secondo il. fermenti. eccezionalee. il nostroo lavorare. intestino. forma. Alla fine YOGURT FATTO IN CASAA CON YOGURTIERA Lo yogurt ftto in cs è senz ltro un modoo sno per crere un limento eccezionlee per l nostr slute. Ricco di ltticii iut intestino fermenti il nostroo lvorre meglioo

Dettagli

Fatturiamo. Versione 5. Manuale per l utente. Active Software Corso Italia 149-34170 Gorizia email info@activeweb.it

Fatturiamo. Versione 5. Manuale per l utente. Active Software Corso Italia 149-34170 Gorizia email info@activeweb.it Ftturimo Versione 5 Mnule per l utente Active Softwre Corso Itli 149-34170 Gorizi emil info@ctiveweb.it Se questo documento ppre nell finestr del vostro browser Internet di defult, richimte il comndo Registr

Dettagli

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti:

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti: Minori di un mtrice Si A K m,n, si definisce minore di ordine p con p N, p

Dettagli

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data...

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data... I numeri rzionli Cpitolo Numeri rzionli Verifi per l lsse prim COGNOME............................... NOME............................. Clsse.................................... Dt...............................

Dettagli

Epigrafe. Premessa. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 (1).

Epigrafe. Premessa. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 (1). D.Lgs. 29-12-2006 n. 311 Disposizioni correttive ed integrtive l D.Lgs. 19 gosto 2005, n. 192, recnte ttuzione dell direttiv 2002/91/CE, reltiv l rendimento energetico nell'edilizi. Pubblicto nell Gzz.

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE PER GLI INTERVENTI SULLE TARIFFE INCENTIVANTI RELATIVE AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI ai sensi dell art. 26 della Legge 116/2014

ISTRUZIONI OPERATIVE PER GLI INTERVENTI SULLE TARIFFE INCENTIVANTI RELATIVE AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI ai sensi dell art. 26 della Legge 116/2014 ISTRUZIONI OPERATIVE PER GLI INTERVENTI SULLE TARIFFE INCENTIVANTI RELATIVE AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI i sensi dell rt. 26 dell Legge 116/2014 (c.d. Legge Copetitività ) Ro, 3 novebre 2014 Indice 1. Contesto

Dettagli

Cuscinetti ad una corona di sfere a contatto obliquo

Cuscinetti ad una corona di sfere a contatto obliquo Cuscinetti d un coron di sfere conttto obliquo Cuscinetti d un coron di sfere conttto obliquo 232 Definizione ed ttitudini 232 Serie 233 Vrinti 233 Tollernze e giochi 234 Elementi di clcolo 236 Crtteristiche

Dettagli

ESERCITAZIONI. I. 1)Una coppia ha già due figlie. Se pianificassero di avere 6 figli, con quale probabilità avranno una famiglia di tutte figlie?

ESERCITAZIONI. I. 1)Una coppia ha già due figlie. Se pianificassero di avere 6 figli, con quale probabilità avranno una famiglia di tutte figlie? ESERCITZIONI. I 1)Un coppi h già due figlie. Se pinificssero di vere 6 figli, con qule probbilità vrnno un fmigli di tutte figlie? ) 1/4 b)1/8 c)1/16 d)1/32 e)1/64 2)In un fmigli con 3 bmbini, qul e l

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

INTERCONNESSIONE CONNETTIVITÀ

INTERCONNESSIONE CONNETTIVITÀ EMC VMA AX 10K EMC VMAX 10K fornisce e un'rchitettu ur scle-out multi-controlller Tier 1 rele e che nsolidmento ed efficienz. EMC VMAX 10 0K utilizz l stess s grntisce lle ziende con stemi VMAX 20 0K e

Dettagli

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata Comprzione delle performnce di 6 cloni di Gmy d ltitudine elevt 1 / 46 Motivzioni Selezione clonle IAR-4 Lo IAR-4 è stto selezionto in mbiente montno d un prticolre popolzione di mterile stndrd, dll qule

Dettagli

4. Trasporto pubblico non di linea: taxi e noleggio con conducente (NCC)

4. Trasporto pubblico non di linea: taxi e noleggio con conducente (NCC) 4. Trsporto pubblico non di line: txi e noleggio con conducente (NCC) L domnd di mobilità dei cittdini incontr un corrispondente offert delle diverse modlità di trsporto, sull bse delle crtteristiche degli

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

LE INTERSEZIONI Dispense didattiche di TOPOGRAFIA

LE INTERSEZIONI Dispense didattiche di TOPOGRAFIA lsse qurt Docente: In. Ntt MODULO I: IL RILIEVO TOOGRFIO UD I: L INQUDRMENTO ON LE RETI - INTERSEZIONI LE INTERSEZIONI Dispense didttiche di TOOGRFI r M unto di ollins O s θ 00 O d O d 00 θ θ ω ' ω θ c'

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione 07 Guid ll progettzione Scelt tubzioni e giunti 2 tubi di misur [mm] Dimetro tubzioni unità esterne (A) Giunti 12Hp 1Hp 1Hp Selezionre il dimetro delle unità esterne dll seguente tbell Giunto Y tr unità

Dettagli

STUD FOTOVOLTAICO 16 LED 1.2W CW

STUD FOTOVOLTAICO 16 LED 1.2W CW Cod. 1879.185M STUD FOTOVOLTAICO 16 LED 1.2W CW Crtteristiche tecniche Corpo in lluminio pressofuso Portello di chiusur vno cblggio/btterie in termoindurente Riflettore in lluminio vernicito binco Diffusore

Dettagli

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro.

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro. Viett l pubbliczione, l riprouzione e l ivulgzione scopo i lucro. GA00001 Qul è l mpiezz ell ngolo che si ottiene ) 95 b) 275 c) 265 ) 5 b sottreno 85 un ngolo giro? GA00002 Due ngoli ll circonferenz che

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO IN EUROPA

IL DIRIGENTE SCOLASTICO IN EUROPA n u m e r o m o n o g r f i c o IL DIRIGENTE SCOLASTICO IN EUROPA PREMESSA Nell Comuniczione dell Commissione Europe del 3 luglio 2008, intitolt Migliorre le competenze per il 21 secolo: un ordine del

Dettagli

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione RELAZIONI E FUNZIONI Relzioni inrie Dti ue insiemi non vuoti e (he possono eventulmente oiniere), si ie relzione tr e un qulsisi legge he ssoi elementi elementi. L insieme A è etto insieme i prtenz. L

Dettagli

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE Eserizi dell lezione sull Geomeri Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ES ERCIZI SULL' IPERBOLE ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA. Determinre l equzione dell ironferenz

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

10 Progetto con modelli tirante-puntone

10 Progetto con modelli tirante-puntone 0 Progetto con modelli tirnte-puntone 0. Introduzione I modelli tirnte-puntone (S&T Strut nd Tie) sono utilizzti per l progettzione delle membrture in c.. che non possono essere schemtizzte come solidi

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

v999999999 Italià (més grans de 25 anys) Aferrau una etiqueta identificativa Convocatòri a 2015 de codi de barres Model 1

v999999999 Italià (més grans de 25 anys) Aferrau una etiqueta identificativa Convocatòri a 2015 de codi de barres Model 1 Aferru un etiquet identifictiv v999999999 de codi de brres Itlià (més grns de 25 nys) Model 1 Not 1ª Not 2ª Aferru l cpçler d exmen un cop cbt l exercici Puntució: preguntes vertder/fls: 1 punt; preguntes

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 16 15.05.2014 Unico in caso di trasformazione Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Scadenze Ai sensi dell art. 5-bis, comma 1, del D.P.R.

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

LA PREVISIONE DELLE TEMPERATURE MINIME IN TEMPO REALE:

LA PREVISIONE DELLE TEMPERATURE MINIME IN TEMPO REALE: LA PREVISIONE DELLE TEMPERATURE MINIME IN TEMPO REALE: DAI MODELLI TRADIZIONALI AI NUOVI APPROCCI REAL-TIME TEMPERATURE MINIMUM PREDICTION: FROM TRADITIONAL MODELS TO NEW APPROACHES Stefno Dll Nor 1, Emnuele

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

L ELLISSOIDE TERRESTRE

L ELLISSOIDE TERRESTRE L ELLISSOIDE TERRESTRE Fin dll scond mtà dl XVII scolo (su propost di Nwton) l suprfici più dtt ssr ssunt com suprfici di rifrimnto pr l Trr è stt individut in un ELLISSOIDE DI ROTAZIONE. E l suprfici

Dettagli

Domanda di pagamento dei ratei di pensione maturati e non riscossi - 1/7

Domanda di pagamento dei ratei di pensione maturati e non riscossi - 1/7 Istituto Nazionale Previdenza Sociale PR O TOC OL L O COD. P23 maturati e non riscossi - 1/7 Questi moduli vanno utilizzati da tutti gli eredi di un pensionato, in assenza del coniuge. Se esistono più

Dettagli

a Crediamo nel concetto di cucina a chilometro zero e nei prodotti di stagione, crediamo nel rispetto dell ambiente e delle tradizioni.

a Crediamo nel concetto di cucina a chilometro zero e nei prodotti di stagione, crediamo nel rispetto dell ambiente e delle tradizioni. Credimo nel concetto di cucin chilometro zero e nei prodotti di stgione, credimo nel rispetto dell mbiente e delle trdizioni. L nostr propost enogstronomic è bst sull riscopert delle ricette più semplici

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :,

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :, TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Un rsforzione geoeric del pino in sé è un corrispondenz iunivoc r i puni del pino P P, P P P è l igine di P rispeo ll rsforzione. Ad ogni puno P(,) corrisponde uno ed un solo

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE.

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE. FCA D UN CCUTO SSTO CONTNNT PÙ GNATO CON UN TMNAL COMUN SNZA TMNAL COMUN. Si verifino quttro iruiti on due genertori: genertori on polrità onorde e un terminle omune genertori on polrità disorde e un terminle

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

IL LIBRO DI MORMON UN ALTRO TESTAMENTO DI GESÙ CRISTO

IL LIBRO DI MORMON UN ALTRO TESTAMENTO DI GESÙ CRISTO IL LIBRO DI MORMON UN ALTRO TESTAMENTO DI GESÙ CRISTO IL LIBRO DI MORMON UN ALTRO TESTAMENTO DI GESÙ CRISTO IL Libro di Mormon RACCONTO SCRITTO SU TAVOLE PER MANO DI MORMON TRATTO DALLE TAVOLE DI NEFI

Dettagli

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi IL TRATTAMENTO FISCALE DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI 1 Inquadramento degli amministratori persone fisiche: a. rapporto di collaborazione b. amministratore e lavoro dipendente c. amministratore e lavoro

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

DUVRI Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

DUVRI Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali DUVRI Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali i sensi del D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e ss.mm.ii. TESTO UNICO SULL SLUTE E SICUREZZ SUL LVORO ttuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli