Conciliazione delle controversie: il ruolo delle associazioni di consumatori 1

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Conciliazione delle controversie: il ruolo delle associazioni di consumatori 1"

Transcript

1 Argomnti Conciliazion dll controvrsi: il ruolo dll associazioni di consumatori 1 Pitro Pradri Il CNCU (Consiglio Nazional di Consumatori Utnti) ha approvato il documnto con il qual si chid al Ministro dllo Sviluppo Economico il riconoscimnto dll procdur conciliativ in attuazion dll art. 141 dl Codic dl Consumo. 2 L procdur di cui si chid il riconoscimnto fanno ricorso al modllo di conciliazion cosiddtta paritaria, ch ntra nl novro dll procdur xtra-giudiziali prvist riconosciut dalla Raccomandazion 2001/310/CE ch trovano fondamnto anch nlla Raccomandazion 1998/257/CE (ch al capovrso conclusivo sul principio di indipndnza affrma: «Quando l adozion dlla dcision è collgial, l indipndnza dll organo rsponsabil dlla dcision è garantita attravrso la rapprsntanza paritaria di consumatori di profssionisti»). In vnt anni la conciliazion paritaria ha prodotto oltr conciliazioni con un procdimnto rivlatosi rapido, fficac, gratuito o poco onroso pr il consumator l utnt, ha prodotto oltr 20 procdur ngoziat fra associazioni di consumatori grandi azind o associazioni di azind. Spiccano, in particolar, l iniziativ dlla conciliazion sui titoli Parmalat, Cirio, Giacomlli cc. ch sono dgn di mnzion anch prché, spci con Banca Intsa, hanno rapprsntato una forma di conciliazion collttiva nl mtodo vocano procdur riconducibili alla class action (vdi, pr smpio, l informazion prvntiva a tutti i possibili avnti diritto). La conciliazion paritaria è un particolar modllo di ADR (Altrnativ Disput Rsolution) ch prvd la costituzion di una commission di conciliazion formata paritticamnt da un sponnt dll associazioni di consumatori ch rapprsnta il consumator uno dll imprsa. Non è prvista la prsnza di un trzo ch svolga il ruolo di mdiator o di arbitro prché la risoluzion dlla controvrsia nasc sclusivamnt dal contraddittorio fra l parti. L altro lmnto carattrizzant la conciliazion paritaria è la prsnza di un rgolamnto, contnnt l cosiddtt rgol dl gioco ch l parti sottoscrivono ch l commissioni sono chiamat ad applicar. 1 Sullo stsso argomnto si vda l articolo Conciliazion dll controvrsi: modlli d sprinz a firma di C. Vaccà Pitro Pradri Lga Consumatori pubblicato in qusta stssa rivista a pag Vdi appndic al prsnt articolo. numro 3/2009 Argomnti Mrcato 107

2 Il documnto dl CNCU contin i risultati di un lavoro srio rsponsabil condotto dall associazioni di consumatori pr affrmar difndr l potnzialità dlla conciliazion paritaria ma, allo stsso tmpo, pr affrontar suprar gli lmnti di rischio di dbolzza di qusto modllo. Ci si è prtanto posti i sgunti obittivi: pluralità di modlli di procdur xtra-giudiziali pr rndr ffttivo l srcizio dl potr di sclta dl consumator, all intrno di qusto quadro, chidr il riconoscimnto dl modllo paritario. Sta qui la ragion dl dialogo mai intrrotto con il sistma camral la collaborazion con il suo modllo pubblico di conciliazion divrso da qullo paritario; conciliazion com strumnto di composizion dll controvrsi ch insorgono in un rapporto tra consumatori, associazioni imprs, ch consnta di affrontar anch l caus all origin dll singol controvrsi (pratich commrciali slali, aggrssiv fraudolnt) non solo com rimdio pr la minoranza di consumatori ch protstano vi ricorrono; introduzion di Comitati di Garanzia, ch rcuprino nllo stsso modllo di conciliazion paritaria il valor il ruolo dlla trzità, non nlla gstion dll controvrsi (ch rsta affidata ai du conciliatori di part), ma com strumnto di trasparnza di garanzia sull applicazion corrtta intgral dll rgol dlla procdura, da vrificarsi attravrso rport annuali monitoraggi; modlli di conciliazion divrsi complmntari. I progtti pilota sostnuti dalla Commission uropa dnominati conciliazion arbitrato prvdono una procdura composta da du fasi, la conciliazion paritaria l arbitrato, rapportati tra di loro in modo funzional: l utnt adiva il primo, non risolvndo il problma, potva rivolgrsi all arbitro pr ottnr il lodo. Nl documnto dl CNCU si prvdono procdur basat su du livlli: il primo ch fa uso dl modllo paritario ch consnt prsumibilmnt la composizion pacifica dlla maggioranza dll controvrsi il scondo ch l du parti possono adir ch prvd l intrvnto dl mdiator con il ruolo di facilitator, com prvd l art. 3 lttra a dlla Dirttiva 2008/52/CE («Pr mdiazion si intnd un procdimnto [...] dov du o più parti di una controvrsia tntano ss stss, su bas volontaria, di raggiungr un accordo sulla risoluzion dlla mdsima con l assistnza di un mdiator chiamato non a imporr la soluzion, ma a svolgr un ruolo facilitator pr raggiungrla»). 108 Vanno riconosciut alcun rsponsabilità dll associazioni dll imprs nll offrir in crti priodi vicnd un immagin dlla conciliazion non trasparnt, modrna d fficac. Di difficil comprnsion pr i soggtti strni al prcorso dlla conciliazion è stato pr smpio il moltiplicarsi dll conciliazioni sui cosiddtti srvizi a valor aggiunto. La stssa intrprtazion dl principio di indipndnza (primo fra i stt prvisti dalla Raccomandazion numro 3/2009 Argomnti Mrcato

3 98/257/CE) ha rischiato di crar dubbi nuocr all immagin dlla stssa conciliazion paritaria. Il documnto dl CNCU affronta il nodo dl finanziamnto di qust procdur. La gstion dll procdur di conciliazion ha un costo pr l imprs pr l associazioni. I costi dll associazioni di consumatori non possono ssr sostnuti dall imprs, pna il vnir mno dl principio di indipndnza. L associazioni di consumatori hanno dimostrato, al vnir mno dl sostgno di progtti pilota CE, di continuar il loro impgno nlla conciliazion, ricorrndo ampiamnt al volontariato, né si dv scludr, in mancanza di altrnativ, la chiamata a rsponsabilità dirtta dgli stssi consumatori utnti. L orintamnto proposto dalla Commission uropa, da smpr, è qullo tuttavia di assicurar ai consumatori un srvizio di conciliazion rapido, fficac, gratuito o poco onroso. Il documnto dl CNCU propon la costituzion urgnt di un «Fondo Conciliazion alimntato dall mult comminat dall autorità indipndnti». Al Fondo, sostin il documnto, possono confluir anch l risors stanziat in conformità a un protocollo di intsa associazioni consumatori-imprs-autorità-ministro. Da qui la possibilità ch l stss imprs possano contribuir ad alimntar il fondo, ma in modo trasparnt, pubblico snza ldr il principio di indipndnza. A sostnr la giustzza di tal soluzion sono intrvnut pubblicamnt anch autorità importanti, quali qulla dll nrgia. Il documnto dl CNCU vidnzia com la procdura di conciliazion ngoziata tra associazioni imprs manchi tuttora dl riconoscimnto istituzional prvisto dal Codic dl Consumo affidato al Ministro dllo Sviluppo Economico. Si tratta di un dato grav quanto incomprnsibil, spci s si confronta il comportamnto di qusto ministro con qullo dlla Giustizia, ch a partir dal 2004 ha varato du dcrti ad hoc (n dl 23/7/04), ch hanno crato l condizioni pr il dcollo dll sprinza in Italia dgli organismi xtra-giudiziali, promossi pr ora sclusivamnt dagli avvocati dai commrcialisti con l appoggio di rispttivi Ordini. Il Ministro dllo Sviluppo Economico, pr contro, non ha dato sinora sguito all art. 141 dl Codic dl Consumo, dl qual il CNCU chid l attuazion. Esso prvd procdur di composizion xtra-giudizial dll controvrsi in matria di consumo anch in via tlmatica traccia il campo natural di costruzion di un accordo quadro. 3 3 L art. 141 prvd ch «il Ministro dllo Sviluppo Economico, d intsa con il Ministro dlla Giustizia [...] dtta l disposizioni pr la formazion dll lnco dgli organi di composizion xtra-giudizial dll controvrsi in matria di consumo ch si conformano ai principi dlla Raccomandazion 98/257/CE dlla Commission, dl 30 marzo 1998, riguardant i principi applicabili agli organi rsponsabili pr la risoluzion xtra-giudizial dll controvrsi in matria di consumo, dlla Raccomandazion 2001/310/CE dlla Commission, dl 4 april 2001, concrnnt i principi applicabili agli organi xtra-giudiziali ch partcipano alla risoluzion xtra-giudizial dll controvrsi in matria di consumo. Il Ministro dllo Sviluppo Economico [...] comunica alla Commission uropa gli organismi di cui al prdtto lnco assicura, altrsì, gli ultriori admpimnti connssi [...] a una rt comunitaria di organi nazionali pr la risoluzion xtra-giudizial dll controvrsi in matria di consumo». numro 3/2009 Argomnti Mrcato 109

4 L attuazion dll articolo citato comportrà il riconoscimnto dlla pluralità dll procdur di modlli di conciliazion, qulli convnzionali ngoziati fra associazioni imprs qulli pubblici di Corcom dll Camr di Commrcio. Nll lnco (rgistro) dgli organismi rsponsabili pr la risoluzion xtragiudizial dll controvrsi in matria di consumo trovranno posto l procdur sottoscritt dall imprs dall associazioni, divrs da qull pubblich, ma non di sri B risptto a ss, con l quali anzi dovranno ssr in grado di comptr in qualità d fficacia. Il raggiungimnto dgli obittivi indicati è affidato all incontro all intsa fra associazioni, imprs, Uniocamr, autorità Ministro dllo Sviluppo Economico. È urgnt rcuprar un ritardo di cinqu anni nl rapporto tra Ministro dlla Giustizia Ministro dllo Sviluppo Economico sul tma dlla conciliazion prima ch la prannunciata lgg nazional sulla conciliazion vnga approvata rischi di chiudr i giochi. Appndic Richista al Ministro dllo Sviluppo Economico pr il riconoscimnto dll procdur conciliativ in attuazion dll articolo 141 dl Codic dl Consumo Una pluralità di modlli: diritto di sclta dl consumator Ngli ultimi vnt anni si sono moltiplicat l procdur xtra-giudiziali. La conciliazion, in particolar, ha rapprsntato un sprinza di giustizia cosistnzial ha contribuito al dcongstionamnto dlla giustizia civil. Qusto sviluppo ha portato all affrmazion di una pluralità di modlli alla cosistnza di procdur pubblich (Camr di Commrcio, Corcom, Consob, Banca d Italia) di procdur convnzionali, sviluppat tramit protocolli sottoscritti tra associazioni di consumatori azind o associazioni di imprs. Il consumator, quindi, ha una possibilità di sclta in bas all fficacia dgli stssi. 110 I risultati quantitativi dll procdur di conciliazion La procdura di conciliazion è rivolta a consntir al consumator un accsso rapido alla giustizia, allo stsso tmpo, a vitar il ricorso ai tribunali pr l problmatich di consumo. L sprinza di conciliazion compi 20 anni. Il numro dll controvrsi compost pacificamnt ha suprato l (pr smpio Tlcom , Banca Intsa ). L procdur sottoscritt ralizzat tra imprs associazioni di consumatori sono oltr 20. Ess riguardano i maggiori gstori dlla Tlfonia (Tlcom, Wind, Fastwb, H3G), Post Italian, importanti banch (Mont Paschi, Intsa San Paolo, Unicrdit, Bancoposta), grandi azind nrgtich (Enl, Eni, Aca Elctrabl, Sorgnia, Edison, 2A), Frrovi dllo Stato, Confsrvizi altri sttori azind. numro 3/2009 Argomnti Mrcato

5 Il costant rifrimnto all dirttiv, raccomandazioni risoluzioni dlla Commission uropa Il prcorso vntnnal dlla conciliazion convnzional in Italia è iniziato con la procdura di conciliazion arbitrato sottoscritta da SIP-Tlcom dall associazioni di consumatori, riconosciuta dalla Commission uropa da ssa incoraggiata con il sostgno di ritrati progtti-pilota. La costruzion dll oltr 20 procdur sopra citat è contrassgnata dal rifrimnto ai principi dlla Raccomandazion 1998/257/CE: indipndnza, trasparnza, contraddittorio, fficacia, lgalità, librtà, rapprsntanza, dlla Raccomandazion 2001/310/CE: imparzialità, trasparnza, fficacia, quità. Il valor dlla conciliazion dirtta attravrso il modllo paritario La conciliazion gstita con il modllo paritario consnt all imprs di trattar in prima prsona i rclami l controvrsi ch insorgono nl rapporto con i loro clinti all associazioni di consumatori ai loro conciliatori di avr un ruolo dirtto ch sciogli il nodo dll asimmtri, consntndo al consumator, tramit la dlga all associazion, di trattar da pari a pari con l imprs. Nlla cultura dlla conciliazion, l intrvnto dl soggtto trzo (arbitro o mdiator) è proposto pr riquilibrar la posizion dl contrant dbol, il consumator, risptto all imprsa. Nll procdur paritari il rapporto non è imprsa-consumator, bnsì imprsa-associazioni consumatori. Di consgunza non vi è più uno squilibrio di rapporti, com nl caso in cui uno di soggtti conciliatori è il consumator. Inoltr, ngli stssi accordi sono prvisti adguati programmi di formazion pr i conciliatori rigoros procdur pr l accsso la gstion dlla conciliazion. Con qusto modo di procdr è pinamnt possibil attuar il principio di indipndnza, com la stssa Raccomandazion 1998/257/CE affrma: «Quando l adozion dlla dcison è collgial, l indipndnza dll organo rsponsabil dlla dcison può ssr garantita attravrso la rapprsntanza paritaria di consumatori di profssionisti». È vidnt, quindi, ch qusta forma di conciliazion è in grado di svolgr «una funzion di grand utilità pr i consumatori» (Risoluzion 2000/155 /01 Consiglio Union uropa). La sclta dl consumator di privilgiar qust procdur risptto ad altr n è una riprova. L art. 141 dl Codic dl Consumo: una norma da attuar pr la qual smbrano matur l condizioni pr la conciliazion dirtta attravrso il modllo paritario L art. 141 (composizion xtra-giudizial dll controvrsi), al comma 1, parla di procdur di composizion xtra-giudizial dll controvrsi in matria di consumo, anch in via tlmatica. Al comma 2 dlina il campo natural di costruzion di un accordo quadro rcita: «Il Ministro dllo Sviluppo Economico, d intsa con il Ministro dlla Giustizia, con dcrto di natura non rgolamntar, dtta l disposizioni pr la formazion dll lnco dgli organi di composizion xtra-giudizial dll controvrsi in matria di consumo ch si conformano ai principi dlla Raccomandazion 98/257/CE dlla Commission, dl 30 marzo 1998, riguardant i principi applicabili agli organi rsponsabili pr la risoluzion xtra-giudizial dll controvrsi in matria di consumo, dlla Raccomandazion 2001/310/CE dlla Commission, dl 4 april 2001, concrnnt i principi applicabili agli organi xtra-giudiziali ch partcipano alla risoluzion xtra-giudizial dll controvrsi in matria di consumo. Il Ministro dllo Sviluppo Economico, d intsa con il Ministro dlla Giustizia, comunica alla Commission uropa gli organismi di cui al prdtto lnco assicura, altrsì, gli ultriori admpimnti connssi all attuazion dlla risoluzion dl Consiglio dll Union uropa dl 25 maggio 2000, 2000/C 155/01, rlativa a una rt comunitaria di organi nazionali pr la risoluzion xtra-giudizial dll controvrsi in matria di consumo». numro 3/2009 Argomnti Mrcato 111

6 L Accordo quadro da costruir Il Documnto unitario dl GDL sulla conciliazion dl 15 gnnaio 2009, portato all sam dl CNCU da qusto apprzzato, suggrisc l sgunti indicazioni pr la costruzion di un accordo quadro: sso dv avvnir fra soggtti pubblici dlla conciliazion (Unioncamr autorità) soggtti associativi imprnditoriali. L accordo quadro proposto è chiamato a: dar attuazion all art. 141, comma 2, dl Codic dl Consumo con riconoscimnto dll procdur ngoziat fra associazioni di consumatori azind o associazioni da part dll autorità italian comunitari; riconoscr la positività dll sistnt dllo sviluppo di una pluralità di modlli di sprinz di conciliazion; dfinir i principi fondamntali ch carattrizzano l procdur di conciliazion, oggtto di ncssaria condivision da part di tutti qui soggtti ch di tali procdur intndono avvalrsi, puntando a una significativa smplificazion burocratica dll procdur in atto alla valorizzazion di soggtti in campo alla loro collaborazion sinrgica; riconoscr la validità/fficacia dlla procdura di conciliazion ngoziata fra associazioni azind in ssa dl modllo paritario pr la risoluzion dll controvrsi ch insorgono tra consumatori imprs. L accordo quadro dv ssr sottoscritto dal Ministro dllo Sviluppo Economico, dall autorità indipndnti dai soggtti associativi imprnditoriali. Esso dv indicar contnuti minimi: qualità dl srvizio di conciliazion offrto al cittadino (formazion, slzion aggiornamnto di conciliatori) attravrso l attività dll associazioni; risptto di tmpi di svolgimnto dlla procdura corrtta applicazion di protocolli di intsa; dfinizioni condivis; critri chiari condivisi sul modllo dll conciliazioni onlin; monitoraggio dll conciliazioni svolt, puntual pubblicazion di rport annuali analisi di fnomni ricorrnti gstiti in conciliazion, con opportuno coinvolgimnto dll autorità di sttor, poiché proprio la gstion di rclami dll controvrsi rivla la qualità di bni di srvizi il livllo di laltà dll pratich commrciali; impgno pr l associazioni nl dfinir un proprio codic tico, individuando nlla procdura xtra-giudizial ngoziata uno di modi di intrazion trasparnt con l azind, nl risptto dl Codic dl Consumo; intrprtazion comun dll utilizzo dll clausol compromissori ni contratti, pr vitar rischi di sviluppo di conciliazioni obbligatori iniqu a danno dl consumator; impgno dll parti pr il riconoscimnto nlla normativa nazional dll immdiata scutorità dl vrbal di conciliazion dll procdur parittich. 112 Gli organismi l procdur sottoscritt dall associazioni azind o associazioni di imprs i modlli di conciliazion Nl prcorso vntnnal dlla conciliazion in Italia, i protocolli sottoscritti hanno puntato prioritariamnt sul modllo paritario, ch si è rivlato il più idono nll assicurar la composizion pacifica, rapida, gratuita d fficac dlla controvrsia. Pr qusta ragion sso mrita di ssr riconosciuto in via dfinitiva. Nlla sprinza l organismo la procdura di conciliazion possono prvdr la possibilità di ricorso al solo modllo paritario o a du modlli posti in succssion motivata nlla procdura mdsima: il modllo paritario il modllo incntrato sul trzo supr parts (arbitro o mdiator). numro 3/2009 Argomnti Mrcato

7 Ai fini dl riconoscimnto dgli organismi dll procdur ngoziat sprimntat dlla loro conformità ai contnuti dll art. 141 dl Codic dl Consumo alla luc dll innovazioni laborat, sia in rifrimnto ai principi comunitari sia alla pratica, si propon: la prvision di un Comitato di Garanzia. Esso può ssr allocato prsso il Ministro dllo Sviluppo Economico (in analogia con quanto il Dcrto n. 222 dl 23 luglio 2004 dl Ministro dlla Giustizia prvd pr la rgolamntazion dgli organismi xtra-giudiziali) o prsso l autorità di comparto o, infin, pr procdur inrnti grandi azind carich di un possibil contnzioso, insrito nll procdur stss. Il Comitato di Garanzia è costituito da tr componnti, uno in rapprsntanza dll imprs, uno in rapprsntanza di consumatori, d è prsiduto dal componnt nominato dall istituzion prsso la qual il Comitato è collocato, o comunqu da un autorità di comparto, in funzion di soggtto trzo supr parts. Il Comitato non intrfrisc nlla gstion dl procdimnto di conciliazion, vigila sulla corrttzza dll applicazion dll rgol ngoziat tra imprsa associazioni sul monitoraggio dll attività di conciliazion anch attravrso la pubblicazion di rport annuali sull conciliazioni. Ha, dunqu, un ruolo di garanzia di monitoraggio sull attuazion trasparnt pubblica dll rgol ngoziat con i protocolli di intsa. I tr componnti, quindi, misurranno valutranno solo asptti quantitativi formali di ossrvanza o mno dll procdur da part di conciliatori produrranno rlazioni priodich sul funzionamnto dll organismo di conciliazion, ma rimanndo smpr strani alla fas dlla dcision dl caso singolo; la prvision di procdur di conciliazion mdiazion con il motivato coinvolgimnto di un soggtto trzo. Si è accnnato prima alla procdura-madr, sottoscritta da SIP-Tlcom associazioni di consumatori, riconosciuta sostnuta dalla Commission uropa. Tal procdura si componva di du livlli du fasi distint: il primo livllo dlla conciliazion sprito con il modllo paritario gratuito, ch si è rivlato rapido d fficint, il scondo livllo, sprito con il ricorso all arbitro, non gratuito, ma onroso. L du fasi, con un rgolamnto intrno alla procdura stssa, sono innovat pr ssr procdura di conciliazion mdiazion sono tra loro concatnat; la prima non può mai mancar la sconda è invc vntual scatta solo in caso di insufficinza dlla prima fas a risolvr la controvrsia. La prima fas, tipicamnt parittica, in cui agiscono i du conciliatori dll parti, è gratuita, molto rapida si può concludr: a) con l accordo, oppur b) con il mancato accordo, oppur, infin, c) con la sclta unanim di conciliatori, di chidr l aiuto dl trzo mdiator/ facilitator, il qual, dunqu, ntra in gioco solo s i du lo richidono con il compito di ridurr ultriormnt l distanz tra l parti, s richisto da ss, di far una proposta final. In qusta sconda fas dlla procdura, ch divin a pino titolo collgial, opra quindi un soggtto con carattristich di indipndnza trzità. L accsso al scondo livllo, con il rgolamnto di mdiazion contnuto nlla procdura, a diffrnza dl primo, è onroso. Lo è mno dlla procdura SIP-Tlcom ricordata s, com proponiamo, si faccia rifrimnto all art. 3 Tablla A dl Dcrto n. 223 dl Ministro dlla Giustizia dl 23 luglio 2004; qual figura profssional pr ricoprir il ruolo di soggtto trzo nlla procdura di conciliazion mdiazion. Figura adatta appar qulla dl conciliator-mdiator profssionista così com mrg dagli artt dl Dcrto n. 222 dl Ministro dlla Giustizia dl 23 luglio Si tratta di una figura ch l associazioni l imprs sottoscrittrici dlla procdura di mdiazion possono collaborar a formar, concordando, s possibil, un lnco di mdiatori cui potr attingr, similmnt a com avvin pr i conciliatori unici nl sistma camral. numro 3/2009 Argomnti Mrcato 113

8 Così impostata, la procdura di conciliazion mdiazion nl suo insim unitario contin il ncssario lmnto di indipndnza trzità intrinsco alla fas dcisional. Procdr all innovazion dll procdur sistnti di intsa fra associazioni azind L innovazioni indicat dal punto 6, pr i protocolli di intsa già sottoscritti, dovrbbro ssr insrit in ssi in chiav di intgrazion sviluppo pr un obittivo di qualità più lvata dlla conciliazion prodotta dalla collaborazion tra associazioni imprs. Rgistro dgli accordi L accordo quadro, con rifrimnto all art. 141 dl Codic dl Consumo, coinvolg soggtti pubblici dlla conciliazion (Unioncamr autorità) soggtti associativi imprnditoriali. Si tratta di soggtti fra loro divrsi pr ruoli modalità di intrvnto, prtanto l accordo quadro partirà dall accttazion dlla pluralità dll procdur di modlli di conciliazion, qulli convnzionali ngoziati fra associazioni imprs qulli pubblici di Corcom dll Camr di Commrcio. L procdur i modlli di conciliazion, frutto di accordi sottoscritti dall associazioni di consumatori dall azind o associazioni di imprs, faranno part dll lnco complssivo dgli organismi dll procdur, prtanto, sarà cura dll parti comunicar al ministro l avvnuto raggiungimnto dll accordo pr la rgistrazion. Il Fondo Conciliazioni pr sostnr il costo sostnuto dall associazioni dai conciliatori in rapprsntanza di consumatori utnti dgli accordi L obittivo dll accsso alla procdura di conciliazion, proposto dalla Commission uropa, gratuito o poco onroso, rapido d fficac pr il consumator lascia snza coprtura il costo sostnuto dall associazioni dai conciliatori. Da qui la proposta contnuta nl documnto unitario dl 15 gnnaio 2009 di crar un Fondo Conciliazioni, alimntato dall mult comminat dall autorità indipndnti. Allo stsso fondo possono confluir anch l risors stanziat sulla bas di un protocollo associazioni consumatori-imprs-autorità-ministro. Il fondo dovrbb ssr gstito sulla bas di critri di bilatralità con un controllo da part dl ministro /o dll autorità di rgolazion (vdasi fondi bilatrali pr la formazion profssional). Il fondo dovrbb intrvnir con un contributo pr ogni conciliazion positiva, pr la formazion dll aggiornamnto di conciliatori, pr la promozion dlla conciliazion. Rinnovo progtto Ministro Sviluppo Economico sulla conciliazion In attsa di costruir un fondo struttural, si chid il rinnovo di un progtto dl ministro, ch rcupri l risors dlla conciliazion sul piano cultural (nl vcchio progtto rano prvisti 1,8 milioni di uro dirottati ad altr finalità) consnta una proscuzion dl contributo di 100 uro a conciliazion. Sulla bas di contnuti, dgli obittivi dgli impgni indicati nl prsnt documnto si chid l attuazion dll art. 141 dl Codic dl Consumo, la rgolamntazion dll procdur di conciliazion da part dl Ministro dllo Sviluppo Economico, d intsa con il Ministro dlla Giustizia, in ssa dll procdur di conciliazion sottoscritt dall associazioni di consumatori dall azind associazioni di imprs. 114 numro 3/2009 Argomnti Mrcato

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO INTRODUZIONE. Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida.

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO INTRODUZIONE. Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. INTRODUZIONE Pr la prdisposizion dl piano, è ncssario far rifrimnto all Lin Guida. Lo schma proposto di sguito è stato sviluppato nll ambito dl progtto Miglioramnto dll prformanc dll istituzioni scolastich

Dettagli

Procedura Operativa Standard. Internal Dealing. Rev. 0 In vigore dal 28 marzo 2012 COMITATO DI CONTROLLO INTERNO. Luogo Data Per ricevuta

Procedura Operativa Standard. Internal Dealing. Rev. 0 In vigore dal 28 marzo 2012 COMITATO DI CONTROLLO INTERNO. Luogo Data Per ricevuta REDATTO: APPROVATO: APPROVATO: INTERNAL AUDITOR COMITATO DI CONTROLLO INTERNO C.D.A. Luogo Data Pr ricvuta INDICE 1.0 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE 2.0 RIFERIMENTI NORMATIVI 3.0 DEFINIZIONI 4.0 RUOLI

Dettagli

INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE. Estensore TENNENINI MASSIMO. Responsabile del procedimento TENNENINI MASSIMO

INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE. Estensore TENNENINI MASSIMO. Responsabile del procedimento TENNENINI MASSIMO REGIONE LAZIO Dirzion Rgional: Ara: SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE N. G09834 dl 08/07/2014 Proposta n. 11437 dl 01/07/2014 Oggtto: Attuazion

Dettagli

ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Centro Regionale di Programmazione

ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Centro Regionale di Programmazione ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Cntro Rgional di Programmazion I n t r POR Sardgna FESR 2007/2013 - ASSE VI COMPETITIVITÀ Lina di attività 6.1.1.A Promozion

Dettagli

La Formazione in Bilancio delle Unità Previsionali di Base

La Formazione in Bilancio delle Unità Previsionali di Base La Formazion in Bilancio dll Unità Prvisionali di Bas Con la Lgg 3 april 1997, n. 94 sono stat introdott l Unità Prvisionali di Bas (di sguito anch solo UPB), ch rapprsntano un di aggrgazion di capitoli

Dettagli

COMUNE DI BOLOGNA Dipartimento Economia e Promozione della Città

COMUNE DI BOLOGNA Dipartimento Economia e Promozione della Città COMUNE DI BOLOGNA Dipartimnto Economia Promozion dlla Città Allgato C all Avviso pubblico pr la prsntazion di progtti di sviluppo alla Agnda Digital di Bologna Modllo di dichiarazion sul posssso di rquisiti

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Progetto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del (...)

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Progetto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del (...) COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxlls, xxx COM (2001) yyy final Progtto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE dl (...) modificando la raccomandazion 96/280/CE rlativa alla dfinizion dll piccol mdi

Dettagli

Prot. n. AOODGEFID/7724 Roma, 12/05/2016. Al Dirigente Scolastico I.C. 1^ CASSINO VIA BELLINI, 1 03043 CASSINO FROSINONE LAZIO

Prot. n. AOODGEFID/7724 Roma, 12/05/2016. Al Dirigente Scolastico I.C. 1^ CASSINO VIA BELLINI, 1 03043 CASSINO FROSINONE LAZIO Ministro dll Istruzion, dll Univrsità dlla Ricrca Dipartimnto pr la Programmazion la gstion dll risors uman, finanziari strumntali Dirzion Gnral pr intrvnti in matria di dilizia scolastica, pr la gstion

Dettagli

emercato Telefonia e controversie: regolamento Agcom Argomenti Chiara Faracchio

emercato Telefonia e controversie: regolamento Agcom Argomenti Chiara Faracchio Argomnti Tlfonia controvrsi: rgolamnto Agcom Chiara Faracchio Controvrsi in matria di comunicazioni lttronich: l Autorità pr l garanzi nll comunicazioni ha introdotto nuovi critri di calcolo pr la dtrminazion

Dettagli

Il punto sulla liberalizzazione del mercato postale

Il punto sulla liberalizzazione del mercato postale Il punto sulla libralizzazion dl mrcato postal Andra Grillo Il punto di vista di Post Italian sul procsso di libralizzazion l implicazioni concorrnziali; l carattristich dl srvizio univrsal nll ambito

Dettagli

Circolare n. 1 Prot. n. 758 Roma 29/01/2015

Circolare n. 1 Prot. n. 758 Roma 29/01/2015 Ministro dll Istruzion, dll Univrsità dlla Ricrca Dipartimnto pr il sistma ducativo di istruzion formazion Dirzion Gnral pr gli ordinamnti scolastici la valutazion dl sistma nazional di istruzion Circolar

Dettagli

TEMPI SOGGETTI AZIONI Gennaio- Docenti dei due ordini di scuola e Pianificazione del progetto ponte per gli Anno

TEMPI SOGGETTI AZIONI Gennaio- Docenti dei due ordini di scuola e Pianificazione del progetto ponte per gli Anno PROGETTO PONTE TRA ORDINI DI SCUOLA Pr favorir la continuità ducativo didattica nl momnto dl passaggio da un ordin di scuola ad un altro, si labora un pont, sul modllo di qullo sottolncato. TEMPI SOGGETTI

Dettagli

ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE

ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE a. STRATEGIE PER IL RECUPERO DESTINATARI Il Rcupro sarà rivolto agli alunni ch prsntano ancora difficoltà nll adozion di

Dettagli

Le evoluzioni del Corporate Banking interbancario in Italia e in Europa

Le evoluzioni del Corporate Banking interbancario in Italia e in Europa Convgno ABI Tavola rotonda L voluzioni dl Corporat Banking intrbancario in Italia in Europa 11 cmbr 2009 Luigi Prissich DG Confindustria Srvizi innovativi Tcnologici Il Progtto Italia Digital Costruir

Dettagli

le Segreterie degli Organi di Coordinamento delle rr.ss.aa. FABI DIRCREDITO SINFUB

le Segreterie degli Organi di Coordinamento delle rr.ss.aa. FABI DIRCREDITO SINFUB In rlazion a quanto prvisto dall art.2120 C.C., dall norm di lgg dagli accordi collttivi vignti, convngono ch, in aggiunta alla casistica sprssamnt prvista, il dipndnt possa chidr la anticipazion dl proprio

Dettagli

04/11/2014. Coordinatore per la progettazione. Coordinatore per l esecuzione

04/11/2014. Coordinatore per la progettazione. Coordinatore per l esecuzione Committnt /o Rsponsabil di lavori Imprsa affidataria, Imprs scutrici Lavoratori autonomi 1 Committnt CHI E : soggtto pr conto dl qual l intra opra vin ralizzata, indipndntmnt da vntuali frazionamnti dlla

Dettagli

AGE.AGEDREMR.REGISTRO UFFICIALE.0056784.20-12-2013-I

AGE.AGEDREMR.REGISTRO UFFICIALE.0056784.20-12-2013-I AGE.AGEDREMR.REGISTRO UFFICIALE.0056784.20-12-2013-I Comun di Forlì COMUNE DI RAVENNA Convnzion pr la promozion dlla lgalità fiscal abitativa dgli studnti dll Univrsità di Bologna Poli Romagna pr il rilascio

Dettagli

IL TESTO UNICO. Decreto Legislativo del 9 Aprile 2008 n 81. Modificato dal. Decreto Legislativo del 3 Agosto 2009 n 106. Obiettivi principali

IL TESTO UNICO. Decreto Legislativo del 9 Aprile 2008 n 81. Modificato dal. Decreto Legislativo del 3 Agosto 2009 n 106. Obiettivi principali Dcrto Lgislativo n. 81/08 Miglioramnto sut sicurzza di lavoratori Dvrto Lgislativo N 106/09 Attuazion dll articolo 1 lgg 3 agosto 2007 n 123 in matria di tutla sut sicurzzani luoghi di lavoro Dirttiva

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE

ACCORDO DI COLLABORAZIONE ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA EXPO 2015 S.p.A. Rgion Lombardia il Ministro dll Istruzion, dll Univrsità dlla Ricrca Ufficio Scolastico Rgional pr la Lombardia in accordo con ANCI Lombardia Rgion Ecclsiastica

Dettagli

Accordo quadro-operativo. tra. ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane

Accordo quadro-operativo. tra. ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Accordo quadro-oprativo ICE - Agnzia pr la promozion all stro l intrnazionalizzazion dll imprs italian RtImprsa, Agnzia Confdral pr l Rti di Imprsa L ICE - Agnzia pr la promozion all stro intrnazionalizzazion

Dettagli

Adoc Monza e Brianza, con sede in Monza, Via Ardigò n. 15, codice fiscale 94605750150 rappresentata dal Presidente Antonio Parrella

Adoc Monza e Brianza, con sede in Monza, Via Ardigò n. 15, codice fiscale 94605750150 rappresentata dal Presidente Antonio Parrella ACCORDO RELATIVO ALLE PROCEDURE CONCILIATIVE AMMINISTRATE DALLA CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI MONZA E BRIANZA tra Adiconsum Monza Brianza, con sd in Monza, Via Dant 17/A,

Dettagli

Fornitura di energia elettrica e clausole vessatorie

Fornitura di energia elettrica e clausole vessatorie Argomnti Fornitura di nrgia lttrica clausol vssatori Eliana Romano 1 La rcnt libralizzazion dl mrcato dll nrgia lttrica pr gli utnti domstici dl luglio 2007 impon all socità fornitrici dl srvizio particolar

Dettagli

MATER NITÀ. La legge recentemente approvata non si limita ad emanare. eciale. congedi parentali. Legge sui congedi parentali. Legge 8 marzo2000 n.

MATER NITÀ. La legge recentemente approvata non si limita ad emanare. eciale. congedi parentali. Legge sui congedi parentali. Legge 8 marzo2000 n. Lcco Sp ciale congdi parntali Lgg 8 marzo2000 n. 53 Lgg sui congdi parntali La lgg rcntmnt approvata non si limita ad manar disposizioni spcifich pr il sostgno dlla matrnità dlla patrnità, pr il diritto

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA LA REGIONE VENETO E L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA, L UNIVERSITA DEGLI

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA LA REGIONE VENETO E L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA, L UNIVERSITA DEGLI ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA LA REGIONE VENETO E L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA, L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA, L UNIVERSITA IUAV DI VENEZIA, L UNIVERSITA CA FOSCARI E L AZIENDA REGIONALE PER

Dettagli

Tecniche per la ricerca delle primitive delle funzioni continue

Tecniche per la ricerca delle primitive delle funzioni continue Capitolo 4 Tcnich pr la ricrca dll primitiv dll funzioni continu Nl paragrafo.7 abbiamo dato la dfinizion di primitiva di una funzion f avnt pr dominio un intrvallo I; abbiamo visto ch s F 0 è una primitiva

Dettagli

SCHEDA VALUTAZIONE ANNUALE PERSONALE SCHEDA VALUTAZIONE NEOASSUNTO

SCHEDA VALUTAZIONE ANNUALE PERSONALE SCHEDA VALUTAZIONE NEOASSUNTO Rvision n 3 25/06/2012 SCHEDA VALUTAZIONE ANNUALE SCHEDA VALUTAZIONE NEOASSUNTO Cognom Nom Unità Oprativa Valutator Data valutazion Da compilar s noassunto: Data inizio priodo di prova Data valutazion

Dettagli

Sicurezza informativa: verso l integrazione dei sistemi di gestione per la sicurezza

Sicurezza informativa: verso l integrazione dei sistemi di gestione per la sicurezza Sicurzza informativa: vrso l intgrazion di sistmi di gstion pr la sicurzza Convgno ABI Banch Sicurzza 2006 Roma, 7 Giugno 2006 Raoul Savastano, Rsponsabil Srvizi Sicurzza KPMG Irm Advisory Agnda Il problma

Dettagli

Il mercato elettrico dopo la liberalizzazione per i clienti domestici

Il mercato elettrico dopo la liberalizzazione per i clienti domestici Il mrcato lttrico dopo la libralizzazion pr i clinti domstici Paolo Cazzaniga Introduzion: struttura dl mrcato lttrico dlla tariffa Dal 1 luglio 2007 la libralizzazion dl mrcato lttrico è compltata: anch

Dettagli

EUCENTRE. European Centre for Training and Research in Earthquake Engineering

EUCENTRE. European Centre for Training and Research in Earthquake Engineering Europan Cntr for Rsarch in Earthquak Enginring Parr sulla vntual obbligatorità di un intrvnto di adguamnto sismico nll ambito dll intrvnto di ristrutturazion, adguamnto ampliamnto dlla Casa Albrgo pr Anziani

Dettagli

17 settembre 2008 Palazzo della Cultura e dei Congressi di Bologna Dott. Fabrizio Zecchin SCS Azioninnova S.p.A.

17 settembre 2008 Palazzo della Cultura e dei Congressi di Bologna Dott. Fabrizio Zecchin SCS Azioninnova S.p.A. I SGSL il Modllo Organizzativo L lin guida INAIL la OHSAS 18001: carattristich spcificità 17 sttmbr 2008 Palazzo dlla Cultura di Congrssi di Bologna Dott. Fabrizio Zcchin SCS Azioninnova S.p.A. OBIETTIVO

Dettagli

SERVIZIO LUCE 3 - Criteri di sostenibilità

SERVIZIO LUCE 3 - Criteri di sostenibilità SERVIZIO LUCE 3 - Critri sostnibilità 1. Oggtto dll iniziativa La Convnzion ha com oggtto l attività acquisto dll nrgia lttrica, srcizio manutnzion dgli impianti illuminazion pubblica, nonché gli intrvnti

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO. Provincia di Bologna REP. 16820 CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA MUSEALE DI TERRED ACQUA

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO. Provincia di Bologna REP. 16820 CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA MUSEALE DI TERRED ACQUA Esnt dall imposta di bollo ai snsi dll art. 16 dlla tablla allgato B) al D.P.R. 26/10/1972 N. 642 succ. modif. COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REP. 16820 CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA Informazioni rlativ ai piani di stock option di ITALMOBILIARE S.p.A. ITALCEMENTI S.p.A. già sottoposti alla dcision di rispttivi organi comptnti antcdntmnt

Dettagli

Matrice storica delle emissioni del documento

Matrice storica delle emissioni del documento (Rdatto dal Consiglio Dirttivo ai snsi pr gli fftti dll articolo 23. punto 6) dllo STATUTO dll Associazion ONLUS IL BRUCO, approvato dall Assmbla di Soci firmato dal Prsidnt dlla stssa. Ragion Social Sd

Dettagli

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R.

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R. Attori in rt pr la mobilità di risultati dll apprndimnto Dirtta WEB, 6 dicmbr 2011 Progtto I CARE Progtto CO.L.O.R. Elmnti distintivi complmntarità Michla Vcchia Fondazion CEFASS gli obittivi Facilitar

Dettagli

\# t.u3gra '''- PrgFf,.2il.-a.//9"-* "/4

\# t.u3gra '''- PrgFf,.2il.-a.//9-* /4 UNIONE EUROPEA lnlzìitlrva n J:ì\,)ra dr 1 ()al::tii,..ìtìrì,rf iì,{ìy,ì,r,lrì! 0rltJ(ì Sr)(jrilÌr ì)jlrír..) # A.N.AC. Autó.it! N.rrronalr tutlcorrurron. Ona-*,*,1*". **-,a; ",1,/9",*,*o-'6*,Jàr*Z w,r#h.'úr*h,*,

Dettagli

Classe di abilitazione (o classe di concorso) Reclutamento docenti e Graduatorie http://www.istruzione.it/urp/reclutamento.shtml

Classe di abilitazione (o classe di concorso) Reclutamento docenti e Graduatorie http://www.istruzione.it/urp/reclutamento.shtml Class di abilitazion (o class di concorso) La class di concorso è una sigla alfa numrica con la qual si indica l insim di matri ch possono ssr insgnat da un docnt. Indica una particolar cattdra di insgnamnto,

Dettagli

Corso di Alta Formazione/Specialist. Lead Auditor Sistemi di Gestione per la Sicurezza. (ISO 19011:2012 - OHSAS 18001:2007) (40 ore) ISTUM

Corso di Alta Formazione/Specialist. Lead Auditor Sistemi di Gestione per la Sicurezza. (ISO 19011:2012 - OHSAS 18001:2007) (40 ore) ISTUM Corso di Alta Formazion/Spcialist Lad Auditor Sistmi di Gstion pr la Sicurzza (ISO 19011:2012 - ) (40 or) ISTUM ISTITUTO DI STUDI DI MANAGEMENT Corso riconosciuto 40 or Augusto di Prima Porta (particolar

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Prefettura di Roma. Università di Roma La Sapienza. Università degli Studi di Roma Tor Vergata

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Prefettura di Roma. Università di Roma La Sapienza. Università degli Studi di Roma Tor Vergata PROTOCOLLO D INTESA tra Prfttura di Roma Univrsità di Roma La Sapinza Univrsità dgli Studi di Roma Tor Vrgata Univrsità dgli Studi Roma Tr 1 PREMESSO ch con dcrto dl Prsidnt dl Consiglio di Ministri dl

Dettagli

Il DIPARTIMENTO DI ECONOMIA SCIENZE E DIRITTO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI EMANA

Il DIPARTIMENTO DI ECONOMIA SCIENZE E DIRITTO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI EMANA Il DIPARTIMENTO DI ECONOMIA SCIENZE E DIRITTO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI EMANA il sgunt bando pr la coprtura di insgnamnti dl Dipartimnto di ECONOMIA, SCIENZE E DIRITTO mdiant contratti di diritto privato

Dettagli

Tariffe delle prestazioni sanitarie nelle diverse regioni italiane. Laura Filippucci

Tariffe delle prestazioni sanitarie nelle diverse regioni italiane. Laura Filippucci Consumatori in cifr Tariff dll prstazioni sanitari nll divrs rgioni italian Laura Filippucci La rcnt proposta dl Govrno di aggiornar il tariffario dll prstazioni sanitari di laboratorio ha sollvato un

Dettagli

XXX SPA Stabilimento di xxx (xx) REGISTRO FORMAZIONE/ADDESTRAMENTO CONTINUI LAVORATORI CAPIREPARTO PREPOSTI VICE CAPIREPARTO REPARTO.

XXX SPA Stabilimento di xxx (xx) REGISTRO FORMAZIONE/ADDESTRAMENTO CONTINUI LAVORATORI CAPIREPARTO PREPOSTI VICE CAPIREPARTO REPARTO. Pag. 1/10 REGISTRO FORMAZIONE/ADDESTRAMENTO CONTINUI LAVORATORI CAPIREPARTO PREPOSTI VICE CAPIREPARTO REPARTO. Pr form azion/ addst ram nt o cont inui si intnd la attività di addstramnto, vrbal / o pratico,

Dettagli

( iii \ IDf\4jE1 \ Patrirnont, dcii

( iii \ IDf\4jE1 \ Patrirnont, dcii SETTORE ( iii \ IDf\4jE1 \ Patrirnont, dcii I )I I \\l( rtanit (tttà d art I Affari Gnrali Finanziari DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Sttor I Affari Gnrali Finanziari Proposta di dtrminazion dl Dirignt prot.

Dettagli

Tra. di seguito le Parti

Tra. di seguito le Parti Protocollo di intsa SERVIRE CON LODE Tra il Politcnico di Torino C.F. n. 00518460019, con sd lgal in Torino, Corso Duca dgli Abruzzi, 24, rapprsntato dal Vic Rttor pr la Didattica Prof.ssa Anita Tabacco

Dettagli

VILLEVENET E AS S O C IAZ IO NE

VILLEVENET E AS S O C IAZ IO NE MINISTERO DELL'ISTRUZIONE DELL'UN IVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Rgional Vill Vnt VILLEVENET E AS S O C IAZ IO NE PROTOCOLLO D'INTESA TRA l'ufficio Scolastico Rgional pr il Vnto l' A~sociazion pr l

Dettagli

Big Switch: prospettive nel mercato elettrico italiano

Big Switch: prospettive nel mercato elettrico italiano Big Switch: prospttiv nl mrcato lttrico italiano Ottavio Slavio I mrcati lttrici libralizzati non smpr consntono ai consumatori finali di trarr vantaggio dalla concorrnza tra i produttori. Il caso ingls

Dettagli

Il Rgistro E-PRTR (Europan Pollutant Rlas and Transfr Rgistr) Attuazion dl Rgolamnto (CE) n. 166/06 LA DICHIARAZIONE PRTR Dlgs 46/2014 (rcpimnto IED), con l art. 30 introduc pr la prima volta l sanzioni

Dettagli

b) promuovere e diffondere la cultura della legalità e della cittadinanza responsabile fra i giovani;

b) promuovere e diffondere la cultura della legalità e della cittadinanza responsabile fra i giovani; CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI CASTEL MAGGIORE, L UNIONE RENO GALLIERA E I COMUNI DI ARGELATO, BENTIVOGLIO, SAN GIORGIO DI PIANO, SAN PIETRO IN CASALE, CASTELLO D ARGILE, PIEVE DI CENTO, GALLIERA, PER LA

Dettagli

Multiproprietà: recepite le nuove regole

Multiproprietà: recepite le nuove regole Argomnti Multiproprità: rcpit l nuov rgol Valntina Apruzzi L introduzion di principi comunitari nl nostro ordinamnto mdiant il D.Lgs. n. 79/2011 mira a colmar l lacun dlla prcdnt normativa in matria di

Dettagli

UFFICIO EUROPEO DI SELEZIONE DEL PERSONALE (EPSO)

UFFICIO EUROPEO DI SELEZIONE DEL PERSONALE (EPSO) 10.11.2010 IT Gazztta ufficial dll'union uropa C 304 A/1 V (Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI UFFICIO EUROPEO DI SELEZIONE DEL PERSONALE (EPSO) BANDO DI CONCORSI GENERALI EPSO/AST/109-110/10 CORRETTORI

Dettagli

Repubblica di Malta - Legge sull identità di genere Traduzione italiana di Roberto De Felice per ARTICOLO29

Repubblica di Malta - Legge sull identità di genere Traduzione italiana di Roberto De Felice per ARTICOLO29 - Rpubblica di Malta - Rpubblika ta' Malta - Rpublic of Malta - LEGGE pr il riconoscimnto la rgistrazion dl gnr di una prsona pr rgolar gli fftti di tal cambiamnto, nonché il riconoscimnto la tutla dll

Dettagli

Mediazione nel turismo: l esperienza di Lignano Sabbiadoro. Maria Rosaria Fascia

Mediazione nel turismo: l esperienza di Lignano Sabbiadoro. Maria Rosaria Fascia Argomnti Mdiazion nl turismo: l sprinza di Lignano Sabbiadoro Maria Rosaria Fascia Lignano Sabbiadoro si è distinta nl panorama italiano pr tmpismo lungimiranza, offrndo pr prima uno strumnto di risoluzion

Dettagli

La liberalizzazione del mercato postale. Andrea Grillo

La liberalizzazione del mercato postale. Andrea Grillo La libralizzazion dl mrcato postal Andra Grillo Dal 1 o gnnaio 2011 è in vigor la dirttiva uropa pr la libralizzazion di srvizi postali. Già dal 1997 il lgislator uropo ha cominciato a dlinar un gradual

Dettagli

Normative e strumenti per una Telesanità al servizio delle imprese

Normative e strumenti per una Telesanità al servizio delle imprese Normativ strumnti pr una Tlsanità al srvizio dll imprs M.Carnillo Dirzion Mrcato - PAL Cntro Nord info.lgalmail@infocamr.it lgaldoc@infocamr infocamr.it www.lgalmail lgalmail.it www.lgaldoc lgaldoc.it

Dettagli

Generali operative. Ausiliario Sui compiti Semplice Interne con pochi soggetti. Di tipo indiretto. Discreta ampiezza delle soluzioni.

Generali operative. Ausiliario Sui compiti Semplice Interne con pochi soggetti. Di tipo indiretto. Discreta ampiezza delle soluzioni. ,352),/,352)(66,21$/,1(*/,(17,/2&$/,813266,%,/(02'(//2', '(6&5,=,21('(//$9252 GL5LFFDUGR*LRYDQQHWWL&H3$±/,8& A distanza di circa quattro anni dalla introduzion dl nuovo sistma di inquadramnto dl prsonal

Dettagli

Le Reti di Impresa: aspetti operativi e commerciali

Le Reti di Impresa: aspetti operativi e commerciali L Rti Imprsa: asptti oprativi commrciali Stfano COCCHIERI Had of Soft Loans Contributions & Subsis Prugia, 21 Novmbr 2012 IL CONTRATTO DI RETE ll Contratto rapprsnta una forma aggrgativa ibrida aggiuntiva

Dettagli

COMUNE DI PALERMO. c.a.p. 90133 c.f. 80016350821. la quale - seppure la scrivente continui a ritenere strategico il potenziamento

COMUNE DI PALERMO. c.a.p. 90133 c.f. 80016350821. la quale - seppure la scrivente continui a ritenere strategico il potenziamento COMUNE DI PALERMO Ara dll Politich di Sviluppo Fondi Strutturali Palazzo Calltti - Piazza Marìna, n.46-90133 PALERMO Tl.0917406363 Sito inlrnt h h h.comun.!alrmo it c.a.p. 90133 c.f. 80016350821 Al Sig.

Dettagli

dossier a cura di Alessandro Massari

dossier a cura di Alessandro Massari I REFERENDUM REGIONALI ABROGATIVI, CONSULTIVI, PROPOSITIVI dossir a cura di Alssandro Massari PREMESSA... 2 1. RIMBORSI SPESE... 2 2. REFERENDUM PREVISTI NELLE DISPOSIZIONI STATUTARIE DELLE REGIONI A STATUTO

Dettagli

Ulteriori esercizi svolti

Ulteriori esercizi svolti Ultriori srcizi svolti Effttuar uno studio qualitativo dll sgunti funzioni ) 4 f ( ) ) ( + ) f ( ) + 3) f ( ) con particolar rifrimnto ai sgunti asptti: a) trova il dominio di f b) indica quali sono gli

Dettagli

Teoria dell integrazione secondo Riemann per funzioni. reali di una variabile reale.

Teoria dell integrazione secondo Riemann per funzioni. reali di una variabile reale. Capitolo 2 Toria dll intgrazion scondo Rimann pr funzioni rali di una variabil ral Esistono vari tori dll intgrazion; tutt hanno com comun antnato il mtodo di saustion utilizzato dai Grci pr calcolar l

Dettagli

POR Calabria 2014-2020

POR Calabria 2014-2020 POR Calabria 20142020 Obittivo Tmatico 9 PROMUOVERE L INCLUSIONE SOCIALE, COMBATTERE LA POVERTÀ E OGNI FORMA DI DISCRIMINAZIONE Priorità 9 PROMUOVERE L INCLUSIONE SOCIALE, COMBATTERE LA POVERTÀ E OGNI

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vita Europass Informazioni prsonali Cognom(i/)/No m(i) Indirizzo(i) Tlfono(i) Fax E-mail Cittadinanza Data di nascita Ssso Vcchi Cinzia PEC: Italiana Fmmina Mobil Esprinza profssional Avvocato

Dettagli

qualifica cognome e nome presenze Rettore Presidente Luigi Lacchè P Componenti interni Laura Marchegiani P Roberto Perna

qualifica cognome e nome presenze Rettore Presidente Luigi Lacchè P Componenti interni Laura Marchegiani P Roberto Perna Oggtto: Convnzion intratno pr la ralizzazion dl mastr di I livllo in Global managmnt for China (GMC) dizion anno accadmico 2015/2016 N. o.d.g.: 05.1 C.d.A. 30.10.2015 Vrbal n. 9/2015 UOR: Ara affari gnrali

Dettagli

SIMT-POS 042 GESTIONE INDICATORI E MIGLIORAMENTO CONTINUO SIMT

SIMT-POS 042 GESTIONE INDICATORI E MIGLIORAMENTO CONTINUO SIMT 1 Prima Stsura Data: 14-08-2014 Rdattori: Gasbarri, Rizzo SIMT-POS 042 GESTIONE INDICATORI E MIGLIORAMENTO CONTINUO SIMT Indic 1 SCOPO... 2 2 CAMPO D APPLICAZIONE... 2 3 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 4

Dettagli

DOMANDA DI MEDIAZIONE CONGIUNTA DOMANDA DI MEDIAZIONE CONGIUNTA

DOMANDA DI MEDIAZIONE CONGIUNTA DOMANDA DI MEDIAZIONE CONGIUNTA DOMANDA DI MEDIAZIONE CONGIUNTA PALAZZO DI GIUSTIZIA 21100 VARESE Piazza Cacciatori dll Alpi 4 Tl. Fax 0332.285219 Iscritto nl rgistro dgli organismi di mdiazion prsso il Ministro dlla Giustizia di cui

Dettagli

2.2 L analisi dei dati: valutazioni generali

2.2 L analisi dei dati: valutazioni generali 2.2 L analisi di dati: valutazioni gnrali Di sguito (figur 7-) vngono riportat l informazioni più intrssanti rilvat analizzando globalmnt la banca dati dll tichtt raccolt. Considrando ch l tichtta nutrizional

Dettagli

Social Accountability SA 8000

Social Accountability SA 8000 Social Accountability SA 8000 1 SA 8000 La Rsponsabilità Social dll Imprs PRESENTAZIONE DELLA NORMA Modulo di formazion 1 2 di Srvizi alla Prsona Rv. 0 dl 05.08.2003 - Pagina 1/107 E vitata la riproduzion

Dettagli

Integrazione e Integratori delle Informazioni

Integrazione e Integratori delle Informazioni SC.S.I. A.S.O. Ordin Mauriziano Workshop intrrgional sui sistmi informativi pr la gstion la valutazion dll rti oncologich Torino 24-25 maggio 2007 Intgratori dll Andra Bo - A.S.O. Ordin Mauriziano - S.C.

Dettagli

Casi clinici Una Esperienza di Trattamento ACUDETOX Antifumo in Fabbrica

Casi clinici Una Esperienza di Trattamento ACUDETOX Antifumo in Fabbrica Una Esprinza di Trattamnto ACUDETOX Antifumo in Fabbrica Rmo ANGELINO Dirttor SC Dipndnz Patologich - ASL 10 Pinrolo TO, Antonio POTOSNJAK I.P. SC Dipndnz Patologich - ASL 10 Pinrolo TO Prmssa La rlazion

Dettagli

Scopi e principali caratteristiche del mercato Valutazione delle azioni Regolamentazione

Scopi e principali caratteristiche del mercato Valutazione delle azioni Regolamentazione MERCATO AZIONARIO A.A. 2015/2016 Prof. Albrto Drassi adrassi@units.it DEAMS Univrsità di Trist ARGOMENTI Scopi principali carattristich dl mrcato Valutazion dll azioni Rgolamntazion 2 1 Rapprsntano l intrss

Dettagli

Prot. 16996 Vigonza, lì 26.06.2014. Risposte ai quesiti in merito alla gara d appalto per l asilo nido comunale 2014-2017.

Prot. 16996 Vigonza, lì 26.06.2014. Risposte ai quesiti in merito alla gara d appalto per l asilo nido comunale 2014-2017. COMUNE DI VIGONZA PROVINCIA DI PADOVA Via Cavour n. 16 - C.F. 800100280 Tl. 0498090211 - Fax 0498090200 www.comun.vigonza.pd.it I AREA AMMINISTRATIVA SETTORE SOCIALE Prot. 16996 Vigonza, lì 26.06.2014

Dettagli

Marketing e Finanza. Strategie, marketing e innovazione finanziaria

Marketing e Finanza. Strategie, marketing e innovazione finanziaria Markting Multicanalità Stratgi, markting innovazion finanziaria Innovar attravrso la multicanalità: una sfida pr comptr nl mondo dl Privat Banking 4 Andra Ragaini, Banca Csar Ponti Giancarlo Cairoli, Banca

Dettagli

CONTRATTO DI FORNITURA DI SERVIZIO. tra

CONTRATTO DI FORNITURA DI SERVIZIO. tra CONTRATTO DI FORNITURA DI SERVIZIO tra L Ent Circolo Didattico Statal con sd in Campi Bisnzio, Cod. Fisc. n. 80045390483, nlla prsona dl suo lgal rapprsntant pro-tmpor dott.ssa Ornlla Mrcuri l A.S.D. Polisportiva

Dettagli

Impresa sociale vs altre forme non profit: costi gestionali e amministrativi a confronto

Impresa sociale vs altre forme non profit: costi gestionali e amministrativi a confronto Gstion Imprsa social vs altr form non profit: costi gstionali amministrativi a confronto di Maurizio Stti Lo studio di un caso Tra imprsa social form giuridich concorrnti (ONLUS, associazioni di promozion

Dettagli

COMUNE DI CASLANO MESSAGGIO MUNICIPALE N. 1116

COMUNE DI CASLANO MESSAGGIO MUNICIPALE N. 1116 CANTON z j J COMUNE DI CASLANO CONFEDERAZIONE SVIZZERA - TICINO MESSAGGIO MUNICIPALE N. 1116 Modifica parzial dii art. 56 di Rgolamnto organico i dipndnti comunali (ROD) con l insrimnto di nuov funzioni

Dettagli

Banche e responsabilità sociale. Angela Tanno

Banche e responsabilità sociale. Angela Tanno Banch rsponsabilità social Angla Tanno Da tmpo l ABI sta promuovndo prsso i suoi mmbri progtti ch mirano a sollcitar una maggior attnzion trasparnza vrso i loro clinti, al fin di accrscr la crdibilità

Dettagli

CONVENZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO PRESTITO DELLA SPERANZA PROMOSSO DALLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA

CONVENZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO PRESTITO DELLA SPERANZA PROMOSSO DALLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA CONVENZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO PRESTITO DELLA SPERANZA PROMOSSO DALLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA Confrnza Episcopal Italiana (di sguito anch CEI ) con sd in Roma, Circonvallazion Aurlia

Dettagli

Marketing e Finanza. Strategie, marketing e innovazione finanziaria

Marketing e Finanza. Strategie, marketing e innovazione finanziaria Markting Finanza Stratgi, markting innovazion finanziaria Innovazion finanziaria La social businss transformation nl sttor bancario, assicurativo finanziario. L innovazion nll ra social. 6 Srgio Spaccavnto,

Dettagli

Concorrenza e scelte informate nel settore Rc auto 1. Paolo Martinello

Concorrenza e scelte informate nel settore Rc auto 1. Paolo Martinello Concorrnza sclt informat nl sttor Rc auto 1 Paolo Martinllo I canali distributivi vincolati hanno limitato la concorrnza l informazioni a disposizion di consumatori nl mrcato dll polizz Rc auto. L rcnti

Dettagli

Mercato globale delle materie prime: il caso Ferrero

Mercato globale delle materie prime: il caso Ferrero Mrcato global dll matri prim: il caso Frrro Mauro Fontana In un priodo di fort crisi, com qullo ch attualmnt stiamo vivndo, il vincolo dl potr di acquisto di consumatori assum un importanza fondamntal

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE

CRITERI DI VALUTAZIONE CRITERI DI VALUTAZIONE Poiché nl nostro prcorso si darà ampio spazio all mtodologi finalizzat a sviluppar l comptnz dgli allivi ( attravrso la dattica laboratorio, l sprinz in contsti applicativi, l analisi

Dettagli

Pubblicità ingannevole: Autorità Antitrust vs Giurì di Autodisciplina

Pubblicità ingannevole: Autorità Antitrust vs Giurì di Autodisciplina Pubblicità ingannvol: Autorità Antitrust vs Giurì di Autodisciplina Marco Di Toro Individuati tr sttori, la biglittria ara low cost, i viaggi il turismo, infin, il crdito al consumo, si è procduto alla

Dettagli

Deliberazione n. 246 del 10 aprile 2014

Deliberazione n. 246 del 10 aprile 2014 Dlibrazion n. 246 dl 10 april Dirttor Gnral Dr. Robrto Bollina Coadiuvato da: Giancarlo Bortolotti Dirttor Amministrativo Carlo Albrto Trsalvi Dirttor Sanitario Giuspp Giorgio Inì Dirttor Social Il prsnt

Dettagli

Un esperienza pluriennale di screening della dislessia nella classe prima scuola primaria

Un esperienza pluriennale di screening della dislessia nella classe prima scuola primaria s p r i n z Un sprinza plurinnal di scrning dlla dislssia nlla class prima scuola primaria Progtto A.I.D. di rt «Tutti i bambini vanno bn a scuola» Mario Marchiori, Maria Angla Brton, Maria Rita Corts,

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO Rprtorio n. 712/2014 Prot. n. 39292/X/4 dl 19.12.2014 Oggtto: dtrminazioni in ordin al subntro dll Univrsità di Brgamo, mdiant la cssion dl contratto disciplinata dal cod.civ. artt. 1406 sgg., ni contratti

Dettagli

L evoluzione dei Servizi IT vista dalle due discipline di Project e Service Management

L evoluzione dei Servizi IT vista dalle due discipline di Project e Service Management Con il patrocinio di: Sponsorizzato da: Il Framwork ITIL gli Standard di PMI : possibili sinrgi Milano, Vnrdì, 11 Luglio 2008 L voluzion di Srvizi IT vista dall du disciplin di Projct Srvic Managmnt Christian

Dettagli

1 Derivate parziali 1. 2 Regole di derivazione 5. 3 Derivabilità e continuità 7. 4 Differenziabilità 7. 5 Derivate seconde e teorema di Schwarz 8

1 Derivate parziali 1. 2 Regole di derivazione 5. 3 Derivabilità e continuità 7. 4 Differenziabilità 7. 5 Derivate seconde e teorema di Schwarz 8 UNIVR Facoltà di Economia Sd di Vicnza Corso di Matmatica Drivat dll funzioni di più variabili Indic Drivat parziali Rgol di drivazion 5 3 Drivabilità continuità 7 4 Diffrnziabilità 7 5 Drivat scond torma

Dettagli

La Borsa Merci Telematica Italiana Un nuovo strumento?

La Borsa Merci Telematica Italiana Un nuovo strumento? Argomnti La Borsa Mrci Tlmatica Italiana Un nuovo strumnto? Annibal Froldi Riccardo Cuomo In qusti ultimi anni è divnuta smpr più prssant l signza di ammodrnar i srvizi a supporto dlla commrcializzazion

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l'integrità 2015-2017

Programma triennale per la trasparenza e l'integrità 2015-2017 Programma trinnal pr la trasparnza l'intgrità 2015-2017 Sommario Art. 1 - Introduzion...pag. 2 Art. 2 - Accsso Civico..pag. 4 Art. 3 - Garanzia di pubblicazion..pag. 4 Art. 4 - Organizzazion dll Ent.pag.

Dettagli

Agcm: autorità garante dei consumatori e del mercato?

Agcm: autorità garante dei consumatori e del mercato? Agcm: autorità garant di consumatori dl mrcato? Francsco Silva Srgio Di Nola La lina d intrvnto dll Autorità Garant dlla Concorrnza dl è mutata ngli ultimi cinqu anni. L sanzioni pr abusi cartlli hanno

Dettagli

MAGAZZINO EX GUALA VIA S. GIOVANNI BOSCO, - ALESSANDRIA PROCEDURA DI CONTROLLO DEGLI ACCESSI ALL INTERNO DELL AREA

MAGAZZINO EX GUALA VIA S. GIOVANNI BOSCO, - ALESSANDRIA PROCEDURA DI CONTROLLO DEGLI ACCESSI ALL INTERNO DELL AREA CITTÀ DI ALESSANDRIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PIAZZA DELLA LIBERTÀ n. 1 MAGAZZINO EX VIA S. GIOVANNI BOSCO, - ALESSANDRIA PROCEDURA DI CONTROLLO DEGLI ACCESSI ALL INTERNO DELL AREA FILE: procdura

Dettagli

Semplificazione ed efficienza della Pubblica Amministrazione

Semplificazione ed efficienza della Pubblica Amministrazione Argomnti Smplificazion d fficinza dlla Pubblica Amministrazion Giovanni Urbani In un priodo di fort riduzion dll risors conomich com qullo ch stiamo vivndo, la smplificazion l fficinza dlla Pubblica Amministrazion,

Dettagli

Responsabilità medica e mediazione delle controversie. Viviana Trombini

Responsabilità medica e mediazione delle controversie. Viviana Trombini Rsponsabilità mdica mdiazion dll controvrsi Viviana Trombini La conflittualità nl rapporto tra mdico pazint ha psanti riflssi ngativi: pr i malati, rabbia, angoscia, associazionismo difnsivo;, pr i mdici,

Dettagli

APPROFONDIMENTO MANAGEMENT

APPROFONDIMENTO MANAGEMENT APPROFONDIMENTO MANAGEMENT Iniziativa Comunitaria Equal II Fas IT G2 CAM - 017 Futuro Rmoto Approfondimnto LIQUIDAZIONI E VERSAMENTI IVA ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA LIQUIDAZIONE

Dettagli

Regolamento per la certificazione dei Sistemi di Gestione e/o Prodotto Integrati secondo lo schema Food Expo Excellence

Regolamento per la certificazione dei Sistemi di Gestione e/o Prodotto Integrati secondo lo schema Food Expo Excellence Rgolamnto pr la crtificazion di Sistmi di Gstion /o Prodotto Intgrati scondo lo schma Food Expo Excllnc In vigor dal 04/03/2014 Agroqualità S.p.A. Vial Csar Pavs, 305-00144 Roma - Italia Tl. +39 06 54228675

Dettagli

visto il Protocollo d Intesa tra Regione Campania e Università degli Studi di Napoli

visto il Protocollo d Intesa tra Regione Campania e Università degli Studi di Napoli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SCUOLA DI MEDICINA E CHIRURGIA BANDO DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO DI INRICHI DIDATTICI NEI CORSI DI LAUREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE PER L ANNO ACDEMICO

Dettagli

PIANO GESTIONE EMERGENZE INTERNE

PIANO GESTIONE EMERGENZE INTERNE CADUTA NEVE-FORMAZIONE DI GHIACCIO E ONDATE DI GRANDE FREDDO Roma, 02/2015 Rv.06/annual Pagina 1 di 6 Sd lgal Circonvallazion Gianicolns 87-00152 Roma A.Orlli. Tl. 3387 PIANO GESTIONE EMERGENZE INTERNE

Dettagli

Il Codice di deontologia in tema di crediti al consumo

Il Codice di deontologia in tema di crediti al consumo Il Codic di dontologia in tma di crditi al consumo Fabio Picciolini La rfrnza crditizia riguarda tutti i cittadini l imprs poiché, a front di ogni richista di aprtura di un rapporto crditizio, gli opratori

Dettagli

Comune di Ferrara OPEN GROUP TANDEM. *** X Assemblea Nazionale Coordinamento. Agende21 Locali. 19 Settembre 2009.

Comune di Ferrara OPEN GROUP TANDEM. *** X Assemblea Nazionale Coordinamento. Agende21 Locali. 19 Settembre 2009. Comun di Frrara OPEN GROUP TANDEM *** X Assmbla Nazional Coordinamnto Agnd21 Locali 18-19 19 Sttmbr 2009 Arnzano (Gnova) addbitano all Amministrazion Comunal il sovrapprzzo introdotto dalla normativa RAEE

Dettagli

Pratiche commerciali scorrette: dagli utonti ai consumatori 1. Marco Pierani

Pratiche commerciali scorrette: dagli utonti ai consumatori 1. Marco Pierani Argomnti Pratich commrciali scorrtt: dagli utonti ai consumatori 1 Marco Pirani L analisi dll dcisioni in matria di pratich commrciali scorrtt dimostra com qusto strumnto di drivazion comunitaria abbia

Dettagli