GEOMETRIA LINEARE E CONICHE - GIUGNO Nello spazio ordinario, assegnato un riferimento ortonormale si considerino le rette: x = z 2 y = z

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GEOMETRIA LINEARE E CONICHE - GIUGNO 2002. 1. Nello spazio ordinario, assegnato un riferimento ortonormale si considerino le rette: x = z 2 y = z"

Transcript

1 GEOMETRIA LINEARE E CONICHE - GIUGNO Nello spazio ordinario, assegnato un riferimento ortonormale si considerino le rette: r : x = z y = 0 x = z 2, s : y = z. Dopo aver provato che r ed s sono sghembe, scrivere equazioni della retta di minima distanza tra le due rette date e trovare la distanza tra r e s. 2. In un assegnato riferimento cartesiano ortonormale del piano ordinario a) scrivere l equazione della circonferenza che iperoscula la parabola x y 2 = 0 in O e trovare quindi le coniche degeneri e i punti base del fascio individuato da tale circonferenza e dalla conica di equazione x 2 + y 2 + x = 0. Classificare infine le coniche di tale fascio. 3. Nello spazio ordinario, considerato un riferimento cartesiano ortonormale, si considerino x y = 0 le rette: r : x + z = 0 s : P 1 P = λ P 1 P 2 con P 1 (1, 0, 0) e P 2 (0, 0, 1). Si discuta l esistenza di rette passanti per l origine, complanari con r e ortogonali ad s. 4. Nel piano ordinario sia assegnato un riferimento cartesiano ortonormale. Trovare i punti base, le coniche degeneri e le circonferenze di raggio 1 del fascio individuato dalle coniche x 2 y 2 1 = 0 e x 2 + y 2 1 = Nello spazio ordinario, assegnato un riferimento cartesiano ortonormale, si considerino x + z 1 = 0 2x y + z 1 = 0 x + y 1 = 0 le rette: r : y + z 1 = 0, s :, t :. x y = 0 y z = 0 Esistono piani paralleli ad r, s e t contemporaneamente? Esistono rette incidenti r, s e t contemporaneamente? 6. Sia assegnato un riferimento cartesiano ortonormale nel piano ordinario. Scrivere l equazione del fascio di coniche passanti per i punti A (1, 0) e B (0, 1) e tangenti alla retta x + y = 0 in O. Esistono coniche del fascio passanti per i punti ciclici? Esistono punti dell asse x che sono vertici di una parabola del fascio? 7. Nello spazio ordinario, considerato un riferimento cartesiano ortonormale, si considerino i punti A (3, 0, 1) e B ( 1, 0, 5). Si determinino: a) Equazioni dell asse del segmento di estremi A e B contenuto nel piano α : y = 0. b) I vertici di un quadrato contenuto nel piano α che ha come vertici opposti A e B. 8. Nel piano ordinario sia assegnato un riferimento cartesiano ortonormale. Si consideri il fascio di coniche aventi come asintoto la retta x y + 1 = 0 e retta tangente in A (1, 0) la retta x + y 1 = 0. Dire se a) esiste una conica del fascio che ha il punto A come vertice. 1

2 b) per ogni assegnata direzione del piano (l, m) esiste una conica del fascio che ha un asintoto con tale direzione. 9. Nello spazio ordinario, considerato un riferimento cartesiano ortonormale, si considerino x y = 0 le rette: r : x + z = 0 s : P 1 P = λ P 1 P 2 con P 1 (1, 0, 0) e P 2 (0, 0, 1). Si discuta l esistenza di rette passanti per l origine, ortogonali ad r e complanari con s. 10. Nel piano ordinario sia assegnato un riferimento cartesiano ortonormale. Trovare i punti base, le coniche degeneri e le circonferenze di raggio 1 del fascio individuato dalle coniche x 2 + y 2 1 = 0 e x 2 + y 2 4 = Nel piano ordinario, assegnato un riferimento cartesiano ortonormale, si considerino le coniche C 1 : x y 2 = 0 e C 2 : x 2 + y 2 + ax+by = 0 con a, b R e sia F il fascio individuato da C 1 e C 2. Dire se esistono a, b R tali che i) F ha qualche punto base improprio; ii) F é un fascio di coniche tangenti in O; iii) F é un fascio di coniche osculanti in O; iv) F é un fascio di coniche iperosculanti in O; v) F contiene coniche con assi di coefficienti angolari ± Assegnato un riferimento cartesiano ortonormale nello spazio ordinario, si consideri la famiglia di rette x ky = 0 r k : z = k E vero che h k implica r h r k? E vero che se r h r k allora r h e r k sono sghembe? E vero che per ogni a > 0 esistono rette r h, r k tali che d(r h, r k ) = a? 13. Nello spazio ordinario, assegnato un riferimento cartesiano ortonormale, si considerino le rette : x z 1 = 0 x 1 = 0 r :, s : y + z 1 = 0 y z + 1 = 0 con assegnato orientamento. Determinare la distanza tra le rette r ed s e, considerati i versori r e s di r ed r ed il prodotto vettoriale r s, dire se ( r, s, r s ) costituisce una base ortonormale dello spazio dei vettori geometrici. 14. In un assegnato riferimento cartesiano ortonormale del piano ordinario si consideri il fascio di coniche bitangenti all iperbole 2x 2 y 2 2 = 0 nei punti in cui questa interseca la retta x y = 0. Individuare tra queste le coniche di tipo parabolico e dire se ogni punto del piano é centro di una conica non degenere del fascio. vskip 2mm 15. Nello spazio ordinario, assegnato un riferimento cartesiano ortonormale, si consideri la retta: r : 2x y = 0 z 4 = 0, il piano π : x + y 1 = 0 ed il punto P (0, 0, 1). Dire se esistono ed eventualmente determinarle a) rette passanti per P, ortogonali ad r e parallele a π, b) rette passanti per P, parallele ad r e perependicolari a π. 15. In un assegnato riferimento cartesiano ortonormale nel piano ordinario, determinare l equazione cartesiana della conica C passante per A (1, 0) con centro nell origine, un 2

3 asisntoto parallelo alla retta x+y 1 = 0 e l altro asintoto parallelo al vettore v (1, 1). Scrivere poi un equazione canonica. 16. Nello spazio ordinario, considerato un riferimento cartesiano ortonormale, si considerino le rette: r : x y = 0 x + z = 0 s : P 1 P = λ P 1 P 2 con P 1 (1, 0, 0) e P 2 (0, 0, 1). Determinare la distanza tra le rette r ed s e determinare, se esiste, un punto P tale che OP e un vettore perpendicolare ad r ed s di lunghezza unitaria. 17. Nel piano ordinario sia assegnato un riferimento cartesiano ortonormale. Discutere l esistenza di parabole aventi vertice V (0, 0), retta tangente in V la retta 2x y = 0 e e tali che i punti P (1, 0) e Q (0, 1) risultino coniugati. 18. Nello spazio ordinario, assegnato un riferimento cartesiano ortonormale, si considerino 2x y = 0 x + y 1 = 0 le rette: r 1 :, r z 4 = 0 2 : ed il punto P (0, 0, 1). y z + 5 = 0 Trovare le rette passanti per P, ortogonali ad r 1 e complanari con r 2. La retta r 1 ha parametri direttori (1, 2, 0), la retta r 2 ha parametri direttori ( 1, 1, 1). Una retta generica passante per P ha equazione x l = y m = z 1 n. La condizione di ortogonalitá x con r 1 implica l + 2m = 0 cioé l = 2m. Se fosse n = 0 si avrebbe la retta 2m = y m z 1 = 0 x + 2y = 0 cioé z 1 = 0 che, come facilmente si vede, non é complanare con r 2. Possiamo quindi supporre n 0 e porre quindi ad esempio n = 1. Le eventuali rette cercate hanno quindi x = 2mz + m equazioni del tipo y = mz m. Una tale retta é complanare ad r 2 se e solo se risulta Quindi per m = = 3m 1 = m 2m 0 1 m +m otteniamo l unica retta che verifica le condizioni richiese. 19. In un assegnato riferimento cartesiano ortonormale nel piano ordinario, determinare l equazione cartesiana della conica I iperosculatrice nell origine alla conica C : 2x 2 y 2 + 4xy 2x + y = 0 e passante per A (1, 1). Determinare almeno un diametro di I tangente ad I. 20. Nello spazio ordinario, dato un riferimento cartesiano ortonormale a) Provare che i punti P 1 (1, 1, 1), P 2 (2, 0, 1), P 3 (0, 0, 0) e P 4 (1, 1, 0) sono complanari e determinare il piano che li contiene. Dire se i quattro punti sono vertici di un parallelogramma. 3

4 b) Considerati i punti A ( 1 2, 0, 1 2 ), B ( 1 2, 1, 1 2 ) e C (0, 1, 0), trovare il piano che li contiene e dire se esiste D tale che ABCD risulti un quadrato. In caso di risposta affermativa trovare D. 21. Assegnato un riferimento cartesiano ortonormale nel piano ordinario, si consideri il fascio di coniche: F : λx 2 λy 2 + µt 2 = 0. Trovare tutte le coppie (λ, µ) in corrispondenza delle quali si hanno coniche degeneri del fascio F e descrivere tali coniche. Classificare la conica del fascio F ottenuta per (λ, µ) = (1, 1). Dire infine se (a, b) 0 e C F esiste un diametro di C che ha come parametri direttori (a, b). 22. In un assegnato riferimento cartesiano ortonormale nel piano ordinario, si consideri al variare di a, b, c R la famiglia F di coniche C a,b,c : ax 2 + ay 2 2bxy + c = 0. a) Classificare le coniche di F e provare che esiste una coppia di rette che e coppia di assi di ogni conica non degenere di F. b) Individuare le coniche degeneri di F, dimostrare che tutte le coniche non degeneri di F hanno lo stesso centro e dire se ogni ellisse del piano avente per assi le rette x y = 0 e x + y = 0 coincide con una conica di F. c) Considerato il fascio G = C a,b,c : b = c}, classificare le coniche di G, determinare i punti base di G e scrivere le equazioni degli assi di ogni ellisse appartenente a G. 23. Nello spazio ordinario, assegnato un riferimento cartesiano ortonormale, si considerino 2x + z 3 = 0 2x + y 3 = 0 x + y + z = 0 le rette: r 1 :, r y x = 0 2 :, r x z = 0 3 :. x 2z = 0 a) Se r 1 ed r 2 sono complanari, scrivere l equazione del piano α che contiene r 1 ed r 2 ed individuare un punto P dello spazio tale che OP = 1 e OP α. Altrimenti, dopo aver determinato la retta r passante per A (1, 0, 0) e incidente r 1 e r 2, dire se r r 1 e se r r 2. b) Come in a) considerando r 1 ed r 3 in luogo di r 1 ed r 2. c) Come in a) considerando r 2 ed r 3 in luogo di r 1 ed r Sia assegnato un riferimento cartesiano ortonormale nel piano ordinario. a) Considerato il fascio di coniche aventi la retta x y + 1 = 0 come asintoto e tangenti alla retta y + 1 = 0 in O (0, 1), dire se esistono coniche di tale fascio aventi x y = 0 come diametro. In caso affermativo, classificare tali coniche. b) Scrivere l equazione del fascio di coniche bitangenti alla circonferenza x 2 + y 2 2x = 0 nei punti in cui questa interseca la retta x 1 = 0 e classificare ciascuna conica del fascio. Esistono coniche di tale fascio che hanno le rette x y 1 = 0 e x 2y 1 = 0 come diametri coniugati? c) Scrivere l equazione del fascio di coniche passanti per i punti A (1, 0) e B (1, 2) e tangenti alla retta x = 0 in O. Esistono parabole del fascio passanti per il punto improprio dell asse x? E vero che ogni retta del piano e diametro di una conica del fascio? 25. Assegnato un riferimento cartesiano ortonormale RC(O, i, j, k ) nello spazio ordi- 4

5 x z = 0 x + z = 0 nario si considerino le rette: r 1 : y 1 = 0, r 2 : y + 1 = 0. a) Scrivere l equazione della retta r passante per O e perpendicolare a r 1 e r 2. Dire se esiste una base ortonormale B = ( r, r 1, r 2 ) concordemente orientata con ( i, j, k ) e tale che r, r 1, r 2 siano paralleli a r, r 1, r 2 rispettivamente. b) Scrivere l equazione del fascio di piani paralleli ad r 1 e r 2 e determinare se esistono punti P tali che OP ha modulo 2 e direzione perpendicolare a ciascun piano del fascio. c) Determinare i punti di minima distanza tra r 1 e r 2 e la (minima) distanza tra r 1 e r In un assegnato riferimento cartesiano ortonormale nel piano ordinario a) Si consideri il fascio di coniche tangenti alle rette r : 2x + y 1 = 0 e r : x + 2y 1 = 0 nei punti P (0, 1) e P (1, 0) rispettivamente. Classificare le coniche del fascio e dire se esiste tra queste una parabola con vertice in O. b) Si consisderi il fascio di coniche bitangenti alla circonferenza x 2 + y 2 2x = 0 nei punti in cui questa incontra la retta y x = 0. Classificare le coniche del fascio e dire se esistono tra queste parabole i cui diametri risultino paralleli alla retta x + y = 0. c) Si consideri la famiglia F di coniche di equazione λ 2 x 2 + y 2 + 2λxy 2y = 0 con λ R. Classificare tali coniche e dire se per ogni direzione del piano esiste una parabola appartenente ad F che ha per asse una retta avente tale direzione. 27. Nello spazio ordinario, considerato un riferimento cartesiano ortonormale, si considerino il vettore w (2, 0, 1), la retta r : x 2z = x + y = 0 ed il piano π : 2x + y 2z = 0. a) Se u e un vettore parallelo all asse y, v e un vettore parallelo ad r, e vero che u,v, w sono complanari? Decomporre w, se possibile, come somma di un vettore parallelo all asse y e di un vettore parallelo ad r. b) Considerato il piano α per r e parallelo a w, provare che tale piano contiene l asse y, quindi scrivere w come somma di un vettore parallelo all asse y e di un vettore v parallelo a s = α π. c) Scelto u non nullo parallelo all asse y e v non nullo perpendicolare a π, e possibile scrivere uno dei tre vettori u,v, w come combinazione lineare degli altri due? E possibile scrivere ogni vettore dello spazio come combinazione lineare di u,v, w? d) Scelto u non nullo parallelo all asse y e v non nullo perpendicolare a γ : 2x 2y + z = 0, e possibile scrivere uno dei tre vettori u,v, w come combinazione lineare degli altri due? E possibile scrivere ogni vettore dello spazio come combinazione lineare di u,v, w? a) L asse y ha parametri direttori (0, 1, 0), quindi u (0, a, 0). La retta r ha parametri direttori (2, 2, 1) da cui v (2b, 2b, b). Da segue u, v, w dipendenti, quindi complanari. 0 a 0 2b 2b b = 0 5

6 Ora (2, 0, 1) = (0, a, 0) + (2b, 2b, b) equivale a 2 = 2b 0 = a 2b 1 = b da cui a = 2 e b = 1 e quindi la decomposizione (2, 0, 1) = (0, 2, 0) + (2, 2, 1). b) Il fascio di piani di asse r ha equazione x 2z +k(x+y) = 0 cioe (1+k)x+ky 2z = 0. La condizione di parallelismo con w implica 2(1 + k) + 0k + 1( 2) = 0 da cui k = 0. Quindi si ha α : x 2z = 0. Tale piano contiene l asse y poiche ogni punto di coordinate (0, t, 0) verifica l equazione x 2z = 0. Risulta s : x 2z = 2x + y 2z = 0 o anche s : x 2z = y + 2z = 0. Poiche s ha parametri direttori (2, 2, 1), la decomposizione richiesta e del tipo : (2, 0, 1) = (0, a, 0) + (2b, 2b, b). Come in a) si ottiene a = 2 e b = 1 e quindi (2, 0, 1) = (0, 2, 0) + (2, 2, 1). c) Risulta u (0, a, 0) e v (2b, b, 2b) con a e b non nulli. Poiche 0 a a 2b b 2b = 8ab e non nullo, u, v, w sono indipendenti, e quindi nessuno dei tre si puo scrivere come combinazione lineare delgi altri due. Inoltre u, v, w indipendenti implica che (u, v, w) e una base, quindi ogni vettore dello spazio si puo scrivere come combinazione lineare di u, v, w. d) Risulta u (0, a, 0) e v (2b, 2b, b) con a e b non nulli. Poiche (2, 0, 1) = 1 a (0, a, 0) + 1 b (2b, 2b, b), w si puo scrivere come combinazione lineare di u e v. Infine u, v, w sono complanari (dipendenti) e quindi non possono generare lo spazio dei vettori geometrici. 28. Nel piano ordinario, considerato un riferimento cartesiano ortonormale, si considerino la circonferenza C : x 2 + y 2 + ax + by = 0 e il fascio F di coniche che iperosculano C nell origine O. a) E vero che ogni conica di F ha il centro sulla retta bx ay = 0? b) E vero che se P e una parabola di F allora P ha il vertice in O? c) E vero che se P e una parabola di F allora P ha per tangente nel vertice la retta di equazione bx ay = 0?d) E vero che se P e una parabola di F allora P ha per asse la retta bx ay = 0? a) La retta tangente a C nell origine ha equazione ax + by = 0 e quindi il fascio F ha equazione x 2 +y 2 +ax+by+k(ax+by) 2 = 0, cioe (ka 2 +1)x 2 +(kb 2 +1)y 2 +2abky+ax+by = 0. Si ottiene una parabola per k = 1 a 2 +b 2. I diametri di C k : (ka 2 + 1)x 2 + (kb 2 + 1)y 2 + 2abky + ax + by = 0 coniugati alle direzioni degli assi x e y hanno equazioni: 2(ka 2 + 1)x + 2abky + a = 0 e 2(kb 2 + 1)y + 2abkx + b = 0.Per k diverso da 1 a 2 +b, il centro C 2 k di C k si ottiene come intersenzione dei due diametri. Si trova che C k ha coordinate x k = 2a 4(ka 2 + kb 2 + 1) e y k = 6 2b 4(ka 2 + kb 2 + 1).

7 Risulta bx k ay k = 0 e quindi ogni conica a centro C k ha il centro sulla retta bx ay = 0. Da notare infine che l unica parabola del fascio ha come suo punto improprio, cioe come centro, proprio il punto improprio della retta bx ay = 0. b) Come gia osservato in a) l unica parabola P di F si ottiene per k = 1 a 2 +b. Tale 2 parabola ha equazione (bx ay) 2 +a(a 2 +b 2 )x+b(a 2 +b 2 )y = 0. Il punto improprio di P ha coordinate (a, b, 0), e la direzione ad esso ortogonale e individuata dal punto Q (b, a, 0). La polare di Q rispetto a P e l asse di P. Tale asse ha equazione bx ay = 0. Il vertice V di P, che e l intersezione della parabola con l asse, si ottiene allora dal sistema: (bx ay) 2 + a(a 2 + b 2 )x + b(a 2 + b 2 )y = 0 bx ay = 0. Si ottiene V (0, 0). c) Come gia visto in b) l unica parabola di F ha equazione: (bx ay) 2 + a(a 2 + b 2 )x + b(a 2 + b 2 )y = 0 ed ha vertice in O. L equazione della retta tangente a P in 0 si puo allora ottenere, per esempio, uguagliando a zero i termini di primo grado della equazione di P. Si ha la retta di equazione ax + by = 0. d) vedi b). 29. Nello spazio ordinario, considerato un riferimento cartesiano ortonormale, si considerino le rette: x 1 = 0 x z = 0 x 2y = 0 r : x y = 0 s : t : y = 0 z 1 = 0 a) Provare che r ed s sono sghembe e trovare i punti di minima distanza tra r ed s. b) Provare che s e t sono sghembe e trovare i punti di minima distanza tra s e t. c) Determinare la distanza dall origine del piano per P (1, 1, 1) e parallelo ad r ed s. d) Determinare la distanza dall origine della retta per P (1, 1, 1) e perpendicolare ad s e t. a) Risulta = e quindi r ed s sono sghembe. Le rette r ed s hanno parametri direttori (0, 0, 1) e (1, 0, 1) rispettivamente. Un punto generico di r e P u (1, 1, u), un punto generico di s e Q v (v, 0, v). La retta per P u e Q v ha parametri direttori (v 1, 1, v u) ed e perpendicolare ad r ed s se risulta: (v 1) 0 + ( 1) 0 + (v u) 1 = 0 (v 1) 1 + ( 1) 0 + (v u) 1 = 0. Si ottiene u = v = 1. I punti di minima distanza sono allora P (1, 1, 1) e Q (1, 0, 1). b) Risulta 7

8 = e quindi s e t sono sghembe. Le rette s e s hanno parametri direttori (1, 0, 1) e (2, 1, 0) rispettivamente. Come in a), detti P u (u, 0, u) e Q V (2v, v, 1) punti generici di s e t, la retta per P u e Q v, che ha parametri direttori (2v u, v, 1 u), e perpendicolare ad s ed t se risulta: (2v u) 1 + v 0 + (1 u) 1 = 0 (2v u) 2 + v 1 + (1 u) 0 = 0. Si ottiene u = 5 6 e v = 1 3. e quindi i punti di minima distanza sono P ( 5 6, 0, 5 6 ) e Q ( 2 3, 1 3, 1). c) Le rette r e s hanno parametri direttori (0, 0, 1) e (1, 0, 1) rispettivamente. Allora il piano per P e parallelo ad r ed s ha equazione a(x 1) + b(y 1) + c(z 1) = 0 con c = 0. Si ottiene il piano π : y 1 = 0 e si ha d(o, π) = 1. a + c = 0 d) Le rette s e t hanno parametri direttori (1, 0, 1) e (2, 1, 0) rispettivamente. Allora la retta a per P e perpendicolare ad s e t ha equazione x 1 l = y 1 m = z 1 n con l + n = 0 2l + m = 0. Ponendo n = 1 si ha l = 1 e m = 2. Si tratta allora di determinare la distanza di a dall origine. Il piano per O e perpendicolare a tale retta ha equazione x + 2y + z = 0. Tale piano incontra la retta a nel punto A le cui coordinate sono le soluzioni del sistema: x 1 1 x 1 = y = z 1. x + 2y + z = 0 Si trova A ( 4 3, 1 3, 2 3 )e quindi d(0, a) = d(0, A) = Nel piano ordinario, considerato un riferimento cartesiano ortonormale, si consideri il fascio di coniche di equazione (k + 1)x 2 + (k 1)y 2 k = 0 a) Determinare i punti base del fascio. E vero che ogni conica non degenere del fascio ha centro nell origine? b) Determinare le coniche degeneri del fascio. E vero che ogni coppia di rette perpendicolari passanti per l origine e coppia di assi di una conica del fascio? 8

9 c) Classificare le coniche non degeneri del fascio e individuare, se esistono, quelle che hanno come assi gli assi coordinati. d) Esistono tra le coniche del fascio circonferenze di raggio 2? E vero che due qualsiasi coniche non degeneri del fascio hanno la medesima famiglia di diametri? a) L equazione del fascio si puo anche scrivere nella forma x 2 y 2 +k(x 2 y 2 +1) = 0, quindi le coniche di equazione x 2 y 2 = 0 e x 2 y 2 1 = 0 sono due coniche del fascio. I punti base si possono allora ottenere come i punti di intersezione di tali coniche. Risolvendo x il sistema 2 y 2 = 0 x 2 y 2 si ottengono le coordinate dei quattro punti base. Tali punti 1 = 0 1 hanno coordinate ( 2, 1 2 ),( 1 2, 1 2 ),( 1 2, 1 2 ),( 1 2, 1 2 ). Le coniche del fascio hanno tutte equazioni in forma canonica, da cio segue che le coniche non degeneri hanno centro nell origine. k b) Risulta 0 k 1 0 = 0 per k = 1, 0, 1 e quindi le coniche degeneri hanno 0 0 k equazione 2y 2 1 = 0 2x 2 1 = 0 e x 2 y 2 = 0. Al fascio di coniche appartiene la circonferenza con centro l origine e raggio 1 e quindi ogni coppia di rette perpendicolari passanti per O e coppia di assi di tale circonferenza. c) Poiche k k 1 = k2 1 e tenuto conto che le coniche degeneri corrispondono a k = 1, 0, 1, si hanno ellissi per k < 1 e k > 1, iperboli per k 0, 1 < k < 1. Come gia osservato in a), le coniche del fascio hanno tutte equazioni in forma canonica. Quindi ogni conica non degenere del fascio ha per assi proprio gli assi coordinati. d) Poiche la relazione k + 1 = k 1 non e mai verificata, tra le coniche di equazione (k + 1)x 2 + (k 1)y 2 k = 0 non ci sono circonferenze. Il fascio di coniche contiene comunque la circonferenza di equazione x 2 y = 0 non descritta dal parametro k. Tale circonferenza ha raggio 1, e quindi la risposta alla prima domanda e negativa. Come gia osservato in a) ogni conica non degenere del fascio ha centro nell origine e quindi la famiglia dei suoi diametri coincide proprio con la famiglia delle rette passanti per l origine. 31. Nello spazio ordinario, considerato un riferimento cartesiano ortonormale, si considerino le rette: r : s : e il piano π : x + y z = 0. x + y = 0 x y = 0 z = 0 z = 1 Si fissino due vettori non nulli r e s paralleli ad r ed s rispettivamente. a) E vero che la retta t passante per O (0, 0, 0) e P (1, 1, 2) e contenuta in π? Dopo aver fissato un vettore non nullo t parallelo a t, dire se ogni vettore parallelo a π si puo scrivere come combinazione lineare di r e t. b) E vero che il piano π appartiene al fascio di asse r? Esistono punti dell asse x che hanno la medesima distanza da r e dal piano π? c) Esistono rette passanti per T (1, 0, 0) ed incidenti r ed s? E vero che r e s sono vettori linearmente indipendenti? 32. Nel piano ordinario, considerato un riferimento cartesiano ortonormale, si considerino le coniche: C 1 : x 2 + y 2 2x = 0, C 2 : xy y = 0, C 3 : x 2 xy + y 2 2x + y = 0. 9

10 a) Determinare le componenti delle coniche degeneri del fascio individuato da C 1 e C 2. E vero che le componenti di C 2 sono assi di C 1? b) Determinare le componenti delle coniche degeneri del fascio individuato da C 1 e C 3. E vero che ogni diametro di C 1 e diametro di C 3 e viceversa? c) Determinare le componenti delle coniche degeneri del fascio individuato da C 2 e C 3. Nel fascio individuato da C 2 e C 3 esistono parabole aventi per asse una retta di parametri direttori (1, 1)? 33. Nello spazio ordinario, assegnato un riferimento cartesiano ortonormale, si considerino 2x + y z = 0 x y + z = 0 x + z 1 = 0 le rette: r 1 :, r y x = 0 2 :, r x z = 0 3 :. y z = 0 a) Se r 1 ed r 2 sono complanari, determinare il piano π che le contiene e dire se la totalita dei piani passanti per O e perpendicolari a π e un fascio di piani. Altrimenti, scrivere l equazione del fascio di piani paralleli a r 1 ed r 2 e determinare le componenti di un vettore unitario perpendicolare a ciascun piano del fascio. b) Come in a) considerando r 1 ed r 3 in luogo di r 1 ed r 2. c) Come in a) considerando r 2 ed r 3 in luogo di r 1 ed r 2. a) Si vede subito che r 1 e r 2 passano per l origine, quindi sono rette complanari (ma non coincidenti poiche, ad esempio, P (1, 2, 1) r 2 r 1 ). Il fascio di piani per r 1 ha equazione 2x + y z + k(y x) = 0, il passaggio per P implica k = 3. Risulta allora π : 5x 2y z = 0. La stella dei piani per O ha equazione ax + by + cz = 0. Tra tali piani quelli perpendicolari a π sono quelli che verificano la relazione 5a 2b c = 0, cioe c = 5a 2b e, quindi, hanno equazione ax + by + (5a 2b)z = 0, cioe a(x + 5z) + b(y 2z) = 0. Si tratta del fascio di piani di asse la retta r : perpendicolare a π). b) Poiche x + 5z = 0 y 2z = = 2 0, (che e proprio la retta per O e r 1 ed r 3 sono sghembe. La retta r 1 ha parametri direttori (1, 1, 3), la retta r 3 ha parametri direttori ( 1, 1, 1). Un piano σ : ax + by + cz + d = 0 e parallelo ad r 1 ed r 3 se a + b + 3c = 0. Posto c = 1 si ha (a, b, c) = ( 1, 2, 1). Il fascio di piani paralleli a + b + c = 0 ad r 1 ed r 3 ha allora equazione x + 2y z + h = 0. Un vettore perpendicolare a tali piani e v (1, 2, 1). Poiche v = 6, un vettore unitario perpendicolare e, per esempio, v v = ( 1 2 6, 6, 1 6 ). c) Poiche = 1 0,

11 r 2 ed r 3 sono sghembe. La rette r 2 ed r 3 hanno parametri direttori (1, 2, 1) e ( 1, 1, 1) rispettivamente. Procedendo come al punto b), si trova che il fascio di piani ha equazione x 2y + 3z + h = 0 ed un vettore unitario perpendicolare a tali piani e, per esempio, u = ( 1 14, , 14 ). 34. Sia assegnato un riferimento cartesiano ortonormale nel piano ordinario. a) Scrivere l equazione della conica che ha la retta x y + 1 = 0 come asintoto, tangente alla retta y = 0 in O (0, 0) e tale che i punti P (1, 2) e Q (2, 1) siano coniugati. b) Considerato il fascio di coniche bitangenti alla circonferenza x 2 + y 2 2x = 0 nei punti in cui questa interseca la retta x 1 = 0, dire se esistono coniche di tale fascio aventi come diametro la retta x + y 1 = 0. c) Esiste una parabola passante per i punti A ( 1, 1) e B (1, 0) e avente come asse la retta di equazione x y = 0? a) La conica cercata appartiene al fascio individuato dalle coniche degeneri (x y +1)y = 0 (che e la conica che ha come componenti l asintoto assegnato e la retta tangente in O alla conica da determinare) e (x y) 2 = 0 (che e la conica doppiamente degenere che ha come componente la retta passante per O e per il punto all infinito dell asintoto). Tale fascio ha equazione (x y + 1)y + k(x y) 2 = 0. La polare di P (1, 2), rispetto alla conica (x y + 1)y + k(x y) 2 = 0, ha equazione ( k + 1)x + (k 1)y + 1 = 0. I punti P e Q sono coniugati se Q appartiene alla polare di P. Sostituendo le coordinate di Q nell equazione ( k + 1)x + (k 1)y + 1 = 0, si ottiene k = 4 3. La conica richiesta ha allora equazione 3(x y + 1)y + 4(x y) 2 = 0. b) Il fascio di coniche bitangenti alla circonferenza x 2 + y 2 2x = 0 nei punti in cui questa interseca la retta x 1 = 0 ha equazione x 2 + y 2 2x + k(x 1) 2 = 0. Ogni conica non degenere di tale fascio ha centro nel punto di coordinate (1, 0). Tale punto appartiene alla retta di equazione x+y 1 = 0 che, quindi, e un diametro di ogni conica non degenere del fascio (in particolare della circonferenza x 2 + y 2 2x = 0 come si poteva osservare subito). c) Per ragioni di simmetria, una parabola avente asse di equazione x y = 0 e passante per i punti A ( 1, 1) e B (1, 0) contiene anche i punti C (1, 1) e D (0, 1). Consideriamo allora il fascio di coniche passanti per i quattro punti A, B, C, D. Tale fascio ha equazione (x + y 1)(x + y) + k(x 1)(y 1) = 0, cioe x 2 + (k + 2)xy + y 2 (k + 1)x (k + 1)y + k = 0. Le coniche di tipo parabolico si ottengono per (k + 2) 2 4 = 0 cioe per k = 0 e per k = 4. Per k = 0 si ha una conica degenere di tipo parabolico, per k = 4 si ottiene la parabola x 2 2xy + y 2 + 3x + 3y 4 = 0 che ha come asse proprio la retta di equazione x y = Nello spazio ordinario, assegnato un riferimento cartesiano ortonormale, si considerino x + z 1 = 0 x + z = 0 x + y 3 = 0 le rette: r : y + z 2 = 0, s : y z 3 = 0, t : x + z 1 = 0. a) Esistono rette per O perpendicolari ad r, s e t contemporaneamente? Determinare la proiezione ortogonale di O sul piano contenente r e t. b) Esistono piani per O paralleli ad r, s e t contemporaneamente? Calcolare la distanza di O dalla retta r. c) Esistono rette per O incidenti r ed s? Calcolare la distanza di O dal piano contenente s e t. 36. Nel piano ordinario, considerato un riferimento cartesiano ortonormale, si considerino le coniche: C 1 : x 2 + y 2 2y = 0, C 2 : x 2 y 2 = 0, C 3 : y x 2 = 0. 11

12 a) Determinare i punti singolari delle coniche degeneri del fascio individuato da C 1 e C 2. Nel fascio individuato da C 1 e C 2 esistono parabole con vertice nell origine? b) Determinare le componenti delle coniche degeneri del fascio individuato da C 1 e C 3. Esiste una coppia di diametri di C 3 che e coppia di assi di C 1? c) Determinare i punti all infinito delle coniche degeneri del fascio individuato da C 2 e C 3. E vero che C 1, C 2 e C 3 appartengono ad un medesimo fascio di coniche? 37. Nello spazio ordinario, considerato un riferimento cartesiano ortonormale, si considerino il punto P (0, 1, 0) e le rette: r : x y = 0 x + y = 0 y z = 0 x z = 1 s : t : z = 0 x 2z = 1. a) Esistono rette parallele ad r, incidenti s ed aventi distanza 1 da P? b) Esistono rette incidenti r, s e t e parallele al piano x = 0? c) Esistono rette per P e incidenti s e t? 38. Nel piano ordinario sia assegnato un riferimento cartesiano ortonormale. a) Esiste un iperbole avente per asintoti le rette x + y 1 = 0 e x y + 1 = 0 e un vertice nel punto V ( 1, 1)? b) Esiste un ellisse avente per assi le rette x + y = 0 e x y = 0 e passante per il punto P (1, 1)? c) Esiste una parabola avente vertice V (0, 0), retta tangente in V la retta x+y = 0 e passante per i punti Q 1 (2, 1) e Q 2 (1, 1)? 39. Nel piano ordinario, assegnato un riferimento cartesiano ortonormale RC(0, i, j), si considerino le coniche: C 1 : x 2 + y 2 2x = 0, C 2 : x 2 + 2y 2 2x 1 = 0, C 3 : 2x 2 + 3y 2 4x 1 = 0, C 4 : 3x 2 + 4y 2 6x 1 = 0, C 5 : x 2 + y 2 2y = 0. a) E vero che C 1, C 2 e C 3 appartengono al medesimo fascio? Esistono iperboli nel fascio individuato da C 1 e C 5 aventi una direzione asintotica parallela al vettore i? b) E vero che C 2, C 3 e C 4 appartengono al medesimo fascio? Esiste una conica del fascio individuato da C 1 e C 3 che ha come assi le rette di equazione x + y 1 = 0 e x y 1 = 0? c) E vero che C 3, C 4 e C 5 appartengono al medesimo fascio? Esistono parabole del fascio individuato da C 3 e C 5 aventi asse con direzione parallela al vettore i? 12

Corso di Geometria BIAR, BSIR Esercizi 10: soluzioni

Corso di Geometria BIAR, BSIR Esercizi 10: soluzioni Corso di Geometria 2010-11 BIAR, BSIR Esercizi 10: soluzioni 1 Geometria dello spazio Esercizio 1. Dato il punto P 0 = ( 1, 0, 1) e il piano π : x + y + z 2 = 0, determinare: a) Le equazioni parametriche

Dettagli

RETTE E PIANI NELLO SPAZIO

RETTE E PIANI NELLO SPAZIO VETTORI E GEOMETRIA ANALITICA 1 RETTE E PIANI NELLO SPAZIO Rette e piani in forma cartesiana e parametrica. Parallelismo e perpendicolarità, posizioni reciproche tra rette e piani, distanze. Esercizio

Dettagli

I FACOLTÀ DI INGEGNERIA - POLITECNICO DI BARI Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica (corso A) A.A. 2009-2010, Esercizi di Geometria analitica

I FACOLTÀ DI INGEGNERIA - POLITECNICO DI BARI Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica (corso A) A.A. 2009-2010, Esercizi di Geometria analitica I FACOLTÀ DI INGEGNERIA - POLITECNICO DI BARI Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica (corso A) A.A. 2009-2010, Esercizi di Geometria analitica Negli esercizi che seguono si suppone fissato nello spazio

Dettagli

Esercizi svolti. Geometria analitica: rette e piani

Esercizi svolti. Geometria analitica: rette e piani Esercizi svolti. Sistemi di riferimento e vettori. Dati i vettori v = i + j k, u =i + j + k determinare:. il vettore v + u ;. gli angoli formati da v e u;. i vettore paralleli alle bisettrici di tali angoli;

Dettagli

GEOMETRIA PIANA. 1) sia verificata l uguaglianza di segmenti AC = CB (ossia C è punto medio del segmento AB);

GEOMETRIA PIANA. 1) sia verificata l uguaglianza di segmenti AC = CB (ossia C è punto medio del segmento AB); VETTORI E GEOMETRIA ANALITICA 1 GEOMETRIA PIANA Segmenti e distanza tra punti. Rette in forma cartesiana e parametrica. Posizioni reciproche di due rette, parallelismo e perpendicolarità. Angoli e distanze.

Dettagli

Note di geometria analitica nel piano

Note di geometria analitica nel piano Note di geometria analitica nel piano e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria. Novembre 2015. 1 Indice 1 Punti e vettori spiccati dall origine 3 1.1 Coordinate......................................

Dettagli

Studio generale di una conica

Studio generale di una conica Studio generale di una conica Manlio De Domenico 19 Giugno 2003 Definizione 1 Si definisce conica C un equazione algebrica F (x 1, x 2, x 3 ) = 0 del secondo ordine omogenea. Detta A la matrice simmetrica

Dettagli

La circonferenza nel piano cartesiano

La circonferenza nel piano cartesiano La circonferenza nel piano cartesiano 1. Definizione ed equazione. Si chiama circonferenza C, di centro C( α, β ) e raggio r, l insieme di tutti e soli i punti del piano che hanno distanza r da C. L equazione

Dettagli

Appunti ed esercizi sulle coniche

Appunti ed esercizi sulle coniche 1 LA CIRCONFERENZA 1 Appunti ed esercizi sulle coniche Versione del 1 Marzo 011 1 La circonferenza Nel piano R, fissati un punto O = (a, b) e un numero r > 0, la circonferenza (o cerchio) C di centro O

Dettagli

Circonferenze del piano

Circonferenze del piano Circonferenze del piano 1 novembre 1 Circonferenze del piano 1.1 Definizione Una circonferenza è il luogo dei punti equidistanti da un punto fisso, detto centro. La distanza di un qualunque punto della

Dettagli

CdL in Ingegneria Informatica (Orp-Z)

CdL in Ingegneria Informatica (Orp-Z) CdL in ngegneria nformatica (Orp-Z) Prova scritta di Algebra Lineare assegnata il 22 Novembre 2004 - A Usare solo carta fornita dal Dipartimento di Matematica e nformatica, riconsegnandola tutta. Sia f

Dettagli

CONICHE. Esercizi Esercizio 1. Nel piano con riferimento cartesiano ortogonale Oxy sia data la conica C di equazione

CONICHE. Esercizi Esercizio 1. Nel piano con riferimento cartesiano ortogonale Oxy sia data la conica C di equazione CONICHE Esercizi Esercizio 1. Nel piano con riferimento cartesiano ortogonale Oy sia data la conica C di equazione 7 2 + 2 3y + 5y 2 + 32 3 = 0. Calcolare le equazioni di una rototraslazione che riduce

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE CONICHE AFFINI

CLASSIFICAZIONE DELLE CONICHE AFFINI CLASSIFICAZIONE DELLE CONICHE AFFINI Pre-requisiti necessari. Elementi di geometria analitica punti e rette nel piano cartesiano, conoscenza delle coniche in forma canonica). Risoluzione di equazioni e

Dettagli

LA CIRCONFERENZA E LA SUA EQUAZIONE

LA CIRCONFERENZA E LA SUA EQUAZIONE LA CIRCONFERENZA E LA SUA EQUAZIONE LA CIRCONFERENZA COME LUOGO GEOMETRICO DEFINIZIONE Assegnato nel piano un punto C, detto centro, si chiama circonferenza la curva piana luogo geometrico dei punti equidistanti

Dettagli

Esercizi di Geometria e Algebra Lineare C.d.L. Ingegneria Meccanica

Esercizi di Geometria e Algebra Lineare C.d.L. Ingegneria Meccanica Esercizi di Geometria e Algebra Lineare C.d.L. Ingegneria Meccanica 1) Dati i vettori a = (2, 4), b = (1, 2), c = ( 1, 1), d = (3, 6), stabilire se c e d appartengono a Span(a, b}). 2) Nello spazio vettoriale

Dettagli

(x B x A, y B y A ) = (4, 2) ha modulo

(x B x A, y B y A ) = (4, 2) ha modulo GEOMETRIA PIANA 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(0, 4), e B(4, ) trovarne la distanza e trovare poi i punti C allineati con A e con B che verificano: (1) AC = CB (punto medio del segmento AB); ()

Dettagli

GEOMETRIA ANALITICA: LE CONICHE

GEOMETRIA ANALITICA: LE CONICHE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE PRECORSO DI MATEMATICA ANNO ACCADEMICO 2013-2014 ESERCIZI DI GEOMETRIA ANALITICA: LE CONICHE Esercizio 1: Fissato su un piano un sistema di riferimento cartesiano ortogonale

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI SU: GEOMETRIA TRIDIMENSIONALE. 2. Fissato un sistema di riferimento cartesiano dello spazio euclideo O, i, j, k,

ESERCIZI SVOLTI SU: GEOMETRIA TRIDIMENSIONALE. 2. Fissato un sistema di riferimento cartesiano dello spazio euclideo O, i, j, k, ESERCIZI SVOLTI SU: GEOMETRIA TRIDIMENSIONALE 1. Fissato un sistema di riferimento cartesiano dello spazio euclideo O, i, j, k, determinare un equazione omogenea del piano parallelo al vettore v = i+j,

Dettagli

Mutue posizioni della parabola con gli assi cartesiani

Mutue posizioni della parabola con gli assi cartesiani Mutue posizioni della parabola con gli assi cartesiani L equazione di una parabola generica è data da: Consideriamo l equazione che definisce i punti di intersezione della parabola con l asse delle ascisse

Dettagli

Capitolo 1 Vettori applicati e geometria dello spazio

Capitolo 1 Vettori applicati e geometria dello spazio Capitolo 1 Vettori applicati e geometria dello spazio Marco Robutti Facoltà di ingegneria Università degli studi di Pavia Tutorato di geometria e algebra lineare Anno accademico 2014-2015 Definizione (Vettore

Dettagli

C I R C O N F E R E N Z A...

C I R C O N F E R E N Z A... C I R C O N F E R E N Z A... ESERCITAZIONI SVOLTE 3 Equazione della circonferenza di noto centro C e raggio r... 3 Equazione della circonferenza di centro C passante per un punto A... 3 Equazione della

Dettagli

Geometria BATR-BCVR Esercizi 9

Geometria BATR-BCVR Esercizi 9 Geometria BATR-BCVR 2015-16 Esercizi 9 Esercizio 1. Per ognuna delle matrici A i si trovi una matrice ortogonale M i tale che Mi ta im sia diagonale. ( ) 1 1 2 3 2 A 1 = A 2 1 2 = 1 1 0 2 0 1 Esercizio

Dettagli

Lezione 24 - Esercitazioni di Algebra e Geometria - Anno accademico

Lezione 24 - Esercitazioni di Algebra e Geometria - Anno accademico CONICHE in A ~ (C) Punti propri (x P,y P ) hanno coordinate omogenee [(x P,y P, )], Punti impropri hanno coordinate omogenee [(l,m, )]. L equazione di una conica in coordinate non omogenee (x,y) C: a,

Dettagli

LA CIRCONFERENZA La circonferenza è il luogo geometrico dei punti equidistanti da un punto C, detto centro.

LA CIRCONFERENZA La circonferenza è il luogo geometrico dei punti equidistanti da un punto C, detto centro. Geometria Analitica Le coniche Queste curve si chiamano coniche perché sono ottenute tramite l'intersezione di una superficie conica con un piano. Si possono definire tutte come luoghi geometrici e, di

Dettagli

RETTE E PIANI. ove h R. Determinare i valori di h per cui (1) r h e α sono incidenti ed, in tal caso, determinare l angolo ϑ h da essi formato;

RETTE E PIANI. ove h R. Determinare i valori di h per cui (1) r h e α sono incidenti ed, in tal caso, determinare l angolo ϑ h da essi formato; RETTE E PIANI Esercizi Esercizio 1. Nello spazio con riferimento cartesiano ortogonale Oxyz si considerino la retta r h ed il piano α rispettivamente di equazioni x = 1 + t r h : y = 1 t α : x + y + z

Dettagli

Parte 10. Geometria dello spazio I

Parte 10. Geometria dello spazio I Parte 10. Geometria dello spazio I A. Savo Appunti del Corso di Geometria 2013-14 Indice delle sezioni 1 Lo spazio vettoriale V 3 O, 1 2 Dipendenza e indipendenza lineare in V 3 O, 2 3 Sistema di riferimento

Dettagli

Algebra lineare Geometria 1 11 luglio 2008

Algebra lineare Geometria 1 11 luglio 2008 Algebra lineare Geometria 1 11 luglio 2008 Esercizio 1. Si considerino la funzione: { R f : 3 R 3 (α, β, γ) ( 2β α γ, (k 1)β + (1 k)γ α, 3β + (k 2)γ ) dove k è un parametro reale, e il sottospazio U =

Dettagli

Sapienza Università di Roma Corso di laurea in Ingegneria Energetica Geometria A.A ESERCIZI DA CONSEGNARE prof.

Sapienza Università di Roma Corso di laurea in Ingegneria Energetica Geometria A.A ESERCIZI DA CONSEGNARE prof. Sapienza Università di Roma Corso di laurea in Ingegneria Energetica Geometria A.A. 2015-2016 ESERCIZI DA CONSEGNARE prof. Cigliola Consegna per Martedì 6 Ottobre Esercizio 1. Una matrice quadrata A si

Dettagli

Analisi Matematica 1 e Matematica 1 Geometria Analitica: Rette

Analisi Matematica 1 e Matematica 1 Geometria Analitica: Rette Analisi Matematica 1 e Matematica 1 Geometria Analitica: Rette Annalisa Amadori e Benedetta Pellacci amadori@uniparthenope.it pellacci@uniparthenope.it Università di Napoli Parthenope Contenuti Nel Piano

Dettagli

PROBLEMI DI GEOMETRIA

PROBLEMI DI GEOMETRIA PROBLEMI DI GEOMETRIA Lucio Guerra 1994 v. 1 2001 v. 2.7 Dipartimento di Matematica e Informatica - Università di Perugia Indice 1. EQUAZIONI LINEARI 1 2. SPAZI VETTORIALI 2 3. APPLICAZIONI LINEARI 4 4.

Dettagli

LEZIONE 10. S(C,ρ) Figura 10.1

LEZIONE 10. S(C,ρ) Figura 10.1 LEZIONE 10 10.1. Sfere nello spazio. In questa lezione studieremo alcuni oggetti geometrici non lineari, circonferenze e sfere nello spazio A 3. Poiché le proprietà delle circonferenze nel piano sono del

Dettagli

determinare le coordinate di P ricordando la relazione che permette di calcolare le coordinate del punto medio di un segmento si

determinare le coordinate di P ricordando la relazione che permette di calcolare le coordinate del punto medio di un segmento si PROBLEMA Determinare il punto simmetrico di P( ;) rispetto alla retta x y =0 Soluzione Il simmetrico di P rispetto ad una retta r è il punto P che appartiene alla retta passante per P, perpendicolare ad

Dettagli

Esercizi di Geometria Affine

Esercizi di Geometria Affine Esercizi di Geometria Affine Sansonetto Nicola dicembre 01 Geometria Affine nel Piano Esercizio 1. Nel piano affine standard A (R) dotato del riferimento canonico, si consideri la retta τ di equazione

Dettagli

Geometria analitica del piano pag 12 Adolfo Scimone

Geometria analitica del piano pag 12 Adolfo Scimone Geometria analitica del piano pag 12 Adolfo Scimone Fasci di rette Siano r e r' due rette distinte di equazioni r: ax + by + c r': a' x + b' y + c' Consideriamo la retta combinazione lineare delle due

Dettagli

Dipartimento di Matematica Corso di laurea in Matematica Compiti di Geometria II assegnati da dicembre 2000 a dicembre 2003

Dipartimento di Matematica Corso di laurea in Matematica Compiti di Geometria II assegnati da dicembre 2000 a dicembre 2003 Dipartimento di Matematica Corso di laurea in Matematica Compiti di Geometria assegnati da dicembre 2000 a dicembre 2003 11/12/2000 n R 4 sono assegnati i punti A(3, 0, 1, 0), B(0, 0, 1, 0), C(2, 1, 0,

Dettagli

Una circonferenza e una parabola sono disegnate nel piano cartesiano. La circonferenza ha centro nel punto

Una circonferenza e una parabola sono disegnate nel piano cartesiano. La circonferenza ha centro nel punto La parabola Esercizi Esercizio 368.395 Una circonferenza e una parabola sono disegnate nel piano cartesiano. La circonferenza ha centro nel punto 0 ;5 e raggio, e la parabola ha il suo vertice in 0 ;0.

Dettagli

Formulario di Geometria Analitica a.a

Formulario di Geometria Analitica a.a Formulario di Geometria Analitica a.a. 2006-2007 Dott. Simone Zuccher 23 dicembre 2006 Nota. Queste pagine potrebbero contenere degli errori: chi li trova è pregato di segnalarli all autore zuccher@sci.univr.it).

Dettagli

1 Ampliamento del piano e coordinate omogenee

1 Ampliamento del piano e coordinate omogenee 1 Ampliamento del piano e coordinate omogenee Vogliamo dare una idea, senza molte pretese, dei concetti che stanno alla base di alcuni calcoli svolti nella classificazione delle coniche. Supponiamo di

Dettagli

Condizione di allineamento di tre punti

Condizione di allineamento di tre punti LA RETTA L equazione lineare in x e y L equazione: 0 con,,, e non contemporaneamente nulli, si dice equazione lineare nelle due variabili e. Ogni coppia ; tale che: 0 si dice soluzione dell equazione.

Dettagli

2 2 2 A = Il Det(A) = 2 quindi la conica è non degenere, di rango 3.

2 2 2 A = Il Det(A) = 2 quindi la conica è non degenere, di rango 3. Studio delle coniche Ellisse Studiare la conica di equazione 2x 2 + 4xy + y 2 4x 2y + 2 = 0. Per prima cosa dobbiamo classificarla. La matrice associata alla conica è: 2 2 2 A = 2 2 2 Il DetA = 2 quindi

Dettagli

QUADERNI DIDATTICI. Dipartimento di Matematica

QUADERNI DIDATTICI. Dipartimento di Matematica Università ditorino QUADERNI DIDATTICI del Dipartimento di Matematica E Abbena, G M Gianella Esercizi di Geometria ealgebralinearei AA / Quaderno # 8 - Settembre Gli esercizi proposti in questa raccolta

Dettagli

ax 1 + bx 2 + c = 0, r : 2x 1 3x 2 + 1 = 0.

ax 1 + bx 2 + c = 0, r : 2x 1 3x 2 + 1 = 0. . Rette in R ; circonferenze. In questo paragrafo studiamo le rette e le circonferenze in R. Ci sono due modi per descrivere una retta in R : mediante una equazione cartesiana oppure mediante una equazione

Dettagli

Esercizi di Complementi di Matematica (L-Z) a.a. 2015/2016

Esercizi di Complementi di Matematica (L-Z) a.a. 2015/2016 Esercizi di Complementi di Matematica (L-Z) a.a. 2015/2016 Prodotti scalari e forme bilineari simmetriche (1) Sia F : R 2 R 2 R un applicazione definita da F (x, y) = x 1 y 1 + 3x 1 y 2 5x 2 y 1 + 2x 2

Dettagli

Liceo Classico e Internazionale C. Botta Ivrea LAVORI ESTIVI

Liceo Classico e Internazionale C. Botta Ivrea LAVORI ESTIVI Liceo Classico e Internazionale C. Botta Ivrea LAVORI ESTIVI Anno scolastico: 014-015 Classe: 3 H Docente: Paola Zanolo Disciplina: Matematica Ripassare tutto il programma preparando un formulario per

Dettagli

Esercizi di Geometria Affine ed Euclidea del Piano e dello Spazio

Esercizi di Geometria Affine ed Euclidea del Piano e dello Spazio Esercizi di Geometria Affine ed Euclidea del Piano e dello Spazio Sansonetto Nicola 15 aprile 2016 Geometria Affine nel Piano Esercizio 1. Nel piano affine standard A 2 (R) dotato del riferimento canonico,

Dettagli

La circonferenza nel piano cartesiano

La circonferenza nel piano cartesiano 6 La circonferenza nel piano cartesiano onsideriamo la circonferenza in figura in cui il centro è ; e il raggio 5 r : se indichiamo con P ; un punto della circonferenza avremo, per definizione, che la

Dettagli

Calcolo letterale. 1. Quale delle seguenti affermazioni è vera?

Calcolo letterale. 1. Quale delle seguenti affermazioni è vera? Calcolo letterale 1. Quale delle seguenti affermazioni è vera? (a) m.c.m.(49a b 3 c, 4a 3 bc ) = 98a 3 b 3 c (b) m.c.m.(49a b 3 c, 4a 3 bc ) = 98a 3 b 3 c (XX) (c) m.c.m.(49a b 3 c, 4a 3 bc ) = 49a bc

Dettagli

Prodotto scalare e ortogonalità

Prodotto scalare e ortogonalità Prodotto scalare e ortogonalità 12 Novembre 1 Il prodotto scalare 1.1 Definizione Possiamo estendere la definizione di prodotto scalare, già data per i vettori del piano, ai vettori dello spazio. Siano

Dettagli

Testi verifiche 3 C 3 I a. s. 2008/2009

Testi verifiche 3 C 3 I a. s. 2008/2009 Testi verifiche 3 C 3 I a. s. 2008/2009 1) Sono assegnati i punti A(- 1; 3) C(3; 0) M ;1 a) Ricavare le coordinate del simmetrico di A rispetto a M e indicarlo con B. Verificare che il segmento congiungente

Dettagli

Analisi Matematica 1 e Matematica 1 Geometria Analitica: Coniche

Analisi Matematica 1 e Matematica 1 Geometria Analitica: Coniche Analisi Matematica 1 e Matematica 1 Geometria Analitica: Coniche Annalisa Amadori e Benedetta Pellacci amadori@uniparthenope.it pellacci@uniparthenope.it Università di Napoli Parthenope Contenuti Coniche

Dettagli

il discriminante uguale a zero; sviluppando i calcoli si ottiene che deve essere

il discriminante uguale a zero; sviluppando i calcoli si ottiene che deve essere Macerata maggio 0 classe M COMPITO DI MATEMATICA RECUPERO ASSENTI QUESITO Considera il fascio di curve di equazione: x y (.) = k + k 6 a) Trova per quali valori di k si hanno delle ellissi. Deve essere

Dettagli

Parte 11. Geometria dello spazio II

Parte 11. Geometria dello spazio II Parte 11. Geometria dello spazio II A. Savo Appunti del Corso di Geometria 2010-11 Indice delle sezioni 1 Il prodotto scalare, 1 2 Distanze, angoli, aree, 4 3 Il prodotto vettoriale, 6 4 Condizioni di

Dettagli

Esercizi per Geometria II Geometria euclidea e proiettiva

Esercizi per Geometria II Geometria euclidea e proiettiva Esercizi per Geometria II Geometria euclidea e proiettiva Filippo F. Favale 8 aprile 014 Esercizio 1 Si consideri E dotato di un riferimento cartesiano ortonormale di coordinate (x, y) e origine O. Si

Dettagli

EQUAZIONE DELLA RETTA

EQUAZIONE DELLA RETTA EQUAZIONE DELLA RETTA EQUAZIONE DEGLI ASSI L equazione dell asse x è 0. L equazione dell asse y è 0. EQUAZIONE DELLE RETTE PARALLELE AGLI ASSI L equazione di una retta r parallela all asse x è cioè è uguale

Dettagli

Verifiche di matematica classe 3 C 2012/2013

Verifiche di matematica classe 3 C 2012/2013 Verifiche di matematica classe 3 C 2012/2013 1) È assegnato il punto P 1 (3; 1), calcolare le coordinate dei punti: P 2 simmetrico di P 1 rispetto alla bisettrice del primo e terzo quadrante P 3 simmetrico

Dettagli

Soluzione. a) Per la bilinearità e la simmetria del prodotto scalare, b) Si sfruttano la bilinearità e la simmetria del prodotto scalare.

Soluzione. a) Per la bilinearità e la simmetria del prodotto scalare, b) Si sfruttano la bilinearità e la simmetria del prodotto scalare. Esercizi svolti 4 Problemi guida 117 IL PRODOTTO SCALARE Problema 41 a) Dimostra che (v + w) (v w) = v 2 w 2 b) Dimostra che v w = 1 4 [ v + w 2 v w 2 ] Soluzione a) Per la bilinearità e la simmetria del

Dettagli

COMPLEMENTI DEL CORSO DI MATEMATICA Anno Accademico 2012/2013 Prof. Francesca Visentin

COMPLEMENTI DEL CORSO DI MATEMATICA Anno Accademico 2012/2013 Prof. Francesca Visentin COMPLEMENTI DEL CORSO DI MATEMATICA Anno Accademico 0/03 Prof. Francesca Visentin CAPITOLO V ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA Riprendiamo alcune nozioni già date nel Capitolo II.. Coordinate cartesiane

Dettagli

LA PARABOLA E LA SUA EQUAZIONE

LA PARABOLA E LA SUA EQUAZIONE LA PARABOLA E LA SUA EQUAZIONE Prof. Giovanni Ianne CHE COS È LA PARABOLA DEFINIZIONE Parabola Scegliamo sul piano un punto F e una retta d. Possiamo tracciare sul piano i punti equidistanti da F e da

Dettagli

PIANO CARTESIANO E RETTA

PIANO CARTESIANO E RETTA PIANO CATESIANO E ETTA Distanza tra due punti: d(a, B) = (x A x B ) + (y A y B ) Distanza tra due punti su una retta di coefficiente angolare m: d(a, B) = x A x B + m Punto medio di un segmento: M = (

Dettagli

Svolgimento degli esercizi sulla circonferenza

Svolgimento degli esercizi sulla circonferenza Liceo Classico Galilei Pisa - Classe a A - Prof. Francesco Daddi - 1 ottobre 011 Svolgimento degli esercizi sulla circonferenza Esercizio 1. La circonferenza ha centro in C 4 ), 7, 7 ) e raggio + 7 57

Dettagli

Fasci di Coniche. Salvino Giuffrida. 2. Determinare e studiare il fascio Φ delle coniche che passano per A (1, 0) con tangente

Fasci di Coniche. Salvino Giuffrida. 2. Determinare e studiare il fascio Φ delle coniche che passano per A (1, 0) con tangente 1 Fasci di Coniche Salvino Giuffrida 1. Determinare e studiare il fascio Φ delle coniche che passano per O = (0, 0), con tangente l asse y, e per i punti (1, 0), (1, ). Determinare vertice e asse della

Dettagli

Problemi sulla circonferenza verso l esame di stato

Problemi sulla circonferenza verso l esame di stato Problemi sulla circonferenza verso l esame di stato * * * n. 0 pag. 06 a) Scrivi l equazione della circonferenza γ 1 di centro P ; ) e passante per il punto A0; 1). b) Scrivi l equazione della circonferenza

Dettagli

Esercizi svolti sulla parabola

Esercizi svolti sulla parabola Liceo Classico Galilei Pisa - Classe a A - Prof. Francesco Daddi - 19 dicembre 011 Esercizi svolti sulla parabola Esercizio 1. Determinare l equazione della parabola avente fuoco in F(1, 1) e per direttrice

Dettagli

Le coniche: circonferenza, parabola, ellisse e iperbole.

Le coniche: circonferenza, parabola, ellisse e iperbole. Le coniche: circonferenza, parabola, ellisse e iperbole. Teoria in sintesi Queste curve si chiamano coniche perché sono ottenute tramite l intersezione di una superficie conica con un piano. Si possono

Dettagli

Esercizi Riepilogativi Svolti. = 1 = Or(v, w)

Esercizi Riepilogativi Svolti. = 1 = Or(v, w) Universita degli Studi di Roma - "Tor Vergata" - Facolta Ingegneria Esercizi GEOMETRIA (Edile-Architettura e dell Edilizia FORMULE DI GEOMETRIA IN R TRASFORMAZIONI DI R CIRCONFERENZE Docente: Prof F Flamini

Dettagli

1 Rette e piani nello spazio

1 Rette e piani nello spazio 1 Rette e piani nello spazio Esercizio 1.1 È assegnato un riferimento cartesiano 0xyz. Sono assegnati la retta x = t, r : y = t, z = t, il piano π : x + y + z = 0 ed il punto P = (1, 1, 1). Scrivere le

Dettagli

Piano cartesiano e Retta

Piano cartesiano e Retta Piano cartesiano e Retta 1 Piano cartesiano e Retta 1. Richiami sul piano cartesiano 2. Richiami sulla distanza tra due punti 3. Richiami punto medio di un segmento 4. La Retta (funzione lineare) 5. L

Dettagli

CORSO DI RECUPERO DI MATEMATICA PER ALUNNI CLASSI TERZE CON GIUDIZIO SOSPESO

CORSO DI RECUPERO DI MATEMATICA PER ALUNNI CLASSI TERZE CON GIUDIZIO SOSPESO CORSO DI RECUPERO DI MATEMATICA PER ALUNNI CLASSI TERZE CON GIUDIZIO SOSPESO ESERCIZI PROPOSTI 1. DATI I PUNTI A(3,-) E B(-5,): A. RAPPRESENTARLI SUL PIANO; B. CALCOLARE LA LORO DISTANZA; C. CALCOLARE

Dettagli

Esercitazione di Analisi Matematica II

Esercitazione di Analisi Matematica II Esercitazione di Analisi Matematica II Barbara Balossi 06/04/2017 Esercizi di ripasso Esercizio 1 Sia data l applicazione lineare f : R 3 R 3 definita come f(x, y, z) = ( 2x + y z, x 2y + z, x y). a) Calcolare

Dettagli

Proprietà focali delle coniche.

Proprietà focali delle coniche. roprietà focali delle coniche. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, gennaio 2014 Indice 1 Coniche 1 1.1 arabola....................................... 1 1.1.1 roprietà focale

Dettagli

Punti nel piano cartesiano

Punti nel piano cartesiano Punti nel piano cartesiano In un piano consideriamo due rette perpendicolari che chiamiamo x e. Solitamente, disegniamo la retta x (ascisse) orizzontalmente e orientata da sinistra a destra, la retta e

Dettagli

QUADERNI DIDATTICI. Dipartimento di Matematica. Esercizi di Geometria ealgebralinearei Corso di Studi in Fisica

QUADERNI DIDATTICI. Dipartimento di Matematica. Esercizi di Geometria ealgebralinearei Corso di Studi in Fisica Università ditorino QUADERNI DIDATTICI del Dipartimento di Matematica E Abbena, G M Gianella Esercizi di Geometria ealgebralinearei Corso di Studi in Fisica Quaderno # 6 - Aprile 003 Gli esercizi proposti

Dettagli

= (cioè le due terne di numeri direttori ( devono essere ) proporzionali). Tale uguaglianza non è verificata, poiché risulta ρ

= (cioè le due terne di numeri direttori ( devono essere ) proporzionali). Tale uguaglianza non è verificata, poiché risulta ρ Alcuni esercizi sullo spazio euclideo R Nel seguito R indicherà lo spazio euclideo tridimensionale standard, dotato del riferimento cartesiano naturale (pag 56-57 del libro Nota: gli esercizi proposti

Dettagli

Esercitazione di Geometria I 13 dicembre Esercizio 1. Esercizio 2. Esercizio 3

Esercitazione di Geometria I 13 dicembre Esercizio 1. Esercizio 2. Esercizio 3 Esercitazione di Geometria I 13 dicembre 2008 a. Completa la seguente definizione: i vettori v 1, v 2,..., v n del K-spazio vettoriale V si dicono linearmente dipendenti se... b. Siano w 1, w 2, w 3 vettori

Dettagli

LEZIONE 9. k, tenendo conto delle formule che permettono di calcolare il prodotto scalare ed il prodotto vettoriale, otteniamo

LEZIONE 9. k, tenendo conto delle formule che permettono di calcolare il prodotto scalare ed il prodotto vettoriale, otteniamo LEZIONE 9 9.1. Prodotto misto. Siano dati i tre vettori geometrici u, v, w V 3 (O) definiamo prodotto misto di u, v e w il numero u, v w. Fissiamo un sistema di riferimento O ı j k in S 3. Se u = u x ı

Dettagli

Equazioni e disequazioni algebriche. Soluzione. Si tratta del quadrato di un binomio. Si ha pertanto. (x m y n ) 2 = x 2m 2x m y n + y 2n

Equazioni e disequazioni algebriche. Soluzione. Si tratta del quadrato di un binomio. Si ha pertanto. (x m y n ) 2 = x 2m 2x m y n + y 2n Si tratta del quadrato di un binomio. Si ha pertanto (x m y n ) 2 = x 2m 2x m y n + y 2n 4. La divisione (x 3 3x 2 + 5x 2) : (x 2) ha Q(x) = x 2 x + 3 e R = 4 Dalla divisione tra i polinomi risulta (x

Dettagli

Iperbole. L iperbole è il luogo dei punti per i quali la differenza delle distanze da due punti fissi detti fuochi rimane costante.

Iperbole. L iperbole è il luogo dei punti per i quali la differenza delle distanze da due punti fissi detti fuochi rimane costante. Iperbole L iperbole è il luogo dei punti per i quali la differenza delle distanze da due punti fissi detti fuochi rimane costante. Vedi figura: Figura 1 Iperbole equilatera. Se i fuochi si trovano sull

Dettagli

Esercitazione per la prova di recupero del debito formativo

Esercitazione per la prova di recupero del debito formativo LEZIONI ED ESERCITAZIONI DI MATEMATICA Prof. Francesco Marchi 1 Esercitazione per la prova di recupero del debito formativo 24 febbraio 2010 1 Per altri materiali didattici o per contattarmi: Blog personale:

Dettagli

Geometria Analitica nello Spazio

Geometria Analitica nello Spazio Capitolo 11 Geometria Analitica nello Spazio In questo capitolo viene trattata la rappresentazione di piani, rette, sfere e circonferenze nello spazio mediante equazioni cartesiane e parametriche. Sono

Dettagli

1. Calcolare gli invarianti ortogonali e riconoscere le seguenti quadriche.

1. Calcolare gli invarianti ortogonali e riconoscere le seguenti quadriche. Algebra Lineare e Geometria Analitica Politecnico di Milano Ingegneria Quadriche Esercizi 1. Calcolare gli invarianti ortogonali e riconoscere le seguenti quadriche. (a) x + y + z + xy xz yz 6x 4y + z

Dettagli

Equazione implicita della circonferenza. b= 2 c= 2 2 r 2

Equazione implicita della circonferenza. b= 2 c= 2 2 r 2 FORMULARIO DI GEOMETRIA ANALITICA Punto medio tra due punti. Distanza fra due punti. Baricentro di un triangolo. M = 1, y M = y 1 y d= 1 y y 1 0 = 1 3 3, y 0 = y 1 y y 3 3 Retta per due punti. Retta per

Dettagli

DEFINIZIONE Un vettore (libero) è un ente geometrico rappresentato da un segmento orientato caratterizzato da tre parametri:

DEFINIZIONE Un vettore (libero) è un ente geometrico rappresentato da un segmento orientato caratterizzato da tre parametri: DEFINIZIONE Un vettore (libero) è un ente geometrico rappresentato da un segmento orientato caratterizzato da tre parametri: 1. modulo: la lunghezza del segmento 2. direzione: coincidente con la direzione

Dettagli

LEZIONE 9. Figura 9.1.1

LEZIONE 9. Figura 9.1.1 LEZIONE 9 9.1. Equazioni cartesiane di piani. Abbiamo visto come rappresentare parametricamente un piano. Un altro interessante metodo di rappresentazione di un piano nello spazio è tramite la sua equazione

Dettagli

GEOMETRIA ANALITICA : FORMULARIO. y 2. + y 1

GEOMETRIA ANALITICA : FORMULARIO. y 2. + y 1 GEOMETRIA ANALITICA : FORMULARIO + x 1 Punto medio d'un segmento, y + y 1 Distanza tra due punti ( - x 1 ) + (y - y 1 ) Condizione di appartenenza di un punto P (x p ;y p ) ad una curva di equazione f(x,y)

Dettagli

Esercizi sulle coniche (prof.ssa C. Carrara)

Esercizi sulle coniche (prof.ssa C. Carrara) Esercizi sulle coniche prof.ssa C. Carrara Alcune parti di un esercizio possono ritrovarsi in un altro esercizio, insieme a parti diverse. È un occasione per affrontarle più volte.. Stabilire il tipo di

Dettagli

FONDAMENTI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA

FONDAMENTI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA Cognome Nome Matricola FONDAMENTI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA Ciarellotto, Esposito, Garuti Prova del 21 settembre 2013 Dire se è vero o falso (giustificare le risposte. Bisogna necessariamente rispondere

Dettagli

Ellisse. Come fa un giardiniere a creare un aiuola di forma ellittica?

Ellisse. Come fa un giardiniere a creare un aiuola di forma ellittica? Ellisse Come fa un giardiniere a creare un aiuola di forma ellittica? Pianta due chiodi, detti fuochi, nel terreno ad una certa distanza. Lega le estremità della corda, la cui lunghezza supera la distanza

Dettagli

Carlo Sintini, Problemi di maturità, 1948 Luglio, matematicamente.it Luglio 1948, primo problema

Carlo Sintini, Problemi di maturità, 1948 Luglio, matematicamente.it Luglio 1948, primo problema Luglio 1948, primo problema In un cerchio di raggio r è condotta una corda AB la cui distanza dal centro è r/. Inscrivere nel segmento circolare che non contiene il centro, un triangolo ABC in modo che

Dettagli

Ferruccio Orecchia. esercizi di GEOMETRIA 1

Ferruccio Orecchia. esercizi di GEOMETRIA 1 A01 102 Ferruccio Orecchia esercizi di GEOMETRIA 1 Copyright MCMXCIV ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B 00173 Roma (06) 93781065 ISBN 978

Dettagli

In un triangolo un lato è maggiore della differenza degli altri due, pertanto dal triangolo si ha > dividendo per =1.

In un triangolo un lato è maggiore della differenza degli altri due, pertanto dal triangolo si ha > dividendo per =1. L iperbole L iperbole è il luogo geometrico dei punti del piano per i quali è costante la differenza delle distanze da due punti fissi detti fuochi. Come si evince del grafico, la differenza delle distanze

Dettagli

7 Geometria analitica piana: retta, parabola, iperbole equilatera, circonferenza

7 Geometria analitica piana: retta, parabola, iperbole equilatera, circonferenza 7 Geometria analitica piana: retta, parabola, iperbole equilatera, circonferenza Il metodo della geometria analitica consiste nell applicare gli strumenti dell algebra allo studio della geometria. Il legame

Dettagli

15 luglio Soluzione esame di geometria - Ing. gestionale - a.a COGNOME... NOME... N. MATRICOLA... ISTRUZIONI

15 luglio Soluzione esame di geometria - Ing. gestionale - a.a COGNOME... NOME... N. MATRICOLA... ISTRUZIONI 15 luglio 01 - Soluzione esame di geometria - Ing. gestionale - a.a. 01-01 COGNOME.......................... NOME.......................... N. MATRICOLA............. La prova dura ore. ISTRUZIONI Ti sono

Dettagli

Fissiamo nello spazio un sistema di riferimento cartesiano ortogonale O, x, y, z, u.

Fissiamo nello spazio un sistema di riferimento cartesiano ortogonale O, x, y, z, u. Fissiamo nello spazio un sistema di riferimento cartesiano ortogonale O, x, y, z, u. Definizione Una quadriche è il luogo dei punti, propri o impropri, reali o immaginari, che con le loro coordinate omogenee

Dettagli

Esercizi e problemi sulla parabola

Esercizi e problemi sulla parabola Esercizi e problemi sulla parabola Esercizio 1. Si consideri l'insieme di parabole: con k R, k 1. Γ k : y = (k + 1)x x + k 4 (a) Determinare, per quali k, la parabola passa per l'origine. (b) Determinare,

Dettagli

2 Vettori applicati. 2.1 Nozione di vettore applicato

2 Vettori applicati. 2.1 Nozione di vettore applicato 2 Vettori applicati 2 Vettori applicati 2.1 Nozione di vettore applicato Numerose grandezze fisiche sono descritte da vettori (spostamento, velocità, forza, campo elettrico, ecc.). Per alcune di esse e,

Dettagli

1.1 Coordinate sulla retta e nel piano; rette nel piano

1.1 Coordinate sulla retta e nel piano; rette nel piano 1 Sistemi lineari 11 Coordinate sulla retta e nel piano; rette nel piano Coordinate sulla retta Scelti su una retta un primo punto O (origine) ed un diverso secondo punto U (unita ), l identificazione

Dettagli

2. APPUNTI SUI FASCI DI CIRCONFERENZE (raccolti dal prof. G. Traversi)

2. APPUNTI SUI FASCI DI CIRCONFERENZE (raccolti dal prof. G. Traversi) 2. APPUNTI SUI FASCI DI CIRCONFERENZE (raccolti dal prof. G. Traversi) La circonferenza è la curva di 2^ grado che viene individuata univocamente da tre punti non allineati e possiede la seguente proprietà:

Dettagli

MATRICI E SISTEMI LINEARI

MATRICI E SISTEMI LINEARI - - MATRICI E SISTEMI LINEARI ) Calcolare i seguenti determinanti: a - c - d - e - f - g - 8 7 8 h - ) Calcolare per quali valori di si annullano i seguenti determinanti: a - c - ) Calcolare il rango delle

Dettagli

Ingegneria Gestionale - Corso di Algebra lineare e Analisi II anno accademico 2009/2010 ESERCITAZIONE 4.4

Ingegneria Gestionale - Corso di Algebra lineare e Analisi II anno accademico 2009/2010 ESERCITAZIONE 4.4 Ingegneria Gestionale - Corso di Algebra lineare e Analisi II anno accademico 9/ ESERCITAZIONE. (Cognome) (Nome) (Numero di matricola) Proposizione Vera Falsa Per due punti distinti di R passa un unica

Dettagli

(2) Dato il vettore w = (1, 1, 1), calcolare T (w). (3) Determinare la matrice A associata a T rispetto alla base canonica.

(2) Dato il vettore w = (1, 1, 1), calcolare T (w). (3) Determinare la matrice A associata a T rispetto alla base canonica. 1. Applicazioni lineari Esercizio 1.1. Sia T : R 2 R 3 l applicazione lineare definita sulla base canonica di R 2 nel seguente modo: T (e 1 ) = (1, 2, 1), T (e 2 ) = (1, 0, 1). a) Esplicitare T (x, y).

Dettagli