" Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "" Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6"

Transcript

1 CAPITOLO 6 Clcolo integrle 6. Integrle indefinito L nozione fondmentle del clcolo integrle è quell di funzione primitiv di un funzione f (). Tle nozione è in qulche modo speculre ll nozione di funzione derivt di f () : con funzione primitiv di un dt funzione f () si intende un funzione F () che, se derivt, coincide con l funzione f () stess. Sussiste l seguente R Definizione (Primitiv) Si f () definit nell intervllo perto (, b). Se esiste un funzione F () continu in [,b] e derivbile in (,b) e tle che F () = f () (,b), l funzione F () srà dett funzione primitiv di f (). E Esempio 6. Si f () = k, con k R. Siccome l funzione F () = k è tle che l funzione F () è un primitiv di f (). " Osservzione Prim proprietà delle primitive. F () = k = f () R, Se F () è un primitiv di f (), nche l funzione G() = F () + c, c R è un funzione primitiv di f (). In effetti risult G () = D[F () + c] = F () = f (). Ne segue, quindi, che se un funzione f () mmette un primitiv F () llor mmetterà come primitive nche tutte le funzioni dell form G() = F () + c. Rimne chirmente perto il problem seguente: esistono ltre primitive di f () che non sino dell form F ()+c? Il teorem seguente stbilisce che tle domnd mmette un rispost negtiv. 6

2 CAPITOLO 6. CALCOLO INTEGRALE 7 w Teorem (Second proprietà delle primitive) Ipotesi) Si f () definit in (,b) e sino G() e F () due primitive di f (). Tesi) G() = F () + c, c R. Dimostrzione Siccome F () e G() sono due primitive di f (), dovrà risultre G () = f () e F () = f (), d cui segue G () = F () (6.) Siccome per ipotesi F () e G() sono primitive di f (), esse sono continue in [,b] e derivbili in (,b) : è llor possibile utilizzre il secondo corollrio l teorem di Lgrnge: l relzione (6.) implic pertnto che d cui l tesi. G() F () = c [,b], R Definizione (Integrle indefinito) Si f () definit in (,b) e si suppong che ess mmett primitive. L totlità delle primitive di f () srà indict con il simbolo f ()d, che si legge integrle indefinito di f () in d. L funzione f () srà dett integrndo. In bse lle due proprietà delle primitive ppen descritte si vrà, pertnto, f ()d = F () + c, c R, dove F () è un qulsisi primitiv di f (). " Osservzione L integrle indefinito è, l pri dell derivt, un operzione cosiddett linere: risult, cioè [αf () + βg ()]d = α f ()d + β In effetti, se F () è un primitiv di f () e G() lo è di g (), l funzione αf () + βg() g ()d. (6.2)

3 CAPITOLO 6. CALCOLO INTEGRALE 8 è un primitiv di αf () + βg (), visto che D[αF () + βg()] = αf () + βg () = αf () + βg (). Ne segue che [αf () + βg ()]d = αf () + βg() + c, c R. (6.3) Dll definizione di primitiv segue, d ltr prte, che α f ()d + β g ()d = α[f () + c ] + β[g() + c 2 ] = αf () + βg() + c, c R, (6.4) vendo posto c = αc + βc 2 che, vist l rbitrrietà delle costnti c e c 2 implic c R. Confrontndo le relzioni (6.3) e (6.4) si ottiene quindi l linerità dell integrle indefinito (6.2). " Osservzione Tenendo conto dell definizione di integrle definito risult D[g ()]d = g () + c, c R. (6.5) In effetti nel clcolo dell integrle D[g ()]d occorre trovre un funzione F () l cui derivt si pri ll integrndo, D[g ()]. Chirmente l funzione F () = g () gode di tle crtteristic, F () = D[g ()], d cui segue l vlidità dell relzione (6.5). " Osservzione Dlle regole di derivzione di un funzione compost introdotte nel cpitolo 5, che di seguito si riportno per comodità, y y α+ (α + ) α [f ()] α α[f ()] α f () f () f () f ()ln e f () e f () f () log [f ()] ln[f ()] sin[f ()] cos[f ()] f () f () log e f () f () cos[f ()]f () sin[f ()]f ()

4 CAPITOLO 6. CALCOLO INTEGRALE 9 è possibile clcolre in modo immedito il vlore di precchi integrli indefiniti. Ad esempio dll relzione D[ α+ ] = (α + ) α e dll osservzione precedente, segue che (α + ) α d = D[ α+ ]d = α+ + c, c R. (6.6) Utilizzndo poi l linerità dell integrle indefinito si h, per α, (α + ) α d = (α + ) α d = α d = (α + ) α d. (6.7) α + Inserendo nell relzione (6.7) l relzione (6.6) si ottiene α d = α + [α+ + c], c R = α+ α + + c α +, c R. Dll rbitrrietà dell costnte c segue nche l rbitrrietà dell costnte c α+, per cui si è ottenuto, infine, α d = α+ + c, c R seα. α + Se, invece, α =, occorre clcolre l integrle d. Tenendo conto del ftto che, per definizione, si richiede che l integrndo f () si definito in un intervllo, si distinguono due csi: ) f () = si definit per > 0. In tl cso è immedito verificre che l funzione F () = ln è un primitiv di f (), essendo D[ln ] =. 2) f () = si definit per < 0. In tl cso un primitiv di f () può essere scelt pri F () = ln( ), essendo D[ln( )] = ( ) ( ) =. I csi ) e 2) possono essere unificti ponendo d = ln + c, c R. In modo nlogo qunto visto nell osservzione precedente, dll tbell delle derivte di un funzione compost e utilizzndo l linerità dell integrle indefinito è possibile pertnto costruire un tbell di integrli indefiniti che si possono clcolre immeditmente:

5 CAPITOLO 6. CALCOLO INTEGRALE 20 Integrle definito α d d d [f ()] α f ()d [f ()] f ()d f () f () f () d α+ α+ Primitive + c, c R se α ln + c, c R [f ()] α+ α+ + c, c Rseα ln f () + c, c R f () log e d log f () + c, c R f () f ()ln d f () + c, c R e f () f ()d e f () + c, c R e d e + c, c R cos[f ()]f ()d sin[f ()] + c, c R sin[f ()]f ()d cos[f ()] + c, c R Tbell 6. Alcuni integrli immediti Utilizzndo l relzione α d = α+ + c, α α + è possibile clcolre gli integrli indefiniti negli esempi seguenti. EEsempio 6.2 Si clcoli l integrle indefinito 5 d. Si h: EEsempio 6.3 Si clcoli l integrle indefinito 5 d = c. 5 3 d. Si h: 5 3 d = 3 5 d = c = c

6 CAPITOLO 6. CALCOLO INTEGRALE 2 EEsempio 6.4 Si clcoli l integrle indefinito 3 d. Si h: 3 d = EEsempio d = c = c. Si clcoli l integrle indefinito 3 d. Si h: 3 d = 3 d = c = c. Utilizzndo l relzione [f ()] α f ()d = α + [f ()]α+ + c è possibile clcolre gli integrli indefiniti negli esempi seguenti. EEsempio 6.6 Si clcoli l integrle indefinito 2 (2 )d. L integrle dto è dell form [f ()] α f ()d con f () = 2 e α = 2. Si h, pertnto, 2 (2 )d = 2 [2 ] c = 2 3 [2 ] c = 2 3 (2 ) 3 + c.

7 CAPITOLO 6. CALCOLO INTEGRALE 22 EEsempio 6.7 Si clcoli l integrle indefinito sin 2 ()cos d. L integrle dto è dell form [f ()] α f ()d con f () = sin e α = 2. Si ottiene, pertnto, sin 2 ()cos d = 2 + [sin ]3 + c = 3 sin3 + c. EEsempio 6.8 Si clcoli l integrle indefinito 2 ( 2 + 3) 2 d. L integrle dto è dell form [f ()] α f ()d con f () = e α = 2. Si ottiene, pertnto, 2 ( 2 + 3) 2 d = 2 + [2 + 3] 2+ + c = c. Utilizzndo l relzione f () d = ln f () + c f () si possono clcolre gli integrli indefiniti negli esempi che seguono. EEsempio 6.9 Si clcoli l integrle indefinito d.

8 CAPITOLO 6. CALCOLO INTEGRALE 23 L integrle dto è dell form f () f () d con f () = Si ottiene, quindi, d = ln c = ln( 2 + 7) + c. EEsempio 6.0 Si clcoli l integrle indefinito cos sin d. L integrle dto è dell form f () f () d con f () = sin. Si ottiene, quindi, cos d = ln sin + c. sin EEsempio 6. Si clcoli l integrle indefinito 2e 2 e 2 3 d. L integrle dto è dell form f () f () d con f () = e 2 3. Si vrà, quindi, 2e 2 e 2 3 d = ln e2 3 + c.

9 CAPITOLO 6. CALCOLO INTEGRALE 24 Utilizzndo l relzione e f () f ()d = e f () + c si possono clcolre gli integrli negli esempi che seguono. EEsempio 6.2 Si clcoli l integrle indefinito e 2 + (2 + )d. L integrle dto è dell form e f () f ()d con f () = 2 +. Si vrà, quindi, e 2 + (2 + )d = e c. EEsempio 6.3 Si clcoli l integrle indefinito L integrle dto è dell form e d. e f () f ()d con f () = Si vrà, quindi, e d = e c. Utilizzndo l relzione sin f ()f ()d = cos f () + c si può clcolre l integrle indefinito nel seguente

10 CAPITOLO 6. CALCOLO INTEGRALE 25 EEsempio 6.4 Si clcoli l integrle indefinito 2 sin d. L integrle dto è dell form sin f ()f ()d con f () =. Si vrà, quindi, 2 sin d = cos + c. Utilizzndo l relzione cos f ()f ()d = sin f () + c si può clcolre l integrle indefinito nel seguente EEsempio 6.5 Si clcoli l integrle indefinito 2 cos 2 d. L integrle dto è dell form cos f ()f ()d con f () = 2. Si vrà, quindi, 2 cos 2 d = sin 2 + c. " Osservzione Utilizzndo l linerità dell integrle indefinito è possibile clcolre integrli nche nei csi che non rientrno in quelli dell tbell 6., come mostrto negli esempi seguenti.

11 CAPITOLO 6. CALCOLO INTEGRALE 26 EEsempio 6.6 Si clcoli l integrle indefinito (5 2e + 3sin )d. Si h: (5 2e + 3sin )d = 5 d 2 e d + 3 sin d = = e 3cos + c. EEsempio 6.7 Si clcoli l integrle indefinito d. Si h: d = ( )d = 2 + 3ln + c. " Osservzione L linerità dell integrle indefinito può essere utilizzt nei csi in cui l funzione f () nell tbell 6. è costnte m non compre nell integrndo. In tl cso si può moltiplicre l integrndo per tle costnte, pur di dividere per l stess costnte tutto l integrle, come mostrto nei seguenti esempi. EEsempio 6.8 Si clcoli l integrle indefinito (2 3) 4 d. L integrle dto può essere ricondotto l cso [f ()] α f ()d = α + [f ()]α+ + c

12 CAPITOLO 6. CALCOLO INTEGRALE 27 con f () = 2 3 e α = 4 moltiplicndo l integrndo e dividendo tutto l integrle per f () = 2 : (2 3) 4 d = 2 2 (2 3) 4 d = 2 [ 4 + (2 3) 4+ + c] = EEsempio 6.9 = 6 (2 3) 3 + c. Si clcoli l integrle indefinito d. L integrle dto può essere ricondotto l cso f () d = ln f () + c f () con f () = 3+5 moltiplicndo l integrndo e dividendo tutto l integrle per f () = 3 : d = d = ln c. 3 EEsempio 6.20 Si clcoli l integrle indefinito sin(2)d. L integrle dto può essere ricondotto l cso sin(f ())f ()d = cos f () + c con f () = 2 moltiplicndo l integrndo e dividendo tutto l integrle per f () = 2 : sin(2)d = 2 2sin(2)d = 2 ( cos2 + c) = cos2 + c. 2 L linerità dell integrle indefinito può essere utilizzt nche nel cso un in cui f () non è costnte m è sufficiente moltiplicre l integrndo per un costnte l fine di riprodurre l funzione f () nell integrndo stesso, come mostrto nel seguente

13 CAPITOLO 6. CALCOLO INTEGRALE 28 EEsempio 6.2 Si clcoli l integrle indefinito e d. L integrle dto può essere ricondotto l cso e f () f ()d = e f () + c con f () = moltiplicndo l integrndo e dividendo tutto l integrle per 4 3 : e d = 3 4 e d = 3 4 e c. Un ltr ppliczione dell proprietà di linerità è mostrt nell esempio seguente EEsempio 6.22 Si clcoli l integrle indefinito d. Utilizzndo l linerità dell integrle, si ottiene: d = d. Per il clcolo dell integrle + 3 d si può ncor sfruttre l linerità dell integrle sommndo e sottrendo 3 l numertore: d = + 3 d = [ ]d = = d 3 d = 3ln c. + 3 Per l integrle di prtenz si ottiene, quindi, 2 d = 2 6ln c. + 3

14 CAPITOLO 6. CALCOLO INTEGRALE Integrzione per prti Dll regol che consente di clcolre l derivt di un prodotto di funzioni, D[f ()g ()] = D[f ()]g () + f ()D[g ()], si ottiene, integrndo membro membro l precedente relzione e utilizzndo l linerità dell integrle indefinito, D[f ()g ()]d = D[f ()]g ()d + f ()D[g ()]d = D[f ()]g ()d = D[f ()g ()]d f ()D[g ()]d e, tenendo conto che il primo integrle secondo membro D[f ()g ()]d = f ()g () + c, c R, si è ottenut l relzione f ()g ()d = f ()g () f ()g ()d + c, c R, not come regol di integrzione per prti. Tle regol consente di clcolre integrli non immediti dell form f ()g ()d riconducendoli l clcolo di integrli dell form f ()g ()d. " Osservzione Un esempio tipico in cui è utile pplicre l formul di integrzione per prti è quello di integrli dell form e ± P n ()d, dove P n () è un polinomio di grdo n in. In tl cso, scegliendo nell formul di integrzione per prti, f ()g ()d = f ()g () f ()g ()d + c, c R,

15 CAPITOLO 6. CALCOLO INTEGRALE 30 f () = e ± e P n () = g () ci si riconduce l clcolo dell integrle e ± P n ()d, visto che, se f () = e ± si h f () = ±e ±, e che g () = P n () srà un polinomio P n () di grdo n. Tle regol consente quindi di ridurre, d ogni su ppliczione, il grdo del polinomio d integrre, cos che fcilit il clcolo dell integrle indefinito, come mostrto nei seguenti esempi. EEsempio 6.23 Si clcoli l integrle indefinito e d. Posto f () = e e g () =, si h e f () = e g () =, d cui si ottiene, pplicndo l relzione f ()g ()d = f ()g () f ()g ()d + c, e d = e e d + c = e e + c. EEsempio 6.24 Si clcoli l integrle indefinito 2 e d. Posto f () = e e g () = 2, si h f () = e e g () = 2, d cui si ottiene, pplicndo l relzione f ()g ()d = f ()g () f ()g ()d + c,

16 CAPITOLO 6. CALCOLO INTEGRALE 3 2 e d = e 2 e 2 d + c = 2 e 2 e d + c. Utilizzndo il risultto dell esempio precedente, e d = e e, si ottiene, quindi, 2 e d = 2 e 2(e e ) + c = 2 e 2e + 2e + c. " Osservzione Un ltro esempio in cui è utile pplicre l formul di integrzione per prti è quello di integrli dell form α ln d. In effetti, ponendo f () = α e g () = ln, si vrà, se α, e per cui f () = α + α+ g () =, f ()g ()d = α + α+ ln α + α+ ln α + α + α+ d + c = α d + c = α + α+ ln (α + ) 2 α+ + c.

17 CAPITOLO 6. CALCOLO INTEGRALE 32 EEsempio 6.25 Si clcoli l integrle indefinito ln d. Posto f () = e g () = ln si ottiene f () = 2 2 e g () =. Applicndo l formul di integrzione per prti, si vrà EEsempio 6.26 ln d = 2 2 ln 2 2 d = = 2 2 ln 2 d = 2 2 ln c. Si clcoli l integrle indefinito ln d. Posto f () = e g () = ln si ottiene f () = e g () =. Applicndo l formul di integrzione per prti, si vrà ln d = ln d = = ln d = ln + c.

18 CAPITOLO 6. CALCOLO INTEGRALE Integrzione per sostituzione Per clcolre l integrle definito f ()d volte è comodo effetture un cmbio di vribili. Dt un funzione g (t) invertibile e derivbile, si pong = g (t). Come srà mostrto in seguito, il differenzile d deve essere sostituito con il differenzile di g (t) : d = g (t)dt, per cui l integrle di prtenz può essere clcolto dpprim risolvendo l integrle f (g (t))g (t)dt = G(t) + c, c R e poi clcolndo l primitiv G(t) nell vribile, trmite l sostituzione t = g (). EEsempio 6.27 Si clcoli l integrle indefinito e + d. Ponendo + = t si ottiene e, quindi, Di conseguenz si vrà + = t 2 = t 2. d = 2t dt e l integrle di prtenz potrà essere clcolto prtire dll integrle e t 2t dt = 2 e t t dt. L integrle in t può essere clcolto pplicndo l formul di integrzione per prti: 2 e t t dt = 2[te t e t + c].

19 CAPITOLO 6. CALCOLO INTEGRALE 34 Clcolndo l espressione precedente nell vribile di prtenz, si ottiene, infine, e + d = 2[te t e t + c]con t = + = e + d = 2 + e + 2e + + c L formul di integrzione per sosituzione può essere provt utilizzndo l regol di derivzione di un funzione compost. Si suppong, inftti, che F () si un primitiv di f () e si g (t) un funzione invertibile e derivbile. Si h: D[F (g (t))] = F (g (t))g (t) = f (g (t))g (t) e, integrndo membro membro l precedente identità, si ottiene: D[F (g (t))]dt = f (g (t))g (t)dt = F (g (t)) = f (g (t))g (t)dt = G(t). Dll relzione ottenut, F (g (t)) = G(t) si può ricvre F () dll relzione t = g () : essendo G(g ()) = F (g (g ())) = F (), g (g ()) =. 6.2 Integrle definito Si suppong di dover clcolre l re del trpezoide T sotteso dll curv f () e vente per bse il segmento [,b] (si ved l figur 6.)

20 CAPITOLO 6. CALCOLO INTEGRALE 35 f() T b Figur 6. Il trpezoide T individuto dll curv f (). E possibile pprossimre l re del trpezoide T per eccesso e per difetto trmite l costruzione seguente: si suddivid l intervllo [,b] in n sottointervlli [ i, i ), i =,...,n con = 0 < < 2 <... < n < n = b. Per il generico sottointervllo [ i, i ) si pong e i = inf{f (), [ i, i )} e E i = sup{f (), [ i, i )}.

21 CAPITOLO 6. CALCOLO INTEGRALE 36 f() Ei ei b i i Figur 6.2 Estremo superiore ed inferiore di f () nell intervllo [ i, i ). Si consideri or solo l porzione del trpezoide T sotteso dll curv f () nell intervllo [ i, i ), e lo si indichi con T i. Il rettngolo di bse i i e ltezz e i (rettngolo inscritto) pprossim per difetto l re di tle porzione mentre il rettngolo di bse i i e bse E i (rettngolo circoscritto) l pprossim per eccesso (si osservi l figur 6.3) f() f() Ei ei i i i i () (b) Figur 6.3 Il rettngolo inscritto () e quello circoscritto (b).

22 CAPITOLO 6. CALCOLO INTEGRALE 37 Risult, quindi e i ( i i ) re{t i } E i ( i i ) (6.8) essendo E i ( i i ) (e i ( i i )) l re del rettngolo circosritto (inscritto). Siccome è rgionevole supporre che l re di tutto il trpezoide T poss essere ottenut come somm delle ree di ciscun porzione T i, dll relzione (6.8) si ottiene dove i= re{t } = n re{t i }, i= n n e i ( i i ) re{t } E i ( i i ), i= n e i ( i i ) i= individu l re del plurirettngolo inscritto mentre n E i ( i i ) i= individu l re del plurirettngolo circoscritto. R Definizione (Somm integrle inferiore) Si dice somm integrle inferiore ssocit ll decomposizione dell intervllo [, b] nei sottointervlli [ i, i ), i =,...,n con = 0 < < 2 <... < n = b il numero s = n e i ( i i ). i= R Definizione (Somm integrle superiore) Si dice somm integrle superiore ssocit ll decomposizione dell intervllo [,b] nei sottointervlli [ i, i ), i =,...,n con = 0 < < 2 <... < n = b il numero n S = E i ( i i ). " Osservzione i= Se l intervllo [,b] è decomposto nei sottointervlli [ i, i ), i =,...,n con = 0 < < 2 <... < n = b con i i è chiro che, in generle, i vlori delle somme integrle superiore ed inferiore cmbiernno. Al vrire di tutte le possibili decomposizioni dell intervllo [, b], si otterrà quindi un insieme di vlori {s} per le somme integrli inferiori e {S} per le somme integrli superiori.

23 CAPITOLO 6. CALCOLO INTEGRALE 38 " Osservzione Si suppong che l estremo superiore delle somme integrli inferiori{s} coincid con l estremo inferiore delle somme integrli superiori {S}, sup{s} = inf{s} = A. Visto che dll relzione segue che s re{t } S sup{s} re{t } inf{s} si vrà A re{t } A = re{t } = A. In tl cso si ssegnerà, quindi, il vlore A ll re del trpezoide T e l funzione f () si dirà integrbile (secondo Riemnn) in [,b]. " Osservzione L costruzione ppen effettut si può estendere nche l cso in cui l funzione f () ssume vlori negtivi. In tl cso è ncor possibile prlre di re del trpezoide ssocito f () pur di introdurre l nozione di re lgebric, dott cioè di segno (si confronti l figur 6.4) f() Are lgebric > 0 b Are lgebric < 0 Figur 6.4 L re lgebric. E possibile or dre l seguente

24 CAPITOLO 6. CALCOLO INTEGRALE 39 R Definizione (Funzione integrbile secondo Riemnn) Si f () definit in [,b]. Si dice che f () è integrbile secondo Riemnn in [,b] se R Definizione (Integrle definito) inf{s} = sup{s} = A Si f () definit e integrbile secondo Riemnn in [, b]. Il vlore A dell estremo superiore delle somme integrli inferiori e dell estremo inferiore delle somme integrli superiori si dice integrle definito di f () d b e si indic con il simbolo A = b f ()d. " Osservzione Dll definzione di integrle definito come re (lgebric) sottes dll curv f (), si può gevolmente provre che un funzione continu in [, b] è integrbile in [,b]. L continuità di f () non è tuttvi necessri. Si consideri in effetti l figur 6.5: f() 3 T T Figur 6.5 Un esempio di funzione non continu integrbile. l re sottes dll curv f () è chirmente dt dll somm dell re di T e T 2 : A = 0 f ()d = re{t } + re{t 2 } = = 2.

25 CAPITOLO 6. CALCOLO INTEGRALE Proprietà dell integrle definito Dll definizione di integrle definito (o, più intuitivmente, dl suo significto di re lgebric) si possono dedurre le seguenti proprietà:. 2. b [αf ()+βg ()d = α b f ()d +β b g ()d (linerità dell integrle definito) b f ()d = c f ()d + b c f ()d per ogni c [,b] (dditività dell integrle definito). Tle relzione è ovvi se si pens l ftto che l re sottes d f () tr e b è pri ll re sottes tr e c più l re sottes tr c e b 3. Se f () g () [,b] si h b f ()d b g ()d (monotoni dell integrle definito). Tle proprietà segue dl ftto che se f () g () l re sottes dll curv f () srà minore dell re sottes dll curv g (). b 4. f ()d = b f ()d. L ultim proprietà segue dl ftto che f ()d = 0, essendo null l re di un trpezoide di bse null, e dll dditività dell integrle definito: 0 = f ()d = b f ()d + b f ()d = b f ()d = b f ()d Teoremi sugli integrli definiti w Teorem (Medi integrle) Ipotesi) Si f () continu in [,b]. Tesi) c (,b) tle che b Dimostrzione f ()d = f (c)(b ). Siccome f () è continu in [, b] mmetterà, per il teorem di Weierstrss, mssimo ssoluto (M) e minimo ssoluto (m). Si vrà, quindi, m f () M. Per l monotoni dell integrle definito, si vrà b m d b f ()d b M d. L integrle definito di un costnte può essere clcolto gevolmente come re di un rettngolo (si ved l figur 6.6):

26 CAPITOLO 6. CALCOLO INTEGRALE 4 f() k b Figur 6.6 L integrle definito di un funzione costnte: b k d = k(b ). b m d = m(b ) b M d = M(b ), d cui m(b ) b f ()d M(b ) = m b f ()d M. b b f ()d Il numero λ = b è compreso tr il mssimo e il minimo ssoluto di f () : per il teorem di Drbou esisterà un punto c (,b) tle che d cui b f (c) = b f ()d, b f ()d = f (c)(b )

27 CAPITOLO 6. CALCOLO INTEGRALE 42 e, quindi, l tesi. R Definizione (Funzione integrle) Si f () continu in [,b]. L funzione I () = f (t)dt, [,b] si dice funzione integrle di f (). Ess rppresent l re del trpezoide T rppresentto in figur 6.7. f() T b Figur 6.7 Significto geometrico dell funzione integrle I (). w Teorem (Torricelli-Brrow o teorem fondmentle del clcolo integrle) Ipotesi) Si f () continu in [,b]. Tesi) L funzione integrle I () è derivbile in (,b) e risult I () = f (). Dimostrzione Si consideri il rpporto incrementle dell funzione integrle I () : I () = I ( + ) I () = + f (t)dt f (t)dt. Ponendo + f (t)dt = f (t)dt + + f (t)dt

28 CAPITOLO 6. CALCOLO INTEGRALE 43 l relzione precedente diviene I () = + f (t)dt f (t)dt = f (t)dt + + I () = + Dl teorem dell medi integrle segue che + f (t)dt f (c)( + ) = e, quindi, l relzione (6.9) diviene f (t)dt f (t)dt = f (t)dt. (6.9) = f (c) I () = f (c), c (, + ). = f (c), c (, + ) Il limite per 0 del rpporto incrementle dell funzione integrle vle, pertnto, I () lim = lim f (c). 0 0 Siccome c (, + ), per 0 si h c e, quindi, I () lim = lim f (c) = f (), 0 c essendo f () un funzione continu. Ne segue che e, quindi, l tesi. I () = f () " Osservzione Un conseguenz del teorem di Torricelli-Brrow è che l funzione integrle I () è un primitiv di f (), essendo I () = f (). Il teorem di Torricelli-Brrow mmette il seguente Corollrio Ipotesi) Si f () continu in [,b]. Tesi) b f ()d = F (b) F (), dove F () è un qulsisi primitiv di f ().

29 CAPITOLO 6. CALCOLO INTEGRALE 44 Dimostrzione Siccome l funzione integrle I () è un primitiv dell funzione f () risult, dlle proprietà delle primitive, che un generic primitiv F () di f () potrà essere espress come F () = I () + c, c R cioè F () = f (t)dt + c, c R. (6.0) Si h: visto che F () = f (t)dt + c, c R = F () = c, f (t)dt = 0. Inserendo tle relzione nell (6.0) si ottiene e, pertnto, F () = F (b) = b b f (t)dt + F () f (t)dt + F () = f (t)dt = F (b) F (). " Osservzione Il corollrio l teorem di Torricelli-Brrow fornisce lo strumento che consente di clcolre gli integrli definiti: per clcolre l integrle b f ()d si clcol dpprim un primitiv qulsisi F () di f (). Il vlore dell integrle definito srà dto dll differenz tr il vlore che tle primitiv ssume nel punto b e il vlore che ess ssume nel punto : b f ()d = F (b) F ().

30 CAPITOLO 6. CALCOLO INTEGRALE 45 EEsempio 6.28 Clcolre l integrle definito 4 d. Per il clcolo di tle integrle definito occorre dpprim clcolre un primitiv di f () =. Si h: d = ( )d = c F (). 3 Si h 4 EEsempio 6.29 d = F (4) F () = [ c] [ c] = Clcolre l integrle definito d. Per il clcolo di tle integrle definito occorre dpprim clcolre un primitiv di f () =. Si h: d = d = d = [ ]d = d d = d = 2 ln c F (). 4 Il clcolo dell integrle definito dà, quindi, il risultto, d = F () F (0) = [ 2 4 ln c] [ 2 0 ln c] = 4 = 2 4 ln3.

31 CAPITOLO 6. CALCOLO INTEGRALE 46 EEsempio 6.30 Clcolre l integrle definito 0 e 2 d. Per il clcolo di tle integrle definito occorre dpprim clcolre un primitiv di f () = e 2. Si h: e 2 d = 2 e 2 ( 2)d = 2 e 2 + c F () e, quindi, 0 e 2 d = F () F (0) = [ 2 e 2 + c] [ 2 e 02 + c] = e EEsempio 6.3 Clcolre l integrle definito e 2 ln d. Per il clcolo di tle integrle definito occorre dpprim clcolre un primitiv di f () = 2 ln. Si h: 2 ln d = 3 3 ln c F () risult e 2 ln d = F (e) F () = [ 3 e3 9 e3 + c] [ 9 + c] = = 2e " Osservzione Il teorem di Torricelli-Brrow può essere utilizzto nche per

32 CAPITOLO 6. CALCOLO INTEGRALE 47. clcolre dei limiti in cui compre un funzione integrle 2. determinre gli estremi reltivi e/o i punti di flesso di un funzione integrle. EEsempio 6.32 Clcolre il limite lim te t dt 3. Essendo 3 lim te t dt = 0, il limite d clcolre dà luiogo d un form indetermint 0 0. Applicndo il teorem di de l Hospitl tle form indetermint, posto I 0 () = 0 3 te t dt = I 0 () = 3 e, si h lim te t dt 3 = lim e 3 2 = +. EEsempio 6.33 Studire l esistenz di estremi reltivi dell funzione nell intervllo [2,+ ). F () = 2 t 5 ln 2 t dt L funzione t 5 è continu in [2,+ ) : si può pertnto utilizzre il teorem di ln 2 t Torricelli-Brrowper clcolre l derivt di F (). Si ottiene: F () = 5 ln 2, [2,+ ). L funzione F () è positiv per (5,+ ) e negtiv per [2,5) : il punto = 5 è quindi un minimo reltivo per F ().

33 CAPITOLO 6. CALCOLO INTEGRALE 48 EEsempio 6.34 Studire l esistenz di flessi dell funzione nell intervllo (,+ ). F () = t 2 ln t dt L funzione t 2 ln t è continu in (,+ ) e si può quindi pplicre il teorem di Torricelli- Brrow per clcolre l derivt di F (). Si ottiene L derivt second di F () vle, invece, F () = 2 ln. F (2ln ) () = ln 2. Siccome F () > 0 se ( e,+ ) e F () < 0 se (, e), il punto = e è un punto di flesso per F () Integrli impropri L definizione di integrle definito è stt dt in precedenz per un funzione f () definit in un intervllo limitto [, b]. In molte ppliczioni, comunque, è necessrio considerre l integrle definito di un funzione f () in un intervllo illimitto. Tle integrle, detto improprio, può essere definito come cso limite dell integrle definito in un intervllo limitto [,b]. Si h, in effetti, l seguente R Definizione (Integrle improprio su un intervllo illimitto) Si f () definit in [,+ ). Se f () è integrbile in ogni intervllo [,b], si dice integrle improprio di f () su [,+ ) l grndezz + b f ()d = lim f ()d. b + Se il limite b lim f ()d b + è finito si dice che f () è integrbile in senso generlizzto in [,+ ) è infinito si dice che l integrle di f () in [,+ ) è divergente non esiste si dice che f () non è integrbile in [,+ ).

34 CAPITOLO 6. CALCOLO INTEGRALE 49 Se, invece, f () è definit in (,b) e integrbile in ogni intervllo [,b], si dice integrle improprio di f () su (,b] l grndezz b f ()d = lim b f ()d. Se il limite b lim f ()d è finito si dice che f () è integrbile in senso generlizzto in (,b) è infinito si dice che l integrle di f () in (,b) è divergente non esiste si dice che f () non è integrbile in (,b). Si, infine, f () definit in (,+ ) e integrbile in ogni intervllo [,b]. Se c R convergono gli integrli e + c f ()d c f ()d si dirà che f () è integrbile in senso generlizzto in (,+ ) e si porrà + c b c f ()d = lim f ()d + lim f ()d = f ()d + b + c + c f ()d.

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

Integrali. Il concetto di integrale nasce per risolvere due classi di problemi:

Integrali. Il concetto di integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrli Il concetto di integrle nsce per risolvere due clssi di problemi: clcolo delle ree di figure delimitte d curve, clcolo di volumi, clcolo del lvoro di un forz, clcolo dello spzio percorso,... integrle

Dettagli

Il problema delle aree. Metodo di esaustione.

Il problema delle aree. Metodo di esaustione. INTEGRALE DEFINITO. DEFINIZIONE E SIGNIFICATO GEOMETRICO. PROPRIETA DELL INTEGRALE DEFINITO. FUNZIONE INTEGRALE. TEOREMA DELLA MEDIA. TEOREMA FONDAMENTALE DEL CALCOLO INTEGRALE. FORMULA DI LEIBNITZ NEWTON.

Dettagli

1 Integrale delle funzioni a scala

1 Integrale delle funzioni a scala INTEGRALE DELLE FUNZIONI DI UNA VARIABILE Teori di Riemnn 1 Integrle delle funzioni scl (1.1) Definizione Si dice suddivisione di un intervllo chiuso e limitto [, b] un sottoinsieme {,..., n } di [, b]

Dettagli

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x).

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x). OMINI NORMALI. efinizione Sino α(), β() due funzioni continue in un intervllo [, b] IR tli che L insieme del pino (figur 5. pg. ) α() β(). = {(, ) [, b] IR : α() β()} si chim dominio normle rispetto ll

Dettagli

b a 2. Il candidato spieghi, avvalendosi di un esempio, il teorema del valor medio.

b a 2. Il candidato spieghi, avvalendosi di un esempio, il teorema del valor medio. Domnde preprzione terz prov. Considert, come esempio, l funzione nell intervllo [,], il cndidto illustri il concetto di integrle definito. INTEGRALE DEFINITO, prendendo in esme un generic funzione f()

Dettagli

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica Nome Cognome cls 5D 18 Mrzo 01 Problem Verific di mtemtic In un sistem di riferimento crtesino Oy, si consideri l funzione: ln f ( > 0 0 e si determini il vlore del prmetro rele in modo tle che l funzione

Dettagli

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003 Liceo Scientifico Sperimentle nno - Problem Bernrdo Pedone ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI nno - PROBLEMA Nel pino sono dti: il cerchio γ di dimetro OA =, l rett t tngente γ

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

Integrali. all integrale definito all integrale indefinito. Integrali: riepilogo

Integrali. all integrale definito all integrale indefinito. Integrali: riepilogo Integrli ll integrle deinito ll integrle indeinito Indice dell lezione Integrle Deinito Rettngoloide Integrle deinito come re del rettngoloide Esempi e propriet Primitiv Teorem ondmentle del clcolo integrle

Dettagli

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone 3 Questionrio Quesito 1 Provre che un sfer è equivlente i /3 del cilindro circoscritto. r 4 3 Il volume dell sfer è 3 r Il volume del cilindro

Dettagli

Appunti di Analisi Matematica 1

Appunti di Analisi Matematica 1 Appunti di Anlisi Mtemtic 1 MASTER IN ECONOMIA DIGITALE & e-business Centro per lo studio dei sistemi complessi Università di Sien Mrzo 2005 Prof. Polo Nistri Un funzione (o ppliczione) tr due insiemi

Dettagli

Integrali dipendenti da un parametro e derivazione sotto il segno di integrale.

Integrali dipendenti da un parametro e derivazione sotto il segno di integrale. 1 Integrli dipendenti d un prmetro e derivzione sotto il segno di integrle. Considerimo l funzione f(x, t) : A [, b] R definit nel rettngolo A [, b], essendo A un sottoinsieme perto di R e [, b] un intervllo

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Dispense di Mtemtic clsse quint -Gli integrli Quest oper è distriuit con: Licenz Cretive Commons Attriuzione - Non commercile - Non opere derivte. Itli Ing. Alessndro Pochì Appunti di lezione svolti ll

Dettagli

Equivalenza tra equazioni di Lagrange e problemi variazionali

Equivalenza tra equazioni di Lagrange e problemi variazionali Equivlenz tr equzioni di Lgrnge e problemi AM Cherubini 20 Aprile 2007 1 / 21 Problemi Mostrimo or come si possono ricvre sistemi di equzioni con struttur lgrngin in un mbito diverso: prim si er crtterizzt

Dettagli

, x 2. , x 3. è un equazione nella quale le incognite appaiono solo con esponente 1, ossia del tipo:

, x 2. , x 3. è un equazione nella quale le incognite appaiono solo con esponente 1, ossia del tipo: Sistemi lineri Un equzione linere nelle n incognite x 1, x 2, x,, x n è un equzione nell qule le incognite ppiono solo con esponente 1, ossi del tipo: 1 x 1 + 2 x 2 + x +!+ n x n = b con 1, 2,,, n numeri

Dettagli

Differenziale. Consideriamo la variazione finita, x della variabile indipendente a cui corrisponde una variazione finita della funzione f x, f x y

Differenziale. Consideriamo la variazione finita, x della variabile indipendente a cui corrisponde una variazione finita della funzione f x, f x y Differenzile Considerimo l vrizione finit, dell vriile indipendente cui corrisponde un vrizione finit dell funzione f, f y Δf 1 Δ 2 L vrizione dell vriile dipendente puo' essere molto piccol, infinitesim

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si rticol il questionrio. PROBLEMA Nel pino sono dti: il cerchio di dimetro OA,

Dettagli

TEST DI MATEMATICA. Funzioni in una, Funzioni in due variabili Integrali Equazioni differenziali. 1) Il valore del limite seguente. e e. e 1.

TEST DI MATEMATICA. Funzioni in una, Funzioni in due variabili Integrali Equazioni differenziali. 1) Il valore del limite seguente. e e. e 1. TEST DI MATEMATICA Funzioni in un, Funzioni in due vriili Integrli Equzioni differenzili ) Il vlore del limite seguente e e e lim è ) Il vlore del limite seguente 5 lim 5 è : ) L derivt prim dell funzione

Dettagli

7. Derivate Definizione 1

7. Derivate Definizione 1 7. Derivte Il concetto di derivt è importntissimo e molto nturle. Per vere un esempio concreto, penste l moto di un mcchin: se f(t) è l funzione che esprime qunt strd vete percorso fino d un certo istnte

Dettagli

Analisi e Geometria 1

Analisi e Geometria 1 Anlisi e Geometri Esercizi sugli integrli Integrli propri. Clcolre i seguenti integrli immediti: I = I = I 5 = ln e e d I = e + e + 6e + e d I = rtg ln ( + ln ) d I 6 = e e + d d rtg + ( + ) ( + ( + )

Dettagli

Integrale Improprio. f(x) dx =: Osserviamo che questa definizione ha senso dal momento che per ogni y è ben definito l integrale b

Integrale Improprio. f(x) dx =: Osserviamo che questa definizione ha senso dal momento che per ogni y è ben definito l integrale b Integrle Improprio In queste lezioni riprendimo l teori dell integrzione in un vribile, l ide è di estendere l integrle definito nche in csi in cui l funzione integrnd o l intervllo di integrzione non

Dettagli

Il lemma di ricoprimento di Vitali

Il lemma di ricoprimento di Vitali Il lemm di ricoprimento di Vitli Si I = {I} un fmigli di intervlli ciusi contenuti in R. Diremo ce l fmigli I ricopre l insieme E nel senso di Vitli (oppure ce I è un ricoprimento di Vitli di E) se per

Dettagli

Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione

Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione Stbilità dei sistemi di controllo in retrozione Criterio di Nyquist Il criterio di Nyquist Estensione G (s) con gudgno vribile Appliczione sistemi con retrozione positiv 2 Criterio di Nyquist Stbilità

Dettagli

TEORIA ELEMENTARE DEL PROBLEMA DI CAUCHY

TEORIA ELEMENTARE DEL PROBLEMA DI CAUCHY TEORIA ELEMENTARE DEL PROBLEMA DI CAUCHY DANIELE ANDREUCCI DIP. METODI E MODELLI, UNIVERSITÀ LA SAPIENZA VIA A.SCARPA 16, 00161 ROMA, ITALY ndreucci@dmmm.unirom1.it 1. Notzione fondmentle e prime definizioni

Dettagli

I Teoremi di Green, della divergenza (o di Gauss) e di Stokes

I Teoremi di Green, della divergenza (o di Gauss) e di Stokes I Teoremi di Green, dell divergenz o di Guss e di Stokes In R Si un sottoinsieme limitto di R semplice rispetto d entrmbi gli ssi crtesini con costituit dll unione di un numero finito di sostegni di curve

Dettagli

FUNZIONI IPERBOLICHE

FUNZIONI IPERBOLICHE FUNZIONI IPERBOLICHE Umberto Mrconi Diprtimento di Mtemtic Pur e Applict Pdov Premess Si [, [, fissto. Voglimo cpire cos signific: w dw perché l funzione integrnd è illimitt. Se considerimo, per b [, [,

Dettagli

Calcolo integrale. Capitolo Primitive ed integrale inde nito

Calcolo integrale. Capitolo Primitive ed integrale inde nito Cpitolo 9 Clcolo integrle 9.1 Primitive ed integrle inde nito De nizione 9.1 Assegnt un funzione f : A! R, si de nisce primitiv di f un qulunque funzione F : A! R derivbile, tle che F 0 (x) = f(x), per

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINAMENT 00 Sessione strordinri Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si rticol il questionrio. PRBLEMA Con riferimento un sistem monometrico

Dettagli

Anno 5. Applicazione del calcolo degli integrali definiti

Anno 5. Applicazione del calcolo degli integrali definiti Anno 5 Appliczione del clcolo degli integrli definiti 1 Introduzione In quest lezione vedremo come pplicre il clcolo dell integrle definito per determinre le ree di prticolri figure pine, i volumi dei

Dettagli

1 Il problema del calcolo dell area di una regione piana limitata

1 Il problema del calcolo dell area di una regione piana limitata Anlisi Mtemtic 2 1 CORSO DI STUDI IN SMID CORSO DI ANALISI MATEMATICA 2 CAPITOLO 1 INTEGRALI DI FUNZIONI DI UNA VARIABILE REALE 1 Il problem del clcolo dell re di un regione pin limitt Se si consider un

Dettagli

Successioni di funzioni

Successioni di funzioni Successioni di funzioni 3.1 Introduzione Considerimo l successione (x n ) n0,icuiterminisono 1, x,x 2,x 3,..., x n,... Si trtt dell progressione geometric di termine inizile 1 e rgione x, che bbimo già

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 16/17 Integrali impropri cap10.pdf 1

INTEGRALI IMPROPRI. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 16/17 Integrali impropri cap10.pdf 1 INTEGRALI IMPROPRI c Pol Gervsio - Anlisi Mtemtic - A.A. 6/7 Integrli impropri cp.pdf Abbimo visto che l integrle di Riemnn è definito per funzioni limitte e su intervlli limitti. Si or I R un intervllo

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Calcolo integrale

Corso di Analisi Matematica. Calcolo integrale .. 2011/12 Lure triennle in Informtic Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle Avvertenz Questi sono ppunti informli delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli studenti. Prte del mterile

Dettagli

Il calcolo integrale: intro

Il calcolo integrale: intro Il clcolo integrle: intro Le ppliczioni del clcolo integrle sono svrite: esistono, inftti, molti cmpi, dll fisic ll ingegneri, dll iologi ll economi, in cui si f lrgo uso degli integrli. Per fornire l

Dettagli

2 x = 64 (1) L esponente (x) a cui elevare la base (2) per ottenere il numero 64 è detto logaritmo (logaritmo in base 2 di 64), indicato così:

2 x = 64 (1) L esponente (x) a cui elevare la base (2) per ottenere il numero 64 è detto logaritmo (logaritmo in base 2 di 64), indicato così: Considerimo il seguente problem: si vuole trovre il numero rele tle che: = () L esponente () cui elevre l bse () per ottenere il numero è detto ritmo (ritmo in bse di ), indicto così: In prticolre in questo

Dettagli

Esercizi sulle serie di Fourier

Esercizi sulle serie di Fourier Esercizi sulle serie di Fourier Corso di Fisic Mtemtic,.. 3- Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno Novembre 3 Sviluppo in serie di Fourier (esponenzile) In questi esercizi, si richiede di sviluppre

Dettagli

Complementi di Matematica e Calcolo Numerico A.A. 20010-2011 Laboratorio 10 - Integrazione numerica

Complementi di Matematica e Calcolo Numerico A.A. 20010-2011 Laboratorio 10 - Integrazione numerica Complementi di Mtemtic e Clcolo Numerico A.A. 20010-2011 Lbortorio 10 - Integrzione numeric Dtunfunzionef vlorireliperclcolre b fornisce l funzione predefinit qud Sintssi: q=qud(f,,b,tol) input: f funzione

Dettagli

Pietro Baldi Successioni e serie di funzioni. 1 Convergenza puntuale

Pietro Baldi Successioni e serie di funzioni. 1 Convergenza puntuale Pietro Bldi Successioni e serie di funzioni Testi di riferimento: W. Rudin, Principi di Anlisi Mtemtic, McGrw-Hill Libri Itli; N. Fusco, P. Mrcellini, C. Sbordone, Anlisi Mtemtic Due, Liguori Editore;

Dettagli

Sessione Suppletiv PNI 006 Sessione Suppletiv PNI 006 Sessione Suppletiv PNI 006 PROBLEMA ) L prbol di equzione V ' (0,0). y h sse di simmetri prllelo ll sse delle ordinte e vertice in L prbol di equzione

Dettagli

Integrale Definito. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrale Definito

Integrale Definito. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrale Definito Appunti di nlisi mtemtic: Integrle Deinito Il concetto d integrle nsce per risolvere due clssi di prolemi: Integrle Deinito Clcolo delle ree di ig. delimitte d curve clcolo di volumi clcolo del lvoro di

Dettagli

Osserviamo che per trovare le costanti A e B possiamo anche ragionare così: se moltiplichiamo l equazione x + 1 (x + 2)(x + 3) = A.

Osserviamo che per trovare le costanti A e B possiamo anche ragionare così: se moltiplichiamo l equazione x + 1 (x + 2)(x + 3) = A. 88 Roberto Turso - Anlisi 2 Osservimo che per trovre le costnti A e B possimo nche rgionre così: se moltiplichimo l equzione + ( + 2)( + 3) = A + 2 + B + 3 per + 2, dopo ver semplificto, ottenimo + + 3

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO CORSO DI LAUREA IN TUTELA E BENESSERE ANIMALE Corso di : FISICA MEDICA A.A. 015 /016 Docente: Dott. Chiucchi Riccrdo il:rchiucchi@unite.it Medicin Veterinri: CFU 5 (corso

Dettagli

26/03/2012. Integrale Definito. Calcolo delle Aree. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi:

26/03/2012. Integrale Definito. Calcolo delle Aree. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi: ppunti di nlisi mtemtic: Integrle efinito Il concetto d integrle nsce per risolvere due clssi di prolemi: Integrle efinito lcolo delle ree di fig. delimitte d curve clcolo di volumi clcolo del lvoro di

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2005 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2005 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 005 Sessione suppletiv Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si rticol il questionrio. PROBLEMA Sono dti un pirmide

Dettagli

B8. Equazioni di secondo grado

B8. Equazioni di secondo grado B8. Equzioni di secondo grdo B8.1 Legge di nnullmento del prodotto Spendo che b0 si può dedurre che 0 oppure b0. Quest è l legge di nnullmento del prodotto. Pertnto spendo che (-1) (+)0 llor dovrà vlere

Dettagli

FUNZIONI CONTINUE A TRATTI E LORO INTEGRALI

FUNZIONI CONTINUE A TRATTI E LORO INTEGRALI FUNZIONI CONTINUE A TRATTI E LORO INTEGRALI Considerimo un funzione f : I R, dove I è un intervllo di R. Si c un punto interno I in cui f è discontinu. Diremo che c è un punto di discontinuità di prim

Dettagli

Seconda prova maturita 2016 soluzione secondo problema di matematica scientifico

Seconda prova maturita 2016 soluzione secondo problema di matematica scientifico Second prov mturit 06 soluzione secondo problem di mtemtic scientifico Skuol.net June, 06 Primo Problem Le tre funzioni proposte sono f () ( ) k f () 6 + 9k + f () cos( π k ). Punto Affinche l funzione

Dettagli

DISPENSE DI ANALISI MATEMATICA. Indice

DISPENSE DI ANALISI MATEMATICA. Indice DISPENSE DI ANALISI MATEMATICA ANNAMARIA MONTANARI Indice. Integrle di Riemnn.. Proprietà elementri dell integrle di Riemnn 5.2. Teorem fondmentle del clcolo integrle. Primitive 6.3. Integrle generlizzto

Dettagli

Integrali curvilinei e integrali doppi

Integrali curvilinei e integrali doppi Integrli curvilinei e integrli doppi Integrli curvilinei di prim specie Prim di inizire l trttzione di questo rgomento dimo l definizione di curv. Per curv nello 3 3 spzio R intendimo un sottoinsieme di

Dettagli

CORSO ZERO DI MATEMATICA

CORSO ZERO DI MATEMATICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTÀ DI ARCHITETTURA CORSO ZERO DI MATEMATICA ESPONENZIALI E LOGARITMI Dr. Ersmo Modic ersmo@glois.it www.glois.it POTENZA CON ESPONENTE REALE Definizione: Dti un numero

Dettagli

POTENZA CON ESPONENTE REALE

POTENZA CON ESPONENTE REALE PRECORSO DI MATEMATICA VIII Lezione ESPONENZIALI E LOGARITMI E. Modic mtemtic@blogscuol.it www.mtemtic.blogscuol.it POTENZA CON ESPONENTE REALE Definizione: Dti un numero rele > 0 ed un numero rele qulunque,

Dettagli

Acidi Deboli. Si definisce acido debole un acido con K a < 1 che risulta perciò solo parzialmente dissociato in soluzione. Esempi di acidi deboli:

Acidi Deboli. Si definisce acido debole un acido con K a < 1 che risulta perciò solo parzialmente dissociato in soluzione. Esempi di acidi deboli: Acidi Deboli Si definisce cido debole un cido con < 1 che risult perciò solo przilmente dissocito in soluzione. Esempi di cidi deboli: Acido cetico (H OOH) 1.75 1-5 Acido scorbico (vitmin ) 1 6.76 1-5.5

Dettagli

1 Integrali generalizzati su intervalli illimitati

1 Integrali generalizzati su intervalli illimitati Lezioni per il corso di Anlisi 2, AA 07-08. Dott.ss Sndr Lucente Argomento: Integrli generlizzti 1 1 Integrli generlizzti su intervlli ilitti Definizione 1.1. Si f : [,[ R un funzione continu. Se esiste

Dettagli

II-8 Integrale di Riemann

II-8 Integrale di Riemann II-8 INTEGRALE DI RIEMANN DEFINIZIONE DI INTEGRALE DI RIEMANN II-8 Integrle di Riemnn Indice Definizione di integrle di Riemnn Condizioni di esistenz dell integrle di Riemnn 3 3 Proprietà dell integrle

Dettagli

Integrale Definito. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrale Definito

Integrale Definito. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrale Definito Appunti di nlisi mtemtic: Integrle Deinito Il concetto d integrle nsce per risolvere due clssi di prolemi: Integrle Deinito Clcolo delle ree di ig. delimitte d curve clcolo di volumi clcolo del lvoro di

Dettagli

F (r(t)), d dt r(t) dt

F (r(t)), d dt r(t) dt Cmpi vettorili Un cmpo vettorile è un funzione vlori vettorili F : A R, con A R n, ove in questo cso l imensione el ominio e el coominio è l stess. F ( 1, 2,..., n ) (f 1 ( 1, 2,..., n ), f 2 ( 1, 2,...,

Dettagli

Integrale definito. Introduzione: il problema delle aree

Integrale definito. Introduzione: il problema delle aree Integrle definito Introduzione: il prolem delle ree Il prolem delle ree è uno dei tre grndi prolemi che ci sono stti trmndti dgli ntichi, che lo definivno come il prolem dell qudrtur del cerchio: trovre,

Dettagli

In questo capitolo svilupperemo la teoria dell integrazione secondo Riemann per funzioni di una variabile reale.

In questo capitolo svilupperemo la teoria dell integrazione secondo Riemann per funzioni di una variabile reale. Cpitolo 1 Integrle di Riemnn In questo cpitolo svilupperemo l teori dell integrzione secondo Riemnn per funzioni di un vribile rele. 1.1 Motivzioni Considerimo i seguenti problemi. 1. Clcolo di un re.

Dettagli

Facoltà di Economia - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Dispense Corso di Econometria Docente: Luciano Gutierrez.

Facoltà di Economia - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Dispense Corso di Econometria Docente: Luciano Gutierrez. Fcoltà di Economi - Università di Sssri Anno Accdemico 2004-2005 Dispense Corso di Econometri Docente: Lucino Gutierrez Algebr Linere Progrmm: 1.1 Definizione di mtrice e vettore 1.2 Addizione e sottrzione

Dettagli

( X, Y ) che danno un livello costante di utilità (curva di livello). Fissando per esempio il valore U 0 per

( X, Y ) che danno un livello costante di utilità (curva di livello). Fissando per esempio il valore U 0 per Funzioni di utilità (finlmente un po di geroglifici, dopo i grffiti) NB: non fte leggere queste pgine un mtemtico, ltrimenti mi msscr!. Definizione e proprietà Considerimo due eni e di interesse per un

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

Controlli Automatici. Trasformate L e Z e schemi a blocchi. Esercizi sulle trasformate L e Z

Controlli Automatici. Trasformate L e Z e schemi a blocchi. Esercizi sulle trasformate L e Z Controlli Automtici Trsformte L e Z e schemi blocchi Esercizi sulle trsformte L e Z Esercizi sulle trsformte L e Z Proposte di esercizi e soluzioni in tempo rele trsformt L di y(t) dt trsformt Z di y(i)

Dettagli

Scuola di Dottorato in Scienze e Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione.

Scuola di Dottorato in Scienze e Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione. T. ZOLZZI. Appunti del corso di Introduzione ll Anlisi Funzionle Scuol di Dottorto in Scienze e Tecnologie dell Informzione e dell Comuniczione. NOTA. L utore desider ringrzire le studentesse di dottorto,

Dettagli

Salvatore Loris Pelella. Corso di. Matematica RCS LIBRI EDUCATION SPA

Salvatore Loris Pelella. Corso di. Matematica RCS LIBRI EDUCATION SPA Slvtore Loris Pelell Corso di Mtemtic RCS LIBRI EDUCATION SPA ISBN 88-45-084-3 004 RCS Libri S.p.A.- Milno Prim edizione: gennio 004 Ristmpe 004 005 006 3 4 5 Stmp: V. Bon, Torino Coordinmento editorile

Dettagli

Esponenziali e logaritmi

Esponenziali e logaritmi Esponenzili e ritmi ESPONENZIALI Potenze con esponente rele L potenz è definit: se > 0, per ogni R se 0, per tutti e soli gli R se < 0, per tutti e soli gli Z Sono definite: ( ) ( ) ( ) 7 7 Non sono definite:

Dettagli

Unità 3 Metodi particolari per il calcolo di reti

Unità 3 Metodi particolari per il calcolo di reti Unità 3 Metodi prticolri per il clcolo di reti 1 Cos c è nell unità Metodi prticolri per il clcolo di reti con un solo genertore Prtitore di tensione Prtitore di corrente Metodi di clcolo di reti con più

Dettagli

Integrazione numerica. I(f) := Non sempre si riesce a trovare la forma esplicita della primitiva.

Integrazione numerica. I(f) := Non sempre si riesce a trovare la forma esplicita della primitiva. Approssimzione numeric di: Motivzioni. Integrzione numeric I(f) = f(x)dx. Non sempre si riesce trovre l form esplicit dell primitiv. Vlutzione costos dell primitiv. L funzione d integrre può essere dt

Dettagli

Equazioni 1 grado. Definizioni Classificazione Risoluzione Esercizi

Equazioni 1 grado. Definizioni Classificazione Risoluzione Esercizi Equzioni grdo Definizioni Clssificzione Risoluzione Esercizi Mteri: Mtemtic Autore: Mrio De Leo Definizioni Prendimo in esme le due espressioni numeriche 8 entrmbe sono uguli 7, e l scrittur si chim uguglinz

Dettagli

INTEGRAZIONE NUMERICA

INTEGRAZIONE NUMERICA INTEGRAZIONE NUMERICA Frncesc Pelosi Diprtimento di Mtemtic, Università di Rom Tor Vergt CALCOLO NUMERICO.. 008 009 http://www.mt.unirom.it/ pelosi/ INTEGRAZIONE NUMERICA p.1/0 INTEGRAZIONE NUMERICA Dt

Dettagli

Serie di Potenze. Introduciamo il concetto di convergenza puntuale ed uniforme per successioni. { 0 se 1 < x < 1

Serie di Potenze. Introduciamo il concetto di convergenza puntuale ed uniforme per successioni. { 0 se 1 < x < 1 Serie di Potenze Introducimo il concetto di convergenz puntule ed uniforme per successioni di funzioni. Definizione 1 Si I un intervllo di R. Si dt l vrire di n N l funzione f n : I R. Dicimo che l successione

Dettagli

{ 1, 2,3, 4,5,6,7,8,9,10,11,12, }

{ 1, 2,3, 4,5,6,7,8,9,10,11,12, } Lezione 01 Aritmetic Pgin 1 di 1 I numeri nturli I numeri nturli sono: 0,1,,,4,5,6,7,8,,10,11,1, L insieme dei numeri nturli viene indicto col simbolo. } { 0,1,,, 4,5,6,7,8,,10,11,1, } L insieme dei numeri

Dettagli

1 Definizione di integrale di Riemann 1. 2 Condizioni di esistenza dell integrale di Riemann 3. 3 Proprietà dell integrale di Riemann 4

1 Definizione di integrale di Riemann 1. 2 Condizioni di esistenza dell integrale di Riemann 3. 3 Proprietà dell integrale di Riemann 4 DEFINIZIONE DI INTEGRALE DI RIEMANN Integrle di Riemnn Indice Definizione di integrle di Riemnn Condizioni di esistenz dell integrle di Riemnn 3 3 Proprietà dell integrle di Riemnn 4 4 Clcolo dell integrle

Dettagli

Lezione 16 Derivate ed Integrali

Lezione 16 Derivate ed Integrali Lezione 16 Derivte ed Integrli Frnk Sullivn 1 Dicembre 11 1 Prim Or Compiti di letture ed esercizi per 3 Dicembre Durnte l lezione di oggi pplicheremo le regole per differenzire funzioni l clcolo di integrli.

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione ordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione ordinaria ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO Sessione ordinri Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si rticol il questionrio. PROBLEMA In un pino, riferito d un sistem

Dettagli

Equazioni di 2 grado. Definizioni Equazioni incomplete Equazione completa Relazioni tra i coefficienti della equazione e le sue soluzioni Esercizi

Equazioni di 2 grado. Definizioni Equazioni incomplete Equazione completa Relazioni tra i coefficienti della equazione e le sue soluzioni Esercizi Equzioni di grdo Definizioni Equzioni incomplete Equzione complet Relzioni tr i coefficienti dell equzione e le sue soluzioni Esercizi Mteri: Mtemtic Autore: Mrio De Leo Definizioni Un equzione è: Un uguglinz

Dettagli

IL CALCOLO LETTERALE: I MONOMI Conoscenze. per a = - 2 vale:

IL CALCOLO LETTERALE: I MONOMI Conoscenze. per a = - 2 vale: IL CALCOLO LETTERALE: I MONOMI Conoscenze. Complet.. Un espressione letterle è un scrittur in cui compiono operzioni tr numeri rppresentti, tutti o in prte, d lettere. Per clcolre il vlore numerico di

Dettagli

Conversione A/D e D/A. Quantizzazione

Conversione A/D e D/A. Quantizzazione Conversione A/D e D/A Per il trttmento dei segnli sempre più vengono preferite soluzioni di tipo digitle. È quindi necessrio, in fse di cquisizione, impiegre dispositivi che convertno i segnli nlogici

Dettagli

2. Teoremi per eseguire operazioni con i limiti in forma determinata

2. Teoremi per eseguire operazioni con i limiti in forma determinata . Teoremi per eseguire operzioni con i iti in form determint Vedimo dunque i teoremi che consentono il clcolo dei iti, ttrverso i quli si riconducono le situzioni rticolte semplici operzioni lgebriche

Dettagli

Elementi grafici per Matematica

Elementi grafici per Matematica Elementi grfici per Mtemtic Sommrio: Sistemi di coordinte crtesine... Grfici di funzioni... 4. Definizione... 4. Esempi... 5.3 Verificre iniettività e suriettività dl grfico... 8.4 L rett... 9.5 Esempi

Dettagli

Introduzione e strumenti

Introduzione e strumenti Controlli utomtici Introduzione e strumenti Convenzioni generli ed elementi di bse Dll equzione ll rppresentzione grfic L lgebr dei blocchi Clcolo di funzioni di trsferimento di schemi interconnessi 2

Dettagli

1. Elementi di analisi funzionale Esercizi

1. Elementi di analisi funzionale Esercizi . Elementi di nlisi funzionle Esercizi http://www.cirm.unibo.it/~brozzi/mi/pdf/mi-cp.-ese.pdf.. Spzi vettorili.. Spzi vettorili normti.-. Dimostrre l diseguglinz tringolre in C n reltivmente ll norm (

Dettagli

Analisi Matematica: Calcolo Integrale. Francesco Russo

Analisi Matematica: Calcolo Integrale. Francesco Russo Anlisi Mtemtic: Clcolo Integrle Frncesco Russo 2 settembre 200 2 Indice Integrli indefiniti 5. Primitive ed integrli indefiniti................. 5.2 Formule di integrzione..................... 6 2 Integrle

Dettagli

Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Calcolo integrale per funzioni di una variabile Cpitolo 10 Clcolo integrle per funzioni di un vribile 10.1 Funzioni primitive Abbimo studito il problem di dedurre d un dt funzione l su derivt. Voglimo or occuprci del problem inverso: dt un funzione

Dettagli

IL CALCOLO LETTERALE: I MONOMI Conoscenze. per a = - 2 vale:

IL CALCOLO LETTERALE: I MONOMI Conoscenze. per a = - 2 vale: IL CALCOLO LETTERALE: I MONOMI Conoscenze. Complet.. Un espressione letterle è.... Per clcolre il vlore numerico di un espressione letterle isogn...... c. Non si possono ssegnre lle lettere che compiono

Dettagli

ESPONENZIALI E LOGARITMI

ESPONENZIALI E LOGARITMI ESPONENZIALI E LOGARITMI RICHIAMI DI TEORIA dom f Im f grfico Funzioni esponenzili y=^ con > Funzioni esponenzili y=^ con

Dettagli

Problemi di Sturm-Liouville

Problemi di Sturm-Liouville Problemi di Sturm-Liouville Alberto Tibldi 11 dicembre 2012 1 Introduzione e definizioni generli Nell mbito di problemi fisici/ingegneristici, spesso si h che fre con equzioni lle derivte przili (PDE:

Dettagli

Rendite (2) (con rendite perpetue)

Rendite (2) (con rendite perpetue) Rendite (2) (con rendite perpetue) Esercizio n. Un ziend industrile viene vlutt ttulizzndo i redditi futuri dell gestione l tsso del 9% con inflzione null. I redditi prospettici vengono stimnti nell misur

Dettagli

Introduzione all algebra

Introduzione all algebra Introduzione ll lgebr E. Modic ersmo@glois.it Liceo Scientifico Sttle S. Cnnizzro Corso P.O.N. Modelli mtemtici e reltà A.S. 2010/2011 Premess Codificre e Decodificre Nell vit quotidin ci cpit spesso di

Dettagli

SPAZI VETTORIALI. 1. Spazi e sottospazi vettoriali

SPAZI VETTORIALI. 1. Spazi e sottospazi vettoriali SPAZI VETTORIALI 1. Spzi e sottospzi vettorili Definizione: Dto un insieme V non vuoto e un corpo K di sostegno si dice che V è un K-spzio vettorile o uno spzio vettorile su K se sono definite un operzione

Dettagli

Maturità scientifica, corso di ordinamento, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità scientifica, corso di ordinamento, sessione ordinaria 2000-2001 Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone Mturità scientific, corso di ordinmento, sessione ordinri 000-001 PROBLEMA 1 Si consideri l seguente relzione tr le vribili reli x, y: 1 1 1 +

Dettagli

fattibile con le tecniche elementari che imparerai in seguito. Ad esempio il polinomio

fattibile con le tecniche elementari che imparerai in seguito. Ad esempio il polinomio Scomposizione di un polinomio in fttori Scomporre in fttori primi un polinomio signific esprimerlo come il prodotto di due più polinomi non più scomponibili Ad esempio 9 = ( 3) fttore 1 ( + 3) fttore +

Dettagli

Lezione 14. Risoluzione delle equazioni algebriche.

Lezione 14. Risoluzione delle equazioni algebriche. Lezione Prerequisiti: Lezioni 8,. Risoluzione delle equzioni lgebriche. Si F un cmpo, e si K un chiusur lgebric di F. Si f ( ) F[ ] non costnte. Studimo i metodi di risoluzione per l equzione f ( ) = 0,

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI e MATRICI ASSOCIATE

APPLICAZIONI LINEARI e MATRICI ASSOCIATE APPLICAZIONI LINEARI e MATRICI ASSOCIATE Dt un ppliczione f: V W con V e W spzi vettorili si dice che f è un ppliczione linere o omomorfismo f(v + v 2 ) = f(v ) + f(v 2 ) v, v 2 V f(αv) = α f(v) v V e

Dettagli

La parabola. Fuoco. Direttrice y

La parabola. Fuoco. Direttrice y L prol Definizione: si definise prol il luogo geometrio dei punti del pino equidistnti d un punto fisso detto fuoo e d un rett fiss dett direttrie. Un rppresentzione grfi inditiv dell prol nel pino rtesino

Dettagli