BREVE COMPENDIO DI ENOLOGIA PER PICCOLE CANTINE AZIENDALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BREVE COMPENDIO DI ENOLOGIA PER PICCOLE CANTINE AZIENDALI"

Transcript

1 edizione BREVE COMPENDIO DI ENOLOGIA PER PICCOLE CANTINE AZIENDALI A cura di : Dott. Giovanni Alberton Agr. Andrea Capuzzo 1

2 PREMESSA Incontro tecnico di giovedì 4 agosto 2011 Per cause storiche, sociologiche, economiche, la piccola vinificazione ad uso familiare è andata progressivamente riducendosi come quantità, sia di vino trasformato che di addetti. Nel contempo si assiste invece ad un netto miglioramento della qualità, operato da chi ancora crede in questa tradizionale pratica. Il cosiddetto "vino del contadino", se ben fatto, presenta delle originalità e delle caratteristiche che possono competere con tradizioni e nomi altisonanti. Dal punto di vista economico, un buon vino, venduto al giusto prezzo, può raddoppiare il valore dell' uva impiegata, conferendo un dignitoso ricavo per tutti gli sforzi e gli investimenti che durante l' anno si fanno in vigna. Ricordiamo a tutti che fare un buon vino richiede oltre ad una grande passione, solo poco più impegno fisico ed economico che fare un vino mediocre o pessimo. E' con questo spirito che presentiamo la quarta edizione di questo manuale, sperando che sia di utilità a tutti coloro che già trasformano uva e a quelli che intendono iniziare questa affascinante pratica. IGIENE DELLA CANTINA Il fattore più importante per ottenere un buon vino è la pulizia. La cantina va tenuta sempre pulita, vanno eliminate le muffe e se la cantina non è costruita con materiali lavabili,va imbiancata con calce ogni due o tre anni. Anche se il pavimento è lavabile bisogna pulire sempre con acqua e DETART O DETART FLUID. Lo stesso prodotto va usato per lavare tutti i recipienti a contatto con il vino (botti, tini, damigiane, ecc.), mentre pompe, gomme, pigiatrici e torchi andranno lavati con acqua e acido citrico e sale. 2

3 Evitare assolutamente ristagni di mosti, lavare immediatamente le attrezzature dopo l uso, spargere un po di metabisolfito sul pavimento alla sera, sono pratiche utili per limitare la presenza dei moscerini (drosofile). RACCOLTA DELL UVA Per stabilire il momento giusto per la raccolta dell uva, si osserva, con un mostimetro o un rifrattometro, la gradazione zuccherina, quando questa invece di aumentare, rimane costante per alcuni giorni, vuol dire che è il momento della vendemmia. Per ottenere un buon vino è assolutamente necessario analizzare il mosto appena ottenuto per poter intervenire nel modo più opportuno. Con il mostimetro, leggendo la gradazione zuccherina, si può determinare la gradazione alcolica che avrà il vino ottenuto. Per ottenere la gradazione alcolica, si esegue il seguente calcolo : gradi babo (zuccheri) x 1,1 x 0,59 = grado alcolico. oppure : gradi babo (zuccheri) x 0,65 = grado alcolico L uva raccolta va messa in cassette di plastica con le pareti forate ( per agevolare il ricircolo d aria), senza costiparla, impedendo così fermentazioni ed ossidazioni non desiderate. E un ottima pratica cercare di portare il raccolto in cantina nel minor tempo possibile. Una volta giunta in cantina, si pigia e si diraspa immediatamente. IMPORTANTE : se l uva raccolta deve rimanere per un certo periodo nelle cassette bisogna spolverare con un po di metabilsofito di potassio (circa gr 5 g/qle). A tale scopo si possono utilizzare anche dei tannini. 3

4 N. B. nel caso di uve affette da botrite (muffa grigia) (solo se preventivamente curate), queste si possono raccogliere prudentemente, avendo l accortezza di aumentare la dose di metabisolfito di potassio di 5 gr /qle. Nel caso di uve con qualche acino o il rachide secco, (es. danneggiate da grandine) queste possono essere raccolte, mentre devono essere assolutamente scartati i grappoli affetti da marciume acido. VINIFICAZIONE DELL UVA BIANCA Pigiadiraspatrice Vinificazione tradizionale L uva pigiata e diraspata va immessa immediatamente nei tini per la fermentazione. Aggiungere subito g di metabisolfito di potassio e 5-10 gr. di tannini per vini bianchi per quintale d uva. La pratica più corretta è quella di aggiungere dei lieviti selezionati, come il RULER BLAST, al pigiato. Quando si è alzato il cappello (cioè la vinaccia) si deve svinare il mosto e torchiare le vinacce, la torchiatura, va aggiunta al mosto fiore. N.B. mai torchiare in modo eccessivo, se il torchio è manuale, mai far durare l operazione per più di un ora, se invece è idraulico, quando si raggiungono le atmosfere, bisogna interrompere l operazione. 4

5 Vinificazione corretta : L uva va pigiata e diraspata, va torchiata e immediatamente vanno aggiunti al mosto, 20 gr di metabisolfito per ettolitro, i lieviti selezionati.(ruler Blast) e l' attivante di fermentazione (Mycoattiv). Il mosto ottenuto con i due metodi : va lasciato fermentare, facendo molta attenzione che la temperatura della massa non superi i 24, 25 gradi centigradi, l ideale per ottenere un vino bianco con colore paglierino e buon sviluppo di profumi, sono i 20 gradi centigradi. Per ottenere ciò si può usare una gomma pulita anche all esterno come serpentina, nella quale far scorrere acqua fredda, se si usano vasche in cemento o acciaio, si può far scorrere acqua fredda all esterno lungo le pareti. In alcune annate, possono verificarsi temperature inferiori ai 18 gradi centigradi che possono rallentare l' inizio ed anche il proseguimento della fermentazione. In questo caso si consiglia di riscaldare la cantina, se possibile, oppure direttamente il mosto, inserendo nel tino delle taniche o bottiglie di plastica ben chiuse riempite con acqua calda. Una volta avviata la fermentazione questa produce naturalmente del calore. Basse temperature possono causare l' arresto anticipato della fermentazione, che se non riavviata subito, riprenderà in primavera. Terminata la fermentazione, entro 36 ore si deve eseguire la svinatura, per eliminare le fecce che conferiscono cattivi odori e gusti al vino. In fermentazione, è opportuno aggiungere del TECHNOCLAR, che aiuta il vino a stabilizzarsi e chiarificarsi. Se non si è fatta questa operazione in fermentazione, conviene effettuarla subito dopo l analisi. 5

6 Il vino deve essere travasato mediamente ogni 20 / 30 giorni, fino a fine inverno, ad ogni travaso per mantenere costante la quantità di solforosa del vino, occorre aggiungere 3 / 5 grammi di metabisolfito per Hl. In primavera, previa analisi, ed eventuale filtraggio, il vino può essere imbottigliato. VINIFICAZIONE DELL' UVA ROSSA Pigiata e diraspata l uva, il mosto così ottenuto va posto in un tino. Subito dopo vanno aggiunti lo-l5g di metabisolfito di potassio e dei lieviti selezionati, (Ruler Blast). Il mosto va rimontato o folato almeno due volte al giorno. RIMONTAGGIO:è un operazione che va eseguita con una pompa o un secchio e serve per arieggiare il mosto ed alluvionare le vinacce;tutto questo serve per estrarre le sostanze necessarie per ottenere un ottimo vino rosso (tannini, antociani, enocianine,aromi ). FOLATURA: è il rimescolamento della vinaccia con il mosto, questa operazione viene eseguita in alternativa al rimontaggio. 6

7 LIEVITI SELEZIONATI Per un ottima fermentazione e per ottenere dell ottimo vino bisogna utilizzare dei lieviti selezionati come il RULER BLAST. La, dose per HL di vino è di 20 gr. di lieviti sciolti in acqua tiepida (37-40 di temperatura), non clorata e zuccherata (per ogni 20 gr. di lieviti occorrono 200 m1. di acqua con 1 cucchiaio di zucchero), questi vanno sciolti bene e, attendendo minuti finchè si forma una densa schiuma, si aggiungono al mosto rimescolando completamente e delicatamente. Dopo alcune ore si aggiungono gli attivanti di fermentazione (RULER STARTER o MYCOATTIV a base di fosfato ammonico) in dose di circa gr. per HI ; N.B. alcuni attivanti possono contenere contengono già del metabisolfito bisogna tenerne conto per le successive agggiunte. il METABISOLFITO DI POTASSIO sarà aggiunto in piccole dosi durante ed alla fine della fermentazione. ATTENZIONE : per un giusto dosaggio del metabisolfito è opportuno eseguire un analisi del mosto o del vino. Dopo 5/12gg (in base alla colorazione che si vuole ottenere) il mosto va svinato e le vinacce devono essere torchiate. Terminata la fermentazione lenta il vino va travasato dopo 2/4 gg: questa operazione verrà ripetuta dopo 5/7gg. I travasi sono importanti per impedire fermentazioni anomale, formazione di odori e sapori indesiderati, inoltre favoriscono la fermentazione malolattica (questa fermentazione trasforma l'acido malico in acido lattico, che rende più morbido il vino al palato). Dopo la fermentazione lenta è opportuno eseguire un'analisi completa del vino, eseguendo in seguito tutte le operazioni consigliate dal tecnico. Ogni 20/30gg il vino va travasato. I VINI ROSSI VANNO IMBOTTIGLIATI DA FINE GIUGNO IN POI. 7

8 IMPORTANTE : SIA PER I VINI BIANCHI CHE PER I ROSSI Durante la fermentazione Il livello delle vinacce deve essere di almeno l5/20cm più basso del bordo del tino, per impedire l inacidimento della vinaccia stessa e quindi del futuro vino. La CO2 che si forma proteggerà le vinacce e il mosto. ACCORGIMENTI TECNICI TAPPO COLMATORE O GORGOGLIATORE Il tappo colmatore è importante nelle piccole e grandi cantine per controllare costantemente il livello del vino, ma, soprattutto, è importante nelle fermentazioni perchè queste avvengono in un ambiente non inquinato. Ci sono tappi colmatori per botti e cisterne e piccoli per damigiane e piccole vasche 8

9 L'utilizzo: nelle botti e nelle vasche vanno inseriti negli appositi fori e sigillati con mastice enologico BOTTI DAMIGIANE nelle damigiane vanno applicati a pressione come dei normali tappi -IMPORTANTE :.riempire per metà la vaschetta di acqua ed aggiungere: - un cucchiaino di di metabisolfito nei tappi colmatori piccoli, - 5 o 6 in quelli grandi. 9

10 Anche se è cosa risaputa, conviene sempre ricordare che i nemici del vino sono : aria, calore, luce. Quindi tutti i recipienti dovranno essere mantenuti sempre : COLMI, AL FRESCO, AL BUIO IMBOTTIGLIAMENTO vini "tranquilli" Il vino da imbottigliare deve aver finito le fermentazioni, un residuo di zuccheri produrrà Anidride Carbonica e quindi un vino frizzante o spumante ; in ogni caso imbottigliare dopo il mese di gennaio. E' opportuno che l' imbottigliamento sia preceduto da una chiarifica, con Tecnogel per i rossi e Tecnoclar per i bianchi, alle dosi e con le modalità consigliate dal tecnico. In taluni casi è possibile l' aggiunta di tannini ed altre sostanza che STABILIZZANO il prodotto, si eviteranno così sgradite fermentazioni, intorbidimenti ed alterazioni del vino imbottigliato. E' opportuna una analisi di controllo per determinare acidità, e soprattutto anidride solforosa e zuccheri residui. Il periodo di imbottigliamento è posticipato rispetto ai vini frizzanti, quindi si va da "dopo Pasqua" a giugno ed oltre. 10

11 Le bottiglie più indicate per i vini tranquilli sono : la bordolese per i rossi e bianchi, la renana solo per i bianchi. Il tappo va scelto in funzione del tipo di vino, per vini ad uso familiare vanno bene anche i tappi in silicone, mentre per vini "importanti" è preferibile un buon sughero. Ricordiamo, come sempre la massima igiene e pulizia delle attrezzature e delle bottiglie. 11

12 vini "frizzanti o spumanti" il vino da destinare a spumante o frizzante, dovrebbe essere stato ottenuto con la fermentazione in bianco (vedi sopra vinificazione corretta). Le "bollicine", sono originate dalle fermentazioni successive, ad opera dei lieviti, degli zuccheri residui (o aggiunti). Ne consegue che per ottenere un vino frizzante, dobbiamo avere : zuccheri e lieviti, per ottenere anidride carbonica (CO2) ed alcol. Per ottenere un buon prodotto è opportuno fare analizzare preventivamente il vino onde evitare gli errori più comuni (vino dolce fermo, bottiglie che scoppiano, scene da podio di Formula 1, etc.). Per ottenere un' atmosfera di pressione in un litro di vino si devono fermentare da 4 a 4,5 grammi di zucchero : 1) Vino Frizzante (pressione fino a 2,5 atmosfere) devono essere presenti nel vino 6/12 grammi di zucchero per litro. 2) Vino Spumante (pressione superiore a 3,5 atmosfere) devono essere presenti nel vino 14/18 grammi di zucchero per litro. N.B. si intendono sempre di zuccheri TOTALI e non di zuccheri aggiunti. La fermentazione può ripartire, con i lieviti residui oppure con l' aggiunta di lieviti specifici per rifermentazione (consigliato). Periodo di imbottigliamento dal nuovo anno a "Pasqua". Imbottigliare appena iniziata la fermentazione, essa continuerà in maniera naturale in bottiglia. Alla fine della fermentazione l' anidride carbonica prodotta si sarà sciolta nel vino e si noterà un deposito (fondo) originato dai lieviti che hanno esaurito la loro funzione. Porre le bottiglie in luogo fresco con temperature non superiori a 20 C. Per ottenere migliori profumi, una completa fermentazione ed una maggiore serbevolezza del vino, è opportuno nelle prime fasi, rivoltare la bottiglia e porla coricata, rovesciata, di nuovo coricata ed infine dritta. La bottiglia più indicata per i vini frizzanti o spumanti è la sciampagnotta, il tappo consigliato per utilizzo familiare è quello metallico a corona, con sottotappo 12

13 staccato (bidule), oppure accoppiato alto o basso. Si possono comunque usare i tappi a fungo, di plastica o sughero, sempre con l' apposita gabbietta. ANALISI Non si sottolinea mai abbastanza che l' analisi preventiva, permette di evitare quasi tutti i problemi classici del futuro vino, pertanto invitiamo tutti coloro che intendono fare del buon vino di sottoporre ad analisi mosti e vini, come sotto specificato, prevenendo le malattie del vino invece di curarle, ne beneficieranno la qualità del vino, la salute e non ultimo il portafogli... Importante : MOSTO : E utile l analisi del mosto, per stabilire la gradazione zuccherina e l acidità, anche perché le correzioni apportate in fermentazione sono più stabili ed efficaci. N.B. Il campione di mosto (senza vinacce) va prelevato immediatamente (prima che inizi la fermentazione) e conservato in frigorifero sino alla consegna. Il recipiente ideale ha la capacità di una bottiglietta di succo di frutta. Importante : è inutile fare analizzare i campioni di mosto a fermentazione già iniziata. VINO : La prima analisi va eseguita subito dopo la fermentazione, il campione ideale corrisponde a mezzo litro, con tappo non sigillante (deve poter uscire un po di Co2). La seconda analisi (solo di controllo) va eseguita verso dicembre / gennaio Il recipiente ideale ha la capacità di una bottiglietta di succo di frutta. 13

14 Se il vino presenta difetti, usare il mezzo litro. Prima dell eventuale imbottigliamento si consiglia un ulteriore controllo. In tutti i casi non utilizzare il tappo a fungo di plastica. L unica analisi che è possibile fare in in casa è la cosiddetta prova dell aria. Si prende un bicchiere di vino lo si mette in cucina aperto per tre o quattro giorni e si osservano eventuali cambi di colore o intorbidimenti. In un vino stabilizzato, questi cambiamenti dovrebbero essere praticamente impercettibili. I DIFETTI PIU COMUNI DIFETTO SINTOMI CAUSE PREVENZIONE ACESCENZA O IL VINO SCARSA IGIENE PULIZIA E SPUNTO TENDE A CONTATTO CON METABISOLFITO DIVENTARE L ARIA ACETO INTORBIDAMENTI IL VINO MICRORGANISMI TECHNOCLAR O PERDE LA CONTATTO CON TECHONOGEL E SUA METALLI UTILIZZO DI LIMPIDEZZA MATERIALI IDONEI ROTTURE DI IL VINO UVE AMMUFFITE METABISOLFITO COLORE TENDE AD INSCURIRSI FIORETTA TELA SCARSA IGIENE PULIZIA BIANCA IN CONTATTO CON METABILSOLFITO SUPERFICIE L ARIA PASTIGLIE TAPPI IDONEI GIRATO, AMARO ODORI E VARIE TRAVASI, ODORE DI BOCK SAPORI REGOLARI E SGRADEVOLI TEMPESTIVI, PULIZIA 14

15 Se si verificano i difetti sopra elencati, sconsigliamo vivamente di tentare cure casalinghe, ma è importante agire rapidamente e farsi seguire sempre dal Tecnico, anche perché alcuni prodotti usati impropriamente possono danneggiare irreparabilmente il vino. PRODOTTI PIU USATI IN ENOLOGIA Metabisolfito di potassio Antisettico, disinfettante Soprattutto nelle prime fasi Lieviti selezionati (Ruler Blast) Per integrare o sostituire i lieviti All inizio della fermentazione necessari alla fermentazione Acido tartarico e Per correggere vini Nel mosto o nel vino citrico poco acidi Bentonite Gelatina Chiarificanti Nel mosto o nel vino Caseina (Technoclar e Technogel) Vaselina Barriera all aria Nel vino Pastiglie essenza di Barriera all aria Nel vino senape Disacid Per correggere l Nel mosto o nel vino eccessiva acidità Attivatori di fermentazione (Mycoattiv) Per attivare rapidamente la giusta fermentazione Nel mosto Tannini Come antiossidanti come rafforzanti 15 Nell' uva nel mosto nel vino PASTIGLIE ANTIFIORETTA : Anche se si usano le cisterne con il coperchio e con la camera d'aria bisogna usare sempre le PASTIGLIE ANTIFIORETTA -PASTIGLIA PICCOLA : è sufficiente per una damigiana -PASTIGLIA MEDIA è sufficiente per un recipiente da due o tre HL di capacità -PASTIGLIA GROSSA va aggiunta in vasca una per ogni 10 H l di vino Attenzione : le pastiglie antifioretta hanno una durata di 30 giorni dopo di che vanno sostituite o aggiunte.

16 OLIO DI VASELINA Al posto delle pastiglie antifioretta si può usare l'olio di vaselina (olio enologico). Il vino deve essere coperto da uno strato di almeno un centimetro. CONTROLLARE SPESSO IL LIVELLO DELL'OLIO. NON RIUTILIZZARE l'olio rimasto dopo aver consumato il vino. TANNISOL Nel vino finito si può sostituire, al metabisolfito il TANNISOL, sempre seguendo i consigli dei tecnici. La pastiglia di Tannisol prima di essere utilizzata va polverizzata, oppure messa in un sacchetto di tela (anche una calza di nylon) sospeso nel vino. Tutti i prodotti usati in enologia, vanno tenuti chiusi in un apposito armadietto, in luogo fresco ed asciutto, prima di utilizzarli, verificare lo stato di conservazione, tenendo presente che lieviti e metabisolfito in particolare, difficilmente mantengono le loro proprietà da un anno all' altro. DIARIO DI CANTINA Al momento delle operazioni di cantina, sembra naturale ricordarsi tutto quanto si fa, quando dopo qualche tempo sarebbe opportuno ricostruire : i vari gradi zuccherini con le date di prova, la data di vendemmia, le quantità di uva, le aggiunte fatte, le rese di ogni varietà, le date di svinatura, etc., la memoria di alcuni comincia a dare segni di confusione...(e non per colpa del vino). Ecco l' importanza di tenere un diario scritto di quanto accade in cantina, può essere anche un semplice calendario od agenda, oppure si può tenere una scheda per ogni varietà di uva ed ogni botte, tutti gli avvenimenti sono importanti, in particolare le date di inizio e fine fermentazione, i travasi, le aggiunte, non ultimo i certificati di analisi vanno conservati e messi a disposizione a chi chiede di visionarli, tutto ciò anche se può sembrare macchinoso, semplificherà il lavoro vostro e quello dei tecnici che vi assistono. 16

17 VENDITA DEL PROPRIO VINO Alcuni appassionati vinificatori, potrebbero in taluni casi avere del vino che eccede il proprio autoconsumo, premesso che per prima cosa occorre essere in regola con tutte le norme sanitarie e fiscali in materia, la vendita di una parte del prodotto è un' argomento che merita alcuni riflessioni. L' acquisto di vino presso il produttore, è in controtendenza rispetto al calo generalizzato dei consumi, dalle statistiche disponibili, si ricava che il consumatore acquista meno vino, di qualità possibilmente migliore e preferibilmente presso il produttore. Dando per scontato che il vino offerto in vendita sia esente da difetti e di qualità media, o buona, la differenza tra la vendita e la giacenza è determinata da una serie di fattori che se correttamente applicati generano notevoli differenze, il fattore prezzo è certo importante ma viene dopo molte altre componenti che brevemente ricordiamo. - Immagine di produttore "naturale" e "familiare". - Facile reperibilità e disponibilità dell' addetto alle vendite - Cantina ordinata pulita e gradevole, bicchieri da assaggio disponibili e puliti... - Chiara esposizione del vino in vendita, trasparenza nei sistemi produttivi - Vendita anche per piccole quantità con sconto per grosse partite; - Agevoli conteggi e "resto" ; - "Plus" tipo lavaggio damigiane, assaggi non "misurati", "pastiglia", disponibilità di etichette o recipienti provvisori, carico in auto. - Assortimento di prodotti il più possibile allargato : diverse tipologie di vino e formato (es. bottiglia), abbinamento ad olio, verdure, insaccati, etc. - Ultimo : il prezzo, equo: non troppo alto ne' troppo basso. - Affrontati con successo gli aspetti precedenti, la pubblicità è quasi superflua, perchè si fa da sola con il passa-parola. 17

18 Il vs cliente è una persone che non cerca la comodità, non cerca il risparmio, vuole soprattutto un buon rapporto qualità/prezzo e rapportarsi con delle persone amichevoli. Accontentatelo e ne sarete ripagati non solo economicamente. ALFASERVIZI srl Dalla terra alla bottiglia Prodotti Servizi Concimi Ammendanti Analisi terreni, Barbatelle selezionate, pali, Impianto pali e vigneti filo ferro, tenditori Consulenza pre impianto Prodotti Fitosanitari Calendari trattamenti, consulenza in campo, trattamenti fitosanitari per conto terzi Prodotti per l enologia Conferenze, consulenze personalizzate Attrezzature per la piccola Analisi vini cantina, tini, botti, pompe, gomme, cassette, etc. Bottiglie tappi etc. Noleggio filtro 18

19 Crespano del Grappa (TV) Via Rosset 1 Tel e fax Fatto a Crespano del Grappa nel mese di settembre 2007, ultimo aggiornamento agosto *Alberton Dott. Giovanni Consulenze Vitivinicole ed oleicole. * Agrotecnico Andrea Capuzzo presso Alfaservizi srl I marchi citati appartengono ai legittimi proprietari. *tutti i diritti riservati - copyright 19

Schede tecniche LA SOURCE

Schede tecniche LA SOURCE Schede tecniche LA SOURCE s.a.s di Celi Stefano & C. Società Agricola - C.F. e P. IVA 01054500077 Loc. Bussan Dessous, 1-11010 Saint-Pierre (AO) - Cell: 335.6613179 - info@lasource.it Documento scaricato

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMPETITIVE, DELLA QUALITÀ AGROALIMENTARE, IPPICHE E DELLA PESCA DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DELLA QUALITÀ

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Vini SPUMANTI. Franciacorta Cuve Imperiale Brut. Valdobbiadene Prosecco. Superiore Brut. Prosecco Treviso Extra Dry. Valdobbiadene Prosecco

Vini SPUMANTI. Franciacorta Cuve Imperiale Brut. Valdobbiadene Prosecco. Superiore Brut. Prosecco Treviso Extra Dry. Valdobbiadene Prosecco Carta dei Vini 2015 Vini SPUMANTI Franciacorta Cuve Imperiale Brut Superiore Brut Berlucchi Regione LOMBARDIA Uve Chardonnay e Pinot Nero Vino Bouquet ricco e persistente,con note fruttate e floreali.

Dettagli

Una selezione delle migliori bollicine: la linea IL ROGGIO.

Una selezione delle migliori bollicine: la linea IL ROGGIO. La linea Bollicine Una selezione delle migliori bollicine: la linea IL ROGGIO. Una linea composta da sei Bottiglie dal packaging elegante e piacevole che ne esalta appieno lo stile. Prosecchi a denominazione

Dettagli

ISISS BUONARROTI CE. Dall Uva al Vino. Dall'uva al vino

ISISS BUONARROTI CE. Dall Uva al Vino. Dall'uva al vino Dall Uva al Vino In questa attività didattica abbiamo dimostrato come in un ambiente scolastico cittadino si può sviluppare nei giovani la cultura del territorio, della vite, dell uva e del vino. In questa

Dettagli

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Conserve: verdure sott'olio e sott'aceto VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Le verdure non possono essere conservate semplicemente sott'olio: infatti, non hanno sufficiente acidità per scongiurare il pericolo

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo?

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo? www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Alcol: ma quanto

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VENEZIA

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VENEZIA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VENEZIA Approvato con DM 22 dicembre 2010 G.U. 4-07.01.2011 (S. O. n. 6) Modificato con DM 30.11.2011 Pubblicato sul sito ufficiale

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

(LE PROVE DI SPIRITO) SPIRITO divino 4

(LE PROVE DI SPIRITO) SPIRITO divino 4 (LE PROVE DI SPIRITO) La fucina delle grandi bollicine Solo 350.000 bottiglie l anno, ma una meglio dell altra. Ecco Jacquesson, condotta abilmente dai fratelli Chiquet in un ottica di rigore e tradizionalità

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4 Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura melo, pero, kiwi schede colturali - volume 4 I prodotti che AGM fabbrica con destinazione speciale per frutteti, sono stati testati

Dettagli

Treschietto a confronto con altre varietà"

Treschietto a confronto con altre varietà "Caratteristiche sensoriali della cipolla di Treschietto a confronto con altre varietà" di Castellari Lorena ASTRA Innovazione e Sviluppo Agenzia per la Sperimentazione Tecnologica e la Ricerca Agroambientale

Dettagli

Il nuovo regolamento sul vino biologico e la posizione di FederBio

Il nuovo regolamento sul vino biologico e la posizione di FederBio Il nuovo regolamento sul vino biologico e la posizione di FederBio Roberto Pinton Segretario della Sezione Soci Produttori e Trasformatori FederBio La genesi del regolamento è stata abbastanza sofferta.

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA

PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA LA COTTURA IN PENTOLA A PRESSIONE La pentola a pressione è uno strumento ancora tutto da scoprire, da conoscere e da valorizzare, sia dal punto di vista

Dettagli

NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT

NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT 2 NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT di Umberto Malossini Le schede ISMA - AVIT 3001 da Goldtraminer, B. ISMA - AVIT 513 da Pinot grigio, G.

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

TRASFORMAZIONI: DALL UVA AL VINO

TRASFORMAZIONI: DALL UVA AL VINO Scuola elementare istituto comprensivo Adro Classi seconde a.s. 2003 2004 TRASFRMAZINI: DALL UVA AL VIN BIETTIV: sservare, porre domande, fare ipotesi e verificarle. Riconoscere e descrivere fenomeni del

Dettagli

DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO. Denominazione di Origine Controllata. Denominazione di Origine Controllata

DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO. Denominazione di Origine Controllata. Denominazione di Origine Controllata Piemonte Piemonte Piemonte DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO ZONA DI PRODUZIONE Colline del Monferrato, province di Alessandria e Asti ZONA DI PRODUZIONE Colline del Monferrato, nelle

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI

Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI A) Vite di regolazione del minimo. B) Getto MAX C) Getto MIN D) Vite corta coperchio camera del galleggiante E) Vite lunga coperchio camera del galleggiante

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

Parts of my Pop-in... 7 8a

Parts of my Pop-in... 7 8a A C 5 B Parts of my Pop-in... 5 6 0 D 9 7 8a 8b IT IMPORTANTE! CONSERVARE LE ISTRUZIONI PER CONSULTAZIONI FUTURE Come usare i Pop-in Precauzioni d uso Non usare ammorbidenti con i vostri Pop-in. Non usare

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

Cosa fa lo zolfo nel vino?

Cosa fa lo zolfo nel vino? Cosa fa lo zolfo nel vino? di Volker Schneider Il 99,5% dei viticoltori afferma che senza SO2 non si possa torchiare un vino bevibile. Ma cosa fanno questi famigerati solfiti effettivamente nel vino? Sono

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA»

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA» DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA» Art. 1. La indicazione geografica tipica «Emilia» o «dell'emilia» accompagnata o meno dalle specificazioni

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica.

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica. sono due cose diverse (in scienze si dice sono due grandezze diverse). 01.1 Cos'è il calore? Per spiegare cos è il calore facciamo degli esempi. Esempi: quando ci avviciniamo o tocchiamo un oggetto caldo

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni 3M Italia, Gennaio 2011 Bollettino Istruzioni Applicazione pellicole su vetro Bollettino Istruzioni 3M Italia Spa Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello (MI) Fax: 02 93664033 E-mail 3mitalyamd@mmm.com

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

10s CATENA 1 - SPECIFICHE TECNICHE 2 - COMPATIBILITA ATTENZIONE! ATTENZIONE! HD-LINK ULTRA-NARROW CN-RE400 CX 10 ULTRA NARROW

10s CATENA 1 - SPECIFICHE TECNICHE 2 - COMPATIBILITA ATTENZIONE! ATTENZIONE! HD-LINK ULTRA-NARROW CN-RE400 CX 10 ULTRA NARROW CATNA 10s ULTRA NARROW 1 - SPCIFICH TCNICH 2 - COMPATIBILITA CX 10 HD-LINK ULTRA-NARROW CN-R400 L utilizzo di pignoni e ingranaggi non "Campagnolo" può danneggiare la catena. Una catena danneggiata può

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

Dall emozione di un sorso di vino ad un sorriso per la vita

Dall emozione di un sorso di vino ad un sorriso per la vita Dall emozione di un sorso di vino ad un sorriso per la vita La Bruciata adotta un filare per la vita L Azienda Vinicola La Bruciata, di Oscar Bosio, fatta da uomini e donne veri, gente della terra e venuta

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

PINOT GRIGIO FRIULI COLLI ORIENTALI D.O.C. : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% FORMA DI ALLEVAMENTO : cordone speronato basso

PINOT GRIGIO FRIULI COLLI ORIENTALI D.O.C. : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% FORMA DI ALLEVAMENTO : cordone speronato basso PINOT GRIGIO : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% : in bianco, solo acciaio NOTE GUSTATIVE : colore giallo paglierino con riflessi dorati. Profumo elegante di frutta matura, fiori di campo e fieno

Dettagli

Gioco sensoriale stagionale

Gioco sensoriale stagionale Obiettivi Conoscere la frutta e la verdura di stagione grazie all aiuto dei cinque sensi. Allenare l utilizzo isolato dei sensi Età Da 7 anni Luogo In classe Timo Ullmann/WWF Svizzera Il gioco sensoriale

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.0.- Disinfettanti e loro caratteristiche Questa sezione descrive alcune famiglie di disinfettanti facilmente reperibili sul mercato che attualmente vengono

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

DISCIPLINARE TESTO AGGIORNATO DA G.U. 183, 8 AGOSTO 2014

DISCIPLINARE TESTO AGGIORNATO DA G.U. 183, 8 AGOSTO 2014 DISCIPLINARE TESTO AGGIORNATO DA G.U. 183, 8 AGOSTO 2014 Art. 1. Denominazione e vini 1. La denominazione d'origine controllata e garantita «Conegliano Valdobbiadene - Prosecco», o «Conegliano - Prosecco»

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

TOASTER. Istruzioni per l uso

TOASTER. Istruzioni per l uso TOASTER Istruzioni per l uso 5 4 3 1 6 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO 1) Manopola temporizzatore 2) Tasto Stop 3) Leva di accensione 4) Bocche di caricamento 5) Pinze per toast 6) Raccoglibriciole estraibile

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

INJEX - Iniezione senza ago

INJEX - Iniezione senza ago il sistema per le iniezioni senz ago INJEX - Iniezione senza ago Riempire le ampolle di INJEX dalla penna o dalla cartuccia dalle fiale con la penna Passo dopo Passo Per un iniezione senza ago il sistema

Dettagli

Pane 100% farina di grano saraceno

Pane 100% farina di grano saraceno Questa ricetta l'ho elaborata grazie ai preziosi consigli di un grande chef e amico, ovvero il titolare del Ristorante dal Sem ad Albissola Superiore Sv (http://www.ristorantedasem.it/). Uno sguardo al

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Risparmiare acqua ed energia. Molti ne parlano, ecogenius lo rende concreto ad ogni lavaggio.

Risparmiare acqua ed energia. Molti ne parlano, ecogenius lo rende concreto ad ogni lavaggio. Risparmiare ed energia. Molti ne parlano, ecogenius lo rende concreto ad ogni lavaggio. Nuove lavastoviglie ecogenius. The future moving in. Risultati straordinari nel risparmio d. Con le nuove ecogenius,

Dettagli

Freschezza in Svizzera

Freschezza in Svizzera Freschezza in Svizzera Tutte le sedi nel mondo sono disponibili all indirizzo: marche-restaurants.com AIRPORT ZÜRICH Diventate fan di Marché! facebook.com/marcherestaurantsschweiz BELLINZONA Tempo di spezie

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA "SAN COLOMBANO AL LAMBRO" O "SAN COLOMBANO"

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA SAN COLOMBANO AL LAMBRO O SAN COLOMBANO DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA "SAN COLOMBANO AL LAMBRO" O "SAN COLOMBANO" Approvato con DPR 18.07.1984 G.U. 334-05.12.1984 Modificato con DM 13.11.2002 G.U.

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli 1 E1-ALCOLI CIMICA OGANICA ALCOLI Formula generale Desinenza -olo Gli alcoli Gli alcoli sono, dopo gli idrocarburi, i composti organici più comuni, che è possibile considerare come derivati dagli alcani

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

TRECCIA AL BURRO RICETTE

TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO 1 kg di farina bianca 1 cucchiaio di sale (20 g ca.) 1 cubetto di lievito fresco (42 g) 1 cucchiaio di zucchero 120 g di burro 6 dl di latte 1 uovo sbattuto per

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza 10. sicurezza La dei tuoi cibi dipende anche da te sicurezza 10. La sicurezza dei tuoi cibi dipende anche da te Oggi i consumatori sono sempre più attenti alle questioni della sicurezza degli alimenti,

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani Gli alimenti lasciati all aria e soprattutto a temperatura ambiente subiscono, presto o tardi, modificazioni delle loro caratteristiche organolettiche:

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Bollette più leggere. Bollette più leggere..aria più pulita.aria più pulita Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Ostellato 28 maggio 2004 A scuola di ecologia

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne DESCRIZIONE DI-CLASS è un sistema composito a base resina caratterizzato da elevata flessibilità di intervento ed

Dettagli

Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa **

Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa ** MELONE Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa ** * Tecnico CReSO ; Tecnici SATA / Cadir Lab. Elenco delle cultivar poste a confronto Varietà Ditta Tip. Agustino Rijk

Dettagli

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Comune di Padova Assessorato all Ambiente AcegasAps Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Le 3 Zone di raccolta nel Quartiere 1 Centro Tipo di Rifiuto Cosa conferire Cosa non conferire

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli