Forma farmaceutica: 1 flaconcino da 50 ml, soluzione per infusione 2 mg/ml - Prezzo: euro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Forma farmaceutica: 1 flaconcino da 50 ml, soluzione per infusione 2 mg/ml - Prezzo: euro 312.01"

Transcript

1 CETUXIMAB per l'indicazione: trattamento di pazienti affetti da carcinoma metastatico del colon-retto con espressione del recettore per EGF e con gene KRAS non mutato ( ) Specialità: ERBITUX (Merck KGaA) Forma farmaceutica: 1 flaconcino da 50 ml, soluzione per infusione 2 mg/ml - Prezzo: euro ATC: L01XC06 Categoria terapeutica: ANTINEOPLASTICI, ANTICORPI MONOCLONALI Fascia di rimborsabilità: H OSP-1 Indicazioni ministeriali: Erbitux è indicato per il trattamento di pazienti affetti da carcinoma metastatico del colon-retto con espressione del recettore per il fattore di crescita epidermico (EGFR) e con gene KRAS non mutato (wildtype) in combinazione con chemioterapia; in monoterapia nei pazienti nei quali sia fallita la terapia a base di oxaliplatino e irinotecan e che siano intolleranti a irinotecan. Decisioni PTORV Data riunione: Decisione: Inserito con Nota Nota Ufficiale: INSERITO con NOTA LIMITATIVA: In associazione a chemioterapici con nota limitativa: limitatamente alla prima linea di trattamento in pazienti con: tumore primario del colon-retto che sia stato già resecato o potenzialmente resecabile, metastasi confinate a livello del fegato e non resecabili, stato di salute sufficientemente buono da consentire l intervento chirurgico di resezione del tumore colonrettale primario e di resezione epatica se le metastasi divengono resecabili dopo trattamento con cetuximab. Indicazione in monoterapia con nota limitativa: limitatamente alla III linea di trattamento dopo fallimento di chemioterapie contenenti oxaliplatino e irinotecan e che siano intolleranti ad irinotecan. Commenti: La Commissione sottolinea che nell utilizzo in II linea non è dimostrato un aumento della sopravvivenza e quindi conferma il parere negativo precedentemente espresso. Ritiene, invece interessanti i dati relativi alla prima linea in associazione a chemioterapia, in particolare quei pazienti con metastasi epatiche (singole metastasi o poche metastasi) che a seguito del trattamento divengono resecabili. In questa tipologia di pazienti, infatti, si osserva una sopravvivenza del 30% a 10 anni e quindi l associazione di cetuximab permette di aumentare complessivamente la sopravvivenza in questo sottogruppo di pazienti perché permette di ridurre le metastasi in modo da renderle operabili. Anche la III linea nei pazienti K-ras non mutati il farmaco ha dimostrato un aumento della sopravvivenza. Caratteristiche del prodotto Cetuximab è un anticorpo monoclonale chimerico IgG1 specificamente diretto contro il recettore per il fattore di crescita epidermico (EGFR). Le vie di trasduzione del segnale dipendenti dall EGFR sono coinvolte nel controllo della sopravvivenza cellulare, della progressione del ciclo cellulare, dell angiogenesi, della migrazione cellulare e dell invasione/metastasi cellulare. Cetuximab si lega all EGFR con un affinità che è circa 5-10 volte più alta di quella dei ligandi endogeni. Cetuximab blocca il legame con i ligandi endogeni dell EGFR, inibendo così la funzione del recettore. Esso inoltre induce l internalizzazione dell EGFR, il che può provocare la down-regulation dell EGFR stesso. Cetuximab inoltre indirizza le cellule immunitarie effettrici citotossiche verso le cellule tumorali che esprimono l EGFR (citotossicità cellulo-mediata anticorpo-dipendente, ADCC). Il prodotto proteico del proto-oncogene KRAS è un trasduttore centrale del segnale a valle per l EGFR.

2 Nei tumori, l attivazione del gene KRAS da parte dell EGFR contribuisce ad un aumento della proliferazione, della sopravvivenza e della produzione di fattori pro-angiogenici. La mutazione del gene K- RAS in determinati 'punti caldi' (principalmente i codoni 12 e 13) comportano l attivazione costitutiva della proteina KRAS indipendentemente dai segnali dell EGFR. [1] Inquadramento della patologia Il carcinoma del colon retto rappresenta uno dei tumori solidi più frequenti nel mondo, l' intervento chirurgico rappresenta la prima linea di trattamento nel 75% dei casi ed offre le maggiori possibilità di cura. Tuttavia, anche quando la resezione chirurgica viene considerata curativa, il tasso di sopravvivenza a 5 anni è solo del 50%. Purtroppo, circa il 30% dei pazienti si presenta, alla prima diagnosi, già con malattia in fase metastatica. La prognosi è limitata: il tasso di sopravvivenza a 5 anni, per i pazienti con malattia in stadio avanzato, è del 5% circa (78 % nei pazienti allo stadio II e 54% nei pazienti alla stadio III) [2]. In Italia secondo il registro AIRT(associazione italiana registro tumori), nel periodo è risultato al 5 posto in termini di frequenza tra le neoplasie diagnosticate negli uomini, e al 3 fra le donne [3]. Le stime per la regione Veneto indicano un totale di 3787 casi/anno con una maggiore incidenza nella popolazione maschile, mentre per quanto riguarda la mortalità nel 2006 si sono verificati 821 decessi fra gli uomini e 684 fra le donne [4]. Non è possibile stabilire la percentuale di pazienti con malattia metastatica. Linee guida di trattamento esistenti Le linee guida del National Comprehensive Cancer Network (v3.2009) per il trattamento del carcinoma al colon metastatico e per il trattamento del carcinoma al retto metastatico raccomandano come trattamento di prima linea bevacizumab o cetuximab in associazione a diversi regimi chemioterapici [5]. In particolare, per i pazienti in grado di tollerare una terapia chemioterapica intensiva i trattamenti raccomandati come prima linea sono rappresentati da: capecitabina-oxaliplatino ± bevacizumab/cetuximab oppure FOLFOX ± bevacizumab/cetuximab (entrambi grado di raccomandazione 2A). I pazienti che vanno incontro a progressione dopo questa terapia possono passare al trattamento con irinotecan oppure con un regime a base di FOLFIRI (entrambi grado di raccomandazione 2A), con cetuximab + FOLFIRI o cetuximab + irinotecan (entrambi grado di raccomandazione 2B). I pazienti che vanno incontro ad una seconda progressione dopo trattamento in seconda linea con irinotecan o FOLFIRI possono passare al trattamento con cetuximab + irinotecan, quando questo regime non è tollerato è raccomandato l' utilizzo del panitumumab o del cetuximab in monoterapia. Per i pazienti già trattati in seconda linea con cetuximab, l'utilizzo in terza linea con cetuximab o panitumumab non è raccomandato. FOLFIRI + bevacizumab oppure FOLFIRI ± cetuximab (grado di raccomandazione 2A). I pazienti che vanno incontro a progressione dopo questa terapia possono passare al trattamento con capecitabinaoxaliplatino oppure con FOLFOX o con cetuximab + irinotecan (grado di raccomandazione 2A) o con panitumumab monoterapia (indicazione non registrata). I pazienti che vanno incontro ad una seconda progressione dopo trattamento con capecitabina-oxaliplatino o FOLFOX possono passare al trattamento con cetuximab + irinotecan; quando questo regime non è tollerato è raccomandato l' utilizzo del panitumumab o del cetuximab in monoterapia. Per i pazienti già trattati in seconda linea con cetuximab, l'utilizzo in terza linea con cetuximab o panitumumab non è raccomandato. I pazienti trattati con cetuximab + irinotecan possono essere trattati con FOLFOX o CapeOX (grado di raccomandazione 2A). bevacizumab + 5 FU/leucovorin (grado di raccomandazione 2A). I pazienti che vanno incontro a progressione dopo questa terapia possono passare al trattamento con irinotecan oppure FOLFIRI oppure capecitabina-oxaliplatino oppure FOLFOX (grado di raccomandazione 2A). I pazienti che vanno incontro ad una seconda progressione dopo trattamento con irinotecan o FOLFIRI possono passare al trattamento con cetuximab + irinotecan, quando questo regime non è tollerato è raccomandato l' utilizzo del panitumumab o del cetuximab in monoterapia; i pazienti che vanno incontro ad una seconda progressione dopo trattamento con capecitabina-oxaliplatino o FOLFOX possono passare al trattamento con irinotecan e quindi all associazione cetuximab + irinotecan. Anche in questo caso, l' utilizzo del panitumumab o del cetuximab in monoterapia è consentito solo nei pazienti che non tollerano l associazione cetuximab + irinotecan. FOLFOXIRI (grado di raccomandazione 2B). I pazienti che vanno incontro a progressione dopo questa terapia devono essere trattati con cetuximab + irinotecan, quando questo regime non è tollerato è raccomandato l' utilizzo del panitumumab o del cetuximab in monoterapia. Le linee guida raccomandano l'utilizzo del cetuximab o panitumumab nei pazienti con gene k-ras non mutato e di non includere od escludere pazienti al trattamento sulla base dei livelli di espressione dell'egfr, in quanto questo parametro risulta essere poco predittivo. Qualora il cetuximab sia stato

3 utilizzato in prima linea, l' utilizzo del panitumumab o del cetuximab in seconda o terza linea non è raccomandato. Non ci sono dati che supportano l' utilizzo del panitumumab dopo fallimento con cetuximab e viceversa. Le linee guida AIOM 2009 raccomandano l'utilizzo del cetuximab in pazienti EGFR+ con k-ras non mutato indipendentemente dalla linea di trattamento, sia in associazione a regimi con irinotecan e/o fluoro pirimidine e/o Oxaliplatino, sia in monoterapia nei pazienti pretrattati con intolleranza ad irinotecan (grado di raccomandazione B) [6]. Trattamenti alternativi Gli schemi chemioterapici per il trattamento del carcinoma colonretto metastatico sono numerosi. Tra le alternative disponibili troviamo ad esempio gli schemi: FOLFOX, FOLFIRI, XELOX o altri schemi con oxaliplatino, capecitabina, irinotecan. Bevacizumab, un anticorpo monoclonale anti-vegfr, è utilizzabile in combinazione con chemioterapia a base di fluoropirimidine. Recentemente è stato approvato l'utilizzo del panitumumab, altro anticorpo monoclonale anti-egfr, per il trattamento del carcinoma colorettale metastatico dopo fallimento di regimi chemioterapici contenenti fluoropirimidine, oxaliplatino e irinotecan, nel caso in cui i tumori presentino il gene KRAS non mutato. Altri anticorpi monoclonali approvati in Italia per il trattamento del carcinoma colonrettale: Farmaco Indicazione Decisione PTORV Bevacizumab Panitumumab In combinazione con chemioterapia a base di fluoropirimidine Come monoterapia per il trattamento di pazienti con carcinoma colorettale metastatico esprimenti il recettore per il fattore di crescita epidermico (EGFR) dopo fallimento di regimi chemioterapici contenenti fluoropirimidine, oxaliplatino e irinotecan, nel caso in cui i tumori presentino il gene KRAS non mutato (wildtype). Bevacizumab/5 FU/Acido Folinico ± Irinotecan: richiesta motivata per il trattamento di prima linea. Bevacizumab + fluoropirimidine: da utilizzarsi nel trattamento in seconda linea. SOSPESO (DATA 07/04/09) Dati di efficacia Cetuximab in prima linea (Studio CRYSTAL e OPUS). Lo studio CRYSTAL ha confrontato il trattamento con cetuximab in aggiunta al regime FOLFIRI rispetto al solo FOLFIRI, come intervento di prima linea. La durata media del trattamento con cetuximab è stata di 25 settimane. Lo studio, di fase III, randomizzato e controllato è stato disegnato per valutare l efficacia su di una popolazione di 1217 pazienti selezionati sulla base dei livelli di espressione dell EGFR, senza considerare lo stato mutazionale del gene K-ras. Fra i pazienti reclutati solo il 3.5% aveva uno stato di performance ECOG pari a 2, per il restante 96.5% era compreso fra 0 e 1. Secondo la classificazione della Eastern Cooperative Oncology Group (ECOG PF), lo stato di salute di un paziente può variare da 0 per i pazienti in grado di condurre normali attività senza alcuna restrizione, a 5 in caso di morte. I risultati presentati al meeting dell ASCO 2007, evidenziavano un miglioramento nel braccio sperimentale della Progression Free Survival, scelta come misura di efficacia primaria, di 0.9 mesi (8.9 vs. 8.0 mesi; p=0.036), ed un miglioramento di outcome secondari a favore del cetuximab, come la percentuale di risposta complessiva (46.9% vs. 38.7%; p=0.005), la percentuale di metastasi operate (7.0% vs. 3.7%) e la percentuale di resezione epatica con intento curativo prima della progressione della malattia (4.8 % vs. 1.7%; Odds Ratio per il cetuximab, 3.02; IC 95%;p=0.002) [7]. I risultati definitivi su 1198 pazienti, pubblicati di recente [8], hanno mostrato un miglioramento della PFS al limite della significatività (HR per progressione: 0.72; p=0.048) e una differenza non significativa nella sopravvivenza complessiva (HR per morte: 0.93; p=031). È stato pertanto effettuata un' analisi genetica retrospettiva su di un campione di 540 pazienti, non pianificata nel protocollo dello studio, ha permesso di correlare l efficacia del cetuximab allo stato

4 mutazionale del gene K-ras. Nel sottogruppo con K-ras non mutato (n=348) il trattamento con cetuximab, rispetto al controllo, migliora la PFS mediana (9.9 vs. 8.7 mesi; HR 0.684, IC95%, p=0.02) e la risposta complessiva (59.3% vs. 43.2%; p=0.0025), mentre la sopravvivenza complessiva non è risultata statisticamente significativa (HR: 0.84 [ ]). Nel sottogruppo con K-ras mutato (n=192), il trattamento con cetuximab determina un peggioramento rispetto al gruppo di controllo, statisticamente non significativo, della PFS (7.6 vs 8.1 mesi; p=ns), della percentuale di risposta complessiva (36.2% vs. 40.%; p=0.46) e della sopravvivenza complessiva (17.5 vs mesi; p=ns) [8]. Lo studio OPUS ha confrontato l efficacia, in prima linea, del cetuximab ± FOLFOX-4. La durata media del trattamento con cetuximab è stata di 24 settimane. Anche questo studio è stato inizialmente disegnato per valutare l efficacia su di una popolazione arruolata in base a i livelli di espressione dell EGFR, e solo successivamente è stata analizzata l efficacia in funzione dello stato mutazionale del gene K-ras. Lo studio, di fase II, randomizzato, ha arruolato 337 pazienti con carcinoma metastatico del colon-retto, non trattati precedentemente ed aventi uno status di performance ECOG pari a 2 solo nel 9.5% dei pazienti, la restante parte era compresa fra 0 ed 1. La percentuale di risposta complessiva (risposta completa + risposta parziale) scelta come misura di esito primaria, è stata del 46% nel braccio sperimentale e del 36% nel braccio di controllo (p=0.064), mentre la PFS mediana è rimasta invariata (7.2 vs. 7.2 mesi; HR 0.93, log-rank p=0.617) [1]. E' stata osservata anche un aumento della percentuale di resezioni epatiche a favore del braccio trattato con cetuximab, 4.7% vs 2.4% [9]. Successivamente è stata condotta un analisi genetica sul campione tissutale di 233 pazienti correlando la risposta al cetuximab con lo stato mutazionale del gene K-ras. Nel sottogruppo con gene kras non mutato (n=134) i pazienti trattati con cetuximab (n=61) hanno avuto una percentuale di risposta complessiva maggiore rispetto al gruppo di controllo (n=73): 61% vs. 37.0% (Odds Ratio 2.54; p=0.011); è stato osservato anche un lieve miglioramento, di circa 15 giorni, della PFS mediana (7.7 vs. 7.2 mesi; HR 0.5, p=0.0163) e della percentuale di sopravvivenza libera da progressione a 6 (66% vs. 54%), 9 (47% vs. 27%) e 12 mesi (30% vs. 13%). La percentuale di resezione epatica è stata del 9.8% nel gruppo cetuximab (n=61) e del 4.1% nel gruppo di controllo (n=73); a giudizio degli sperimentatori questo dato và interpretato con cautela dato il limitato numero di pazienti [9]. Nel sottogruppo con gene kras mutato (n=99), il trattamento con cetuximab ha determinato un peggioramento, rispetto al controllo, della percentuale di risposta e della mpfs [8], inoltre la percentuale di resezione epatica è stata simile nei due bracci (1.9% vs. 2.1%). Cetuximab in aggiunta ad irinotecan in seconda linea (Studio EPIC). Nello studio EPIC di fase III, 1298 pazienti naїve al trattamento con irinotecan e non responsivi al trattamento con fluoropirimidine ed oxaliplatino, sono stati randomizzati in rapporto 1:1 a ricevere come seconda linea, cetuximab in aggiunta ad irinotecan oppure solo irinotecan. La durata media del trattamento è stata di 14 settimane per il cetuximab, 13.1 settimane per l'irinotecan associato a cetuximab e 9.9 settimane per l'irinotecan in monoterapia. L end-point primario non è stato raggiunto, infatti la sopravvivenza complessiva nel braccio cetuximab è irrilevante: 10.7 vs mesi (HR 0.98; IC 95%, ; log-rank p=0.71). Il tempo di progressione libero da patologia è stato di 4.0 mesi per il braccio d intervento e di 2.6 mesi per il braccio di controllo (HR 0.692; IC 95%, ; log-rank p ) [10]. Il protocollo iniziale non prevedeva tra i criteri d inclusione un analisi sullo stato mutazionale del gene K- ras, infatti i pazienti sono stati arruolati sulla base dei livelli d'espressione dell' EGFR. Successivamente, è stata condotta un analisi retrospettiva analizzando lo stato mutazionale del gene K-ras sul campione tissutale di 300 pazienti, evidenziando una maggiore risposta al cetuximab, in termini di sopravvivenza complessiva, nel sottogruppo con gene K-ras non mutato, rispetto ai pazienti con K-ras mutato (10.9 vs. 8.4 mesi). Questi dati seppur predittivi di una maggior risposta nei pazienti con k-ras non mutato, non dimostrano l efficacia del cetuximab in seconda linea, in quanto nel sottogruppo di pazienti con k-ras non mutato (n=192), il trattamento con cetuximab (n=97) determina un peggioramento della sopravvivenza complessiva rispetto al controllo (n=95): 10.9 mesi vs mesi (HR 1.29; IC 95%, , Logrank p=0.1755). Anche la PFS mediana non è stata statisticamente migliore nel sottogruppo K-ras non mutato trattato con cetuximab rispetto al controllo, (4.0 vs. 2.8 mesi; HR 0.773; IC 95%, , Log-rank p=0.0954). Mentre nel sottogruppo con K-ras mutato non si è registrato nessun miglioramento della PFS (2.6 vs. 2.7 mesi) [1]. Tuttavia và considerato che il 46.9% dei pazienti in monoterapia con irinotecan hanno poi ricevuto anche cetuximab, provocando una distorsione nell analisi dei dati. Gli autori hanno condotto un analisi post-hoc per minimizzare l interferenza del cetuximab, tuttavia questi dati sono relativi al protocollo iniziale e non considerano lo stato mutazionale del gene k-ras [10].

5 Cetuximab monoterapia in terza linea, dopo regimi a base di irinotecan e oxaliplatino. L efficacia e la sicurezza del cetuximab come singolo agente in pazienti refrattari od intolleranti a terapie contenenti irinotecan ed oxaliplatino, sono state valutate in uno studio clinico randomizzato, in aperto, di fase III [11]. La selezione dei pazienti inclusi nello studio è avvenuta valutando i livelli di espressione dell EGFR, ma non lo stato mutazionale del gene K-ras. Complessivamente sono stati arruolati 572 pazienti, 287 dei quali sono stati trattati con cetuximab e le migliori terapie di supporto (BSC) e 285 trattati con le sole BSC; la durata media del trattamento con cetuximab è stata di 8 settimane. L end-point primario era valutare la sopravvivenza complessiva (OS). Le caratteristiche dei pazienti al basale risultano omogenee tra i due bracci; và sottolineato che il numero di pazienti con uno stato di performance ECOG <2, erano circa il 77%, solo il 23% con un PF uguale a 2. E' stato osservato un lieve miglioramento della sopravvivenza complessiva nel braccio trattato con cetuximab (6.1 vs. 4.6 mesi; HR 0.77; IC 95%, p=0.005; con percentuale di sopravvivenza a 6 e 12 mesi rispettivamente del 50 e 21% nel braccio di trattamento versus il 33 e 16% nel braccio BSC). Nessun miglioramento del tempo di sopravvivenza libera da progressione (PFS), (1.9 vs. 1.8 mesi; HR 0.68, IC 95%; p<0.0001) [1,11]. Successivamente, recuperando campioni di tumore di 394 pazienti, su 572, ed analizzando il DNA genomico è stata condotta un analisi retrospettiva per evidenziare un eventuale correlazione tra lo stato mutazionale del gene k-ras e la risposta al cetuximab [12]. E emerso che nei pazienti con K-ras non mutato il trattamento con cetuximab, comparato con la BSC, migliora la sopravvivenza complessiva mediana (9.5 vs. 4.8 mesi; HR per morte 0.55; IC 95%, p<0.001) e la sopravvivenza libera da progressione (3.7 vs. 1.9 mesi; HR per progressione o morte, 0.4; IC 95%, p<0.001), mentre tra i pazienti con gene K-ras mutato non si è riscontrata nessuna differenza di esito significativa tra il trattamento con cetuximab e la BSC. OSSERVAZIONI: E importante sottolineare che il protocollo iniziale degli studi sopradescritti non prevedeva come criterio d inclusione lo stato mutazionale del gene K-ras, ma era richiesto un test di positività all EGFR, per cui gli studi non forniscono informazioni circa l efficacia su pazienti con un normale livello di espressione dell EGFR ma con gene K-ras non mutato. A tal proposito le linee guida del NCCN 2009, raccomandano di trattare i pazienti con anticorpi anti EGFR sulla base dello stato mutazionale del gene kras, indipendentemente dal livello d' espressione dell' EGFR [5]. Infine si segnala che recenti studi clinici [13; 14; 15] hanno evidenziato che i pazienti con mutazioni del gene BRAF, ma con gene K-ras non mutato, hanno una bassa percentuale di risposta al trattamento con anticorpi monoclinali anti-egfr. Questa evidenza, che tuttavia necessita di ulteriori studi clinici, potrebbe ottimizzare l utilizzo del cetuximab, consentendo una maggiore selettività della popolazione target aumentando la probabilità di efficacia, evitando l'esposizione ad un trattamento non privo di effetti avversi ed il cui utilizzo condiziona la scelta delle terapie successive. Si ricorda a questo proposito che l' utilizzo del panitumumab, altro anticorpo monoclonale anti EGFR, non è raccomandato nei pazienti già trattati con cetuximab.

6 I risultati degli studi pubblicati sono riepilogati nella seguente tabella: Referenza Pazienti e trattamento Disegno e fase Misure di esito Van Custem E. et al, NEJM 2009; 360: Studio CRYSTAL [8] Analisi retrospettiva condotta su 540 pz. dello studio Crystal, eseguendo analisi mutazionale del gene Kras. 348 pz con gene Kras non mutato: 172 trattati con cmab+folfiri e 176 con FOLFIRI. 192 pz con gene Kras mutato: 105 trattati con cmab+folfiri e 87 con FOLFIRI. Il trattamento con cmab prevedeva: 1 dose 400mg/m2/sett i.v., mantenimento 250mg/m2/sett i.v Analisi retrospettiva dello studio CRYSTAL (RCT di fase III) End-point I: PFS End-point II: OS Risultati principali efficacia Nel pz. con Kras non mutato il cmab + FOLFIRI vs. FOLFIRI: - PFS: 9.9 vs. 8.7 mesi; (p=0.0167) - % di risposta complessiva: 59.3% vs 43.2% (p=0.0025). - OS: 24.9 vs.21 mesi (p=ns) Nessun miglioramento nel sottogruppo con Kras mutato. Jadad score Non valutabile Bokemeyer C. ed al, JCO 2009; 27: Studio OPUS [9] Analisi retrospettiva condotta su 233 pz. dello studio OPUS, eseguendo analisi mutazionale del gene Kras. 134 pz con gene Kras non mutato: 61 trattati con cmab +FOLFOX-4 e 73 con FOLFOX pz con gene Kras mutato: 52 trattati con cmab+folfox-4 e 47 con FOLFOX-4. Il trattamento con cmab prevedeva: 1 dose 400mg/m2/sett i.v., mantenimento 250mg/m2/sett i.v Analisi retrospettiva dello studio OPUS (studio clinico, randomizzato, in aperto di fase II) End-point I: % di risposta complessiva (risposta completa + parziale) End-point II: PFS Nei pz. con Kras, non mutato cmab+folfox-4 vs. FOLFOX-4: - OR: 61% vs 37% (p=0.011) - PFS: 7.7 vs 7.2 mesi (p=0.0163). Nessun miglioramento nel sottogruppo con Kras mutato. Non valutabile Sobrero A. et al, J Clin Oncol 2008;26: Studio EPIC [10] 1298 pz con carcinoma metastatico colonrettale, esprimente il recettore per EGF, già trattati con oxaliplatino e fluoropirimidine. Cmab: 1 dose 400mg/m2/sett i.v., mantenimento 250mg/m2/sett i.v.+ Ir 350mg/m2 ogni 3 sett i.v.(n=648) Ir: 350mg/m2 ogni 3 sett i.v. (n=650) RCT fase III in aperto random 1:1 ITT analisi ad interim End-point I: OS End-point II: PFS, risposta completa, QOL Cmab + Ir vs. Ir: - OS: 10.7 vs 10.0 mesi (p=0.71) - mpfs: 4.0 vs 2.6 mesi (log-rank p<0.0001) - % di risposta: 16.4% vs. 4.2%. 3 EPAR [1] Analisi retrospettiva condotta su 300 pz dello studio EPIC, eseguendo analisi Analisi retrospettiva End-point I: OS End-point II: PFS Nei pz. con Kras, non mutato cmab+ir vs. Non valutabile

7 mutazionale del gene Kras. 192 pz con gene Kras non mutato: 97 trattati con cmab+ir. e 95 con Ir. 108 pz con gene Kras mutato: 49 trattati con cmab+ir. e 49 con Ir. Ir: - OS: 10.9 vs 11.6 mesi (p=0.712) - PFS: 4.0 vs 2.8 mesi (log-rank p=0.0954). Jonker D. et al, N Engl J Med 2007;357: Studio NCIC CO.17 [11] 572 pz con carcinoma colonrettale, esprimente il recettore per EGFR, già trattati con irinotecan, oxaliplatino e fluoropirimidine. Cmab: 1 dose 400mg/m2/sett i.v., mantenimento 250mg/m2/sett i.v. + BSC (n=287) BSC (n=285) RCT fase III in aperto random 1:1 analisi ITT OS Cmab + BSC vs. BSC: - OS: 6.1mesi vs 4.6 mesi (p=0.005). - HR per morte o progressione della malattia: 0.68 (p<0.001). 3 Karapetis C. et al, NEJM 2008; 359: [12] Analisi retrospettiva su 394 pz dello studio precedente, eseguendo analisi mutazionale del gene Kras. 164 pz con k-ras mutato: 81 trattati con cmab+bsc, 83 con BSC. 230 con k-ras non mutato: 117 con cmab+bsc, 113 con BSC. Analisi retrospettiva OS nel pazienti con Kras non mutato e Kras mutato. Nei pz. con Kras non mutato il cmab rispetto al controllo determina: - OS: 9.5 mesi vs 4.8 mesi; - % di sopravvivenza ad 1 anno: 28.3% vs 20.1% (P<0.001); - PFS: 3.7 vs. 1.9 mesi (p<0.001). Non valutabile mpfs: Sopravvivenza Libera da Progressione Mediana BSC: best supportive care Ir: irinotecan PFS: progression free survival OS: overall survival OR: risposta complessiva *Jadad Scale: strumento per la verifica della qualità della pubblicazione; tra si basa sulla considerazione che i tre elementi principali che devono essere riportati per avere maggiori garanzie sulla buona qualità di uno studio clinico siano la randomizzazione, la condizione di doppia cecità, e la gestione dei drop-out. Si considerano buone le pubblicazioni che ottengono almeno 3 punti, mentre si considerano di scarsa qualità quelle che raggiungono un punteggio uguale o inferiore a due.

8 Dati di sicurezza Il cetuximab ha un profilo di sicurezza non trascurabile, includente eventi fatali. Il trattamento determina in modo frequente ipomagnesia, ipokalemia, reazioni cutanee (rush acneiforme, prurito, necrosi cutanea, alterazioni a carico delle unghie), reazioni di ipersensibilità e reazioni correlate all infusione a volte anche letali (capogiri, febbre, dispnea, broncospasmo, shock, infarto del miocardio, arresto cardiaco). Gli eventi avversi di grado 3 o 4 più frequenti osservati utilizzando il cetuximab in associazione ad altri chemioterapici o come singolo agente sono riportati nella tabella 1. Tendenzialmente si è osservato un effetto additivo di tossicità senza un particolare sinergismo. Fra tutti i pazienti deceduti entro 30 giorni dalla data di ultima somministrazione (n=149), un decesso è stato correlato alla tossicità del solo cetuximab ed è stato osservato nel braccio di trattamento in associazione all irinotecan [1]. L utilizzo del cetuximab in associazione determina un lieve aumento della frequenza di eventi avversi cardiaci; nello studio EPIC l aggiunta di cetuximab all irinotecan ha determinato eventi avversi cardiaci di grado 3 o 4 nel 3% della popolazione, rispetto al 2.1% osservato con irinotecan. Nello studio CRYSTAL l incidenza è maggiore, infatti è il 5.5% della popolazione trattata con cetuximab ad aver riportato un evento avverso cardiaco di grado 3 o 4, rispetto al 3.0% osservato con il regime FOLFIRI. L' utilizzo del cetuximab in associazione al regime FOLFOX-4 ha determinato rispetto al comparator, una maggiore incidenza di eventi avversi di grado 3 o 4, fra cui eritrodisestesia planto-palmare (4% vs. 0.6%), trombocitopenia (4% vs. 2%), anemia (4% vs.2%) a una ridotta incidenza di neuropatia periferica sensoriale (4% vs. 7%).

9 Tabella 1: eventi avversi più frequenti (di grado 3 o 4) Evento avverso di grado 3 o 4 Cetuximab + BSC (n=288) * [11] BSC (n=274)* [11] Cetuximab + Irinotecan (n=638) ** [10] Irinotecan (n=629)** [10] Cetuximab + FOLFIRI (n=600) *** [8] FOLFIRI (n=602)*** [8] Cetuximab + FOLFOX-4 **** (n=168) [9] FOLFOX- 4**** (n=170) [9] Diarrea 28.8% 1.6% 15.2% 10.5% 14% 7% Neutropenia 17.6% 13.5% 26.7% 23.3% 30% 34% Fatica 33.3% 26.3% 9.2% 4.9% 5.0% 4.5% 4% 3% Leucopenia 4.5% 3.5% 7.0% 4.8% 7% 6% Rash 11.8% 0.4% 5.3% 0.2% 7.7% 0% 11% 0.6% Ipomagnesia 5.8% 0% 1.4% 0.2% 1.8% 0.2% Dermatite acneiforme 5.0% 0% Reazioni cutanee 18% 0.6% Dispnea 16.3% 12.4% Dolore addominale 14.2% 15.7% 8.2% 5.9% Vomito 5.6% 5.5% 6.1% 6.4% 4.5% 5.0% Embolia polmonare 3.8% 2.7% *La durata del trattamento è stata di 8 settimane ** La durata del trattamento è stata di14 settimane *** La durata del trattamento è stata di 25 settimane **** La durata del trattamento è stata di 24 settimane

10 Indicazione studi in corso Nel registro governativo americano sono presenti 70 studi clinici in fase di reclutamento con cetuximab per il trattamento del carcinoma colorettale. Solo 17 studi hanno incluso nel disegno del protocollo la condizione mutazionale del gene Kras; fra questi si segnalano studi in cui cetuximab è stato associato a diversi schemi terapeutici (FLOX, FOLFOX-7, FOLFOX-6, erlotinib, capecitabina, oxaliplatino e capecitabina, irinotecan). Un interessante studio di fase II, non ancora in fase di reclutamento, ha l' obiettivo di valutare l' efficacia e la sicurezza del panitumumab in pazienti, con Kras non mutato, refrattari al trattamento con cetuximab [16]. Allo stato attuale, pazienti trattati con cetuximab non possono beneficiare del trattamento con panitumumab (e viceversa). Nell' osservatorio sperimentazioni dell' AIFA, sono registrate 16 studi con cetuximab per il tumore del colon-retto, di cui solo tre considerano lo stato mutazionale del Kras. Fra questi si segnala lo studio GOIM, in fase di approvazione, con lo scopo di valutare l' efficacia del cetuximab in associazione al regime FOLFIRI, seguito da cetuximab ± FOLFOX [17]. Altri report HTA Lo Scottish Medicines Consortium non raccomanda l' inserimento del cetuximab in associazione a chemioterapia per il trattamento del carcinoma del colon-retto in pazienti esprimenti l'egfr e con gene K-ras non mutato. I dati d' efficacia derivano da due studi clinici con risultati modesti, che hanno arruolato pazienti poco rappresentativi della popolazione reale, la valutazione sul genotipo non mutato è stata condotta in modo retrospettivo, su di un campione di popolazione limitato. Inoltre l' analisi farmacoeconomica presentata dalla ditta ha considerato il vantaggio economico derivante dalla maggiore percentuale di resezione di metastasi epatiche con cetuximab. I dati su cui poggia l' analisi non consentono un' analisi robusta, inoltre non sono stati considerati i costi derivanti dalla gestione di eventi avversi [18]. Nessuna raccomandazione è stata espressa in merito all' utilizzo del cetuximab in monoterapia dopo fallimento con irinotecan ed oxaliplatino. In Inghilterra l' azienda produttrice ha richiesto l' inserimento nel servizio sanitario del cetuximab limitatamente all'indicazione in prima linea nel trattamento del carcinoma del colon retto esprimente l'egfr ed il Kras non mutato. I dati presentati per questa indicazione, inizialmente poco convincenti, hanno permesso al NICE di raccomandare il cetuximab solo dopo presentazione di ulteriori dati. Pertanto il NICE ha raccomandato l' utilizzo in associazione al regime FOLFOX oppure, in caso d' intolleranza all' oxaliplatino, al regime FOLFIRI, limitatamente ai pazienti con: massa tumorale resecabile; metastasi confinate a livello del fegato e non resecabile; buono stato di salute da consentire l' intervento chirurgico; durata del trattamento fino alla 16 settimana, dopodiché valutazione per la resezione epatica. L'azienda ha pattuito un rimborso del 16% per ogni paziente trattato con cetuximab in associazione al regime FOLFOX [19]. L' agenzia francese Has-France raccomanda l'inserimento del cetuximab sia in monoterapia che in associazione a chemioterapia, attribuendo un livello di miglioramento, in merito al valore terapeutico ed all' innovatività, di grado minore nell' utilizzo in monoterapia (ASMR livello IV*), mentre per l' utilizzo in seconda o terza linea non viene riconosciuto nessun miglioramento (ASMR V*) [20]. *Il report HTA francese classifica il beneficio terapeutico apportato dal trattamento su una scala da I a V, dove I è considerato un beneficio significativo mentre V rappresenta l'assenza di miglioramento. Analisi economiche Studio farmacoeconomico canadese [21] I dati sono stati estrapolati dallo studio The National Cancer Institute of Canada Clinical Trials Group CO.17, per pazienti con cancro al colon retto già trattati con Fluoropirimidine ± Irinotecan ± Oxaliplatino. L'analisi è stata condotta sul sottogruppo di pazienti con K-RAS wild-type. È stata condotta un analisi costo efficacia in LYG e costo utilità in QALY dal punto di vista del SSN procedendo alla stima di un intervallo di confidenza al 95%. È stato stimato un ICER pari a, ( ) per LYG. È stato stimato un ICUR pari a, ( ) per QALY guadagnato. Gli autori hanno dato un giudizio negativo per l introduzione del farmaco nel SSN. Contestualizzando alla realtà del Veneto non possiamo dire se si raggiungerebbe un livello accettabile per raccomandarne l introduzione nel PTORV, anche se sembra altamente improbabile. Lo studio presenta i seguenti limiti: 1. Risultati presi da trial clinico e pertanto potrebbero non essere generalizzabili. 2. Orizzonte massimo follow-up mesi, ma se sembra improbabile una maggiore durata di vita. 3. Pazienti non refrattari alla chemioterapia. 4. Pazienti solo con livello accettabile di risposta (ECOG 0-2) pertanto non generalizzabili nell intera popolazione dei malati. 5. Popolazione vivente alla fine del trial 10%.

11 Analisi farmacoeconomica presente nel report dello Scottish Medicine Consortium [18] Lo Scottish Medicine Consortium (SMC) ha pubblicato uno studio di costo utilità nel quale si confrontava, in prima linea, la terapia con Cetuximab + FOLFOX-4 contro FOLFOX-4 e quella con Cetuximab + FOLFIRI contro il trattamento con FOLFIRI da solo. È stato utilizzato un modello di Markov, per un analisi costo utilità con ciclo di terapia settimanale ed un orizzonte temporale di 10 anni, in pazienti con KRAS wild-type e metastasi confinanti con il fegato. Inoltre è stata valutata la possibilità per i pazienti di essere operati in un periodo di 16 settimane. I risultati per quanto favorevoli all utilizzo del prodotto sono stati considerati non attendibili e poco robusti da un punto di vista economico, pertanto ne è stato sconsigliato l utilizzo. Nel documento è inoltre presente un analisi di budget impact. Sulla base di una stima di 218 pazienti, al primo anno, con cancro al colon retto e KRAS wild-type eleggibili per la terapia fino ad un massimo di 228 il quinto e di quota di mercato variabile tra il 20% del primo anno fino ad 80% il quinto, si stima un costo di 642 mila sterline per il primo anno, che raggiunge i 2,7 milioni il quinto. Inoltre considerando i costi di gestione il range varia tra i 349 mila del primo anno fino a superare i 3 milioni il quinto. Analisi farmacoeconomica presente nel report del NICE [19]: Il NICE ha pubblicato uno studio di costo utilità, con un modello di Markov con orizzonte di 23 anni circa, nel quale si confrontava, in prima linea, la terapia con Cetuximab + FOLFOX contro FOLFOX e in caso di intollerabilità all Oxaliplatino, quella con Cetuximab + FOLFIRI contro FOLFIRI da solo, in pazienti con: KRAS wild-type, ECOG score 0-1, tollerabilità a Irinotecan o Oxaliplatino e metastasi epatiche non operabili all inizio dello studio. Il prezzo considerato per il Cetuximab è stato di 1,36 mg con dosi iniziali di 400 mg/m2 e dosi settimanali di mantenimento pari a 250 mg/m2. e per una persona con area di 1,75 m2 e per un ciclo di 8 mesi è stato stimato un costo medio di Dal confronto tra Cetuximab + FOLFOX ed il FOLFOX da solo, è stato stimato un costo incrementale per QALY guadagnato compreso in un range di (secondo il produttore) e di sterline (secondo l unità di supporto del NICE), ritenuto accettabile in pazienti con: tumore operabile, metastasi confinate a livello epatico non operabile, ed in buono stato di salute da sostenere l intervento. Anche per il confronto tra Cetuximab + FOLFIRI e FOLFIRI i risultati sono stati ritenuti positivi in pazienti con: tumore operabile, metastasi confinate a livello epatico non operabili, buono stato di salute da sostenere l intervento ed intolleranti all Oxaliplatino. Questi risultati sono dovuti a una maggiore operabilità dei pazienti come conseguenza del trattamento con Cetuximab rispetto ai comparator stimati tra il 30-35% per il Cetuximab del 22% per FOLFOX e del 9% per il FOLFIRI. Per quanto riguarda l adattabilità dei risultati alla realtà del Veneto, è da notare che in Italia il prezzo contrattato dall AIFA per il Cetuximab corrisponde a 1,80 mg, equivalente a circa 1,61 mg e a questo prezzo il NICE avrebbe espresso parere negativo per l utilizzo del Cetuximab, indicando come condizione necessaria un prezzo non superiore a 1,36 mg.

12 Referenza National Cancer Institute of Canada Clinical Trials Group CO.17 Trial [21] Metodologia/ tipo di analisi Analisi costoefficacia Analisi costoutilità Analisi di sensibilità per il rapporto di costo efficacia Confronti Nazione Pazienti / time horizon Cetuximab + Miglior terapia di supporto vs Miglior terapia di supporto Canada Trattamento di seconda linea in pazienti con cancro al colon retto precedentemente trattati con Fluropyrimide ±Irinotecan ± Oxaliplatinindividuazione di un sottogruppo con KRAS di tipo wildmassimo follow up disponibile compreso tra i mesi Punto di vista SSN Misura efficacia Anni di vita guadagna ti (LYG) QALYs Misura di costo Costi diretti sanitari (ospedalieri, ambulatoriali, delle terapie, gestione degli eventi avversi) Risultati Per la popolazione con KRAS tipo wildicer=$ ( , 95% IC) / LYGICUR=$ ( , 95% IC) / QALY I risultati sono stati ritenuti non favorevoli ed il farmaco non sostenibile per il SSN Scottish Medicine Consortium 2009 [18] NICE [19] Analisi costoutilità/ Modello di Markov Analisi costoutilità/ Modello di Markov Cetuximab + FOLFOX4 vs FOLFOX4 Cetuximab + FOLFIRIvs FOLFIRI Cetuximab + FOLFOX vs FOLFOX Cetuximab + FOLFIRIvs FOLFIRI Scozia Inghilterra Trattamento di prima linea con successiva individuazione di un sottogruppo per pazienti con KRAS di tipo wildorizzonte temporale di 10 anni Trattamento di prima linea pazienti con KRAS di tipo wild orizzonte temporale circa 23 anni SSN QALY SSN QALY Costi diretti Sanitari non specificati nel dettaglio Costi diretti sanitari I dati economici risultavano abbastanza favorevoli alla terapia, ma non sono stati considerati né attendibili né robustise ne sconsiglia l utilizzo Cetuximab + FOLFOX vs FOLFOX: ICUR compreso tra e /QALY Cetuximab + FOLFIRI vs FOLFIRI: è stimato un range favorevole senza però specificarne il valore esatto.sotto strette condizioni i risultati sono favorevoli e il farmaco sostenibile per il SSN

13 Analisi dei costi (costi delle alternative, potenziale impatto di budget etc.) AIFA ha pattuito per il farmaco cetuximab la procedura di Payment by Result del 50% per paziente non responder (tossicità da farmaco oppure progressione) a due mesi (8 settimane di trattamento). Il costo del cetuximab utilizzato in prima linea ( non comprensivo di payment by results) in associazione a chemioterapici risulta essere inferiore rispetto a quello del bevacizumab ( comprensivo di risk-sharing), altro anticorpo monoclonale registrato per il trattamento in prima linea del carcinoma colorettale in associazione a regime a base di 5 FU/acido folico con o senza irinotecan. Il costo del cetuximab in monoterapia nei pazienti responders (7.724 non comprensivo di payment by results), dopo fallimento di regimi a base di oxaliplatino e irinotecan oppure intolleranti ad irinotecan è in linea al costo del panitumumab (7.672 ), tuttavia qualora venisse applicato cost-sharing del 50% sul panitumumab il costo del trattamento risulterebbe inferiore (3.836 ). Costo del farmaco in regime di associazione a chemioterapici : Costo all' ospedale per Costo Principio trattamento Spreco di Dosaggio all'ospedale per attivo (24-25 farmaco ciclo di terapia settimane [10]) Cetuximab 400 mg/m 2 la prima settimana, poi 250 mg/m 2 / settimana la prima somministrazione, poi 898 Prezzo fornito da ditta produttrice (sconto 36.68%, esclusa IVA) la prima somministrazione poi 89 Note Per i pazienti non responders a due mesi viene applicato Payment by Result del 50% Costo di altri farmaci biologici da utilizzare in regime di associazione: Principio attivo Dosaggio Costo all'ospedale per ciclo di terapia (senza risk sharing) Costo all' ospedale per trattamento: 12 mesi (con risk sharing) Spreco di farmac o Note Bevacizumab variabile da 5-10 mg/kg ogni 2 settimane a mg/kg ogni 3 settimane Primi 3 cicli di terapia: risk sharing al 50%. Cicli dal 4 al 14 a carico dell'ssn. Per le somministrazioni ad alto dosaggio (10-15 mg/kg) i cicli successivi al 14 sono a carico della ditta produttrice. Cetuximab e bevacizumab nel trattamento in prima linea vanno utilizzati sempre in associazione a regimi chemioterapici. Costo dei principali regimi utilizzabili ± in associazione con farmaci biologici: Regime FOLFIRI-B ciclo da 2 settimane FOLFOX-4 ciclo da 2 settimane Dosaggio IRINOTECAN : 180mg/m 2 in cicli da 2 settimane LEUCOVORIN 200mg/m 2 nei giorni 1 e 2 (2 fl da 175mg al giorno) 5-FLUOROURACILE 400mg/m 2 come iniezione nel bolo (1 fl da 1000mg al giorno) e 600mg/m 2 in infusione nei giorni 1 e 2 (1 fl da 1000mg e 1 fl da 500mg al giorno) LEUCOVORIN 200mg/m 2 nei giorni 1 e 2 (2 fl da 175mg al giorno) 5-FLUOROURACILE 400mg/m 2 come iniezione Costo all'ospedale per ciclo di terapia Costo all' ospedale per anno di terapia* Spreco di farmaco 5- fluorouracile: 3,53 (1400 mg) 5- fluorouracile: 3,53 (1400 mg) Note

14 CapeOX ciclo da 3 settimane nel bolo (1 fl da 1000mg al giorno) e 600mg/m 2 in infusione (1 fl da 1000mg e 1 fl da 500mg al giorno) nei giorni 1 e 2 OXALIPLATINO 85mg/m 2 IV nel giorno 1 (1fl da 100mg e 1 fl da 50mg) CAPECITABINA* 1000mg/m2 2 volte al giorno per 2 settimane (3 cpr da 500 mg e 2 cpr da 150mg per ogni somministrazione) OXALIPLATINO : 130mg/m2 IV nel giorno 1(2 fl da 100mg e 1 fl da 50 mg) oxaliplatino: 59,93 (16mg) Per i costi è stato considerato un paziente con peso corporeo di 70 Kg ed un' area corporea di 1,8 m 2 * prezzi ex factory iva esclusa da banca dati Farmadati Costo del farmaco in monoterapia (terza linea) : Principio attivo Dosaggio Costo all'ospedale per trattamento, durata come da studio clinico Spreco di farmaco Note Cetuximab 400 mg/m 2 la prima settimana, poi 250 mg/m 2 / settimana (8 settimane [20]) Prezzo fornito da ditta produttrice (sconto 36.68%, esclusa IVA) 772 (80 mg la prima poi 50 mg settimanali) Payment by Result del 50% per paziente non responder Costo delle alternative: Principio attivo Dosaggio Panitumumab Cetuximab + Irinotecan fl** 6 mg/kg ogni 2 settimane Cetuximab: 400 mg/m 2 la prima settimana, poi 250 mg/m 2 / settimana Irinotecan: 180 mg/m 2 ogni 2 settimane Costo all' ospedale per trattamento, durata come da studio clinico ** (8 settimane [ 21]) (16 settimane [22]) Spreco di farmaco (320 mg) Note Cost-sharing al 50% dopo 2 mesi di trattamento **Prezzo fornito da ditta produttrice (ex-factory + sconto del 9.75%, esclusa IVA) non comprensivo di cost-sharing. Per i costi è stato considerato un paziente con peso corporeo di 70 Kg ed un' area corporea di 1,8 m 2 Place in Therapy Cetuximab è un anticorpo monoclonale già autorizzato per il trattamento del carcinoma del colonretto, in associazione ad irinotecan dopo fallimento di chemioterapia contenente irinotecan. Le nuove indicazioni, oggetto di valutazione, sostituiscono quella precedente. La metodologia con cui è stata provata l'efficacia del cetuximab nella popolazione con gene K-ras non mutato pone molti dubbi. Infatti sebbene l'analisi retrospettiva ha mostrato una maggiore efficacia del farmaco, in termini di sopravvivenza complessiva, percentuale di risposta e PFS, nei pazienti con K-ras non mutato rispetto ai pazienti con K-ras mutato, i dati di sopravvivenza sono risultati non significativi. Tuttavia l'utilizzo in prima linea può determinare una maggiore probabilità di resezione di metastasi epatiche, con un miglioramento dell'aspettativa di sopravvivenza. L'unico anticorpo monoclonale utilizzabile in prima linea in alternativa al cetuximab è il bevacizumab. L'utilizzo del cetuximab in monoterapia nei pazienti con K-ras non mutato ha determinato un miglioramento della sopravvivenza complessiva mediana (9.5 vs. 4.8 mesi delle terapie di supporto) e della sopravvivenza libera da progressione (3.7 vs. 1.9 mesi delle terapie di supporto). Panitumumab, altro anticorpo monoclonale anti EGFR, utilizzabile in monoterapia nei pazienti con K-ras non mutato in

15 alternativa al cetuximab ha determinato un miglioramento della PFS, ma non della sopravvivenza complessiva. Attualmente tale farmaco non è inserito nel PTORV. Bibliografia 1. Scientific discussion (Accesso del 15/10/2008) 2. Bonadonna et al " MEDICINA ONCOLOGICA" VII Edizione - Masson Editore 3. (accesso del 15/09/2009) 4. (accesso del 15/09/2009) 5. Linee Guida NCCN v (accesso 15/09/2009) Van Custem E. et al, J Clin Oncol 2007; Vol 25, N 18S:4000. ASCO Annual Meeting; abstract 8. Van Custem E. et al. NEJM 2009; 360: Bokemeyer C. ed al, JCO 2009; 27: Sobrero A. et al, J Clin Oncol 2008;26: Jonker D. et al, N Engl J Med 2007;357: Karapetis C. et al, NEJM 2008: 359: Di Nicolantonio F. et al. JCO 2008; 26: Cappuzzo F. et al. British Journal of Cancer 2008; 99 (1): Loupakis F. et al. British Journal of Cancer 2009; 101: (accesso il 16/09/09) 17. https://oss-sper-clin.agenziafarmaco.it/dati.htm (accesso il 16/09/09) 18. (accesso il 16/09/09) 19. (accesso il 16/09/09) 20. (accesso il 05/10/09) 21. Mittmann et al, JNCI 2009, Vol 101 Issue 17: Van Cutsem E, et al, Ann Oncol. 2008; 19: Cunningham D. et al. NEJM 2004;351: SINTESI Caratteristiche del prodotto Cetuximab è un anticorpo monoclonale chimerico IgG1 specificamente diretto contro il recettore per il fattore di crescita epidermico (EGFR). Il prodotto proteico del proto-oncogene KRAS è un trasduttore centrale del segnale a valle per l EGFR. Nei tumori, l attivazione del gene KRAS da parte dell EGFR contribuisce ad un aumento della proliferazione, della sopravvivenza e della produzione di fattori proangiogenici. La mutazione del gene K-RAS in determinati 'punti caldi' (principalmente i codoni 12 e 13) comportano l attivazione costitutiva della proteina KRAS indipendentemente dai segnali dell EGFR. [1] Inquadramento della patologia l carcinoma del colon retto rappresenta uno dei tumori solidi più frequenti nel mondo, l' intervento chirurgico rappresenta la prima linea di trattamento nel 75% dei casi ed offre le maggiori possibilità di cura. Tuttavia, anche quando la resezione chirurgica viene considerata curativa, il tasso di sopravvivenza a 5 anni è solo del 50%. Purtroppo, circa il 30% dei pazienti si presenta, alla prima diagnosi, già con malattia in fase metastatica. La prognosi è limitata: il tasso di sopravvivenza a 5 anni, per i pazienti con malattia in stadio avanzato, è del 5% circa (78 % nei pazienti allo stadio II e 54% nei pazienti alla stadio III). In Italia secondo il registro AIRT(associazione italiana registro tumori), nel periodo è risultato al 5 posto in termini di frequenza tra le neoplasie diagnosticate negli uomini, e al 3 fra le donne. Le stime per la regione Veneto indicano un totale di 3787 casi/anno con una maggiore incidenza nella popolazione maschile, mentre per quanto riguarda la mortalità nel 2006 si sono verificati 821 decessi fra gli uomini e 684 fra le donne. Linee guida di trattamento esistenti Le linee guida del National Comprehensive Cancer Network (v3.2009) per il trattamento del carcinoma al colon metastatico e per il trattamento del carcinoma al retto metastatico raccomandano come trattamento di prima linea bevacizumab o cetuximab in associazione a diversi regimi chemioterapici [5]. L'utilizzo del cetuximab in prima linea ne esclude l' utilizzo nelle linee successive, anche di altri anticorpi anti EGFR come il panitumumab, inoltre il regime chemioterapico utilizzato in prima linea condiziona la scelta di linee successive, ovvero pazienti trattati con FOLFOX o CapeOX dovranno essere trattati in caso di progressione con FOLFIRI o irinotecan, mentre pazienti trattati in prima linea con FOLFIRI o con 5- FU/leucovorin dovranno poi essere trattati con FOLFOX o CapeOX. Come trattamento di terza linea è raccomandato l'utilizzo del cetuximab + irinotecan, quando questo regime non è tollerato è raccomandato

16 l' utilizzo del panitumumab o del cetuximab in monoterapia. Per i pazienti già trattati in seconda linea con cetuximab, l'utilizzo in terza linea con cetuximab o panitumumab non è raccomandato. e linee guida raccomandano l'utilizzo del cetuximab o panitumumab nei pazienti con gene k-ras non mutato e di non includere od escludere pazienti al trattamento sulla base dei livelli di espressione dell'egfr, in quanto questo parametro risulta essere poco predittivo. Qualora il cetuximab sia stato utilizzato in prima linea, l' utilizzo del panitumumab o del cetuximab in seconda o terza linea non è raccomandato. Non ci sono dati che supportano l' utilizzo del panitumumab dopo fallimento con cetuximab e viceversa. Le linee guida AIOM 2009 raccomandano l'utilizzo del cetuximab in pazienti EGFR+ con k-ras non mutato indipendentemente dalla linea di trattamento, sia in associazione a regimi con irinotecan e/o fluoro pirimidine e/o Oxaliplatino, sia in monoterapia nei pazienti pretrattati con intolleranza ad irinotecan (grado di raccomandazione B) [6]. Trattamenti alternativi Gli schemi chemioterapici per il trattamento del carcinoma colonretto metastatico sono numerosi. Tra le alternative disponibili troviamo ad esempio gli schemi: FOLFOX, FOLFIRI, XELOX o altri schemi con oxaliplatino, capecitabina, irinotecan. Bevacizumab, un anticorpo monoclonale anti-vegfr, è utilizzabile in combinazione con chemioterapia a base di fluoropirimidine. Recentemente è stato approvato l'utilizzo del panitumumab, altro anticorpo monoclonale anti-egfr, per il trattamento del carcinoma colorettale metastatico dopo fallimento di regimi chemioterapici contenenti fluoropirimidine, oxaliplatino e irinotecan, nel caso in cui i tumori presentino il gene KRAS non mutato. Dati di efficacia Cetuximab in prima linea (Studio CRYSTAL e OPUS) Lo studio CRYSTAL ha confrontato il trattamento con cetuximab in aggiunta al regime FOLFIRI rispetto al solo FOLFIRI, come intervento di prima linea. Un' analisi genetica retrospettiva su di un campione di 348 pazienti, non pianificata nel protocollo dello studio, ha permesso di correlare l efficacia del cetuximab allo stato mutazionale del gene K-ras. Nel sottogruppo con K-ras non mutato il trattamento con cetuximab, rispetto al controllo, migliora la PFS mediana (9.9 vs. 8.7 mesi; HR 0.684, IC95%, p=0.017), la risposta complessiva (59.3% vs. 43.2%; p=0.0025) e la sopravvivenza complessiva, statisticamente non significativa (HR: 0.84 [ ]); nel sottogruppo con K-ras mutato, il trattamento con cetuximab determina un peggioramento rispetto al gruppo di controllo. Lo studio OPUS ha confrontato l efficacia, in prima linea, del cetuximab ± FOLFOX-4. L analisi genetica, retrospettiva, condotta sul campione tissutale di 233 pazienti ha mostrato che nel sottogruppo con gene k-ras non mutato i pazienti trattati con cetuximab (n=61) hanno avuto una percentuale di risposta complessiva maggiore rispetto al gruppo di controllo (n=73): 61% vs. 37.0% (Odds Ratio 2.54; p=0.011); è stato osservato anche un lieve miglioramento della PFS mediana (7.7 vs. 7.2 mesi, HR 0.57; p=0.0163), della percentuale di sopravvivenza libera da progressione a 6 (66% vs. 54%), 9 (47% vs. 27%) e 12 mesi (30% vs. 13%). La percentuale di resezione R0 è stata del 9.8% nel gruppo cetuximab (n=61) e del 4.1% nel gruppo di controllo (n=73); a giudizio degli sperimentatori questo dato và interpretato con cautela dato il limitato numero di pazienti]. Nel sottogruppo con gene Kras mutato il trattamento con cetuximab determina un peggioramento rispetto al controllo. Cetuximab in aggiunta ad irinotecan in seconda linea (Studio EPIC). Nello studio EPIC di fase III, 1298 pazienti naïve al trattamento con irinotecan e non responsivi al trattamento con fluoropirimidine ed oxaliplatino, sono stati randomizzati in rapporto 1:1 a ricevere come seconda linea, cetuximab in aggiunta ad irinotecan oppure solo irinotecan. E' stata condotta un analisi retrospettiva analizzando lo stato mutazionale del gene K-ras sul campione tissutale di 300 pazienti, evidenziando una maggiore risposta al cetuximab, in termini di sopravvivenza complessiva, nel sottogruppo con gene K-ras non mutato, rispetto ai pazienti con K-ras mutato (10.9 vs. 8.4 mesi). Tuttavia nel sottogruppo di pazienti con k-ras non mutato (n=192), il trattamento con cetuximab (n=97) ha determinato rispetto al gruppo di controllo: una sopravvivenza complessiva inferiore (n=95) (10.9 mesi vs mesi; Log-rank p=0.1755); la PFS mediana non è risultata significativamente migliore (4.0 vs. 2.8 mesi, log-rank p=0.0954), mentre nel sottogruppo con K-ras mutato non si è registrato nessun miglioramento. Cetuximab monoterapia in terza linea, dopo regimi a base di irinotecan e oxaliplatino. L efficacia e la sicurezza del cetuximab come singolo agente in pazienti refrattari od intolleranti a terapie contenenti irinotecan ed oxaliplatino, sono state valutate in uno studio clinico randomizzato, in aperto, di fase III]. La selezione dei pazienti inclusi nello studio è avvenuta valutando i livelli d'espressione dell'egfr, ma non lo stato mutazionale del gene K-ras. Solo successivamente è stata condotta un analisi retrospettiva per evidenziare un eventuale correlazione tra lo stato mutazionale del gene k-ras e la risposta al cetuximab. E emerso che nei pazienti con K-ras non mutato il trattamento con cetuximab, comparato con la BSC, migliora la sopravvivenza complessiva mediana (9.5 vs. 4.8 mesi; HR per morte 0.55; IC 95%, p<0.001) e la sopravvivenza libera da progressione (3.7 vs. 1.9 mesi; HR per

17 progressione o morte, 0.4; IC 95%, p<0.001), mentre fra i pazienti con gene K-ras mutato non si è riscontrata nessuna differenza di esito significativa tra il trattamento con cetuximab e la BSC. Dati di sicurezza Il cetuximab ha un profilo di sicurezza non trascurabile, includente eventi fatali. Il trattamento determina in modo frequente ipomagnesia, ipokalemia, reazioni cutanee (rush acneiforme, prurito, necrosi cutanea, alterazioni a carico delle unghie), reazioni di ipersensibilità e reazioni correlate all infusione a volte anche letali (capogiri, febbre, dispnea, broncospasmo, shock, infarto del miocardio, arresto cardiaco). Fra tutti i pazienti deceduti entro 30 giorni dalla data di ultima somministrazione (n=149), un decesso è stato correlato alla tossicità del solo cetuximab ed è stato osservato nel braccio di trattamento in associazione all irinotecan [1]. L utilizzo del cetuximab in associazione determina un lieve aumento della frequenza di eventi avversi cardiaci; nello studio EPIC l aggiunta di cetuximab all irinotecan ha determinato eventi avversi cardiaci di grado 3 o 4 nel 3% della popolazione, rispetto al 2.1% osservato con irinotecan. Nello studio CRYSTAL l incidenza è maggiore, infatti è il 5.5% della popolazione trattata con cetuximab ad aver riportato un evento avverso cardiaco di grado 3 o 4, rispetto al 3.0% osservato con il regime FOLFIRI. L' utilizzo del cetuximab in associazione al regime FOLFOX-4 ha determinato rispetto al comparator, una maggiore incidenza di eventi avversi di grado 3 o 4, fra cui eritrodisestesia planto-palmare (4% vs. 0.6%), trombocitopenia (4% vs. 2%), anemia (4% vs.2%) a una ridotta incidenza di neuropatia periferica sensoriale (4% vs. 7%). Indicazione studi in corso Nel registro AIFA sono presenti 16 sperimentazioni con cetuximab, relative al trattamento del carcinoma colo-rettale; tuttavia solo tre considerano lo stato mutazionale del gene Kras. Nel registro governativo statunitense la ricerca con la voce "cetuximab" e la condizione "colorectal colon" individua 119 sperimentazioni per il trattamento del carcinoma metastatico del colonretto ma solo 17 sperimentazioni considerano lo stato mutazionale del gene Kras. Altri report HTA Lo Scottish Medicines Consortium non raccomanda l' inserimento del cetuximab in associazione a chemioterapia per il trattamento del carcinoma del colon-retto in pazienti esprimenti l' EGFR e con gene K-ras non mutato. Nessuna raccomandazione è stata espressa in merito all' utilizzo del cetuximab in monoterapia dopo fallimento con irinotecan ed oxaliplatino. I risultati dell'analisi economica presentatati dall'azienda non sono stati considerati robusti. il NICE ha raccomandato l' utilizzo in associazione al regime FOLFOX oppure, in caso d' intolleranza all' oxaliplatino, al regime FOLFIRI, limitatamente ai pazienti con: massa tumorale resecabile; metastasi confinate a livello del fegato e non resecabile; buono stato di salute da consentire l' intervento chirurgico; durata del trattamento fino alla 16 settimana, dopodiché valutazione per la resezione epatica. Per quanto riguarda l adattabilità dei risultati alla realtà del Veneto, è da notare che in Italia il prezzo contrattato dall AIFA per il Cetuximab corrisponde a 1,80 mg, equivalente a circa 1,61 mg e a questo prezzo il NICE avrebbe espresso parere negativo per l utilizzo del Cetuximab, indicando come condizione necessaria un prezzo non superiore a 1,36 mg. L'agenzia francese Has-France raccomanda l'inserimento del cetuximab sia in monoterapia che in associazione a chemioterapia, attribuendo un livello di miglioramento, in merito al valore terapeutico ed all' innovatività, di grado minore nell' utilizzo in monoterapia (ASMR livello IV), mentre per l'utilizzo in seconda o terza linea non viene riconosciuto nessun miglioramento (ASMR V). Analisi economiche Sono disponibili tre analisi farmacoeconomiche: La prima analisi è sviluppata sulla base dei dati d efficacia dello studio del CO.17 del National Cancer Institute of Canada, nel sottogruppo di pazienti con cancro al colon retto, con K-RAS non mutato e precedentemente trattati con Fluropirimide, Irinotecan ed Oxaliplatino. È stata condotta un analisi costo efficacia in LYG e costo utilità in QALY, dal punto di vista del SSN procedendo alla stima di un intervallo di confidenza al 95%. È stato stimato un ICER pari a, ( ) per LYG ed un ICUR pari a ( ) per QALY guadagnato. Gli autori hanno dato un giudizio negativo per l introduzione del farmaco nel SSN. Lo studio presenta però numerosi limiti metodologici. La seconda analisi, pubblicata dallo Scottish Medicines Consortium, ha confrontato in prima linea, la terapia con Cetuximab ± FOLFOX-4 e del Cetuximab ± FOLFIRI È stato utilizzato un modello di Markov, per un analisi costo utilità con ciclo di terapia settimanale ed un orizzonte temporale di 10 anni, in pazienti con KRAS wild-type e metastasi confinate a livello epatico e non operabili,. Inoltre è stata valutata la possibilità per i pazienti di essere operati in un periodo di 16 settimane. I risultati sono stati considerati non attendibili e poco robusti da un punto di vista economico, pertanto ne è stato sconsigliato l utilizzo.

18 La terza analisi pubblicata dal NICE è uno studio di costo utilità, con un modello di Markov con orizzonte di 23 anni circa, nel quale è stata confrontata in prima linea, la terapia con cetuximab ± FOLFOX e in caso di intolleranza all oxaliplatino, il regime cetuximab ± FOLFIRI. I pazienti inclusi nell analisi avevano: K-RAS wild-type, ECOG score 0-1, tollerabilità a Irinotecan o Oxaliplatino e metastasi confinate a livello epatico non operabili all inizio dello studio. Dal confronto tra Cetuximab + FOLFOX ed il FOLFOX da solo, è stato stimato un costo incrementale per QALY guadagnato compreso in un range di (secondo il produttore) e di sterline (secondo il NICE), ritenuto accettabile. Anche per il confronto tra Cetuximab + FOLFIRI vs. FOLFIRI i risultati sono stati ritenuti positivi in pazienti con: tumore operabile, metastasi confinanti col fegato non operabili, in buono stato di salute da consentire l' intervento chirurgico ed intolleranti all oxaliplatino Analisi dei costi (costi delle alternative, potenziale impatto di budget etc.) Il costo del cetuximab utilizzato in prima linea ( ) in associazione a chemioterapici risulta essere inferiore rispetto a quello del bevacizumab ( ), altro anticorpo monoclonale registrato per il trattamento in prima linea del carcinoma colorettale in associazione a regime a base di 5 FU/acido folico con o senza irinotecan. Il costo del cetuximab in monoterapia nei pazienti responders (7.724 non comprensivo di payment by results), dopo fallimento di regimi a base di oxaliplatino e irinotecan oppure intolleranti ad irinotecan è in linea rispetto al costo del panitumumab (7.672 ), tuttavia qualora venisse applicato cost-sharing del 50% sul panitumumab il costo del trattamento risulterebbe inferiore (3.836 ).

Specialità: Avastin (Roche spa)

Specialità: Avastin (Roche spa) BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento di pazienti con carcinoma metastatico del colon e del retto in combinazione con chemioterapia a base di fluoropirimidine. (09-09-2008) Specialità: Avastin (Roche

Dettagli

Tumore del colon-retto metastatico

Tumore del colon-retto metastatico Raccomandazioni d'uso Tumore del colon-retto metastatico Parte B: Cetuximab A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) per l'elaborazione di raccomandazioni evidence based Direzione Generale

Dettagli

SCHEDA FARMACO. Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta

SCHEDA FARMACO. Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Indicazione terapeutica Classificazione: Spesa per paziente trattato (euro, posologia/durata)

Dettagli

Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto

Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto Università di Pisa Dipartimento di Farmacia Corso di laurea in CTF Corso: Basi biochimiche dell azione dei farmaci Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto Pisa, 27/03/2014 Samuela Fabiani

Dettagli

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI A CURA DELLA STRUTTURA COMPLESSA ASSISTENZA FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI NUMEROUMERO 25 OTTOBRE 2012 All interno: pag.2-5 Bevacizumab 1

Dettagli

Specialità: Avastin(Roche spa)

Specialità: Avastin(Roche spa) BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule, non resecabile, avanzato, metastatico o in ricaduta in aggiunta a chemioterapia a base

Dettagli

NESSUNO STUDIO METODOLOGICAMENTE SCORRETTO PUO ESSERE CONSIDERATO ETICO

NESSUNO STUDIO METODOLOGICAMENTE SCORRETTO PUO ESSERE CONSIDERATO ETICO COME E QUANDO GLI ASPETTI TECNICI DEI PROTOCOLLI POSSONO-DEVONO ESSERE OGGETTO-ARGOMENTO DI DECISIONI ETICHE? Fausto Roila Oncologia Medica, Terni NESSUNO STUDIO METODOLOGICAMENTE SCORRETTO PUO ESSERE

Dettagli

MINI SCHEDA HTA BEVACIZUMAB (AVASTIN ) INDICAZIONE CARCINOMA OVARICO

MINI SCHEDA HTA BEVACIZUMAB (AVASTIN ) INDICAZIONE CARCINOMA OVARICO 1/7 MINI SCHEDA HTA BEVACIZUMAB (AVASTIN ) INDICAZIONE CARCINOMA OVARICO Nome Commerciale Avastin Principio Attivo Bevacizumab Ditta Produttrice Roche ATC L01XC07 Formulazione Concentrato per soluzione

Dettagli

Aggiornamenti su RAS: mutazioni di KRAS ed NRAS nel carcinoma del colon retto. Carmelo Lupo

Aggiornamenti su RAS: mutazioni di KRAS ed NRAS nel carcinoma del colon retto. Carmelo Lupo Aggiornamenti su RAS: mutazioni di KRAS ed NRAS nel carcinoma del colon retto Carmelo Lupo RAS-RAF signaling Activation of the RAS-RAF signaling cascade occurs via the following sequential steps 1 : Activation

Dettagli

LA RESEZIONE DELLE METASTASI EPATICHE NEL TUMORE METASTATICO DEL COLON RETTO

LA RESEZIONE DELLE METASTASI EPATICHE NEL TUMORE METASTATICO DEL COLON RETTO LA RESEZIONE DELLE METASTASI EPATICHE NEL TUMORE METASTATICO DEL COLON RETTO Cetuximab può ridurre la massa tumorale per permettere la resezione delle metastasi, anche, in pazienti inizialmente non resecabili,

Dettagli

BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma mammario metastatico in combinazione con paclitaxel.

BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma mammario metastatico in combinazione con paclitaxel. BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma mammario metastatico in combinazione con paclitaxel. (09-09-2008) Specialità: Avastin(Roche spa) Forma farmaceutica:

Dettagli

IL RAZIONAMENTO DELLE RISORSE: COME AFFRONTARLO. Fausto Roila Oncologia Medica, Terni

IL RAZIONAMENTO DELLE RISORSE: COME AFFRONTARLO. Fausto Roila Oncologia Medica, Terni IL RAZIONAMENTO DELLE RISORSE: COME AFFRONTARLO Fausto Roila Oncologia Medica, Terni IL PROBLEMA - CRISI ECONOMICA DEI PAESI INDUSTRIALIZZATI - COSTI SEMPRE PIU ELEVATI DELLA INNOVAZIONE (nuove tecnologie,

Dettagli

Terapia in fase Avanzata

Terapia in fase Avanzata IL CARCINOMA DEL COLON-RETTO 14 OTTOBRE 2011, ROMA Terapia in fase Avanzata Maria Sofia Rosati Oncologia A Policlinico Umberto I Roma Numeri.. e persone!! ***Solo il 56% *50% dei pz con CRC è over 70 degli

Dettagli

Dialogo sui Farmaci n. 4/2009 PRESCRIVERE NEWS < 186 (Pagina 2 di 5)

Dialogo sui Farmaci n. 4/2009 PRESCRIVERE NEWS < 186 (Pagina 2 di 5) Dialogo sui Farmaci n. 4/2009 PRESCRIVERE NEWS < 186 (Pagina 1 di 5) PANITUMUMAB Indicazioni del nuovo principio attivo Come monoterapia per il trattamento di pazienti con carcinoma colorettale metastatico

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR Presentata da Dott. S. Ortu ASL 2 RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI PANITUMAB ATC L01XC08 (VECTIBIX ) In data febbraio 2010 Per le seguenti motivazioni (sintesi): Monoterapia per il trattamento di pazienti

Dettagli

Panitumumab. Raccomandazioni evidence-based. Carcinoma colon-rettale metastatico (I linea di terapia)

Panitumumab. Raccomandazioni evidence-based. Carcinoma colon-rettale metastatico (I linea di terapia) Raccomandazioni evidence-based Panitumumab Carcinoma colon-rettale metastatico (I linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione d uso n. 36 Ottobre 2014 Direzione

Dettagli

Tumore del colon-retto metastatico

Tumore del colon-retto metastatico Raccomandazioni d'uso Tumore del colon-retto metastatico Parte A: Bevacizumab A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) per l'elaborazione di raccomandazioni evidence based Direzione Generale

Dettagli

Specialità: Herceptin (Roche spa) Forma farmaceutica:

Specialità: Herceptin (Roche spa) Forma farmaceutica: TRASTUZUMAB per l'indicazione: in associazione ad un inibitore dell aromatasi nel trattamento di pazienti in postmenopausa affetti da carcinoma mammario metastatico positivo per i recettori ormonali, non

Dettagli

MINI SCHEDA HTA AXITINIB (INLYTA )

MINI SCHEDA HTA AXITINIB (INLYTA ) 1/6 MINI SCHEDA HTA AXITINIB (INLYTA ) FARMACO IN ESAME Nome commerciale Inlyta Principio Attivo Axitinib Ditta Produttrice Pfizer Italia srl ATC L01XE17 Formulazione Compresse rivestite Dosaggio 1 mg

Dettagli

MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI )

MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI ) 1/7 MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI ) Nome Commerciale XALKORI Principio Attivo Crizotinib Ditta Produttrice Pfizer Italia Srl ATC L01XE16 Formulazione Capsule rigide Dosaggio 200 mg 250 mg Altri antineoplastici

Dettagli

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF) Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

Dettagli

Stato dell arte e prospettive della Target Therapy nei Tumori gastroenterici

Stato dell arte e prospettive della Target Therapy nei Tumori gastroenterici Percorsi e processi organizzativi nei trattamenti integrati dei tumori gastrointestinali Associazione Dossetti Roma, 25-26 ottobre 2011 Stato dell arte e prospettive della Target Therapy nei Tumori gastroenterici

Dettagli

REPORT HTA REGIONALE MECCANISMO D AZIONE E POSOLOGIA

REPORT HTA REGIONALE MECCANISMO D AZIONE E POSOLOGIA REPORT HTA REGIONALE Decisioni CTR Data riunione:17/04/2012 Decisione: Non Inserito Motivazioni: il farmaco, pur avendo dimostrato di prolungare la sopravvivenza di 2,4 mesi rispetto al fd mitoxantrone,

Dettagli

Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing. Data di inizio 24/07/2006

Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing. Data di inizio 24/07/2006 ALLEGATO A Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing Principio attivo ERLOTINIB (Tarceva ) SUNITINIB (Sutent ) SORAFENIB (Nexavar

Dettagli

CAPECITABINA (29-10-2008)

CAPECITABINA (29-10-2008) CAPECITABINA (29-10-2008) Specialità: Xeloda(Roche spa) Forma farmaceutica: 60 CPR 150 mg - Prezzo: euro 84.57 120 CPR 500mg - Prezzo: euro 561 ATC: L01BC06 Categoria terapeutica: Antineoplastici, antimetaboliti-analoghi

Dettagli

MINI SCHEDA HTA EVEROLIMUS (AFINITOR ) INDICAZIONE CARCINOMA MAMMARIO

MINI SCHEDA HTA EVEROLIMUS (AFINITOR ) INDICAZIONE CARCINOMA MAMMARIO 1/7 MINI SCHEDA HTA EVEROLIMUS (AFINITOR ) INDICAZIONE CARCINOMA MAMMARIO Nome Commerciale AFINITOR Principio Attivo everolimus Ditta Produttrice Novartis Farma spa ATC L01XE10 Formulazione Compresse Dosaggio

Dettagli

REPORT HTA REGIONALE. Decisioni CTR Data riunione: 20/02/2012 fd. Decisione: Inserito

REPORT HTA REGIONALE. Decisioni CTR Data riunione: 20/02/2012 fd. Decisione: Inserito REPORT HTA REGIONALE Decisioni CTR Data riunione: 20/02/2012 fd Decisione: Inserito CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO PRINCIPIO ATTIVO: Pazopanib NOME COMMERCIALE: Votrient DITTA PRODUTTRICE: Glaxosmithkline

Dettagli

REPORT HTA REGIONALE MECCANISMO D AZIONE E POSOLOGIA

REPORT HTA REGIONALE MECCANISMO D AZIONE E POSOLOGIA REPORT HTA REGIONALE Decisioni CTR Data riunione: 05/06/2013 e 23/11/2012 Decisione: farmaco inserito con nota Nota ufficiale: con compilazione della scheda di monitoraggio regionale fd CARATTERISTICHE

Dettagli

NSCLC - stadio iiib/iv

NSCLC - stadio iiib/iv I TUMORI POLMONARI linee guida per la pratica clinica NSCLC - stadio iiib/iv quale trattamento per i pazienti anziani con malattia avanzata? Il carcinoma polmonare è un tumore frequente nell età avanzata.

Dettagli

TRASTUZUMAB: trattamento adenocarcinoma metastatico dello stomaco e della giunzione gastro esofagea HER2+ (05/04/2011)

TRASTUZUMAB: trattamento adenocarcinoma metastatico dello stomaco e della giunzione gastro esofagea HER2+ (05/04/2011) TRASTUZUMAB: trattamento adenocarcinoma metastatico dello stomaco e della giunzione gastro esofagea HER2+ (05/04/2011) Specialità: HERCEPTIN(ROCHE) Forma farmaceutica: polvere per concentrato per soluzione

Dettagli

LINEE GUIDA ROL - COLON. Stadio I

LINEE GUIDA ROL - COLON. Stadio I Adenoma con displasia alto grado o severa Escissione locale LINEE GUIDA ROL - COLON segmentaria per lesioni non suscettibili di escissione locale Sostituisce carcinoma in situ o adenoma intramucoso. Stadio

Dettagli

Sorafenib indicazione epatocarcinoma (09-09-2008)

Sorafenib indicazione epatocarcinoma (09-09-2008) Sorafenib indicazione epatocarcinoma (09-09-2008) Specialità: Nexavar (Bayer spa) Forma farmaceutica: 112 compresse 200 mg - Prezzo: euro 5.305 ATC: L01XE05 Categoria terapeutica: Citostatici: inibitori

Dettagli

Gefitinib (23-09-2010)

Gefitinib (23-09-2010) Gefitinib (23-09-2010) Specialità: Iressa(Astrazeneca Spa) Forma farmaceutica: 30 CPR 250 mg - Prezzo: euro 3.615 ATC: L01XE02 Categoria terapeutica: Inibitori della proteina chinasi Fascia di rimborsabilità:

Dettagli

Specialità: Hycamtin (Glaxosmithkline Spa)

Specialità: Hycamtin (Glaxosmithkline Spa) TOPOTECAN per l'indicazione: pazienti affetti da carcinoma polmonare a piccole cellule recidivante per i quali non à considerato appropriato un ulteriore trattamento con il regime terapeutico di prima

Dettagli

SCHEDA FARMACO. (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro)

SCHEDA FARMACO. (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Dabrafenib (Tafinlar)

Dettagli

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE Erbitux 5 mg/ml soluzione per infusione 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Ogni ml di soluzione per infusione

Dettagli

Dr. Vittorio Ferrari U.O. Oncologia Medica A. Spedali Civili, Brescia

Dr. Vittorio Ferrari U.O. Oncologia Medica A. Spedali Civili, Brescia Dr. Vittorio Ferrari U.O. Oncologia Medica A. Spedali Civili, Brescia La crescita tumorale Classification Evoluzione dei trattamenti RR OS Sites of therapy STAGE II In colon cancer patients

Dettagli

16th World Conference on Lung Cancer (WCLC): highlights

16th World Conference on Lung Cancer (WCLC): highlights 16th World Conference on Lung Cancer (WCLC): highlights RISULTATI PRELIMINARI STUDIO ITACA Lo studio Itaca è uno studio multicentrico italiano di Fase III che confronta un trattamento chemioterapico tailored

Dettagli

PEMETREXED per il trattamento carcinoma polmonare non a piccole cellule. (Nuovo allargamento indicazione) (27-05-2009)

PEMETREXED per il trattamento carcinoma polmonare non a piccole cellule. (Nuovo allargamento indicazione) (27-05-2009) PEMETREXED per il trattamento carcinoma polmonare non a piccole cellule. (Nuovo allargamento indicazione) (27-05-2009) Specialità: Alimta (Eli lilly italia spa) Forma farmaceutica: 1 fl di polvere per

Dettagli

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma SEBASTIANO FILETTI Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche Università di Roma Sapienza, Roma La malattia tiroidea è in aumento negli ultimi anni. Quali le ragioni? Dati epidemiologici provenienti

Dettagli

Specialità: Avastin(Roche spa)

Specialità: Avastin(Roche spa) BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma renale avanzato e/o metastatico in combinazione con interferone alfa-2a. (09-09-2008) Specialità: Avastin(Roche spa)

Dettagli

Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA

Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA SEZIONE LOMBARDA Aggiornamenti 2011 Corso di aggiornamento per Tecnici di Laboratorio Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA Azienda Ospedaliera S. Antonio Abate

Dettagli

LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON

LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON DATA DI AGGIORNAMENTO: MARZO 2012 Adenoma con displasia alto grado o severa (1) Escissione locale completa endoscopica in unica escissione (non piecemeal) Resezione

Dettagli

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE Vectibix 20 mg/ml concentrato per soluzione per infusione. 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Ogni ml di

Dettagli

TAILOR AIFA TArceva Italian Lung Optimization trial

TAILOR AIFA TArceva Italian Lung Optimization trial H TAILR AIFA TArceva Italian Lung ptimization trial ttimizzazione dell erlotinib per il trattamento di pazienti con tumore del polmone avanzato non a piccole cellule: uno studio italiano randomizzato SISSI

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO PER IL PAZIENTE AFFETTO DA CARCINOMA DEL COLON E RETTO.

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO PER IL PAZIENTE AFFETTO DA CARCINOMA DEL COLON E RETTO. PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO PER IL PAZIENTE AFFETTO DA CARCINOMA DEL COLON E RETTO. A cura di Sara Lonardi, Francasaca Bergamo, Vittorina Zagonel L approccio multidisciplinare integrato è la migliore

Dettagli

CANCRO DEL COLON - Tab.1

CANCRO DEL COLON - Tab.1 CANCRO DEL COLON - Tab.1 Presentazione clinica Workup Soluzioni Polipo sessile o peduncolato con cancro invasivo Polipectomia Esame istologico Colonscopia Marcatura sede Campione integro, completamente

Dettagli

Tossicita da chemioterapia e differenze di genere. Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole

Tossicita da chemioterapia e differenze di genere. Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole Tossicita da chemioterapia e differenze di genere Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole Tumori e genere:quali dati? Pochi dati prospettici e da trials clinici

Dettagli

Anticorpi monoclonali Anti-EGFR. -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri. Valentina Anrò

Anticorpi monoclonali Anti-EGFR. -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri. Valentina Anrò Anticorpi monoclonali Anti-EGFR -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri Valentina Anrò Ruolo Biologico Epidermal Growth Factor Receptor Extracellular Domain Transmembrane Domain

Dettagli

Dott. Castellari Sigerio

Dott. Castellari Sigerio Dott. Castellari Sigerio Congresso Terapia Biologica delle patologie neoplastiche e degenerative a cura della Fondazione Di Bella Repubblica di San Marino 16 Gennaio 2010 1 Specialista in Oncologia Generale,

Dettagli

RACCOMANDAZIONE PER UN USO APPROPRIATO DEI FARMACI ONCOLOGICI AD ALTO COSTO

RACCOMANDAZIONE PER UN USO APPROPRIATO DEI FARMACI ONCOLOGICI AD ALTO COSTO RACCOMANDAZIONE PER UN USO APPROPRIATO DEI FARMACI ONCOLOGICI AD ALTO COSTO Raccomandazione n. 2 - Marzo 2011 INTRODUZIONE La presente Raccomandazione si pone come strumento metodologico di supporto a

Dettagli

Progetti di ricerca e collaborazioni

Progetti di ricerca e collaborazioni 2 Congresso Nazionale Firenze 12 14 Giugno 2014 Progetti di ricerca e collaborazioni La valutazione degli esiti nella pratica reale in oncologia: studio di sopravvivenza nel carcinoma del colon retto metastatico

Dettagli

NAB PACLITAXEL - ABRAXANE

NAB PACLITAXEL - ABRAXANE giunta regionale Allegato A al Decreto n. 291 del 7 ottobre 2015 pag. 1/8 Regione del Veneto Area Sanità e Sociale RACCOMANDAZIONI EVIDENCE BASED NAB PACLITAXEL - ABRAXANE Indicazione in esame: in associazione

Dettagli

RIASSUNTO DEL PROTOCOLLO DI SPERIMENTAZIONE CLINICA P.R.O.S.E.

RIASSUNTO DEL PROTOCOLLO DI SPERIMENTAZIONE CLINICA P.R.O.S.E. RIASSUNTO DEL PROTOCOLLO DI SPERIMENTAZIONE CLINICA P.R.O.S.E. pag 1 di 4 Randomized Proteomic Stratified Phase III Study of Second Line Erlotinib versus Chemotherapy in Patients with Inoperable Non Small

Dettagli

Terapia medica oncologica e radioterapia adiuvante

Terapia medica oncologica e radioterapia adiuvante RETTO TRATTAMENTO MEDICO 01 Terapia medica oncologica e radioterapia adiuvante DESCRIZIONE: Stima la proporzione di pazienti che effettuano una terapia medica oncologica e radioterapia post-intervento

Dettagli

LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA

LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA G.Lazzari, G. Silvano S. C. Radioterapia Oncologica ASL TA/ 1 - Taranto Taranto, 21 gennaio 2005 BACKGROUND Le formulazioni orali di chemioterapia

Dettagli

Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei

Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei Approccio multidisciplinare e medicina personalizzata Roberto Labianca Direttore Cancer Center AO Papa Giovanni XXIII Direttore DIPO Bergamo

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione

Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione Milano - Nonostante la sua aggressività è definito il tumore silenzioso. Data la sua scarsa pubblicizzazione, infatti,

Dettagli

Sinossi di studio clinico Codice: GECP06/01 Pag. 1 di 5

Sinossi di studio clinico Codice: GECP06/01 Pag. 1 di 5 Codice: GECP06/01 Pag. 1 di 5 Studio aperto randomizzato multicentrico di fase III di confronto tra il trattamento con Erlotinib (Tarceva ) e la chemioterapia nei pazienti affetti da carcinoma non a piccole

Dettagli

Disegno, misure di efficacia ed analisi dei trials clinici. 30-3-2005 Medicina e chirurgia, V anno, mod.ebm 1

Disegno, misure di efficacia ed analisi dei trials clinici. 30-3-2005 Medicina e chirurgia, V anno, mod.ebm 1 Disegno, misure di efficacia ed analisi dei trials clinici 30-3-2005 Medicina e chirurgia, V anno, mod.ebm 1 Check-list per la lettura di un protocollo di trial clinico Protocollo Definizione degli obiettivi

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Corso di Statistica Medica. I modelli di studio

Università del Piemonte Orientale. Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Corso di Statistica Medica. I modelli di studio Università del Piemonte Orientale Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Corso di Statistica Medica I modelli di studio Corso di laurea in medicina e chirurgia - Statistica Medica Disegno dello studio

Dettagli

Tipo ricetta: OSP-2 Tipo di registrazione: procedura centralizzata europea

Tipo ricetta: OSP-2 Tipo di registrazione: procedura centralizzata europea SORAFENIB RUOLO INCERTO Inibitori della proteina chinasi L01XE05 Nexavar Bayer 200 mg 112 cpr riv 3.214,71 (prezzo ex factory IVA esclusa) Sconto obbligatorio sulle forniture cedute alle strutture pubbliche

Dettagli

Years since Randomization No. at Risk 513 489

Years since Randomization No. at Risk 513 489 HER2Club in gastric cancer Obiettivi della terapia nel carcinoma gastrico metastatico e standard terapeutici. Carcinoma gastrico metastatico HER2-positivo: il ruolo di trastuzumab. Mario Scartozzi L ampliamento

Dettagli

Farmaci e scheduleinnovative

Farmaci e scheduleinnovative MALATTIA METASTATICA DEL CARCINOMA DEL GROSSO INTESTINO. TECNICHE E TERAPIE INNOVATIVE Sabato 29 ottobre 2011 - Aula Magna delle Nuove Cliniche II Sessione Trattamenti sistemici e approcci integrati: quali

Dettagli

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 I numeri del cancro in Italia 2015 Ministero della Salute - Roma 24 Settembre 2015 Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 Carmine Pinto Presidente Nazionale AIOM I quesiti per

Dettagli

SINOSSI DELLO STUDIO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO

SINOSSI DELLO STUDIO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO SINOSSI DELLO STUDIO TITOLO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO SPONSOR Sequenza ottimale di ormonoterapia in pazienti con carcinoma mammario metastatico ricadute dopo terapia

Dettagli

REPORT HTA REGIONALE MECCANISMO D AZIONE E POSOLOGIA

REPORT HTA REGIONALE MECCANISMO D AZIONE E POSOLOGIA REPORT HTA REGIONALE Decisioni CTR Data riunione: 17/04/2011 Decisione: Non Inserito Motivazioni: La Commissione non ritiene che il farmaco presenti un rapporto costo / efficacia favorevole fd in quanto

Dettagli

PERTUZUMAB - PERJETA

PERTUZUMAB - PERJETA giunta regionale Allegato C al Decreto n. 119 del 12 maggio 2015 pag. 1/9 Regione del Veneto Area Sanità e Sociale RACCOMANDAZIONI EVIDENCE BASED PERTUZUMAB - PERJETA Indicazione in esame: Pertuzumab (Perjeta

Dettagli

SINOSSI. Studio di Fase II: Obiettivo primario Determinare l attività antitumorale della combinazione in termini di tempo alla progressione

SINOSSI. Studio di Fase II: Obiettivo primario Determinare l attività antitumorale della combinazione in termini di tempo alla progressione SINOSSI TITOLO Studio di fase I-II con Lapatinib in combinazione con capecitabina e vinorelbina come seconda linea di trattamento in pazienti con carcinoma mammario con iperespressione di ErbB2 localmente

Dettagli

IL CARCINOMA DEL COLON-RETTO METASTATICO

IL CARCINOMA DEL COLON-RETTO METASTATICO Aggiornamenti dall ESMO 2006 Istanbul, 29 settembre - 3 ottobre IL CARCINOMA DEL COLON-RETTO METASTATICO primo incontro Andrea Bonetti, Stefano Cascinu, Alfredo Falcone, Evaristo Maiello, Alberto Zaniboni

Dettagli

CRIZOTINIB - XALKORI

CRIZOTINIB - XALKORI giunta regionale Allegato A al Decreto n. 253 del 28 agosto 2015 pag. 1/8 Regione del Veneto Area Sanità e Sociale RACCOMANDAZIONI EVIDENCE BASED CRIZOTINIB - XALKORI Indicazione in esame: é indicato per

Dettagli

ATAZANAVIR SOLFATO (03-07-2009)

ATAZANAVIR SOLFATO (03-07-2009) ATAZANAVIR SOLFATO (03-07-2009) Specialità: Reyataz (Bristol Myers Squibb) Forma farmaceutica: 60 cps 150 mg - Prezzo: euro 611.48 30 cps 300 mg - Prezzo: euro 611.48 ATC: J05AE08 Categoria terapeutica:

Dettagli

CABAZITAXEL - JEVTANA

CABAZITAXEL - JEVTANA giunta regionale Allegato F al Decreto n. 139 del 3 giugno 2015 pag. 1/7 Regione del Veneto Area Sanità e Sociale RACCOMANDAZIONI EVIDENCE BASED CABAZITAXEL - JEVTANA Indicazione in esame: in combinazione

Dettagli

Il punto di vista del clinico

Il punto di vista del clinico Il punto di vista del clinico Giulio Metro S.C. Oncologia Medica Ospedale Santa Maria della Misericordia, Azienda Ospedaliera di Perugia Registri di monitoraggio AIFA: stato dell arte ed esperienze a confronto

Dettagli

Trial clinici in oncologia. Corrado Magnani

Trial clinici in oncologia. Corrado Magnani Trial clinici in oncologia Corrado Magnani Check-list Protocollo Definizione degli obiettivi Chiarezza Aggiornamento rispetto alle conoscenze scientifiche Non replicazione / giustificazione Formulazione

Dettagli

Espressione di geni specifici per un determinato tumore

Espressione di geni specifici per un determinato tumore Espressione di geni specifici per un determinato tumore Paziente A: Non ha il cancro Espressione dei geni: Nessuna Biopsia Geni associati al cancro allo stomaco Paziente B: Ha un tumore allo stomaco Bassa

Dettagli

Marcatori classici. Colon. Mammella. Polmone. CEA Ca19-9. Ca15.3 CEA. CEA (adenocarcinoma) Cyfra (spinocellulare) NSE (microcitoma)

Marcatori classici. Colon. Mammella. Polmone. CEA Ca19-9. Ca15.3 CEA. CEA (adenocarcinoma) Cyfra (spinocellulare) NSE (microcitoma) Markers tumorali Colon CEA Ca199 Mammella Ca15.3 CEA Polmone CEA (adenocarcinoma) Cyfra (spinocellulare) NSE (microcitoma) Marcatori classici Problemi di interpretazione Bassa sensibilità Marcatore negativo

Dettagli

Trastuzumab emtansine (TDM-1)

Trastuzumab emtansine (TDM-1) Raccomandazioni evidence-based Trastuzumab emtansine (TDM-1) nel carcinoma della mammella avanzato A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione d uso n.33 (Pubblicato a ) Aggiornato

Dettagli

Marcatori molecolari prognostici. Milo Frattini Istituto cantonale di patologia Locarno

Marcatori molecolari prognostici. Milo Frattini Istituto cantonale di patologia Locarno Marcatori molecolari prognostici Milo Frattini Istituto cantonale di patologia Locarno Legnano 24.03.2009 Cancro colorettale - Epidemiologia Il cancro colorettale è la seconda causa di morte per malattie

Dettagli

I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese

I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese Daniela Furlan U.O. Anatomia Patologica, Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi, Varese Il

Dettagli

TRABECTEDINA (rivalutazione del 22 febbraio 2010)

TRABECTEDINA (rivalutazione del 22 febbraio 2010) TRABECTEDINA (rivalutazione del 22 febbraio 2010) Specialità: Yondelis (PharmaMar) ATC: L01CX01 Categoria terapeutica: Altri alcaloidi derivati da piante e prodotti naturali Fascia di rimborsabilità: Indicazioni

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Neoplasie dell apparato gastroenterico. Terapia medica

Neoplasie dell apparato gastroenterico. Terapia medica Neoplasie dell apparato gastroenterico Terapia medica Tumori del colon-retto COLON - Anatomia e vascolarizzazione FLESSURA EPATICA FLESSURA SPLENICA COLON TRASVERSO Mid colic a. Inf. mes. v. Sup. mes

Dettagli

nel carcinoma del pancreas esocrino metastatico (I linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO)

nel carcinoma del pancreas esocrino metastatico (I linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazioni evidence-based Nab-paclitaxel nel carcinoma del pancreas esocrino metastatico (I linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione d uso n. 40 Febbraio

Dettagli

Appunti di genomica e oncologia Importanza clinica delle mutazioni KRAS

Appunti di genomica e oncologia Importanza clinica delle mutazioni KRAS Appunti di genomica e oncologia Importanza clinica delle mutazioni KRAS Cos è il carcinoma colorettale Le neoplasie maligne dell intestino crasso e del retto sono collettivamente note con il nome di carcinoma

Dettagli

Titolo, oggetto e obiettivo del Progetto: Obiettivo Primario

Titolo, oggetto e obiettivo del Progetto: Obiettivo Primario Titolo, oggetto e obiettivo del Progetto: Studio clinico randomizzato, con gruppo di controllo, sull Agopuntura Tradizionale Cinese come Terapia di Supporto in pazienti sottoposti a trattamento Chemioterapico

Dettagli

Tumore del polmone (Non Small Cell Lung Cancer) Metastatico o non operabile. Erlotinib II linea di terapia. Raccomandazioni d'uso. Documento PTR n.

Tumore del polmone (Non Small Cell Lung Cancer) Metastatico o non operabile. Erlotinib II linea di terapia. Raccomandazioni d'uso. Documento PTR n. Documento PTR n.131 Raccomandazioni d'uso Tumore del polmone (Non Small Cell Lung Cancer) Metastatico o non operabile Erlotinib II linea di terapia A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO)

Dettagli

Cura personalizzata del tumore del colon-retto metastatico: Che cosa è importante sapere

Cura personalizzata del tumore del colon-retto metastatico: Che cosa è importante sapere Cura personalizzata del tumore del colon-retto metastatico: Che cosa è importante sapere In sintesi In passato: la cura del cancro era decisa sulla base della sede di origine della neoplasia (seno, intestino,

Dettagli

METILNALTREXONE BROMURO (08-06-2010)

METILNALTREXONE BROMURO (08-06-2010) METILNALTREXONE BROMURO (08-06-2010) Specialità: Relistor(Wyeth lederle spa) Forma farmaceutica: 7 FL SOTTOCUTE 12MG/0,6ML - Prezzo: euro 318.28 ATC: A06AH01 Categoria terapeutica: Antagonisti dei recettori

Dettagli

Trials clinici. Disegni di studio

Trials clinici. Disegni di studio Trials Clinici Dott.ssa Pamela Di Giovanni Studi descrittivi Disegni di studio Popolazioni Individui Studi analitici Osservazionali Sperimentali Studi di correlazione o ecologici Case report - Case series

Dettagli

La spesa economica a carico del SSN per la patologia carcinoma a cellule renali metastatico

La spesa economica a carico del SSN per la patologia carcinoma a cellule renali metastatico La spesa economica a carico del SSN per la patologia carcinoma a cellule renali metastatico Stefano Capri, Alessia Marocco IJPH - Year 9, Volume 8, Number 3, Suppl. 2, 2011 Revisione della letteratura

Dettagli

Commissione Regionale Farmaco (D.G.R. 1540/2006 e D.G.R. 490/2011) Documento relativo a: DEGARELIX

Commissione Regionale Farmaco (D.G.R. 1540/2006 e D.G.R. 490/2011) Documento relativo a: DEGARELIX Commissione Regionale Farmaco (D.G.R. 1540/2006 e D.G.R. 490/2011) Documento relativo a: DEGARELIX Aggiornamento Luglio 2015 Ottobre 2011 Indicazioni registrate Degarelix Il degarelix è indicato per il

Dettagli

Prof. Enrico Cortesi Dipartimento di Scienze Radiologiche, Oncologiche ed Anatomopatologiche, Università Sapienza, Policlinico Umberto I, Roma

Prof. Enrico Cortesi Dipartimento di Scienze Radiologiche, Oncologiche ed Anatomopatologiche, Università Sapienza, Policlinico Umberto I, Roma «INTEGRARE LE CONOSCENZE BIOLOGICHE/ONCOLOGICHE, CHIRURGICHE E RADIOTERAPICHE ALL INTERNO DELLA PRATICA CLINICA. ALGORITMI TERAPEUTICI PER LA GESTIONE IDEALE DELLA NEOPLASIA COLORETTALE METASTATICA» Prof.

Dettagli

Tumori: farmaco immunoterapico efficace contro cancro polmone

Tumori: farmaco immunoterapico efficace contro cancro polmone 1June2015 http://salute.agi.it/farmaci-eterapie/notizie/tumori_farmaco_immunoterapico_efficace_contro_cancro_polmone-201505291356-farrsa1015 Tumori: farmaco immunoterapico efficace contro cancro polmone

Dettagli

MINI SCHEDA HTA FIDAXOMICINA (DIFICLIR )

MINI SCHEDA HTA FIDAXOMICINA (DIFICLIR ) 1/10 MINI SCHEDA HTA FIDAXOMICINA (DIFICLIR ) Nome Commerciale DIFICLIR Principio Attivo Fidaxomicina Ditta Produttrice Astellas Pharma SpA ATC A07AA12 Formulazione Compresse rivestite Dosaggio 200 mg

Dettagli

Cancro del colon. Diagnosi del cancro del colon. Terapia del cancro del colon. [ Maurizio Pianezza 2008 - Tutti i diritti riservati]

Cancro del colon. Diagnosi del cancro del colon. Terapia del cancro del colon. [ Maurizio Pianezza 2008 - Tutti i diritti riservati] [ Maurizio Pianezza 2008 - Tutti i diritti riservati] Cancro del colon Il mio comportamento Diagnosi del cancro del colon - clisma Tc - coloscopia con biopsia - T-PET - markers tumorali Cea Ca 19.9 Ca

Dettagli

A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) (pubblicato a maggio 2014) Aggiornata alla pubblicazione della negoziazione AIFA (luglio 2014)

A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) (pubblicato a maggio 2014) Aggiornata alla pubblicazione della negoziazione AIFA (luglio 2014) Raccomandazioni evidence-based Pertuzumab Nel carcinoma mammario avanzato HER2/neu positivo (I linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione d uso n. 26 Settembre

Dettagli

Marcatori molecolari predittivi della risposta ad anticorpi monoclonali terapeutici contro EGFR in pazienti con carcinoma colorettale metastatico

Marcatori molecolari predittivi della risposta ad anticorpi monoclonali terapeutici contro EGFR in pazienti con carcinoma colorettale metastatico Marcatori molecolari predittivi della risposta ad anticorpi monoclonali terapeutici contro EGFR in pazienti con carcinoma colorettale metastatico Francesca Molinari Formazione interna Istituto cantonale

Dettagli

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57 LA TERAPIA METRONOMICA Per oltre mezzo secolo, la terapia sistemica per i tumori è stata caratterizzata dalla somministrazione dei farmaci chemioterapici. La maggior parte di questi farmaci ha lo scopo

Dettagli