Un regime alimentare corretto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Un regime alimentare corretto"

Transcript

1 Un regime alimentare corretto La razione alimentare quotidiana, per ognuno di noi, deve essere perfetta sia dal punto di vista della qualità che da quello della quantità. Deve contenere, nelle giuste proporzioni, i principi nutritivi indispensabili alla nostra salute. Occorre, infatti, che nella dieta alimentare quotidiana siano presenti: i principi plastici e formativi (protidi e proteine), che ci aiutano a crescere e a sostituire le parti logore del nostro organismo; i principi energetici (carboidrati e grassi); i principi bioregolatori, controllori dell equilibrio delle funzioni e protettivi dal rischio di alcune malattie (sali minerali, vitamine e acqua). È importante conoscere anche i tempi di digestione dei vari alimenti, che riportiamo, qui di seguito, in tabella. ALIMENTI Glucosio, fruttosio, miele, alcool, bibite isotoniche in piccole quantità. Tè, caffè, latte magro, brodo povero di grasso, acque minerali zuccherate, limonate e aranciate. Latte, yogurt, cacao, formaggio magro, pane bianco, purè di patate, riso bollito asciutto, pesce al vapore, composta di frutta. Pane nero, formaggio, frutta cruda, legumi al vapore, insalata verde, filetto di pollo o vitello ai ferri, patate arrosto, prosciutto. Arrosti, pesce e carne ai ferri, pisellini, fagioli, torte al burro o alla crema. Lardo, salmone affumicato, tonno sott olio, insalata di cetrioli, peperoni, patate fritte, arrosto di maiale, funghi. Sardine sott olio, oca arrosto, crauti. TEMPO DI GESTIONE Fino a 30 minuti minuti minuti Da 2 a 3 ore Da 4 a 5 ore Circa 6 ore Fino a 8 ore Chimica e cucina Capitolo 1 15

2 STUZZICA CURIOSITÀ Lo stomaco di un adulto riceve, in media, circa 500 kg di cibo per anno; superati i 70 anni di età ne saranno passati circa kg, un peso equivalente a quello di 6 elefanti. Come preparare un pranzo sano e digeribile Nel preparare le pietanze della nostra dieta quotidiana, è necessario saper organizzare gli accostamenti corretti tra i vari alimenti e condimenti, per evitare disturbi, rallentamenti e difficoltà, nel complicato processo di digestione e assorbimento dei principi nutritivi. È dunque consigliabile imparare a far chimica in cucina, anche se si tratta di una chimica complessa, per la quale occorre prendere in considerazione, accanto alle regole dettate dai nutrizionisti, molti altri fattori, tra i quali: le proprietà chimiche dei singoli alimenti; le proprietà dei prodotti che si formano dall accoppiamento degli alimenti; le proprietà delle reazioni insite nelle varie fasi della digestione; l organizzazione di un efficace smaltimento dei residui; L organizzazione di un corretto assorbimento delle sostanze utili alla crescita e al funzionamento ottimale delle cellule di un individuo. Tutto può diventare più facile seguendo i consigli di un buon dietologo, come quelli contenuti nelle seguenti tavole, dalle quali si possono ricavare indicazioni particolarmente utili per evitare di sovraccaricare di lavoro i principali organi interessati alla digestione (stomaco, fegato, pancreas, reni, intestino) e per conseguire un giusto equilibrio acido-basico nel nostro organismo. 16 Capitolo 1 Chimica e cucina

3 PANE ABBINAMENTI CONSIGLIATI SCONSIGLIATI Pane + verdure e ortaggi. Pane + yogurt. Pane + formaggio. Pane + frutta acidula. Pane + grassi (da preferire l olio). Pane + latte (il pane deve essere ben cotto o biscottato). Pane + frutta dolce ed essiccata. Pane + frutta oleosa e semioleosa. Pane + insaccati (piccolissime dosi). Note: il pane associato al latte deve essere ben cotto o biscottato; tra i grassi è preferibile l associazione con l olio di oliva; tra i frutti da associare al pane, si preferiscono loti, fichi, frutta secca. PESCE O CARNE ABBINAMENTI CONSIGLIATI Pesce o carne + verdure e ortaggi (cotti o crudi). Pesce o carne + frutta acidula. Pesce o carne + vino (in piccole quantità). Pesce o carne + grassi (in piccole quantità). Pesce o carne + pane (in piccole quantità e ben cotto). SCONSIGLIATI Pesce o carne + latte. Pesce o carne + uova. Pesce o carne + legumi. Pesce o carne + cereali e derivati. Note: l abbinamento con il latte è sconsigliato, perché questo riveste lo stomaco e ostacola l attacco enzimatico; le carni, anche le più magre, sono ricche di grassi: ecco perché è consigliabile accompagnarle a pochissimo grasso o, se possibile, evitarlo del tutto. Chimica e cucina Capitolo 1 17

4 UOVA ABBINAMENTI CONSIGLIATI Uova + verdure e ortaggi (crudi o cotti). Uova + patate. Uova + cereali in chicchi e derivati. Uova + pasta. Uova + grassi (olio) e agrumi (solo per preparare la maionese). SCONSIGLIATI Uova + pesce o carne. Uova + legumi. Note: l abbinamento di uova, olio e limone, necessario per la preparazione della maionese, accelera i tempi della digestione. LATTE ABBINAMENTI CONSIGLIATI Latte + pane ben cotto o raffermo o tostato. Latte + cereali (con parsimonia). Latte + verdure e ortaggi (solo per preparare la besciamella). Latte + frutta dolce (fortemente alcalinizzante). Latte + frutta acidula (disintossicante e alcalinizzante). SCONSIGLIATI Latte + carne e pesce. Latte + caffè. Note: l ideale è consumare il latte senza null altro; i cereali devono essere usati con parsimonia, perché sono ricchi di aminoacidi; il latte ostacola l attacco enzimatico della carne nello stomaco; la caffeina ostacola la digestione del latte. 18 Capitolo 1 Chimica e cucina

5 LEGUMI ABBINAMENTI CONSIGLIATI SCONSIGLIATI Legumi + verdure e ortaggi cotti e crudi Legumi + uova. (da preferire sedano, carota, aglio e cipolla). Legumi + frutta acidula. Legumi + pane + olio + prezzemolo. Legumi + carne e pesce. Legumi + grassi (in ridottissima quantità). Legumi + cereali (da consumare con parsimonia). Legumi + formaggio e insaccati (in ridottissima quantità). Note: l aggiunta di grassi dilata i tempi della digestione. l associazione con insaccati in piccolissima quantità per evitare problemi alla digestione. Tutte le tavole degli abbinamenti dei cibi sono state ricavate dalle rigorose regole di H.M. Shelton, personalità carismatica nel campo della nutrizione e dai risultati sperimentali degli studi di H. Hay. Come consumare frutta e verdura Esistono associazioni di alimenti con frutta e verdura utili e prive di controindicazioni significative, ma gli esperti sostengono che è preferibile mangiare questi due tipi di alimenti in sede separata dal consumo di altri cibi. Il valore nutritivo di frutta e verdura è dato dal patrimonio calorico, glucidico, vitaminico, protidico, acido, alcalino di numerosi principi attivi, quali gli oli essenziali, i flavonoidi, le antocianine, il tannino, gli alcaloidi, i sali minerali, ecc.: tutti componenti chimici che, una volta somministrati, lavorando in maniera sinergica, determinano azioni vitaminizzanti, mineralizzanti, antiossidanti, diuretiche, toniche, aperitive, lassative, depurative, antiemorragiche, antiacide, fermentative, ecc. Chimica e cucina Capitolo 1 19

6 Negli abbinamenti della frutta, sono consigliabili le seguenti associazioni: frutta semiacidula + frutta zuccherina; frutta semiacidula + frutta acida. In ogni caso, mai associare frutta zuccherina a frutta acida. Il consiglio Per preparare una buona macedonia, bisogna fare attenzione agli abbinamenti della frutta: la frutta acidula può essere abbinata alla frutta semiacidula; la frutta zuccherina può essere abbinata alla frutta semiacidula, mai a quella acidula; questo consiglio vale anche per la comune dieta quotidiana. Abbinamenti errati Acidula Pompelmo. Cedro. Mandarino. Ribes. Arancia. Mirtillo. Limone. Melograno. Ananas. Classificazione della frutta Zuccherina Fico. Susina nera. Dattero. Uva moscata. Banana. Ciliegia rosso-nera. Abbinamenti giusti Semiacidula Susina Pesca. comune. Mela. Ciliegia rossa Pera. Albicocca. Prugna. Fragola. Kiwi. Abbinamenti giusti 20 Capitolo 1 Chimica e cucina

7 I comportamenti alimentari Le nostre abitudini alimentari affondano le loro radici nelle tradizioni nate prima della rivoluzione industriale e tecnologica, per cui, nella maggior parte dei casi, risultano inadatte ai ritmi della società contemporanea. Per comprendere meglio, proponiamo i seguenti schemi: Il comportamento alimentare abituale dipende da: fattori biochimici e fisiologici fattori socioculturali fattori psico-sensoriali sensazioni immediate dovute: appetito fame sazietà al gusto degli alimenti che è il risultato di sapore e odore; alle sensazioni digestive o generali che gli alimenti procurano. Influenzano la scelta degli alimenti, il numero dei pasti, la loro durata, la successione delle portate, ecc. Chimica e cucina Capitolo 1 21

8 Il comportamento alimentare non abituale può dipendere da: Gli errori del comportamento alimentare malattie organiche e fattori psicologici. deviazioni alimentari (o di diverso genere ma comunque portatrici di disturbi alimentari): possono essere causati da: idee sbagliate, difetti di informazione sugli alimenti o scarsa comprensione delle regole alimentari. ipocondria perversione alcolismo cannibalismo possono manifestarsi, ad esempio, come: adesione a sette religiose con regole speciali di alimentazione altro Siamo ciò che mangiamo assunzione di calorie, grassi, zuccheri, proteine e alcool in eccesso errata ripartizione dei tre pasti quotidiani Il cibo, ben digerito nel complesso laboratorio biochimico dell apparato digerente, diventa parte del nostro corpo. Infatti, è in questo particolare laboratorio che avvengono le numerose reazioni chimiche che, concatenate tra loro, realizzano i processi di digestione e assimilazione degli alimenti. La digestione, quindi, non è un processo semplice e standardizzato. I diversi elementi ad essa sottoposti hanno i propri tempi e modi di scomposizione, interazione ed assimilazione; così, sia la buona o cattiva digestione che la buona o cattiva assimilazione dipendono dalla migliore o peggiore associazione degli alimenti stessi. 22 Capitolo 1 Chimica e cucina

9 Decalogo per una buona digestione Mangiare sano. Associare, nel medesimo pasto, alimenti compatibili tra loro, che abbiano modalità digestive simili. Masticare bene e a lungo, ricordando la riflessione della Scuola Medica Salernitana «Prima digestio fit in ore» cioè «la prima digestione avviene in bocca». Suddividere la razione alimentare quotidiana in: colazione; spuntino; merenda; cena. Consumare i pasti ad orari regolari. Mangiare lentamente senza ansia e con gusto. Lavarsi i denti dopo il pasto per evitare i processi fermentativi. Rispettare i saggi consigli della Scuola Medica Salernitana: «Post Prandium aut Stabis aut lente deambulabis» cioè «dopo pranzo o riposare o passeggiare lentamente». Regola Sanitaria Salernitana Inter prandendum sit saepe parumque bibendum: Ut minus aegrotes, non inter fercula potes. Ut vites poenam, de potibus incipe coenam. Singula post evapocula sume uova. E poco, e spesso tu berrai nel pranzo, Ma nulla poi berrai da pranzo a cena. Tu nel cenar pria di mangiar berrai, Se brami sano mantenerti assai. Dopo ogni uovo bevi un altro bicchiere di vino Chimica e cucina Capitolo 1 23

10 9 Le verdure L importanza di mangiare sano Gli ortaggi e tutte le verdure commestibili aromatiche non forniscono un patrimonio calorico e glucidico simile a quello della frutta acidula. Nella nostra dieta quotidiana, la presenza di una notevole quantità, ben combinata, di verdura cotta e/o cruda, oltre alla presenza della frutta e del latte, assicura protezione per la nostra salute e mantenimento, nei giusti limiti, dell equilibrio acido-base dell organismo. Ciò evita i danni permanenti del funzionamento dei singoli organi che potrebbero essere determinati da un eccessiva acidità. Inoltre, viene eliminato anche l accumulo di tossine e tossiemia. Le caratteristiche nutritive e terapeutiche delle verdure sono dovute alla ricchezza dei numerosi principi attivi in esse contenuti quali acqua, olio essenziale, aromi, flavonoidi, vitamine, pectine, alcaloidi, fibre, tannini, acidi organici, oligoelementi, ecc. Tutti componenti utili nella dieta per stimolare sinergicamente un equilibrato funzionamento dei singoli organi. Per alimenti vegetali intendiamo tutte le singole parti commestibili della pianta e cioè: radici: carota, barbabietola, ravanello, rapa, ecc.; tubero: patata, ecc.; fusto: sedano, asparagi, finocchio, ecc.; foglie: indivia, lattuga, bieta, spinaci, ecc.; fiori: broccoli, cavolfiori, carciofi, ecc.; frutti: pomodori, melanzane, peperoni, zucca, zucchini, ecc. Le verdure Capitolo 9 193

11 AZIONE LASSATIVA Determinata dalle fibre e dalle pectine che sollecitano la peristalsi intestinale utile per favorire l eliminazione dei residui ormai privi di principi nutritivi. AZIONE VITAMINIZZANTE Dovuta alla ricchezza di vitamine. AZIONE MINERALIZZANTE E TONICA Determinata dalla presenza di sali di calcio, potassio, sodio, ferro, rame, cobalto (presente nella vitamina B), zinco, magnesio, ecc. AZIONE APERITIVA-DIGESTIVA Dovuta alla presenza di essenze e pigmenti responsabili di colorazioni caratteristiche dei diversi vegetali, che stimolano la secrezione dei succhi gastrici e digestivi. La presenza dei vegetali nella nostra dieta quotidiana, specie se crudi, determina le seguenti azioni: AZIONE DIURETICA E DISINTOSSICANTE L acqua e la presenza del potassio (idrofobo) favoriscono l eliminazione dell eccesso di cloruri, composti azotati e tossine. AZIONE ALCALINIZZANTE Dovuta alla presenza di potassio, sodio, calcio e acidi organici (citrico, malico, tartarico, ecc.), che formano sali alcalinizzanti, utili a livello cellulare per combattere acidosi acute e malattie croniche quali reumatismo, gotta, ecc. AZIONE ANTIPUTREFATTIVA Dovuta alla presenza di acidi organici che per il loro fresco e gradevole sapore acidulo stimolano l appetito e la secrezione dei succhi digestivi, che eviteranno l accumulo di sostanze che potrebbero determinare putrefazione. 194 Capitolo 9 Le verdure

12 La zucca Genere: Cucurbita; Famiglia: Cucurbitacee; Specie: Cucurbita maxima; Le zucche e le zucchine, di origine molto antica, appartengono alla famiglia delle Cucurbitacee, sono diffuse in tutte le zone temperate e probabilmente adoperate assai presto come cibo da varie popolazioni. Le moderne zucche giganti, comunque, provengono dall America. La loro prima coltivazione si è avuta nel sud-ovest degli Stati Uniti e nel Messico pre-colombiano e furono introdotte in Europa nel XVI secolo. Le zucche gialle invernali sono ricche di amido e si conservano per mesi. Le zucchine invece vengono mangiate verdi e durano poco. I fiori sono gialli e sono ottimi per preparare ricette delicate, come il risotto ai fiori e i fiori in pastella. Sia la zucca che le zucchine sono piante erbacee annuali, rampicanti, munite di viticci ramificati. I frutti sono bacche di tipo particolare detti peponidi, che possono essere di forma allungata o ovoidale, esternamente verde-scuro in alcune varietà, a colori vivaci nelle varietà ornamentali. Le foglie sono spicciolate ovato-cordate a cinque lobi, pelose. I fiori femminili e maschili sono di forma tubolare con corolla campanulata, di colore giallo. La zucca è preziosa non solo per la preparazione di gustosi piatti tipici e rinfrescanti ma soprattutto per le sue proprietà salutari dovute all elevato contenuto di antiossidanti quali ad esempio il betacarotene, la vitamina E, ecc. Il Betacarotene è assorbito bene se introdotto con cibi cotti in presenza di un grasso, ad esempio l olio. Infatti, questa sostanza è liposolubile. Una volta giunto nell intestino e assorbito, viene convertito in vitamina A. È un energico antiossidante, blocca i radicali liberi, gruppi instabili, pronti ad aggredire la nostra salute. Anche la vitamina E blocca l attacco distruttivo dell ossigeno «instabile», proteggendo così gli acidi grassi polinsaturi delle membrane cellulari. Le verdure Capitolo 9 195

13 La zucca è ricca di oligoelementi, quali ad esempio il potassio, utile per la trasmissione degli impulsi nervosi e, assieme al sodio, per il mantenimento dell equilibrio dei liquidi nelle cellule e nei tessuti. È ricca di acqua e fornisce solo 18 kcal/100 g. È facilmente digeribile e raramente provoca allergia. Affinché manifesti tutti i suoi pregi salutari, la zucca deve essere ben matura e, una volta tagliata, deve essere adoperata subito, perché rapidamente avvizzisce e si altera. In cucina, la zucca è gustosa anche a fette passate in pastella o impanate e fritte. Può essere utilizzata anche per preparare dolci, creme e marmellate. Esistono diverse varietà di zucca. Ne ricordiamo alcune coltivate in Italia e di largo uso in cucina, tra cui la zucca Marina di Chioggia, dalla forma rotonda, schiacciata, utile per preparare purè, piatti al forno, risotti e ravioli e la zucca Luna piena di Napoli, dalla polpa molto zuccherina, utile per preparare minestroni, zucca marinata, zuppe varie, ecc. La ricetta Zucca, prezzemolo, tagliatelle e ricotta Occorrente 160 g di tagliatelle 140 g di zucca napoletana 100 g di ricotta 120 ml di olio 1/2 cipolla Sale Un ciuffo ben tagliato di prezzemolo Brodo vegetale Procedimento Tagliare in piccoli pezzi la cipolla e soffriggerla appena con l olio. Aggiungere un po di brodo vegetale e la zucca tagliata a dadini; far cuocere per 15 minuti. Cuocere a parte le tagliatelle, scolarle e condirle con la salsa alla zucca e i 20 ml di olio, la ricotta e una spolverata di foglioline di prezzemolo. 196 Capitolo 9 Le verdure

14 La melanzana Genere: Solanum; Famiglia: Solanacee; Specie: Solanum melangema; Varietà: molte È una pianta erbacea originaria dell India. Molti però ritengono che la culla della melanzana sia stata l America. Non era diffusa nel Mediterraneo antico ma furono i mercanti Arabi a introdurvela durante il Medioevo, in Spagna e nel Nord Africa. Quando giunse in Italia, fu accolta con diffidenza, perché si pensava che provocasse la pazzia e fu battezzata mela insana. Solo nel XV secolo cominciò ad essere apprezzata nella nostra penisola e nel XVIII secolo conquistò la Francia. Il maestro cuoco francese Careme la utilizzò ampiamente per preparare un appetitoso repertorio di pietanze a base di verdure per Talleyrand e Marie Antoine nonché per gli imperatori di Russia e Austria. La melanzana è coltivata nelle regioni a clima temperato. Dal punto di vista nutritivo, è abbastanza ricca di sali minerali, ha un contenuto di cellulosa piuttosto elevato, per cui non tutti la digeriscono facilmente. È consigliata nelle diete per l apporto energetico assai basso (15 Kcal per 100 g). Nel cucinarla, però, bisogna controllare la quantità dei condimenti grassi perché la melanzana, per la sua particolare struttura interna, li assorbe in quantità notevoli. La melanzana è una pianta erbacea dal fusto eretto e ramificato. Le foglie sono larghe ovate, appuntite all apice; si sviluppano in senso alterno, sono pelose o leggermente spinose. Il colore è verde scuro. La forma di queste foglie varia poco nelle diverse varietà di melanzana. I fiori hanno la corolla formata da petali di colore viola e gli stami sono gialli riuniti in grappoli. Il frutto è una bacca che può essere di dimensioni notevoli, allungata, ovale oblunga, tondeggiante a seconda delle varietà, in queste anche il colore varia dal bianco al viola più o meno scuro. La polpa è bianca, spugnosa, consistente, amarognola e contiene numerosi semi appiattiti. Le verdure Capitolo 9 197

15 La raccolta si effettua da maggio-giugno a ottobre. I frutti devono essere raccolti prima che la polpa diventi dura. Più si ritarda la raccolta e più il frutto è amaro. La ricetta Maccarunata i casa alla Filippino Chef Lucio Bernardi Occorrente per 4 persone Per la pasta fresca: 400 g di farina di grano duro 4 uova Un cucchiaino di sale Acqua Macchinetta per la pasta Per il condimento: Un litro di salsa di pomodoro fresco 100 g di panna da cucina 120 g di mozzarella fresca tagliuzzata a dadini 50 g di prosciutto cotto Una melanzana piuttosto grossa di polpa soda fritta tagliata a filetti medi 150 ml di ragù Un mazzetto di basilico fresco 2 spicchi di aglio Un cucchiaio di pecorino siciliano grattugiato Un cucchiaio di parmigiano reggiano 3 cucchiai di olio extravergine d oliva 15 g di pinoli 80 g di ricotta infornata e grattugiata. Procedimento Tritare grossolanamente tutti gli ingredienti, tranne la ricotta, e metterli in una casseruola larga e dai bordi alti cocendo a fuoco lentissimo. Dopo aver cotto la pasta al dente ed averla scolata con cura, versarla nella casseruola e mantecarla per un paio di minuti. Travasare il tutto in una pirofila precedentemente riscaldata e cospargerne la superficie con la ricotta infornata grattugiata e qualche fogliolina di basilico. Servire ben caldo. 198 Capitolo 9 Le verdure

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE 1) CONTROLLA IL PESO E MANTIENITI ATTIVO Pesarsi almeno una

Dettagli

Corso P1 - Operatore della Ristorazione N. RIF. 2010-358/RA

Corso P1 - Operatore della Ristorazione N. RIF. 2010-358/RA Corso P1 - Operatore della Ristorazione N. RIF. 2010-358/RA Docente: Dr. Luca La Fauci Biologo Nutrizionista & Tecnologo Alimentare Lezione 2 Principi nutritivi, tabelle nutrizionali e corretto regime

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010. I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti

Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010. I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010 I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti Per avere un alimentazione varia, senza assumere elevati quantitativi

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea La nuova piramide della dieta mediterranea moderna proposta dall INRAN (Istituto Nazionale per la Ricerca degli Alimenti e della Nutrizione) presenta

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Relatore: Prof. Vincenzo Gerbi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Di.S.A.F.A.

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI : MERCOLEDI :

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina ALIMENTAZIONE Matilde Pastina I macronutrienti COSA SONO I MACRONUTRIENTI I macronutrienti sono princìpi alimentari che devono essere introdotti in grandi quantità, poiché rappresentano la più importante

Dettagli

cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani!

cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani! cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani! Cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione Le Gusto ti permette di fare una scelta facile e veloce,

Dettagli

alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ

alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ NUTRIENTI (O PRINCIPI NUTRITIVI): PROTEINE LIPIDI CARBOIDRATI VITAMINE ACQUA MINERALI CON FUNZIONE: PLASTICA ENERGETICA BIOREGOLATRICE PROTEINE LUNGHE CATENE DI

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina.

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina. Perché è necessaria la dieta nella IRC? La principale funzione dei reni è quella di eliminare con le urine le scorie, l acqua e sali minerali nella quantità necessaria. Nella Insufficienza renale cronica

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

Simonetta Cosentino!!!!!!!!!!!!!!! MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI

Simonetta Cosentino!!!!!!!!!!!!!!! MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI Menu Scuole Don Luciano Sarti Simonetta Cosentino 2013-2014 MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI Imparare a mangiare bene per crescere bene La refezione scolastica ha un ruolo fondamentale nell alimentazione

Dettagli

Limone Meglio se bevuto a digiuno o lontano dai pasti, il succo di limone aiuta a

Limone Meglio se bevuto a digiuno o lontano dai pasti, il succo di limone aiuta a Limone Meglio se bevuto a digiuno o lontano dai pasti, il succo di limone aiuta a digerire i grassi grazie alla sua componente di acido citrico, utile anche contro l acidità di stomaco. Cocktail digestivo

Dettagli

LISTA ALIMENTI, MACRONUTRIENTI LISTA DELLA SPESA

LISTA ALIMENTI, MACRONUTRIENTI LISTA DELLA SPESA LISTA ALIMENTI, MACRONUTRIENTI LISTA DELLA SPESA MACRO & GROCERY 1 PIANO PERSONALIZZATO Il fatto che stai leggendo questo ebook significa che conosci l'importanza della giusta nutrizione Quando cerchiamo

Dettagli

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv. FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.it Progetto pilota Linee

Dettagli

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE Studio Dietistico dott.ssa Francesca Pavan - Via G. Falcone 16-30024 Musile di Piave (Ve) Tel. 0421331981 Fax. 0421456889 www.studiodietisticopavan.it Esistono

Dettagli

Crema di broccoletti

Crema di broccoletti 1 VITACuISINE Crema di broccoletti CREMA DI BROCCOLETTI, MOZZARELLA DI BuFALA E SCAMORZA AFFuMICATA 2 cime di broccoli 30 g di olio extravergine 10 g di sale fino 4 g di capperi dissalati 60 g di mozzarella

Dettagli

Indice Ricette di Buona Cucina

Indice Ricette di Buona Cucina Indice Ricette di Buona Cucina Stuzzichini Bruschetta semplice... 66 Bruschetta al pomodoro... 67 Bruschetta ricca... 68 Formaggio greco con olive e basilico... 70 Pomodorini alla mozzarella e pesto...

Dettagli

Terapia radiante sulla pelvi con tecnica selettiva (esclusione dell intestino) e Nutrizione

Terapia radiante sulla pelvi con tecnica selettiva (esclusione dell intestino) e Nutrizione Terapia radiante sulla pelvi con tecnica selettiva (esclusione dell intestino) e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali

Dettagli

Azienda Agricola AGRIFOPPA Di Fumagalli Giuliano Tel. 320.31.63.625 Dalla terra alla tavola

Azienda Agricola AGRIFOPPA Di Fumagalli Giuliano Tel. 320.31.63.625 Dalla terra alla tavola Azienda Agricola AGRIFOPPA Di Fumagalli Giuliano Tel. 320.31.63.625 Dalla terra alla tavola PRODOTTI MELANZANA (Solanum Melongena) Importata dalle zone calde dell India e della Cina la melanzana giunse

Dettagli

PRINCIPI GENERALI DI ALIMENTAZIONE A cura del Dr. Danilo Gambarara - Facoltà Scienze Motorie - Università degli Studi di Urbino Medicina dello Sport

PRINCIPI GENERALI DI ALIMENTAZIONE A cura del Dr. Danilo Gambarara - Facoltà Scienze Motorie - Università degli Studi di Urbino Medicina dello Sport PRINCIPI GENERALI DI ALIMENTAZIONE A cura del Dr. Danilo Gambarara - Facoltà Scienze Motorie - Università degli Studi di Urbino Medicina dello Sport La nutrizione nell'attività fisica e nei vari sport

Dettagli

Alimenti. Gruppi Alimentari

Alimenti. Gruppi Alimentari Alimenti Gli alimenti sono tutto ciò che viene utilizzato come cibo dalla specie umana. Un dato alimento non contiene tutti i nutrienti necessari per il mantenimento di un corretto stato fisiologico La

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola

Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola Dieta e Menu per DIVERTICOLOSI Menu per una giornata tipo dedicato a persone che soffrono di diverticolosi Complimenti per aver scaricato questo menu, ciò

Dettagli

Allegato A) SCHEMA MENU TIPO

Allegato A) SCHEMA MENU TIPO SCHEMA MENU TIPO Allegato A) Mesi 3 3 pasti di latte intero fresco diluito secondo le dosi indicate dal pediatra del bambino + 5 gr. di zucchero ogni 100 gr. di liquido (oppure malto destrine) + eventuale

Dettagli

TABELLE DIETETICHE / PROSPETTO GRAMMATURE

TABELLE DIETETICHE / PROSPETTO GRAMMATURE 1 TABELLE DIETETICHE / PROSPETTO GRAMMATURE ASILI NIDO Le grammature sono indicate al crudo e al netto degli scarti, tranne quando diversamente indicato: CEREALI E DERIVATI 1-3 anni Adulti Pasta asciutta

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

MENU PASTI PER I DEGENTI (n.pag: 18)

MENU PASTI PER I DEGENTI (n.pag: 18) D I E T E DIETA COSIDETTA COMUNE DIETA A Latte parzialmente scremato gr. 250 n. 4 fette biscottate zucchero gr. 10 marmellata o miele gr. 25 in alternativa al latte: un vasetto di yogurt da gr. 125 alla

Dettagli

La dieta della Manager Assistant

La dieta della Manager Assistant La dieta della Manager Assistant TUTTI I GIORNI COLAZIONE - 1 vasetto di yogurt oppure 1 tazza di latte parzialmente scremato oppure 1 cappuccino - 3 biscotti secchi oppure 4 fette biscottate oppure 1

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

Spuntino - un frutto o uno yogurt magro, due volte a settimana si può sostituire con 20 gr di noci o mandorle - a metà mattina e di pomeriggio;

Spuntino - un frutto o uno yogurt magro, due volte a settimana si può sostituire con 20 gr di noci o mandorle - a metà mattina e di pomeriggio; DIETA da 1400 KC Colazione 1) 200 ml latte parzialmente scremato, 2 fette biscottate con un cucchiaino di marmellata, un caffè con un cucchiaino di zucchero 2) 200 ml latte parzialmente scremato, 30 gr

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

la scelta del menu: aspetti nutrizionali e scelte alimentari

la scelta del menu: aspetti nutrizionali e scelte alimentari DELLE COMMISSIONI MENSA la scelta del menu: aspetti nutrizionali e scelte alimentari 10 gennaio 2008 Lucia Antonioli Margherita Schiavi 3 COME SI STRUTTURA UNA TABELLA DIETETICA 5 LARN Livelli di assunzione

Dettagli

ALLEGATO AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE

ALLEGATO AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE ALLEGATO AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE MENU E TABELLA DIETETICA CRITERI PER LA FORMULAZIONE DELLE TABELLE DIETETICHE E DEI MENU Le tabelle dietetiche e menù devono essere

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA PROGETTO SCUOLA MELAROSSA GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA con la supervisione del professor Pietro A. Migliaccio Presidente di SISA, Società Italiana di Scienza dell Alimentazione e la collaborazione

Dettagli

CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA

CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA Un alimentazione equilibrata prevede l assunzione di tre pasti durante la giornata: colazione, pranzo e cena ed, eventualmente, due spuntini a metà mattina

Dettagli

Piazza Umberto I - 52035 Monterchi AR - P.IVA 0019 7650518 Tel. 0575-70092 - Fax. 0575-70332 - email comune.monterchi@postacert.toscana.

Piazza Umberto I - 52035 Monterchi AR - P.IVA 0019 7650518 Tel. 0575-70092 - Fax. 0575-70332 - email comune.monterchi@postacert.toscana. Oggetto: Menù Primavera/Estate delle mense scolastiche per le scuole dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado (Redatto dalla Dott.ssa Chiara Perrone dietista specialista) Viene sempre garantita

Dettagli

DETOX 7 GIORNI PER STARE MEGLIO

DETOX 7 GIORNI PER STARE MEGLIO DETOX 7 7 GIORNI PER STARE MEGLIO Buongiorno!!! complimenti per aver scelto il nostro programma nutrizionale DETOX-7! Per dieta DETOX s intende un programma alimentare che ha lo scopo di eliminare le tossine

Dettagli

La dieta della gravidanza

La dieta della gravidanza La dieta della gravidanza La gravidanza è un evento fondamentale nella vita degli individui e, grazie alle nuove acquisizioni nel campo della nutrizione, oggi possiamo con la corretta alimentazione evitare

Dettagli

Le 4 fasi della dieta Dukan

Le 4 fasi della dieta Dukan Assistente Virtuale Le 4 fasi della dieta Dukan 1 L'introduzione alla Dieta Dukan: la Bibbia di chi vuole dimagrire Menu tipo della Dukan per la prima e la seconda settimana Fase 1 : Attacco La dieta Dukan

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD ASL LECCO - GRUPPI DI CAMMINO 2008 L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD Estratto dalle LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA predisposte dall Istituto

Dettagli

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso.

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Per seguire tutti gli allenamenti collegati al sito www.workout-italia.it

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA

CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA E una dieta ipocalorica, caratterizzata da un modulo alimentare basato su tre pasti principali: colazione, pranzo, cena con due spuntini: mattina e pomeriggi. Mangiare

Dettagli

20/11/2009 ALIMENTI ACIDIFICANTI

20/11/2009 ALIMENTI ACIDIFICANTI ficanti I grassi La digestione dei grassi mette a disposizione dell organismo acidi grassi, saturi o insaturi. Gli acidi grassi saturi sono di difficile utilizzazione da parte dell organismo e di conseguenza

Dettagli

TABELLA DEI CARBOIDRATI

TABELLA DEI CARBOIDRATI TABELLA DEI CARBOIDRATI Per una ottimale riuscita del programma dietetico-nutrizionale LineaMed è di fondamentale importanza assortire in modo corretto gli alimenti che compongono il pasto principale (pranzo).

Dettagli

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia TABELLE DIETETICHE La tabella dietetica deve fornire la corretta quantità in nutrienti, sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo, in modo che l organismo dell individuo non debba ricorrere ad

Dettagli

TABELLE GRAMMATURE E RICETTE

TABELLE GRAMMATURE E RICETTE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERV. IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE TABELLE GRAMMATURE E RICETTE SCUOLA DELL INFANZIA E PRIMARIA RICETTE PRIMI PIATTI GRAMMATURE Scuole dell Infanzia(g) GRAMMATURE Scuole Primarie

Dettagli

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti.

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. IL VIAGGIO DEL CIBO Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. Dalla bocca passano nello stomaco e da qui all intestino per poi venire

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli

Ricette per una Dieta Mista con DietaVita

Ricette per una Dieta Mista con DietaVita Ricette per una Dieta Mista con DietaVita Le nostre ricette DietaVita sono studiate secondo i principi di una dieta equilibrata e varia, e ognuna fornisce circa 500-600 calorie. Snack e bevande contenenti

Dettagli

Zucchine trifolate. ZuCCHINE TRIFOLATE IN AGRODOLCE

Zucchine trifolate. ZuCCHINE TRIFOLATE IN AGRODOLCE 2 Zucchine trifolate ZuCCHINE TRIFOLATE IN AGRODOLCE 6 zucchine 1 cipolla 1 spicchio di aglio 50 g di scalogno 20 g di pinoli 50 g di prezzemolo 50 g di aceto di vino bianco 50 g di zucchero Olio extra

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DEL GIOVANE SPORTIVO

L ALIMENTAZIONE DEL GIOVANE SPORTIVO L ALIMENTAZIONE DEL GIOVANE SPORTIVO 1) Digestione e digeribilità dei cibi 2) Gli alimenti calorici e non calorici 3) Il fabbisogno calorico 4) Il peso ideale 5) Diete 1) DIGESTIONE E DIGERIBILITÀ DEI

Dettagli

IL METODO NATURALE PER DISINTOSsICARE L ORGANISMO

IL METODO NATURALE PER DISINTOSsICARE L ORGANISMO IL METODO NATURALE PER DISINTOSsICARE L ORGANISMO Questo ebook è dedicato a tutti coloro che hanno voglia di conoscere il proprio corpo e vogliono sentirsi in forma. A tutti coloro che hanno voglia di

Dettagli

CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano

CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano I prodotti più comunemente utilizzati per una colazione completa e varia sono: Bevande: caffè latte, tè, cioccolata calda, succhi e centrifugati

Dettagli

ALLEGATO D. CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Area della Ricerca di Pisa DIETETICO PER VITTO PAZIENTI

ALLEGATO D. CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Area della Ricerca di Pisa DIETETICO PER VITTO PAZIENTI ALLEGATO D CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Area della Ricerca di Pisa DIETETICO PER VITTO PAZIENTI 1 INDICE Presentazione del dietetico pag. 3 Vitto comune (esempio di giornata base) pag. 4 Calcolo

Dettagli

DIETA - Esempio di stampa Prime scelte/alternative con porzioni

DIETA - Esempio di stampa Prime scelte/alternative con porzioni DIETA - Esempio di stampa Prime scelte/alternative con porzioni Colazione Latte di vacca parzial. scremato Yogurt magro alla frutta Spremuta di arancia Fette biscottate Biscotti secchi Miele Una Tazza

Dettagli

www.alberodeigelati.it

www.alberodeigelati.it www.alberodeigelati.it presenta La Dieta del Gelato a cura di Dott. Claudio Tomella, Medico - Chirurgo specialista in scienza dell alimentazione, nutrizione, medicina anti-aging Presidente Olosmedica COLAZIONE

Dettagli

Disciplinare per l offerta di piatti sani

Disciplinare per l offerta di piatti sani DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE MANGIAR SANO IN PAUSA PRANZO Disciplinare per l offerta di piatti sani Questo disciplinare predisposto dal Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

Dettagli

Giorno 1. 1 BLOCCO MERENDA 1 yogurt magro (125g)

Giorno 1. 1 BLOCCO MERENDA 1 yogurt magro (125g) Giorno 1 60 (40)g. di prosciutto cotto 2 (l) sottilette light 2 fette da toast di pane di soia 1 (-) pesca 6 olive 3 (-) mandorle 90 g di petto di pollo cotto alla griglia ½ limone 130g di pomodori 450g

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE. Allegato 2-ter al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE. Allegato 2-ter al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO Istituto Nazionale Previdenza Sociale ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Allegato 2-ter al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI RISTORAZIONE DA SVOLGERE PRESSO LA CASA ALBERGO

Dettagli

GUIDA PER UNO. stile di vita SALUTARE

GUIDA PER UNO. stile di vita SALUTARE 1-2 e 8-9 maggio 2010 GUIDA PER UNO stile di vita SALUTARE ATTIVITÁ FISICA QUOTIDIANA Ogni giorno almeno 6 volte a settimana: 30 minuti di PASSEGGIATA Per migliorare lo stile di vita: parcheggiare più

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO )

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) OBIETTIVI del SIAN: sicurezza alimentare prevenzione delle malattie correlate all alimentazione promuovere comportamenti utili per la

Dettagli

Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Educative per l'infanzia

Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Educative per l'infanzia COMUNE DI SASSARI Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Educative per l'infanzia SEZIONI SPERIMENTALI VIA BARBAGIA E NIDO D'INFANZIA AZIENDALE VIA SATTA: Menù, composizione degli alimenti

Dettagli

Quanto mangiare e in quanto tempo. Cos' è una porzione

Quanto mangiare e in quanto tempo. Cos' è una porzione Quanto mangiare e in quanto tempo. Cos' è una porzione Il cibo può essere "usato" talvolta per allietare i momenti conviviali o per soddisfare il palato. Ma al di fuori di queste occasioni, è importante

Dettagli

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE Lo scopo di questa guida alimentare è prevalentemente quello di informare con chiarezza e orientare il proprio stile di vita alimentare, modulando le scelte alimentari

Dettagli

L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI

L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI La prima colazione A tavola: La prima colazione permette di migliorare l attenzione e la concentrazione, quindi il rendimento scolastico. Inizia la tua giornata

Dettagli

Subocclusione intestinale e Nutrizione

Subocclusione intestinale e Nutrizione Subocclusione intestinale e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire,

Dettagli

IL Piccolo Cronista Sportivo

IL Piccolo Cronista Sportivo IL Piccolo Cronista Sportivo Stagione Sportiva 2014-2015 Asp.Scuola calcio Qualificata EDIZIONE SPECIALE SULL INCONTRO DEL 10.11.2014 SUL TEMA: L Educazione alimentare per la salute e lo sport Piccoli

Dettagli

TABELLE DIETETICHE MENU INVERNALE NIDI D INFANZIA A.S. 2014/2015 MENU INVERNALE SCUOLA DELL INFANZIA A.S. 2014/2015 MENU INVERNALE SCUOLA PRIMARIA

TABELLE DIETETICHE MENU INVERNALE NIDI D INFANZIA A.S. 2014/2015 MENU INVERNALE SCUOLA DELL INFANZIA A.S. 2014/2015 MENU INVERNALE SCUOLA PRIMARIA TABELLE DIETETICHE MENU INVERNALE NIDI D INFANZIA A.S. 2014/2015 MENU INVERNALE SCUOLA DELL INFANZIA A.S. 2014/2015 MENU INVERNALE SCUOLA PRIMARIA A.S. 2014/2015 TABELLE DIETETICHE La tabella dietetica

Dettagli

Menù 6-12 mesi. 6-12 mesi 1ª settimana. Giovedì. Lunedì. Martedì. Venerdì. Mercoledì. Sabato

Menù 6-12 mesi. 6-12 mesi 1ª settimana. Giovedì. Lunedì. Martedì. Venerdì. Mercoledì. Sabato Menù 6-12 mesi 6-12 mesi 1ª settimana ASUR - ZT 13 - SIAN - U.O. Igiene della Nutrizione Pastina () in brodo vegetale con verdura passata Formaggio grana 15g / mozzarella 20g / caciotta dolce 20g / ricotta

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

RICETTARIO Menù invernale

RICETTARIO Menù invernale RICETTARIO Menù invernale Condimenti Parmigiano Reggiano per insaporire i primi piatti Olio extravergine di oliva per la preparazione dei piatti e per il condimento a crudo Succo di limone, erbe aromatiche

Dettagli

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale ALIMENTAZIONE dell ATLETA Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale A CHE SERVE MANGIARE? Gli alimenti ci forniscono l energia per muoverci, per respirare,per il battito cardiaco, per il funzionamento

Dettagli

Imparare a leggere e interpretare etichette nutrizionali preparare lista precisa e acquistare solo alimenti lista fare acquisti quando non siete

Imparare a leggere e interpretare etichette nutrizionali preparare lista precisa e acquistare solo alimenti lista fare acquisti quando non siete Come costruire una sana alimentazione in famiglia Quando si fa la spesa durante i pasti alcolici consigli ai genitori come ridurre il contenuto in grassi (Società Italiana Nutrizione Umana) 1 Quando si

Dettagli

VEGRA CAMIN GRAMMATURE E INGREDIENTI DELLE PIETANZE

VEGRA CAMIN GRAMMATURE E INGREDIENTI DELLE PIETANZE VEGRA CAMIN GRAMMATURE E INGREDIENTI DELLE PIETANZE RISTORAZIONE GRAMMATURE A CRUDO (al netto degli scarti) TIPO PIATTO Materna Elementare Media Tortellini o Ravioli 60g 80g 100g Gnocchi di patate 120g

Dettagli

COMUNE DI RAPALLO. Allegato n. 2. CARATTERISTICHE e CRITERI per la REALIZZAZIONE del MENU - GRAMMATURE SCHEMA MENU ASILO NIDO

COMUNE DI RAPALLO. Allegato n. 2. CARATTERISTICHE e CRITERI per la REALIZZAZIONE del MENU - GRAMMATURE SCHEMA MENU ASILO NIDO COMUNE DI RAPALLO Allegato n. 2 CARATTERISTICHE e CRITERI per la REALIZZAZIONE del MENU - GRAMMATURE SCHEMA MENU ASILO NIDO 1 MENU CARATTERISTICHE DEL MENU 1. Alimenti sempre BIOLOGICI o a LOTTA INTEGRATA

Dettagli

CITTA DI PORTICI ALLEGATO 2 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO - TABELLE DIETETICHE E GRAMMATURE DEGLI ALIMENTI -

CITTA DI PORTICI ALLEGATO 2 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO - TABELLE DIETETICHE E GRAMMATURE DEGLI ALIMENTI - CITTA DI PORTICI PROCEDURA APERTA - PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO Dl RISTORAZIONE SCOLASTICA COMPRESO I LAVORI Dl ADEGUAMENTO DEL CENTRO Dl COTTURA E DEI REFETTORI DEI PLESSI SCOLASTICI. ALLEGATO 2 AL

Dettagli

RISTORAZIONE SCOLASTICA COMUNE DI SIENA

RISTORAZIONE SCOLASTICA COMUNE DI SIENA RISTORAZIONE SCOLASTICA COMUNE DI SIENA CUCINA CENTRALIZZATA ASP- SERVIZI ALLA PERSONA CITTA DI SIENA A cura della Dietista Dott.ssa Giulia De Nicola e in collaborazione con i Coordinatori Emiliano Papini

Dettagli

PER DARE IL MASSIMO? NUTRIRSI AL MEGLIO! RADEGHIERI DOTT. SSA LOREDANA DIETISTA

PER DARE IL MASSIMO? NUTRIRSI AL MEGLIO! RADEGHIERI DOTT. SSA LOREDANA DIETISTA PER DARE IL MASSIMO? NUTRIRSI AL MEGLIO! RADEGHIERI DOTT. SSA LOREDANA DIETISTA NOI E IL CIBO Per crescere servono calorie e principi nutritivi e la nutrizione della prima parte della vita influisce sull

Dettagli

TABELLA ALIMENTARE VEGETARIANA

TABELLA ALIMENTARE VEGETARIANA TABELLA ALIMENTARE VEGETARIANA Cereali e derivati Avena 16,9 6,9 55,7 10,6 389 Farina di avena 12,6 7,1 72,9 7,6 388 Farina di castagne 5,8 3,7 71,6 10,9 323 Farina di ceci 21,8 4,9 54,3 13,8 334 Farina

Dettagli

Informazioni sugli elementi nutritivi

Informazioni sugli elementi nutritivi Informazioni sugli elementi nutritivi Nella terra e nello spazio Gli zuccheri Gli zuccheri (detti anche glucidi o carboidrati)) sono i composti organici più comuni sulla Terra. Le piante li producono con

Dettagli

Colazione (abbondante)

Colazione (abbondante) Dr Fabrizio Moda Specialista in Scienza dell Alimentazione www.dietadellasalute.com fabrizio.moda@libero.it Dieta Michele Consigli alimentari per un Uomo Colazione (abbondante) 1) Un frutto fresco di stagione

Dettagli

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA Una corretta alimentazione nello sport Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA CARBOIDRATI Sono alla base dell alimentazione costituiscono circa il 50% delle calorie che occorrono ogni giorno POSSIAMO

Dettagli

RICETTARIO PRIMI PIATTI MENU' INVERNALE A.S.15/16

RICETTARIO PRIMI PIATTI MENU' INVERNALE A.S.15/16 RICETTARIO PRIMI PIATTI MENU' INVERNALE A.S.15/16 SALSA AL POMODORO E BASILICO sedano, carota, cipolla, pomodoro, basilico, olio extra vergine di oliva,, parmigiano SALSA X RISOTTO AL POMODORO E BASILICO

Dettagli

Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione

Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

Sedano rapa: un regalo per tutte le stagioni!

Sedano rapa: un regalo per tutte le stagioni! Sedano rapa: un regalo per tutte le stagioni! Tutte le ricette di questo mese sono frutto di esperienza, creatività e. passaparola, e sono redatte da Eleonora Berto, presenza quotidiana al banchetto de

Dettagli

mix di frutta & verdura

mix di frutta & verdura mix di frutta & verdura Uno dei modi migliori di concentrare il vostro fabbisogno giornaliero di frutta e verdura in un solo bicchiere. In effetti, assicurarvi di assumere tutta la frutta e la verdura

Dettagli