Il paradigma dell Open Innovation

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il paradigma dell Open Innovation"

Transcript

1 Il paradigma dell Open Innovation Paola Giuri Università di Bologna

2 Introduzione L approccio Open Innovation: principi chiave Strategie di collaborazione per l innovazione Vantaggi e svantaggi delle collaborazioni Modalità delle collaborazioni Forme delle collaborazioni La valorizzazione esterna di tecnologie proprietarie I mercati per le tecnologie Il licensing tecnologico: motivazioni economiche e strategiche La vendita dei brevetti La creazione di nuove imprese Paola Giuri Università di Bologna

3 Paola Giuri Università di Bologna L approccio Open Innovation: principi chiave

4 La visione tradizionale del processo di sviluppo innovazione Marketing R&D interna Produzione Service Generazione idee Selezione opportunità Sviluppo e test Produzione e lancio Gestione del portafoglio progetti Paola Giuri Università di Bologna

5 Paola Giuri Università di Bologna Il modello Open Innovation (Chesbrough, 2007)

6 Cosa si intende per Open Innovation? Nei modelli di business aperti le imprese cercano di creare valore utilizzando idee esterne a complemento di quelle generate internamente nello sviluppo di una nuova tecnologia Cercano allo stesso tempo nuove opportunità per valorizzare all esterno le idee generate internamente, al di fuori delle attività esistenti Il successo viene dall integrazione dei risultati interni ed esterni La proprietà intellettuale è una leva competitiva per creare valore Paola Giuri Università di Bologna

7 Open Innovation: principi chiave Paradigma Closed Innovation Paradigma Open Innovation The smart people in our field work for us To profit from R&D, we must discover it, develop it and realize it ourselves If we discover it ourselves, it will go to the market first! The company that gets an innovation to the market first will win If we create the most and the best ideas in the industry, we will win We should control our IP, so that our competitors do not profit from our ideas Paola Giuri Università di Bologna Not all the smart people work for us. We need to work with smart people inside and outside our company External R&D can create significant value; internal R&D is needed to claim some portion of that value We do not have to originate the research to profit from it Building a better business model is better than getting to the market first If we make the best use of internal and external ideas, we will win We should profit from others use of our IP, and we should buy others IP whenever it enhances our business model Fonte: Chesbrough, 2007, p. 26

8 Competizioni e mercati delle idee Competizioni per le idee Nokia University Program General Electric EcoImagination Challenge Innovation Concept Award (SECO, Cubit, Università di Pisa) Mercati delle idee Paola Giuri Università di Bologna

9 Università e centri di ricerca come fonti di idee e tecnologia Paola Giuri Università di Bologna

10 Paola Giuri Università di Bologna Strategie di collaborazione per l innovazione

11 Il caso XenoMouse Fatti principali Abgenix (impresa di biotecnologie statunitense) ha investito sette anni e 40 milioni in attività di R&S Ha realizzato un topo transgenico (XenoMouse) in grado di produrre anticorpi con sequenze proteiche umane (quindi utile per la cura di malattie umane come cancro, artrite o rigetto post-trapianto). Altre imprese biotech non avevano avuto buoni risultati nella produzione di anticorpi con i topi Forte interesse da parte delle imprese e ottimismo nel mercato azionario Paola Giuri tutti i diritti riservati 11

12 Il caso XenoMouse Due piani per lo sfruttamento tecnologico 1. Concessione di licenze a imprese farmaceutiche o di biotecnologie per l utilizzo dello Xenomouse per lo sviluppo di anticorpi contro malattie target indicate dalle imprese licenziatarie. Vantaggi economici: Upfront fee (tra 7 e 10 mln $) Milestone fee al raggiungimento di traguardi intermedi Royalties sui ricavi (5-6% delle vendite 2. Sviluppo di farmaci propri: Fasi di testing iniziale in house Cessione di sviluppo e commercializzazione del farmaco ad altre imprese Non necessari investimenti in impianti di produzione e staff di vendita Paola Giuri tutti i diritti riservati 12

13 Il caso XenoMouse il farmaco ABX-EGF Uno dei programmi di sviluppo del farmaco, l ABX-EGF, si era dimostrato molto promettente per il trattamento di alcune tipologie di tumori. Opzioni per lo sviluppo e lo sfruttamento commerciale dell ABX-EGF: Licenzadei diritti di utilizzo dell ABX-EGF a una grande impresa farmaceutica che avrebbe curato il processo di testing, approvazione lancio e commercializzazione del farmaco. Abgenix sosterrebbe pochi rischi in cambio di upfront fee e royalty al di sopra degli standard di settore Joint-ventureparitetica (50%) con un impresa biotecnologica per condividere i costi per testing, approvazione e commercializzazione del prodotto e profitti. Incluso anche pagamenti anticipato supplementare da parte dell impresa biotecnologica Maggiori rischi e profitti attesi Sviluppo in house autonomo: necessario sviluppo delle competenze interne per testing e approvazione. Possibile partner per la commercializzazione. Alti rischi e appropriazione di tutti i profitti Paola Giuri tutti i diritti riservati 13

14 Il caso XenoMouse la scelta Quali sono per Abgenix i rischi e i benefici di collaborare con un partner per lo sviluppo del progetto ABX-EGF? Se Abgenix optasse per una strategia di collaborazione con un impresa esterna, le converrebbe concedere i diritti di licenza a un impresa farmaceutica o piuttosto instaurare una joint-venture con una società biotech? Schilling (2005, 2008) Paola Giuri tutti i diritti riservati 14

15 Il caso XenoMouse Prospettive di sviluppo in house, ma problemi di liquidità, maggiori dopo la crisi del Concorrenza da grandi imprese come AstraZeneca e Genentech Necessità di capacità e competenze per sviluppo e commercializzazione in tempi rapidi. Nel 2001: Abgenix uses its XenoMouse technology to build a large and diversified product portfolio through the establishment of licensing arrangements with multiple pharmaceutical, biotechnology and genomics companies and through the development of its own internal proprietary products. Licenze a: Pfizer, Amgen, CellTech e altre Collaborazioni con: Lexicon Genetics, Lonza Biologics per approvazione, produzione ecc. (http://www.amgen.com/media/abgenix_press_release_archive.html) Paola Giuri tutti i diritti riservati 15

16 Il caso XenoMouse Nel 2003: Abgenix, Inc. (Nasdaq:ABGX) today announced that the company has received a Drug Manufacturers Licensefrom the State of California, Food & Drug Branch (FDB). This license allows Abgenix to manufacture and ship clinical material from its stateof-the-art, 100,000-square foot biologics manufacturing facility in Fremont, California. A California state license is obtained only after a manufacturer has successfully completed an inspection by the State Department of Health Services. "With this license, we are now able to release bulk product that can be used in the ABX-EGF program, as well as bulk product for the entire Abgenix product portfolio," said Raymond M. Withy, Ph.D., president and CEO of Abgenix. "We have now assembled the specialized facilities and have developed a solid foundation of the functional expertise required to produce antibodies at both clinical and commercial scale. These capabilities are a crucial part of our competitive advantage and future as a drug development company. (http://www.amgen.com/media/abgenix_press_release_archive.html) Paola Giuri tutti i diritti riservati 16

17 Il caso XenoMouse Nel periodo : Sviluppo di nuovo farmaci Collaborazioni Licenze Commercializzazione in house Acquisita nel 2006 Paola Giuri tutti i diritti riservati 17

18 Il caso XenoMouse Acquisizione Amgen(Nasdaq: AMGN), the world's largest biotechnology company, and Abgenix, Inc. (Nasdaq: ABGX), a company specializing in the discovery, development and manufacture of human therapeutic antibodies, today announced that they have signed a definitive merger agreement under which Amgen will acquire Abgenix for approximately $2.2 billion in cash plus the assumption of debt. Under the terms of the agreement, shareholders of Abgenix will receive $22.50 in cash per common share. The acquisition of Abgenix provides Amgen with full ownership of one of its most important advanced pipeline products, panitumumab. Working closely with Abgenix under a co-development agreement that Amgen assumed as a result of its acquisition of Immunex Corporation in 2002, Amgen has led the development and commercialization strategy for panitumumab. The acquisition provides additional value to Amgen by eliminating a tiered royalty that Amgen would have paid to Abgenix on future sales of denosumab (formerly AMG 162), which was created using Abgenix's XenoMouse(R) antibody technology. Paola Giuri tutti i diritti riservati 18

19 Sviluppo autonomo o collaborazione? Vantaggi dello sviluppo autonomo Disponibilità di capacità e competenze Protezione di tecnologie proprietarie Controllo dello sviluppo e dell utilizzo di tecnologie Appropriazione di tutti i rendimenti dall innovazione Preferenza verso autonomia decisionale, soprattutto nell orientare il processo di sviluppo e le applicazioni che potrebbe essere generate dalla tecnologia Creazione e rinnovo di capacità Paola Giuri tutti i diritti riservati 19

20 Sviluppo autonomo o collaborazione? Vantaggi delle collaborazioni Accesso rapido a risorse e a competenze necessarie e critiche per lo sviluppo e la commercializzazione della tecnologia. Riduzione degli oneri finanziari e aumento della flessibilità Opportunità di apprendimento dai partner: acquisizione competenze dai partner o creazione di nuove conoscenze. Es. Boeing-Alenia Condivisione di costi e rischi dei progetti di sviluppo con il partner: Importante quando i costi sono elevati e gli esiti incerti. Ottenimento di economie di scala e scopo Creazione di uno standard condiviso. Es WAP Nokia, Motorola and Ericsson Paola Giuri tutti i diritti riservati 20

21 Le forme di collaborazione Alleanze strategiche Joint venture Licensing Outsourcing Organizzazioni di ricerca Paola Giuri tutti i diritti riservati 21

22 Alleanze strategiche Due o più imprese con differenti competenze condividono le proprie risorse per: Sviluppare una tecnologia Realizzare un prodotto Commercializzare un prodotto in diversi mercati Diminuire i tempi di sviluppo o accesso ai mercati Condividere costi e rischi Favorire apprendimento reciproco Rischi di comportamenti opportunistici fra le parti Paola Giuri tutti i diritti riservati 22

23 Le forme di collaborazione Joint venture: i partecipanti adottano una struttura formale, normalmente una nuova società con apporti di capitale dei partner. I dettagli della joint venture sono definiti in un contratto. Licensing: accordo contrattuale con cui si trasferiscono i diritti d uso di una proprietà intellettuale tra due organizzazioni, in cambio di upfront fee e/o royalties. Paola Giuri tutti i diritti riservati 23

24 Le forme di collaborazione Outsourcing: l impresa esternalizza alcune attività all esterno invece di realizzarle al proprio interno. I più diffusi sono i contratti di produzione. Es. semiconduttori, NeroGiardini, Teddy. Anche altre attività possono essere esternalizzate: design, marketing, IT, distribuzione, logistica Problemi: perdita di competenze e costi di transazione Organizzazioni di ricerca e consorzi: organizzazioni costituite per favorire la collaborazione fra un gruppo di soggetti, per esempio imprese ed enti pubblici di ricerca. Paola Giuri tutti i diritti riservati 24

25 La scelta delle modalità di collaborazione Paola Giuri tutti i diritti riservati 25

26 La scelta ed il monitoraggio dei partner Compatibilità e coerenza delle risorse Coerenza strategica: obiettivi, stili imprenditoriali, comportamenti organizzativi Meccanismi trasparenti e flessibili per il monitoraggio e la governance della collaborazione Es. clausole contrattuali vincolanti su: contributo che ciascun partner si impegna a fornire grado di controllo che spetta a ciascun partner tempi e modalità di distribuzione dei risultati della partnership modalità di valutazione dello stato di avanzamento forme e modalità di scioglimento del rapporto. Paola Giuri tutti i diritti riservati 26

27 R&S interna ed esterna Gli accordi di collaborazione sono efficaci quando non sono sostitutivi ma complementari alla R&S interna: rischio di impoverimento delle competenze La R&S interna è necessaria per valutare, assorbire e utilizzare le conoscenze esterne La R&S interna cerca di indirizzare le attività di collaborazione (sulla base del potere negoziale dei partner) sulla base della propria strategia tecnologica Spesso è necessario disporre di tecnologie di scambio per entrare in accordi di collaborazione (es. cross-licensing) Paola Giuri tutti i diritti riservati 27

28 La valorizzazione delle tecnologie Paola Giuri Università di Bologna

29 Sfruttamento di invenzioni brevettate Il valore dei brevetti dipende dalla capacità di sfruttare le invenzioni per sviluppare utili innovazioni di prodotto e processo Tuttavia, molti brevetti non generano valore significativo per i proprietari Molti brevetti non sono utilizzati, oppure sono usati per motivi puramente strategici (es. blocking patents e crosslicensing) piuttosto che essere usati per proteggere innovazioni di valore

30 Sfruttamento di invenzioni brevettate: licenze o vendita di brevetti Una parte consistente di brevetti sono venduti o concessi in licenza per generare redditi dalla vendita di nuovi prodotti da terze parti. Questa scelta dipende dalle caratteristiche tecnologiche (es. generalità), dell detentore del brevetto (dimensione, disponibilità di risorse complementari) e dall efficienza dei mercati per le tecnologie In diversi casi le imprese vorrebbero vendere o concedere in licenza i brevetti ma non riescono a farlo per diversi motivi: I mercati per le tecnologie potrebbero essere più ampi

31 Mercati per la tecnologia Paradigma dominante da 1900: R&S e risorse complementari in house importanza routine organizzative nello sviluppo di innovazioni e tecnologie difficili da trasferire tra organizzazioni, e presenza di costi di transazione nello scambio di tecnologie Negli ultimi due decenni si sviluppano i mercati per le tecnologie: emergono una varietà di meccanismi alternativi per lo scambio di tecnologie JV o alleanze nella R&S, licenze, cross-licensing, contratti per R&S Paola Giuri tutti i diritti riservati 31

32 Royalty and Licensing Fees ( ) million USD, w orldwide year Payments Receipts Source: Athreye and Cantw ell (2005) Paola Giuri tutti i diritti riservati 32

33 Mercati per la tecnologia Aumentano le opportunità strategiche per le imprese: vendita di tecnologie invece, oppure in aggiunta a sviluppo in house delle risorse complementari Imperativi strategici diversi: per grandi e piccole imprese, per nuove imprese high-tech per produttori ed utilizzatori di tecnologie Paola Giuri tutti i diritti riservati 33

34 Il ruolo delle risorse complementari Sviluppo e produzione in house: Se le imprese possono estrarre valore anche dalle risorse complementari Se le imprese possono produrre e vendere ampi volumi di produzione Vendita di tecnologie Se le risorse complementari sono disponibili sul mercato Se i costi di transazioni per queste risorse non sono troppo elevati Paola Giuri tutti i diritti riservati 34

35 Il ruolodellaprotezionedellaproprietà intellettuale La presenza dei brevetti riduce i costi di transazione nello scambio di tecnologie Se efficaci, i brevetti rappresentano un meccanismo per ottenere rendite dalle innovazioni nei mercati per la tecnologia (es. chimica e farmaceutica) Paola Giuri tutti i diritti riservati 35

36 Licenze da grandi imprese Imprese con ampie quote di mercato hanno maggiori vantaggi attraverso l uso interno delle tecnologie Per imprese con quote di mercato piccole le licenze consentono di ottenere redditi aggiuntivi Imprese senza quote di mercato nel mercato dei prodotti (senza capacità produttive) hanno la maggiore convenienza dalle licenze Le licenze sono sempre convenienti se il licenziatario opera in mercati differenti (di prodotto o geografici) Paola Giuri tutti i diritti riservati 36

37 Un esempio Thoman, CEO prima di IBM e poi di Xerox in IBM: Aumento di royalties da licenze del 3.300%; da 30milioni di $ nel 1990 a 1 miliardo di $ nel 2000 Reddito corrispondente a 1/9 dei profitti e a ¼ delle vendite nel mondo (20 miliardi di $) in Xerox: Piano di aumento di redditi da licenze da 10 a 200 milioni $ in 2 anni Portafoglio brevetti da usare per nuove opportunità di mercato Paola Giuri tutti i diritti riservati 37

38 Licensing program: Philips

39 Free licensing: IBM L IBM regala 500 brevetti sperando di guadagnarci (tratto dal New York Times, 29 aprile 2005) L'IBM va famosa per il suo ricco portafoglio di invenzioni brevettate. Ancora una volta è arrivata prima nelle classifiche della ricerca per gli Stati Uniti, mettendo insieme brevetti, più di qualsiasi altra società. E ha guadagnato circa 800 milioni di euro lo scorso anno vendendo e distribuendo licenze delle sue idee. Perché, allora, il gigante dell'informatica ha cambiato corso, regalando alcuni dei risultati della sua ricerca, invece di far pagare gli altri per utilizzarli? Perché ha interesse a farlo. [ ] All'inizio di quest'anno, l'ibm ha fatto un gesto significativo in direzione di quella che ha definito una nuova era nei metodi per mantenere il controllo delle sue proprietà intellettuali. L'azienda americana ha annunciato, a gennaio, di voler mettere gratuitamente a disposizione 500 brevetti, per la maggior parte codici di programmazione per la gestione di programmi di commercio elettronico, immagazzinamento dati, elaborazione di immagini, gestione dei dati e comunicazioni Internet. E si è impegnata a proseguire con altre iniziative. [ ] L'Ibm è all'avanguardia da questo punto di vista, ma anche altre aziende, in tutti i settori, stanno riconsiderando la loro strategia sulla proprietà intellettuale. Cosa mettere in comune con gli altri? Cosa tenere per sé, facendo pagare chi vuole utilizzarlo? "Il mondo degli affari oggi è impegnato in un gigantesco esperimento per cercare di capire quali settori della proprietà intellettuale aprire e quali mantenere chiusi", dice Steven Weber, direttore dell'istituto di studi internazionali dell'università di California, a Berkeley. "Il destino di molte aziende, e la forza delle economie nazionali, dipenderanno dagli esiti di questo esperimento". All'Ibm, il cambiamento ha preso il via lo scorso maggio, quando Samuel J. Palmisano, amministratore delegato della società, ha detto a John E. Kelly, un vicepresidente anziano, di guidare una squadra incaricata di ripensare la strategia dell'azienda sulla proprietà intellettuale. Kelly racconta che il suo superiore gli ha detto: "E' un'area straordinariamente importante, ritengo che sia necessario reindirizzare la nostra strategia, la nostra politica e i nostri metodi". Kelly, con un gruppo di 12 persone, ha viaggiato, studiato, fatto venire specialisti esterni all'azienda, ed è arrivato alla conclusione, alla fine di settembre, che l'ibm dovrebbe mettere a disposizione gratuitamente una percentuale maggiore delle proprie invenzioni. Paola Giuri Università di Bologna

40 Licenzedapiccoleimpresee start-up Scelta fondamentale perché determina il business model dell impresa Trade-off tra costo di acquisizione di capitale e altre risorse complementari per l innovazione nella produzione interna e rendite suddivise con i partner dell accordo di licenza Svantaggi: Difficoltà a internalizzare totalmente le rendite dall innovazione con licenza per inefficienze nei mercati per le tecnologie, e minore potere contrattuale negli accordi di licenza Negli accordi di licenza basati su royalties i profitti dipendono dagli sforzi del licenziatario nella commercializzazione della tecnologia o prodotto che incorpora la tecnologia Paola Giuri tutti i diritti riservati 40

41 Licenzedapiccoleimpresee start-up Vantaggi: Potere contrattuale limitato anche nell acquisizione di risorse complementari. Se sviluppo in house di risorse complementari, alti rischi e possibili inefficienze (es. svantaggi di scala) Se si investe in costose capacità produttive è necessario sviluppare continuamente nuovi prodotti per mantenerle, altrimenti alti rischi di fallimento e perdita di risorse Nuove imprese high-tech hanno maggiore motivazione verso l exploration che exploitation. Anche nelle licenze da università e centri di ricerca Paola Giuri tutti i diritti riservati 41

42 Tipi e guadagni da licenze Tipi di licenza: Licenza esclusiva Licenza non esclusiva Fonti di guadagno: Down-payment Royalties basate sul numero di unità vendute o sul fatturato netto generato Paola Giuri Università di Bologna

43 I contratti di licenza: alcuni punti chiave Parti coinvolte Descrizione del quadro dell accordo Caratteristiche della licenza (esclusività, territorio, ambito di uso, ) Pagamenti Obbligazioni del licenziante e del licenziatario Introduzione sul mercato e controllo qualità Controllo e difesa della proprietà intellettuale Garanzie, penali, Segretezza Giurisdizione di riferimento Paola Giuri Università di Bologna

44 Approcci per la determinazione delle royalties Approcci più usati nella determinazione dei guadagni da licenza: Licenze esistenti per la cessione della proprietà intellettuale (approcciocomparativo) Pratiche di settore per la licenza di invenzioni simili(approccio di mercato) Allocazione dei benefici economici derivanti dall uso dell invenzione (approccio analitico) Prassiconsolidate (es., 5% deiricavi; 25% deiprofitti; dal20 al 50% di premioper licenzeesclusive ) Paola Giuri Università di Bologna

45 Valorizzazione economica delle licenze: aspetti chiave Elementi che influenzano la decisione Esperienza precedente nel definire licenze Durata dell accordo Esclusività Fase di sviluppo della tecnologia Termini speciali dell accordo Copertura geografica Ambitosettorialenelqualela tecnologiaè licenziata Paola Giuri Università di Bologna

46 Evidenze dall indagine PatVal-EU II FP7 InnoS&T project Paola Giuri Università di Bologna

47 Patent licensing No, but licensing planned; 8,3% Yes; 8,2% 100% 90% 80% 70% 60% 50% 52,5% 57,3% 61,5% 71,4% 73,2% 83,6% 86,9% No; 83,4% 40% 30% 20% 10% 0% 21,1% 26,4% 23,1% 20,1% 12,2% 15,3% 19,7% 18,3% 8,2% 16,3% 6,6% 11,4% 8,2% 6,6% E4 Whether the patent has been licensed by (one of) the patent-holder(s) to an independent party (N=11,233)

48 Patent licensing, by country 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 31,8% 10% 0% 21,31% 13,30% 3,80% Yes No, but licensing planned No E4 Whether the patent has been licensed by (one of) the patent-holder(s) to an independent party (N=11,233)

49 Patent licensed, by age and size of the organization 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Yes No, but licensing pl No 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 59,2% 67,5% 78,7% 82,8% 87,5% 88,0% 87,6% 85,7% 88,3% 83,7% 22,1% 16,4% 7,4% 7,3% 18,7% 16,1% 13,9% 6,1% 6,5% 5,6% 7,7% 8,1% 5,8% 9,8% 6,4% 5,6% 6,8% 6,6% 5,9% 8,2% 0% Yes No, but licensing pl No E4/B7A (N=10,959) E4/B3 (N=10,942)

50 Patent licensed, by technological area Technological area Yes No No, but licensing planned Technological area Yes No No, but licensing planned Environment 16.5% 70.4% 13.0% Total 8.2% 83.4% 8.3% Biotechnology 14.9% 70.2% 14.9% Audiovisual 8.2% 81.5% 10.3% Organic Chemistry 12.3% 79.4% 8.2% Optical 8.1% 81.0% 10.9% Agri & FoodProcess Machines 12.3% 81.2% 6.5% Surface Technology 7.8% 85.9% 6.3% Chemical Engineering 12.0% 77.9% 10.1% Handl/Printing 7.4% 88.9% 3.8% Pharmaceuticals/Cosmetics 11.0% 76.3% 12.8% Thermal Processes 7.3% 86.7% 6.0% Consumer Goods 10.8% 82.1% 7.1% Nuclear Technology 6.8% 86.4% 6.8% Mat. Proces./Textiles/Paper 10.8% 77.2% 12.0% Materials 6.4% 87.4% 6.2% IT 9.6% 80.7% 9.6% Electricity/Energy 6.4% 85.9% 7.7% Semiconductors 9.6% 78.4% 11.9% MachineTools 5.6% 86.8% 7.6% Construction Technology 9.5% 82.6% 7.9% Polymers 5.0% 85.4% 9.7% Medical Technology 9.2% 81.6% 9.2% Motors 4.8% 87.6% 7.6% Petrol Chem/Materials Chem 9.2% 81.7% 9.2% Mechanical Elements 4.5% 90.3% 5.2% Agriculture & Foods 8.8% 84.2% 7.0% Transportation 4.1% 89.8% 6.0% Telecom 8.6% 82.4% 9.0% Space Tech/Weapons 3.4% 81.0% 15.5% Analysis/Measur./Control Tech 8.4% 82.6% 9.0% E4 Whether the patent has been licensed by (one of) the patent-holder(s) to an independent party (N=11,228)

51 Patent sale No, but sale planned 5.5% Yes, 5.3% 100% 90% 80% 70% 60% 50% 69,3% 77,5% 80,0% 83,0% 83,2% 90,6% No; 88,9% 40% 30% 20% 10% 0% 15,8% 14,9% 15,0% 16,0% 9,5% 13,4% 4,3% 7,5% 4,0% 7,5% 3,4% 5,1% Patent sale is larger in Universities and PROs Yes No, but sale planned No E3 Whether the ownership right to the patent was sold to another party not related to the original owner(s) or applicant(s) (N=11,882)

52 Patent sold, by number of employees and age of the organization 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 15,6% 15,1% 9,7% 12,5% 10,7% 5,3% 3,4% 2,6% 4,3% 3,6% 5,6% Yes No, but sale planned No 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Patent sale decreases with firm size and age 17,27% 12,68% 9,06% 6,93% 3,76% 5,60% E3/B3 (N=11,584) The lack of complementary assets and severe financial constraints spur small startups to sale their patents to generate cash flow However, spin-offs are less prone to sell (probably they benefit from links and resources provided by the parent company) E3/B7 (N=11,597) Yes No, but sale planned No

53 Patent sale, by technological area Technological area Yes No No, but sale planned Technological area Yes No No, but sale planned Medical Technology 10.3% 83.1% 6.6% IT 5.6% 89.7% 4.7% Organic Chemistry 9.2% 85.2% 5.7% Analysis/Measur./Control Tech 5.1% 88.7% 6.1% Chemical Engineering 8.8% 85.9% 5.3% Materials 4.9% 90.0% 5.1% Pharmaceuticals/Cosmetics 8.4% 81.0% 10.7% Nuclear Technology 4.7% 88.4% 7.0% Biotechnology 8.1% 81.0% 10.9% Mat. Proces./Textiles/Paper 4.6% 87.8% 7.6% Audiovisual 7.5% 87.3% 5.2% Surface Technology 4.5% 88.5% 7.0% Optical 7.4% 87.7% 4.9% Handl/Printing 4.1% 92.8% 3.1% Polymers 7.3% 87.4% 5.3% MachineTools 3.9% 92.8% 3.3% Environment 6.7% 89.2% 4.2% Motors 3.8% 91.5% 4.7% Semiconductors 6.5% 84.5% 9.1% Thermal Processes 3.7% 92.2% 4.1% Telecom 6.5% 89.5% 4.0% Transportation 3.6% 91.8% 4.7% Construction Technology 6.2% 87.9% 5.9% Space Tech/Weapons 3.3% 93.3% 3.3% Agri & FoodProcess Machines 6.2% 86.2% 7.6% Electricity/Energy 2.9% 91.6% 5.5% Consumer Goods 6.2% 88.4% 5.5% Agriculture & Foods 2.5% 90.7% 6.8% Petrol Chem/Materials Chem 5.8% 87.1% 7.1% Mechanical Elements 2.0% 95.2% 2.8% Total 5.6% 88.9% 5.5% E3/B3 Whether the ownership right to the patent was sold to another party not related to the original owner(s) or applicant(s) (N=11,877)

54 L uso interno dei brevetti Si usano per difendere un vantaggio proprietario Le tecnologie sono tradotte in prodotti per i quali si vuole proteggere il mercato e ottenere alti margini di profitto Come? Paola Giuri tutti i diritti riservati 54

55 Protezione delle tecnologie core Xerox ha monopolizzato il mercato per 20 anni con il brevetto sulla xerografia Nel 1975 è stata obbligata dall antitrust a dare in licenza il suo brevetto Dopo la concessione in licenza la quota di mercato ed i profitti sono stati erosi dai concorrenti Paola Giuri tutti i diritti riservati 55

56 Protezione dei business methods Dell ha brevettato un sistema per vendere computer in modo customizzato Il vantaggio di Dell nei PC non è tecnologico Ha ottenuto 42 brevetti per il business method (sulla configurazione dell ordine on-line, sull integrazione con produzione, magazzino, distribuzione, assistenza clienti, ) Ha negoziato accordi di cross-licensing con IBM per l uso di componenti a basso costo per i quai avrebbe dovuto pagare alte royalties Paola Giuri tutti i diritti riservati 56

57 Decisione di sviluppo di prodotti proteggibili con brevetti Hitachi sviluppa sono prodotti che si possono proteggere con brevetti o patent walls Genetics Institute sviluppa farmaci sulla base di migliori trial clinici ma anche di maggiore protezione brevettuale Gillette ha scelto fra 7 design diversi del rasoio Sensor quello più difficile da copiare sulla base dell analisi dei brevetti dei 7 design ha poi costruito un patent wall di 22 invenzioni incorporate nel rasoio (in assenza di questi un brevetto collegato può bloccare il primo innovatore) Paola Giuri tutti i diritti riservati 57

58 Usointernodibrevettiin PMI italiane. Alcuni esempi M.G. BRAIBANTI S.p.A. Leader storico nelle tecnologie di processo per la produzione della pasta. La pressa continua è la macchina che ha consentito il processo di produzione industriale della pasta. Inventata dal francese Sandragné nel 1917 e successivamente perfezionata dai fratelli Mario e Giuseppe Braibanti nel 1933, questa macchina è tradizionalmente considerata dai produttori di pasta il cuore di ogni linea di produzione della pasta. Le macchine Braibanti sono installate in numerosi impianti produttivi. CIMBALI S.p.A. Produttore di macchine per cappuccino, preparazione del caffè, caffè espresso, lavaggio di bicchieri, preparazione ed erogazione di ghiaccio. Orientata alla R&S: 40 ingegneri nel dipartimento di R&S e numerosi brevetti. Investimenti in risorse complementari a valle di training e assistenza, network internazionale di distribuzione. MELICONI S.p.A. Fondata alla fine degli anni 60. Opera nel mercato dell houseware, produce accessori per la casa e per la cucina in plastica e metallo, ed accessori Video Hi-Fi. Nel 1987 introduce il salvatelecomando, basato sullo sviluppo di materiali innovativi brevettati. Introduzione di altri accessori per la casa e la cucina con gli stessi materiali. Investimenti a valle in distribuzione e pubblicità. Paola Giuri tutti i diritti riservati 58

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE Prof. MARCO GIULIANI Docente di Economia Aziendale Università Politecnica delle Marche Socio LIVE m.giuliani@univpm.it Jesi, 11 ottobre 2013 1 Prime

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Kaba PAS - Pubblic Access Solution

Kaba PAS - Pubblic Access Solution Kaba PAS - Pubblic Access Solution Fondata nel 1950, Gallenschütz, oggi Kaba Pubblic Access Solution, ha sviluppato, prodotto e venduto per oltre 30 anni soluzioni per varchi di sicurezza automatici. Oggi

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 8 Le strategie dell internazionalizzazione: gli investimenti diretti esteri Che cosa comporta realizzare un IDE? Costituisce di norma la

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Il problema: metalli pesanti nelle acque reflue In numerosi settori ed applicazioni

Dettagli

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti 1 Web conferencing software Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti Arpa Piemonte 2 Che cosa è Big Blue Button? Free, open source, web conferencing software Semplice ed immediato ( Just push

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte Mariano Ammirabile Cloud Computing Sales Leader - aprile 2011 2011 IBM Corporation Evoluzione dei modelli di computing negli anni Cloud Client-Server

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Smart Specialisation Strategy della Provincia Autonoma di Trento. Esempi e strumenti di attuazione. A. A Beccara I. Pilati Trento RISE

Smart Specialisation Strategy della Provincia Autonoma di Trento. Esempi e strumenti di attuazione. A. A Beccara I. Pilati Trento RISE Smart Specialisation Strategy della Provincia Autonoma di Trento Esempi e strumenti di attuazione A. A Beccara I. Pilati Trento RISE S3 PAT ICT Micro nano-elett. Qualità della vita Agrifood Nanotech. Fotonica

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Paolo Ferrandi Responsabile Tecnico Research for Enterprise Systems Federico Bonelli Engineer Process mining & Optimization Un

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

La Gestione dell Innovazione nell Impresa

La Gestione dell Innovazione nell Impresa UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO FACOLTA DI INGEGNERIA La Gestione dell Innovazione nell Impresa Esercitazioni di Economia del Cambiamento Tecnologico Invenzione, innovazione e diffusione Invenzione Nuova

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE L esperienza e la passione per l ingegneria sono determinanti per la definizione della nostra politica di prodotto,

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. Condizioni di utilizzo aggiuntive di Acrobat.com Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. SERVIZI ONLINE ADOBE RESI DISPONIBILI SU

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

La nostra storia, il vostro futuro.

La nostra storia, il vostro futuro. La nostra storia, il vostro futuro. JPMorgan Funds - Corporate La nostra storia, il vostro futuro. W were e wer La nostra tradizione, la vostra sicurezza Go as far as you can see; when you get there, you

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

PRESENTAZIONE Small Cap Conference 20 Novembre 2014. @MailUp @MailUp_US www.mailup.com

PRESENTAZIONE Small Cap Conference 20 Novembre 2014. @MailUp @MailUp_US www.mailup.com PRESENTAZIONE Small Cap Conference 20 Novembre 2014 @MailUp @MailUp_US www.mailup.com CHE COSA FA MAILUP MailUp è una società tecnologica che ha sviluppato una piattaforma digitale di cloud computing (Software

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 2 BUFALO MEDITERRANEO ITALIANO Mediterranean Italian Buffalo RICONOSCIUTO

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Bergamo, 6 maggio 2013 GLI ADEMPIMENTI DOGANALI NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE Dott.ssa

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

Scheda informativa La gestione della PI in Horizon 2020: in fase di proposta

Scheda informativa La gestione della PI in Horizon 2020: in fase di proposta European IPR Helpdesk Scheda informativa La gestione della PI in Horizon 2020: in fase di proposta Lo European IPR Helpdesk è gestito dall Agenzia Esecutiva per le Piccole e Medie imprese della Commissione

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

MANUALE GRANDE PUNTO. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale grande punto information in this manual.

MANUALE GRANDE PUNTO. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale grande punto information in this manual. MANUALE GRANDE PUNTO A number of this manual are strongly recommends you read and download information in this manual. Although not all products are identical, even those that range from same brand name

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015

INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015 INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015 Data: 23/04/2015 Ora: 17:45 Mittente: UniCredit S.p.A. Oggetto: Pioneer Investments e Santander Asset Management: unite per creare un leader globale nell asset management

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli