Funzioni reali di variabile reale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Funzioni reali di variabile reale"

Transcript

1 Funzioni reali di variabile reale Lezione per Studenti di Agraria Università di Bologna (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 1 / 50

2 Funzioni Definizione Sia A un sottoinsieme di R. Si chiama funzione reale definita suul insieme A,una legge che ad ogni elemento x di A associa uno e un solo numero reale. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 2 / 50

3 Funzioni Definizione Sia A un sottoinsieme di R. Si chiama funzione reale definita suul insieme A,una legge che ad ogni elemento x di A associa uno e un solo numero reale. In questo modo viene definita una funzione f da A in R che è indicata : f : A R. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 2 / 50

4 Funzioni Definizione Sia A un sottoinsieme di R. Si chiama funzione reale definita suul insieme A,una legge che ad ogni elemento x di A associa uno e un solo numero reale. In questo modo viene definita una funzione f da A in R che è indicata : L insieme A è detto dominio di f. f : A R. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 2 / 50

5 Funzioni Definizione Sia A un sottoinsieme di R. Si chiama funzione reale definita suul insieme A,una legge che ad ogni elemento x di A associa uno e un solo numero reale. In questo modo viene definita una funzione f da A in R che è indicata : f : A R. L insieme A è detto dominio di f. Per ogni x di A il numero associato ad x si indica con f (x) ed è detto immagine di x attraverso f. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 2 / 50

6 Funzioni Definizione Sia A un sottoinsieme di R. Si chiama funzione reale definita suul insieme A,una legge che ad ogni elemento x di A associa uno e un solo numero reale. In questo modo viene definita una funzione f da A in R che è indicata : f : A R. L insieme A è detto dominio di f. Per ogni x di A il numero associato ad x si indica con f (x) ed è detto immagine di x attraverso f. L insieme f (A) = {y R :esista almeno un x A tale chef (x) = y}, è detto immagine di f. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 2 / 50

7 Funzioni Definizione Sia A un sottoinsieme di R. Si chiama funzione reale definita suul insieme A,una legge che ad ogni elemento x di A associa uno e un solo numero reale. In questo modo viene definita una funzione f da A in R che è indicata : f : A R. L insieme A è detto dominio di f. Per ogni x di A il numero associato ad x si indica con f (x) ed è detto immagine di x attraverso f. L insieme f (A) = {y R :esista almeno un x A tale chef (x) = y}, è detto immagine di f. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 2 / 50

8 Variabili dipendenti e indipendenti (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 3 / 50

9 Variabili dipendenti e indipendenti Con queste notazioni x è detta variabile indipendente, mentre y è detta variabile dipendente. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 3 / 50

10 Variabili dipendenti e indipendenti Con queste notazioni x è detta variabile indipendente, mentre y è detta variabile dipendente. Si osservi che le variabili sono variabile mute cioè la funzine è individuata dal dominio e dalla legge che associa ad un elemento del dominio la sua immagine. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 3 / 50

11 Variabili dipendenti e indipendenti Con queste notazioni x è detta variabile indipendente, mentre y è detta variabile dipendente. Si osservi che le variabili sono variabile mute cioè la funzine è individuata dal dominio e dalla legge che associa ad un elemento del dominio la sua immagine. A seconda delle necessità, si daranno alla variabile indipendente e a quella dipendente nomi diversi da x e y. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 3 / 50

12 Variabili dipendenti e indipendenti Con queste notazioni x è detta variabile indipendente, mentre y è detta variabile dipendente. Si osservi che le variabili sono variabile mute cioè la funzine è individuata dal dominio e dalla legge che associa ad un elemento del dominio la sua immagine. A seconda delle necessità, si daranno alla variabile indipendente e a quella dipendente nomi diversi da x e y. Ad esempio se si vuole descrivere uno spostamento in fisica, si usa in genere, t = f (s) che rappresenta una funzione con variabile indipendente s (lo spazio) e variabile dipendente t (il tempo). (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 3 / 50

13 Grafico Definizione L insieme G(f ) = {(x,y) R 2 : x A e y = f (x)} è detto grafico della funzione f : A R. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 4 / 50

14 Grafico Definizione L insieme G(f ) = {(x,y) R 2 : x A e y = f (x)} è detto grafico della funzione f : A R. Il grafico di una funzione fornisce una descrizione geometrica della funzione e ne visualizza le proprietà: in particolare nel caso di funzione reale di variabile reale qui considerato, (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 4 / 50

15 Grafico Definizione L insieme G(f ) = {(x,y) R 2 : x A e y = f (x)} è detto grafico della funzione f : A R. Il grafico di una funzione fornisce una descrizione geometrica della funzione e ne visualizza le proprietà: in particolare nel caso di funzione reale di variabile reale qui considerato, il grafico è un sottoinsieme del piano cartesiano, (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 4 / 50

16 Grafico Definizione L insieme G(f ) = {(x,y) R 2 : x A e y = f (x)} è detto grafico della funzione f : A R. Il grafico di una funzione fornisce una descrizione geometrica della funzione e ne visualizza le proprietà: in particolare nel caso di funzione reale di variabile reale qui considerato, il grafico è un sottoinsieme del piano cartesiano, il dominio è un sottoinsieme dell asse delle ascisse, (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 4 / 50

17 Grafico Definizione L insieme G(f ) = {(x,y) R 2 : x A e y = f (x)} è detto grafico della funzione f : A R. Il grafico di una funzione fornisce una descrizione geometrica della funzione e ne visualizza le proprietà: in particolare nel caso di funzione reale di variabile reale qui considerato, il grafico è un sottoinsieme del piano cartesiano, il dominio è un sottoinsieme dell asse delle ascisse, l immagine f (A) è un sottoinsieme dell asse delle ordinate. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 4 / 50

18 Grafico Definizione L insieme G(f ) = {(x,y) R 2 : x A e y = f (x)} è detto grafico della funzione f : A R. Il grafico di una funzione fornisce una descrizione geometrica della funzione e ne visualizza le proprietà: in particolare nel caso di funzione reale di variabile reale qui considerato, il grafico è un sottoinsieme del piano cartesiano, il dominio è un sottoinsieme dell asse delle ascisse, l immagine f (A) è un sottoinsieme dell asse delle ordinate. In particolare il grafico è un sottoinsieme di punti del piano cartesiano tale che, (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 4 / 50

19 Grafico Definizione L insieme G(f ) = {(x,y) R 2 : x A e y = f (x)} è detto grafico della funzione f : A R. Il grafico di una funzione fornisce una descrizione geometrica della funzione e ne visualizza le proprietà: in particolare nel caso di funzione reale di variabile reale qui considerato, il grafico è un sottoinsieme del piano cartesiano, il dominio è un sottoinsieme dell asse delle ascisse, l immagine f (A) è un sottoinsieme dell asse delle ordinate. In particolare il grafico è un sottoinsieme di punti del piano cartesiano tale che, su ogni retta parallela all asse y passante per un punto (a,0) del dominio, c è uno e un sol punto del grafico. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 4 / 50

20 Il seguente grafico rappresenta una funzione: Il seguente grafico non rappresenta una funzione: (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 5 / 50

21 Esempi La funzione f : R R. f (x) = 1 è una funzione costante che associa ad ogni numero reale il numero 1 Il suo dominio è l insieme dei numeri reali, la sua immagine è l insieme { 1} (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 6 / 50

22 La funzione f : [ 4,5) R f (x) = 1 x è una funzione con dominio [ 4,5) e immagine f ([ 4,5)) = ( 4,5]. Si noti che il punto ( 4,5) appartiene al grafico di f, mentre il punto (5, 4) non appartiene al grafico di f. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 7 / 50

23 Funzione identità La funzione f : R R così definita f (x) = x è chiamata funzione identità, ha dominio e immagine l insieme dei numeri reali R. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 8 / 50

24 Funzione quadrato La funzione f : R R con f (x) = x 2 è una funzione con dominio R e immagine f (R) = [0,+ ) (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 9 / 50

25 Funzione definita a pezzi La funzione f : R R così definita f (x) = x 2 se x < 1 2 se 1 x 1 x se 1 < x ha dominio R e immagine f (R) = { 2} [1,+ ). (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 10 / 50

26 Funzione cubo La funzione f : R R con f (x) = x 3 è una funzione con dominio R e immagine f (R) = R. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 11 / 50

27 Funzioni iniettive Una funzione f : A R è tale se ad ogni punto del dominio, corrisponde uno e un solo elemento nell immagine, (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 12 / 50

28 Funzioni iniettive Una funzione f : A R è tale se ad ogni punto del dominio, corrisponde uno e un solo elemento nell immagine, ma dato un elemento dell immagine può provenire tramite f da di più di un punto del dominio. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 12 / 50

29 Funzioni iniettive Una funzione f : A R è tale se ad ogni punto del dominio, corrisponde uno e un solo elemento nell immagine, ma dato un elemento dell immagine può provenire tramite f da di più di un punto del dominio. Quando ogni elemento dell immagine di f proviene da un solo elemento di A, la funzione f si dice iniettiva. Quindi (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 12 / 50

30 Funzioni iniettive Una funzione f : A R è tale se ad ogni punto del dominio, corrisponde uno e un solo elemento nell immagine, ma dato un elemento dell immagine può provenire tramite f da di più di un punto del dominio. Quando ogni elemento dell immagine di f proviene da un solo elemento di A, la funzione f si dice iniettiva. Quindi Definizione f : A R è iniettiva se ogni volta che f (x 1 ) = f (x 2 )allora x 1 = x 2 (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 12 / 50

31 Grafico di funzioni iniettive Una funzione è iniettiva se il suo grafico gode della seguente proprietà : (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 13 / 50

32 Grafico di funzioni iniettive Una funzione è iniettiva se il suo grafico gode della seguente proprietà : ogni retta orizzontale passante per un punto dell immagine, interseca il grafico in un solo punto. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 13 / 50

33 Grafico di funzioni iniettive Una funzione è iniettiva se il suo grafico gode della seguente proprietà : ogni retta orizzontale passante per un punto dell immagine, interseca il grafico in un solo punto. Ad esempio la funzione f : R R : f (x) = x 2 non è iniettiva, infatti f (x) = 9 ha due soluzioni: x = 3 e x = 3 (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 13 / 50

34 La funzione f : R R : f (x) = 2x 1 è iniettiva, infatti sia f (x 1 ) = f (x 2 ) cioè 2x 1 1 = 2x 2 1 implica x 1 = x 2 (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 14 / 50

35 Anche la funzione f : R R : f (x) = x 3 è iniettiva, infatti sia f (x 1 ) = f (x 2 ) cioè (x 1 ) 3 = (x 2 ) 3 implica x 1 = x 2. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 15 / 50

36 Somma, prodotto, quoziente di funzioni reali Sia f : A R e e g : B R due funzioni reali di variabili reale. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 16 / 50

37 Somma, prodotto, quoziente di funzioni reali Sia f : A R e e g : B R due funzioni reali di variabili reale. Definiamo somma il prodotto di f e g come segue: (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 16 / 50

38 Somma, prodotto, quoziente di funzioni reali Sia f : A R e e g : B R due funzioni reali di variabili reale. Definiamo somma il prodotto di f e g come segue: f + g : A B R, (f + g)(x) = f (x) + g(x), (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 16 / 50

39 Somma, prodotto, quoziente di funzioni reali Sia f : A R e e g : B R due funzioni reali di variabili reale. Definiamo somma il prodotto di f e g come segue: f + g : A B R, (f + g)(x) = f (x) + g(x), f. g : A B R, (f. g)(x) = f (x). g(x), (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 16 / 50

40 Somma, prodotto, quoziente di funzioni reali Sia f : A R e e g : B R due funzioni reali di variabili reale. Definiamo somma il prodotto di f e g come segue: f + g : A B R, (f + g)(x) = f (x) + g(x), f. g : A B R, (f. g)(x) = f (x). g(x), f g : A B \ {x : g(x) = 0} R, f f (x) g (x) = g(x) (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 16 / 50

41 Esempi Siano f (x) = 3x + 1 e g(x) = x 2. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 17 / 50

42 Esempi Siano f (x) = 3x + 1 e g(x) = x 2. f, g : R R (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 17 / 50

43 Esempi Siano f (x) = 3x + 1 e g(x) = x 2. f, g : R R Allora f + g, f. g : R R e (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 17 / 50

44 Esempi Siano f (x) = 3x + 1 e g(x) = x 2. f, g : R R Allora f + g, f. g : R R e f g : R \ {0} R (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 17 / 50

45 Esempi Siano f (x) = 3x + 1 e g(x) = x 2. f, g : R R Allora f + g, f. g : R R e f g : R \ {0} R (f + g)(x) = x 2 + 3x + 1, (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 17 / 50

46 Esempi Siano f (x) = 3x + 1 e g(x) = x 2. f, g : R R Allora f + g, f. g : R R e f g : R \ {0} R (f + g)(x) = x 2 + 3x + 1, (f. g)(x) = (3x + 1)x 2 = 3x 3 + x 2 (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 17 / 50

47 Esempi Siano f (x) = 3x + 1 e g(x) = x 2. f, g : R R Allora f + g, f. g : R R e f g : R \ {0} R (f + g)(x) = x 2 + 3x + 1, (f. g)(x) = (3x + 1)x 2 = 3x 3 + x 2 f 3x+1 g (x) = x 2 (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 17 / 50

48 Composizione di funzioni Consideriamo due funzioni f : X Y e g : Y Z. Risulta naturale considerare la funzione h : X Z definita come: f seguita da g. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 18 / 50

49 Consideriamo ora funzioni reali di variabile reale. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 19 / 50

50 Consideriamo ora funzioni reali di variabile reale. Date due funzioni f : A R e g : B R. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 19 / 50

51 Consideriamo ora funzioni reali di variabile reale. Date due funzioni f : A R e g : B R. Se f (A) B, all elemento x in A si associal l elemento t = f (x) di B e a questo a un elemento si associa y = g(f (x)) di g(b). Ciò porta alla seguente (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 19 / 50

52 Consideriamo ora funzioni reali di variabile reale. Date due funzioni f : A R e g : B R. Se f (A) B, all elemento x in A si associal l elemento t = f (x) di B e a questo a un elemento si associa y = g(f (x)) di g(b). Ciò porta alla seguente Definizione Date due funzioni f : A R e g : B R, con f (A) B, definiamo funzione composta : g f la funzione g f : A R che associa ad x in A il valore g(f (x)). Quindi: (g f )(x) = g(f (x)). (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 19 / 50

53 Calcolo della funzione composta Prima di esaminare qualche esempio, ribadiamo che per calcolare il valore della funzione g f in un punto x di A (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 20 / 50

54 Calcolo della funzione composta Prima di esaminare qualche esempio, ribadiamo che per calcolare il valore della funzione g f in un punto x di A prima si calcola il valore t = f (x) di f in x e successivamente (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 20 / 50

55 Calcolo della funzione composta Prima di esaminare qualche esempio, ribadiamo che per calcolare il valore della funzione g f in un punto x di A prima si calcola il valore t = f (x) di f in x e successivamente si calcola il valore g(t) di g in t. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 20 / 50

56 Calcolo della funzione composta Prima di esaminare qualche esempio, ribadiamo che per calcolare il valore della funzione g f in un punto x di A prima si calcola il valore t = f (x) di f in x e successivamente si calcola il valore g(t) di g in t. Operiamo cioè al seguente modo: per ottenere la legge x g(f (x)), operiamo: (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 20 / 50

57 Calcolo della funzione composta Prima di esaminare qualche esempio, ribadiamo che per calcolare il valore della funzione g f in un punto x di A prima si calcola il valore t = f (x) di f in x e successivamente si calcola il valore g(t) di g in t. Operiamo cioè al seguente modo: per ottenere la legge x g(f (x)), operiamo: x f (x) g(f (x)). (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 20 / 50

58 In un certo senso usiamo già la nozione di funzione composta quando applichiamo il teorema di Pitagora per dedurre la lunghezza dell ipotenusa di un triangolo rettangolo di cateti 1 e x. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 21 / 50

59 In un certo senso usiamo già la nozione di funzione composta quando applichiamo il teorema di Pitagora per dedurre la lunghezza dell ipotenusa di un triangolo rettangolo di cateti 1 e x. Dapprima consideriamo la funzione f (x) = 1 + x 2 cioè la funzione che prende un numero reale ne considera il quadrato e somma il quadrato di 1 (questa funzione f associa alla lunghezza del cateto x l area del quadrato sull ipotenusa) (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 21 / 50

60 In un certo senso usiamo già la nozione di funzione composta quando applichiamo il teorema di Pitagora per dedurre la lunghezza dell ipotenusa di un triangolo rettangolo di cateti 1 e x. Dapprima consideriamo la funzione f (x) = 1 + x 2 cioè la funzione che prende un numero reale ne considera il quadrato e somma il quadrato di 1 (questa funzione f associa alla lunghezza del cateto x l area del quadrato sull ipotenusa) mentre g(x) = x (cioè la funzione che prende un numero reale positivo o nullo e ne fa la radice quadrata,ovvero all area di un quadrato associa il lato), La funzione composta, ossia la funzione che associa alla lunghezza del cateto la lunghezza dell ipotenusa è data da (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 21 / 50

61 In un certo senso usiamo già la nozione di funzione composta quando applichiamo il teorema di Pitagora per dedurre la lunghezza dell ipotenusa di un triangolo rettangolo di cateti 1 e x. Dapprima consideriamo la funzione f (x) = 1 + x 2 cioè la funzione che prende un numero reale ne considera il quadrato e somma il quadrato di 1 (questa funzione f associa alla lunghezza del cateto x l area del quadrato sull ipotenusa) mentre g(x) = x (cioè la funzione che prende un numero reale positivo o nullo e ne fa la radice quadrata,ovvero all area di un quadrato associa il lato), La funzione composta, ossia la funzione che associa alla lunghezza del cateto la lunghezza dell ipotenusa è data da (g f )(x) = g(1 + x 2 ) = 1 + x 2 (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 21 / 50

62 Esempio Consideriamo le funzioni: f (x) = 3x e g(x) = x + 3 Calcoliamo (g f )( 1), (f g)( 1),(g f )(x),(f g)(x),(g g)(x) (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 22 / 50

63 Esempio Consideriamo le funzioni: f (x) = 3x e g(x) = x + 3 Calcoliamo (g f )( 1), (f g)( 1),(g f )(x),(f g)(x),(g g)(x) Si ha f,g : R R, f (R) = [6,+ ) B = R, (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 22 / 50

64 Esempio Consideriamo le funzioni: f (x) = 3x e g(x) = x + 3 Calcoliamo (g f )( 1), (f g)( 1),(g f )(x),(f g)(x),(g g)(x) Si ha f,g : R R, f (R) = [6,+ ) B = R, quindi g f, f g e g g sono definite su tutto R (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 22 / 50

65 Esempio Consideriamo le funzioni: f (x) = 3x e g(x) = x + 3 Calcoliamo (g f )( 1), (f g)( 1),(g f )(x),(f g)(x),(g g)(x) Si ha f,g : R R, f (R) = [6,+ ) B = R, quindi g f, f g e g g sono definite su tutto R f ( 1) = 3( 1) = 9 e g(9) = = 6,pertanto (g f )( 1) = 6 (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 22 / 50

66 Esempio Consideriamo le funzioni: f (x) = 3x e g(x) = x + 3 Calcoliamo (g f )( 1), (f g)( 1),(g f )(x),(f g)(x),(g g)(x) Si ha f,g : R R, f (R) = [6,+ ) B = R, quindi g f, f g e g g sono definite su tutto R f ( 1) = 3( 1) = 9 e g(9) = = 6,pertanto (g f )( 1) = 6 g( 1) = ( 1) + 3 = 4 e f (4) = 3(4) = 54 pertanto (f g)( 1) = 54. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 22 / 50

67 Esempio Consideriamo le funzioni: f (x) = 3x e g(x) = x + 3 Calcoliamo (g f )( 1), (f g)( 1),(g f )(x),(f g)(x),(g g)(x) Si ha f,g : R R, f (R) = [6,+ ) B = R, quindi g f, f g e g g sono definite su tutto R f ( 1) = 3( 1) = 9 e g(9) = = 6,pertanto (g f )( 1) = 6 g( 1) = ( 1) + 3 = 4 e f (4) = 3(4) = 54 pertanto (f g)( 1) = 54. la funzione composta g f è definita da (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 22 / 50

68 Esempio Consideriamo le funzioni: f (x) = 3x e g(x) = x + 3 Calcoliamo (g f )( 1), (f g)( 1),(g f )(x),(f g)(x),(g g)(x) Si ha f,g : R R, f (R) = [6,+ ) B = R, quindi g f, f g e g g sono definite su tutto R f ( 1) = 3( 1) = 9 e g(9) = = 6,pertanto (g f )( 1) = 6 g( 1) = ( 1) + 3 = 4 e f (4) = 3(4) = 54 pertanto (f g)( 1) = 54. la funzione composta g f è definita da (g f ) (x) = g(3x 2 + 6) = (3x 2 + 6) + 3 = 3x 2 3 (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 22 / 50

69 Esempio Consideriamo le funzioni: f (x) = 3x e g(x) = x + 3 Calcoliamo (g f )( 1), (f g)( 1),(g f )(x),(f g)(x),(g g)(x) Si ha f,g : R R, f (R) = [6,+ ) B = R, quindi g f, f g e g g sono definite su tutto R f ( 1) = 3( 1) = 9 e g(9) = = 6,pertanto (g f )( 1) = 6 g( 1) = ( 1) + 3 = 4 e f (4) = 3(4) = 54 pertanto (f g)( 1) = 54. la funzione composta g f è definita da (g f ) (x) = g(3x 2 + 6) = (3x 2 + 6) + 3 = 3x 2 3 (f g)(x) = f ( x + 3) = 3( x + 3) = 3x 2 18x + 33 (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 22 / 50

70 Esempio Consideriamo le funzioni: f (x) = 3x e g(x) = x + 3 Calcoliamo (g f )( 1), (f g)( 1),(g f )(x),(f g)(x),(g g)(x) Si ha f,g : R R, f (R) = [6,+ ) B = R, quindi g f, f g e g g sono definite su tutto R f ( 1) = 3( 1) = 9 e g(9) = = 6,pertanto (g f )( 1) = 6 g( 1) = ( 1) + 3 = 4 e f (4) = 3(4) = 54 pertanto (f g)( 1) = 54. la funzione composta g f è definita da (g f ) (x) = g(3x 2 + 6) = (3x 2 + 6) + 3 = 3x 2 3 (f g)(x) = f ( x + 3) = 3( x + 3) = 3x 2 18x + 33 (g g)(x) = g( x + 3) = ( x + 3) + 3 = x (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 22 / 50

71 Si noti che g f è diverso da f g; questo significa che la composizioni di funzioni non è commutativa, (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 23 / 50

72 Si noti che g f è diverso da f g; questo significa che la composizioni di funzioni non è commutativa, vale invece la proprietà associativa, ossia h (g f ) = (h g) f. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 23 / 50

73 Dominio per la composizione di funzioni Consideriamo le due funzioni f (x) = 2 x 2 e g(x) = x. Possiamo sempre fare (g f )(x)? (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 24 / 50

74 Dominio per la composizione di funzioni Consideriamo le due funzioni f (x) = 2 x 2 e g(x) = x. Possiamo sempre fare (g f )(x)? E se lo possiamo fare, qual è il dominio di questa funzione composta? (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 24 / 50

75 Dominio per la composizione di funzioni Consideriamo le due funzioni f (x) = 2 x 2 e g(x) = x. Possiamo sempre fare (g f )(x)? E se lo possiamo fare, qual è il dominio di questa funzione composta? La funzione f è ha R come dominio. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 24 / 50

76 Dominio per la composizione di funzioni Consideriamo le due funzioni f (x) = 2 x 2 e g(x) = x. Possiamo sempre fare (g f )(x)? E se lo possiamo fare, qual è il dominio di questa funzione composta? La funzione f è ha R come dominio. La funzione composta è data da (g f ) (x) = g(f (x)) = g(2 x 2 ) = 2 x 2 e quindi per poterla calcolare devo assicurarmi che l argomento della radice sia maggiore o uguale a zero. Quindi dobbiamo prendere in considerazione solamente l insieme: {x R : 2 x 2 0} = [ 2, 2]. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 24 / 50

77 Dominio per la composizione di funzioni Consideriamo le due funzioni f (x) = 2 x 2 e g(x) = x. Possiamo sempre fare (g f )(x)? E se lo possiamo fare, qual è il dominio di questa funzione composta? La funzione f è ha R come dominio. La funzione composta è data da (g f ) (x) = g(f (x)) = g(2 x 2 ) = 2 x 2 e quindi per poterla calcolare devo assicurarmi che l argomento della radice sia maggiore o uguale a zero. Quindi dobbiamo prendere in considerazione solamente l insieme: {x R : 2 x 2 0} = [ 2, 2]. In sostanza, nonostante f abbia R come dominio, il fatto che poi si debba applicare la funzione g (il cui dominio è più piccolo dell immagine di f ) obbliga a restringere il dominio di f per potere applicare la funzione g. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 24 / 50

78 Dominio per la composizione di funzioni Consideriamo le due funzioni f (x) = 2 x 2 e g(x) = x. Possiamo sempre fare (g f )(x)? E se lo possiamo fare, qual è il dominio di questa funzione composta? La funzione f è ha R come dominio. La funzione composta è data da (g f ) (x) = g(f (x)) = g(2 x 2 ) = 2 x 2 e quindi per poterla calcolare devo assicurarmi che l argomento della radice sia maggiore o uguale a zero. Quindi dobbiamo prendere in considerazione solamente l insieme: {x R : 2 x 2 0} = [ 2, 2]. In sostanza, nonostante f abbia R come dominio, il fatto che poi si debba applicare la funzione g (il cui dominio è più piccolo dell immagine di f ) obbliga a restringere il dominio di f per potere applicare la funzione g. In conclusione,il dominio della funzione composta g f è dom( g f ) = {x dom f : f (x) dom g} (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 24 / 50

79 Esempio Consideriamo le funzioni: f (x) = x, definita in A = [0,+ ) e g(x) = x 1,definita in tutto R. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 25 / 50

80 Esempio Consideriamo le funzioni: f (x) = x, definita in A = [0,+ ) e g(x) = x 1,definita in tutto R. f (A) = [0,+ ) R e la funzione composta g f è definita da (g f )(x) = g( x) = x 1 = x 1. D altra parte la funzione f g non esiste per nessun valore reale di x, poiché l immagine di g è (, 1] e non ha nessun punto in comune con il dominio [0,+ )di f. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 25 / 50

81 Gli esempi che seguono mostrano come individuare le funzioni componenti di una funzione composta. In qualche caso c è un solo modo di scomporre una funzione, in altri no. Se si scompone una funzione per poter fare su di essa dei conti (ad esempio, ricerca dell insieme di definizione o, come vedremo negli argomenti successivi, calcolo di limiti o derivate) si favoriscono le scomposizioni più semplici. In qualche caso invece una scomposizione apparentemente più complicata può aiutare a vedere meglio particolari proprietà o evidenziare una particolare costruzione. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 26 / 50

82 Esempi La funzione F(x) = x 1 si può descrivere solo come segue: (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 27 / 50

83 Esempi La funzione F(x) = x 1 si può descrivere solo come segue: prendi un qualunque numero reale x 1: ad esso sottrai 1; poi calcola la radice quadrata del risultato. In simboli: x ( ) 1 x 1 x 1 e quindi si può vedere come la funzione composta (g f )(x) = g(f (x)) con f (x) = x 1, g(t) = t. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 27 / 50

84 La funzione F(x) = 3(x 2) + 1,che si può leggere come: al triplo della differenza tra x e 2 aggiungi 1, è ottenuta attraverso i seguenti 3 passaggi: x ( ) 2 x 2 3( ) 3(x 2) ( )+1 3(x 2) + 1 e quindi è la funzione composta (h g f )(x) = h(g(f (x))) con f (x) = x 2, g(t) = 3t, h(z) = z + 1. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 28 / 50

85 La funzione F(x) = 3(x 2) + 1,che si può leggere come: al triplo della differenza tra x e 2 aggiungi 1, è ottenuta attraverso i seguenti 3 passaggi: x ( ) 2 x 2 3( ) 3(x 2) ( )+1 3(x 2) + 1 e quindi è la funzione composta (h g f )(x) = h(g(f (x))) con f (x) = x 2, g(t) = 3t, h(z) = z + 1. Ma la stessa funzione si riscrive F(x) = 3x 5 e si può dunque ottenere facendo solo i seguenti due passaggi: x 3( ) 3x ( ) 5 3x 5 e quindi si può vedere come la funzione composta (g f )(x) = g(f (x)) con f (x) = 3x,g(t) = t 5. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 28 / 50

86 FUNZIONI SIMMETRICHE Sia A R simmetrico rispetto all origine: questo significa che se x A, allora x A (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 29 / 50

87 FUNZIONI SIMMETRICHE Sia A R simmetrico rispetto all origine: questo significa che se x A, allora x A Definizione Una funzione f : A R si dice pari se: f ( x) = f (x), per ogni x A. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 29 / 50

88 FUNZIONI SIMMETRICHE Sia A R simmetrico rispetto all origine: questo significa che se x A, allora x A Definizione Una funzione f : A R si dice pari se: f ( x) = f (x), per ogni x A. Una funzione f : A R si dice dispari se f ( x) = f (x), per ogni x A. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 29 / 50

89 Grafici di funzioni simmetriche (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 30 / 50

90 Grafici di funzioni simmetriche Una funzione pari ha il grafico è simmetrico rispetto all asse delle ordinate. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 30 / 50

91 Grafici di funzioni simmetriche Una funzione pari ha il grafico è simmetrico rispetto all asse delle ordinate. Ad esempio le funzioni f (x) = x 2,x 4,...,x 2k definite su R, sono pari. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 30 / 50

92 Grafici di funzioni simmetriche Una funzione pari ha il grafico è simmetrico rispetto all asse delle ordinate. Ad esempio le funzioni f (x) = x 2,x 4,...,x 2k definite su R, sono pari. Una funzione dispari ha il grafico è simmetrico rispetto all origine degli assi. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 30 / 50

93 Grafici di funzioni simmetriche Una funzione pari ha il grafico è simmetrico rispetto all asse delle ordinate. Ad esempio le funzioni f (x) = x 2,x 4,...,x 2k definite su R, sono pari. Una funzione dispari ha il grafico è simmetrico rispetto all origine degli assi. Ad esempio le funzioni f (x) = x 3 x 5,...,x 2k+1 definite su R, sono dispari. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 30 / 50

94 grafici di funzioni per simmetria Considerata la funzione g(x) = x,e data una funzione f : A R, si possono considerare le composizioni: g f : A R f g : A R. dove A = { x : x A} (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 31 / 50

95 grafici di funzioni per simmetria Considerata la funzione g(x) = x,e data una funzione f : A R, si possono considerare le composizioni: g f : A R f g : A R. dove A = { x : x A} Si avrà (g f )(x) = g(f (x)) = f (x) (f g)(x) = f (g(x)) = f ( x) (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 31 / 50

96 grafici di funzioni per simmetria Considerata la funzione g(x) = x,e data una funzione f : A R, si possono considerare le composizioni: g f : A R f g : A R. dove A = { x : x A} Si avrà (g f )(x) = g(f (x)) = f (x) (f g)(x) = f (g(x)) = f ( x) Costruiamo i due grafici supponendo di conoscere il grafico di f. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 31 / 50

97 grafici di funzioni per simmetria Considerata la funzione g(x) = x,e data una funzione f : A R, si possono considerare le composizioni: g f : A R f g : A R. dove A = { x : x A} Si avrà (g f )(x) = g(f (x)) = f (x) (f g)(x) = f (g(x)) = f ( x) Costruiamo i due grafici supponendo di conoscere il grafico di f. Il grafico di f (x) è il simmetrico al grafico di f rispetto all asse delle ascisse. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 31 / 50

98 grafici di funzioni per simmetria Considerata la funzione g(x) = x,e data una funzione f : A R, si possono considerare le composizioni: g f : A R f g : A R. dove A = { x : x A} Si avrà (g f )(x) = g(f (x)) = f (x) (f g)(x) = f (g(x)) = f ( x) Costruiamo i due grafici supponendo di conoscere il grafico di f. Il grafico di f (x) è il simmetrico al grafico di f rispetto all asse delle ascisse. Il grafico di f ( x) è il simmetrico del grafico di f rispetto all asse delle ordinate. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 31 / 50

99 Esempo f 1 (x) = 2 + x e f 2 (x) = x (rosso) allora f 1 (x) = 2 x e f 2 (x) = x (verde) mentre f 1 ( x) = 2 x e f 2 ( x) = x (bleu) (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 32 / 50

100 grafici di funzioni per translazioni Considerata la funzione g(x) = x + c, data una funzione f : A R, si possono considerare le composizioni: g f : A R f g : A R dove A = {y : y + c A} = {x c : x A} (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 33 / 50

101 grafici di funzioni per translazioni Considerata la funzione g(x) = x + c, data una funzione f : A R, si possono considerare le composizioni: g f : A R f g : A R dove A = {y : y + c A} = {x c : x A} Si avrà che (g f )(x) = g(f (x)) = f (x) + c, mentre (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 33 / 50

102 grafici di funzioni per translazioni Considerata la funzione g(x) = x + c, data una funzione f : A R, si possono considerare le composizioni: g f : A R f g : A R dove A = {y : y + c A} = {x c : x A} Si avrà che (g f )(x) = g(f (x)) = f (x) + c, mentre (f g)(x) = f (g(x)) = f (x + c) (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 33 / 50

103 grafici di funzioni per translazioni Considerata la funzione g(x) = x + c, data una funzione f : A R, si possono considerare le composizioni: g f : A R f g : A R dove A = {y : y + c A} = {x c : x A} Si avrà che (g f )(x) = g(f (x)) = f (x) + c, mentre (f g)(x) = f (g(x)) = f (x + c) Costruiamo i due grafici supponendo di conoscere il grafico di f (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 33 / 50

104 grafici di funzioni per translazioni Considerata la funzione g(x) = x + c, data una funzione f : A R, si possono considerare le composizioni: g f : A R f g : A R dove A = {y : y + c A} = {x c : x A} Si avrà che (g f )(x) = g(f (x)) = f (x) + c, mentre (f g)(x) = f (g(x)) = f (x + c) Costruiamo i due grafici supponendo di conoscere il grafico di f Il grafico di f (x) + c è il il grafico di f translato nella direzione dell asse delle ordinate di c. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 33 / 50

105 grafici di funzioni per translazioni Considerata la funzione g(x) = x + c, data una funzione f : A R, si possono considerare le composizioni: g f : A R f g : A R dove A = {y : y + c A} = {x c : x A} Si avrà che (g f )(x) = g(f (x)) = f (x) + c, mentre (f g)(x) = f (g(x)) = f (x + c) Costruiamo i due grafici supponendo di conoscere il grafico di f Il grafico di f (x) + c è il il grafico di f translato nella direzione dell asse delle ordinate di c. Il grafico di f (x + c) è il il grafico di f translato nella direzione dell asse delle ascisse di c. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 33 / 50

106 Per esempio,sia e f (x) = x (rosso) e c 1 = 2, c 1 = 3 allora f(x) + 2 = x + 2 e f(x) 3 = x 3 (bleu) mentre f(x + 2) = x + 2 e f ( x 3) = x 3 (verde) (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 34 / 50

107 Grafici di funzioni con valore assoluto Considerata la funzione g(x) = x, e una funzione f : A R, si possono considerare le composizioni: g f : A R f g : A A R. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 35 / 50

108 Grafici di funzioni con valore assoluto Considerata la funzione g(x) = x, e una funzione f : A R, si possono considerare le composizioni: g f : A R f g : A A R. Si avrà che (g f )(x) = g(f (x)) = f (x), mentre (f g)(x) = f (g(x)) = f ( x ) Costruiamo { i due grafici supponendo di conoscere il grafico di f f (x) se f (x) 0 f (x) = f (x) se f (x) < 0 Il grafico di f (x) si ottiene dunque lasciando invariato il grafico di f che si trova nel primo e secondo quadrante, perchè in questo caso, essendo f (x) 0 f (x) = f (x). Quindi, per i punti in cui il grafico di f si trova nel terzo e quarto quadrante, si ha f (x) 0 e f (x) = f (x) pertanto si sostituisce il grafico di f in questi quadranti con il suo simmetrico rispetto all asse delle ascisse. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 35 / 50

109 Il grafico di f ( x ) è il simmetrico all asse delle ordinate essendo f ( x ) una funzione pari. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 36 / 50

110 Il grafico di f ( x ) è il simmetrico all asse delle ordinate essendo f ( x ) una funzione pari. { f (x) se x 0 f ( x ) = f ( x) se x < 0 Quindi per ottenere il grafico di f ( x ) si lascia invariato il grafico di f per x 0 e si simmetrizza questo grafico rispetto all asse delle ordinate per x < 0. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 36 / 50

111 Per esempio { siano f (x) = x 2 + x + 2 = (1 + x)(2 x) (rosso ) allora x f (x) = 2 + x + 2 se 1 x 2 x 2 x 2 se x < 1,x > 2 (bleu) { x mentre f ( x ) = 2 + x + 2 se x 0 x 2 x + 2 se x < 0 (verde) (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 37 / 50

112 FUNZIONI PERIODICHE Una funzione f : A R si dice periodica se esiste T R tale che f (x) = f (x + T),per ogni x A (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 38 / 50

113 FUNZIONI PERIODICHE Una funzione f : A R si dice periodica se esiste T R tale che f (x) = f (x + T),per ogni x A Il più piccolo numero reale positivo per cui è valida la relazione precedente è detto periodo di f. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 38 / 50

114 FUNZIONI PERIODICHE Una funzione f : A R si dice periodica se esiste T R tale che f (x) = f (x + T),per ogni x A Il più piccolo numero reale positivo per cui è valida la relazione precedente è detto periodo di f. Ad esempio le funzioni f (x) = sinx; f (x) = cosx e f (x) = tanx = sinx cosx sono periodiche. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 38 / 50

115 FUNZIONI PERIODICHE Una funzione f : A R si dice periodica se esiste T R tale che f (x) = f (x + T),per ogni x A Il più piccolo numero reale positivo per cui è valida la relazione precedente è detto periodo di f. Ad esempio le funzioni f (x) = sinx; f (x) = cosx e f (x) = tanx = sinx cosx sono periodiche. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 38 / 50

116 Il periodo di f (x) = sinx (blu) e f (x) = cosx (rosso) è 2π (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 39 / 50

117 Il periodo di f (x) = sinx (blu) e f (x) = cosx (rosso) è 2π (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 39 / 50

118 Il periodo di f (x) = sinx (blu) e f (x) = cosx (rosso) è 2π Il periodo di f (x) = tanx è π (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 39 / 50

119 FUNZIONE INVERSA Sia f : A R una funzione iniettiva, allora per ogni elemento y di f (A) c è un solo x in A tale che risulti y = f (x) Si può definire allora una funzione g : f (A) A R ponendo, per ogni y di f (A), g(y) = x f (x) = y. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 40 / 50

120 FUNZIONE INVERSA Sia f : A R una funzione iniettiva, allora per ogni elemento y di f (A) c è un solo x in A tale che risulti y = f (x) Si può definire allora una funzione g : f (A) A R ponendo, per ogni y di f (A), g(y) = x f (x) = y. La funzione così definita è tale che per ogni x A si ha g(f (x)) = x e per ogni y f (A) si ha f (g(y)) = y: per questo di solito si indica con f 1. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 40 / 50

121 FUNZIONE INVERSA Sia f : A R una funzione iniettiva, allora per ogni elemento y di f (A) c è un solo x in A tale che risulti y = f (x) Si può definire allora una funzione g : f (A) A R ponendo, per ogni y di f (A), g(y) = x f (x) = y. La funzione così definita è tale che per ogni x A si ha g(f (x)) = x e per ogni y f (A) si ha f (g(y)) = y: per questo di solito si indica con f 1. Definizione Sia f : A R una funzione iniettiva. La funzione f 1 : f (A) R definita ponendo per ogni y f (A) si chiama funzione inversa di f. f 1 (y) = x f (x) = y (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 40 / 50

122 Si ha quindi che, per ogni x A: x f f (x) f 1 f 1 (f (x)) = x (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 41 / 50

123 Si ha quindi che, per ogni x A: x f f (x) f 1 f 1 (f (x)) = x e per ogni y f (A) si ha y f 1 f 1 (y) f f (f 1 (y)) = y (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 41 / 50

124 Si ha quindi che, per ogni x A: x f f (x) f 1 f 1 (f (x)) = x e per ogni y f (A) si ha y f 1 f 1 (y) f f (f 1 (y)) = y Non sempre, anche se esiste, si può ricavare esplicitamente la funzione inversa. Nel caso dell esempio che segue è possibile: basta scrivere f (x) = y risolvere questa come un equazione in x cioè ricavare la x in funzione di y. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 41 / 50

125 Esempio Si consideri la funzione f : R R f (x) = 2x + 3. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 42 / 50

126 Esempio Si consideri la funzione f : R R f (x) = 2x + 3. f è iniettiva. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 42 / 50

127 Esempio Si consideri la funzione f : R R f (x) = 2x + 3. f è iniettiva. Quindi poniamo y = 2x + 3, ; otteniamo x = 1 2 y 3 2. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 42 / 50

128 Esempio Si consideri la funzione f : R R f (x) = 2x + 3. f è iniettiva. Quindi poniamo y = 2x + 3, ; otteniamo x = 1 2 y 3 2. Pertanto f 1 (y) = 1 2 y 3 2. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 42 / 50

129 Esempio Si consideri la funzione f : R R f (x) = 2x + 3. f è iniettiva. Quindi poniamo y = 2x + 3, ; otteniamo x = 1 2 y 3 2. Pertanto f 1 (y) = 1 2 y 3 2. verifichiamo che la funzione trovata è effettivamente l inversa di f (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 42 / 50

130 Esempio Si consideri la funzione f : R R f (x) = 2x + 3. f è iniettiva. Quindi poniamo y = 2x + 3, ; otteniamo x = 1 2 y 3 2. Pertanto f 1 (y) = 1 2 y 3 2. verifichiamo che la funzione trovata è effettivamente l inversa di f f 1 (f (x)) = f 1 (2x + 3) = 1 2 (2x + 3) 3 2 = x = x (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 42 / 50

131 Esempio Si consideri la funzione f : R R f (x) = 2x + 3. f è iniettiva. Quindi poniamo y = 2x + 3, ; otteniamo x = 1 2 y 3 2. Pertanto f 1 (y) = 1 2 y 3 2. verifichiamo che la funzione trovata è effettivamente l inversa di f f 1 (f (x)) = f 1 (2x + 3) = 1 2 (2x + 3) 3 2 = x = x f (f 1 (y)) = f ( 1 2 y 3 2 ) = 2( 1 2 y 3 2 ) + 3 = y = y (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 42 / 50

132 (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 43 / 50

133 Anche la funzione f (x) = x 3 è iniettiva e la sua immagine è R (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 44 / 50

134 Anche la funzione f (x) = x 3 è iniettiva e la sua immagine è R La sua funzione inversa si chiama radice cubica e si indica f 1 (y) = 3 y (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 44 / 50

135 Anche la funzione f (x) = x 3 è iniettiva e la sua immagine è R La sua funzione inversa si chiama radice cubica e si indica f 1 (y) = 3 y 3 Si ha quindi x 3 = x, mentre ( 3 y) 3 = y o ricordando che le variabili di una funzione sono mute ( 3 x) 3 = x. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 44 / 50

136 Anche la funzione f (x) = x 3 è iniettiva e la sua immagine è R La sua funzione inversa si chiama radice cubica e si indica f 1 (y) = 3 y 3 Si ha quindi x 3 = x, mentre ( 3 y) 3 = y o ricordando che le variabili di una funzione sono mute ( 3 x) 3 = x. A questo proposito si osservi che la variabile della funzione inversa e anche di quella diretta può essere espressa da qualunque lettera, dunque la funzione inversa dell esempio precedente può essere scritta come f 1 (x) = 1 2 x 3 2, mentre la funzione inversa di f (x) = x3 può essere scritta f 1 (x) = 3 x (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 44 / 50

137 Abbiamo già visto che f (x) = x 2 non è iniettiva se si prende come dominio tutto R. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 45 / 50

138 Abbiamo già visto che f (x) = x 2 non è iniettiva se si prende come dominio tutto R. Lo diventa però se si restringe il dominio a [0,+ ): (verificarlo sul grafico) (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 45 / 50

139 Abbiamo già visto che f (x) = x 2 non è iniettiva se si prende come dominio tutto R. Lo diventa però se si restringe il dominio a [0,+ ): (verificarlo sul grafico) Quindi : f (x) = x 2 considerando f : [0,+ ) R è iniettiva e la sua immagine è di nuovo [0,+ ),( f : [0,+ ) [0,+ )) (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 45 / 50

140 Abbiamo già visto che f (x) = x 2 non è iniettiva se si prende come dominio tutto R. Lo diventa però se si restringe il dominio a [0,+ ): (verificarlo sul grafico) Quindi : f (x) = x 2 considerando f : [0,+ ) R è iniettiva e la sua immagine è di nuovo [0,+ ),( f : [0,+ ) [0,+ )) In questo caso f 1 (y) = y. f : [0,+ ) [0,+ ) (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 45 / 50

141 Abbiamo già visto che f (x) = x 2 non è iniettiva se si prende come dominio tutto R. Lo diventa però se si restringe il dominio a [0,+ ): (verificarlo sul grafico) Quindi : f (x) = x 2 considerando f : [0,+ ) R è iniettiva e la sua immagine è di nuovo [0,+ ),( f : [0,+ ) [0,+ )) In questo caso f 1 (y) = y. f : [0,+ ) [0,+ ) Si può fare lo stesso ragionamento anche se x 0: ma in questo caso la soluzione è f 1 (y) = y, quindi l inversa della funzione f (x) = x 2 f : (,0] R è f 1 (y) = y. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 45 / 50

142 Grafico delle funzioni inverse Per quanto riguarda il grafico della funzione f 1, osserviamo che un punto P = (t,s) appartiene al grafico di f 1 se e solo se s = f 1 (t); (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 46 / 50

143 Grafico delle funzioni inverse Per quanto riguarda il grafico della funzione f 1, osserviamo che un punto P = (t,s) appartiene al grafico di f 1 se e solo se s = f 1 (t); questo è equivalente ad affermare che f (s) = t cioè P 0 = (s,t) appartiene al grafico di f. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 46 / 50

144 Grafico delle funzioni inverse Per quanto riguarda il grafico della funzione f 1, osserviamo che un punto P = (t,s) appartiene al grafico di f 1 se e solo se s = f 1 (t); questo è equivalente ad affermare che f (s) = t cioè P 0 = (s,t) appartiene al grafico di f. P = (t,s) G(f 1 ) P 0 = (s,t) G(f ), (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 46 / 50

145 Grafico delle funzioni inverse Per quanto riguarda il grafico della funzione f 1, osserviamo che un punto P = (t,s) appartiene al grafico di f 1 se e solo se s = f 1 (t); questo è equivalente ad affermare che f (s) = t cioè P 0 = (s,t) appartiene al grafico di f. P = (t,s) G(f 1 ) P 0 = (s,t) G(f ), ciò significa che ogni punto P del grafico di f 1 si ottiene da un punto P 0 del grafico di f scambiando le coordinate. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 46 / 50

146 Grafico delle funzioni inverse Per quanto riguarda il grafico della funzione f 1, osserviamo che un punto P = (t,s) appartiene al grafico di f 1 se e solo se s = f 1 (t); questo è equivalente ad affermare che f (s) = t cioè P 0 = (s,t) appartiene al grafico di f. P = (t,s) G(f 1 ) P 0 = (s,t) G(f ), ciò significa che ogni punto P del grafico di f 1 si ottiene da un punto P 0 del grafico di f scambiando le coordinate. Scambiare le coordinate di un punto nel piano equivale ad operare una simmetria rispetto alla bisettrice del primo-terzo quadrante. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 46 / 50

147 Grafico delle funzioni inverse Per quanto riguarda il grafico della funzione f 1, osserviamo che un punto P = (t,s) appartiene al grafico di f 1 se e solo se s = f 1 (t); questo è equivalente ad affermare che f (s) = t cioè P 0 = (s,t) appartiene al grafico di f. P = (t,s) G(f 1 ) P 0 = (s,t) G(f ), ciò significa che ogni punto P del grafico di f 1 si ottiene da un punto P 0 del grafico di f scambiando le coordinate. Scambiare le coordinate di un punto nel piano equivale ad operare una simmetria rispetto alla bisettrice del primo-terzo quadrante. Di conseguenza il grafico di f 1 è simmetrico del grafico di f rispetto alla bisettrice del primo-terzo quadrante. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 46 / 50

148 L idea è illustrata in ciascuna delle due figure sottostanti accostando i grafici di f (rossa) e di f 1 (verde). In particolare nella prima figura sono rappresentati i grafici di f (x) = 2x + 3 e di f 1 (x) = 1 2 x 3 2. (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 47 / 50

149 Disegniamo anche i grafici di delle potenze e delle radici sopra illustrate f : [0,+ ) [0,+ ) f (x) = x 2 (rossa) e f 1 (x) = x (verde) (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 48 / 50

150 f : (,0] [0,+ ) f (x) = x 2 (rossa) e f 1 (x) = x (verde) (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 49 / 50

151 f (x) = x 3 (rossa) e f 1 (x) = 3 x(verde) f : R R e f 1 : R R (Università di Bologna) Funzioni reali di variabile reale 50 / 50

FUNZIONI E LORO PROPRIETÀ. V CLASSICO a. s. 2015-2016 prof. ssadelfino M. G.

FUNZIONI E LORO PROPRIETÀ. V CLASSICO a. s. 2015-2016 prof. ssadelfino M. G. FUNZIONI E LORO PROPRIETÀ 1 V CLASSICO a. s. 2015-2016 prof. ssadelfino M. G. A1 DEFINIZIONE DI FUNZIONE 2 Diapositiva 2 A1 Autore; 08/09/2015 DEFINIZIONE DI FUNZIONE X Y E una funzione! g a b c d e f.1.2.3.4

Dettagli

Lezione 16: La funzione modulo. La composizione

Lezione 16: La funzione modulo. La composizione Lezione 16: La funzione modulo. La composizione Nelle prossime lezioni richiameremo un po di funzioni elementari insieme ad alcune proprietà generali delle funzioni. Prima di cominciare introduciamo una

Dettagli

Funzioni elementari: funzioni potenza

Funzioni elementari: funzioni potenza Funzioni elementari: funzioni potenza Lezione per Studenti di Agraria Università di Bologna (Università di Bologna) Funzioni elementari: funzioni potenza 1 / 36 Funzioni lineari Come abbiamo già visto,

Dettagli

Funzioni implicite - Esercizi svolti

Funzioni implicite - Esercizi svolti Funzioni implicite - Esercizi svolti Esercizio. È data la funzione di due variabili F (x, y) = y(e y + x) log x. Verificare che esiste un intorno I in R del punto di ascissa x 0 = sul quale è definita

Dettagli

Geometria Analitica Domande e Risposte

Geometria Analitica Domande e Risposte Geometria Analitica Domande e Risposte A. Il Piano Cartesiano. Qual è la formula della distanza tra due punti nel piano cartesiano? Per calcolare la formula della distanza tra due punti nel piano cartesiano

Dettagli

Problema ( ) = 0,!

Problema ( ) = 0,! Domanda. Problema ( = sen! x ( è! Poiché la funzione seno è periodica di periodo π, il periodo di g x! = 4. Studio di f. La funzione è pari, quindi il grafico è simmetrico rispetto all asse y. È sufficiente

Dettagli

x 1 Fig.1 Il punto P = P =

x 1 Fig.1 Il punto P = P = Geometria di R 2 In questo paragrafo discutiamo le proprietà geometriche elementari del piano Per avere a disposizione delle coordinate nel piano, fissiamo un punto, che chiamiamo l origine Scegliamo poi

Dettagli

EQUAZIONE DELLA RETTA

EQUAZIONE DELLA RETTA EQUAZIONE DELLA RETTA EQUAZIONE DEGLI ASSI L equazione dell asse x è 0. L equazione dell asse y è 0. EQUAZIONE DELLE RETTE PARALLELE AGLI ASSI L equazione di una retta r parallela all asse x è cioè è uguale

Dettagli

a) Determinare il dominio, i limiti agli estremi del dominio e gli eventuali asintoti di f. Determinare inoltre gli zeri di f e studiarne il segno.

a) Determinare il dominio, i limiti agli estremi del dominio e gli eventuali asintoti di f. Determinare inoltre gli zeri di f e studiarne il segno. 1 ESERCIZI CON SOLUZIONE DETTAGLIATA Esercizio 1. Si consideri la funzione f(x) = e x 3e x +. a) Determinare il dominio, i limiti agli estremi del dominio e gli eventuali asintoti di f. Determinare inoltre

Dettagli

Piano cartesiano e Retta

Piano cartesiano e Retta Piano cartesiano e Retta 1 Piano cartesiano e Retta 1. Richiami sul piano cartesiano 2. Richiami sulla distanza tra due punti 3. Richiami punto medio di un segmento 4. La Retta (funzione lineare) 5. L

Dettagli

FUNZIONI ELEMENTARI, DISEQUAZIONI, NUMERI REALI, PRINCIPIO DI INDUZIONE Esercizi risolti

FUNZIONI ELEMENTARI, DISEQUAZIONI, NUMERI REALI, PRINCIPIO DI INDUZIONE Esercizi risolti FUNZIONI ELEMENTARI, DISEQUAZIONI, NUMERI REALI, PRINCIPIO DI INDUZIONE Esercizi risolti Discutendo graficamente la disequazione x > 3 + x, verificare che l insieme delle soluzioni è un intervallo e trovarne

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA 2 LE FUNZIONI

UNITÀ DIDATTICA 2 LE FUNZIONI UNITÀ DIDATTICA LE FUNZIONI. Le funzioni Definizione. Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di R. Si chiama funzione di A in B una qualsiasi legge che fa corrispondere a ogni elemento A uno ed un solo

Dettagli

La retta nel piano cartesiano

La retta nel piano cartesiano La retta nel piano cartesiano Se proviamo a disporre, sul piano cartesiano, una retta vediamo che le sue possibili posizioni sono sei: a) Coincidente con l asse delle y; b) Coincidente con l asse delle

Dettagli

DERIVATE E LORO APPLICAZIONE

DERIVATE E LORO APPLICAZIONE DERIVATE E LORO APPLICAZIONE SIMONE ALGHISI 1. Applicazione del calcolo differenziale 1 Abbiamo visto a lezione che esiste un importante legame tra la continuità di una funzione y = f(x) in un punto x

Dettagli

Esercizi svolti. g(x) = sono una l inversa dell altra. Utilizzare la rappresentazione grafica di f e f 1 per risolvere l equazione f(x) = g(x).

Esercizi svolti. g(x) = sono una l inversa dell altra. Utilizzare la rappresentazione grafica di f e f 1 per risolvere l equazione f(x) = g(x). Esercizi svolti. Discutendo graficamente la disequazione > 3 +, verificare che l insieme delle soluzioni è un intervallo e trovarne gli estremi.. Descrivere in forma elementare l insieme { R : + > }. 3.

Dettagli

FUNZIONI. y Y. Def. L insieme Y è detto codominio di f. Es. Siano X = R, Y = R e f : x y = 1 x associo il suo inverso). (ad un numero reale

FUNZIONI. y Y. Def. L insieme Y è detto codominio di f. Es. Siano X = R, Y = R e f : x y = 1 x associo il suo inverso). (ad un numero reale FUNZIONI Siano X e Y due insiemi. Def. Una funzione f definita in X a valori in Y è una corrispondenza (una legge) che associa ad ogni elemento X al piú un elemento in Y. X Y Def. L insieme Y è detto codominio

Dettagli

Proporzioni, proprietà, risoluzione, proporzionalità diretta e inversa: una proposta didattica innovativa di Luciano Porta

Proporzioni, proprietà, risoluzione, proporzionalità diretta e inversa: una proposta didattica innovativa di Luciano Porta Proporzioni, proprietà, risoluzione, proporzionalità diretta e inversa: una proposta didattica innovativa di Luciano Porta Le proporzioni strutturano il pensiero in modo potente ed elegante per cui sono

Dettagli

FUNZIONI. }, oppure la

FUNZIONI. }, oppure la FUNZIONI 1. Definizioni e prime proprietà Il concetto di funzione è di uso comune per esprimere la seguente situazione: due grandezze variano l una al variare dell altra secondo una certa legge. Ad esempio,

Dettagli

il discriminante uguale a zero; sviluppando i calcoli si ottiene che deve essere

il discriminante uguale a zero; sviluppando i calcoli si ottiene che deve essere Macerata maggio 0 classe M COMPITO DI MATEMATICA RECUPERO ASSENTI QUESITO Considera il fascio di curve di equazione: x y (.) = k + k 6 a) Trova per quali valori di k si hanno delle ellissi. Deve essere

Dettagli

1 Nozioni utili sul piano cartesiano

1 Nozioni utili sul piano cartesiano Nozioni utili sul piano cartesiano Nozioni utili sul piano cartesiano Il piano cartesiano è un sistema di riferimento costituito da due rette perpendicolari (una orizzontale detta asse delle ascisse x

Dettagli

SIMULAZIONE - 29 APRILE QUESITI

SIMULAZIONE - 29 APRILE QUESITI www.matefilia.it SIMULAZIONE - 29 APRILE 206 - QUESITI Q Determinare il volume del solido generato dalla rotazione attorno alla retta di equazione y= della regione di piano delimitata dalla curva di equazione

Dettagli

ELEMENTI di TEORIA degli INSIEMI

ELEMENTI di TEORIA degli INSIEMI ELEMENTI di TEORI degli INSIEMI & 1. Nozioni fondamentali. ssumeremo come primitivi il concetto di insieme e di elementi di un insieme. Nel seguito gli insiemi saranno indicati con lettere maiuscole (,,C,...)

Dettagli

Coordinate Cartesiane nel Piano

Coordinate Cartesiane nel Piano Coordinate Cartesiane nel Piano O = (0,0) origine degli assi x ascissa, y ordinata sistemi monometrici: stessa unità di misura sui due assi x, y sistemi dimetrici: unità di misura diverse sui due assi

Dettagli

determinare le coordinate di P ricordando la relazione che permette di calcolare le coordinate del punto medio di un segmento si

determinare le coordinate di P ricordando la relazione che permette di calcolare le coordinate del punto medio di un segmento si PROBLEMA Determinare il punto simmetrico di P( ;) rispetto alla retta x y =0 Soluzione Il simmetrico di P rispetto ad una retta r è il punto P che appartiene alla retta passante per P, perpendicolare ad

Dettagli

Definizione: Dato un sottoinsieme non vuoti di. Si chiama funzione identica o identità di in sé la funzione tale che.

Definizione: Dato un sottoinsieme non vuoti di. Si chiama funzione identica o identità di in sé la funzione tale che. Esercitazioni di Analisi Matematica Prof.ssa Chiara Broggi Materiale disponibile su www.istitutodefilippi.it/claro Lezione 2: Funzioni reali e loro proprietà Definizione: Siano e due sottoinsiemi non vuoti

Dettagli

Progetto Matematica in Rete - Funzioni - FUNZIONI. f : A B, con A e B insiemi non vuoti, è una legge x A uno e un solo elemento y B

Progetto Matematica in Rete - Funzioni - FUNZIONI. f : A B, con A e B insiemi non vuoti, è una legge x A uno e un solo elemento y B FUNZIONI Deinizione di unzione : una unzione che associa ad ogni elemento : A B, con A e B insiemi non vuoti, è una legge A uno e un solo elemento y B y () y viene chiamato immagine di e indicato anche

Dettagli

DISTANZA TRA DUE PUNTI NEL PIANO CARTESIANO

DISTANZA TRA DUE PUNTI NEL PIANO CARTESIANO Geogebra DISTANZA TRA DUE PUNTI NEL PIANO CARTESIANO 1. Apri il programma Geogebra, assicurati che siano visualizzati gli assi e individua il punto A (0, 0). a. Dove si trova il punto A? b. Individua il

Dettagli

Risposte ai quesiti D E H D

Risposte ai quesiti D E H D Perugia, dic. 2009/gen. 2010 Risposte ai quesiti 1. Dati i quadrati CD e C D, come in figura, provare che la perpendicolare uscente da alla retta DD passa per il punto medio del segmento quale che sia

Dettagli

M.P. Cavaliere ELEMENTI DI MATEMATICA E LOGICA MATEMATICA DISCRETA INSIEMI

M.P. Cavaliere ELEMENTI DI MATEMATICA E LOGICA MATEMATICA DISCRETA INSIEMI M.P. Cavaliere ELEMENTI DI MATEMATICA E LOGICA MATEMATICA DISCRETA INSIEMI Assumiamo come primitivo il concetto di insieme e quello di appartenenza di un elemento a un insieme. La notazione x A indica

Dettagli

Le Derivate. Appunti delle lezioni di matematica di A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri

Le Derivate. Appunti delle lezioni di matematica di A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri Le Derivate Appunti delle lezioni di matematica di A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato durante

Dettagli

Soluzioni dei problemi della maturità scientifica A.S. 2012/2013

Soluzioni dei problemi della maturità scientifica A.S. 2012/2013 Soluzioni dei problemi della maturità scientifica A.S. / Nicola Gigli Sun-Ra Mosconi June, Problema. Il teorema fondamentale del calcolo integrale garantisce che Quindi f (x) = cos x +. f (π) = cos π +

Dettagli

ESERCITAZIONE: ESPONENZIALI E LOGARITMI

ESERCITAZIONE: ESPONENZIALI E LOGARITMI ESERCITAZIONE: ESPONENZIALI E LOGARITMI e-mail: tommei@dm.unipi.it web: www.dm.unipi.it/ tommei Esercizio 1 In una coltura batterica, il numero di batteri triplica ogni ora. Se all inizio dell osservazione

Dettagli

Problemi sulla circonferenza verso l esame di stato

Problemi sulla circonferenza verso l esame di stato Problemi sulla circonferenza verso l esame di stato * * * n. 0 pag. 06 a) Scrivi l equazione della circonferenza γ 1 di centro P ; ) e passante per il punto A0; 1). b) Scrivi l equazione della circonferenza

Dettagli

Geometria analitica di base (seconda parte)

Geometria analitica di base (seconda parte) SAPERE Al termine di questo capitolo, avrai appreso: il concetto di luogo geometrico la definizione di funzione quadratica l interpretazione geometrica di un particolare sistema di equazioni di secondo

Dettagli

Liceo Classico D. Alighieri A.S Studio di Funzione. Prof. A. Pisani. Esempio

Liceo Classico D. Alighieri A.S Studio di Funzione. Prof. A. Pisani. Esempio Liceo Classico D. Alighieri A.S. 0-3 y Data la funzione: Studio di Funzione tracciatene il grafico nel piano cartesiano. Prof. A. Pisani Esempio ) Tipo e grado della funzione La funzione è analitica, data

Dettagli

3. Generalità sulle funzioni

3. Generalità sulle funzioni ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 3. Generalità sulle funzioni A. A. 2013-2014 1 DALLA RETTA REALE AL PIANO CARTESIANO L equivalenza tra numeri reali e punti di una retta permette

Dettagli

Esame di maturità scientifica, corso di ordinamento a. s

Esame di maturità scientifica, corso di ordinamento a. s Problema 1 Esame di maturità scientifica, corso di ordinamento a. s. -4 Sia f la funzione definita da: f()=- Punto 1 Disegnate il grafico G di f()=-. La funzione f()=- è una funzione polinomiale (una cubica).

Dettagli

Richiami sugli insiemi numerici

Richiami sugli insiemi numerici Richiami sugli insiemi numerici denota l insieme vuoto cioè l insieme privo di elementi. N = {1, 2, 3,...} denota l insieme dei numeri naturali. Z = {..., 2, 1, 0, 1, 2,...} denota l insieme dei numeri

Dettagli

Prodotto scalare e prodotto vettoriale. Elisabetta Colombo

Prodotto scalare e prodotto vettoriale. Elisabetta Colombo Corso di Approfondimenti di Matematica Biotecnologie, Anno Accademico 2010-2011, http://users.mat.unimi.it/users/colombo/programmabio.html Vettori Vettori 1 2 3 4 di di Ricordiamo il in R n Dati a = (a

Dettagli

Esercitazione su grafici di funzioni elementari

Esercitazione su grafici di funzioni elementari Esercitazione su grafici di funzioni elementari Davide Boscaini Queste sono le note da cui ho tratto le esercitazioni del giorno 8 Novembre 0. Come tali sono ben lungi dall essere esenti da errori, invito

Dettagli

1.3. Logaritmi ed esponenziali

1.3. Logaritmi ed esponenziali 1.3. Logaritmi ed esponenziali 1. Rappresentazione sugli assi cartesiani 2. Relazione 3. Definizione di funzione 4. La funzione esponenziale 5. Il logaritmo 6. La funzione logaritma 1-3 1 Rappresentazione

Dettagli

GEOMETRIA ANALITICA. Il Piano cartesiano

GEOMETRIA ANALITICA. Il Piano cartesiano GEOMETRIA ANALITICA La geometria analitica consente di studiare e rappresentare per via algebrica informazioni di tipo geometrico. Lo studio favorisce una più immediata visualizzazione di informazioni,

Dettagli

Le derivate parziali

Le derivate parziali Sia f(x, y) una funzione definita in un insieme aperto A R 2 e sia P 0 = x 0, y 0 un punto di A. Essendo A un aperto, esiste un intorno I(P 0, δ) A. Preso un punto P(x, y) I(P 0, δ), P P 0, possiamo definire

Dettagli

Punti nel piano cartesiano

Punti nel piano cartesiano Punti nel piano cartesiano In un piano consideriamo due rette perpendicolari che chiamiamo x e. Solitamente, disegniamo la retta x (ascisse) orizzontalmente e orientata da sinistra a destra, la retta e

Dettagli

CONICHE. Esercizi Esercizio 1. Nel piano con riferimento cartesiano ortogonale Oxy sia data la conica C di equazione

CONICHE. Esercizi Esercizio 1. Nel piano con riferimento cartesiano ortogonale Oxy sia data la conica C di equazione CONICHE Esercizi Esercizio 1. Nel piano con riferimento cartesiano ortogonale Oy sia data la conica C di equazione 7 2 + 2 3y + 5y 2 + 32 3 = 0. Calcolare le equazioni di una rototraslazione che riduce

Dettagli

La composizione di isometrie

La composizione di isometrie La composizione di isometrie Quello che è più interessante in una trasformazione geometrica è studiare quali effetti ha sulle figure e soprattutto valutare quali proprietà delle figure di partenza si conservano

Dettagli

Anno 5 Regole di derivazione

Anno 5 Regole di derivazione Anno 5 Regole di derivazione 1 Introduzione In questa lezione mostreremo quali sono le regole da seguire per effettuare la derivata di una generica funzione. Seguendo queste regole e conoscendo le derivate

Dettagli

04 - Numeri Complessi

04 - Numeri Complessi Università degli Studi di Palermo Scuola Politecnica Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali e Statistiche Appunti del corso di Matematica 04 - Numeri Complessi Anno Accademico 2015/2016 M. Tumminello,

Dettagli

Analisi Matematica II Corso di Ingegneria Gestionale Compito del f(x, y) = e (x3 +x) y

Analisi Matematica II Corso di Ingegneria Gestionale Compito del f(x, y) = e (x3 +x) y Analisi Matematica II Corso di Ingegneria Gestionale Compito del 8--7 - È obbligatorio consegnare tutti i fogli, anche la brutta e il testo. - Le risposte senza giustificazione sono considerate nulle.

Dettagli

In un triangolo un lato è maggiore della differenza degli altri due, pertanto dal triangolo si ha > dividendo per =1.

In un triangolo un lato è maggiore della differenza degli altri due, pertanto dal triangolo si ha > dividendo per =1. L iperbole L iperbole è il luogo geometrico dei punti del piano per i quali è costante la differenza delle distanze da due punti fissi detti fuochi. Come si evince del grafico, la differenza delle distanze

Dettagli

Nozioni introduttive e notazioni

Nozioni introduttive e notazioni Nozioni introduttive e notazioni 1.1 Insiemi La teoria degli insiemi è alla base di tutta la matematica, in quanto ne fornisce il linguaggio base e le notazioni. Definiamo un insieme come una collezione

Dettagli

DEFINIZIONE Un vettore (libero) è un ente geometrico rappresentato da un segmento orientato caratterizzato da tre parametri:

DEFINIZIONE Un vettore (libero) è un ente geometrico rappresentato da un segmento orientato caratterizzato da tre parametri: DEFINIZIONE Un vettore (libero) è un ente geometrico rappresentato da un segmento orientato caratterizzato da tre parametri: 1. modulo: la lunghezza del segmento 2. direzione: coincidente con la direzione

Dettagli

Massimi e minimi vincolati

Massimi e minimi vincolati Massimi e minimi vincolati Data una funzione G C 1 (D), dove D è un aperto di R 2, sappiamo bene dove andare a cercare gli eventuali punti di massimo e minimo relativi. Una condizione necessaria affinché

Dettagli

Distanza tra punti e punto medio di un segmento. x1 + x 2

Distanza tra punti e punto medio di un segmento. x1 + x 2 Distanza tra punti e punto medio di un segmento Siano P = (x 1, y 1 ) e Q = (x 2, y 2 ) due punti del piano cartesiano. La distanza di P da Q vale: P Q = (x 1 x 2 ) 2 + (y 1 y 2 ) 2 (si utilizza il Teorema

Dettagli

sen ; e sul teorema del coseno. 2

sen ; e sul teorema del coseno. 2 Esercizi sul grafico di funzioni: Lunghezza di una corda ( ) sen e sul teorema del coseno Esercizi sulla equazione della circonferenza centrata in un generico punto (, ) R Il prodotto di una funzione pari

Dettagli

Verifiche di matematica classe 3 C 2012/2013

Verifiche di matematica classe 3 C 2012/2013 Verifiche di matematica classe 3 C 2012/2013 1) È assegnato il punto P 1 (3; 1), calcolare le coordinate dei punti: P 2 simmetrico di P 1 rispetto alla bisettrice del primo e terzo quadrante P 3 simmetrico

Dettagli

Anno 2. Radicali algebrici e aritmetici: condizioni di esistenza

Anno 2. Radicali algebrici e aritmetici: condizioni di esistenza Anno 2 Radicali algebrici e aritmetici: condizioni di esistenza 1 Introduzione Perché studiare i radicali? In matematica ogni volta che facciamo un operazione dobbiamo anche vedere se è possibile tornare

Dettagli

Risoluzione dei triangoli rettangoli

Risoluzione dei triangoli rettangoli Risoluzione dei triangoli rettangoli In questa dispensa esamineremo il problema della risoluzione dei triangoli rettangoli. Riprendendo la definizione di seno e coseno, mostreremo come questi si possano

Dettagli

Funzioni Esercizi e complementi

Funzioni Esercizi e complementi Funzioni Esercizi e complementi e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Novembre 05. Indice Esercizi Insiemi ininiti 6 Suggerimenti e risposte 9 Esercizi. Scrivere la deinizione di unzione e ornire almeno un

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA 3 FUNZIONI GONIOMETRICHE

UNITÀ DIDATTICA 3 FUNZIONI GONIOMETRICHE UNITÀ DIDATTICA FUNZIONI GONIOMETRICHE 1 La misura degli angoli In ogni circonferenza è possibile definire una corrispondenza biunivoca tra angoli al centro e archi: a ogni angolo al centro corrisponde

Dettagli

FUNZIONI REALI DI UNA VARIABILE REALE

FUNZIONI REALI DI UNA VARIABILE REALE FUNZIONI REALI DI UNA VARIABILE REALE Vogliamo ora limitare la nostra attenzione a quelle funzioni che hanno come insieme di partenza e di arrivo un sottoinsieme dei numeri reali, cioè A, B R. Es6. Funzione

Dettagli

Una circonferenza e una parabola sono disegnate nel piano cartesiano. La circonferenza ha centro nel punto

Una circonferenza e una parabola sono disegnate nel piano cartesiano. La circonferenza ha centro nel punto La parabola Esercizi Esercizio 368.395 Una circonferenza e una parabola sono disegnate nel piano cartesiano. La circonferenza ha centro nel punto 0 ;5 e raggio, e la parabola ha il suo vertice in 0 ;0.

Dettagli

ANALISI B alcuni esercizi proposti

ANALISI B alcuni esercizi proposti ANALISI B alcuni esercizi proposti G.P. Leonardi Parte II 1 Limiti e continuità per funzioni di 2 variabili Esercizio 1.1 Calcolare xy log(1 + x ) lim (x,y) (0,0) 2x 2 + 5y 2 Esercizio 1.2 Studiare la

Dettagli

Soluzioni dei problemi della maturità scientifica A.S. 2007/2008

Soluzioni dei problemi della maturità scientifica A.S. 2007/2008 Soluzioni dei problemi della maturità scientifica A.S. 007/008 Nicola Gigli Sunra J.N. Mosconi 19 giugno 008 Problema 1 (a) Determiniamo in funzione di a i lati del triangolo. Essendo l angolo BĈA retto

Dettagli

(x B x A, y B y A ) = (4, 2) ha modulo

(x B x A, y B y A ) = (4, 2) ha modulo GEOMETRIA PIANA 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(0, 4), e B(4, ) trovarne la distanza e trovare poi i punti C allineati con A e con B che verificano: (1) AC = CB (punto medio del segmento AB); ()

Dettagli

Definizione Dati due insiemi A e B, contenuti nel campo reale R, si definisce funzione reale di variabile reale una legge f : A

Definizione Dati due insiemi A e B, contenuti nel campo reale R, si definisce funzione reale di variabile reale una legge f : A Scopo centrale, sia della teoria statistica che della economica, è proprio quello di esprimere ed analizzare le relazioni, esistenti tra le variabili statistiche ed economiche, che, in linguaggio matematico,

Dettagli

1 Fattorizzazione di polinomi

1 Fattorizzazione di polinomi 1 Fattorizzazione di polinomi Polinomio: un polinomio di grado n nella variabile x, è dato da p(x) = a n x n + a n 1 x n 1 + + a 1 x + a 0 con a n 0, a 0 è detto termine noto, a k è detto coefficiente

Dettagli

Introduzione. Al termine della lezione sarai in grado di:

Introduzione. Al termine della lezione sarai in grado di: Anno 4 Prismi 1 Introduzione In questa lezione parleremo di un particolare poliedro detto prisma. Ne daremo una definizione generale e poi soffermeremo la nostra attenzione su alcuni prismi particolari.

Dettagli

Equazioni Polinomiali II Parabola

Equazioni Polinomiali II Parabola Equazioni Polinomiali II Parabola - 0 Equazioni Polinomiali del secondo grado (Polinomi II) Forma Canonica e considerazioni La forma canonica dell equazione polinomiale di grado secondo è la seguente:

Dettagli

ESPONENZIALI E LOGARITMI. chiameremo logaritmica (e si legge il logaritmo in base a di c è uguale a b ).

ESPONENZIALI E LOGARITMI. chiameremo logaritmica (e si legge il logaritmo in base a di c è uguale a b ). ESPONENZIALI E LOGARITMI Data una espressione del tipo a b = c, che chiameremo notazione esponenziale (e dove a>0), stabiliamo di scriverla anche in un modo diverso: log a c = b che chiameremo logaritmica

Dettagli

Problemi di massimo e minimo

Problemi di massimo e minimo Problemi di massimo e minimo Supponiamo di avere una funzione continua in Per il teorema di Weierstrass esistono il massimo assoluto M e il minimo assoluto m I problemi di massimo e minimo sono problemi

Dettagli

GRAFICI DI FUNZIONI E TRASFORMAZIONI DEL PIANO

GRAFICI DI FUNZIONI E TRASFORMAZIONI DEL PIANO Note su GRAFICI DI FUNZINI E TRASFRMAZINI DEL IAN Giulia Fidanza In queste note ci proponiamo di trovare l equazione di una funzione il cui grafico sia ottenuto dal grafico di una funzione nota attraverso

Dettagli

Funzioni reali di variabile reale

Funzioni reali di variabile reale Introduzione Funzioni reali di variabile reale Algebra delle funzioni reali Funzioni composta e inversa Funzioni monotone i definisce funzione reale di variabile reale e s indica con f: A R una funzione

Dettagli

Funzioni goniometriche

Funzioni goniometriche Funzioni goniometriche In questa dispensa vengono introdotte le definizioni delle funzioni goniometriche. Preliminarmente si introducono le convenzioni sull orientazione degli angoli e sulla loro rappresentazione

Dettagli

Anno 4 Superficie e volume dei solidi

Anno 4 Superficie e volume dei solidi Anno 4 Superficie e volume dei solidi Introduzione In questa lezione parleremo del volume e della superficie dei solidi, imparando a trattare con semplicità il loro calcolo tramite le formule Al termine

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI SUL CALCOLO INTEGRALE

ESERCIZI SVOLTI SUL CALCOLO INTEGRALE ESERCIZI SVOLTI SUL CALCOLO INTEGRALE * Tratti dagli appunti delle lezioni del corso di Matematica Generale Dipartimento di Economia - Università degli Studi di Foggia Prof. Luca Grilli Dott. Michele Bisceglia

Dettagli

Secondo parziale di Matematica per l Economia (esempio)

Secondo parziale di Matematica per l Economia (esempio) Corso di Laurea in Economia e Management Secondo parziale di Matematica per l Economia (esempio) lettere E-Z, a.a. 206 207 prof. Gianluca Amato Regole generali Si svolga il primo esercizio e, a scelta

Dettagli

Gli angoli corrispondenti sono congruenti; I lati corrispondenti, che si dicono lati omologhi, sono in rapporto costante:

Gli angoli corrispondenti sono congruenti; I lati corrispondenti, che si dicono lati omologhi, sono in rapporto costante: ome sai, se vuoi riprodurre una figura, puoi disegnarla perfettamente uguale rispettandone la forma e le dimensioni e cambiandone quindi solo la posizione. In questo caso la riproduci isometricamente,

Dettagli

Esercitazioni di Geometria A: curve algebriche

Esercitazioni di Geometria A: curve algebriche Esercitazioni di Geometria A: curve algebriche 24-25 maggio 2016 Esercizio 1 Sia P 2 il piano proiettivo complesso munito delle coordinate proiettive (x 0 : x 1 : x 2 ). Sia r la retta proiettiva di equazione

Dettagli

SESSIONE ORDINARIA 2007 CORSO DI ORDINAMENTO SCUOLE ITALIANE ALL ESTERO - AMERICHE

SESSIONE ORDINARIA 2007 CORSO DI ORDINAMENTO SCUOLE ITALIANE ALL ESTERO - AMERICHE SESSIONE ORDINARIA 007 CORSO DI ORDINAMENTO SCUOLE ITALIANE ALL ESTERO - AMERICHE PROBLEMA Si consideri la funzione f definita da f ( x) x, il cui grafico è la parabola.. Si trovi il luogo geometrico dei

Dettagli

LA CIRCONFERENZA La circonferenza è il luogo geometrico dei punti equidistanti da un punto C, detto centro.

LA CIRCONFERENZA La circonferenza è il luogo geometrico dei punti equidistanti da un punto C, detto centro. Geometria Analitica Le coniche Queste curve si chiamano coniche perché sono ottenute tramite l'intersezione di una superficie conica con un piano. Si possono definire tutte come luoghi geometrici e, di

Dettagli

ALGEBRA VETTORIALE Corso di Fisica per la Facoltà di Farmacia, Università Gabriele D Annunzio, Chieti-Pescara, Cosimo Del Gratta 2008

ALGEBRA VETTORIALE Corso di Fisica per la Facoltà di Farmacia, Università Gabriele D Annunzio, Chieti-Pescara, Cosimo Del Gratta 2008 LGER VETTORILE DEFINIZIONE DI VETTORE (1) Sia E lo spazio tridimensionale della geometria euclidea. Consideriamo due punti e appartenenti a E Si chiama segmento orientato, e si indica con (,) il segmento

Dettagli

a b a : b Il concetto di rapporto

a b a : b Il concetto di rapporto 1 Il concetto di rapporto DEFINIZIONE. Il rapporto fra due valori numerici a e b è costituito dal loro quoziente; a e b sono i termini del rapporto, il primo termine si chiama antecedente, il secondo si

Dettagli

Francesco Zumbo

Francesco Zumbo La retta - Teorema di Talete - Equazione della retta: passante per due punti, implicita, esplicita - Parallele e Perpendicolari - Fascio Propio e improprio - Intersezione tra rette Francesco Zumbo www.francescozumbo.it

Dettagli

L1 L2 L3 L4. Esercizio. Infatti, osserviamo che p non può essere un multiplo di 3 perché è primo. Pertanto, abbiamo solo due casi

L1 L2 L3 L4. Esercizio. Infatti, osserviamo che p non può essere un multiplo di 3 perché è primo. Pertanto, abbiamo solo due casi Sia p 5 un numero primo. Allora, p è sempre divisibile per 4. Scriviamo p (p ) (p + ). Ora, p 5 è primo e, quindi, dispari. Dunque, p e p + sono entrambi pari. Facciamo vedere anche che uno tra p e p +

Dettagli

Equazioni di 2 grado

Equazioni di 2 grado Equazioni di grado Tipi di equazioni: Un equazione (ad una incognita) è di grado se può essere scritta nella forma generale (o forma tipica o ancora forma canonica): a b c con a, b e c numeri reali (però

Dettagli

LEZIONE 15. (15.1.2) p(x) = a 0 x n + a 1 x n a n 1 x + a n = a h x n h.

LEZIONE 15. (15.1.2) p(x) = a 0 x n + a 1 x n a n 1 x + a n = a h x n h. LEZIONE 15 15.1. Polinomi a coefficienti complessi e loro e loro radici. In questo paragrafo descriveremo alcune proprietà dei polinomi a coefficienti complessi e delle loro radici. Già nel precedente

Dettagli

Vettori e geometria analitica in R 3 1 / 25

Vettori e geometria analitica in R 3 1 / 25 Vettori e geometria analitica in R 3 1 / 25 Sistemi di riferimento in R 3 e vettori 2 / 25 In fisica, grandezze fondamentali come forze, velocità, campi elettrici e magnetici vengono convenientemente descritte

Dettagli

Appunti ed esercizi sulle coniche

Appunti ed esercizi sulle coniche 1 LA CIRCONFERENZA 1 Appunti ed esercizi sulle coniche Versione del 1 Marzo 011 1 La circonferenza Nel piano R, fissati un punto O = (a, b) e un numero r > 0, la circonferenza (o cerchio) C di centro O

Dettagli

1 L omotetia. i punti O, A e A siano allineati

1 L omotetia. i punti O, A e A siano allineati 1 L omotetia DEFINIZIONE. Dato un punto O ed un numero reale k, si dice omotetia di centro O e rapporto k, quella trasformazione del piano che associa ad ogni punto A il corrispondente punto A tale che

Dettagli

4 0 = 4 2 = 4 4 = 4 6 = 0.

4 0 = 4 2 = 4 4 = 4 6 = 0. Elementi di Algebra e Logica 2008. Esercizi 4. Gruppi, anelli e campi. 1. Determinare la tabella additiva e la tabella moltiplicativa di Z 6. (a) Verificare dalla tabella moltiplicativa di Z 6 che esistono

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE XXV APRILE LICEO CLASSICO ANDREA DA PONTEDERA classi 5A-5B PROGRAMMA DI MATEMATICA

ISTITUTO SUPERIORE XXV APRILE LICEO CLASSICO ANDREA DA PONTEDERA classi 5A-5B PROGRAMMA DI MATEMATICA ISTITUTO SUPERIORE XXV APRILE LICEO CLASSICO ANDREA DA PONTEDERA classi 5A-5B PROGRAMMA DI MATEMATICA PRIMA PARTE Intervallo limitato di numeri reali Dati due numeri reali a e b, con a

Dettagli

Limiti e continuità. Teoremi sui limiti. Teorema di unicità del limite Teorema di permanenza del segno Teoremi del confronto Algebra dei limiti

Limiti e continuità. Teoremi sui limiti. Teorema di unicità del limite Teorema di permanenza del segno Teoremi del confronto Algebra dei limiti Limiti e continuità Teorema di unicità del ite Teorema di permanenza del segno Teoremi del confronto Algebra dei iti 2 2006 Politecnico di Torino 1 Se f(x) =` ` è unico Per assurdo, siano ` 6= `0 con f(x)

Dettagli

25 IL RAPPORTO INCREMENTALE - DERIVATE

25 IL RAPPORTO INCREMENTALE - DERIVATE 25 IL RAPPORTO INCREMENTALE - DERIVATE Definizione Sia f una funzione reale di variabile reale. Allora, dati x, y domf con x y, si definisce il rapporto incrementale di f tra x e y come P f (x, y = f(x

Dettagli

Sviluppi e derivate delle funzioni elementari

Sviluppi e derivate delle funzioni elementari Sviluppi e derivate delle funzioni elementari In queste pagine dimostriamo gli sviluppi del prim ordine e le formule di derivazioni delle principali funzioni elementari. Utilizzeremo le uguaglianze lim

Dettagli

C I R C O N F E R E N Z A...

C I R C O N F E R E N Z A... C I R C O N F E R E N Z A... ESERCITAZIONI SVOLTE 3 Equazione della circonferenza di noto centro C e raggio r... 3 Equazione della circonferenza di centro C passante per un punto A... 3 Equazione della

Dettagli

Esercizi di Matematica per la prova di ammissione alla Scuola Galileiana /16

Esercizi di Matematica per la prova di ammissione alla Scuola Galileiana /16 Esercizi di Matematica per la prova di ammissione alla Scuola Galileiana - 015/16 Esercizio 1 Per quali valori n Z \ {0} l espressione è un numero intero positivo? (n + 5)(n + 6) 6n Soluzione. Il problema

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

Le coniche: circonferenza, parabola, ellisse e iperbole.

Le coniche: circonferenza, parabola, ellisse e iperbole. Le coniche: circonferenza, parabola, ellisse e iperbole. Teoria in sintesi Queste curve si chiamano coniche perché sono ottenute tramite l intersezione di una superficie conica con un piano. Si possono

Dettagli

Breve formulario di matematica

Breve formulario di matematica Luciano Battaia a 2 = a ; lim sin = 1, se 0; sin(α + β) = sin α cos β + cos α sin β; f() = e 2 f () = 2e 2 ; sin d = cos + k; 1,2 = b± ; a m a n = 2a a n+m ; log a 2 = ; = a 2 + b + c; 2 + 2 = r 2 ; e

Dettagli