Impatto della Sindrome Metabolica sul Rischio Cardio-Vascolare: Analisi dei Costi e Valutazione del Rapporto Costo-Efficacia degli Interventi Sanitari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Impatto della Sindrome Metabolica sul Rischio Cardio-Vascolare: Analisi dei Costi e Valutazione del Rapporto Costo-Efficacia degli Interventi Sanitari"

Transcript

1 SIE-SID-AMD-AME La Sindrome Metabolica: una sfida per l area endocrino-metabolica Cuneo 8-9 Ottobre 2004 Impatto della Sindrome Metabolica sul Rischio Cardio-Vascolare: Analisi dei Costi e Valutazione del Rapporto Costo-Efficacia degli Interventi Sanitari Roberto Sivieri SC Malattie Metaboliche e Diabetologia Azienda Ospedaliera CTO/CRF/ICORMA, Torino

2 La Efficacy

3 Efficacy Efficacia clinica di un trattamento o di una pratica clinica in condizioni ideali, sulla base di studi clinici randomizzati

4 Efficacy della Prevenzione CV Dati di fatto In Prevenzione Primaria il trattamento con statine riduce in modo significativo il rischio di stroke e di cardiopatia ischemica Evidenza Tipo 1 In Prevenzione Secondaria il trattamento con statine riduce in modo significativo il rischio di stroke e cardiopatia ischemica Tipo 1 Il trattamento dell ipertensione riduce il rischio di mortalità per stroke e cardiopatia ischemica. I benefici sono maggiori negli anziani Tipo 1 Modificato da: Health Evidence Bulletins Wales, University of Wales College of Medicine, Cardiff, UK TIPI DI EVIDENZA: 1 - Review/metanalisi con almeno 1 RCT, 2 - Almeno 1 RCT

5 Efficacy della Prevenzione CV Dati di fatto In Prevenzione Primaria nei diabetici [3 RCT] il trattamento dell ipertensione riduce morbilità e mortalità CV, ma non mortalità totale In Prevenzione Secondaria nei diabetici [20 RCT] il trattamento dell ipertensione (ACE-I o B-bloccanti) riduce mortalità totale; il trattamento con B-bloccanti riduce morbilità e mortalità CV In Prevenzione Primaria gli interventi su più Fattori di Rischio [10 RCT] riducono mortalità totale solo in soggetti ipertesi ad alto rischio se al trattamento farmacologico si associa counceling familiare ed educazione Il controllo glicemico intensivo in soggetti diabetici non è associato a riduzione della mortalità totale e della mortalità CV [UKPDS 33] Stretta correlazione fra HbA1c e morbilità e mortalità CV associate al diabete (14% di riduzione di incidenza di IMA per ogni punto percentuale in meno di HbA1c) [UKPDS 35] Evidenza Tipo 1 Tipo 1 Tipo 2 Tipo 2 Modificato da: Health Evidence Bulletins Wales, University of Wales College of Medicine, Cardiff, UK TIPI DI EVIDENZA: 1 - Review/metanalisi con almeno 1 RCT, 2 - Almeno 1 RCT

6 La Effectiveness

7 Effectiveness Rendimento nella popolazione bersaglio di un trattamento o di una pratica clinica la cui efficacia clinica sia stata preventivamente dimostrata in una popolazione selezionata mediante uno studio clinico

8 Come si Valuta la Effectiveness Analisi Costo-Efficacia Analisi Costo-Utilità Analisi Costo-Beneficio Analisi di Minimalizzazione dei Costi

9 Analisi Costo-Efficacia Rapporto fra il costo della pratica medica e la sua efficacia misurata in unità di eventi (numero di casi trattati adeguatamente, numero di vite salvate, anni di vita guadagnati, complicanze risparmiate)

10 Analisi Costo-Utilità Rapporto fra il costo della pratica medica e la sua utilità misurata in termini di qualità della vita (QALY = Quality-Adjusted Life Years)

11 Analisi Costo Beneficio Rapporto fra il costo della pratica medica ed una stima monetaria della sua performance

12 PubMed MeSH Browser All MeSH Categories Health Care Category Health Care Economics and Organizations Economics Costs and Cost Analysis Cost Allocation Cost-Benefit Analysis Cost Control Cost Savings Cost of Illness Cost Sharing Deductibles and Coinsurance Medical Savings Accounts Health Care Costs Direct Service Costs Drug Costs Employer Health Costs Hospital Costs Health Expenditures Capital Expenditures

13 Cost-Benefit Analysis Analyses, Cost-Benefit Analysis, Cost-Benefit Cost-Benefit Analyses Cost Benefit Analysis Analyses, Cost Benefit Analysis, Cost Benefit Cost Benefit Analyses Cost Benefit Costs and Benefits Benefits and Costs Cost Effectiveness Effectiveness, Cost Cost-Benefit Data Cost Benefit Data Data, Cost-Benefit

14 Cost-Benefit Analysis PubMed MeSH Definition A method of comparing the cost of a program with its expected benefits in dollars (or other currency). The benefit-tocost ratio is a measure of total return expected per unit of money spent. This analysis generally excludes consideration of factors that are not measured ultimately in economic terms. Cost effectiveness compares alternative ways to achieve a specific set of results. Year introduced: 1976

15 Rischio CV a 5 anni Prognosi (rischio CV a 5 anni) Eventi CV prevenuti (per 100 casi trattati per 5 anni) NNT (per 5 anni) < 2.5% < 0.8 eventi per 100 > % 1.25 eventi per % 4 eventi per % 4 eventi per % 6 eventi per > 20% > 7 eventi per 100 < 15 Jackson R. Absolute 5-Year risk of a cardiovascular event (newly diagnosed amgina, MI, death, stroke, ot TIA) based on Guidelines for the management of mildly raised blood pressure in New Zealand. National Health Committee, Ministry of Health, Wellington, 1995

16 Rischio CV a 5 anni Prognosi (rischio CV a 5 anni) Eventi CV prevenuti (per 100 casi trattati per 5 anni) NNT (per 5 anni) Costo dei farmaci ($) diuretico BB ACE I < 2.5% < 0.8 eventi per 100 > % 1.25 eventi per % 4 eventi per % 4 eventi per % 6 eventi per > 20% > 7 eventi per 100 < Jackson R. Absolute 5-Year risk of a cardiovascular event (newly diagnosed amgina, MI, death, stroke, ot TIA) based on Guidelines for the management of mildly raised blood pressure in New Zealand. National Health Committee, Ministry of Health, Wellington, 1995

17 Strategia della Ricerca Database MESH Limits MEDLINE Cardiovascular diseases/prevention and control Diabetic Angiopathies OR Diabetes Mellitus/Complications Cost-Benefit Analysis Ultimi 5 anni Solo studi su umani Solo in lingua inglese Solo documenti con Abstract AND AND Trovati 21 Documenti di cui: 6 Studi Clinici Randomizzati Controllati 4 Revisioni Nessuna Metanalisi Solo 6 pubblicati sulle Riviste Scientifiche principali (AIM)

18 Strategia della Ricerca Database MESH Limits COCHRANE LIBRARY ONLINE (NHS EED) Cardiovascular diseases Diabetic Angiopathies OR Diabetes Mellitus/Complications Cost-Benefit Analysis Ultimi 5 anni AND AND Trovati 28 Documenti di cui: 4 relativi alla prevenzione del rischio cardiovascolare 1 su prevenzione primaria (statine) 1 su prevenzione secondaria (ipertensione) 2 su prevenzione primaria e secondaria (statine, esercizio)

19 Dai Grandi Trial Caro J, Klittich W, McGuire A, Ford I, Norrie J, Pettitt D, McMurray J, Shepherd J The West of Scotland coronary prevention study: economic benefit analysis of primary prevention with pravastatin BMJ 1997; 315: UK Prospective Diabetes Study Group Cost effectiveness analysis of improved blood pressure control in hypertensive patients with type 2 diabetes: UKPDS 40 BMJ 1998; 317: Herman WH, Alexander CM, Cook JR, Boccuzzi SJ, Musliner TA, Pedersen TR, Kjekshus J, Pyorala K Effect of simvastatin tretment on cardiovascular resource utilization in impaired fasting glucose and diabetes. Findings from the 4S Study Diabetes Care 1999; 22: Wake N, Hisashige A, Katayama T, Kishikawa H, Ohkubo Y, Sakai M, Araki E, Shichiri M Cost-effectiveness of intensive insulin therapy for type 2 diabetes: a 10-year follow-up of the Kumamoto Study Diabetes Res Clin Pract 2000; 48: Jonsson B, Hansson L, Stalhammar NO Health Economics in the Hypertension Optimal Treatmnet (HOT) Study: Costs and Cost-Effectiveness of Intensive Blood Pressure Lowering and Low-Dose Aspirin in Patients with Hypertension J Intern Med 2003; 253: AIM X X Cochrane X

20 Reviews AIM Cochrane Zanchetti A Antihypertensive Therapy: How to Evaluate the Benefits Am J Cardiol 1997; 79: 3-8 Deedwania PC, Amsterdam EA, Vagelos RH Evidence-Based, Cost-Effective Risk Stratification and Management After Myocardial Infarction. California Cardiology Working Group on Post-MI Management Arch Intern Med 1997; 157: 273 Jacobson TA, Schein JR, Williamson A, Ballantyne CM Maximizing the Cost-Effectiveness of Lipid-Lowering Therapy Arch Intern Med 1998; 158: Brown AI, Garber AM A Concise Review of the Cost-Effectiveness of Coronary Heart Disease Prevention Med Clin North Am 2000; 84: McAlister FA, Lawson FM, Teo KK, Armstrong PW Randomised Trials of Secondary Prevention Programmes in Coronary Heart Disease: Systematic Review BMJ 2001;323: X X X X X

21 Center for Disease Control Division of Diabetes Translation Diabetes Cost-Effectivenes Group The CDC Diabetes Cost-Effectiveness Group Cost-Effectiveness of Intensive Glycemic Control, Intensified Hypertension Control, and Serum Cholesterol Level Reduction for Type 2 Diabetes JAMA 2002; 287: Norris SL, et al. The Effectiveness of Disease and Case Management for People with Diabetes. A systematic Review Am J Prev Med 2002; 22: The TRIAD Study Group The Translating Research Into Action for Diabetes (TRIAD) Study Diabetes Care 2002; 25:

22 Modelli Elliott WJ, et al. Cost-Effectiveness of the Lower Treatment Goal (of JNC VI) for Diabetic Hypertensive Patients Arch Intern Med 2000; 160: Lowensteyn I, et al. The Cost-Effectiveness of Exercise Training for the Primary and Secondary Prevention of Cardiovascular Disease J Cardiopulmonary Rehab 2000; 20: Grover SA, et al. How Cost-Effective is the Treatment of Dyslipidemia in Patients with Diabetes but without Cardiovascular Disease? Diabetes Care 2001; 24: Brandle M, et al. Cost-Effectiveness of Statin Therapy for the Primary Prevention of Major Coronary Events in Individuals with Type 2 Diabetes Diabetes Care 2003; 26: AIM X Cochrane X X X X

23 I Risultati

24 Cost-Effectiveness della Prevenzione CV Interventi Educativi per Ridurre il Colesterolo Gli studi (7) non permettono di trarre conclusioni per la scarsa qualità delle analisi

25 Cost-Effectiveness della Prevenzione CV Sospensione del Fumo In Prevenzione Secondaria smettere di fumare è più Cost-Effective del trattamento dell ipercolesterolemia La riduzione del fumo è più Cost-Effective negli adulti che nei giovani

26 Cost-Effectiveness della Prevenzione CV Esercizio fisico L esercizio fisico (aerobico, con frequenza cardiaca compresa fra 65 e 85% del valore massimo individuale, 3 volte la settimana per 30 minuti, per un anno) è Cost-Effective. Riduce il colesterolo LDL del 4% Aumenta il colesterolo HDL del 5% Riduce la pressione sistolica e la pressione diastolica di 6 mmhg Il beneficio (compliance 100%) nei maschi anni senza CVD è di 0.75 YOLS Il beneficio (compliance 100%) nei maschi anni con CVD è di 1.18 YOLS I benefici scompaiono dopo i 75 anni

27 Cost-Effectiveness della Prevenzione CV Trattamento dell Ipercolesterolemia In Prevenzione Secondaria le statine: Sono Cost-Effective rispetto al no treatment Sono più Cost-Effective nei pazienti con maggior numero di FDR CV Sono Cost-Effective anche nei pazienti anziani Sono più Cost-Effective nei soggetti diabetici In Prevenzione Primaria La Cost-Effectiveness delle statine dipende dal Rischio Assoluto La Cost-Effectiveness delle statine nei soggetti diabetici è analoga a quella nei soggetti non diabetici Nei soggetti diabetici il trattamento con statine è Cost-Effective anche per livelli di colesterolo LDL compresi fra 100 e 129 mg/dl

28 Cost-Effectiveness della Prevenzione CV Trattamento dell Ipertensione Il trattamento dell ipertensione è tanto più Cost-Effective quanto più alto è il Rischio Assoluto (età avanzata, presenza di altri FDR, Prevenzione Secondaria) Nei soggetti diabetici lo stretto controllo della PAO è Cost-Effective (UKPDS 41) Nei diabetici il trattamento intensivo per raggiungere un target più basso è Cost- Effective (HOT, Elliott)

29 Cost-Effectiveness di Alcuni Trattamenti PLYG (lordo) PLYG (netto) Simvastatina 27 mg/die Diuretico tiazidico (adulti) (risparmio) Diuretico tiazidico (anziani) (risparmio) Terapia antipertensiva combinata (adulti) Aspirina 300 mg/die (risparmio) Aspirina 300 mg/die + Dipiridamolo 400 mg/die Atenololo 50 mg/die Modificato da: Cholesterol and coronary heart disease: screening and treatment. University of York: NHS Centre for Reviews and Dissemination. Effective Health Care 1998, Volume 4, 1

30 Center for Disease Control Trattamento intensivo dell ipertensione (rispetto al trattamento non intensivo) Riduzione del colesterolo (rispetto al non trattamento) Trattamento intensivo dell iperglicemia (rispetto al trattamento non intensivo) Costi Outcome sanitari The CDC Diabetes Cost-Effectiveness Group. Cost-Effectiveness of Intensive Glycemic Control, Intensified Hypertension Control, and Serum Cholesterol Level Reduction for Type 2 Diabetes. JAMA 2002; 287:

31 NNT a 5 anni 0.1% 0.5% 1.5% 3.0% 4.0% 6.0% Prevenzione Primaria Sospensione del fumo Aspirina Terapia antipertensiva < 60 anni anni Statine Prevenzione Secondaria Sospensione del fumo Aspirina B-bloccanti Statine Omega Modificato da: Cholesterol and coronary heart disease: screening and treatment. University of York: NHS Centre for Reviews and Dissemination. Effective Health Care 1998, Volume 4, 1

32 Grazie per l attenzione

Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo

Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo Dipartimento di Medicina Interna e Specialistica (DI.BI.MI.S.) Università degli Studi di Palermo Popolazione Italiana 1950-2020: Giovani ed Anziani

Dettagli

Diabete Mellito di tipo 2 e Sindrome Metabolica

Diabete Mellito di tipo 2 e Sindrome Metabolica Cuneo 8-9 ottobre 2004 La Sindrome Metabolica: una sfida per l area endocrino-metabolica Diabete Mellito di tipo 2 e Sindrome Metabolica Luca Monge SOC MM e Diabetologia AO CTO-CRF-ICORMA Torino 1. Contratto

Dettagli

STATINE E RISCHIO DI DIABETE

STATINE E RISCHIO DI DIABETE STATINE E RISCHIO DI DIABETE Gli inibitori della 3-idrossi-3-metilglutaril coenzima A (HMG-CoA) reduttasi, noti come statine, hanno rivoluzionato il trattamento della ipercolesterolemia e la prevenzione

Dettagli

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009 Terapie nel DM2 non Ipoglicemizzanti Reggio Emilia 2009 Ipertensione: obiettivi Il trattamento anti-ipertensivo nei pazienti con diabete ha come obiettivo il raggiungimento di valori di pressione sistolica

Dettagli

PRAVASTATINA: APPROVATA L INDICAZIONE ALL USO NELLA PREVENZIONE PRIMARIA SENZA MODIFICAZIONE DEL REGIME DI RIMBORSABILITÀ

PRAVASTATINA: APPROVATA L INDICAZIONE ALL USO NELLA PREVENZIONE PRIMARIA SENZA MODIFICAZIONE DEL REGIME DI RIMBORSABILITÀ PRAVASTATINA: APPROVATA L INDICAZIONE ALL USO NELLA PREVENZIONE PRIMARIA SENZA MODIFICAZIONE DEL REGIME DI RIMBORSABILITÀ La CUF ha approvato per la pravastatina (Aplactin, Prasterol, Pravaselect, Sanaprav,

Dettagli

Gestione appropriata del Target LDL nel paziente ad alto rischio cardiovascolare. Simone Mininni

Gestione appropriata del Target LDL nel paziente ad alto rischio cardiovascolare. Simone Mininni Gestione appropriata del Target LDL nel paziente ad alto rischio cardiovascolare. Simone Mininni Log-Linear Relationship Between LDL-C Levels and Relative Risk for CHD 3.7 2.9 Relative Risk for Coronary

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

dopo 10 anni di terapia

dopo 10 anni di terapia 16-2013_16-2013 18/02/13 11.47 Pagina 143 Che Cosa succede dopo 10 anni di terapia Con statine? i dati dell heart protection study F. Bovenzi, L. Borelli, L. Cortigiani, R. Lorenzoni, M. Lazzari, A. Boni,

Dettagli

PROFADIA ASL di MILANO

PROFADIA ASL di MILANO PROFADIA ASL di MILANO Background La patologia diabetica mostra una chiara tendenza, in tutti i paesi industrializzati, ad un aumento sia dell incidenza sia della prevalenza. L accresciuta prevalenza nel

Dettagli

Studio SVATCH: L'autocontrollo della pressione arteriosa migliora la terapia antipertensiva?

Studio SVATCH: L'autocontrollo della pressione arteriosa migliora la terapia antipertensiva? Prof. Dr. med. Claudio Marone eoc Ospedale San Giovanni, Schweiz Studio SVATCH: L'autocontrollo della pressione arteriosa migliora la terapia antipertensiva? Keywords: ipertensione, automisurazione della

Dettagli

La sindrome metabolica: gestione infermieristica post acuzie. Dr Paola Massucco SCDU Medicina Interna 3 ad Indirizzo Metabolico

La sindrome metabolica: gestione infermieristica post acuzie. Dr Paola Massucco SCDU Medicina Interna 3 ad Indirizzo Metabolico La sindrome metabolica: gestione infermieristica post acuzie Dr Paola Massucco SCDU Medicina Interna 3 ad Indirizzo Metabolico Caso clinico Sig.ra G.A di 66 anni : entra per dolore stenocardico protratto

Dettagli

Molte informazioni Insufficienza renale e diabete Maurizio Gallieni

Molte informazioni Insufficienza renale e diabete Maurizio Gallieni Insufficienza renale e diabete Molte informazioni Maurizio Gallieni U.O. Nefrologia e Dialisi A.O. Ospedale San Carlo Borromeo, Milano Medscape 21/9/2012 ASN September 2012 examine the relationship of

Dettagli

COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008

COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008 COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008 2 Too much information, too little time THE COCHRANE LIBRARY - Pubblicazione elettronica aggiornata ogni

Dettagli

Revisioni Sistematiche e Linee Guida: DOVE REPERIRLE?

Revisioni Sistematiche e Linee Guida: DOVE REPERIRLE? Revisioni Sistematiche e Linee Guida: DOVE REPERIRLE? Rita Iori Arcispedale Santa Maria Nuova Biblioteca Medica Reggio Emilia Chiara Bassi Ce.V.E.A.S Centro per la Valutazione della Efficacia dell Assistenza

Dettagli

Paziente diabetico tipo 2 ad elevato rischio cardiovascolare: a che target di colesterolo LDL è importante arrivare?

Paziente diabetico tipo 2 ad elevato rischio cardiovascolare: a che target di colesterolo LDL è importante arrivare? C A S O C L I N I C O a cura di Francesco Dotta 1, Anna Solini 2 1 U.O.C. Diabetologia, Azienda Ospedaliera Universitaria Senese, Università degli Studi di Siena; 2 Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale,

Dettagli

STATINE IN PREVENZIONE PRIMARIA

STATINE IN PREVENZIONE PRIMARIA STATINE IN PREVENZIONE PRIMARIA A chi sono utili? La colesterolemia è uno dei principali fattori di rischio della Malattia CardioVascolare ma è da considerare in un quadro d insieme in cui ne rientrano

Dettagli

Appropriatezza Prescrittiva Statine. revisione delle linee guida

Appropriatezza Prescrittiva Statine. revisione delle linee guida Appropriatezza Prescrittiva Statine revisione delle linee guida perchè altre linee guida sulle statine per coniugare nella nostra realtà appropriatezza clinica sostenibilità economica perchè le statine

Dettagli

8 Progetto ABC. Achieved Best Cholesterol

8 Progetto ABC. Achieved Best Cholesterol Introduzione La dislipidemia è ampiamente noto essere uno dei più importanti fattori di rischio cardiovascolari. Molto si è scritto in letteratura negli ultimi anni a proposito della riduzione di questo

Dettagli

Linee di indirizzo relative all uso degli. inibitori della HMG Coa reduttasi (statine) per la prevenzione secondaria e primaria

Linee di indirizzo relative all uso degli. inibitori della HMG Coa reduttasi (statine) per la prevenzione secondaria e primaria Linee di indirizzo relative all uso degli inibitori della HMG Coa reduttasi (statine) per la prevenzione secondaria e primaria delle malattie cardiovascolari nella Regione Lazio 1 INDICE ANALITICO PREMESSA...

Dettagli

10. Prevenzione terziaria e terapia dell iperlipidemia nel diabete

10. Prevenzione terziaria e terapia dell iperlipidemia nel diabete 149 10. Prevenzione terziaria e terapia dell iperlipidemia nel diabete La WHO ha definito la qualità della cura e della vita dei diabetici a rischio. La Dichiarazione di St. Vincent del 1989 e quella KOS

Dettagli

La telemedicina a supporto del paziente: nuove prospettive di assistenza sanitaria

La telemedicina a supporto del paziente: nuove prospettive di assistenza sanitaria La telemedicina a supporto del paziente: nuove prospettive di assistenza sanitaria Antonio Nicolucci Dipartimento di Farmacologia Clinica e Epidemiologia Consorzio Mario Negri Sud Santa Maria Imbaro (CH)

Dettagli

IL DATA MANAGEMENT NELLA PRATICA CLINICA. Dott.ssa Silvia Acquati U.O. di Endocrinologia e Malattie Metaboliche Direttore Dott. M.

IL DATA MANAGEMENT NELLA PRATICA CLINICA. Dott.ssa Silvia Acquati U.O. di Endocrinologia e Malattie Metaboliche Direttore Dott. M. IL DATA MANAGEMENT NELLA PRATICA CLINICA Dott.ssa Silvia Acquati U.O. di Endocrinologia e Malattie Metaboliche Direttore Dott. M. Nizzoli RUOLO DEL COMPENSO GLICEMICO The Diabetes control and complications

Dettagli

RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010

RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010 Appropriatezza prescrittiva nella terapia dell ipercolesterolemia RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010 PREMESSE L'ipercolesterolemia è uno dei maggiori fattori di rischio cardiovascolare e la sua riduzione

Dettagli

TECNOLOGIE SANITARIE

TECNOLOGIE SANITARIE Corso di aggiornamento in cardiologia nucleare ULSS n.6 Vicenza, 18 settembre 2004 Technology assessment: aspetti metodologici Paolo Spolaore Regione Veneto Definizioni TECNOLOGIE SANITARIE Dispositivi

Dettagli

sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne

sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne The Women s Health Study Razionale per l uso di bassi dosaggi di aspirina nella prevenzione primaria Nella prevenzione secondaria delle

Dettagli

PROGETTO LEONARDO Aggiornamento

PROGETTO LEONARDO Aggiornamento PROGETTO LEONARDO Aggiornamento Gennaio 2007 2 Risultati conseguiti Esiti iniziali e andamenti Riscontri Questionario rilevazione soddisfazione paziente 3 Modello attuativo Personale attualmente 30 Care

Dettagli

Sperimentazione clinica in Medicina Generale: l esempio dello studio LesScore

Sperimentazione clinica in Medicina Generale: l esempio dello studio LesScore Ricerca Rubrica Sperimentazione clinica in Medicina Generale: l esempio dello studio LesScore Damiano Parretti, Alessandro Rossi, Alessandro Filippi, Elena Peruzzi * Società Italiana di Medicina Generale;

Dettagli

OSPEDALIZZAZIONE PER COMPLICANZE A BREVE E LUNGO TERMINE IN PAZIENTI DIABETICI

OSPEDALIZZAZIONE PER COMPLICANZE A BREVE E LUNGO TERMINE IN PAZIENTI DIABETICI OSPEDALIZZAZIONE PER COMPLICANZE A BREVE E LUNGO TERMINE IN PAZIENTI DIABETICI Razionale Il diabete mellito è uno dei maggiori problemi sanitari dei paesi economicamente evoluti e la cui prevalenza è in

Dettagli

IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE GLOBALE: IL CRUSCOTTO DEL CUORE

IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE GLOBALE: IL CRUSCOTTO DEL CUORE Lega Friulana per il Cuore IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE GLOBALE: IL CRUSCOTTO DEL CUORE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Avvio progetto sindrome metabolica. Adesione

Avvio progetto sindrome metabolica. Adesione Avvio progetto sindrome metabolica Adesione 1. i medici associati in super rete, super gruppo e CPT sono obbligati ad aderire e NON devono comunicare l'adesione al distretto di competenza; 2. I medici

Dettagli

RISCHIO CARDIOVASCOLARE E GOALS

RISCHIO CARDIOVASCOLARE E GOALS RISCHIO CARDIOVASCOLARE E GOALS TERAPEUTICI NEL TRATTAMENTO FARMACOLOGICO DELLE DISLIPIDEMIE GERARDO MEDEA Responsabile Area Metabolica SIMG, Brescia COLESTEROLO LDL E RISCHIO CARDIOVASCOLARE: UN CONNUBIO

Dettagli

Strategie per il raggiungimento del goal terapeutico nelle displipidemie

Strategie per il raggiungimento del goal terapeutico nelle displipidemie Strategie per il raggiungimento del goal terapeutico nelle displipidemie Claudio Borghi Cattedra di Medicina Interna Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Università degli Studi di Bologna Sequence

Dettagli

Dr. Sergio Torre. 10ª EDIZIONE Giornate Diabetologiche Salernitane

Dr. Sergio Torre. 10ª EDIZIONE Giornate Diabetologiche Salernitane Rischio Cardiovascolare: Novità nella terapia antiipertensiva ed antidislipidemica Dr. Sergio Torre A. O.U. San Giovanni di Dio e Ruggid Aragona -Salerno Ospedale Amico G. Fucito Mercato San Severino Unità

Dettagli

TABAGISMO E PREVENZIONE

TABAGISMO E PREVENZIONE TABAGISMO E PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE IN ITALIA Carlo La Vecchia Prevalenza di fumo in Italia, 1955-2010 2 Prevalenza di fumo in Italia, 2010 3 Prevalenza di fumo in Italia, 1955-2010 Nel 2010 diceva

Dettagli

Le modalità prescrittive nelle diverse situazioni cliniche

Le modalità prescrittive nelle diverse situazioni cliniche L INFORMAZIONE INDIPENDENTE SUL FARMACO: OBIETTIVO STATINE Le modalità prescrittive nelle diverse situazioni cliniche Sassari 26 Gennaio 2008 Dott.ssa Chiara Musio NOTA 13 AIFA La prescrizione a carico

Dettagli

Sono tutti uguali i farmaci ipolipemizzanti?

Sono tutti uguali i farmaci ipolipemizzanti? Sono tutti uguali i farmaci ipolipemizzanti? La nuova nota 13 ammette la rimborsabilità di tutti i farmaci ipolipemizzanti, ma il commento evidenzia i diversi risultati ottenuti con alcuni principi attivi

Dettagli

IL FITNESS METABOLICO

IL FITNESS METABOLICO Esercizio fisico e fattori di rischio cardiovascolari : dalla teoria alla pratica IL FITNESS METABOLICO Dott.ssa C. Baggiore L'esercizio fisico è parte integrante del piano di trattamento del Diabete Mellito.

Dettagli

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Controversie sullo screening mammografico: pro e contro Edda Simoncini Breast Unit A.O.Spedali Civili Brescia Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera

Dettagli

Controllo della Dislipidemia

Controllo della Dislipidemia Padova, 7 Marzo 2014 - Ex Ospedale Militare Terapia Farmacologica del Paziente Diabetico Dopo Chirurgia Controllo della Dislipidemia ALBERTO ZAMBON DIPARTIMENTO DI MEDICINA UNIVERSITA DI PADOVA Terapia

Dettagli

Revisioni sistematiche Metanalisi Linee guida Health Technology Assessment report

Revisioni sistematiche Metanalisi Linee guida Health Technology Assessment report LE PUBBLICAZIONI SECONDARIE Sono così definite perché i ricercatori prendono i dati da studi già pubblicati (o anche non pubblicati), ne riassumono ed analizzano i risultati combinati, traggono conclusioni

Dettagli

I trials con statine: che cosa abbiamo imparato?

I trials con statine: che cosa abbiamo imparato? 3 I trials con statine: che cosa abbiamo imparato? TERJE R. PEDERSEN Chief, Preventive Medicine Clinic, Ulleval University Hospital, Norvegia Le malattie cardiovascolari quali infarto, scompenso di circolo,

Dettagli

Il Diabete nel Veneto. Epidemiologia, morbidità e mortalità

Il Diabete nel Veneto. Epidemiologia, morbidità e mortalità Congresso Regionale Congiunto SID - AMD Padova 25 novembre 2006 Il Diabete nel Veneto. Epidemiologia, morbidità e mortalità Paolo Spolaore Scenario Contesto demografico crescente invecchiamento della popolazione

Dettagli

Reversibilità delle complicanze nel diabete tipo 2

Reversibilità delle complicanze nel diabete tipo 2 3 WORKSHOP CONGIUNTO SICOb SID SIO L integrazione tra terapia medica e chirurgica nel trattamento del paziente obeso diabetico 7 marzo 2014 Reversibilità delle complicanze nel diabete tipo 2 Roberto Fabris

Dettagli

L automisurazione della pressione e aderenza al trattamento

L automisurazione della pressione e aderenza al trattamento Firenze, 2-3 Dicembre 2011 Aula Magna del Seminario Arcivescovile Maggiore L automisurazione della pressione e aderenza al trattamento Mauro Vannucci Elena Tamburini Il 62% delle visite dal medico danno

Dettagli

E facilmente intuibile come, da quel che si è esposto, questo sottogruppo di obesi, trattati con metformina, abbia conseguito i migliori risultati.

E facilmente intuibile come, da quel che si è esposto, questo sottogruppo di obesi, trattati con metformina, abbia conseguito i migliori risultati. Dia 1 E necessario sottolineare la profonda differenza nella patogenesi delle complicanze microvascolari, quali la retinopatia, la nefropatia e la neuropatia, e quelle macrovascolari, quali la cardiopatia

Dettagli

Utilizzo reale delle statine nel controllo del rischio cardiovascolare: analisi dei database amministrativi e della Medicina Generale O.

Utilizzo reale delle statine nel controllo del rischio cardiovascolare: analisi dei database amministrativi e della Medicina Generale O. Utilizzo reale delle statine nel controllo del rischio cardiovascolare: analisi dei database amministrativi e della Medicina Generale O. Brignoli Rapporto OsMed 2006 1. PREVENZIONE PRIMARIA E SECONDARIA

Dettagli

Premessa. Tratto da American Heart Journal 2004; 147: 705-712

Premessa. Tratto da American Heart Journal 2004; 147: 705-712 Effetti del cambiamento di terapia con statine sul raggiungimento delle concentrazioni lipidiche ottimali: lo studio Measuring Effective Reductions in Cholesterol Using Rosuvastatin Therapy (MERCURY I)

Dettagli

Banche dati secondarie per Medicina

Banche dati secondarie per Medicina Banche dati secondarie per Medicina di Laura Colombo Ultimo aggiornamento: agosto 2012 Sommario Cochrane library Linee guida (metamotori e siti web) Cochrane Library Profilo Banca dati bibliografica (a

Dettagli

Jama, 2001, 285(19):2486-2496

Jama, 2001, 285(19):2486-2496 Sommariio esecutiivo delllle lliinee-guiida ATP-III per lla prevenziione delllle mallattiie coronariiche Jama, 2001, 285(19):2486-2496 FASE 1. DETERMINARE IL PROFILO LIPIDICO-LIPOPROTEICO NEL SOGGETTO

Dettagli

L attività motoria per prevenire e controllare il diabete mellito PIERO MELANDRI

L attività motoria per prevenire e controllare il diabete mellito PIERO MELANDRI L attività motoria per prevenire e controllare il diabete mellito PIERO MELANDRI CONOSCENZE STORICHE Non si può mantenersi in salute basandosi soltanto sul tipo di alimentazione, ma a questo bisogna affiancare

Dettagli

DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza. Vicenza 20 Maggio 2014

DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza. Vicenza 20 Maggio 2014 DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza Vicenza 20 Maggio 2014 Percorso Diagnostico Terapeutico tra MMG delle MGI dell ULSS 6 Vicenza e la Diabetologia Gli Obiettivi HbA1c < 53 mmol/mol

Dettagli

INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE DEI DIABETICI SANVITESI

INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE DEI DIABETICI SANVITESI INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE L DEI DIABETICI SANVITESI Dott. Nazzareno Trojan diabetologo ed endocrinologo Ospedale Santa Maria dei Battuti San Vito al Tagliamento DIABETE MELLITO TRANSIZIONE EPIDEMIOLOGICA

Dettagli

WORKSHOP. competenze, risorse e strumenti HPH. Traiettoria Rete HPH Emilia-Romagna

WORKSHOP. competenze, risorse e strumenti HPH. Traiettoria Rete HPH Emilia-Romagna WORKSHOP Modelli e strumenti per lo sviluppo del progetto HPH elaborati nel Laboratorio interreti HPH Traiettoria Rete HPH Emilia-Romagna Ricerca in promozione della salute: competenze, risorse e strumenti

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Giuseppe Berton Data di nascita 11/03/1957. Numero telefonico dell ufficio +390438663613

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Giuseppe Berton Data di nascita 11/03/1957. Numero telefonico dell ufficio +390438663613 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Giuseppe Berton Data di nascita 11/03/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia ASL DI PIEVE DI SOLIGO Responsabile - Cardiologia

Dettagli

STORIA NOTA 13 14/11/2012 26/03/2013 04/01/2007 19/06/2014 23/02/2007 06/06/2012 O DETERMINA 29/10/2004

STORIA NOTA 13 14/11/2012 26/03/2013 04/01/2007 19/06/2014 23/02/2007 06/06/2012 O DETERMINA 29/10/2004 STORIA NOTA 13 O DETERMINA 29/10/2004 O DETERMINA 04/01/2007 O DETERMINA 23/02/2007 O DETERMINA 06/06/2012 O DETERMINA 14/11/2012 O DETERMINA 26/03/2013 O DETERMINA 19/06/2014 il target per la terapia

Dettagli

ANTIOXIDANT ACTIVITY OF OLIVE OIL

ANTIOXIDANT ACTIVITY OF OLIVE OIL ANTIOXIDANT ACTIVITY OF OLIVE OIL Visioli et al. Low density lipoprotein oxidation is inhibited by olive oil constituents. Atherosclerosis 1995; 117: 25-32 Visioli et al. Free radical-scavenging properties

Dettagli

Documento di indirizzo sull applicazione pratica della terapia con statine

Documento di indirizzo sull applicazione pratica della terapia con statine Documento di indirizzo sull applicazione pratica della terapia con statine La nuova nota 13 [1] individua le seguenti categorie di pazienti con diritto alla prescrizione di farmaci ipolipidemizzanti in

Dettagli

Dove e come leggere informazioni cliniche?

Dove e come leggere informazioni cliniche? Dove e come leggere informazioni cliniche? Oltre dieci al giorno: più di trecento al mese. Il ritmo di pubblicazione delle sperimentazioni controllate randomizzate sembra non risentire delle scelte delle

Dettagli

La dieta in terapia conservativa. La dieta in terapia conservativa: rassegna dell evidenza. La dieta ipoproteica nell era dell EBM

La dieta in terapia conservativa. La dieta in terapia conservativa: rassegna dell evidenza. La dieta ipoproteica nell era dell EBM La dieta in terapia conservativa La dieta in terapia conservativa: rassegna dell evidenza Giorgio Bedogni Unità Fegato e Nutrizione, Centro Studi Fegato, Basovizza Rallentare la progressione dell insufficienza

Dettagli

PROGETTO DI CLINICAL GOVERNANCE DEL DIABETE MELLITO DI TIPO 2 IN FRIULI VENEZIA GIULIA

PROGETTO DI CLINICAL GOVERNANCE DEL DIABETE MELLITO DI TIPO 2 IN FRIULI VENEZIA GIULIA PROGETTO DI CLINICAL GOVERNANCE DEL DIABETE MELLITO DI TIPO 2 IN FRIULI VENEZIA GIULIA PRIMO REPORT ELABORAZIONE DATI NOVEMBRE 2007 dati aggregati DESCRIZIONE DELLA POPOLAZIONE RAPPRESENTATA, PER SESSO

Dettagli

Periodico di informazione e aggiornamento scientifico sui percorsi diagnostico-terapeutici per pazienti vascolari

Periodico di informazione e aggiornamento scientifico sui percorsi diagnostico-terapeutici per pazienti vascolari Periodico di informazione e aggiornamento scientifico sui percorsi diagnostico-terapeutici per pazienti vascolari Direttore Editoriale: Cristiano Virno - Direttore Responsabile: Antonio Guastella - Anno

Dettagli

Una scossa al cuore!

Una scossa al cuore! Una scossa al cuore! Aritmie ad alto rischio: il punto di vista del cardiologo intensivista. Cosa è cambiato in Utic. Dott. Antonio Anastasia Aiuto cardiologo Utic Casa di cura Villa Verde Utic Unità

Dettagli

I farmaci dell apparato cardiovascolare

I farmaci dell apparato cardiovascolare I farmaci dell apparato cardiovascolare Anna Maria Marata Claudio Voci Agenzia Sociale e Sanitaria Regione Emilia Romagna Roma, 04 luglio 2013 Alcuni dei possibili determinanti del cambiamento nella prescrizione

Dettagli

Promuovere il cambiamento in ambito clinico: le strategie evidence based. based

Promuovere il cambiamento in ambito clinico: le strategie evidence based. based Promuovere il cambiamento in ambito clinico: le strategie evidence based Lucio Patoia Medicina Interna e Scienze Oncologiche E Ce.R.P.E.A (Centro regionale per la Promozione dell Efficacia e dell Appropriatezza

Dettagli

La gestione integrata della malattia diabetica centrata sulla persona

La gestione integrata della malattia diabetica centrata sulla persona La gestione integrata della malattia diabetica centrata sulla persona L assistenza integrata alla persona con diabete tra Ospedale e Territorio: il punto di vista del diabetologo Valeria Manicardi UIMD

Dettagli

Percorsi di ricerca di prove di efficacia nella letteratura scientifica e grigia

Percorsi di ricerca di prove di efficacia nella letteratura scientifica e grigia Progetto Gli infortuni (mortali) sul lavoro: Efficacia degli interventi Seminario dell Altana Calenzano 5-6 Marzo 2007 Percorsi di ricerca di prove di efficacia nella letteratura scientifica e grigia Progetto

Dettagli

Tecniche di valutazione economica in sanità. Dr.ssa Cecilia Quercioli

Tecniche di valutazione economica in sanità. Dr.ssa Cecilia Quercioli Tecniche di valutazione economica in sanità Dr.ssa Cecilia Quercioli Perché sono necessarie valutazioni economiche in sanità? Razionale: scarsità delle risorse a disposizione È necessario fare delle scelte

Dettagli

UTILIZZARE GLI INDICATORI DI PERFORMANCE

UTILIZZARE GLI INDICATORI DI PERFORMANCE UTILIZZARE GLI INDICATORI DI PERFORMANCE PER IL MIGLIORAMENTO CONTINUO DELLA QUALITÀ: IL PICENUM STUDY (Performance Indicators Continuous Evaluation as Necessity for Upgrade in Medicine) PAOLO MISERICORDIA,

Dettagli

STILI DI VITA SANI PER COMBATTERE I FATTORI DI RISCHIO E PREVENIRE LE PATOLOGIE CRONICHE

STILI DI VITA SANI PER COMBATTERE I FATTORI DI RISCHIO E PREVENIRE LE PATOLOGIE CRONICHE INFORMATI E COMPETENTI: PERCORSI PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE Roma, 6 maggio 2010 STILI DI VITA SANI PER COMBATTERE I FATTORI DI RISCHIO E PREVENIRE LE PATOLOGIE CRONICHE Pasquale Strazzullo Dipartimento

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

Algoritmo AIFA AMD SID per la terapia del diabete

Algoritmo AIFA AMD SID per la terapia del diabete Algoritmo AIFA AMD SID per la terapia del diabete Target di glicata e rischi di sovratrattamento A. Donzelli, Direttore Servizio Educazione all Appropriatezza ed EBM ASL Milano A. Battaggia, MMG Verona

Dettagli

SPESA SANITARIA, COSTI-EFFICACIA e SCELTE TRAGICHE

SPESA SANITARIA, COSTI-EFFICACIA e SCELTE TRAGICHE SPESA SANITARIA, COSTI-EFFICACIA e SCELTE TRAGICHE Giuseppe Clerico, Università del Piemonte orientale, Facoltà di Giurisprudenza, Dipartimento di Scienze giuridiche ed economiche Negli ultimi cinquantanni

Dettagli

Le curve di sopravvivenza, 1849-1980, rivelano che la nostra aspettativa di vita si è grandemente accresciuta ma la lunghezza della nostra vita (life

Le curve di sopravvivenza, 1849-1980, rivelano che la nostra aspettativa di vita si è grandemente accresciuta ma la lunghezza della nostra vita (life Il Diabete Mellito, conoscerlo per prevenire e curare la malattia e le possibili complicanze Giorgio Grassi Endocrinologia, Diabetologia e Metabolismo Citta della Scienza e della Salute Torino Le curve

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Emoglobina glicata: stato dell arte

Emoglobina glicata: stato dell arte Emoglobina glicata: stato dell arte Linee guida e ruolo dell HbA1c nella diagnosi di diabete Salvatore Caputo Istituto di Medicina Interna e Geriatria Servizio di Diabetologia Università Cattolica del

Dettagli

La valutazione economica dei farmaci biologici in reuma, gastro e derma

La valutazione economica dei farmaci biologici in reuma, gastro e derma La valutazione economica dei farmaci biologici in reuma, gastro e derma Sergio Iannazzo ISBEM - Istituto Scientifico Biomedico Euro Mediterraneo SIHS Health Economics Consulting SCELTA COLLETTIVITA SCELTA

Dettagli

Criteri di riconoscimento della sindrome metabolica

Criteri di riconoscimento della sindrome metabolica Criteri di riconoscimento della sindrome metabolica Measuring waist circumference: a practical guide from the NIDDK/NIH Place a tape measure around the bare abdomen, just above the hip bone Be sure

Dettagli

Dall appropriatezza d uso dei farmaci alla programmazione sanitaria

Dall appropriatezza d uso dei farmaci alla programmazione sanitaria Dall appropriatezza d uso dei farmaci alla programmazione sanitaria Pierluigi Russo 26 Gennaio 2015 Dichiarazione di trasparenza/interessi* Le opinioni espresse in questa presentazione sono personali e

Dettagli

FARMACI INNOVATIVI, BIOTECNOLOGICI E TERAPIE STAMINALI: FARMACOLOGIA, FARMACOTERAPIA E NORMATIVE

FARMACI INNOVATIVI, BIOTECNOLOGICI E TERAPIE STAMINALI: FARMACOLOGIA, FARMACOTERAPIA E NORMATIVE FARMACI INNOVATIVI, BIOTECNOLOGICI E TERAPIE STAMINALI: FARMACOLOGIA, FARMACOTERAPIA E NORMATIVE Roma, 14 aprile 2015 Appropriatezza ed innovazione: le sfide della ricerca Teresa Calamia ELENCO FARMACI

Dettagli

GESTIONE DELLA GLICEMIA GUIDA PER ADULTI CON DIABETE DI TIPO 2

GESTIONE DELLA GLICEMIA GUIDA PER ADULTI CON DIABETE DI TIPO 2 GUIDE AI PAZIENTI GESTIONE DELLA GLICEMIA GUIDA PER ADULTI CON DIABETE DI TIPO 2 RIGUARDO QUESTA INFORMATIVA Questa informativa: è dedicata ai soggetti adulti con diabete di tipo 2, ai loro parenti e a

Dettagli

LA NEFROPATIA DIABETICA

LA NEFROPATIA DIABETICA Università degli Studi di Catania LA NEFROPATIA DIABETICA Docente di Nefrologia corso di laurea e Sc. Spec nefrologia Definizione: Per Diabete mellito si intende un gruppo di patologie metaboliche caratterizzate

Dettagli

LA NUTRIZIONE CLINICA NEL DIABETE MELLITO. Enrica Manicardi

LA NUTRIZIONE CLINICA NEL DIABETE MELLITO. Enrica Manicardi LA NUTRIZIONE CLINICA NEL DIABETE MELLITO Enrica Manicardi S.S. Diabetologia e Disturbi del Comportamento Alimentare Azienda Ospedaliera Santa Maria Nuova - Reggio Emilia Una corretta alimentazione è una

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA VETERINARIA E DEGLI ALIMENTI UFFICIO XII L' approccio alla malattia diabetica si basa su tre

Dettagli

Web 2.0 per guadagnare salute

Web 2.0 per guadagnare salute Web 2.0 per guadagnare salute Eugenio Santoro Laboratorio di Informatica Medica Dipartimento di Epidemiologia Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri Il web 2.0 - La definizione forse più corretta

Dettagli

Statine nella cardiopatia ischemica in monoterapia: perchè?

Statine nella cardiopatia ischemica in monoterapia: perchè? Santa Margherita Ligure 2 a Giornata Cardiologica del Tigullio 12 Febbraio, 212 Statine nella cardiopatia ischemica in monoterapia: perchè? Diego Ardissino La medicina delle evidenze scientifiche Medicina

Dettagli

Terapia farmacologica e non dello scompenso cardiaco

Terapia farmacologica e non dello scompenso cardiaco Terapia farmacologica e non dello scompenso cardiaco Statine e scompenso cardiaco: un associazione imprevista Verona, 21 Gennaio 2006 Mariantonietta Cicoira, MD, PhD Divisione di Cardiologia Direttore:

Dettagli

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Daniela Poli La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Atrial fibrillation occurred in 1 2% of the general population. Over 6 million Europeans suffer from this arrhythmia, and its

Dettagli

Embase Introduzione alla banca dati. Vanna Pistotti Istituto Mario Negri, Milano

Embase Introduzione alla banca dati. Vanna Pistotti Istituto Mario Negri, Milano Embase Introduzione alla banca dati Vanna Pistotti Istituto Mario Negri, Milano Embase La piu importante banca dati farmacologica e tossicologica La combinazione di Embase più Medline con l eliminazione

Dettagli

Condizioni e fattori di rischio di DMT2

Condizioni e fattori di rischio di DMT2 Condizioni e fattori di rischio di DMT2 IFG o IGT o pregresso diabete gestazionale Età >45 anni, specie se con BMI >25 od obesità centrale Età 25) e una o più fra le seguenti

Dettagli

Criteri di interpretazione della nota AIFA n. 13

Criteri di interpretazione della nota AIFA n. 13 Criteri di interpretazione della nota AIFA n. 13 emanata in aprile 2013 A cura del Gruppo di lavoro multidisciplinare della Commissione Regionale del Farmaco Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune 2 a ed. Como, 21-22 maggio 2004

Dettagli

Dubbi, certezze e prospettive in tema di terapia anticoagulante orale

Dubbi, certezze e prospettive in tema di terapia anticoagulante orale Maggio 25 Dubbi, certezze e prospettive in tema di terapia anticoagulante orale L impiego degli anticoagulanti orali nei pazienti con cardiopatia ischemica Dott. Paolo Bellotti Savona Razionale alla base

Dettagli

Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune 2 a ed. Como, 21-22 maggio 2004. Workshop Clinici Interattivi (1)

Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune 2 a ed. Como, 21-22 maggio 2004. Workshop Clinici Interattivi (1) GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune 2 a ed. Como, 21-22 maggio 2004

Dettagli

Valutazione epidemiologica dell impatto delle Linee di indirizzo regionali sull uso dei farmaci. Marina Davoli

Valutazione epidemiologica dell impatto delle Linee di indirizzo regionali sull uso dei farmaci. Marina Davoli Valutazione epidemiologica dell impatto delle Linee di indirizzo regionali sull uso dei farmaci Marina Davoli SNLG - Antibioticoprofilassi perioperatoria nell adulto - 1 Raccomandazione I/A La profilassi

Dettagli

CONVEGNO REGIONALE Lo Scompenso Cardiaco nel Veneto

CONVEGNO REGIONALE Lo Scompenso Cardiaco nel Veneto CONVEGNO REGIONALE Lo Scompenso Cardiaco nel Veneto La Gestione Integrata del Paziente con Scompenso Cardiaco: il Medico di MG Mario Roberto Celebrano Mmg - S.I.M.G. Verona Aula Giorgio De Sandre - Ente

Dettagli

Epidemiologia del diabete tipo 2. Graziella Bruno Dipartimento di Medicina Interna Università di Torino

Epidemiologia del diabete tipo 2. Graziella Bruno Dipartimento di Medicina Interna Università di Torino Epidemiologia del diabete tipo 2 Graziella Bruno Dipartimento di Medicina Interna Università di Torino The Worldwide Epidemic: Diabetes Trends Millions with Diabetes 400 350 300 250 200 150 100 50 0 30

Dettagli

OBESITA, DIABETE E IPERTENSIONE : I MATTONI DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI. Costanza Grasso Cardiologia 2 - AO Città della Salute e della Scienza

OBESITA, DIABETE E IPERTENSIONE : I MATTONI DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI. Costanza Grasso Cardiologia 2 - AO Città della Salute e della Scienza OBESITA, DIABETE E IPERTENSIONE : I MATTONI DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI Costanza Grasso Cardiologia 2 - AO Città della Salute e della Scienza OBIETTIVI DELLA PRESENTAZIONE Malattia cardiovascolare:

Dettagli

Criteri di interpretazione della nuova nota AIFA n. 13

Criteri di interpretazione della nuova nota AIFA n. 13 Criteri di interpretazione della nuova nota AIFA n. 13 emanata nel luglio 2011 A cura del Gruppo di lavoro multidisciplinare della Commissione Regionale del Farmaco Direzione Generale alla Sanità e alle

Dettagli

Il nuovo algoritmo terapeutico del diabete mellito tipo 2 step by step per una terapia sempre più semplice ed efficace

Il nuovo algoritmo terapeutico del diabete mellito tipo 2 step by step per una terapia sempre più semplice ed efficace Decision making Il nuovo algoritmo terapeutico del diabete mellito tipo 2 step by step per una terapia sempre più semplice ed efficace Gerardo Medea Area metabolica SIMG Brescia Diabete e iperglicemia

Dettagli