In caso di derivati. Maria Elena De Giuli, Mario Alessandro Maggi, Umberto Magnani, Eduardo Rossi. 25 Febbraio 2002 (release der27.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "In caso di derivati. Maria Elena De Giuli, Mario Alessandro Maggi, Umberto Magnani, Eduardo Rossi. 25 Febbraio 2002 (release der27."

Transcript

1 In caso di derivati Maria Elena De Giuli, Mario Alessandro Maggi, Umberto Magnani, Eduardo Rossi 25 Febbraio 2002 (release der27.tex)

2 ii

3 Indice Prefazione xi 1 Introduzione Storia brevissima degli ultimi 30 anni Unesercizio Il modello binomiale Ilmodellomono-periodale Ilmodello Portafogliearbitraggio Derivatielorovalutazione Unesercizio Ilmodellomulti-periodale Ilmodello Portafogliearbitraggio Derivatielorovalutazione Unesercizio Postilla Calcolo stocastico in pillole Introduzione Informazione IntegralediItô Martingale LaformuladiItô LaformuladiItôinformaintegrale LaformuladiItômulti-dimensionale Primavariante Seconda Eds e Edp Introduzione Motobrownianogeometrico iii

4 iv Indice 4.3 Eds eteoremadifeynman-kač Derivati a tempo continuo Portafogli auto-finanzianti Portafoglirelativi Derivatiearbitraggio Il modello B & S: le basi IlmodelloB&S IlmodelloB&Sgeneralizzato Problemi di completezza Completezza del mercato Completezza del modello b&s Valutazioneneutralerispettoalrischio BlackeScholesscendonodalpero Iconti Laformulapratica Programmi freeware Opzioni e effettoleva Il modello B & S: complementi Introduzione Principiodilinearitàdellevalutazioni Volatilità Volatilitàstorica Volatilitàimplicita Superficidivolatilità Volatilitàstocastica I greci Cosasono Delta- e gamma-hedging Relazione di parità put-call Copertura statica (buy and hold) edinamica Criticheedestensioni Attentiallescorciatoie! Copertura dinamica e costi di transazione Linearitàaddio? Sono tutti price-taker? Incertezzaneiparametri Volatilitàincerta Coperturastaticaottimale Unesercizio Wienernonbasta

5 Indice v Reti neurali artificiali Opzioni con dividendi, su valute e su merci Opzionicondividendi Dividendicontinui Dividendidiscreti Opzionisuvalute Opzionisumerci Alla fiera dei derivati Opzionibinarie Opzioni leaps e flex Portafoglidiopzionieuropee Portafogli spread Portafogli straddle e strangle Altrianimalidellozoo Warrant ebondconvertibili(rinvio) Opzioniamericane(inpillole) Call americana: meglio viva o morta? Quando uccidere una put americana e perché Opzioniesotiche Forward e futures (cenni) Forward Futures Opzione su un futures Derivati su più beni Introduzione Valutazione Copertura Mercati incompleti Un attivitàsottostantenontrattata Piùattivitàsottostantinontrattate Applicazioni di interesse aziendale Alcuniderivatisuitassi Introduzione Contratti cap, floor, collar Mutui a tasso variabile con opzione cap Swaption suitassi Contratti equity linked Applicazioni di Corporate Finance

6 vi Indice Avvertenze Valutazionediun impresa Warrant Bond convertibili Opzionireali Il valore dell impresa: un rompicapo? Pattinaggio sul ghiaccio sottile Misuraegestionedelrischio Il VaR: value at risk Il sistema RiskMetrics TM Il sistema CreditMetrics TM In caso di crash: laregola di platino CrashMetrics TM Modelli sui tassi di interesse Notazionieipotesidibase Lastrutturaaterminedeitassi Introduzione Inunmondoincerto Modellisulmercatodeibond Modellisultassoprivodirischio Modellidimartingalasultassoprivodirischio Introduzione Stimadeiparametri Strutture a termine affini Alcunimodellistandard Modellisultassoistantaneoforward LastrutturadiHeath-Jarrow-Morton Le condizioni sul drift nel modello a martingala Richiami assortiti (strumenti) Richiamidialgebralineare Confronti tra vettori Teoremidell alternativalineari Richiamidicalcolointegrale IntegralediRiemann-Stiltjes Teorema di derivazione sotto il segno di integrale Richiami sulle equazioni differenziali EDO EDP RichiamidiCalcolodelleProbabilità Teoriadegliinsiemieprobabilità Assiomi

7 Indice vii Misureequivalenti Variabilialeatorie Indicatori (valore atteso, quantili, momenti) Alcunev.a.notevoli Indipendenzastocastica Correlazione Probabilitàcondizionate Valore atteso condizionato Informazione e valore atteso condizionato Convergenze di successioni di v.a Legge forte dei grandi numeri Processistocastici Processimarkoviani IlprocessodiPoisson Martingale Richiami assortiti (applicazioni) Free lunch e asset pricing Portafoglidisuper-replica Tassiatermine Leggi di capitalizzazione ad una variabile Leggiapiùvariabili Leggi a 2 variabili Leggi a 3 variabili Tassi e intensità forward (atermine) Duration eimmunizzazione Immunizzazione La duration La convexity Immunizzazione locale e convexity Portafoglio di copertura (caso di una uscita) Portafoglio di copertura (caso di più uscite) Il caso di struttura dei tassi non piatta Varieedeventuali

8 .

9 afulvioericcardo Maria Elena alla mia nonna Mary Mario a Giugia, Macho e Ñello Umberto a Maddalena Eduardo

10

11 Fortunately, we think, there is no contradiction in the field of investments between the pursuit of truth and the pursuit of money. (Z. Bodie, A. Kane, A.J. Marcus, Investments, Irwin, 1993, p. v) Prefazione Questo volume rielabora alcune dispense preparate per i corsi di Economia dei mercati monetari e finanziari, Matematica Finanziaria, Matematica per l Economia, Matematica per le decisioni della Finanza Aziendale e Modelli matematici per i mercati finanziari, che abbiamo tenuto negli ultimi anni. I principali testi di riferimento usati nei corsi sono i manuali di Björk [9] e di Wilmott [53] (ai quali dobbiamo davvero molto), integrati in alcune parti coi testi [7], [42], [52] e con altro materiale. Al pari di quella più ampia della Finanza Matematica, l area dei prodotti derivati ha assunto da tempo le caratteristiche tipiche di un area vulcanica che si sta espandendo. Abbiamo fatto del nostro meglio per renderne conto, sia pur restando entro dimensioni ragionevoli, ma dobbiamo riconoscere che questo volume presenta parecchie lacune: alcuni argomenti, anche oramai classici, sono trattati in modo superficiale e sbrigativo, altri addirittura mancano del tutto. In diversi punti traspare un nostro preconcetto, quello che ci vede convinti da un lato che la Matematica sia uno strumento formidabile per fornire una chiave di lettura insostituibile nell analisi dei derivati, ma dall altro che soltanto l integrazione con gli altri corsi della Facoltà possa fornire una visione un po più completa. Il livello della Matematica che qui usiamo è piuttosto basso e informale, al punto che spesso abbiamo preferito rinunciare a dimostrazioni vere e proprie, ripiegando sul cosiddetto approccio euristico, soffice oggetto mai definito con precisione ma dal nome rassicurante. Non potendo prevedere, a monte dei corsi indicati, la frequenza ad un corso di Calcolo delle Probabilità, abbiamo dovuto fare di necessità virtù. In altre parole, ci siamo dati da fare per rendere minimo il ricorso a nozioni non proprio terra-terra di teoria della misura. Il compromessocheneèuscitoèdavvero discutibile, tant è che ci stiamo già ripensando. I necessari richiami di Calcolo delle Probabilità sono raccolti nel capitolo 14, che è bene leggersi per primo e che contiene pure un paragrafo sui teoremi dell alternativa lineare e uno stringatissimo riferimento alle equazioni differenziali ordinarie e alle derivate parziali. AglielementidiCalcoloStocastico (sia pure in pillole ) è dedicato il capitolo 3. Il capitolo 15 gestisce alcune applicazioni di algebra lineare (teorema fondamentaledell assetpricingeportafoglidisuper-replica)erichiamacose xi

12 xii Prefazione standard di Matematica Finanziaria classica (leggi di capitalizzazione a più variabili, duration e immunizzazione classica). Occorre aggiungere qualcosa sulla notazione che abbiamo utilizzato. Purtroppo la letteratura sui derivati, quasi tutta in inglese, si è scelta molti termini e simboli tutti suoi. Anche se alcuni li giudicano qua e là demenziali e vagamente terroristici (una specie di barriera all entrata, antipatica proprio perché inutile), allontanarsene in modo radicale avrebbe rischiato di produrre un esito paradossale: quello di creare poi serie difficoltà allo Studente che questo è il nostro augurio si mette a leggere testi originali. Dunque anche sulla notazione e sui termini abbiamo dovuto adottare un compromesso, che comprende pure la non-traduzione in Italiano di alcuni termini standard. Anche se siamo in quattro, abbiamo preferito mettere sempre i verbi al singolare: questa forma ci è parsa più immediata, perciò preferibile dal punto di vista didattico. Siamo persone moderatamente intelligenti, dunque senz altro abbiamo infarcito il nostro prodotto con una infinità numerabile di errori di vario tipo 1. Pagheremo volentieri da bere a tutti coloro che vorranno segnalarcene qualcuno 2. Per risparmiare spazio abbiamo usato molte abbreviazioni, soprattutto quelle riassunte nella tabella che segue. Pavia, Febbraio 2002 (M.E. De Giuli, M.A. Maggi, U. Magnani, E. Rossi) Abbreviazioni più comuni arb.free arbitrage free b&s Black e Scholes cb coupon bond (titolo con cedole) E valor medio (o atteso) ed equazione differenziale edo ed ordinaria edp ed alle derivate parziali eds ed stocastica paf portafoglio auto-finanziante P probabilità p.s. processo stocastico v.a. variabile aleatoria zcb zero coupon bond., (virgola nei decimali) 1 IltestoèstatocompostodanoiconScientific WorkPlace Sono già creditori di una bevuta moltissimi Studenti dei corsi sopra indicati presso le Facoltà di Economia delle Università di Pavia e dell Insubria (sede di Varese), nonché di Scienze mfn, Corso di laurea in Matematica, Università del Piemonte Orientale (sede di Alessandria).

13 Unfortunately, as the mathematics of finance reaches higher levels so the level of common sense seems to drop. (P. Wilmott, [54], p. 1) Capitolo 1 Introduzione 1.1 Storia brevissima degli ultimi 30 anni I cosiddetti prodotti derivati sono particolari contratti finanziari i cui effetti alla scadenza finale dipendono dal valore, ignoto in partenza, che a quell istante avranno altri oggetti (attività finanziarie o beni di altra natura). Il derivato più classico è l opzione call: pagando subito il relativo prezzo di acquisto, essa conferisce il diritto (ma non il dovere) di acquistare ad una certa scadenza futura un bene, in quantità e qualità ben precise, ad un prezzo prefissato. I derivati più semplici sono vecchi come il Cucco 1. Il mercato dei derivati è letteralmente esploso a partire dagli anni 70, raggiungendo dimensioni paurose, tant è che le transazioni nel 2000 del mercato mondiale dei derivati sono state stimate sui miliardi di $ usa. Questa esplosione può essere vista anche come effetto dei grossi cambiamenti economici avvenuti proprio in quegli anni. Dal dopoguerra alla fine degli anni 60 gli investitori alla ricerca della sicurezza trovavano nei titoli a reddito fisso un vero e proprio impiego senza rischio: la stabilità dei tassi di interesse non provocava variazioni significative dei corsi di quei titoli. Invece, a partire dalla fine degli anni 60 e, peggio ancora, nei primi anni 70, le cose cambiarono. Senza perderci in dettagli, quegli anni furono caratterizzati da un aumento enorme dell incertezza sul futuro, anche a causa della delicata situazione politica internazionale. Il maggior rischio presente sui mercati, combinato con l aumento 1 Forse il caso più antico risale al 1700 circa a.c.. Nella Genesi si racconta di come Giacobbe acquistò un opzione che gli dava il diritto, ma non il dovere, di sposare Rachele, figlia di Labano. Gli costò l equivalente di circa 7 anni di lavoro. Ma le cose andarono storte e Giacobbe fu obbligato da Labano a sposare Lia, sorella maggiore di Rachele. Non contento, più tardi acquistò, allo stesso prezzo, un altra opzione (ma forse era un contratto forward), che gli consentì di sposare finalmente Rachele. Così si ritrovò con: due mogli, qualche tensione in famiglia, e 12 figli, che diventarono i patriarchi delle 12 tribù di Israele. Queste notizie escono da un saggio di Chance ([14]) sulla storia dei derivati. 1

14 2 Capitolo 1. Introduzione del ricorso di molti Stati al debito pubblico e con l inflazione galoppante 2,hanno prodotto, oltre che l aumento dei tassi di interesse, una grande instabilità generale. Le quotazioni dei titoli sono divenute estremamente volatili ed anche i titoli a reddito fisso hanno visto fluttuare i loro corsi, diventando anch essi investimenti in qualche modo rischiosi. Poiché gli investitori che odiano il rischio non erano invece scomparsi, si è generata una forte domanda sul mercato di strumenti in grado di eliminare o di meglio gestire il rischio dei portafogli, cioè i prodotti derivati. Proprio per questo sono nati e cresciuti veri e propri mercati di copertura organizzati e regolamentati. La prima Borsa specializzata in derivati fu aperta a Chicago nel 73 (la cboe: Chicago Board Options Exchange). Quest anno vide anche la pubblicazione del più noto saggio sui derivati. Si tratta di un articolo di F. Black e M. Scholes [11] apparso, con almeno 4 anni di ritardo e dopo vari rifiuti da parte di riviste specializzate, sul Journal of Political Economy, rivista di grosso prestigio ma forse un po eccentrica rispetto a quelle cose. Non molto meglio andò al saggio di R.C. Merton [36], anch esso di quell anno. I due saggi ponevano finalmente su basi razionali il problema della corretta valutazione del prezzo di un opzione assumendo, tra l altro, l ipotesi che non esistessero possibilità di arbitraggio, cioè in grado di garantire un profitto senza esporsi a qualche rischio. In particolare, il contributo di Black e Scholes, che è il più noto, definiva una precisa strategia per replicare l opzione, cioè per costruire un portafoglio che in ogni caso riproduceva perfettamente gli effetti dell opzione, quindi identificava il prezzo del derivato semplicemente nel costo necessario per formare questo portafoglio. Il problema veniva poi ricondotto alla soluzione di una edp (equazione alle derivate parziali), soluzione riassunta in una formula esplicita, di interesse pratico immediato perché di facile calcolo. Quei due saggi ebbero vita dura anche dopo la loro pubblicazione, poiché le regole pratiche di valutazione che essi proponevano erano in grave contrasto con la prassi corrente e con le credenze più popolari presso gli operatori. Tuttavia la portata di quei contributi fu poi riconosciuta e dalla metà degli anni 70, in parallelo con l esplosione del mercato dei derivati, è iniziata una vera e propria fioritura di studi matematici specializzati per la valutazione dei derivati e per il loro impiego nella copertura di rischi finanziari. Nel 97 fu conferito il premio Nobel a Scholes (Black era deceduto due anni prima) ed a Merton. Oggi quest area di studi ha persino nomi propri (Finanza Matematica, Ingegneria Finanziaria, ecc.) e da parecchi anni i suoi risultati fondamentali sono ormai diventati standard nella didattica di base di molte Facoltà di Economia e similari. Negli anni 80, mentre da un lato si è cercato di adattare il modello originale di Black, Scholes e Merton all analisi dei derivati non standard (come 2 I corsi di Economia Politica e di Politica Economica forniscono un analisi accurata di questi fattori, tra loro intimamente legati.

15 1.2. Un esercizio 3 quelli sui tassi di interesse), dall altro è emerso pian piano uno sforzo di seria revisione critica delle diverse ipotesi del modello. Negli anni 90 (è ovvio che questa temporizzazione è soltanto di comodo), accanto ad un crescente livello di sofisticazione nella modellistica, questo sforzo è diventato sistematico ed ha condotto a una revisione dei fondamenti stessi della disciplina. Sono infatti emerse alcune nuove proposte per gestire in modo più realistico l incertezza, specialmente quella che emerge nei periodi anomali di crollo dei mercati, mediante una modellistica più povera nelle ipotesi ma più realistica nelle raccomandazioni operative. A questo richiamo verso il realismo hanno contribuito anche alcune esperienze concrete di veri e propri crolli di Società per la gestione di derivati condotte con incredibile leggerezza: l ultimo grosso esempio è il crollo della americana ltcm (Long-Term Capital Management) nel Settembre 98. Si è anche fatto strada il sospetto che molti tra coloro che acquistano, vendono e gestiscono derivati non sappiano bene che cosa hanno in mano e preferiscano fidarsi di modelli elaborati che non capiscono: un esempio quasi perfetto di abuso e misuso della Matematica, della Statistica e del Calcolo delle Probabilità. Oggi come oggi, il futuro dei mercati finanziari è davvero incerto e pieno di pericoli e il ruolo di quelle discipline diventerà sempre più delicato. È bene associarsi all augurio di P. Wilmott ([54], p. 11): Il buon senso comune ritornerà, sostituendo la fiducia cieca nei modelli matematici. 1.2 Un esercizio Prima di introdurre qualche apparato teorico è utile mettere subito le mani in un problema che illustra l uso di strumenti derivati. Costruisco quindi un esempio, simile ad un altro proposto in [9]. Sono un impresa che all epoca futura T =3mesi da oggi dovrà pagare ad un fornitore estero $ usa, da comprare spendendo C (Euro), correndo così un rischio di cambio. Oggi il cambio è 0.90 $ per1 C. Hoqueste3 strade: Compro oggi $ spendendo /0.9 ' C, poi lascio questi $ in un conto bancario fruttifero. Vantaggi: via il dente, via il dolore. Svantaggi: congelo un sacco di soldi, di cui oggi magari non dispongo; inoltre rischio di mangiarmi le mani tra 3 mesi se il cambio salirà sopra la quotazione odierma Firmo un contratto forward per l acquisto di $ tra 3 mesi: è un contratto con consegna e pagamento differiti, col quale mi garantisco oggi di comprare tra 3 mesi quanto mi serve, a un prezzo pattuito fin d ora (prezzo forward). Vantaggi: metto le mani avanti senza avere oggi alcun esborso di denaro, né per acquistare valuta, né per sottoscrivere il forward, che infatti oggi non mi costa nulla. Svantaggi: è vero che non

16 4 Capitolo 1. Introduzione pago nulla oggi, però mi vincolo troppo e magari domani mi mangio le mani se il $ scende. Pagando oggi il relativo prezzo, detto premio, divento detentore (holder, titolare) di una opzione call: è un contratto nel quale si fissa oggi un prezzo K (prezzo di esercizio, strike price 3 ) al quale acquisterò dalla mia controparte $ tra T = 3 mesi (data di esercizio, expiration date, maturity), ma solo se mi converrà, cioè solo se a T la quotazione del $ sarà sopra K, mentre in caso contrario acquisterò quanto mi serve direttamente sul mercato e pagando a T il cosiddetto prezzo spot (prezzo apronti) che in quel momento troverò. Vantaggi: la call mi conferisce diritti ma non doveri (eserciterò l opzione se mi converrà, altrimenti la abbandonerò) e soprattutto mi assicura contro una quotazione futura del $superioreak; sesonosfortunato,lamiaperditasilimitaalpremio che oggi pago, mentre il mio profitto futuro è potenzialmente illimitato. Svantaggi: come tutte le cose utili, l opzione oggi mi costa, tanto più quanto più basso è K. La mia controparte nell opzione call che detengo è detta writer o sottoscrittore (difatti la firma, come fosse una cambiale). Esiste anche l opzione simmetrica alla call: è l opzione put, che conferisce il diritto, ma non il dovere, di vendere a T una prefissata quantità di un ben preciso bene ad un prezzo di esercizio K prefissato. Le opzioni call e put di cui parlo sono dette opzioni europee, perché si possono esercitare solo alla scadenza T,quelle americane invece si possono esercitare anche prima di T. Non è vero che le europee/americane si trattano solo in Europa/usa. Il bene (il dollaro usa nel mio esempio) al quale si riferisce l opzione call è detto bene sottostante (o principale, o sul quale è scritta l opzione). L opzione è un prodotto finanziario derivato, in breve: è un derivato, perché deriva il proprio valore, perciò il proprio prezzo, da quello del bene sottostante; in particolare, alla scadenza finale T il flusso di cassa T 0 (pay-off )prodottodal derivato dipende dal prezzo di mercato a T del sottostante 4. In questo senso si suole dire che il detentore di un opzione è titolare di un diritto futuro di tipo aleatorio (stochastic claim, contingent claim). Sui mercati sono trattate opzioni sui beni più vari ($ usa come nell esempio, ma anche fieno, petrolio, quarti di manzo, metalli, bottiglie di Brunello di Montalcino, azioni ibm, ecc.: ce n è per tutti i gusti), con diverse date di esercizio T econdiversiprezzidieserciziok. Naturalmente occorre che il bene abbia qualità tipizzate in modo ben preciso e ampio mercato. In più, le quantità, i prezzi di esercizio e le date di esercizio sono piuttosto standardizzate (la 3 Alcuni lo chiamano prezzo del contratto, ma questo termine è fuorviante. 4 Il grafico del pay-off finale al variare del prezzo finale S T del sottostante sta a pag. 14.

17 1.2. Un esercizio 5 cosiddetta serie delledatenecomprendepocheefisse, di solito 3, 6 e 9 mesi), soprattutto per favorire la compravendita delle opzioni, a prezzi che vengono giornalmente quotati nelle Borse specializzate. Presso ognuna di queste esiste anche una stanza di compensazione (clearing house) per registrare i contratti e sveltirne la gestione. In particolare esso gestisce il deposito fruttifero (margine) che chi lavora con certi derivati (ad esempio i futures) deve versare a garanzia dei propri obblighi futuri, margine che va tenuto aggiornato sorvegliando giornalmente l andamento del prezzo del sottostante 5. Ovviamente, il detentore di un opzione call spera in cuor suo che il sottostante registri un rialzo di prezzo (si dice che è un toro ovvero bull), mentre il sottoscrittore spera in un ribasso (è un orso, ovverobear ). Visto che il guadagno o la perdita su una opzione sono legati non tanto al prezzo corrente del sottostante, quanto invece alle sue variazioni future, emerge una sorta di effetto leva di tutto rispetto. Esistono molti altri tipi di derivati oltre alle opzioni e per alcuni beni il mercato del derivato assume dimensioni addirittura più ampie di quello del sottostante e/o il derivato è più liquido del sottostante. Sono tutti prodotti di ingegneria finanziaria, all inizio usati a scopo assicurativo (nell esempio, coprirsi contro il rischio di cambio; questo scopo spiega l uso del termine premio, tipico dei contratti di assicurazione), poi sempre più spesso trattati a scopo speculativo vero e proprio. Nei mercati finanziari esistono infatti diversi animali: uno di questi è lo hedger, che si muove per coprire un rischio di qualche tipo (di cambio, nell esempio); un altro è lo speculatore, che si muove nella speranza di vincere una scommessa che egli fa sul futuro comportamento di qualche prezzo; un altro ancora è l arbitraggista (in inglese e francese arbitrageur: si tratta di un operatore astuto e ben informato), che cerca di entrare in più transazioni simultanee che gli garantiscano un profitto certo immediato. Ciascuno di questi personaggi svolge un ruolo essenziale per il corretto funzionamento di questa specie di ecosistema (come la gazzella, il leone e la iena in una savana): lo hedger desidera cedere un rischio e trova nello speculatore la sua controparte che lo assume, mentre l arbitraggista concorre per ottenere un mercato più liquido e più efficiente. Devo anche sottolineare che molti, lasciandosi ingannare dalle apparenze, sbagliano nel giudicare il mercato dei derivati 5 In Italia il mercato ufficiale dei derivati (idem: Italian Derivatives Market) funzionadal Novembre 1994, è gestito dalla BorsaItalianaSpAe tratta soprattutto derivati sull indice mib30 e sui principali titoli azionari. Il documento Covered Warrant, preparato dalla Consob (www.consob.it),èsempliceebenfatto,perciòlasualetturaèdavveroraccomandabile, specialmente per i non-esperti.

18 6 Capitolo 1. Introduzione alla stregua di un colossale gioco a somma zero, nel quale i profitti di qualcuno sono le perdite degli altri. In realtà, per usare una frase presa da uno dei migliori manuali di Finanza Matematica ([34], pag. x), si può tranquillamente affermare che la proliferazione degli strumenti finanziari derivati è stata ed è tuttora un fattore davvero importante per migliorare l efficienza di un intero sistema economico. L opzione è anche, per così dire, uno dei mattoni fondamentali coi quali costruire altri prodotti derivati più complessi. Per fissare le idee mi occuperò anzi tutto di determinare in modo razionale il prezzo di una call europea. Il concetto di opzione, intesa non come contratto di Borsa, ma come possibilità che si ha il diritto (ma non l obbligo) di sfruttare in futuro, è rilevante anche in varie discipline, ad esempio nella Teoria delle Decisioni e nella Finanza ed Economia Aziendale. Per avere un esempio, basta pensare alla possibilità di decidere subito la costruzione di uno stabile su un area fabbricabile di cui si dispone, oppure di venderla, oppure di tenerla ancora libera: si tratta di decisioni che vanno prese (anche) in rapporto all andamento dei prezzi correnti e futuri delle aree e dei fabbricati; oppure alla possibilità di attivare un impianto addizionale per soddisfare la domanda in periodi di punta, salvo poi disattivarlo. Situazioni di questo tipo sono modellizzabili proprio come particolari opzioni (dette opzioni reali), dove il sottostante è, ad esempio, il valore di un progetto economico-finanziario. Ancora: i semplici schemi per la valutazione di opzioni classiche si prestano per valutare le stesse componenti del capitale di un impresa, nonché titoli convertibili, warrant ed un ampia varietà di strumenti e contratti finanziari (mutui a tasso variabile, assicurazioni, swap sui tassi di interesse, contratti cap e floor, ecc.): ne parlerò nel cap. 12.

19 Non c è niente di più pratico di una buona teoria. (frase, assai amata dagli autori, attribuita a L. Boltzmann) Capitolo 2 Il modello binomiale Lo scopo di questo capitolo è: introdurre, all interno di un modellino molto semplice,iprincìpifondamentaliperlavalutazionediderivati. Traimodelli per valutare derivati, quello binomiale è il più semplice, perciò ha un buon interesse didattico. Comincio con una sua versione mignon nel par. 2.1, mentre la versione più completa la vedo nel par Quest ultima viene talvolta usata anche nella pratica, almeno in alcune varianti che comprendono riformulazioni ed affinamenti sulla strada di un maggior realismo. In entrambi i casi il principio fondamentale del modello binomiale, così come di tutti i cosiddetti modelli di arbitraggio, sta tutto nella seguente Brillante pensata: costruisco un portafoglio a) privo di rischio e che b) in ogni caso produrrà gli stessi effetti futuri del derivato; poi sfrutto l ipotesi di assenza di arbitraggio e impongo che il prezzo del derivato eguagli il costo di questoportafogliocheneriproduceglieffetti. 2.1 Il modello mono-periodale Il modello Ho 2 scadenze: t =0(oggi), t = T =1(tra un anno, diciamo domani ), e 2 beni: un bond (titolo di puro sconto, cioè bot, certificato di credito, buono o altro zcb; l importante è che il titolo abbia un tasso di interesse prefissato e che sia default-free, cioè che non ci siano rischi di insolvenza); una azione (in inglese: stock), 7

20 8 Capitolo 2. Il modello binomiale i cui prezzi indico così: B t = prezzo a t di un bond, S t = prezzo a t di un azione, 1. I prezzi dei 2 beni sono descritti da 2 distinti processi di prezzo. Quellodel bond è deterministico: ( B0 =1, B 1 =1+r, con r>0. B 0 =1vuol dire che mi riferisco a una lira investita a 0 nel bond. Potrei scegliere diversamente B 0 (per esempio, B 0 =1milione), ma non cambierebbe granché. r>0 è il tasso di interesse periodale (per esempio, annuo), fisso e deterministico, perché il bond è privo di rischio. Il processo di prezzo dell azione è invece stocastico, cioè aleatorio: S 0 > 0 (che conosco a t =0), ( S0 u, con P = p u > 0, S 1 = con p u + p d =1, 0 <d<u, S 0 d, con P = p d > 0, essendo u (dall inglese up =su)ed (da down = giù) i fattori di rialzo e di ribasso nel valore dell azione 2. Posso anche scrivere ( u, con P = pu, S 1 = S 0 Z,conZ = d, con P = p d, (2.1.1) e indicare con P =(p u,p d ) la distribuzione della v.a. Z. p u e p d sono dette probabilità effettive, (vere, reali, oggettive), cioè che davvero competono alla Z; perciò P è detta misura di probabilità effettiva (vera, reale, oggettiva). Si parla di modello binomiale perché Z è v.a.a 2 soli valori. Riassumo: bond: 1 1+r azione: S 0 % & S 0 u S 0 d 1 Se B t sta per il prezzo del bond (buono), buon senso vorrebbe che il prezzo dell azione si indicasse con A t, visto che azione comincia con la a. Seguendo una convenzione alla quale è vano opporsi, scrivo invece S t : in inglese azione si dice stock, parola che inizia con la lettera s e dappertutto così si scrive. 2 Attenzione: (i) questo u non va confuso col binomio di capitalizzazione u =(1+i) con i tasso unitario di interesse; (ii) questo d non va confuso col tasso unitario di sconto, né col simbolo di differenziale.

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni OPZIONI FORMAZIONE INDICE Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni 3 5 6 8 9 10 16 ATTENZIONE AI RISCHI: Prima di

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit.

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. http://www.borsaitaliana.it/borsa/azioni/scheda.html?isin=it0004781412&lang=en http://www.borsaitaliana.it/borsa/derivati/idem-stock-futures/lista.html?underlyingid=ucg&lang=en

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

10 ESEMPIO DI VALUTAZIONE IN BILANCIO DI UN OPZIONE

10 ESEMPIO DI VALUTAZIONE IN BILANCIO DI UN OPZIONE SOMMARIO 1 INTRODUZIONE ALLE OPZIONI 1.1 Teoria delle opzioni 1.2 Specifiche contrattuali delle opzioni su azioni 2 FORMALIZZAZIONI 3 PROPRIETA FONDAMENTALI DELLE OPZIONI SU AZIONI 3.1 Put-Call Parity

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo Luca Cappellina GRETA, Venezia Che cosa sono i futures. Il futures è un contratto che impegna ad acquistare o vendere, ad una data futura,

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 SERVIZIO SULLE OPZIONI SU AZIONI (ISOALPHA) 1. INTRODUZIONE Con la piattaforma T3 di Webank possono essere negoziate le Opzioni su Azioni (Isoalpha), contratti di opzione

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati 1.1.1. I titoli di capitale Acquistando titoli di capitale

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari. Operativitàin derivati. Marialaura Napoli

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari. Operativitàin derivati. Marialaura Napoli Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari Operativitàin derivati Marialaura Napoli 2 Agenda I contratti derivati nell attuale quadro normativo Novità introdotte dalla Dir. 2004/39 Le sedi

Dettagli

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Alessio Porretta Universita di Roma Tor Vergata Gli elementi tipici di un gioco: -un numero di agenti (o giocatori): 1,..., N -Un insieme di strategie

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI I. Disposizioni generali 1. Le presenti Regole di esecuzione delle istruzioni dei clienti riguardanti i contratti di compensazione delle differenze (CFD) e gli strumenti

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

Scelta sotto incertezza

Scelta sotto incertezza Scelta sotto incertezza 1. Introduzione Nei capitoli 1 e 2 della microeconomia standard si studia la scelta dei consumatori e dei produttori, che hanno un informazione perfetta sulle circostanze che caratterizzano

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore I principali prodotti derivati Elementi informativi di base Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice I - Premessa 3 II - Cosa sono i prodotti derivati 4 III - I principali prodotti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA ECONOMIA E FINANZA IL TRADING DI STRUMENTI DERIVATI. RELAZIONE DI STAGE PRESSO LA T4T. RELATORE: CH.MO PROF.

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Finanza Aziendale Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 1 Argomenti Decisioni di finanziamento e VAN Informazioni e

Dettagli

Unità 1. I Numeri Relativi

Unità 1. I Numeri Relativi Unità 1 I Numeri Relativi Allinizio della prima abbiamo introdotto i 0numeri 1 naturali: 2 3 4 5 6... E quattro operazioni basilari per operare con essi + : - : Ci siamo però accorti che la somma e la

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

GUIDA OPZIONI BINARIE

GUIDA OPZIONI BINARIE GUIDA OPZIONI BINARIE Cosa sono le opzioni binarie e come funziona il trading binario. Breve guida pratica: conviene fare trading online con le opzioni binarie o è una truffa? Quali sono i guadagni e quali

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Tipologie di strumenti finanziari

Tipologie di strumenti finanziari Tipologie di strumenti finanziari PRINCIPALI TIPOLOGIE DI STRUMENTI FINANZIARI: Azioni Obbligazioni ETF Opzioni 1 Azioni: definizione L azione è un titolo nominativo rappresentativo di una quota della

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATIVI

DOCUMENTI INFORMATIVI Sede sociale: Cortona, Via Guelfa, 4 Iscritta all albo delle Banche al n. matr. 506.6.0 Capitale sociale e riserve al 31/12/2013 32.044.372,37 i.v. Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di AREZZO

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15,

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, info@camponovoam.com La Gestione Patrimoniale Un felice connubio fra tradizione, tecnologia e

Dettagli

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale La Distribuzione Normale o Gaussiana è la distribuzione più importante ed utilizzata in tutta la statistica La curva delle frequenze della distribuzione Normale ha una forma caratteristica, simile ad una

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA Stefania Naddeo (anno accademico 4/5) INDICE PARTE PRIMA: STATISTICA DESCRITTIVA. DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA E FUNZIONE DI RIPARTIZIONE. VALORI CARATTERISTICI

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS 1 UTILITÀ Classicamente sinonimo di Desiderabilità Fisher (1930):... uno degli elementi che contribuiscono ad identificare la natura economica di un bene e sorge

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Ricerca non informata in uno spazio di stati

Ricerca non informata in uno spazio di stati Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Intelligenza Artificiale Paolo Salvaneschi A5_2 V2.4 Ricerca non informata in uno spazio di stati Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli

Dettagli

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 IL RISCHIO 1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 2.1 La volatilità storica... 4 2.2 Altri metodi di calcolo... 5 3 LA CORRELAZIONE..6 4 IL VALUE AT RISK....8 4.1 I metodi analitici... 9 4.2 La

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Se si insiste non si vince

Se si insiste non si vince Se si insiste non si vince Livello scolare: 2 biennio Abilità interessate Valutare la probabilità in diversi contesti problematici. Distinguere tra eventi indipendenti e non. Valutare criticamente le informazioni

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli