Cristian Secchi Pag. 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cristian Secchi Pag. 1"

Transcript

1 Controlli Digitali Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica CONTROLLORI PID Tel Introduzione regolatore Proorzionale, Integrale, Derivativo PID regolatori standard con tre azioni di controllo combinate: azione roorzionale all'errore azione roorzionale all'integrale dell'errore azione roorzionale alla derivata dell'errore standard industriale ed utilizzabile er moltissimi imianti imlementabile con molte tecnologie elettriche (analogiche e digitali) meccaniche neumatiche oleodinamiche disonibile a software sui sistemi di controllo industriale PID-- 2 Pag. 1

2 Motivazioni del successo del PID Notevole efficacia nella regolazione di un amia gamma di rocessi industriali Tecniche di taratura semlici ed automatiche alicabili anche quando il modello dell'imianto è oco noto Imortanza e convenienza economica della standardizzazione Possono essere usati come elementi base di schemi di controllo articolati (es.: controllo in cascata) ortando notevolissimi miglioramenti delle restazioni Consente di ottenere restazioni accettabili anche con una scarsa conoscenza del modello del sistema I PID hanno successo erchè raresentano una soluzione non facilmente suerabile, in generale, nel raorto efficacia/costo PID-- 3 Il controllore PID se e(t) è il segnale di errore avremo t 1 u( t) = K e( t) + Td e& ( t) + e( τ ) dτ Ti 0 con K costante roorzionale e con T i e T d constanti di temo della arte integrale e derivativa f.d.t. del controllore: G U ( s ) 1 ( s ) = = K 1+T T s + d E( s) Ti s PID 1 PID-- 4 Pag. 2

3 Significato delle tre azioni di controllo azione roorzionale: maggiore è l'errore, maggiore è l'azione di controllo azione integrale: errore nullo a segnali di riferimento o disturbi costanti azione derivativa: azione di controllo reventiva anticio di fase i termini derivativo e/o integrale ossono essere assenti regolatori P regolatori PI regolatori PD PID-- 5 F.d.t. del controllore PID - Considerazioni abbiamo che la f.d.t. resenta due zeri a arte reale negativa un olo nell origine il controllore PID risulta essere un sistema imrorio, ovvero non fisicamente realizzabile la forma reale revede con N = 5 20 er osizionare il olo all'esterno della banda di interesse. Il olo reale modifica un o' la osizione degli zeri. In seguito si farà comunque riferimento alla forma ideale PID-- 6 Pag. 3

4 Regolatore P regolatore P: T i = 1 e T d = 0 usato er rocessi asintoticamente o semlicemente stabili quando le restazioni statiche non richiedano l inserimento di un olo nell origine nel guadagno d anello R(s) E(s) P G(s) Y(s) PID-- 7 Regolatore P - Esemio 1 G( s) = 1 +τs Luogo delle Radici i Secifica: Portare a regime il sistema nel minor temo ossibile Il sistema chiuso in retroazione è del rimo ordine Mediante un controllore roorzionale osso rendere il temo di assestamento del sistema iccolo quanto si vuole τ =1 K 1+ K Gcl ( s) = τ 1+ s 1+ K Attenzione al valore a regime! PID-- 8 Pag. 4

5 Regolatore PI regolatore PI: T d = 0 Hanno un il olo nell'origine e lo zero in s = -1 / T i molto diffusi a livello industriale in quanto consentono il soddisfacimento delle secifiche statiche (consentono di inserire un olo nell origine nella funzione di trasferimento d anello) e sono di facile taratura er semlici rocessi Grazie allo zero è ossibile anche rendere agire sul temo di assestamento del sistema controllato PID-- 9 Regolatore PI - Esemio 1 G( s) = 1 +τs Secifica: Portare a regime il sistema nel minor temo ossibile e con errore di osizione nullo R(s) E(s) PI G(s) Y(s) Per soddisfare la secifica statica è necessario aggiungere un olo nell origine al guadagno d anello mediante il controllore Come scegliere T i? PID-- 10 Pag. 5

6 Regolatore PI - Esemio T < T 1 T > T 1 Per nessun valore di K >0 il temo di assestamento sarà inferiore a T 1 La resenza dello zero limita la ossibilità di sostare a sinistra il olo nell origine K τ =1 PID-- 11 Regolatore PI - Esemio T < T 1 T > T 1 Per nessun valore di K >0 il temo di assestamento sarà inferiore a T 1 La resenza dello zero limita la ossibilità di sostare a sinistra uno dei due oli Per guadagni bassi il sistema ha un alto temo di assestamento. Per evitare oscillazioni nel transitorio il guadagno deve essere scelto sufficientemente alto PID-- 12 Pag. 6

7 Regolatore PI - Esemio Se la conoscenza del modello è sufficientemente accurata, si uò usare lo zero del PI er cancellare il olo del lant In tal modo il sistema chiuso in retroazione diventa un sistema del rimo ordine la cui dinamica uò essere resa veloce a iacimento all aumentare di K All aumentare di K, diminuisce il temo di assestamento e la risosta non ha oscillazioni K τ =11 PID-- 13 Casi articolari (3) regolatore PD: T i = 1 Hanno lo zero in s = - 1 / T d ed il olo reale fuori banda (all'infinito nel caso ideale) usato quando non vi siano roblemi di instabilità o di restazioni statiche, ma sia necessario allargare la banda assante PID-- 14 Pag. 7

8 Regolatore PD - Esemio 1 G( s) = s(1 +τs) Secifica: Portare a regime il sistema nel minor temo ossibile e con errore di osizione nullo La secifica statica è soddisfatta grazie al olo nell origine di G(s) T < T 1 T > T 1 La struttura del lant è tale er cui non è ossibile, mediante un regolatore roorzionale, ottenere un temo di assestamento inferiore a T 1 PID-- 15 Regolatore PD - Esemio R(s) E(s) PD G(s) Come scegliere T d? Y(s) Scegliendo N abbastanza grande è ossibile ortare il unto di emergenza a sinistra quanto si vuole e, di conseguenza, il minimo i temo di assestamento ottenibile iccolo quanto si vuole τ =1 K PID-- 16 Pag. 8

9 Regolatore PID regolatore PID comleto: 1 olo nell'origine e due zeri zeri reali se T i 4T d zeri coincidenti (in s= -1/ 2T d )set T i =4T d nella realtà è necessario introdurre un secondo olo in alta frequenza a ulsazione maggiore di quella degli zeri er rendere il sistema fisicamente realizzabile E utilizzato quando è necessario cancellare iù di un olo e imorre un errore di osizione nullo PID-- 17 Regolatore PID - Esemio G( s) = s ω 2 + 2δω n s + ω n n Secifica: Portare a regime il sistema nel minor temo ossibile, con errore di osizione nullo e senza sovraelongazioni E necessario inserire un olo nell origine er soddisfare le secifiche statiche Per evitare che la risosta abbia una sovraelongazione, occorre che il sistema chiuso in retroazione non abbia oli comlessi coniugati PID-- 18 Pag. 9

10 Regolatore PID - Esemio Scegliendo T d e T i in modo che gli zeri del PID cancellino i oli del controllore e N grande abbastanza è ossibile soddisfare le secifiche di controllo Sistema non controllato Sistema controllato con PID δ = 0.3 =10 ω n K PID-- 19 Taratura automatica dei Parametri Per la taratura razionale dei PID si fa riferimento al modello del sistema da controllare e si usano, ad esemio, le tecniche basate sul luogo delle radici viste finora. La costruzione di un modello del lant a artire dalle leggi fisiche che lo governano uò richiedere un imegno sroorzionato risetto alle esigenze di rogetto In questi casi esistono delle strategie er tarare i arametri del PID a artire da rove sul camo effettuate sul lant Esistono svariati metodi, alcuni dei quali già imlementati su alcuni controllori industriali commercializzati su larga scala PID-- 20 Pag. 10

11 Taratura automatica dei Parametri Considereremo metodi di taratura automatica ad anello aerto Tali metodi valgono er i lant stabili la cui risosta al gradino non è oscillante. Ciò uò essere testato sul camo semlicemente eccitando il lant con un gradino. E oi necessario arossimare il lant come un sistema del rimo ordine con ritardo Esistono tabelle che consentono di determinare i arametri del PID utilizzando i arametri del sistema arossimato PID-- 21 Taratura automatica dei Parametri Una volta testato che il lant risonde a un gradino in ingresso senza oscillazioni, è necessario arossimarne il modello con un sistema del rimo ordine con ritardo del tio K Ga ( s) = e 1+ τs θs Esistono svariati metodi er ottenere G a (s) a artire dalla risosta al gradino del lant. Verrà illustrato il metodo delle aree. PID-- 22 Pag. 11

12 Taratura automatica dei Parametri Si considera la risosta del lant a un gradino di amiezza A y S1 y K = A S τ +θ = 1 y Guadagno statico S2 es τ = 2 y Costante di temo θ +τ ( S 1 yτ ) θ = Ritardo y PID-- 23 Taratura automatica dei Parametri L algoritmo da seguire er trovare il modello arossimato è: 1. Eccitare il sistema con un gradino di amiezza A e graficare la risosta 2. Ottenere il guadagno statico K mediante y K = A 3. Trovare, anche in via arossimata, l area S1 4. Ottenere l ascissa τ+θ mediante τ +θ = y e tracciare una retta verticale assante er τ+θ 5. Trovare, anche in via arossimata, l area S2 6. Ottenere la costante di temo τ e il ritardo θ mediante es2 τ = y θ = S yτ ) / y ( 1 S 1 PID-- 24 Pag. 12

13 Taratura automatica dei Parametri Una volta arossimato il lant come K Ga ( s) = e 1+ τs θs esistono due categorie rinciali di criteri er la taratura automatica dei arametri: a) quelli che utilizzano alcuni unti caratteristici della risosta y(t) al gradino er imorre l andamento transitorio desiderato. Si imone ad esemio il raorto di smorzamento r tra due icchi successivi della risosta y(t); PID-- 25 Taratura automatica dei Parametri b) criteri di tio integrale che utilizzano come indice di costo funzioni integrali della variabile errore e(t). Di articolare interesse sono i seguenti indici: ISE = IAE 0 = 0 2 e ( t) dt e( t) dt Integral Square Error Integral Absolute Error ITAE = 0 t e( t) dt Integral Time Absolute Error PID-- 26 Pag. 13

14 Taratura automatica dei Parametri Esistono alcune tabelle er il tuning dei arametri dei regolatori PID. Nella seguente tabella sono riortate indicazioni er fare il tuning corrisondente ad un raorto di smorzamento r = 0.25 secondo i criteri della categoria (a). PID-- 27 Taratura automatica dei Parametri Al fine di tarare un PID con i metodi della categoria (a), basta scegliere il tio di controllore da imlementare e dedurre i arametri dalle relazioni in tabella 1 G ( s ) = 2 (0.5s + 1)(1 + s) (2s + 1) 1.46s e G ( s ) = a s Si desideri imlementare un PID mediante le regole di Ziegler- Nichols corrisondenti a un raorto di smorzamento r=0.25 Dalle tabelle si ricava KK = 2.74 T / τ = 0.87 T / τ = 0.22 i d K = i d 2.74 T = 1.27 T = 0.1 PID-- 28 Pag. 14

15 Taratura automatica dei Parametri Risosta al gradino del sistema descritto da G(s) controllato con un PID tarato mediante il metodo di Ziegler-Nichols usando il modello arossimato PID-- 29 Taratura automatica dei Parametri Nelle seguenti tabelle sono riortate indicazioni er fare il tuning secondo i criteri di ottimizzazione dell errore della categoria (b). Nel caso di utilizzo di criteri i integrali er il tuning, la rima tabella fornisce dei arametri che ottimizzano le restazioni nel caso di variazioni nel lant da controllare mentre la seconda tabella fornisce dei arametri che ottimizzano le restazioni nel caso di variazioni del setoint di riferimento. PID-- 30 Pag. 15

16 Taratura automatica dei Parametri Variazioni di Carico Criterio Controllore Azione A B IAE P P ISE P P ITAE P P IAE PI P I ISE P I ITAE P I IAE P I D ISE P I D ITAE P I D PID-- 31 Taratura automatica dei Parametri PID-- 32 Pag. 16

17 Taratura automatica dei Parametri Nel caso di criteri integrali, una volta che si siano scelti il criterio (IAE,ISE o ITAE), il tio di controllore (P, PI o PID) e l azione di controllo (P, I o D), dalla tabella si individuano due arametri A e B che sostituiti nella relazione θ Y = A τ B θ (oure Y = A + B ) τ forniscono un valore Y che deve essere interretato come Y = KK nel caso di azione roorzionale (P), come Y = τ/t i nel caso di azione integrale (I), e come Y = T d d/ /τ nel caso di azione derivativa (D). PID-- 33 Taratura automatica dei Parametri Si consideri il sistema dell esemio recedente che uò essere arossimato con 1.46s e G ( s ) = a s si desidera rogettare un controllore PI er variazioni di setoint utilizzando il criterio integrale ITAE Dalla tabella si ricava che KK θ = τ = 1.24 τ θ = = 0.96 T τ i K 1.24 T = 3.48 = i PID-- 34 Pag. 17

18 Taratura automatica dei Parametri Risosta al gradino del sistema descritto da G(s) controllato con un PID tarato mediante il metodo di ottimizzazione dell errore usando il modello arossimato PID-- 35 Realizzazioni dei Regolatori PID P R(s) + E(s) + + U(s) I + - D G(s) Y(s) Schema classico del PID In resenza di un gradino sul segnale di riferimento R(s), l uscita del derivatore, di conseguenza, la variabile di controllo U(s) è di tio imulsivo Brusche variazioni del controllo ossono essere indesiderate in quanto ossono ortare a una saturazione o a un deterioramento degli attuatori. PID-- 36 Pag. 18

19 Realizzazioni dei Regolatori PID R(s) + E(s) - P I + + U(s) + + D G(s) Y(s) PID con derivazione dell uscita Y(s) è l uscita di un sistema che solitamente ha le caratteristiche di un filtro assa basso e le sue variazioni istantanee (e quindi la sua derivata) sono contenute. Pertanto l uscita del termine derivativo non ha andamenti imulsivi Inoltre, quando R(s) è costante lo schema PID con derivazione sull uscita si comorta come lo schema PID classico. PID-- 37 Realizzazioni dei Regolatori PID 1 G( s) = K 2 = 2 Td = 0.25 Ti = 2 ( s + 1) u(t) PID classico r(t) y(t) PID classico y(t) PID con derivata sull uscita Calo di restazioni ma azione di controllo senza icchi u(t) PID con derivata sull uscita PID-- 38 Pag. 19

20 Gestione dei ritardi R(s) + E(s) - PID U(s) G(s) G (s) ( t) = y( t θ ) Y(s) Y (s) e θs y Un altro unto imortante da considerare nell uso dei regolatori PID è la resenza di ritardi significativi nel rocesso da controllare. Si noti che nella sintesi di controllori a struttura libera si uò tener conto di tali ritardi comrendendoli intrinsecamente nella legge di controllo, mentre ciò non è ossibile nel caso dei controllori a struttura fissa come il PID. Il ritardo nell anello di retroazione deteriora notevolmente le restazioni e uò addirittura rendere instabile il sistema PID-- 39 Gestione dei ritardi Se fosse ossibile retroazionare y(t) anzichè y (t), tramite il PID sarebbe ossibile controllare l andamento di y(t) controllanda G(s). Doodichè l uscita y (t) avrebbe lo stesso andamento di y(t), soltanto ritardato di θ s. Schema Desiderato G (s) R(s) + E(s) - PID U(s) G(s) Y(s) e θs Y (s) Non è ossibile accedere fisicamente alla variabile y(t) erchè l uscita del lant è y (t) ma se si conosce il modello del lant (cioè G(s) e θ) è ossibile utilizzare lo schema basato sul Predittore di Smith er risolvere i roblemi legati al ritardo PID-- 40 Pag. 20

21 Gestione dei ritardi R(s) + E(s) - PID U(s) G(s) Y(s) e θs Y (s) Schema a + redittore P(s) + di Smith Z(s) θs P( s) = (1 e ) G( s) θ s θ s Z ( s ) = G ( s ) e U ( s ) + (1 e ) G ( s ) U ( s ) = G ( s ) U ( s ) = Y ( s ) PID-- 41 Gestione dei ritardi Utilizzando il redittore di Smith lo schema di controllo diventa equivalente a R(s) + E(s) - PID U(s) G(s) Y(s) e θs Y (s) Il ritardo non entra iù nel loo di controllo ed è ossibile disegnare un PID in modo che y(t) (e, di conseguenza, y (t)) abbia le caratteristiche desiderate Si annulla la retroazione dall uscita ritardata inserendo un anello interno in cui comare un modello del rocesso comrensivo del ritardo suosto noto. Si releva la variabile non ritardata, resa disonibile dal modello, er chiudere la retroazione. In tal modo si cancella il ritardo nel loo di retroazione ed è come se retroazionassimo l uscita non ritardata. PID-- 42 Pag. 21

22 Gestione dei ritardi Nel caso in cui il modello del sistema non sia reciso e la conoscenza del ritardo sia arossimativa, non si ottiene una cancellazione erfetta dell uscita ritardata. Tuttavia, l azione del redittore di Smith è ancora utile in quanto mitiga l effetto etto del ritardo nel loo di retroazione. o e Per oter utilizzare il redittore di Smith è NECESSARIO che il ritardo sia costante. PID-- 43 Gestione dei ritardi - Esemio 1.2s e G ( s) = 2 ( s + 1) K PID = d i 2 T = 0.25 T = 2 Uscita Uscita con uno schema a redittore di Smith Uscita con uno schema a redittore di Smith con una conoscenza imrecisa del ritardo (θ=1) PID-- 44 Pag. 22

23 Disositivi anti-saturazioni (anti-windu) L uscita del regolatore è alicata a disositivi di attuazione che nella realtà resentano saturazioni. È oortuno evitare che, nel caso in cui la variabile di controllo saturi, il regolatore continui ad integrare l errore, fenomeno detto windu. In tal caso infatti l integratore uò assumere valori molto elevati e richiedere molto temo er tornare a valori normali. Un intervento uò essere quello di bloccare la sommatoria dell azione integrale allorché l uscita raggiunge il valore limite, oure quello di attivare l azione lazione integrale solo quando lerrore l errore è iccolo. Nel caso in cui sia disonibile un modello (anche algebrico) dell attuatore, si ossono utilizzare vari schemi di anti-windu. Verrà illustrato il metodo dell integrazione condizionata. PID-- 45 Disositivi anti-saturazioni (anti-windu) Nel caso in cui sia disonibile un modello (anche algebrico) dell attuatore, si ossono utilizzare vari schemi di anti-windu. Verrà illustrato il metodo dell integrazione condizionata. In questa tecnica l ingresso del termine integrale viene azzerato nel caso in cui e s (t) = v(t) u(t) non sia nullo Se chiamiamo e i (t) l ingresso del termine integrale, allora l integrazione condizionata si esrime matematicamente come e i e( t) ( t) = 0 se se v( t) = u( t) v( t) u( t) PID-- 46 Pag. 23

24 Disositivi anti-saturazioni (anti-windu) Lo schema di antisaturazione con integrazione condizionata è il seguente: Quando il valore imosto dall attuatore è diverso da quello richiesto dal controllore l ingresso del termine integrale viene osto a zero. PID-- 47 Disositivi anti-saturazioni (anti-windu) Nel caso in cui non sia ossibile misurare l uscita dell attuatore si costruisce un modello statico che tenga conto della saturazione dell attuatore e si utilizza l uscita del modello statico er decidere se imorre a zero l ingresso del termine integrale. PID-- 48 Pag. 24

25 Esemio PID 1 G ( s) = K = 2 Td = 0.25 Ti = 2 s( s + 1) Attuatore 0.5 se v( t) 0.5 u( t) = v( t) se 0.5 v( t) se v( t) 0.5 R(s) + - E(s) PID V(s) U(s) G(s) Y(s) PID-- 49 Esemio PID senza integrazione condizionata Uscita Azione integrale Quando l integratore è in saturazione, il sistema evolve come se non fosse in retroazione. Cio eggiora le restazioni. Inoltre l integratore imiega del temo a tornare in un camo di valori utili er il controllo. PID-- 50 Pag. 25

26 Esemio PID con integrazione condizionata Uscita Azione integrale L integrazione condizionata mantiene l azione integrale semre in un camo di valori utile er il controllo migliorando le restazioni. PID-- 51 PID Digitale Per imlementare un PID su un sistema di elaborazione digitale è necessario ottenerne un equivalente discreto Esistono svariati metodi er discretizzare un controllore temo continuo. Verrà illustrata una delle discretizzazioni iù utilizzate er i PID P I D T s 1 K K T s d d U ( s) = K 1+ + E( s) = K E( s) + E( s) + E( s) Td T 1 s Ti s Ti s d + 1+ s N N PID-- 52 Pag. 26

27 PID Digitale Azione Proorzionale u ( t) = K e( t) u ( kt ) = K e( kt ) Azione Integrale t K ui ( t) = e( τ ) dτ T i 0 u ( kt) ui (( k 1) T ) T i = K T i e( kt) du ( ) K i t = dt T i e( t) K T ui ( kt ) = ui (( k 1) T ) + e ( kt ) T i PID-- 53 PID Digitale Azione Derivativa Td dud ( t) ud ( t) + = K T N dt d de( t) dt Td ud ( kt ) + N ud ( kt ) ud (( k 1) T ) = K T T d e( kt ) e(( k 1) T ) T Td ud ( kt ) = ud (( k 1) T ) + K NT + T NTd NT + T d + d e( kt) e(( k 1) T ) T PID Digitale u( kt) = u ( kt) + u ( kt) u ( kt) i + d PID-- 54 Pag. 27

28 PID Digitale Pseudocodice Codice di Controllo Inizializzazione Codice di Calcolo Ricorsivo Eseguita una sola volta all accensione del regolatore Eseguita ad ogni eriodo di camionamento PID-- 55 PID Digitale Pseudocodice Inizializzazione %Assegnamento e calcolo dei coefficienti costanti a 1 =K T/T i b 1 =T d /(NT+T d ) b 2 =KNb 1 %inizializzazione dello stato %si suone che y s sia in una memoria interna al regolatore Lettura di y s e acquisizione e conversione A/D di y e old =y s -y u i =u 0 +K c e old u d =0 %u 0 corrisonde al valore attuale della variabile di controllo %suosto disonibile PID-- 56 Pag. 28

29 PID Digitale - Pseudocodice Pseudocodice ricorsivo 1. Attesa attivazione del clock (clock interrut) 2. Acquisizione e conversione A/D di y s e y 3. e=y s -y 4. u i =u i +a 1 e 5. u d =b 1 u d +b 2 (e-e old ) 6. u=k e+u i +u d 7. Emissione di u e conversione D/A 8. e old =e 9. Ritorno a 1 PID-- 57 PID Digitale - Osservazioni Il rogetto di un PID digitale è tiicamente un rogetto er discretizzazione. E quindi fondamentale: Scegliere il eriodo di camionamento in base alle secifiche ad anello chiuso Aggiungere la dinamica (eventualmente arossimata) del ricostruttore alla dinamica del lant da controllare rima di fare il tuning dei arametri Per la taratura automatica dei arametri si rocede come segue Si Sceglie il eriodo di camionamento in base alle secifiche ad anello chiuso Si arossima il lant con un sistema del rimo ordine con ritardo. Sia θ tale ritardo Si aggiunge un ritardo T/2 a θ in modo da considerare la dinamica del ricostruttore di ordine 0. Si rocede a fare il tuning considerando il sistema arossimata con il ritardo modificato PID-- 58 Pag. 29

30 Controlli Digitali Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica CONTROLLORI PID FINE Tel Pag. 30

STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI

STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI Quando un sistema fisico inizialmente in quiete viene sottoosto ad un ingresso di durata finita o di amiezza limitata, l uscita del sistema dovrebbe stabilizzarsi a un certo

Dettagli

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i DISTRIBUZIONE di PROBABILITA Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che uò assumere i valori: ; ;, n al verificarsi degli eventi incomatibili e comlementari: E ; E ;..;

Dettagli

5 LAVORO ED ENERGIA. 5.1 Lavoro di una forza

5 LAVORO ED ENERGIA. 5.1 Lavoro di una forza 5 LAVR ED ENERGIA La valutazione dell equazione del moto di una articella a artire dalla forza agente su di essa risulta articolarmente semlice qualora la forza è costante; in tal caso è ossibile stabilire

Dettagli

NUMERI RAZIONALI E REALI

NUMERI RAZIONALI E REALI NUMERI RAZIONALI E REALI CARLANGELO LIVERANI. Numeri Razionali Tutti sanno che i numeri razionali sono numeri del tio q con N e q N. Purtuttavia molte frazioni ossono corrisondere allo stesso numero, er

Dettagli

Introduzione alla trigonometria

Introduzione alla trigonometria Introduzione alla trigonometria Angoli e loro misure In questa unità introdurremo e studieremo una classe di funzioni che non hai ancora incontrato, le funzioni goniometriche. Esse sono imortanti sorattutto

Dettagli

Dispensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1

Dispensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1 Disensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1 (a cura di L. Pisani) C.d.L. in Matematica Università degli Studi di Bari a.a. 2003/04 i Indice Notazioni iii 1 Princii di sostituzione 1 1.1 Funzioni equivalenti

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLA SOLLECITAZIONE

CARATTERISTICHE DELLA SOLLECITAZIONE RRISIH D SOIZIO bbiamo visto che la trave uò essere definita come un solido generato da una figura iana S (detta seione retta o seione ortogonale) che si muove nello saio mantenendosi semre ortogonale

Dettagli

6 Collegamento cerniera con piastra d anima (Fin Plate)

6 Collegamento cerniera con piastra d anima (Fin Plate) 6 Collegamento cerniera con iastra d anima (in Plate) 6. Generalità e caratteristiche del collegamento Il collegamento a cerniera con iastra d anima si realizza saldando in oicina una iastra all elemento

Dettagli

Consideriamo un gas ideale in equilibrio termodinamico alla pressione p 1. , contenuto in un volume V

Consideriamo un gas ideale in equilibrio termodinamico alla pressione p 1. , contenuto in un volume V LEGGI DEI GS Per gas si intende un fluido rivo di forma o volume rorio e facilmente comrimibile in modo da conseguire notevoli variazioni di ressione e densità. Le variabili termodinamiche iù aroriate

Dettagli

Introduzione. Classificazione delle non linearità

Introduzione. Classificazione delle non linearità Introduzione Accade spesso di dover studiare un sistema di controllo in cui sono presenti sottosistemi non lineari. Alcuni di tali sottosistemi sono descritti da equazioni differenziali non lineari, ad

Dettagli

RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO

RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Agenzia Nazionale er le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluo Economico Sostenibile RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Studio comarativo tra fabbisogni energetici netti, lato edificio, sia er la climatizzazione

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 CONTROLLI DIGITALI Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica SISTEMI A TEMPO DISCRETO Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: cristian.secchi@unimore.it http://www.dismi.unimo.it/members/csecchi Richiami di Controlli

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Risposte canoniche e sistemi elementari Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1

Dettagli

Capitolo Ventitrè. Offerta nel breve. Offerta dell industria. Offerta di un industria concorrenziale Offerta impresa 1 Offerta impresa 2 p

Capitolo Ventitrè. Offerta nel breve. Offerta dell industria. Offerta di un industria concorrenziale Offerta impresa 1 Offerta impresa 2 p Caitolo Ventitrè Offerta dell industria Offerta dell industria concorrenziale Come si combinano le decisioni di offerta di molte imrese singole in un industria concorrenziale er costituire l offerta di

Dettagli

Il luogo delle radici (ver. 1.0)

Il luogo delle radici (ver. 1.0) Il luogo delle radici (ver. 1.0) 1 Sia dato il sistema in retroazione riportato in Fig. 1.1. Il luogo delle radici è uno strumento mediante il quale è possibile valutare la posizione dei poli della funzione

Dettagli

SPECIFICHE DI UN SISTEMA IN ANELLO CHIUSO

SPECIFICHE DI UN SISTEMA IN ANELLO CHIUSO SPECIFICHE DI UN SISTEMA IN ANELLO CHIUSO Consideriamo il classico esempio di compensazione in cascata riportato in figura, comprendente il plant o sistema controllato con funzione di trasferimento G P

Dettagli

Richiami: funzione di trasferimento e risposta al gradino

Richiami: funzione di trasferimento e risposta al gradino Richiami: funzione di trasferimento e risposta al gradino 1 Funzione di trasferimento La funzione di trasferimento di un sistema lineare è il rapporto di due polinomi della variabile complessa s. Essa

Dettagli

COMUNE DI CALVELLO PROVINCIA DI POTENZA AREA: SETTORE AMMINISTRATIVO. DETERMINAZIONE DSG N 00954/2014 del 09/12/2014

COMUNE DI CALVELLO PROVINCIA DI POTENZA AREA: SETTORE AMMINISTRATIVO. DETERMINAZIONE DSG N 00954/2014 del 09/12/2014 N PAP-01410-2014 Si attesta che il resente atto è stato affisso all'albo Pretorio on-line dal 09/12/2014 al 24/12/2014 L'incaricato della ubblicazione GENNARO COLASURDO COMUNE DI CALVELLO PROVINCIA DI

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

MERCATI NON CONCORRENZIALI. 2. grande numero di produttori e consumatori in ciascun mercato; 3. omogeneità del bene prodotto/venduto in ogni mercato

MERCATI NON CONCORRENZIALI. 2. grande numero di produttori e consumatori in ciascun mercato; 3. omogeneità del bene prodotto/venduto in ogni mercato MERCATI NON CONCORRENZIALI Le iotesi che sorreono lo schema di concorrenza eretta sono: 1. inormazione eretta e comleta er tutti li aenti; 2. rande numero di roduttori e consumatori in ciascun mercato;

Dettagli

Progetto di un sistema di controllo di sospensioni attive in ambiente Matlab

Progetto di un sistema di controllo di sospensioni attive in ambiente Matlab Università di Padova FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ing. dell' Informazione Progetto di un sistema di controllo di sospensioni attive in ambiente Matlab Relatore: Prof. Alessandro Beghi Presentata

Dettagli

Risposta temporale: esercizi

Risposta temporale: esercizi ...4 Risposta temporale: esercizi Esercizio. Calcolare la risposta al gradino del seguente sistema: G(s) X(s) = s (s+)(s+) Y(s) Per ottenere la risposta al gradino occorre antitrasformare la seguente funzione:

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROVA DI AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA E DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO DIRETTAMENTE FINALIZZATI ALLA FORMAZIONE DI ARCHITETTO Anno Accademico

Dettagli

La funzione di risposta armonica

La funzione di risposta armonica 0.0. 3.1 1 La funzione di risposta armonica Se ad un sistema lineare stazionario asintoticamente stabile si applica in ingresso un segnale sinusoidale x(t) = sen ωt di pulsazione ω: x(t) = sin ωt (s) =

Dettagli

Analisi e controllo di uno scambiatore di calore

Analisi e controllo di uno scambiatore di calore Università degli Studi di Roma Tor Vergata FACOLTÀ DI INGNEGNERIA Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria dell automazione Progetto per il corso di controllo dei processi Analisi e controllo di uno scambiatore

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

Sistemi e modelli matematici

Sistemi e modelli matematici 0.0.. Sistemi e modelli matematici L automazione è un complesso di tecniche volte a sostituire l intervento umano, o a migliorarne l efficienza, nell esercizio di dispositivi e impianti. Un importante

Dettagli

Rapporto sull Impatto della Sanità d Iniziativa. Valentina Barletta Paolo Francesconi Francesco Profili Laura Policardo

Rapporto sull Impatto della Sanità d Iniziativa. Valentina Barletta Paolo Francesconi Francesco Profili Laura Policardo Raorto sull Imatto della Sanità d Iniziativa Valentina Barletta Paolo Francesconi Francesco Profili Laura Policardo Novembre 2013 Indice 1 Storia e sviluo del rogetto sanità d iniziativa in Regione Toscana

Dettagli

Politecnico di Bari Facoltà di Ingegneria

Politecnico di Bari Facoltà di Ingegneria Politecnico di Bari Facoltà di Ingegneria Dispensa per il Corso di Controlli Automatici I Uso del software di calcolo Matlab 4. per lo studio delle risposte nel tempo dei sistemi lineari tempoinvarianti

Dettagli

Dipendenza dai dati iniziali

Dipendenza dai dati iniziali Dipendenza dai dati iniziali Dopo aver studiato il problema dell esistenza e unicità delle soluzioni dei problemi di Cauchy, il passo successivo è vedere come le traiettorie di queste ultime dipendono

Dettagli

Forma d onda rettangolare non alternativa.

Forma d onda rettangolare non alternativa. Forma d onda rettangolare non alternativa. Lo studio della forma d onda rettangolare è utile, perché consente di conoscere il contenuto armonico di un segnale digitale. FIGURA 33 Forma d onda rettangolare.

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

Uso delle costanti di tempo nella tecnica fonometrica.-

Uso delle costanti di tempo nella tecnica fonometrica.- Aunti di acustica ratica N 10.- 0140114 Uso delle costanti di temo nella tecnica fonometrica.- B.Abrami bruno.abrami@tin.it 1.- Premessa generale.- Nell estate del 010, avendo litigato con la fidanzata,

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Preprocessamento dei Dati

Preprocessamento dei Dati Preprocessamento dei Dati Raramente i dati sperimentali sono pronti per essere utilizzati immediatamente per le fasi successive del processo di identificazione, a causa di: Offset e disturbi a bassa frequenza

Dettagli

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1 M.Blconi e R.Fontn, Disense di conomi: 3) quilirio del consumtore L scelt di equilirio del consumtore ntegrzione del C. 21 del testo di Mnkiw 1 Prte 1 l vincolo di ilncio Suonimo che il reddito di un consumtore

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE Quando si studia una funzione! " #$%&' (funzione reale di variabile reale) è fondamentale conoscere il segno, in altre parole sapere per quali valori di &( #$%&'$è positiva,

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

Dinamica e Misura delle Vibrazioni

Dinamica e Misura delle Vibrazioni Dinamica e Misura delle Vibrazioni Prof. Giovanni Moschioni Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica Sezione di Misure e Tecniche Sperimentali giovanni.moschioni@polimi.it VibrazionI 2 Il termine

Dettagli

Errori di misura. è ragionevole assumere che una buona stima del valore vero sia la media

Errori di misura. è ragionevole assumere che una buona stima del valore vero sia la media Errori di miura Se lo trumento di miura è abbatanza enibile, la miura rietuta della tea grandezza fiica darà riultati diveri fra loro e fluttuanti in modo caratteritico. E l effetto di errori cauali, o

Dettagli

Laboratorio di Elettrotecnica

Laboratorio di Elettrotecnica 1 Laboratorio di Elettrotecnica Rappresentazione armonica dei Segnali Prof. Pietro Burrascano - Università degli Studi di Perugia Polo Scientifico Didattico di Terni 2 SEGNALI: ANDAMENTI ( NEL TEMPO, NELLO

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

Corso di Informatica Industriale

Corso di Informatica Industriale Corso di Informatica Industriale Prof. Giorgio Buttazzo Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Pavia E-mail: buttazzo@unipv.it Informazioni varie Telefono: 0382-505.755 Email: Dispense:

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti.

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Def. Si dice equazione differenziale lineare del secondo ordine

Dettagli

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas.8.6.. - -.5.5 -. In questa dispensa ricordiamo la classificazione delle funzioni elementari e il dominio di esistenza delle stesse. Inoltre

Dettagli

Analisi dei sistemi nel dominio del tempo

Analisi dei sistemi nel dominio del tempo Appunti di Teoria dei Segnali a.a. 010/011 L.Verdoliva In questa sezione studieremo i sistemi tempo continuo e tempo discreto nel dominio del tempo. Li classificheremo in base alle loro proprietà e focalizzeremo

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA Stefania Naddeo (anno accademico 4/5) INDICE PARTE PRIMA: STATISTICA DESCRITTIVA. DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA E FUNZIONE DI RIPARTIZIONE. VALORI CARATTERISTICI

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06 Analisi Mat. - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 3-3-6 Sia p il polinomio di quarto grado definito da pz = z 4. Sia S il settore circolare formato dai numeri complessi che hanno modulo minore o

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

1. Diodi. figura 1. figura 2

1. Diodi. figura 1. figura 2 1. Diodi 1.1. Funzionamento 1.1.1. Drogaggio 1.1.2. Campo elettrico di buil-in 1.1.3. Larghezza della zona di svuotamento 1.1.4. Curve caratteristiche Polarizzazione Polarizzazione diretta Polarizzazione

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

VARIABILI ALEATORIE CONTINUE

VARIABILI ALEATORIE CONTINUE VARIABILI ALEATORIE CONTINUE Se X è una variabile aleatoria continua, la probabilità che X assuma un certo valore x fissato è in generale zero, quindi non ha senso definire una distribuzione di probabilità

Dettagli

Limiti e forme indeterminate

Limiti e forme indeterminate Limiti e forme indeterminate Edizioni H ALPHA LORENZO ROI c Edizioni H ALPHA. Ottobre 04. H L immagine frattale di copertina rappresenta un particolare dell insieme di Mandelbrot centrato nel punto.5378303507,

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Perché il Controllo Fuzzy?

Perché il Controllo Fuzzy? Pregi - Non è necessario un modello matematico dettagliato 2 - Può incorporare facilmente esperienza umana espressa in termini "qualitativi" 3 - E' robusto 4 - E' adattabile alle modifiche del processo

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Nota su Crescita e Convergenza

Nota su Crescita e Convergenza Nota su Crescita e Convergenza S. Modica 28 Ottobre 2007 Nella prima sezione si considerano crescita lineare ed esponenziale e le loro proprietà elementari. Nella seconda sezione si spiega la misura di

Dettagli

1. Limite finito di una funzione in un punto

1. Limite finito di una funzione in un punto . Limite finito di una funzione in un punto Consideriamo la funzione: f ( ) = il cui dominio risulta essere R {}, e quindi il valore di f ( ) non è calcolabile in =. Quest affermazione tuttavia non esaurisce

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08 Alberto Perotti, Roberto Garello DELEN-DAUIN Processi casuali Sono modelli probabilistici

Dettagli

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico ESAME DI STATO PER ISTITUTI PROFESSIONALI Corso di Ordinamento Indirizzo: Tecnico delle industrie elettroniche Tema di: Elettronica, telecomunicazioni ed applicazioni Gaetano D Antona Il tema proposto

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc.

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. Classi Numeriche 1 1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. In questo breve capitolo richiamiamo le definizioni delle classi numeriche fondamentali, già note al lettore,

Dettagli

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa?

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa? Verifica d Iotesi Se ivece che chiederci quale è il valore ua mea i ua oolazioe (stima utuale Se ivece e itervallo che chiederci cofideza) quale è il avessimo valore u idea ua mea su quello i ua che oolazioe

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano I NUMERI DECIMALI che cosa sono, come si rappresentano NUMERI NATURALI per contare bastano i numeri naturali N i numeri naturali cominciano con il numero uno e vanno avanti con la regola del +1 fino all

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

Elettronica delle Telecomunicazioni Esercizi cap 2: Circuiti con Ampl. Oper. 2.1 Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale

Elettronica delle Telecomunicazioni Esercizi cap 2: Circuiti con Ampl. Oper. 2.1 Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale 2. Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale Un amplificatore è realizzato con un LM74, con Ad = 00 db, polo di Ad a 0 Hz. La controreazione determina un guadagno ideale pari a 00.

Dettagli

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue:

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue: CAMPO DI ESISTENZA. Poiché la funzione data è una razionale fratta, essa risulta definita su tutto l asse reale tranne che nei punti in cui il denominatore della frazione si annulla, cioè: C.E. { R: 0}

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

Cenni di Elettronica non Lineare

Cenni di Elettronica non Lineare 1 Cenni di Elettronica non Lineare RUOLO DELL ELETTRONICA NON LINEARE La differenza principale tra l elettronica lineare e quella non-lineare risiede nel tipo di informazione che viene elaborata. L elettronica

Dettagli

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale Radicali 1. Radice n-esima Terminologia Il simbolo è detto radicale. Il numero è detto radicando. Il numero è detto indice del radicale. Il numero è detto coefficiente del radicale. Definizione Sia un

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

GRANDEZZE SINUSOIDALI

GRANDEZZE SINUSOIDALI GRANDEE SINUSOIDALI INDICE -Grandezze variabili. -Grandezze periodiche. 3-Parametri delle grandezze periodiche. 4-Grandezze alternate. 5-Grandezze sinusoidali. 6-Parametri delle grandezze sinusoidali.

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli