Il paradigma dell Open Innovation

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il paradigma dell Open Innovation"

Transcript

1 Il paradigma dell Open Innovation Paola Giuri Università di Bologna

2 Introduzione L approccio Open Innovation: principi chiave Strategie di collaborazione per l innovazione Vantaggi e svantaggi delle collaborazioni Modalità delle collaborazioni Forme delle collaborazioni La valorizzazione esterna di tecnologie proprietarie I mercati per le tecnologie Il licensing tecnologico: motivazioni economiche e strategiche La vendita dei brevetti La creazione di nuove imprese Paola Giuri Università di Bologna

3 Paola Giuri Università di Bologna L approccio Open Innovation: principi chiave

4 La visione tradizionale del processo di sviluppo innovazione Marketing R&D interna Produzione Service Generazione idee Selezione opportunità Sviluppo e test Produzione e lancio Gestione del portafoglio progetti Paola Giuri Università di Bologna

5 Paola Giuri Università di Bologna Il modello Open Innovation (Chesbrough, 2007)

6 Cosa si intende per Open Innovation? Nei modelli di business aperti le imprese cercano di creare valore utilizzando idee esterne a complemento di quelle generate internamente nello sviluppo di una nuova tecnologia Cercano allo stesso tempo nuove opportunità per valorizzare all esterno le idee generate internamente, al di fuori delle attività esistenti Il successo viene dall integrazione dei risultati interni ed esterni La proprietà intellettuale è una leva competitiva per creare valore Paola Giuri Università di Bologna

7 Open Innovation: principi chiave Paradigma Closed Innovation Paradigma Open Innovation The smart people in our field work for us To profit from R&D, we must discover it, develop it and realize it ourselves If we discover it ourselves, it will go to the market first! The company that gets an innovation to the market first will win If we create the most and the best ideas in the industry, we will win We should control our IP, so that our competitors do not profit from our ideas Paola Giuri Università di Bologna Not all the smart people work for us. We need to work with smart people inside and outside our company External R&D can create significant value; internal R&D is needed to claim some portion of that value We do not have to originate the research to profit from it Building a better business model is better than getting to the market first If we make the best use of internal and external ideas, we will win We should profit from others use of our IP, and we should buy others IP whenever it enhances our business model Fonte: Chesbrough, 2007, p. 26

8 Competizioni e mercati delle idee Competizioni per le idee Nokia University Program General Electric EcoImagination Challenge Innovation Concept Award (SECO, Cubit, Università di Pisa) Mercati delle idee Paola Giuri Università di Bologna

9 Università e centri di ricerca come fonti di idee e tecnologia Paola Giuri Università di Bologna

10 Paola Giuri Università di Bologna Strategie di collaborazione per l innovazione

11 Il caso XenoMouse Fatti principali Abgenix (impresa di biotecnologie statunitense) ha investito sette anni e 40 milioni in attività di R&S Ha realizzato un topo transgenico (XenoMouse) in grado di produrre anticorpi con sequenze proteiche umane (quindi utile per la cura di malattie umane come cancro, artrite o rigetto post-trapianto). Altre imprese biotech non avevano avuto buoni risultati nella produzione di anticorpi con i topi Forte interesse da parte delle imprese e ottimismo nel mercato azionario Paola Giuri tutti i diritti riservati 11

12 Il caso XenoMouse Due piani per lo sfruttamento tecnologico 1. Concessione di licenze a imprese farmaceutiche o di biotecnologie per l utilizzo dello Xenomouse per lo sviluppo di anticorpi contro malattie target indicate dalle imprese licenziatarie. Vantaggi economici: Upfront fee (tra 7 e 10 mln $) Milestone fee al raggiungimento di traguardi intermedi Royalties sui ricavi (5-6% delle vendite 2. Sviluppo di farmaci propri: Fasi di testing iniziale in house Cessione di sviluppo e commercializzazione del farmaco ad altre imprese Non necessari investimenti in impianti di produzione e staff di vendita Paola Giuri tutti i diritti riservati 12

13 Il caso XenoMouse il farmaco ABX-EGF Uno dei programmi di sviluppo del farmaco, l ABX-EGF, si era dimostrato molto promettente per il trattamento di alcune tipologie di tumori. Opzioni per lo sviluppo e lo sfruttamento commerciale dell ABX-EGF: Licenzadei diritti di utilizzo dell ABX-EGF a una grande impresa farmaceutica che avrebbe curato il processo di testing, approvazione lancio e commercializzazione del farmaco. Abgenix sosterrebbe pochi rischi in cambio di upfront fee e royalty al di sopra degli standard di settore Joint-ventureparitetica (50%) con un impresa biotecnologica per condividere i costi per testing, approvazione e commercializzazione del prodotto e profitti. Incluso anche pagamenti anticipato supplementare da parte dell impresa biotecnologica Maggiori rischi e profitti attesi Sviluppo in house autonomo: necessario sviluppo delle competenze interne per testing e approvazione. Possibile partner per la commercializzazione. Alti rischi e appropriazione di tutti i profitti Paola Giuri tutti i diritti riservati 13

14 Il caso XenoMouse la scelta Quali sono per Abgenix i rischi e i benefici di collaborare con un partner per lo sviluppo del progetto ABX-EGF? Se Abgenix optasse per una strategia di collaborazione con un impresa esterna, le converrebbe concedere i diritti di licenza a un impresa farmaceutica o piuttosto instaurare una joint-venture con una società biotech? Schilling (2005, 2008) Paola Giuri tutti i diritti riservati 14

15 Il caso XenoMouse Prospettive di sviluppo in house, ma problemi di liquidità, maggiori dopo la crisi del Concorrenza da grandi imprese come AstraZeneca e Genentech Necessità di capacità e competenze per sviluppo e commercializzazione in tempi rapidi. Nel 2001: Abgenix uses its XenoMouse technology to build a large and diversified product portfolio through the establishment of licensing arrangements with multiple pharmaceutical, biotechnology and genomics companies and through the development of its own internal proprietary products. Licenze a: Pfizer, Amgen, CellTech e altre Collaborazioni con: Lexicon Genetics, Lonza Biologics per approvazione, produzione ecc. (http://www.amgen.com/media/abgenix_press_release_archive.html) Paola Giuri tutti i diritti riservati 15

16 Il caso XenoMouse Nel 2003: Abgenix, Inc. (Nasdaq:ABGX) today announced that the company has received a Drug Manufacturers Licensefrom the State of California, Food & Drug Branch (FDB). This license allows Abgenix to manufacture and ship clinical material from its stateof-the-art, 100,000-square foot biologics manufacturing facility in Fremont, California. A California state license is obtained only after a manufacturer has successfully completed an inspection by the State Department of Health Services. "With this license, we are now able to release bulk product that can be used in the ABX-EGF program, as well as bulk product for the entire Abgenix product portfolio," said Raymond M. Withy, Ph.D., president and CEO of Abgenix. "We have now assembled the specialized facilities and have developed a solid foundation of the functional expertise required to produce antibodies at both clinical and commercial scale. These capabilities are a crucial part of our competitive advantage and future as a drug development company. (http://www.amgen.com/media/abgenix_press_release_archive.html) Paola Giuri tutti i diritti riservati 16

17 Il caso XenoMouse Nel periodo : Sviluppo di nuovo farmaci Collaborazioni Licenze Commercializzazione in house Acquisita nel 2006 Paola Giuri tutti i diritti riservati 17

18 Il caso XenoMouse Acquisizione Amgen(Nasdaq: AMGN), the world's largest biotechnology company, and Abgenix, Inc. (Nasdaq: ABGX), a company specializing in the discovery, development and manufacture of human therapeutic antibodies, today announced that they have signed a definitive merger agreement under which Amgen will acquire Abgenix for approximately $2.2 billion in cash plus the assumption of debt. Under the terms of the agreement, shareholders of Abgenix will receive $22.50 in cash per common share. The acquisition of Abgenix provides Amgen with full ownership of one of its most important advanced pipeline products, panitumumab. Working closely with Abgenix under a co-development agreement that Amgen assumed as a result of its acquisition of Immunex Corporation in 2002, Amgen has led the development and commercialization strategy for panitumumab. The acquisition provides additional value to Amgen by eliminating a tiered royalty that Amgen would have paid to Abgenix on future sales of denosumab (formerly AMG 162), which was created using Abgenix's XenoMouse(R) antibody technology. Paola Giuri tutti i diritti riservati 18

19 Sviluppo autonomo o collaborazione? Vantaggi dello sviluppo autonomo Disponibilità di capacità e competenze Protezione di tecnologie proprietarie Controllo dello sviluppo e dell utilizzo di tecnologie Appropriazione di tutti i rendimenti dall innovazione Preferenza verso autonomia decisionale, soprattutto nell orientare il processo di sviluppo e le applicazioni che potrebbe essere generate dalla tecnologia Creazione e rinnovo di capacità Paola Giuri tutti i diritti riservati 19

20 Sviluppo autonomo o collaborazione? Vantaggi delle collaborazioni Accesso rapido a risorse e a competenze necessarie e critiche per lo sviluppo e la commercializzazione della tecnologia. Riduzione degli oneri finanziari e aumento della flessibilità Opportunità di apprendimento dai partner: acquisizione competenze dai partner o creazione di nuove conoscenze. Es. Boeing-Alenia Condivisione di costi e rischi dei progetti di sviluppo con il partner: Importante quando i costi sono elevati e gli esiti incerti. Ottenimento di economie di scala e scopo Creazione di uno standard condiviso. Es WAP Nokia, Motorola and Ericsson Paola Giuri tutti i diritti riservati 20

21 Le forme di collaborazione Alleanze strategiche Joint venture Licensing Outsourcing Organizzazioni di ricerca Paola Giuri tutti i diritti riservati 21

22 Alleanze strategiche Due o più imprese con differenti competenze condividono le proprie risorse per: Sviluppare una tecnologia Realizzare un prodotto Commercializzare un prodotto in diversi mercati Diminuire i tempi di sviluppo o accesso ai mercati Condividere costi e rischi Favorire apprendimento reciproco Rischi di comportamenti opportunistici fra le parti Paola Giuri tutti i diritti riservati 22

23 Le forme di collaborazione Joint venture: i partecipanti adottano una struttura formale, normalmente una nuova società con apporti di capitale dei partner. I dettagli della joint venture sono definiti in un contratto. Licensing: accordo contrattuale con cui si trasferiscono i diritti d uso di una proprietà intellettuale tra due organizzazioni, in cambio di upfront fee e/o royalties. Paola Giuri tutti i diritti riservati 23

24 Le forme di collaborazione Outsourcing: l impresa esternalizza alcune attività all esterno invece di realizzarle al proprio interno. I più diffusi sono i contratti di produzione. Es. semiconduttori, NeroGiardini, Teddy. Anche altre attività possono essere esternalizzate: design, marketing, IT, distribuzione, logistica Problemi: perdita di competenze e costi di transazione Organizzazioni di ricerca e consorzi: organizzazioni costituite per favorire la collaborazione fra un gruppo di soggetti, per esempio imprese ed enti pubblici di ricerca. Paola Giuri tutti i diritti riservati 24

25 La scelta delle modalità di collaborazione Paola Giuri tutti i diritti riservati 25

26 La scelta ed il monitoraggio dei partner Compatibilità e coerenza delle risorse Coerenza strategica: obiettivi, stili imprenditoriali, comportamenti organizzativi Meccanismi trasparenti e flessibili per il monitoraggio e la governance della collaborazione Es. clausole contrattuali vincolanti su: contributo che ciascun partner si impegna a fornire grado di controllo che spetta a ciascun partner tempi e modalità di distribuzione dei risultati della partnership modalità di valutazione dello stato di avanzamento forme e modalità di scioglimento del rapporto. Paola Giuri tutti i diritti riservati 26

27 R&S interna ed esterna Gli accordi di collaborazione sono efficaci quando non sono sostitutivi ma complementari alla R&S interna: rischio di impoverimento delle competenze La R&S interna è necessaria per valutare, assorbire e utilizzare le conoscenze esterne La R&S interna cerca di indirizzare le attività di collaborazione (sulla base del potere negoziale dei partner) sulla base della propria strategia tecnologica Spesso è necessario disporre di tecnologie di scambio per entrare in accordi di collaborazione (es. cross-licensing) Paola Giuri tutti i diritti riservati 27

28 La valorizzazione delle tecnologie Paola Giuri Università di Bologna

29 Sfruttamento di invenzioni brevettate Il valore dei brevetti dipende dalla capacità di sfruttare le invenzioni per sviluppare utili innovazioni di prodotto e processo Tuttavia, molti brevetti non generano valore significativo per i proprietari Molti brevetti non sono utilizzati, oppure sono usati per motivi puramente strategici (es. blocking patents e crosslicensing) piuttosto che essere usati per proteggere innovazioni di valore

30 Sfruttamento di invenzioni brevettate: licenze o vendita di brevetti Una parte consistente di brevetti sono venduti o concessi in licenza per generare redditi dalla vendita di nuovi prodotti da terze parti. Questa scelta dipende dalle caratteristiche tecnologiche (es. generalità), dell detentore del brevetto (dimensione, disponibilità di risorse complementari) e dall efficienza dei mercati per le tecnologie In diversi casi le imprese vorrebbero vendere o concedere in licenza i brevetti ma non riescono a farlo per diversi motivi: I mercati per le tecnologie potrebbero essere più ampi

31 Mercati per la tecnologia Paradigma dominante da 1900: R&S e risorse complementari in house importanza routine organizzative nello sviluppo di innovazioni e tecnologie difficili da trasferire tra organizzazioni, e presenza di costi di transazione nello scambio di tecnologie Negli ultimi due decenni si sviluppano i mercati per le tecnologie: emergono una varietà di meccanismi alternativi per lo scambio di tecnologie JV o alleanze nella R&S, licenze, cross-licensing, contratti per R&S Paola Giuri tutti i diritti riservati 31

32 Royalty and Licensing Fees ( ) million USD, w orldwide year Payments Receipts Source: Athreye and Cantw ell (2005) Paola Giuri tutti i diritti riservati 32

33 Mercati per la tecnologia Aumentano le opportunità strategiche per le imprese: vendita di tecnologie invece, oppure in aggiunta a sviluppo in house delle risorse complementari Imperativi strategici diversi: per grandi e piccole imprese, per nuove imprese high-tech per produttori ed utilizzatori di tecnologie Paola Giuri tutti i diritti riservati 33

34 Il ruolo delle risorse complementari Sviluppo e produzione in house: Se le imprese possono estrarre valore anche dalle risorse complementari Se le imprese possono produrre e vendere ampi volumi di produzione Vendita di tecnologie Se le risorse complementari sono disponibili sul mercato Se i costi di transazioni per queste risorse non sono troppo elevati Paola Giuri tutti i diritti riservati 34

35 Il ruolodellaprotezionedellaproprietà intellettuale La presenza dei brevetti riduce i costi di transazione nello scambio di tecnologie Se efficaci, i brevetti rappresentano un meccanismo per ottenere rendite dalle innovazioni nei mercati per la tecnologia (es. chimica e farmaceutica) Paola Giuri tutti i diritti riservati 35

36 Licenze da grandi imprese Imprese con ampie quote di mercato hanno maggiori vantaggi attraverso l uso interno delle tecnologie Per imprese con quote di mercato piccole le licenze consentono di ottenere redditi aggiuntivi Imprese senza quote di mercato nel mercato dei prodotti (senza capacità produttive) hanno la maggiore convenienza dalle licenze Le licenze sono sempre convenienti se il licenziatario opera in mercati differenti (di prodotto o geografici) Paola Giuri tutti i diritti riservati 36

37 Un esempio Thoman, CEO prima di IBM e poi di Xerox in IBM: Aumento di royalties da licenze del 3.300%; da 30milioni di $ nel 1990 a 1 miliardo di $ nel 2000 Reddito corrispondente a 1/9 dei profitti e a ¼ delle vendite nel mondo (20 miliardi di $) in Xerox: Piano di aumento di redditi da licenze da 10 a 200 milioni $ in 2 anni Portafoglio brevetti da usare per nuove opportunità di mercato Paola Giuri tutti i diritti riservati 37

38 Licensing program: Philips

39 Free licensing: IBM L IBM regala 500 brevetti sperando di guadagnarci (tratto dal New York Times, 29 aprile 2005) L'IBM va famosa per il suo ricco portafoglio di invenzioni brevettate. Ancora una volta è arrivata prima nelle classifiche della ricerca per gli Stati Uniti, mettendo insieme brevetti, più di qualsiasi altra società. E ha guadagnato circa 800 milioni di euro lo scorso anno vendendo e distribuendo licenze delle sue idee. Perché, allora, il gigante dell'informatica ha cambiato corso, regalando alcuni dei risultati della sua ricerca, invece di far pagare gli altri per utilizzarli? Perché ha interesse a farlo. [ ] All'inizio di quest'anno, l'ibm ha fatto un gesto significativo in direzione di quella che ha definito una nuova era nei metodi per mantenere il controllo delle sue proprietà intellettuali. L'azienda americana ha annunciato, a gennaio, di voler mettere gratuitamente a disposizione 500 brevetti, per la maggior parte codici di programmazione per la gestione di programmi di commercio elettronico, immagazzinamento dati, elaborazione di immagini, gestione dei dati e comunicazioni Internet. E si è impegnata a proseguire con altre iniziative. [ ] L'Ibm è all'avanguardia da questo punto di vista, ma anche altre aziende, in tutti i settori, stanno riconsiderando la loro strategia sulla proprietà intellettuale. Cosa mettere in comune con gli altri? Cosa tenere per sé, facendo pagare chi vuole utilizzarlo? "Il mondo degli affari oggi è impegnato in un gigantesco esperimento per cercare di capire quali settori della proprietà intellettuale aprire e quali mantenere chiusi", dice Steven Weber, direttore dell'istituto di studi internazionali dell'università di California, a Berkeley. "Il destino di molte aziende, e la forza delle economie nazionali, dipenderanno dagli esiti di questo esperimento". All'Ibm, il cambiamento ha preso il via lo scorso maggio, quando Samuel J. Palmisano, amministratore delegato della società, ha detto a John E. Kelly, un vicepresidente anziano, di guidare una squadra incaricata di ripensare la strategia dell'azienda sulla proprietà intellettuale. Kelly racconta che il suo superiore gli ha detto: "E' un'area straordinariamente importante, ritengo che sia necessario reindirizzare la nostra strategia, la nostra politica e i nostri metodi". Kelly, con un gruppo di 12 persone, ha viaggiato, studiato, fatto venire specialisti esterni all'azienda, ed è arrivato alla conclusione, alla fine di settembre, che l'ibm dovrebbe mettere a disposizione gratuitamente una percentuale maggiore delle proprie invenzioni. Paola Giuri Università di Bologna

40 Licenzedapiccoleimpresee start-up Scelta fondamentale perché determina il business model dell impresa Trade-off tra costo di acquisizione di capitale e altre risorse complementari per l innovazione nella produzione interna e rendite suddivise con i partner dell accordo di licenza Svantaggi: Difficoltà a internalizzare totalmente le rendite dall innovazione con licenza per inefficienze nei mercati per le tecnologie, e minore potere contrattuale negli accordi di licenza Negli accordi di licenza basati su royalties i profitti dipendono dagli sforzi del licenziatario nella commercializzazione della tecnologia o prodotto che incorpora la tecnologia Paola Giuri tutti i diritti riservati 40

41 Licenzedapiccoleimpresee start-up Vantaggi: Potere contrattuale limitato anche nell acquisizione di risorse complementari. Se sviluppo in house di risorse complementari, alti rischi e possibili inefficienze (es. svantaggi di scala) Se si investe in costose capacità produttive è necessario sviluppare continuamente nuovi prodotti per mantenerle, altrimenti alti rischi di fallimento e perdita di risorse Nuove imprese high-tech hanno maggiore motivazione verso l exploration che exploitation. Anche nelle licenze da università e centri di ricerca Paola Giuri tutti i diritti riservati 41

42 Tipi e guadagni da licenze Tipi di licenza: Licenza esclusiva Licenza non esclusiva Fonti di guadagno: Down-payment Royalties basate sul numero di unità vendute o sul fatturato netto generato Paola Giuri Università di Bologna

43 I contratti di licenza: alcuni punti chiave Parti coinvolte Descrizione del quadro dell accordo Caratteristiche della licenza (esclusività, territorio, ambito di uso, ) Pagamenti Obbligazioni del licenziante e del licenziatario Introduzione sul mercato e controllo qualità Controllo e difesa della proprietà intellettuale Garanzie, penali, Segretezza Giurisdizione di riferimento Paola Giuri Università di Bologna

44 Approcci per la determinazione delle royalties Approcci più usati nella determinazione dei guadagni da licenza: Licenze esistenti per la cessione della proprietà intellettuale (approcciocomparativo) Pratiche di settore per la licenza di invenzioni simili(approccio di mercato) Allocazione dei benefici economici derivanti dall uso dell invenzione (approccio analitico) Prassiconsolidate (es., 5% deiricavi; 25% deiprofitti; dal20 al 50% di premioper licenzeesclusive ) Paola Giuri Università di Bologna

45 Valorizzazione economica delle licenze: aspetti chiave Elementi che influenzano la decisione Esperienza precedente nel definire licenze Durata dell accordo Esclusività Fase di sviluppo della tecnologia Termini speciali dell accordo Copertura geografica Ambitosettorialenelqualela tecnologiaè licenziata Paola Giuri Università di Bologna

46 Evidenze dall indagine PatVal-EU II FP7 InnoS&T project Paola Giuri Università di Bologna

47 Patent licensing No, but licensing planned; 8,3% Yes; 8,2% 100% 90% 80% 70% 60% 50% 52,5% 57,3% 61,5% 71,4% 73,2% 83,6% 86,9% No; 83,4% 40% 30% 20% 10% 0% 21,1% 26,4% 23,1% 20,1% 12,2% 15,3% 19,7% 18,3% 8,2% 16,3% 6,6% 11,4% 8,2% 6,6% E4 Whether the patent has been licensed by (one of) the patent-holder(s) to an independent party (N=11,233)

48 Patent licensing, by country 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 31,8% 10% 0% 21,31% 13,30% 3,80% Yes No, but licensing planned No E4 Whether the patent has been licensed by (one of) the patent-holder(s) to an independent party (N=11,233)

49 Patent licensed, by age and size of the organization 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Yes No, but licensing pl No 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 59,2% 67,5% 78,7% 82,8% 87,5% 88,0% 87,6% 85,7% 88,3% 83,7% 22,1% 16,4% 7,4% 7,3% 18,7% 16,1% 13,9% 6,1% 6,5% 5,6% 7,7% 8,1% 5,8% 9,8% 6,4% 5,6% 6,8% 6,6% 5,9% 8,2% 0% Yes No, but licensing pl No E4/B7A (N=10,959) E4/B3 (N=10,942)

50 Patent licensed, by technological area Technological area Yes No No, but licensing planned Technological area Yes No No, but licensing planned Environment 16.5% 70.4% 13.0% Total 8.2% 83.4% 8.3% Biotechnology 14.9% 70.2% 14.9% Audiovisual 8.2% 81.5% 10.3% Organic Chemistry 12.3% 79.4% 8.2% Optical 8.1% 81.0% 10.9% Agri & FoodProcess Machines 12.3% 81.2% 6.5% Surface Technology 7.8% 85.9% 6.3% Chemical Engineering 12.0% 77.9% 10.1% Handl/Printing 7.4% 88.9% 3.8% Pharmaceuticals/Cosmetics 11.0% 76.3% 12.8% Thermal Processes 7.3% 86.7% 6.0% Consumer Goods 10.8% 82.1% 7.1% Nuclear Technology 6.8% 86.4% 6.8% Mat. Proces./Textiles/Paper 10.8% 77.2% 12.0% Materials 6.4% 87.4% 6.2% IT 9.6% 80.7% 9.6% Electricity/Energy 6.4% 85.9% 7.7% Semiconductors 9.6% 78.4% 11.9% MachineTools 5.6% 86.8% 7.6% Construction Technology 9.5% 82.6% 7.9% Polymers 5.0% 85.4% 9.7% Medical Technology 9.2% 81.6% 9.2% Motors 4.8% 87.6% 7.6% Petrol Chem/Materials Chem 9.2% 81.7% 9.2% Mechanical Elements 4.5% 90.3% 5.2% Agriculture & Foods 8.8% 84.2% 7.0% Transportation 4.1% 89.8% 6.0% Telecom 8.6% 82.4% 9.0% Space Tech/Weapons 3.4% 81.0% 15.5% Analysis/Measur./Control Tech 8.4% 82.6% 9.0% E4 Whether the patent has been licensed by (one of) the patent-holder(s) to an independent party (N=11,228)

51 Patent sale No, but sale planned 5.5% Yes, 5.3% 100% 90% 80% 70% 60% 50% 69,3% 77,5% 80,0% 83,0% 83,2% 90,6% No; 88,9% 40% 30% 20% 10% 0% 15,8% 14,9% 15,0% 16,0% 9,5% 13,4% 4,3% 7,5% 4,0% 7,5% 3,4% 5,1% Patent sale is larger in Universities and PROs Yes No, but sale planned No E3 Whether the ownership right to the patent was sold to another party not related to the original owner(s) or applicant(s) (N=11,882)

52 Patent sold, by number of employees and age of the organization 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 15,6% 15,1% 9,7% 12,5% 10,7% 5,3% 3,4% 2,6% 4,3% 3,6% 5,6% Yes No, but sale planned No 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Patent sale decreases with firm size and age 17,27% 12,68% 9,06% 6,93% 3,76% 5,60% E3/B3 (N=11,584) The lack of complementary assets and severe financial constraints spur small startups to sale their patents to generate cash flow However, spin-offs are less prone to sell (probably they benefit from links and resources provided by the parent company) E3/B7 (N=11,597) Yes No, but sale planned No

53 Patent sale, by technological area Technological area Yes No No, but sale planned Technological area Yes No No, but sale planned Medical Technology 10.3% 83.1% 6.6% IT 5.6% 89.7% 4.7% Organic Chemistry 9.2% 85.2% 5.7% Analysis/Measur./Control Tech 5.1% 88.7% 6.1% Chemical Engineering 8.8% 85.9% 5.3% Materials 4.9% 90.0% 5.1% Pharmaceuticals/Cosmetics 8.4% 81.0% 10.7% Nuclear Technology 4.7% 88.4% 7.0% Biotechnology 8.1% 81.0% 10.9% Mat. Proces./Textiles/Paper 4.6% 87.8% 7.6% Audiovisual 7.5% 87.3% 5.2% Surface Technology 4.5% 88.5% 7.0% Optical 7.4% 87.7% 4.9% Handl/Printing 4.1% 92.8% 3.1% Polymers 7.3% 87.4% 5.3% MachineTools 3.9% 92.8% 3.3% Environment 6.7% 89.2% 4.2% Motors 3.8% 91.5% 4.7% Semiconductors 6.5% 84.5% 9.1% Thermal Processes 3.7% 92.2% 4.1% Telecom 6.5% 89.5% 4.0% Transportation 3.6% 91.8% 4.7% Construction Technology 6.2% 87.9% 5.9% Space Tech/Weapons 3.3% 93.3% 3.3% Agri & FoodProcess Machines 6.2% 86.2% 7.6% Electricity/Energy 2.9% 91.6% 5.5% Consumer Goods 6.2% 88.4% 5.5% Agriculture & Foods 2.5% 90.7% 6.8% Petrol Chem/Materials Chem 5.8% 87.1% 7.1% Mechanical Elements 2.0% 95.2% 2.8% Total 5.6% 88.9% 5.5% E3/B3 Whether the ownership right to the patent was sold to another party not related to the original owner(s) or applicant(s) (N=11,877)

54 L uso interno dei brevetti Si usano per difendere un vantaggio proprietario Le tecnologie sono tradotte in prodotti per i quali si vuole proteggere il mercato e ottenere alti margini di profitto Come? Paola Giuri tutti i diritti riservati 54

55 Protezione delle tecnologie core Xerox ha monopolizzato il mercato per 20 anni con il brevetto sulla xerografia Nel 1975 è stata obbligata dall antitrust a dare in licenza il suo brevetto Dopo la concessione in licenza la quota di mercato ed i profitti sono stati erosi dai concorrenti Paola Giuri tutti i diritti riservati 55

56 Protezione dei business methods Dell ha brevettato un sistema per vendere computer in modo customizzato Il vantaggio di Dell nei PC non è tecnologico Ha ottenuto 42 brevetti per il business method (sulla configurazione dell ordine on-line, sull integrazione con produzione, magazzino, distribuzione, assistenza clienti, ) Ha negoziato accordi di cross-licensing con IBM per l uso di componenti a basso costo per i quai avrebbe dovuto pagare alte royalties Paola Giuri tutti i diritti riservati 56

57 Decisione di sviluppo di prodotti proteggibili con brevetti Hitachi sviluppa sono prodotti che si possono proteggere con brevetti o patent walls Genetics Institute sviluppa farmaci sulla base di migliori trial clinici ma anche di maggiore protezione brevettuale Gillette ha scelto fra 7 design diversi del rasoio Sensor quello più difficile da copiare sulla base dell analisi dei brevetti dei 7 design ha poi costruito un patent wall di 22 invenzioni incorporate nel rasoio (in assenza di questi un brevetto collegato può bloccare il primo innovatore) Paola Giuri tutti i diritti riservati 57

58 Usointernodibrevettiin PMI italiane. Alcuni esempi M.G. BRAIBANTI S.p.A. Leader storico nelle tecnologie di processo per la produzione della pasta. La pressa continua è la macchina che ha consentito il processo di produzione industriale della pasta. Inventata dal francese Sandragné nel 1917 e successivamente perfezionata dai fratelli Mario e Giuseppe Braibanti nel 1933, questa macchina è tradizionalmente considerata dai produttori di pasta il cuore di ogni linea di produzione della pasta. Le macchine Braibanti sono installate in numerosi impianti produttivi. CIMBALI S.p.A. Produttore di macchine per cappuccino, preparazione del caffè, caffè espresso, lavaggio di bicchieri, preparazione ed erogazione di ghiaccio. Orientata alla R&S: 40 ingegneri nel dipartimento di R&S e numerosi brevetti. Investimenti in risorse complementari a valle di training e assistenza, network internazionale di distribuzione. MELICONI S.p.A. Fondata alla fine degli anni 60. Opera nel mercato dell houseware, produce accessori per la casa e per la cucina in plastica e metallo, ed accessori Video Hi-Fi. Nel 1987 introduce il salvatelecomando, basato sullo sviluppo di materiali innovativi brevettati. Introduzione di altri accessori per la casa e la cucina con gli stessi materiali. Investimenti a valle in distribuzione e pubblicità. Paola Giuri tutti i diritti riservati 58

OPEN INNOVATION E FINANZIAMENTI PER LE PMI

OPEN INNOVATION E FINANZIAMENTI PER LE PMI OPEN INNOVATION E FINANZIAMENTI PER LE PMI Cosa si intende per Open Innovation Angela Rotellini, LIUC Università Cattaneo Lomazzo, 22 Aprile 2015 Agenda Definizione di Open Innovation I vantaggi dell Open

Dettagli

Open Innovation. Valentina Lazzarotti LIUC Università Cattaneo

Open Innovation. Valentina Lazzarotti LIUC Università Cattaneo Open Innovation Valentina Lazzarotti LIUC Università Cattaneo 1 Agenda Definizioni Diversi modi di intendere l apertura- Variabili rilevanti Esempi di posizionamento Rischi e vantaggi Da cosa dipende in

Dettagli

Innovazione e Direzione delle Imprese AA. 2014-2015. Parte II I paradigmi emergenti di R&D e le forme di collaborazione AA 2014-2015

Innovazione e Direzione delle Imprese AA. 2014-2015. Parte II I paradigmi emergenti di R&D e le forme di collaborazione AA 2014-2015 Innovazione e Direzione delle Imprese AA. 2014-2015 Parte II I paradigmi emergenti di R&D e le forme di collaborazione Michela Loi Di cosa parleremo oggi? Il processo tradizionale di R&D I paradigmi emergenti

Dettagli

LA PROPRIETA INTELLETTUALE

LA PROPRIETA INTELLETTUALE LA PROPRIETA INTELLETTUALE Valutazione economica brevetti e marchi Dott.ssa Elisa Barlocco TEL. 019 8485622 E-mail mail@karaghiosoff.com Copyright 2009-2013 Studio Karaghiosoff e Frizzi srl All rights

Dettagli

IL DSFTM E L INDUSTRIA

IL DSFTM E L INDUSTRIA IL DSFTM E L INDUSTRIA Il punto di vista del broker Roma, 15 aprile 2015 Paolo Foà N&G Consulting p.foa@ngpatent.it 1 Perché un Centro di Ricerca brevetta le sue invenzioni? 2 Un costo o una straordinaria

Dettagli

Valorizzazione dei brevetti INTRODUZIONE

Valorizzazione dei brevetti INTRODUZIONE Italian Enterprises speaking (IES) Valorizzazione dei brevetti INTRODUZIONE La Commissione europea sta pianificando l attuazione di alcune misure per migliorare i metodi di commercializzazione dei brevetti

Dettagli

Obiettivi della lezione. Open Innovation

Obiettivi della lezione. Open Innovation Open Innovation Obiettivi della lezione I modelli di innovazione tradizionale (closed innovation) e le ragioni del loro declino Definire il concetto di open innovation: reti di imprese e mercati della

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

L approccio allo sviluppo del progetto di business. Prof. Valeriano Balloni, Ing. Floriano Bonfigli

L approccio allo sviluppo del progetto di business. Prof. Valeriano Balloni, Ing. Floriano Bonfigli L approccio allo sviluppo del progetto di business Prof. Valeriano Balloni, Ing. Floriano Bonfigli Indice 14:00 14:30, riferimenti organizzativi 14:30 15:30, Tell me what s you f... Problem 15:30 16:30,

Dettagli

Capitolo XVII. La gestione del processo innovativo

Capitolo XVII. La gestione del processo innovativo Capitolo XVII La gestione del processo innovativo Il ruolo dell innovazione nell economia dell immateriale L innovazione ha assunto un ruolo particolarmente significativo come variabile esplicativa della

Dettagli

Contratti di licenza: strategie di successo. Daniela Bellomo. San Raffaele Biomedical Science Park Milan Italy

Contratti di licenza: strategie di successo. Daniela Bellomo. San Raffaele Biomedical Science Park Milan Italy Contratti di licenza: strategie di successo San Raffaele Biomedical Science Park Milan Italy Daniela Bellomo Director Biotechnology Transfer Centre San Raffaele Biomedical Science Park www.spr.it www.sanraffaele.org

Dettagli

Strumenti di valorizzazione e trasferimento della proprietà intellettuale Cagliari, 23 novembre 2015

Strumenti di valorizzazione e trasferimento della proprietà intellettuale Cagliari, 23 novembre 2015 Strumenti di valorizzazione e trasferimento della proprietà intellettuale Cagliari, 23 novembre 2015 1 copyright 2012 MI.TO. Technology S.r.l. - all rights reserved cover Sommario L utilizzo industriale

Dettagli

LE DECISIONI STRATEGICHE DI ACQUISIZIONE- CESSIONE AZIENDALE

LE DECISIONI STRATEGICHE DI ACQUISIZIONE- CESSIONE AZIENDALE LE DECISIONI STRATEGICHE DI ACQUISIZIONE- CESSIONE AZIENDALE Prof. Massimo Saita Direttore Istituto Economia, Amministrazione e Politica Aziendale Università degli Studi di Milano Bicocca Professore ordinario

Dettagli

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA PROF.SSA MARIA ALESSANDRA ROSSI ALESSANDRA.ROSSI@UNISI.IT User Innovation e Open innovation AGENDA/1 La domanda può essere una determinante dell innovazione

Dettagli

Corso di Analisi Strategiche Sviluppo delle Risorse e delle Competenze. Prof. V. Maggioni Facoltà di Economia S.U.N.

Corso di Analisi Strategiche Sviluppo delle Risorse e delle Competenze. Prof. V. Maggioni Facoltà di Economia S.U.N. Sviluppo delle Risorse e delle Competenze Facoltà di Economia S.U.N. Vi è comunemente poca conoscenza del legame che intercorre tra risorse e competenze. Numerose ricerche dimostrano come le imprese che

Dettagli

Paola Mazzurana. Modulo: Etica ed Innovazione

Paola Mazzurana. Modulo: Etica ed Innovazione MODELLI DI GOVERNANCE DELL INNOVAZIONE: IL RUOLO DEGLI STAKEHOLDERS E LA SOSTENIBILITÀ Etica ed economia. Per un economia intelligente, inclusiva e sostenibile. Modulo: Etica ed Innovazione Paola Mazzurana

Dettagli

CAP 2 Le fonti dell innovazione. Gestione dell innovazione

CAP 2 Le fonti dell innovazione. Gestione dell innovazione CAP 2 Le fonti dell innovazione Gestione dell innovazione 1 La creatività L innovazione può scaturire da molte fonti diverse: Mente degli individui Ricerca universitaria, EPR, incubatori di imprese, fondazioni

Dettagli

MARCHI KNOW-HOW BREVETTI E LICENSING

MARCHI KNOW-HOW BREVETTI E LICENSING MARCHI KNOW-HOW BREVETTI E LICENSING V ed. 2011 C.Costa - M.C.Baldini - R. Plebani - 1 - Indice CAP. I IL PATRIMONIO TECNOLOGICO E COMMERCIALE DELL IMPRESA INDIRIZZI GENERALI PER LA SUA GESTIONE 1.1. Come

Dettagli

Marchio e brand: tutela e valore

Marchio e brand: tutela e valore Camera di Commercio di Genova Marchio e brand: tutela e valore Martedì 13 ottobre 2009 ore 14.30 Via Garibaldi 4, Sala del Bergamasco MARCHIO E BARND: TUTELA E VALORE 13 Ottobre 2009 Camera di Commercio

Dettagli

IL CASO: Hewlett-Packard

IL CASO: Hewlett-Packard IL CASO: Hewlett-Packard Proposta acquisizione Compaq con duplice finalità (Fiorina): 1) conseguimento economie di scala; 2) ingresso nel mercato dei servizi. Pareri sfavorevoli alla fusione (Hewlett e

Dettagli

La tutela della proprietà intellettuale oltre al brevetto

La tutela della proprietà intellettuale oltre al brevetto IP Management @ Universities Istanbul, May 16 to 18, 2012 Albert Long Hall, BOGAZICI UNIVERSITY PROGETTO TARGET: START UP E PROPRIETÀ INTELLETTUALE TORINO, 14 MAGGIO 2014 La tutela della proprietà intellettuale

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

IL PROCESSO DI VALUTAZIONE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO ABBOTT DOPO L ACQUISIZIONE DI KNOLL

IL PROCESSO DI VALUTAZIONE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO ABBOTT DOPO L ACQUISIZIONE DI KNOLL IL PROCESSO DI VALUTAZIONE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO ABBOTT DOPO L ACQUISIZIONE DI KNOLL Prof. 1Corso: Supply chain management Docente: 1 Considerazioni di sintesi L azienda si posiziona tra le prime

Dettagli

La scelta dei canali di entrata. Michela Floris micfloris@unica.it

La scelta dei canali di entrata. Michela Floris micfloris@unica.it La scelta dei canali di entrata Michela Floris micfloris@unica.it Una premessa Individuare il canale che, meglio degli altri può essere efficace per la propria attività nei mercati esteri non è semplice

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

JOINT VENTURE USA - ITALIA

JOINT VENTURE USA - ITALIA JOINT VENTURE USA - ITALIA AZIENDA ITALIANA Sul mercato da 50 anni Progetta e produce prodotti metalmeccanici Leader in Europa nel suo settore AZIENDA AMERICANA Distribuisce merci e fornisce servizi Progetta,

Dettagli

Valutazione Scientifica ed Economica dei Brevetti

Valutazione Scientifica ed Economica dei Brevetti Confindustria Bari 10 dicembre 2008 Valutazione Scientifica ed Economica dei Brevetti Antonio Messeni Petruzzelli DIMeG,Politecnico di Bari, Italia Agenda Il brevetto come asset strategico Brevetti e valore

Dettagli

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 2. LA COMPAGINE IMPRENDITORIALE 3. LA BUSINESS

Dettagli

Schema per la redazione di un business plan high tech

Schema per la redazione di un business plan high tech Schema per la redazione di un business plan high tech 1. Sintesi dell idea 2. Assessment dei fattori di rischio dell iniziativa 3. Strategia competitiva 3.1 Fonti del vantaggio competitivo 3.2 Posizionamento

Dettagli

UK: tassazione agevolata a chi deposita brevetti e conseguenze favorevoli per il mercato

UK: tassazione agevolata a chi deposita brevetti e conseguenze favorevoli per il mercato UK: tassazione agevolata a chi deposita brevetti e conseguenze favorevoli per il mercato Marina Mauro 24 Settembre 2012 Salone della Proprietà Industriale INTRODUZIONE CHI SIAMO MURGITROYD & COMPANY è

Dettagli

MANUALE PRATICO SU COSA FARE E COSA NON FARE

MANUALE PRATICO SU COSA FARE E COSA NON FARE MANUALE PRATICO SU E INDICE INTRODUZIONE 1. MARCHI: E 2. BREVETTI: E 3. DESIGN: E 4. COPYRIGHT: E 5. SEGRETO INDUSTRIALE: E Introduzione Ogni impresa, sia essa una start-up o un azienda consolidata, possiede

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI E POLITICHE DI OUTSOURCING

SISTEMI INFORMATIVI E POLITICHE DI OUTSOURCING SISTEMI INFORMATIVI E POLITICHE DI OUTSOURCING OUTSOURCING OUSOURCING: affidamento a terzi dell attività di sviluppo e/o esercizio e/o assistenza/manutenzione del sistema informativo o di sue parti Scelta

Dettagli

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o CAPITOLO 11 Innovazione e cambiamento Agenda Ruolo strategico del cambiamento Cambiamento efficace Cambiamento tecnologico Cambiamento di prodotti e servizi i Cambiamento strategico e strutturale Cambiamento

Dettagli

Relazioni collaborative per creare valore (di cui appropriarsi in seguito)

Relazioni collaborative per creare valore (di cui appropriarsi in seguito) Le strategie di collaborazione Relazioni collaborative per creare valore (di cui appropriarsi in seguito) Collaborazione (ad esempio per la Ricerca & Sviluppo) tra imprese sottoposte a forti pressioni

Dettagli

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale IFFI 10 edizione VALORIZZARE L IMPRESA E ATTRARRE GLI INVESTITORI La liquidità dei mercati finanziari per lo sviluppo delle imprese Le scelte per la media impresa tra debito e capitale MILANO, 11 Novembre

Dettagli

IL BREVETTO EUROPEO: OPPORTUNITA E OSTACOLI PER LE PMI. Alessandro Sterlacchini

IL BREVETTO EUROPEO: OPPORTUNITA E OSTACOLI PER LE PMI. Alessandro Sterlacchini IL BREVETTO EUROPEO: OPPORTUNITA E OSTACOLI PER LE PMI Alessandro Sterlacchini UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE Dipartimento di Management e Organizzazione Industriale a.sterlacchini@univpm.it Workshop

Dettagli

Evoluzione del modello ASP: Verso l e-business on demand. Enrico Bozzi Emerging Market IBM

Evoluzione del modello ASP: Verso l e-business on demand. Enrico Bozzi Emerging Market IBM Evoluzione del modello ASP: Verso l e-business on demand Enrico Bozzi Emerging Market IBM Agenda Il difficile mestiere dell ASP Cosa non ha funzionato nella fase 1? L evoluzione del modello ASP verso l

Dettagli

PROGETTO D IMPRESA. Guida alla Compilazione del Business Plan 1

PROGETTO D IMPRESA. Guida alla Compilazione del Business Plan 1 PROGETTO D IMPRESA Guida alla Compilazione del Business Plan 1 1 Il seguente format si ispira al modello di Business Plan proposto dal progetto Mambo del Comune di Bologna. INDICE DEL BUSINESS PLAN 1.

Dettagli

Solutions in motion.

Solutions in motion. Solutions in motion. Solutions in motion. SIPRO SIPRO presente sul mercato da quasi trent anni si colloca quale leader italiano nella progettazione e produzione di soluzioni per il motion control. Porsi

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE Prof. MARCO GIULIANI Docente di Economia Aziendale Università Politecnica delle Marche Socio LIVE m.giuliani@univpm.it Jesi, 11 ottobre 2013 1 Prime

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 7 Le strategie dell internazionalizzazione: integrazione con il mercato estero La strategia di integrazione con il mercato estero L impresa

Dettagli

Competere nei mercati internazionali

Competere nei mercati internazionali Corso di Strategie d impresa A.A. 2009/2010 Prof. Tonino Pencarelli - Dott. Simone Splendiani Competere nei mercati internazionali A cura di: Martina Fiordigigli Silvia Gardini Cap. 7, Thompson A., Strickland

Dettagli

Dall idea al business plan

Dall idea al business plan Dall idea al business plan Nicola Mattina Imprenditore Relatore pubblico Consulente Esploratore blog.nicolamattina.it @nicolamattina Chi sono Dall idea al progetto di impresa BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN

Dettagli

Dalla Ricerca alla Industria: Valorizzazione della Ricerca e Trasferimento Tecnologico

Dalla Ricerca alla Industria: Valorizzazione della Ricerca e Trasferimento Tecnologico Quarta Giornata InFormativa del Progetto BioTTasa Dalla Ricerca al Trasferimento Tecnologico CBM Cluster Tecnologico Regionale di Biomedicina Molecolare Laura Cerni laura.cerni@cbm.fvg.it Dalla Ricerca

Dettagli

Social Enterprise: l'evoluzione della Banca per lo sviluppo delle performance

Social Enterprise: l'evoluzione della Banca per lo sviluppo delle performance DIMENSIONE SOCIAL & WEB Social Enterprise: l'evoluzione della Banca per lo sviluppo delle performance Milano, 10 novembre 2015 Building a better working world 1 Agenda Il mondo e il modo di fare business

Dettagli

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo quindici Produzione globale, outsourcing e logistica Caso di apertura 15-3 Quando ha introdotto la console video-ludica X-Box, Microsoft dovette decidere se produrre

Dettagli

Introduzione all attività di ricerca di informazioni nel settore IP (Proprietà Intellettuale)

Introduzione all attività di ricerca di informazioni nel settore IP (Proprietà Intellettuale) Introduzione all attività di ricerca di informazioni nel settore IP (Proprietà Intellettuale) Indice Pag 2 - Cos è l attività di ricerca di informazioni nel settore della Proprietà Intellettuale? Pag 4

Dettagli

ISAC. Company Profile

ISAC. Company Profile ISAC Company Profile ISAC, all that technology can do. L azienda ISAC nasce nel 1994, quando professionisti con una grande esperienza nel settore si uniscono, e creano un team di lavoro con l obiettivo

Dettagli

Incubatori Tecnologici

Incubatori Tecnologici Incubatori Tecnologici Dal Laboratorio al Mercato Vittorio Palmieri 1 Cos è? L incubazione di impresa è un processo dinamico di sviluppo aziendale. Gli incubatori nutrono le giovani imprese, aiutandole

Dettagli

ACCORDI DI LICENZA E GESTIONE STRATEGICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTI

ACCORDI DI LICENZA E GESTIONE STRATEGICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTI www.bugnion.it Ing. Marco Conti E-mail: marcoconti@bugnion.it ACCORDI DI LICENZA E GESTIONE STRATEGICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTI PROTEGGERE L INNOVAZIONE TUTELA E VALORIZZAZIONE DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE

Dettagli

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE Prof. Fabio Musso Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia fabio.musso@uniurb.it pagina 1 Fasi del processo di sviluppo della strategia di internazionalizzazione

Dettagli

Gli assetti a popolazione

Gli assetti a popolazione Gli assetti a popolazione Lo strategic network (mercato auto) L industrial network (filiera, distretto) I business network (eterarchia-relazione) Il policy network (politica pubblica) Le filiere IL SETTORE

Dettagli

INNOVARE? Si deve, si può, si fa:

INNOVARE? Si deve, si può, si fa: come ottenere i finanziamenti ed i contributi per fare ricerca & sviluppo MILANO 27 APRILE 2015 RICERCA & SVILUPPO Cos è la Ricerca & Sviluppo nel Nostro tessuto imprenditoriale? INNOVAZIONE DI PRODOTTO

Dettagli

Innovazione e diritti di proprietà intellettuale

Innovazione e diritti di proprietà intellettuale Innovazione e diritti di proprietà intellettuale Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università degli Studi di Urbino 1. Introduzione Quali sono i Diritti di Proprietà

Dettagli

Perché e (come) brevettare all università

Perché e (come) brevettare all università Perché e (come) brevettare all università Giuseppe Conti Politecnico di Milano A cosa serve un brevetto 2/25 Perchè si deposita un brevetto: per sbaglio 1 Il brevetto per sbaglio 3/25 invenzione utile,

Dettagli

The information contained in this document belongs to ignition consulting s.r.l. and to the recipient of the document. The information is strictly

The information contained in this document belongs to ignition consulting s.r.l. and to the recipient of the document. The information is strictly The information contained in this document belongs to ignition consulting s.r.l. and to the recipient of the document. The information is strictly linked to the oral comments which were made at its presentation,

Dettagli

SERVER E VIRTUALIZZAZIONE. Windows Server 2012. Guida alle edizioni

SERVER E VIRTUALIZZAZIONE. Windows Server 2012. Guida alle edizioni SERVER E VIRTUALIZZAZIONE Windows Server 2012 Guida alle edizioni 1 1 Informazioni sul copyright 2012 Microsoft Corporation. Tutti i diritti sono riservati. Il presente documento viene fornito così come

Dettagli

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Obiettivi della lezione Illustrare il passaggio dall orientamento alla transazione all orientamento alla relazione nel marketing contemporaneo

Dettagli

DOSSIER PER LA STAMPA

DOSSIER PER LA STAMPA DOSSIER PER LA STAMPA INDICE ERASMUS GIOVANI IMPRENDITORI : UN NUOVO PROGRAMMA DI SCAMBIO...3 CHI PUO' PARTECIPARE?... 5 QUALI BENEFICI E PER CHI?...6 COME FUNZIONA? STRUTTURA E IMPLEMENTAZIONE...7 CHI

Dettagli

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 12 La strategia di espansione globale Caso di apertura 12-3 La Wal-Mart si è rivolta verso altri paesi per tre ragioni - Le opportunità di crescita interna stavano

Dettagli

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Il continuum delle strutture tra efficienza ed efficacia Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale

Dettagli

Alcune sfide europee dell innovazione energetica italiana

Alcune sfide europee dell innovazione energetica italiana Alcune sfide europee dell innovazione energetica italiana Prof. Ing. Massimo La Scala Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Politecnico di Bari Roma, 22 maggio 2014 Key Enabling Technologies

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

MODELLI DI OPEN INNOVATION. Alberto F. De Toni

MODELLI DI OPEN INNOVATION. Alberto F. De Toni MODELLI DI OPEN INNOVATION Alberto F. De Toni Sommario 1. Dalla Closed Innovation alla Open Innovation 2. Il nuovo ruolo della R&S 3. Gli approcci della Open Innovation Sommario 1. Dalla Closed Innovation

Dettagli

Ultime tendenze di conceptual design

Ultime tendenze di conceptual design Conceptual design Sondaggio Ultime tendenze di conceptual design messo a disposizione da PTC Ruolo del partecipante nel conceptual design: Creatore Influenzatore Dirigente Manager Fonte: "Trends in Concept

Dettagli

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO ALLEGATO 3 POR SARDEGNA 2000-2006 MISURA 4.2 P.A. PER L IMPRESA: ANIMAZIONE, SERVIZI REALI, SEMPLIFICAZIONE, INFRASTRUTTURAZIONE SELETTIVA AZIONE 4.2.B SERVIZI REALI ALLE PMI PROGRAMMA SERVIZI PER IL POTENZIAMENTO

Dettagli

Lo start-up d impresa Da un idea ad un business vincente

Lo start-up d impresa Da un idea ad un business vincente Lo start-up d impresa Da un idea ad un business vincente Paolo Gubitta () paolo.gubitta@unipd.it 19 marzo 2007 Modi di vedere Percezione dell innovatore (aspirante!) Valore limitato Valore elevato Percezione

Dettagli

Materiale, dati e informazioni per l applicazione della griglia

Materiale, dati e informazioni per l applicazione della griglia Appendice A IPI, ISTITUTO PER LA PROMOZIONE INDUSTRIALE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DG Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi Progetto per l implementazione della griglia di

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 8 Le strategie dell internazionalizzazione: gli investimenti diretti esteri Che cosa comporta realizzare un IDE? Costituisce di norma la

Dettagli

LE START UP INNOVATIVE TORINO, 5 NOVEMBRE 2013

LE START UP INNOVATIVE TORINO, 5 NOVEMBRE 2013 IP Management @ Universities Istanbul, May 16 to 18, 2012 Albert Long Hall, BOGAZICI UNIVERSITY LE START UP INNOVATIVE TORINO, 5 NOVEMBRE 2013 Gli strumenti di tutela dell innovazione Titolarità, trasferimento,

Dettagli

Marketing Internazionale

Marketing Internazionale Marketing Internazionale Facoltà di Economia CdL in Economia e Gestione Aziendale II semestre A.A. 2008-2009 Il posizionamento nei mercati internazionali Posizionamento Dopo aver scelto il segmento l impresa

Dettagli

TRASFERIMENTO TECNOLOGICO IN UK

TRASFERIMENTO TECNOLOGICO IN UK TRASFERIMENTO TECNOLOGICO IN UK L ESEMPIO DI E-SYNERGY 2 Contenuto Parlerò: dei rischi legati all investimento in aziende start-up delle iniziative del governo britannico per diminuire questi rischi e

Dettagli

PRODUCT LIFECYCLE MANAGEMENT

PRODUCT LIFECYCLE MANAGEMENT PRODUCT LIFECYCLE MANAGEMENT Una breve introduzione al mondo del PLM Business Development Management S.r.l. con il contributo del DIGEP del Politecnico di Torino Il PLM nasce come metodologia di gestione

Dettagli

La strategia finanziaria

La strategia finanziaria La strategia finanziaria Strategie di posizionamento (rivolte all esterno) AZIENDA strategia sociale CONTESTO SOCIALE posizionamento sociale Analisi degli input strategici esterni MERCATI FINANZIARI finanziatori

Dettagli

Il Piano di Marketing. alessandra.gruppi@mib.edu

Il Piano di Marketing. alessandra.gruppi@mib.edu Il Piano di Marketing 1 Di cosa parleremo A cosa serve il marketing In cosa consiste Perché scrivere un piano di marketing Come scriverlo...in particolare per new business e innovazioni 2 Because its purpose

Dettagli

Cos è un incarico di due diligence? Schema tipico di un operazione di acquisizione Strategia di acquisizione e analisi strategica Due diligence

Cos è un incarico di due diligence? Schema tipico di un operazione di acquisizione Strategia di acquisizione e analisi strategica Due diligence Cos è un incarico di due diligence? Schema tipico di un operazione di acquisizione Strategia di acquisizione e analisi strategica Due diligence preliminare Due diligence approfondita Contenuto atteso di

Dettagli

SERVIZI DI CONSULENZA IN PROPRIETÀ INTELLETTUALE. 2. Studi di scenario brevettuale e patent competitive intelligence

SERVIZI DI CONSULENZA IN PROPRIETÀ INTELLETTUALE. 2. Studi di scenario brevettuale e patent competitive intelligence SERVIZI DI CONSULENZA IN PROPRIETÀ INTELLETTUALE 1. Ricerca di anteriorità (marchi e brevetti) e valutazioni di brevettabilità Le ricerche di anteriorità rappresentano uno strumento fondamentale per monitorare

Dettagli

Optimize your energy park. www.en-come.com

Optimize your energy park. www.en-come.com Optimize your energy park / Supporto d ACQUISIZIONE / OPERAZIONI TECNICHE / OPERAZIONI COMMERCIALI / MIGLIORAMENTO DELLE PRESTAZIONI / SMALTIMENTO IMPIANTI IT www.en-come.com Supporto d ACQUISIZIONE SMALTIMENTO

Dettagli

THINKING DIGITAL SYNCHRONIZING WITH THE FUTURE PENSIERO DIGITALE: SINCRONIZZARSI COL FUTURO

THINKING DIGITAL SYNCHRONIZING WITH THE FUTURE PENSIERO DIGITALE: SINCRONIZZARSI COL FUTURO THINKING DIGITAL SYNCHRONIZING WITH THE FUTURE PENSIERO DIGITALE: SINCRONIZZARSI COL FUTURO A STEP FORWARD IN THE EVOLUTION Projecta Engineering developed in Sassuolo, in constant contact with the most

Dettagli

Il processo di internazionalizzazione

Il processo di internazionalizzazione Il processo di internazionalizzazione Brescia, 16 aprile 2015 CONTENUTI Chi e Crossbridge Le fasi del processo di internazionalizzazione Le esperienze Le opportunità nel Far East I partner di Crossbridge

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI E POLITICHE DI OUTSOURCING

SISTEMI INFORMATIVI E POLITICHE DI OUTSOURCING SISTEMI INFORMATIVI E POLITICHE DI OUTSOURCING OUTSOURCING OUSOURCING: affidamento a terzi dell attività di sviluppo e/o esercizio e/o assistenza/manutenzione del sistema informativo o di sue parti Scelta

Dettagli

La gestione della proprietà intellettuale nel trasferimento tecnologico: procedure e strumenti contrattuali per il licensing

La gestione della proprietà intellettuale nel trasferimento tecnologico: procedure e strumenti contrattuali per il licensing La gestione della proprietà intellettuale nel trasferimento tecnologico: procedure e strumenti contrattuali per il licensing Francesco De Michelis aprile 2008 Il trasferimento tecnologico: verità e preconcetti

Dettagli

Quinto incontro con le Regioni sul tema: Il ruolo degli strumenti nella Smart Specialisation Strategy Start up: gli strumenti, gli effetti

Quinto incontro con le Regioni sul tema: Il ruolo degli strumenti nella Smart Specialisation Strategy Start up: gli strumenti, gli effetti Quinto incontro con le Regioni sul tema: Il ruolo degli strumenti nella Smart Specialisation Strategy Start up: gli strumenti, gli effetti Maurizio Sobrero, Università di Bologna Obiettivi Condividere

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business

Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business Università : Università degli studi di Bologna Facoltà : Economia Indice di questo documento L' Appunto Le Domande d'esame e' un sito di

Dettagli

Innovazione e cambiamento

Innovazione e cambiamento ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Innovazione e cambiamento 2 Contenuti del capitolo Innovare o perire: il ruolo strategico del cambiamento Cambiamento tecnologico Nuovi prodotti e servizi Cambiamenti strategici

Dettagli

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini, con sede negli Stati Uniti, che si è concentrata sulla produzione di telefonini di nuova generazione a partire

Dettagli

Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati

Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati Metodologia DB 1 Due Situazioni Estreme Realtà Descritta da un documento testuale che rappresenta un insieme di requisiti del software La maggiore

Dettagli

2011 - IBM GLOBAL FINANCING

2011 - IBM GLOBAL FINANCING 2011 - IBM GLOBAL FINANCING Claudia Fusi IGF Channel and General Business Sales Manager 14 ottobre 2011 IBM Global Financing - una soluzione finanziaria integrata Accesso ai capitali Un vantaggio competitivo

Dettagli

Outsourcing: un nuovo servizio

Outsourcing: un nuovo servizio Outsourcing: un nuovo servizio Ottobre 2001 I diritti di riproduzione, di memorizzazione elettronica e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo, compresi i microfilm e le copie fotostatiche

Dettagli

Prefazione Prefazione all edizione italiana Introduzione. PARTE 1 Opportunità imprenditoriali, definizione del business, strategia competitiva 1

Prefazione Prefazione all edizione italiana Introduzione. PARTE 1 Opportunità imprenditoriali, definizione del business, strategia competitiva 1 INDICE Prefazione Prefazione all edizione italiana Introduzione Autori IX XVII XIX XXV PARTE 1 Opportunità imprenditoriali, definizione del business, strategia competitiva 1 Capitolo 1 Sviluppo economico

Dettagli

La delocalizzazione. Corso di Finanza internazionale Doriana Cucinelli 19-marzo-2013

La delocalizzazione. Corso di Finanza internazionale Doriana Cucinelli 19-marzo-2013 La delocalizzazione Corso di Finanza internazionale Doriana Cucinelli 19-marzo-2013 Agenda Cosa si intende per delocalizzazione Internazionalizzazione vs delocalizzazione Le forme di internazionalizzazione

Dettagli

10/02/2009 www.miojob.it Visitatori Unici giornalieri: 1.219.550

10/02/2009 www.miojob.it Visitatori Unici giornalieri: 1.219.550 10/02/2009 www.miojob.it Visitatori Unici giornalieri: 1.219.550 Candidati chiavi in mano gli introvabili dell informatica Nel mondo dell It le imprese sempre meno disposte a investire in lunghi periodi

Dettagli

I SERVIZI DI INNOVENTUALLY. OI Needs

I SERVIZI DI INNOVENTUALLY. OI Needs Innoventually è una società che opera nel campo della creazione, gestione e monetizzazione dell innovazione. Tramite la piattaforma di Open Innovation collega tutti coloro che hanno idee innovative (imprenditori,

Dettagli

Delocalizzazione produttiva e sistemi di supply chain management. Claudio Sella Area Produzione e Tecnologia 21 maggio 2004

Delocalizzazione produttiva e sistemi di supply chain management. Claudio Sella Area Produzione e Tecnologia 21 maggio 2004 Delocalizzazione produttiva e sistemi di supply chain management Claudio Sella Area Produzione e Tecnologia 21 maggio 2004 Punti da discutere La delocalizzazione produttiva come elemento della strategia

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

Your business to the next level

Your business to the next level Your business to the next level 1 2 Your business to the next level Soluzioni B2B per le costruzioni e il Real Estate New way of working 3 01 02 03 04 BIM Cloud Multi-Platform SaaS La rivoluzione digitale

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Facoltà di Ingegneria Corso di Marketing Industriale Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it Pianificazione e sviluppo di un nuovo

Dettagli

Business Consumer Solution. Il compagno ideale

Business Consumer Solution. Il compagno ideale Business Consumer Solution Il compagno ideale per l e-business è la soluzione per l E-Business sviluppata da Treenet per la gestione del commercio elettronico dell'impresa. soddisfa le esigenze di aziende

Dettagli