Infinito, scienza, e paradosso. G. Aldo Antonelli Dipartimento di logica e filosofia della scienza Università della California, Irvine

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Infinito, scienza, e paradosso. G. Aldo Antonelli Dipartimento di logica e filosofia della scienza Università della California, Irvine"

Transcript

1 Infinito, scienza, e paradosso G. Aldo Antonelli Dipartimento di logica e filosofia della scienza Università della California, Irvine

2 L infinito nell antichità L infinito fa irruzione prepotentemente con la scoperta che 2 non è esprimibile come rapporto di due numeri interi. La scoperta è dovuta a Ippaso di Metaponto: Non ci sono numeri interi n e m tali che 2 = n/m.

3 2 nella matematica mesopotamica Tavoletta rappresentante la diagonale di un quadrato di lato 30 (in base 60!)

4 L eredità pitagorica Ippaso fu condannato a morte per annegamento da Pitagora affinché la sua scoperta restasse segreta. È l inizio della tradizione matematico-filosofica dell horror infiniti. Per secoli la natura paradossale dell infinito ha tenuto lontani matematici e filosofi

5 Zenone di Elea Il paradosso di Zenone viene considerato indicativo delle difficoltà concettuali intrinseche nella nozione di infinito. Il piè veloce Achille deve completare un numero infinito di azioni prima di poter raggiungere la lenta tartaruga.

6 La tradizione aristotelicotomistica Aristotele distingue l infinito potenziale da quello attuale, negando l esistenza di quest ultimo (apeiron). Tommaso riprende la distinzione: nemmeno Dio onnipotente può creare un ente infinito. Severino Boezio definisce l inifinito malitiae dedecus.

7 George Berkeley Nell Analista, Berkeley critica il nuovo calcolo di Leibniz e Newton per l uso di quantità infinitesimali. Gli infinitesimali sono fantasmi di quantità defunte, considerati di volta in volta positivi oppure = 0, a seconda della convenienza. Saranno Cauchy e Weierstrass a ripulire il calcolo infinitesimale dando la definizione usuale di limite in termini di quantità piccole ma finite ( - ).

8 Giordano Bruno Bruno è il primo grande esponente di una tradizione alternativa, in cui la nozione di infinito viene rivalutata. Questa tradizione, derivante dall averroismo medievale, e che vede predecessori in Duns Scoto e Gregorio da Rimini, fiorisce durante il rinascimento. Nella sua opera De l infinito, universo e mondi, (1584), Bruno sostiene l inifinità dell universo, a cui mancherebbe quindi un centro, fisico e teologico.

9 Galileo Galilei Nei Discorsi e Dimostrazioni Matematiche intorno a due nuove scienze (1638) Galileo nota che i quadrati perfetti sono altrettanto numerosi quanto i numeri naturali: e conclude che le nostre menti finite non sono attrezzate a trattare nozioni infinite.

10 Richard Dedekind Dedekind adottò la caratteristica dei numeri naturali identificata da Galileo come definizione degli insiemi infiniti: Un insieme è infinito se e solo se può essere messo in corrispondenza biunivoca con una sua parte propria. Dio ci ha dato i numeri naturali; tutto il resto è creato dall uomo

11 Georg Cantor Cantor è il fondatore della teoria transfinita degli insiemi. Forse il suo contributo più importante è la scoperta che esistono diversi ordini di grandezze infinite. Ci sono più numeri reali fra 0 e 1 (punti giacenti sul segmento di lunghezza unitaria)di quanti siano i numeri naturali. La famosa dimostrazione è il primo esempio di argomentazione diagonale.

12 L argomentazione diagonale Supponiamo di poter contare I numeri reali che rappresentano punti sul segmento unitario: 0 1 n 0 = 0, n 1 = 0, n 2 = 0, n 3 = 0, n 4 = 0,

13 Permutando la diagonale Consideriamo le cifre decimali sulla diagonale: n 0 = 0, n 1 = 0, n 2 = 0, n 3 = 0, n 4 = 0, n 0 = 0, n 1 = 0, n 2 = 0, n 3 = 0, n 4 = 0, Permutando la n-esima cifra dell n-esimo numero numero si ottiene un numero 0,34710 al di fuori dalla lista.

14 La cardinalità del continuo Avendo scoperto che i numeri sul segmento unitario sono più numerosi dei numeri naturali, si potrebbe supporre che i numeri i numeri reali siano più numerosi di quelli sul segmento unitario. Ma non è così: 0 1

15 L ipotesi del continuo Abbiamo visto che tutti gli insiemi infiniti di numeri reali considerati finora o sono numerabili oppure hanno la cardinalità del continuo. L ipotesi del continuo (IC), formulata da Georg Cantor, asserisce che non ci sono insiemi di cardinalità intermedia. L ipotesi del continuo è ancora uno dei più difficili problemi aperti della matematica moderna.

16 Kurt Gödel Forse il più grande matematico del ventesimo secolo, dimostrò l esistenza di proposizioni matematiche assolutamente indecidibili. Gödel dimostrò anche che IC non è refutabile negli usuali sistemi insiemistici (1940); e Paul Cohen dimostrò che essa non è nemmeno refutabile. Ma nel 1944 Gödel indicò la possibilità di decidere IC postulando assiomi forti dell infinito un programma ancora da realizzare.

17 Abraham Robinson Il fondatore dell analisi non standard, una teoria matematica del continuo che ammette esplicitamente quantità infinitesimali (minori di per ogni n) e quindi anche i loro inversi le quantità infinite. Le considerazioni di Berkeley in cui culminò la tradizione tomistica non si applicano più l inifinito e gli infinitesimi sono cittadini a pieno titolo del nostro panorama concettuale. 1 n

18 Leopardi, pur essendo animato da un pessimismo materialistico, è ancora saldamente ancorato nella tradizione tomistica. L infinito è negativamente caratterizzato come irraggiungibile, e quindi non portatore della delusione associata al soddisfacimento del desiderio finito. Giacomo Leopardi

Cos è l infinito? Verso l'infinito... e oltre

Cos è l infinito? Verso l'infinito... e oltre Cos è l infinito? Infinito: che è assolutamente privo di determinazioni spaziali o temporali. l infinito è molto difficile da immaginare nel suo complesso: possiamo avere un accenno ammirando un cielo

Dettagli

Ottavio Serra L Infinito in matematica

Ottavio Serra L Infinito in matematica Ottavio Serra L Infinito in matematica L infinito presso i Greci. Il concetto di infinito, prescindendo dall ovvia possibilità di conteggio indefinito presente nell aritmetica pitagorica, nasce con la

Dettagli

LA MATEMATICA E L INFINITO

LA MATEMATICA E L INFINITO LA MATEMATICA E L INFINITO Carlo Toffalori (San Pellegrino, 5 settembre 2006) L Infinito/l Eterno: argomento di - Religione; - Filosofia: Quando considero la breve durata della mia vita, sommersa nell

Dettagli

L infinito nell aritmetica. Edward Nelson Dipartimento di matematica Università di Princeton

L infinito nell aritmetica. Edward Nelson Dipartimento di matematica Università di Princeton L infinito nell aritmetica Edward Nelson Dipartimento di matematica Università di Princeton Poi lo condusse fuori e gli disse: . E soggiunse:

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria).

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Aprile 20 Indice Serie numeriche. Serie convergenti, divergenti, indeterminate.....................

Dettagli

I numeri reali. Note per il corso di Analisi Matematica 1. G. Mauceri. a.a. 2003-04

I numeri reali. Note per il corso di Analisi Matematica 1. G. Mauceri. a.a. 2003-04 I numeri reali Note per il corso di Analisi Matematica 1 G. Mauceri a.a. 2003-04 2 I numeri reali Contents 1 Introduzione 3 2 Gli assiomi di campo 3 3 Gli assiomi dell ordine 4 4 Valore assoluto 5 5 I

Dettagli

Appunti di matematica generale CTF. Alessandro Gambini Federica Ferretti

Appunti di matematica generale CTF. Alessandro Gambini Federica Ferretti Appunti di matematica generale CTF Alessandro Gambini Federica Ferretti 2 dicembre 2015 Indice 1 Concetti di base e insiemi numerici 1 1.1 Insiemi, relazioni e funzioni..................... 1 Simbologia..............................

Dettagli

Programma di Filosofia della classe 4 A a.s. 2012/13

Programma di Filosofia della classe 4 A a.s. 2012/13 Liceo Scientifico di Stato G. BATTAGLINI 74100 TARANTO C.so Umberto I,106 Programma di Filosofia della classe 4 A a.s. 2012/13 Testo in adozione: Abbagnano Fornero La ricerca del pensiero, 2B, Paravia

Dettagli

Fondamenti di Informatica. Computabilità e Macchine di Turing. Prof. Franco Zambonelli Gennaio 2011

Fondamenti di Informatica. Computabilità e Macchine di Turing. Prof. Franco Zambonelli Gennaio 2011 Fondamenti di Informatica Computabilità e Macchine di Turing Prof. Franco Zambonelli Gennaio 2011 Letture Consigliate: Roger Penrose, La Mente Nuova dell Imperatore, Sansoni Editrice. Martin Davis, Il

Dettagli

Docente: massimo gomiero Testi in adozione: N. Abbagnano G. Fornero, Itinerari di Filosofia, Milano 2003

Docente: massimo gomiero Testi in adozione: N. Abbagnano G. Fornero, Itinerari di Filosofia, Milano 2003 PROGRAMMA DI FILOSOFIA Classe II liceo classico Docente: massimo gomiero Testi in adozione: N. Abbagnano G. Fornero, Itinerari di Filosofia, Milano 2003 IL NEOPLATONISMO Plotino Dai molti all Uno, dall

Dettagli

La filosofia umanistica e rinascimentale. Da Telesio a Giordano Bruno. La Riforma protestante e il principio del libero esame delle Scritture

La filosofia umanistica e rinascimentale. Da Telesio a Giordano Bruno. La Riforma protestante e il principio del libero esame delle Scritture Programma di Filosofia Classe IV A A.S. 2012/2013 La filosofia umanistica e rinascimentale. Da Telesio a Giordano Bruno All alba della modernità Che cos è l Umanesimo? Che cos è il Rinascimento? La Riforma

Dettagli

Le descrizioni dell infinito

Le descrizioni dell infinito Le descrizioni dell infinito Carmine Emanuele Cella cecily@libero.it 11 novembre 2009 Capitolo 1 Introduzione 1.1 Strutturazione del lavoro L obiettivo principale di questo lavoro è presentare una panoramica

Dettagli

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE A. A. 2014-2015 L. Doretti 1 Il concetto di derivata di una funzione è uno dei più importanti e fecondi di tutta la matematica sia per

Dettagli

I numeri transfiniti

I numeri transfiniti I numeri transfiniti Alessandro Berarducci Dipartimento di Matematica, Università di Pisa Largo Bruno Pontecorvo 5, 56127 Pisa, Italy berardu@dm.unipi.it Versione rivista, 6 Feb. 2010 1 Introduzione In

Dettagli

Liceo scientifico Albert Einstein. Anno scolastico 2009-2010. Classe V H. Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati. Materia: MATEMATICA

Liceo scientifico Albert Einstein. Anno scolastico 2009-2010. Classe V H. Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati. Materia: MATEMATICA Liceo scientifico Albert Einstein Anno scolastico 2009-2010 Classe V H Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati Materia: MATEMATICA PROGRAMMA DI MATEMATICA CLASSE V H Contenuti Ripasso dei prerequisiti

Dettagli

PUNTI CHIAVE IN ORDINE CRONOLOGICO- DELLA FILOSOFIA E DEI SUOI MAGGIORI ESPONENTI UNA SORTA DI RIASSUNTO DEL PROGRAMMA DELLA 4 LICEO

PUNTI CHIAVE IN ORDINE CRONOLOGICO- DELLA FILOSOFIA E DEI SUOI MAGGIORI ESPONENTI UNA SORTA DI RIASSUNTO DEL PROGRAMMA DELLA 4 LICEO www.aliceappunti.altervista.org PUNTI CHIAVE IN ORDINE CRONOLOGICO- DELLA FILOSOFIA E DEI SUOI MAGGIORI ESPONENTI UNA SORTA DI RIASSUNTO DEL PROGRAMMA DELLA 4 LICEO 1) CUSANO: (DA CUSANO A KANT) Conoscenza

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA

I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA Indice Introduzione Il sistema decimale Il sistema binario Conversione di un numero da base 10 a base 2 e viceversa Conversione in altri sistemi di numerazione

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento:

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento: Capitolo 3 Serie 3. Definizione Sia { } una successione di numeri reali. Ci proponiamo di dare significato, quando possibile, alla somma a + a 2 +... + +... di tutti i termini della successione. Questa

Dettagli

I Insiemi e funzioni

I Insiemi e funzioni I Insiemi e funzioni 1. INSIEMI ED OPERAZIONI SU DI ESSI 1.1. Insiemi Dal punto di vista intuitivo, il concetto di insieme può essere fatto corrispondere all atto mentale mediante il quale associamo alcuni

Dettagli

200. Dal Paradosso di Achille e la tartaruga alle serie numeriche: un intervento didattico Raffaella Gigante raffamat@yahoo.it

200. Dal Paradosso di Achille e la tartaruga alle serie numeriche: un intervento didattico Raffaella Gigante raffamat@yahoo.it 200. Dal Paradosso di Achille e la tartaruga alle serie numeriche: un intervento didattico Raffaella Gigante raffamat@yahoo.it Introduzione Nello sviluppo di tale attività, ho cercato di stimolare la costruzione

Dettagli

PROGRAMMA DI FILOSOFIA

PROGRAMMA DI FILOSOFIA PROGRAMMA DI FILOSOFIA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Docente: Marino Giannamaria Disciplina: Filosofia Classe: IVª Sez.: A Liceo Linguistico Libro di testo: Agorà, a cura di Fabio Cioffi, Giorgio Luppi, Amedeo

Dettagli

I PROBLEMI ALGEBRICI

I PROBLEMI ALGEBRICI I PROBLEMI ALGEBRICI La risoluzione di problemi è una delle attività fondamentali della matematica. Una grande quantità di problemi è risolubile mediante un modello algebrico costituito da equazioni e

Dettagli

IL FASCINO DELL INFINITO

IL FASCINO DELL INFINITO FORZA, VELOCITÀ E ACCELERAZIONE: UNO SGUARDO CONTEMPORANEO AI PRINCIPI DELLA DINAMICA 35 IL FASCINO DELL INFINITO FRANCA CATTELANI DEGANI Dipartimento di Matematica Pura e Applicata «G. Vitali» Università

Dettagli

Programma di Filosofia

Programma di Filosofia Programma di Filosofia Anno Scolastico 2013/2014 Sede Liceo scientifico Fabio Besta, Orte Docente Antonella Bassanelli Classe IV B Umanesimo e Rinascimento Capitolo 1: Coordinate storico sociali e concetti

Dettagli

LA CLASSE II B AL MUSEO GIARDINO DI ARCHIMEDE

LA CLASSE II B AL MUSEO GIARDINO DI ARCHIMEDE stituto Comprensivo Galileo Galilei di Pieve a Nievole LA CLASSE B AL MUSEO GARDNO D ARCHMEDE Firenze - 8 Marzo 2013 by Paolo Sturlini Fonti utilizzate: wikipedia, fotografie Alla scoperta del Giardino

Dettagli

Introduzione al concetto di algoritmo

Introduzione al concetto di algoritmo Dario Palladino 1 Introduzione al concetto di algoritmo Con il recente enorme sviluppo delle discipline informatiche e l uso sempre più diffuso dei calcolatori, il concetto di algoritmo ha assunto un ruolo

Dettagli

Introduzione all Analisi Non-Standard

Introduzione all Analisi Non-Standard Introduzione all Analisi Non-Standard Riccardo Dossena La matematica del seicento venne caratterizzata fondamentalmente dalla ricerca della soluzione ad un celebre e antico problema: il cosiddetto problema

Dettagli

Anno scolastico 2013-2014 Liceo Scientifico G. Galilei Siena Programmazione di Storia Classe Terza E

Anno scolastico 2013-2014 Liceo Scientifico G. Galilei Siena Programmazione di Storia Classe Terza E Classe Terza E - La Riforma Gentile - Introduzione elementare alla metodologia storiografica (le fonti, la letteratura specialistica, il manuale) - Introduzione al concetto di medioevo - Invasioni barbariche

Dettagli

I filosofi greci del IV secolo a.c. come Platone e Aristotele ritenevano che le stelle fossero oggetti celesti eterni e immutabili, che ruotavano

I filosofi greci del IV secolo a.c. come Platone e Aristotele ritenevano che le stelle fossero oggetti celesti eterni e immutabili, che ruotavano Corso di Astronomia I filosofi greci del IV secolo a.c. come Platone e Aristotele ritenevano che le stelle fossero oggetti celesti eterni e immutabili, che ruotavano attorno alla Terra con orbite circolari.

Dettagli

GEOMETRIA PIANA CENNI STORICI

GEOMETRIA PIANA CENNI STORICI GEOMETRIA PIANA CENNI STORICI Le origini della geometria sono antichissime e, per lo più, legate a necessità pratiche. Le tavolette e i papiri egiziani, risalenti al 2000 a.c., mettono in evidenza che

Dettagli

LICEO-GINNASIO "M.GIOIA" - PIACENZA a/s 2000-'01

LICEO-GINNASIO M.GIOIA - PIACENZA a/s 2000-'01 LICEO-GINNASIO "M.GIOIA" - PIACENZA a/s 2000-'01 La chiarificazione definitiva della natura dell'infinito non riguarda esclusivamente l'ambito degli interessi scientifici specializzati, ma è necessaria

Dettagli

Quesiti di Analisi Matematica A

Quesiti di Analisi Matematica A Quesiti di Analisi Matematica A Presentiamo una raccolta di quesiti per la preparazione alla prova orale del modulo di Analisi Matematica A. Per una buona preparazione é consigliabile rispondere ad alta

Dettagli

Laboratori matematici per le scuole

Laboratori matematici per le scuole Laboratori matematici per le scuole Le proposte de IL GIARDINO DI ARCHIMEDE unmuseo perla[matematica] Numeri e conti presso gli antichi sumeri Descrizione Come nasce il nostro modo di contare, di scrivere

Dettagli

187. Casualità Matematica e Metodo Monte Carlo Nicola De Nitti nicoladenitti@gmail.com

187. Casualità Matematica e Metodo Monte Carlo Nicola De Nitti nicoladenitti@gmail.com 187. Casualità Matematica e Metodo Monte Carlo icola De itti nicoladenitti@gmail.com Premessa Il concetto di probabilità, impiegato a partire dal XVII secolo, è diventato con il passare del tempo fondamentale

Dettagli

PRIMAVERA IN BICOCCA

PRIMAVERA IN BICOCCA PRIMAVERA IN BICOCCA 1. Numeri primi e fattorizzazione Una delle applicazioni più rilevanti della Teoria dei Numeri si ha nel campo della crittografia. In queste note vogliamo delineare, in particolare,

Dettagli

MATEMATICA PRIMO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE UMANE

MATEMATICA PRIMO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE UMANE MATEMATICA PRIMO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE UMANE Profilo generale e competenze Al termine del percorso liceale lo studente dovrà padroneggiare i principali concetti e metodi di base della matematica,

Dettagli

Le origini dell analisi non-standard: quattro passi nel mondo degli infiniti e degli infinitesimi in atto 1. Achille Maffini

Le origini dell analisi non-standard: quattro passi nel mondo degli infiniti e degli infinitesimi in atto 1. Achille Maffini Le origini dell analisi non-standard: quattro passi nel mondo degli infiniti e degli infinitesimi in atto 1 Achille Maffini Sommario L articolo si propone di tracciare le linee essenziali che hanno portato

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale 4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale Spazi Metrici Ricordiamo che uno spazio metrico è una coppia (X, d) dove X è un insieme e d : X X [0, + [ è una funzione, detta metrica,

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

G. Pareschi GENERALITÀ SULLE FUNZIONI. CARDINALITÀ

G. Pareschi GENERALITÀ SULLE FUNZIONI. CARDINALITÀ G. Pareschi GENERALITÀ SULLE FUNZIONI. CARDINALITÀ 1. Definizione di funzione Definizione 1.1. Siano X e Y due insiemi. Una funzione f da X a Y è un sottoinsieme del prodotto cartesiano: f X Y, tale che

Dettagli

I quadrati di Galileo Galilei

I quadrati di Galileo Galilei I quadrati di Galileo Galilei di Antonio Rita Premessa Galileo Galilei (1564-1642) ha iniziato giovanissimo i suoi studi di matematica e di fisica, abbandonando quelli di medicina. Ha mostrato per prima

Dettagli

ESERCIZI DI MATEMATICA FINANZIARIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT UNIFE A.A. 2015/2016. 1. Esercizi: lezione 09/10/2015

ESERCIZI DI MATEMATICA FINANZIARIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT UNIFE A.A. 2015/2016. 1. Esercizi: lezione 09/10/2015 ESERCIZI DI MATEMATICA FINANZIARIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT UNIFE A.A. 2015/2016 1. Esercizi: lezione 09/10/2015 Regimi semplice e composto Esercizio 1. Dopo quanti mesi un capitale C, impiegato

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI ANALISI MATEMATICA 1

APPUNTI DEL CORSO DI ANALISI MATEMATICA 1 APPUNTI DEL CORSO DI ANALISI MATEMATICA 1 Gino Tironi Stesura provvisoria del 24 settembre, 2007. ii Indice 1 Insiemi e logica 1 1.1 Preliminari......................................... 1 1.2 Cenni di

Dettagli

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni Capitolo 9 9.1 Crescenza e decrescenza in piccolo; massimi e minimi relativi Sia y = f(x) una funzione definita nell intervallo A; su di essa non facciamo, per ora, alcuna particolare ipotesi (né di continuità,

Dettagli

Calcolo Combinatorio

Calcolo Combinatorio Capitolo S-09 Calcolo Combinatorio Autore: Mirto Moressa Contatto: mirtomo@tiscali.it Sito: www.mirtomoressa.altervista.org Data inizio: 16/10/2010 Data fine: 21/10/2010 Ultima modifica: 21/10/2010 Versione:

Dettagli

La chimica e il metodo scientifico. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti

La chimica e il metodo scientifico. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti La chimica e il metodo scientifico Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti INTRODUZIONE (I) VIDEO INTRODUZIONE (II) VIDEO INTRODUZIONE (III) Fino alla fine del settecento, la manipolazione dei metalli, degli

Dettagli

2. Insiemi ed elementi di calcolo combinatorio

2. Insiemi ed elementi di calcolo combinatorio Dispense del corso di Ottimizzazione Combinatoria (IN440 2. Insiemi ed elementi di calcolo combinatorio Marco Liverani Università degli Studi Roma Tre Dipartimento di Matematica e Fisica Corso di Laurea

Dettagli

TITOLO ATTIVITA': Usare contenuti didattici digitali in classe

TITOLO ATTIVITA': Usare contenuti didattici digitali in classe CORSO DI FORMAZIONE PER INSEGNANTI (CORSO A ) Torino, Istituto Majorana, Via Frattini 11 Anno Scolastico 2011/2012 ALLIEVO: GIOVANNI NICCO CLASSE: A049 Matematica e Fisica TITOLO ATTIVITA': Usare contenuti

Dettagli

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue.

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. 10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. Lo scopo principale di questo capitolo è quello di far vedere che esistono sottoinsiemi di R h che non sono misurabili secondo Lebesgue. La costruzione di insiemi

Dettagli

Qualche cenno storico e una finestra sulle medie. 1,41421356 23730950 48801688 72420969 80785696 718753 76 2=1,414213562

Qualche cenno storico e una finestra sulle medie. 1,41421356 23730950 48801688 72420969 80785696 718753 76 2=1,414213562 mathematica [mentis] rubrica di cultura matematica a cura del CIRPU resp. scient. Prof. Italo Di Feo La radice 2 di Qualche cenno storico e una finestra sulle medie. 1,41421356 23730950 48801688 72420969

Dettagli

Appendice A. Il sistema assiomatico di Zermelo per la teoria degli insiemi

Appendice A. Il sistema assiomatico di Zermelo per la teoria degli insiemi Appendice A Il sistema assiomatico di Zermelo per la teoria degli insiemi Ernest Zermelo (1871-1953) rilevò che la presenza delle antinomie poteva essere collegata ad un insufficiente definizione del concetto

Dettagli

Qualche considerazione sul linguaggio universale della Matematica

Qualche considerazione sul linguaggio universale della Matematica Qualche considerazione sul linguaggio universale della Matematica Alessia Ascanelli Introduzione Scopo di queste brevi note è lanciare uno sguardo, all inizio volutamente elementare ed ingenuo, al linguaggio

Dettagli

CORSO BIELLA CONCETTI FONDAMENTALI DI ARITMETICA, ALGEBRA E GEOMETRIA PER LA SCUOLA DELL OBBLIGO MARTEDI 19/02/2013 TEMA

CORSO BIELLA CONCETTI FONDAMENTALI DI ARITMETICA, ALGEBRA E GEOMETRIA PER LA SCUOLA DELL OBBLIGO MARTEDI 19/02/2013 TEMA CORSO BIELLA CONCETTI FONDAMENTALI DI ARITMETICA, ALGEBRA E GEOMETRIA PER LA SCUOLA DELL OBBLIGO MARTEDI 19/02/201 TEMA OPERAZIONI CON I NUMERI E LORO PROPRIETA. NASCONO LE STRUTTURE ALGEBRICHE. 1 TESTO

Dettagli

La Matematica. Lavoro realizzato dai ragazzi della classe Quarta sez. A. Anno scolastico 2004/2005. Impaginazione e grafica realizzata

La Matematica. Lavoro realizzato dai ragazzi della classe Quarta sez. A. Anno scolastico 2004/2005. Impaginazione e grafica realizzata La Matematica Lavoro realizzato dai ragazzi della classe Quarta sez. A Anno scolastico 2004/2005 Impaginazione e grafica realizzata dall Assistente Tecnico sig. Salvatore Cavallaro Web Master Prof. Egidio

Dettagli

1 Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi

1 Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi (Criterio del rapporto.) Consideriamo la serie a (.) a termini positivi (ossia a > 0, =, 2,...). Supponiamo che esista il seguente ite a +

Dettagli

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente: Klaus Engel. Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Ingegneria A.A. 2011/12

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente: Klaus Engel. Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Ingegneria A.A. 2011/12 Appunti di Analisi Matematica Docente: Klaus Engel Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Ingegneria A.A. / http://univaq.it/~engel ( = %7E) (Versione del 4 dicembre ) Note scritte in collaborazione

Dettagli

Le derivate 1. Introduzione

Le derivate 1. Introduzione 1. Introduzione I due fondamentali capitoli dell Analisi Matematica sono il calcolo differenziale e il calcolo integrale. Il calcolo differenziale nacque nel XVII secolo ad opera di Newton e Leibnitz.

Dettagli

Due dimostrazioni alternative nella teoria di Ramsey

Due dimostrazioni alternative nella teoria di Ramsey Due dimostrazioni alternative nella teoria di Ramsey 28 Marzo 2007 Introduzione Teoria di Ramsey: sezione della matematica a metà tra la combinatoria e la teoria degli insiemi. La questione tipica è quella

Dettagli

Tra scienza normale e paradigmi : il linguaggio della scienza secondo Kuhn

Tra scienza normale e paradigmi : il linguaggio della scienza secondo Kuhn Tra scienza normale e paradigmi : il linguaggio della scienza secondo Kuhn Martina Aicardi Kliton Marku Classe 4H Docente coordinatore Prof. Bellonotto Liceo Scientifico O. Grassi Savona, 21 maggio 2013

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA PROFILO GENERALE E COMPETENZE Al termine del percorso liceale lo studente dovrà padroneggiare i principali concetti e metodi di base della matematica,

Dettagli

BREVE STORIA DELLA COMBINATORIA. Tesina condotta da Fabrizio Zaccaron

BREVE STORIA DELLA COMBINATORIA. Tesina condotta da Fabrizio Zaccaron BREVE STORIA DELLA COMBINATORIA Tesina condotta da Fabrizio Zaccaron Anno Accademico 2007/2008 INTRODUZIONE Con il termine combinatoria si intende il settore della matematica che studia insiemi finiti

Dettagli

Obiettivi Cognitivi OBIETTIVI MINIMI

Obiettivi Cognitivi OBIETTIVI MINIMI Docente Materia Classe Mugno Eugenio Matematica 1F Programmazione Preventiva Anno Scolastico 2012/2013 Data 25/11/2012 Obiettivi Cognitivi OBIETTIVI MINIMI conoscere il concetto di numero intero; conoscere

Dettagli

SPUNTI SULL'INFINITO nei linguaggi di matematica e fisica

SPUNTI SULL'INFINITO nei linguaggi di matematica e fisica SPUNTI SULL'INFINITO nei linguaggi di matematica e fisica Un monaco medievale racconta di aver trovato il punto in cui cielo e terra si toccano (C. Flammarion) UNA QUESTIONE LINGUISITICA Il linguaggio

Dettagli

GIACOMO LEOPARDI MATERIALISMO E RELIGIONE CRISTIANA

GIACOMO LEOPARDI MATERIALISMO E RELIGIONE CRISTIANA GIACOMO LEOPARDI MATERIALISMO E RELIGIONE CRISTIANA scelta ragionata dallo Zibaldone Introduzione di Dante Lepore cm. 14x21, pp. 100 Offerta minima 10 *** Leopardi mette in guardia dal ruolo nefasto della

Dettagli

LEZIONE 1: La logica matematica Mi chiamo Piergiorgio Odifreddi e vi invito a seguire un corso di logica matematica. Questa è la prima lezione, una

LEZIONE 1: La logica matematica Mi chiamo Piergiorgio Odifreddi e vi invito a seguire un corso di logica matematica. Questa è la prima lezione, una INDICE Pag. Lezione1: La logica matematica. 1 Lezione2: Il naso di Pinocchio. 10 Lezione3: Le gambe di Achille 19 Lezione4: Il teatro dell assurdo... 28 Lezione5: Idee accademiche. 37 Lezione6: Una metafisica

Dettagli

Sistema di numerazione binario, operazioni relative e trasformazione da base due a base dieci e viceversa di Luciano Porta

Sistema di numerazione binario, operazioni relative e trasformazione da base due a base dieci e viceversa di Luciano Porta Sistema di numerazione binario, operazioni relative e trasformazione da base due a base dieci e viceversa di Luciano Porta Anche se spesso si afferma che il sistema binario, o in base 2, fu inventato in

Dettagli

Aritmetica: operazioni ed espressioni

Aritmetica: operazioni ed espressioni / A SCUOLA DI MATEMATICA Lezioni di matematica a cura di Eugenio Amitrano Argomento n. : operazioni ed espressioni Ricostruzione di un abaco dell epoca romana - Museo RGZ di Magonza (Germania) Libero da

Dettagli

TEORIE E TECNICHE COSTRUTTIVE NEL LORO SVILUPPO STORICO ARTE E SCIENZA DEL COSTRUIRE

TEORIE E TECNICHE COSTRUTTIVE NEL LORO SVILUPPO STORICO ARTE E SCIENZA DEL COSTRUIRE TEORIE E TECNICHE COSTRUTTIVE NEL LORO SVILUPPO STORICO ARTE E SCIENZA DEL COSTRUIRE Uscito dalle caverne l uomo iniziò a costruire. E probabile che da nomade usò le tende. Una volta divenuto stanziale

Dettagli

CAPITOLO QUARTO IL CONCETTO DI TRASFORMAZIONE GEOMETRICA. Trasformazioni geometriche e movimenti fisici

CAPITOLO QUARTO IL CONCETTO DI TRASFORMAZIONE GEOMETRICA. Trasformazioni geometriche e movimenti fisici CAPITOLO QUARTO IL CONCETTO DI TRASFORMAZIONE GEOMETRICA Carla Alberti Trasformazioni geometriche e movimenti fisici L uso del termine trasformazione è molto frequente nel linguaggio comune e in quello

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA Istituto Istruzione Superiore A. Venturi Modena Liceo artistico - Istituto Professionale Grafica Via Rainusso, 66-41124 MODENA Sede di riferimento (Via de Servi, 21-41121 MODENA) tel. 059-222156 / 245330

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

SPAZI METRICI. Uno spazio metrico X con metrica d si indica con il simbolo (X, d). METRICI 1

SPAZI METRICI. Uno spazio metrico X con metrica d si indica con il simbolo (X, d). METRICI 1 SPAZI METRICI Nel piano R 2 o nello spazio R 3 la distanza fra due punti è la lunghezza, o norma euclidea, del vettore differenza di questi due punti. Se p = (x, y, z) è un vettore in coordinate ortonormali,

Dettagli

Esistenza di Dio L'esistenza di Dio non è provata secondo i canoni attuali della scienza, né lo è il contrario. Benché l'esistenza di Dio non sia logicamente incompatibile con le conoscenze scientifiche

Dettagli

Il primo teorema di incompletezza di Gödel

Il primo teorema di incompletezza di Gödel Il primo teorema di incompletezza di Gödel Stefano Nasini Dept. of Statistics and Operations Research Universitat Politécnica de Catalunya 1. Introduzione Questo documento vuole essere una spiegazione

Dettagli

Base 7 - Base 10. Base 10. + ADDIZIONE - SOTTRAZIONE / DIVISIONE x MOLTIPLICAZIONE

Base 7 - Base 10. Base 10. + ADDIZIONE - SOTTRAZIONE / DIVISIONE x MOLTIPLICAZIONE Base 7 - Base 10 C o m e c o m p r e n d e r e l e d i f f e r e n z e t r a B a s e 7 e B a s e 1 0? Base 10 Utilizzato sin dal tempo dei Sumeri, il sistema a Base 10 nasce presumibilmente solo perché

Dettagli

D R (S) = ϱ 1 D R (S), e ovviamente per quella passiva

D R (S) = ϱ 1 D R (S), e ovviamente per quella passiva CAPITOLO 1 Introduzione Nella fisica moderna i metodi algebrici e in particolare la teoria dei gruppi hanno acquistato un interesse sconosciuto alla fisica del secolo scorso. Si può vedere la cosa in una

Dettagli

Richiami di microeconomia

Richiami di microeconomia Capitolo 5 Richiami di microeconomia 5. Le preferenze e l utilità Nell analisi microeconomica si può decidere di descrivere ogni soggetto attraverso una funzione di utilità oppure attraverso le sue preferenze.

Dettagli

Corrispondenze e funzioni

Corrispondenze e funzioni Corrispondenze e funzioni L attività fondamentale della mente umana consiste nello stabilire corrispondenze e relazioni tra oggetti; è anche per questo motivo che il concetto di corrispondenza è uno dei

Dettagli

I numeri relativi. Il calcolo letterale

I numeri relativi. Il calcolo letterale Indice Il numero unità I numeri relativi VIII Indice L insieme R Gli insiemi Z e Q Confronto di numeri relativi Le operazioni fondamentali in Z e Q 0 L addizione 0 La sottrazione La somma algebrica La

Dettagli

Modelli di Ottimizzazione

Modelli di Ottimizzazione Capitolo 2 Modelli di Ottimizzazione 2.1 Introduzione In questo capitolo ci occuperemo più nel dettaglio di quei particolari modelli matematici noti come Modelli di Ottimizzazione che rivestono un ruolo

Dettagli

Promuovere e valutare competenze nella scuola

Promuovere e valutare competenze nella scuola Promuovere e valutare competenze nella scuola Intervento di Michele Pellerey Sul concetto di competenza in un contesto scolastico Nei documenti della Commissione Europea sulla competenze chiave della cittadinanza

Dettagli

Renè Descartes CARTESIO

Renè Descartes CARTESIO Renè Descartes CARTESIO Biografia a cura di Zoran Evtoski Anno Accademico 2007/2008 La Vita e le Opere Renè Descartes (latinizzato in Renatus Cartesius) nacque a La Haye nel 1596. Inviato al Collegio gesuitico

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Funzioni continue

Corso di Analisi Matematica. Funzioni continue a.a. 203/204 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Funzioni continue Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli studenti.

Dettagli

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto.

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto. 29 giugno 2009 - PROVA D ESAME - Geometria e Algebra T NOME: MATRICOLA: a=, b=, c= Sostituire ai parametri a, b, c rispettivamente la terzultima, penultima e ultima cifra del proprio numero di matricola

Dettagli

1 Insiemi in R n 1 1.1 Simmetrie degli insiemi... 5

1 Insiemi in R n 1 1.1 Simmetrie degli insiemi... 5 UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 5 2 Funzioni da

Dettagli

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. L alunno ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto

Dettagli

BIOMECCANICA Prof. Alessandro Stranieri. Lezione n. 3

BIOMECCANICA Prof. Alessandro Stranieri. Lezione n. 3 LA BIOMECCANICA Prof. Alessandro Stranieri Lezione n. 3 La MECCANICA teorica include tutte le leggi fondamentali del movimento meccanico di corpi solidi inanimati Verso la fine del XVII secolo la teoria

Dettagli

Le metafore della scienza. di Tommaso Castellani. S. Ho saputo che hai fatto un seminario intitolato Le metafore della scienza.

Le metafore della scienza. di Tommaso Castellani. S. Ho saputo che hai fatto un seminario intitolato Le metafore della scienza. Le metafore della scienza di Tommaso Castellani Un dialogo tra: F. Un fisico che fa ricerca all università. I. Un fisico che si occupa di insegnamento a scuola. S. Uno studente sulla strada della fisica.

Dettagli

Indice. 1 Il settore reale --------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Il settore reale --------------------------------------------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE VI IL MERCATO REALE PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 Il settore reale ---------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

SATANA, CANTOR E L INFINITO

SATANA, CANTOR E L INFINITO SATANA, CANTOR E L INFINITO ALBERTO SARACCO Sommario. Il titolo di questo articolo è direttamente ripreso dal titolo del libro di Smullyan [5] sulla logica e i paradossi matematici. All ultimo capitolo

Dettagli

Capitolo 1. Leggi di capitalizzazione. 1.1 Introduzione. 1.2 Richiami di teoria

Capitolo 1. Leggi di capitalizzazione. 1.1 Introduzione. 1.2 Richiami di teoria Indice 1 Leggi di capitalizzazione 5 1.1 Introduzione............................ 5 1.2 Richiami di teoria......................... 5 1.2.1 Regimi notevoli...................... 6 1.2.2 Tassi equivalenti.....................

Dettagli

II.f. Altre attività sull euro

II.f. Altre attività sull euro Altre attività sull euro II.f È consigliabile costruire modelli in carta o cartoncino di monete e banconote, e farli usare ai bambini in varie attività di classe fin dal primo o al più dal secondo anno.

Dettagli

UNA PRESENTAZIONE DEI NUMERI REALI

UNA PRESENTAZIONE DEI NUMERI REALI UNA PRESENTAZIONE DEI NUMERI REALI Franco Eugeni, Daniela Tondini ed Annamaria Viceconte 3. Il grande problema dei Pitagorici e la "maledizione" di Ippaso. Fin dal VI secolo a.c., anche se con modalità

Dettagli

LOGICA E LINGUAGGIO. Caserta, 21 febbraio 2011. Dott. Michele Bovenzi

LOGICA E LINGUAGGIO. Caserta, 21 febbraio 2011. Dott. Michele Bovenzi LOGICA E LINGUAGGIO Caserta, 2 febbraio 2 Dott. Michele Bovenzi Una breve introduzione La logica nasce nell antichità come disciplina che studia i principi e le regole del ragionamento, ne valuta la correttezza

Dettagli

CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI

CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI 31 CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI INTRODUZIONE L'obbiettivo di questo capitolo è quello di presentare in modo sintetico ma completo, la teoria della stabilità

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli