5. Predisposizione genetica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "5. Predisposizione genetica"

Transcript

1 I QUADERNI DELLA BPCO 5. Predisposizione genetica alle BPCO LE BPCO COME SINDROMI A COMPONENTE GENETICA DI PESO VARIABILE Le malattie derivano da un interazione fra fattori esterni (ambientali) e fattori dell ospite: questo concetto, enunciato molti decenni orsono, è riapparso rafforzato dall avvento della medicina molecolare, le cui tecniche di biologia molecolare e di genetica hanno permesso una migliore comprensione dei meccanismi patogenetici che precedono e accompagnano le svariate manifestazioni patologiche. Una moderna visione di questo concetto considera che l interazione fra componente dell ospite (che equivale ai fattori costituzionali, cioè quelli condizionati dal corredo genetico) e componente ambientale si possa raffigurare come un continuum racchiuso fra due estremi: a uno di questi corrisponde un influenza genetica virtualmente assente, mentre nell altro la componente ambientale è virtualmente assente (figura 5.1). Esempi di disordini che si trovano al primo estremo sono i traumatismi o gli avvelenamenti, mentre paradigma di disordini che si trovano al secondo sono, per esempio, la fibrosi cistica, cioè quelle condizioni genetiche caratterizzate da un pattern di ereditarietà che segue le leggi di Mendel: poiché queste ultime sono dovute ad alterazioni che risiedono in un singolo gene, vengono anche definite come disordini monogenici. Tra questi due estremi si trova la maggioranza delle condizioni patologiche, nelle quali sia fattori ambientali sia fattori genetici contribuiscono alla loro patogenesi; la loro posizione nello spettro è in funzione del peso relativo giocato dai fattori ambientali e dai fattori genetici, rispettivamente. Questi disordini, che rappresentano la maggioranza delle condizioni patologiche e che sono di frequente riscontro, vengono definiti, sotto questo aspetto, come tratti complessi o disordini poligenici o multifattoriali 1. L interazione fra fattori ambientali e fattori genetici nell espressione fenotipica delle BPCO condiziona un importante fenomeno, definito tecnicamente come fenocopia. Ilquadro clinico di enfisema polmonare panacinare legato al deficit ereditario di 1-antitripsina (AAT) si rinviene in un discreto numero di soggetti nei quali il deficit di AAT non è presente. In altre parole, il medesimo fenotipo può essere legato a una condizione monogenica oauna situazione multifattoriale. Questa situazione, da una parte, rappresenta uno svantaggio, in quanto il fenotipo derivante dalla condizione monogenica si è confuso per molti anni con quello multifattoriale di più frequente riscontro, rendendo perciò ragione del relativo ritardo con cui il deficit di AAT è stato identificato. D altro canto, una chiara condizione genetica come il deficit di AAT rappresenta un indizio verso quali possibili geni coinvolti (geni candidati) è utile indirizzare la ricerca nello studio della componente genetica delle BPCO multifattoriali. Maurizio Luisetti, Sara Medaglia, Claudia Tamburnotti, Michele Zorzetto 69

2 IL VOLTO DELLA BPCO CHE CAMBIA QUADERNO 1 Figura 5.1 Contributo relativo di fattori ambientali e genetici in alcuni disordini comuni 1. BPCO multifattoriale (?) BPCO con deficit genetico di AAT Ambiente Geni Infezioni Cardiopatie congenite Diabete Schizofrenia Traumi Difetti teratogenici Coronaropatie Disordini monogenici GENETICA E STRATEGIE DI STUDIO DEI DISORDINI MONOGENICI E DI QUELLI MULTIFATTORIALI I disordini monogenici rappresentano solo una piccola parte delle patologie umane, ma sono anche quelle meglio conosciute dal punto di vista genetico per la relativa semplicità delle modalità di trasmissione. Essi, infatti, seguono le leggi mendeliane di ereditarietà, secondo modalità dominanti, recessive,o legate al sesso. Il processo di identificazione del gene responsabile è grandemente facilitato dalla conoscenza della proteina carente o disfunzionale. Come vedremo in seguito, le BPCO correlate al deficit ereditario di AAT rappresentano un classico esempio di questa condizione (genetica tradizionale o dalla proteina difettiva al gene difettivo). L identificazione di geni responsabili di malattia senza che si avesse la cognizione della proteina difettiva (genetica inversa o dal gene difettivo alla proteina difettiva) 2 è stata facilitata da variazioni naturali nella sequenza del DNA, i cosiddetti marcatori: RFLP (polimorfismi di lunghezza dei frammenti di restrizione, segmenti variabili fra gli individui) o STR (microsatelliti, più corti, fino a una singola base). I marcatori vengono utilizzati per l analisi di linkage, cioè una tecnica che prevede lo studio della co-ereditarietà nel DNA genomico in membri di famiglie (in cui la malattia in questione segreghi) del marcatore insieme con l espressione della malattia. Condizioni ideali per l applicazione dell analisi di linkage sono: un numero rilevante di famiglie con multipli soggetti affetti; perfetta co-segregazione di un dato marcatore genetico con l ereditarietà del fenotipo in questione. Queste condizioni presuppongono che il rischio relativo (RR, cioè rischio di ammalare per un consanguineo di un soggetto affetto diviso per il rischio nella popolazione generale) sia relativamente alto.tra i vari fattori sfavorevoli per l analisi di linkage, l incompleta penetranza di un dato allele (cioè l assenza del fenotipo in questione pur in presenza dell allele patologico) è di grande importanza nel deficit di AAT: come vedremo in seguito, circa il 30% dei soggetti omozigoti per l allele Z dell AAT non presenta alterazione della funzione respiratoria. Una volta ottenuta la mappatura cromosomica della regione dove risiede il gene responsabile,occorre procedere alla sua identificazione, mediante clonaggio, cioè a dire la sua riproduzione in molte copie identiche. Il clonaggio genico può avvenire, a seconda delle modalità di approccio all identificazione del gene, mediante clonaggio funzionale o clonaggio posizionale 3. I disordini multifattoriali, rispetto a quelli monogenici, sono caratterizzati pur sempre da un aggregazione familiare, ma in questo caso l ereditarietà non avviene secondo le leggi mendeliane. Un effetto genetico modesto, rispetto a quello riscontrabile nei disordini monogenici, si traduce ovviamente in un rischio relativo basso. È perciò comprensibile che l analisi di linkage tradizionale, che prevede larghi pedigree di soggetti affetti, è difficilmente applicabile a fa- 70

3 5. PREDISPOSIZIONE GENETICA ALLE BPCO miglie in cui è difficile trovare più di due membri affetti. Altri fattori limitanti l analisi di linkage sono la già ricordata incompleta penetranza, le fenocopie ambientali (forme di malattia indotte esclusivamente da fattori ambientali), l eterogeneità genetica (mutazioni in geni diversi possono produrre lo stesso fenotipo), l interazione genotipo-ambiente (influenze non additive genetiche e ambientali sullo sviluppo della malattia) e l effetto multiloco (più geni contribuiscono allo sviluppo della malattia). Ciò nondimeno, uno screening genomico seguito da clonaggio posizionale può essere perseguito anche nelle malattie multifattoriali, utilizzando la condivisione allelica (allele-sharing). Studiando coppie di parenti di primo grado affetti e sapendo che la condivisione allelica attesa è del 50%, in caso di un aumento significativo della condivisione, il gene è associato al disordine. Poiché per patologie come le BPCO, che insorgono in età adulta, può essere problematico raccogliere coppie di genitori-figli, si preferisce utilizzare le friatrie, cioè coppie di fratelli o sorelle affetti (affected sib pair analysis). La strategia è meno sensibile dell analisi di linkage, ma non presuppone la postulazione a priori del modello di ereditarietà. La seconda classe di strategie che possono essere prese in considerazione per lo studio delle malattie multifattoriali è quella definita come studi di associazione caso-controllo mediante geni candidati. In linea di massima questo approccio prevede lo studio di polimorfismi genetici in una popolazione composta da soggetti affetti non imparentati in confronto a una popolazione di controllo composta da soggetti sani non imparentati. La suscettibilità a un dato disordine deriva dall evidenza di differenze significative nelle frequenze alleliche o genotipiche fra le due popolazioni. Benché questo tipo di strategia sia considerata di grande valore nello studio della componente genetica dei disordini multifattoriali, dove, come sopra enunciato, l analisi di linkage presenta grosse limitazioni, occorre comunque considerare molte variabili, perché uno studio di associazione possa essere considerato attendibile. Queste, insieme con le possibili soluzioni dei problemi correlati, sono ricordate nella tabella È importante sottolineare che è essenziale conoscere, almeno in parte, le basi biochimiche della malattia, al fine di impostare lo studio su un gene il cui prodotto alterato o assente possa avere un razionale nella fisiopatologia del disordine. La comprensibile limitazione di questo approccio risiede nel fatto che: solo geni noti possono essere studiati; dei geni noti, solo i polimorfismi conosciuti che abbiano un razionale legato alla patogenesi del- Tabella 5.1 Problemi legati agli studi di associazione caso-controllo mediante geni candidati e loro possibile soluzione 4 Problema Quesito Possibile soluzione Scelta del gene candidato Stratificazione delle popolazioni Equilibrio di Hardy-Weinberg (H-W) Il gene è biologicamente candidato? Il gene è posizionalmente candidato? Casi e controlli sono armonizzati? I controlli sono realmente sani (importante per patologie asintomatiche o a breve vita)? I controlli sono stati esposti agli stessi fattori ambientali dei casi? Il gruppo di controllo è in equilibrio di H-W (*)? Dimostrazione di un effetto biologico (presupposta la conoscenza, almeno in parte, delle basi biochimiche della malattia) Precedente dimostrazione di linkage nell uomo (o in un modello animale) Casi e controlli devono appartenere allo stesso gruppo etnico Per ottenere una popolazione di controllo etnicamente armonizzata con quella patologica, può essere utile generarne una artificialmente, mediante selezione basata sui familiari L armonizzazione può essere anche valutata mediante genotipizzazione di marker polimorfici non legati al locus del gene candidato Calcolo dell equilibrio di H-W mediante test per 2 alleli o per alleli multipli Comparazioni multiple Quanti alleli sono stati studiati? Correzione di Bonferroni Quanti loci sono stati studiati? Stima empirica della significatività mediante simulazione *L equilibrio di Hardy-Weinberg indica che le frequenze geniche possono essere determinate direttamente dalle frequenze alleliche. 71

4 IL VOLTO DELLA BPCO CHE CAMBIA QUADERNO 1 la malattia andrebbero presi concretamente in considerazione. Ciò nondimeno, alcune osservazioni occasionali possono rivelarsi rilevanti per generare ipotesi patogenetiche innovative 6.Un punto importante (e come vedremo in seguito assume particolare rilevanza nello studio delle BPCO multifattoriali) è l esatta definizione del fenotipo in questione. Ciò è facilitato, per esempio, dalla possibilità della diagnosi istologica, come avviene in genere negli studi genetici sulla sarcoidosi 4. Sotto questo aspetto, l utilizzazione di un fenotipo clinico basato sui sintomi negli studi di epidemiologia genetica delle BPCO potrebbe rappresentare un fattore confondente. Secondo le linee guida più recenti, questo potrebbe essere sostituito vantaggiosamente dalla limitazione cronica del flusso aereo respiratorio. LE BPCO CORRELATE ALLA DEFICIENZA EREDITARIA DI AAT Il gene che codifica per l AAT è lungo 12,2 kb, composto da 7 esoni e localizzato sul cromosoma 14q32.1. Esso fa parte di un supergene, cioè di un gruppo di geni omologhi ( 1-antichimotripsina, globulina di legame per i corticosteroidi, inibitore della proteina C) 7. Il prodotto proteico del gene è una proteina di 52 kd, composta da 398 residui aminoacidici e 3 catene glucidiche, sintetizzata primariamente, ma non esclusivamente, dagli epatociti. La sua funzione primaria è quella di inibire le proteinasi seriniche e, tra queste, l elastasi neutrofila, verso la quale manifesta la K ass (costante di associazione) più alta. L AAT è una proteina estremamente pleiomorfa e almeno 49 varianti sono note 8, identificate in funzione delle loro caratteristiche di migrazione in focalizzazione isoelettrica (F = veloce, M = media, S = lenta, Z = molto lenta). La caratterizzazione delle varianti di AAT mediante questa metodica viene correntemente definita come fenotipizzazione; la genotipizzazione è invece la caratterizzazione a livello molecolare. Quest ultima è stata ottenuta praticamente in tutte le varianti note, con l identificazione delle rispettive mutazioni. La maggiore conseguenza funzionale delle mutazioni è che ogni allele mutato codifica per intrinseci livelli plasmatici di AAT (fenomeno della codominanza). Su questa base, gli alleli sono classificati in: normali (per esempio gli M normali): codificano per normali livelli plasmatici di AAT; deficitari (per esempio, Z o S) o disfunzionali (AAT Pittsburgh): codificano per ridotti livelli plasmatici di AAT o per una proteina con funzioni alterate 9. Da sottolineare che alcune varianti deficitarie migrano nell ambito delle AAT M e sono definite come Mlike; nulli:aat plasmatici indosabile. L aumentato rischio di ammalare di enfisema polmonare (e di altre patologie correlate al difetto ereditario di AAT, come le epatopatie) avviene per modalità mendeliane di tipo recessivo, cioè sono necessari due alleli nulli o deficitari ereditati dai genitori (25% di probabilità se entrambi i genitori sono eterozigoti). In pratica, i genotipi responsabili della malattia sono i seguenti: omozigosi ZZ (è il genotipo deficitario che si riscontra nel 95% dei soggetti portatori di deficit ereditario severo di AAT e si associa a livelli plasmatici di AAT che corrispondono al 15% di quelli normali) e Null Null o eterozigoti Z Null. Il genotipo SS codifica per livelli di AAT plasmatici che corrispondono al 40% dei valori normali e non si associa a rischio rilevante per lo sviluppo di enfisema; l allele S in eterozigosi con quello Z interagisce con l abitudine al fumo di sigaretta, aumentando considerevolmente il rischio di malattia 10. Negli ultimi anni sono stati compiuti notevoli progressi nelle conoscenze sui meccanismi molecolari che sottendono il deficit di AAT 8. Sono stati identificati errori nell espressione,traduzione e nei meccanismi di maturazione intracellulare dell AAT. Molte mutazioni nulle sono dovute all assenza di buona parte della regione genomica codificante per la proteina o ad anomalie nella maturazione o nella stabilità dell mrna. La mutazione Z, che consiste in una singola sostituzione aminoacidica (Glu 342 Lis), sarebbe responsabile della mancata formazione di un ponte salino tra questo residuo e la Lis 290, con conseguente esaltata tendenza della proteina a spontanea polimerizzazione e precipitazione a livello intracellulare 11. Il deficit ereditario di AAT è una condizione rara che interessa prevalentemente i soggetti caucasoidi di origine nord-europea. La sua incidenza è massima nei paesi scandinavi (dove verosimilmente è originata la mutazione Z), interessando 1 soggetto/1.600 nati vivi (frequenza genica 0,02-0,03) e nei soggetti nord americani (frequenza genica 0,01-0,02) 12. Esiste un gradiente nord sud, in quanto la frequenza tende a decrescere dalle regioni nord 72

5 5. PREDISPOSIZIONE GENETICA ALLE BPCO Europee verso quelle sud Europee (frequenza genica 0,009). Lo stesso tipo di gradiente si riscontra fra le regioni settentrionali e quelle meridionali del nostro paese: la condizione è particolarmente frequente nelle regioni dell arco sub-alpino (1 caso/3.500 soggetti), per scendere a 1/ nelle regioni meridionali 13. Un caso particolare è rappresentato dalla Sardegna, dove la mutazione Z è molto rara e i casi di deficit severo di AAT sembrano essere ascrivibili pressoché totalmente a varianti Mlike 14. Per ciò che attiene il rapporto genotipo/fenotipo, quest ultimo è relativamente eterogeneo: benché la maggioranza di soggetti omogenei per un allele difettivo (per esempio ZZ) manifesti un enfisema polmonare di tipo panacinare a insorgenza giovanile (2 a -4 a decade di vita), alcuni soggetti sono invece caratterizzati da altre varianti di BPCO, come bronchite cronica, bronchiectasie o spiccata iperreattività bronchiale 15.Quasi tutti questi soggetti sono dediti al fumo di sigaretta (interazione genotipo/ambiente) e la loro probabilità di sopravvivenza è decisamente inferiore a quella dei soggetti ZZ che non fumano (figura 5.2). È interessante notare come da larghe casistiche pubblicate emerga chiaramente che circa il 30% dei soggetti deficitari non presenta alcuna limitazione della funzione respiratoria, in alcuni casi anche in presenza di prolungata abitudine al fumo di sigaretta 17. In altre parole, il deficit ereditario di AAT è caratterizzato da un incompleta penetranza del gene. L applicazione di modelli matematici al deficit di AAT sembra mostrare che, al di là di un prevedibile effetto di fattori ambientali (fumo di sigaretta, infezioni in età infantile) che possono modificare il fenotipo (concetto già noto nell ambito della genetica delle malattie monogeniche), un secondo fattore genetico possa influenzare la funzione respiratoria in questa popolazione 18. In accordo con questo concetto, è stato recentemente segnalato che alcuni polimorfismi del gene che codifica per la sintasi endoteliale dell ossido nitrico si associano in modo significativo alla severità del danno polmonare (stimato dalla riduzione di VEMS e di DL CO ) in soggetti con deficit ereditario di AAT, suggerendo così un ruolo modulatorio per questo secondo fattore genetico 19. EVIDENZA DI UNA COMPONENTE GENETICA NELLE BPCO NON CORRELATE ALLA DEFICIENZA EREDITARIA DI AAT (O BPCO MULTIFATTORIALI) In ogni manuale di pneumologia o monografia sulle BPCO, i fattori di rischio per quest ultime vengono suddivisi fra fattori ambientali (fumo di sigaretta, inquinamento atmosferico, infezioni in età in- 1,0 Probabilità di sopravvivenza 1,8 1,6 1,4 1, Età (anni) Figura 5.2 Probabilità cumulativa di sopravvivenza, dopo che si sono raggiunti i 20 anni di età, in soggetti PiZZ svedesi fumatori e non fumatori, confrontati con tutti gli svedesi uomini e donne. Fumatori PiZZ uomini e donne (), non fumatori PiZZ uomini e donne (), tutti gli uomini svedesi ( ), tutte le donne svedesi ( )

6 IL VOLTO DELLA BPCO CHE CAMBIA QUADERNO 1 Tabella 5.2 Fattori dell ospite per lo sviluppo delle BPCO Razza / etnia Sesso Basso peso alla nascita Familiarità Deficienza congenita di AAT Atopia / iperreattività bronchiale Variabilità fenotipica Suscettibilità individuale al fumo di sigaretta (fumatori suscettibili vs fumatori resistenti) Suscettibilità individuale alle infezioni infantili fantile ecc.) e fattori dell ospite 20. Questi ultimi, identificabili come fattori individuali (condizionati, perciò, dall assetto genetico dell individuo) (tabella 5.2) rappresentano il razionale sul quale sono stati impostati gli studi di epidemiologia genetica e, in epoca più recente, quelli di genetica molecolare. La deficienza congenita di AAT, già discussa in dettaglio nel precedente paragrafo, è l unico fattore di rischio dell ospite per ammalare di BPCO accertato con sicurezza ed è quello più immediatamente percepibile come fattore genetico, per motivi ovvii. Ciò nondimeno, anche gli altri fattori elencati nella tabella 5.2 sottendono più o meno direttamente la compartecipazione rilevante di fattori genetici. Classicamente, l aggregazione familiare di un dato disordine viene interpretata come indizio di una componente genetica nella sua patogenesi. Esiste infatti una letteratura molto ricca sull aggregazione familiare delle BPCO, sulla maggiore incidenza di BPCO in parenti di soggetti affetti o, più semplicemente, sul controllo familiare dei livelli di funzione respiratoria. Per un analisi dettagliata di questo aspetto, si rimanda alla review di Sandford e collaboratori 21. Lo studio a lungo termine denominato Lung Health Study supporta l ipotesi che un accelerato declino dell FEV 1 possa essere messo in relazione alla presenza di iperreattività bronchiale 22. Secondo l ipotesi olandese sulla patogenesi delle BPCO, quest ultima, insieme con l atopia (elevati livelli di IgE), rappresenta il fattore costituzionale che indirizza l effetto del fumo verso lo sviluppo di BPCO o asma. Anche il sesso è stato dimostrato giocare un ruolo sullo sviluppo della malattia. A questo proposito, è interessante notare che studi datati mostravano concordemente una maggiore suscettibilità nei soggetti maschi che in quelli di sesso femminile 23 ;recenti osservazioni,che saranno discusse più avanti, sembrano invece ribaltare questo concetto. Infine, è noto come il termine BPCO sottenda una sorta di vaso di Pandora in cui viene alloggiata una serie di condizioni cliniche (o, per essere più ottimisti, uno spettro di condizioni cliniche) che in comune hanno la tosse, la produzione di espettorato, la dispnea, la limitazione del flusso aereo e l alterazione degli scambi gassosi 24,ma che si esprimono sul piano clinico con quadri fenotipici molto diversi. In considerazione dell evidenza che un unico fattore ambientale maggiore (cioè il fumo di sigaretta) sia sicuramente promotore di queste diverse espressioni cliniche, dobbiamo allora ritenere che sia il substrato individuale a indirizzare la risposta verso un dato fenotipo piuttosto che verso un altro. È altresì verosimile che anche i fattori ambientali esprimano il loro ruolo di danno su un tessuto costituzionale. È infatti noto da tempo che solo una minoranza di soggetti fumatori sviluppa una BPCO (fumatori suscettibili), mentre gli altri sviluppano al più una bronchite non ostruttiva (fumatori resistenti) 25 o altre affezioni. È verosimile che, a parità di esposizione al fumo, siano i fattori genetici a rendere il soggetto suscettibile (o resistente) agli effetti del fumo e a condizionare il tipo di effetto. Concetto analogo può essere applicato alla suscettibilità alle infezioni respiratorie contratte nell infanzia,ulteriore probabile fattore ambientale di rischio per le BPCO. Infine, anche differenze razziali sembrano giocare un ruolo nella suscettibilità ai danni del fumo: i soggetti americani di discendenza asiatica, per esempio, sono meno suscettibili di quelli caucasoidi 26.Differenze razziali o etniche nell epidemiologia di un disordine sono classicamente riportate come fattore probante di una componente genetica 5. STUDI GENETICI SULLE BPCO MULTIFATTORIALI Cronologia Possiamo datare l inizio degli studi sulla componente genetica delle BPCO multifattoriali verso la metà degli anni 70: a questo periodo risalgono infatti i primi studi, indirizzati verso: marcatori che possiamo definire genericamente come immunogenetici; studi sulla prevalenza dei fenotipi intermedi dell AAT (MZ e MS). Questi ultimi rappresentano i primi studi con un gene candidato. Fino a metà degli anni 80 vengono utilizzate metodi- 74

7 5. PREDISPOSIZIONE GENETICA ALLE BPCO che sierologiche, mentre a partire da questa data vengono introdotte le tecniche molecolari (il primo lavoro in questo senso viene pubblicato nel 1987) 27.È altresì interessante sottolineare che fino a oggi non sono stati riportati in letteratura studi familiari di linkage, ma esclusivamente studi di associazione caso-controllo. A studi familiari sono state finora applicate esclusivamente indagini di epidemiologia genetica, retrospettive 28,29 o prospettiche 30.La prima review sistematica sulla genetica delle BPCO viene pubblicata nel , seguita a breve intervallo da altre due 21,32.A queste si rimanda il lettore desideroso di approfondimenti. Marcatori immunogenetici Svariati studi hanno messo in relazione i gruppi sanguigni (geni del sistema AB0, secretore e di Lewis) con le BPCO. In uno studio longitudinale, il gruppo A era associato a declino significativo della funzione respiratoria 33, ma svariati altri studi (riassunti in 20) non sono stati in grado di confermare questo dato. Per esempio, Kaufmann e collaboratori hanno evidenziato in soggetti non fumatori con bassi livelli di FEV 1,rispetto a fumatori resistenti, un aumentata frequenza dello stato ABH non-secretore nell ambito del gruppo 0 (OR 15.6) 34.Nello stesso studio veniva riportata anche un associazione con l antigene HLA di classe I B7 (OR 3.8), ma nessuna associazione con varianti sierologiche della globulina di legame della vitamina D (Gc). Quest ultimo marcatore, che potrebbe avere una relazione con le proprietà chemotattiche dei neutrofili, è stato recentemente riesaminato a livello molecolare: l allele Gc2 sembra avere un ruolo protettivo verso le BPCO (OR 0.17) 35. Geni candidati Con questo termine facciamo riferimento a quei geni che, allo stato attuale delle nostre conoscenze, hanno un razionale legato alle ipotesi patogenetiche delle BPCO. I principali geni investigati, suddivisi in funzione delle teorie accreditate sulla patogenesi delle BPCO, sono riassunti nella tabella 5.3. AAT Come premesso all inizio di questo paragrafo, svariati studi caso-controllo hanno esaminato la prevalenza dei fenotipi difettivi intermedi (MZ e MS) in popolazioni di soggetti BPCO. I risultati sono contrastanti, in quanto alcuni di questi studi hanno evidenziato un associazione per il fenotipo MZ (con OR variabili fra 1.5 e 5.0), mentre altri non hanno evidenziato un aumentato rischio. Questi la- Tabella 5.3 Teorie patogenetiche delle BPCO e relativi geni candidati significativamente associati Teoria - gene candidato Mutazione/polimorfismo Ref. Squilibrio proteinasi inibitori α1-antitripsina Glu 342 Lis (Z) G1237A (Taq I) (21,36,37) (27,38-40) α1-antichimotripsina diversi (41-44) Ossidazione / detossificazione Epossido idrolasi microsomiale Tyr113 His His139 Arg GlutationeS tranferasi P1 Ile105 Val (48) (45-47) (46,47) Glutatione S transferasi M1 delezione (null) (47,49) Eme ossigenasi 1 (GT) n 5 polimorfismo (50) Ipotesi immunologia Tumor necrosis factor Ipotesi inglese (ipersecrezione) CFTR TNF 308 LtαNcoI F508 diversi (51-54) (53) (55,58) (56,57) 75

8 IL VOLTO DELLA BPCO CHE CAMBIA QUADERNO 1 vori sono stati esaminati in dettaglio da Sandford e collaboratori 21.Recentemente, in una casistica di 193 soggetti BPCO,Sandford e collaboratori 36 hanno rinvenuto un eccesso significativo di allele Z rispetto ai controlli. In un altro contributo, lo stesso allele è stato rinvenuto significativamente associato a un aumentato rischio di ricovero per BPCO (RR 3.4) solo in parenti di primo grado di soggetti ZZ 37. Notevole interesse ha destato negli ultimi anni una mutazione della regione fiancheggiante 3 del gene AAT. Questa mutazione (G1237A, denominata anche polimorfismo Taq I, dal nome dell enzima di restrizione che la evidenzia) è responsabile in vitro di una ridotta capacità delle cellule di incrementare la sintesi di AAT in risposta agli stimoli infiammatori acuti. Come conseguenza, i portatori della mutazione sarebbero meno protetti durante i processi infiammatori polmonari. I dati sulla frequenza della mutazione G1237A nelle popolazioni di BPCO sono contrastanti: aumenti significativi sono stati riportati fra soggetti britannici 27 e tedeschi 38, ma non fra canadesi 39 e italiani antichimotripsina Questa proteina è l inibitore preferenziale della catepsina G,e sue deficienze congenite potrebbero avere lo stesso ruolo di quelle dell AAT. Sono stati descritti svariati polimorfismi e mutazioni nel gene dell 1-antichimotripsina, ma a seguito di iniziali sporadiche descrizioni in popolazioni tedesche di BPCO 41,42,i risultati non sono stati replicati in canadesi 43 né in italiani 40.Al contrario, un recente lavoro giapponese riporta un aumentato rischio per i soggetti BPCO relativamente al polimorfismo del peptide segnale 15 (OR = 2.7) 44. Miscellanea Mutazioni sono state descritte sia in altri inibitori ( 2-macroglobulina, SLPI) e in proteinasi (catepsina G): queste non sono mai state messe in relazione con le BPCO 32. Epossido idrolasi microsomiale L epossido idrolasi microsomiale appartiene a una famiglia di enzimi disintossicanti che metabolizza gli intermedi epossidi che si formano con il fumo di sigaretta. Una variante di questo gene (Tyr113 His) conferisce all enzima un innata lenta attività detossificante. Questa variante è stata trovata significativamente associata alle BPCO (OR 4.1) e all enfisema polmonare (OR 5.0) in uno studio britannico 45.Il dato non è stato replicato però in giapponesi 46 e coreani 47 ; questi ultimi due studi hanno inoltre esaminato un ulteriore regione polimorfica delle stesso gene (Tyr139 Arg), con lo stesso risultato negativo. Glutatione S transferasi (GST) Con questo termine si identifica una famiglia di enzimi che catalizzano la coniugazione del glutatione ridotto con vari composti nucleofili. Anche in questo caso, il ruolo biologico viene svolto nella detossificazione del fumo di sigaretta. Un polimorfismo del GST P1 (Ile105 Val) è risultato significativamente associato a BPCO in giapponesi (OR 3.5) 48, così come una variante null del gene GST M1 è stata associata a enfisema in pazienti britannici 49. Quest ultimo dato non è stato però replicato in pazienti coreani, così come la delezione null del gene GST T1 47. Eme ossigenasi-1 In questo enzima ad attività antiossidante una ripetizione dinucleotidica nella regione fiancheggiante 5 [(GT) n ] appare polimorfa nella lunghezza e può modulare il trascritto del gene sotto condizioni di stress. In una popolazione di soggetti giapponesi con enfisema la variante più lunga è risultata significativamente associata alla malattia e può tradursi in una ridotta inducibilità del gene da parte degli ossidanti del fumo di sigaretta 50. Tumor necrosis factor (TNF) È noto come le BPCO siano caratterizzate da un notevole grado di infiammazione delle vie aeree e che la citochina pro-infiammatoria TNF possa giocare un ruolo sotto questo aspetto. I geni che codificano per il TNF- e per la linfotossina (precedentemente identificata con il TNF- ) sono caratterizzati da un polimorfismo [nella regione del promotore del gene per il TNF- (TNF 308) e nel primo introne del gene per la linfotossina (Lt NcoI)], nel quale uno dei due alleli (TNF-308*2 e Lt NcoI*1) è associato a una produzione più elevata della citochina.il primo studio disponibile in questo campo, condotto su 42 soggetti con bronchite cronica a Taiwan, ha mostrato un associazione significativa della malattia con 76

9 5. PREDISPOSIZIONE GENETICA ALLE BPCO l allele TNF 308 (OR 11.1) 51.Tale dato non è stato replicato in due popolazioni caucasoidi: in soggetti BPCO britannici 52 (dove non è stata identificata neppure una correlazione con il grado di severità della limitazione al flusso aereo né con la gravità dell enfisema) e in soggetti COPD italiani 53. In quest ultimo studio è stato anche esaminato l allele Lt NcoI*1, con risultato parimenti negativo. Un ulteriore studio britannico 54 ha confermato l assenza di associazione tra BPCO e polimorfismo TNF 308, ma i soggetti omozigoti per l allele TNF 308 mostravano un ostruzione meno reversibile e un aumentata mortalità, suggerendo che questo genotipo, all interno della popolazione BPCO, sia associato a una prognosi peggiore. Cystic fibrosis transmembrane conductance regulator (CFTR) Poiché le mutazioni del gene della fibrosi cistica, che si traducono in alterazioni quantitative del prodotto (la proteina CFTR), rappresentano il primum movens che porta all instaurazione del circolo vizioso responsabile delle alterazioni del muco tipiche della fibrosi cistica, lo studio di questo gene trova un razionale nell ipotesi inglese delle BPCO, cioè l ipersecrezione di muco bronchiale. In un primo lavoro, la mutazione F508 (cioè la mutazione più frequentemente associata alla fibrosi cistica) è stata riportata significativamente associata a un generico fenotipo di ipersecrezione bronchiale cronica 55. Studi successivi, però, condotti con fenotipi più dettagliati e con ampio spettro di mutazioni studiate, hanno ridimensionato il ruolo del gene CFTR nelle BPCO: le frequenze delle mutazioni non sono diverse dall atteso nelle BPCO 56,57.Questi lavori, se da una parte indicano che il gene CFTR rappresenta un rischio genetico per le bronchiectasie disseminate a causa sconosciuta, dall altra confermano la nostra ipotesi iniziale, cioè che il gene CFTR non è verosimilmente coinvolto nella patogenesi delle BPCO 58. CONCLUSIONI E FUTURE DIREZIONI DI RICERCA Una revisione critica di quanto riportato in questo capitolo ci permette di tracciare alcune conclusioni e considerazioni e di ipotizzare future linee di ricerca. È fuori di dubbio che i lavori riportati indichino evidenza di una componente genetica nelle BPCO multifattoriali. È altresì evidente che il livello maggiore di evidenza si ottiene dagli studi di epidemiologia genetica che, mediante l applicazione di modelli matematico-statistici, indicano, accanto all azione di fattori ambientali, la presenza di una componente genetica. Il livello di evidenza scende quando ci trasferiamo dall epidemiologia genetica alla genetica molecolare: nessuno studio di associazione caso-controllo mediante geni candidati che dimostra una associazione fra un dato allele e le BPCO è stato replicato, in gruppi etnici diversi o addirittura all interno ella stessa etnia. È possibile che alla base di questo fenomeno esista un eterogeneità genetica, cioè che uno stesso fenotipo sia provocato da più geni: ciò potrebbe rendere ragione dei risultati contrastanti, tenendo conto del fatto che i geni studiati hanno basi teoriche sufficientemente solide per essere considerati come candidati per le BPCO. In altre parole, è possibile che il background genetico abbia selezionato, per esempio, il TNF in una popolazione asiatica, ma che ciò non sia vero per quelle caucasoidi. Occorre però fare alcune considerazioni: 1) pochi studi hanno tenuto in conto, nella scelta della numerosità delle popolazioni, della frequenza di una data mutazione nella popolazione generale.è cioè possibile che questi studi non abbiano una potenza tale da verificare una deviazione dalla norma nella popolazione di affetti; 2) buona parte degli studi non hanno prestato particolare attenzione alla stratificazione delle popolazioni, con l eccezione dell armonizzazione etnica (e questa non è specificata in tutti gli studi). Pochi studi hanno verificato potenziali fattori confondenti, quale un eguale esposizione al fattore ambientale fra le due popolazioni e la presenza di fenotipi intermedi 4.A questo proposito, è importante sottolineare che un ulteriore possibile fattore confondente qualora si prenda in considerazione la suscettibilità genetica al fumo di sigaretta (interazione genotipo/ambiente) è il ruolo di quest ultimo nell inducibilità dell espressione di alcuni geni. È stato infatti dimostrato in frammenti di polmone che il fumo attivo altera l espressione di alcuni geni sopra menzionati, come l epossido idrolasi o 77

10 IL VOLTO DELLA BPCO CHE CAMBIA QUADERNO 1 il GST e che tale effetto tende a ridursi man mano che si allunga il periodo di sospensione del fumo prima del prelievo 59. In altre parole, l effetto di un dato gene biologicamente candidato può essere legato non solo ad alterazioni strutturali delle sua sequenza, ma anche alla regolazione della sua espressione da parte dei fattori ambientali. Questa possibilità avvalora ulteriormente la necessità di un accurata stratificazione delle popolazioni; 3) un punto dolente, che però viene giustificato dall intrinseca definizione delle BPCO, è l insufficiente definizione del fenotipo. In altre parole, la definizione della popolazione sotto studio è vaga e ciò limita grandemente uno studio genetico. Come esempio negli studi familiari, il fenotipo familiare bronchite cronica nei confronti del fenotipo tosse espettorazione dà un RR di 1,42 nei soggetti fumatori e di 1,69 nei non fumatori 29.Quando il fenotipo definito è quello di soggetti probandi di sesso femminile, con ostruzione severa ed esordio giovanile della malattia, il rischio familiare di manifestare bassi livelli di FEV 1 o segni di bronchite cronica sale a Ovvia è la domanda che scaturisce da queste considerazioni: è possibile prevedere in un futuro, più o meno prossimo, una migliore definizione della componente genetica delle BPCO multifattoriali? Forse. Alcune tappe per giungere a questo obiettivo ci sembrano importanti: 1) sviluppo di modelli nell animale di BPCO, con applicazione di microarrays per lo studio di pattern di geni espressi durante lo sviluppo dell enfisema. Questa strategia potrà migliorare le nostre conoscenze sui geni candidati; 2) definizione il più possibile precisa dei fenotipi da investigare. In questo senso lo studio di Silverman è illuminante 30 : il fenotipo femmina non era sicuramente atteso, sulla scorta dei precedenti dati epidemiologici (vedi sopra) e suggerisce una particolare suscettibilità genetica legata al sesso. Altri fenotipi andranno studiati, per esempio enfisema panacinare verso enfisema centroacinare verso enfisema misto ecc.; 3) una volta identificato un fenotipo con rilevanza familiare, sarà possibile applicare studi di linkage, con qualche probabilità di successo; 4) negli studi di associazione caso-controllo con geni candidati, grande attenzione dovrà essere riposta nella stratificazione delle popolazioni sotto esame. Lo sforzo richiesto è sicuramente notevole, ma comunque necessario per uscire da una fase pionieristica. Solo un approccio integrato fra epidemiologici, statistici, biologici molecolari, genetisti e clinici permetterà di raggiungere questo ambizioso obiettivo. BIBLIOGRAFIA 1. Kingston HM: Genetics of common disorders. Br Med J 1989; 298: Levitt RC: Molecular genetic method for mapping disease genes. Am J Respir Crit Care Med 1994; 150:S94-S Pignatti PF: Glossario delle strategie per lo studio di geni responsabili di malattie. In Balbi B, Luisetti M (Ed.): Genetica delle malattie respiratorie. Edi AIPO Scientifica, Pisa 2000; Silverman EK e Palmer LJ: Case-control association studies for the genetics of complex respiratory diseases. Am J Respir Cell Mol Biol 2000; 22: Besag J e Clifford P: Sequential Monte Carlo p-values. Biometrika 1991; 78: Luisetti M, Beretta A, Casali L: Genetic aspects in sarcoidosis. Eur Respir J 2000; 16: Hay JG, Suzuki M, Crystal RG: Alpha1-antitrypsin gene and promoter. In: Crystal RG (Ed.): Alpha1- antitrypsin Deficiency. Marcel Dekker, New York 1996; Brantly M: Alpha1-antitrypsin genotypes and phenotypes. In Crystal RG (Ed): Alpha1-antitrypsin Deficiency. Marcel Dekker, New York 1996; Owen MC, Brennan SO, Lewis JH et al: Mutation of antitrypsin to antithrombin in alpha1-antitrypsin Pittsburgh (358 Met to Arg) leads to a fatal bleeding disorder. N Engl J Med 1983; 309: Turino GM, Baker AF, Brantly ML et al: Clinical features of individuals with PI SZ phenotype of alpha1-antitrypsin deficiency.am J Respir Crit Care Med 1996; 154: Lomas DA e Carrell RW: A protein structural approach to the solution of biological problems: 1- antitrypsin as a recent example. Am J Physiol 1993; 265:L211-L Mc Elvaney NG e Crystal RG: Clinical manifestations of 1-AT deficiency. In Crystal RG (Ed): Alpha1-antitrypsin Deficiency. Marcel Dekker, New York: 1996;

11 5. PREDISPOSIZIONE GENETICA ALLE BPCO 13. Luisetti M, Massi G, Massobrio M et al: for the Gruppo IDA: A national program for detection of 1-antitrypsin deficiency in Italy.Respir Med 1999; 93: Coni P, Corrias S, Sanna G et al: Screening-the sardinian programme: relevance of M-like alpha-1-antitrypsin deficiency variant associated with liver and/or lung disesae. In Luisetti M, Stockley RA (Ed): Alpha1-antitrypsin Deficiency. The Biochemical Basis of Pulmonary Emphysema. Centro Stampa Star, Pavia 2000; Eden E, Mitchell D, Mehlman B et al: Atopy, asthma, and emphysema in patients with severe -1- antitrypsin deficiency. Am J Respir Crit Care Med 1997; 156: Larsson C: Natural history and life expectancy in severe alpha1-antitrypsin deficiency, Pi Z.Acta Med Scand 1978; 204: Silverman EK, Pierce JA, Province MA et al:variability of pulmonary function in alpha-1-antitrypsin deficiency: clinical correlates. Ann Intern Med 1990; 111: Silverman EK, Province MA, Campbell EJ et al:variability of pulmonary function in alpha-1-antitrypsin deficiency: residual family resemblance beyond the effect of the Pi locus. Hum Ered 1990; 40: Novodarovsky A, Brantly ML, Waclawiw MA et al: Endothelial nitric oxide synthase as a potential susceptibility gene in the pathogenesis of emphysema in 1-antitrypsin deficiency. Am J Respir Cell Mol Biol 1999; 20: Viegi G, Baldacci S, Chiaffi L et al: Incidenza e fattori di rischio. In C. Giuntini (Ed): La Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva. Primula Multimedia, Pisa 2000; Sandford AJ,Weir TD, Paré PD: Genetic risk factors for chronic obstructive pulmonary disease. Eur Respir J 1997; 10: Anthonisen NR, Connett JE, Kiley JP et al: Effects of smoking intervention and the use of an inhaled anticholinergic bronchodilator on the rate of decline of FEV 1.JAMA 1994; 272: Buist AS e Vollmer WM: Smoking and other risk factors. In Murray JF, Nadel JA (Ed): Textbook of Respiratory Medicine. WB Saunders Company, Philadelphia 1994; Ferguson GT e Cherniack RM: Management of chronic obstructive pulmonary disease. N Engl J Med 1993; 328: Snider GL, Faling J, Rennard SI: Chronic bronchitis and emphysema.in Murray JF,Nadel JA (Ed): Textbook of Respiratory Medicine. WB Saunders Company, Philadelphia 1994; Marcus EB, Buist AS, Curb JD et al: Correlates of FEV 1 and prevalence of pulmonary conditions in Japanese-American men.am Rev Respir Dis 1988; 138: Kalsheker NA, Hogdson IJ, Watkins GL et al: Deoxyribonucleic aci (DNA) polymorphism in the 1-antitrypsin gene in chronic lung disease.br Med J 1987; 294: Givelber RJ, Couropmitree NN, Gottlieb DJ et al: Segregation analysis of pulmonary function among families in the Framingham study.am J Respir Crit Care Med 1998; 157: Carrozzi L, Rjicken B, Burney P et al: Family history for chronic lung diseases and epidemiological determinants of COPD in three European countries. Eur Respir Rev 2001 (in stampa). 30. Silverman EK, Chapman HA, Drazen JM et al: Genetic epidemiology of severe, early-onset chronic obstructive pulmonary disease. Risk to relatives for airflow obstruction and chronic bronchitis. Am J Respir Crit Care Med 1998; 157: Luisetti M e Pignatti PF:The search for susceptibility genes of COPD. Monaldi Arch Chest Dis 1995; 50: Barnes PJ: Molecular genetics of chronic obstructive pulmonary disease. Thorax 1999; 54: Beatty TH, Menkes HA, Cohen BH et al: Risk factors associated with longitudinal change in pulmonary function. Am Rev Respir Dis 1984; 129: Kauffmann F, Kleisbauer JP, Cambon-de-Mouzon A et al: Genetic markers in chronic air-flow limitation. A genetic epidemiology study. Am Rev Respir Dis 1983; 127: Schellenberg D, Paré PD, Weir T et al: Vitamin D binding protein variants and risk of COPD. Am J Respir Crit Care Med 1996; 153: Sandford AJ,Weir TD, Spinelli JJ et al: Z and S mutations of the 1-antitrypsin gene and the risk of chronic obstructive pulmonary disease. Am J Respir Cell Mol Biol 1997; 20: Seersholm N,Wilcke JTR, Kok-Jensen A et al: Risk of hospital admission for obstructive pulmonary disease in 1-antitrypsin heterozygotes of phenotype PiMZ. Am J Respir Crit Care Med 2000; 161: Poller W, Maison C, Olek K: DNA polymorphism in the 1-antitrypsin gene region in patients with 79

12 IL VOLTO DELLA BPCO CHE CAMBIA QUADERNO 1 chronic obstructive pulmonary disease. Eur J Clin Invest 1990; 20: Sandford AJ, Spinelli JJ, Weir TD et al: Mutation in the 3 flanking region of the 1-antitrypsin gene and chronic obstructive pulmonary disease. J Med Genet 1997; 34: Benetazzo MG, Gilé SL, Bombieri C et al: 1-antitrypsin Taq I polymorphism and 1-antichymotrypsin mutations in patients with obstructive pulmonary disease. Respir Med 1999; 93: Poller W, Faber JP, Weidinger S et al: A leucine-toproline substitution causes a defective 1-antichymotrypsin allele associated with familial obstructive lung disease. Genomics 1993; 17: Poller W, Faber J,Weidinger S et al: Mis-sense mutation of 1-antichymotrypsin gene associated with chronic lung disease. Lancet 1992; 339: Sandford AJ, Chagani T, Weir TD et al: Alpha1-antichymotrypsin mutations in patients with chronic obstructive pulmonary disease. Dis Markers 1998; 13: Ishii T, Matsuse T, Teramoto S et al: Association between alpha-1-antichymotrypsin polymorphism and susceptibility to chronic obstructive pulmonary disease. Eur J Clin Invest 2000; 30: Smith CAD, Harrison DJ: Association between polymorphism in gene for microsomal epoxide hydrolase and susceptibility to emphysema. Lancet 1997; 350: Takeyabu K,Yamaguchi E, Suzuki I et al: Gene polymorphism for microsomal epoxide hydrolase and susceptibility to emphysema in a Japanese population. Eur Respir J 2000; 15: Yim JJ, Park GY, Lee CT et al: Genetic susceptibility to chronic obstructive pulmonary disease in Koreans: combined analysis of polymorphic genotypes for microsomal epoxide hydrolase and glutathione S-transferase M1 and T1.Thorax 2000; 55: Ishii T, Matsuse T,Teramoto S et al: Glutathione S- transferase P1(GSTP1) polymorphism in patients with chronic obstructive pulmonary disease.thorax 1999; 54: Harrison DJ, Cantlay AM, Rea F et al: Frequency of glutathione S transferase M1 deletion in smokers with emphysema and lung cancer. Hum Exp Toxicol 1997; 16: Yamada N,Yamaya M, Okinaga et al: Microsatellite polymorphism in the heme oxygenase 1 gene promoter is associated with susceptibility to emphysema. Am J Hum Genet 2000; 66: Huang SL, Su CH, Chang SC:Tumor necrosis factor- gene polymorphism in chronic bronchitis.am J Respir Crit Care Med 1997; 156: Higham MA, Pride NB, Alikhan A et al:tumor necrosis factor- gene promoter polymorphism in chronic obstructive pulmonary disease. Eur Respir J 2000; 15: Patuzzo C, Gilé LS, Zorzetto M et al:tumor necrosis factor gene complex in COPD and disseminated bronchiectasis. Chest 2000; 117: Keatings VM, Cave SJ, Henry MJ et al: A polymorphism in the tumor necrosis factor- gene promoter region may predispose to a poor prognosis in COPD. Chest 2000; 118: Dumur V, Lafitte JJ, Gervais R et al: Abnormal distribution of cystic fibrosis F508 allele in adults with chronic bronchial hypersecretion. Lancet 1990; 335: Pignatti PF, Bombieri C, Marigo C et al: Increased incidence of cystic fibrosis gene mutations in adults with disseminated bronchiectasis. Hum Mol Genet 1995; 4: Pignatti PF, Bombieri C, Benetazzo MG et al: CF- TR gene variants IVS8-5T in disseminated bronchiectasis. Am J Hum Genet 1996; 58: Gasparini P, Savoia A, Peona V et al: The cystic fibrosis gene is not likely to be involved in chronic obstructive pulmonary disease. Am J Respir Cell Mol Biol 1990; 2: Petruzzelli S, Camus AM, Carrozzi L et al: Longlasting effects of tabacco smoking on pulmonary drug-metabolizing enzymes: a case-control study on lung cancer patients. Cancer Res 1988; 48:

Clinica e terapia. malattie. retiniche. delle. Direttore Scientifico Alfredo Pece

Clinica e terapia. malattie. retiniche. delle. Direttore Scientifico Alfredo Pece Clinica e terapia delle malattie retiniche Direttore Scientifico Alfredo Pece Genetica LA GENETICA Cosa sta succedendo nell ambito della diagnostica e della terapia farmacologica oggi? Scoperta di geni

Dettagli

CAPITOLO 2 I TRATTI COMPLESSI

CAPITOLO 2 I TRATTI COMPLESSI CAPITOLO 2 I TRATTI COMPLESSI Tratti semplici e tratti complessi Come detto nel capitolo precedente, la genetica classica studia fondamentalmente i cosiddetti tratti mendeliani semplici, quelli in cui,

Dettagli

la probabilità q di avere un ricombinante è 0,286/2 = 0,143; la probabilità p di avere un parentale è quindi (1-0,286)/2 = 0,714/2 = 0,357.

la probabilità q di avere un ricombinante è 0,286/2 = 0,143; la probabilità p di avere un parentale è quindi (1-0,286)/2 = 0,714/2 = 0,357. Analizziamo i figli: per 3 volte A è stato trasferito insieme a B e per 2 volte a insieme a b (5 parentali); per 2 volte A con b e B con a (2 ricombinanti). Secondo l ipotesi dell indipendenza, ci aspettiamo

Dettagli

Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche

Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche AGGIORNAMENTO OBBLIGATORIO MEDICI DI MEDICINA GENERALE Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche Responsabile del corso Dr. : Tesei Fiorenzo

Dettagli

CELIACHIA E TEST HLA RACCOMANDAZIONI

CELIACHIA E TEST HLA RACCOMANDAZIONI CELIACHIA E TEST HLA RACCOMANDAZIONI a cura di Maria Cristina Mazzilli 1 Antonio Calabrò 2 Carlo Catassi 2 Luigi Greco 2 Riccardo Troncone 2 Umberto Volta 2 Valerio Misefari 3 Antonio Amoroso 4 Ettore

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli

GENETICA MENDELIANA NELL UOMO

GENETICA MENDELIANA NELL UOMO GENETICA MENDELIANA NELL UOMO GENETICA FORMALE o GENETICA CLASSICA basata unicamente su risultati visibili di atti riproduttivi. È la parte più antica della genetica, risalendo agli esperimenti di Mendel

Dettagli

Dal paziente al gene malattia : il clonaggio posizionale del gene Met

Dal paziente al gene malattia : il clonaggio posizionale del gene Met Dal paziente al gene malattia : il clonaggio posizionale del gene Met Una storia di interazione fra Medicina e Ricerca a cura di Debora Angeloni, Ph.D., Settore di Medicina Scuola Estiva di Orientamento

Dettagli

Meiosi Genetica. Riproduzione sessuale Basi molecolari dell ereditarietà dei caratteri Variabilità genetica

Meiosi Genetica. Riproduzione sessuale Basi molecolari dell ereditarietà dei caratteri Variabilità genetica Meiosi Genetica Riproduzione sessuale Basi molecolari dell ereditarietà dei caratteri Variabilità genetica Batteri e altri organismi unicellulari si riproducono mediante divisione cellulare (riproduzione

Dettagli

Il Cancro è una malattia genetica

Il Cancro è una malattia genetica Il Cancro è una malattia genetica PROCESSO MULTIFASICO Il Cancro è sempre genetico Talvolta il cancro è ereditario Ciò che viene ereditato non è la malattia, bensì la PREDISPOSIZIONE In assenza di ulteriori

Dettagli

Oggetto: presentazione progetto di ricerca anno 2010

Oggetto: presentazione progetto di ricerca anno 2010 Associazione Un Vero Sorriso Onlus via Morghen, 5 10143 Torino Torino, 01/10/2010 Oggetto: presentazione progetto di ricerca anno 2010 Titolo: Nuovi approcci per l identificazione di mutazioni rare in

Dettagli

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica PRODA Istituto di Diagnostica Clinica Sezione di Citogenetica e Genetica molecolare Responsabile: Dott. Guglielmo Sabbadini Specialista in Genetica Medica Informazioni per la diagnosi molecolare di sordita

Dettagli

impatto della ricerca di base sulla medicina di domani

impatto della ricerca di base sulla medicina di domani impatto della ricerca di base sulla medicina di domani Genetica della BPCO* Néstor A. Molfino, MD, MSc, FCCP La BPCO è un insieme complesso di segni e sintomi in pazienti con bronchite cronica ed enfisema

Dettagli

"Sotto l'azzurro fitto del cielo qualche uccello di mare se ne va, nè sosta mai perchè tutte le immagini portano scritto più in là".

Sotto l'azzurro fitto del cielo qualche uccello di mare se ne va, nè sosta mai perchè tutte le immagini portano scritto più in là. Lentamente muore chi diventa schiavo dell'abitudine, ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi, chi non cambia la marca, chi non rischia e cambia colore dei vestiti, chi non parla a chi non conosce. Muore

Dettagli

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)?

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? La Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) è un quadro nosologico caratterizzato dalla progressiva limitazione del flusso aereo che non è completamente

Dettagli

Il Ruolo della Genetica Clinica in Genomica e Sanità Pubblica. Corrado Romano cromano@oasi.en.it

Il Ruolo della Genetica Clinica in Genomica e Sanità Pubblica. Corrado Romano cromano@oasi.en.it Il Ruolo della Genetica Clinica in Genomica e Sanità Pubblica Corrado Romano cromano@oasi.en.it Genetica Clinica secondo Wikipedia La genetica clinica o medica si occupa dello studio e della diagnosi delle

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA a.a.2011-2012 11.10.2011 Lezioni N. 7 e 8 Ereditarietà Mendeliana Segregazione alleli, indipendenza geni, associazione, ricombinazione Dott.ssa Elisabetta Trabetti UN GENE =

Dettagli

Bari, 27 Febbraio 2010 Nicoletta Resta Dipartimento di Biomedicina dell Età Evolutiva UOC Lab. Genetica Medica INDAGINI GENETICHE: QUANDO E PERCHE

Bari, 27 Febbraio 2010 Nicoletta Resta Dipartimento di Biomedicina dell Età Evolutiva UOC Lab. Genetica Medica INDAGINI GENETICHE: QUANDO E PERCHE Bari, 27 Febbraio 2010 Nicoletta Resta Dipartimento di Biomedicina dell Età Evolutiva UOC Lab. Genetica Medica INDAGINI GENETICHE: QUANDO E PERCHE EREDITA MENDELIANA CLASSICA ~ 600 E C M 10.000 Enzimi

Dettagli

GENETICA MENDELIANA. Per i suoi studi, Mendel utilizzò piante di pisello odoroso (Pisum sativum) Facilità di coltivazione. Disponibilità di varietà

GENETICA MENDELIANA. Per i suoi studi, Mendel utilizzò piante di pisello odoroso (Pisum sativum) Facilità di coltivazione. Disponibilità di varietà GENETICA: è la scienza che studia i caratteri ereditari degli organismi viventi, i meccanismi attraverso i quali si trasmettono ai discendenti e le modalità con cui si manifestano. La genetica moderna

Dettagli

Diagnosi genetiche molecolari

Diagnosi genetiche molecolari Diagnosi genetiche molecolari INDICAZIONI per la diagnosi genetica Ricorrenza nella famiglia di una malattia genetica - identificazione dei portatori - confermare la diagnosi basata sul quadro clinico

Dettagli

Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN

Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN Diagnosi clinica di Asma nell adulto Dott.ssa Andreina Boschi - specialista in pneumologia. medico di medicina generale Asma:

Dettagli

MALATTIA CELIACA. Il test HLA per la celiachia. Le malattie genetiche si distinguono tra monogeniche e multifattoriali

MALATTIA CELIACA. Il test HLA per la celiachia. Le malattie genetiche si distinguono tra monogeniche e multifattoriali MALATTIA CELIACA La ricerca della malattia celiaca si esegue evidenziando nel sangue e quindi nel DNA gli alleli che codificano per le molecole DQ2 DQ8. La presenza di questi determina la possibilità che

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Indagini Biologico-Molecolari per Accertamento di Paternità

RELAZIONE TECNICA. Indagini Biologico-Molecolari per Accertamento di Paternità RELAZIONE TECNICA Indagini Biologico-Molecolari per Accertamento di Paternità PROSPETTO RIASSUNTIVO DELL'ANALISI ANALISI INDAGINE DI PATERNITA' PERSONE SOTTOPOSTE AL TEST QUESITO Campione Biologico Tampone

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Il test genetico BRCA1/BRCA2

Il test genetico BRCA1/BRCA2 L identificazione Il test genetico BRCA1/BRCA2 M.G.Tibiletti UO Anatomia Patologica Ospedale di Circolo-Università dell Insubria Varese IL CARCINOMA MAMMARIO FORME SPORADICHE FORME EREDITARIE FORME FAMIGLIARI

Dettagli

Fumo e patologie respiratorie Le carte del rischio per Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva e Tumore al polmone

Fumo e patologie respiratorie Le carte del rischio per Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva e Tumore al polmone Dipartimento del Farmaco Consiglio Nazionale delle Ricerche. Istituto di Fisiologia Clinica - Pisa Fumo e patologie respiratorie Le carte del rischio per Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva e Tumore al

Dettagli

PUMP FAILURE LUNG FAILURE FATIGUE MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. Compromissione della ventilazione. Compromissione dello scambio gassoso

PUMP FAILURE LUNG FAILURE FATIGUE MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. Compromissione della ventilazione. Compromissione dello scambio gassoso MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. LUNG FAILURE (EPA, ARDS, etc.) Compromissione dello scambio gassoso IPOSSIEMIA PUMP FAILURE (BPCO, cifoscoliosi, etc.) Compromissione della ventilazione IPOSSIEMIA

Dettagli

LA COSTRUZIONE DEL PEDIGREE NELLA GENETICA UMANA

LA COSTRUZIONE DEL PEDIGREE NELLA GENETICA UMANA LA COSTRUZIONE DEL PEDIGREE NELLA GENETICA UMANA Un metodo di base di analisi genetica negli esseri umani è la costruzione di una storia familiare per seguire la trasmissione ereditaria di un carattere.

Dettagli

La sindrome di Lynch. Cancro colonrettale ereditario non poliposico o HNPCC. G. A. Pablo Cirrone. lunedì 11 marzo 2013

La sindrome di Lynch. Cancro colonrettale ereditario non poliposico o HNPCC. G. A. Pablo Cirrone. lunedì 11 marzo 2013 La sindrome di Lynch Cancro colonrettale ereditario non poliposico o HNPCC G. A. Pablo Cirrone 1 Caratteristiche generali I HNPCC (Hereditary Non-Polyposis Colonrectal Cancer) è caratterizzato dalla comparsa,

Dettagli

ATASSIA SPINOCEREBELLARE 17 (SCA17) (OMIM #607136)

ATASSIA SPINOCEREBELLARE 17 (SCA17) (OMIM #607136) ATASSIA SPINOCEREBELLARE 17 (SCA17) (OMIM #607136) Il gene implicato nella SCA17 è il gene TATA box-binding protein (TBP) che fa parte del complesso della RNA polimerasi II ed è essenziale per dare inizio

Dettagli

Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna

Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna DNA: la molecola della vita L'acido desossiribonucleico (DNA) è un acido nucleico, presente nel nucleo delle cellule, che contiene le informazioni genetiche

Dettagli

BPCO in medicina generale. Dal sospetto alla diagnosi, alla stadiazione di malattia

BPCO in medicina generale. Dal sospetto alla diagnosi, alla stadiazione di malattia BPCO in medicina generale. Dal sospetto alla diagnosi, alla stadiazione di malattia BPCO: Definizione quadro caratterizzato da persistente ostruzione al flusso aereo la riduzione del flusso è di solito

Dettagli

La predisposizione genetica ai tumori

La predisposizione genetica ai tumori La predisposizione genetica ai tumori Il Cancro è una malattia genetica Il sillogismo aristotelico nell era del DNA Socrate è un uomo. Gli uomini sono mortali. Socrate è mortale. Socrate è mortale. Il

Dettagli

Evento Fad Ecm GLI STILI DI VITA NELLE MALATTIE CRONICHE: BPCO

Evento Fad Ecm GLI STILI DI VITA NELLE MALATTIE CRONICHE: BPCO Evento Fad Ecm GLI STILI DI VITA NELLE MALATTIE CRONICHE: BPCO DATA INIZIO 18 DICEMBRE 2015-DATA FINE 18 DICEMBRE 2016 Destinatari dell iniziativa: Il corso Ecm fad è destinato a 1.500 utenti Target di

Dettagli

La trasmissione dei caratteri ereditari. Le leggi di Mendel (1882-1884)

La trasmissione dei caratteri ereditari. Le leggi di Mendel (1882-1884) La trasmissione dei caratteri ereditari Le leggi di Mendel (1882-1884) Le leggi di Mendel studiano la trasmissione di caratteri qualitativi prodotti da un singolo gene Procedimento sperimentale di Mendel

Dettagli

II Anno II Semestre A.A. 2012/2013 Sbobinatura Patologia Generale Prof. Banfi

II Anno II Semestre A.A. 2012/2013 Sbobinatura Patologia Generale Prof. Banfi Seconda Università di Napoli II Anno II Semestre A.A. 2012/2013 Sbobinatura Patologia Generale Prof. Banfi Gruppo di studio La Sbobba A cura di dodo e Ely24e 1) Introduzione alla Genetica Medica Pag. 2

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE DEI DIFETTI CONGENITI

DIAGNOSI PRENATALE DEI DIFETTI CONGENITI DIAGNOSI PRENATALE DEI DIFETTI CONGENITI DIFETTI CONGENITI Le anomalie congenite sono condizioni che si instaurano tra il momento del concepimento e la nascita. LA DIAGNOSI PRENATALE insieme di tecniche

Dettagli

INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE RESPIRATORIE. N. Marcobruni U.O. Pneumologia, Spedali Civili di Brescia 24 Novembre 2007

INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE RESPIRATORIE. N. Marcobruni U.O. Pneumologia, Spedali Civili di Brescia 24 Novembre 2007 INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE RESPIRATORIE N. Marcobruni U.O. Pneumologia, Spedali Civili di Brescia 24 Novembre 2007 PRINCIPALI FONTI DI INQUINAMENTO traffico veicolare sistemi di produzione di

Dettagli

INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME COLONSCREEN

INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME COLONSCREEN INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME COLONSCREEN Il test ColonScreen ColonScreen è un test diagnostico, sviluppato da GENOMA Group, che permette di eseguire un analisi genetica multipla per valutare

Dettagli

SEMINARIO SUL CANCRO COLORETTALE EREDITARIO (Sindrome di Lynch)

SEMINARIO SUL CANCRO COLORETTALE EREDITARIO (Sindrome di Lynch) SEMINARIO SUL CANCRO COLORETTALE EREDITARIO (Sindrome di Lynch) Modena, 19 Dicembre 2007 I TUMORI EREDITARI: UNA VISIONE D INSIEME Maurizio Ponz de Leon PATOGENESI DEI TUMORI TUMORI SPORADICI CANCRO 70-80%

Dettagli

Affidabilità nella diagnostica

Affidabilità nella diagnostica Affidabilità nella diagnostica Passione per la ricerca Research & Innovation è un laboratorio di medicina molecolare che esegue test genetici avanzati al servizio dei medici e delle strutture di diagnosi

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME ONCOSCREENING

INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME ONCOSCREENING INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME ONCOSCREENING Il test OncoScreening OncoScreening è un test diagnostico, sviluppato da GENOMA Group, che permette di eseguire un analisi multipla per valutare

Dettagli

INTOLLERANZA AL LATTOSIO: ESEMPIO DI BIODIVERSITA GENETICA

INTOLLERANZA AL LATTOSIO: ESEMPIO DI BIODIVERSITA GENETICA INTOLLERANZA AL LATTOSIO: ESEMPIO DI BIODIVERSITA GENETICA I.P.S.I.A. Bettino Padovano Senigallia INDIRIZZO CHIMICO BIOLOGICO 2009/10 ALUNNO:MATTEO BARBARINI CLASSE: 5 TECNICO CHIMICO-BIOLOGICO DOCENTE:PROF.SSA

Dettagli

Genomica e modelli animali di malattie umane

Genomica e modelli animali di malattie umane I giovedì della cultura scientifica Etica e sperimentazione animale nella ricerca biomedica Genomica e modelli animali di malattie umane Mariateresa Mancuso BIOTEC-MED Mus Musculus : organismo modello

Dettagli

pag. Presentazione... IX Ringraziamenti... XXIII Prefazione... XXV Introduzione... 1 Capitolo I IDENTIFICAZIONE GENETICA

pag. Presentazione... IX Ringraziamenti... XXIII Prefazione... XXV Introduzione... 1 Capitolo I IDENTIFICAZIONE GENETICA INDICE pag. Presentazione... IX Ringraziamenti... XXIII Prefazione... XXV Introduzione... 1 Capitolo I IDENTIFICAZIONE GENETICA 1.1. Il concetto d identificazione... 9 1.2. L identificazione nella storia....

Dettagli

il progresso dello spirito umano consiste, o certo ha consistito finora, non nell imparare ma nel disimparare principalmente, nel conoscere sempre

il progresso dello spirito umano consiste, o certo ha consistito finora, non nell imparare ma nel disimparare principalmente, nel conoscere sempre il progresso dello spirito umano consiste, o certo ha consistito finora, non nell imparare ma nel disimparare principalmente, nel conoscere sempre più di non conoscere, nell avvedersi di saper sempre meno,

Dettagli

Genetica. Mendel e la genetica

Genetica. Mendel e la genetica Genetica Le leggi dell ereditarietà di Mendel Ereditarietà e cromosomi Estensioni della genetica mendeliana Applicazioni della genetica Genoma umano Mendel e la genetica Mendel 81822-1884), un monaco di

Dettagli

Lezione 2 Capitolo 18 del testo

Lezione 2 Capitolo 18 del testo Test genetico Lezione 2 Capitolo 18 del testo Cos e un test genetico/diagnostico M Il test genetico di per se non e solo utilizzato in diagnostica: sono un insieme di tecniche che vengono utilizzate per

Dettagli

Corso di Biologia Molecolare

Corso di Biologia Molecolare Corso di Biologia Molecolare Dott.ssa Renata Tisi Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Acidi nucleici Il ruolo degli acidi nucleici è quello di custodire e trasmettere

Dettagli

EREDITARIETÀ E TUMORE MAMMARIO. U.O. Genetica Medica

EREDITARIETÀ E TUMORE MAMMARIO. U.O. Genetica Medica EREDITARIETÀ E TUMORE MAMMARIO Dott.ssa M.Neri U.O. Genetica Medica Responsabile Consulenza Oncogenetica Prof.ssa A. Ferlini Direttore U.O. Genetica Medica I TUMORI AL SENO EREDITARI : L IMPORTANZA DELLA

Dettagli

Fibrillina Sindrome di Marfan sindrome di Marfan sindrome di Marfan Sindrome di Marfan Fibrillina 1

Fibrillina Sindrome di Marfan sindrome di Marfan sindrome di Marfan Sindrome di Marfan Fibrillina 1 Genoma La determinazione e la conoscenza dell intera sequenza genomica è la condizione necessaria per comprendere la biologia di un determinato organismo Il genoma contiene le istruzioni (geni) per la

Dettagli

5 modulo didattico - Patologia cromosomica.

5 modulo didattico - Patologia cromosomica. 5 modulo didattico - Patologia cromosomica. G0 IL CICLO CELLULARE DI UNA CELLULA DI MAMMIFERO Avviene ogni volta che la cellula si divide Le tappe fondamentali del processo sono: Separazione dei due filamenti

Dettagli

Dott.ssa Renata Tisi. Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it

Dott.ssa Renata Tisi. Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Dott.ssa Renata Tisi Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Il ruolo degli acidi nucleici è quello di custodire e trasmettere l informazione genetica nelle cellule,

Dettagli

MICRODELEZIONI DEL BRACCIO LUNGO DEL CROMOSOMA Y

MICRODELEZIONI DEL BRACCIO LUNGO DEL CROMOSOMA Y L infertilità è considerata dall Organizzazione Mondiale della Sanità una patologia. Per infertilità si intende l assenza di concepimento dopo 12/24 mesi di rapporti mirati non protetti. Il fenomeno dell

Dettagli

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica Caratterizzazione molecolare delle Distrofie Muscolari di Duchenne (DMD) e di Becker (BMD): diagnosi di malattia e studi familari L Proda esegue le indagini molecolari per le Distrofie muscolari di Duchenne

Dettagli

Verso la terapia personalizzata

Verso la terapia personalizzata Verso la terapia personalizzata M.G.Tibiletti Genetista Ospedale di Circolo-Università dell Insubria Varese Soroptimist Club Varese Varese 20 aprile 2013 Test genetici DIAGNOSTICI PRESINTOMATICI PREDITTIVI,

Dettagli

Barker s hypothesis:

Barker s hypothesis: Barker s hypothesis: L ipotesi che molte delle malattie croniche dell età adulta possano essere programmate in utero e nei primi anni di vita rappresenta un affascinante teoria per la ricerca biologica

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE E TECNOLOGIE BIOMEDICHE

DIPARTIMENTO DI SCIENZE E TECNOLOGIE BIOMEDICHE DIPARTIMENTO DI SCIENZE E TECNOLOGIE BIOMEDICHE Istituto di Genetica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE Address: Istituto di Genetica DSTB - Università degli Studi di Udine P.le Kolbe,1-33100 Udine - ITALIA

Dettagli

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche Negli ultimi decenni la frequenza delle malattie allergiche in Italia e nel mondo ha subìto un continuo aumento, dando luogo a quella che

Dettagli

LE EPATITI B e C. Verso una terapia personalizzata

LE EPATITI B e C. Verso una terapia personalizzata LE EPATITI B e C Verso una terapia personalizzata 3 L EPATITE B LE EPATITI B e C Le epatiti B e C rappresentano un campo molto complesso della Clinica Medica. La Medicina di Laboratorio propone nuove analisi

Dettagli

Biobanca Genetica per Malattie Rare Scheletriche

Biobanca Genetica per Malattie Rare Scheletriche Biobanca Genetica per Malattie Rare Scheletriche Luca Sangiorgi S.S.D. di Genetica Medica e Malattie Rare Ortopediche, Istituto Ortopedico Rizzoli Bologna SSD di Genetica Medica IOR Roma, 25 settembre

Dettagli

Definizione. L Asma bronchiale professionale è causata da agenti specifici presenti in ambiente di lavoro

Definizione. L Asma bronchiale professionale è causata da agenti specifici presenti in ambiente di lavoro ASMA PROFESSIONALE Definizione L Asma bronchiale è una malattia respiratoria caratterizzata da broncocostrizione totalmente o parzialmente reversibile, iperreattività bronchiale e infiammazione delle vie

Dettagli

LA GENETICA. Dott.ssa Valentina Terio

LA GENETICA. Dott.ssa Valentina Terio LA GENETICA Dott.ssa Valentina Terio LLA GENETCA SCIENZA NATA CIRCA 150 ANNI FA GRAZIE AD UN STUDIOSO AUSTRIACO DI NOME MENDEL Pisello da giardino per la facilità di crescita e la possibilità di una impollinazione

Dettagli

A IFE F G 16 1-17 1 7 O

A IFE F G 16 1-17 1 7 O Colorectal Cancer in a young patient with Partial Androgen Insensitivity Syndrome (PAIS) Stefano Signoroni Unit of Hereditary Digestive Tract Tumours, Department of Preventive and Predictive Medicine,

Dettagli

SINDROMI POLIENDOCRINE AUTOIMMUNI (SPA)

SINDROMI POLIENDOCRINE AUTOIMMUNI (SPA) SINDROMI POLIENDOCRINE AUTOIMMUNI (SPA) Codice di esenzione: RCG030 Definizione. Con tale termine vengono definite varie sindromi cliniche caratterizzate da insufficienze funzionali a carico di una o più

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

LICEO ARTISTICO P. GOBETTI OMEGNA PIANO DI LAVORO ANNUALE. Anno scolastico 2012-2013. CLASSE II A Musicale SCIENZE BIOLOGIA.

LICEO ARTISTICO P. GOBETTI OMEGNA PIANO DI LAVORO ANNUALE. Anno scolastico 2012-2013. CLASSE II A Musicale SCIENZE BIOLOGIA. LICEO ARTISTICO P. GOBETTI OMEGNA PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno scolastico 2012-2013 CLASSE II A Musicale SCIENZE BIOLOGIA 2 ore settimanali Docente: Prof.ssa Negri Maria Rosa Testo: Le basi della Biologia

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI Ogni individuo possiede un proprio patrimonio genetico che lo rende unico e diverso da tutti gli altri. Il patrimonio genetico è costituito da

Dettagli

MALATTIE UMANE LEGATE ALL UPP: IL MORBO DI PARKINSON

MALATTIE UMANE LEGATE ALL UPP: IL MORBO DI PARKINSON MALATTIE UMANE LEGATE ALL UPP: IL MORBO DI PARKINSON La degradazione proteica è uno dei meccanismi essenziali che regolano i livelli di proteine cellulari, coinvolto in processi cellulari cruciali dal

Dettagli

*Patogenesi. *Più comune malattia da accumulo lisosomiale (1:75'000 nati); AR

*Patogenesi. *Più comune malattia da accumulo lisosomiale (1:75'000 nati); AR *Più comune malattia da accumulo lisosomiale (1:75'000 nati); AR *Errore congenito del metabolismo derivante da un deficit di β-glucocerebrosidasi, glicoproteina lisosomiale codificata dal gene GBA1 (cromosoma

Dettagli

I geni del metabolismo

I geni del metabolismo I geni del metabolismo Lezione 6 1 Premessa I Quello che interessa e individuare i geni che controllano le vie metaboliche. Per arrivare a questo risultato si possono usare diverse strategie (non tecniche:

Dettagli

A cosa serve al clinico e alla famiglia conoscere il difetto di base? Correlazione genotipo fenotipo

A cosa serve al clinico e alla famiglia conoscere il difetto di base? Correlazione genotipo fenotipo 2 Convegno Nazionale Sindrome di Rubinstein Taybi Lodi, 17 19 maggio 2013 A cosa serve al clinico e alla famiglia conoscere il difetto di base? Correlazione genotipo fenotipo Donatella Milani Cristina

Dettagli

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le tre leggi di Mendel, che descrivono la trasmissione dei caratteri ereditari da una generazione all altra, segnano l inizio della

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLERE AA 2014/15. Prof Alberto Turco. Lezioni 47 e 48. Merc 27.11.2013 CONSULENZA GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLERE AA 2014/15. Prof Alberto Turco. Lezioni 47 e 48. Merc 27.11.2013 CONSULENZA GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLERE AA 2014/15 Prof Alberto Turco Lezioni 47 e 48 Merc 27.11.2013 CONSULENZA GENETICA (R.Lewis, 2015) .lo richiederei anch io subito un appuntamento.o

Dettagli

I TUMORI PER SINGOLE SEDI

I TUMORI PER SINGOLE SEDI I TUMORI PER SINGOLE SEDI MAMMELLA Età, la probabilità di ammalarsi aumenta esponenzialmente sino agli anni della menopausa (50 55) e poi rallenta, per riprendere a crescere dopo i 60 anni Familiarità

Dettagli

Docenti: Prof. Emilio Donti Sezione di Genetica Medica e Neuropsichiatria Infantile Dip. Scienze Chirurgiche e Biomediche Università degli Studi di

Docenti: Prof. Emilio Donti Sezione di Genetica Medica e Neuropsichiatria Infantile Dip. Scienze Chirurgiche e Biomediche Università degli Studi di GENETICA MEDICA Docenti: Prof. Emilio Donti Sezione di Genetica Medica e Neuropsichiatria Infantile Dip. Scienze Chirurgiche e Biomediche Università degli Studi di Perugia Centro Riferimento Regionale

Dettagli

INVECCHIAMENTO come PROCESSO FISIOLOGICO INVECCHIAMENTO DOVUTO ALL INSORGENZA DI PATOLOGIE. - malattie cardiovascolari - cancro

INVECCHIAMENTO come PROCESSO FISIOLOGICO INVECCHIAMENTO DOVUTO ALL INSORGENZA DI PATOLOGIE. - malattie cardiovascolari - cancro INVECCHIAMENTO come PROCESSO FISIOLOGICO INVECCHIAMENTO DOVUTO ALL INSORGENZA DI PATOLOGIE - malattie cardiovascolari - cancro Il processo di BIOSENESCENZA implica le caratteristiche seguenti: 1. è deleterio

Dettagli

Seminari di Specialità di Genetica Medica 22 novembre 2011 EXOME SEQUENCING. dott.ssa Alessandra Cuccurullo

Seminari di Specialità di Genetica Medica 22 novembre 2011 EXOME SEQUENCING. dott.ssa Alessandra Cuccurullo Seminari di Specialità di Genetica Medica 22 novembre 2011 EXOME SEQUENCING dott.ssa Alessandra Cuccurullo EXOME SEQUENCING Anche noto come targeted exome capture. Strategia per sequenziare selettivamente

Dettagli

Screening dei soggetti a rischio e diagnostica molecolare

Screening dei soggetti a rischio e diagnostica molecolare Screening dei soggetti a rischio e diagnostica molecolare Daniela Furlan U.O. Anatomia Patologica Varese, 3 luglio 2012 Il carcinoma pancreatico Patogenesi Suscettibilità genetica Implicazioni diagnostiche

Dettagli

NOVITA NELL INQUADRAMENTO GENETICO

NOVITA NELL INQUADRAMENTO GENETICO NOVITA NELL INQUADRAMENTO GENETICO Dott.ssa Angela Michelucci U.O. Laboratorio di Genetica Medica AOUP Definizione della Discinesia Ciliare Primaria (DCP) Gruppo di condizioni patologiche congenite, eterogenee

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

I MOTORI DELL EVOLUZIONE PT1. POMERIGGIO DI AGGIORNAMENTO 23.03.2011 PROF. M.A. ZORDAN, Ph.D UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

I MOTORI DELL EVOLUZIONE PT1. POMERIGGIO DI AGGIORNAMENTO 23.03.2011 PROF. M.A. ZORDAN, Ph.D UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA I MOTORI DELL EVOLUZIONE PT1 POMERIGGIO DI AGGIORNAMENTO 23.03.2011 PROF. M.A. ZORDAN, Ph.D UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA 1 GREGOR MENDEL 1822-1884 2 2 Grandi navigatori 3 3 Rotte commerciali per le

Dettagli

Rapporto sulla Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) 2005

Rapporto sulla Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) 2005 Rapporto sulla Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) 2005 A cura di Mario De Palma e Leonardo Fabbri FEDERAZIONE ITALIANA CONTRO LE MALATTIE POLMONARI SOCIALI E LA TUBERCOLOSI Indice Indice Rapporto

Dettagli

Una proteina nella rete: Introduzione alla bioinformatica

Una proteina nella rete: Introduzione alla bioinformatica Una proteina nella rete: Introduzione alla bioinformatica L era genomica ha assistito ad una crescita esponenziale delle informazioni biologiche rese disponibili dai progressi nel campo della biologia

Dettagli

Alessandra Ferlini Marcella Neri CONSULENZA GENETICA

Alessandra Ferlini Marcella Neri CONSULENZA GENETICA Alessandra Ferlini Marcella Neri CONSULENZA GENETICA Ad integrazione delle lezioni e del testo di studio Genetica Umana e Medica Neri- Genuardi 3a edizione 2014 Masson (www.mediquiz.it) GENETICA MEDICA

Dettagli

ANALISI DELLE ALTERAZIONI DI EGFR, HER2 E PIK3CA NEL CARCINOMA MAMMARIO MASCHILE

ANALISI DELLE ALTERAZIONI DI EGFR, HER2 E PIK3CA NEL CARCINOMA MAMMARIO MASCHILE Modena 18-19 novembre 2010 ANALISI DELLE ALTERAZIONI DI EGFR, HER2 E PIK3CA NEL CARCINOMA MAMMARIO MASCHILE Piera Rizzolo IL CARCINOMA MAMMARIO MASCHILE (CMM)» Il CMM è una neoplasia rara:» circa 0.6%

Dettagli

2010 The Yearofthe Lung

2010 The Yearofthe Lung World SpirometryDay2010 Progetto LIBRA, l anno del polmone e il World Spirometry Day L. Corbetta 2010 The Yearofthe Lung 15/10/2010 Prof. Lorenzo Corbetta lorenzo.corbetta@unifi.it 2 WSD Yearofthe LungWeb

Dettagli

Innovazioni diagnostiche in oncologia: il ruolo del laboratorio

Innovazioni diagnostiche in oncologia: il ruolo del laboratorio Innovazioni diagnostiche in oncologia: il ruolo del laboratorio Inspired to innovate Dott.ssa Annamaria Passarelli Direttore di U.O.C. di Medicina di Laboratorio A USL RM G Tivoli Indicazioni per l impiego

Dettagli

Cosa sono i Macatori Tumorali?

Cosa sono i Macatori Tumorali? Marcatori tumorali Cosa sono i Macatori Tumorali? Sostanze biologiche sintetizzate e rilasciate dalle cellule tumorali o prodotte dall ospite in risposta alla presenza del tumore Assenti o presenti in

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE AA2013/14 Prof Alberto Turco Lezioni 57 e 58 11.12.2013 Test Genetici Storiche date. 1865 1859 1953.momenti memorabili dell impresa intellettuale e scientifica

Dettagli

Diagnosi delle aneuploidie

Diagnosi delle aneuploidie Diagnosi delle aneuploidie DIAGNOSI PRENATALE NON INVASIVA: UNA RIVOLUZIONE La diagnosi prenatale delle malattie monogeniche e delle aneuploidie Bologna, è attualmente 6 Giugno eseguita2014 nel I-II trimestre

Dettagli

SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 2. Domande concettuali

SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 2. Domande concettuali SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 2 Domande concettuali C1. Il lavoro di Mendel dimostrò che i determinanti genetici vengono ereditati con modalità dominante/recessiva. Questo era evidente in molti dei

Dettagli

CATCH 22 altre indagini genetiche nel counceling dopo diagnosi di malformazioni fetali. Silvia Sansavini

CATCH 22 altre indagini genetiche nel counceling dopo diagnosi di malformazioni fetali. Silvia Sansavini CATCH 22 altre indagini genetiche nel counceling dopo diagnosi di malformazioni fetali Silvia Sansavini CATCH 22 FIBROSI CISTICA DISTROFIA MIOTONICA CATCH 22: microdelezione 22q11 Diagnosi Counceling Diagnosi

Dettagli

Biomarkers endoscopici nella Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva: correlazione con clinica, funzione e imaging

Biomarkers endoscopici nella Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva: correlazione con clinica, funzione e imaging Università degli Studi di Firenze Scuola di Scienze della Salute Umana IV Corso Master Universitario di II livello in Pneumologia Interventistica Biomarkers endoscopici nella Broncopneumopatia Cronica

Dettagli

Dott.ssa Ilaria Barchetta

Dott.ssa Ilaria Barchetta Dott.ssa Ilaria Barchetta Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche Sapienza Università di Roma Diverse evidenze sperimentali hanno dimostrato una influenza diretta della vitamina D non solo

Dettagli

Il caso Jolie: Ereditarietà e prevenzione cosa e come scegliere?

Il caso Jolie: Ereditarietà e prevenzione cosa e come scegliere? Il caso Jolie: Ereditarietà e prevenzione cosa e come scegliere? Uni-A.T.E.Ne.O. "Ivana Torretta" Sergio Fava Oncologia Medica Legnano 22.10.2013 I nuovi casi di tumore Quali tumori più frequenti? Primi

Dettagli

La rete dei centri di genetica e il futuro della medicina

La rete dei centri di genetica e il futuro della medicina La rete dei centri di genetica e il futuro della medicina Rosario Casalone,, MD, PhD SSD Genetica Dipartimento Materno Infantile Azienda Ospedaliera-Polo Universitario Ospedale di Circolo e Fondazione

Dettagli

Lo screening della Celiachia in una popolazione con Diabete Mellito tipo 1. Epidemiologia, follow-up clinico e ruolo della tipizzazione HLA.

Lo screening della Celiachia in una popolazione con Diabete Mellito tipo 1. Epidemiologia, follow-up clinico e ruolo della tipizzazione HLA. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Tesi di laurea Lo screening della Celiachia in una popolazione con Diabete Mellito tipo 1. Epidemiologia, follow-up clinico e ruolo della

Dettagli