Algoritmi di calibrazione per telecamere

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Algoritmi di calibrazione per telecamere"

Transcript

1 Algortm d calbrazone per telecamere Padova, 25 novembre 29 Omar Codemo Senor Product Engneer Applcaton Engneerng Dept. e-mal:

2 Global Footprnt GLOBAL LOCATIONS Place: Marselles, France Actvty: R&D Employees: 1 Area: 18 sqm Place: Columba, USA Actvty: R&D, Manufacturng Employees: 36 Area: 4,325 sqm 2 Place: Trevso, Italy Actvty: R&D, Manufacturng Employees: 65 Area: 1,5 sqm Place: Monopol, Italy Actvty: R&D, Manufacturng Employees: 225 Area: 7,398 sqm MAIN OFFICE Monopol, Italy BRANCH OFFICE Norway REP OFFICES Roma, taly Swtzerland Chna Korea MAIN OFFICE Trevso, Italy R&D LAB Palermo, Italy REP OFFICE Chna MAIN OFFICE Columba, USA REP OFFICES Chcago Brasl UK Italy Span Unghery Poland Chna Tawan Australa MAIN OFFICE Marsgla, France

3 MER MEC Group n Numbers DIAGNOSTICS SIGNALLING ADVANCED SERVICES IRON & STEEL INDUSTRY R & D 72 man clents n 35 countres worldwde 41 unque measurng systems n 6 dstnct product famles 8 Integrated dagnostc vehcles manufactured & sold worldwde 35, km of lne measured by MER MEC Group s customers 436 measurng systems sold worldwde 2,1 km of lne equpped wth SSC SCMT sgnalng systems SSC (1426 km) 183 LEU 183 Transponders 212 Transponder Tags SCMT (667 km) 1 boxes 58 LEU 3673 Eurobalse 2 entrance n sgnalng market wth a 4 year tme to market. Measurng Servces 2 H-Ral dagnostc vehcles wth varable gauge capablty 1 measurng carrage for use on standard gauge ral lnes 5 market segments served (Metro, Lght Ral, Ordnary Ral, Hgh- Speed, Heavy-Haul) Integrated servces for data acquston, analyss and mantenance plannng 17 man clents n 8 countres worldwde 3 ndustral sectors served: Long Products, Rng Rollngs and Large Open-de Forgngs 35 Systems nstalled 154 people nvolved n R&D MUIR authorzed research laboratory snce 21 15% of revenues nvested annually n R&D 14 new products commercally launched between

4 Defnzone del problema L uso d telecamere per l osservazone d una scena rchede l uso d obettv costtut da un nseme d lent. L uso d tal lent ntroduce una dstorsone che bsogna compensare prma d poter procedere ad una qualsas msurazone. Inoltre s osserva una scena 3D tramte un sensore (CCD) che produce un mmagne 2D. Questo porta all ntroduzone d una mappatura detta proezone prospettca: S 3D I 2D Infne l frame grabber può ntrodurre dstorson (lne jtter, fattor d scala). 4 Algortm d calbrazone per telecamere

5 Dstorsone delle lent Dstorson non lneare Le dstorson ntrodotte dalle lent sono tpcamente non lnear. S possono suddvdere n: radale; altre dstorson delle lent; La dstorsone radale sposta punt fuor dal centro ottco (Barrel o Pncushon) ed è causata prncpalmente da devazon de ragg a bord della lente: La dstorsone delle lent s può scomporre prncpalmente n: Radale (dr); Tangenzale (dt). 5 Algortm d calbrazone per telecamere

6 Rassunto tp d dstorsone Le seguent dstorson vanno compensate tramte un processo detto: CALIBRAZIONE (o Camera resectonng) 6 Algortm d calbrazone per telecamere

7 Algortm d calbrazone per telecamere 7 Proezone prospettca Dstorsone lneare La proezone prospettca non rspetta dstanze e angol percò può essere consderata come una forma d dstorsone. Tale dstorsone s può esprmere tramte una matrce: Z fx x = Z y fy = = Z Y X f f Z fy fx y x 1 1

8 Proezone prospettca Propretà 1. La dmensone d un oggetto dmnusce all allontanars dal centro d proezone; 2. La dmensone della proezone orzzontale dmnusce al ruotare dell oggetto; 3. Preserva le rette; 4. Sono possbl pù punt d fuga; 8 Algortm d calbrazone per telecamere

9 Algortm d calbrazone per telecamere 9 Pnhole camera model Il modello Pnhole è molto semplce ed è costtuto da una rototraslazone d un corpo rgdo seguta da una proezone prospettca. Altre dstorson a parte la proezone prospettca (es. quelle delle lent) non sono modellzzate. Nonostante cò è una buona approssmazone. Dette [x,y,z ] T le coordnate d un punto della scena e [u,v ] T le approprate coordnate del punto corrspondente sull mmagne s hanno le coordnate ntemede : È necessara una ulterore trasformazone per ottenere le coordnate mmagne: = ~ ~ y x v u z f + = ~ V ~ U v u v D u D v u Dove (u,v ) tengono conto dello scostamento dell'orgne e (D u,d v ) sono fattor d conversone tra le untà d msura del mondo e quelle mmagne, e tengono conto de dvers fattor d scala.

10 Algortm d calbrazone per telecamere 1 Pnhole camera model Modfcando la scrttura della prma equazone (aggungengo un vncolo esplcto) la s può rappresentare n forma d sstema : Dove la matrce A è una matrce trangonale superore, defnta con 5 parametr. = z y x A v u λ λ λ = = tan 2 tan v k u k k v H u k W A v u v u γ γ α α

11 Algortm d calbrazone per telecamere 11 Pnhole camera model Usando le coordnate omogenee: Dove n molt cas s sottontende λ (dopotutto le coordnate omogenee sono defnte a meno d un coeffcente d proporzonaltà), e Π è una semplce matrce usata per sottontendere la quarta coordnata omogenea (W) non usata n questa trasformazone. Defnamo la matrce per tener conto della rototraslazone. Da cu: Π = 1 1 Z Y X A v u λ [ ] Rt E = = = 1 1 Z Y X P Z Y X AE v u λ λ λ

12 Parametr ntrnsec ed estrnsec Durante la calbrazone un bersaglo fornsce la corrspondenza tra punt dell mmagne e quell dello spazo. Con la calbrazone s dentfca la dstanza focale f e l punto prncpale (X,Y ) T. Tal parametr sono legat all ottca e sono dett parametr ntrnsec. Il bersaglo non s può poszonare n modo perfetto allora s devono dentfcare anche le relazon tra le coordnate della telecamera e quelle del bersaglo. Tal parametr sono dett parametr estrnsec. Oltre a quest c sono un fattore d scala che tene conto del rcamponamento a lvello d frame grabber e delle sere d potenze per modellare le dstorson 12 Algortm d calbrazone per telecamere

13 Algortm d calbrazone per telecamere 13 Parametr ntrnsec ed estrnsec Ponendo Z = per ogn s ottene: = = Z Y X Y X H Y X T r r T r r T r r v u λ = = ~ ~ Z Y X Y X K Y X T r r T r r T r r v u λ Indcando con (u,v ) le coordnate mmagne normalzzate: ~ ~

14 Calbrazone a forza bruta Banalmente la calbrazone può essere fatta creando relazone tra due matrc d punt (scena ed mmagne) ed andando ad nterpolare nel caso l punto cada tra due coordnate d rfermento. Tenendo come ndce la rga, colonna del CDD s ha una tabella T(CCD ROW,CCD COL ) ndcante l punto della scena corrspondente ad un dato punto del CCD. E l metodo pù semplce; Non fa alcun uso d modell; Molto effcace; Molto sensble a dstrurb; Può rchedere grosse quanttà d memora; 14 Algortm d calbrazone per telecamere

15 Algortm d calbrazone per telecamere 15 Calbrazone secondo Abdel-Azz e Karara I sstem determnat da K ed H sono lnear n 9 ncognte (8 mponendo un elemento costante) pù λ. Se s rmuove la dpendenza da λ s ha un sstema che fornsce con 5 punt una prma stma delle 9 ncognte: ( ) T Z Y X T T T r r r r r r a v Y v X v Y X u Y u X u Y X,,,,,,,, 1 1 L ~ ~ ~ ~ ~ ~ = = S hanno 2xN equazon per N punt d controllo per rsolvere: La =

16 Algortm d calbrazone per telecamere 16 Calbrazone secondo Abdel-Azz e Karara Sotto l vncolo h 8 =1 s può fare qualcosa d smle per H: = v u h h Y v v X Y X Y v v X Y X M Ogn punto da 2 vcol dunque s possono usare 4 punt. Una soluzone può essere trovata con l uso della pseudonversa.

17 Algortmo d Tsa Generaltà E basato sulla proezone prospettca della pnhole camera e nella sua forma classca è composto da 11 parametr: 1. Lunghezza focale della telecamera (f); 2. Coeffcente d dstorsone radale del prmo ordne (k); 3. Coordnate del centro ottco della lente (x C,y C ); 4. Fattore d scala orzzontale (S X ); 5. Angol d rotazone tra coordnate scena e coordnate camera (R X R Y R Z ) T ; 6. Vettore d traslazone tra coordnate scena e coordnate camera (T X T Y T Z ) T ; S rconoscono faclmente parametr ntrnsec ed estrnsec. 17 Algortm d calbrazone per telecamere

18 Algortmo d Tsa Parametr ntrnsec Indcando con z l asse ottco, s dentfca un sstema d coordnate con orgne nel centro d proezone e ass x ed y parallel agl stess ass dell mmagne. Usando le relazon della proezone prospettca s ha : x x = f x z C C y f y = y z C C 18 Algortm d calbrazone per telecamere

19 Algortm d calbrazone per telecamere 19 Algortmo d Tsa Parametr estrnsec Le relazon tra l sstema d coordnate assocate alla scena e quelle della telecamera è data da una matrce d rototraslazone: + = Z Y X S S S C C C t t t z y x r r r r r r r r r z y x S hanno 3 angol + 3 traslazon pù 3 parametr ntrnsec = 9 parametr (fnora) Vedamo due parametr mancant...

20 Algortmo d Tsa Fattore d scala orzzontale Molte telecamere hanno un fltro passa basso che rende smooth la transzone tra le celle. L mmagne noltre dopo tale fltraggo vene dgtalzzata dal frame grabber. Il camponamento d quest ultmo tpcamente NON è uguale alla quello spazale delle celle del sensore. Al contraro nella drezone vertcale l camponamento è controllato della spazatura delle rghe delle celle del sensore. In quest cas, l rapporto tra dmenson vertcal e orzzontal non è calcolable a pror basandos sulle dmenson delle celle. Dunque s ntroduce un fattore d scala orzzontale: x f x = S X x z C C x f x = S X r r x x S S + r + r y y S S + r 13 + r 33 z z S S + t + t X Z y f y = r r x x S S + + r r y y S S + r + r z z S S + t + t Y Z 2 Algortm d calbrazone per telecamere

21 Algortmo d Tsa Dstorson Come abbamo vsto esstono molte dstorson nelle lent. Se le superfc sono sferche e centrate sull asse ottco le dstorson sono d tpo radale (pn-cushon o barrel). Dato l punto (x U,y U ) rpreso da una lente deale vene trasformato nel punto (x D,y D ) dstorto da una funzone dpendente dalla dstanza r d dal centro d dstorsone (d solto dverso dal centro prospettco o dal centro geometrco dell mmagne: r r U d = f d 2 ( r ) = 1+ κ r + κ r d L La funzone f d è ovvamente par e da qu le potenze d multple d 2. Le dstorson tangenzal sono d solto trascurabl. 21 Algortm d calbrazone per telecamere

22 Algortmo d Tsa L algortmo La stratega totale è la seguente: 1. S stma con un metodo d fttng least-square pù parametr possble (s usa la pseudo-nversa). Durante questo prmo passo non s mnmzza l errore nel pano mmagne ma un altra quanttà; 2. S procede con un ottmzzazone non lneare che cerca l mglor ft tra punt osservat e quell predett con modello. 22 Algortm d calbrazone per telecamere

23 Algortmo d Tsa La conversone ~rgw/tsacode.html 23 Algortm d calbrazone per telecamere

24 Algortmo d Zhang Zhang esegue un aggornamento delle tecnche d calbrazone d Tsa. Zhang calcola la matrce H e da questa cerca d rcavare parametr n manera esplcta. H è una matrce omografca e pertanto possede 8 grad d lbertà. Da questa matrce è possble porre due vncol basat sulla ortonormaltà della matrce d rotazone forzando almeno 2 de parametr della matrce de parametr ntrnsec. H = ~ h ~ = λa r1 ~ ~ ~ ~ 1 h2 h3 r2 t Esprmendo l'ortonormaltà tra vettor colonna: ~ ~ ~ ~ h2 h T ~ ~ 1 W h2 = T T h W h = h W W 1 T 1 = ( A ) A Le ncognte della matrce W possono essere rsolte usando almeno 2 (o 3) pan dvers, ovvero matrc le cu colonne non sano lnearmente dpendent tra loro. Determnata la matrce con una decomposzone d Cholesk s può determnare la matrce orgnale. Tuttava Zhang fornsce le equazon per ottenere parametr drettamente da W decomponendola. 24 Algortm d calbrazone per telecamere

25 Cenn d trangolazone laser Prncpo 1 S lega la poszone del target ad una poszone su un CCD basandos sulle caratterstche geometrche che dunque devono restare nvarate. Quando queste varano s deve rcalbrare l sstema. 25 Algortm d calbrazone per telecamere

26 Cenn d trangolazone laser Prncpo 2 S lega la poszone del target ad una poszone su un CCD basandos sulle caratterstche geometrche. Il laser fornsce l pano su cu s effettueranno le msure. D1 = dstanza tra sorgente laser P1 e telecamera P2 è costante e dettata da consderazon meccanche, come A1 angolo del fasco laser posto a 9. L nclnazone dell asse delle telecamera A2 è anch esso calcolato n funzone d consderazon sulla msura. In conclusone la dstanza Da tra P1 e l punto da msurare Pa è: Da = D1*tan(A2) 26 Algortm d calbrazone per telecamere

27 Cenn d trangolazone laser Dod laser 1 Se su un atomo allo stato ecctato ncde un fotone d frequenza opportuna, l'atomo s dseccta cedendo la sua energa sotto forma d fotone avente la stessa frequenza e la stessa fase d quello ncdente. Se s provoca la cosddetta nversone della popolazone, coè s fa n modo che gl atom allo stato ecctato sano pù numeros d quell allo stato fondamentale, s ha prevalenza dell'emssone stmolata sull'assorbmento. Il processo con cu s attua tale nversone prende l nome d pompaggo. In un semconduttore non s può consderare un atomo solato, ma bsogna consderare tutto l crstallo nel suo nseme, con una certa dstrbuzone degl elettron, che s dspongono n "bande" d energa. Operando una semplfcazone s può dre che n un semconduttore avremo una "banda d valenza" che rsulterà "pena" d elettron, ed una "banda d conduzone", ad energa pù elevata, a dstanza DE dalla banda d valenza, che conterrà poch elettron. Con dvers metod è possble ottenere all'nterno del crstallo una vera e propra nversone d popolazone. Se non s nsersce l sstema n un rsonatore (che può essere costtuto dallo stesso crstallo d semconduttore) s ottene un LED altrment avremo un laser a semconduttore. Esstono molt d quest laser, che emettono potenze mede d 1 mw n contnua e raggungono 1 W n regme mpulsato. 27 Algortm d calbrazone per telecamere

28 Cenn d trangolazone laser Dod laser 2 28 Algortm d calbrazone per telecamere

29 . Cenn d trangolazone laser Class laser 1 CLASSE 1M Laser che emettono radazone nell ntervallo d lunghezze d onda tra 32,5 nm e 4 nm, scur nelle condzon d funzonamento ragonevolmente prevedbl, ma che possono essere percolos se l utlzzatore mpega ottche (lent d ngrandmento, etc.) all nterno del fasco. CLASSE 2 I laser n questa classe possono emettere radazone percolosa, ma la loro potenza è così bassa da rsultare n qualche modo dannosa solo n caso d esposzone dretta e prolungata ovvero per un tempo superore a,25 second. Sono compres n questa classe laser ad emssone contnua e nel vsble (4-7nm), con potenza 1mW. CLASSE 2M Laser che emettono radazone vsble nell ntervallo d lunghezze d onda tra 4nm e 7nm, n cu la protezone dell occho è normalmente asscurata dalle reazon d dfesa compreso l rflesso palpebrale. Tuttava l osservazone dell emssone può rsultare percolosa se, all nterno del fasco, l utlzzatore mpega ottche (lent d ngrandmento, etc.) 29 Algortm d calbrazone per telecamere

30 . Cenn d trangolazone laser Class laser 2 CLASSE 3R (CLASSE 3A) Sono compres n questa classe laser con emssone nel vsble e una potenza n uscta fno da 1mW a 5mW. Possono emettere radazon sa nel campo del vsble che n quello del non vsble e loro fasc non sono percolos se osservat drettamente n manera non contnua, mentre lo possono dventare se s utlzzano strument che amplfcano e concentrano l fasco ottco (qual mcroscop, bnocol, ecc.). CLASSE 3B I laser d classe 3B hanno potenze mede comprese tra 5mW e 5 mw. I laser d classe 3B, sa perradazone vsble che per quella non vsble, sono percolos per gl occh se non protett e possono essere percolos per la pelle; anche le rflesson dffuse da quest sstem possono essere percolos. Devono essere prese precauzon per evtare lo stazonamento nella drezone del fasco o del fasco rflesso da una superfce. CLASSE 4 Sono laser pù percolos n quanto, oltre ad avere una potenza tale da causare ser dann ad occh e pelle anche se l fasco è dffuso, possono costture un potenzale rscho d ncendo, causare fuoruscta d materale tossco e spesso l voltaggo e l amperaggo d almentazone sono percolosamente elevat. Comprende tutt que sstem che superano lvell mpost alla classe 3B. 3 Algortm d calbrazone per telecamere

31 Cenn d trangolazone laser Scurezza Un fasco d luce laser sa dretto, che rflesso da superfc specular può causare dann anche rreversbl alle strutture ocular e alla pelle; la natura d quest dann dpende dalla lunghezza d onda della radazone, mentre la gravtà è legata alla denstà d potenza E (per sorgent n funzonamento contnuo) o alla denstà d energa H (per fasc n funzonamento mpulsato) e al tempo n cu la struttura oculare è esposta al fasco laser. Confronto tra l sole e un laser: SOLE: Intenstà massma luce solare a terra = 1 kw/m 2 o 1 mw/mm 2 Assumendo un dametro pupllare d 2 mm l area è crca 3 mm 2 Qund la potenza raccolta dall occho è = 3 mw Il sole forma un mmagne 1 µm d raggo sulla retna (area =.3 mm 2 ) L ntenstà sulla retna (Potenza/Area) = 3 mw/.3 mm 2 = 1 mw/mm 2. Tpco laser He Ne da 1 mw (o laser ponter): Potenza (P) = 1 mw (Classe 3R), raggo del fasco = 1 mm Forma un mmagne con raggo d 1 µm (area dello spot = mm 2 ) L ntenstà dell He-Ne sulla retna è 1 mw/(3 1-4 mm 2 ) = 31 mw/mm 2 31 volte l ntenstà del sole!! 31 Algortm d calbrazone per telecamere

32 Cenn d trangolazone laser Tp d Superfce Il sstema a trangolazone laser fa uso della luce rfratta (non rflessa) da una superfce lambertana. Notare che parte della potenza del laser vene persa nel raggo rflesso. Il caso peggore s ha nel caso d superfc lucde come gl specch o superfc levgate. 32 Algortm d calbrazone per telecamere

33 Trasformata d Hough (HT) Cenn Il problema del rconoscmento d oggett n un mmagne è spesso rsolto usando algortm d pattern matchng o sml mnmzzando un ndce d errore Tal algortm sono spesso molto oneros e soffrono n presenza d mmagn rumorose o d sovrapposzone tra oggett. Permette d ndvduare forme descrtte da equazon analtche (es. Rette). Essa trasforma un problema d rcerca d una curva n un pù semplce problema d rcerca d massm. La HT gode delle seguent propretà: Ogn punto dello spazo mmagne corrsponde ad una superfce generalzzata nello spazo de parametr; N punt nello spazo mmagne appartenent alla stessa curva generano N superfc che s ntersecano nello stesso punto dello spazo de parametr; Esstono po le propretà dual. 33 Algortm d calbrazone per telecamere

34 Trasformata d Hough Celle e voto S dscretzza lo spazo de parametr n celle d dmensone dpendente dalle precson rcheste. Ad ogn cella corrsponde un stanza quantzzata della curva. Defnamo dunque un accumulatore: Acc( θ, ρ ) Un processo d voto vene po mplementato coscchè ad ogn cella corrspondano tant vot quante le superfc che la ntersecano, ognuna delle qual generata da una curva dello spazo mmagne. Un processo d rcerca del massmo andrà po a ndentfcare la curva con pù vot, dunque molte ntersezon ndcano la presenza della curva analtca cercata. 34 Algortm d calbrazone per telecamere

35 Trasformata d Hough (HT) Esempo - rette 1 Per prma cosa s passa a coordnate polar perchè hanno varazone lmtata: ρ = x cosθ + y snθ La HT d una lnea è un punto. Una stella d rette dvene un nseme d punt conness nello spazo d Hough: Consderando un punto come centro d una stella. L ntersezone de punt corrspondent (voto maggore) nello spazo d Hough ndca la retta cu parametr sono dentfcat dalla cella. 35 Algortm d calbrazone per telecamere

36 Trasformata d Hough (HT) Esempo - rette 2 Andando a fare un esempo pratco s vede bene come trasformando tutt punt dell mmagne una regone rstretta nello spazo d Hough (cella) è nteressata da molte ntersezon coè da molt vot. Dalla cella cu è possble rcavare le caratterstche (pendenza ed ntercetta) della retta che unsce var punt che l hanno votata. In altre parole v sono N stelle d rette generate da N punt dell mmagne che hanno n comune la retta llustrata e questo s evnce dal voto alto ad una cella. 36 Algortm d calbrazone per telecamere

37 Processo d calbrazone Acquszone del bersaglo n vare poszon Acquszone del bersaglo forato n vare poszon. Il bersaglo è movmentato tramte un sstema motorzzato ad alta precsone. S possono acqusre pù telecamere alla volta: 37 Algortm d calbrazone per telecamere

38 Processo d calbrazone Identfcazone prmo set d parabole Identfcazone delle parabole: 1. elmnazone degl spgol; 2. prmo tentatvo d ft con una retta; 3. Elmnazone punt troppo ortoganl alla retta trovata; 4. Nuovo ft d una nuova retta (mgloro la stma); 5. Elmnazone punt troppo dstant; 6. ft con una parabola; Non s stma una retta perchè v sono le dstorson dell ottca 38 Algortm d calbrazone per telecamere

39 Processo d calbrazone Asseme d tutte le acquszon del bersaglo S rcarcano n memora tutte le tracce acquste, una per ogn poszone del bersaglo. S usano tutt punt non appartenent alle parabole gà trovate per andare a fare una rcerca con Hough. 39 Algortm d calbrazone per telecamere

40 Processo d calbrazone Identfcazone rette medante trasformata d Hough Tramte la trasformata d Hough s possono ndvdure le rette ortogonal alle parabole gà trovate mponendo un angolo d 9 grad (con tolleranza!!!). Per far cò s elmnano punt gà usat consderando la dstanza tra punto e parabola e po s da tutto n pasto alla HT. Se non s trovano tutte le rette s possono suggerre manualmente. 4 Algortm d calbrazone per telecamere

41 Processo d calbrazone Trasformata d Hough 41 Algortm d calbrazone per telecamere

42 Processo d calbrazone Identfcazone secondo set d parabole Per prma cosa s ordnano le rette trovate con la HT n base all ntercetta. Consderando solo punt vcn alle rette trovate con la trasformata d Hough s dentfca l secondo set d parabole. 42 Algortm d calbrazone per telecamere

43 Processo d calbrazone Identfcazone degl ncroc A questo punto s hanno due set d parabole tra loro ortogonal. S procede a determnare tutte le ntersezon che saranno dat d ngresso all algortmo d calbrazone dato che s conoscono le dstanze real n X ed Y tra tal punt (1 cm). 43 Algortm d calbrazone per telecamere

44 Processo d calbrazone Algortmo d Tsa - Verfca Identfcat punt, s possono dare n ngresso all algortmo d calbrazone (qu Tsa) che dentfca parametr del modello. A questo s possono trasformare punt d ncroco de due set d parabole usando la calbrazone appena fatta e confrontare l rsultato con retcolo dato n pasto per la calbrazone. La meda dell errore e la standard devaton sono gl ndc della bontà della calbrazone. La focale è un parametro mportante perchè da subto l dea della bonta della calbrazone. L errore massmo dpende dal grado d adeguatezza del modello e spesso rguarda porzon d campo che po non verranno utlzzate. 44 Algortm d calbrazone per telecamere

45 L obettvo 45 Algortm d calbrazone per telecamere

46 Il daframma Come s nota dalla fgura ragg che sono raccolt dal bordo della lente subscono la maggor deflessone. Questo fa s che n tal zone l modello usato sa meno effcace. Per attenuare tale fenomeno è convenente chudere un pò l daframma tenendo presente anche le seguent caratterstche: Chudendo l daframma la profondtà d campo aumenta (cosa non molto utle se s nclna l CCD); Aprendo l daframma la lumnostà aumenta; Bsogna dunque blancare due fenomen. 46 Algortm d calbrazone per telecamere

47 1 Regole d oro 1. Raccoglere tutte le nformazon d progetto, n partcolare: dsegn 3D del montaggo della dma d calbrazone; gl schem recant l campo d vsone con le quote orzzontal, vertcal (e oblque se possble) rspetto alla base del calbratore e rspetto ad un punto ben dentfcable della cassa; 2. Raccoglere dat sulla focale degl obettv; 3. Verfcare che l sstema non s debba pù manopolare; 4. Test del sstema d movmentazone del bersaglo; 5. Verfcare la messa a fuoco del laser e della telecamera n tutto l campo d vsone e dell'allneamento de laser sul bersaglo posto a metà del campo d vsone; 6. Regolare parametr n tutto l campo d vsone per elmnare dsturb e vedere bene l bersaglo; 7. Effettuare la calbrazone n modo che la cassa od l bersaglo non vbrno o peggo s spostno; 8. Verfca rsultat d calbrazone (focale, errore medo e massmo); 9. Convertre n mllmetr e verfcare che s msurno bene le dstanze n X ed Y movmentando l calbro; 1.Verfcare che un bersaglo rettlneo posto oblquo non venga convertto con una spezzata. 47 Algortm d calbrazone per telecamere

48 Esemp applcazon Tecnogamma Mermec Group Tp d vecolo 48 Algortm d calbrazone per telecamere

49 Esemp applcazon Tecnogamma Mermec Group Installazone sezone per Track Geometry Laser Beam Rollng Plane Calculated from Real Ral Profles Gauge Pont 14 mm under Rollng Plane Track Gauge 49 Algortm d calbrazone per telecamere

50 Esemp applcazon Tecnogamma Mermec Group Track Geometry e Ral Profle Scartamento Lvell Longtudnal 5 Algortm d calbrazone per telecamere Usura

51 va Oberdan, Monopol (BA) Italy ph fax Techncal Center 22 Outlet Ponte Blvd. Columba, SC 2921, USA ph fax Technopôle de Château-Gombert Les Baronnes - Bat. A rue Paul Langevn 1313 Marselle (France) ph. +33 () fax +33 () vcolo Ongare, Morgano (TV), Italy ph fax

52 Tsa s camera calbraton method revsted Berthold K.P. Horn Coprght 2 Introducton Basc camera calbraton s the recovery of the prncple dstance f and the prncple pont (x,y ) T n the mage plane or, equvalently, recovery of the poston of the center of projecton (x,y,f) T n the mage coordnate system. Ths s referred to as nteror orentaton n photogrammetry. A calbraton target can be maged to provde correspondences between ponts n the mage and ponts n space. It s, however, generally mpractcal to poston the calbraton target accurately wth respect to the camera coordnate system usng only mechancal means. As a result, the relatonshp between the target coordnate system and the camera coordnate system typcally also needs to be recovered from the correspondences. Ths s referred to as exteror orentaton n photogrammetry. Snce cameras often have apprecable geometrc dstortons, camera calbraton s often taken to nclude the recovery of power seres coeffcents of these dstortons. Furthermore, an unknown scale factor n mage samplng may also need to be recovered, because scan lnes are typcally resampled n the frame grabber, and so pcture cells do not correspond dscrete sensng elements. Note that n camera calbraton we are tryng to recover the transformatons, based on measurements of coordnates, where one more often uses known transformaton to map coordnates from one coordnate system to another. Tsa s method for camera calbraton recovers the nteror orentaton, the exteror orentaton, the power seres coeffcents for dstorton, and an mage scale factor that best ft the measured mage coordnates correspondng to known target pont coordnates. Ths s done n stages, startng off wth closed form leastsquares estmates of some parameters and endng wth an teratve non-lnear optmzaton of all parameters smultaneously usng these estmates as startng values. Importantly, t s error n the mage plane that s mnmzed. Detals of the method are dfferent for planar targets than for targets occupyng some volume n space. Accurate planar targets are easer to make, but lead to some lmtatons n camera calbraton, as ponted out below.

53 2 Interor Orentaton Camera to Image Interor Orentaton s the relatonshp between camera-centrc coordnates and mage coordnates. The camera coordnate system has ts orgn at the center of projecton, ts z axs along the optcal axs, and ts x and y axes parallel to the x and y axes of the mage. Camera coordnates and mage coordnates are related by the perspectve projecton equatons: x I x = x C y I y and = y C f z C f z C where f s the prncple dstance (dstance from the center of projecton to the mage plane), and (x,y ) s the prncple pont (foot of the perpendcular from the center of projecton to the mage plane). That s, the center of projecton s at (x,y,f) T, as measured n the mage coordnate system. Interor orentaton has three degrees of freedom. The problem of nteror orentaton s the recovery of x, y, and f. Ths s the basc task of camera calbraton. However, as ndcated above, n practce we also need to recover the poston and atttude of the calbraton target n the camera coordnate system. Exteror Orentaton Scene to Camera Exteror Orentaton s the relatonshp between a scene-centered coordnate system and a camera-centered coordnate system. The transformaton from scene to camera conssts of a rotaton and a translaton. Ths transformaton has sx degrees of freedom, three for rotaton and three for translaton. The scene coordnate system can be any system convenent for the partcular desgn of the target. In the case of a planar target, the z axs s chosen perpendcular to the plane, and z = n the target plane. If r S are the coordnates of a pont measured n the scene coordnate system and r C coordnates measured n the camera coordnate system, then r C = R(r S ) + t where t s the translaton and R(...)the rotaton. If we chose for the moment to use an orthonormal matrx to represent rotaton, then we can wrte ths n component form: x C y C z C r 11 r 12 r 13 = r 21 r 22 r 23 r 31 r 32 r 33 x S y S z S + where r C = (x C,y C,z C ) T, r S = (x S,y S,z S ) T, and t = (t x,t y,t z ) T. The unknowns to be recovered n the problem of exteror orentaton are the translaton vector t and the rotaton R(...). t x t y t z

54 3 The Unknown Horzontal Scale Factor A complcatng factor n the calbraton of many modern electronc cameras s that the dscrete nature of mage samplng s not preserved n the sgnal. In typcal CCD or CMOS cameras, the ntally dscrete (starcase) sensor sgnal n analog form s low pass fltered to produce a smooth vdeo output sgnal n standard form that hdes the transtons between cells of the sensor. Ths waveform s then dgtzed n the frame grabber. The samplng n the horzontal drecton n the frame grabber s typcally not equal to the spacng of sensor cells, and s not known accurately. The horzontal spacng between pxels n the sampled mage do not n general correspond to the horzontal spacng between cells n the mage sensor. Ths s n contrast wth the vertcal drecton where samplng s controlled by the spacng of rows of sensor cells. Some dgtal cameras avod the ntermedate analog waveform and the low pass flterng, but many cameras partcularly cheaper ones ntended for the consumer market do not. In ths case the rato of pcture cell sze n the horzontal and n the vertcal drecton s not known a pror from the dmensons of the sensor cells and needs to be determned. Ths can be done separately usng frequency doman methods explotng lmtatons of the approxmate low pass flter and resultng alasng effects. Alternatvely, the extra scalng parameter can be recovered as part of the camera calbraton process. In ths case we use a modfed equaton for x I : x I x f = s x C z C where s s the unknown rato of the pxel spacng n the x- and y-drectons It s not possble to recover ths extra parameter when usng planar targets, as dscussed below, and so t has to be estmated separately n that case. Combnng Interor and Exteror Orentaton If we combne the equatons for nteror and exteror orentaton we obtan: x I x f y I y f = s r 11x S + r 12 y S + r 13 z S + t x r 31 x S + r 32 y S + r 33 z S + t z = r 21x S + r 22 y S + r 23 z S + t y r 31 x S + r 32 y S + r 33 z S + t z

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne Metod e Modell per l Ottmzzazone Combnatora Progetto: Metodo d soluzone basato su generazone d colonne Lug De Govann Vene presentato un modello alternatvo per l problema della turnazone delle farmace che

Dettagli

Capitolo 3 Covarianza, correlazione, bestfit lineari e non lineari

Capitolo 3 Covarianza, correlazione, bestfit lineari e non lineari Captolo 3 Covaranza, correlazone, bestft lnear e non lnear ) Covaranza e correlazone Ad un problema s assoca spesso pù d una varable quanttatva (es.: d una persona possamo determnare peso e altezza, oppure

Dettagli

Fondamenti di Visione Artificiale (Seconda Parte) Corso di Robotica Prof.ssa Giuseppina Gini Anno Acc.. 2006/2007

Fondamenti di Visione Artificiale (Seconda Parte) Corso di Robotica Prof.ssa Giuseppina Gini Anno Acc.. 2006/2007 Fondament d Vsone Artfcale (Seconda Parte PhD. Ing. Mchele Folgherater Corso d Robotca Prof.ssa Guseppna Gn Anno Acc.. 006/007 Caso Bdmensonale el caso bdmensonale, per ndvduare punt d contorno degl oggett

Dettagli

PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE. (Metodo delle Osservazioni Indirette) - 1 -

PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE. (Metodo delle Osservazioni Indirette) - 1 - PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE (Metodo delle Osservazon Indrette) - - SPECIFICHE DI CALCOLO Procedura software per la compensazone d una rete d lvellazone collegata

Dettagli

Modelli 1 @ Clamfim Equazione delle opzioni Teorema di Radon Nykodym 9 dicembre 2013

Modelli 1 @ Clamfim Equazione delle opzioni Teorema di Radon Nykodym 9 dicembre 2013 CLAMFIM Bologna Modell 1 @ Clamfm Equazone delle opzon Teorema d Radon Nykodym 9 dcembre 2013 professor Danele Rtell danele.rtell@unbo.t 1/33? ubblctà http://elsartcle.com/18arhmh Lbero accesso a Legendre

Dettagli

* * * Nota inerente il calcolo della concentrazione rappresentativa della sorgente. Aprile 2006 RL/SUO-TEC 166/2006 1

* * * Nota inerente il calcolo della concentrazione rappresentativa della sorgente. Aprile 2006 RL/SUO-TEC 166/2006 1 APAT Agenza per la Protezone dell Ambente e per Servz Tecnc Dpartmento Dfesa del Suolo / Servzo Geologco D Itala Servzo Tecnologe del sto e St Contamnat * * * Nota nerente l calcolo della concentrazone

Dettagli

Fotogrammetria. O centro di presa. fig.1 Geometria della presa fotogrammetrica

Fotogrammetria. O centro di presa. fig.1 Geometria della presa fotogrammetrica Fotogrammetra Scopo della fotogrammetra è la determnazone delle poszon d punt nello spazo fsco a partre dalla msura delle poszon de punt corrspondent su un mmagne fotografca. Ovvamente, affnché questo

Dettagli

Il modello markoviano per la rappresentazione del Sistema Bonus Malus. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. Materiale e Riferimenti

Il modello markoviano per la rappresentazione del Sistema Bonus Malus. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. Materiale e Riferimenti Il modello marovano per la rappresentazone del Sstema Bonus Malus rof. Cercara Rocco Roberto Materale e Rferment. Lucd dstrbut n aula. Lemare 995 (pag.6- e pag. 74-78 3. Galatoto G. 4 (tt del VI Congresso

Dettagli

Macchine. 5 Esercitazione 5

Macchine. 5 Esercitazione 5 ESERCITAZIONE 5 Lavoro nterno d una turbomacchna. Il lavoro nterno massco d una turbomacchna può essere determnato not trangol d veloctà che s realzzano all'ngresso e all'uscta della macchna stessa. Infatt

Dettagli

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS Captolo 7 1. Il modello IS-LM La «sntes neoclassca» e l modello IS-LM Defnzone: ndvdua tutte le combnazon d reddto e saggo d nteresse per le qual l mercato de ben (curva IS) e l mercato della moneta (curva

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA - SCHEDA N. 5 REGRESSIONE LINEARE

STATISTICA DESCRITTIVA - SCHEDA N. 5 REGRESSIONE LINEARE Matematca e statstca: da dat a modell alle scelte www.dma.unge/pls_statstca Responsabl scentfc M.P. Rogantn e E. Sasso (Dpartmento d Matematca Unverstà d Genova) STATISTICA DESCRITTIVA - SCHEDA N. REGRESSIONE

Dettagli

Condensatori e resistenze

Condensatori e resistenze Condensator e resstenze Lucano attaa Versone del 22 febbrao 2007 Indce In questa nota presento uno schema replogatvo relatvo a condensator e alle resstenze, con partcolare rguardo a collegament n sere

Dettagli

Capitolo 6 Risultati pag. 468. a) Osmannoro. b) Case Passerini c) Ponte di Maccione

Capitolo 6 Risultati pag. 468. a) Osmannoro. b) Case Passerini c) Ponte di Maccione Captolo 6 Rsultat pag. 468 a) Osmannoro b) Case Passern c) Ponte d Maccone Fgura 6.189. Confronto termovalorzzatore-sorgent dffuse per l PM 10. Il contrbuto del termovalorzzatore alle concentrazon d PM

Dettagli

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA Mnstero della Salute D.G. della programmazone santara --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA La valutazone del coeffcente d varabltà dell mpatto economco consente d ndvduare gl ACC e DRG

Dettagli

Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia

Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia Unverstà degl Stud d Urbno Facoltà d Economa Lezon d Statstca Descrttva svolte durante la prma parte del corso d corso d Statstca / Statstca I A.A. 004/05 a cura d: F. Bartolucc Lez. 8/0/04 Statstca descrttva

Dettagli

Trigger di Schmitt. e +V t

Trigger di Schmitt. e +V t CORSO DI LABORATORIO DI OTTICA ED ELETTRONICA Scopo dell esperenza è valutare l ampezza dell steres d un trgger d Schmtt al varare della frequenza e dell ampezza del segnale d ngresso e confrontarla con

Dettagli

La retroazione negli amplificatori

La retroazione negli amplificatori La retroazone negl amplfcator P etroazonare un amplfcatore () sgnfca sottrarre (o sommare) al segnale d ngresso (S ) l segnale d retroazone (S r ) ottenuto dal segnale d uscta (S u ) medante un quadrpolo

Dettagli

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili. Modelli per la Logistica: Single Flow One Level Model Multi Flow Two Level Model

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili. Modelli per la Logistica: Single Flow One Level Model Multi Flow Two Level Model Rcerca Operatva e Logstca Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentl Modell per la Logstca: Sngle Flow One Level Model Mult Flow Two Level Model Modell d localzzazone nel dscreto Modell a Prodotto Sngolo e a Un

Dettagli

Variabili statistiche - Sommario

Variabili statistiche - Sommario Varabl statstche - Sommaro Defnzon prelmnar Statstca descrttva Msure della tendenza centrale e della dspersone d un campone Introduzone La varable statstca rappresenta rsultat d un anals effettuata su

Dettagli

CMG CMG RIDUTTORI AD INGRANAGGI CILINDRICI HELICAL GEARBOXES

CMG CMG RIDUTTORI AD INGRANAGGI CILINDRICI HELICAL GEARBOXES Pag. Page Indce Index Caratterstche tecnche Techncal features B2 Desgnazone Desgnaton B2 Lubrfcazone Lubrcaton B3 Carch radal Radal loads B3 Smbologa Symbols B3 Dat tecnc Techncal data B4 Motor applcabl

Dettagli

Introduzione al Machine Learning

Introduzione al Machine Learning Introduzone al Machne Learnng Note dal corso d Machne Learnng Corso d Laurea Magstrale n Informatca aa 2010-2011 Prof Gorgo Gambos Unverstà degl Stud d Roma Tor Vergata 2 Queste note dervano da una selezone

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA CON EXCEL

STATISTICA DESCRITTIVA CON EXCEL STATISTICA DESCRITTIVA CON EXCEL Corso d CPS - II parte: Statstca Laurea n Informatca Sstem e Ret 2004-2005 1 Obettv della lezone Introduzone all uso d EXCEL Statstca descrttva Utlzzo dello strumento:

Dettagli

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare Dott. Raffaele Casa - Dpartmento d Produzone Vegetale Modulo d Metodologa Spermentale Febbrao 003 Relazon tra varabl: Correlazone e regressone lneare Anals d relazon tra varabl 6 Produzone d granella (kg

Dettagli

Ottica geometrica. Capitolo. 1. Come si riflette la luce? Cosa è la luce? Come possiamo classificare le sorgenti luminose?

Ottica geometrica. Capitolo. 1. Come si riflette la luce? Cosa è la luce? Come possiamo classificare le sorgenti luminose? Captolo 8 Ottca geometrca 1. Come s rflette la luce? Cosa è la luce? Spacente: per l momento non rsponderemo a questa domanda. Invece d dre cosa la luce sa, ne analzzeremo dapprma l comportamento, utlzzando

Dettagli

DBMS multimediali A L B E R T O B E L U S S I B A S I D I D A T I A N N O A C C A D E M I C O 2 0 1 1 / 2 0 1 2

DBMS multimediali A L B E R T O B E L U S S I B A S I D I D A T I A N N O A C C A D E M I C O 2 0 1 1 / 2 0 1 2 DBMS multmedal A L B E R T O B E L U S S I B A S I D I D A T I A N N O A C C A D E M I C O 2 0 1 1 / 2 0 1 2 DBMS multmedal Def: Sono DBMS che consentono d memorzzare e recuperare dat d natura multmedale:

Dettagli

CAPITOLO 3 Incertezza di misura Pagina 26

CAPITOLO 3 Incertezza di misura Pagina 26 CAPITOLO 3 Incertezza d msura Pagna 6 CAPITOLO 3 INCERTEZZA DI MISURA Le operazon d msurazone sono tutte nevtablmente affette da ncertezza e coè da un grado d ndetermnazone con l quale l processo d msurazone

Dettagli

PARTE II LA CIRCOLAZIONE IDRICA

PARTE II LA CIRCOLAZIONE IDRICA PARTE II LA CIRCOLAZIONE IDRICA La acque d precptazone atmosferca che gungono al suolo scorrono n superfce o penetrano n profondtà dando orgne alla crcolazone, la quale subsce l nfluenza d molt fattor

Dettagli

Simulazione seconda prova Tema assegnato all esame di stato per l'abilitazione alla professione di geometra, 2006

Simulazione seconda prova Tema assegnato all esame di stato per l'abilitazione alla professione di geometra, 2006 Smulazone seconda prova Tema assegnato all esame d stato per l'abltazone alla professone d geometra, 006 roposte per lo svolgmento pubblcate sul ollettno SIFET (Socetà Italana d Fotogrammetra e Topografa)

Dettagli

La taratura degli strumenti di misura

La taratura degli strumenti di misura La taratura degl strument d msura L mportanza dell operazone d taratura nasce dall esgenza d rendere l rsultato d una msura rferble a campon nazonal od nternazonal del msurando n questone affnché pù msure

Dettagli

Tutti gli strumenti vanno tarati

Tutti gli strumenti vanno tarati L'INCERTEZZA DI MISURA Anta Calcatell I.N.RI.M S eseguono e producono msure per prendere delle decson sulla base del rsultato ottenuto, come per esempo se bloccare l traffco n funzone d msure d lvello

Dettagli

Verifica termoigrometrica delle pareti

Verifica termoigrometrica delle pareti Unverstà Medterranea d Reggo Calabra Facoltà d Archtettura Corso d Tecnca del Controllo Ambentale A.A. 2009-200 Verfca termogrometrca delle paret Prof. Marna Mstretta ANALISI IGROTERMICA DEGLI ELEMENTI

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

Norma UNI CEI ENV 13005: Guida all'espressione dell'incertezza di misura

Norma UNI CEI ENV 13005: Guida all'espressione dell'incertezza di misura orma UI CEI EV 3005: Guda all'espressone dell'ncertezza d msura L obettvo d una msurazone è quello d determnare l valore del msurando, n altre parole della grandezza da msurare. In generale, però, l rsultato

Dettagli

TORRI DI RAFFREDDAMENTO PER L ACQUA

TORRI DI RAFFREDDAMENTO PER L ACQUA TORRI DI RAFFREDDAMENTO PER ACQUA Premessa II funzonamento degl mpant chmc rchede generalmente gross quanttatv d acqua: questa, oltre ad essere utlzzata drettamente n alcune lavorazon, come lavagg, dssoluzon,

Dettagli

Dai circuiti ai grafi

Dai circuiti ai grafi Da crcut a graf Il grafo è una schematzzazone grafca semplfcata che rappresenta le propretà d nterconnessone del crcuto ad esso assocato Il grafo è costtuto da un nseme d nod e d lat Se lat sono orentat

Dettagli

CAPITOLO IV CENNI SULLE MACCHINE SEQUENZIALI

CAPITOLO IV CENNI SULLE MACCHINE SEQUENZIALI Cenn sulle macchne seuenzal CAPITOLO IV CENNI SULLE MACCHINE SEQUENZIALI 4.) La macchna seuenzale. Una macchna seuenzale o macchna a stat fnt M e' un automatsmo deale a n ngress e m uscte defnto da: )

Dettagli

Calibrazione. Lo strumento idealizzato

Calibrazione. Lo strumento idealizzato Calbrazone Come possamo fdarc d uno strumento? Abbamo bsogno d dentfcare l suo funzonamento n condzon controllate. L dentfcazone deve essere razonalmente organzzata e condvsa n termn procedural: s tratta

Dettagli

MODELLISTICA DI SISTEMI DINAMICI

MODELLISTICA DI SISTEMI DINAMICI CONTROLLI AUTOMATICI Ingegnera Gestonale http://www.automazone.ngre.unmore.t/pages/cors/controllautomatcgestonale.htm MODELLISTICA DI SISTEMI DINAMICI Ing. Federca Gross Tel. 059 2056333 e-mal: federca.gross@unmore.t

Dettagli

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione 1 La Regressone Lneare (Semplce) Relazone funzonale e statstca tra due varabl Modello d regressone lneare semplce Stma puntuale de coeffcent d regressone Decomposzone della varanza Coeffcente d determnazone

Dettagli

Analisi e confronto tra metodi di regolarizzazione diretti per la risoluzione di problemi discreti mal-posti

Analisi e confronto tra metodi di regolarizzazione diretti per la risoluzione di problemi discreti mal-posti UNIVERSIA DEGLI SUDI DI CAGLIARI Facoltà d Ingegnera Elettronca Corso d Calcolo Numerco 1 A.A. 00/003 Anals e confronto tra metod d regolarzzazone drett per la rsoluzone d prolem dscret mal-post Docente:

Dettagli

Esercitazioni del corso di Relazioni tra variabili. Giancarlo Manzi Facoltà di Sociologia Università degli Studi di Milano-Bicocca

Esercitazioni del corso di Relazioni tra variabili. Giancarlo Manzi Facoltà di Sociologia Università degli Studi di Milano-Bicocca Eserctazon del corso d Relazon tra varabl Gancarlo Manz Facoltà d Socologa Unverstà degl Stud d Mlano-Bcocca e-mal: gancarlo.manz@statstca.unmb.t Terza eserctazone Mlano, 8 febbrao 7 SOMMARIO TERZA ESERCITAZIONE

Dettagli

LA COMPATIBILITA tra due misure:

LA COMPATIBILITA tra due misure: LA COMPATIBILITA tra due msure: 0.4 Due msure, supposte affette da error casual, s dcono tra loro compatbl quando la loro dfferenza può essere rcondotta ad una pura fluttuazone statstca attorno al valore

Dettagli

Induzione elettromagnetica

Induzione elettromagnetica Induzone elettromagnetca L esperenza d Faraday L'effetto d produzone d corrente elettrca n un crcuto prvo d generatore d tensone fu scoperto dal fsco nglese Mchael Faraday nel 83. Egl studò la relazone

Dettagli

SU UNA CLASSE DI EQUAZIONI CONSERVATIVE ED IPERBOLICHE COMPLETAMENTE ECCEZIONALI E COMPATIBILI CON UNA LEGGE DI CONSERVAZIONE SUPPLEMENTARE

SU UNA CLASSE DI EQUAZIONI CONSERVATIVE ED IPERBOLICHE COMPLETAMENTE ECCEZIONALI E COMPATIBILI CON UNA LEGGE DI CONSERVAZIONE SUPPLEMENTARE SU UNA CLASSE DI EQUAZIONI CONSERVATIVE ED IPERBOLICHE COMPLETAMENTE ECCEZIONALI E COMPATIBILI CON UNA LEGGE DI CONSERVAZIONE SUPPLEMENTARE GIOVANNI CRUPI, ANDREA DONATO SUMMARY. We characterze a set of

Dettagli

Indicatori di rendimento per i titoli obbligazionari

Indicatori di rendimento per i titoli obbligazionari Indcator d rendmento per ttol obblgazonar LA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI A TASSO FISSO Per valutare la convenenza d uno strumento fnanzaro è necessaro precsare: /4 Le specfche esgenze d un nvesttore

Dettagli

Fig.1.2.1 Schema a blocchi di un PMSM isotropo con ingressi ed uscite del controllo digitale.

Fig.1.2.1 Schema a blocchi di un PMSM isotropo con ingressi ed uscite del controllo digitale. . ll metodo del fattore d scala globale Il progetto d un sstema d controllo dgtale può avvalers del cosddetto metodo del fattore d scala globale (FSG), attraverso l quale è possble stablre una corrspondenza

Dettagli

2 Modello IS-LM. 2.1 Gli e etti della politica monetaria

2 Modello IS-LM. 2.1 Gli e etti della politica monetaria 2 Modello IS-LM 2. Gl e ett della poltca monetara S consderun modello IS-LM senzastatocon seguent datc = 0:8, I = 00( ), L d = 0:5 500, M s = 00 e P =. ) S calcolno valor d equlbro del reddto e del tasso

Dettagli

A. AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA FINANZIATO ESCLUSIVAMENTE TRAMITE INDEBITAMENTO

A. AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA FINANZIATO ESCLUSIVAMENTE TRAMITE INDEBITAMENTO 4. SCHMI ALTRNATIVI DI FINANZIAMNTO DLLA SPSA PUBBLICA. Se l Governo decde d aumentare la Spesa Pubblca G (o Trasferment TR), allora deve anche reperre fond necessar per fnanzare questa sua maggore spesa.

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita Automaton Robotcs and System CONTROL Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Corso d laurea n Ingegnera Meccatronca MODI E STABILITA DEI SISTEMI DINAMICI CA - 04 ModStablta Cesare Fantuzz (cesare.fantuzz@unmore.t)

Dettagli

Il pendolo di torsione

Il pendolo di torsione Unverstà degl Stud d Catana Facoltà d Scenze MM.FF.NN. Corso d aurea n FISICA esna d ABORAORIO DI FISICA I Il pendolo d torsone (sezone costante) Moreno Bonaventura Anno Accademco 005/06 Introduzone. I

Dettagli

Metastability, Nonextensivity and Glassy Dynamics in a Class of Long Range Hamiltonian Models

Metastability, Nonextensivity and Glassy Dynamics in a Class of Long Range Hamiltonian Models Alessandro Pluchno Metastablty, Nonextensvty and Glassy Dynamcs n a Class of Long Range Hamltonan Models Dscussone Tes per l consegumento del ttolo Febbrao 2005 Tutor: Prof.A.Rapsarda E-mal: alessandro.pluchno@ct.nfn.t

Dettagli

Errori nel Posizionamento Satellitare

Errori nel Posizionamento Satellitare Error nel Poszonamento Satelltare Tpologe Casual Sstematc o d Modello D Osservazone L accuratezza è stmata come l 1% della lunghezza d onda (Regola Emprca). Codce C/A: ±3 m; Codce P: ±0,3 m; Portant L1,

Dettagli

Newsletter "Lean Production" Autore: Dott. Silvio Marzo

Newsletter Lean Production Autore: Dott. Silvio Marzo Il concetto d "Produzone Snella" (Lean Producton) s sta rapdamente mponendo come uno degl strument pù modern ed effcac per garantre alle azende la flessbltà e la compettvtà che l moderno mercato rchede.

Dettagli

NOTE DALLE LEZIONI DI STATISTICA MEDICA ED ESERCIZI CONFRONTO DI PIU MEDIE IL METODO DI ANALISI DELLA VARIANZA

NOTE DALLE LEZIONI DI STATISTICA MEDICA ED ESERCIZI CONFRONTO DI PIU MEDIE IL METODO DI ANALISI DELLA VARIANZA NOTE DALLE LEZIONI DI STATISTICA MEDICA ED ESERCIZI CONFRONTO DI PIU MEDIE IL METODO DI ANALISI DELLA VARIANZA IL PROBLEMA Supponamo d voler studare l effetto d 4 dverse dete su un campone casuale d 4

Dettagli

Hansard OnLine. Unit Fund Centre Guida

Hansard OnLine. Unit Fund Centre Guida Hansard OnLne Unt Fund Centre Guda Sommaro Pagna Introduzone al Unt Fund Centre (UFC) 3 Uso de fltr per la selezone de fond 4-5 Lavorare con rsultat del fltro 6 Lavorare con rsultat del fltro - Prezz 7

Dettagli

Studio grafico-analitico di una funzioni reale in una variabile reale

Studio grafico-analitico di una funzioni reale in una variabile reale Studo grafco-analtco d una funzon reale n una varable reale f : R R a = f ( ) n Sequenza de pass In pratca 1 Stablre l tpo d funzone da studare es. f ( ) Determnare l domno D (o campo d esstenza) della

Dettagli

Corrente elettrica e circuiti

Corrente elettrica e circuiti Corrente elettrca e crcut Generator d forza elettromotrce Intenstà d corrente Legg d Ohm esstenza e resstvtà esstenze n sere e n parallelo Effetto termco della corrente Legg d Krchhoff Corrente elettrca

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 6 a. Analisi delle reti resistive

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 6 a. Analisi delle reti resistive Prncp d ngegnera elettrca Lezone 6 a Anals delle ret resste Anals delle ret resste L anals d una rete elettrca (rsoluzone della rete) consste nel determnare tutte le corrent ncognte ne ram e tutt potenzal

Dettagli

Dati di tipo video. Indicizzazione e ricerca video

Dati di tipo video. Indicizzazione e ricerca video Corso d Laurea n Informatca Applcata Unverstà d Urbno Dat d tpo vdeo I dat vdeo sono generalmente rcch dal punto d vsta nformatvo. Sottottol (testo) Colonna sonora (audo parlato e/o musca) Frame (mmagn

Dettagli

ROBERTO RICCI, MARIO FERRI DE COLLIBUS, GIORGIO FORNETTI, CLAUDIO POGGI

ROBERTO RICCI, MARIO FERRI DE COLLIBUS, GIORGIO FORNETTI, CLAUDIO POGGI TELEMETRIA LASER E VISIONE ARTIFICIALE. Acquszone d mmagn telematche e rcostruzone d superfc 3D: l esperenza del laboratoro d Vsone Artfcale del Centro Rcerche ENEA d Frascat ROBERTO RICCI, MARIO FERRI

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

PARENTELA e CONSANGUINEITÀ di Dario Ravarro

PARENTELA e CONSANGUINEITÀ di Dario Ravarro Introduzone PARENTELA e CONSANGUINEITÀ d Daro Ravarro 1 gennao 2010 Lo studo della genealoga d un ndvduo è necessaro al fne d valutare la consangunetà dell ndvduo stesso e la sua parentela con altr ndvdu

Dettagli

TITOLO: L INCERTEZZA DI TARATURA DELLE MACCHINE PROVA MATERIALI (MPM)

TITOLO: L INCERTEZZA DI TARATURA DELLE MACCHINE PROVA MATERIALI (MPM) Identfcazone: SIT/Tec-012/05 Revsone: 0 Data 2005-06-06 Pagna 1 d 7 Annotazon: Il presente documento fornsce comment e lnee guda sull applcazone della ISO 7500-1 COPIA CONTROLLATA N CONSEGNATA A: COPIA

Dettagli

Economia del Settore Pubblico 97. Economia del Settore Pubblico 99. Quale indice di diseguaglianza usare? il rapporto interdecilico PROBLEMA:

Economia del Settore Pubblico 97. Economia del Settore Pubblico 99. Quale indice di diseguaglianza usare? il rapporto interdecilico PROBLEMA: Economa del Settore Pubblco Laura Vc laura.vc@unbo.t www.dse.unbo.t/lvc/edsp_.htm LEZIONE 4 Rmn, 9 aprle 008 Economa del Settore Pubblco 96 I prncpal ndc d dseguaglanza: ndc d entropa generalzzata Isprata

Dettagli

SOFTWARE NBSI (NEIGHBOURHOOD BASED STRUCTURAL INDICES)

SOFTWARE NBSI (NEIGHBOURHOOD BASED STRUCTURAL INDICES) SOFTWARE NBSI (NEIGHBOURHOOD BASED STRUCTURAL INDICES) DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELL AMBIENTE FORESTALE E DELLE SUE RISORSE (DISAFRI) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA TUSCIA - Va San Camllo de Lells, 000 Vterbo

Dettagli

Analisi di mercurio in matrici solide mediante spettrometria di assorbimento atomico a vapori freddi

Analisi di mercurio in matrici solide mediante spettrometria di assorbimento atomico a vapori freddi ESEMPIO N. Anals d mercuro n matrc solde medante spettrometra d assorbmento atomco a vapor fredd 0 Introduzone La determnazone del mercuro n matrc solde è effettuata medante trattamento termco del campone

Dettagli

GLI ERRORI SPERIMENTALI NELLE MISURE DI LABORATORIO

GLI ERRORI SPERIMENTALI NELLE MISURE DI LABORATORIO GLI ERRORI SPERIMETALI ELLE MISURE DI LABORATORIO MISURA DI UA GRADEZZA FISICA S defnsce grandezza fsca una propretà de corp sulla quale possa essere eseguta un operazone d msura. Msurare una grandezza

Dettagli

Parametri e protocolli di riferimento

Parametri e protocolli di riferimento Parametr e protocoll d rfermento P. Isoard - O. Rampado - R. Ropolo S.C. Fsca Santara A.S.O. San Govann Battsta d Torno Document d rfermento general Gudelnes for Acceptance Testng and Qualty Control, Techcal

Dettagli

Markov Random Field. Teoria e applicabilità nell elaborazione delle immagini. Giovanni Bianco. Febbraio 1998. 20 i

Markov Random Field. Teoria e applicabilità nell elaborazione delle immagini. Giovanni Bianco. Febbraio 1998. 20 i Markov Random Feld Teora e applcabltà nell elaborazone delle mmagn U ( f) = v [ 1 δ( )] 20 S N f f f * = arg mn f F { U( d f) + U( f) } Govann Banco Febbrao 1998 2 Manoscrtto depostato presso l Dp. d Ingegnera

Dettagli

La beta diversità: tra statistica ed ecologia

La beta diversità: tra statistica ed ecologia La beta dverstà: tra statstca ed ecologa Carlo RICOTTA Unverstà d Roma La apenza Dpartmento d Bologa Vegetale E-mal: carlo.rcotta@unroma1.t Tre lvell d dverstà Dverstà alfa: è la dverstà d spece all nterno

Dettagli

Fondamenti di meccanica classica: simmetrie e leggi di conservazione

Fondamenti di meccanica classica: simmetrie e leggi di conservazione Fondament d meccanca classca: smmetre e legg d conservazone d Marco Tulu A. A. 2005/2006 1 Introduzone Un corpo s dce omogeneo se ha n ogn suo punto ugual propretà fsche e chmche, ed è sotropo se n ogn

Dettagli

User Guide Guglielmo SmartClient

User Guide Guglielmo SmartClient User Guide Guglielmo SmartClient User Guide - Guglielmo SmartClient Version: 1.0 Guglielmo All rights reserved. All trademarks and logos referenced herein belong to their respective companies. -2- 1. Introduction

Dettagli

ATS. Motoriduttori pendolari Helical parallel gearmotors ATS ATS

ATS. Motoriduttori pendolari Helical parallel gearmotors ATS ATS Motorduttor pendolar Motorduttor pendolar Pag. Page Indce Index Caratterstche tecnche Techncal features F2 Desgnazone Classfcaton F3 Sens d rotazone Drecton of rotaton F4 Smbologa Symbols F4 Lubrfcazone

Dettagli

Corso di Statistica (canale P-Z) A.A. 2009/10 Prof.ssa P. Vicard

Corso di Statistica (canale P-Z) A.A. 2009/10 Prof.ssa P. Vicard Corso d Statstca (canale P-Z) A.A. 2009/0 Prof.ssa P. Vcard VALORI MEDI Introduzone Con le dstrbuzon e le rappresentazon grafche abbamo effettuato le prme sntes de dat. E propro osservando degl stogramm

Dettagli

VA TIR - TA - TAEG Introduzione

VA TIR - TA - TAEG Introduzione VA TIR - TA - TAEG Introduzone La presente trattazone s pone come obettvo d analzzare due prncpal crter d scelta degl nvestment e fnanzament per valutare la convenenza tra due o pù operazon fnanzare. S

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Quindici

U Corso di italiano, Lezione Quindici 1 U Corso di italiano, Lezione Quindici U Buongiorno, anche in questa lezione iniziamo con qualche dialogo formale M Good morning, in this lesson as well, let s start with some formal dialogues U Buongiorno,

Dettagli

Analisi dei flussi 182

Analisi dei flussi 182 Programmazone e Controllo Anals de fluss Clent SERVIZIO Uscta Quanto al massmo produce l mo sstema produttvo? Quanto al massmo produce la ma macchna? Anals de fluss 82 Programmazone e Controllo Teora delle

Dettagli

ROBOTS A CINEMATICA RIDONDANTE: NUOVI SVILUPPI CONSENTITI DAGLI AZIONAMENTI DIRETTI E DAGLI ALGORITMI DI CONTROLLO GENETICI

ROBOTS A CINEMATICA RIDONDANTE: NUOVI SVILUPPI CONSENTITI DAGLI AZIONAMENTI DIRETTI E DAGLI ALGORITMI DI CONTROLLO GENETICI ROBOTS A CINEMATICA RIDONDANTE: NUOVI SVILUPPI CONSENTITI DAGLI AZIONAMENTI DIRETTI E DAGLI ALGORITMI DI CONTROLLO GENETICI R. Fagla (*), M. Flppn (**), A. Zappon (***) (*)Dp. Ing. Meccanca Unv. degl Stud

Dettagli

CARATTERISTICHE FEATURES

CARATTERISTICHE FEATURES Rev. 0 ARGANO - GEAR-BOX MR7-8 CARATTERISTICHE Gl argan Scor sono costrut n osservanza della drettva: 95/6/CE EN ISO 200//2 EN 8- : 2008 EN 8-80 : 2004 Le lavorazon sono esegute con macchne d precsone

Dettagli

Fondamenti di Fisica Acustica

Fondamenti di Fisica Acustica Fondament d Fsca Acustca Pro. Paolo Zazzn - DSSARR Archtettura Pescara Anals n requenza de segnal sonor, bande d ottava e terz d ottava. Rumore banco e rumore rosa. Lvello equvalente. Fsologa dell apparato

Dettagli

Modelli di base per la politica economica

Modelli di base per la politica economica Marcella Mulno Modell d base per la poltca economca Corso d Poltca economca a.a. 22-23 Captolo 2 Modello - e poltche scal e monetare In questo captolo rchamamo brevemente l modello macroeconomco a prezz

Dettagli

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica Progetto Lauree Scentfche La corrente elettrca Conoscenze d base Forza elettromotrce Corrente Elettrca esstenza e resstvtà Legge d Ohm Crcut 2 Una spra d rame n equlbro elettrostatco In un crcuto semplce

Dettagli

Babaoglu 2006 Sicurezza 2

Babaoglu 2006 Sicurezza 2 Key Escrow Key Escrow Ozalp Babaoglu! In many situations, a secret (key) is known to only a single individual " Private key in asymmetric cryptography " The key in symmetric cryptography or MAC where the

Dettagli

Controllo e scheduling delle operazioni. Paolo Detti Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università di Siena

Controllo e scheduling delle operazioni. Paolo Detti Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università di Siena Controllo e schedulng delle operazon Paolo Dett Dpartmento d Ingegnera dell Informazone Unverstà d Sena Organzzazone della produzone PRODOTTO che cosa ch ORGANIZZAZIONE PROCESSO come FLUSSO DI PRODUZIONE

Dettagli

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34 This week I have been walking round San Marco and surrounding areas to find things that catch my eye to take pictures of. These pictures were of various things but majority included people. The reason

Dettagli

The Maximum Clique Problem (MCP)

The Maximum Clique Problem (MCP) The Maxmum Clque Problem (MCP) You are gve: A udrected graph G = (V,E), where - V = {,.,} - E V x V ad are asked to Fd the largest complete subgraph (clque) of G The problem s kow to be NP-hard, ad so

Dettagli

Calcolo delle Probabilità

Calcolo delle Probabilità alcolo delle Probabltà Quanto è possble un esto? La verosmglanza d un esto è quantfcata da un numero compreso tra 0 e. n partcolare, 0 ndca che l esto non s verfca e ndca che l esto s verfca senza dubbo.

Dettagli

SESSIONE B DINAMICA IDENTIFICAZIONE DEI COEFFICIENTI DINAMICI DI SISTEMI MECCANICI TRAMITE LA TECNICA DELLE FUNZIONI MODULANTI

SESSIONE B DINAMICA IDENTIFICAZIONE DEI COEFFICIENTI DINAMICI DI SISTEMI MECCANICI TRAMITE LA TECNICA DELLE FUNZIONI MODULANTI Assocazone Italana per l Anals delle Sollectazon (AIAS) XXXI Convegno Nazonale 8-2 Settembre 22, Parma SESSIONE B DINAMICA IDENIFICAZIONE DEI COEFFICIENI DINAMICI DI SISEMI MECCANICI RAMIE LA ECNICA DELLE

Dettagli

MODELLI DI SISTEMI. Principi di modellistica. Considerazioni energetiche. manca

MODELLI DI SISTEMI. Principi di modellistica. Considerazioni energetiche. manca ONTOI UTOMTII Ingegnera della Gestone Industrale e della Integrazone d Impresa http://www.automazone.ngre.unmore.t/pages/cors/ontrollutomatcgestonale.htm MODEI DI SISTEMI Ing. ug Bagott Tel. 05 0939903

Dettagli

Capitolo 33 TRASPORTO IN PRESSIONE

Capitolo 33 TRASPORTO IN PRESSIONE Captolo 33 TRASPORTO IN PRESSIONE 1 INTRODUZIONE I sstem d condotte n pressone destnat all'approvvgonamento drco comprendono: - gl acquedott estern, che adducono l'acqua dalle font d'almentazone alle zone

Dettagli

STRATIGRAFIE PARTIZIONI VERTICALI

STRATIGRAFIE PARTIZIONI VERTICALI STRATIGRAFI PARTIZIONI VRTICALI 6. L solamento acustco: tecnche, calcol 2 Trasmssone rumor In edlza s possono dstnguere dfferent tp d rumor: rumor aere (vocare de vcn da altre untà abtatve, rumor provenent

Dettagli

Il diagramma PSICROMETRICO

Il diagramma PSICROMETRICO Il dagramma PSICROMETRICO I dagramm pscrometrc vengono molto utlzzat nel dmensonamento degl mpant d condzonamento dell ara, n quanto consentono d determnare n modo facle e rapdo le grandezze d stato dell

Dettagli

Analisi del moto pre e post urto del veicolo

Analisi del moto pre e post urto del veicolo Captolo Anals del moto pre e post urto del vecolo 3.1 Moto rettlneo p. xx 3.1.1 Accelerazone unforme p. xx 3.1. Dstanza per l arresto del vecolo ed evtabltà p. xx 3.1.3 Dagramm veloctà-tempo e dstanza

Dettagli

IMMAGINE RICONOSCIMENTO. 6.1 La densità di vegetazione: l indice NDVI DELLA VEGETAZIONE SULL I

IMMAGINE RICONOSCIMENTO. 6.1 La densità di vegetazione: l indice NDVI DELLA VEGETAZIONE SULL I CAPITOLO SESTO RICONOSCIMENTO DELLA VEGETAZIONE SULL I IMMAGINE QUICKBIRDIRD 6.1 La denstà d vegetazone: l ndce NDVI Allo scopo d caratterzzare la dstrbuzone della vegetazone sulle superfc d barena s è

Dettagli

Corso AFFIDABILITÀ DELLE COSTRUZIONI MECCANICHE. Prof. Dario Amodio d.amodio@univpm.it. Ing. Gianluca Chiappini g.chiappini@univpm.

Corso AFFIDABILITÀ DELLE COSTRUZIONI MECCANICHE. Prof. Dario Amodio d.amodio@univpm.it. Ing. Gianluca Chiappini g.chiappini@univpm. Corso AFFIDABILITÀ DELLE COSTRUZIONI MECCANICHE Prof. Daro Amodo d.amodo@unvpm.t Ing. Ganluca Chappn g.chappn@unvpm.t http://www.dpmec.unvpm.t/costruzone/home.htm (Ddattca/Dspense) Testo d rfermento: Stefano

Dettagli

Sviluppo e Applicazioni di Tecniche di Automazione in Fotogrammetria dei Vicini

Sviluppo e Applicazioni di Tecniche di Automazione in Fotogrammetria dei Vicini Unverstà degl Stud d Parma Facoltà d Ingegnera Dottorato d Rcerca n Ingegnera Cvle - XVIII Cclo Currculum: opografa e Cartografa (ICAR/6) Rccardo Roncella Svluppo e Applcazon d ecnche d Automazone n Fotogrammetra

Dettagli

Scelta dell Ubicazione. di un Impianto Industriale. Corso di Progettazione Impianti Industriali Prof. Sergio Cavalieri

Scelta dell Ubicazione. di un Impianto Industriale. Corso di Progettazione Impianti Industriali Prof. Sergio Cavalieri Scelta dell Ubcazone d un Impanto Industrale Corso d Progettazone Impant Industral Prof. Sergo Cavaler I fattor ubcazonal Cost d Caratterstche del Mercato Costruzone Energe Manodopera Trasport Matere Prme

Dettagli

LA RETE DINAMICA NAZIONALE (RDN) ED IL NUOVO SISTEMA DI RIFERIMENTO ETRF2000

LA RETE DINAMICA NAZIONALE (RDN) ED IL NUOVO SISTEMA DI RIFERIMENTO ETRF2000 LA RETE DINAMICA NAZIONALE (RDN) ED IL NUOVO SISTEMA DI RIFERIMENTO ETRF2000 L. Baron, F. Caul, D. Donatell, G. Farolf, R. Maserol, Servzo Geodetco - Isttuto geografco Mltare - Frenze 1. Premessa La Rete

Dettagli

Proprietà spettrali dei Laser

Proprietà spettrali dei Laser Propretà spettral de Laser Larghezza d rga e funzonamento n multmodo Smone Cald Outlne Anals delle cavtà e delle msure Msura del FSR Msura della focale termca Introduzone (prop. Spettral de Laser) Larghezza

Dettagli

Approfondimenti - In-depth insight

Approfondimenti - In-depth insight Attrezzature per la Lavorazone del Tubo RIGIDO TUBING Processng Equpment APPROFONDIMENTI - IN-DEPTH INSIGHT Approfondment - In-depth nsght Il buon funzonamento e la durata de component d un mpanto ATTREZZATURE

Dettagli