Decidere nella complessità e nell incertezza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Decidere nella complessità e nell incertezza"

Transcript

1 Prof. Alberto Gandolfi SUPSI, Lugano, Svizzera Decidere nella complessità e nell incertezza La capacità della mente umana di formulare e risolvere problemi complessi è molto piccola, se confrontata con la dimensione dei problemi che dobbiamo risolvere. 1 Herbert Simon

2 La sfida Livello 1 A clear-enough future - Un futuro abbastanza certo: è possibile fare previsioni affidabili sui cui fondare le nostre decisioni. Esempio: sviluppo demografico della popolazione Alternate futures - Diversi esiti alternativi: è possibile definire alcuni scenari e stimare delle probabilità. Esempio: Esiti di un procedimento giudiziario A range of futures È possibile definire dei confini ai possibili esiti, ma non esistono scenari naturali. 3 Esempio: entrare in un mercato emergente come l India 4? True ambiguity Ogni opzione è aperta, anzi non conosciamo nemmeno tutte le opzioni. Non abbiamo indicazioni per prevedere il futuro. Esempi: 2 sviluppi della tecnologia digitale; esiti del cambiamento climatico, crisi finanziaria globale

3 The double challenge Capacità decisionali e gestionali dell Uomo Complessità del mondo 3

4 1. UNA NUOVA LOGICA DI PENSIERO - (RI)CONOSCERE LA FRAGILITÀ DELLA MENTE UMANA 4

5 1. Un nuovo modo di pensare Essere consapevoli delle trappole della complessità, non essere arroganti, ingenui e sprovveduti Abbandonare l illusione del controllo, essere più umili di fronte alla complessità del mondo. Accettare l incertezza Imparare a lavorare e vivere nell incertezza, senza dover cercare pseudo-sicurezze Conoscere gli errori mentali (bias) più comuni 5

6 Deridere la complessità... O accettarla? Sistema che determina il successo 6dell intervento in Afghanistan

7 1. Un nuovo modo di pensare Verificare costantemente e criticamente la validità dei propri schemi mentali e regole decisionali Pensiero sistemico Non combattere contro il sistema: sfruttare le energie e i meccanismi sistemici ( logica del ju-jitzu ) 7

8 2. Prepararsi all imprevisto (e all improbabile) 8

9 Prepararsi all improbabile In un mondo complesso, gli eventi estremi sono molto più probabili di quanto valutato con i modelli tradizionali Esiste un valore medio Praticamente non esistono Hub Dinamica gaussiana (eventi estremi quasi impossibili) 9 Non esiste valore medio Presenza di Hub Dinamica a legge di potenza (SOC): eventi estremi possibili

10 Cosa rende resiliente un sistema? Questo è ciò che fa la natura: sacrifica l eleganza in cambio dell affidabilità. Kevin Kelly Ridondanza Flessibilità / intercambiabilità Resilienza delle interazioni fra elementi del sistema (fiducia) Capacità di improvvisazione organizzativa Piani d azione per eventi estremi e imprevisti Es. National Incident Management System, NIMS 10

11 Imparare dai migliori: cosa fanno le HRO (High reliability Organization)? 11

12 Imparare dai migliori: cosa fanno le HRO (High reliability Organization)? preoccupazione per gli errori. Costante vigilanza verso le potenziali fonti di difetti e fallimenti. Non si sottovalutano gli errori mancati. riluttanza a semplificare le interpretazioni. L interpretazione del sistema e dell ambiente non viene mai banalizzata. Sono preparate a percepire eventi e situazioni sfumate, complesse, ambigue. Incoraggiano i propri membri ad avere visioni e prospettive eterogenee e variegate, se necessario controcorrente. sensibilità verso gli aspetti operativi. attenzione a quanto accade al fronte. I dirigenti non snobbano il personale operativo. Anche un addetto alle pulizie può rivelarsi importante per segnalare un rischio latente di incidente. impegno per la resilienza. Le HRO sanno che nessun sistema è perfetto e che quindi prima o poi si svilupperà una situazione potenzialmente disastrosa. L obiettivo diventa allora di riconoscere immediatamente il pericolo, di contenere i danni e di rimettere in piena funzionalità il sistema. rispetto dell expertise. In situazioni pericolose e complesse, il potere decisionale può migrare alla ricerca della persona più competente per affrontarle. Nelle HRO l esperienza e la competenza specifica contano più del rango gerarchico. 12

13 3. TOLLERARE, SFRUTTARE (...E PROGETTARE?) GLI ERRORI 13

14 Sfruttare il valore degli errori Un errore è un evento di cui non abbiamo ancora saputo sfruttare pienamente i vantaggi. Ed Land, fondatore e presidente della Polaroid L errore mi permette di sperimentare, di esplorare lo spazio delle decisioni possibili e di trovare la decisione migliore. Inoltre, la produzione di errori genera DIVERSITÀ e VARIETÀ in un sistema. l adattabilità delle popolazioni umane può essere connessa strettamente alla diversità delle loro culture e dei loro punti di vista, mentre l emergenza di una forma monolitica di consenso può rendere più fragile il sistema. 14 Allen e McGlade

15 La fitness landscape 15

16 Successo efficacia Picco locale Situazione temporanea di ridotta efficacia 16

17 Commettere errori controllati? durante tutta la nostra educazione, dall asilo infantile fino all università, gli errori sono trattati come una cosa cattiva. Chi commette errori viene punito. Inoltre, a nessuno interessa se abbiamo imparato qualcosa da essi. Russell Ackoff: Situazioni nelle quali è particolarmente importante commettere errori controllati: il profitto potenziale è molto maggiore dei costi dell errore decisioni devono essere prese con grande frequenza l ambiente /il contesto sono cambiati o stanno cambiando drammaticamente il problema è complesso e vi sono numerose soluzioni possibili la vostra esperienza con un problema è scarsa. (Schoemaker P., Gunther R., The wisdom of deliberate mistakes, HBR, june 2006) 17

18 Errori deliberati e controllati Esempio: Le autorità fiscali statunitensi (IRS), si sono rese conto che le regole per identificare soggetti a rischio non sono mai perfette. Perciò IRS verifica in dettaglio anche un campione di soggetti fiscali scelti a caso fra i soggetti normali. Es. assumere persone che secondo le attuali regole non sono ritenute adeguate al posto 18

19 4. IMPARARE AD IMPARARE - Learning Organization 19

20 Learning Organization la perdita della stabilità dei sistemi significa che la nostra società e tutte le sue istituzioni sono in un continuo processo di trasformazione. [ ] Dobbiamo diventare adepti dell apprendimento. In altre parole, dobbiamo diventare capaci non solo di trasformare le nostre istituzioni, in risposta a situazioni e necessità in cambiamento; dobbiamo inventare e sviluppare istituzioni che siano sistemi capaci di apprendere, sistemi capaci di generare e gestire la loro stessa trasformazione. (D.Schön, 1994) 20

21 Learning Organization?? - esempio scorbuto 21

22 Learning Organization?? - esempio scorbuto Prima del 1600, scorbuto mieteva nei navigatori più vittime di battaglie, incidenti, tempeste messe assieme. Nel 1601 Lancaster condusse un esperimento: distribuendo quotidianamente alla ciurma di tre navi tre cucchiai di succo di limone, mentre i marinai di altre tre navi non ricevettero nulla. Risultato: raggiunto Capo di Buona Speranza, dei 278 marinai non trattati ben 110 erano già morti di scorbuto; i marinai che avevano ricevuto succo di limone erano invece in gran parte sani. Nel 1747 un altro esperimento dimostrò che il succo di limone era l unico antidoto contro lo scorbuto, mentre una serie di altri esotici elisir testati non aveva nessun effetto protettivo. Nel 1795 la Royal Navy adottò su base sistematica il succo di limone. Solo nel 1865 anche la marina mercantile decise di rendere obbligatorio l uso di succo di limone e in poco tempo lo scorbuto fu completamente debellato. Tempo di apprendimento: circa 260 anni. 22

23 Apprendimento di primo e secondo livello Valori, quadro concettuale (frame), modelli mentali determinano Processi e regole decisionali Double-loop learning Verifico e correggo Verifico e correggo determinano single-loop learning azione 23 Output, risultato

24 L importanza del feedback Numero di difetti alle guarnizioni (O-ring) Temperatura della connessione ( F) 24

25 3 L importanza del feedback Numero di difetti alle guarnizioni (O-ring) 2 1 Tutti i voli senza problemi si erano svolti ad una temperatura superiore ai 66 F (19 C) Temperatura della connessione ( F) 25

26 26

27 5. FARE EVOLVERE I SISTEMI 27

28 Progetti pilota L unico modo per creare un nuovo grande sistema è di farlo crescere poco alla volta. Kevin Kelly 28

29 Adattarsi Copiare dalla logica evolutiva The only way to make a complex system that works is to begin with a simple system that works (Kewin Kelly) Il modo migliore per creare un sistema complesso robusto ed efficace è lasciare che questo evolva dal basso Il processo sarà più lento; Il sistema finale non sarà elegante, ma vivo e più capace di gestire la complessità del sistema organizzativo 29

30 6. AGIRE SUL CONTESTO L INTERVENTO INDIRETTO 30

31 Agire sul contesto interventi indiretti prestazione, qualità approccio indiretto parametri di controllo, contesto, sistema gruppo Management approccio diretto 31 collaboratori

32 Agire sul contesto interventi indiretti - esempio Percentuale dei donatori OPT-IN = se non sottoscrivi l accordo, l espianto è vietato OPT-OUT = se non ti opponi, espianto possibile opt-in opt-out Danimarca Germania Inghilterra Olanda USA 32 Svezia Belgio Polonia Portogallo Francia Ungheria Austria

33 Agire sul contesto es. Guerra in Afghanistan La vittoria nelle nuove guerre diffuse e complesse (Afghanistan) non si raggiunge focalizzando sul nemico, bensì sul contesto. La nuova strategia dovrà quindi focalizzare gli sforzi sulla garanzia di sicurezza per la popolazione. Se gli alleati riusciranno a conquistare il rispetto e l appoggio della popolazione, la sconfitta dei Talebani ne deriverà per effetto sistemico. 33 non vinceremo distruggendo i Talebani, Non vinceremo contando i nemici morti. Vinceremo soltanto quando la gente vorrà che noi vinciamo Gen. S. McChrystal, 2009

34 7. DELEGARE LE DECISIONI VERSO IL BASSO - ELIMINARE REGOLE FORMALI 34

35 Delegare le decisioni verso il basso Compromesso fra vantaggi della Centralizzazione e Decentralizzazione Team semi-autonomi (ricevono il COSA, decidono il COME) Ridurre le regole formali L eliminazione dei manuali di regole presenta un altro e meno evidente vantaggio: le persone cominciano a prendere per proprio conto le decisioni e di solito sono più qualificate a farlo dei loro capi. (Ricardo Semler, CEO SEMCO) 35

36 - L esempio di Drachten (NL) Nella città olandese di Drachten ( abitanti) sono stati eliminati tutti i semafori e le demarcazioni stradali The idea is that this takes responsibility away from the traffic engineers and puts it on the individual. 36

37 L esempio di Drachten (NL) 37

38 L esempio di Drachten (NL) 38

39 Complicato e complesso: solo una sottigliezza accademica? Nella gestione aziendale: Sta emergendo l importanza di distinguere i processi COMPLICATI (con molte attività), dai processi COMPLESSI Processi complicati: Gestibili in modo diretto Formalizzabili con liste, diagrammi di flusso, ecc. Processi complessi: Gestione indiretta, attraverso il contesto di lavoro, la qualifica, la motivazione, ecc. Nuove forme di formalizzazione 39

40 8. La legge di Ashby (Law of requisite variety) 40

41 La Law of requisite Variety di W.Ross Ashby Complessità, diversità Sistema di gestione/ controllo Only variety can destroy variety (1956) Sistema gestito / controllato 41

42 Un esempio: La lotta biologica integrata in agricoltura Livello di Complessità/ varietà Possibilità di Controllo! Organismi nocivi Pesticidi chimici 42

43 Esempio: I sistemi di monitoraggio Un sistema di indicatori deve possedere una complessità paragonabile alla complessità del sistema che intende misurare Esempio: Vietnam: Il segretario alla Difesa McNamara adottò un sistema di indicatori che considerava puramente i dati militari Possibilità di Controllo! 43

44 L ipotesi Homer-Dixon (2002) Livello di complessità GAP Complessità dei sistemi da gestire Complessità dei decisori = capacità di gestione 44 Tempo

45 Legge di Ashby - Le quattro leve Prima leva: Leva strategica capire la complessità (pensiero sistemico) Approccio operativo 1.1.Visualizzare la complessità, identificare gli elementi 1.2 Identificare le interazioni critiche fra gli elementi (system map) 1.3 Capire la dinamica del sistema (system dynamics) Seconda leva: ridurre la complessità del sistema da gestire 2.1 Trasferimento della complessità 2.2 Semplificazione degli elementi del sistema 2.3 Semplificazione delle interazioni fra gli elementi 45

46 Le quattro leve Leva strategica Terza leva: gestire in modo efficace la complessità rimanente Quarta leva: aumentare la complessità del decisore Approccio operativo 3.1 Applicativi informatici per la simulazione di sistemi complessi 3.2 Segmentazione della complessità nei processi aziendali 3.3 Adozione di regole e strategie decisionali (euristiche) 3.4 Agire sul contesto 4.1 Aumentare la diversità degli enti decisionali 4.2 Migliorare la complessità decisionale di dirigenti, quadri e collaboratori 4.3 Migliorare la gestione della conoscenza nell organizzazione 4.4 Creare reti e lavorare in rete 46

47 9. SIMULARE I SISTEMI COMPLESSI Esempio: creazione di Unità amministrative autonome UAA, nell Amministrazione Pubblica del Cantone Ticino (Svizzera) Strumento: Modellazione basata sulla Systems Dynamics e sulla cibernetica (System Tool Prof. Vester, S.Gallo) 47

48 Simulazione: definire le variabili del sistema 48

49 Valutazione sistemica delle variabili (1) 49

50 Valutazione sistemica delle variabili (2) 50

51 Simulazione: il ruolo sistemico delle variabili 51

52 Simulazione: il ruolo sistemico delle variabili Competenza Direzioni UAA Risultati finanziario UAA 52

53 Simulazione: mappa delle relazioni causa-effetto 53

54 Identificare i cicli di feedback 54

55 Simulazione: valori iniziali e relazioni 55

56 Simulazione: sviluppo del sistema 56

57 Esplorazione di un nuovo scenario......e se non fosse possibile riportare gli utili nel fondo di riserva? 57

58 Nuova simulazione, con lo scenario modificato 58

59 Riassumendo... Nuove logiche di pensiero (ri)conoscere fragilità della mente Prepararsi all improbabile e all imprevisto Tollerare e sfruttare gli errori Imparare ad imparare : la learning organization Fare evolvere i sistemi Agire sul contesto interventi indiretti Delegare verso il basso ridurre le regole formali Legge di Ashby le quattro leve Simulare la dinamica dei sistemi 59

60 Bibliografia A.Gandolfi, Formicai, IMperi Cervlli, Bollati Boringhieri, Torino - Casagrande, Bellinzona, 2. ed A.Gandolfi, Vincere la sfida della complessità, Franco Angeli, Milano, 2008 P.Senge, La quinta disciplina. Sperling & Kupfer, Milano 1990 Page S.E, The Difference, Princeton University Press, Princeton,

La Gestione della Complessità

La Gestione della Complessità La Gestione della Complessità Only variety can destroy variety (Ross. W. Ashby) Prof. Claudio Saita 1 La struttura del modello cognitivo proposto, conosciuto più comunemente in letteratura come la legge

Dettagli

Emile Durkheim La prima ricerca sociologica

Emile Durkheim La prima ricerca sociologica Emile Durkheim La prima ricerca sociologica Il suicidio (1898) di Émile Durkheim (1858-1917) Esamina delle statistiche senza fare ricerche dirette Prima classificazione: psicologica 1. Maniacale allucinazioni

Dettagli

http://it.linkedin.com/in/marialberto Napoli 07/06/2013 - Alberto Mari (Sicev 265 - Apco CMC 0512-A)

http://it.linkedin.com/in/marialberto Napoli 07/06/2013 - Alberto Mari (Sicev 265 - Apco CMC 0512-A) 1 Seminario Aggiornamento Valutatori SICEV Intervento Dai Sistemi di Gestione al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo secondo il DLgs. 231/2001 Napoli 07/06/2013 - Alberto Mari (Sicev 265 -

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Agenda degli incontri

Agenda degli incontri PROGETTO DI FORMAZIONE LEARNING BY DOING Descrizione Percorso Un percorso di formazione per supportare i docenti a formare in modo esplicito le competenze trasversali dei loro allievi. E ormai noto che

Dettagli

COACHING CREATIVO. la metodologia per liberare soluzioni

COACHING CREATIVO. la metodologia per liberare soluzioni COACHING CREATIVO la metodologia per liberare soluzioni La metodologia per liberare soluzioni Il Coaching Creativo è la metodologia che abbiamo elaborato in anni di ricerca e sviluppo per progettare e

Dettagli

Information summary: Decision Making

Information summary: Decision Making Information summary: Decision Making - Copia ad esclusivo uso personale dell acquirente - Olympos Group srl Vietata ogni riproduzione, distribuzione e/o diffusione sia totale che parziale in qualsiasi

Dettagli

Percezione e Rappresentazione del terremoto nel bambino

Percezione e Rappresentazione del terremoto nel bambino Percezione e Rappresentazione del terremoto nel bambino Salvatore Settineri C. Mento - G. Gioffré N. Gambardella Università degli Studi di Messina Dipartimento di Neuroscienze, Scienze Psichiatriche e

Dettagli

Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale

Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale Firenze, 11 dicembre 2013 Nessuno può farvi sentire inferiore senza il vostro consenso. Eleanor Roosevelt Inversione di paradigma da persone

Dettagli

Organizzazione come Cervello

Organizzazione come Cervello Organizzazione come Cervello Molte sono state le considerazioni fatte per descrivere la funzione del cervello: Una sofisticata banca dati Un sistema complesso di reazioni chimiche che danno vita ad azioni

Dettagli

La gestione della crisi: CRM. G. Scagliarini

La gestione della crisi: CRM. G. Scagliarini La gestione della crisi: CRM G. Scagliarini Obiettivi Introdurre concetto di CRM Razionale della Simulazione Cosa hanno in comune aeronautica, anestesia e emergency medicine? Elementi comuni Alta complessità

Dettagli

Cos è una rete sociale

Cos è una rete sociale Cos è una rete sociale È una struttura costituita da nodi e da link. I nodi sono gli individui, i link sono le relazioni tra nodi, formali o informali, stabili o temporanee, definite o casuali. Le reti

Dettagli

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI 1. Lavorare per progetti La parola, oltre ad avere il significato del lessico comune, significa anche approccio manageriale, soprattutto da quando

Dettagli

LEAN LEADERSHIP COSA SIGNIFICA?

LEAN LEADERSHIP COSA SIGNIFICA? LEAN LEADERSHIP COSA SIGNIFICA? VISIONE UMILTA LEAN LEADERSHIP? INCORAGGIAMENTO CORAGGIO VISIONE Il Compito di un Leader è portare il proprio popolo da dove si trova a dove non è mai stato - Henry Kissinger

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI La progettazione formativa e didattica GLI STILI E LE MODALITA DI DI APPRENDIMENTO: dalle dalle conoscenze alla alla interiorizzazione dei dei comportamenti organizzativi 1 IL IL PERCORSO DELL APPRENDIMENTO

Dettagli

Lean Leadership. Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it. 26 Marzo 2015 Alberto Portioli. alberto.portioli@polimi.

Lean Leadership. Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it. 26 Marzo 2015 Alberto Portioli. alberto.portioli@polimi. Lean Leadership Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it Dipartimento Ing. Gestionale Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it E il momento di decidere di sopravvivere e reagire

Dettagli

Newsletter VI - 2016. Argomenti GOOD, SUFFICIENT BUT WHAT WILL THE FUTURE BRING US? WHAT WILL THE FUTURE BRING US?

Newsletter VI - 2016. Argomenti GOOD, SUFFICIENT BUT WHAT WILL THE FUTURE BRING US? WHAT WILL THE FUTURE BRING US? Newsletter VI - 2016 GOOD, SUFFICIENT BUT WHAT WILL THE FUTURE BRING US? Argomenti Polonia: come far quadrare i conti, i più poveri d Europa. Reclutamento per il workshop in Polonia Italia: combattere

Dettagli

Ciclo di gestione del progetto e Quadro Logico

Ciclo di gestione del progetto e Quadro Logico e Quadro Logico PROGETTO Gruppo di attività che mirano a raggiungere un obiettivo specifico in un tempo dato PROGRAMMA Serie di progetti i cui obiettivi riuniti contribuiscono all obiettivo globale comune,

Dettagli

Belowthebiz idee in rete

Belowthebiz idee in rete Strategia? La parola strategia è una di quelle che oggi si sentono più spesso sulla bocca di tutti, managers, consulenti, guru, ecc. Oggi è necessario avere una strategia, per essere più competitivi, per

Dettagli

Guida pratica. Leggere attentamente la parte teorica. Scegliere, approfondire e conoscere il tema

Guida pratica. Leggere attentamente la parte teorica. Scegliere, approfondire e conoscere il tema ITALIA E SVIZZERA VERSO L EXPO 2015 IMPARARE SVILUPPARE DIFFONDERE Guida pratica per lo sviluppo di un concept di un APP: i passi fondamentali 1 Leggere attentamente la parte teorica Sapete cos è un APP,

Dettagli

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti 10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti Nel 2013 hanno chiuso in Italia oltre 50.000 aziende, con un aumento di oltre

Dettagli

Servizio sociale e immigrazione. Di Daniela Simone

Servizio sociale e immigrazione. Di Daniela Simone Servizio sociale e immigrazione Di Daniela Simone Nel mondo, da secoli, l immigrazione è un fenomeno presente. Nell enciclopedia delle scienze sociali si afferma che Il fenomeno delle migrazioni è antico

Dettagli

Grafica ed interfacce per la comunicazione Scienze della Comunicazione

Grafica ed interfacce per la comunicazione Scienze della Comunicazione Grafica ed interfacce per la comunicazione Scienze della Comunicazione Paola Vocca Lezione 9: Prototipazione Lucidi tradotti e adattati da materiale presente su http://www.hcibook.com/e3/resources/ e http://www.robertopolillo.it

Dettagli

Le capacità chiave per affrontare i nuovi paradigmi della competizione MANAGERIALE

Le capacità chiave per affrontare i nuovi paradigmi della competizione MANAGERIALE Le capacità chiave per affrontare i nuovi paradigmi della competizione MANAGERIALE MANAGERIALE Le capacità chiave per affrontare i nuovi paradigmi della competizione L evoluzione della specie: passare

Dettagli

COMPETENZE TRASVERSALI

COMPETENZE TRASVERSALI GESTIRE IL CAMBIAMENTO STILI DI LEADERSHIP FACILITARE LA COMUNICAZIONE GESTIRE LE SITUAZIONI DI CRISI CREATIVITÀ E PROBLEM SOLVING GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO PROJECT MANAGEMENT IN PRATICA FORMARE IL PROPRIO

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

Apprendere per competenze nei laboratori di Città della Scienza. Luigi Amodio Direttore di Città della Scienza Napoli, 18 maggio 2015

Apprendere per competenze nei laboratori di Città della Scienza. Luigi Amodio Direttore di Città della Scienza Napoli, 18 maggio 2015 Apprendere per competenze nei laboratori di Città della Scienza Luigi Amodio Direttore di Città della Scienza Napoli, 18 maggio 2015 2 3 Cambiamenti nell istruzione e nel mercato del lavoro XX SECOLO XXI

Dettagli

L angolo del personal coaching. Data: 01 Ottobre 2015 Web

L angolo del personal coaching. Data: 01 Ottobre 2015 Web L angolo del personal coaching Data: 01 Ottobre 2015 Web giovedì 1 ottobre 2015 ESPLORATORI DEL CAMBIAMENTO di Elena MURELLI Come accompagnare se stessi e i propri collaboratori nei processi di trasformazione

Dettagli

Famiglia e crisi economica Marica Martini 1

Famiglia e crisi economica Marica Martini 1 Famiglia e crisi economica Marica Martini 1 Premessa La crisi economica è ancora argomento d attualità. Lungi dal perdersi nell analisi approfondita di indici economici e nella ricerca di una verità nei

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1

LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1 LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1 LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING Argomenti affrontati: Pianificazione aziendale e pianificazione di marketing Tendenze evolutive nella

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1

LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1 LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1 LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING Argomenti affrontati: Pianificazione aziendale e pianificazione di marketing Tendenze evolutive nella

Dettagli

INNOVARE PER PROGETTARE O PROGETTARE PER INNOVARE? La cultura e le competenze aziendali per un efficace progettazione

INNOVARE PER PROGETTARE O PROGETTARE PER INNOVARE? La cultura e le competenze aziendali per un efficace progettazione INNOVARE PER PROGETTARE O PROGETTARE PER INNOVARE? La cultura e le competenze aziendali per un efficace progettazione Roma, 21/04/2015 1 INNOVAZIONE PROGRAMMI UE CHE FINANZIANO L INNOVAZIONE Finanziamenti

Dettagli

Interpretive Project Management

Interpretive Project Management Interpretive Project Management (quando la complessità dei progetti su commessa è nel contesto) Quale complessità La complessità caratterizza in varia misura ogni progetto La valutazione di tale complessità,

Dettagli

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo Corso di Psicologia del Rischio e della Decisione Facoltà di

Dettagli

Test d ipotesi. Statistica e biometria. D. Bertacchi. Test d ipotesi

Test d ipotesi. Statistica e biometria. D. Bertacchi. Test d ipotesi In molte situazioni una raccolta di dati (=esiti di esperimenti aleatori) viene fatta per prendere delle decisioni sulla base di quei dati. Ad esempio sperimentazioni su un nuovo farmaco per decidere se

Dettagli

Il ruolo dei determinanti di salute nella progettazione in cooperazione internazionale

Il ruolo dei determinanti di salute nella progettazione in cooperazione internazionale Il ruolo dei determinanti di salute nella progettazione in cooperazione internazionale Mariano Giacchi U.O.C. Promozione della salute AOUS CREPS Dip. Fisiopatologia, Medicina Sperimentale e Sanità Pubblica

Dettagli

Lean Leadership. 30 Settembre 2014 Alberto Portioli. Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it. alberto.portioli@polimi.

Lean Leadership. 30 Settembre 2014 Alberto Portioli. Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it. alberto.portioli@polimi. Lean Leadership Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it Dipartimento Ing. Gestionale Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it E il momento di decidere di sopravvivere e reagire

Dettagli

Organizzazione e gestione del personale Gli strumenti attivati delle aziende sanitarie per la gestione del personale

Organizzazione e gestione del personale Gli strumenti attivati delle aziende sanitarie per la gestione del personale Convegno Nazionale CERGAS «25 anni di ricerca e formazione al servizio della salute dei cittadini» Organizzazione e gestione del personale Gli strumenti attivati delle aziende sanitarie per la gestione

Dettagli

L OSSERVATORIO. 30 Dicembre 2013 CATEGORIA: SOCIETA POPOLO DI NAVAGATORI MA NON SU INTERNET

L OSSERVATORIO. 30 Dicembre 2013 CATEGORIA: SOCIETA POPOLO DI NAVAGATORI MA NON SU INTERNET L OSSERVATORIO 30 Dicembre 2013 CATEGORIA: SOCIETA POPOLO DI NAVAGATORI MA NON SU INTERNET POPOLO DI NAVIGATORI MA NON SU INTERNET 30 Dicembre 2013 Nella fascia di popolazione tra i 54 e i 59 anni, la

Dettagli

IL Sistema Qualità nei Centri Raccolta Convegno Avis Regione Lazio Roma 19 Settembre 14

IL Sistema Qualità nei Centri Raccolta Convegno Avis Regione Lazio Roma 19 Settembre 14 IL Sistema Qualità nei Centri Raccolta Convegno Avis Regione Lazio Roma 19 Settembre 14 Paolo Aresi - Exem Consulting SA - Svizzera Indice 1. Introduzione 2. Un sistema organizzato secondo i principi della

Dettagli

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone)

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) Dopo una prima descrizione dei sei stili di leadership, si espongono di seguito ulteriori evidenze emerse dalla

Dettagli

Internet of Things, Big Data e Intelligenza Artificiale.

Internet of Things, Big Data e Intelligenza Artificiale. Oracle Ticino Day Lugano 26 Marzo 2015 Internet of Things, Big Data e Intelligenza Artificiale. Prof. Luca Maria Gambardella direttore IDSIA, istituto USI-SUPSI, Manno Le nuove sfide La società globale

Dettagli

Rischi 1. Definizione di rischio nello sviluppo del software Analisi dei rischi Gestione dei rischi

Rischi 1. Definizione di rischio nello sviluppo del software Analisi dei rischi Gestione dei rischi Rischi 1 Definizione di rischio nello sviluppo del software Analisi dei rischi Gestione dei rischi Un ingegnere del software viene coinvolto direttamente nel processo di identificazione delle aree potenziali

Dettagli

32 Congresso Nazionale FNCO: l Ostetrica/o professionista nell Unione Europa: valori, innovazioni e progettualità

32 Congresso Nazionale FNCO: l Ostetrica/o professionista nell Unione Europa: valori, innovazioni e progettualità Risk Management in ambito ostetrico Manuela Ghilardi A.O. Ospedali Riuniti di Bergamo 32 Congresso Nazionale FNCO: l Ostetrica/o professionista nell Unione Europa: valori, innovazioni e progettualità Contenuti

Dettagli

La comunicazione del rischio

La comunicazione del rischio La comunicazione del rischio Di Mauro Palazzi (modificata) A cura di Luigi Triggiano Medico di medicina generale 1 OBIETTIVI DEL CORSO migliorare le conoscenze sulla comunicazione e sulle sue criticità

Dettagli

Capitolo 11 Reti professionali ed evoluzione delle forme organizzative interne alle aziende

Capitolo 11 Reti professionali ed evoluzione delle forme organizzative interne alle aziende Capitolo 11 Reti professionali ed evoluzione delle forme organizzative interne alle aziende Le comunità di pratica: definizione La ricerca accademica definisce le comunità di pratica come un insieme di

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Eccellenza in Business Process Management edizione 2010 Con il patrocinio e la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica dell Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

La decisione. Claudia Casadio Logica e Psicologia del Pensiero Laurea Triennale - Indirizzo Gruppi A.A. 2004-05. Contents First Last Prev Next

La decisione. Claudia Casadio Logica e Psicologia del Pensiero Laurea Triennale - Indirizzo Gruppi A.A. 2004-05. Contents First Last Prev Next La decisione Claudia Casadio Logica e Psicologia del Pensiero Laurea Triennale - Indirizzo Gruppi A.A. 2004-05 Contents 1 Dimensioni della decisione................................... 3 2 Modalità della

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

La sinergia con le Ostetriche: la formazione a distanza sull emorragia del post-partum

La sinergia con le Ostetriche: la formazione a distanza sull emorragia del post-partum La sorveglianza della mortalità materna in Italia: validazione del progetto pilota e prospettive future 5 Marzo 2015 Istituto Superiore di Sanità La Sorveglianza Ostetrica come occasione di integrazione

Dettagli

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori Le competenze organizzative come vantaggio distintivo di Domenico Bodega Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori rapidi nel pensiero, nel giudizio, nell azione e nella parola.

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

PRESTO E BENE. Il sostegno nelle situazioni di Pronto Intervento. Relazione di Margherita Gallina Assistente sociale

PRESTO E BENE. Il sostegno nelle situazioni di Pronto Intervento. Relazione di Margherita Gallina Assistente sociale PRESTOEBENE. IlsostegnonellesituazionidiProntoIntervento RelazionediMargheritaGallina Assistentesociale Iltemacheabbiamosceltoperquestocorsoèdinotevoleinteressepoichépresentanotevolidifficoltà perl operatoreeperiresponsabilideiservizi:siaperlagravitàdellesituazionichesipresentanosia

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Territori 100% Rinnovabili

Territori 100% Rinnovabili Territori 100% Rinnovabili Il progetto europeo Territori 100% Rinnovabili si inserisce nelle politiche ambientali della UE intraprese nella lotta ai cambiamenti climatici tramite un cambiamento nell approvvigionamento

Dettagli

COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE

COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE PROF. VALTER CANTINO 1 L AZIENDA Soggetto unitario composto di più elementi diversi

Dettagli

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE : L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE Definizioni Per lo sviluppo di un impresa sono necessarie sia le abilità dell imprenditore che quelle dei manager * Le abilità imprenditoriali sono

Dettagli

Memory Fitness TECNICHE DI MEMORIA

Memory Fitness TECNICHE DI MEMORIA Memory Fitness TECNICHE DI MEMORIA IMPARIAMO DAGLI ERRORI Impariamo dagli errori (1/5) Impariamo dagli errori (2/5) Il più delle volte siamo portati a pensare o ci hanno fatto credere di avere poca memoria,

Dettagli

Metodi e Modelli per le Decisioni

Metodi e Modelli per le Decisioni Metodi e Modelli per le Decisioni Corso di Laurea in Informatica e Corso di Laurea in Matematica Roberto Cordone DI - Università degli Studi di Milano Lezioni: Giovedì 13.30-15.30 Venerdì 15.30-17.30 Ricevimento:

Dettagli

CENTRO STUDI GILDA. DD Dossier Docenti. GILDA degli Insegnanti Tel. 068845005 - Fax 0684082071 www.gildains.it gildanaz@uni.net

CENTRO STUDI GILDA. DD Dossier Docenti. GILDA degli Insegnanti Tel. 068845005 - Fax 0684082071 www.gildains.it gildanaz@uni.net CENTRO STUDI GILDA DD Dossier Docenti Presentazione Dossier Docenti (DD) intende raccogliere e divulgare in modo sintetico e snello una serie di dati e/o informazioni relativi alla scuola ed ai docenti

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

TUTELA DEI BAMBINI PRIVI DI CURA PATERNA. ASTA DERVINYTĖ BONGARZONI MD, PhD

TUTELA DEI BAMBINI PRIVI DI CURA PATERNA. ASTA DERVINYTĖ BONGARZONI MD, PhD TUTELA DEI BAMBINI PRIVI DI CURA PATERNA ASTA DERVINYTĖ BONGARZONI MD, PhD Cariati, il 6 ottobre 2012 OSSERVAZIONI SUL PROGETTO Accoglienza temporanea nelle famiglie italiane TUTELA DEI DIRITTI DEI MINORI

Dettagli

PROCESSI DI MAPPATURA DELLE COMPETENZE FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI

PROCESSI DI MAPPATURA DELLE COMPETENZE FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI PROCESSI DI MAPPATURA DELLE COMPETENZE FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI FORMATIVI Progetto di Ricerca-intervento 1. Presentazione Della Proposta 1.1 La ricerca-intervento:

Dettagli

Analisi SWOT. L analisi SWOT è un analisi di supporto alle scelte, che risponde ad un esigenza di razionalizzazione dei processi decisionali.

Analisi SWOT. L analisi SWOT è un analisi di supporto alle scelte, che risponde ad un esigenza di razionalizzazione dei processi decisionali. Analisi SWOT L analisi SWOT è un analisi di supporto alle scelte, che risponde ad un esigenza di razionalizzazione dei processi decisionali. Analisi SWOT È stata sviluppata più di 50 anni fa come supporto

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it La scelta della strategia di marketing I Mktg-L04 Principali scenari di sviluppo

Dettagli

Modesto Di Noia e il Potere della Mente nella Formazione Aziendale

Modesto Di Noia e il Potere della Mente nella Formazione Aziendale Modesto Di Noia e il Potere della Mente nella Formazione Aziendale Modesto Di Noia. Trainer in PNL e Psicologia Analogica. Titolare di Mentaltra, giovane azienda appena insediatosi nella Zona Industriale

Dettagli

RICERCA E SVILUPPO: DALL UNIVERSITÀ ALL INDUSTRIA

RICERCA E SVILUPPO: DALL UNIVERSITÀ ALL INDUSTRIA RICERCA E SVILUPPO: DALL UNIVERSITÀ ALL INDUSTRIA Cosa vuol dire R&D? R&D significa prima di tutto innovazione, nuove tecnologie, nuove idee. Ma concretizzare le innovazioni richiede investimenti a volte

Dettagli

LA GESTIONE STRATEGICA

LA GESTIONE STRATEGICA LA GESTIONE STRATEGICA DALLA TEORIA ALLA REALTA A cura di: Massimo Giammattei ARGOMENTI Un caso specifico. HONDA L evoluzione della teoria; Alcuni diversi approcci alla gestione strategica; Le critiche

Dettagli

Quando un problema è veramente un problema? Aspetti cognitivi Aspetti relazionali Aspetti esistenziali

Quando un problema è veramente un problema? Aspetti cognitivi Aspetti relazionali Aspetti esistenziali Quando un problema è veramente un problema? Aspetti cognitivi Aspetti relazionali Aspetti esistenziali I denominatori comuni di tutti i problemi La presenza di una richiesta, o di una sfida, che crea una

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013 Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire 1 Anche nel 2013, per il quarto anno consecutivo, Amway l azienda pioniere

Dettagli

Osservatorio Solvency II Operational Transformation

Osservatorio Solvency II Operational Transformation Divisione Ricerche Claudio Dematté Osservatorio Solvency II Operational Transformation Risultati Tavolo Pianificazione Strategica e Risk Reporting Andrea Scribano 02.02.2015 Il contesto di riferimento

Dettagli

TEAM BUILDING BENESSERE ORGANIZZATIVO. Faenza, 12 dicembre 2012

TEAM BUILDING BENESSERE ORGANIZZATIVO. Faenza, 12 dicembre 2012 TEAM BUILDING e BENESSERE ORGANIZZATIVO Faenza, 12 dicembre 2012 Ravenna, 24 gennaio 2013 Lugo, 30 gennaio 2013 Bandini Barbara benessere organizzativo secondo la normativa italiana l insieme dei nuclei

Dettagli

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro 1 Laboratorio della conoscenza: scuola e lavoro due culture a confronto per la formazione 14 Novembre 2015 Alternanza scuola e lavoro

Dettagli

Alberi Decisionali di Vito Madaio

Alberi Decisionali di Vito Madaio Tecnica degli Alberi Decisionali Cosa è un albero decisionale Un albero decisionale è la dimostrazione grafica di una scelta effettuata o proposta. Non sempre ciò che istintivamente ci appare più interessante

Dettagli

vorrei anzitutto ringraziare la Camera di Commercio di Novara e l Università Amedeo Avogadro per avermi

vorrei anzitutto ringraziare la Camera di Commercio di Novara e l Università Amedeo Avogadro per avermi La responsabilità sociale delle imprese nel contesto del processo di internazionalizzazione e globalizzazione dei mercati Novara, 28 novembre 2005 Intervento Cari amici, vorrei anzitutto ringraziare la

Dettagli

IL PROGETTO «LAUREE SCIENTIFICHE»

IL PROGETTO «LAUREE SCIENTIFICHE» IL PROGETTO «LAUREE SCIENTIFICHE» XI IL PROGETTO «LAUREE SCIENTIFICHE» Il Progetto «Lauree Scientifiche» nasce inizialmente dall esigenza di contrastare il drammatico calo di immatricolazioni ai Corsi

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

Promuovere e valutare competenze nella scuola

Promuovere e valutare competenze nella scuola Promuovere e valutare competenze nella scuola Intervento di Michele Pellerey Sul concetto di competenza in un contesto scolastico Nei documenti della Commissione Europea sulla competenze chiave della cittadinanza

Dettagli

Lavorare dove inizia il futuro.

Lavorare dove inizia il futuro. Lavorare dove inizia il futuro. Volete una carriera con un futuro? Allora unitevi al team di Swiss Life. 2 Lavorare dove inizia il futuro. Swiss Life investe nel futuro dei suoi collaboratori. E voi? Chi

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

Il Cloud, l IT che libera il business. Il tuo sistema informativo a portata di mano e costi sotto controllo. Sempre.

Il Cloud, l IT che libera il business. Il tuo sistema informativo a portata di mano e costi sotto controllo. Sempre. Il Cloud, l IT che libera il business. Il tuo sistema informativo a portata di mano e costi sotto controllo. Sempre. Is this cloud? In tutti i campi, il cambiamento è un dato di fatto. Certo, nessuno è

Dettagli

Temporary Management Strumento per l impresa, nuovo percorso per il manager

Temporary Management Strumento per l impresa, nuovo percorso per il manager Temporary Management Strumento per l impresa, nuovo percorso per il manager Maurizio Quarta Managing Partner Temporary Management & Capital Advisors National Coordinator - IIM Italian Chapter Congresso

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

Hotel Federico II di Jesi,, Ancona. 06 luglio 2005

Hotel Federico II di Jesi,, Ancona. 06 luglio 2005 Hotel Federico II di Jesi,, Ancona. 06 luglio 2005 Dino Petrone Elica Group i dati del Gruppo Elica Dati Gruppo Elica > Fatturato Gruppo Elica 2004 Aggregato 413 milioni di Euro 2300 dipendenti i dati

Dettagli

Luca Milani C.Ri.d.e.e. & Unità di Ricerca in Psicologia Scolastica Università Cattolica di Milano

Luca Milani C.Ri.d.e.e. & Unità di Ricerca in Psicologia Scolastica Università Cattolica di Milano Luca Milani C.Ri.d.e.e. & Unità di Ricerca in Psicologia Scolastica Università Cattolica di Milano 1. I tempi cambiano 2. I dati del questionario 3. Bisogni e rischi 4. Istruzioni per l uso? 5. Indicazioni

Dettagli

Lo scenario economico pro attività e atteggiamento 8 Ottobre 2012

Lo scenario economico pro attività e atteggiamento 8 Ottobre 2012 Lo scenario economico pro attività e atteggiamento 8 Ottobre 2012 CORSO DATE OBIETTIVO DESCRIZIONE INTRODUZIONE Lunedì 8 Ottobre 9,30-13,30 Dare avvio al programma formativo, descrivendo il percorso e

Dettagli

La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore

La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore Vincenzo Provenzano Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali e Finanziarie Università degli Studi

Dettagli

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le seguenti undici competenze chiave del coaching sono state sviluppate per fornire una maggiore comprensione rispetto alle capacità ed agli approcci

Dettagli

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business 2 La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business (2 - migliorate la vostra credibilità: i 5 passi per dimostrare l efficacia del Marketing) Pagina 1 di 9 SOMMARIO PREMESSA...

Dettagli

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato PROGETTO CONTROLLO GESTIONE Per la P.M.I. Per l Artigianato Valutare costantemente l'andamento economico della attività dell'azienda per stabilire se la sua struttura dei costi è adeguata per confrontarsi

Dettagli

Privacy Day Forum 9 maggio 2014. Rosario Imperiali @Ros_Imperiali

Privacy Day Forum 9 maggio 2014. Rosario Imperiali @Ros_Imperiali Dal Big data al Big deal Privacy Day Forum 9 maggio 2014 Rosario Imperiali 1 «Chiacchiere» di privacy «La privacy è per ora un argomento fumoso, che si può indagare solo con un metodo prescientifico. Dobbiamo

Dettagli

Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor Unità 2.6 Come usare il mentoring per l orientamento professionale?

Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor Unità 2.6 Come usare il mentoring per l orientamento professionale? Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor Unità 2.6 Come usare il mentoring per l orientamento professionale? Tempistica 40-45 minuti Competenze Competenza 27 conoscere i percorsi professionali di un area

Dettagli

Basi del Processo Decisionale con il Consenso

Basi del Processo Decisionale con il Consenso Basi del Processo Decisionale con il Consenso Questo documento è pensato per servire come introduzione al processo decisionale basato sul consenso per le comunità che stanno provando sul campo le proposte

Dettagli

E-mail: calla2002@libero.it

E-mail: calla2002@libero.it RELATORE: FABIO FOSSATI - HEAD-COACH ADVISOR FIP FIBA EUROPE - DOCENTE BASKET FACOLTA SCIENZE - MOTORIE UNIVERSITA STATALE DI BRESCIA DIPARTIMENTO DI MEDICINA - CERTIFIED MENTAL COACH E-mail: calla2002@libero.it

Dettagli

LA SICUREZZA. in ogni ambito di vita e di lavoro. Un fatto individuale e collettivo

LA SICUREZZA. in ogni ambito di vita e di lavoro. Un fatto individuale e collettivo LA SICUREZZA in ogni ambito di vita e di lavoro Un fatto individuale e collettivo DATI SUL DISAGIO GIOVANILE Nell affrontare il tema della sicurezza, non bisogna mai dimenticare che la questione riguarda

Dettagli

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico L approccio alle tematiche dello Sviluppo Economico sviluppa la percezione e la consapevolezza di

Dettagli