i vantaggi del knowledge management in azienda Autore: Lorenzo Cavalli Copyright 2000 LibriShop

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "www.librishop.it i vantaggi del knowledge management in azienda Autore: Lorenzo Cavalli Copyright 2000 LibriShop"

Transcript

1 i vantaggi del knowledge management in azienda

2 ince ince i vantaggi del Knowledge Management: introduzione i i vantaggi vantaggi del del interni interni all azienda all azienda i i vantaggi vantaggi del del esterni esterni all azienda all azienda una ricerca sui progetti knowledge management

3 Introduzione il knowledge management è un attività che tocca l impresa nel suo complesso e perciò i vantaggi che ne derivano sono riscontrabili in tutte le aree dell attività d impresa e sono trasversali ad esse nel senso che gli effetti un progetto non si limitano ad una singola area aziendale ma si estendono all intera impresa in ultima analisi i progetti consentono la sopravvivenza dell azienda in un contesto fortemente competitivo, il mantenimento e la creazione nuovi vantaggi competitivi e l incremento della redtività d impresa. ai fini espositivi definiamo i vantaggi in relazione all ambiente interno e all ambiente esterno, concentrandoci sugli elementi dell impresa che più beneficiano delle knowledge management all interno dell impresa i vantaggi dovuti alle knowledge management si riferiscono principalmente a: risorse umane: capacità e competenze degli invidui e dei gruppi ai processi aziendali : progettazione e sviluppo prodotti, R&S, total quality management, processi marketing, processi decisionali, business and stategic planning, re-engeeniring process, ecc. all esterno dell impresa il knowledge management consente ottenere vantaggi considerevoli in relazione ai rapporti con: i clienti i fornitori i partners potenziali (acquisizione Know-how)

4 I vantaggi interni ed esterni all impresa vantaggi esterni vantaggi interni clienti e CRM business partners KNOWLEDGE MANAGEMENT risorse umane progettazione e sviluppo e TQM ricerca e sviluppo fornitori e SCM decision making, business & strategic planning marketing e venta

5 Vantaggi sulle risorse umane molte sono le Km che influiscono sulla resa e sullo svolgimento dell attività delle persone all interno dell impresa. consideriamo alcune delle principali relative alla cultura aziendale, allo sviluppo delle competenze e della conoscenza e all implementazione una struttura tecnologica basata sulla conoscenza ed i vantaggi che derivano le le sulla sulla cultura cultura aziendale aziendale i i risultati risultati sulle sulle risorse risorse umane umane la promozione della cultura aziendale orientata al cambiamento, alla collaborazione, alla comunicazione, alla motivazione e alla fiducia reciproca programmi incentivazione allo sviluppo e convisione delle competenze soft quali lo stile, i valori, la cultura e delle capacità emotive quali la fiducia, la motivazione, lo spirito gruppo, l attitune alla collaborazione e l empatia delle singole persone incremento dello spirito appartenenza aumento del livello motivazione e coinvolgimento sviluppo della collaborazione, della fiducia reciproca e del problem solving interiorizzazione delle esperienze e dell identità organizzativa qualità e velocità dei processi comunicativi e decision making incremento della capacità gestione dei processi cambiamento coornamento dei gruppi lavoro più fluido

6 I vantaggi sulle risorse umane le le sullo sullo sviluppo sviluppo delle delle competenze competenze e e della della conoscenza conoscenza programmi incentivazione alla creazione e allo scambio conoscenza personale programmi sviluppo dei modelli interscambio ed interazione tra le persone (person to person, person to group, person to process, person to technology) programmi apprenmento e adeguamento professionali per sviluppare le competenze professionali inviduali e gruppo i sistemi valutazione, riconoscimento e incentivazione per la convisione della conoscenza i i risultati risultati sulle sulle risorse risorse umane umane migliore gestione del personale riduzione della perta conoscenza conseguente al turnover inviduazione delle best practice e minori interventi supporto e supervisione stimolo all innovazione e alla crescita riduzione dei tempi e dei costi training e migliori processi adeguamento professionale miglior coornamento dei gruppi lavoro maggior flessibilità e rapità risposta a livello invidui e team maggior professionalità, motivazione e coinvolgimento all ottenimento dei risultati le le sulla sulla struttura struttura tecnologica tecnologica implementazione una infrastruttura Information Technology che supporti la raccolta, l archiviazione, la trasformazione e la comunicazione della conoscenza miglior utilizzo della tecnologia facile accesso ai dati, alle informazioni e alla conoscenza dell impresa processi comunicativi e decision making migliori e più informati

7 Il caso Xerox la Xerox una delle società pionieri del knowledge management, ha sviluppato una struttura Km sofisticata. tra i vari interventi l impresa ha creato un un movimento interno col fine ffondere la responsabilità per la convisione della conoscenza Our Knowledge Sharing Initiative Awareness Session has six Awareness Session has six modules modules Introduction Introduction Value Value Approach Approach Tools Tools Sharing the Sharing the Message Message Call to Action Call to Action X Teams, Teamwork Day, X Teams, Teamwork Day, President s Award - President s Award - refocus selection refocus selection criteria to include use criteria to include use & re-use of ideas & re-use of ideas Knowledge Sharing Knowledge Sharing Principles posted Principles posted Gateway to Knowledge Gateway to Knowledge Sharing booklet Sharing booklet published published Knowledge Work Led by Our senior Team Led by Our senior Team (Lighthouse Projects) (Lighthouse Projects) Governance Governance Strategy Committee Process Strategy Committee Process Intellectual Properties Intellectual Properties Global Accounts Global Accounts Management Management Our Internal Movement Use Knowledge Use Knowledge Sharing Tools Sharing Tools Further Further Collaboration Collaboration Streamline Streamline Processes Processes Corporate Web Sites Corporate Web Sites Refocused Refocused Knowledge Universe Knowledge Universe Knowledge Sharing Knowledge Sharing Network database Network database Rick Thoman on-line Rick Thoman on-line FAQs, Chats, FAQs, Chats, Speeches Speeches Knowledge Horizon Knowledge Horizon Send strong Send strong Corporate Corporate message message Further Further Collaboratio Collaboratio n n lavoro in un ambiente in cui la convisione della conoscenza caratterizza il modo lavorare. la convisione della conoscenza è una funzione modellata dai senior manager dell organizzazione. nella nostra organizzazione agli impiegati è riconosciuto un incentivo per lo scambio conoscenza. capisco il valore della conoscenza in quanto è correlata con la strategia business Xeroz.

8 I vantaggi sui processi aziendali le attività del Knowledge Management relative alla raccolta, alla sistematizzazione e alla convisione delle informazioni e della conoscenza all interno e tra delle verse funzioni aziendali e le incentivazione alla collaborazione e l interazione degli invidui consentono ottenere considerevoli vantaggi su una serie attività e processi aziendali interni processi aziendali esempi attività i vantaggi attività R&S progettazione e sviluppo prodotti/servizi total quality management marketing e venta formalizzazione e trasferimento della conoscenza tra le funzioni marketing, produzione, R&S, ecc. best practice e lesson learned programmi formazione infrastruttura IT riduzione degli errori e dei tempi sviluppo dei prodotti prodotti innovativi riduzione dei time to market e del grado successo dei prodotti/servizi miglioramento della qualità processi decisionali business e strategic planning re-engeeniring process sviluppo delle capacità professionali degli invidui e dei gruppi best practice e strategic comunities programmi formazione infrastruttura IT maggior sponibilità informazioni e conoscenza in tempo reale maggiori capacità cognitive dei lavoratori e maggior coinvolgimento nelle decisioni operative miglior conoscenza dei punti deboli e dei fattori critici successo riduzione dei costi e dei tempi implementazione nuove soluzioni

9 Il trasferimento della conoscenza in Chrysler l impresa automobilistica Chrysler ha raccolto in un database tutte le informazioni rilevanti e le esperienze maturate nella produzione dei propri prodotti e le ha messe a sposizione dei team sviluppo dei prodotti gruppi lavoro club club tecnologici tecnologici Jeep Cherokee carrozzeria carrozzeria chassis chassis Plymouth Prowler ingegneria ingegneria elettronica elettronica motoristica motoristica Chrysler 300 M interni interni ricerca ricerca & sviluppo sviluppo Dodge Pickup Truck il risultato: il tempo design è stato ridotto da 50 mesi a 39 mesi

10 il processo decisionale e il le attività knowledge management favoriscono l efficienza e l efficacia del processo decisionale attraverso la messa a sposizione dati, informazioni e conoscenza rilevanti e attraverso un incremento delle capacità decisionali degli invidui e del sistema investimenti IT l mole dati, informazioni e conoscenza compless ità del processo decisiona le capacità scelta l necessità capacità cognitive necessità gestione della conoscenza organizzativa necessità stribuzione della conoscenza addestrament o ai sistemi intelligenti l gestione della conoscenza organizzativa processo creazione del sistema knowledge e del portale knowledge l

11 il business e strategic planning e il le attività knowledge management consentono una formulazione strategica più vicina alle esigenza del business. questo risultato viene ottenuto meante l integrazione delle varie competenze, informazioni e conoscenza presenti nell ambiente riferimento interno ed esterno dell impresa politiche ed obiettivi BUSINESS & STRATEGIC PLANNING strategie e tattiche architettura knowledge management CONOSCENZA E INFORMAZIONI DI BUSINESS PROCESSI DI BUSINESS la conoscenza dei prodotti/servizi la conoscenza dei mercati e dei competitor l elaborazione dei dati e delle informazioni la conoscenza e le competenze inviduali i versi processi interni business i clienti i fornitori il mercato

12 introduzione i vantaggi del interni all azienda i vantaggi del esterni all azienda i vantaggi del Km esterni all impresa i clienti alcune esperienze i fornitori gli accor partnership, le acquisizioni e le fusioni un riassunto dei vantaggi del una ricerca sui progetti knowledge management

13 i vantaggi del esterni all impresa il knowledge management consente incrementare il valore delle relazioni con i clienti e i fornitori integrando le varie aree aziendali e la conoscenza presente in esse e supportando i sistemi SCM e i sistemi CRM. un efficiente gestione della conoscenza consente inviduare situazioni eccesso o carenza conoscenza che possono portare ad acquisizioni, fusioni o accor partnership CREAZION E DELLA CONOSCE NZA LOGISTICS SOURCING SCOPERTA DELLA CONOSCEN ZA SALES MARKETING fornitori SCM CRM clienti PROCURMENT DISTRIBUTION ACQUISIZIO NE DI CONOSCENZ A DISTRIBUZ IONE DELLA CONOSCEN ZA GESTION E DELLE RELAZIO NI CALL CENTRE il supply chain management è il sistema per la gestione integrata del prodotto o servizio e delle relazioni con i fornitori, i subfornitori, gli uffici interni, gli intermeari, i stributori e il cliente finale business partners il customer relation management è il sistema per la gestione integrata del prodotto o servizio e delle relazioni i clienti, le funzioni interne e marketing e venta e le funzioni contatto con il cliente

14 i clienti il knowledge management consente alle imprese sfruttare la conoscenza interna ed esterna per stabilire relazioni durature e proficue con i clienti, scoprire nuovi clienti e mercati e, quin, mantenere e creare un vantaggio competitivo sostenibile alcune alcune i i risultati risultati sulla sulla gestione gestione della della clientela clientela raccolta, organizzazione ed elaborazione dei dati, delle informazioni e della conoscenza sui consumatori acquisisti e potenziali e creazione dei profili consumo raccolta informazioni dai consumatori e dalla rete venta (database e datawarehouse) analisi dei mercati e dei trend consumo e venta sistemi customer relation management (CRM) le tecniche customer satisfaction siti internet e e-commerce business to consumer (B2C) miglior comprensione dei comportamenti d acquisto miglior sodsfazione delle dei bisogni e delle esigenze dei clienti l inviduazione puntuale dei target clientela consolidamento della clientela e apertura nuove nicchie mercato miglior grado successo dei prodotti/servizi maggiore conoscenza, comprensione e confronto con i mercati ed i concorrenti migliore comprensione dei trend attraverso l utilizzo della memoria storica riduzione dei time to market dei prodotti/servizi migliore capacità innovare e sviluppare prodotti richiesti dal mercato

15 alcune esperienze molte esperienze hanno mostrato che una relazione fiducia con il cliente è essenziale la catena supermercati Safeway ha iniziato a raccogliere i profili acquisto dei clienti all inizio degli anni 80. dopo aver inviduato circa clienti, la safeway ha messo a sposizione dei clienti: uno speciale palmare che consente ornare prodotti per telefono o per internet e farseli recapitare a casa un servizio pre-raccolta e insacchettamento dei prodotti la possibilità acquistare con uno speciale coce a barre che permette evitare le casse Fruit of the Loom ha creato un sito internet e-commerce business to business (B2B), per aiutare gli intermeari a prendere orni dai propri clienti e che consente agli intermeari e ai clienti ornare le magliette o altro materiale personalizzabile GENERAL ELECTRIC la General Electric dal 1982 raccoglie le lamentele dei clienti in un database che supporta gli operatori telefonici che rispondono alle chiamate dei clienti. In questo database sono state inserite circa un milione e mezzo potenziali problemi con le relative soluzioni. l abilità un orgqanizzazione imparare e trasferire rapidamente ciò che impara in azione, rappresenta l estremo vantaggio competitivo. Jack Welch, Chairman, General Electric

16 i fornitori il knowledge management consente alle imprese sfruttare la conoscenza interna ed esterna per stabilire relazioni efficienti con i fornitori, per migliorare il rapporto e la qualità della fornitura e per scoprire nuovi canali approvvigionamento e sbocco alcune alcune i i risultati risultati sulla sulla gestione gestione dei dei fornitori fornitori raccolta, organizzazione ed elaborazione dei dati, delle informazioni e della conoscenza della funzione produzione ed acquisti raccolta informazioni sui fornitori attuali e potenziali e dai buyer sistemi supply chain management (SCM) siti internet e e-commerce business to business (B2C) e marketplace riduzione dei costi produzione (minori errori e scarti produzione) migliore qualità e produttività nella logistica miglior gestione degli stock riduzione dei tempi e dei costi approvvigionamento maggiore conoscenza delle fornitori e più potere contrattuale riduzione dei time to market dei prodotti/servizi acquisizione know-how e possibili accor partnership Avevamo effettivamente bisogno gestire meglio le relazioni con i clienti. queste relazioni creano delle informazioni valore che, alla fine, ci hanno permesso migliorare sia le relazioni con i fornitori e sia quelle con i clienti. queste informazioni unite con la tecnologia permettono creare l infrastruttura in grado rivoluzionare i modelli trazionali business delle più gran imprese. Michael Dell, Chairman, Dell Computer

17 gli accor partnership, acquisizioni e fusioni attraverso la mappartura della conoscenza dell impresa e il confronto con il livello conoscenza necessario o presente sul mercato (benchmarking) si può inviduare una situazione eccedenza know-how oppure una sistuazione carenza conoscneza. in contesti competitivi namici, l accesso a particolari forme conoscenza costituisce un vantaggio competitivo. la necessità o l eccedenza conoscenza costituisce, quin, il campo fertile per possibili accor partnership, acquisizioni o fusioni alcune alcune la mappatura della conoscenza interna ed esterna il benchmarking della conoscenza i i risultati risultati sul sul know-how know-how e e partnership partnership inviduazione dei gap conoscenza inviduazione possibili acquisizioni, fusioni o accor partnership per l acquisizione nuovo know-how l IBM ha una ben sviluppata politica alleanze con le più gran imprese che sviluppano software applicativi nei campi del ERP, Supply chain management, customer relation management, e-business, produttori database e datawarehouse. questo permette a IBM, da un lato, fornire un servizio completo e a 360 ai propri clienti e, dall altro lato, assicurarsi particolare scoperte innovative

18 un riassunto dei vantaggi del attività interni vantaggi interme prodotti e servizi clienti e mercato vantaggi finali programmi incentivazio ne al cambiament o, alla motivazione, alla creazione e scambio conoscenza personale trasferimento della conoscenza ad elevato valore ai praticanti e al personale più persone e professioni sti abili, colti e motivati all utilizzo della conoscenz a migliore utilizzo della tecnologia e miglior interiorizza zione delle esperienze riduzione dei costi e degli errori operativi migliore abilità nella comprension e dei problemi e bisogni dei consumatori prodotti e servizi più corrisponden ti alle esigenze dei consumatori migliore qualità dei prodotti e servizi aumenta il valore dei beni e servizi per il consumatore aumenta la sodsfazion e dei clienti aumenta la domanda (gli orni) per i beni e servizi la redtivi tà d impres a la sopravviv enza dell impr esa implementaz ione infrastrutture IT basate sulla conoscenza maggior velocità decisionale e d azione e pianificazi one della produzione maggior velocità risposta e stribuzione dei prodotti e servizi maggiore penetrazione del mercato

19 introduzione i i vantaggi vantaggi del del interni interni all azienda all azienda i i vantaggi vantaggi del del esterni esterni all azienda all azienda una ricerca sui progetti knowledge management la ricerca alcune incazioni importanti

20 Una ricerca spesso i responsabili dell impresa o delle funzioni aziendali si chiedono qual è l impatto delle attività knowledge management sul business dell impresa. si sente spesso chiedere: il knowledge management rappresenta effettivamente una opportunità per migliorare il business o è solo l ennesima moda?. una ricerca svolta negli Stati Uniti consente dare una prima risposta a questa domanda. la ricerca ha analizzato un campione 93 applicazioni knowledge management in 83 imprese e ha concluso che: più dei 2/3 dei progetti ad elevato impatto si concentrano nelle aree della produzione, dello sviluppo dei prodotti e del servizio alla clientela venta 5% tipo progetto knowledge management obiettivi primari dei progetti raccolta informazioni esterne incremento della collaborazione 25% sviluppo delle best practice 45% fonte: Teltech resource network corp. sviluppo delle esperienze 5% offerta prodott i e servizi 15% sistemi e flussi informativi 5% 5% aree sviluppo del knowledge management stribuzione dei progetti per area produzion e* 30% sviluppo prodotti 25% custom er service 15% * attività stribuzione prodotti e servizi fonte: Teltech resource network corp. pianificazi one strategica 5% impresa globale 5% processi venta 5% project mmanagem ent5% capitale intellett uale 5% gli obiettivi primari dei progetti vengono compresi negli obiettivi business che si riferiscono per il 45% all incremento del redto, per il 35% alla riduzione dei costi, per il 10% al miglioramento del servizio alla clientela, per il 6% alla qualità e per il 4% alla refinizione dei processi interni

21 Alcune incazioni importanti la ricerca ha consentito, inoltre, evidenziare aspetti comuni interessanti per lo sviluppo delle attività il non è solo uno strumento per la riduzione dei costi, infatti il principale obiettivo dei progetti è quello sviluppare l utilizzo delle best practice che consentono aumentare il redto. queste pratiche, infatti, aiutano le imprese a inviduare il valore nascosto dei loro progetti knowledge management e rappresentano il primo passo un progetto Km efficiente ed efficace il 42% dei progetti analizzati non utilizzano il termine knowledge management e ciò perché il progetto deriva e viene denominato in base ad una esigenza operativa del business. una volta analizzato il progetto, tuttavia, la risposta a questa esigenza derivava dalla gestione della conoscenza. l esempio tipico è quello dei progetti nell industria farmaceutica americana per la riduzione del tempo approvazione dei prodotti della Federal Drug Administation. questi progetti sono nati con l intento ridurre il time to market dei prodotti e hanno trovato soluzione nell utilizzo della memoria storica nel processo sviluppo dei nuovi prodotti il 76% dei progetti sono legati a obiettivi ben definiti e ad un chiaro piano strategico. la logica facciamo e veamo cosa succede non costituisce un buon approccio al knowledge management. il è uno strumento per raggiungere un fine ed è perciò un processo applicabile in base a ben definiti obiettivi business strategy

22 Alcune incazioni importanti i progetti a più elevato impatto utilizzano il metodo del storehouse e del contatto retto per organizzare e trasferire la conoscenza. lo storehouse model consiste nell archiviazione delle informazioni in un database a cui è possibile accede quando si ha bisogno una informazione. questo metodo ha una percentuale successo del 32%. il metodo del contatto retto consiste nell incontro (fisico, telefonico, ecc.) tra il ricercatore dell informazione o della conoscenza e colui che possiede quel tipo informazione o conoscenza. tutti i progetti a più elevato impatto hanno organizzato il contenuto della conoscenza. questo significa che la sponibilità conoscenza formalizzata ed organizzata rappresenta la base per lo sviluppo dei progetti in quanto consente subito vedere il passo successivo ossia il trasferimento della conoscenza. le persone sanno dove reperire l informazione che cercano e utilizzandola comprendono conseguenza avere accesso a una base conoscenza valore l 84% dei progetti a più elevato impatto hanno investito ingenti somme nella creazione e nel mantenimento del contenuto della conoscenza. questo processo è stato svolto da due tipi figure: persone con capacità estrazione, organizzazione e gestione dei contenuti esperti delle verse materie che decidono cosa considerare come contenuto il 74% dei progetti a più elevato impatto è stato supportato da notevoli sforzi del management per stimolare il cambiamento. sono stati promossi programmi addestramento all uso e al riconoscimento del valore delle nuove applicazioni e programmi incentivazione. in tutte queste imprese si è capito il ruolo fondamentale delle risorse umane nell implementazione dei progetti knowledge management. quando crei una base conoscenza per una specifica comunità persone, i membri devono capire che è stato fatto per loro

Business Consultant & ICT Strategic Partner. Un team di consulenti esperti nei processi e nei sistemi AZIENDALI

Business Consultant & ICT Strategic Partner. Un team di consulenti esperti nei processi e nei sistemi AZIENDALI Consultant & ICT Strategic Partner b e e Un team di consulenti esperti nei processi e nei sistemi AZIENDALI BEE CONSULTING SRL Via Rimassa 70/7 Genova Tel/Fax (+39) 010.582489 Cap.Soc. 20.000,00 i.v. P.Iva

Dettagli

ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione. Raffaello Balocco Politecnico di Milano

ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione. Raffaello Balocco Politecnico di Milano ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione Raffaello Balocco Politecnico di Milano Agenda Investimenti in ICT e competitività Le ICT come reale leva strategica La

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Un azienda è caratterizzata da: 1. Persone legate tra loro da

Dettagli

non accontentarti dell orizzonte, cerca L INFINITO.

non accontentarti dell orizzonte, cerca L INFINITO. non accontentarti dell orizzonte, cerca L INFINITO. Jim Morrison Società Algol Consulting: il partner per i progetti ERP Fin dall inizio della sua attività, l obiettivo di Algol Consulting è stato quello

Dettagli

Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business

Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business Università : Università degli studi di Bologna Facoltà : Economia Indice di questo documento L' Appunto Le Domande d'esame e' un sito di

Dettagli

LOGISTICA Laurea Specialistica-Università di Mantova Anno accademico 2009-2010. Federico Di Palma

LOGISTICA Laurea Specialistica-Università di Mantova Anno accademico 2009-2010. Federico Di Palma LOGISTICA Laurea Specialistica-Università di Mantova Anno accademico 2009-2010 Federico Di Palma Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Pavia Tel: 0382-985796 - Fax:0382-985373 email:federico.dipalma@unipv.it

Dettagli

Sistemi gestionali integrati (ERP): aspetti organizzativi e tecnologici

Sistemi gestionali integrati (ERP): aspetti organizzativi e tecnologici Sistemi gestionali integrati (ERP): aspetti organizzativi e tecnologici Jennifer Moro Indice L organizzazione: funzioni o processi? Le tecnologie e i cambiamenti organizzativi ERP di cosa stiamo parlando?

Dettagli

PROTEO srl Consulenti di Direzione ed Organizzazione

PROTEO srl Consulenti di Direzione ed Organizzazione La missione Affiancare le aziende clienti nello sviluppo e controllo del loro business Servire il suo Cliente con una offerta illimitata e mirata a risolvere le Sue principali esigenze Selezionare Partners

Dettagli

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Tecnologie dell informazione e controllo 2 Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale IT e coordinamento esterno IT e

Dettagli

Modulo e-marketing. Soluzione ASP per la gestione di marketing & sales. Linea CRM

Modulo e-marketing. Soluzione ASP per la gestione di marketing & sales. Linea CRM Modulo e-marketing Soluzione ASP per la gestione marketing & sales e-crm: La Gestione M&V sul WEB La Customer Relationship Management è la strategia aziendale innovativa, finalizzata a ridurre i costi

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 5 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 5 Modulo 5 Il Sistema Informativo verso il mercato, i canali ed i Clienti: I nuovi modelli di Business di Internet;

Dettagli

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Un azienda è caratterizzata da: 1. Persone legate tra loro da

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

km brochure pdf cover documento aggiornato il 31.10.2004 Knowledge management Trasferire la conoscenza da chi la possiede a chi la richiede

km brochure pdf cover documento aggiornato il 31.10.2004 Knowledge management Trasferire la conoscenza da chi la possiede a chi la richiede km brochure pdf cover documento aggiornato il 31.10.2004 Knowledge management Trasferire la conoscenza da chi la possiede a chi la richiede km brochure pdf indice documento aggiornato il 31.10.2004 km

Dettagli

Your mission, our passion

Your mission, our passion Your mission, our passion Corporate Profile Reggio Emilia, marzo 2014 Il Gruppo Il Gruppo Movi finance Accounting & Lean Six Sigma Consulting (prossima attivazione) Movin log scarl Logistics & Recruitment

Dettagli

*oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti

*oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti *oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti significa soprattutto un supporto professionale concreto!

Dettagli

Supply Chain Management

Supply Chain Management Supply Chain Management Cosa è la Supply chain "il Supply Chain Management è un approccio integrato, orientato al processo per l'approvvigionamento, la produzione e la consegna di prodotti e servizi ai

Dettagli

trasformazione digitale

trasformazione digitale L'offerta digitale sarà il terreno sul quale si misurerà la competizione tra case editrici nell'immediato futuro: a cambiare sarà la concezione del prodotto editoriale, che dovrà adattarsi dinamicamente

Dettagli

Chi siamo. Nasce dall iniziativa di un gruppo di managers con una solida esperienza nel settore della commercializzazione

Chi siamo. Nasce dall iniziativa di un gruppo di managers con una solida esperienza nel settore della commercializzazione Chi siamo Rete Value è una società di Marketing, Vendite e Rappresentanza, che opera sul Mercato Italiano a supporto di tutte le aziende, imprese, grossi gruppi, banche ed holding commerciali. Nasce dall

Dettagli

Customer Relationship Management. Eleonora Ploncher 3 aprile 2006

Customer Relationship Management. Eleonora Ploncher 3 aprile 2006 Customer Relationship Management Eleonora Ploncher 3 aprile 2006 1. Gli obiettivi Gli obiettivi della presentazione sono volti a definire: 1. gli elementi fondamentali e strutturali di una strategia di

Dettagli

PROFILO AZIENDALE MISSION & VISION

PROFILO AZIENDALE MISSION & VISION COMPANY PROFILE 2014 PROFILO AZIENDALE Posytron è una società di consulenza tecnologica e gestionale certificata ISO 9001:2008 fondata nel 1999 da Alberto Muritano, attuale CEO, per supportare l'innovazione

Dettagli

L ICT e l innovazione

L ICT e l innovazione Il valore del Project Management nei Progetti di Innovazione nelle Piccole e Medie Imprese L ICT e l innovazione Milano, 15 dicembre 2006 Enrico Masciadra, PMP emasciadra@libero.it Le cinque forze competitive

Dettagli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media INFORMAZIONI Materiale

Dettagli

ERP o pacchetto gestionale? Una

ERP o pacchetto gestionale? Una FEBBRAIO 2012 Quali sono le principali differenze fra una soluzione di Enterprise Resource Planning e un pacchetto gestionale, quali le raccomandazioni per chi deve scegliere un ERP? E quando è arrivato

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche 1. La e-company: definizione e caratteristiche 2. Le tre direttrici di sviluppo del

Dettagli

LOGICAL Con i dati tra le nuvole Presentazione della piattaforma informatica di servizi logistici Business Workshop

LOGICAL Con i dati tra le nuvole Presentazione della piattaforma informatica di servizi logistici Business Workshop LOGICAL Con i dati tra le nuvole Presentazione della piattaforma informatica di servizi logistici Business Workshop Marino Cavallo Provincia di Bologna PROGETTO LOGICAL Transnational LOGistics' Improvement

Dettagli

Corso di Informatica per la Gestione Aziendale

Corso di Informatica per la Gestione Aziendale Corso di Informatica per la Gestione Aziendale Anno Accademico: 2008/2009 4 parte DOCENTI: Prof.ssa Cecilia Rossignoli Dott. Gianluca Geremia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale

Dettagli

Incidenza % sui ricavi 3,00% 5,60% Incidenza % sui ricavi -0,30% 3,70% Incidenza % sui ricavi -1,10% 3,40%

Incidenza % sui ricavi 3,00% 5,60% Incidenza % sui ricavi -0,30% 3,70% Incidenza % sui ricavi -1,10% 3,40% Valori espressi in migliaia di Euro 31/08/2002 31/08/2001 Var. % RICAVI DELLA GESTIONE 161.398 198.486-18,7% INCREMENTO IMM.NI PER LAVORI INTERNI 11.221 5.473 105,0% ALTRI RICAVI 2.341 1.147 104,0% TOTALE

Dettagli

Origin Sharing the Power of Knowledge. B. Lascala - Scenari evolutivi di mercato: in cammino verso l impresa estesa

Origin Sharing the Power of Knowledge. B. Lascala - Scenari evolutivi di mercato: in cammino verso l impresa estesa Origin Sharing the Power of Knowledge Scenari evolutivi di Mercato: in cammino verso l impresa estesa Castel Romano 6 ottobre 2000 Benedetto Lascala EES Service Line Manager - ORIGIN AGENDA Le nuove opportunità

Dettagli

Ignazio Visco Governatore della Banca d Italia

Ignazio Visco Governatore della Banca d Italia L A B. 0 Vent anni di bassa produttività totale dei fattori sono la conseguenza di un'insufficiente capacità di reagire ai cambiamenti indotti dalla rivoluzione tecnologica, puntando con decisione su innovazione

Dettagli

SOSTENIBILE S.r.l. CONSULENZA STRATEGICA PER LA SOSTENIBILITA

SOSTENIBILE S.r.l. CONSULENZA STRATEGICA PER LA SOSTENIBILITA SOSTENIBILE S.r.l. CONSULENZA STRATEGICA PER LA SOSTENIBILITA CHI SIAMO Un team formato da professionisti esperti di marketing, comunicazione e CSR, che ha scelto di mettere al servizio della sostenibilità

Dettagli

I sistemi ERP. sistemi ERP 1

I sistemi ERP. sistemi ERP 1 I sistemi ERP sistemi ERP 1 Il portafoglio applicativo delle industrie manifatturiere Pianificazione delle operazioni Analisi strategica, pianificazione annuale, programmazione operativa, scheduling Esecuzione

Dettagli

Il Ruolo Strategico dei Sistemi Informativi. vincenzo.calabro@computer.org

Il Ruolo Strategico dei Sistemi Informativi. vincenzo.calabro@computer.org Il Ruolo Strategico dei Sistemi Informativi vincenzo.calabro@computer.org Agenda Il ruolo dei Sistemi Informativi Nozioni Processi di business e SI Tipi di SI per il business Sistemi d impresa Tipi di

Dettagli

Innovazione in produzione e logistica nell era dell economia digitale

Innovazione in produzione e logistica nell era dell economia digitale Innovazione in produzione e logistica nell era dell economia digitale Andrea Sianesi 17 maggio 2010 L innovazione ICT, una leva strategica per la competitività del sistema Italia I benefici della banda

Dettagli

Dematerializzazione e prospettive tecnologiche :

Dematerializzazione e prospettive tecnologiche : FORUM P.A. Roma, 15 maggio 2008 Dematerializzazione e prospettive tecnologiche : l opportunità cedere in outsourcing i processi documentali Océ-Italia SpA Enzo Capilli Sales Manager - Business Il Gruppo

Dettagli

Lavorare per progetti investendo nelle risorse umane

Lavorare per progetti investendo nelle risorse umane Lavorare per progetti investendo nelle risorse umane 27 settembre 2002 Agenda Accenture Chi siamo Cosa facciamo Come siamo organizzati I nostri ruoli La complessità dei progetti L organizzazione di un

Dettagli

Sistemi Informativi I Lezioni di Sistemi Informativi

Sistemi Informativi I Lezioni di Sistemi Informativi 1 SISTEMI INFORMATIVI DI INTEGRAZIONE (CENNI)...2 1.1 ERP - ENTERPRISE RESOURCE PLANNING...2 1.2 SCM - SUPPLY-CHAIN MANAGEMENT...4 1.3 KW - KNOWLEDGE MANAGEMENT...5 Pagina 1 di 5 1 Sistemi Informativi

Dettagli

Workspace mobility: nuova opportunità per le aziende e gli individui

Workspace mobility: nuova opportunità per le aziende e gli individui Workspace mobility: nuova opportunità per le aziende e gli individui Mariano Corso Docente di Organizzazione e Risorse Umane School of Management, Politecnico di Milano www.osservatori.net Agenda L organizzazione

Dettagli

21/10/2011 - pag. 2. Copyrigth A&G srl 2011

21/10/2011 - pag. 2. Copyrigth A&G srl 2011 Copyrigths A&G srl Perchè scegliere A&G Il Gruppo A&G Settore Editoria competenze ed esperienze at a glance Commerciale e Marketing Operation e Administration Logistica Multimedia 21/10/ - pag. 2 Competenze

Dettagli

La ISA nasce nel 1994. Servizi DIGITAL SOLUTION

La ISA nasce nel 1994. Servizi DIGITAL SOLUTION ISA ICT Value Consulting La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di consulenza ICT alle organizzazioni nell'ottica di migliorare la qualità e il valore dei servizi

Dettagli

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Informatica, Gestionale e dell Automazione SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK relators: Marcello

Dettagli

Antonio Gentile entra in Altea a capo della Business Unit INFOR

Antonio Gentile entra in Altea a capo della Business Unit INFOR 7 marzo 2011 Comunicato Stampa Antonio Gentile entra in Altea a capo della Business Unit INFOR Antonio Gentile, ex General Manager di Qurius Italia, è ufficialmente entrato a far parte del team Altea a

Dettagli

e.crm tecnologie e-business per una nuova comunicazione con il Cittadino

e.crm tecnologie e-business per una nuova comunicazione con il Cittadino e.crm tecnologie e-business per una nuova comunicazione con il Cittadino Roma, 12 maggio 2000 Alberto Grauso e.crm Solutions Manager IBM Italia 1 Rispondere alle esigenze del cittadino Il nuovo profilo

Dettagli

Consulenza di Direzione. Partners del Vostro successo. Ricerca e Selezione di personale specializzato

Consulenza di Direzione. Partners del Vostro successo. Ricerca e Selezione di personale specializzato Consulenza di Direzione Partners del Vostro successo Ricerca e Selezione di personale specializzato COMPANY PROFILE IL GRUPPO Il Gruppo KNET si colloca tra le primarie aziende operanti nel settore della

Dettagli

La logistica e lo sviluppo economico: risorse umane Alessandro Perego. alessandro.perego@polimi.it

La logistica e lo sviluppo economico: risorse umane Alessandro Perego. alessandro.perego@polimi.it La logistica e lo sviluppo economico: risorse umane Alessandro Perego alessandro.perego@polimi.it Milano, Matching 2009, 23 Novembre 2009 Non-solo-distribuzione La logistica non è solo distribuzione fisica

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 6 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 6 Modulo 6 Integrare verso l alto e supportare Managers e Dirigenti nell Impresa: Decisioni più informate; Decisioni

Dettagli

Osservatorio Business Intelligence

Osservatorio Business Intelligence Divisione Ricerche Claudio Demattè Osservatorio Business Intelligence 3 Ciclo di ricerca 2010 Filone di ricerca BI Governance nel Settore dell Energy, Utility e servizi di pubblica utilità In collaborazione

Dettagli

INDICE CONROLLO DI GESTIONE E SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI IL CONTROLLO DI GESTIONE E GLI ALTRI MECCANISMI OPERATIVI

INDICE CONROLLO DI GESTIONE E SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI IL CONTROLLO DI GESTIONE E GLI ALTRI MECCANISMI OPERATIVI INDICE PREMESSA...1 PARTE PRIMA CONROLLO DI GESTIONE E SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI CAPITOLO PRIMO IL CONTROLLO DI GESTIONE E GLI ALTRI MECCANISMI OPERATIVI 1. I concetti di pianificazione strategica

Dettagli

tel soft servizi Vi accompagniamo nell'evoluzione dei Vostri sistemi informativi, creando valore e competitività.

tel soft servizi Vi accompagniamo nell'evoluzione dei Vostri sistemi informativi, creando valore e competitività. tel soft servizi Vi accompagniamo nell'evoluzione dei Vostri sistemi informativi, creando valore e competitività. tel soft servizi Da oltre un decennio al Vostro fianco Chi siamo Mission Telinsoft Servizi

Dettagli

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Obiettivi della lezione Illustrare il passaggio dall orientamento alla transazione all orientamento alla relazione nel marketing contemporaneo

Dettagli

Confini del business e supply chain management

Confini del business e supply chain management Confini del business e supply chain management Roberta Bocconcelli a.a. 2011/2012 DESP Dipartimento di Eonomia, Società, Politica 1/27 La soddisfazione del cliente e la qualità totale Il cliente e la sua

Dettagli

Marketing & Customer Relationship Management "Marketing, Tecnologia e Organizzazione"

Marketing & Customer Relationship Management Marketing, Tecnologia e Organizzazione Bologna - Febbraio 2007 con la partecipazione di: CRM PARTNERS Marketing & Customer Relationship Management Il Master Gli Obiettivi I Destinatari Obiettivi: Il Master si propone di creare una figura professionale

Dettagli

RAPPORTI UNIVERSITÀ IMPRESA

RAPPORTI UNIVERSITÀ IMPRESA RAPPORTI UNIVERSITÀ IMPRESA DI NICOLETTA RICCAMBONI * E CRISTINA TONIOLO ** * Nicoletta Riccamboni è Funzionario c/o Formazione Unindustria Treviso Scarl ** Responsabile formazione Associazione Industriali

Dettagli

La logistica e il commercio elettronico (e-business)

La logistica e il commercio elettronico (e-business) La logistica e il commercio elettronico (e-business) Webbit 2003, Padova andrea.payaro@unipd.it 1 Agenda La logistica Il commercio elettronico e il business elettronico Opportunità e vincoli dei modelli

Dettagli

SISTEMI DI SVILUPPO PRODOTTO. Realizzazione di maggiore valore. con le soluzioni di gestione del ciclo di vita del prodotto

SISTEMI DI SVILUPPO PRODOTTO. Realizzazione di maggiore valore. con le soluzioni di gestione del ciclo di vita del prodotto SERVIZI E SUPPORTO PROCESSI E INIZIATIVE SISTEMI DI SVILUPPO PRODOTTO PRODOTTI SOFTWARE SOLUZIONI VERTICALI Realizzazione di maggiore valore con le soluzioni di gestione del ciclo di vita del prodotto

Dettagli

Creatori di Eccellenza nella Supply Chain

Creatori di Eccellenza nella Supply Chain Creatori di Eccellenza nella Supply Chain Chi siamo Essere innovativi ma concreti, scommettere assieme sui risultati. Fare le cose che servono per creare valore nel miglior modo possibile. Questa è Makeitalia.

Dettagli

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT)

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) CONSIP S.p.A. Allegato 6 Capitolato tecnico Capitolato relativo all affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) Capitolato Tecnico

Dettagli

mysap ERP: IL VOSTRO SETTORE. IL VOSTRO BUSINESS. IL VOSTRO FUTURO.

mysap ERP: IL VOSTRO SETTORE. IL VOSTRO BUSINESS. IL VOSTRO FUTURO. mysap ERP mysap ERP mysap ERP: IL VOSTRO SETTORE. IL VOSTRO BUSINESS. IL VOSTRO FUTURO. mysap ERP è la soluzione più completa esistente sul mercato internazionale, progettata in modo specifico per soddisfare

Dettagli

Gestire un progetto di introduzione di sistemi informativi di SCM. 1 Marco Bettucci Gestione della produzione II - LIUC

Gestire un progetto di introduzione di sistemi informativi di SCM. 1 Marco Bettucci Gestione della produzione II - LIUC Gestire un progetto di introduzione di sistemi informativi di SCM 1 Che cos è un progetto? Una serie complessa di attività in un intervallo temporale definito... finalizzate al raggiungimento di obiettivi

Dettagli

Sistemi Informativi - Internet I Portali

Sistemi Informativi - Internet I Portali Sistemi Informativi - Internet I Portali Obiettivi. Descrivere la nascita e l evoluzione del concetto di portale. Presentare le caratteristiche delle varie tipologie di portale. Illustrare le generazioni

Dettagli

Automazione gestionale

Automazione gestionale ERP, MRP, SCM e CRM Automazione gestionale verticale editoria banche assicurazioni orizzontale contabilita (ordini fatture bolle) magazzino logistica (supply chain) Funzioni orizzontali (ERP) ordini vendita

Dettagli

XaaS, anything as a Service, la nuova frontiera dell IT

XaaS, anything as a Service, la nuova frontiera dell IT XaaS, anything as a Service, la nuova frontiera dell IT Cloud Day 8 Ottobre 2014 Parco Scientifico Tecnologico ComoNExT Ing. Filpa Paolo XaaS Anything as a Service IAAS Infrastructure as a Service PAAS

Dettagli

LM Ingegneria Gestionale ICT & Business Management

LM Ingegneria Gestionale ICT & Business Management LM Ingegneria Gestionale ICT & Business Management 1 ICT: il peso nelle borse mondiali... 1 1 Apple (B$ 528) Classifica capitalizzazione di borsa 31 31 Vodafone (B$141) 5 4 Microsoft (B$260) 5 IBM (B$236)

Dettagli

La Business Intelligence per competere e governare il cambiamento Vittorio Arighi Practice Leader Netconsulting

La Business Intelligence per competere e governare il cambiamento Vittorio Arighi Practice Leader Netconsulting La Business Intelligence per competere e governare il cambiamento Vittorio Arighi Practice Leader Netconsulting 9 ottobre 2014 L andamento del PIL a livello mondiale: l Italia continua ad arretrare Mondo

Dettagli

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato Le relazioni con il mercato 1 IL SISTEMA CLIENTE E IL PRESIDIO DELLA RELAZIONE CONSULENZIALE Nella situazione attuale, il venditore deve fornire un servizio sempre più di qualità, trasformandosi nel gestore

Dettagli

CORSO AVANZATO DI PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIALITÀ. STARTING UP 2014- PRIMA EDIZIONE Dipartimento di Economia Università degli Studi di Parma

CORSO AVANZATO DI PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIALITÀ. STARTING UP 2014- PRIMA EDIZIONE Dipartimento di Economia Università degli Studi di Parma CORSO AVANZATO DI PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIALITÀ STARTING UP 2014- PRIMA EDIZIONE Dipartimento di Economia Università degli Studi di Parma MASTER in MARKETING MANAGEMENT - 2012 BUSINESS MODEL & CUSTOMER

Dettagli

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004 Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari Giovanni Ciccone Stefania De Maria 080 5274824 Marketing Strategico Sistemi Informativi Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dettagli

Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING. Ousourcing, origine. Classificazione, due coordinate. Information Technology Outsourcing (ITO)

Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING. Ousourcing, origine. Classificazione, due coordinate. Information Technology Outsourcing (ITO) Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING Paolo Atzeni Dipartimento di Informatica e Automazione Università Roma Tre 15/01/2004 Delega operativa dei servizi connessi all informatica che un Cliente

Dettagli

Prefazione all edizione italiana

Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione italiana Più di venticinque anni fa Masaaki Imai, guru della strategia di miglioramento continuo, introduceva il mondo occidentale al concetto di Kai Zen e ai sistemi che nelle

Dettagli

Il Network di Business International

Il Network di Business International Il Network di Business International 2014 Il network di Business International Business International ha attivato dal 1998 un network riservato ai manager di Imprese nazionali e multinazionali con l obiettivo

Dettagli

Agenda. Presentazione della società Offerta e Soluzioni VM Clienti e partners. 20 dicembre 2011. Value Managers

Agenda. Presentazione della società Offerta e Soluzioni VM Clienti e partners. 20 dicembre 2011. Value Managers Profilo Aziendale Agenda Presentazione della società Offerta e Soluzioni VM Clienti e partners 20 dicembre 2011 Value Managers 2 Chi siamo Siamo una società nata nel gennaio 2005 da Managers di vasta esperienza

Dettagli

di Giorgia Facchini (*)

di Giorgia Facchini (*) strategica Strategie di Customer Relationship Management di Giorgia Facchini (*) Il Customer Relationship Management ha costituito negli ultimi anni un opportunità a disposizione delle PMI per poter valutare

Dettagli

LogiMaster, Master in Logistica Integrata Supply Chain Integrated Management

LogiMaster, Master in Logistica Integrata Supply Chain Integrated Management IX edizione LogiMaster, Master in Logistica Integrata Supply Chain Integrated Management Workshop a GENNAIO Forum esclusivi Perché formare in logistica Nel giro di 10 anni il comparto varrà dal 15% al

Dettagli

L ERP COME STRUMENTO STRATEGICO DI GESTIONE D AZIENDA

L ERP COME STRUMENTO STRATEGICO DI GESTIONE D AZIENDA L ERP COME STRUMENTO STRATEGICO DI GESTIONE D AZIENDA CONTENUTI Background: lo scenario attuale La funzione degli ERP: che cosa sono e a che cosa servono Le caratteristiche e i vantaggi di un ERP I possibili

Dettagli

LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI

LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI Edizione fuori commercio - Vietata la riproduzione anche parziale www.adaci adaci.itit A JOB RIGHT NOW! Anno accademico 2008-2009 2009 LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI

Dettagli

Integrazione dei processi aziendali Sistemi ERP e CRM. Alice Pavarani

Integrazione dei processi aziendali Sistemi ERP e CRM. Alice Pavarani Integrazione dei processi aziendali Sistemi ERP e CRM Alice Pavarani Un ERP rappresenta la maggiore espressione dell inseparabilità tra business ed information technology: è un mega-package di applicazioni

Dettagli

MARIANNA CARBONARI CHI SIAMO MISSION E VALORI

MARIANNA CARBONARI CHI SIAMO MISSION E VALORI MARIANNA CARBONARI Presidente e Amministratore Delegato di Value for Talent. Ha maturato più di dieci anni di esperienza nella gestione di progetti di Executive Search articolati e complessi. Ha condotto

Dettagli

di Giorgia Facchini Marketing e vendite >> CRM

di Giorgia Facchini Marketing e vendite >> CRM STRATEGIE DI CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT di Giorgia Facchini Marketing e vendite >> CRM INTRODUZIONE L acronimo CRM sta per Customer Relationship Management, ossia gestione delle relazioni con i clienti,

Dettagli

Quando conta davvero il FATTORE UMANO. per il successo delle strategie di vendita e di servizio al cliente

Quando conta davvero il FATTORE UMANO. per il successo delle strategie di vendita e di servizio al cliente Quando conta davvero il FATTORE UMANO per il successo delle strategie di vendita e di servizio al cliente Performance delle vendite: di quanto può migliorare? Quali stime possiamo realisticamente fare

Dettagli

SAP Business One Be.as - Variatec Facciamo Innovazione

SAP Business One Be.as - Variatec Facciamo Innovazione SAP Business One Be.as - Variatec Facciamo Innovazione INNOVAZIONE ED EFFICIENZA DEI PROCESSI DI BUSINESS DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA MANIFATTURIERA Efrem Frigeni ERP Division Manager Brain System Srl

Dettagli

INDICE 22-02-2005 15:25 Pagina V. Indice

INDICE 22-02-2005 15:25 Pagina V. Indice INDICE 22-02-2005 15:25 Pagina V Indice Gli autori XIII XVII Capitolo 1 I sistemi informativi aziendali 1 1.1 INTRODUZIONE 1 1.2 IL MODELLO INFORMATICO 3 1.2.1. Il modello applicativo 3 Lo strato di presentazione

Dettagli

STRATEGIC CONSULTING and EXECUTIVE TRAINING

STRATEGIC CONSULTING and EXECUTIVE TRAINING STRATEGIC CONSULTING and EXECUTIVE TRAINING Guidare la Corporate Evolution In un mondo dove l incremento dell efficienza d impresa risulta il principale fattore critico di successo delle aziende, Vectoria

Dettagli

BIBLIOGRAFIA. A. Mandelli, Internet Marketing, Mc Graw-Hill, 1998. P. Seybold, R. Marshak, Customers.com, Business International, 1998

BIBLIOGRAFIA. A. Mandelli, Internet Marketing, Mc Graw-Hill, 1998. P. Seybold, R. Marshak, Customers.com, Business International, 1998 BIBLIOGRAFIA A. Mandelli, Internet Marketing, Mc Graw-Hill, 1998 P. Seybold, R. Marshak, Customers.com, Business International, 1998 D. Peppers, M. Rogers, B. Dorf, Marketing One To One, Il Sole 24 Ore,

Dettagli

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006 Il CRM operativo 2 maggio 2006 1. Il marketing relazionale Il marketing relazionale si fonda su due principi fondamentali che è bene ricordare sempre quando si ha l opportunità di operare a diretto contatto

Dettagli

La Business Unit Sistemi

La Business Unit Sistemi La Business Unit Sistemi Roma, 22 Febbraio 2007 Chi siamo il gruppo rappresenta un marchio che identifica un pool aziende specializzate nella progettazione e realizzazione Sistemi Informativi Chi siamo

Dettagli

Formazione Continua. Offerta Formativa

Formazione Continua. Offerta Formativa Formazione Continua Offerta Formativa 2014-2015 Sommario Chi siamo: formazione continua dell ECS I nostri servizi Offerta formativa Tecnology & ICT Governance Sviluppo della Persona e dell Organizzazione

Dettagli

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende QUALITA UNINDUSTRIA INNOVAZIONE METODO UMIQ Il metodo UMIQ Unindustria Bologna Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende Obiettivi del corso Fornire

Dettagli

Sommario. CASE STUDY JetBlue abbatte la turbolenza 61

Sommario. CASE STUDY JetBlue abbatte la turbolenza 61 Sommario Prefazione X CAPITOLO 1 L evoluzione del ruolo strategico dei sistemi informativi: il valore di business del portafoglio IT 1 1.1 Il ruolo organizzativo dei sistemi informativi in azienda 1 1.1.1

Dettagli

Sistemi gestionali as a Service:

Sistemi gestionali as a Service: Sistemi gestionali as a Service: Una reale opportunità per le imprese? Andrea Gaschi School of Management Politecnico di Milano Agenda Un introduzione ai sistemi gestionali La situazione in Italia Le spinte

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE Programma straordinario contro la Disoccupazione Intellettuale

MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE Programma straordinario contro la Disoccupazione Intellettuale MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE Programma straordinario contro la Disoccupazione Intellettuale PROGETTO MULTIMEDIA SKILL Multimedia Skill è un progetto ideato e promosso da Poliedra Politecnico

Dettagli

La gestione di competenze e profili professionali nel settore ICT secondo lo standard EUCIP

La gestione di competenze e profili professionali nel settore ICT secondo lo standard EUCIP MiOpen-CNA La gestione di competenze e profili professionali nel settore ICT secondo lo standard EUCIP Roberto Bellini Milano, 19 Ottobre 2007 0 Indice Competenze e professionalità digitali Lo standard

Dettagli

www.take-your-ti me.it

www.take-your-ti me.it SERVIZI PER LO SVILUPPO PROFESSIONALE E MANAGERIALE Prendi il tuo tempo e crea il tuo www.take-your-ti me.it TAKE YOUR TIME è un marchio AMBIRE S.r.l. - Partita IVA 06272851004 - info@take-your-time.it

Dettagli

IL PROFILO DELL AZIENDA. Cherry Consulting S.r.l 1

IL PROFILO DELL AZIENDA. Cherry Consulting S.r.l 1 IL PROFILO DELL AZIENDA 1 Chi siamo e la nostra missione Chi siamo: un gruppo di manager che hanno maturato esperienze nella consulenza, nel marketing, nella progettazione, nella vendita di soluzioni e

Dettagli

La ISA nasce nel 1994 DIGITAL SOLUTION

La ISA nasce nel 1994 DIGITAL SOLUTION La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di consulenza ICT alle organizzazioni nell'ottica di migliorare la qualità e il valore dei servizi IT attraverso l'impiego

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento APPROFONDIMENTO ICT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento OBIETTIVI, STRATEGIE E TATTICHE DI MARKETING ON-LINE: L INTERNET MARKETING PLAN ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

Percorso di alta formazione TECNICO SUPERIORE MARKETING E WEB STRATEGY PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE NEL SETTORE MODA

Percorso di alta formazione TECNICO SUPERIORE MARKETING E WEB STRATEGY PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE NEL SETTORE MODA 1 Percorso di alta formazione TECNICO SUPERIORE MARKETING E WEB STRATEGY PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE NEL SETTORE MODA OBIETTIVO DEL PERCORSO Il progetto intende formare una figura professionale tecnica,

Dettagli

Transforming for Results

Transforming for Results Transforming for Results Il nuovo paradigma per un efficace gestione del Capitale Umano 26 settembre 2013 Why deloitte? This is you This is you, Aligned This is you, Transformed Deloitte Business-Driven

Dettagli