Risk Management: la visione integrata dei rischi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Risk Management: la visione integrata dei rischi"

Transcript

1 Risk Management: la visione integrata dei rischi ATEX Day FIRENZE, 11 luglio 2011 Mauro A. Del Pup Blog Risk Management:

2 Risk management: una definizione I Rischi sono congeniti nell attività di qualsiasi società (NO RISKS = NO OPPORTUNITY) "Il Risk management è la tecnica di gestione dei rischi che tende a salvaguardare, attraverso l'uso di strumenti di varia natura (prevenzione, ritenzione, assicurazione, ecc...) e nelle migliori condizioni di costo, il patrimonio dell'impresa contro le perdite che possono colpirla nell'esercizio dell attività".

3

4 The risk never sleeps

5 1) I basics : Insurance buying Strategic Actions Mitigation/ Prevention Engineering ART Mapping Analysis Transfer Insurance Buying Insurable "Semi-Ins." Crisis/ Major M&A Financial Operational Strategic Risks Risks Business Projects Risks Risks Risks Continuity Se si gestiscono unicamente rischi assicurabili e si utilizza il risk tranfer come unico strumento di gestione, allora si è nel campo dell insurance manager. Fonte: Maurizio Castelli, managing director XL Insurance Italy

6 2) Prima Evoluzione: Insurance Management Strategic Actions Mitigation/ Prevention Engineering ART Mapping Analysis Insurance Management Transfer Insurance Buying Insurable "Semi-Ins." Crisis/ Major M&A Financial Operational Strategic Risks Risks Business Projects Risks Risks Risks Continuity In realtà un approccio più integrato alle tematiche assicurative porta quasi inevitabilmente ad una attività piuttosto articolata di analisi e mappatura dei rischi da trasferire. In questa ottica l Insurance Management può essere visto come una evoluzione dell Insurance buying. Fonte: Maurizio Castelli, managing director XL Insurance Italy

7 3) Seconda Evoluzione: Risk Management (tradizionale) Strategic Actions Mitigation/ Prevention Engineering Traditional Risk Management ART Mapping Analysis Insurance Management Transfer Insurance Buying Insurable "Semi-Ins." Crisis/ Major M&A Financial Operational Strategic Risks Risks Business Projects Risks Risks Risks Continuity L uso di strumenti addizionali per la gestione di quei rischi che venivano precedentemente trasferiti interamente ai mercati assicurativi, ha portato alla nascita del Risk Management. Tali strumenti includono l Alternative Risk Transfer (ART e nel quale sono comprese le Captives), il Risk Engineering, e la Risk Mitigation/Loss Prevention. Inoltre molti Risk Managers sono stati sempre più coinvolti su una gamma di rischi più ampia di quelli tradizionalmente considerati come assicurabili, tra cui i rischi politici, i rischi di credito, etc.. ( rischi semi-assicurabili ). Fonte: Maurizio Castelli, managing director XL Insurance Italy

8 4) Un nuovo profilo: L Enterprise Risk Manager ( puro ) Strategic Actions Mitigation/ Prevention "Advanced" Risk Management Engineering Traditional Risk Management ART Mapping Analysis "Pure" Enterprise Risk Management Transfer Insurable "Semi-Ins." Crisis/ Major M&A Financial Operational Strategic Risks Risks Business Projects Risks Risks Risks Continuity Principalmente a causa di nuove regole, normative e leggi, molte grandi aziende hanno sentito la necessità di avere un approccio integrato ed olistico ad una vasta gamma di rischi, inclusi i rischi finanziari, quelli operativi e quelli strategici. In questo modo è nato l Enterprise Risk Manager. Nella sua più stretta definizione, tuttavia, l ERM non è coinvolto nella gestione operativa dei rischi, ma solo in un ruolo di facilitatore del processo di analisi e mappatura dei rischi. Questo perché la gestione degli stessi viene lasciata alle funzioni operative che nella visione ERM più pura sono considerate le proprietarie dei rischi stessi. Fonte: Maurizio Castelli, managing director XL Insurance Italy

9 La visione integrata dei Rischi

10 Il risk manager e la la gestione integrata Resp. Produzione Resp. Programmazione Resp. Controllo gestione Resp. post-vendita Resp. Affari Generali Controllo del rischio Driezione Amministrativa e fiscale Rischio finanziario Gestione della safety e delle emergenze Resp. Personale Resp. Sicurezza sul lavoro Resp. Qualità Resp. Affari Generali Direzione Amministrativa Servizi Legali Direzione Comm.le Marketing Ricerca e Sviluppo risk analisys risk assesment Resp. contrattuali ed extracontrattuali Amministrazione Personale Resp. Comunicazione Resp. Marketing Resp. Edp comunication information technology RISK MANAGER rischio credito/ paese Direzione Amministrativa Credit Manager Direzione Commerciale

11 Il processo di Risk Management: a cosa assomiglia?

12 Il processo di Risk Management: così è completo.

13 Parliamo dei RISCHI

14 Quali rischi per il risk manager?

15 Un binomio da scardinare GESTIONE del RISCHIO Ricerca di una copertura assicurativa

16 Componenti del rischio Fattori percepibili del rischio Danno diretto Interruzione di produzione Interruzioni intera filiera produttiva Costi diretti delle protezioni Quantificazione del risarcimento Fattori non assicurabili Pessimo uso di tempo e risorse Perdita posti di lavoro Implicazioni ambientali Implicazioni legali Relazioni con la Comunità Percezione nel pubblico Danni reputazione e immagine Fiducia dei mercati Quote di mercato Ritardi del risarcimento Fonte: E. Spina FM Global

17 It takes 20 years to build a reputation and five minutes to ruin it. Warren Buffett

18 I rischi più critici Indagine Economist Business interruption - Perdita di mercato - Ritardo di servizio / tempo di evasione ordini Italia (Univr) - Safety and security - Interruzione nei sistemi IT - Interruzione delle attività operative - Mercato volatile / dipendenza da fornitori - Norme e regolamenti

19 Il binomio si traforma in GESTIONE AZIENDA GESTIONE del RISCHIO L assicurazione solo come una delle possibili strategie

20 La logica del What if

21 Risk Mapping Comprendere il rischio Risk Mapping Cosa può accadere? Qual é l impatto? Probabilità? Fondamenti per la Valutazione del rischio Esperienza storica Metodi analitici Esperienza Intuizione Fonte: Maurizio Castelli, managing director XL Insurance Italy

22 Analisi di rischio: voluta o indotta? Spesso l analisi dei rischi più che voluta è indotta da norme di legge. Ma un analisi dei rischi, rispettosa dei soli obblighi di legge, risponde all esigenza di protezione dei miei asset aziendali?

23 Identificazione del rischio IDENTIFICAZIONE DEL RISCHIO RISORSE PERICOLI HAZARDS DANNI MATERIALI DIRETTI DANNI MATERIALI INDIRETTI DANNI IMMATERIALI DIRETTI DANNI IMMATERIALI INDIRETTI EVENTI NATURALI EVENTI UMANI CONCORSO CIRCOSTANZE FATTO DEL PRINCIPE FISICI PSICOLOGICI

24 Classificazione dei danni TRADIZIONALE INNOVATIVA

25 Un esempio di classificazione L esplosione di un processo industriale può causare danni: A) Danni materiali a cose (ai beni). B) Danni fisici a persone. C) Danni a terzi imputabili a propria responsabilità. D) Danni da interruzione di attività. E) Danni da immagine e perdita di mercato. F) Perdita di Know-How.

26 3.2 Loss History Loss history by Industry La storia dei sinistri del periodo dei clienti di FM Global (rif. Data Sheet 7-76) dovuti all esplosione delle polveri ci dice che sono avvenuti 166 incidenti che hanno provocato danni per 284 milioni di dollari (dato 2007). L analisi dei sinistri su larga scala permette poi di capire su quali sono gli aspetti su cui concentrarsi per il miglioramento del rischio. Industry Type Total Table 3. Losses by Industry (by Number of Losses) No. Losses

27 Loss history by Cause Combustible Dust Explosion 7-76 FM Global Property Loss Prevention Data Sheets Total Cause Type Table 4. Losses by Cause (Ignition Source) No. Losses Table 5. Losses by Dust Type Dust Group No. Losses

28 Loss history by Dust Type Table 5. Losses by Dust Type Dust Group No. Losses Grand Total

29 Rischio HPR - Highly Protected Risk Frequenza RISCHIO = Frequenza x Magnitudo Profilo di rischio a medio termine 2 1 Protezione Profilo di rischio iniziale Prevenzione Profilo di rischio finale 3 Zona HPR Magnitudo

30 Percorso verso la zona HPR Visita focalizzata sugli aspetti relativi alla Prevenzione (impegno formale della direzione) ed alla Protezione (impegno economico). Identificazione del danno: - diretto (PD) e mancata produzione (BI). Quantificazione del danno: - aspettativa di danno (Loss Expectancy ==> LE = PD+BI) Raccomandazioni per ridurre l aspettativa di danno (LE): - Progetto opere di prevenzione e protezione; - Aspettativa dopo completamento raccomandazione; - Rapporto costi/benefici; - Scelta della soluzione da adottare.

31 Assegnazione delle priorità LE PD = 38 M LE BI = 12 M 1 Frequenza = Media Costo = LE Dopo = 1,6 M LE PD = 3,5 M LE BI = 0,2 M 2 Frequenza = Bassa Costo = LE Dopo = 0,8 M LE PD = 1 M LE BI = 0,3 M Frequenza = Bassa Costo = LE Dopo = 0,2 M Magazzino PF Magazzino Accessori Convogliatore 25 metri Produzione e sottopiani tecnici Uffici e CED Magazzino MP Muro tagliafuoco

32 L approccio di Haddon per il controllo fisico del rischio Interpreta, in dieci strategie, le perdite conseguenti ad eventi sfavorevoli come il risultato di improvvise ed impreviste liberazioni di energia. Strategie 1. Prevenire l organizzazione iniziale di energia 2. Ridurre l entità dell energia che si è organizzata 3. Ostacolare la liberazione di energia che si è sviluppata 4. Rallentare la rapidità o la distribuzione spaziale della liberazione di energia dal punto di origine. 5. Separare nel tempo e nello spazio l energia liberata. Strategie 6. Interporre barriere fisiche tra l energia liberata e le strutture suscettibili di essere colpite 7. Modificare le superfici di contatto, quelle sottostanti o le strutture d impatto 8. Rinforzare le strutture che possono essere danneggiate dall energia liberata. 9. Agire rapidamente per scoprire e valutare il danno che è avvenuto o sta avvenendo e contrastare la sua continuazione ed estensione. 10. Ricorrere a tutte le misure di ripristino e riabilitazione dopo che l evento è accaduto.

33 Tipologia di rischio u

34 Tipologia di rischio d

Enterprise Risk Management: il ruolo dell assicuratore. Enterprise Risk Management: il ruolo dell assicuratore a supporto dell innovazione

Enterprise Risk Management: il ruolo dell assicuratore. Enterprise Risk Management: il ruolo dell assicuratore a supporto dell innovazione Enterprise Risk Management: Enterprise Risk Management: il ruolo dell assicuratore il ruolo dell assicuratore a supporto dell innovazione a supporto dell innovazione Convegno A.RI.M.AS. Verona 27 Maggio,

Dettagli

NUOVE METODOLOGIE DI PREVENZIONE INCENDI

NUOVE METODOLOGIE DI PREVENZIONE INCENDI NUOVE METODOLOGIE DI PREVENZIONE INCENDI FIRE SAFETY ENGINEERING E RISK MANAGEMENT: La protezione antincendio all interno di un disegno di risk management Bologna - 29 novembre 2003 Ing. Lucio Silvio Casati

Dettagli

La gestione del rischio nelle imprese italiane. Paolo Rubini ANRA Presidente Telecom Italia Risk Manager

La gestione del rischio nelle imprese italiane. Paolo Rubini ANRA Presidente Telecom Italia Risk Manager La gestione del rischio nelle imprese italiane Paolo Rubini NR Presidente Telecom Italia Risk Manager La gestione del rischio nelle imprese italiane NR Il ruolo del Risk Management Evoluzione delle competenze

Dettagli

Global Risk Forum. 22 Aprile 2010

Global Risk Forum. 22 Aprile 2010 Stato dell'arte del RM nelle aziende italiane: Evoluzione della funzione e nuove strategie di Enterprise Risk Management Global Risk Forum 22 Aprile 2010 Marco Giorgino Ordinario di Finanza e Risk Management,

Dettagli

ASSICURIAMO PROGRESSO. Duemilanove

ASSICURIAMO PROGRESSO. Duemilanove ASSICURIAMO PROGRESSO. Duemilanove 140-09-Depliant istituzionale :3 Ante 22-04-2009 15:32 Pagina 2 LA NOSTRA OFFERTA ASSICURATIVA LA NOSTRA STRUTTURA, Compagnia italiana di Group, esercita l assicurazione

Dettagli

RISK & CRISIS MANAGEMENT come fronteggiare eventi imprevedibili con prontezza ed efficacia

RISK & CRISIS MANAGEMENT come fronteggiare eventi imprevedibili con prontezza ed efficacia con il sostegno di propongono il percorso formativo RISK & CRISIS MANAGEMENT come fronteggiare eventi imprevedibili con prontezza ed efficacia sede del corso: ISFOR 2000, via Pietro Nenni 30, Brescia periodo

Dettagli

SICUREZZA FISICA E ICT SECURITY: UN NUOVO MODELLO DI BUSINESS SECURITY

SICUREZZA FISICA E ICT SECURITY: UN NUOVO MODELLO DI BUSINESS SECURITY SICUREZZA FISICA E ICT SECURITY: UN NUOVO MODELLO DI BUSINESS SECURITY DOTT. ALESSANDRO LEGA, CPP Managing Director di Traicon S.r.l. (Gruppo DAB) Nel percorrere il vasto territorio professionale che caratterizza

Dettagli

Gestire l incertezza per competere:

Gestire l incertezza per competere: Gestire l incertezza per competere: trasformare i rischi in opportunità Percorso Formativo Il nuovo modello degli standard internazionali ISO introduce l approccio Risk Based Thinking nella gestione strategica

Dettagli

IFAF. Master in Risk Management

IFAF. Master in Risk Management IFAF Master in Risk Management Padova, 2 marzo 2013 Obiettivi Il Master è stato strutturato con l obiettivo di fornire un supporto alle imprese e ai professionisti che si trovano a dover gestire, nel corso

Dettagli

L ERM. Da potenza ad atto. Prof. Gennaro Olivieri Roma, 06 giugno 2013 ORDINE DEGLI ATTUARI

L ERM. Da potenza ad atto. Prof. Gennaro Olivieri Roma, 06 giugno 2013 ORDINE DEGLI ATTUARI L ERM Da potenza ad atto Prof. Gennaro Olivieri Roma, 06 giugno 2013 Agenda Cos è l ERM Evoluzione del RM ERMvsGRC Benefici dell ERM Duttilità Componenti del sistema Possibili difficoltà di implementazione

Dettagli

La Sicurezza dell Informazione nel Web Information System La metodologia WISS

La Sicurezza dell Informazione nel Web Information System La metodologia WISS 1 Introduzione La Sicurezza dell Informazione nel Web Information System La metodologia WISS Ioanis Tsiouras 1 (Rivista ZeroUno, in pubblicazione) I sistemi informativi con le applicazioni basate su Web

Dettagli

il presupposto del successo di ogni azienda è il livello di sicurezza del proprio patrimonio informativo e del proprio know-how imprenditoriale.

il presupposto del successo di ogni azienda è il livello di sicurezza del proprio patrimonio informativo e del proprio know-how imprenditoriale. il presupposto del successo di ogni azienda è il livello di sicurezza del proprio patrimonio informativo e del proprio know-how imprenditoriale. BE.iT sa organizziamo L eccellenza Uno dei presupposti fondamentali

Dettagli

Master in Risk Engineering. XVI Edizione (2013-2014)

Master in Risk Engineering. XVI Edizione (2013-2014) Master in Risk Engineering XVI Edizione (2013-2014) con il patrocinio di con il contributo di* Destinatari Alle imprese: direttori di stabilimento, responsabili d impianti, responsabili della sicurezza,

Dettagli

BUSINESS RISK CONSULTING RISK. DISPUTES. STRATEGY.

BUSINESS RISK CONSULTING RISK. DISPUTES. STRATEGY. BUSINESS RISK CONSULTING RISK. DISPUTES. STRATEGY. BUSINESS RISK CONSULTING PROCESS OPTIMIZATION Mappatura as is dei processi, definizione dello stato to be, gap analysis, definizione ed implementazione

Dettagli

Quando la sicurezza stradale è una priorità. ISO 39001 Road Safety Management System

Quando la sicurezza stradale è una priorità. ISO 39001 Road Safety Management System Quando la sicurezza stradale è una priorità. ISO 39001 Road Safety Management System ISO 39001: per una migliore gestione della sicurezza stradale Si stima che entro il 2030 gli incidenti stradali saranno

Dettagli

CERTIQUALITY. La Gestione della Business Continuity : gli standard ISO 31000 ed ISO 22301. P e r u n a m i g l i o r e q u a l i t à d e l l a v i t a

CERTIQUALITY. La Gestione della Business Continuity : gli standard ISO 31000 ed ISO 22301. P e r u n a m i g l i o r e q u a l i t à d e l l a v i t a P e r u n a m i g l i o r e q u a l i t à d e l l a v i t a CERTIQUALITY La Gestione della Business Continuity : gli standard ISO 31000 ed ISO 22301 Dott. Nicola Gatta Direzione Marketing & Industry Management

Dettagli

Master in Risk Engineering e risk management nelle imprese

Master in Risk Engineering e risk management nelle imprese Master in Risk Engineering e risk management nelle imprese XVII Edizione (2014-2015) con il patrocinio di* con il contributo di* * i patrocini e i contributi sono in fase di aggiornamento. Master Destinatari

Dettagli

BUSINESS CONTINUITY CAPABILITY: LE PERSONE AL CENTRO DEL PROCESSO DECISIONALE, OVVERO CULTURA, CONSAPEVOLEZZA E RESPONSABILITÀ

BUSINESS CONTINUITY CAPABILITY: LE PERSONE AL CENTRO DEL PROCESSO DECISIONALE, OVVERO CULTURA, CONSAPEVOLEZZA E RESPONSABILITÀ BUSINESS CONTINUITY CAPABILITY: LE PERSONE AL CENTRO DEL PROCESSO DECISIONALE, OVVERO CULTURA, CONSAPEVOLEZZA E RESPONSABILITÀ Angela Pietrantoni Managing Director cienze per la sicurezza consulting Garantire

Dettagli

Proteggere il proprio business. ISO 22301: continuità operativa.

Proteggere il proprio business. ISO 22301: continuità operativa. Proteggere il proprio business. ISO 22301: continuità operativa. Perché BSI? Grazie allo standard ISO 22301 l azienda può restare sempre operativa. La competenza di BSI in quest ambito può trasformare

Dettagli

Introduzione all Insurance & Risk Management e Gestione del Rischio

Introduzione all Insurance & Risk Management e Gestione del Rischio Introduzione all Insurance & Risk Management e Gestione del Rischio A. Battagliola ANRA FATER S.p.A. Socio e membro del Consiglio Direttivo Insurance & Risk Manager Università degli Studi di Teramo 28

Dettagli

Il modello ERM come strumento trasversale per la gestione dei rischi e le sue implicazioni operative e gestionali

Il modello ERM come strumento trasversale per la gestione dei rischi e le sue implicazioni operative e gestionali Il modello ERM come strumento trasversale per la gestione dei rischi e le sue implicazioni operative e gestionali by Domenico Fumai 1 Fondata nel 1972 142 soci 50 associati Fatturato complessivo dei soci

Dettagli

ETICA, RESPONSABILITÀ E GOVERNO D IMPRESA. I princípi e i valori etici d impresa

ETICA, RESPONSABILITÀ E GOVERNO D IMPRESA. I princípi e i valori etici d impresa ETICA, RESPONSABILITÀ E GOVERNO D IMPRESA Sentiamo la responsabilità di essere un player globale in un settore caratterizzato da elementi strategici di grande delicatezza. L attenzione alle regole e la

Dettagli

Insight. Gestire e comunicare la crisi: un caso di successo. N. 24 Maggio 2009

Insight. Gestire e comunicare la crisi: un caso di successo. N. 24 Maggio 2009 Insight N. 24 Maggio 2009 Gestire e comunicare la crisi: un caso di successo Il termine crisi suggerisce istintivamente un momento, nella vita di una persona o di un azienda, dalle conseguenze non prevedibili

Dettagli

Master in Risk Engineering e risk management nelle imprese

Master in Risk Engineering e risk management nelle imprese Master in Risk Engineering e risk management nelle imprese XVII Edizione (2014-2015) con il patrocinio di con il contributo di Master Destinatari Alle imprese: direttori di stabilimento, responsabili d

Dettagli

Best practice per il miglioramento di Salute, Sicurezza e Ambiente, dell'affidabilità e della qualità

Best practice per il miglioramento di Salute, Sicurezza e Ambiente, dell'affidabilità e della qualità Best practice per il miglioramento di Salute, Sicurezza e Ambiente, dell'affidabilità e della qualità Integrazione dei processi relativi a salute, sicurezza, ambiente nella gestione del lavoro e degli

Dettagli

Strategie e processi per salvaguardare il valore aziendale

Strategie e processi per salvaguardare il valore aziendale Business Continuity Strategie e processi per salvaguardare il valore aziendale A cura di: Alfredo Bertini Governance, Quality & Safety Manager Direzione Legal, Governance & Compliance Agenda: Roche Italy

Dettagli

CERTIQUALITY. Gli standard ISO 31000 per il RiskManagement ed ISO 22301 per la certificazione dei Sistemi di Gestione della Business Continuity

CERTIQUALITY. Gli standard ISO 31000 per il RiskManagement ed ISO 22301 per la certificazione dei Sistemi di Gestione della Business Continuity Per una migliore qualità della vita CERTIQUALITY Gli standard ISO 31000 per il RiskManagement ed ISO 22301 per la certificazione dei Sistemi di Gestione della Business Continuity Dott. Nicola Gatta Direzione

Dettagli

Informazioni Aziendali: Il processo di valutazione dei Rischi Operativi legati all Information Technology

Informazioni Aziendali: Il processo di valutazione dei Rischi Operativi legati all Information Technology Informazioni Aziendali: Il processo di valutazione dei Rischi Operativi legati all Information Technology Davide Lizzio CISA CRISC Venezia Mestre, 26 Ottobre 2012 Informazioni Aziendali: Il processo di

Dettagli

Seminari informativi in tema di Assicurazione dei rischi delle imprese. Anno 2010

Seminari informativi in tema di Assicurazione dei rischi delle imprese. Anno 2010 Seminari informativi in tema di Assicurazione dei rischi delle imprese Anno 2010 IL RISK MANAGEMENT: COME ANALIZZARE E GESTIRE CORRETTAMENTE I RISCHI IN AZIENDA PRESENTAZIONE: Ogni azienda, nell'ambito

Dettagli

Il programma Liability per i fornitori di Sogefi Group

Il programma Liability per i fornitori di Sogefi Group Creare cultura nella filiera: Il programma Liability per i fornitori di Sogefi Group Risk Manager Sogefi SpA Sogefi Group Risk Management Organizzazione di RM: creata nel Novembre 2002 Scopo: ottenere

Dettagli

XXVII Convegno Nazionale AIEA

XXVII Convegno Nazionale AIEA XXVII Convegno Nazionale AIEA Classificazione delle Informazioni e Data Loss Prevention Impatti normativi da governare Milano, 3 Ottobre 2013 Giuseppe Blasi Alessandro Santacroce 0 2013 Protiviti S.r.l.

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO ALLIANCE MEDICAL Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.11

Dettagli

Corso in Store Management

Corso in Store Management in collaborazione con presenta Corso in Store Management EDIZIONE SICILIA INDICE 1) Premessa 2) Obiettivo 3) Il profilo professionale in uscita: lo Store Manager 4) Organizzazione delle attività 5) Programma

Dettagli

IT Risk Assessment. IT Risk Assessment

IT Risk Assessment. IT Risk Assessment IT Risk Assessment Una corretta gestione dei rischi informatici è il punto di partenza per progettare e mantenere nel tempo il sistema di sicurezza aziendale. Esistono numerosi standard e modelli di riferimento

Dettagli

Un'efficace gestione del rischio per ottenere vantaggi competitivi

Un'efficace gestione del rischio per ottenere vantaggi competitivi Un'efficace gestione del rischio per ottenere vantaggi competitivi Luciano Veronese - RSA Technology Consultant Marco Casazza - RSA Technology Consultant 1 Obiettivi della presentazione Dimostrare come

Dettagli

Audit & Sicurezza Informatica. Linee di servizio

Audit & Sicurezza Informatica. Linee di servizio Audit & Sicurezza Informatica Linee di servizio Application Control Consulting Molte organizzazioni hanno implementato applicazioni client/server integrate, come SAP e Oracle Queste applicazioni aumentano

Dettagli

La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799

La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799 Convegno sulla Sicurezza delle Informazioni La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799 Giambattista Buonajuto Lead Auditor BS7799 Professionista indipendente Le norme

Dettagli

Valutazione e gestione del rischio - A cura del Dottor Antonio Guzzo, Responsabile CED

Valutazione e gestione del rischio - A cura del Dottor Antonio Guzzo, Responsabile CED Valutazione e gestione del rischio - A cura del Dottor Antonio Guzzo, Responsabile CED Quando parliamo di analisi dei rischi esaminiamo il cosiddetto concetto di information security risk management. Per

Dettagli

Catalogo corsi di formazione in videoconferenza

Catalogo corsi di formazione in videoconferenza Catalogo corsi di formazione in videoconferenza Abilità personali Contabilità - finanza Gestione aziendale amministrazione Marketing vendite Assicurazioni Aprile 2015 Catalogo corsi di formazione in videoconferenza

Dettagli

Assessment degli Operational Risk. Assessment. Progetto Basilea 2. Agenda. Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS

Assessment degli Operational Risk. Assessment. Progetto Basilea 2. Agenda. Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS Progetto Basilea 2 Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS degli Operational Risk 2003 Firm Name/Legal Entity Agenda Il nuovo contesto di vigilanza: novità ed impatti Analisi Qualitativa 1

Dettagli

INFRASTRUTTURE CRITICHE: L ORGANIZZAZIONE TELECOM ITALIA

INFRASTRUTTURE CRITICHE: L ORGANIZZAZIONE TELECOM ITALIA INFRASTRUTTURE CRITICHE: L ORGANIZZAZIONE TELECOM ITALIA Damiano TOSELLI Direttore Security Il Gruppo Telecom Italia ATTIVITA NUMERI RISULTATI Tlc fisse e mobili, internet e media, office and system solutions,

Dettagli

UNIVERSITÀ: Politecnico di Milano. FACOLTÀ: Ingegneria dei Sistemi. CORSO DI STUDI: Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale

UNIVERSITÀ: Politecnico di Milano. FACOLTÀ: Ingegneria dei Sistemi. CORSO DI STUDI: Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale UNIVERSITÀ: Politecnico di Milano FACOLTÀ: Ingegneria dei Sistemi CORSO DI STUDI: Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale INSEGNAMENTO: Global Risk Management PROFESSORE: Marco Giorgino ANNO ACCADEMICO

Dettagli

Mission. Proteggiamo il Business dei nostri Clienti

Mission. Proteggiamo il Business dei nostri Clienti 2013 idialoghi- ICT Security Consulting 1 Mission La Sicurezza Informatica è un driver e non un onere, un investimento e non un costo Proteggiamo il Business dei nostri Clienti Da 15 anni realizziamo per

Dettagli

Business continuity management per le strutture che erogano servizi socio sanitari. Con il patrocinio di

Business continuity management per le strutture che erogano servizi socio sanitari. Con il patrocinio di Business continuity management per le strutture che erogano servizi socio sanitari Con il patrocinio di La Business Continuity o Continuità Operativa, è la capacità di un organizzazione di mantenere operative

Dettagli

IL MESTIERE DEL SECURITY MANAGER. Alessandro Lega, CPP Senior Security Consultant

IL MESTIERE DEL SECURITY MANAGER. Alessandro Lega, CPP Senior Security Consultant IL MESTIERE DEL SECURITY MANAGER Alessandro Lega, CPP Senior Security Consultant Cercheremo di arrivare alla definizione del ruolo e del profilo che meglio descrivono il mestiere del Security Manager tramite

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO TRASPORTO

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO TRASPORTO LA VALUTAZIONE DEL TRASPORTO MORGAN MORAS BROKER DI RIASSICURAZIONE MORGAN & MORGAN SRL - DIREZIONE TECNICA Relais Le Betulle Conegliano - 07 aprile 06 1 DEFINIZIONE DI ART. 1882 C.C CONTRATTO DI ASSICURAZIONE

Dettagli

Salute e sicurezza: una priorità per tutte le organizzazioni. Lo standard OHSAS 18001 può aiutarvi a gestire al meglio i rischi.

Salute e sicurezza: una priorità per tutte le organizzazioni. Lo standard OHSAS 18001 può aiutarvi a gestire al meglio i rischi. Salute e sicurezza: una priorità per tutte le organizzazioni. Lo standard OHSAS 18001 può aiutarvi a gestire al meglio i rischi. BSI vi aiuta a gestire i rischi e ad accrescere il benessere aziendale.

Dettagli

Il trattamento del rischio di Product Liability & Recall: prevenzione e trasferimento assicurativo

Il trattamento del rischio di Product Liability & Recall: prevenzione e trasferimento assicurativo Il trattamento del rischio di Product Liability & Recall: prevenzione e trasferimento assicurativo Presentato a : Presentato da: Convegno ANFIA: Le problematiche assicurative nel mondo Auto Marco Terzago,

Dettagli

RISK. DISPUTES. STRATEGY.

RISK. DISPUTES. STRATEGY. RISK. DISPUTES. STRATEGY. MARSH RISK CONSULTING Per avere successo non bisogna ignorare i rischi ma conoscerli e saperli affrontare. In un contesto economico sempre più complesso ed integrato la gestione

Dettagli

Catalogo Corsi. Aggiornato il 16/09/2013

Catalogo Corsi. Aggiornato il 16/09/2013 Catalogo Corsi Aggiornato il 16/09/2013 KINETIKON SRL Via Virle, n.1 10138 TORINO info@kinetikon.com http://www.kinetikon.com TEL: +39 011 4337062 FAX: +39 011 4349225 Sommario ITIL Awareness/Overview...

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI PER CONSULENTI DI SISTEMI DI GESTIONE DELLA SECURITY

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI PER CONSULENTI DI SISTEMI DI GESTIONE DELLA SECURITY Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.it Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI PER CONSULENTI DI SISTEMI

Dettagli

Sicurezza ICT e continuità del Business. Igea Marina Rimini - 5 luglio 2013

Sicurezza ICT e continuità del Business. Igea Marina Rimini - 5 luglio 2013 Sicurezza ICT e continuità del Business Igea Marina Rimini - 5 luglio 2013 Indice L approccio alla Sicurezza ICT La rilevazione della situazione L analisi del rischio Cenni agli Standard di riferimento

Dettagli

Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane

Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane IX Convention ABI 29 e 30 novembre 2005 Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane Giampaolo Gabbi Università degli Studi di Siena SDA Bocconi 1 Le fasi dell ORM nei progetti in essere

Dettagli

Gestione della Sicurezza Informatica

Gestione della Sicurezza Informatica Gestione della Sicurezza Informatica La sicurezza informatica è composta da un organizzativinsieme di misure di tipo: tecnologico o normativo La politica di sicurezza si concretizza nella stesura di un

Dettagli

Le imprese e l'imprevisto Il risk management nelle imprese italiane

Le imprese e l'imprevisto Il risk management nelle imprese italiane Le imprese e l'imprevisto Il risk management nelle imprese italiane 11 dicembre 2013 Politecnico di Torino relatrice: Dr.ssa Raffaella Ginepro Adeia Risk and Insurance Managers Strada del Portone 10, Grugliasco

Dettagli

The information contained in this document belongs to ignition consulting s.r.l. and to the recipient of the document. The information is strictly

The information contained in this document belongs to ignition consulting s.r.l. and to the recipient of the document. The information is strictly The information contained in this document belongs to ignition consulting s.r.l. and to the recipient of the document. The information is strictly linked to the oral comments which were made at its presentation,

Dettagli

CALENDARIO EVENTI 2013 2014

CALENDARIO EVENTI 2013 2014 CALENDARIO EVENTI 2013 2014 BIG DATA CONFERENCE II 2013 Bologna, 19 Novembre Half Day BANKING FORUM 2014 Milano, 12 Febbraio Full Day MOBIZ - MOBILITY FORUM 2014 Roma, 12 Marzo Full Day SMART ENERGY FORUM

Dettagli

Misure di Tutela e Aspetti Legali nel contesto del Cloud Computing

Misure di Tutela e Aspetti Legali nel contesto del Cloud Computing Reg. 05/017 Misure di Tutela e Aspetti Legali nel contesto del Cloud Computing La certificazione di sistema per aumentare il trust cliente-fornitore 25 maggio 2010 AIPSI - Milano 1 The speaker Fabrizio

Dettagli

Sessione di Studio AIEA-ATED. La gestione del rischio informatico nel framework dei rischi operativi

Sessione di Studio AIEA-ATED. La gestione del rischio informatico nel framework dei rischi operativi Sessione di Studio AIEA-ATED La gestione del rischio informatico nel framework dei rischi operativi 24 Novembre 2014 Agenda La gestione del rischio operativo nel Gruppo ISP La gestione degli eventi operativi

Dettagli

Newsletter@Pallme www.pallme.com Modelli di business & Tecnologie dell'informazione

Newsletter@Pallme www.pallme.com Modelli di business & Tecnologie dell'informazione BI nel settore Industria: scenario e tendenze A fine 2002 sono stati illustrati dal Dott. Capitani i risultati dell indagine condotta da NetConsulting per conto di SAS (www.sas.com/italy) al fine di comprendere

Dettagli

Lowendalmasaï Enterprise Cost Management

Lowendalmasaï Enterprise Cost Management Lowendalmasaï Enterprise Cost Management Workshop LA RIFORMA DEL LAVORO VISTA DA VICINO Milano, 28 Settembre 2012 Corporate profile Punto di riferimento sul mercato.ottimizzazione del Cash Flow, dei Costi

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

IL RISK MANAGEMENT. Dott.ssa Lara Maini. Corso di Gestione dei Rischi e delle Assicurazioni Parma, 27 febbraio 2013

IL RISK MANAGEMENT. Dott.ssa Lara Maini. Corso di Gestione dei Rischi e delle Assicurazioni Parma, 27 febbraio 2013 IL RISK MANAGEMENT Dott.ssa Lara Maini Corso di Gestione dei Rischi e delle Assicurazioni Parma, 27 febbraio 2013 1 RIFERIMENTI PER LO STUDIO P. Pignolo, La gestione e la ritenzione del rischio d impresa,

Dettagli

Analisi dei rischi e bancabilità del progetto Dallo sviluppo del progetto al finanziamento dell investimento

Analisi dei rischi e bancabilità del progetto Dallo sviluppo del progetto al finanziamento dell investimento Agenda Analisi dei rischi e bancabilità del progetto Strumenti di copertura e mitigazione dei rischi Principali coperture assicurative nel ciclo di vita del progetto Conclusioni e prospettive future 1

Dettagli

CyberEdge: la soluzione AIG

CyberEdge: la soluzione AIG Protezione contro le conseguenze dei cyber-rischi. BUSINESS Insurance CyberEdge: la soluzione AIG I cyber-rischi sono un dato di fatto in un mondo che ruota attorno alle informazioni e ai sistemi informativi

Dettagli

ISACA VENICE MEETING 2014

ISACA VENICE MEETING 2014 Verso il GOVERNO dei SISTEMI INFORMATIVI ISACA VENICE MEETING 2014 Information & Data Classification, un approccio strutturato Giuseppe Blasi Andrea Gaglietto Padova, 29 maggio 2014 1 Agenda Il contesto

Dettagli

Company profile. Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole. Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less

Company profile. Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole. Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less Company profile Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole Business Consultant S.r.l. Via La Cittadella, 102/G 93100 Caltanissetta

Dettagli

Il Risk Management: l approccio tradizionale

Il Risk Management: l approccio tradizionale Il processo di Risk Management Insurance Brokers Office - Risk Management Elio Marchetti Molecular Biotechnology Center Torino, 27 giugno 2007 Introduzione al Risk Management e all analisi dei rischi per

Dettagli

Disponibili 4 borse di studio che coprono il 50% dei costi d iscrizione

Disponibili 4 borse di studio che coprono il 50% dei costi d iscrizione Disponibili 4 borse di studio che coprono il 50% dei costi d iscrizione Il risk manager per le imprese: dall aula all azienda nel percorso formativo Cineas La 18 edizione del master Cineas in Risk engineering

Dettagli

Il rischio informatico: quali approcci, quali soluzioni

Il rischio informatico: quali approcci, quali soluzioni Il rischio informatico: quali approcci, quali soluzioni Ing. Andrea Agosti, Senior Manager VP Tech Seminario di studio Anssaif Roma, 26 Gennaio 2006 Gli interrogativi del seminario Come stimare la probabilità

Dettagli

CATALOGO DEI CORSI DI FORMAZIONE PER PERSONALE OPERANTE NEL MERCATO ASSICURATIVO IES. Insurance Engineering Services

CATALOGO DEI CORSI DI FORMAZIONE PER PERSONALE OPERANTE NEL MERCATO ASSICURATIVO IES. Insurance Engineering Services CATALOGO DEI CORSI DI FORMAZIONE PER PERSONALE OPERANTE NEL MERCATO ASSICURATIVO IES Insurance Engineering Services LOSS ADJUSTING RISK ENGINEERING CORPORATE CLAIMS MANAGEMENT TRAINING & TUTORING CONSULTING

Dettagli

Milliman Enterprise Risk Management

Milliman Enterprise Risk Management Introduzione Il contesto economico di riferimento e l evoluzione normativa, sia essa trasversale ai settori di attività o specifica di taluni tipi di business, impongono sempre più spesso e con maggior

Dettagli

concretizza le potenzialità dei tuoi progetti

concretizza le potenzialità dei tuoi progetti concretizza le potenzialità dei tuoi progetti BusinessPlanCenter è un centro di servizi specializzato, che assiste e supporta professionalmente manager, imprenditori e aspiranti imprenditori nella pianificazione/valutazione

Dettagli

TechPremier. Informazioni per il broker

TechPremier. Informazioni per il broker Informazioni per il broker TechPremier Le società informatiche operano in un ambiente potenzialmente molto rischioso. Tecnologie in rapida e costante evoluzione sono alla base del controllo di molte funzioni

Dettagli

L evoluzione del Processo di Enterprise Risk Management nel Gruppo Telecom Italia

L evoluzione del Processo di Enterprise Risk Management nel Gruppo Telecom Italia GRUPPO TELECOM ITALIA Roma, 17 giugno 2014 L evoluzione del Processo di Enterprise Risk Management nel Gruppo Telecom Italia Dirigente Preposto ex L. 262/05 Premessa Fattori Esogeni nagement - Contesto

Dettagli

Sistema di Controllo Interno Settore Assicurativo

Sistema di Controllo Interno Settore Assicurativo STUDIO BERETTA DOTTTARELLI DOTTORI COMMERCIALISTI ASSOCIATI Sergio Beretta Sistema di Controllo Interno Settore Assicurativo 1 Indice Obiettivi dell intervento Nota Metodologica Quadro dell attuale sistema

Dettagli

Symantec / ZeroUno Executive lunch IT Security & Risk Management. Riccardo Zanchi - Partner NetConsulting

Symantec / ZeroUno Executive lunch IT Security & Risk Management. Riccardo Zanchi - Partner NetConsulting Symantec / ZeroUno Executive lunch IT Security & Risk Management Riccardo Zanchi - Partner NetConsulting 25 settembre 2008 Agenda Il contesto del mercato della security I principali risultati della survey

Dettagli

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO http://www.sinedi.com ARTICOLO 27 OTTOBRE 2008 IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO PRODUZIONE DI VALORE E RISCHIO D IMPRESA Nel corso del tempo, ogni azienda deve gestire un adeguato portafoglio di strumenti

Dettagli

L ASSICURAZIONE NELLA FASE DI PIANIFICAZIONE, REALIZZAZIONE E GESTIONE DI IMPIANTI A FONTE RINNOVABILE. Relatore: dott.

L ASSICURAZIONE NELLA FASE DI PIANIFICAZIONE, REALIZZAZIONE E GESTIONE DI IMPIANTI A FONTE RINNOVABILE. Relatore: dott. L ASSICURAZIONE NELLA FASE DI PIANIFICAZIONE, REALIZZAZIONE E GESTIONE DI IMPIANTI A FONTE RINNOVABILE Relatore: dott. Gianluca Melani Rischi non assicurabili Rischi assicurabili R.C. PROGETTIS TI CAUZIONI

Dettagli

Prova finale: certificazione Anra Al termine del percorso Master è prevista una prova finale.

Prova finale: certificazione Anra Al termine del percorso Master è prevista una prova finale. Milano, 15 novembre 2014 Obiettivi Il Master in Risk Management nasce con l obiettivo di dare un supporto alle imprese e ai professionisti che si trovano a dover gestire, nel corso delle loro attività,

Dettagli

Continuità operativa - FAQ

Continuità operativa - FAQ Continuità operativa - FAQ Cosa è la Continuità Operativa? La continuità operativa è l insieme di attività volte a minimizzare gli effetti distruttivi, o comunque dannosi, di un evento che ha colpito un

Dettagli

TechPremier. Informazioni per il broker

TechPremier. Informazioni per il broker Informazioni per il broker TechPremier Le società informatiche operano in un ambiente potenzialmente molto rischioso. Tecnologie in rapida e costante evoluzione sono alla base del controllo di molte funzioni

Dettagli

BSI Group Italia. Viviana Rosa Marketing & PR Manager BSI Group Italia

BSI Group Italia. Viviana Rosa Marketing & PR Manager BSI Group Italia BSI Group Italia Viviana Rosa Marketing & PR Manager BSI Group Italia Chi è BSI BSI nasce nel 1901 in Inghilterra come primo ente di normazione al mondo, riconosciuto dalla corona britannica e oggi, a

Dettagli

La Certificazione ISO/IEC 27001. Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni

La Certificazione ISO/IEC 27001. Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni 2015 Summary Chi siamo Il modello operativo di Quality Solutions Introduzione alla ISO 27001 La metodologia Quality Solutions Focus on: «L analisi

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Raggiungere gli obiettivi strategici e preservare il valore creato nel tempo

Raggiungere gli obiettivi strategici e preservare il valore creato nel tempo RISK MANAGEMENT & BUSINESS CONTINUITY Risk Management per le imprese Raggiungere gli obiettivi strategici e preservare il valore creato nel tempo PER L IMPRESA E STAKEHOLDER CHI E EXSAFE Società di consulenza

Dettagli

Company Profile. BLU Consulting Srl

Company Profile. BLU Consulting Srl Company Profile Forniamo, prevalentemente a Banche, Compagnie di Assicurazione e Società di Gestione del Risparmio, servizi di consulenza aziendale correlati alla pianificazione, gestione e revisione di

Dettagli

Progetto Crescita e Sviluppo

Progetto Crescita e Sviluppo Progetto Crescita e Sviluppo Presentazione Progetto O&M / Gennaio 2015 CONERGY.COM CONERGY.IT Conergy Services Conergy è una multinazionale americana con sede ad Amburgo (Germania) 20 anni di esperienza

Dettagli

RISK MANAGEMENT CORSI BREVI IN RISK MANAGEMENT

RISK MANAGEMENT CORSI BREVI IN RISK MANAGEMENT RISK MANAGEMENT CORSI BREVI IN RISK MANAGEMENT INDICE Executive Education 3 Area Tematica e Obiettivi del catalogo 4 Direzione 5 Calendario 2014 6 Corsi brevi Risk Management Enterprise Risk Management:

Dettagli

Principi e requisiti di base del Risk Management. Obiettivi, standard e framework di riferimento

Principi e requisiti di base del Risk Management. Obiettivi, standard e framework di riferimento Innovazione per la Pubblica Amministrazione Principi e requisiti di base del Risk Management. Obiettivi, standard e framework di riferimento Fabio Monteduro CISPA-Università di Roma Tor Vergata fabio.monteduro@uniroma2.it

Dettagli

Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale. Sestri Levante 19-20 maggio 2003

Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale. Sestri Levante 19-20 maggio 2003 1 Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale Sestri Levante 19-20 maggio 2003 Performing - Mission 2 Performing opera nel mercato dell'ingegneria dell organizzazione e della revisione

Dettagli

Operational Risk Management & Business Continuity Fonti Informative e punti di contatto

Operational Risk Management & Business Continuity Fonti Informative e punti di contatto Operational Risk Management & Business Continuity Fonti Informative e punti di contatto Roma 16 giugno 2005 Dr. Paolo Cruciani BNL Responsabile Rischi Operativi BNL Direzione Risk Management Agenda 1.

Dettagli

Fattori di rischio e incertezza

Fattori di rischio e incertezza Fattori di rischio e incertezza 39 PREMESSA Nel 2014 la controllante Snam S.p.A. ha istituito, alle dirette dipendenze dell Amministratore Delegato, l unità Enterprise Risk Management (ERM), al fine di

Dettagli

MASTER IPE 2015 L ATTUARIO E L ERM GIAMPAOLO CRENCA PRESIDENTE CONSIGLIO NAZIONALE ATTUARI

MASTER IPE 2015 L ATTUARIO E L ERM GIAMPAOLO CRENCA PRESIDENTE CONSIGLIO NAZIONALE ATTUARI MASTER IPE 2015 L ATTUARIO E L ERM GIAMPAOLO CRENCA PRESIDENTE CONSIGLIO NAZIONALE ATTUARI Napoli, 14 maggio 2015 1 I Numeri 20.000 LA PROFESSIONE PIU RICHIESTA AL MONDO 2 Alcuni dati della nostra professione

Dettagli

No Risk, No Gain. Evento sul Project Risk Management. Venerdì, 21 marzo 2014 - ore 15.00 LUISS Guido Carli - Aula Polivalente Viale Romania, 32 - Roma

No Risk, No Gain. Evento sul Project Risk Management. Venerdì, 21 marzo 2014 - ore 15.00 LUISS Guido Carli - Aula Polivalente Viale Romania, 32 - Roma No Risk, No Gain Evento sul Project Risk Management Venerdì, 21 marzo 2014 - ore 15.00 LUISS Guido Carli - Aula Polivalente Viale Romania, 32 - Roma Organizzato con Eureka Service Sponsor dell evento The

Dettagli

PROPOSTA DI DIRETTIVA EUROPEA SULLA PROTEZIONE DELLE INFRASTRUTTURE CRITICHE

PROPOSTA DI DIRETTIVA EUROPEA SULLA PROTEZIONE DELLE INFRASTRUTTURE CRITICHE SULLA PROTEZIONE DELLE INFRASTRUTTURE CRITICHE Dott. Damiano TOSELLI Responsabile Security Corporate Telecom Italia S.p.A. Sistema Paese: L INTERDIPENDENZA Infrastuttura Sistema produttivo Sviluppo Terziario

Dettagli

acquisti L importanza del Risk Management nell area

acquisti L importanza del Risk Management nell area Risk management L importanza del Risk Management nell area acquisti Il rischio fa parte del business una significativa e permanente realtà che quasi ogni società deve affrontare. Senza rischio, l attività

Dettagli

Informatica Forense dal punto di vista di Manager e figure apicali

Informatica Forense dal punto di vista di Manager e figure apicali Soluzioni e sicurezza per applicazioni mobile e payments 1 Informatica Forense dal punto di vista di Manager e figure apicali Pietro Brunati Venezia, 27 settembre 2013 2 Soluzioni e sicurezza per applicazioni

Dettagli

ITIL: best practice per l IT

ITIL: best practice per l IT Slide 0.1 ITIL: best practice per l IT I processi e l approccio ( a cura di Stefania Renna CA) 24 Novembre 2005 Pag. 1 Slide 1.0 INDICE DELLA PRESENTAZIONE : 1. ITIL: Lo standard de facto 2. Il framework

Dettagli

LA GESTIONE DELLA CONFLITTUALITA PER UNA ORGANIZZAZIONE AZIENDALE EFFICACE. (Prof. Luca Possieri www.creativemanagement-network.

LA GESTIONE DELLA CONFLITTUALITA PER UNA ORGANIZZAZIONE AZIENDALE EFFICACE. (Prof. Luca Possieri www.creativemanagement-network. Studio dei conflitti organizzativi e della loro gestione attraverso modelli innovativi (A.D.R., D.S.D) Riprogettazione delle strutture organizzative e dei sistemi Creazione e operatività di nuovi attori

Dettagli