ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI. Definizione e obiettivi. Cause degli scostamenti SISTEMI DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO. Prof.ssa Monia Castellini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI. Definizione e obiettivi. Cause degli scostamenti SISTEMI DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO. Prof.ssa Monia Castellini"

Transcript

1 SISTEMI DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI Prof.ssa Monia Castellini Copyright Sistemi di programmazione e controllo 1 Definizione e obiettivi L analisi degli scostamenti o analisi delle varianze rappresenta una delle fasi conclusive del più ampio processo di programmazione e controllo. L analisi degli scostamenti è un procedimento tramite cui il management indaga circa le cause delle differenze (positive o negative) tra gli obiettivi di budget ed i risultati effettivi Essa richiede la presenza di dati preventivi e la disponibilità di dati standard, sia in termini di consumi che di costo, i quali possono derivare da un sistema di budgeting Copyright Sistemi di programmazione e controllo 2 Cause degli scostamenti Gli scostamenti possono essere la conseguenza di diversi fattori: Fattori di mercato come l andamento del mercato di sbocco, del mercato di approvvigionamento delle materie prime e di altri fattori produttivi Fattori di produzione legati all efficienza produttiva, all effetto di economia di scala, all efficacia dell attività gestionale Altri fattori gestionali legati all efficacia delle politiche commerciali, dei piani di sviluppo e di investimento realizzati Copyright Sistemi di programmazione e controllo 3

2 Fase dell analisi degli scostamenti L analisi è idealmente scomponibile nelle seguenti fasi: Fase preparatoria: raccolta dei dati consuntivi Fase di analisi: determinazione degli scostamenti globali ed analitici Fase informativa: preparazione appositi report di controllo al fine di informare in maniera tempestiva ed adeguata il management aziendale Fase interpretativa: interpretazione circa le cause gestionali ed ambientali che hanno determinato eventuali differenze. Fase correttiva: individuazione delle possibili azioni correttive (nessuna azione, azione correttiva nei confronti della gestione e della pianificazione strategica Copyright Sistemi di programmazione e controllo 4 Scostamenti e scomposizione (1) Il confronto tra il reddito operativo di budget ed il reddito operativo consuntivo risulta essere il primo e il più sintetico scostamento Dallo scostamento del risultato discende una scomposizione logico-causale dei suoi determinati. Ci sono vari modi di scomposizione, lo schema proposto segue la struttura a costo del venduto del conto economico, ovvero: Lo scostamento del margine lordo Lo scostamento dei costi amministrativi, commerciali e generali Copyright Sistemi di programmazione e controllo 5 Scostamenti e scomposizione (2) Il margine lordo è la differenza tra i ricavi netti ed il costo del venduto. Lo scostamento del margine lordo può essere scomposto ulteriormente in due componenti: scostamento del costo del venduto e dei ricavi Lo scostamento del costo del venduto è scomponibile in tre scostamenti che sono: Costo della materie prime, dei materiali diretti Costo della manodopera diretta Costi indiretti di produzione I costi commerciali e amministrativi sono spesso costi discrezionali o costi fissi di struttura e quindi slegati da variabili produttive, il loro scostamento è la differenza semplice tra le voci di costo a consuntivo e i costi di budget Copyright. Sistemi di programmazione e controllo 6

3 Schema generale delle scomposizioni Δ Reddito operativo (RO) Δ Margine lordo Δ Costi ammin.vi, commerciali, generali Δ Ricavi di vendita Δ Costo del venduto Δ Materiali diretti Δ Manodopera diretta Δ Costi indiretti di produzione Copyright Sistemi di programmazione e controllo 7 Scostamenti del margine lordo Lo scostamento del margine lordo è scomponibile in: Scostamento dei ricavi: di responsabilità della funzione commerciale Scostamento del costo del venduto: di responsabilità della funzione produzione Nell analisi degli scostamenti del margine lordo si fa una distinzione tra: Azienda monoprodotto Azienda multiprodotto Copyright Sistemi di programmazione e controllo 8 Scostamenti dei ricavi in un azienda monoprodotto (1) Lo scostamento dei ricavi è la differenza tra i ricavi di budget e i ricavi effettivi Δ totale dei ricavi = Ricavi effettivi Ricavi di budget Δ totale dei ricavi = (Peff x Veff) (Pbdg x Vbdg) Pbdg= il prezzo unitario di budget Vbdg= il volume di vendita di budget Peff= il prezzo unitario effettivo Veff= il volume di vendita effettivo Se i ricavi effettivi sono maggiori dai ricavi di budget lo scostamento è favorevole perché incide in maniera positiva sul risultato economico, nel caso contrario lo scostamento è sfavorevole Copyright Sistemi di programmazione e controllo 9

4 Scostamenti dei ricavi in un azienda monoprodotto (2) La semplice differenza non permette di individuare le vere cause dello scostamento, è necessario scomporre ulteriormente lo scostamento dei ricavi Lo scostamento totale dei ricavi è scomponibile, come mostra lo schema successivo, in due componenti: volume e prezzo Δ totale dei ricavi = Δ Volume + Δ Prezzo Copyright Sistemi di programmazione e controllo 10 Scostamenti dei ricavi in un azienda monoprodotto (3) Lo scostamento di volume è scomponibile ulteriormente in due scostamenti elementari relativi alla quota di mercato ed al volume di settore Lo schema successivo riassume lo scostamento dei ricavi in un azienda monoprodotto ΔRicavi di vendita ΔVolume Δ Prezzo di vendita Δ Quota di mercato ΔVolume di settore Copyright Sistemi di programmazione e controllo 11 Scostamento di volume in un azienda monoprodotto Lo scostamento di volume si verifica quando il volume di vendita effettivo è diverso dal volume di budget Se il volume di vendita effettivi è superiori al volume di budget lo scostamento è favorevole, in caso contrario è sfavorevole Lo scostamento elementare di volume è dato dalla differenza tra i ricavi del budget flessibile e i ricavi del budget normale Δ di volume = (Pbdg x Veff) (Pbdg x Vbdg) Δ di volume = (Veff - Vbdg) x Pbdg Il budget flessibile esprime il livello dei ricavi in funzione del volume di vendita effettivo e il prezzo di budget Si assume che l azienda adotti un budget normale, la formula dei ricavi di budget flessibile è introdotta in quanto permette di isolare gli scostamenti Copyright Sistemi di programmazione e controllo 12

5 Scostamento di prezzo in un azienda monoprodotto Lo scostamento di prezzo si verifica quando il prezzo di vendita effettivamente praticato è diverso da quello preventivato a budget, è dato dalla differenza tra i ricavi effettivi ed i ricavi del budget flessibile Δ di prezzo = (Peff x Veff) (Pbdg x Veff) Δ di prezzo = (Peff - Pbdg) x Veff Se il prezzo effettivo è superiore al prezzo di budget lo scostamento è favorevole, nel caso contrario lo scostamento è sfavorevole Copyright Sistemi di programmazione e controllo 13 Esempio scostamenti dei ricavi in un azienda monoprodotto I dati della tabella riguardano la ALPHA spa, azienda che produce e commercializza componenti N Descrizione A1 1 Volume di budget Prezzo di budget Volume effettivo Prezzo effettivo Ricavi budget (1 * 2 ) Ricavi Budget flessibile (2 * 3) Ricavi effettivi (3 * 4) Scostamenti di volume (7-6) (F) 9 Scostamento di prezzo (5-7) (S) 10 Scostamento totale dei ricavi (8 + 9) (F) Lo scostamento di volume è favorevole, lo scostamento di prezzo è sfavorevole. Lo scostamento totale data dalla somma degli scostamenti elementari è favorevole. Copyright Sistemi di programmazione e controllo 14 Scostamento quota di mercato e del volume di settore in un azienda monoprodotto (1) Lo scostamento di volume, come è stato già anticipato, è scomponibile ulteriormente in due componenti: quota di mercato e volume di settore I volumi di vendita di un azienda sono il risultato della seguente relazione Volumi di vendita = quota % mercato x volumi di vendita di mercato Lo scostamento della quota di mercato è dato dalla differenza derivata da una quota di mercato effettiva diversa rispetto a quella programmata Δ quota di mercato = [(Veff di settore x quota % di mercato eff) - (Veff di settore x quota di mercato % bdg)] x Pbdg Δ quota di mercato = (Quota % di mercato eff Quota % di mercato bdg) x Veff di settore x Pbdg Copyright Sistemi di programmazione e controllo 15

6 Scostamento di volume di settore in un azienda monoprodotto (2) Lo scostamento è favorevole quando la quota di mercato effettivo è maggiore dalla quota di mercato prevista Lo scostamento del volume di settore si verifica quando il volume di settore previsto è diverso dal volume di settore effettivo Δ del volume di settore = (Veff di settore x Quota % di mercato Bdg x Pbdg) (Vbdg di settore x Quota % di mercato Bdg x Pbdg) Δ volume settore = (Veff di settore Vbdg di settore) x (Quota % di mercato bdg x Pbdg) Quando il volume di settore effettivo è superiore al volume di settore previsto lo scostamento è favorevole, nel caso contrario lo scostamento è sfavorevole Copyright Sistemi di programmazione e controllo 16 Esempio scostamenti della quota di mercato e del volume di settore in un azienda monoprodotto Consideriamo lo stesso esempio precedente della ALPHA spa N Descrizione A1 1 Volume di vendita di budget Prezzo di vendita di budget Mix di vendita di budget (1 / totale 1)% 50% 4 Volume stimato di settore Quota standard di mercato (1 / 4)* % 10% 6 Volume di vendita effettivo Prezzo di vendita effettivo Mix di vendita effettivo (6/ totale 6)% 50% 9 Volume effettivo di settore Quota effettiva di mercato (6 / 9)% 7% 11 Scostamento della quota di mercato (10-5)* 9 * (S) 12 Scostamento del volume di settore (9-4 ) * 5 * (F) 13 Scostamento di volume ( ) (F) Lo scostamento della quota di mercato è sfavorevole(responsabilità area commerciale), lo scostamento del volume di settore è favorevole. Copyright Sistemi di programmazione e controllo 17 Scomposizione degli scostamenti dei ricavi in un azienda multiprodotto In presenza di più prodotti, oltre agli scostamenti elementari di volume e di prezzo si aggiunge un altro scostamento elementare denominato il mix di vendita Lo scostamento totale dei ricavi è scomponibile in: scostamento di volume e di prezzo Lo scostamento di volume a sua volta è scomponibile in: scostamento di volume netto e di mix Δ Ricavi di ven dita ΔVolu me Δ Prezzo di vendita Δ Mix di vendita Δ Volume netto Copyright Sistemi di programmazione e controllo 18

7 Mix di vendita Il mix di vendita è la suddivisione percentuale delle vendite di ogni prodotto rispetto al totale delle quantità vendute L esempio successivo della ALPHA spa mostra la differenza tra lo scostamento di volume e del mix di vendita 1 Volume di budget Prezzo di budget Mix di vendita standard (1 / totale 1)% 50% 40% 10% 100% 4 Volume effettivo di vendita Prezzo effettivo di vendita Mix di vendita effettivo (4/ totale 4)% 50% 46% 4% 100% Lo scostamento del mix si verifica quando la mix di vendita effettivo è diverso dal mix standard, lo scostamento di volume invece deriva da volumi effettivi diversi rispetto al budget. Copyright Sistemi di programmazione e controllo 19 Scostamenti dei ricavi in un azienda multiprodotto Lo scostamento totale dei ricavi è la differenza tra i ricavi effettivi totali ed i ricavi previsti totali Δ totale dei ricavi = [(P i eff x Mix i x Veff) (P i bdg x Mix i x Vbdg] P i = prezzo di vendita del prodotto i-esimo Mix i = mix di vendita del prodotto i-esimo V = volumi di vendita complessivi aziendali Esempio di calcolo: ALPHA spa 1 Volume di vendita di budget Mix di vendita bdg (1 / totale 1 x 100)% 50% 40% 10% 100% 3 Prezzo di vendita di budget Volume di vendita effettivo Mix di vendita effettivo (4 / totale 4 x 100)% 50% 45,8% 4,2% 100% 6 Prezzo di vendita effettivo Ricavi effettivi (4 x 6) Ricavi budget (1 x 3 ) Scostamenti dei ricavi (7-8) (F) Copyright Sistemi di programmazione e controllo 20 Scostamenti di volume netto in un azienda multiprodotto Lo scostamento di volume netto misura l effetto di un volume di vendita complessivo diverso rispetto a quello programmato, è la differenza tra i ricavi del budget flessibile a mix standard ed i ricavi di budget La formula è la seguente: Δ Volume netto i = (Ricavi Budget flessibile a Mix standard Ricavi di budget) Δ Volume netto i = (Veff x Mix i bdg x P i bdg) (Vbdg x Mix i bdg x P i bdg) Δ Volume netto i = (Veff Vbdg) x(mix i bdg x P i bdg) N Descrizione A 1 A2 A3 Totale 1 Volume di vendita di budget Prezzo di vendita di budget Mix di vendita standard (1 / totale 1 x 50% 40% 10% 100% 3 100)% 4 Volume di vendita effettivo Mix di vendita effettivo (4 / totale 4 x 5 100)% 50% 45,8% 4,2% 100% Volume di vendita budget flessibile a mix standard (totale 4 x 3) Ricavi budget flessibile a mix standard (2 x ) 8 Ricavi budget originale(1 x 2) Scostamento di volume netto (F) 6.400(F) 2.000(F) (F ) (7-8) Copyright Sistemi di programmazione e controllo 21

8 Scostamenti del mix di vendita Lo scostamento del mix di vendita è la variazione nei ricavi causata da una modifica del mix di vendita È la differenza tra i ricavi del budget flessibile (espresso secondo il mix effettivo) ed i ricavi del budget flessibile a mix standard. La differenza quindi misura l incidenza di una variazione di mix sui ricavi di vendita. Δ Mix di vendita i = (Ricavi budget flessibile Ricavi budget flessibile a mix standard) Δ Mix di vendita i = (Veff x Mix i eff x P i bdg) (Veff x Mix i bdg x P i bdg) Δ Mix di vendita i = (Mix i eff - Mix i bdg) x (Veff x P i bdg) Se il budget flessibile è maggiore al budget flessibile a mix standard lo scostamento è favorevole, nel caso contrario lo scostamento è sfavorevole. Copyright Sistemi di programmazione e controllo 22 Esempio scostamenti del mix di vendita Riprendiamo il nostro esempio della ALPHA spa 1 Volume di vendita di budget Prezzo di vendita di budget Mix di vendita standard (1 / totale 1)% 50% 40% 10% 100% 4 Volume di vendita effettivo Mix di vendita effettivo (4 / totale 4 x 5 100)% 50% 45,8% 4,2% 100% Volume di vendita budget flessibile a mix 6 standard (totale 4 x 3) Ricavi budget flessibile (2 x 4) Ricavi budget flessibile a mix standard (2 8 x 6) Scostamento di mix (7-8) (F) (S) (S) Il prodotto A1, non ha visto variare la sua incidenza % sulle vendite e non ha scostamento, mentre il prodotto A2 ha incrementato il suo mix delle vendite generando uno scostamento favorevole, al contrario del prodotto A3 Copyright Sistemi di programmazione e controllo 23 Scostamenti di prezzo in un azienda multiprodotto Lo scostamento di prezzo è generato da una variazione del prezzo rispetto al programmato. È la differenza tra i ricavi effettivi ed i ricavi del budget flessibile. La sua formulazione sarà quindi la seguente: Δ prezzo i = (Ricavo effettivo Ricavo budget flessibile) Δ prezzo i = (Veff x Mix i eff x Peff) (Veff x Mix i eff x Pbdg) Δ prezzo i = (P i eff - P i bdg) x (Veff x Mix i eff) Se il prezzo effettivo è superiore al prezzo di budget lo scostamento è favorevole, in caso contrario lo scostamento è sfavorevole. Copyright Sistemi di programmazione e controllo 24

9 Esempio scostamenti di prezzo 1 Volume di vendita di budget Prezzo di vendita di budget Volume effettivo di vendita Mix di vendita effettivo (3 / totale 3 x 4 100)% 50% 45,8% 4,2% 100% 5 Prezzo effettivo di vendita Ricavi effettivi (3 x 5) Ricavi budget flessibile (2 x 3) Scostamento di prezzo (5-6) (S) (S) - 500(S) (S) Lo scostamento di prezzo è sfavorevole per tutti i prodotti, infatti si nota che i prezzi effettivi di tutti i prodotti sono inferiori ai prezzi di budget Copyright Sistemi di programmazione e controllo 25 Scostamento del margine lordo (1) Un altro modo per scomporre lo scostamento del margine si basa sul margine unitario e il volume di vendita L analisi dei risultati in termini di margine lordo permette apprezzare la capacità dell azienda di conseguire gli obiettivi in termini di marginalità economica lorda. Permette inoltre di evitare comportamenti opportunistici da parte dei manager che al fine di conseguire gli obiettivi in termini di volumi e fatturato di vendita, adottano politiche commerciali aggressive tramite sconti e promozioni, le quali deprimono il margine lordo Copyright Sistemi di programmazione e controllo 26 Scostamento del margine lordo (2) IL margine lordo può essere espresso come segue: Margine lordo complessivo = (Margine lordo unitario x Volume di vendita) Lo scostamento del margine lordo è scomponibile quindi in: Scostamento del margine unitario Scostamento del volume di vendita Scostamento del mix di vendita (nel caso di un azienda multiprodotto) La formula dello scostamento totale del margine lordo è la seguente: Δ del margine lordo = (margine lordo effettivo margine lordo bdg) Copyright Sistemi di programmazione e controllo 27

10 Esempio scostamento del margine lordo 1 Prezzo di vendita effettivo Prezzo di vendita di budget Volume di vendita effettivo Volume di vendita di budget Costo standard manodopera diretta 46,50 65,25 90,00 6 Costo standard materiali diretti 25,00 27,00 50,40 7 Quota costi indiretti standard di produzione Costi unitari standard di produzione (5+6+7) Margine unitario effettivo a costo std (1-8 ) Margine unitario di budget ( 2-8 ) Margine lordo effettivo (3 * 9 ) Margine lordo di budget ( 4 * 10 ) Scostamento del margine lordo ( 11-12) (S) Lo scostamento è sfavorevole per A2 e A3 ed è favorevole per A1 Copyright Sistemi di programmazione e controllo 28 Scostamento di volume e del margine unitario Lo scostamento di volume è uguale a: Δ di volume = (Veffi - Vbdgi) x MLi bdg unitario) La formula per calcolare lo scostamento del margine unitario è la seguente : Δ di margine lordo (ML) unitario = (Ml i eff unitario ML i bdg unitario) x Veffi) Ml i = margine unitario del prodotto i-esimo Vi= il volume di vendita del prodotto i-esimo Il margine lordo unitario (differenza tra prezzo e costo unitario) è determinato utilizzando i costi standard di produzione I costi di produzione sono di responsabilità della funzione produzione, e non della funzione commerciale. Se si utilizzassero i costi effettivi di produzione, si attribuirebbero alla funzione commerciale dei costi non controllabili Copyright Sistemi di programmazione e controllo 29 Esempio scostamento di volume e del margine unitario 1 Prezzo di vendita effettivo Prezzo di vendita di budget Volume di vendita effettivo Volume di vendita di budget Costo standard manodopera diretta 46,50 65,25 90,00 6 Costo standard materiali diretti 25,00 27,00 50,40 Quota costi indiretti standard di 7 produzione Costi unitari standard di produzione 8 (5+6+7) Margine unitario effettivo a costo 9 standard ( 1-8 ) Margine unitario standard ( 2-8 ) Scostamento del margine unitario (9-10) * (S) (S) (S) (S) - 12 Scostamento di volume (3-4 )* (F) (F) (S) (F) Lo scostamento è sfavorevole per A3 ed è favorevole per gli altri prodotti. Copyright Sistemi di programmazione e controllo 30

11 Scostamenti del margine lordo in un azienda multiprodotto Nel caso in cui l azienda sia multi prodotto, la scomposizione dovrà considerare tre scostamenti elementari: lo scostamento di volume netto, lo scostamento di mix, e lo scostamento di margine unitario La somma dello scostamento di volume netto e del mix è uguale allo scostamento di volume Δ di volume = Δ netto di volume + Δ del mix di vendita Le formule sono le seguenti: Δ netto di volume = (Veff Vbdg) x Mix i bdg x ML i unitario bdg Δ del mix di vendita = (Mix i eff - Mix i std) x ML i unitario bdg x Veff Ml i = margine unitario del prodotto i-esimo Mix i = mix di vendita del prodotto i-esimo V = volumi di vendita complessivi aziendali Copyright Sistemi di programmazione e controllo 31 Esempio scostamenti del margine lordo in un azienda multiprodotto 1 Volume di vendita di budget Mix di vendita di budget 50% 40% 10% 100% 3 Margine unitario standard Volume di vendita effettivo Volume di vendita effettivo secondo il mix standard ( totale 4 * 2) 6 Scostamento netto di volume (3*5)- (3*1) (F) 7 Scostamento di mix (3*4) (5*3) (S) Lo scostamento è nullo per A1, è sfavorevole per A2 ed è favorevole per A3 Copyright Sistemi di programmazione e controllo 32

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI Prof.ssa Monia Castellini. Gli scostamenti dei costi diretti di produzione. Gli scostamenti dei costi diretti di produzione

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI Prof.ssa Monia Castellini. Gli scostamenti dei costi diretti di produzione. Gli scostamenti dei costi diretti di produzione SISTEMI DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI Prof.ssa Monia Castellini Copyright Sistemi di programmazione e controllo 1 Gli scostamenti dei costi diretti di produzione Lo scostamento

Dettagli

perché si ha lo scostamento chi è il responsabile se e come si può intervenire Facoltà di Economia - Parma 1

perché si ha lo scostamento chi è il responsabile se e come si può intervenire Facoltà di Economia - Parma 1 L analisi delle varianze 12 Essa permette il CONFRONTO tra OBIETTIVI ( ()) e RISULTATI. Il fine è quello di individuare: perché si ha lo scostamento chi è il responsabile se e come si può intervenire 2

Dettagli

IL REPORTING Università di Macerata Dipartimento di Economia e Diritto

IL REPORTING Università di Macerata Dipartimento di Economia e Diritto IL REPORTING Università di Macerata Dipartimento di Economia e Diritto Francesca Bartolacci bartolacci@unimc.it 1 Il reporting: definizioni strumento di rappresentazione e comunicazione delle informazioni

Dettagli

ANALISI E GESTIONE DEI COSTI

ANALISI E GESTIONE DEI COSTI ANALISI E GESTIONE DEI COSTI Dott.ssa Francesca Mandanici IL REPORTING: L analisi degli scostamenti 17-20 DICEMBRE 2010 Gli scopi conoscitivi dell analisi degli scostamenti SCOPI TRADIZIONALI SCOPI EMERGENTI

Dettagli

Il sistema di controllo. L analisi degli scostamenti (ricavi)

Il sistema di controllo. L analisi degli scostamenti (ricavi) Il sistema di controllo L analisi degli scostamenti (ricavi) SCOPO n Comprendere l andamento della gestione e cosa non ha funzionato rispetto a quanto preventivato n Correggere la gestione n Correggere

Dettagli

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Sistemi i di controllo di gestione prof. Sergio Mascheretti ESERCIZI SULL ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI SCG-L15 Pagina 0 di 16 ESERCIZIO 1 TESTO La società Baxter produce

Dettagli

ANALISI DELLE VARIANZE

ANALISI DELLE VARIANZE Roma, 6 maggio 2013 ANALISI DELLE VARIANZE Umberto Francese Università degli Studi di Roma Tre INDICE 1. DEFINIZIONI 2. VARIANZA dei MATERIALI DIRETTI (materie prime) 3. VARIANZA CONGIUNTA 4. VARIANZA

Dettagli

IL CONTROLLO DI GESTIONE CONTROLLARE GUIDARE LE AZIONI VERSO OBIETTIVI DEFINITI

IL CONTROLLO DI GESTIONE CONTROLLARE GUIDARE LE AZIONI VERSO OBIETTIVI DEFINITI IL CONTROLLO DI GESTIONE CONTROLLARE GUIDARE LE AZIONI VERSO OBIETTIVI DEFINITI PIANIFICAZIONE, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE DECIDERE: DOVE SI VUOLE ANDARE (OBIETTIVI) CON QUALI MEZZI (RISORSE)

Dettagli

Comunicazione economico-finanziaria

Comunicazione economico-finanziaria Pagina 1 di 6 Comunicazione economico-finanziaria Bilanci aziendali Il bilancio d esercizio - Il sistema informativo di bilancio - La normativa sul bilancio Le componenti del bilancio civilistico: Stato

Dettagli

A A. Bep, reddito atteso? Paola DE BERNARDI

A A. Bep, reddito atteso? Paola DE BERNARDI A A Bep, reddito atteso? Paola DE BERNARDI Torino, 26 febbraio 2009 1 percorso della lezione... Bea: le le simulazioni Costi fissi e variabili La BEA: il il contesto 2 IL CONTROLLO DI GESTIONE E : 3 E

Dettagli

FITNESS. Costi fissi di commercializzazione e vendita ( ) Ore MOD disponibili in un trimestre

FITNESS. Costi fissi di commercializzazione e vendita ( ) Ore MOD disponibili in un trimestre FITNESS Fitness S.p.A. è un azienda produttrice di abbigliamento per il fitness operante sul mercato europeo. Nel maggio del 2008, il controller stava raccogliendo le informazioni necessarie per elaborare

Dettagli

CONTABILITA DEI COSTI

CONTABILITA DEI COSTI CONTABILITA DEI COSTI IL SISTEMA DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Pianificazione strategica Definizione degli obiettivi e delle linee guida aziendali Controllo direzionale Definizione e perseguimento delle

Dettagli

Riclassificazione del conto economico

Riclassificazione del conto economico Riclassificazione del conto economico Schema generale comune Ricavi netti di vendita - costi operativi = reddito gestione caratteristica +/- risultato della gestione finanziaria +/- risultato della gestione

Dettagli

Esercitazione Sul Budget

Esercitazione Sul Budget Esercitazione Sul Budget Traccia La Garofalo spa, produce e commercializza pasta. Il responsabile amministrativo, con l ausilio dei responsabili delle altre funzioni aziendali, si accinge all elaborazione

Dettagli

6.1. Lo schema di conto economico a direct costing

6.1. Lo schema di conto economico a direct costing 6.1. Lo schema di conto economico a direct costing Ricavi Costo del venduto variabile Rimanenze iniziali di prodotti finiti (+) Costo dei beni prodotti (+) Rimanenze finali di prodotti finiti (-) Costi

Dettagli

DIRECT E FULL COSTING

DIRECT E FULL COSTING DIRECT E FULL COSTING Esercizio 1 Un azienda produce due modelli di prodotti A e B. La contabilità analitica ha elaborato i seguenti dati economici unitari di produzione: A B Materiali diretti 10 14 Manodopera

Dettagli

Il Budget: caratteri essenziali

Il Budget: caratteri essenziali Il Budget: caratteri essenziali Il budget può essere definito come un documento che raccoglie gli obiettivi da perseguire e le risorse da impiegare nell anno, suddivise per centri di responsabilità La

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DELLO STATO PATRIMONIALE

RICLASSIFICAZIONE DELLO STATO PATRIMONIALE RICLASSIFICAZIONE DELLO STATO PATRIMONIALE 3 1. Attività liquide 2. Rimanenze 8. Pass.tà correnti 10 7 4. Imm. immat. e finanz. 9. Pass.tà consolidate 12 6 5. Imm. tecniche nette 11. Mezzi propri 1 1)

Dettagli

I modelli di analisi reddituale con il direct costing e con il full costing.

I modelli di analisi reddituale con il direct costing e con il full costing. I modelli di analisi reddituale con il direct costing e con il full costing. 1 La metodologia direct costing imputa ai prodotti i soli costi variabili ed esclude i costi fissi. Poiché i costi fissi non

Dettagli

Facoltà di Economia - Parma 1

Facoltà di Economia - Parma 1 L analisi dei costi 3 IL ONETTO DI OSTO on il termine OSTO si vuole indicare il valore degli investimenti effettuati per l acquisto dei fattori produttivi impiegati per l ottenimento di un determinato

Dettagli

CONTO ECONOMICO CONTABILE CONTO ECONOMICO CONTABILE

CONTO ECONOMICO CONTABILE CONTO ECONOMICO CONTABILE CONTO ECONOMICO CONTABILE CONTO ECONOMICO CONTABILE Struttura Criterio di di classificazione Costi, ricavi e rimanenze Per natura Per natura Forma A sezioni contrapposte 1 I LIMITI DELLA STRUTTURA A COSTI

Dettagli

Relazioni prezzi-volumi-risultati

Relazioni prezzi-volumi-risultati Relazioni prezzi-volumi-risultati 1 Variabili dipendenti Variabile indipendente Costi Volume di produzione e vendita Ricavi 2 1 L equazione del reddito RE = Reddito di esercizio Q = Quantità di produzione

Dettagli

IL COSTO DI PRODOTTO E IL COSTO MONETARIO INERENTE UNA DATA QUANTITA DI PRODOTTO

IL COSTO DI PRODOTTO E IL COSTO MONETARIO INERENTE UNA DATA QUANTITA DI PRODOTTO IL COSTO DI PRODOTTO E IL COSTO MONETARIO INERENTE UNA DATA QUANTITA DI PRODOTTO PER POTER ATTRIBUIRE I COSTI A SINGOLE UNITA DI PRODOTTO E NECESSARIO STABILIRE RELAZIONI TRA I FATTORI E I PRODOTTI STESSI

Dettagli

Analisi di bilancio - II

Analisi di bilancio - II Lezione n.7 La mappa del Corso: gli argomenti contesto strategie bilancio prospettica Analisi di bilancio - II L di bilancio: la riclassificazione dell area operativa del Conto Economico confini del settore

Dettagli

ESERCIZIO N 2 Sulla base della programmazione quinquennale ( ) dell impresa DELTA S.p.A. sono disponibili i seguenti dati:

ESERCIZIO N 2 Sulla base della programmazione quinquennale ( ) dell impresa DELTA S.p.A. sono disponibili i seguenti dati: ESERCIZIO N 1 Nel corso del 2010, primo anno di vita dell impresa, la ASTRA S.p.A. acquista 600 unità di merci: 150 q. nel mese di marzo al prezzo unitario di 15 ( costo complessivo: 2.225); 200 q. nel

Dettagli

Il calcolo economico. Le relazioni tra costi e prezzi.

Il calcolo economico. Le relazioni tra costi e prezzi. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI ECONOMIA Il calcolo economico. Le relazioni tra costi e prezzi. Capitolo 6 Chiara Demartini cdemartini@eco.unipv.it 1 RELAZIONI TRA COSTI E PREZZI Nel cap. 5

Dettagli

Metriche di marketing di natura economicofinanziaria

Metriche di marketing di natura economicofinanziaria Corso di Tecniche della Promozione A.A. 2016-2017 Metriche di marketing di natura economicofinanziaria Simona D Amico simona.damico@uniroma1.it 1 Indice Le metriche di marketing: una definizione La classificazione

Dettagli

Il Cambiamento e l Innovazione nella Professione: il Controllo Direzionale

Il Cambiamento e l Innovazione nella Professione: il Controllo Direzionale Il Cambiamento e l Innovazione nella Professione: il Controllo Direzionale I sistemi di controllo nelle aziende bergamasche: risultati di una ricerca empirica Prof. Cristiana CATTANEO Bergamo, 21 settembre

Dettagli

La traccia assegnata come seconda prova di Economia aziendale, nell Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing è strutturata in due parti.

La traccia assegnata come seconda prova di Economia aziendale, nell Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing è strutturata in due parti. Istituto Tecnico - Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Esame di Stato anno scolastico 2015/2016 Svolgimento seconda prova di Economia aziendale La traccia assegnata come seconda

Dettagli

Programmazione e Controllo

Programmazione e Controllo Programmazione e Controllo A.A. 2013-2014 Dott.ssa Alessandra Stefanoni 2 Pianificazione La PIANIFICAZIONE è il processo mediante il quale l azienda determina gli obiettivi di medio lungo termine, stabilisce

Dettagli

Analisi dei costi-volumi-risultati e decisioni aziendali. A cura di Laura Coggiola

Analisi dei costi-volumi-risultati e decisioni aziendali. A cura di Laura Coggiola Analisi dei costi-volumi-risultati e decisioni aziendali A cura di Laura Coggiola Il Direct Costing MARGINALITA REDDITIVITA RICAVI? PROFITTO COSTI CONTO ECONOMICO GESTIONALE AREA OPERATIVA O CARATTERISTICA

Dettagli

13.9.2. Metodologia di controllo dei costi per centro di costo. 13.9.3. Un esempio di budget in un azienda di servizi alberghieri

13.9.2. Metodologia di controllo dei costi per centro di costo. 13.9.3. Un esempio di budget in un azienda di servizi alberghieri 1. L IMPRENDITORE E IL GOVERNO DELLA GESTIONE 1.1. L impresa e l ambiente in cui opera pag. 3 1.2. L impatto dei fattori esterni pag. 5 1.3. Il controllo dei fattori aziendali pag. 8 2. IL SISTEMA DI PIANIFICAZIONE

Dettagli

PIANO DI LAVORO DI ECONOMIA AZIENDALE

PIANO DI LAVORO DI ECONOMIA AZIENDALE PIANO DI LAVORO DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 3ALA ANNO SCOLASTICO 2011/12 PROF.SSA BARTOLI MARIA GRAZIA MODULI DURATA (IN ORE) 1. Lo scambio economico( dal biennio) 20 2. La gestione aziendale 50 3. L

Dettagli

L organizzazione delle imprese. Il piano di marketing

L organizzazione delle imprese. Il piano di marketing Materia: ECONOMIA AZIENDALE Classe: V Sezione: C Indirizzo di studi: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING Docente: PEZZELLA PIO PROGRAMMA SVOLTO Lineamenti della moderna impresa industriale Che cosa s intende

Dettagli

I criteri di valutazione:

I criteri di valutazione: I criteri di valutazione: il VAN e il TIR 06.04.2016 La fattibilità economica del progetto La valutazione di fattibilità consiste nella verifica della convenienza economica del developer a promuovere l

Dettagli

Strumenti e Materiali - Economia Aziendale

Strumenti e Materiali - Economia Aziendale Strumenti e Materiali - Economia Aziendale Esercitazioni in preparazione all Esame di Stato ESERCITAZIONE 7 Sottosistema dei budget operativi e analisi degli scostamenti dei ricavi e dei costi diretti

Dettagli

G F M A M G L A S O N D Totale. Fatturato

G F M A M G L A S O N D Totale. Fatturato Esercizio 9.2 Pianificazione con metodo analitico * L azienda Gamma che realizza differenti tipologie di servizi, ai fini della redazione del budget 2006, prevede di effettuare le seguenti vendite mensilizzate,

Dettagli

6.5. Sistemi a costi variabili e sistemi a costi pieni: costi di prodotto e costi di periodo

6.5. Sistemi a costi variabili e sistemi a costi pieni: costi di prodotto e costi di periodo 6.5. Sistemi a costi variabili e sistemi a costi pieni: costi di prodotto e costi di periodo Sistema a costi variabili Sistema a costi pieni Costi di prodotto Costi variabili diretti di fabbricazione Costi

Dettagli

IAS 2 - RIMANENZE DI MAGAZZINO

IAS 2 - RIMANENZE DI MAGAZZINO IAS 2 - RIMANENZE DI MAGAZZINO Le rimanenze sono beni: - posseduti per la vendita nel normale svolgimento dell attività; - impiegati nei processi produttivi per la vendita; - sotto forma di materiali da

Dettagli

Le condizioni di efficienza e di efficacia nella combinazione dei fattori di produzione. Corso di Economia Aziendale Prof.

Le condizioni di efficienza e di efficacia nella combinazione dei fattori di produzione. Corso di Economia Aziendale Prof. Le condizioni di efficienza e di efficacia nella combinazione dei fattori di produzione Corso di Economia Aziendale Prof. Giuseppe D Onza Misurazioni e strumenti per il controllo dei processi di produzione

Dettagli

indice Prefazione Introduzione La natura e lo scopo dei sistemi contabili 1 Capitolo 1 La natura della contabilità direzionale 9 xix

indice Prefazione Introduzione La natura e lo scopo dei sistemi contabili 1 Capitolo 1 La natura della contabilità direzionale 9 xix indice Prefazione xix Introduzione La natura e lo scopo dei sistemi contabili 1 La necessità di informazioni 1 Le informazioni operative 3 Le informazioni di bilancio 3 Le informazioni della contabilità

Dettagli

Volume di produzione (kg) 15.000 12.000 Costo MP per kg di prodotto 8,00 12,00 Manodopera diretta totale 85.000 72.000

Volume di produzione (kg) 15.000 12.000 Costo MP per kg di prodotto 8,00 12,00 Manodopera diretta totale 85.000 72.000 Esercizio 1 La ST S.r.l. produce due tipi vassoi, A e B. I dati rilevati sono i seguenti: Volume di produzione (kg) 15.000 12.000 Costo MP per kg di prodotto 8,00 12,00 Manodopera diretta totale 85.000

Dettagli

Controllo di Gestione. la Gestione della tua Azienda sempre sotto Controllo!

Controllo di Gestione. la Gestione della tua Azienda sempre sotto Controllo! Controllo di Gestione la Gestione della tua Azienda sempre sotto Controllo! Il controllo per decidere Ogni azienda ha bisogno di un sistema pratico di controllo di gestione e di supporto alle decisioni.

Dettagli

POLIGRAFICA S. FAUSTINO: APPROVATO DAL CDA IN DATA ODIERNA IL PROGETTO DI BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2003

POLIGRAFICA S. FAUSTINO: APPROVATO DAL CDA IN DATA ODIERNA IL PROGETTO DI BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2003 POLIGRAFICA S. FAUSTINO: APPROVATO DAL CDA IN DATA ODIERNA IL PROGETTO DI BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2003 FATTURATO CONSOLIDATO 2003 PARI A EURO 32,80 MILIONI IN CRESCITA DEL 16% RISPETTO AL 2002 ELEVATA

Dettagli

L analisi di sensitività del conto economico

L analisi di sensitività del conto economico L analisi di sensitività del conto economico Analisi di sensitività In relazione alla combinazione fra costi variabili e costi fissi si configura un diverso profilo di rischio nelle condizioni operative

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO - FACOLTA DI INGEGNERIA ECONOMIA ED ORGANIZZAZIONE AZIENDALE

POLITECNICO DI MILANO - FACOLTA DI INGEGNERIA ECONOMIA ED ORGANIZZAZIONE AZIENDALE POLITECNICO DI MILANO - FACOLTA DI INGEGNERIA ECONOMIA ED ORGANIZZAZIONE AZIENDALE TEMA D ESAME DELL 8 LUGLIO 2003 Cognome e nome: Numero di matricola: ATTENZIONE: ESERCIZI 1 E 2 DA SVOLGERSI SU FOGLIO

Dettagli

Schema metodologico delle analisi di bilancio

Schema metodologico delle analisi di bilancio GESTIONE Schema metodologico delle analisi di bilancio BILANCIO Lettura e analisi interpretativa riclassificazione determinazione di indici flussi finanziari sistema di coordinamento INFORMAZIONI sintomi

Dettagli

Il Controllo di Gestione e la struttura organizzativa. Davide Vierzi

Il Controllo di Gestione e la struttura organizzativa. Davide Vierzi Il Controllo di Gestione e la struttura organizzativa Davide Vierzi L approccio al controllo di gestione Il controllo di gestione spesso non è sistematico Le cause sono molteplici: Può essere oneroso Non

Dettagli

Analisi caso: dal budget delle vendite al budget economico

Analisi caso: dal budget delle vendite al budget economico Analisi caso: dal budget delle vendite al budget economico Esempio La società Alfa produce due tipi di prodotti denominati Red e Black. Le vendite previste per l anno n+1 sono di: 320.000 unità di Red

Dettagli

Economia Aziendale. Modelli e misure: costi e BEP. Lezione 19

Economia Aziendale. Modelli e misure: costi e BEP. Lezione 19 Economia Aziendale Modelli e misure: costi e BEP Lezione 19 BEP il modello del punto di pareggio Prof. Paolo Di Marco Break Even Analisys Quando sia possibile distinguere senza notevole arbitrio i costi

Dettagli

Dal costo del prodotto al prezzo di vendita.

Dal costo del prodotto al prezzo di vendita. Newsletter Phedro settembre 2006 Dal costo del prodotto al prezzo di vendita. La logica tradizionale di calcolo del costo di prodotto. Il calcolo del costo del prodotto è nella prassi operativa uno dei

Dettagli

TOTALE PORTA BIRO ASTUCCI PER OCCHIALI RICAVI DI VENDITA % % MATERIE PRIME DIRETTE % 20.

TOTALE PORTA BIRO ASTUCCI PER OCCHIALI RICAVI DI VENDITA % % MATERIE PRIME DIRETTE % 20. DOMANDA 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria ESAME DEL 18-01-11 Parla degli strumenti in utilizzo nel modello di Beyond Budgeting, dando maggior enfasi allo strumento della Balanced

Dettagli

INDICE RAGIONERIA PARTE I I. LE REGOLE PER LA REDAZIONE DEL BILANCIO E LE OPERAZIONI DI. Capitolo 1 Le regole di bilancio in Italia. pag.

INDICE RAGIONERIA PARTE I I. LE REGOLE PER LA REDAZIONE DEL BILANCIO E LE OPERAZIONI DI. Capitolo 1 Le regole di bilancio in Italia. pag. INDICE Presentazione XI PARTE I RAGIONERIA di Valter Cantino e Alain Devalle I. LE REGOLE PER LA REDAZIONE DEL BILANCIO E LE OPERAZIONI DI CHIUSURA DEL BILANCIO 3 Capitolo 1 Le regole di bilancio in Italia

Dettagli

I sistemi di Pianificazione e Controllo. Emilio Botrugno

I sistemi di Pianificazione e Controllo. Emilio Botrugno 1 I sistemi di Pianificazione e Controllo 1 2 3 4 3 L azienda come generatrice di VALORE Fornitori Clienti INPUT ATTIVITÀ 1 ATTIVITÀ 2 ATTIVITÀ n OUTPUT RISORSE utilizzate: - materiali - persone - servizi

Dettagli

COME EFFETTUARE L ANALISI DELLA CONCORRENZA

COME EFFETTUARE L ANALISI DELLA CONCORRENZA Aprile Inserto di Missione Impresa dedicato allo sviluppo pratico di progetti finalizzati ad aumentare la competitività delle imprese. COME EFFETTUARE L ANALISI DELLA CONCORRENZA QUAL E L UTILITA DI ANALIZZARE

Dettagli

Capitolo 6 Relazioni costo-volume-profitto

Capitolo 6 Relazioni costo-volume-profitto Capitolo 6 Relazioni costo-volume-profitto Esercizio 6.1 (20 minuti) Totale Unitario 1. Vendite (30.000 unità 1,15 = 34.500 unità)... $172.500 $5,00 Meno costi variabili... 103.500 3,00 Margine di contribuzione...

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti ESAME DEL 17-06-10 DOMANDA 1 Elencare le principali differenze tra la contabilità generale e la contabilità analitica ESERCIZIO 1 Tornilux srl è specializzata in torniti in lastra per il settore dell illuminazione

Dettagli

Il costo di sostituzione deprezzato e la stima dei beni soggetti a trasformazione

Il costo di sostituzione deprezzato e la stima dei beni soggetti a trasformazione Il costo di sostituzione deprezzato e la stima dei beni soggetti a trasformazione 13.I.2015 I tre valori derivati dell estimo Valore complementare, valore di trasformazione e valore di surrogazione sono

Dettagli

,00 RIMANENZE SEMILAVORATI

,00 RIMANENZE SEMILAVORATI CONTO ECONOMICO SINTETICO DELLA DIAMANTE SPA ES. B8 pag. 524 RIMANENZE PRODOTTI FINITI 3.810,00 A VALORE DELLA PRODUZIONE 31/12/.. 31/12/.. Rimanenze finali 336.210,00 1) RICAVI DELLE VENDITE E DELLE PRESTAZIONI

Dettagli

La riclassificazione del bilancio d esercizio

La riclassificazione del bilancio d esercizio La riclassificazione del bilancio d esercizio Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani), Mc Graw-Hill 2001, cap. 4 (Prof. A. Ferrari). 1 Riclassificazione del bilancio di esercizio

Dettagli

Costi fissi, costi variabili, punto di pareggio e diagramma di redditività

Costi fissi, costi variabili, punto di pareggio e diagramma di redditività Cognome... Nome... Classe... Data... Costi fissi, costi variabili, punto di pareggio e diagramma di redditività Correlazione 1 Associa ciascun costo alla relativa tipologia. 1. Costo delle lavorazioni

Dettagli

CASO OCCHIVERDI Soluzione

CASO OCCHIVERDI Soluzione CASO OCCHIVERDI Soluzione La prima area da prendere in considerazione, è l area commerciale, nell ambito del quale viene predisposto il dei budget ricavi di vendita, espresso in valori (euro): BUDGET DEI

Dettagli

Tracce esercitazione analisi e contabilità dei cos1. 15 maggio 2015 Caterina Ferrone

Tracce esercitazione analisi e contabilità dei cos1. 15 maggio 2015 Caterina Ferrone Tracce esercitazione analisi e contabilità dei cos1 15 maggio 2015 Caterina Ferrone Esercizio N.1 Sistema a cos1 pieni e variabili La LOVITO Spa presenta i da1 di costo e di ricavo rela1vi al primo mese

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale 1 Corso di Finanza aziendale La riclassificazione del bilancio d esercizio Il bilancio pubblico Il Bilancio è il logico punto di partenza per conoscere e comprendere la dinamica della gestione aziendale.

Dettagli

La stima del valore di trasformazione

La stima del valore di trasformazione La stima del valore di trasformazione 5.XII.2005 Il valore di trasformazione Si stima in tutti i casi in cui dobbiamo stimare il valore di un bene strumentale, ovvero di un bene che entra all interno di

Dettagli

L analisi di bilancio. La riclassificazione del Conto economico

L analisi di bilancio. La riclassificazione del Conto economico Dipartimento di Scienze umanistiche e sociali Dumas L analisi di bilancio. La riclassificazione del Conto economico Dott. Federico Rotondo frotondo@uniss.it Economia aziendale: lezioni n. 29-30 Metodi

Dettagli

L ANALISI DELLA REDDITIVITA

L ANALISI DELLA REDDITIVITA L ANALISI DELLA REDDITIVITA ANALISI DELLA REDDITIVITA Redditività: E l analisi dell equilibrio economico nel M/L periodo, cioè dell equilibrio tra costi e ricavi Si sviluppa attraverso una tecnica ad albero,

Dettagli

Sistema a costi standard Sistema a costi normalizzati Sistema a costi effettivi

Sistema a costi standard Sistema a costi normalizzati Sistema a costi effettivi 5.4 Il sistema di misurazione dei costi a valori normalizzati (normal costing system) Il sistema di misurazione dei costi a valori normalizzati è un sistema di valori ibrido, che presenta sia valori consuntivi

Dettagli

Mono e pluri Scelte opposte o modelli complementari?

Mono e pluri Scelte opposte o modelli complementari? MONO PLURI Mono e pluri Scelte opposte o modelli complementari? Sindacato Nazionale SERVIZIO CLIENTI Agenti di assicurazione Roberto Oddo (Componente Esecutivo Nazionale Sna, Responsabile area formazione)

Dettagli

ESERCIZI CAPITOLO 1 X 66,66% (2/3) 70% DA IMPUTARE AL REPARTO IN FUNZIONE DI UNA PREDETERMINATA BASE

ESERCIZI CAPITOLO 1 X 66,66% (2/3) 70% DA IMPUTARE AL REPARTO IN FUNZIONE DI UNA PREDETERMINATA BASE ESERCIZI CAPITOLO 1 ESERCIZIO 1.1.- SOLUZIONE Scheda di costo totale di reparto Elementi di costo ISOLA CAMICIE ISOLA CRAVATTE COSTI DIRETTI di reparto (isola): - manodopera spazi macchinari - stipendio

Dettagli

27.IV.2010. Corso di Estimo - CLAPE - Prof. E. Micelli - Aa 2009.10

27.IV.2010. Corso di Estimo - CLAPE - Prof. E. Micelli - Aa 2009.10 La stima del valore di trasformazione 27.IV.2010 Il valore di trasformazione Si stima in tutti i casi in cui dobbiamo stimare il valore di un bene strumentale, ovvero di un bene che entra all interno di

Dettagli

Capitolo 10. Stima delle aree fabbricabili

Capitolo 10. Stima delle aree fabbricabili Capitolo 10 Stima delle aree fabbricabili 10.1 Stima delle aree fabbricabili Per area edificabile (o fabbricabile) si intende una porzione di terreno atta alla costruzione di un fabbricato civile o industriale.

Dettagli

Tecnico del controllo di gestione

Tecnico del controllo di gestione identificativo scheda: 31005 stato scheda: Validata Descrizione sintetica Il tecnico del controllo di gestione (e della contabilità analitica), predispone il sistema della contabilità analitica d impresa,

Dettagli

Definizione e contenuti del Business Plan L idea di business L analisi competitiva La strategia ipotizzata Le iniziative da realizzare Le risorse da i

Definizione e contenuti del Business Plan L idea di business L analisi competitiva La strategia ipotizzata Le iniziative da realizzare Le risorse da i IL Business Planning Definizione e contenuti del Business Plan Il modello di Business Budgeting Definizione e contenuti del Business Plan L idea di business L analisi competitiva La strategia ipotizzata

Dettagli

Il sistema di budgeting

Il sistema di budgeting SISTEMI DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Il sistema di budgeting Prof.ssa Monia Castellini Copyright Sistemi di programmazione e controllo 1 Obiettivi formativi Delineare il collocamento del budget all interno

Dettagli

REPORT COMMERCIALE E DI MARKETING. Istruzioni per l uso

REPORT COMMERCIALE E DI MARKETING. Istruzioni per l uso REPORT COMMERCIALE E DI MARKETING Istruzioni per l uso L analisi dei dati commerciali interni L analisi dei dati nel concreto Struttura del Report L analisi dei dati commerciali interni Indicazioni per

Dettagli

L impresa. Sistemi di governo valutazione e controllo. Costi - 6

L impresa. Sistemi di governo valutazione e controllo. Costi - 6 Costi - 6 La WiD S.p.A. è una piccola impresa operante nel settore dell automazione che realizza tre diversi tipi di meccanismi di automazione per cancelli allocando i costi con un sistema del tipo Activity

Dettagli

DISHES Srl (Direct costing evoluto, bea, equiconvenienza, make or buy)

DISHES Srl (Direct costing evoluto, bea, equiconvenienza, make or buy) La Dishes Srl, specializzata nella produzione di stoviglie, possiede una divisione che si occupa esclusivamente di realizzare servizi di piatti. Nello stabilimento di Modena tale divisione realizza due

Dettagli

Il Controllo di Gestione e la struttura organizzativa. Davide Vierzi

Il Controllo di Gestione e la struttura organizzativa. Davide Vierzi Il Controllo di Gestione e la struttura organizzativa Davide Vierzi L approccio al controllo di gestione Il controllo di gestione spesso non è sistematico Le cause sono molteplici: Può essere oneroso Non

Dettagli

La valutazione dei rischi. Corso di risk management Prof. Giuseppe D Onza

La valutazione dei rischi. Corso di risk management Prof. Giuseppe D Onza La valutazione dei rischi Corso di risk management Prof. Giuseppe D Onza Le tecniche non probabilistiche ØSENSITIVITY ANALYSIS ØSCENARIO ANALYSIS ØSTRESS TESTING Sensitivity analysis ØUtilizzata per valutare

Dettagli

Analisi di bilancio - I

Analisi di bilancio - I Lezione n.16 La mappa del Corso Analisi di bilancio - I raccolta dati e verifica qualità riclassificazione rendiconto finanziario indicatori La redditività operativa e le sue determinanti La redditività

Dettagli

Corso di REVISIONE AZIENDALE

Corso di REVISIONE AZIENDALE Corso di REVISIONE AZIENDALE a.a. 2004-1 Corso di REVISIONE AZIENDALE - Modulo VI - Prof. Fabio Fortuna ffortuna@unich.it Anno accademico 2004- Corso di REVISIONE AZIENDALE a.a. 2004-2 La revisione gestionale

Dettagli

UTILIZZO DEL BUSINESS PLAN

UTILIZZO DEL BUSINESS PLAN IL BUSINESS SS PLAN UTILIZZO DEL BUSINESS PLAN 1. Valutazione progetti di ampliamento e/o ristrutturazione imprese esistenti 2. Valutazione progetti di creazione nuove iniziative imprenditoriali 3. Definizione

Dettagli

Il Rendiconto Finanziario. Interpretazione del rendiconto finanziario

Il Rendiconto Finanziario. Interpretazione del rendiconto finanziario Il Rendiconto Finanziario Interpretazione del rendiconto finanziario 13 Interpretazione del rendiconto finanziario Il rendiconto finanziario evidenzia impieghi e fonti di risorse e la sua interpretazione

Dettagli

La riclassificazione del Conto Economico Criterio Costi e Ricavi del Venduto

La riclassificazione del Conto Economico Criterio Costi e Ricavi del Venduto Corso di Economia Aziendale Prof. Alberto Kunz a.a. 2015.2016 La riclassificazione del Conto Economico Criterio Costi e Ricavi del Venduto 15 Marzo 2016 Dott.ssa Fabrizia Sarto LA RICLASSIFICAZIONE DEL

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DEI TRASPORTI. Tecnica e gestione dei trasporti. Indicatori. Corso di. Prof. Francesco Murolo. Prof.

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DEI TRASPORTI. Tecnica e gestione dei trasporti. Indicatori. Corso di. Prof. Francesco Murolo. Prof. DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DEI TRASPORTI Corso di Tecnica e gestione dei trasporti Prof. Luigi Biggiero Prof. Francesco Murolo Indicatori Organizzazione aziendale T.P.L. AZIENDE FERROVIARIE LOCALI Amministratore

Dettagli

Come sviluppare un progetto d impresa. Presentato da: dr.ssa Patrizia Andreani

Come sviluppare un progetto d impresa. Presentato da: dr.ssa Patrizia Andreani 1 Come sviluppare un progetto d impresa Presentato da: dr.ssa Patrizia Andreani 2 L azienda come sistema L azienda è un sistema: aperto (input output); dinamico (si adatta alle mutevoli situazioni esterne);

Dettagli

PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE MODULO II Dott.ssa Maria Pia Maraghini A.A. 2013/2014 28 maggio 2014 COGNOME NOME MATRICOLA Tempo di esecuzione: 60 minuti 1. Cosa si intende per modalità di gestione

Dettagli

7. Piano economico tecnico area SII Triennio 2007/2009

7. Piano economico tecnico area SII Triennio 2007/2009 Allegato Sub B) alla deliberazione della Conferenza dell'autorità d'ambito n. 2" n 234 del 13 maggio 2008 IL SEGRETARIO DELLA CONFERENZA (Dott. Piero Gaetano VANTAGGIATO) 7. Piano economico tecnico area

Dettagli

L economia delle pmi. oggi.

L economia delle pmi. oggi. L economia reale delle pmi. oggi. L economia reale delle pmi. congresso nazionale giovani IMPRENDITORI confapi roma 14-15 novembre 2008 AREA DI INDAGINE ITALIA SETTORI INTERESSATI Metalmeccanico, tessile

Dettagli

OIC 13 LE RIMANENZE 1

OIC 13 LE RIMANENZE 1 OIC 13 LE RIMANENZE 1 CLASSIFICAZIONE STATO PATRIMONIALE - AREA C C. I RIMANENZE 1. materie prime, sussidiarie e di consumo 2. prodotti in corso di lavorazione e semilavorati 3. lavori in corso su ordinazione

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA Processo Sequenza di processo Area di Attività Qualificazione regionale Referenziazioni SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 AREA COMUNE

Dettagli

Conto Economico LEGALE

Conto Economico LEGALE Conto Economico CONTABILE Rende il conto della gestione in forma disorganica ed eterogenea ELENCO VOCI Conto Economico LEGALE Rende il conto della gestione in forma più organica ed omogenea AREE +/- OMOGENEE

Dettagli

Non entrano invece nel calcolo della produzione i servizi domestici e le attività illegali.

Non entrano invece nel calcolo della produzione i servizi domestici e le attività illegali. Produzione: flusso di beni e servizi che deriva da ogni attività esercitata da una u.i. nella quale vi sia impiego di fattori produttivi e di beni e servizi e realizzata al fine di soddisfare bisogni individuali

Dettagli

4.1. IL PROCESSO DI CONTROLLO DIREZIONALE

4.1. IL PROCESSO DI CONTROLLO DIREZIONALE 4.1. IL PROCESSO DI CONTROLLO DIREZIONALE Il processo di Controllo Direzionale si articola in quattro sottoprocessi: pianificazione strategica o output piano a medio- lungo termine programmazione operativa

Dettagli

RIF. CORSO: 2015-GG-39. Scheda progetto

RIF. CORSO: 2015-GG-39. Scheda progetto RIF. CORSO: 2015-GG-39 Scheda progetto FIGURA PROFESSIONALE Denominazione corso: TECNICO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO DI GESTIONE Durata: 200 Descrizione della figura professionale: Il Tecnico

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La lettura sistematica degli indici Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I. Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it LA LETTURA SISTEMATICA DEGLI INDICI Per meglio

Dettagli

IL SISTEMA DEI BUDGET E IL PROCESSO DI BUDGETING

IL SISTEMA DEI BUDGET E IL PROCESSO DI BUDGETING IL SISTEMA DEI BUDGET E IL PROCESSO DI BUDGETING Il sistema di Controllo Direzionale P r o b l e m i 1 Stile di Direzione 3 Processi di controllo 2 Struttura organizzativa per il controllo 4 Struttura

Dettagli

Sistema patrimoniale anglosassone e sistema reddituale

Sistema patrimoniale anglosassone e sistema reddituale Sistema patrimoniale anglosassone e sistema reddituale La logica del sistema patrimoniale Sistema patrimoniale puro (F. Besta, 1900) - la contabilità ha quale obiettivo primario quello di osservare e analizzare

Dettagli

PRIMA PARTE Dallo stralcio del report mensile redatto dai responsabili delle funzioni aziendali si desumono le seguenti informazioni:

PRIMA PARTE Dallo stralcio del report mensile redatto dai responsabili delle funzioni aziendali si desumono le seguenti informazioni: Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 13 Esame di Stato 2016 Istituto Tecnico - Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Svolgimento Tema di Economia aziendale Il tema assegnato

Dettagli