Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici"

Transcript

1 Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai due elementi principali (C e H) anche atomi di ossigeno. Si parla di gruppi funzionali quando all'interno di una molecola organica sono presenti aree contenenti atomi diversi rispetto al carbonio e idrogeno. Abbiamo in precedenza visto come dagli alcani, alcheni e alchini si possano originare dei derivati alogenati, e come sia possibile attraverso reazioni di sostituzione elettrofila sugli aromatici ottenere derivati quali fenoli, nitrobenzeni etc. La presenza di gruppi funzionali può modificare sostanzialmente le caratteristiche chimico fisiche della molecola. Nella nostra trattazione ci limiteremo a considerare solo alcuni dei numerosi gruppi funzionali ed in particolare gli alcool, i composti carbonilici (aldeidi e chetoni) e gli acidi carbossilici. Durante la spiegazione potremo trovare di tanto in tanto composti indicati con una generica lettera R o Ar. Con la lettera R indichiamo dei residui generici di idrocarburi alchilici, mentre con la lettera Ar dei residui generici a carattere aromatico. Ad esempio se scrivo R-Cl mi posso riferire ad un composto quale: cloro butano, cloro etano, cloro etene etc. Se scrivo, invece Ar-Cl mi posso riferire ad un composto quale: cloro benzene, para cloro toluene etc. Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici sono in relazione tra di loro in base allo stato di ossidazione. Gli alcool sono i composti meno ossidati (maggiormente ridotti), gli acidi carbossilici sono i composti più ossidati (meno ridotti), mentre i composti carbonilici si trovano in una condizione intermedia. Il gruppo alcoolico può essere indicato come R-OH 1

2 Il gruppo carbossilico come R-COOH mentre il gruppo carbonilico può esistere in due forme la forma aldeide R-CO-H la forma chetone R-CO-R Prendiamo ora in considerazione singolarmente le caratteristiche degli alcool, dei composti carbonilici e degli acidi carbossilici. Gli alcool Proprietà fisiche I composti nei quali atomi di idrogeno sono uniti ad elementi molto elettronegativi quali, azoto, fluoro o ossigeno possono dare legami ad idrogeno. Gli alcool avendo un atomo di idrogeno unito ad un atomo ad idrogeno possono quindi dare questi legami intermolecolari e presentano perciò punti di ebollizione e di fusione nettamente superiori a quelli degli alcani, alcheni e alchini. Tra due alcool il punto di ebollizione è maggiore tanto è maggiore il numero di atomi di carboni, mentre diminuisce ( a parità di numero di atomi di carbonio) se sono presenti ramificazioni. Poiché il gruppo OH è polare mentre la catena idrocarburica R non lo è, la solubilità in acqua degli alcool diminuirà all'aumentare del numero di atomi di carbonio presenti nella molecola. Nomenclatura Per gli alcool sono molto in uso nomi correnti (ad esempio alcool etilico, propilico etc) le regole IUPAC di nomenclatura prevedono per questi composti il suffisso olo. Si prende in considerazione la catena più lunga contenente l'oh e si indica con il numero più basso il carbonio ad esso attaccato, per eventuali altri gruppi funzionali valgono le solite regole. 2

3 Produzione degli alcool A livello industriale gli alcool vengono prodotti con due procedimenti principali: 1. fermentazione degli zuccheri 2. addizione elettrofila di acqua agli alcheni 1) Si tratta del metodo più utilizzato per ottenere etanolo soprattutto per fini alimentari (gli alcool ottenuti per addizione elettrofila non possono essere usati per fini alimentari). In genere vengono utilizzati dei lieviti (anaerobi facoltativi) che trasformano l'acido piruvico derivante dalla glicolisi in alcool etilico ottenendo così della energia. 2) Si tratta della reazione di addizione elettrofila con acqua in ambiente acido sugli alcheni che abbiamo gia visto nel capitolo dedicato. Con questa reazione si possono ottenere diversi tipi di alcooli Reazioni degli alcool Le reazioni degli alcool possono essere distinte in tre grandi categorie: 1. quelle che portano al distacco del gruppo -OH (alcool come basi) 2. quelle che portano al distacco del gruppo -H (alcool come acido) 3. reazioni di ossidazione 4. altre reazioni 1 ) reazioni in cui gli alcool si comportano come basi

4 In questo tipo di reazioni gli alcool perdono il gruppo OH secondo lo schema: ROH -> R + + OH - Si tratta di reazioni che avvengono per lo più con acidi o in ambiente acido tra queste abbiamo: Reazioni con acidi alogenidrici (in particolare HCl e HBr) Prendiamo come esempio l'acido cloridrico ed un generico alcool. La reazione è la seguente: ROH + HCl -> RCl + H 2 O Come possiamo vedere si tratta di una reazione di sostituzione (il numero di moli di reagenti e di prodotti non cambia) e poiché viene scambiato un gruppo OH - con un gruppo Cl -, ossia dei gruppi nucleofili possiamo definire questa reazione come sostituzione nucleofila. Reazioni di disidratazione (formazione di alcheni) Si tratta della reazione inversa all'addizione elettrofila di acqua agli alcheni (che ricordiamo portava alla formazione di alcool). Trattando un alcool in ambiente alcalino con calore viene eliminata una molecola di acqua e si provoca la formazione del rispettivo alchene. La reazione in questione può essere intesa come un equilibrio in cui la modifica delle condizioni operative può variare l'orientamento. 2 ) reazioni in cui gli alcool si comportano come acidi Gli alcool possono essere considerati degli acidi molto deboli in quanto l'equilibrio: ROH <-> RO - + H + è spostato molto verso sinistra. La specie chimica RO - non è per niente stabile e quindi questa reazione è poco favorita. Ne consegue che gli alcool reagiscono solo con basi fortissime. Ad esempio non reagiscono nemmeno con l'idrossido di sodio (base forte) ma solo con il molto più reattivo sodio metallico liberando idrogeno gassoso 2 ROH + 2Na -> 2RONa + H 2 (alcoolato di sodio) Discorso diverso per i fenoli, (alcool aromatici di formula Ar-OH) in questo caso infatti abbiamo dei composti molto più acidi. I fenoli sono quindi in grado di reagire con basi molto meno forti del sodio metallico. 4

5 3) reazioni di ossidazione Gli alcool come tutti i composti organici possono essere ossidati completamente ad anidride carbonica e acqua attraverso reazioni di combustione. Le reazioni di ossidazione a cui ci riferiamo sono ovviamente reazioni di ossidazione parziale che non implicano la rottura dei legami carbonio-carbonio. Come abbiamo gia citato gli alcool possono essere ossidati a composti carbonilici e a composti carbossilici. Non tutti gli alcool però vengono o possono essere ossidati in maniera analoga, dobbiamo infatti distinguere il comportamento di alcool primari, da quello di alcool secondari e terziari Come possiamo osservare: gli alcool primari possono subire una ossidazione parziale ad aldeidi ed una più spinta ad acidi carbossilici gli alcool secondari possono essere ossidati solo a chetoni gli alcool terziari non possono essere ossidati senza la rottura di legami carbonio-carbonio Ne consegue che se abbiamo una sostanza che sappiamo essere alcoolica e la trattiamo con permanganato di potassio, nel caso in cui non si verifichi modifica del colore del permanganato (sua riduzione) possiamo stabilire che la sostanza in esame è un alcool terziario. 4) altre reazioni Gli alcool possono reagire sia con i composti carbonilici (aldeidi e chetoni) dando reazioni di addizione nucleofila, sia con gli acidi carbossilici formando dei composti chiamati esteri. Queste reazioni verranno però trattate nei capitoli riferiti ai composti carbonilici e carbossilici. 5

6 I composti carbonilici Come abbiamo gia avuto occasione di dire i composti carbonilici sono caratterizzati dalla presenza del gruppo C=O e possono essere distinti in aldeidi e chetoni Nelle aldeidi il carbonio del gruppo C=O è unito ad almeno un atomo di idrogeno, mentre nei chetoni il carbonio in questione è unito ad altri due atomi di carbonio. Le aldeidi si ossidano più facilmente dei chetoni ed in genere risultano più reattive. Nomenclatura Aldeidi: la nomenclatura IUPAC delle aldeidi prevede di prendere in considerazione la catena più lunga contenente il gruppo carbonilico utilizzando il suffisso ale. Molto utilizzata però è ancora la nomenclatura tradizionale. Nella figura sotto riportata vengono fatti alcuni esempi di nomenclatura IUPAC e tradizionale delle aldeidi Chetoni per la nomenclatura IUPAC viene utilizzato il suffisso one, in pratica valgono le solite regole. Anche in questo caso viene abbondantemente ancora utilizzata la vecchia nomenclatura, vedi esempi 6

7 Proprietà fisiche I composti carbonilici non hanno atomi di idrogeno uniti all'ossigeno e non possono per tanto dare legami ad idrogeno intermolecolari. L'ossigeno del gruppo carbonilico può però dare interazioni con le molecole di acqua, ne consegue che: aldeidi e chetoni sono composti che hanno un centro polare fino a quattro atomi di carbonio sono solubili in acqua hanno punti di ebollizioni inferiori a quelli degli alcool o degli acidi carbossilici corrispondenti, ma sempre superiori a quelli degli alcani, alcheni o alchini di pari peso molecolare. Reazioni delle aldeidi e dei chetoni sono principalmente di due tipi 1. ossidazioni/riduzioni 2. addizioni nucleofile 1) reazioni di ossidazione/riduzione Come abbiamo gia visto le aldeidi ed i chetoni possono essere prodotte per ossidazione dei rispettivi alcool (primari per le aldeidi, secondari per i chetoni). Ovviamente utilizzando un reattivo riducente si può riottenere partendo dalle aldeidi ed i chetoni i rispettivi alcool (reazione inversa). Abbiamo già citato come le aldeidi possano essere ulteriormente ossidate ad acidi carbossilici, mentre i chetoni possono essere ossidati solo da agenti ossidanti piuttosto forti (l'ossidazione dei chetoni prevede la rottura dei legami C-C). La maggiore facilità di ossidazione delle aldeidi rispetto ad i chetoni consente di avere a disposizione un metodo piuttosto facile per riconoscere questi composti. Due tipi di reattivi sono frequentemente utilizzati sia per riconoscere le aldeidi dai chetoni che per determinare quantitativamente le aldeidi. reattivo di Tollens si tratta di un reattivo a base di sale di argento (Ag + ). Questo ione è un debole ossidante potendosi ridurre ad argento metallico. Aggiungendo il reattivo di Tollens ad una soluzione contenente un aldeide si potrà vedere la formazione di uno specchio argentato all'interno della provetta. Questa reazione non avviene se il reattivo di Tollens viene aggiunto a dei chetoni reattivo di Feehling Si tratta di un reattivo a base di sale di rame (Cu ++ ) in ambiente basico. In presenza di aldeidi il rame Cu ++ (blu) viene ridotto a Cu + sottoforma di Cu 2 O di colore rosso. Questa reazione viene utilizzata in generale per dosare quantitativamente le aldeidi. 7

8 Va sottolineato che visto che alcuni tipi di zucchero (ad esempio il glucosio) hanno un gruppo aldeidico libero il reattivo di Feelhing viene anche utilizzato per determinare le quantità zuccherine ad esempio nei mosti, nelle melasse o in altre sostanze alimentari. 2) reazioni di addizione nucleofila Sono le reazioni più caratteristiche del gruppo carbonilico. Il meccanismo di reazione è il seguente, detto z - un generico agente nucleofilo avremo: Un esempio di addizione nucleofila è la reazione di un'aldeide o di un chetone con l'acido cianidrico (HCN): 8

9 Anche gli alcool possono reagire con i gruppi carbonilici dando reazioni di addizione nucleofila (lo ione OH - proveniente da un alcool è un tipico agente nucleofilo. Un caso particolare di una reazione tra un gruppo carbonilico ed uno alcoolico avviene nelle molecole di zucchero quale ad esempio il glucosio. Nella molecola di glucosio sono contemporaneamente presenti un gruppo carbossilico e diversi gruppi alcoolici. Se consideriamo la reale conformazione dello zucchero notiamo che il carbonio carbossilico si trova molto vicino al carbonio n 5. La vicinanza tra il gruppo alcoolico del carbonio 5 ed il gruppo carbonilico consente che avvenga la seguente reazione. Si forma quindi un composto ciclico (5 atomi di carbonio + 1 atomo di ossigeno) chiamato semiacetale che è la rappresenta la reale forma in cui si presentano molti zuccheri. 9

10 Gli acidi carbossilici Si tratta dei composti contenenti il gruppo carbossilico -COOH. La natura acida di queste sostanze è dovuta ad una forma di risonanza che rende abbastanza stabile lo ione COO - Nonostante la loro natura acida, gli acidi carbossilici presentano valori di Ka< 1 è sono quindi da ritenere acidi deboli. Nomenclatura La nomenclatura IUPAC degli acidi carbossilici prevede l'uso del suffisso -oico. Rimane tuttavia largamente utilizzata la vecchia nomenclatura. Vediamo alcuni esempi: Proprietà fisiche Il gruppo carbossilico ha caratteristiche tipicamente polari ed è inoltre in grado di stabilire legami ad idrogeno intermolecolari. Dal punto di vista delle proprietà fisiche quindi gli acidi carbossilici assomigliano molto agli alcool. Gli acidi fino a 10 atomi di carbonio risultano liquidi, mentre quelli con un numero di atomi di carbonio superiore sono solidi. Anche la solubilità in acqua decresce all'aumentare del numero di atomi di carbonio. Reazioni degli acidi carbossilici Gli acidi carbossilici possono dare diverse reazioni tra le quali citiamo: 1. reazioni di salificazione 2. reazioni di esterificazione 10

11 1) reazioni di salificazione Come tutti gli acidi, gli acidi carbossilici, reagiscono con le basi formando dei sali. Prendiamo ad esempio la reazione dell'acido acetico con l'idrossido di sodio: CH 3 COOH + NaOH -> CH 3 COONa + H 2 O Abbiamo detto che gli acidi carbossilici con un numero maggiore di 10 atomi di carbonio sono in genere solidi ed insolubili in acqua. Quando salifichiamo questi composti otteniamo delle molecole di questo tipo: CH 3 - (CH 2 ) n - COO - queste molecole presentano una catena di atomi di carbonio [CH 3 - (CH 2 ) n -] insolubile in acqua, ma solubile nei grassi (sostanze apolari), ed un gruppo - COO - solubile in ambiente idrico. I sali degli acidi grassi a numero maggiore di 10 atomi di carbonio sono i saponi. I saponi consentono di emulsionare le sostanze grasse in acqua grazie proprio alla loro duplice caratteristica polare/non polare (la parte apolare si lega alle sostanze grasse, mentre quella polare all'acqua). 2) reazioni di esterificazione Gli esteri sono molecole prodotte dalla reazione tra acidi carbossilici e alcool. Immaginiamo di fare reagire l'acido acetico con l'alcool propilico ecco cosa si può formare: Molti degli esteri ha più basso peso molecolare hanno odori gradevoli e sono presenti in molti frutti. La reazione di esterificazione è una reazione di equilibrio, nel senso che gli esteri possono ritrasformarsi negli acidi e negli alcool originari. La reazione contraria all'esterificazione prende il nome di idrolisi. Tra gli esteri più presenti in natura troviamo gli esteri di un particolare alcool, la glicerina. La glicerina possedendo tre gruppi OH può essere considerato un polialcool. Ogni gruppo alcolico della glicerina può esterificare un acido carbossilico. 11

12 Gli esteri della glicerina vengono quindi chiamati trigliceridi e sono i principali costituenti della materia grassa presente in natura. In genere gli acidi grassi uniti alla glicerina hanno un peso molecolare abbastanza alto, per cui dalla idrolisi della glicerina (che si opera in ambiente basico) otteniamo i sali degli acidi grassi che come abbiamo già visto sono i saponi. Per produrre un sapone si opera quindi la idrolisi dei trigliceridi (grassi). Questa reazione avviene facendo bollire la materia grassa con sostanze alcaline (idrossido di sodio o anche solo la cenere di legna). 12

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli 1 E1-ALCOLI CIMICA OGANICA ALCOLI Formula generale Desinenza -olo Gli alcoli Gli alcoli sono, dopo gli idrocarburi, i composti organici più comuni, che è possibile considerare come derivati dagli alcani

Dettagli

Daniele Trovò allievo dell ITIS Natta di Padova Reazioni degli acidi carbossilici 1

Daniele Trovò allievo dell ITIS Natta di Padova Reazioni degli acidi carbossilici 1 Indice: Pagina Acidità degli acidi carbossilici 2 eattività degli acidi carbossilici 4 Preparazione dei cloruri 5 Preparazione delle anidridi 6 Preparazioni degli esteri 7 Preparazioni delle ammidi 8 Sintesi

Dettagli

Sostituzioni sull anello aromatico

Sostituzioni sull anello aromatico Sostituzioni sull anello aromatico Criteri per stabilire l esistenza di carattere aromatico 1. Il composto deve essere ciclico, planare e deve avere una nuvola ininterrotta di elettroni π sopra e sotto

Dettagli

Competizione tra reazioni di sostituzione e di eliminazione

Competizione tra reazioni di sostituzione e di eliminazione Competizione tra reazioni di sostituzione e di eliminazione C δ + δ - CH 2 G Centro elettrofilo δ + H Centro elettrofilo Potenziale buon gruppo uscente Si distinguono due principali meccanismi di eliminazione:

Dettagli

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata».

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata». Esercizi sul calcolo del ph Generalità introduttive 1. L'ammoniaca :NH 3 non possiede alcun ruppo ossidrilico. Come puoi spieare il suo comportamento basico? 2. Spiea il sinificato del termine «acido coniuato»

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

In copertina: A. Minorenti Il moto Browniano

In copertina: A. Minorenti Il moto Browniano 1 In copertina: A. Minorenti Il moto Browniano 2 Nomenclatura chimica e formule brute/struttura ELEMENTI Metalli Non metalli + O 2 Ossidi Anidridi + H 2 O Idrossidi Ossoacidi o Acidi Sali Gli Elementi

Dettagli

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso SAGGI ANALITICI SU ALIMENTI CONTENENTI CARBOIDRATI OBIETTIVI Fase 1: Dimostrare, mediante l uso del distillato di Fehling, se

Dettagli

I legami. 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1):

I legami. 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1): Percorso 3 I legami E S E R C I Z I A Legame covalente omeopolare 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1): 2) Rappresenta la struttura della molecola di ossigeno

Dettagli

Gli Alcheni : struttura e nomenclatura

Gli Alcheni : struttura e nomenclatura Gli Alcheni : struttura e nomenclatura Alcheni Gli alcheni sono idrocarburi che contengono un doppio legame carbonio-carbonio sono anche detti olefine o idrocarburi insaturi La formula molecolare è C n

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI Conversione Massa Moli DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI - ESERCIZI GUIDATI - LEGENDA DEI SIMBOLI: M = Peso molecolare m(g) = quantità in g di elemento o di composto n = numero di moli Ricorda che l'unità

Dettagli

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE L ibridizzazione o ibridazione è una ricombinazione dei propri orbitali atomici che un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

Appunti di Chimica Organica Elementi per CdL Ostetricia CHIMICA ORGANICA. Appunti di Lezione. Elementi per il corso di Laurea In Ostetricia

Appunti di Chimica Organica Elementi per CdL Ostetricia CHIMICA ORGANICA. Appunti di Lezione. Elementi per il corso di Laurea In Ostetricia CHIMICA ORGANICA Appunti di Lezione Elementi per il corso di Laurea In Ostetricia Autore: Roberto Zanrè A.A. 2009/2010 1 Atomo di C e ibridizzazione sp 2 Nel suo stato fondamentale l atomo di C presenta

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

Areni Composti aromatici

Areni Composti aromatici Areni Composti aromatici Areni: composti contenenti l anello benzenico Aromatico: aggettivo usato un tempo per indicare fragrante, ora indica la elevata stabilità di un sistema ciclico contenente elettroni

Dettagli

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle STRUTTURA ATOMO Com è fatto l atomo ATOMO UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle PROTONI particelle con carica elettrica positiva e

Dettagli

NUMERI DI OSSIDAZIONE

NUMERI DI OSSIDAZIONE NUMERI DI OSSIDAZIONE Numeri in caratteri romani dotati di segno Tengono conto di uno squilibrio di cariche nelle specie poliatomiche Si ottengono, formalmente, attribuendo tutti gli elettroni di valenza

Dettagli

La struttura della materia

La struttura della materia Unità didattica 11 La struttura della materia Competenze 1 Descrivere il modello atomico di Dalton 2 Spiegare le caratteristiche macroscopiche e microscopiche delle principali trasformazioni fisiche 3

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

LE SOLUZIONI 1.molarità

LE SOLUZIONI 1.molarità LE SOLUZIONI 1.molarità Per mole (n) si intende una quantità espressa in grammi di sostanza che contiene N particelle, N atomi di un elemento o N molecole di un composto dove N corrisponde al numero di

Dettagli

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510)

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510) Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510) 2 Il numero di ossidazione 1 Assegna il n.o. a tutti gli elementi dei seguenti composti. a) Hg 3 (PO 3 ) 2 Hg: +2; P: +3; O: 2 b) Cu(NO 2 ) 2 Cu: +2; N: +3; O:

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno Strutture di Lewis E un metodo semplice per ottenere le formule di struttura di composti covalenti nota la formula molecolare, la configurazione elettronica del livello di valenza degli atomi e la connettività

Dettagli

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in SUL LIBRO DA PAG 306 A PAG 310 Quesiti e problemi ESERCIZI 1 Le reazioni producono energia 1 Qual è il fattore più importante per stabilire se una reazione è esotermica o endotermica? Per stabilire se

Dettagli

1. Agli estremi di una resistenza di 30 ohm è applicata una tensione di 120 volt. Calcolare la quantità di elettricità passata in 12 ore.

1. Agli estremi di una resistenza di 30 ohm è applicata una tensione di 120 volt. Calcolare la quantità di elettricità passata in 12 ore. ESERCIZI pag: 458 1. Agli estremi di una resistenza di 30 ohm è applicata una tensione di 120 volt. Calcolare la quantità di elettricità passata in 12 ore. 2. Una dinamo produce 6 amp a 160 v. Calcolare

Dettagli

SOLUZIONI DEGLI ESERCIZI

SOLUZIONI DEGLI ESERCIZI Valitutti, Taddei, Kreuzer, Massey, Sadava, Hillis, Heller, Berenbaum Dal carbonio agli OGM PLUS Chimica organica, biochimica e biotecnologie SOLUZIONI DEGLI ESERCIZI Capitolo 1 Dal carbonio agli idrocarburi

Dettagli

Meccanismi di azione degli antiossidanti

Meccanismi di azione degli antiossidanti Meccanismi di azione degli antiossidanti Materiali rganici Sistemi biologici Lipidi, Proteine, Acidi Nucleici Alimenti Polimeri Materiali plastici, Gomme Lubrificanti Idrocarburi Carburanti Degradazione

Dettagli

Reazioni di aldeidi e chetoni

Reazioni di aldeidi e chetoni Reazioni di aldeidi e chetoni Introduzione Il gruppo funzionale di aldeidi e chetoni è il carbonile ( terminale, nei chetoni si trova all interno della catena. 2 2 pentanale aldeide 2 ). Nelle aldeidi

Dettagli

1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO

1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO 1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO Il progresso ha portato l uomo a condurre regimi di vita per i quali il superfluo è diventato necessario, soprattutto nell ultimo dopoguerra e nei Paesi più evoluti.

Dettagli

Formule di Struttura delle Molecole Organiche

Formule di Struttura delle Molecole Organiche Formule di Struttura delle Molecole Organiche Costituzione L ordine in cui gli atomi di una molecola sono connessi è chiamata costituzione o connettività. La costituzione di una molecola deve essere determinata

Dettagli

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica Gli enzimi Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica En-zima εν ζυμη nel lievito Enzima termine generico per definire un catalizzatore biologico Tranne che diversamente indicato,

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

isomeria di struttura isomeria di posizione isomeria di catena stereoisomeria isomeria di conformazione isomeria di configurazione 'isomeria ottica

isomeria di struttura isomeria di posizione isomeria di catena stereoisomeria isomeria di conformazione isomeria di configurazione 'isomeria ottica ISOMERIA L'isomeria di struttura è connessa al diverso modo in cui gli atomi di due o più composti si legano tra loro in sequenza. Ci sono due forme: isomeria di posizione e isomeria di catena. La stereoisomeria

Dettagli

ISISS BUONARROTI CE. Dall Uva al Vino. Dall'uva al vino

ISISS BUONARROTI CE. Dall Uva al Vino. Dall'uva al vino Dall Uva al Vino In questa attività didattica abbiamo dimostrato come in un ambiente scolastico cittadino si può sviluppare nei giovani la cultura del territorio, della vite, dell uva e del vino. In questa

Dettagli

Le regole della nomenclatura tradizionale e IUPAC dei composti inorganici

Le regole della nomenclatura tradizionale e IUPAC dei composti inorganici 1 Espansione 6.2 Le regole della nomenclatura tradizionale e IUPAC dei composti inorganici Dalle formule ai nomi dei composti: 1) Riconoscere classi di composti dalla formula Per dare un nome a una formula

Dettagli

Rappresentazione schematica degli orbitali e degli elettroni del carbonio

Rappresentazione schematica degli orbitali e degli elettroni del carbonio L'atomo di carbonio L'elemento chimico carbonio ha numero atomico 6 (Z = 6) e massa atomica relativa 12,011. I suoi elettroni tendono a riempire progressivamente gli orbitali atomici, partendo dai sottolivelli

Dettagli

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI POSTER con 10 consigli inclusi UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI nella gestione dei solventi in collaborazione con ESIG European Solvents Industry Group (ESIG) è un associazione che rappresenta i principali

Dettagli

Equazioni dierenziali ordinarie del prim'ordine

Equazioni dierenziali ordinarie del prim'ordine 21 Maggio 2012 - Lab. di Complementi di Matematica e Calcolo Numerico Equazioni dierenziali ordinarie del prim'ordine Indice 1 Integrazione di un'equazione cinetica 2 2 Cinetica di adsorbimento di Langmuir

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI. Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto

CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI. Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto Percentuale in peso = g soluto / g soluzione x 100 H 2 O 2 al 3% Percentuale

Dettagli

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Chimica è una parolaccia? Si direbbe di sì, a giudicare dalle reazioni della opinione pubblica che associa

Dettagli

Progetto macchina con tetto fotovoltaico

Progetto macchina con tetto fotovoltaico ITIS A.PACINOTTI Via Montaione 15 Progetto macchina con tetto fotovoltaico Classe 2 C Informatica Docente referente: Prof.ssa Leccesi Progetto: Educarsi al futuro Premessa Motivazione per la partecipazione

Dettagli

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 375)

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 375) Quesiti e problemi (sul libro da pag. 375) 1 Le equazioni di reazione 1 Che cosa si intende per reagente? Che cosa si intende per prodotto? 2 Disegna lo schema delle seguenti reazioni (che devono essere

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH

L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH I DETERGENTI: COME CONIUGARE PRESTAZIONI ELEVATE E RISPETTO PER L AMBIENTE L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH Resana, 5 ottobre 2007 FEDERICA CECCARELLI Ist. Sup.

Dettagli

Cosa fa lo zolfo nel vino?

Cosa fa lo zolfo nel vino? Cosa fa lo zolfo nel vino? di Volker Schneider Il 99,5% dei viticoltori afferma che senza SO2 non si possa torchiare un vino bevibile. Ma cosa fanno questi famigerati solfiti effettivamente nel vino? Sono

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.0.- Disinfettanti e loro caratteristiche Questa sezione descrive alcune famiglie di disinfettanti facilmente reperibili sul mercato che attualmente vengono

Dettagli

RESPIRAZIONE CELLULARE

RESPIRAZIONE CELLULARE Prof Mauro Tonellato ITI Marconi Padova EPIAZIE ELLULAE Indice: espirazione cellulare Primo stadio della respirazione cellulare Glicolisi La prima fase della glicolisi La seconda fase della glicolisi eazioni

Dettagli

30. CHIMICA ORGANICA - ALCANI. 30.1. Chimica organica

30. CHIMICA ORGANICA - ALCANI. 30.1. Chimica organica 30. IMIA ORGANIA - ALANI 30.1. himica organica R. La chimica organica è quella branca della chimica che studia le sostanze presenti negli organismi viventi? D. No. Un tempo si credeva che i composti organici

Dettagli

Cenni sulla produzione di energia Con recupero di Biogas da digestione anaerobica

Cenni sulla produzione di energia Con recupero di Biogas da digestione anaerobica Cenni sulla produzione di energia Con recupero di Biogas da digestione anaerobica Marta Bazzoffi Mariachiara D Aniello GISMAP, Firenze Beglar Ingegneria srl, Firenze Glossario... 2 PREMESSA... 4 1. Parte

Dettagli

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi eurolettici (antipsicotici) Trovano impiego nel trattamento delle psicosi Rappresentativi della classe

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

Prof.ssa Silvia Recchia GLI ENZIMI DISPENSA BASATA SUI MATERIALI DEL PROF. F. GURZONI

Prof.ssa Silvia Recchia GLI ENZIMI DISPENSA BASATA SUI MATERIALI DEL PROF. F. GURZONI I T I S G. F E R R A R I S Prof.ssa Silvia Recchia GLI ENZIMI DISPENSA BASATA SUI MATERIALI DEL PROF. F. GURZONI 1 Indice 1. La struttura! 2 2. Le prestazioni: l efficienza e la specificità! 7 3. L influenza

Dettagli

SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI

SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI 1. Quanti ml di NaOH 1,25 N debbono essere aggiunti ad 1 litro di NaOH 0,63 N per ottenere una soluzione 0,85 N? [550 ml] 2. Quali volumi 0,55 N e 0,098 N debbono essere

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

1 INCONTRO CHIMICA (PROF.SSA PAOLA BURANI) Ogni sostanza chimica è costituita dalla combinazione, in diverse proporzioni, di 92 tipi di atomi.

1 INCONTRO CHIMICA (PROF.SSA PAOLA BURANI) Ogni sostanza chimica è costituita dalla combinazione, in diverse proporzioni, di 92 tipi di atomi. 1 INCONTRO CHIMICA (PROF.SSA PAOLA BURANI) 1 Atomi e Legami Ogni sostanza chimica è costituita dalla combinazione, in diverse proporzioni, di 92 tipi di atomi. Il termine atomo significa indivisibile e

Dettagli

1. Conversione dell energia chimica in energia elettrica

1. Conversione dell energia chimica in energia elettrica Capitolo n 3 1. Conversione dell energia chimica in energia elettrica L Elettrochimica studia le relazioni tra energia chimica ed energia elettrica; in particolare si studiano i processi di trasformazione

Dettagli

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Questo documento è stato redatto in collaborazione con la Commissione per gli Affari Ambientali di EUROBAT (maggio 2003) ed esaminato dai membri

Dettagli

Soluzioni degli esercizi

Soluzioni degli esercizi 3 Soluzioni degli esercizi Valitutti, Tifi, Gentile LINEAMENTI DI CIMICA Terza edizione Zanichelli 2012 69 CAPITL 1 CAPITL 1 LE MISURE E LE GRANDEZZE Soluzioni capitolo 1 1. Il Sistema Internazionale di

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Prof. Daniele Ippolito Liceo Scientifico Amedeo di Savoia di Pistoia 1778 Alessandro Volta, in analogia al potenziale gravitazionale definito

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

VALUTAZIONE QUALITA ARIA

VALUTAZIONE QUALITA ARIA COMUNE di CASTELLARANO (loc. Roteglia) Provincia di REGGIO EMILIA VALUTAZIONE QUALITA ARIA STUDIO DI RICADUTA INQUINANTI riferito all attività svolta da COTTO PETRUS S.r.l. Roteglia Castellarano (RE) Luglio

Dettagli

7.9 Reazioni che introducono un centro Stereogenico

7.9 Reazioni che introducono un centro Stereogenico 7.9 eazioni che introducono un centro tereogenico Molte reazioni convertono reagenti achirali a prodotti chirali. E importante ricordare, comunque che se tutti i i componenti iniziali (reagenti, catalizzatori,

Dettagli

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI Pag. 1 di 7 SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA' DENOMINAZIONE COMMERCIALE PRODOTTO: PROCESS OIL NC 100 CODICE PRODOTTO: 4S99 USO O DESCRIZIONE:

Dettagli

Nuove risorse energetiche. 30 Settembre Donne e società civile

Nuove risorse energetiche. 30 Settembre Donne e società civile Nuove risorse energetiche 30 Settembre Donne e società civile Tema di enorme importanza e attualità, con implicazioni politiche e ambientali Esempi: Germania nella II guerra mondiale Iran, Iraq, Afganistan

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

UN MODELLO MATEMATICO PER LA PIROLISI DI BIOMASSE

UN MODELLO MATEMATICO PER LA PIROLISI DI BIOMASSE UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA MAIM ENGINEERING S.r.l. UN MODELLO MATEMATICO PER LA PIROLISI DI BIOMASSE Mario Cruccu, Laura Sanna Maim Engineering S.r.l., Piazza Giovanni

Dettagli

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo).

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo). 1 Modelli matematici Un modello è un insieme di equazioni e altre relazioni matematiche che rappresentano fenomeni fisici, spiegando ipotesi basate sull osservazione della realtà. In generale un modello

Dettagli

Il sistema Kompogas. Dalla gestione dei rifiuti a quella delle risorse. Dealer Ufficiale

Il sistema Kompogas. Dalla gestione dei rifiuti a quella delle risorse. Dealer Ufficiale Il sistema Kompogas Dalla gestione dei rifiuti a quella delle risorse Dealer Ufficiale Garanzia di efficienza e flessibilità al servizio dell ambiente: Axpo Kompogas CESARO MAC IMPORT e Axpo Kompogas Partnership

Dettagli

GEOMETRIA MOLECOLARE

GEOMETRIA MOLECOLARE GEOMETRIA MOLECOLARE Le molecole hanno geometrie spaziali ben definite caratterizzate da distanze di legame ed angoli di legame. Questi possono essere determinati sperimentalmente (es. raggi X). Si vede

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 Ing. Gennaro Augurio Direttore Operativo ITAGAS AMBIENTE Via R. Paolucci, 3 Pescara gennaro.augurio@itagasambiente.it GSM 347-99.10.915

Dettagli

RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1

RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1 RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1 SCHEDA DATI DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA TIP TOP

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli