Teoria del Prospetto. 1) Auto interesse: non interagiamo (i.e. no preferenze sociali, no altruismo, ).

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Teoria del Prospetto. 1) Auto interesse: non interagiamo (i.e. no preferenze sociali, no altruismo, )."

Transcript

1 Teoria del Prospetto Nelle precedenti lezioni abbiamo visto che nell analisi del comportamento umano il paradigma standard ASSUME (in modo un po' eroico, ma per fini normativi) che l homo economicus sia caratterizzato, tra l altro, da: 1) Auto interesse: non interagiamo (i.e. no preferenze sociali, no altruismo, ). 2) Razionalità ottimizzante: non commettiamo errori sistematici. 3) Preferenze esogene e costanti: le nostre preferenze (cioè il movente delle nostre azioni/scelte/comportamenti) sono assolute, cioè sono indipendenti dal contesto nel quale si fanno le scelte: no tentazione, no avversione alle perdite, no effetto dotazione... Errori e Scelte: Informazioni e capacità cognitive perfette: normativamente dovremmo fare errori nulli (=scelte giuste). Però il Mondo è incerto e complesso: normativamente dovremmo fare errori oggettivamente minimi (=scelte razionali). Però l Uomo è fallibile: errori oggettivamente minimi < errori umani (=scelte umane) Studiando la violazione degli assiomi di razionalità, Kahneman e Tversky hanno proposto un modello volto a descrivere in modo più accurato le scelte reali delle persone. Alla fine, essi sono giunti alla cosiddetta Teoria del Prospetto (TP) che, in particolare, mostra che le preferenze non sono esogene ma dipendono dal contesto. M. Bovi Pag. 1

2 Kahneman è stato Premio Nobel per l Economia nel 2002 per avere integrato i risultati della ricerca psicologica nella scienza economica, specialmente in merito al giudizio umano e alla teoria delle decisioni in condizioni d'incertezza. Tversky morì nel Prospetto vuol dire guardare avanti e, in questa teoria, si può intendere come farsi un idea in anticipo. Il termine prospetto sostituisce il termine economico di lotteria, ma è stato scelto per sottolineare il carattere fortemente introspettivo con cui le alternative vengono immaginate e analizzate dagli agenti. La TP non è in contraddizione con la Teoria dell Utilità Attesa, ma punta ad integrarla: La Teoria dell Utilità Attesa fornisce un modello teorico relativo al modo in cui le persone dovrebbero comportarsi per prendere decisioni ottimali. La Teoria del Prospetto fornisce un modello teorico relativo ai processi decisionali reali che inducono le persone a prendere decisioni sub-ottimali. Di fatto, nel modello di Kahneman e Tversky (1979) la Teoria dell Utilità Attesa diviene il benchmark rispetto al quale giudicare la bontà delle scelte operate dalle persone. Tuttavia molto, troppo, spesso non si riesce a battere il benchmark. Un conto è come dovrebbe essere, un altro è com è. E la consueta abilità normativa dei modelli standard che, però, sono poco realistici. Detto ciò però, come visto nello studio dell'evasione fiscale, i modelli normativi danno comunque spunti interpretativi e consentono anche interessanti ipotesi di politica economica. M. Bovi Pag. 2

3 Il maggiore contributo della TP è di tenere conto di quattro aspetti della scelta che NON sono trattati in modo appropriato nel paradigma comportamentale convenzionale. 1. Il primo è il problema per cui le persone non valutano le decisioni di rischio secondo l ipotesi dell utilità attesa: sopravvalutiamo l importanza di eventi improbabili. 2. Il secondo riguarda la considerazione dell inquadramento (framing), cioè il fatto che risultati equivalenti siano trattati differentemente a seconda del modo in cui sono descritti o del contesto della decisione. 3. Il terzo è la reintroduzione di una misura concreta: l utilità edonistica realmente provata (actually experienced hedonic utility), che riprende un aspetto dell utilitarismo classico di Bentham. 4. Il quarto è lo sviluppo da parte della TP di una cornice concettuale per trattare la dipendenza dei comportamenti alle situazioni (situation-dependent behaviors). UN ALTRO ELEMENTO DI ROTTURA DELLA TP CON L ANALISI STANDARD E METODOLOGICO: Analisi standard: dagli assiomi alla funzione di utilità Analisi del Prospetto: dagli esperimenti alla funzione del valore D altronde, i proponenti della TP sono psicologi comportamentali e non economisti. M. Bovi Pag. 3

4 DIFETTI DELLA TP Un difetto di questa letteratura, svelato dall interpretazione in termini di avversione al rischio del problema dei rendimenti delle azioni, è che la dipendenza dal contesto è una rappresentazione incompleta delle preferenze: non spiega come evolvono le preferenze, ovvero come le preferenze si adattano dinamicamente alle nuove situazioni. Gli esperimenti mostrano che le situazioni inducono le preferenze (che, quindi, non sono un concetto primitivo); ma ci dicono poco sul processo di adattamento comportamentale ad una nuova situazione. Ad esempio, come ci si adatta a perdite sul mercato azionario? alla perdita della vista? alla nascita di un figlio? alla promozione in una posizione apicale?... Noi qui ci occuperemo solo della teoria del prospetto e non dell evoluzione delle preferenze. Ma è bene saperlo. M. Bovi Pag. 4

5 Scelte in condizioni di incertezza, rischio e psicologia MA, INSOMMA, COME PRENDIAMO LE NOSTRE DECISIONI IN REALTA? La teoria del prospetto dice che nelle scelte in condizioni di incertezza le persone hanno la tendenza a semplificare il più possibile la scelta in modo tale da risparmiare energie cognitive. In altre parole, le limitazioni cognitive (di memoria e di attenzione) rendono molto difficile fare le complesse operazioni necessarie per calcolare l utilità attesa. Un prospetto è la combinazione di tutti i possibili esiti di un alternativa e delle probabilità ad essi legate. Qualche definizione formale (notate la somiglianza con il modello dell UA): Prospetto X: (x1, p1;... ; xn, pn) dove p pn = 1 Esempio: Prospetto X: ( 100, 0.75; - 200, 0.25) Prospetto X: (vinco 100 con prob. 0.75; perdo 200 con prob. 0.25) Il prospetto privo di rischio che offre la certezza di ottenere x si indica con (x). Cioè, la probabilità pari a 1 non si scrive. M. Bovi Pag. 5

6 Le due fasi del processo decisionale La Teoria del Prospetto distingue due fasi del processo di scelta: Fase di «Editing» Si tratta di un analisi preliminare delle alternative che porta ad una visione semplificata dei prospetti disponibili. Fase di «Valutazione» Le versioni semplificate dei prospetti che emergono dalla fase di editing vengono valutati e viene scelto quello con il valore più elevato. Da qui in avanti vi offro evidenze risultanti da numerosi esperimenti ripetuti da molti ricercatori. M. Bovi Pag. 6

7 La fase di «Editing» L analisi preliminare dei prospetti viene fatta, per lo più, a livello inconsapevole e utilizza una gamma piuttosto ampia di operazioni mentali di semplificazione. Le principali operazioni di editing sono le seguenti: 1. Codifica 2. Combinazione 3. Cancellazione 4. Semplificazione 5. Riconoscimento della Dominanza M. Bovi Pag. 7

8 1. Codifica I risultati offerti da un prospetto vengono codificati in base ad un punto di riferimento («stanno al di sopra? Bene, sono positivi...!»; «stanno al di sotto? sono negativi...»). Le persone si rappresentano gli esiti offerti da un prospetto in termini di guadagni o perdite rispetto alla loro condizione al momento della decisione (oppure rispetto a qualche altro benchmark che vorrebbero raggiungere). Da un punto di vista economico un investitore dovrebbe sempre considerare un guadagno di 3000 come positivo. In realtà, un guadagno di 3000 poterebbe essere considerato come un risultato negativo se l obiettivo (punto di riferimento) era quello di ottenere M. Bovi Pag. 8

9 2. Combinazione Analisi di un singolo prospetto. Utilizzando questa operazione l agente combina esiti che sono tra loro identici come entità, ma differenti in termini di probabilità di realizzarsi. Esempio: Prospetto Y: ( 100, 0.25; - 200, 0.3; 100, 0.45) L esito 100 potrebbe essere combinato come nel seguente che è mentalmente più semplice: Prospetto Y : ( 100, 0.7; - 200, 0.3) Problema: certe volte il prospetto filtrato dalla nostra mente potrebbe non essere identico a quello oggettivamente propostoci. M. Bovi Pag. 9

10 3. Cancellazione Confronto tra più prospetti. Per semplificare la scelta tra più prospetti i decisori potrebbero cancellare le componenti che sono comuni a tutti i prospetti: Esempio, se la scelta è tra i prospetti A e B: Prospetto A: ( 1000, 0.25; - 100, 0.75) Prospetto B: ( 1000, 0.1; 500, 0.4; - 200, 0.5) La scelta potrebbe essere semplificata nel modo seguente (si sottrae la prob. di 1000 ): Prospetto A : ( 1000, 0.15; - 100, 0.75) Prospetto B : ( 500, 0.4; - 200, 0.5) Entrambi i prospetti hanno ora il 90% di probabilità totale. Ma quelli prima e dopo l'intervento mentale non sono la stessa cosa. M. Bovi Pag. 10

11 4. Semplificazione Spesso i decisori semplificano gli elementi meno agevoli da valutare di un prospetto. Ad esempio, un tipo di semplificazione è quello di arrotondare il valore degli esiti e delle probabilità ad essi associate: Prospetto X: ( 199, 0.49; - 201, 0.49; - 100, 0.02) potrebbe essere semplificato/arrotondato come segue: Prospetto X : ( 200, 0.5; - 200, 0.5) In questo modo, però, un prospetto che inizialmente era oggettivamente, ancorché leggermente, svantaggioso viene ora psicologicamente percepito come neutrale: VA di X = 0 > VA di X = M. Bovi Pag. 11

12 5. Riconoscimento della Dominanza Questi concetti li studieremo meglio nelle lezioni sulla TdG. Strategia Dominante: è dominante poiché un giocatore può scegliere una mossa che gli garantisce un risultato migliore rispetto a quello di tutte le altre mosse, qualunque sia la scelta degli altri giocatori. Cioè, egli ottimizza i suoi risultati indipendentemente dalle scelte dell altro giocatore. Principio di Dominanza (D): D_1) Un giocatore non dovrebbe mai scegliere una strategia dominata da qualche altra sua strategia. D_2) Quindi, se un giocatore ha una strategia dominante, questa è la sua strategia ottimale. In base a (D_2), se un giocatore dispone di una strategia dominante allora dovrebbe adottarla, indipendentemente dalle sue opinioni su quello che farà l altro giocatore. In realtà siamo spesso ingannati dal modo in cui ci presentano le alternative: il nodo sta nel modo. Esempio tratto da Kanheman e Tverski: M. Bovi Pag. 12

13 Dobbiamo scegliere tra due lotterie: LOTTERIA A non vincere niente con il 90% di probabilità; vincere 45 euro con il 6% di probabilità; vincere 30 euro con l' 1% di probabilità; perdere 15 euro con il 3% di probabilità. Calcolate il VA. LOTTERIA B non vincere niente con il 90% di probabilità; vincere 45 euro con il 7% di probabilità; perdere 10 euro con l' 1% di probabilità; perdere 15 euro con il 2% di probabilità. Calcolate il VA. Si dovrebbe scegliere la lotteria B poiché ha un valore atteso (VA) pari a 2.65 che è superiore al valore atteso di A (che è pari a 2.55). Però nell'esperimento condotto da Tversky e Kahneman la maggioranza degli intervistati ha scelto la lotteria A. Perché? Perché psicologicamente si tende a dare più valore al fatto che nella lotteria A c è un numero maggiore di esiti positivi (due) rispetto che nella lotteria B (uno). Noi riconosciamo i rapporti di dominanza solamente quando sono espressi in modo esplicito: L apparenza inganna; la Forma certe volte ha la meglio sulla Sostanza. Confrontate quanto stiamo dicendo con l UA e, dopo averli fatti a lezione, con i principi della teoria dei giochi. M. Bovi Pag. 13

14 Fase di Editing: Considerazioni Conclusive Le operazioni di semplificazione possono essere applicate senza un ordine preciso a seconda delle informazioni su cui si concentra ogni decisore. Ciò crea un problema per la prevedibilità delle valutazioni (e conseguenti scelte) delle persone perché: L uso di una determinata azione di semplificazione potrebbe precludere l uso di un altra operazione di conseguenza l ordine con cui vengono utilizzate diventa fondamentale. Questo problema si presenta anche quando si propongono questionari alle persone: identiche domande possono dare risposte differenti semplicemente cambiando l ordine delle domande. Prima delle elezioni del 2008 sui giornali si leggeva: Sullo scandalo delle schede elettorali che portano gli elettori a sbagliare il voto, sollevato da Di Pietro e Berlusconi, Amato continua a dire: ''è tutto secondo la legge'', ''è tutto secondo la legge''. Da questo punto di vista la fase di editing è il momento fondamentale del processo di decisione. Molte delle strategie di ragionamento intuitivo nascono dall uso delle operazioni di semplificazione. In merito, però, la Teoria degli errori da scorciatoia (heuristics and biases) ci informa che le scorciatoie mentali i.e. le semplificazioni rendono gli errori inevitabili e persistenti. Questa Teoria merita qualche riga. M. Bovi Pag. 14

15 Teoria degli errori da scorciatoia (heuristics and biases) Piuttosto che accumulare un insieme ottimo di dati, gli individui spesso accettano acriticamente le informazioni che confermano le loro convinzioni e rifiutano di considerare quelle ad esse contrarie (hindsight bias, confirmation bias). Gli individui si fidano eccessivamente dei loro giudizi e tendono a basare questi ultimi su informazioni facilmente memorizzabili, senza considerare se le notizie disponibili siano effettivamente accurate (availability bias). L uso di particolari heuristics o scorciatoie mentali o metodi naif o regole del pollice - sono abbastanza efficaci in qualche occasione ma, dicono Kahneman e Tversky, queste scorciatoie producono delle distorsioni che fanno prendere decisioni sistematicamente sbagliate (biased=distorte). Il problema di procedere tramite heuristics è che: 1) Gli heuristics e quindi gli errori - sono persistenti. Gli individui possono persistere nei loro errori perché si auto convincono di essere nel giusto e/o perché non sono consapevoli di essere in errore. In ogni caso, il punto è che è inutile e fuorviante attendersi che le persone cambino idea sulla base del fatto che sbagliando si paga un prezzo. Le scorciatoie limitano il learning by doing. 2) Gli heuristics sono fenomeni diffusissimi. Cioè non sono escamotages isolati e infrequenti, ma piuttosto il loro uso è un modus pensandi radicalmente diffuso tra le persone. L errore è la regola, non l eccezione. 3) Gli heuristics sono applicati spessissimo. Si cercano scorciatoie anche per problemi previsivo/decisionali assolutamente normali e non solo quando i problemi sono particolarmente complessi e/o quando la base informativa deve essere necessariamente molto ampia. M. Bovi Pag. 15

16 La Fase di Valutazione Detto della fase di Editing, veniamo alla seconda fase del nostro processo decisionale come scoperto empiricamente dalla TP, quella della Valutazione. Nella fase di valutazione vengono messe a confronto le forme dei prospetti come precedentemente semplificate nella fase di Editing. La fase di valutazione si basa su due funzioni che le persone utilizzano per valutare, in modo soggettivo, gli esiti e le probabilità ad essi associate. 1. La funzione di Ponderazione delle probabilità. 2. La funzione del Valore. M. Bovi Pag. 16

17 1. La funzione di Ponderazione La funzione di ponderazione (peso/filtro soggettivo) mette in luce due aspetti fondamentali relativi alla percezione soggettiva delle probabilità: Le probabilità più basse vengono sopravvalutate (curva soggettiva>linea 45 oggettiva). Le probabilità medio-alte vengono sottovalutate (curva soggettiva<linea 45 oggettiva). Qualunque sia il calcolo oggettivo, dal grafico delle probabilità si vede anche che: Esiti poco probabili sono sopravvalutati rispetto alla certezza di non ottenerli. Esiti molto probabili sono sottovalutati rispetto alla certezza di ottenerli. Questo fatto spiega l effetto certezza: M. Bovi Pag. 17

18 Siamo nel punto più alto della linea a 45 e supponiamo che una vincita certa diventa una vincita quasi certa (es. 98%). Dal grafico si vede che riduciamo in modo eccessivo (rispetto al comportamento normativo) la nostra preferenza per l alternativa diventata semplicemente quasi certa: la probabilità elevata viene sottovalutata rispetto a calcoli oggettivi. Per dire: passando dal 100% al 98% di vincere non dovrebbe farci concludere che la probabilità di vincere è scemata più del 2%. Siamo nel punto più basso della linea a 45 e supponiamo che una perdita certa diventa una perdita quasi certa. Dal grafico si vede che aumentiamo in modo eccessivo (rispetto al comportamento oggettivo) la nostra preferenza per l alternativa divenuta un po meno negativa: la ridotta probabilità di evitare la perdita viene sopravvalutata rispetto a calcoli oggettivi. Per dire: passando dal 100% di perdere al 98% non dovrebbe farci concludere che il pericolo si è ridotto di più del 2%. Eppure gli esperimenti dimostrano che ragioniamo proprio così. M. Bovi Pag. 18

19 2. La funzione del Valore Come anticipato, la teoria del prospetto differisce dalla teoria dell utilità attesa anche per il fatto che nella formulazione della teoria, il concetto di valore sostituisce la nozione di utilità. Non è solo un cambio di termini, è un vero e proprio cambiamento di prospettiva nella determinazione della base per il giudizio di scelta: l utilità è tradizionalmente considerata in termini di benessere netto raggiungibile, il valore è invece definito in termini di guadagni o di perdite, ovvero di scarti con segno positivo o negativo rispetto ad una certa posizione assunta come punto di riferimento neutro. Un esempio chiarirà meglio il concetto e ciò che esso implica a livello di comportamento individuale. Supponiamo che uno di noi tornando a casa dall Università trovi per terra 100 ma, all arrivo a casa, anche una multa inattesa: 100 in regalo (evento A) 80 di multa (evento B). M. Bovi Pag. 19

20 Secondo il modello di comportamento razionale, si dovrebbe essere contenti, poiché l effetto combinato di A (guadagno di 100 ) e B (spesa di 80 ), fa salire la ricchezza complessiva a M0 + 20, dove M0 è il livello di ricchezza iniziale: si dovrebbero valutare singoli eventi o insiemi di eventi, secondo il loro effetto cumulato sulla ricchezza complessiva. Poiché l utilità è una funzione crescente della ricchezza totale, i due eventi, considerati insieme, portano ad un aumento del livello di utilità da U 0 a U 1, come si vede in figura. Più in generale, secondo il modello standard qualsiasi combinazione di eventi che faccia aumentare la ricchezza complessiva fa anche aumentare l utilità totale: più è meglio (cfr. le mie slides in materia). Kahneman e Tversky sostengono invece che, spesso, le alternative possibili vengono valutate non con la usuale funzione di utilità, ma con una funzione di valore che non è riferita alla posizione finale del soggetto, ma alle variazioni della sua ricchezza. Ciò vuol dire che le persone tendono a soppesare i due eventi separatamente: valutiamo come migliore la situazione di trovare 20 euro senza multa piuttosto che quella di trovare 100 euro e poi la multa. M. Bovi Pag. 20

21 Ma quel che è ancor più degno di nota è che diamo molta meno importanza al guadagno rispetto alla perdita, il che spiega la caratteristica peculiare della funzione di valore rispetto alla funzione di utilità: l asimmetria. L asimmetria vuol dire che perdere e guadagnare 500 è percepito soggettivamente in modo diverso da quanto dovremmo fare oggettivamente. L asimmetria implica che la: funzione che si riferisce alle perdite è una curva convessa relativamente più ripida, funzione che si riferisce ai guadagni è una curva concava dall andamento meno ripida Già dal grafico si vede l effetto dell avversione alle perdite. Ma proseguiamo con ordine, sottolineando ancora che l approccio metodologico non è standard: la funzione di valore deriva da, quindi si basa su, prove di laboratorio. Non discende da assiomi. M. Bovi Pag. 21

22 La funzione del valore proposta da Kahneman e Tversky ha tre caratteristiche fondamentali: Gli esiti vengono valutati in relazione ad un punto di riferimento (status quo) e sono categorizzati come guadagni o perdite. In entrambi i quadranti (guadagni e perdite) la funzione è caratterizzata da una diminuzione della sensibilità ai cambiamenti. Nel quadrante delle perdite la funzione è più ripida che nel quadrante dei guadagni. L asimmetria della funzione spiega come gli individui, posti di fronte ad una possibilità di scelta, effettivamente rifiutino combinazioni di eventi che, sommati, porterebbero loro una maggiore ricchezza. L idea centrale di questa fondamentale riformulazione è che se la funzione di utilità deve spiegare il comportamento reale, i suoi argomenti dovrebbero essere cambiamenti negli stati o eventi e non semplicemente gli stati: dato che è importante il cambiamento, allora il valore che gli individui attribuiscono agli stati dipende dalla relazione dello stato con lo status quo. Il valore, cioè, dipende dal punto di partenza da cui mi muovo a causa del cambiamento(=variazione). Notate: proprio come nel modello dell UA, anche nella TP ciò che importa NON è il denaro in sé, quanto il benessere/sofferenza che ci procura averlo/perderlo. Insomma c è un filtro psicologico (i.e. la funzione) che trasforma il bene in utilità o, in questo caso, in valore. M. Bovi Pag. 22

23 Le tre caratteristiche ora viste della funzione del valore sono alla base di una serie di comportamenti irrazionali sistematici scoperti con numerosi esperimenti (e non assunti a priori): 1. Avversione alla perdita 2. Punto di riferimento 3. Effetto framing 4. Status quo bias La figura precedente è disegnata proprio sulla base dei quattro citati comportamenti. Vediamoli uno alla volta. M. Bovi Pag. 23

24 1. Avversione alla Perdita L abbiamo già vista nelle lezioni precedenti. Rivediamola nell ambito della TP. Dal momento che la curva è più ripida nel quadrante delle perdite rispetto al quadrante dei guadagni le persone hanno una percezione asimmetrica di esiti che cadono sopra o sotto il punto di riferimento. Le perdite creano un dolore circa doppio rispetto al piacere che suscitano le vincite. Da un punto di vista psicologico, una vincita ed una perdita di uguale entità NON si annullano. L individuo percepisce il risultato finale netto come una perdita. Per questo motivo le persone sono poco propense ad accettare una scommessa come la seguente: 50% di probabilità di vincere 1000 e 50% di probabilità di perdere Il peso psicologico della possibile perdita supera quello della possibile vincita e la scommessa viene percepita come iniqua. L avversione alla perdita spiega, almeno in parte, perché non si esce da un investimento in perdita neanche quando sarebbe oggettivamente valido farlo. Questo principio è stato verificato con una serie di esperimenti condotti da Kahneman e Tversky. Ecco un esperimento tipico. NB Il gioco Affari tuoi segue schemi simili e quindi potete verificare di persona se e quanto Kahneman e Tversky hanno ragione. E anche utile notare che l esercizio che vi ho proposto in una precedente lezione si basa sullo stesso gioco, ma si riferisce all UA (cfr. slides esercizi seconda parte ). M. Bovi Pag. 24

25 Si dà a dei soggetti la possibilità di scegliere tra: a) vincere una somma di con il 50% di probabilità, oppure non vincere nulla. b) vincere sicuramente una somma di La maggioranza dimostra di preferire b) ad a). La teoria del valore atteso imporrebbe, invece, di rimanere perfettamente indifferenti tra le due opzioni, essendo i loro valori attesi (VA) perfettamente identici. Infatti: VAa = 0.5*( ) + 0.5*(0) = = VAb = 1*(50.000) Ma non finisce qui. Le preferenze risultano ribaltate quando si chiede di scegliere tra: c) perdere una somma di con il 50% di probabilità, oppure non perdere nulla. d) perdere sicuramente una somma di La maggioranza ora dimostra di preferire c) a d). Anche qui la teoria del valore atteso suggerirebbe un atteggiamento di indifferenza. Perché tutto ciò? Risposta, perché: nel primo test, dove la scommessa è presentata in termini di guadagno, la tendenza dei soggetti sarà quella di preferire l opzione sicura, dimostrando di voler evitare il rischio, nel secondo test, dove la scommessa è presentata in termini di perdita, i soggetti tendono a preferire l opzione rischiosa mostrando così un comportamento - opposto al precedente - di amore per il rischio. Notate quanto siamo poco lineari: L avversione alla perdita, invece di renderci avversi al rischio, ci rende amanti del rischio. M. Bovi Pag. 25

26 2. Punto di riferimento A causa dell avversione alla perdita e della tendenza a codificare gli esiti in guadagni e perdite, le persone sono più abili a fare valutazioni comparative piuttosto che assolute: Tra due esiti positivi di valore assoluto differente si preferisce l esito inferiore purché sia migliore rispetto a quello ottenuto da altre persone. Questo comportamento è chiaramente non standard, dal momento che da un punto di vista oggettivo si dovrebbe sempre ambire a ottenere l esito più elevato possibile. Tuttavia, in molti casi la sensazione psichica di essere migliori degli altri appaga più del risultato fisico che si ottiene. Ci sono molti casi in cui sopravvalutiamo le nostre capacità relative. Ho già menzionato l illusione del controllo. Ma ecco dei dati che ritengo devastanti per l approccio standard: M. Bovi Pag. 26

27 Ogni mese a partire da gennaio 1985 e per sempre (=> dataset incredibilmente informativo) si domanda a 2000 italiani (rappresentativi del cittadino medio): come pensi andrà la tua situazione economica nel prossimo anno? come pensi andrà la situazione economica in Italia nel prossimo anno? Gli intervistati possono rispondere che dovrebbe: LB) nettamente migliorare B) lievemente migliorare E) rimanere stazionaria W) lievemente peggiorare LW) nettamente peggiorare N) non so E chiaro che l Italia non può andare sistematicamente meglio o peggio dei suoi abitanti. Il PIL è la somma oggettiva di tutti i redditi individuali! Ecco le risposte calcolate come media di circa 350 risposte mensili (1985M1-2014M10): M. Bovi Pag. 27

28 IO L ITALIA(=NOI) Osservate e riflettete: 1) Istogrammi diversi: io noi; 2) (Wio+LWio)<(Bio+LBio): io me la cavo; 3) (Wnoi+LWnoi) > (Bio+LBio): voi no! M. Bovi Pag. 28

29 3. Framing Il framing, cioè il modo di proporre, riguarda le scelte prese in contesti in cui le alternative sono descritte come guadagni oppure come perdite. Problemi sostanzialmente identici, ma descritti in modo differente, inducono le persone a fare scelte differenti. Esempio: Ipotizziamo che l Italia si stia preparando per affrontare l arrivo del virus Ebola che, ci dicono in modo convincente, dovrebbe uccidere 600 persone. Per debellare questa malattia sono stati proposti 2 programmi di intervento che hanno le seguenti conseguenze (stimate in modo scientificamente preciso): Se verrà adottato il Programma A, 200 persone saranno salvate. Se verrà adottato il Programma B, c è 1/3 di probabilità che 600 persone si salvino e 2/3 di probabilità che nessuno si salvi. Ora, un altro frame : M. Bovi Pag. 29

30 Ipotizziamo che l Italia si stia preparando per affrontare l arrivo del virus Ebola che, ci dicono, dovrebbe uccidere 600 persone. Per debellare questa malattia sono stati proposti 2 programmi di intervento che hanno conseguenze stimate in modo scientificamente preciso così definite: Se verrà adottato il Programma C 400 persone moriranno. Se verrà adottato il Programma D c è 1/3 di probabilità che nessuno muoia e 2/3 di probabilità che 600 persone muoiano. M. Bovi Pag. 30

31 Normalmente le persone che rispondono preferiscono: il Programma A nel primo caso; il Programma D nel secondo caso. Nel primo caso si preferisce un esito certo, mentre nel secondo si preferisce un alternativa incerta. Questo avviene nonostante il Programma C sia uguale al Programma A e il Programma D sia uguale al B. OGGETTIVAMENTE: sapendo che verranno contagiate 600 persone: Programma A = 200 si salvano (e 400 muoiono = Programma C). Il programma B e D non sono altro che la stessa descrizione espressa in termini positivi o negativi. Però, SOGGETTIVAMENTE, sentirsi dire che B: probabilità che tutti si salvano... D: probabilità che nessuno muoia... lo interpretiamo/valutiamo in modo differente. M. Bovi Pag. 31

32 Insomma, si parla di framing quando varia la descrizione (cornice) del problema, ma restano invariati gli esiti finali. Da un punto di vista economico classico, se non cambiano gli esiti finali, allora non dovrebbero cambiare nemmeno le scelte. Dal punto di vista delle politiche, conoscere come le persone valutano le situazioni è fondamentale. Da quanto detto finora, per esempio, le politiche dovrebbero/potrebbero prevedere che una campagna anti-fumo potrebbe avere una diversa efficacia se si descrivono: i rischi legati al fumo piuttosto che i benefici derivanti dal NON fumare. Sui pacchetti delle sigarette invece di scrivere il fumo uccide bisognerebbe scrivere non fumare, starai meglio M. Bovi Pag. 32

33 4. Status quo bias Quando una decisione impone incertezza riguardo agli esiti possibili, possiamo decidere di non decidere e rimanere nello status quo, i.e. nella condizione in cui si trovano (conoscete la storia dell asino di Buridano?). Ciò avviene per diversi motivi: Inerzia e procrastinazione (per modificare lo stato delle cose si deve compiere un azione che richiede impegno, tempo, denaro). Incertezza (modificare lo stato delle cose può costringere il decisore ad affrontare una situazione di incertezza che può dare risultati positivi o negativi). Inesperienza (colui che è esperto spesso non vuole cambiare una situazione apparentemente soddisfacente non conoscendo l effetto delle sue azioni). Sai che cosa lasci, ma non sai che cosa trovi Esempio reale: L assicurazione auto in New Jersey e in Pennsylvania. In questi due Stati, nei primi anni 90 sono state modificate le leggi sull assicurazione auto. Per ridurre i costi fu introdotta una polizza base che escludeva furto e incendio e copriva solo i danni a terzi. Tuttavia: In New Jersey, i nuovi automobilisti avevano 1. come soluzione iniziale l assicurazione di base e 2. POI potevano acquistare l assicurazione completa. In Pennsylvania, i nuovi automobilisti avevano 1. come soluzione iniziale l assicurazione completa e 2. POI potevano decidere di passare a quella base. Un analisi delle scelte degli automobilisti nei due stati ha mostrato che la soluzione di partenza ha un effetto notevole sulle scelte relative all assicurazione auto: M. Bovi Pag. 33

Teoria del Prospetto. (Cap. III di Bowles) 1) Auto interesse: non interagiamo (i.e. no reciprocità, altruismo, ).

Teoria del Prospetto. (Cap. III di Bowles) 1) Auto interesse: non interagiamo (i.e. no reciprocità, altruismo, ). Teoria del Prospetto (Cap. III di Bowles) Mio piccolo prologo: Nelle precedenti lezioni abbiamo visto che nell analisi del comportamento umano il paradigma standard ASSUME (in modo eroico, ma per fini

Dettagli

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo Corso di Psicologia del Rischio e della Decisione Facoltà di

Dettagli

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo Corso di Psicologia del Rischio e della Decisione Facoltà di

Dettagli

Limitazioni cognitive e comportamento del consumatore (Frank, Capitolo 8)

Limitazioni cognitive e comportamento del consumatore (Frank, Capitolo 8) Limitazioni cognitive e comportamento del consumatore (Frank, Capitolo 8) RAZIONALITÀ LIMITATA Secondo Herbert Simon, gli individui non sono in grado di comportarsi come i soggetti perfettamente razionali

Dettagli

Giudizio, decisione e violazione degli assiomi di razionalità

Giudizio, decisione e violazione degli assiomi di razionalità - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ Giudizio, decisione e violazione degli assiomi di razionalità Corso di Psicologia del Rischio e della Decisione Facoltà di Scienze

Dettagli

ASIMMETRIE INFORMATIVE. (Cap. 34 di Hey) Eppure si tratta di elementi piuttosto diffusi nella realtà di tutti i giorni:

ASIMMETRIE INFORMATIVE. (Cap. 34 di Hey) Eppure si tratta di elementi piuttosto diffusi nella realtà di tutti i giorni: ASIMMETRIE INFORMATIVE (Cap. 34 di Hey) Tener conto delle asimmetrie informative consente di evidenziare alcuni importanti elementi che la teoria standard - assumendo informazione completa e simmetrica

Dettagli

L avversione al rischio e l utilità attesa

L avversione al rischio e l utilità attesa L avversione al rischio e l utilità attesa Kreps: "Microeconomia per manager" 1 ARGOMENTI DI QUESTA LEZIONE In questa lezione introdurremo il modello dell utilità attesa, che descrive le scelte individuali

Dettagli

ESPERIMENTO PSICOLOGIA E INVESTIMENTI ETICI

ESPERIMENTO PSICOLOGIA E INVESTIMENTI ETICI - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ ESPERIMENTO PSICOLOGIA E INVESTIMENTI ETICI Corso di Psicologia Cognitiva (Prof. Lorella Lotto) Facoltà di Lettere e Filosofia Corso

Dettagli

Decisioni in condizioni di rischio. Roberto Cordone

Decisioni in condizioni di rischio. Roberto Cordone Decisioni in condizioni di rischio Roberto Cordone Decisioni in condizioni di rischio Rispetto ai problemi in condizioni di ignoranza, oltre all insieme Ω dei possibili scenari, è nota una funzione di

Dettagli

Scelte in condizione di incertezza

Scelte in condizione di incertezza Scelte in condizione di incertezza Tutti i problemi di decisione che abbiamo considerato finora erano caratterizzati dal fatto che ogni possibile scelta dei decisori portava a un esito certo. In questo

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

Esercizi di Ricerca Operativa II

Esercizi di Ricerca Operativa II Esercizi di Ricerca Operativa II Raffaele Pesenti January 12, 06 Domande su utilità 1. Determinare quale è l utilità che un giocatore di roulette assegna a 100,00 Euro, nel momento che gioca tale cifra

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

Utilità scontata (US) attiene alla scelta/allocazione tra oggi e domani (i.e. risparmio ottimo). Elemento psicologico: propensione alla parsimonia.

Utilità scontata (US) attiene alla scelta/allocazione tra oggi e domani (i.e. risparmio ottimo). Elemento psicologico: propensione alla parsimonia. Richiami essenziali: Utilità scontata (US) attiene alla scelta/allocazione tra oggi e domani (i.e. risparmio ottimo). Elemento psicologico: propensione alla parsimonia. Tasso di sconto intertemporale soggettivo

Dettagli

Le scelte del consumatore in condizione di incertezza (cap.5)

Le scelte del consumatore in condizione di incertezza (cap.5) Le scelte del consumatore in condizione di incertezza (cap.5) Che cos è il rischio? Come possiamo indicare le preferenze del consumatore riguardo al rischio? C è chi acquista assicurazione (non ama il

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Scelte in condizioni di rischio e incertezza

Scelte in condizioni di rischio e incertezza CAPITOLO 5 Scelte in condizioni di rischio e incertezza Esercizio 5.1. Tizio ha risparmiato nel corso dell anno 500 euro; può investirli in obbligazioni che rendono, in modo certo, il 10% oppure in azioni

Dettagli

Capitolo 33: Beni Pubblici

Capitolo 33: Beni Pubblici Capitolo 33: Beni Pubblici 33.1: Introduzione In questo capitolo discutiamo le problematiche connesse alla fornitura privata dei beni pubblici, concludendo per l opportunità dell intervento pubblico in

Dettagli

Capitolo 34: Informazione Asimmetrica

Capitolo 34: Informazione Asimmetrica Capitolo 34: Informazione Asimmetrica 34.1: Introduzione Fino ad ora abbiamo assunto che tutti gli agenti abbiano accesso alle stesse informazioni sul bene scambiato nel mercato. In questo capitolo studiamo

Dettagli

Efficienza ed equità

Efficienza ed equità Efficienza ed equità Efficienza ed equità Abbiamo visto nelle lezioni precedenti che, nella situazione ideale di assenza di fallimenti del mercato, il mercato condurrebbe a un risultato Pareto-efficiente.

Dettagli

Incertezza, assicurazioni, deterrenza

Incertezza, assicurazioni, deterrenza Incertezza, assicurazioni, deterrenza (anche questo è adattato da altri pezzi per mancanza di tempo) Scelta sotto incertezza come scelta tra lotterie L esperienza ci insegna che in generale le conseguenze

Dettagli

Richiami di microeconomia

Richiami di microeconomia Capitolo 5 Richiami di microeconomia 5. Le preferenze e l utilità Nell analisi microeconomica si può decidere di descrivere ogni soggetto attraverso una funzione di utilità oppure attraverso le sue preferenze.

Dettagli

La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala

La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala Kreps: "Microeconomia per manager" 1 ARGOMENTI DI QUESTA LEZIONE Questa lezione fornisce la principale motivazione economica dell esistenza

Dettagli

L elicitazione delle preferenze verso il rischio e il tempo: una opportunità per la nuova mifid

L elicitazione delle preferenze verso il rischio e il tempo: una opportunità per la nuova mifid L elicitazione delle preferenze verso il rischio e il tempo: una opportunità per la nuova mifid Federico Perali Dipartimento di Scienze Economiche Università degli studi di Verona Scelte di Investimento

Dettagli

La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala

La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala 1 ARGOMENTI DI QUESTA LEZIONE Questa lezione propone esplora due problemi fondamentali: Se esiste un rischio in una transazione chi lo deve

Dettagli

Cognitive biases and heuristics. Lumsa 18 maggio 2015

Cognitive biases and heuristics. Lumsa 18 maggio 2015 Cognitive biases and heuristics Lumsa 18 maggio 2015 Homo oeconomicus Razionalità delle decisioni: massimizzazione dell utilità attesa, updating bayesiano, aspettative razionali. Psicologi (ed economisti

Dettagli

di informazione asimmetrica:

di informazione asimmetrica: Informazione asimmetrica In tutti i modelli che abbiamo considerato finora abbiamo assunto (implicitamente) che tutti gli agenti condividessero la stessa informazione (completa o incompleta) a proposito

Dettagli

LAUDATIO PRONUNCIATA IN OCCASIONE DEL CONFERIMENTO DELLA LAUREA AD HONOREM A DANIEL KAHNEMANN Trento, 14 ottobre 2002

LAUDATIO PRONUNCIATA IN OCCASIONE DEL CONFERIMENTO DELLA LAUREA AD HONOREM A DANIEL KAHNEMANN Trento, 14 ottobre 2002 LAUDATIO PRONUNCIATA IN OCCASIONE DEL CONFERIMENTO DELLA LAUREA AD HONOREM A DANIEL KAHNEMANN Trento, 14 ottobre 2002 RINO RUMIATI Il Prof. Daniel Kahneman è nato a Tel Aviv e si è laureato in Psicologia

Dettagli

Una scelta medica. Trattamento A: 90% pazienti salvati Trattamento B: 80% pazienti salvati Scelgo il trattamento A

Una scelta medica. Trattamento A: 90% pazienti salvati Trattamento B: 80% pazienti salvati Scelgo il trattamento A Decisioni (2) 1 Una scelta medica Trattamento A: 90% pazienti salvati Trattamento B: 80% pazienti salvati Scelgo il trattamento A Trattamento A: 10% pazienti non salvati Trattamento B: 20% pazienti non

Dettagli

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza ECONOMIA DELL INFORMAZIONE L informazione è un fattore importante nel processo decisionale di consumatori e imprese Nella realtà,

Dettagli

Selezione avversa, screening e segnalazione

Selezione avversa, screening e segnalazione Selezione avversa, screening e segnalazione Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate da problemi di asimmetrie informative un primo

Dettagli

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza ECONOMIA DELL INFORMAZIONE L informazione è un fattore importante nel processo decisionale di consumatori e imprese Nella realtà,

Dettagli

5.7. Assicurazione e equilibri di separazione.

5.7. Assicurazione e equilibri di separazione. ELORTO DL PR ON LINE DI ECONOMI DEI CONTRTTI 5.7. ssicurazione e equilibri di separazione. In questo paragrafo esaminiamo l attività di screening di una compagnia assicurativa (per definizione neutrale

Dettagli

Utilità Attesa (Cap. 24 Hey)

Utilità Attesa (Cap. 24 Hey) Utilità Attesa (Cap. 24 Hey) Solito preambolo: In Economia le scelte/decisioni vengono distinte in: 1. decisioni in situazioni di certezza 2. decisioni in situazioni di rischio 3. decisioni in situazioni

Dettagli

Gli strumenti di base della Finanza

Gli strumenti di base della Finanza 27 Gli strumenti di base della Finanza ECONOMIA FINANZIARIA L Economia Finanziaria studia le decisioni degli individui sulla allocazione delle risorse e la gestione del rischio VALORE ATTUALE Con il termine

Dettagli

L E T T U R E. Le distorsioni cognitive nel processo decisionale

L E T T U R E. Le distorsioni cognitive nel processo decisionale L E T T U R E Le distorsioni cognitive nel processo decisionale Humanities S.r.l. Via Appia Nuova 103, 00183 Roma Tel./Fax 06 70496457 web: www.hxo.it e-mail: info@hxo.it } IL PROCESSO DECISIONALE Il processo

Dettagli

Economia Pubblica Rischio e Incertezza

Economia Pubblica Rischio e Incertezza Economia Pubblica Rischio e Incertezza Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2011-12 Seconda parte del corso di Economia Pubblica I problemi dell

Dettagli

La fiducia. alle scelte di risparmio. Educare i giovani alla finanza e. consapevoli

La fiducia. alle scelte di risparmio. Educare i giovani alla finanza e. consapevoli dicembre 2010 Percorso formativo sperimentale di educazione economico-finanziaria Educare i giovani alla finanza e alle scelte di risparmio consapevoli La fiducia 2 La fiducia Durata: 1 ora. Obiettivo

Dettagli

La scelta in condizioni di incertezza

La scelta in condizioni di incertezza La scelta in condizioni di incertezza 1 Stati di natura e utilità attesa. L approccio delle preferenza per gli stati Il problema posto dall incertezza riformulato (state-preference approach). L individuo

Dettagli

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e siccome la valutazione si basa sulle abilità dimostrate

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

Scelte Rischiose (cap. 23 Hey)

Scelte Rischiose (cap. 23 Hey) Scelte Rischiose (cap. 23 Hey) Solito preambolo: In Economia le scelte/decisioni vengono distinte in: 1. decisioni in situazioni di certezza 2. decisioni in situazioni di rischio 3. decisioni in situazioni

Dettagli

Analisi Decisionale. (Decision Analysis) Caratteristiche:

Analisi Decisionale. (Decision Analysis) Caratteristiche: Analisi Decisionale 1 Analisi Decisionale (Decision Analysis) Metodologia che si applica quando un decisore può scegliere tra varie azioni future il cui esito dipende da fattori esterni che non possono

Dettagli

6.4 Risposte alle domande di ripasso

6.4 Risposte alle domande di ripasso Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza 45 6.4 Risposte alle domande di ripasso 1. Se si potesse falsificare il segnale, questo cesserebbe di essere un segnale perché diventerebbe

Dettagli

ECONOMIA POLITICA. R.H. Frank, B.S. Bernanke, M. McDowell e R. Thom, Principi di Economia, McGraw-Hill, Milano, Terza Edizione, 2010

ECONOMIA POLITICA. R.H. Frank, B.S. Bernanke, M. McDowell e R. Thom, Principi di Economia, McGraw-Hill, Milano, Terza Edizione, 2010 ECONOMIA POLITICA TESTO R.H. Frank, B.S. Bernanke, M. McDowell e R. Thom, Principi di Economia, McGraw-Hill, Milano, Terza Edizione, 2010 (capp. 2,3,4,5,6,7,8,9,12,13,14,16,17,20,23) introduzione alla

Dettagli

Leadership Judgement Indicator

Leadership Judgement Indicator Leadership Judgement Indicator Michael Lock, Robert Wheeler, Nick Burnard e Colin Cooper Adattamento italiano di Palmira Faraci RAPPORTO INTERPRETATIVO Nominativo: Codice test: Data della prova: 09/01/2012

Dettagli

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012 ESERCITAZIONE 1 Economia dell Informazione e dei Mercati Finanziari C.d.L. in Economia degli Intermediari e dei Mercati Finanziari (8 C.F.U.) C.d.L. in Statistica per le decisioni finanziarie ed attuariali

Dettagli

GET TEST Test sulle attitudini imprenditoriali

GET TEST Test sulle attitudini imprenditoriali GET TEST Test sulle attitudini imprenditoriali 1 URHM UNIVERSITY BUSINESS SCHOOL GENERL ENTERPRICING TENENCY (GET) TEST 2 INTROUZIONE Il Test è stato progettato per cogliere insieme e misurare un numero

Dettagli

Il processo decisionale di copertura del «cash flow interest rate risk» nelle imprese industriali

Il processo decisionale di copertura del «cash flow interest rate risk» nelle imprese industriali Il processo decisionale di copertura del «cash flow interest rate risk» nelle imprese industriali di Giuseppe Zillo e Elisabetta Cecchetto (*) La valutazione degli effetti delle variazioni dei tassi di

Dettagli

Modellazione delle preferenze

Modellazione delle preferenze Modellazione delle preferenze Roberto Cordone 1 1 Sono debitore delle dispense di B. Simeone e F. Patrone Sistemazione assiomatica Dato un insieme non vuoto di impatti F, esprimere una preferenza fra due

Dettagli

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS 1 UTILITÀ Classicamente sinonimo di Desiderabilità Fisher (1930):... uno degli elementi che contribuiscono ad identificare la natura economica di un bene e sorge

Dettagli

Capitolo 5: Preferenze

Capitolo 5: Preferenze Capitolo 5: Preferenze 5.1: Introduzione Le preferenze individuali alla base dell analisi dei capitoli 3 e 4 vengono rappresentate graficamente da curve di indifferenza parallele in direzione verticale

Dettagli

35 ANNI AGENZIA DI PUBBLICITÀ

35 ANNI AGENZIA DI PUBBLICITÀ 1977 2012 35 ANNI AGENZIA DI PUBBLICITÀ DIFFERENZIARSI PER SOPRAVVIVERE ALLA COMPETIZIONE E AVERE SUCCESSO Come un azienda può ritagliarsi un immagine che la distingua in un mercato sovraffollato. CHE

Dettagli

Utilità Attesa. Solito preambolo e qualche richiamo alle scelte rischiose:

Utilità Attesa. Solito preambolo e qualche richiamo alle scelte rischiose: Utilità Attesa Solito preambolo e qualche richiamo alle scelte rischiose: In Economia le scelte/decisioni vengono distinte in: 1. decisioni in situazioni di certezza 2. decisioni in situazioni di rischio

Dettagli

La scelta di portafoglio

La scelta di portafoglio La scelta di portafoglio 1 La scelta di portafoglio La scelta di portafoglio: il modo in cui un individuo decide di allocare la propria ricchezza tra più titoli Il mercato dei titoli è un istituzione che

Dettagli

Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985):

Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985): Sull uso delle Garanzie. Tassonomia Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985): a) Un mutuatario può impegnare come garanzia ( interna all impresa) un cespite che viene utilizzato nel

Dettagli

Università Ca Foscari Venezia. Consob - Luiss - 4 Giugno 2010

Università Ca Foscari Venezia. Consob - Luiss - 4 Giugno 2010 La percezione del rischio Ugo Rigoni Università Ca Foscari Venezia Il rischio nella prospettiva della finanza classica Prerequisiti Un ipotesi statistica: rendimenti distribuiti normalmente Un ipotesi

Dettagli

Rischio, assicurazione e asimmetrie informative

Rischio, assicurazione e asimmetrie informative Rischio, assicurazione e asimmetrie informative RISCHIO Nei mercati reali non c è perfetta certezza e informazione La presenza di rischio modifica le condizioni di scelta degli individui Si crea una divergenza

Dettagli

Le scelte di investimento in ambito previdenziale con la Finanza Comportamentale

Le scelte di investimento in ambito previdenziale con la Finanza Comportamentale Le scelte di investimento in ambito previdenziale con la Finanza Comportamentale R e l a t o r e : E n r i c o M a r i a C e r v e l l a t i P r o f e s s o r e d i F i n a n z a a l l U n i v e r s i

Dettagli

Judgment. Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement.

Judgment. Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement. Judgment Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement.com 2014 Hogan Assessment Systems PERSONALITÀ E DECISIONI I problemi

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

COMUNICARE LA SALUTE Le emozioni ed il framing come leve persuasive. Giorgia Paleari Università di Bergamo

COMUNICARE LA SALUTE Le emozioni ed il framing come leve persuasive. Giorgia Paleari Università di Bergamo COMUNICARE LA SALUTE Le emozioni ed il framing come leve persuasive Giorgia Paleari Università di Bergamo 1 Immagina che l Italia si sta preparando ad affrontare l arrivo di una malattia asiatica molto

Dettagli

Premi di maggioranza e sconti di minoranza nella valutazione delle partecipazioni: aspetti teorici ed ambiti di applicazione

Premi di maggioranza e sconti di minoranza nella valutazione delle partecipazioni: aspetti teorici ed ambiti di applicazione Premi di maggioranza e sconti di minoranza nella valutazione delle partecipazioni: aspetti teorici ed ambiti di applicazione di Massimo Buongiorno docente di Finanza Aziendale, Università Bocconi, Milano

Dettagli

2. PRINCIPALI FATTORI PSICOLOGICI ALLA BASE DELLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI AGENTI: UNA SINTESI DELLA LETTERATURA RILEVANTE

2. PRINCIPALI FATTORI PSICOLOGICI ALLA BASE DELLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI AGENTI: UNA SINTESI DELLA LETTERATURA RILEVANTE 9 2. PRINCIPALI FATTORI PSICOLOGICI ALLA BASE DELLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI AGENTI: UNA SINTESI DELLA LETTERATURA RILEVANTE In questo capitolo, ci concentriamo sull analisi dell atteggiamento nei confronti

Dettagli

Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA

Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA Introduzione - 1 Una delle idee più importanti della teoria economica è che i mercati sotto alcune condizioni- allocano i beni

Dettagli

CONFLITTI MEDIAZIONE E NEGOZIAZIONE. Gabriele Prati

CONFLITTI MEDIAZIONE E NEGOZIAZIONE. Gabriele Prati CONFLITTI MEDIAZIONE E NEGOZIAZIONE Gabriele Prati COS È UN CONFLITTO? E una percezione di divergenza di interessi o obiettivi AMBITI DEI CONFLITTI Persona Gruppo Organizzazione Società Conflitti intraunità

Dettagli

La decisione. Claudia Casadio Logica e Psicologia del Pensiero Laurea Triennale - Indirizzo Gruppi A.A. 2004-05. Contents First Last Prev Next

La decisione. Claudia Casadio Logica e Psicologia del Pensiero Laurea Triennale - Indirizzo Gruppi A.A. 2004-05. Contents First Last Prev Next La decisione Claudia Casadio Logica e Psicologia del Pensiero Laurea Triennale - Indirizzo Gruppi A.A. 2004-05 Contents 1 Dimensioni della decisione................................... 3 2 Modalità della

Dettagli

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1 Tecniche di Valutazione Economica Processo di aiuto alla decisione lezione 13.04.2005 Modello di valutazione Dobbiamo riuscire a mettere insieme valutazioni che sono espresse con dimensioni diverse. Abbiamo

Dettagli

L offerta di lavoro 1

L offerta di lavoro 1 L offerta di lavoro 1 Introduzione Per Offerta di lavoro si intende l ammontare di lavoro offerto sul mercato dalla popolazione in cambio di una retribuzione La quantità offerta dipende da: Numero di persone

Dettagli

Incertezza, assicurazioni, deterrenza

Incertezza, assicurazioni, deterrenza Incertezza, assicurazioni, deterrenza (anche questo è adattato da altri pezzi per mancanza di tempo) Scelta sotto incertezza come scelta tra lotterie L esperienza ci insegna che in generale le conseguenze

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 24 Il mercato dei beni

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 24 Il mercato dei beni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 24 Il mercato dei beni Prof. Gianmaria Martini Domanda ed offerta Uno degli schemi logici fondamentali dell analisi economica

Dettagli

DOMANDE di RIEPILOGO

DOMANDE di RIEPILOGO DOMANDE di RIEPILOGO UNITA A - ANALISI ECONOMICA DELL IMPRESA Lez 3 Aspetti organizzativi dell impresa Natura e forme istituzionali Quali sono le caratteristiche dell impresa come istituzione gerarchica

Dettagli

L ipotesi dei mercati efficienti e le sue critiche

L ipotesi dei mercati efficienti e le sue critiche L ipotesi dei mercati efficienti e le sue critiche Burton G. Melkiel(2003), The efficientmarket hypothesis and its critics, Journal of Economic Perspectives, Vol.17, No. 1, Winter 2003, p.59-82 Working

Dettagli

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Internet Stock In concomitanza alla crescente popolarità del settore Internet osservata

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

L azzardo morale e il modello principale-agente

L azzardo morale e il modello principale-agente L azzardo morale e il modello principale-agente L azzardo morale e il problema principale agente Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate

Dettagli

Ricerca «Ragazzi in gioco» 2014. Paolo Molinari, IRES FVG

Ricerca «Ragazzi in gioco» 2014. Paolo Molinari, IRES FVG Ricerca «Ragazzi in gioco» 2014 Paolo Molinari, IRES FVG Un intervento di ricerca azione partecipata Un percorso di ascolto costruito assieme a gruppo di adolescenti e ragazzi (piano di lavoro, strumenti,

Dettagli

gruppo skema consulenza d azienda skema investment srl progetti di investimento Responsabile: Franco Bulgarini

gruppo skema consulenza d azienda skema investment srl progetti di investimento Responsabile: Franco Bulgarini gruppo skema consulenza d azienda skema investment srl progetti di investimento Responsabile: Franco Bulgarini vers 17092013 Questo documento è stato utilizzato come supporto ad una presentazione orale.

Dettagli

6. La diseguaglianza dei redditi in Italia Carlo V. Fiorio, Marco Leonardi e Francesco Scervini (Università di Milano) 1.

6. La diseguaglianza dei redditi in Italia Carlo V. Fiorio, Marco Leonardi e Francesco Scervini (Università di Milano) 1. 6. La diseguaglianza dei redditi in Italia Carlo V. Fiorio, Marco Leonardi e Francesco Scervini (Università di Milano) 1. Introduzione Secondo un recente studio comparativo dell OECD, gli Stati Uniti hanno

Dettagli

L efficienza del mercato

L efficienza del mercato L efficienza del mercato I mercantilisti, Smith e il mercato Prima di Smith, era ampiamente diffusa l idea che il migliore raggiungimento dell interesse pubblico richiedesse un intervento attivo dello

Dettagli

Come si valuta per competenze? Competenza situata. Definizione dei profili di competenza. Situazioni problema per la valutazione di competenze.

Come si valuta per competenze? Competenza situata. Definizione dei profili di competenza. Situazioni problema per la valutazione di competenze. Come si valuta per competenze? Competenza situata. Definizione dei profili di competenza. Situazioni problema per la valutazione di competenze. Criterio 1. Competenza situata Descrizione Per valutare per

Dettagli

No (questo accadrebbe, all incirca, se l elasticità fosse pari a -2) 1.5.3. FALSO. Un aumento del prezzo dell 1%

No (questo accadrebbe, all incirca, se l elasticità fosse pari a -2) 1.5.3. FALSO. Un aumento del prezzo dell 1% Facoltà di Economia Test intermedio di Microeconomia A-K del 7/04/011 Turno A-C SOLUZIONI 1. Attenzione: in questo prototipo l ordine delle domande è diverso da quello di ciascuno dei vostri compiti; inoltre,

Dettagli

D A D M D N D B. Quantità

D A D M D N D B. Quantità 4. Informazione asimmetrica (Adattato dal capitolo 8 di di I. Lavanda e G. Rampa, Microeconomia. Scelte individuali e benessere sociale, Roma, Carocci, 2004) L informazione posseduta da compratori e venditori

Dettagli

Teoria dei Giochi. Anna Torre. Almo Collegio Borromeo 6 marzo 2012

Teoria dei Giochi. Anna Torre. Almo Collegio Borromeo 6 marzo 2012 Teoria dei Giochi Anna Torre Almo Collegio Borromeo 6 marzo 2012 UN PO DI STORIA UN PO DI STORIA Von Neumann, Morgenstern Theory of Games and Economic Behavior (Princeton, 1944); UN PO DI STORIA Von Neumann,

Dettagli

Richiami di teoria della domanda di moneta

Richiami di teoria della domanda di moneta Richiami di teoria della domanda di moneta Parte seconda La teoria della preferenza della liquidità di Keynes Keynes distingue tre moventi principali per cui si detiene moneta. Transattivo Precauzionale

Dettagli

LA VARIABILE CHE NON TI ASPETTI: LA DINAMICA DEI FLUSSI

LA VARIABILE CHE NON TI ASPETTI: LA DINAMICA DEI FLUSSI LA VARIABILE CHE NON TI ASPETTI: LA DINAMICA DEI FLUSSI In questa seconda parte affronteremo il vero problema che attanaglia tutti quei professionisti che fanno della raccolta e della relazione il loro

Dettagli

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Obiettivi delle prossime due lezioni Che cosa distingue i beni pubblici, tipicamente forniti dal settore pubblico, dai beni forniti dal mercato?

Dettagli

GIOCHI E SCOMMESSE - DOCUMENTO DI DISCUSSIONE

GIOCHI E SCOMMESSE - DOCUMENTO DI DISCUSSIONE GIOCHI E SCOMMESSE - DOCUMENTO DI DISCUSSIONE il giocatore reale non è razionale la rilevanza delle euristiche l euristica della rappresentatività Nel corso del terzo incontro in tema di scienze cognitive

Dettagli

I N T R O D U Z I O N E

I N T R O D U Z I O N E REGOLAMENTO INTRODUZIONE Anno Domini è un gioco di strategia e conquista. ambientato nel medioevo. Il miglior modo per imparare a giocare è quello di leggere attentamente il regolamento, passo dopo passo.

Dettagli

IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE.

IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE. IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE. Lezione 5 Castellanza, 17 Ottobre 2007 2 Summary Il costo del capitale La relazione rischio/rendimento

Dettagli

Esercizi di Teoria dei Giochi

Esercizi di Teoria dei Giochi Esercizi di Teoria dei Giochi ultimo aggiornamento: 11 maggio 2010 1. Si consideri il gioco fra 2 giocatori rappresentato (con le notazioni standard) dalla seguente matrice: (3, 1) (5, 0) (1, 0) (2, 6)

Dettagli

Esercitazione del 5/10/09

Esercitazione del 5/10/09 Esercitazione del 5/10/09 A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.it) Corso di Microeconomia, Docente Luigi Marattin 1 Esercizi. 1.1 Le curve di domanda e di offerta in un dato mercato sono date da:

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Teoria delle Votazioni David Bartolini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) d.bartolini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

Discuteremo di. Domanda individuale e domanda di mercato. Scelta razionale

Discuteremo di. Domanda individuale e domanda di mercato. Scelta razionale Discuteremo di. La determinazione dell insieme delle alternative all interno del quale sceglie il consumatore La descrizione e la rappresentazione delle sue preferenze Come si determina la scelta ottima

Dettagli

SALVARE IL CAPITALISMO di Alfred Rappaport. di Giancarlo Forestieri pag. 9. di John C. Bogle. Parte prima Le cause e le conseguenze della veduta corta

SALVARE IL CAPITALISMO di Alfred Rappaport. di Giancarlo Forestieri pag. 9. di John C. Bogle. Parte prima Le cause e le conseguenze della veduta corta Indice SALVARE IL CAPITALISMO di Alfred Rappaport Prefazione all edizione italiana di Giancarlo Forestieri pag. 9 Prefazione di John C. Bogle Ringraziamenti Introduzione» 19» 25» 27 Parte prima Le cause

Dettagli

Aspettative, consumo e investimento

Aspettative, consumo e investimento Aspettative, consumo e investimento In questa lezione: Studiamo come le aspettative di reddito e ricchezza futuro determinano le decisioni di consumo e investimento degli individui. Studiamo cosa determina

Dettagli

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza 1 Dotazioni iniziali Il consumatore dispone ora non di un dato reddito monetario ma di un ammontare

Dettagli

Lezione 5. Livello e composizione della ricchezza delle famiglie

Lezione 5. Livello e composizione della ricchezza delle famiglie Lezione 5. Livello e composizione della ricchezza delle famiglie Scelte finanziarie delle famiglie: a determinano i flussi di risparmio che alimentano lo stock di ricchezza; selezionano le attività patrimoniali

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli