Calcolo delle Probabilità A.A. 2013/2014 Corso di Studi in Statistica per l Analisi dei dati Università degli Studi di Palermo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Calcolo delle Probabilità A.A. 2013/2014 Corso di Studi in Statistica per l Analisi dei dati Università degli Studi di Palermo"

Transcript

1 Calcolo delle Probabilità A.A. 2013/2014 Corso di Studi in Statistica per l Analisi dei dati Università degli Studi di Palermo docente Giuseppe Sanfilippo 25 giugno Informazioni e registro delle Lezioni Denominazione e CFU. Corso di Calcolo delle Probabilità per il Corso di Studi in STAD, 10 CFU. Esame. L esame consiste in una prova scritta ed in una prova orale. La prova scritta si intende superata se si ottiene una votazione maggiore o uguale a 18/30. Ricevimento. Lunedi Studio del docente: primo piano ex Dipartimento di Scienze Statistiche e Matematiche, Univ. di Palermo. Orario delle Lezioni. Periodo di lezioni 26 Marzo Giugno Lunedi-Martedi dalle 12 alle 14 (Aula 5), Mercoledì dalle 12 alle 15 (Aula 5) Vacanze di Paqua 17 aprile aprile 2014 P.S. Per recuperare si potranno svolgere altre lezioni. Libri di testo consigliati. Calcolo delle Probabilità, Sheldon Ross, Apogeo, 2007,2013 Incertezza e Probabilità, Romano Scozzafava, Zanichelli, 2003 Altri libri consultabili. Calcolo delle Probabilità, Giorgio Dall Aglio, Zanichelli, 2001 Calcolo delle Probabilità, Paolo Baldi, McGraw-Hill (2007) Teoria delle Probabilità, vol.1 e vol.2, Bruno de Finetti, Giuffrè (ristampa 2005) Calcolo delle Probabilità ed Elementi di Statistica, Luciano Daboni, Utet Dispense fornite dal docente durante il corso. Raccolta di esercizi svolti ([7]) e compiti di esame degli anni precedenti disponibili sul sito del docente Riferimenti bibliografici [1] G. Dall Aglio. Calcolo delle probabilità. Zanichelli. [2] P. Baldi. Calcolo delle probabilità. McGraw-Hill [3] D. Costantini. Regole matematiche del gioco d azzardo.- Perché il banco non perde mai? Muzzio, Roma, 2009 [4] B. de Finetti. Teoria delle Probabilità, vol.1 e vol.2. Giuffrè (ristampa 2005) [5] R. Lowry. Bayes Theorem. Programma che calcola le probabilità a posteriori mediante il Teorema di Bayes. 1

2 [6] S. M. Ross. Calcolo delle Probabilità. Apogeo. Anni 2007, 2013 [7] G. Sanfilippo. Raccolta di Esercizi svolti di Calcolo delle Probabilità. nome file: RaccoltadiEsercizidiProbabilita.pdf. [8] G. Sanfilippo. Alcuni argomenti di Calcolo delle Probabilità affrontati durante il corso. (http://www.unipa.it/sanfilippo) [9] R. Scozzafava. Incertezza e Probabilità. Zanichelli, Registro delle lezioni /03/2014, 12:00-15:00 Lezione. Ore complessive: 3 Cenni storici, problema della ripartizione della posta (vedi [1, 6]), problema di de Mere e soluzione ([1]). Probabilita nel lancio dei dadi. Criterio classico di valutazione della Probabilita. Eventi e rappresentazione insiemistica. Eventi incompatibili. Probabilita dellunione di due eventi. Casi possibili giudicati ugualmente possibili. Proposizioni logiche, eventi, operazioni e relazioni logiche tra eventi (unione intersezione negazione, implicazione). Indicatore di un evento. Operazioni tra gli indicatori. Diagrammi di Venn. Tavole di verita. Formule di DE MORGAN. Partizione finita dell evento certo /03/ :00-14:00 Lezione. Ore 2. Complessive 5 Decomposizione di un evento. Altro problema del cavalier de Merè. Codice in R per il calcolo della frequenza di successo. Proprietà degli indicatori per una partizione dell evento certo. Esercitazione /04/ :00-14:00 Lezione. Ore 2. Complessive 7 Proprietà fondamentali della probabilità. Probabilità e partizione dell evento certo. Proprietà di monotonia. Probabilità totali per tre eventi. Principio di inclusione/esclusione (Probabilità dell unione di n eventi) /04/ :00-15:00 Lezione ed esercitazione. Ore 3. Complessive 10 Esercitazione sulle proprietà della probabilità. Commenti critici sulla definizione classica, esempi vari. Calcolo combinatorio: Principio della moltiplicazione, Disposizioni con ripetizione, Disposizioni semplici, combinazioni semplici, /04/ :00-14:00 Lezione ed esercitazione. Ore 2. Complessive 12 Fattoriale, coefficiente binomiale. Cardinalità dell insieme delle parti di un insieme finito. Proprietà del coefficiente binomiale. Triangolo di Pascal. Esercitazione sul calcolo combinatorio /04/ :00-14:00 Lezione. Ore 2. Complessive 14 Binomio di Newton. Numero di successi su n prove. Probabilità nel gioco del lotto. Probabilità nel gioco del Poker. Problema dei compleanni ; Problema delle concordanze o degli accoppiamenti [1, 6]. Cenni sulla serie esponenziale /04/ :00-15:00 Lezione. Ore 3. Complessive 17 Impostazione frequentista al calcolo delle probabilita e commenti critici. Cenni sull impostazione assiomatica. Impostazione soggettiva, condizione di coerenza, criterio di scommessa ([4, 9]). Guadagno aleatorio. Valutazioni di probabilità coerenti su n eventi arbitrari. I primi due assiomi del calcolo delle probabilità come condizioni necessarie di coerenza. Esercitazione: esempi di valutazioni incoerenti di probabilità. Probabilità e quote di scommessa nelle partite di calcio /04/ :00-14: h 11:00 :12:00 recupero. Lezione ed esercitazione. Ore 3. Complessive 20 Costituenti associati ad una famiglia di eventi. Sul Teorema delle Probabilità totali. Esercitazione. 2

3 2.9 15/04/ :00-14:00+ 1 h 14:00 :15:00 recupero Lezione ed esercitazione. Ore 3. Complessive 23 Decomposizione di un evento nei costituenti ad esso favorevoli. Eventi logicamente indipendenti. Coerenza di un assegnazione di probabilità su una famiglia finita di eventi ([4, 9]) e risolubilità di un opportuno sistema lineare. Esercitazione sulla verifica della coerenza. Esercizi tratti dai compiti di esame (ad esempio es.1 del 12/09/12). Principio di monotonia ottenuto dal principio di coerenza. Cenni sull interpretazione geometrica della coerenza /04/ :00-15:00 Lezioni. Ore 3. Complessive 26 Definizione di evento condizionato, casi particolari, probabilità di un evento condizionato con il criterio della scommessa, proprietà della probabilità condizionata, esempi. Probabilità condizionate. Teorema delle probabilità composte (scommessa). Generalizzazione del teorema delle probabilità composte. Esercitazione: roulette russa; /04/ :00-15:00 Lezione-Esercitazione. Ore 3. Complessive 29 Proprietà della probabilità condizionata. Formula di disintegrazione. Esercitazione (2 ore) sulle urne di Polya /04/ :00-14:00 Lezione-Esercitazione. Ore 2. Complessive 31 Problema del condannato. Teorema di Bayes: dimostrazione, probabilità iniziali, probabilità finali e verosimiglianze. Apprendimento Bayesiano. Teorema di Bayes nella sua forma generale. Esercitazione. Applicazione del Teorema di Bayes sui sui test di un laboratorio di analisi: esempio 3d [6] pag ; esercizio 3 del compito di esame del 22/06/ /04/ :00-14:00 Lezioni. Ore 2. Complessive 33 Indipendenza stocastica. Eventi valutati stocasticamente indipendenti ([9],[1], [6]) /04/ :00-15:00 Lezione-Esercitazione. Ore 3. Complessive 36 Famiglia finita di eventi stocasticamente indipendenti. Esercitazione: esempi e controesempi sull indipendenza stocastica ([6],[9]); problema dei tre prigionieri (tre carcerati) /05/ :00-15:00 (1h di recupero) Lezione-Esercitazione. Ore 3. Complessive 39 Introduzione ai numeri aleatori discreti (variabile aleatorie discrete). Numero aleatorio con distribuzione binomiale. Esercitazione: estrazioni con restituzione da urna di composizione nota; n lanci di un dado /05/ :00-15:00(1h di recupero) Lezioni. Ore 3. Complessive 42 Numero aleatorio semplice, forma canonica ([9]). Valore atteso (o previsione) di un numero aleatorio semplice. Valore atteso e combinazione lineare convessa. Interpretazione del valore atteso con il criterio della scommessa /05/ :00-15:00 Lezioni. Ore 3. Complessive 45 Valore atteso dell indicatore di un evento. Proprietà del valore atteso. Valore atteso di una combinazione lineare di numeri aleatori. Valore atteso del numero aleatorio si successi. Valore atteso della frequenza relativa di successo. Gioco equo. Coerenza e valore atteso del guadagno aleatorio. Calcolo delle probabilità di vincita e del valore atteso della vincita in un biglietto del tipo gratta e vinci ( es n.2 del 03/03/3014) /05/ :00-13:00 Esercitazione (recupero). Ore 3. Complessive 48 Esercitazione: verifica della coerenza; probabilità condizionate; teorema di Bayes; relazioni logiche. 3

4 /05/ :00-15:00 Lezioni. Ore 3. Complessive 51 Estrazioni senza restituzione da un urna di composizione nota. Distribuzione Ipergeometrica, formula per le estrazioni in blocco, valore atteso. Approssimazione binomiale della distribuzione ipergeometrica. Esercitazione: gioco del lotto /05/ :00-15:00 Lezioni. Ore 3. Complessive 54 Indipendenza condizionata. Estrazioni con restituzione da urna di composizione incognita. Mistura di distribuzioni binomiali. Esercitazione /05/ :00-15:00 Lezioni. Ore 3. Complessive 57 Estrazioni senza restituzione da urna di composizione incognita. Mistura di distribuzioni ipergeometriche. Eventi scambiabili ed estrazioni con o senza restituzione da urna di composizione nota o incognita. Varianza. Scarto quadratico medio. Varianza di un indicatore. Proprietà della varianza /05/ :00-12:00 Esercitazione extra. Ore 2. Complessive 59 Implicazione materiale. Esercitazione sulle estrazioni senza restituzione da urna di composizione incognita /05/ :00-15:00 Lezioni. Ore 3. Complessive 62 Numeri aleatori discreti, valore atteso e varianza. Funzione di ripartizione di un numero aleatorio. Successione di eventi stocasticamente indipendenti. Numero aleatorio con distribuzione geometrica, proprietà di assenza di memoria (con dimostrazione), valore atteso e varianza ([9, 6]). Ritardi nel gioco del lotto ([1]). Eventi di probabilità nulla /05/ :00-15:00 Lezioni. Ore 3. Complessive 65 Misture di distribuzioni geometriche. Distribuzione di Pascal. Distribuzione di Poisson. Valore atteso e varianza. Distribuzione di Poisson come approssimazione di una distribuzione binomiale. Varianza di un numero aleatorio con distribuzione binomiale. Varianza di un numero aleatorio con distribuzione ipergeometrica /05/ :00-15:00 Lezioni. Ore 3. Complessive 68 Probabilità di ottenere k successi prima di m insuccessi. Soluzione del problema della ripartizione della posta. Probabilità su famiglie numerabili di eventi incompatibili, σ-additività. Estrazione di un intero a caso. Richiami sulla cardinalità di un insieme. Probabilità su famiglie infinite di eventi incompatibili. Considerazioni sulle probabilità nulle. ([8],[9]). Numeri aleatori continui: definizione, distribuzioni assolutamente continue, densità di probabilità Funzione di ripartizione e densità di probabilità di un numero aleatorio continuo. Distribuzione Uniforme: densità, calcolo della costante di normalizzazione, funzione di ripartizione /06/ :00-15:00 Lezioni. Ore 3. Complessive 72 Valore atteso di un numero aleatorio continuo. Valore atteso di una funzione di un numero aleatorio continuo e definizione di varianza. Funzione di Sopravvivenza. Distribuzione Esponenziale, calcolo della previsione e varianza. Proprietà di assenza di memoria e caratterizzazione di un numero aleatorio con distribuzione esponenziale /06/ :00-15:00 Lezioni. Ore 3. Complessive 75 Numeri aleatori standardizzati. Numero aleatorio con distribuzione normale standard: definizione; studio del grafico della densità; funzione di ripartizione e uso dei prontuari; calcolo del valore atteso; proprietà della funzione di ripartizione; utilizzo della funzione inversa della funzione di ripartizione. Numero aleatorio con distribuzione normale: definizione; trasformazione lineare. Proprietà della distribuzione normale. 4

5 /06/ :00-15:00 Lezioni. Ore 3. Complessive 78 Vettori aleatori (assolutamente) continui, definizione, densità di probabilità. Distribuzioni marginali e marginali condizionate di un vettore aleatorio continuo. Caso bidimensionale. Funzione di ripartizione congiunta. Indipendenza stocastica tra numeri aleatori. Vettore aleatori con distribuzioni uniforme su un insieme A limitato e misurabile di R 2. Distribuzione uniforme sul cerchio di centro l origine e raggio unitario. Calcolo delle distribuzioni marginali, marginali condizionate e della covarianza tra (X, Y ) ([6] /06/ :00-15:00 Lezioni. Ore 3. Complessive 81 Dispositivi in serie e in parallelo. Distribuzione del minimo e del massimo di n numeri aleatori indipendenti con distribuzione esponenziale. Funzione Gamma. Distribuzione Gamma, valore atteso e varianza. P (X > Y ), X, Y Exp(λ), X, Y stocasticamente indipendenti. Somma di numeri aleatori con distribuzione esponenziale /06/ :00-15:00 Lezioni. Ore 3. Complessive 84 Vettori aleatori discreti ( [6, 8]): distribuzioni congiunte, distribuzioni marginali e marginali condizionate, indipendenza stocastica. Distribuzione del numero aleatorio somma di due numeri aleatori di Poisson indipendenti (vedi [7], [8]). Distribuzione multinomiale. Cenni alla distribuzione ipergeometrica multivariata /06/ :00-13:00 Lezioni. Ore 3. Complessive 87 Esercitazione sui vettori aleatori continui. Calcolo della distribuzione di probabilità del numero aleatorio somma di due numeri aleatori continui. Somma di due numeri aleatori continui stocasticamente indipendenti e operatore di convoluzione (dim.). Esempi: distribuzione uniforme in [0, a]. Covarianza e proprietà di incorrelazione. Proprietà della covarianza. Coefficiente di correlazione lineare. Proprietà del coefficiente di correlazione lineare. Matrice delle varianze e delle covarianza /06/ :00-15:00 Lezioni. Ore 3. Complessive 90 Funzione caratteristica ([8, 1, 9]). Richiami sui numeri complessi. Funzione caratteristica di un numero aleatorio e proprietà. Calcolo della funzione caratteristica delle seguenti distribuzioni: binomiale, esponenziale, geometrica, Poisson. Funzione caratteristica di alcune distribuzioni (no dim.): gamma, normale, uniforme. Corrispondenza tra funzione caratteristica e funzione di ripartizione. Funzione caratteristica di una trasformazione lineare di un numero aleatorio. Funzione caratteristica del numero aleatorio somma di n numeri aleatori indipendenti. Numero aleatorio con distribuzione chi-quadro come quadrato di un numero aleatorio con distribuzione normale standard. Distribuzione chi-quadro con n gradi di libertà. Distribuzione di Erlang /06/ :00-15:00 Lezioni. Ore 3. Complessive 93 Momenti di un numero aleatorio. Funzione caratteristica e calcolo dei momenti. Convergenza in distribuzione. Esempi. Teorema centrale del limite: enunciato e cenno alla dimostrazione. Approssimazione normale della distribuzione binomiale ([6]). Esercitazione /06/ :00-15:00 Lezioni. Ore 3. Complessive 96 Disuguaglianze di Markov e di Cebicev. Convergenze in probabilità. Previsione e varianza della media aritmetica e della frequenza relativa di successo. Legge debole dei grandi numeri. Teoremi di Bernoulli /06/ :00-13:00 Lezioni. Ore 3. Complessive 99 Distribuzione normale bidimensionale, distribuzioni marginali e marginali condizionate, indipendenza e incorrelazione, matrice delle varianze e covarianze ([9]). Cenni alla distribuzione normale n-dimensionale. Introduzione alla teoria dell affidabilità. Definizione di funzione di rischio. Legame tra densità di probabilità e funzione di rischio [6, 9]. Distribuzione di Weibull. Esercitazione sulla funzione di rischio. Palermo, 25 giugno Giuseppe Sanfilippo 5

6 . 6

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA Anno Accademico 2012/2013 REGISTRO DELL ATTIVITÀ DIDATTICA Docente: ANDREOTTI MIRCO Titolo del corso: MATEMATICA ED ELEMENTI DI STATISTICA Corso: CORSO UFFICIALE Corso

Dettagli

Prelazione. Lista delle Figure. Lista delle Tabelle

Prelazione. Lista delle Figure. Lista delle Tabelle Indice Prelazione Indice Lista delle Figure Lista delle Tabelle VI IX XV XVI 1 Nozioni Introduttive 1 1.1 Inferenza Statistica 1 1.2 Campionamento 5 1.3 Statistica e Probabilità 7 1.4 Alcuni Problemi e

Dettagli

Indice Prefazione xiii 1 Probabilità

Indice Prefazione xiii 1 Probabilità Prefazione xiii 1 Probabilità 1 1.1 Origini del Calcolo delle Probabilità e della Statistica 1 1.2 Eventi, stato di conoscenza, probabilità 4 1.3 Calcolo Combinatorio 11 1.3.1 Disposizioni di n elementi

Dettagli

Appunti: elementi di Probabilità

Appunti: elementi di Probabilità Università di Udine, Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Multimediali Corso di Matematica e Statistica (Giorgio T. Bagni) Appunti: elementi di Probabilità. LA PROBABILITÀ..

Dettagli

Statistica. A.A. 2014/2015 CREDITI (CFU): 9 CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO (Verona)

Statistica. A.A. 2014/2015 CREDITI (CFU): 9 CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO (Verona) Statistica A.A. 2014/2015 CREDITI (CFU): 9 CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO (Verona) DOCENTE: Marco Minozzo (marco.minozzo@univr.it) TELEFONO: 045-8028234 ORARIO DI RICEVIMENTO: martedì 12:00 13:00

Dettagli

Modelli Stocastici per la Finanza e le Assicurazioni

Modelli Stocastici per la Finanza e le Assicurazioni Modelli Stocastici per la Finanza e le Assicurazioni CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN METODI QUANTITATIVI PER LA FINANZA A.A. 2007/2008 DOCENTE: Marco Minozzo CREDITI (CFU): 10 PROGRAMMA (definitivo) Spazi

Dettagli

Calcolo delle P robabilitá. Esercizi svolti e quesiti per il CdS in Economia e Finanza

Calcolo delle P robabilitá. Esercizi svolti e quesiti per il CdS in Economia e Finanza Calcolo delle P robabilitá Esercizi svolti e quesiti per il CdS in Economia e Finanza Giuseppe Sanfilippo Dipartimento di Scienze Statistiche e Matematiche S. Vianelli Università degli Studi di Palermo

Dettagli

Appunti di Probabilità

Appunti di Probabilità Appunti di Probabilità Bruno Betrò CNR-IMATI, Sezione di Milano bruno.betro@mi.imati.cnr.it www.mi.imati.cnr.it/ bruno Testi di riferimento: Dall Aglio G., Calcolo delle Probabilità, Zanichelli Scozzafava

Dettagli

Riassunto 24 Parole chiave 24 Commenti e curiosità 25 Esercizi 27 Appendice

Riassunto 24 Parole chiave 24 Commenti e curiosità 25 Esercizi 27 Appendice cap 0 Romane - def_layout 1 12/06/12 07.51 Pagina V Prefazione xiii Capitolo 1 Nozioni introduttive 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Cenni storici sullo sviluppo della Statistica 2 1.3 La Statistica nelle scienze

Dettagli

Modelli Stocastici per la Finanza

Modelli Stocastici per la Finanza Modelli Stocastici per la Finanza A.A. 2011/2012 (primo semestre) CREDITI (CFU): 9 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BANCA E FINANZA DOCENTE: Marco Minozzo ORARIO DI RICEVIMENTO: martedì 12.00 13.00 TELEFONO:

Dettagli

VARIABILI ALEATORIE MULTIPLE E TEOREMI ASSOCIATI. Dopo aver trattato delle distribuzioni di probabilità di una variabile aleatoria, che

VARIABILI ALEATORIE MULTIPLE E TEOREMI ASSOCIATI. Dopo aver trattato delle distribuzioni di probabilità di una variabile aleatoria, che VARIABILI ALATORI MULTIPL TORMI ASSOCIATI Fonti: Cicchitelli Dall Aglio Mood-Grabill. Moduli 6 9 0 del programma. VARIABILI ALATORI DOPPI Dopo aver trattato delle distribuzioni di probabilità di una variabile

Dettagli

Modelli Stocastici per la Finanza

Modelli Stocastici per la Finanza Modelli Stocastici per la Finanza A.A. 2013/2014 (primo semestre) CREDITI (CFU): 9 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BANCA E FINANZA (curriculum Finanza Quantitativa) DOCENTE: Marco Minozzo ORARIO DI RICEVIMENTO:

Dettagli

DISTRIBUZIONI DI PROBABILITÀ

DISTRIBUZIONI DI PROBABILITÀ Metodi statistici e probabilistici per l ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile A.A. 2009-10 Facoltà di Ingegneria, Università di Padova Docente: Dott. L. Corain 1 LE PRINCIPALI DISTRIBUZIONI

Dettagli

Statistica 1. Esercitazioni. Dott. Luigi Augugliaro 1. Università di Palermo

Statistica 1. Esercitazioni. Dott. Luigi Augugliaro 1. Università di Palermo Statistica 1 Esercitazioni Dott. 1 1 Dipartimento di Scienze Statistiche e Matematiche S. Vianelli, Università di Palermo ricevimento: lunedì ore 15-17 mercoledì ore 15-17 e-mail: luigi.augugliaro@unipa.it

Dettagli

Calcolo delle probabilità

Calcolo delle probabilità Calcolo delle probabilità Laboratorio di Bioinformatica Corso A aa 2005-2006 Statistica Dai risultati di un esperimento si determinano alcune caratteristiche della popolazione Calcolo delle probabilità

Dettagli

Programmazione Disciplinare: Calcolo Classe: Quarte - Quinte

Programmazione Disciplinare: Calcolo Classe: Quarte - Quinte Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Disciplinare: Calcolo Classe: Quarte - Quinte Anno scolastico 01-01 I Docenti della Disciplina Salerno, settembre 01 Anno scolastico

Dettagli

CORSO DI STATISTICA ED ELEMENTI DI INFORMATICA

CORSO DI STATISTICA ED ELEMENTI DI INFORMATICA ANNO ACCADEMICO 2013-2014 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA CORSO DI STATISTICA ED ELEMENTI DI INFORMATICA CFU 5 DURATA DEL CORSO : ORE 35 DOCENTE PROF. DOMENICO DI DONATO

Dettagli

PARTE PRIMA PROBABILITA

PARTE PRIMA PROBABILITA i PARTE PRIMA PROBABILITA CAPITOLO I - Gli assiomi della probabilità 1.1 Introduzione........................................................... pag. 1 1.2 Definizione assiomatica di probabilità.......................................

Dettagli

Tutorato di Probabilità e Statistica

Tutorato di Probabilità e Statistica Università Ca Foscari di Venezia Dipartimento di informatica 20 aprile 2006 Variabili aleatorie... Example Giochiamo alla roulette per tre volte 1 milione sull uscita del numero 29. Qual è la probabilità

Dettagli

LEZIONI DI STATISTICA E CALCOLO DELLE PROBABILITA STATISTICA

LEZIONI DI STATISTICA E CALCOLO DELLE PROBABILITA STATISTICA LEZIONI DI STATISTICA E CALCOLO DELLE PROBABILITA UMBERTO MAGAGNOLI Materiale per il Corso di lezioni di STATISTICA Laurea magistrale in Matematica Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Università

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA A. A. 2008-2009 FACOLTÀ DI ECONOMIA. Programma del modulo di STATISTICA I (6 crediti)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA A. A. 2008-2009 FACOLTÀ DI ECONOMIA. Programma del modulo di STATISTICA I (6 crediti) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA A. A. 2008-2009 FACOLTÀ DI ECONOMIA Programma del modulo di STATISTICA I (6 crediti) ECOCOM (lettere A-Lh): ECOCOM (lettere Li-Z): ECOBAN: ECOAMM (Lettere A-Lh):

Dettagli

Esercitazioni 2013/14

Esercitazioni 2013/14 Esercitazioni 2013/14 Esercizio 1 Due ditte V e W partecipano ad una gara di appalto per la costruzione di un tratto di autostrada che viene assegnato a seconda del prezzo. L offerta fatta dalla ditta

Dettagli

Politecnico di Milano Appunti di calcolo delle probabilità per il corso di Fondamenti di Statistica e Segnali Biomedici [Mod 1] 1

Politecnico di Milano Appunti di calcolo delle probabilità per il corso di Fondamenti di Statistica e Segnali Biomedici [Mod 1] 1 Politecnico di Milano Appunti di calcolo delle probabilità per il corso di Fondamenti di Statistica e Segnali Biomedici [Mod 1] 1 Ilenia Epifani 1 Il contenuto di queste dispense è protetto dalle leggi

Dettagli

Corso di Automazione Industriale 1. Capitolo 4

Corso di Automazione Industriale 1. Capitolo 4 Simona Sacone - DIST Corso di Automazione Corso Industriale di 1 Automazione Industriale 1 Capitolo 4 Analisi delle prestazioni tramite l approccio simulativo Aspetti statistici della simulazione: generazione

Dettagli

Elementi di Calcolo delle Probabilità e Statistica per il corso di Analisi Matematica B

Elementi di Calcolo delle Probabilità e Statistica per il corso di Analisi Matematica B Elementi di Calcolo delle Probabilità e Statistica per il corso di Analisi Matematica B Laurea in Ingegneria Meccatronica A.A. 2010 2011 n-dimensionali Riepilogo. Gli esiti di un esperimento aleatorio

Dettagli

Programmazione Matematica classe V A. Finalità

Programmazione Matematica classe V A. Finalità Finalità Acquisire una formazione culturale equilibrata in ambito scientifico; comprendere i nodi fondamentali dello sviluppo del pensiero scientifico, anche in una dimensione storica, e i nessi tra i

Dettagli

MATEMATICA LINEE GENERALI E COMPETENZE

MATEMATICA LINEE GENERALI E COMPETENZE MATEMATICA LINEE GENERALI E COMPETENZE Al termine del percorso del liceo scientifico lo studente conoscerä i concetti e i metodi elementari della matematica, sia interni alla disciplina in så considerata,

Dettagli

Classe: 1 a A AFM...2 Classe: 1 a B AFM...3 Classe: 2 a A AFM...4 Classe: 3 a A AFM...5 Classe: 4 a A IGEA...6

Classe: 1 a A AFM...2 Classe: 1 a B AFM...3 Classe: 2 a A AFM...4 Classe: 3 a A AFM...5 Classe: 4 a A IGEA...6 Classe: 1 a A AFM...2 Classe: 1 a B AFM...3 Classe: 2 a A AFM...4 Classe: 3 a A AFM...5 Classe: 4 a A IGEA...6 Classe: 1 a A AFM GLI INSIEMI NUMERICI E LE OPERAZIONI Ripasso del calcolo numerico: espressioni

Dettagli

Valori caratteristici di distribuzioni

Valori caratteristici di distribuzioni Capitolo 3 Valori caratteristici di distribuzioni 3. Valori attesi di variabili e vettori aleatori In molti casi è possibile descrivere adeguatamente una distribuzione di probabilità con pochi valori di

Dettagli

ELEMENTI DI CALCOLO DELLE PROBABILITA

ELEMENTI DI CALCOLO DELLE PROBABILITA Statistica, CLEA p. 1/55 ELEMENTI DI CALCOLO DELLE PROBABILITA Premessa importante: il comportamento della popolazione rispetto una variabile casuale X viene descritto attraverso una funzione parametrica

Dettagli

Calcolo delle Probabilita, INGEGNERIA INFORMATICA, semestre II, laurea (ord. Leonardo.

Calcolo delle Probabilita, INGEGNERIA INFORMATICA, semestre II, laurea (ord. Leonardo. Capitolo 1 9 Ottobre 00 Calcolo delle Probabilita, INGEGNERIA INFORMATICA, semestre II, laurea (ord. Leonardo. 000, Milano Esercizio 1.0.1 (svolto in classe [II recupero Ing. Matematica aa.00-0-rivisitato]nel

Dettagli

CENNI DI METODI STATISTICI

CENNI DI METODI STATISTICI Corso di Laurea in Ingegneria Aerospaziale CENNI DI METODI STATISTICI Docente: Page 1 Page 2 Page 3 Due eventi si dicono indipendenti quando il verificarsi di uno non influisce sulla probabilità di accadimento

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate 1. Profilo generale DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate PRIMO BIENNIO L insegnamento di matematica nel primo biennio ha come finalità l acquisizione

Dettagli

Problemi al contorno per equazioni e sistemi di equazioni ellittiche, paraboliche ed iperboliche in domini a frontiera non regolare.

Problemi al contorno per equazioni e sistemi di equazioni ellittiche, paraboliche ed iperboliche in domini a frontiera non regolare. Prof.ssa Diomeda Lorenza Maria Professore Ordinario Dipartimento di Scienze Economiche Area Matematica Facoltà di Economia, Via C.Rosalba 53- Bari Tel. 080-5049169 Fax 080-5049207 E-mail diomeda@matfin.uniba.it

Dettagli

I.P.S.A.R. ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A. GUSPINI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI V SEZ. A T.S.R. ANNO SCOLASTICO 2013.2014

I.P.S.A.R. ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A. GUSPINI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI V SEZ. A T.S.R. ANNO SCOLASTICO 2013.2014 I.P.S.A.R. ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A. GUSPINI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI DOCENTE PROF. CLASSE MATEMATICA SANDRO CADDEO V SEZ. A T.S.R. ANNO SCOLASTICO 2013.2014 OBIETTIVI. Gli obiettivi generali ed

Dettagli

2. Matematica. V. Matematica e scienze sperimentali 143

2. Matematica. V. Matematica e scienze sperimentali 143 V. Matematica e scienze sperimentali 143 2. Matematica 2.1. Obiettivi generali della materia e incidenze su quelli dell area di studio «matematica e scienze sperimentali» L insegnamento della matematica

Dettagli

Calcolo delle probabilitá: esercizi svolti fino all 8 febbraio

Calcolo delle probabilitá: esercizi svolti fino all 8 febbraio Calcolo delle probabilitá: esercizi svolti fino all 8 febbraio Alessandro Sicco sicco@dm.unito.it Lezione 1. Calcolo combinatorio, formula delle probabilitá totali, formula di Bayes Esercizio 1.1. 7 bambini

Dettagli

Corso di Calcolo delle Probabilità e Statistica. Esercizi su variabili aleatorie discrete

Corso di Calcolo delle Probabilità e Statistica. Esercizi su variabili aleatorie discrete Corso di Calcolo delle Probabilità e Statistica Esercizi su variabili aleatorie discrete Es.1 Da un urna con 10 pallina bianche e 15 palline nere, si eseguono estrazioni con reimbussolamento fino all estrazione

Dettagli

MODALITA E DATE DEGLI ESAMI

MODALITA E DATE DEGLI ESAMI A.A. 2015/16 CORSO DI ANALISI MATEMATICA 1 PER I CORSI DI LAUREA IN MATEMATICA E FISICA I semestre, 12 crediti Teoria: 9 crediti, tenuti da me Esercitazioni: 3 crediti, tenuti dal Dott. Bruno Scardamaglia

Dettagli

1) Si consideri un esperimento che consiste nel lancio di 5 dadi. Lo spazio campionario:

1) Si consideri un esperimento che consiste nel lancio di 5 dadi. Lo spazio campionario: Esempi di domande risposta multipla (Modulo II) 1) Si consideri un esperimento che consiste nel lancio di 5 dadi. Lo spazio campionario: 1) ha un numero di elementi pari a 5; 2) ha un numero di elementi

Dettagli

Definizione 1.1 Un evento è un fatto fisico o concettuale descritto da un enunciato che ammette due soli valori logici: VERO (V) o FALSO (F).

Definizione 1.1 Un evento è un fatto fisico o concettuale descritto da un enunciato che ammette due soli valori logici: VERO (V) o FALSO (F). Capitolo 1 Basi del calcolo delle probabilità 11 Eventi Per avviare la nostra discussione dobbiamo preliminarmente delimitare il campo dei fatti (o delle situazioni o delle asserzioni) nel quale si possa

Dettagli

Università degli Studi di Trento Facoltà di Scienze Cognitive. Corso di Laurea in Scienze e Tecniche di Psicologia Cognitiva Applicata

Università degli Studi di Trento Facoltà di Scienze Cognitive. Corso di Laurea in Scienze e Tecniche di Psicologia Cognitiva Applicata Università degli Studi di Trento Facoltà di Scienze Cognitive Corso di Laurea in Scienze e Tecniche di Psicologia Cognitiva Applicata Commenti alle lezioni del CORSO DI ANALISI MATEMATICA a.a. 2005/2006

Dettagli

GLI INIZI 3 I GLI EVENTI 7 I.1 Incertezza e probabilità 7 I.2 Lo spazio degli eventi 9 I.3 L evento 10 I.4 Algebra degli eventi 11 II I VARI APPROCCI

GLI INIZI 3 I GLI EVENTI 7 I.1 Incertezza e probabilità 7 I.2 Lo spazio degli eventi 9 I.3 L evento 10 I.4 Algebra degli eventi 11 II I VARI APPROCCI GLI INIZI 3 I GLI EVENTI 7 I.1 Incertezza e probabilità 7 I.2 Lo spazio degli eventi 9 I.3 L evento 10 I.4 Algebra degli eventi 11 II I VARI APPROCCI ALLA PROBABILITÀ 17 II.1 Probabilità in senso classico

Dettagli

Corso di Laurea Triennale in Matematica

Corso di Laurea Triennale in Matematica Università degli Studi di Roma La Sapienza Anno Accademico 2003-2004 Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Matematica INTRODUZIONE AL CALCOLO DELLE PROBABILITÀ

Dettagli

Corso di Probabilità e Statistica

Corso di Probabilità e Statistica Università degli Studi di Verona Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Corso di Laurea in Informatica Corso di Probabilità e Statistica (Prof.ssa L.Morato) Esercizi a cura di: S.Poffe sara.poffe@stat.unipd.it A.A.

Dettagli

Marco Di Marzio. Primi elementi di inferenza statistica

Marco Di Marzio. Primi elementi di inferenza statistica Marco Di Marzio Primi elementi di inferenza statistica Ringraziamenti Un sentito ringraziamento a Fabiola Del Greco e Agnese Panzera per la preziosa collaborazione. Indice Probabilità. Esperimenti casuali...........................................2

Dettagli

MODULI DI LINEAMENTI DI MATEMATICA

MODULI DI LINEAMENTI DI MATEMATICA R. MANFREDI - E. FABBRI - C. GRASSI TRIENNIO licei scientifici MODULI DI LINEAMENTI DI MATEMATICA per il triennio della scuola secondaria di secondo grado L CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E ELEMENTI DI STATISTICA

Dettagli

Università degli Studi di Milano

Università degli Studi di Milano Università degli Studi di Milano Laurea in Scienza della Produzione e Trasformazione del Latte Note di Calcolo delle Probabilità e Statistica STEFANO FERRARI Analisi Statistica dei Dati Note di Calcolo

Dettagli

Statistica 1. Esercitazioni. Dott. Luigi Augugliaro 1. Università di Palermo

Statistica 1. Esercitazioni. Dott. Luigi Augugliaro 1. Università di Palermo Statistica 1 Esercitazioni Dott. 1 1 Dipartimento di Scienze Statistiche e Matematiche S. Vianelli, Università di Palermo ricevimento: lunedì ore 15-17 mercoledì ore 15-17 e-mail: luigi.augugliaro@unipa.it

Dettagli

Introduzione alle variabili aleatorie discrete e continue notevoli Lezione 22.01.09 (ore 11.00-13.00, 14.00-16.00)

Introduzione alle variabili aleatorie discrete e continue notevoli Lezione 22.01.09 (ore 11.00-13.00, 14.00-16.00) Introduzione alle variabili aleatorie discrete e continue notevoli Lezione 22.01.09 (ore 11.00-13.00, 14.00-16.00) Richiami di matematica pag. 2 Definizione (moderatamente) formale di variabile aleatoria

Dettagli

FACOLTA DI INGEGNERIA SCHEDA DIDATTICA N 1

FACOLTA DI INGEGNERIA SCHEDA DIDATTICA N 1 FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE ED IL TERRITORIO CORSO DI STATISTICA E CALCOLO DELLE PROBABILITA PROF. PASQUALE VERSACE SCHEDA DIDATTICA N ARGOMENTO: CALCOLO DELLE PROBABILITA

Dettagli

1. Richiami di Statistica. Stefano Di Colli

1. Richiami di Statistica. Stefano Di Colli 1. Richiami di Statistica Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Dati: Fonti e Tipi I dati sperimentali sono provenienti da un contesto delimitato, definito per rispettare le caratteristiche

Dettagli

estratto da Competenze assi culturali Raccolta delle rubriche di competenza formulate secondo i livelli EFQ a cura USP Treviso Asse matematico

estratto da Competenze assi culturali Raccolta delle rubriche di competenza formulate secondo i livelli EFQ a cura USP Treviso Asse matematico Competenza matematica n. BIENNIO, BIENNIO Utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed algebrico, rappresentandole anche sotto forma grafica BIENNIO BIENNIO Operare sui dati comprendendone

Dettagli

Corso di Matematica e Statistica 4 Calcolo combinatorio e probabilità. Le disposizioni semplici di n elementi di classe k

Corso di Matematica e Statistica 4 Calcolo combinatorio e probabilità. Le disposizioni semplici di n elementi di classe k Pordenone Corso di Matematica e Statistica 4 Calcolo combinatorio e probabilità UNIVERSITAS STUDIORUM UTINENSIS Giorgio T. Bagni Facoltà di Scienze della Formazione Dipartimento di Matematica e Informatica

Dettagli

metodi matematici per l ingegneria prove scritte d esame 1 Indice

metodi matematici per l ingegneria prove scritte d esame 1 Indice metodi matematici per l ingegneria prove scritte d esame Indice. Novembre 4 - Prova in itinere. Luglio 5.. Febbraio 6 4 4. Giugno 6. 5 5. Luglio 6 6 . Novembre 4 - Prova in itinere Esercizio. Una scatola

Dettagli

Argomenti. Analisi Determnazione del dominio e segno di una funzione. Esercizi.

Argomenti. Analisi Determnazione del dominio e segno di una funzione. Esercizi. Argomenti Classe: 4ª D SCIENT Stampato il: 8/6/2015, 09:23 Materia: Matematica Anno scolastico: 2014/2015 Periodo dal: 15/09/2014 al: 10/06/2015 da: Mancini Legenda: assegnazioni note riservate Data Ora

Dettagli

MATEMATICA LINEE GENERALI E COMPETENZE

MATEMATICA LINEE GENERALI E COMPETENZE MATEMATICA LINEE GENERALI E COMPETENZE Al termine del percorso dei licei classico, linguistico, musicale coreutico e della scienze umane lo studente conoscerà i concetti e i metodi elementari della matematica,

Dettagli

conoscerà le metodologie di base per la costruzione di un modello matematico di un insieme di fenomeni [

conoscerà le metodologie di base per la costruzione di un modello matematico di un insieme di fenomeni [ Il testo che segue raccoglie le indicazioni nazionali per i vari licei... In grassetto è riportato ciò che è valido solo per il liceo scientifico mentre tra parentesi quadre ed in corsivo sono riportate

Dettagli

per i seguenti Licei: - SCIENTIFICO - TECNOLOGICO OSA di Matematica

per i seguenti Licei: - SCIENTIFICO - TECNOLOGICO OSA di Matematica per i seguenti Licei: - SCIENTIFICO - TECNOLOGICO OSA di Matematica PRIMO BIENNIO Nucleo tematico di contenuto: Numeri e algoritmi. Gli insiemi dei numeri naturali, interi, razionali: rappresentazione,

Dettagli

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS 1 UTILITÀ Classicamente sinonimo di Desiderabilità Fisher (1930):... uno degli elementi che contribuiscono ad identificare la natura economica di un bene e sorge

Dettagli

PIANO DI LAVORO a.s. 2013-2014

PIANO DI LAVORO a.s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO a.s. 2013-2014 1. obiettivi didattici 2. contenuti 3. metodi e strumenti 4. criteri di valutazione MATERIA: MATEMATICA APPLICATA CORSO: INTERO CORSO CLASSE PRIMA 1.OBIETTIVI DIDATTICI Gli

Dettagli

VARIABILI ALEATORIE E VALORE ATTESO

VARIABILI ALEATORIE E VALORE ATTESO VARIABILI ALEATORIE E VALORE ATTESO Variabili aleatorie Variabili discrete e continue Coppie e vettori di variabili aleatorie Valore atteso Proprietà del valore atteso Varianza Covarianza e varianza della

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA PROFILO GENERALE E COMPETENZE Al termine del percorso liceale lo studente dovrà padroneggiare i principali concetti e metodi di base della matematica,

Dettagli

Scheda n.5: variabili aleatorie e valori medi

Scheda n.5: variabili aleatorie e valori medi Scheda n.5: variabili aleatorie e valori medi October 26, 2008 1 Variabili aleatorie Per la definizione rigorosa di variabile aleatoria rimandiamo ai testi di probabilità; essa è non del tutto immediata

Dettagli

Prof. Gabriele Vezzosi... Settore Inquadramento MAT03...

Prof. Gabriele Vezzosi... Settore Inquadramento MAT03... UNIVERSITÀ DEGLI STUDI Registro dell insegnamento Anno Accademico 2014/2015 Facoltà Ingegneria....................................... Insegnamento Matematica................................ Settore Mat03............................................

Dettagli

Il corso si colloca nell ambito del corso integrato di scienze quantitative, al secondo anno, primo semestre.

Il corso si colloca nell ambito del corso integrato di scienze quantitative, al secondo anno, primo semestre. Corso di Statistica Medica 2004-2005 Il corso si colloca nell ambito del corso integrato di scienze quantitative, al secondo anno, primo semestre. Sono previste 30 ore di lezione di statistica e 12 di

Dettagli

Mauro Piccioni PROBABILITÀ DI BASE

Mauro Piccioni PROBABILITÀ DI BASE Mauro Piccioni PROBABILITÀ DI BASE Copyright MMX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06) 93781065 ISBN 978 88 548 3064 6 I diritti

Dettagli

Teoria delle Decisioni. Lezioni 1 e 2 a.a. 2006 2007. J. Mortera, Università Roma Tre mortera@uniroma3.it

Teoria delle Decisioni. Lezioni 1 e 2 a.a. 2006 2007. J. Mortera, Università Roma Tre mortera@uniroma3.it Teoria delle Decisioni Lezioni 1 e 2 a.a. 2006 2007 J. Mortera, Università Roma Tre mortera@uniroma3.it Decisioni in Condizioni di Incertezza Sia singoli individui che gruppi di individui (società, governi,

Dettagli

IL CALCOLO DELLE PROBABILITA

IL CALCOLO DELLE PROBABILITA IL CALCOLO DELLE PROBABILITA 0. Origini Il concetto di probabilità sembra che fosse del tutto ignoto agli antichi malgrado si sia voluto trovare qualche cenno di ragionamento in cui esso è implicitamente

Dettagli

Probabilita e Processi Stocastici

Probabilita e Processi Stocastici Dipartimento di Fisica Corso di Laurea Magistrale in Fisica Insegnamento di Metodi Probabilistici della Fisica Nicola Cufaro Petroni Lezioni di Probabilita e Processi Stocastici anno accademico 2015/16

Dettagli

LINEAMENTI DI MATEMATICA

LINEAMENTI DI MATEMATICA P. BARONCINI - E. FABBRI - C. GRASSI IGEA Triennio LINEAMENTI DI MATEMATICA per il triennio degli istituti tecnici commerciali IGEA Probabilità e statistica Analisi numerica MODULO d P. Baroncini - E.

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE 14/15 SETTEMBRE 2010. AREA DISCIPLINARE: Matematica MATERIA Calcolo delle Probabilità-Statistica-Ricerca Operativa

COORDINAMENTO PER MATERIE 14/15 SETTEMBRE 2010. AREA DISCIPLINARE: Matematica MATERIA Calcolo delle Probabilità-Statistica-Ricerca Operativa COORDINAMENTO PER MATERIE 14/15 SETTEMBRE 2010 AREA DISCIPLINARE: Matematica MATERIA Calcolo delle Probabilità-Statistica-Ricerca Operativa COORDINATORE Ranzani Sono presenti i proff. P Ranzani (coordinatore),

Dettagli

Introduzione al calcolo delle probabilità: concetti e risultati preliminari

Introduzione al calcolo delle probabilità: concetti e risultati preliminari Capitolo 1 Introduzione al calcolo delle probabilità: concetti e risultati preliminari 1.1 Il ragionamento probabilistico Il ragionamento probabilistico è un tipo di ragionamento di tipo induttivo, anzichè

Dettagli

Facoltà di Economia. Anno Accademico 2009-2010 - Programma del Corso. Matematica Generale (PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO)

Facoltà di Economia. Anno Accademico 2009-2010 - Programma del Corso. Matematica Generale (PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO) Insegnamento Docente Corso di Laurea CFU 8 Lingua di Insegnamento Italiano Semestre di svolgimento Primo Tipologia Fondamentale SSD SECS-S/06 Codice di Ateneo Anno di Corso Primo Matematica Generale (PROGRAMMA

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Francesco De Sarlo Via Sant Antuono 192-0973/21034 - C.F. 83000510764 PZIS001007 85042 - LAGONEGRO PZ PZPM00101P IST. MAG. LAGONEGRO - PZPS00101N LIC. SC. LAGONEGRO

Dettagli

Metodi Statistici di Controllo della Qualità Prof. Paolo Cozzucoli

Metodi Statistici di Controllo della Qualità Prof. Paolo Cozzucoli Programma dell insegnamento di Metodi Statistici di Controllo della Qualità Prof. Paolo Cozzucoli Corso di Laurea in Metodi Quantitativi per l Economia e la Gestione delle Aziende A.A. 2007-08 Disciplina

Dettagli

Prefazione all edizione originale. Prefazione all edizione italiana

Prefazione all edizione originale. Prefazione all edizione italiana Indice Prefazione all edizione originale Prefazione all edizione italiana xiii xv 1 Il miglioramento della qualità nel moderno ambiente produttivo 1 1.1 Significato dei termini qualità e miglioramento

Dettagli

Proprietà metriche di R. Funzioni da R in R. Funzioni continue da R in R. Limiti di funzioni da R in R.

Proprietà metriche di R. Funzioni da R in R. Funzioni continue da R in R. Limiti di funzioni da R in R. Università di Trieste - Facoltà d'ingegneria Corsi di Laurea in Ingegneria Chimica, Elettrica, Elettronica, dei Materiali Programma del corso di Analisi Matematica I Anno Accademico 1999-2000 Prof. Pierpaolo

Dettagli

CLASSI PRIME tecnico 4 ORE

CLASSI PRIME tecnico 4 ORE PIANO ANNUALE a.s. 2012/2013 CLASSI PRIME tecnico 4 ORE Settembre Ottobre Novembre dicembre dicembre gennaio- 15 aprile 15 aprile 15 maggio Somministrazione di test di ingresso. Insiemi numerici Operazioni

Dettagli

Calcolo delle probabilità

Calcolo delle probabilità Calcolo delle probabilità Il calcolo delle probabilità ha avuto origine nel Seicento in riferimento a questioni legate al gioco d azzardo e alle scommesse. Oggi trova tante applicazioni in ambiti anche

Dettagli

PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015

PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015 MATERIA: MATEMATICA APPLICATA CORSO: INTERO CORSO 1. obiettivi didattici 2. contenuti 3. metodi e strumenti 4. criteri di valutazione CLASSE PRIMA 1.OBIETTIVI DIDATTICI Gli

Dettagli

Il calcolo delle probabilità

Il calcolo delle probabilità Il calcolo delle probabilità Cenni storici Come in molti altri casi, anche l'individuazione di una data precisa per la collocazione della nascita della teoria della probabilità non ha soluzione univoca.

Dettagli

M i n i s t e r o d e l l a P u b b l i c a I s t r u z i o n e ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE

M i n i s t e r o d e l l a P u b b l i c a I s t r u z i o n e ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA CLASSI QUINTE TECNICO DEI SERVIZI SOCIO SANITARI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1 FINALITÀ OBIETTIVI E COMPETENZE DELLA DISCIPLINA Il docente di Matematica concorre

Dettagli

sezioni incluso Espandi tutto 0. Elementi di matematica elementare (parzialmente incluso) Sezione 0.1: I numeri reali Sezione 0.2: Regole algebriche.

sezioni incluso Espandi tutto 0. Elementi di matematica elementare (parzialmente incluso) Sezione 0.1: I numeri reali Sezione 0.2: Regole algebriche. sezioni incluso Espandi tutto 0. Elementi di matematica elementare (parzialmente incluso) Sezione 0.1: I numeri reali Sezione 0.2: Regole algebriche. Potenze e percentuali Sezione 0.3: Disuguaglianze Sezione

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2014

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2014 Pagina 1 di 8 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2014 AREA DISCIPLINARE [ ] Biennio, Attività e Insegnamenti di area generale (Settore Tecnologico) [ ] Biennio, Attività e Insegnamenti obbligatori di

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO MATEMATICA

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO MATEMATICA PROFILO GENERALE E COMPETENZE Al termine del percorso liceale lo studente dovrà padroneggiare i principali concetti e metodi di base della matematica, sia aventi valore intrinseco

Dettagli

Facciamo qualche precisazione

Facciamo qualche precisazione Abbiamo introdotto alcuni indici statistici (di posizione, di variabilità e di forma) ottenibili da Excel con la funzione Riepilogo Statistiche Facciamo qualche precisazione Al fine della partecipazione

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO MATERIA: MATEMATICA ANNO SCOLASTICO: 2014-2015 PROF: MASSIMO BANFI

Dettagli

Corso di laurea in STATISTICA, AZIENDA ED ASSICURAZIONI Classe di Laurea L-41 Statistica

Corso di laurea in STATISTICA, AZIENDA ED ASSICURAZIONI Classe di Laurea L-41 Statistica Corso di laurea in STATISTICA, AZIENDA ED ASSICURAZIONI Classe di Laurea L-41 Statistica Nome inglese del Corso STATISTICS FOR BUSINESS AND INSURANCE Ordinamento D.M. 270/2004 Codice Classe di Corso Sede

Dettagli

La Funzione Caratteristica di una Variabile Aleatoria

La Funzione Caratteristica di una Variabile Aleatoria La Funzione Caratteristica di una Variabile Aleatoria La funzione caratteristica Φ densità di probabilità è f + Φ ω = ω di una v.a., la cui x, è definita come: jωx f x e dx E e j ω Φ ω = 1 La Funzione

Dettagli

MATEMATICA TRIENNIO CORSO TURISTICO, AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING, SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

MATEMATICA TRIENNIO CORSO TURISTICO, AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING, SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI MATEMATICA TRIENNIO CORSO TURISTICO, AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING, SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Obiettivi del triennio: ; elaborando opportune soluzioni; 3) utilizzare le reti e gli strumenti informatici

Dettagli

Calcolo delle probabilità (riassunto veloce) Laboratorio di Bioinformatica Corso A aa 2005-2006

Calcolo delle probabilità (riassunto veloce) Laboratorio di Bioinformatica Corso A aa 2005-2006 Calcolo delle probabilità riassunto veloce Laboratorio di Bioinformatica Corso aa 2005-2006 Teoria assiomatica della probabilità S = spazio campionario = insieme di tutti i possibili esiti di un esperimento

Dettagli

PROVE D'ESAME DI CPS A.A. 2009/2010. 0 altrimenti.

PROVE D'ESAME DI CPS A.A. 2009/2010. 0 altrimenti. PROVE D'ESAME DI CPS A.A. 009/00 0/06/00 () (4pt) Olimpiadi, nale dei 00m maschili, 8 nalisti. Si sa che i 4 atleti nelle corsie centrali hanno probabilità di correre in meno di 0 secondi. I 4 atleti delle

Dettagli

Sperimentazione di un curricolo di matematica per il Liceo delle Scienze sociali

Sperimentazione di un curricolo di matematica per il Liceo delle Scienze sociali Sperimentazione di un curricolo di matematica per il Liceo delle Scienze sociali Antonella Fatai Istituto Giovanni da San Giovanni Liceo delle Scienze sociali San Giovanni Valdarno (AR) Guido Boschini

Dettagli

Teoria della probabilità Assiomi e teoremi

Teoria della probabilità Assiomi e teoremi Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Teoria della probabilità Assiomi e teoremi A.A. 2008-09 Alberto Perotti DELEN-DAUIN Esperimento casuale Esperimento

Dettagli

Maurizio Rinaldi. 18 settembre 2015

Maurizio Rinaldi. 18 settembre 2015 Dipartimento di Scienze del Farmaco Corso di Laurea in Farmacia Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Corso di Matematica e Statistica A.A. 2015/2016 Maurizio Rinaldi 18 settembre 2015

Dettagli

Statistica e Modelli Stocastici

Statistica e Modelli Stocastici Statistica e Modelli Stocastici Modulo n.1 - Statistica Prof. Alessandro Fassò alessandro.fasso@unibg.it CdL: Ing.Informatica aa 2011/12 Parte 1a - Probabilità generale p.1 Introduzione Decisioni in condizioni

Dettagli