CONTABILITÀ GESTIONALE: METODI DI CALCOLO DEI COSTI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONTABILITÀ GESTIONALE: METODI DI CALCOLO DEI COSTI"

Transcript

1 Prova di verifica CONTABILITÀ GESTIONALE: METODI DI CALCOLO DEI COSTI di Rossana MANELLI ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE: ECONOMIA AZIENDALE (Classe 5 a IT Indirizzo AFM; Articolazione SIA; Articolazione RIM; Classe 5 a IP Servizi commerciali) La prova semistrutturata, rivolta agli studenti della classe quinta, consente di verificare conoscenze e abilità relative ai principali metodi di calcolo dei costi (direct costing, full costing e ABC). SCELTA MULTIPLA Indica con una crocetta la risposta esatta; alcuni quesiti possono avere più risposte corrette. 1. In base al rapporto tra costi e volumi di produzione, i costi si classificano in: A costi effettivi e costi standard B costi fissi e costi variabili C costi diretti e costi indiretti D costi specifici e costi comuni 2. Il margine di contribuzione viene determinato: A con il direct costing B con il full costing C con il metodo ABC D per le lavorazioni congiunte 3. Il margine di contribuzione di primo livello è pari ai ricavi di vendita meno i: A costi fissi B costi fissi specifici C costi variabili D costi di produzione 4. Il margine di contribuzione di secondo livello evidenzia: A il risultato economico della gestione B il contributo delle diverse produzioni alla copertura dei costi fissi comuni e generali C in quale misura le vendite sono in grado di coprire i costi fissi complessivi D la riclassificazione dei costi per funzione aziendale 5. La commessa è: A l insieme di prodotti fabbricati in serie che si differenziano in parte dal modello base B un prodotto che si distingue per le caratteristiche fisiche, tecniche e qualitative C il risultato di una lavorazione congiunta D un prodotto la cui realizzazione può richiedere un tempo di esecuzione superiore all anno 6. In base al momento di effettuazione del calcolo, i costi si classificano in: A costi fissi e costi variabili B costi reali e costi figurativi C costi diretti e costi indiretti D costi preventivi e costi consuntivi 7. L imputazione dei costi indiretti può essere effettuata: A su base aziendale B attraverso i centri di costo C in base ai cost driver D in modo oggettivo 8. Lo stipendio direzionale: A è compreso nel costo industriale B rientra nella liquidazione delle retribuzioni degli organi aziendali C è un onere figurativo D è compreso nel costo economico-tecnico TERMINE CORRETTO Sottolinea le alternative esatte. La contabilità gestionale: ha per oggetto: le operazioni di gestione interna/esterna/sia interna che esterna rileva il costo: dei fattori produttivi acquisiti/impiegati nella produzione/dei prodotti/di competenza è anche detta: direzionale/industriale/generale/analitica a seconda delle modalità di calcolo può essere tenuta: a costi diretti/a costi effettivi/a costi pieni/a costi standard è tenuta: secondo le norme del codice civile/secondo vincoli fiscali/senza vincoli particolari

2 Prova di verifica COMPLETAMENTO Indica per ciascun termine la corrispondente fase di gestione dei costi e successivamente ordina le fasi in base al loro svolgimento. Full costing Commessa Costi standard Costi indiretti VERO O FALSO Fase Ordine Indica con una crocetta se le seguenti affermazioni sono vere (V) o false (F); in quest ultimo caso, suggerisci la formulazione corretta. 1. I costi variabili sono costi diretti. V F Falso perché La metodologia del direct costing attribuisce all oggetto di calcolo solo i costi variabili. Falso perché V F 3. Il metodo ABC è di tipo full costing. V F Falso perché La contabilità a costi pieni utilizza una serie di configurazioni di costo. Falso perché La quota di ammortamento di un impianto è considerata sempre un costo fisso comune. Falso perché Il direct costing è utilizzato soprattutto nelle decisioni di breve periodo che non modificano la capacità produttiva dell impresa. Falso perché V F V F V F ATTIVITÀ DIDATTICHE 2 7. I costi diretti sono sempre costi specifici. V F Falso perché I costi specifici sono sempre costi diretti. V F Falso perché CORRELAZIONE Associa gli elementi elencati nella colonna di sinistra con quelli della colonna di destra. 1. Comprende una quota di costi generali di amministrazione 2. Costo di produzione 3. Costo oggettivo 4. Comprende gli oneri figurativi 5. Utilizzato per la valutazione dei prodotti finiti 6. Utilizzato per determinare la redditività di singole commesse 7. Comprende gli interessi di computo sul capitale investito 8. Costi specifici imputati direttamente all oggetto di calcolo a. Costo primo b. Costo industriale c. Costo complessivo d. Costo economico-tecnico COMPLETAMENTO E APPLICAZIONE Inserisci nel testo che segue gli importi e i termini mancanti. La RECA spa produce tre prodotti codificati L50, M25 e O20, sostenendo costi fissi comuni e generali di euro: del prodotto L50 si ottengono unità, vendute a 160 euro ciascuna; per la produzione si sostengono costi variabili unitari di 43 euro e costi fissi specifici di euro; del prodotto M25 si ottengono unità, vendute a 140 euro ciascuna; per la produzione si sostengono costi variabili unitari di 87 euro e costi fissi specifici di euro; del prodotto O20 si ottengono unità, vendute a 250 euro ciascuna; per la produzione si sostengono costi variabili unitari di 135 euro e costi fissi specifici di euro.

3 Prova di verifica ATTIVITÀ DIDATTICHE 3 Calcola: 1. il margine di contribuzione di primo e di secondo livello delle tre produzioni e il risultato economico dell impresa; Ricavi di vendita Costi. Margine di... Costi. Margine di... Costi. Risultato economico della gestione L50 M25 O20 Totale il prodotto per il quale risulta più conveniente incrementare la produzione, tenendo conto che la capacità produttiva dell impresa consente di aumentare il volume produttivo di 300 unità. Per stabilire il prodotto per il quale risulta più conveniente incrementare la produzione di 300 unità occorre calcolare il margine di contribuzione di... e scegliere il prodotto con tale margine... La tabella successiva mette in evidenza il calcolo del margine di contribuzione di... relativo alle tre produzioni. L50 M25 O20.../... =... euro.../... =... euro.../... =... euro La produzione... assicura un margine di contribuzione di... più, per cui l impresa decide di incrementare la produzione del prodotto il risultato economico ottenuto dopo l incremento della produzione. Ricavi di vendita Costi. Margine di... Costi. Margine di... Costi. Risultato economico della gestione L50 M25 O20 Totale APPLICAZIONE 1 L impresa industriale BORO spa ha realizzato nel mese di gennaio 400 unità del prodotto RL57 utilizzando i seguenti fattori produttivi: materia prima Alfa: 1,5 kg per unità di prodotto al costo di 24 euro il kg; materia prima Beta: 2 kg per unità di prodotto al costo di 14 euro il kg; manodopera diretta: 1 ora e 15 minuti per unità di prodotto al costo orario di 20 euro. La produzione ha inoltre comportato il sostenimento dei seguenti costi: materia sussidiaria euro forza motrice 820 euro manodopera indiretta euro servizi ausiliari alla produzione 860 euro costi di amministrazione euro costi di vendita euro costi finanziari 720 euro oneri tributari euro

4 Prova di verifica ATTIVITÀ DIDATTICHE 4 Calcolare: 1. le varie configurazioni di costo (costi unitari e costi totali) sapendo che gli oneri figurativi sono pari al 4% del costo complessivo; 2. il risultato economico unitario e totale conseguito con la vendita di tutti i prodotti al prezzo di 185 euro; 3. il risultato economico espresso in percentuale sul prezzo di vendita e sul costo complessivo; 4. il profitto unitario e totale. APPLICAZIONE 2 L impresa industriale Remisi srl ha realizzato nel primo bimestre dell anno due varianti del prodotto Sigma (Sigma 1 e Sigma 2) ottenendo rispettivamente unità e unità. Per la produzione si tiene conto delle seguenti informazioni: Sigma 1 Sigma 2 Costo unitario Materia prima per unità di prodotto Manodopera diretta per unità di prodotto 2,1 kg 1 h 3,1 kg 2,5 h 20 euro il kg 23 euro l ora Ore macchina La produzione è effettuata in tre reparti nei quali sono stati sostenuti i seguenti costi: Reparto Alfa Reparto Beta Reparto Gamma Totali Costi comuni ai tre reparti Materie sussidiarie Manodopera indiretta Energia Ammortamenti euro euro euro euro euro euro euro euro euro euro euro euro euro ripartiti tra i reparti in base alla superficie occupata da ciascuno euro euro euro euro Superficie Reparto Alfa Reparto Beta Reparto Gamma Metri quadrati Determinare il costo industriale nelle seguenti ipotesi di imputazione dei costi di produzione: 1. riparto su base unica adottando come criterio di imputazione il costo primo; 2. riparto su base multipla adottando come criterio di imputazione il costo delle materie prime per le materie sussidiarie, il costo della manodopera diretta per la manodopera indiretta e le ore di funzionamento delle macchine per gli altri costi indiretti; 3. riparto in base ai reparti produttivi, tenendo conto che il prodotto Sigma 1 viene lavorato nei reparti Alfa e Beta, mentre il prodotto Sigma 2 viene lavorato in tutti i reparti e che i costi dei reparti sono imputati in base al costo primo. APPLICAZIONE 3 L impresa industriale Cical spa produce tre varianti del prodotto Delta, codificati D557, D588 e D593, sostenendo i seguenti costi: Costi Prodotto D557 Prodotto D588 Prodotto D593 Materie prime euro euro euro Manodopera diretta euro euro euro Costi comuni di produzione euro

5 ATTIVITÀ DIDATTICHE 5 Prova di verifica L impresa produce unità della variante D557, unità della variante D588 e unità della variante D593. Determinare il costo industriale, totale e unitario, delle tre produzioni nelle seguenti ipotesi: 1. i costi comuni di produzione vengono ripartiti in base al costo delle materie prime; 2. i costi comuni di produzione vengono ripartiti con il metodo ABC in base alle seguenti informazioni: Attività Cost driver Importi Numero cost driver per prodotto D557 D588 D593 Lavorazioni Ore macchina Attrezzaggi Set up Controllo qualità Analisi

6 ATTIVITÀ DIDATTICHE 6 Svolgimento della prova di verifica CONTABILITÀ GESTIONALE: METODI DI CALCOLO DEI COSTI SCELTA MULTIPLA 1. b; 2. a; 3. c; 4. b; 5. b, d; 6. d; 7. a, b, c; 8. c, d. TERMINE CORRETTO La contabilità gestionale: ha per oggetto: le operazioni di gestione interna/esterna/sia interna che esterna rileva il costo: dei fattori produttivi acquisiti/impiegati nella produzione/dei prodotti/di competenza è anche detta: direzionale/industriale/generale/analitica a seconda delle modalità di calcolo può essere tenuta: a costi diretti/a costi effettivi/a costi pieni/a costi standard è tenuta: secondo le norme del codice civile/secondo vincoli fiscali/senza vincoli particolari COMPLETAMENTO Fase Ordine Full costing Modalità di calcolo 3 Commessa Definizione dell oggetto di cui si vuole conoscere 1 il costo Costi standard Momento di effettuazione del calcolo 4 Costi indiretti Classificazione dei costi 2 VERO O FALSO 1. F. I costi variabili variano al variare delle quantità prodotte; i costi diretti sono riferiti a un dato oggetto in modo immediato e possono essere variabili e fissi; 2. F. La metodologia del direct costing attribuisce all oggetto di calcolo i costi variabili e i costi fissi specifici; 3. V; 4. V; 5. F. Se l impianto viene utilizzato solo per una determinata produzione, la quota di ammortamento dell impianto stesso è considerata un costo fisso specifico; 6. V; 7. V; 8. F. I costi specifici sono costi impiegati per ottenere un determinato oggetto, ma possono anche essere considerati indiretti quando non si è in grado o non si ritiene conveniente imputarli direttamente all oggetto di costo. CORRELAZIONE c b a d b c d a

7 ATTIVITÀ DIDATTICHE 7 Svolgimento della prova di verifica COMPLETAMENTO E APPLICAZIONE 1. Ricavi di vendita Costi variabili Margine di contribuzione di 1 livello Costi fissi specifici Margine di contribuzione di 2 livello Costi fissi comuni e generali Risultato economico della gestione L50 M25 O20 Totale Per stabilire il prodotto per il quale risulta più conveniente incrementare la produzione di 300 unità occorre calcolare il margine di contribuzione di primo livello unitario e scegliere il prodotto con tale margine più elevato. La tabella successiva mette in evidenza il calcolo del margine di contribuzione di primo livello unitario relativo alle tre produzioni. L50 M25 O /1.440 = 117 euro /1.920 = 53 euro /1.680 = 115 euro La produzione L50 assicura un margine di contribuzione di primo livello unitario più alto, per cui l impresa decide di incrementare la produzione del prodotto L Ricavi di vendita Costi variabili Margine di contribuzione di 1 livello Costi fissi specifici Margine di contribuzione di 2 livello Costi fissi comuni e generali Risultato economico della gestione L50 M25 O20 Totale

8 ATTIVITÀ DIDATTICHE 8 Svolgimento della prova di verifica APPLICAZIONE 1 1. Configurazioni di costo Materia prima Alfa (1, ) Materia prima Beta ( ) Manodopera diretta (1, ) Costo primo Materia sussidiaria Forza motrice Manodopera indiretta Servizi ausiliari alla produzione Costo industriale Costi di amministrazione Costi di vendita Costi finanziari Oneri tributari Costo complessivo Oneri figurativi ( %) Costo economico-tecnico Costo totale Costo unitario , , , , , , , , , , , , , , , ,40 2. Risultato economico Ricavo di vendita ( ) Costo complessivo Risultato economico Totale Unitario ,00 147, ,50 3. Risultato economico espresso in percentuale sul prezzo di vendita 100 : x = 185,00 : 37,50 x = 20,27% sul costo complessivo 100 : x = 147,50 : 37,50 x = 25,42% 4. Profitto Ricavo di vendita Costo economico-tecnico Profitto Totale Unitario ,00 153, ,60

9 Svolgimento della prova di verifica APPLICAZIONE 2 1. Criterio di imputazione su base unica aziendale ATTIVITÀ DIDATTICHE 9 Costi Sigma 1 Sigma 2 Totale Materia prima (2, ) ,00 Manodopera diretta ( ) ,00 (3, ) , ,00 (2, ) , ,00 Costo primo , , ,00 Costi indiretti di produzione , , ,00 Costo industriale , , ,00 Imputazione costi indiretti di produzione in base al costo primo euro ( ) = euro costi di produzione da ripartire = 0, , = euro ,77 prodotto Sigma 1 0, = euro ,23 prodotto Sigma ,00 2. Criterio di imputazione su base multipla aziendale Costi Sigma 1 Sigma 2 Totale Materia prima , , ,00 Manodopera diretta , , ,00 Costo primo Materie sussidiarie Manodopera indiretta Energia, ammortamenti e altri costi comuni , , , , , , , , , , , ,00 Costo industriale , , ,00 Imputazione costi materie sussidiarie in base al costo delle materie prime = 0, , = euro 9.368,37 prodotto Sigma 1 0, = euro 7.931,63 prodotto Sigma ,00 Imputazione costi manodopera indiretta in base al costo della manodopera diretta = 0, , = euro 6.204,23 prodotto Sigma 1 0, = euro 8.895,77 prodotto Sigma ,00

10 Svolgimento della prova di verifica ATTIVITÀ DIDATTICHE 10 Imputazione costi di energia, ammortamenti e altri costi comuni in base alle ore macchina = = 117, , = euro ,86 prodotto Sigma 1 117, = euro ,14 prodotto Sigma ,00 3. Localizzazione dei costi nei centri produttivi Costi sostenuti nei tre reparti Materie sussidiarie Manodopera indiretta Energia Ammortamenti Totale costi diretti di reparto Costi comuni di reparto Totale Reparto Alfa Reparto Beta Reparto Gamma Totale 6.200, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,00 Riparto costi comuni tra i reparti in base alla superficie occupata da ciascuno = = 7, , = euro 3.188,32 reparto Alfa 7, = euro 2.656,93 reparto Beta 7, = euro 4.554,75 reparto Gamma ,00 Costi industriali delle due produzioni Costo primo Reparto Alfa Reparto Beta Reparto Gamma Costo industriale Sigma 1 Sigma 2 Totale , , , , , , , , , , , , ,00 Imputazione dei costi dei reparti ai singoli prodotti in base al costo primo costi reparto Alfa ,32 = 0, , = euro ,61 prodotto Sigma 1 0, = euro ,71 prodotto Sigma ,32

11 Svolgimento della prova di verifica ATTIVITÀ DIDATTICHE 11 costi reparto Beta ,93 = 0, , = euro ,86 prodotto Sigma 1 0, = euro ,07 prodotto Sigma ,93 costi reparto Gamma Vengono imputati al solo prodotto Sigma 2 APPLICAZIONE 3 1. Costi di produzione ripartiti in base al costo delle materie prime Costi D557 D588 D593 Totali Materia prima , , , ,00 Manodopera diretta , , , ,00 Costo primo , , , ,00 Costi comuni di produzione , , , ,00 Costo industriale , , , ,00 Quantità prodotte n n n Costo industriale unitario euro 32,01 euro 20,15 euro 18,02 Imputazione dei costi indiretti di produzione in base al costo delle materie prime = 0, , = euro ,98 prodotto D577 0, = euro ,49 prodotto D588 0, = euro ,53 prodotto D ,00 2. Costi di produzione ripartiti con il metodo ABC Costi unitari dei cost driver Ore macchina: = 66 euro Set up: Analisi: = 561,60 euro = 144 euro 25

12 ATTIVITÀ DIDATTICHE 12 Svolgimento della prova di verifica Costi D557 D588 D593 Totali Costo primo , , , ,00 Lavorazioni Attrezzaggi Controllo qualità (66 400) ,00 (561,60 5) 2.808,00 (144 7) 1.008,00 (66 496) ,00 (561,60 7) 3.931,20 (144 8) 1.152,00 (66 240) , ,00 (561,60 3) 1.684, ,00 (144 10) 1.440, ,00 Costo industriale , , , ,00 Quantità prodotte n n n Costo industriale unitario euro 29,28 euro 22,69 euro 19,02 I due procedimenti conducono a risultati diversi. In particolare, il calcolo del costo industriale con il metodo ABC dei prodotti D588 e D593 risulta più analitico e imputa ai prodotti una quota maggiore di costi comuni di produzione, in quanto tali prodotti assorbono maggiori costi comuni in termini di attività. Per il prodotto D557 accade il contrario.

Il margine di contribuzione di primo livello rapportato alla quantità venduta è il seguente:

Il margine di contribuzione di primo livello rapportato alla quantità venduta è il seguente: 4. METODI DI CALCOLO DEI COSTI Classe 5^A A RIM - I.I.S. Capriotti - San Benedetto del Tronto (AP) 4.1 margine di contribuzione ( ) X11 X19 Totale Ricavi di vendita 360.000 360.000 720.000 Costi variabili

Dettagli

Classe V^ A RIM Esercitazione di Economia Aziendale Contabilità Gestionale

Classe V^ A RIM Esercitazione di Economia Aziendale Contabilità Gestionale Classe V^ A RIM Esercitazione di Economia Aziendale Contabilità Gestionale La Amadio spa ha in produzione due prodotti, X1 e Y2. Nel periodo sono state eseguite le seguenti produzioni: 1. Produzione X1:

Dettagli

6.1. Lo schema di conto economico a direct costing

6.1. Lo schema di conto economico a direct costing 6.1. Lo schema di conto economico a direct costing Ricavi Costo del venduto variabile Rimanenze iniziali di prodotti finiti (+) Costo dei beni prodotti (+) Rimanenze finali di prodotti finiti (-) Costi

Dettagli

IL COSTO DI PRODOTTO E IL COSTO MONETARIO INERENTE UNA DATA QUANTITA DI PRODOTTO

IL COSTO DI PRODOTTO E IL COSTO MONETARIO INERENTE UNA DATA QUANTITA DI PRODOTTO IL COSTO DI PRODOTTO E IL COSTO MONETARIO INERENTE UNA DATA QUANTITA DI PRODOTTO PER POTER ATTRIBUIRE I COSTI A SINGOLE UNITA DI PRODOTTO E NECESSARIO STABILIRE RELAZIONI TRA I FATTORI E I PRODOTTI STESSI

Dettagli

TOMO 2-2. COSTI E SCELTE AZIENDALI. 2.1 costo suppletivo ( ) Ipotesi a.

TOMO 2-2. COSTI E SCELTE AZIENDALI. 2.1 costo suppletivo ( ) Ipotesi a. TOMO 2-2. COSTI E SCELTE AZIENDALI 2.1 costo suppletivo ( ) Ipotesi a. Produzione 12.000 unità Produzione 14.000 unità Costo complessivo Costo unitario Costo complessivo Costo unitario Costi variabili

Dettagli

Pricing & Costing Cost Based Pricing: Il metodo a full costing

Pricing & Costing Cost Based Pricing: Il metodo a full costing Pricing & Costing Cost Based Pricing: Il metodo a full costing G.TOSCANO e A.VINCI Corso: Pricing & Costing LIUC Università di Castellanza Ottobre 2010 Anno accademico 2010/11 1 Il prezzo viene determinato

Dettagli

Il candidato, ipotizzando, dove necessario, un criterio di riparto adeguato, determini:

Il candidato, ipotizzando, dove necessario, un criterio di riparto adeguato, determini: Le informazioni desunte dall analisi dei costi pieni e da quella dei costi diretti portano a conclusioni e decisioni differenti. Lo studente, dopo aver descritto i sistemi di contabilità a costi pieni

Dettagli

Analisi caso: dal budget delle vendite al budget economico

Analisi caso: dal budget delle vendite al budget economico Analisi caso: dal budget delle vendite al budget economico Esempio La società Alfa produce due tipi di prodotti denominati Red e Black. Le vendite previste per l anno n+1 sono di: 320.000 unità di Red

Dettagli

Il controllo di gestione nelle aziende di costruzioni

Il controllo di gestione nelle aziende di costruzioni Il controllo di gestione nelle aziende di costruzioni Potenza, 07 maggio 2015 prof. francesco de luca università g. d annunzio pescara Ricavi e costi nel controllo di gestione: la natura dei valori Principali

Dettagli

Programmazione e controllo e analisi dei costi II Parte. Cap. 3 Costo di prodotto e contabilità per centri di costo

Programmazione e controllo e analisi dei costi II Parte. Cap. 3 Costo di prodotto e contabilità per centri di costo Programmazione e controllo e analisi dei costi II Parte Cap. 3 Costo di prodotto e contabilità per centri di costo Prof. Nicola Castellano nicola.castellano@unimc.it Riferimenti Bibliografici: Cinquini

Dettagli

Volume di produzione (kg) 15.000 12.000 Costo MP per kg di prodotto 8,00 12,00 Manodopera diretta totale 85.000 72.000

Volume di produzione (kg) 15.000 12.000 Costo MP per kg di prodotto 8,00 12,00 Manodopera diretta totale 85.000 72.000 Esercizio 1 La ST S.r.l. produce due tipi vassoi, A e B. I dati rilevati sono i seguenti: Volume di produzione (kg) 15.000 12.000 Costo MP per kg di prodotto 8,00 12,00 Manodopera diretta totale 85.000

Dettagli

Università degli Studi di Cassino - Facoltà di Economia

Università degli Studi di Cassino - Facoltà di Economia Docente: Prof. Roberto Diacetti Collaboratore di cattedra: Dott. Paolo Pace Quando si va verso un obiettivo, è molto importante prestare attenzione al Cammino. E il Cammino che ci insegna sempre la maniera

Dettagli

MODALITA D IMPUTAZIONE DEI COSTI DIRETTI

MODALITA D IMPUTAZIONE DEI COSTI DIRETTI MODALITA D IMPUTAZIONE DEI COSTI DIRETTI Si attribuiscono mediante la seguente formula: QUANTITA DI RISORSA X PREZZO UNITARIO Ad es. costo del personale sarà dato da: Costo orario x n ore prestate MODALITA

Dettagli

DIRECT E FULL COSTING

DIRECT E FULL COSTING DIRECT E FULL COSTING Esercizio 1 Un azienda produce due modelli di prodotti A e B. La contabilità analitica ha elaborato i seguenti dati economici unitari di produzione: A B Materiali diretti 10 14 Manodopera

Dettagli

FULL COSTING E DIRECT COSTING NELLE IMPRESE TURISTICHE

FULL COSTING E DIRECT COSTING NELLE IMPRESE TURISTICHE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Prova di verifica FULL COSTING E DIRECT COSTING NELLE IMPRESE TURISTICHE di Anna BORRA MATERIE: ECONOMIA AZIENDALE (Classe 5 a IT Indirizzo Turismo) La prova consente di verificare

Dettagli

COSTO DI PRODUZIONE I COSTI DI PRODUZIONE CLASSIFICAZIONE COSTI

COSTO DI PRODUZIONE I COSTI DI PRODUZIONE CLASSIFICAZIONE COSTI COSTO DI PRODUZIONE I COSTI DI PRODUZIONE INSIEME DEI COSTI DI UTILIZZAZIONE DEI FATTORI IMPIEGATI IN UN DATO PROCESSO PRODUTTIVO O PER ALLESTIRE UN DATO PRODOTTO Economia Aziendale Milena Serra Corso

Dettagli

La traccia assegnata come seconda prova di Economia aziendale, nell Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing è strutturata in due parti.

La traccia assegnata come seconda prova di Economia aziendale, nell Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing è strutturata in due parti. Istituto Tecnico - Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Esame di Stato anno scolastico 2015/2016 Svolgimento seconda prova di Economia aziendale La traccia assegnata come seconda

Dettagli

Esercitazione Sul Budget

Esercitazione Sul Budget Esercitazione Sul Budget Traccia La Dondolo e dintorni S.p.A. presenta una struttura organizzativa funzionale impegnata nella produzione e commercializzazione di cavalli a dondolo. La produzione di cavalli

Dettagli

I modelli di analisi reddituale con il direct costing e con il full costing.

I modelli di analisi reddituale con il direct costing e con il full costing. I modelli di analisi reddituale con il direct costing e con il full costing. 1 La metodologia direct costing imputa ai prodotti i soli costi variabili ed esclude i costi fissi. Poiché i costi fissi non

Dettagli

FITNESS. Costi fissi di commercializzazione e vendita ( ) Ore MOD disponibili in un trimestre

FITNESS. Costi fissi di commercializzazione e vendita ( ) Ore MOD disponibili in un trimestre FITNESS Fitness S.p.A. è un azienda produttrice di abbigliamento per il fitness operante sul mercato europeo. Nel maggio del 2008, il controller stava raccogliendo le informazioni necessarie per elaborare

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti ESAME DEL 12-07-11 DOMANDA 1 Definire ed illustrare graficamente il concetto di Break Even Point ESERCIZIO 1 Il direttore generale della società Salumificio Rossi srl, leader nel mercato europeo degli

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti ESAME DEL 08-07-10 ESERCIZIO 1 La società Phone S.p.A. è un azienda in forte crescita che produce apparecchi telefonici in plastica per la telefonia fissa. L imprenditore vuole sapere se la redditività

Dettagli

Biblioteca di Pronti... via 2 o biennio TOMO h

Biblioteca di Pronti... via 2 o biennio TOMO h UNITÀ C Tecniche di gestione degli acquisti e delle scorte Biblioteca di Pronti... via 2 o biennio TOMO h La funzione del magazzino e la politica delle scorte Documento Esercizi Logistica Q1 Spiega che

Dettagli

Costi diretti ed indiretti - Contabilità

Costi diretti ed indiretti - Contabilità Costi diretti ed indiretti - Contabilità per centri di costo La contabilità per centri di costo Gli oggetti di costo Distinzione tra costi diretti ed indiretti Le configurazioni di costo La Contabilità

Dettagli

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Paola Demartini Il calcolo del costo di prodotto e la contabilità per centri di costo Il costo unitario di prodotto Conoscere il COSTO UNITARIO DI PRODOTTO

Dettagli

Il Full e il Direct Costing

Il Full e il Direct Costing Il Full e il Direct Costing L applicare le logiche della BEA alle imprese pluriproduzione consente di correlare i ricavi ed i costi per calcolare i risultati economici di ciascuna produzione, ma anche

Dettagli

La Tilco s.p.a. decide di sperimentare la tecnica dell ABC sui quattro prodotti che attualmente

La Tilco s.p.a. decide di sperimentare la tecnica dell ABC sui quattro prodotti che attualmente Il caso Tilco s.p.a. 1 Il calcolo dei costi con la logica ABC La Tilco s.p.a. decide di sperimentare la tecnica dell ABC sui quattro prodotti che attualmente realizza. Le informazioni disponibili sui prodotti

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DEI PROSPETTI DI BILANCIO E CALCOLO DEGLI INDICI

RICLASSIFICAZIONE DEI PROSPETTI DI BILANCIO E CALCOLO DEGLI INDICI ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Prova di verifica RICLASSIFICAZIONE DEI PROSPETTI DI BILANCIO E CALCOLO DEGLI INDICI di Rossana MANELLI MATERIE: ECONOMIA AZIENDALE (Classe quinta IT Indirizzo AFM-SIA-RIM; Classe

Dettagli

Esercitazione Sul Budget

Esercitazione Sul Budget Esercitazione Sul Budget Traccia La Garofalo spa, produce e commercializza pasta. Il responsabile amministrativo, con l ausilio dei responsabili delle altre funzioni aziendali, si accinge all elaborazione

Dettagli

ESAME DEL DOMANDA 1

ESAME DEL DOMANDA 1 DOMANDA 1 ESAME DEL 12-04-11 Elencare i principi riguardanti l approccio Beyond Budgeting, suddivisi per le rispettive aree. Approfondire con breve descrizione di ognuno quelli inerenti l area di leadership.

Dettagli

DISHES Srl (Direct costing evoluto, bea, equiconvenienza, make or buy)

DISHES Srl (Direct costing evoluto, bea, equiconvenienza, make or buy) La Dishes Srl, specializzata nella produzione di stoviglie, possiede una divisione che si occupa esclusivamente di realizzare servizi di piatti. Nello stabilimento di Modena tale divisione realizza due

Dettagli

Introduzione alle possibili articolazioni dei sistemi di contabilità analitica

Introduzione alle possibili articolazioni dei sistemi di contabilità analitica Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Introduzione alle possibili articolazioni dei sistemi di contabilità analitica Anno Accademico

Dettagli

Margine di contribuzione Criteri di allocazione. Costi diretti e indiretti Prodotto equivalente. - Facoltà di Ingegneria -

Margine di contribuzione Criteri di allocazione. Costi diretti e indiretti Prodotto equivalente. - Facoltà di Ingegneria - Margine di contribuzione Criteri di allocazione Costi diretti e indiretti Prodotto equivalente Petrolium SpA Petrolium SpA può raffinare ogni anno 500.000 tonnellate di greggio, producendo benzina. I costi

Dettagli

ESERCITAZIONI. Giulia Rita Biavati Docente Responsabile: Emidia Vagnoni

ESERCITAZIONI. Giulia Rita Biavati Docente Responsabile: Emidia Vagnoni ESERCITAZIONI Giulia Rita Biavati Docente Responsabile: Emidia Vagnoni COSTI FISSI e COSTI VARIABILI I Costi Fissi sono quei costi che nel breve periodo non variano al variare del volume di produzione.

Dettagli

SISTEMI DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO. Le configurazioni di costo. Prof.ssa MoniaCastellini. Copyright Sistemi di programmazione e controllo 1

SISTEMI DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO. Le configurazioni di costo. Prof.ssa MoniaCastellini. Copyright Sistemi di programmazione e controllo 1 SISTEMI DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Le configurazioni di costo Prof.ssa MoniaCastellini Copyright Sistemi di programmazione e controllo 1 Obiettivi formativi 1. Delineare il concetto di configurazione

Dettagli

MAPPA DEL PROCESSO BUDGET PIANIFICAZIONE FATTURE ACQUISTO E VENDITA DATI SUI PROCESSI PRODUTTIVI DATI DELLA COSTI STANDARD PROGRAMMAZIONE

MAPPA DEL PROCESSO BUDGET PIANIFICAZIONE FATTURE ACQUISTO E VENDITA DATI SUI PROCESSI PRODUTTIVI DATI DELLA COSTI STANDARD PROGRAMMAZIONE IL BUDGET MAPPA DEL PROCESSO FATTURE ACQUISTO E VENDITA SISTEMA DI CONTABILITÀ GENERALE DATI SUI PROCESSI PRODUTTIVI SISTEMA DI CONTABILITÀ ANALITICA DECISIONI COSTI STANDARD COSTI CONSUNTIVI DATI DELLA

Dettagli

CONTABILITA DEI COSTI

CONTABILITA DEI COSTI CONTABILITA DEI COSTI IL SISTEMA DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Pianificazione strategica Definizione degli obiettivi e delle linee guida aziendali Controllo direzionale Definizione e perseguimento delle

Dettagli

Il calcolo economico. Le relazioni tra costi e prezzi.

Il calcolo economico. Le relazioni tra costi e prezzi. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI ECONOMIA Il calcolo economico. Le relazioni tra costi e prezzi. Capitolo 6 Chiara Demartini cdemartini@eco.unipv.it 1 RELAZIONI TRA COSTI E PREZZI Nel cap. 5

Dettagli

Calcolare il costo dei prodotti

Calcolare il costo dei prodotti Calcolare il costo dei prodotti Metodi alternativi a confronto Parte 5 Activity based costing L Activity based costing guarda all azienda non per funzioni, ma per processi identifica i centri di costo

Dettagli

Costi fissi, costi variabili, punto di pareggio e diagramma di redditività

Costi fissi, costi variabili, punto di pareggio e diagramma di redditività Cognome... Nome... Classe... Data... Costi fissi, costi variabili, punto di pareggio e diagramma di redditività Correlazione 1 Associa ciascun costo alla relativa tipologia. 1. Costo delle lavorazioni

Dettagli

costo esercitazione La contabilità per centri di (Caso Pucci) Corso di creazione del valore e reporting integrato

costo esercitazione La contabilità per centri di (Caso Pucci) Corso di creazione del valore e reporting integrato La contabilità per centri di costo esercitazione (Caso Pucci) Dott.ssa Francesca Francioli francioli@economia.unige.it Corso di creazione del valore e reporting integrato Laurea Magistrale AFC a.a. 2014/15

Dettagli

Indice. Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore In questo volume... XV XXI XXIII XXV

Indice. Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore In questo volume... XV XXI XXIII XXV Indice Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore In questo volume... XV XXI XXIII XXV Introduzione Origini ed evoluzione del controllo direzionale nella letteratura italiana e

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti ESAME DEL 14-01-10 DOMANDA 1 Descrivere il processo di elaborazione di un budget commerciale (logiche, attori, strumenti etc.) esemplificando attraverso i casi aziendali proposti durante il corso. ESERCIZIO

Dettagli

Facoltà di Economia - Parma 1

Facoltà di Economia - Parma 1 L analisi dei costi 3 IL ONETTO DI OSTO on il termine OSTO si vuole indicare il valore degli investimenti effettuati per l acquisto dei fattori produttivi impiegati per l ottenimento di un determinato

Dettagli

Esercitazione sui costi

Esercitazione sui costi Esercitazione sui costi Esercizi riguardanti il punto di pareggio Esercizi riguardanti costi diretti e indiretti e la ripartizione Esercizi riguardanti l analisi degli scostamenti Esercizio n.1 Un impresa

Dettagli

La contabilità gestionale: il metodo ABC

La contabilità gestionale: il metodo ABC Albez edutainment production La contabilità gestionale: il metodo ABC Classe V ITC L impostazione recente: activity based costing Le ragioni dell adozione dell activity based costing Col crescere della

Dettagli

Calcolare il costo dei prodotti

Calcolare il costo dei prodotti Calcolare il costo dei prodotti Metodi alternativi a confronto Parte 3 Full costing Full costing Prevede che tutti i costi (variabili e fissi; specifici e comuni) siano attribuiti al prodotto (oggetto

Dettagli

Economia Aziendale. Modelli e misure: costi e BEP. Lezione 17 L analisi dei costi

Economia Aziendale. Modelli e misure: costi e BEP. Lezione 17 L analisi dei costi Economia Aziendale Modelli e misure: costi e BEP Lezione 17 L analisi dei costi Prof. Paolo Di Marco Le tipologie di costo In azienda la dimensione del costo può essere descritta in modi diversi. Le diverse

Dettagli

TEMA DI DISCIPLINE TURISTICHE E AZIENDALI

TEMA DI DISCIPLINE TURISTICHE E AZIENDALI ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Tema in preparazione all esame di Stato PACCHETTO TURISTICO (PUNTO DI PAREGGIO E MARGINE DI CONTRIBUZIONE), CALCOLO DELLA TARIFFA CON IL FULL COSTING, SCELTA DEL PACCHETTO TURISTICO

Dettagli

Corso di Programmazione & Controllo Lez. 3. Docente: Alessandro Scaletti

Corso di Programmazione & Controllo Lez. 3. Docente: Alessandro Scaletti Corso di Programmazione & Controllo Lez. 3 Docente: Alessandro Scaletti Autonomia Responsabilità Controllabilità il responsabile deve tendere a controllare ed ottimizzare i ricavi che può direttamente

Dettagli

ESERCIZI. MDC e BEP Margine di Sicurezza Leva Operativa. Giulia Rita Biavati Docente responsabile: Emidia Vagnoni

ESERCIZI. MDC e BEP Margine di Sicurezza Leva Operativa. Giulia Rita Biavati Docente responsabile: Emidia Vagnoni ESERCIZI MDC e BEP Margine di Sicurezza Leva Operativa Giulia Rita Biavati Docente responsabile: Emidia Vagnoni LE CLASSIFICAZIONI DI COSTO VARIABILITA RISPETTO AL LIVELLO DI ATTIVITA ATTRIBUZIONE ALL

Dettagli

LA DETERMINAZIONE DEL COSTO DI PRODOTTO

LA DETERMINAZIONE DEL COSTO DI PRODOTTO LA DETERMINAZIONE DEL COSTO DI PRODOTTO DIRECT COSTING = SI CONSIDERANO SOLO I COSTI VARIABILI FULL COSTING = SI CONSIDERANO SIA I COSTI VARIABILI CHE QUELLI FISSI T R A D I Z I O N A L I A BASE UNICA

Dettagli

Budget e analisi di bilancio per indici e margini

Budget e analisi di bilancio per indici e margini Budget e analisi di bilancio per indici e margini Ipotesi di traccia per l Esame di Stato 2014 di R. Bandinelli e R. Mazzoni Il candidato, dopo avere descritto il processo di individuazione degli oggetti

Dettagli

Esercizio 6.1 Prospetto della produzione ottenuta, normal costing. 1. Calcolo dei costi indiretti di fabbricazione sovrassorbiti/sottoassorbiti

Esercizio 6.1 Prospetto della produzione ottenuta, normal costing. 1. Calcolo dei costi indiretti di fabbricazione sovrassorbiti/sottoassorbiti Esercizio 6.1 Prospetto della produzione ottenuta, normal costing 1. Calcolo dei costi indiretti di fabbricazione sovrassorbiti/sottoassorbiti assorbiti 10 000 ore macchina * 5/ora macchina 50 000 effettivi

Dettagli

Le condizioni di efficienza e di efficacia nella combinazione dei fattori di produzione. Corso di Economia Aziendale Prof.

Le condizioni di efficienza e di efficacia nella combinazione dei fattori di produzione. Corso di Economia Aziendale Prof. Le condizioni di efficienza e di efficacia nella combinazione dei fattori di produzione Corso di Economia Aziendale Prof. Giuseppe D Onza Misurazioni e strumenti per il controllo dei processi di produzione

Dettagli

Definizione e Classificazione dei costi

Definizione e Classificazione dei costi Definizione e Classificazione dei costi Il concetto di costo Dai costi elementari alle sintesi di costo La classificazione dei costi I costi nelle decisioni Il concetto di costo Costo tecnico Costo psicologico

Dettagli

Il budget degli investimenti, elaborato all inizio dell esercizio 2016, contiene i seguenti elementi.

Il budget degli investimenti, elaborato all inizio dell esercizio 2016, contiene i seguenti elementi. Istituto Tecnico - Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Esame di Stato anno scolastico 2016/2017 Svolgimento seconda prova di Economia aziendale La traccia assegnata come seconda

Dettagli

Università degli Studi della Tuscia Viterbo -!!Corso di Economia aziendale!!!!!a.a !

Università degli Studi della Tuscia Viterbo -!!Corso di Economia aziendale!!!!!a.a ! Agenda Inquadramento dell analisi negli strumenti di controllo direzionale Per partire (nozioni, classificazione dei costi per le decisioni, ) Finalità conoscitive e nozioni Modalità di classificazione

Dettagli

INDICE. Problemi presenti sul sito

INDICE. Problemi presenti sul sito I-XIV_Romane_Analisi 2-03-2005 11:03 Pagina V INDICE Problemi presenti sul sito Prefazione XI XIII Introduzione Natura e scopo dei sistemi contabili 1 La necessità di informazioni 1 Le informazioni operative

Dettagli

ATTIVITÀ DI LABORATORIO PER LA CLASSE QUINTA CONTABILITÀ GESTIONALE CON IL FOGLIO EXCEL

ATTIVITÀ DI LABORATORIO PER LA CLASSE QUINTA CONTABILITÀ GESTIONALE CON IL FOGLIO EXCEL LABORATORIO 1 ATTIVITÀ DI LABORATORIO PER LA CLASSE QUINTA CONTABILITÀ GESTIONALE CON IL FOGLIO EXCEL di Lucia BARALE MATERIE: ECONOMIA AZIENDALE (Classe 5 a IT AFM-SIA-RIM; IP Servizi commerciali) L esercitazione

Dettagli

ripartizione dei costi e dei ricavi comunanza dei costi e dei ricavi

ripartizione dei costi e dei ricavi comunanza dei costi e dei ricavi ripartizione dei costi e dei ricavi nel tempo e nello spazio costi e ricavi di competenza di un periodo costi e ricavi riferiti: - ad aree produttive - a singoli prodotti - a processi produttivi comunanza

Dettagli

Tracce esercitazione analisi e contabilità dei cos1. 15 maggio 2015 Caterina Ferrone

Tracce esercitazione analisi e contabilità dei cos1. 15 maggio 2015 Caterina Ferrone Tracce esercitazione analisi e contabilità dei cos1 15 maggio 2015 Caterina Ferrone Esercizio N.1 Sistema a cos1 pieni e variabili La LOVITO Spa presenta i da1 di costo e di ricavo rela1vi al primo mese

Dettagli

Parte Organizzazione d Impresa

Parte Organizzazione d Impresa NOME COGNOME MATRICOLA Impianti Industriali e Organizzazione d Impresa Allievi Energetici L- Z - Proff. Federico Frattini e Giovanni Miragliotta Appello del 11 Settembre 2012 Parte Organizzazione d Impresa

Dettagli

Budget. Budget flessibile. Ricavi di vendita ( )

Budget. Budget flessibile. Ricavi di vendita ( ) Esercizio 12.1 Deepsea Il primo passo da effettuare consiste nell elaborazione del budget flessibile, che ci porta a determinare il margine di contribuzione che avremmo dovuto ottenere dai volumi effettivamente

Dettagli

CONTROLLO E CONTABILITA

CONTROLLO E CONTABILITA CONTROLLO E CONTABILITA DEI COSTI Agenda Classificazione dei costi Costi variabili e fissi -Modello costo volume profitto Costi diretti e indirietti -La contabilità per centri di costo Analisi degli scostamenti

Dettagli

Dal costo del prodotto al prezzo di vendita.

Dal costo del prodotto al prezzo di vendita. Newsletter Phedro settembre 2006 Dal costo del prodotto al prezzo di vendita. La logica tradizionale di calcolo del costo di prodotto. Il calcolo del costo del prodotto è nella prassi operativa uno dei

Dettagli

Analisi dei costi Programmazione e Controllo

Analisi dei costi Programmazione e Controllo Analisi dei costi Programmazione e Controllo 2015-2016 A cura della Dott.ssa Silvia Macchia 1 Costi: un diverso focus Contabilità generale Contabilità direzionale I costi sono utilizzati per dare un valore

Dettagli

Costi- definizioni. Si definisce costo il prezzo da pagare per ottenere un bene o un servizio,

Costi- definizioni. Si definisce costo il prezzo da pagare per ottenere un bene o un servizio, Costi- definizioni Si definisce costo il prezzo da pagare per ottenere un bene o un servizio, Ovvero il valore monetario dei beni e dei servizi impiegati al fine di ottenere dei benefici (siano essi presenti

Dettagli

Prova di verifica n. 2

Prova di verifica n. 2 Cognome... Nome... 21 Classe... Data... Prova di verifica n. 2 Calcoli percentuali (diretti, inversi, sopracento e sottocento) e riparti proporzionali (diretti, inversi, composti) Esercizi numerici 1.

Dettagli

DIRECT COSTING E FULL COSTING NELLA CONTABILITÀ DEI COSTI AZIENDALI

DIRECT COSTING E FULL COSTING NELLA CONTABILITÀ DEI COSTI AZIENDALI DIRECT COSTING E FULL COSTING NELLA CONTABILITÀ DEI COSTI AZIENDALI SOMMARIO schema di sintesi fasi del metodo full costing metodo direct costing Problema: nelle diverse realtà aziendali il management

Dettagli

Svolgimento 1. CALCOLO DEL VALORE DI SOSTITUZIONE. Valori di sostituzione alla fine di ogni es. Dettaglio calcoli. es.

Svolgimento 1. CALCOLO DEL VALORE DI SOSTITUZIONE. Valori di sostituzione alla fine di ogni es. Dettaglio calcoli. es. ESERCIZIO AMMORTAMENTI dati UN IMMOBILIZZAZIONE TECNICA HA UN COSTO STORICO DI 10.000 EURO, CHE SI RITIENE DI DOVER AMMORTIZZARE IN 8 ANNI CON QUOTE COSTANTI CALCOLATE SUL VALORE DI SOSTITUZIONE. SI IPOTIZZI

Dettagli

Anno scolastico Programma di Economia Aziendale Classe 5^ C SIA Insegnante: Lino Bartolini

Anno scolastico Programma di Economia Aziendale Classe 5^ C SIA Insegnante: Lino Bartolini Anno scolastico 2015-2016 Programma di Economia Aziendale Classe 5^ C SIA Insegnante: Lino Bartolini Modulo A : L IMPRESA INDUSTRIALE: STRATEGIE - ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE - MARKETING Le caratteristiche

Dettagli

L organizzazione delle imprese. Il piano di marketing

L organizzazione delle imprese. Il piano di marketing Materia: ECONOMIA AZIENDALE Classe: V Sezione: C Indirizzo di studi: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING Docente: PEZZELLA PIO PROGRAMMA SVOLTO Lineamenti della moderna impresa industriale Che cosa s intende

Dettagli

ESERCIZIO N 2 Sulla base della programmazione quinquennale ( ) dell impresa DELTA S.p.A. sono disponibili i seguenti dati:

ESERCIZIO N 2 Sulla base della programmazione quinquennale ( ) dell impresa DELTA S.p.A. sono disponibili i seguenti dati: ESERCIZIO N 1 Nel corso del 2010, primo anno di vita dell impresa, la ASTRA S.p.A. acquista 600 unità di merci: 150 q. nel mese di marzo al prezzo unitario di 15 ( costo complessivo: 2.225); 200 q. nel

Dettagli

L activity based costing

L activity based costing L activity based costing La catena del valore Attività infrastrutturali Gestione delle risorse umane MARGINE Sviluppo della tecnologia Approvvigionamento Logistica in entrata Attività operative Logistica

Dettagli

Calcolo del margine di contribuzione mediante costi standard

Calcolo del margine di contribuzione mediante costi standard pagina 1 Calcolo del margine di contribuzione mediante costi standard Mobilis SA fabbrica, su ordinazione, due prodotti destinati ai negozi di articoli sportivi: I roller inline (in seguito indicati roller).

Dettagli

FATTORI PRODOTTO X PRODOTTO Y Materia diretta a fabbisogno unitario 5 u. prezzo unitario u.m./u 1

FATTORI PRODOTTO X PRODOTTO Y Materia diretta a fabbisogno unitario 5 u. prezzo unitario u.m./u 1 ES 1 Un'impresa ottiene 200 unità di prodotto X e 300 unità di prodotto Y mediante tre centri operativi e un centro manutenzione in cui sono stati localizzati i seguenti costi: centro A centro B centro

Dettagli

Obiettivo della lezione

Obiettivo della lezione Obiettivo della lezione Economia Aziendale Oggetto della lezione capire come calcolare il di un prodotto o di un servizio Costi e comuni Costi diretti ed indiretti Le configurazioni di Economia Aziendale-Lez.15

Dettagli

Comunicazione economico-finanziaria

Comunicazione economico-finanziaria Pagina 1 di 6 Comunicazione economico-finanziaria Bilanci aziendali Il bilancio d esercizio - Il sistema informativo di bilancio - La normativa sul bilancio Le componenti del bilancio civilistico: Stato

Dettagli

Lezione II Configurazioni di costo. Full Costing Direct Costing Contabilità e processi produttivi

Lezione II Configurazioni di costo. Full Costing Direct Costing Contabilità e processi produttivi Lezione II Configurazioni di costo. Full Costing Direct Costing Contabilità e processi produttivi A seconda del metodo con cui si calcola il costo di un oggetto, ossia del tipo di costi che gli vengono

Dettagli

Capitolo 5 Il comportamento dei costi: analisi e impiego

Capitolo 5 Il comportamento dei costi: analisi e impiego Capitolo 5 Il comportamento dei costi: analisi e impiego Esercizio 5.1 (20 minuti) 1. Radiografie effettuate Costi delle radiografie Livello di attività massimo (Febbraio)... 7.000 $29.000 Livello di attività

Dettagli

I metodi utilizzati per la tenuta di tale tipo di contabilità, possono distinguersi in due tipologie fondamentali:

I metodi utilizzati per la tenuta di tale tipo di contabilità, possono distinguersi in due tipologie fondamentali: /$ &217$%,/,7 '(, &267,, può essere definita, come un insieme di determinazioni economiche-quatitative, mediante le quali, si calcolano i costi di particolari oggetti individuabili, all interno del sistema

Dettagli

PRIMA PARTE Dallo stralcio del report mensile redatto dai responsabili delle funzioni aziendali si desumono le seguenti informazioni:

PRIMA PARTE Dallo stralcio del report mensile redatto dai responsabili delle funzioni aziendali si desumono le seguenti informazioni: Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 13 Esame di Stato 2016 Istituto Tecnico - Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Svolgimento Tema di Economia aziendale Il tema assegnato

Dettagli

Corso di Economia aziendale

Corso di Economia aziendale Corso di Economia aziendale Lezioni 35,36 e 38 La combinazione dei fattori produttivi 1 La combinazione dei fattori Insieme delle operazioni che riguardano: o la gestione MA ANCHE o la programmazione o

Dettagli

CONTO ECONOMICO CONTABILE CONTO ECONOMICO CONTABILE

CONTO ECONOMICO CONTABILE CONTO ECONOMICO CONTABILE CONTO ECONOMICO CONTABILE CONTO ECONOMICO CONTABILE Struttura Criterio di di classificazione Costi, ricavi e rimanenze Per natura Per natura Forma A sezioni contrapposte 1 I LIMITI DELLA STRUTTURA A COSTI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti ESAME DEL 02/04/09 DOMANDA 1 Indicare cosa si intende per costi indiretti e descrivere quali sono i principali approcci all imputazione dei costi indiretti. DOMANDA 2 Descrivere il sistema di reporting

Dettagli

I costi diretti ed indiretti. Dott.ssa Caterina Cavicchi Prof.ssa Emidia Vagnoni CDL Biotecnologie

I costi diretti ed indiretti. Dott.ssa Caterina Cavicchi Prof.ssa Emidia Vagnoni CDL Biotecnologie I costi diretti ed indiretti Dott.ssa Caterina Cavicchi Prof.ssa Emidia Vagnoni CDL Biotecnologie Scopo della classificazione (1) Questa classificazione ha lo scopo di suddividere i costi in base al grado

Dettagli

Analizzare ed ottimizzare i costi aziendali

Analizzare ed ottimizzare i costi aziendali Analizzare ed ottimizzare i costi aziendali Alessandro Milone Analista ACF Giuseppe Palazzo Analista IBS Consulting Milano, 12 febbraio 2008 Analizzare ed ottimizzare i costi aziendali Contenuti E essenziale

Dettagli

Riclassificazione del conto economico

Riclassificazione del conto economico Riclassificazione del conto economico Schema generale comune Ricavi netti di vendita - costi operativi = reddito gestione caratteristica +/- risultato della gestione finanziaria +/- risultato della gestione

Dettagli

Esercizio 1. Data la seguente struttura semplificata di Stato Patrimoniale si calcoli il Capitale Circolante Netto Commerciale e Finanziario

Esercizio 1. Data la seguente struttura semplificata di Stato Patrimoniale si calcoli il Capitale Circolante Netto Commerciale e Finanziario Esercizio 1 Data la seguente struttura semplificata di Stato Patrimoniale si calcoli il Capitale Circolante Netto Commerciale e Finanziario STATO PATRIMONIALE C/C attivi 10 C/C passivi 20 Impianti 300

Dettagli

DIRECT COSTING CONTABILITA' A COSTI DIRETTI

DIRECT COSTING CONTABILITA' A COSTI DIRETTI DIRECT COSTING CONTABILITA' A COSTI DIRETTI Esercizio n. 1 La ditta artigiana Fulghesu produce due modelli di box doccia, in plastica e in cristallo. I dati di produzione e vendita dell anno appena concluso

Dettagli

Gestione Analitica dei Costi di impresa I anno LM. Management strategico dei costi di impresa II anno LM Opzionale

Gestione Analitica dei Costi di impresa I anno LM. Management strategico dei costi di impresa II anno LM Opzionale Gestione Analitica dei Costi di impresa I anno LM Management strategico dei costi di impresa II anno LM Opzionale Full Costring Richiami dei concetti di base 1-4 Prof.ssa Monia Castellini Configurazioni

Dettagli

BRAKES SPA (MDC+MDS+ANALISI DIFFERENZIALE)

BRAKES SPA (MDC+MDS+ANALISI DIFFERENZIALE) BRAKES SPA (MDC+MDS+) SOLUZIONE a) MDC IST 34 IST 100 TOTALE VENDITE 190.000 250.000 440.000 MATERIE PRIME 30.000 38.000 68.000 MANODOPERA DIRETTA (1/2) 13.750 14.700 28.450 FORZA MOTRICE 5.120 5.800 10.920

Dettagli

ESERCIZI CAPITOLO 1 X 66,66% (2/3) 70% DA IMPUTARE AL REPARTO IN FUNZIONE DI UNA PREDETERMINATA BASE

ESERCIZI CAPITOLO 1 X 66,66% (2/3) 70% DA IMPUTARE AL REPARTO IN FUNZIONE DI UNA PREDETERMINATA BASE ESERCIZI CAPITOLO 1 ESERCIZIO 1.1.- SOLUZIONE Scheda di costo totale di reparto Elementi di costo ISOLA CAMICIE ISOLA CRAVATTE COSTI DIRETTI di reparto (isola): - manodopera spazi macchinari - stipendio

Dettagli

IAS 2 - RIMANENZE DI MAGAZZINO

IAS 2 - RIMANENZE DI MAGAZZINO IAS 2 - RIMANENZE DI MAGAZZINO Le rimanenze sono beni: - posseduti per la vendita nel normale svolgimento dell attività; - impiegati nei processi produttivi per la vendita; - sotto forma di materiali da

Dettagli

ESERCIZIO N 2 Sulla base della programmazione quinquennale ( ) dell impresa ERTS S.p.A. sono disponibili i seguenti dati:

ESERCIZIO N 2 Sulla base della programmazione quinquennale ( ) dell impresa ERTS S.p.A. sono disponibili i seguenti dati: ESERCIZIO N 1 Nel corso del 2009, primo anno di vita dell impresa, la GAMMA S.p.A. acquista 200 unità di merci: 80 q. nel mese di gennaio al prezzo unitario di 15 ( costo complessivo: 1.200); 90 q. nel

Dettagli

TOMO 1-3. DIRECT COSTING, FULL COSTING E ACTIVITY BASED COSTING Svolgimento a cura di Gabriela Subinaghi

TOMO 1-3. DIRECT COSTING, FULL COSTING E ACTIVITY BASED COSTING Svolgimento a cura di Gabriela Subinaghi TOMO 1-3. DIRECT COSTING, FULL COSTING E ACTIVITY BASED COSTING Svolgimento a cura di Gabriela Subinaghi 3.2 margine di contribuzione ( ) Scelta del prodotto di cui incrementare la produzione e la vendita

Dettagli

Esercizio 1.1 Costi diretti e costi indiretti in rapporto ai differenti oggetti di calcolo dei costi: i reparti di produzione

Esercizio 1.1 Costi diretti e costi indiretti in rapporto ai differenti oggetti di calcolo dei costi: i reparti di produzione Esercizio 1.1 Costi diretti e costi indiretti in rapporto ai differenti oggetti di calcolo dei costi: i reparti di produzione ELEMENTI DI COSTO ISOLA CAMICIE ISOLA CRAVATTE COSTI DIRETTI di reparto (isola):

Dettagli

2. Le tecniche contabili: obiettivi e funzioni della contabilità analitica

2. Le tecniche contabili: obiettivi e funzioni della contabilità analitica 2. Le tecniche contabili: obiettivi e funzioni della contabilità analitica Corso di Economia ed Organizzazione Aziendale II - a.a. 2011-2012 Prof. Lorella Cannavacciuolo lorella.cannavacciuolo@unina.it

Dettagli

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Sistemi i di controllo di gestione prof. Sergio Mascheretti METODOLOGIE DI CALCOLO DEI : IL FULL NG SCG-L06 Pagina 0 di 22 A) OBIETTIVI DELLA LEZIONE B) BIBLIOGRAFIA DI

Dettagli