Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee"

Transcript

1 Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che: 1 e 1 sono gli unici interi che dividano ogni intero; 0 è l unico intero che sia diviso da ogni intero. a, b Z ( a b a b a b a b ) L insieme dei divisori (in Z) di un intero n si indica come D(n). Dunque, per ogni n Z, D(n) := {a Z : a n}, ad esempio, D(6) = {1, 1, 2, 2, 3, 3, 6, 6}. Un massimo comun divisore tra a e b è poi un intero d per il quale valgano le due condizioni: ovvero, in modo equivalente: i.) d a d b; e ii.) c Z ( (c a c b) c d ) ; i.) d D(a) D(b); e ii.) c D(a) D(b), c d. Dunque, un massimo comun divisore tra a e b è un divisore comune ad a e b che sia diviso da ogni altro divisore comune ad a e b. Alcune osservazioni immediate sulla nozione di massimo comun divisore sono le seguenti: Se d è un massimo comun divisore tra a e b allora d e d sono gli unici massimi comun divisori tra a e b, dunque: calcolare un massimo comun divisore tra due interi equivale a calcolarli tutti; per ogni a, b Z, i divisori comuni ad a e b sono tutti e soli i divisori comuni ad a e b ; quindi i massimi comun divisori tra a e b sono tutti e soli i massimi comun divisori tra a e b. Quest ultima osservazione mostra che nel calcolare massimi comun divisori tra numeri interi è sempre possibile ridursi a calcolare massimi comun divisori tra interi non negativi. Ad esempio, i massimi comun divisori tra e sono precisamente i massimi comun divisori tra 7811 e , così come quelli tra e o quelli tra 7811 e Inoltre, il calcolo dei massimi comun divisori tra 0 ed un arbitrario intero è immediato, come segue da queste altre due osservazioni: se a e b sono interi e a b, allora a è un massimo comun divisore tra a e b; in particolare, per ogni a Z, si ha che a è un massimo comun divisore tra a e 0. Pertanto: Il problema di calcolare un massimo comun divisore tra numeri interi si riduce sempre al problema di calcolare un massimo comun divisore tra numeri interi positivi. Sino a questo momento non si è ancora stabilito se questo problema abbia sempre soluzione, cioè se, assegnati comunque due interi a e b esista un massimo comun divisore tra a e b. Il teorema fondamentale dell aritmetica suggerisce un metodo per calcolare un massimo comun divisore tra a e b, quello che viene insegnato sin dalla scuola elementare: supponendo, come lecito, a e b positivi, basta esprimere sia a che b come prodotti di potenze di numeri primi (positivi) a due a due distinti, con esponenti positivi: a = p λ1 1 pλ2 2 pλs s b = q µ1 1 qµ2 2 qµt t ; si ottiene un massimo comun divisore tra a e b come prodotto di tutti i primi che appaiono in entrambe le fattorizzazioni (i fattori comuni... ), ciascuno elevato al minimo degli esponenti con cui Avvertenza: Queste note integrano, ma non sostituiscono, le corrispondenti parti del libro di testo. 1

2 appare (... col minimo esponente). Ciò è facile da verificare (lo si faccia per esercizio) e mostra che la risposta alla domanda formulata sopra è positiva. Grazie anche alle osservazioni precedenti possiamo concludere che: Se a e b sono interi allora: se a = b = 0, l unico massimo comun divisore tra a e b è 0; altrimenti, se almeno uno tra a e b è diverso da zero, a e b hanno esattamente due massimi comun divisori, uno opposto dell altro. In ogni caso, dunque, esiste uno ed un solo massimo comun divisore non negativo tra a e b. Il massimo comun divisore non negativo tra due interi a e b viene spesso indicato con il simbolo MCD(a, b). Il metodo di calcolo di un massimo comun divisore tra due interi a e b appena ricordato è molto rapido ed efficace nel caso in cui a e b siano numeri di valore assoluto sufficientemente piccolo da renderne semplice la scomposizione in fattori primi. Quando si ha a che fare con numeri più grandi questo metodo risulta invece spesso impraticabile, dal momento che non sono noti metodi che permettano di scomporre in tempi ragionevolmente brevi numeri interi arbitrari; anzi, il calcolo dei fattori primi di un intero può rivelarsi di estrema complessità computazionale. Per questo è molto importante disporre di un metodo alternativo, quello fornito dall algoritmo euclideo, che ora illustreremo e che si dimostra essere invece molto efficiente. Per semplificare la discussione, introduciamo una definizione. Per ogni a, b Z chiamiamo combinazione lineare di a e b a coefficienti in Z ogni numero intero che si possa scrivere come αa + βb per opportuni α, β Z. In altri termini, una combinazione lineare di a e b (a coefficienti in Z; talvolta lasceremo sottintesa questa specificazione) è la somma di un multiplo di a per un multiplo di b. Ad esempio, sono combinazioni lineare di a e b i numeri 3a + 7b, 15a 2b, 19b. Lemma 1. Siano a, b, c Z. Se c divide a e b allora c divide ogni combinazione lineare di a e b a coefficienti in Z. Dimostrazione Se c a e c b, esistono interi h e k tali che a = hc e b = kc. Scelti comunque α, β Z si ha allora αa + βb = α(hc) + β(kc) = (αh + βk)c, dunque c divide αa + βb. Un caso particolare del precedente lemma è il punto centrale del ragionamento che suggerisce e giustifica l algoritmo euclideo: Lemma 2. Siano a, b, q, r Z tali che a = bq + r. Allora i divisori comuni ad a e b sono tutti e soli i divisori comuni a b e r. In particolare, i massimi comun divisori tra a e b sono precisamente i massimi comun divisori tra b e r. Dimostrazione Sia c un divisore comune a b e r. Poiché a è combinazione lineare di b e r, allora c a per il Lemma 1. Dunque c è un divisore comune ad a e b. Abbiamo così provato l inclusione D(a) D(b) D(b) D(r). Per provare l inclusione opposta, osserviamo che r = a bq è combinazione lineare di a e b, quindi, come per il passaggio precedente, ogni divisore comune ad a e b divide r ed è così un divisore comune a b e r. Abbiamo ora dimostrato l uguaglianza D(a) D(b) = D(b) D(r), cioè che a e b da una parte e b ed r dall altra hanno gli stessi divisori comuni, quindi anche gli stessi massimi comun divisori. Supponiamo ora di voler calcolare un massimo comun divisore tra due interi a e b; come visto sopra possiamo supporre che essi siano entrambi positivi. Possiamo ovviamente anche supporre a b, infatti se a < b basta scambiare tra loro a e b, dal momento che MCD(a, b) = MCD(b, a). Come sappiamo, si può effettuare la divisione aritmetica (con resto) di a per b. Esistono dunque (e sono univocamente determinati) due numeri naturali q (il quoziente) e r (il resto) tali che a = bq + r e r < b. Il Lemma 2 mostra che vale l uguaglianza MCD(a, b) = MCD(b, r). Possiamo dunque tradurre il nostro problema originale (calcolare un massimo comun divisore tra a e b) con il problema, simile, 2

3 di calcolare un massimo comun divisore tra b e r. Il vantaggio di questa riformulazione consiste in questo, che se consideriamo la grandezza dei due numeri a e b come misura (grossolana!) della difficoltà del nostro problema (nel senso che è, probabilmente, più facile calcolare un massimo comun divisore tra due numeri più piccoli piuttosto che tra due numeri più grandi), allora l aver sostituito la coppia (b, r) alla coppia (a, b) ha semplificato il problema, perché b < a e r < b. È possibile che si abbia r = 0. In questo caso, b a e quindi b è un massimo comun divisore tra a e b. Se invece r > 0, possiamo ripetere per b e r il procedimento effettuato per a e b: dividendo b per r otteniamo, b = rq 1 + r 1 e r 1 < r, dove, ancora, q 1, r 1 N e i massimi comun divisori tra r e r 1 sono i massimi comun divisori tra b e r, quindi tra a e b. Se r 1 = 0 (cioè se r b), allora r è un massimo comun divisore tra a e b, in caso contrario possiamo effettuare un altra divisione, quella tra r e r 1, ottenendo q 2, r 2 N tali che: r = r 1 q 2 + r 2 e r 2 < r 1, se r 2 = 0 allora r 1 è il massimo comun divisore cercato, altrimenti si proseguirà dividendo r 1 per r 2. Dovrebbe essere a questo punto chiaro il procedimento: ad ogni passo si verifica se il resto r t dell ultima divisione effettuata: r t 2 = r t 1 q t + r t, è 0; in questo caso il penultimo resto r t 1 (vale a dire, l ultimo resto diverso da 0, o, ancora, l ultimo divisore) è il massimo comun divisore positivo tra a e b, se invece r t 0 si effettua un altra divisione, tra il divisore r t 1 ed il resto r t della divisione precedente. È ancora da chiarire un solo punto, cioè se questo procedimento termina, ovvero se, iterando questo procedimento, si perviene ad una divisione con resto 0. La risposta è affermativa. Infatti, la sequenza dei resti ottenuti nelle successive divisioni è strettamente decrescente: b > r > r 1 > r 2 > r 3 > 0 e una sequenza strettamente decrescente di numeri naturali minori di b può avere al più b termini, dal momento che l insieme {n N b n} ha b elementi. Dunque r t = 0 per qualche t < b. Pertanto l algoritmo termina, fornendo un massimo comun divisore tra a e b, dopo al più b divisioni (ad essere pedanti, si dovrebbe specificare che, affinché tutto ciò che è stato appena scritto abbia senso in ogni caso, si devono sottintendere le posizioni r 0 := r e r 1 := b). Notiamo che l algoritmo euclideo appena descritto fornisce un altra dimostrazione, costruttiva, dell esistenza di un massimo comun divisore tra due arbitrari interi. Possiamo riassumere la discussione precedente e schematizzare l algoritmo euclideo per la ricerca di un massimo comun divisore come segue: Assegnati due numeri interi a e b, si intende calcolare un massimo comun divisore d tra a e b. 1 se uno tra a e b è 0, si pone d uguale all altro e l algoritmo termina. Altrimenti: 2 si sostituiscono a e b con a e b, nell ordine; 3 se a < b si scambiano tra loro a e b; 4 a partire dalla divisione di a per b si effettuano divisioni aritmetiche successive, come sopra specificato, finché non si ottenga 0 come resto: a = bq + r b = rq 1 + r 1 r = r 1 q 2 + r 2 r 1 = r 2 q 3 + r 3. r t 3 = r t 2 q t 1 + r t 1 r t 2 = r t 1 q t + r t r t 1 = r t q t dove b > r > r 1 > r 2 > > r t > 0. A questo punto, si pone d = r t e l algoritmo termina. 3

4 Anche se non essenziali per la comprensione dell algoritmo, si possono fare alcune osservazioni marginali. Innanzitutto, il passo 2 non è necessario in senso stretto, dal momento che è possibile effettuare divisioni aritmetiche anche tra interi negativi, o tra un positivo e un negativo. Tuttavia, è consigliabile eseguirlo per evitare inutili complicazioni di calcolo. Anche il passo 3 si sarebbe potuto omettere dalla descrizione dell algoritmo, per un motivo di tipo diverso. Infatti, se a e b sono positivi e a < b, allora la divisione aritmetica di a per b fornisce quoziente 0 e resto a. Dunque se eseguiamo il passo 4 dell algoritmo senza aver prima scambiato tra loro a e b, la prima divisione (di a per b) fornisce r = a e quindi la seconda, quella tra b e r = a, è precisamente quella da cui saremmo partiti se avessimo eseguito il passo 3. Ciò mostra che l unico scopo del passo 3 è quello di evitare una divisione inutile (ancorché banale). Osservazione più rilevante, a proposito del passo 4, è che, come abbiamo già detto, l algoritmo terminerà dopo al più b divisioni. Come esempio di applicazione dell algoritmo euclideo, supponiamo di voler calcolare il massimo comun divisore positivo d tra 2547 e Passando ai valori assoluti dei due numeri considerati, e tenendo conto che 2547 < 7431, procediamo come al passo 4 dopo aver posto a = 7431 e b = Eseguiamo dunque le divisioni: 7431 = 2547[2] = 2337[1] = 210[11] = 27[7] = 21[1] = 6[3] = 3[2] Come evidenziato dalle frecce in colore, ogni divisione successiva alla prima ha per dividendo e per divisore il divisore ed il resto della divisione precedente. Come si può capire, è importante, eseguendo l algoritmo, non confondere i ruoli tra i successivi divisori (indicati sopra come b, r, r 1,...) ed i successivi quozienti (indicati come q, q 1, q 2,...). I primi vanno riutilizzati nella divisione seguente, i secondi no. Allo scopo di evitare questa possibile confusione può essere utile adottare qualche artificio grafico. In questo caso, i quozienti sono stati scritti tra parentesi quadre. Tornando al nostro specifico esempio, poiché l ultimo resto non nullo è 3, concludiamo che 3 è un massimo comun divisore tra 2562 e Un ulteriore osservazione su questo algoritmo è che esso può essere reso ancora più efficace da una piccola modifica. Infatti, l algoritmo si basa su una ripetuta applicazione del Lemma 2, e nell enunciato del Lemma 2 non è richiesto che gli interi q ed r siano proprio il quoziente ed il resto della divisione aritmetica di a per b. Ora, è possibile effettuare un altro tipo di divisione tra interi che rispetti la condizione a = bq + r dell ipotesi del Lemma 2: Lemma 3 (Divisione euclidea). Siano a, b Z. Se b 0 esistono q, r Z tali che a = bq + r e r b /2. Dimostrazione Assegnati a e b come richiesto dall enunciato, effettuiamo la divisione aritmetica tra a e b. Otteniamo così q, r Z tali che a = b q + r e 0 r < b. Se r b /2, allora abbiamo concluso la ricerca di q e r: basterà porre r = r e q = q, a questo punto avremo a = bq + r e r = r b /2, come richieso dall enunciato. Se invece r > b /2, allora si ha b r < b ( b /2 ) = b /2. In questo caso, poniamo r := r b. Poiché r < b si ha allora r < 0, e quindi r = r = b r < b /2. Dunque la condizione r b /2 è soddisfatta. Inoltre r = b + r, dunque a = b q + r = b q + ( b + r ) = bq + r, 4

5 avendo posto q = q + 1 se b > 0 (e quindi se b = b) e q = q 1 se b < 0. Con questa scelta di q e r le condizioni richieste dall enunciato sono soddisfatte, e così il lemma è dimostrato. Ad esempio la divisione aritmetica di 14 per 5 dà quoziente 2 e resto 4; la divisione euclidea appena introdotta dà quoziente 3 (aumentato di 1 rispetto al precedente, perché il divisore 5 è positivo) e resto 1: infatti 14 = 5[3] + ( 1). Possiamo eseguire l algoritmo euclideo per la ricerca di un massimo comun divisore effettuando quest ultimo tipo di divisioni anziché quelle aritmetiche. Uno svantaggio (se così si può dire, anche questo sarebbe evitabile) è che eseguiremo divisioni anche tra numeri negativi, un significativo vantaggio è che la successione dei resti r, r 1, r 2,... verificherà le condizioni: r b /2; r 1 r /2 b /4; r 1 r 2 /2 b /8;..., che, per dirla in termini informali, garantiscono che la successione dei resti decrescerà, nella maggior parte dei casi, più rapidamente di quanto non accadeva con la versione originaria dell algoritmo. Ciò significa che possiamo aspettarci di dover effettuare meno divisioni, e quindi di terminare più rapidamente l algoritmo. A titolo di esempio, si possono confrontare il procedimento seguito prima per il calcolo del massimo comun divisore tra 7431 e 2547 con una versione dello stesso calcolo eseguito effettuando divisioni euclidee anziché aritmetiche: 7431 = 2547[2] = 2337[1] = 210[11] = 27[7] = 21[1] = 6[3] = 3[2] 7431 = 2547[3] + ( 210) 2547 = ( 210)[ 12] = 27[ 8] = 6[4] = 3[2] Esercizio. Si sarebbero potute eseguire le divisioni nella colonna di sinstra, senza alterare il risultato finale, tralasciando i segni meno dei divisori, e quindi assicurando che tutte le divisioni fossero tra numeri positivi. Ad esempio, dopo la prima divisione: 7431 = 2547[3] + ( 210), la seconda avrebbe potuto essere 2547 = 210[12] Basandosi sul Lemma 2 e su osservazioni precedenti, spiegare perché questa procedura è sempre lecita. Equazioni diofantee Oltre al calcolo dei massimi comun divisori, l algoritmo euclideo permette di risolvere un altro importante problema. Un equazione diofantea è un equazione in cui appaiano solo indeterminate e numeri interi che si intenda risolvere in Z, cioè per la quale siano ammesse come soluzioni solo numeri interi. Ci occupiamo qui di un particolare tipo di equazione diofantea: quella cosiddetta lineare a due indeterminate, cioè una equazione diofantea della forma ax + by = c, ( ) dove a, b e c sono numeri interi. Risolvere l equazione ( ) significa dunque trovare le coppie di interi (u, v), che rendano vera l uguaglianza se sostituiti a x e y, cioè tali che au + bv = c. Osserviamo subito che è possibile che la ( ) non ammetta soluzioni. Ad esempio, per a = b = 0 e c = 1 otteniamo l equazione 0x + 0y = 1 che, ovviamente, non ammette soluzioni. Facendo uso della terminologia introdotta sopra, è chiaro che ( ) ammette soluzioni (intere) se e solo se c è combinazione lineare di a e b a coefficienti in Z. Ciò permette di dimostrare la prima importante osservazione su questo genere di equazioni. Lemma 4. Siano a, b, c Z, e sia d un massimo comun divisore tra a e b. Se d non divide c, allora l equazione diofantea ax + by = c non ammette soluzioni. Dimostrazione Supponiamo che l equazione abbia soluzioni. Allora esistono u, v Z tali che au + bv = c, dunque c è combinazione lineare di a e b a coefficienti in Z. Dal Lemma 1 segue allora che d divide c. Dunque, se supponiamo che d non divida c dobbiamo trarre la conclusione che la nostra equazione non ha soluzioni. 5

6 Ad esempio, l equazione diofantea 2x + 6y = 3 non ha soluzioni. Ovviamente ciò significa che l equazione non ha soluzioni intere; essa ha ovviamente soluzioni razionali (cioè in Q), ad esempio (0, 1/2) o (1, 1/6), ma nessuna di esse è data da due numeri interi. Vedremo come l algoritmo euclideo permette non solo di dimostrare che vale anche l implicazione inversa di quella stabilita nel Lemma 4, cioè, nelle stesse notazioni, che se d divide c, allora l equazione diofantea ax + by = c ammette soluzioni, ma anche di trovare queste soluzioni. A questo scopo, iniziamo a considerare un caso banale, quello in cui almeno uno tra i coefficienti a e b è 0. Se a = 0, allora l equazione ( ) si riduce a by = c. Dire che questa ha una soluzione intera equivale a dire che b divide c. Inoltre, b è un massimo comun divisore tra a(= 0) e b, quindi è vero, in questo caso, che l equazione data ammette soluzioni se (e solo se, in accordo col Lemma 4) un massimo comun divisore tra a e b divide c. Naturalmente, sempre in questo caso, è semplicissimo determinare le soluzioni, qualora ne esistano: se b 0 esse sono tutte (e sole) le coppie (n, c/b) al variare di n in Z, mentre ogni coppia di numeri interi è soluzione se b = 0. In modo analogo si ragiona se b = 0. Supponiamo allora che sia a che b siano diversi da zero. Eseguiamo le divisioni successive previste dall algoritmo euclideo: a = bq + r b = rq 1 + r 1 r = r 1 q 2 + r 2 r 1 = r 2 q 3 + r 3. r t 3 = r t 2 q t 1 + r t 1 r t 2 = r t 1 q t + r t r t 1 = r t q t+1 Allora r t è uno dei due massimi comun divisori tra a e b; poniamo d := r t. Per risolvere l equazione diofantea ( ) proveremo prima a risolvere l equazione diofantea ax + by = d. ( ) Come già osservato, risolvere quest ultima equivale ad esprimere d come combinazione lineare di a e b a coefficienti in Z. La divisione in cui d = r t appare come resto permette di esprimere d come combinazione lineare dei due resti precedenti, r t 1 e r t 2, infatti da r t 2 = r t 1 q t + d traiamo d = r t 2 + [ q t ]r t 1. La divisione precedente, r t 3 = r t 2 q t + r t 1, fornisce poi r t 1 come combinazione lineare di r t 3 e r t 2, dando r t 1 = r t 3 +[ q t 1 ]r t 2. Se sostituiamo questa espressione per r t 1 nella espressione trovata prima per d otteniamo d = r t 2 + [ q t ]r t 1 = r t 2 + [ q t ] ( r t 3 + [ q t 1 ]r t 2 ) = [ q t ]r t 3 +[1+q t q t 1 ]r t 2, ed esprimiamo così d come combinazione lineare di r t 2 e r t 3, i due resti precedenti r t 1. Questi passaggi dovrebbero essere sufficienti a comprendere l intero procedimento. Per comodità di espressione poniamo r 0 := r, r 1 := b e r 2 := a. Ad ogni passo d è espresso come combinazione lineare (a coefficienti in Z) di due resti con pedici consecutivi, diciamo r i e r i+1 ; dalla divisione di r i 1 per r i si ottiene r i+1 = r i 1 + [ q i+1 ]r i. Sostituendo nell espressione di d r i+1 con, appunto, r i 1 + [ q i+1 ]r i si può scrivere d come combinazione lineare di r i 1 e r i, i due resti precedenti, nell ordine, r i e r i+1. Questo passaggio può essere reiterato finché non si ottenga un espressione di d come combinazione lineare di a = r 2 e b = r 1, cioè due interi α e β tali che αa + βb = d. Allora α e β forniscono una soluzione dell equazione ( ). Da questa si trae facilmente una soluzione per l equazione ( ). Infatti, avendo assunto per ipotesi che d divida c, si ha c = dh per un opportuno h Z. Allora, ponendo u := hα e v := hβ, si ha au + bv = ahα + bhβ = h(αa + βb) = hd = c, quindi u e v forniscono una soluzione di ( ). Abbiamo in questo modo provato che l equazione diofantea ( ) ammette soluzioni se d c. Ricordandoci del Lemma 4 possiamo dunque concludere col seguente teorema: Teorema 5 (Teorema di Bézout). Siano a, b Z, e sia d = MCD(a, b). Allora l equazione diofantea ax + by = c ammette soluzioni (in Z) se e solo se d divide c. Il Teorema di Bézout è spesso citato, in modo equivalente, anche in questa forma: 6

7 Teorema 5*. Siano a, b Z, e sia d = MCD(a, b). Allora l insieme {αa + βb α, β Z} delle combinazioni lineari di a e b a coefficienti in Z coincide con l insieme dz = {dk k Z} dei multipli di d in Z. Come già per la ricerca di un massimo comun divisore, grazie all algoritmo euclideo, non solo abbiamo stabilito esattamente quando un equazione diofantea del tipo a noi considerato ammette soluzioni, ma abbiamo anche individuato un metodo (piuttosto efficace) per determinarne una nel caso esista. Ad esempio, supponiamo di voler trovare soluzioni dell equazione diofantea 74x + 22y = 10. In questo caso è evidente che MCD(74, 22) = 2; poiché 2 divide 10 siamo certi che l equazione ammette soluzioni. Benché già conosciamo il massimo comun divisore 2, per trovare una soluzione mediante l algoritmo euclideo bisogna eseguire le divisioni successive: 74 = 22[3] = 8[2] = 6[1] = 2[3] sino ad ottenere 2 come ultimo resto non nullo. Da queste uguaglianze ricaviamo: 8 = [ 3] 6 = [ 2] 2 = 8 + 6[ 1]. A questo punto possiamo esprimere 2 come combinazione lineare di 74 e 22, mediante successive sostituzioni: 2 = 8 + 6[ 1] = 8 + ( [ 2] ) [ 1] (sostituendo 6) = [ 1] + 8[2] (eseguendo i calcoli... ) = 8[3] + 22[ 1] (... e raccogliendo i coefficienti di 8 e 22) = ( [ 3] ) [3] + 22[ 1] (sostituendo 8) = 74[3] + 22[ 9] + 22[ 1] (eseguendo i calcoli... ) = 74[3] + 22[ 10] (... e raccogliendo i coefficienti di 22 e 74 ). Abbiamo così ottenuto l espressione di 2 cercata. Questa mostra che la coppia (3, 10) è soluzione dell equazione diofantea 74x + 22y = 2. Moltiplicando per 5 (cioè per 10/2) si ottiene 74[15] + 22[ 50] = 10, dunque la coppia (15, 50) è soluzione della nostra equazione diofantea 74x+22y = 10. Alcune annotazioni: come è chiaro, il procedimento effettuato si sarebbe potuto semplificare in almeno due modi: avremmo potuto effettuare divisioni euclidee anziché aritmetiche, risparmiando qualche passaggio. In questo caso specifico, dividendo 22 per 8 avremmo potuto scrivere 22 = 8[3] + ( 2) piuttosto che 22 = 8[2] + 6, risparmiando sia una divisione che una sostituzione nella seconda parte dell algoritmo. Per quest ultima avremmo infatti ottenuto: 2 = [ 3] = 22 + ( [ 3] ) [ 3] = 22[10] + 74[ 3] e quindi 10 = 22[ 50] + 74[15], moltiplicando per 5 = 10/( 2). avendo osservato che 2 divide 74, 22 e10, avremmo potuto semplificare l equazione dividendo tutti i coefficienti per 2 e ottenendo 37x + 11y = 5, un equazione equivalente alla precedente. Avremmo poi proceduto con calcoli analoghi a quelli effettuati sopra, ma facilitati perché applicati a numeri già divisi per due. Una cosa molto importante da chiarire è che la soluzione trovata non è l unica. Infatti, come è immediato verificare, per ogni intero k si ha 74( k) + 22( 50 74k) = 10, il che fornisce infinite soluzioni alla nostra equazione. In effetti, in generale, ogni equazione diofantea del tipo che stiamo considerando (cioè lineare a due indeterminate) ha infinite soluzioni se ne ha almeno una. Detto in altri termini: ha nessuna o infinite soluzioni. Ciò si può far seguire dalla teoria delle equazioni congruenziali lineari ad una indeterminata, che viene trattata in altre note. Ci limitiamo qui a stabilire il nesso tra equazioni diofantee e equazioni congruenziali: 7

8 Lemma 6. Siano a, b, c, u Z. Allora u è soluzione dell equazione congruenziale ax c (mod b) se e solo se esiste v Z tale che (u, v) sia soluzione dell equazione diofantea ax + by = c. Dimostrazione Se u è soluzione di ax c (mod b), allora b divide au c, quindi au c = bk per un opportuno k Z. Ma allora au bk = c, dunque, ponendo v = k, si ha au + bv = c, il che significa che (u, v) è soluzione di ax + by = c. Viceversa, se esiste v Z tale che (u, v) sia soluzione di ax + by = c, cioè tale che au + bv = c, allora b divide bv = au c, dunque au c (mod b) e u è soluzione di ax c (mod b). Possiamo concludere, grazie al Lemma 6, che il problema di risolvere l equazione diofantea ax + by = c è equivalente al problema di risolvere l equazione congruenziale ax c (mod b). Infatti, ogni soluzione (u, v) della prima fornisce immediatamente la soluzione u della seconda; viceversa, se u è soluzione della seconda, allora non solo esiste v Z tale che (u, v) sia soluzione della prima, ma tale v è facile da determinare: basta risolvere l equazione (ad una sola indeterminata) au + by = c. A titolo di esempio, torniamo alla nostra equazione 74x + 22y = 10. Come abbiamo visto, la coppia (15, 50) ne fornisce una soluzione. Allora 15 è soluzione dell equazione congruenziale 74x 10 (mod 22). Utilizzando questa informazione, dalla teoria delle equazioni congruenziali deduciamo che l insieme di tutte le soluzioni di 74x 10 (mod 22) è [15] 11 = [4] 11 = 4+11Z = {4+11k k Z}. Pertanto le soluzioni (intere) di 74x+22y = 10 saranno tutte e sole le coppie (u, v) tali che u = 4+11k e v sia soluzione di 74u + 22y = 10, vale a dire: v = (10 74u)/22. Svolgendo tutti i calcoli, si ottiene (10 74u)/22 = ( 5 37(4 + 11k) ) /11 = 13 37k, quindi l insieme delle soluzioni della nostra equazione è { } (4 + 11k, 13 37k) k Z. Per k = 0 troviamo così la soluzione (4, 13), mentre la soluzione (15, 50) che avevamo calcolato sopra si ottiene per k = 1. Va infine menzionata una importante applicazione del Teorema di Bézout. Due interi a e b si dicono coprimi se e solo se 1 = MCD(a, b). È evidente che questa condizione equivale a richiedere che non esista alcun numero primo che divida sia a che b. Il Teorema di Bézout ha questo caso particolare (anch esso talvolta chiamato Teorema di Bézout, in effetti il Teorema 5 si può dedurre da questo enunciato): Corollario 7. Siano a, b Z. au + bv = 1. Allora a e b sono coprimi se e solo se esistono u, v Z tali che Dimostrazione Per il Teorema 5, esistono u, v Z tali che au + bv = 1 se e solo se MCD(a, b) divide 1. Poiché i soli divisori di 1 sono 1 e 1, questa condizione equivale a MCD(a, b) = 1, cioè a richiedere che a e b siano coprimi. Proposizione 8. Siano a e b due interi coprimi. Per ogni c Z, se a bc allora a c. Dimostrazione Per il Teorema di Bézout (o per il Corollario 7) si ha 1 = au + bv per opportuni u, v Z. Moltiplicando per c otteniamo c = acu + bcv. Dunque c è combinazione lineare di a e bc; poiché a divide a e, per ipotesi, bc allora il Lemma 1 prova che a divide c. 8

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

Lezione 6. Divisibilità e divisori. Teorema di divisione euclidea. Algoritmo delle divisioni successive.

Lezione 6. Divisibilità e divisori. Teorema di divisione euclidea. Algoritmo delle divisioni successive. Lezione 6 Prerequisiti: L'insieme dei numeri interi. Lezione 5. Divisibilità e divisori. Teorema di divisione euclidea. Algoritmo delle divisioni successive. Questa è la prima lezione dedicata all'anello

Dettagli

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora:

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: G.C.D.( a d, b d ) = 1 Sono state introdotte a lezione due definizioni importanti che ricordiamo: Definizione

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

L anello dei polinomi

L anello dei polinomi L anello dei polinomi Sia R un anello commutativo con identità. È possibile costruire un anello commutativo unitario, che si denota con R[x], che contiene R (come sottoanello) e un elemento x non appartenente

Dettagli

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag. SOMMARIO CAPITOLO : I RADICALI. I radicali pag.. I radicali aritmetici pag.. Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.. Potenza di un radicale aritmetico pag.. Trasporto di un fattore esterno

Dettagli

L Ultimo Teorema di Fermat per n = 3 e n = 4

L Ultimo Teorema di Fermat per n = 3 e n = 4 Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Matematica L Ultimo Teorema di Fermat per n = 3 e n = 4 Relatore Prof. Andrea Loi Tesi di Laurea

Dettagli

Corso PAS Anno 2014. ESEMPIO. Per n = 3, Z 3 contiene 3 elementi:

Corso PAS Anno 2014. ESEMPIO. Per n = 3, Z 3 contiene 3 elementi: Corso PAS Anno 2014 Matematica e didattica 3 Correzione esercizi 1. Definizione. Sia n un fissato intero maggiore di 1. Dati due interi a, b si dice che a è congruo a b modulo n, e si scrive a b (mod n),

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

Parte I. Relazioni di ricorrenza

Parte I. Relazioni di ricorrenza Parte I Relazioni di ricorrenza 1 Capitolo 1 Relazioni di ricorrenza 1.1 Modelli Nel seguente capitolo studieremo le relazioni di ricorrenza. Ad esempio sono relazioni di ricorrenza a n = a n 1 + n, a

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Un po di teoria dei numeri

Un po di teoria dei numeri Un po di teoria dei numeri Applicazione alla crittografia RSA Christian Ferrari Liceo di Locarno Matematica Sommario 1 L aritmetica modulare di Z n Le congruenze L anello Z n Le potenze in Z n e algoritmo

Dettagli

TEORIA DEI NUMERI SUCCESSIONI

TEORIA DEI NUMERI SUCCESSIONI Liceo Scientifico G. Salvemini Corso di preparazione per la gara provinciale delle OLIMPIADI DELLA MATEMATICA INTRO TEORIA DEI NUMERI SUCCESSIONI NUMERI INTERI QUESITO Un quesito (facile) sulle cifre:

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

Serie numeriche. 1 Definizioni e proprietà elementari

Serie numeriche. 1 Definizioni e proprietà elementari Serie numeriche Definizioni e proprietà elementari Sia { } una successione, definita per ogni numero naturale n n. Per ogni n n, consideriamo la somma s n degli elementi della successione di posto d s

Dettagli

PRIMAVERA IN BICOCCA

PRIMAVERA IN BICOCCA PRIMAVERA IN BICOCCA 1. Numeri primi e fattorizzazione Una delle applicazioni più rilevanti della Teoria dei Numeri si ha nel campo della crittografia. In queste note vogliamo delineare, in particolare,

Dettagli

E solo questione di metodo:

E solo questione di metodo: E solo questione di metodo: problemi e algoritmi di matematica elementare Progetto Lauree Scientifiche Scuola Estiva di Matematica (4092015) Stefano Finzi Vita Dipartimento di Matematica - Sapienza Università

Dettagli

Nel seguito, senza ulteriormente specificarlo, A indicherà un anello commutativo con identità.

Nel seguito, senza ulteriormente specificarlo, A indicherà un anello commutativo con identità. 1 ANELLI Definizione 1.1. Sia A un insieme su cui sono definite due operazioni +,. (A, +, ) si dice Anello se (A, +) è un gruppo abeliano è associativa valgono le leggi distributive, cioè se a, b, c A

Dettagli

24 : 3 = 8 con resto 0 26 : 4 = 6 con resto 2

24 : 3 = 8 con resto 0 26 : 4 = 6 con resto 2 Dati due numeri naturali a e b, diremo che a è divisibile per b se la divisione a : b è esatta, cioè con resto 0. In questo caso diremo anche che b è un divisore di a. 24 : 3 = 8 con resto 0 26 : 4 = 6

Dettagli

11) convenzioni sulla rappresentazione grafica delle soluzioni

11) convenzioni sulla rappresentazione grafica delle soluzioni 2 PARAGRAFI TRATTATI 1)La funzione esponenziale 2) grafici della funzione esponenziale 3) proprietá delle potenze 4) i logaritmi 5) grafici della funzione logaritmica 6) principali proprietá dei logaritmi

Dettagli

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1 LEZIONE 14 141 Dimensione di uno spazio vettoriale Abbiamo visto come l esistenza di una base in uno spazio vettoriale V su k = R, C, permetta di sostituire a V, che può essere complicato da trattare,

Dettagli

Anelli a fattorizzazione unica. Domini ad ideali principali. Anelli Euclidei

Anelli a fattorizzazione unica. Domini ad ideali principali. Anelli Euclidei Capitolo 5: Anelli speciali: Introduzione: Gli anelli speciali sono anelli dotati di ulteriori proprietà molto forti che ne rendono agevole lo studio. Anelli euclidei Domini ad ideali principali Anelli

Dettagli

DOMINI A FATTORIZZAZIONE UNICA

DOMINI A FATTORIZZAZIONE UNICA DOMINI A FATTORIZZAZIONE UNICA CORSO DI ALGEBRA, A.A. 2012-2013 Nel seguito D indicherà sempre un dominio d integrità cioè un anello commutativo con unità privo di divisori dello zero. Indicheremo con

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 2 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Sistemi di primo grado

Dettagli

ESERCIZI DI PREPARAZIONE E

ESERCIZI DI PREPARAZIONE E ESERCIZI DI PREPARAZIONE E CONSOLIDAMENTO PER I FUTURI STUDENTI DEL PRIMO LEVI si campa anche senza sapere che cos è un equazione, senza sapere suonare uno strumento musicale, senza conoscere il nome del

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo

5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo 5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo X m a (mod n ) Oggetto di questo paragrafo è lo studio della risolubilità di congruenze del tipo: X m a (mod n) con m, n, a Z ed m, n > 0. Per l effettiva

Dettagli

Parte 6. Applicazioni lineari

Parte 6. Applicazioni lineari Parte 6 Applicazioni lineari A Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Applicazioni fra insiemi, 2 Applicazioni lineari tra spazi vettoriali, 2 3 Applicazioni lineari da R n a R

Dettagli

Insiemi con un operazione

Insiemi con un operazione Capitolo 3 Insiemi con un operazione 3.1 Gruppoidi, semigruppi, monoidi Definizione 309 Un operazione binaria su un insieme G è una funzione: f : G G G Quindi, un operazione binaria f su un insieme G è

Dettagli

G. Pareschi RELAZIONI. RELAZIONI DI EQUIVALENZA. 1. Definizione e terminologia

G. Pareschi RELAZIONI. RELAZIONI DI EQUIVALENZA. 1. Definizione e terminologia G. Pareschi RELAZIONI. RELAZIONI DI EQUIVALENZA. 1. Definizione e terminologia Definizione 1.1 Relazione. Dati due insiemi A e B un sottoisieme R A B è detto una relazione binaria tra A e B. Se A = B allora

Dettagli

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA Francesco Bottacin Padova, 24 febbraio 2012 Capitolo 1 Algebra Lineare 1.1 Spazi e sottospazi vettoriali Esercizio 1.1. Sia U il sottospazio di R 4 generato dai

Dettagli

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA. 2. Insiemi numerici. A. A. 2014-2015 L.Doretti

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA. 2. Insiemi numerici. A. A. 2014-2015 L.Doretti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 2. Insiemi numerici A. A. 2014-2015 L.Doretti 1 INSIEMI NUMERICI rappresentano la base su cui la matematica si è sviluppata costituiscono le tappe

Dettagli

5. La teoria astratta della misura.

5. La teoria astratta della misura. 5. La teoria astratta della misura. 5.1. σ-algebre. 5.1.1. σ-algebre e loro proprietà. Sia Ω un insieme non vuoto. Indichiamo con P(Ω la famiglia di tutti i sottoinsiemi di Ω. Inoltre, per ogni insieme

Dettagli

LEZIONE 23. Esempio 23.1.3. Si consideri la matrice (si veda l Esempio 22.2.5) A = 1 2 2 3 3 0

LEZIONE 23. Esempio 23.1.3. Si consideri la matrice (si veda l Esempio 22.2.5) A = 1 2 2 3 3 0 LEZIONE 23 231 Diagonalizzazione di matrici Abbiamo visto nella precedente lezione che, in generale, non è immediato che, data una matrice A k n,n con k = R, C, esista sempre una base costituita da suoi

Dettagli

DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2012/13 DOCENTE: ANDREA CARANTI

DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2012/13 DOCENTE: ANDREA CARANTI DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2012/13 DOCENTE: ANDREA CARANTI Lezione 1. lunedí 17 settembre 2011 (1 ora) Presentazione del corso. Esercizio: cosa succede a moltiplicare per 2, 3, 4,... il numero 052631578947368421,

Dettagli

19. Inclusioni tra spazi L p.

19. Inclusioni tra spazi L p. 19. Inclusioni tra spazi L p. Nel n. 15.1 abbiamo provato (Teorema 15.1.1) che, se la misura µ è finita, allora tra i corispondenti spazi L p (µ) si hanno le seguenti inclusioni: ( ) p, r ]0, + [ : p

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Successioni e serie numeriche

Corso di Analisi Matematica. Successioni e serie numeriche a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Successioni e serie numeriche Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

NUMERI E SUCCESSIONI

NUMERI E SUCCESSIONI NUMERI E SUCCESSIONI Giovanni Maria Troianiello 1 Notazioni insiemistiche. Numeri naturali, interi, razionali Notazioni insiemistiche Si sa cosa s intende quando si parla di insieme (o famiglia, o classe)

Dettagli

Studio di funzioni ( )

Studio di funzioni ( ) Studio di funzioni Effettuare uno studio qualitativo e tracciare un grafico approssimativo delle seguenti funzioni. Si studi in particolare anche la concavità delle funzioni e si indichino esplicitamente

Dettagli

LE SUCCESSIONI 1. COS E UNA SUCCESSIONE

LE SUCCESSIONI 1. COS E UNA SUCCESSIONE LE SUCCESSIONI 1. COS E UNA SUCCESSIONE La sequenza costituisce un esempio di SUCCESSIONE. Ecco un altro esempio di successione: Una successione è dunque una sequenza infinita di numeri reali (ma potrebbe

Dettagli

1 n. Intero frazionato. Frazione

1 n. Intero frazionato. Frazione Consideriamo un intero, prendiamo un rettangolo e dividiamolo in sei parti uguali, ciascuna di queste parti rappresenta un sesto del rettangolo, cioè una sola delle sei parti uguali in cui è stato diviso.

Dettagli

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue.

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. 10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. Lo scopo principale di questo capitolo è quello di far vedere che esistono sottoinsiemi di R h che non sono misurabili secondo Lebesgue. La costruzione di insiemi

Dettagli

ALGEBRA I: ARITMETICA MODULARE E QUOZIENTI DI ANELLI

ALGEBRA I: ARITMETICA MODULARE E QUOZIENTI DI ANELLI ALGEBRA I: ARITMETICA MODULARE E QUOZIENTI DI ANELLI 1. CLASSI DI RESTO E DIVISIBILITÀ In questa parte sarò asciuttissimo, e scriverò solo le cose essenziali. I commenti avete potuto ascoltarli a lezione.

Dettagli

Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari

Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari Versione ottobre novembre 2008 Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari Contenuto 1. Applicazioni lineari 2. L insieme delle

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

STRUTTURE ALGEBRICHE

STRUTTURE ALGEBRICHE STRUTTURE ALGEBRICHE 1. Operazioni algebriche binarie Dato un insieme M, chiamiamo operazione algebrica binaria definita su M una qualunque applicazione f che associa ad ogni coppia ordinata (a, b) di

Dettagli

9 Metodi diretti per la risoluzione di sistemi lineari: fattorizzazione P A = LU

9 Metodi diretti per la risoluzione di sistemi lineari: fattorizzazione P A = LU 9 Metodi diretti per la risoluzione di sistemi lineari: fattorizzazione P A LU 9.1 Il metodo di Gauss Come si è visto nella sezione 3.3, per la risoluzione di un sistema lineare si può considerare al posto

Dettagli

4 Dispense di Matematica per il biennio dell Istituto I.S.I.S. Gaetano Filangieri di Frattamaggiore EQUAZIONI FRATTE E SISTEMI DI EQUAZIONI

4 Dispense di Matematica per il biennio dell Istituto I.S.I.S. Gaetano Filangieri di Frattamaggiore EQUAZIONI FRATTE E SISTEMI DI EQUAZIONI 119 4 Dispense di Matematica per il biennio dell Istituto I.S.I.S. Gaetano Filangieri di Frattamaggiore EQUAZIONI FRATTE E SISTEMI DI EQUAZIONI Indice degli Argomenti: TEMA N. 1 : INSIEMI NUMERICI E CALCOLO

Dettagli

u 1 u k che rappresenta formalmente la somma degli infiniti numeri (14.1), ordinati al crescere del loro indice. I numeri u k

u 1 u k che rappresenta formalmente la somma degli infiniti numeri (14.1), ordinati al crescere del loro indice. I numeri u k Capitolo 4 Serie numeriche 4. Serie convergenti, divergenti, indeterminate Data una successione di numeri reali si chiama serie ad essa relativa il simbolo u +... + u +... u, u 2,..., u,..., (4.) oppure

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria).

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Aprile 20 Indice Serie numeriche. Serie convergenti, divergenti, indeterminate.....................

Dettagli

risulta (x) = 1 se x < 0.

risulta (x) = 1 se x < 0. Questo file si pone come obiettivo quello di mostrarvi come lo studio di una funzione reale di una variabile reale, nella cui espressione compare un qualche valore assoluto, possa essere svolto senza necessariamente

Dettagli

Introduzione al concetto di algoritmo

Introduzione al concetto di algoritmo Dario Palladino 1 Introduzione al concetto di algoritmo Con il recente enorme sviluppo delle discipline informatiche e l uso sempre più diffuso dei calcolatori, il concetto di algoritmo ha assunto un ruolo

Dettagli

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0 Rappresentazione dei numeri I numeri che siamo abituati ad utilizzare sono espressi utilizzando il sistema di numerazione decimale, che si chiama così perché utilizza 0 cifre (0,,2,3,4,5,6,7,8,9). Si dice

Dettagli

1. I limiti delle funzioni.

1. I limiti delle funzioni. 1. I iti delle funzioni. 1.1. Considerazioni introduttive. La nozione di ite di una funzione reale di variabile reale costituisce una naturale generalizzazione della nozione di ite di una successione.

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme 1. L insieme R. Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme R = R {, + }, detto anche retta reale estesa, che si ottiene aggiungendo all insieme dei numeri reali R

Dettagli

Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo

Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo Logica Numerica Approfondimento E. Barbuto Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore Il concetto di multiplo e di divisore Considerato un numero intero n, se esso viene moltiplicato per un numero

Dettagli

Numeri complessi e polinomi

Numeri complessi e polinomi Numeri complessi e polinomi 1 Numeri complessi L insieme dei numeri reali si identifica con la retta della geometria: in altri termini la retta si può dotare delle operazioni + e e divenire un insieme

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

Le Frazioni Prof. Marco La Fata

Le Frazioni Prof. Marco La Fata Le Frazioni Prof. Marco La Fata Spesso ci troviamo di fronte a dover dividere una certa grandezza, ad esempio una pizza, una tavoletta di cioccolata, un segmento, ecc.., in TANTE PARTI UGUALI. Supponiamo,

Dettagli

Ricerca Operativa Dualità e programmazione lineare

Ricerca Operativa Dualità e programmazione lineare Ricerca Operativa Dualità e programmazione lineare L. De Giovanni AVVERTENZA: le note presentate di seguito non hanno alcuna pretesa di completezza, né hanno lo scopo di sostituirsi alle spiegazioni del

Dettagli

DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2015/16 DOCENTE: ANDREA CARANTI

DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2015/16 DOCENTE: ANDREA CARANTI DIARIO DEL CORSO DI ALGEBRA A.A. 2015/16 DOCENTE: ANDREA CARANTI Nota. L eventuale descrizione di lezioni non ancora svolte si deve intendere come una previsione/pianificazione. Lezione 1. martedí 15 settembre

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI. B si definisce surriettiva. 9 quando ogni elemento di. B risulta IMMAGINE di. almeno un elemento di A.

APPLICAZIONI LINEARI. B si definisce surriettiva. 9 quando ogni elemento di. B risulta IMMAGINE di. almeno un elemento di A. APPLICAZIONI LINEARI Siano V e W due spazi vettoriali, di dimensione m ed n sullo stesso campo di scalari R. Una APPLICAZIONE ƒ : V W viene definita APPLICAZIONE LINEARE od OMOMORFISMO se risulta, per

Dettagli

ALGEBRA I: MODULI. Abbiamo indicato con 0 A, 1 A lo zero e l unità nell anello A e con 0 M l elemento neutro del gruppo abeliano (M, +).

ALGEBRA I: MODULI. Abbiamo indicato con 0 A, 1 A lo zero e l unità nell anello A e con 0 M l elemento neutro del gruppo abeliano (M, +). ALGEBRA I: MODULI 1 GENERALITÀ SUGLI A-MODULI Il concetto di A-modulo generalizza quello di spazio vettoriale su un campo K Definizione 11 Sia A un anello commutativo con unità Un A-modulo è un insieme

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI I numeri naturali I numeri interi I numeri razionali Teoria degli insiemi (cenni) ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 L insieme N dei numeri naturali 4 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Le funzioni elementari. La struttura di R. Sottrazione e divisione

Le funzioni elementari. La struttura di R. Sottrazione e divisione Le funzioni elementari La struttura di R La struttura di R è definita dalle operazioni Addizione e moltiplicazione. Proprietà: Commutativa Associativa Distributiva dell addizione rispetto alla moltiplicazione

Dettagli

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica...

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica... UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica Funzioni reali di variabile reale Indice Grafico di una funzione reale 2 Funzioni elementari 2 2. Funzione potenza................................................

Dettagli

Esercizi su lineare indipendenza e generatori

Esercizi su lineare indipendenza e generatori Esercizi su lineare indipendenza e generatori Per tutto il seguito, se non specificato esplicitamente K indicherà un campo e V uno spazio vettoriale su K Cose da ricordare Definizione Dei vettori v,,v

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

Corso di Analisi Numerica - AN1. Parte 2: metodi diretti per sistemi lineari. Roberto Ferretti

Corso di Analisi Numerica - AN1. Parte 2: metodi diretti per sistemi lineari. Roberto Ferretti Corso di Analisi Numerica - AN1 Parte 2: metodi diretti per sistemi lineari Roberto Ferretti Richiami sulle norme e sui sistemi lineari Il Metodo di Eliminazione di Gauss Il Metodo di Eliminazione con

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE A. A. 2014-2015 L. Doretti 1 Il concetto di derivata di una funzione è uno dei più importanti e fecondi di tutta la matematica sia per

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA LINEARE

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA LINEARE APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA LINEARE Le equazioni di primo grado Le disequazioni di primo grado I sistemi di primo grado ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le equazioni di primo grado 3 1.1 Le uguaglianze.......................................

Dettagli

Limiti e forme indeterminate

Limiti e forme indeterminate Limiti e forme indeterminate Edizioni H ALPHA LORENZO ROI c Edizioni H ALPHA. Ottobre 04. H L immagine frattale di copertina rappresenta un particolare dell insieme di Mandelbrot centrato nel punto.5378303507,

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

Alcune note sulle serie di potenze 1

Alcune note sulle serie di potenze 1 Alcune note sulle serie di potenze Contents G. Falqui Preliminari 2 Serie di potenze 3 3 Rappresentazione di funzioni mediante serie di potenze 7 3. Esempi notevoli........................... 9 3.2 Formula

Dettagli

NULLSTELLENSATZ PER TUTTI

NULLSTELLENSATZ PER TUTTI NULLSTELLENSATZ PER TUTTI MARCO MANETTI Dedicato alla memoria di Franco Conti Il Nullstellensatz, detto anche teorema degli zeri di Hilbert, è la generalizzazione in più dimensioni del teorema fondamentale

Dettagli

1. Aritmetica Modulare e Applicazioni

1. Aritmetica Modulare e Applicazioni 1. Aritmetica Modulare e Applicazioni Le parti precedute dal simbolo I (adattate dal sistema di aiuto in linea del programma ScientiÞc Workplace) si riferiscono alle procedure da seguire per svolgere i

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

Capitolo II. FATTORIZZAZIONI IN IRRIDUCIBILI

Capitolo II. FATTORIZZAZIONI IN IRRIDUCIBILI Capitolo II. FATTORIZZAZIONI IN IRRIDUCIBILI Premessa lessicale Anche se il suono è simile, la parola inglese factoring non significa calcolare la fattorizzazione (vedi sotto), bensì passare al quoziente,

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Probabilità discreta

Probabilità discreta Probabilità discreta Daniele A. Gewurz 1 Che probabilità c è che succeda...? Una delle applicazioni della combinatoria è nel calcolo di probabilità discrete. Quando abbiamo a che fare con un fenomeno che

Dettagli

Algoritmo. Funzioni calcolabili. Unità 28

Algoritmo. Funzioni calcolabili. Unità 28 Prerequisiti: - Conoscenza dei numeri naturali e interi e delle loro proprietà. - Acquisizione del concetto di funzione. Questa unità è riservata al primo biennio dei Licei, eccezion fatta per il Liceo

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Generalità sulle funzioni

Generalità sulle funzioni Capitolo Concetto di funzione Generalità sulle funzioni Definizione di funzione Definizione Dato un sottoinsieme non vuoto D di R, si chiama funzione reale di variabile reale, una relazione che ad ogni

Dettagli

Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI

Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI In matematica, per semplificare la stesura di un testo, si fa ricorso ad un linguaggio specifico. In questo capitolo vengono fornite in maniera sintetica le nozioni

Dettagli

Metodi diretti per la soluzione di sistemi lineari

Metodi diretti per la soluzione di sistemi lineari Metodi diretti per la soluzione di sistemi lineari N Del Buono 1 Introduzione Consideriamo un sistema di n equazioni in n incognite a 11 x 1 + a 12 x 2 + a 13 x 3 + + a 1n x n = b 1, a 21 x 1 + a 22 x

Dettagli

SECONDA PARTE: generare nuovi Primi

SECONDA PARTE: generare nuovi Primi SECONDA PARTE: generare nuovi Primi Unicisti: famiglie di numeri Primi Provando ad usare i numeri Primi come risuonatori fondamentali dell intero mondo dei numeri Naturali, ci siamo imbattuti presto in

Dettagli

1 Massimi e minimi liberi 1. 2 Massimi e minimi vincolati 7. 3 Soluzioni degli esercizi 12

1 Massimi e minimi liberi 1. 2 Massimi e minimi vincolati 7. 3 Soluzioni degli esercizi 12 UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica 1 Massimi e minimi delle funzioni di più variabili Indice 1 Massimi e minimi liberi 1 Massimi e minimi vincolati 7 3 Soluzioni degli esercizi

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione dell informazione negli elaboratori

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione dell informazione negli elaboratori Informazione e computer Si può rappresentare l informazione attraverso varie forme: Numeri Testi Suoni Immagini 0001010010100101010 Computer Cerchiamo di capire come tutte queste informazioni possano essere

Dettagli

STRUTTURE ALGEBRICHE

STRUTTURE ALGEBRICHE STRUTTURE ALGEBRICHE Operazioni in un insieme Sia A un insieme non vuoto; una funzione f : A A A si dice operazione binaria (o semplicemente operazione), oppure legge di composizione interna. Per definizione

Dettagli

Esercizi di Macroeconomia per il corso di Economia Politica

Esercizi di Macroeconomia per il corso di Economia Politica Esercizi di Macroeconomia per il corso di Economia Politica (Gli esercizi sono suddivisi in base ai capitoli del testo di De Vincenti) CAPITOLO 3. IL MERCATO DEI BENI NEL MODELLO REDDITO-SPESA Esercizio.

Dettagli

Applicazioni lineari

Applicazioni lineari Applicazioni lineari Esempi di applicazioni lineari Definizione. Se V e W sono spazi vettoriali, una applicazione lineare è una funzione f: V W tale che, per ogni v, w V e per ogni a, b R si abbia f(av

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

Ricerca Operativa 2. Introduzione al metodo del Simplesso

Ricerca Operativa 2. Introduzione al metodo del Simplesso Ricerca Operativa 2. Introduzione al metodo del Simplesso Luigi De Giovanni Giacomo Zambelli 1 Problemi di programmazione lineare Un problema di ottimizzazione vincolata è definito dalla massimizzazione

Dettagli

L espressione torna invece sempre vera (quindi la soluzione originale) se cambiamo contemporaneamente il verso: 1 < 0.

L espressione torna invece sempre vera (quindi la soluzione originale) se cambiamo contemporaneamente il verso: 1 < 0. EQUAZIONI E DISEQUAZIONI Le uguaglianze fra espressioni numeriche si chiamano equazioni. Cercare le soluzioni dell equazione vuol dire cercare quelle combinazioni delle lettere che vi compaiono che la

Dettagli

4. Operazioni elementari per righe e colonne

4. Operazioni elementari per righe e colonne 4. Operazioni elementari per righe e colonne Sia K un campo, e sia A una matrice m n a elementi in K. Una operazione elementare per righe sulla matrice A è una operazione di uno dei seguenti tre tipi:

Dettagli

SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO

SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO Così come avviene per i numeri ( 180 = 5 ), la scomposizione in fattori di un polinomio è la trasformazione di un polinomio in un prodotto di più polinomi irriducibili

Dettagli