GESTIONE BENI USATI. Codice causale Descrizione Tipo Iva Causale Iva Causale margine. SISTEMA FORFETARIO ART. 36/5 220 Corr.Art.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GESTIONE BENI USATI. Codice causale Descrizione Tipo Iva Causale Iva Causale margine. SISTEMA FORFETARIO ART. 36/5 220 Corr.Art."

Transcript

1 GESTIONE BENI USATI SINTESI DELLE OPERAZIONI DA ESEGUIRE 1) GESARC: Gestione archivio tabelle Tabella 2 Personalizzazione Dati e Conti scelta 1 campi Causale ricavi beni usati e Causale costi beni usati Per le ditte in contabilità semplificata occorre creare 2 causali (Non IVA), vanno inserite nella tabella di ci sopra, che verranno utilizzate dal programma quando si inserisce un movimento d acquisto/vendita in modo da creare (al momento in cui si conferma la registrazione della fattura ) un movimento di costo/ricavo sui registri di cui all art. 23 e 25 del D.P.R. 633/72, in quanto i registri di carico/scarico sono validi ai fini dell IVA ma non del reddito. Nella creazione di tali causali (GESARC tab.1 tab. 6 Causali contabili indicare N al campo Richiesta numero documento in semplificata 2) GESARC: Gestione archivio tabelle Tabella 2 Personalizzazione Dati e Conti scelta 2 campo Conto storno Iva beni usati : in questo campo va indicato il conto precedentemente creato per registrare la vendita dei beni usati. (in fase di liquidazione verrà calcolata l Iva sul margine e tale importo verrà stornato dal conto qui indicato) 3) GESARC: Gestione archivio tabelle Tabella 6 Causali contabli per la corretta gestione è necessario creare delle causali per ogni tipo di sistema adottato (il codice delle causali è indicativo possono essere create con codici diversi a discrezione del cliente) Codice causale Descrizione Tipo Iva Causale Iva Causale margine SISTEMA FORFETARIO ART. 36/5 220 Corr.Art.36/5 C 20 3 SISTEMA GLOBALE ART. 36/6 311 F.Acq.Art.36/6 A F.Ven.Art.36/6 V Corr.Art. 36/6 C 20 2 SISTEMA ANALITICO (ordinario) ART. 36/1 411 F.Acq.Art. 36/1 A F.Ven.Art. 36/1 V Corr.Art. 36/1 C F.Ven.Art.36/3 V 1 4 (iva normale) 420 Corr.Art. 36/1 C Nc.da forn.art.36/1 A 12 1 Per le gestione dettagliata consultare il manuale da pag. 3 1

2 TIPOLOGIE DI REGIME Illustriamo di seguito la nuova modalità di registrazione in prima nota delle operazioni di acquisto e vendita dei beni usati, in quanto introdotta l usuale impostazione grafica di inserimento. Premettiamo che restano comunque invariate le informazioni preliminari che debbono essere fornite alla procedura per una corretta gestione di suddetto regime relativamente alla creazione di apposite causali, alla scelta del relativo regime nell anagrafica della ditta ed alla Tabella Personalizzazione dati e conti per quanto concerne le causali di costo e di ricavo per beni usati utilizzate in contabilità semplificata ed il conto di storno dell IVA utilizzato per generare in prima nota il movimento di storno dell IVA sul margine una volta determinata in fase di liquidazione definitiva. I regimi previsti per il regime del margine sono: 1. Regime del margine con il sistema ordinario: la base imponibile su cui calcolare l'imposta è determinata per ogni singolo bene (art. 36 comma 1). (Pag. 3) 2. Regime del margine con il sistema forfetario: la base imponibile è determinata in una percentuale del prezzo di vendita (art. 36 comma 5). (Pag. 14) 3. Regime del margine con il sistema globale: la base imponibile è determinata periodicamente e globalmente, in relazione all'ammontare complessivo degli acquisti e vendite effettuate nel periodo mensile o trimestrale. (Pag. 9) È prevista anche la scelta Vendita IVA normale in quanto, anche nell ambito del Regime del margine, è comunque possibile adottare, per le cessioni, il Regime normale dell IVA. 2

3 Regime Ordinario Art. 36/1 Questo regime prevede che la base imponibile su cui calcolare l'imposta venga determinata, per ogni singolo bene, dalla differenza positiva tra acquisti e vendite, così come recita l'art. 36 al comma 1. Vediamo come eseguire le registrazioni di prima nota nel caso si adotti tale regime. Registrazione di un documento di acquisto Per registrare in prima nota ordinaria il costo relativo all acquisto di un bene (o più beni nello stesso documento), oppure una spesa accessoria (riparazione, trasporto, ecc.) ad esso relativa, che tra l altro incrementa il costo del bene stesso ai fini del calcolo del margine, è necessario innanzitutto utilizzare una causale apposita in cui, al campo "Regime del margine", presente nella Tabella delle Causali contabili", in GESARC, sia indicato il codice 1 Ordinario. Una volta inserita la causale sono richiesti i dati di testata del documento, ovvero i dati del fornitore ed il totale del documento. L inserimento prosegue poi con l indicazione del bene acquistato. A fondo pagina è presente il bottone F3=Crea bene da utilizzare per inserire la descrizione dell oggetto acquistato a cui verrà attribuita una numerazione progressiva. Nel caso in cui il bene sia già in archivio, poiché precedentemente inserito con relativa fattura di acquisto ed ora si registri un successivo documento per spese accessorie ad esso relativo (identificabili come tali dall indicazione del codice 2 Spese accessorie nella casella affianco al codice conto), in corrispondenza del campo Codice è attivo il bottone di ricerca che permette di visualizzare i beni già in archivio e quindi di richiamare, senza doverlo nuovamente inserire, il bene cui si riferisce il nuovo documento in inserimento. La ricerca è utile sia in caso di vendita del bene (che è asteriscato dopo la conferma della registrazione) sia nel caso di inserimento di spese, quali ad esempio le spese di riparazione, che vanno accorpate al bene precedentemente acquistato. Qualora il bene fosse già stato venduto, viene data apposita segnalazione. In corrispondenza del campo Codice sono inoltre attive le funzioni Ctrl+N=Nuovo, che permette di inserire un nuovo bene nell ambito dello stesso documento e Ctrl+D=Elimina che permette di eliminare, dal documento in inserimento, ma non dall archivio, il bene visualizzato. 3

4 Tipico esempio in cui può tornare utile inserire più beni è il caso in cui gli stessi siano acquistati con la medesima fattura; in tal caso rimane comunque valida e preferibile la modalità di registrazione precedente quella cioè che controlla la quadratura delle contropartite con il totale documento. Pertanto, una volta inserito il primo bene va completata la registrazione con l indicazione delle contropartite contabili per l importo ad esso relativo per poi tornare ad inserire il secondo bene e relative contropartite, sempre per l importo ad esso relativo e così via fino a raggiungere la quadratura con il totale documento; infatti, il programma chiederà di continuare ad inserire beni fino a che non sarà esaurito il totale fattura. Proseguendo nella registrazione, va poi indicato il Tipo di regime applicato: 1=Margine, 2=Iva normale. Va indicato 2=Iva normale solamente se, già in fase di acquisto, si è sicuri che al momento della vendita il bene sarà assoggettato ad IVA normale, come da D.P.R. 633/72 (IVA da IVA). Ciò non toglie che, anche se in acquisto si è optato per il "Regime del margine", 1=Margine, in fase di vendita si possa poi optare per il "Regime IVA normale", cioè 2=Iva normale. L utente deve poi indicare il numero di riferimento del bene, se inventariato. Pertanto il bene inserito sarà identificato in archivio da un codice interno e da un numero di inventario. Una volta dettagliato il bene, nella videata sottostante è necessario specificare il tipo di registrazione, se trattasi di 1=Acquisto, 2=Spese accessorie, ed infine il Codice conto, l' Importo, il Codice di esenzione o eventuale Aliquota nonché il Codice di suddivisione per IVA11. Completata la registrazione ne sono generati i movimenti contabili, un movimento IVA per il registro apposito ai sensi dell'art. 38 del D.L. 41/95 e creato il bene nell'apposito archivio BENI. Esempio di registrazione di una fattura di acquisto in contabilità ordinaria. In caso di ditta in contabilità semplificata, alla conferma della registrazione, è generato un movimento anche nel registro degli acquisti, ai sensi dell'art. 25 del D.P.R. 633/72, utilizzando, solo per le semplificate, la causale inserita nel campo "Causale costi beni usati" della Tabella Personalizzazione dati procedura" in GESARC. Pertanto, visualizzando il movimento dalla prima nota verrà richiamata la "Causale costi beni usati" mentre, richiamando il movimento dalla variazione prima nota la causale visualizzata sarà quella con cui è stato registrato il movimento. 4

5 Registrazione di un documento di vendita tramite fattura La modalità di inserimento della vendita è simile a quella dell'acquisto. In corrispondenza del campo Codice la funzione di visualizzazione F2 permetterà di individuare il bene oggetto della vendita, selezionato il quale ne saranno riportati i dati relativi al suo acquisto. Si passa poi ad inserire i dati della vendita, con l'unica particolarità che, per l'inserimento della vendita di un bene assoggettato al regime del margine, una volta indicato il codice conto e l'importo della vendita del bene è necessario indicare l'aliquota cui è soggetto il bene, allo scopo di calcolare l'imposta sul margine. Questa aliquota non è esposta in fattura, poiché nel documento di vendita il rivenditore di beni usati non può indicare l'imposta separatamente; pertanto, sulla stessa è riportato il prezzo globale di vendita, da indicare nel campo "Imponibile" richiesto dopo il codice conto; l'aliquota è invece utilizzata per il successivo calcolo dell'imposta, in fase di liquidazione. Se invece il bene è assoggettato ad Iva normale, è necessario utilizzare l'apposita causale e, all'atto della conferma, saranno registrati nei registri IVA, previsti dal D.P.R. 633/72, i movimenti sia di vendita che di acquisto del bene (relativi allo stesso periodo). Per ogni movimento di costo relativo al bene, quindi eventuali acquisti e spese accessorie, sarà creato un movimento di prima nota distintamente protocollato. Anche in caso di vendita di più beni con la medesima fattura si consiglia di registrare il singolo bene e relativa contropartita, uno dopo l altro, sino a che non si raggiunge la quadratura delle contropartite con il totale documento. Pertanto, una volta inserito il primo bene va completata la registrazione con l indicazione delle contropartite contabili per l importo ad esso relativo per poi tornare ad inserire il secondo bene e relative contropartite, sempre per l importo ad esso relativo e così via fino a raggiungere la quadratura con il totale documento; infatti, il programma chiederà di continuare ad inserire beni fino a che non sarà esaurito il totale fattura. Una volta impostati i dati, a fondo video è visualizzato il costo del bene ed il margine su cui calcolare poi l'imposta. 5

6 Sia in caso di ditta ordinaria che semplificata si ricorda che per registrare la vendita di un bene usato è possibile utilizzare o una causale appositamente creata per registrare la fattura di vendita, che dovrà avere codice 1 nel campo "Regime del margine" nell ambito della causale stessa oppure, qualora si debba applicare il regime IVA normale, occorre utilizzare una causale che abbia invece il codice 4 nel campo "Regime del margine" sempre nella causale stessa. Come per il movimento di acquisto, anche in quello di vendita, se visualizzato il movimento dalla prima nota verrà richiamata la "Causale ricavi beni usati" presente nella Tabella di Personalizzazione dati mentre, richiamando il movimento dalla variazione prima nota la causale visualizzata sarà quella con cui è stato registrato il movimento. 6

7 Registrazione di una vendita tramite corrispettivo Anche per la vendita del bene tramite corrispettivo è possibile utilizzare o una causale appositamente creata per registrare il movimento di corrispettivo nel regime del margine oppure una causale sempre apposita ma da utilizzare per registrare l operazione con IVA normale. Nell inserimento del corrispettivo non è richiesto il codice del fornitore, ma è proposto il codice conto della cassa (solamente in caso di ditta con contabilità ordinaria). Successivamente le richieste sono identiche alla registrazione della vendita con fattura. 7

8 Ribadiamo che, nella registrazione di una vendita con il regime del margine, l'inserimento dell'importo al campo "Imponibile" è considerato al lordo di IVA e che la successiva aliquota da indicare è utilizzata solamente in fase di liquidazione per calcolare l'iva del margine. 8

9 Regime globale Art. 36/6 Il sistema globale non prevede il calcolo del margine per singolo bene ma la determinazione del margine avviene con riferimento a tutte le vendite e acquisti effettuati in ciascun mese o trimestre. Esempio: se nel mese di Gennaio si hanno acquisti per 100 e vendite per 150, sulla differenza margine di 50 è calcolata l'imposta. Viceversa, in caso di acquisti per 150 e vendite per 100 si ha un credito di costo di 50, che va ad incrementare il credito di costo del periodo successivo. La procedura consente di inserire analiticamente i beni anche se si utilizza il regime globale del margine. In tal modo sarà possibile avere l elenco dei beni a video, tramite il comando GESBEN. L inserimento analitico dei singoli beni non influisce sulla modalità di determinazione dell imposta che, per il regime globale, avviene sempre come scorporo dell Iva sul margine, calcolato sulla differenza tra tutte le vendite del periodo e tutti gli acquisti del periodo. Si sottolinea, inoltre, che non è comunque possibile far transitare gli acquisti effettuati in regime del margine come vendite nel regime analitico o viceversa, poiché tale modalità non è ammessa dal regime Iva in oggetto se non operando opportuni storni. Volendo distinguere analiticamente acquisti e vendite è necessario creare apposite causali di acquisto e di vendita, nelle quali indicare 5 Globale con inserimento dei beni nel campo Regime del margine. In fase di registrazione sia dell acquisto che della vendita il programma si comporterà come nel regime analitico; ovviamente, nel caso della vendita, anche se si andrà ad individuare il bene che si sta vendendo, non apparirà in basso il calcolo del margine analitico, trattandosi comunque sempre di vendita in regime globale del margine. Si precisa che la modalità di registrazione dei movimenti in prima nota è la stessa sia che la ditta operi in regime di contabilità ordinaria che semplificata. 9

10 Registrazione di un documento di acquisto Per registrare un documento di acquisto nel regime globale è necessario creare una causale in cui al campo "Regime del margine", nella Tabella delle Causali contabili", in GESARC, sia indicato il codice 2 Globale. In fase di registrazione, dopo avere inserito i dati di testata e l importo totale del documento, in quanto trattasi di acquisto di beni per massa, è sufficiente indicare la descrizione dei beni acquistati globalmente, la quantità globale ed il numero con cui sono stati inventariati. L inserimento si completa specificando il Tipo di acquisto o di Spesa, il conto di contropartita ed i dati IVA (imponibile ed aliquota). In corrispondenza del campo Descrizione sono attive le funzioni F3=Crea bene, utilizzabile qualora il bene precedentemente inserito fosse stato annullato e fosse necessario procedere con un nuovo inserimento, Ctrl+N=Nuovo, utilizzabile per inserire un nuovo bene nell ambito dello stesso documento e Ctrl+D=Elimina utilizzabile per eliminare, dal documento in inserimento, ma non dall archivio, il bene visualizzato. Tipico esempio in cui può tornare utile inserire più beni è il caso in cui gli stessi siano acquistati con la medesima fattura; in tal caso rimane comunque valida e preferibile la modalità di registrazione precedente quella cioè che controlla la quadratura delle contropartite con il totale documento. Pertanto, una volta inserito il primo bene va completata la registrazione con l indicazione delle contropartite contabili per l importo ad esso relativo per poi tornare ad inserire il secondo bene e relative contropartite, sempre per l importo ad esso relativo e così via fino a raggiungere la quadratura con il totale documento; infatti, il programma chiederà di continuare ad inserire beni fino a che non sarà esaurito il totale fattura. Alla conferma sono generati i movimenti contabili; nell'archivio BENI viene invece creato un movimento di acquisto sul codice bene numero "0", in modo tale da avere tutti i movimenti di acquisto e vendita anche per il globale (di fatto non sarebbe necessario far registrare al programma i dati nell'archivio BENI ma lo si è ritenuto opportuno poiché potrebbe servire di inserire i movimenti di acquisto di un periodo senza far generare i relativi movimenti in prima nota). 10

11 11

12 Registrazione di un documento di vendita tramite fattura Per registrare una fattura di vendita occorre utilizzare un apposita causale di vendita in cui sia stato indicato codice 2 sempre al campo "Regime del margine", presente nella Tabella delle Causali contabili", in GESARC. In fase di registrazione, dopo avere inserito il totale dell'operazione, poiché trattasi di una vendita di beni per massa, è sufficiente annotare la quantità globale distinta per genere. Sarebbe opportuno dettagliare la natura, la qualità e la quantità dei beni venduti. Successivamente va indicato se trattasi di 3=vendita o 4=Vendita con rettifica di costo ; vanno poi inseriti il codice conto di contropartita e l'importo della vendita. L'aliquota richiesta è quella di assoggettamento dei beni ed è utilizzata in fase di liquidazione per il calcolo dell'iva sul margine. Esempio di registrazione di una fattura di vendita. 12

13 Registrazione di una vendita tramite corrispettivo Per registrare una vendita tramite corrispettivo occorre utilizzare una causale corrispettivi con indicato codice 2 sempre nel campo "Regime del margine" nella Causale contabile", in GESARC. Le richieste sono le medesime della registrazione della vendita con fattura. A N N O T A Z I O N I Nel regime globale sono trattate in modo particolare le esportazioni di beni identificate nella procedura dal codice 4 Vendita con rettifica di costo. In questo caso, la normativa prevede di rettificare, nel periodo in cui si è verificata la vendita, i costi, poiché si presuppone che questi abbiano già inciso sull'abbattimento del margine nel periodo in cui si è verificato l'acquisto. Poiché non si è in grado di sapere l ammontare del costo dei beni oggetto della vendita, se in fase di registrazione della vendita stessa, nel campo relativo all'aliquota, si indica un codice non imponibile, è richiesto l'importo del costo per eseguire la rettifica. Se trattasi effettivamente di un'esportazione indicare tale importo, altrimenti non indicare nulla. In fase di liquidazione l'eventuale importo abbatte i costi, aumentando i margini del periodo. Esempio di registrazione di un corrispettivo. 13

14 Regime forfetario Art. 36/5 Tale sistema prevede solamente l'annotazione della registrazione di vendita del bene, con applicazione dell'aliquota forfetaria, nel registro dei corrispettivi di cui all'art. 24 del D.P.R. 633/72. E quindi necessario utilizzare una causale corrispettivi in cui sia stato indicato codice 3 nel campo "Regime del margine", presente nella Tabella delle Causali contabili", in GESARC. Tale inserimento è simile a quello di un corrispettivo in gestione IVA normale e quindi, dopo l'imponibile, è necessario indicare l'aliquota con il codice che identifica lo scorporo (ad esempio 120). La procedura effettuerà la normale operazione di scorporo. Verrà proposta la percentuale di forfait ai fini IVA indicata nell anagrafica ditta. In fase di liquidazione IVA è poi operata la forfetizzazione dell'imponibile e quindi si avrà il corretto calcolo dell'imposta. Esempio di registrazione di un corrispettivo. Le regole del regime del margine, in tal caso, non vengono affatto utilizzate. 14

Regimi IVA Speciali MULTI. Gestione Beni Usati

Regimi IVA Speciali MULTI. Gestione Beni Usati Gestione Beni Usati Introduzione e Impostazioni Il regime speciale per i rivenditori di Beni Usati, di oggetti d arte, di antiquariato e da collezione, introdotto dalla legislazione italiana con il D.L.

Dettagli

REGISTRAZIONE IN REGIME IVA MARGINE GLOBALE, art. 36/6

REGISTRAZIONE IN REGIME IVA MARGINE GLOBALE, art. 36/6 REGISTRAZIONE IN REGIME IVA MARGINE GLOBALE, art. 36/6 Note: Il presente manuale vuole essere solo una guida sommaria per agevolare l operatore nell utilizzo della procedura e pertanto non essendo esaustivo

Dettagli

GESTIONE DEI BENI USATI

GESTIONE DEI BENI USATI GESTIONE DEI BENI USATI Le aziende che gestiscono questo particolare regime hanno la necessità di determinare l IVA derivante dalla vendita dei beni usati in modo particolare, in linea generale si può

Dettagli

Regimi IVA Speciali MULTI. Gestione Autotrasporto

Regimi IVA Speciali MULTI. Gestione Autotrasporto Gestione Il regime speciale previsto per gli autotrasportatori è regolamentato dall Art.74 c.4; tale normativa prevede che il debito IVA sulle cessioni diventi effettivo nel periodo di liquidazione successivo

Dettagli

ebridge Agenzie di viaggio

ebridge Agenzie di viaggio RIFERIMENTI ALLA NORMATIVA DELLE A.D.V. L'attività di organizzazione di viaggi e soggiorni in genere è svolta da operatori specifici (cosiddetti Tour operator) che organizzano i viaggi in nome proprio,

Dettagli

CONTABILITÀ. Regime Beni Usati. Release 4.90 Manuale Operativo

CONTABILITÀ. Regime Beni Usati. Release 4.90 Manuale Operativo Release 4.90 Manuale Operativo CONTABILITÀ Regime Beni Usati Il D.L. 41/1995, conv. in L. 85/1995 prevede un particolare regime (cd. Regime del margine) per la cessione di beni mobili usati e di oggetti

Dettagli

Appendice Manuale REGIME SPECIALE IVA PER I BENI USATI

Appendice Manuale REGIME SPECIALE IVA PER I BENI USATI REGIME SPECIALE IVA PER I BENI USATI Il Regime in esame che viene definito Regime del Margine ha come scopo quello di evitare fenomeni di doppia o plurima imposizione Iva sui Beni usati. Infatti, prima

Dettagli

Documentazione tecnica Beni Usati. Software Gestionale ebridge Professionisti REGIME SPECIALE IVA PER I BENI USATI

Documentazione tecnica Beni Usati. Software Gestionale ebridge Professionisti REGIME SPECIALE IVA PER I BENI USATI REGIME SPECIALE IVA PER I BENI USATI Il Regime in esame che viene definito Regime del Margine ha come scopo quello di evitare fenomeni di doppia o plurima imposizione Iva sui Beni usati. Infatti, prima

Dettagli

Documentazione tecnica Beni Usati. Software Gestionale ebridge Professionisti REGIME SPECIALE IVA PER I BENI USATI

Documentazione tecnica Beni Usati. Software Gestionale ebridge Professionisti REGIME SPECIALE IVA PER I BENI USATI REGIME SPECIALE IVA PER I BENI USATI Il Regime in esame che viene definito Regime del Margine ha come scopo quello di evitare fenomeni di doppia o plurima imposizione Iva sui Beni usati. Infatti, prima

Dettagli

Casi particolari. ITALSOFT StudioXp manuale utente. Casi particolari. Contabilità semplificate. Registrazione costi e ricavi non iva

Casi particolari. ITALSOFT StudioXp manuale utente. Casi particolari. Contabilità semplificate. Registrazione costi e ricavi non iva Contabilità semplificate 68 Casi particolari Il capitolo espone alcune caratteristiche della procedura e modalità operative in casi particolari di gestione come ad esempio le contabilità semplificate,

Dettagli

Regime dei beni usati

Regime dei beni usati Regime dei beni usati Breve illustrazione della materia Il particolare regime Iva per la cessione dei beni mobili usati e per la cessione di oggetti d'arte, antiquariato e di collezione si prefigge di

Dettagli

GESTIONE DEI BENI USATI

GESTIONE DEI BENI USATI GESTIONE DEI BENI USATI Di seguito vengono elencate le modalità per gestire l acquisto e la cessione dei beni usati OPERAZIONI PRELIMINARI Per gestire l acquisto e la cessione di beni usati è necessario:

Dettagli

Modulo contabile Agenzie di viaggio

Modulo contabile Agenzie di viaggio RIFERIMENTI ALLA NORMATIVA DELLE. L'attività di organizzazione di viaggi e soggiorni in genere è svolta da operatori specifici (cosiddetti Tour operator) che organizzano i viaggi in nome proprio, ma per

Dettagli

AGENZIE DI VIAGGIO. Pagina 13 di 46

AGENZIE DI VIAGGIO. Pagina 13 di 46 AGENZIE DI VIAGGIO Con il presente rilascio è stata completata la gestione dei registri IVA con l implementazione della gestione delle fatture emesse art. 74-ter; sarà possibile utilizzare le nuove causali

Dettagli

Supporto On Line Allegato FAQ. FAQ n.ro MAN-8BPDK267678 Data ultima modifica 02/05/2011. Prodotto Contabilità. Modulo Contabilità, Beni usati

Supporto On Line Allegato FAQ. FAQ n.ro MAN-8BPDK267678 Data ultima modifica 02/05/2011. Prodotto Contabilità. Modulo Contabilità, Beni usati Supporto On Line Allegato FAQ FAQ n.ro MAN-8BPDK267678 Data ultima modifica 02/05/2011 Prodotto Contabilità Modulo Contabilità, Beni usati Oggetto Modalità operative - Regime del margine globale * in giallo

Dettagli

CONTABILITÀ. Regime Beni Usati. Release 5.20 Manuale Operativo

CONTABILITÀ. Regime Beni Usati. Release 5.20 Manuale Operativo Release 5.20 Manuale Operativo CONTABILITÀ Regime Beni Usati Il D.L. 41/1995, conv. in L. 85/1995 prevede un particolare regime (cd. Regime del margine) per la cessione di beni mobili usati e di oggetti

Dettagli

Gruppo Buffetti S.p.A. Via F. Antolisei 10-00173 Roma

Gruppo Buffetti S.p.A. Via F. Antolisei 10-00173 Roma SOMMARIO VERSIONI CONTENUTE NEL PRESENTE AGGIORNAMENTO...2 AVVERTENZE...2 TUTTE LE CONTABILITA...2 ADEGUAMENTO ARCHIVI (00056z)...2 NUOVA ALIQUOTA IVA AL 22%...3 Riferimenti normativi...3 Tabella codici

Dettagli

Corrispettivi Ventilazione Grafici

Corrispettivi Ventilazione Grafici HELP DESK Nota Salvatempo 0044 MODULO FISCALE Corrispettivi Ventilazione Grafici Quando serve La normativa Registrazione dei corrispettivi in ventilazione a partire dall'esercizio IVA 2015 Decreto Ministeriale

Dettagli

Documentazione tecnica Gestione Intracomunutaria. Software Gestionale ebridge Professionisti

Documentazione tecnica Gestione Intracomunutaria. Software Gestionale ebridge Professionisti Acquisti Intra Gli acquisti effettuati da Paesi Intracomunitari, vanno registrati nella contabilità ebridge, con i seguenti accorgimenti: Tabella Causali Contabili. Dovrà essere generata un'apposita Causale

Dettagli

Manuale Operativo. Gestione Beni Usati UR1405144000

Manuale Operativo. Gestione Beni Usati UR1405144000 Manuale Operativo Gestione Beni Usati UR1405144000 Wolters Kluwer Italia s.r.l. - Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questi documenti può essere riprodotta o trasmessa in qualsiasi forma o mezzo,

Dettagli

CESP1 Gestione archivio cespiti Deve essere utilizzato per l inserimento di dati pregressi e/o rettifiche manuali. Annotazioni:

CESP1 Gestione archivio cespiti Deve essere utilizzato per l inserimento di dati pregressi e/o rettifiche manuali. Annotazioni: Corso Cespiti Tabelle e parametri di configurazione Parametrizzazioni di base TABE02A, personalizzazione dati procedura, causali semplificate TABE10, tabella conti cespiti TABE25, tabella 9-percentuali

Dettagli

CENNI I.V.A IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO

CENNI I.V.A IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO CENNI I.V.A IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO L'I.V.A. è un'imposta indiretta sui consumi, in vigore in tutti i paesi dell'unione europea e la cui sigla significa imposta sul valore aggiunto. L imposta sul valore

Dettagli

GESTIONE AGENZIE VIAGGIO ART. 74 TER

GESTIONE AGENZIE VIAGGIO ART. 74 TER GESTIONE AGENZIE VIAGGIO ART. 74 TER Di seguito verrà riportata la gestione contabile e fiscale delle Agenzie di viaggio regolata dall articolo 74 ter del DPR 633/1972. In questo regime la base imponibile

Dettagli

Regimi IVA Speciali MULTI. Gestione Agenzie di Viaggio

Regimi IVA Speciali MULTI. Gestione Agenzie di Viaggio Gestione Impostazioni In base all Art.74-Ter per le agenzie di viaggio e turismo è previsto un particolare meccanismo di applicazione dell Iva, definito base da base, a differenza di quello definitivo

Dettagli

Agricoltura regime speciale. Breve premessa contabile/fiscale

Agricoltura regime speciale. Breve premessa contabile/fiscale Pagina 1 di 8 Agricoltura regime speciale Breve premessa contabile/fiscale REGIME SPECIALE di non esonero: dall'1.1.1998 è un regime speciale di detrazione (anziché di applicazione dell'iva). Infatti la

Dettagli

L art. 1 commi 96-117 Legge 24/12 n. 244 introduce con decorrenza 1 gennaio 2008 il nuovo regime agevolato per i contribuenti minimi.

L art. 1 commi 96-117 Legge 24/12 n. 244 introduce con decorrenza 1 gennaio 2008 il nuovo regime agevolato per i contribuenti minimi. Supporto On Line Allegato FAQ FAQ n.ro MAN-7BHDGU9929 Data ultima modifica 08/09/2009 Prodotto Sistema Professionista - Picomwin Modulo Contabilità Oggetto Nuovo regime Contribuenti Minimi * in giallo

Dettagli

Cessione veicoli, trattamento IVA

Cessione veicoli, trattamento IVA Cessione veicoli, trattamento IVA Al fine di individuare il corretto trattamento IVA della cessione di un veicolo usato, è necessario individuare il regime di detraibilità applicato all atto di acquisto

Dettagli

Manuale Operativo. Gestione FARMACIE UR1504152020

Manuale Operativo. Gestione FARMACIE UR1504152020 Manuale Operativo Gestione FARMACIE UR1504152020 Wolters Kluwer Italia s.r.l. - Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questi documenti può essere riprodotta o trasmessa in qualsiasi forma o mezzo,

Dettagli

Cambio Codice IVA (dal 21% al 22%)

Cambio Codice IVA (dal 21% al 22%) Cambio Codice IVA (dal 21% al 22%) Sommario CAMBIO CODICE IVA (DAL 21% AL 22%) PREMESSA... 2 CREAZIONE NUOVI CODICI IVA... 3 LINEA AZIENDA... 7 Cambio codice iva prodotti... 8 LINEA CONTABILE... 9 Contabilità...

Dettagli

HORIZON SQL STAMPE FISCALI

HORIZON SQL STAMPE FISCALI 1-1/16 HORIZON SQL STAMPE FISCALI 1 INTRODUZIONE... 1-2 Considerazioni Generali... 1-2 Flusso per la generazione delle stampe fiscali... 1-3 Avvio del mosulo Stampe fiscali... 1-3 2 CONFIGURAZIONE... 2-3

Dettagli

Elenchi Intrastat. Indice degli argomenti. Premessa. Operazioni preliminari. Inserimento manuale dei movimenti e presentazione

Elenchi Intrastat. Indice degli argomenti. Premessa. Operazioni preliminari. Inserimento manuale dei movimenti e presentazione Elenchi Intrastat Indice degli argomenti Premessa Operazioni preliminari Inserimento manuale dei movimenti e presentazione Collegamento con la Contabilità Collegamento con il ciclo attivo e passivo Generazione

Dettagli

Split payment consigli per gestirlo con e/satto

Split payment consigli per gestirlo con e/satto Split payment consigli per gestirlo con e/satto Cenni normativi e aspetti non definiti L art. 1, comma 629, lett. b), Legge n. 190/2014, Legge di Stabilità per l'anno 2015, introducendo il nuovo art. 17-ter,

Dettagli

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi Il Punto sull Iva I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi I regimi Iva previsti dalla normativa Il sistema giuridico italiano ha previsto, per le imprese e professionisti,

Dettagli

Aziende Editrici BREVE GUIDA

Aziende Editrici BREVE GUIDA Gestione Aziende Editrici BREVE GUIDA ( Logiche di funzionamento e modalità d uso ) 1 sommario Introduzione... 3 Regime IVA Speciale Liquidazione e Registro Editori...3 Valorizzazione e Chiusura Magazzini

Dettagli

Le operazioni Intracomunitarie

Le operazioni Intracomunitarie UR1001101000 Le operazioni Intracomunitarie Manuale Operativo Wolters Kluwer Italia s.r.l. - Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questi documenti può essere riprodotta o trasmessa in qualsiasi

Dettagli

CONTABILITÀ. Gestione Agenzia Viaggio. Release 5.20 Manuale Operativo

CONTABILITÀ. Gestione Agenzia Viaggio. Release 5.20 Manuale Operativo Release 5.20 Manuale Operativo CONTABILITÀ Gestione Agenzia Viaggio Il modulo Agenzie Viaggio consente di gestire la contabilità specifica per le agenzie di viaggio: in questo manuale verranno descritte

Dettagli

Gestione piano dei conti standard

Gestione piano dei conti standard Gestione Piano dei Conti Standard TeamSystem Gecom Multi Gestione piano dei conti standard 1. Informazioni generali 2 2. Caricamento piano dei conti standard 3 3. Particolarità piano dei conti generale

Dettagli

CONTABILITA ANALITICA

CONTABILITA ANALITICA CONTABILITA ANALITICA Operazioni da svolgere per gestire Movimentazioni di Contabilità Analitica. Il documento che segue ha lo scopo di illustrare le operazioni che devono essere eseguite per: Predisporre

Dettagli

Comunicazione ex art. 21 Note operative

Comunicazione ex art. 21 Note operative Comunicazione ex art. 21 Note operative Sommario 1. Compilazione PERSON11 3 2. Modifica del flag art. 21 sulle anagrafiche da escludere 7 3. Modifica delle registrazioni degli anni precedenti 8 4. Stampa

Dettagli

COMUNICAZIONE N. 11 DEL 14.09.15

COMUNICAZIONE N. 11 DEL 14.09.15 - A.I.P. C.F. : 95142960657 P.IVA: 05115830654 COMUNICAZIONE N. 11 DEL 14.09.15 Cari Colleghi, abbiamo ricevuto da diversi amici richiesta di delucidazioni in merito alla problematica relativa alla cessione

Dettagli

Supporto On Line Allegato FAQ

Supporto On Line Allegato FAQ Supporto On Line Allegato FAQ FAQ n.ro MAN-7C6LPA62329 Data ultima modifica 08/09/2009 Prodotto Contabilità Modulo Contabilità Oggetto Gestione contabilità degli Autotrasportatori * in giallo le modifiche

Dettagli

Gestione Beni Strumentali

Gestione Beni Strumentali Gestione Beni Strumentali La procedura di Gestione Beni Strumentali presente nell omonima voce del menù Contabilità consente di immettere tutti i dati relativi ai Cespiti per ottenerne la stampa del registro

Dettagli

Novità più rilevanti (1) parità di trattamento tra fattura cartacea e fattura elettronica libera scelta sull autenticità dell origine, l integrità del contenuto e la leggibilità della fatture (facilita

Dettagli

Gruppo Buffetti S.p.A. Via F. Antolisei 10-00173 Roma

Gruppo Buffetti S.p.A. Via F. Antolisei 10-00173 Roma SOMMARIO VERSIONI CONTENUTE NEL PRESENTE AGGIORNAMENTO...2 AVVERTENZE...2 PARCELLAZIONE DI STUDIO...2 ADEGUAMENTO ARCHIVI (00015z)...2 Riferimenti normativi...3 FatturaPA versione 1.1...3 Split Payment...3

Dettagli

il software per la gestione della CONTABILITÀ ECONOMICA, PATRIMONIALE E CONTROLLO DI GESTIONE

il software per la gestione della CONTABILITÀ ECONOMICA, PATRIMONIALE E CONTROLLO DI GESTIONE il software per la gestione della CONTABILITÀ ECONOMICA, PATRIMONIALE E CONTROLLO DI GESTIONE ...il metodo più semplice per far tornare i conti... CONTABILITÀ ECONOMICA, PATRIMONIALE E CONTROLLO DI GESTIONE

Dettagli

CODICI IVA. Adeguamento aliquote d'imposta. Release 5.00 Manuale Operativo

CODICI IVA. Adeguamento aliquote d'imposta. Release 5.00 Manuale Operativo Release 5.00 Manuale Operativo CODICI IVA Adeguamento aliquote d'imposta Per rendere funzionale e veloce l adeguamento dei codici Iva utilizzati nel sistema gestionale, e rispondere così rapidamente alle

Dettagli

Registrazione in Prima Nota

Registrazione in Prima Nota Registrazione in Prima Nota Il programma consente l'immissione dei movimenti di Contabilità Generale, fatture clienti /fornitori, movimenti contabili, corrispettivi etc. Il programma lavora in tempo reale,

Dettagli

CESSIONE ROTTAMI. In base all art. 35 del D.L. n.269 del 30/09/2003

CESSIONE ROTTAMI. In base all art. 35 del D.L. n.269 del 30/09/2003 CESSIONE ROTTAMI In base all art. 35 del D.L. n.269 del 30/09/2003 L art. 35 del D.L. 30 settembre 2003, n. 269, ha introdotto, a partire dal 2 ottobre 2003, l applicazione generalizzata dell Iva alla

Dettagli

NOVITA 2013 - IVA Legge di stabilità 2013 (L. n. 228 del 24.12.12, GU 29.12.12), in cui è stato trasfuso l art. 1 del DL 216/2012

NOVITA 2013 - IVA Legge di stabilità 2013 (L. n. 228 del 24.12.12, GU 29.12.12), in cui è stato trasfuso l art. 1 del DL 216/2012 Milano, 2 gennaio 2013 NOVITA 2013 - IVA Legge di stabilità 2013 (L. n. 228 del 24.12.12, GU 29.12.12), in cui è stato trasfuso l art. 1 del DL 216/2012 EMISSIONE FATTURE La legge di stabilità ha modificato

Dettagli

RISOLUZIONE N. 140/E. Oggetto: Istanza di interpello X Articolo 74, decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633.

RISOLUZIONE N. 140/E. Oggetto: Istanza di interpello X Articolo 74, decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633. RISOLUZIONE N. 140/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 26 novembre 2004 Oggetto: Istanza di interpello X Articolo 74, decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633. Con

Dettagli

Nuovo regime Iva cassa Pagina 1

Nuovo regime Iva cassa Pagina 1 Nuovo regime Iva per cassa Normativa L art. 32-bis del Decreto Sviluppo (D.L. n. 83/2012 convertito in L. n. 134 dell 11/08/2012) ha introdotto un nuovo regime di liquidazione dell IVA secondo la contabilità

Dettagli

Comunicazione Dati Iva relativa al 2009

Comunicazione Dati Iva relativa al 2009 PERIODICO INFORMATIVO N. 08/2010 Comunicazione Dati Iva relativa al 2009 Come di consueto entro la fine del mese di febbraio va presentata, esclusivamente in via telematica, la Comunicazione dati IVA.

Dettagli

e/ - Iva per cassa casi particolari

e/ - Iva per cassa casi particolari INDICE 1. PREMESSA... 1 2. Omaggi... 2 2.1 Omaggio senza rivalsa Iva (Omaggio Totale).... 2 2.2 Omaggio con rivalsa Iva (Omaggio Imponibile)... 4 2.3 Omaggio esente... 6 3. Anticipi... 8 4. Acconto/Abbuono...

Dettagli

Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO. Rel. 5.10.2C. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit

Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO. Rel. 5.10.2C. DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit Manuale di Aggiornamento BOLLETTINO Rel. 5.10.2C DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit - 2 - Manuale di Aggiornamento Sommario 1 2 3 4 5 6 PER APPLICARE L AGGIORNAMENTO... 4 1.1 Aggiornamento Patch Storica...

Dettagli

DIVULGAZIONE MODIFICA SW0002429 SS*IVA SU CASSA. Impostazioni generali per iva differita

DIVULGAZIONE MODIFICA SW0002429 SS*IVA SU CASSA. Impostazioni generali per iva differita DIVULGAZIONE MODIFICA SW0002429 SS*IVA SU CASSA *** Iva ad esigibilità differita *** Implementata la Contabilità GeA per gestire il decreto anticrisi del 28/04/09 concernente l'utilizzo dell'imposta sul

Dettagli

Corso New Entry Sistema Ipsoa - Contabilità Cespiti Ritenute

Corso New Entry Sistema Ipsoa - Contabilità Cespiti Ritenute Sistema Ipsoa Corso New Entry 1 REGIMI CONTABILI 3 Contabilità Ordinaria Imprese Caratteristiche e impostazione.3 Contabilità Ordinaria Professionisti Caratteristiche e impostazione 3 Contabilità Semplificata

Dettagli

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE Decreto Ministero dell Economia e delle Finanze 23 gennaio 2015 G.U. 3 febbraio 2015 n. 27 Modalita' e termini per il versamento dell'imposta sul valore aggiunto da parte delle pubbliche amministrazioni.

Dettagli

Circolare n. 5 del 27 marzo 2015

Circolare n. 5 del 27 marzo 2015 Circolare n. 5 del 27 marzo 2015 Spesometro 2015 (operaziionii 2014), da trasmettere entro iill 10/20 dii apriille 2015 L art. 21 del D.L. n. 78 del 31 maggio 2010 ha introdotto l obbligo, per i soggetti

Dettagli

CONTABILITÀ. Gestione Attività Separate ai fini IVA. Release 4.90 Manuale Operativo

CONTABILITÀ. Gestione Attività Separate ai fini IVA. Release 4.90 Manuale Operativo Release 4.90 Manuale Operativo CONTABILITÀ Gestione Attività Separate ai fini IVA L art. 36 del DPR 633/72 disciplina la tenuta di contabilità separate per le diverse attività esercitate da parte dei soggetti

Dettagli

QUADRO SINOTTICO CONCERNENTE LE MODIFICHE AL REGIME DEI MINIMI DI CUI ALL'ART. 27 DEL D.L. N. 98/2011

QUADRO SINOTTICO CONCERNENTE LE MODIFICHE AL REGIME DEI MINIMI DI CUI ALL'ART. 27 DEL D.L. N. 98/2011 QUADRO SINOTTICO CONCERNENTE LE MODIFICHE AL REGIME DEI MINIMI DI CUI ALL'ART. 27 DEL D.L. N. 98/2011 PERSONE FISICHE CHE HANNO INIZATO L'ATTIVITA' D'IMPRESA, D'ARTE O PROFESSIONE A PARTIRE DAL 1 GENNAIO

Dettagli

AZZERAMENTO PROGRESSIVI (solo per installazioni di oltre 10 anni)

AZZERAMENTO PROGRESSIVI (solo per installazioni di oltre 10 anni) Servizio Supporto Ad Hoc Windows Il presente documento contiene informazioni inerenti le problematiche di inizio anno da affrontare con il gestionale Ad Hoc Windows. Per ulteriori informazioni Vi invitiamo

Dettagli

Ventilazione Corrispettivi

Ventilazione Corrispettivi 08 Aprile 2013 Ventilazione Corrispettivi La ventilazione è un metodo di liquidazione dell IVA utilizzabile esclusivamente dai contribuenti che effettuano la vendita di determinati beni, soggetti ad aliquote

Dettagli

Tipologia: News Tecniche Applicativo: GAMMA EVOLUTION Sigla: GAMMA Oggetto Variazione aliquota Iva ordinaria

Tipologia: News Tecniche Applicativo: GAMMA EVOLUTION Sigla: GAMMA Oggetto Variazione aliquota Iva ordinaria NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. Tipologia: News Tecniche Applicativo: GAMMA

Dettagli

La gestione dei cespiti ammortizzabili

La gestione dei cespiti ammortizzabili La gestione dei cespiti ammortizzabili Aggiornato al 10/05/2013 Indice 1 I parametri nella gestione ditta... 3 2 Registrazione di un bene ammortizzabile... 6 3 Calcolo Ammortamento Cespiti... 18 Calcolo

Dettagli

Manuale utente Split Payment (Esatto rel 08.05.00)

Manuale utente Split Payment (Esatto rel 08.05.00) Manuale utente Split Payment (Esatto rel 08.05.00) Sommario Split Payment scissione del pagamento... 3 Logica generale dell implementazione... 3 Ambiti di applicazione e casi di esclusione... 4 Controlli

Dettagli

Informativa per la clientela di studio

Informativa per la clientela di studio Informativa per la clientela di studio N. 132 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: L Iva per cassa e le recenti modifiche Gentile Cliente, Le inviamo la presente missiva per comunicarle

Dettagli

Fatturazione: dal 01.01.2013 cambiano le regole

Fatturazione: dal 01.01.2013 cambiano le regole Fatturazione: dal 01.01.2013 cambiano le regole Con la legge di stabilità per il 2013 (legge n. 228 del 24.12.2012) il legislatore ha recepito il contenuto della direttiva n. 2006/112/UE in materia di

Dettagli

Modello Iva 2014: esempi di compilazione

Modello Iva 2014: esempi di compilazione Numero 35/2014 Pagina 1 di 7 Modello Iva 2014: esempi di compilazione Numero : 35/2014 Gruppo : IVA Oggetto : DICHIARAZIONE IVA Norme e prassi : Istruzioni e modello Iva 2014; NOSTRA CDG N. 14/2014. Sintesi

Dettagli

PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEL CREDITO PCC - Estrazione dati

PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEL CREDITO PCC - Estrazione dati PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEL CREDITO PCC - Estrazione dati L art. 27 decreto legge 24 aprile 2014 n. 66, convertito con modificazioni dalla legge 23 giugno 2014, n. 89, introduce significative

Dettagli

Pagina intenzionalmente lasciata vuota

Pagina intenzionalmente lasciata vuota Pagina intenzionalmente lasciata vuota CHIUSURA ANNUALE I.V.A. anno 2007 I dati necessari alla compilazione della Dichiarazione Annuale IVA è possibile trasferirli (programma TRADAT08) prelevandoli o dai

Dettagli

Documentazione Gestione Autotrasportatori. Software Gestionale ebridge Professionisti

Documentazione Gestione Autotrasportatori. Software Gestionale ebridge Professionisti La normativa degli Autotrasportatori, consente il decalage dell Iva a debito nel periodo d imposta successivo a quello di emissione del documento. Esempio un fattura di Vendita con data documento 02-02-2007,

Dettagli

Reverse Charge. La prima operazione da effettuare è l'inserimento, nell anagrafica del FORNITORE SUBAPPALTATORE.

Reverse Charge. La prima operazione da effettuare è l'inserimento, nell anagrafica del FORNITORE SUBAPPALTATORE. Pagina 1 di 6 Reverse Charge Il documento contiene un flusso operativo per la registrazione di una fattura con Reverse charge. Nell'esempio sotto riportato viene evidenziata la registrazione di una fattura

Dettagli

Manuale di Aggiornamento CODICE IVA 21% DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit

Manuale di Aggiornamento CODICE IVA 21% DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit KING Manuale di Aggiornamento CODICE IVA 21% DATALOG Soluzioni Integrate a 32 Bit - 2 - Manuale di Aggiornamento Sommario 1 D.L. 138/2011: Aumento aliquota IVA al 21%... 3 1.1 Tabella Codici Iva... 3 1.1.1

Dettagli

GESTIONE DITTE QUATER

GESTIONE DITTE QUATER Gestione GESTIONE DITTE QUATER Gecom Multi I soggetti che esercitano più attività per le quali sono tenuti, per obbligo di legge o per opzione, a tenere contabilità IVA separate, devono creare tante ditte

Dettagli

Tabella PARAMETRI. Supporto On Line Allegato FAQ. Fig. 1. FAQ n.ro MAN-7AXLJP88862 Data ultima modifica 12/05/2009. Prodotto Sistema Professionista

Tabella PARAMETRI. Supporto On Line Allegato FAQ. Fig. 1. FAQ n.ro MAN-7AXLJP88862 Data ultima modifica 12/05/2009. Prodotto Sistema Professionista Supporto On Line Allegato FAQ FAQ n.ro MAN-7AXLJP88862 Data ultima modifica 12/05/2009 Prodotto Sistema Professionista Modulo Contabilità Oggetto Giroconto IVA * in giallo le modifiche apportate rispetto

Dettagli

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI.

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. REGIMI CONTABILI ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. 1 REGIME ORDINARIO 2 REGIME SEMPLIFICATO

Dettagli

LA REGOLARE TENUTA E LA STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI PER L' ANNO 2010

LA REGOLARE TENUTA E LA STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI PER L' ANNO 2010 LA REGOLARE TENUTA E LA STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI PER L' ANNO 2010 Entro il 31 Dicembre 2011 i contribuenti che tengono la contabilità con sistemi meccanografici devono procedere alla stampa dei registri

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE A seguito dell ingresso di Romania e Bulgaria nell Unione europea a decorrere dall 1.1.2007, le operazioni poste in essere con operatori residenti in tali Stati sono qualificate

Dettagli

A seguito della modifica dell art. 21 c.2 del DPR 633/1972, dal 1 gennaio 2013 sarà obbligatorio indicare sempre in fattura:

A seguito della modifica dell art. 21 c.2 del DPR 633/1972, dal 1 gennaio 2013 sarà obbligatorio indicare sempre in fattura: Trento, 08/01/2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: fatturazione, novità dal 1 gennaio 2013 - AGGIORNATO Gentile Cliente, dal 1 gennaio 2013 ci saranno importanti novità sul fronte della fatturazione,

Dettagli

N. 33 FISCAL NEWS. 20.01.2012 Il regime degli ex minimi. Premessa. La circolare di aggiornamento professionale

N. 33 FISCAL NEWS. 20.01.2012 Il regime degli ex minimi. Premessa. La circolare di aggiornamento professionale a cura di Antonio Gigliotti www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info N. 33 FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 20.01.2012 Il regime degli ex minimi Categoria Sottocategoria Regimi

Dettagli

Modalità di esportazione nella Dichiarazione Rimborso IVA Trimestrale

Modalità di esportazione nella Dichiarazione Rimborso IVA Trimestrale Nota Salvatempo Contabilità 13.03 1 APRILE 2015 Modalità di esportazione nella Dichiarazione Rimborso IVA Trimestrale *in giallo le modifiche apportate rispetto alla versione precedente datata 31/03/2014

Dettagli

Fatturazione: dal 01.01.2013 cambiano le regole

Fatturazione: dal 01.01.2013 cambiano le regole COMITATO REGIONALE TOSCANO GEOMETRI Via Volturno 10/12/C - 50019 Osmannoro Sesto Fiorentino - FIRENZE Tel. 055/5002380 - Fax 055/5522399 Cod. Fiscale 80011550482 E-mail - comtoscanogeometri@libero.it Informativa

Dettagli

IVA: Chiarimenti Circolare dell'agenzia delle Entrate del 3 maggio 2013, n. 12/E

IVA: Chiarimenti Circolare dell'agenzia delle Entrate del 3 maggio 2013, n. 12/E Prot. 94/2013 Milano, 23-05-2013 Circolare n. 50/2013 AREA: Circolari, Fiscale IVA: Chiarimenti Circolare dell'agenzia delle Entrate del 3 maggio 2013, n. 12/E L Agenzia delle Entrate fornisce i primi

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA

COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA Spesometro 2013 La soluzione Magico per adempiere tale obbligo. MULTIMEDIA POINT s.r.l. Via Monte Rosa 2 I-22079 Villa Guardia (CO) Tel. +39 031 563

Dettagli

In questo documento è possibile trovare tutte le operazioni da eseguire per la Gestione della Comunicazione Intra CEE

In questo documento è possibile trovare tutte le operazioni da eseguire per la Gestione della Comunicazione Intra CEE GESTIONE INTRA CEE In questo documento è possibile trovare tutte le operazioni da eseguire per la Gestione della Comunicazione Intra CEE OPERAZIONI PRELIMINARI Per attivare la gestione dell Intrastat,

Dettagli

Maggior IVA, Adeguamento Studi e Parametri

Maggior IVA, Adeguamento Studi e Parametri HELP DESK Nota Salvatempo 0006 MODULO Maggior IVA, Adeguamento Studi e Parametri Quando serve La normativa Termini presentazione Consente la rilevazione automatica sui registri IVA dell adeguamento agli

Dettagli

1 di 5 16/01/2015 17:53

1 di 5 16/01/2015 17:53 1 di 5 16/01/2015 17:53 Fattura elettronica e semplificata: le precisazioni dell'agenzia Pratica Fiscale e Professionale, 21 / 2013, p. 31 Chiarimenti della circolare 12/E Fattura elettronica e semplificata:

Dettagli

MANAGER NOTE DI FINE ANNO 2013-2014

MANAGER NOTE DI FINE ANNO 2013-2014 MANAGER NOTE DI FINE ANNO 2013-2014 SOMMARIO Introduzione... 3 1. Procedura Automatica... 4 1.1 Operazioni di verifica Archivi Vendite... 4 1.2 Operazioni di verifica Archivi Magazzino... 5 1.3 Procedura

Dettagli

OPERAZIONI DI INIZIO ANNO (2016)

OPERAZIONI DI INIZIO ANNO (2016) OPERAZIONI DI INIZIO ANNO (2016) 1. Introduzione Il presente documento riassume le operazioni da eseguire per gestire correttamente con e/satto il passaggio dall esercizio 2015 a quello 2016. Verranno

Dettagli

Supporto On Line Allegato FAQ

Supporto On Line Allegato FAQ Supporto On Line Allegato FAQ FAQ n.ro MAN-6LMC5F89155 Data ultima modifica 16/01/2014 Prodotto Contabilità Modulo Contabilità Oggetto Modalità di esportazione dalla Contabilità alla Comunicazione Annuale

Dettagli

Collegamento Gestionale 1 e Contabilità Studio AGO Infinity

Collegamento Gestionale 1 e Contabilità Studio AGO Infinity Collegamento Gestionale 1 e Contabilità Studio AGO Infinity Indice degli argomenti Premessa 1. Scenari di utilizzo 2. Parametri 3. Archivi Collegamento 4. Import Dati 5. Export Dati 6. Saldi di bilancio

Dettagli

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI Gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: NUOVE MODALITA DI FATTURAZIONE 1. Premesse, riferimenti normativi e decorrenza Il cosiddetto Decreto Salva infrazioni (D.L. 216/2012),

Dettagli

MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners

MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners ragionieri commercialisti economisti d impresa valdagno (vi) via l. festari,15 tel. 0445/406758/408999 - fax 0445/408485 dueville (vi) - via g. rossi, 26 tel. 0444/591846

Dettagli

I regimi contabili ed i libri sociali delle associazioni e società sportive dilettantistiche

I regimi contabili ed i libri sociali delle associazioni e società sportive dilettantistiche I regimi contabili ed i libri sociali delle associazioni e società sportive dilettantistiche I regimi contabili Le associazioni sportive dilettantistiche che svolgono attività commerciale hanno l'obbligo

Dettagli

CIRCOLARE N.24/E. Roma,30 aprile 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N.24/E. Roma,30 aprile 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N.24/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,30 aprile 2003 OGGETTO: Legge 27 dicembre 2002, n. 289 - Sanatorie fiscali Associazioni sportive dilettantistiche, associazioni senza fini

Dettagli

Bologna, 30 marzo 2015. Circolare n. 06/2015. Oggetto: Spesometro 2015

Bologna, 30 marzo 2015. Circolare n. 06/2015. Oggetto: Spesometro 2015 Dott. Rag. Giorgio Palmeri Rag. Tiberio Frascari Dott. Fabio Ceroni Dott. Carlo Bacchetta Dott. Mariangela Frascari Dott. Marta Lambertucci Dott. Lorenzo Nadalini Dott. Simone Pizzi Rag. Marinella Quartieri

Dettagli

semp mp ilf i i f cat ca a

semp mp ilf i i f cat ca a È il documento fondamentale per la certificazione delle operazioni commerciali e generalmente deve essere emessa dal soggetto che effettua la cessione del bene o la prestazione di servizio. Ha lo scopo

Dettagli

Registrare fatture in contabilità Registrare movimenti non iva in contabilità. Registrare fatture in contabilità

Registrare fatture in contabilità Registrare movimenti non iva in contabilità. Registrare fatture in contabilità Registrare fatture in contabilità Registrare movimenti non iva in contabilità Dal menu di WInCoge troviamo: Fatture e registrazioni iva > Movimenti non iva > Queste finestre consentono di inserire le registrazioni

Dettagli

Linea Sistemi Srl Lecce Via del Mare 15 Tel. 0832/392697 0832/458995 Fax 0832/372266 0832/372308 e-mail : lineasistemi@tiscali.it

Linea Sistemi Srl Lecce Via del Mare 15 Tel. 0832/392697 0832/458995 Fax 0832/372266 0832/372308 e-mail : lineasistemi@tiscali.it Linea Sistemi Srl Lecce Via del Mare 15 Tel. 0832/392697 0832/458995 Fax 0832/372266 0832/372308 e-mail : lineasistemi@tiscali.it Gestione Iva subappalto in edilizia A partire dal 1 gennaio 2007, in applicazione

Dettagli

Expert Up. Modulo Contabilità. Versioni...NET e VB Tipo agg.to...dynet Rel. agg.to...08.01.80 Rel. docum.to...eu050215_con Data docum.to...

Expert Up. Modulo Contabilità. Versioni...NET e VB Tipo agg.to...dynet Rel. agg.to...08.01.80 Rel. docum.to...eu050215_con Data docum.to... Modulo Contabilità Versioni....NET e VB Tipo agg.to...dynet Rel. agg.to...08.01.80 Rel. docum.to...eu050215_con Data docum.to...05/02/2015 INDICE A) AGGIORNAMENTO APPLICATIVO...cfr. documento Moduli Installazione

Dettagli