Stefano Falorsi. di seconda e quinta elementare rispettivamente di numerosità e N. I test somministrati alle

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Stefano Falorsi. di seconda e quinta elementare rispettivamente di numerosità e N. I test somministrati alle"

Transcript

1

2

3 Nota metooogica sua strategia i campionamento e sistema nazionae i vautazione ee competenze per e cassi secona e quinta e primo cico ea scuoa primaria Stefano Faorsi. Obiettivi I Sistema Nazionae i Vautazione (SNV) oggetto ea presente nota è parte integrante e più ampio sistema i vautazione ee competenze afabetiche e numeriche egi stuenti ea scuoa primaria e seconaria conotto a INVALSI. Si tratta, a tutti gi effetti, i una rievazione statistica sugi stuenti ea scuoa primaria i primo grao, ee cassi secona e quinta, ai quai viene somministrato un insieme integrato i prove o items, i itaiano e matematica, efiniti in moo a essere comparabii tra tutti gi Stati appartenenti aa Comunità Europea. Nee eizioni passate, svote nei preceenti anni, e prove venivano somministrate irettamente a personae ocente ee scuoe stesse, tuttavia per eizione i quest anno si è ritenuto necessario renere migiore a quaità ei ati raccoti stanarizzano i più possibie e moaità i somministrazione ee prove. Ciò ovrebbe, tra atro, permettere una maggiore comparabiità ei risutati tra scuoa e scuoa e, anche, tra ifferenti sottopopoazioni i tipo territoriae oppure reative aa tipoogia i scuoa. Si è eciso, pertanto, i far somministrare e prove a personae quaificato, esterno aa scuoa, che avesse i compito i iustrare agi stuenti e iverse prove effettuano, anche, a ovuta azione i controo. I punteggi normaizzati riportati agi stuenti per i iversi items costituiscono, quini, e variabii i interesse oggetto i rievazione; in particoare a normaizzazione ei punteggi consiste ne iviere, per ciascuna prova, i punteggio assouto assegnato ao stuente per i vaore massimo ottenibie per a suetta prova in moo a arrivare a un vaore compreso tra zero e uno. La popoazione i interesse ossia insieme ee unità statistiche intorno ae quai si intene investigare è costituita agi stuenti i secona e quinta eementare iscritti ne anno scoastico Più precisamente si tratta i ue istinte popoazioni i interesse costituite agi aunni N2 5 i secona e quinta eementare rispettivamente i numerosità e N. I test somministrati ae cassi secone, costituiscono, una vautazione sua preparazione in entrata mentre quei reativi agi aunni i quinta consentono una vautazione sua preparazione raggiunta agi stessi aa concusione e primo cico i istruzione primaria. Per ciascuna ee ue popoazioni i interesse a partire a punteggio assegnato a ciascuno stuente, per ogni prova, si efiniscono, infine, egi inici sintetici ea istribuzione aggregano opportunamente i punteggi per tutte e unità ea popoazione. Gi inici più importanti sono a meia ei punteggi normaizzati e i numero i stuenti che si trovano compresi tra i vari percentii

4 (generamente i quartii) ea istribuzione efiniti a iveo nazionae su tutta a popoazione i interesse. Tai quantità costituiscono quini i parametri i interesse oggetto i stima. I omini i stima, ossia e sottopopoazioni con riferimento ae quai si vogiono prourre e stime ei parametri i interesse, a fine i poter effettuare ei confronti tra e iverse sottopopoazioni, sono costituite ae regioni geografiche, ae ripartizioni geografiche e a intero territorio nazionae. A tae proposito occorre aggiungere che inagine ha, anche, a finaità seconaria i prourre stime - i più possibie attenibii anche se ne rispetto i imiti i spesa accettabii - ei parametri i interesse riferiti a ciascuna ee scuoe campione. 2. Parametri i interesse Si consieri a generica prova, enotata con inice b (per b=,,b), costituita a un insieme i quesiti oggetto i vautazione finaizzati a vautare a preparazione e aunno su una eterminata materia. Per ogni prova b e per ciascuna ee ue popoazioni i riferimento (aunni i secona e i quinta eementare) si inichi con: λ inice reativo a tipo i parametro oggetto i stima ( λ =,..., Λ) ; y i vaore ea variabie i interesse y osservato su aunno i appartenente a i ominio i stima (=,, D); i parametro i interesse e tipo λ riferito a ominio b θ λ ne ambito ea prova b. I principai omini i stima consierati a inagine sono costituiti ae regioni geografiche, pertanto, ne seguito a meno che non venga appositamente specificato per i generico ominio i stima si intenerà a regione. Ciò premesso, i seguito si espicita a natura statistica e a corrisponente forma funzionae ei parametri i interesse per ciascun tipo i parametro λ ( λ =,..., Λ). In particoare i parametri i interesse sono a meia ei punteggi normaizzati e a frequenza reativa i aunni compresi tra ue quantii ea istribuzione ei punteggi. I iversi parametri consierati, per ciascuna prova b (b=,,b) e per ogni ominio i stima (=,,D), sono esprimibii meiante a seguente forma funzionae θ = N N i= y i () in cui i enota i generico aunno (i secona o i quinta a variare ea popoazione investigata), N è a numerosità ea corrisponente popoazione i stuenti ( N = per gi aunni i secona e N II,

5 N = per gi aunni i quinta) e ominio i stima e y è i vaore ea variabie i N V, b λ i interesse, riferita aa prova b e a tipo i parametro λ, osservata sua i esima unità e ominio. I iversi parametri consierati si ifferenziano in base aa efinizione ea variabie y i. Ne caso ea meia, inicata con i simboo, a variabie i interesse b θ i b i y y è costituita a punteggio normaizzato assegnato a i-esimo stuente. Quano si consierano, invece, e frequenze reative, inicate con i simboi b2 θ,..., bλ θ, si hanno Λ variabii strumentai, inicate come b2 y i,..., bλ y i esseno a generica i esse una variabie icotomica pari a se unità i è compresa tra ue specifici quantii, (Q k- -- Q k ) (k=0,,k) ove si è inicato con Q min e Q max rispettivamente i vaore minimo e queo massimo ea istribuzione ei punteggi. I caso più frequente ne inagine in esame è queo in cui i quantii presi in esame coinciono con i quartii e e reative cassi sono quini (Q min -- Q ), (Q -- Q 2 ), (Q 2 -- Q 3 ) e (Q 3 -- Q max ). Pertanto inica e unità comprese entro i primo quartie b y 2 i e.. così via fino a b y i 4 che è a variabie inicatrice reativa ae unità che superano i terzo quartie ea istribuzione. Quano si consierano i quartii i numero i parametri a stimare per ciascun ominio e per intero territorio nazionae è pari a Λ B. 4 B mentre più in generae tae quantità è pari a 3. Disegno i campionamento 3.. Premessa Le rievazioni conotte negi anni preceenti preveevano a somministrazione ee prove a parte ei ocenti ee scuoe stesse; tae circostanza che eterminava un costo moto basso ea rievazione, a fronte i ati non sempre comparabii e i buona quaità, consentiva i conurre un inagine esaustiva su tutti gi aunni ea popoazione i interesse. I passaggio a utiizzazione i personae quaificato esterno aa scuoa, se a un ato comporta un quaità più ata ei ati raccoti a atra introuce costi notevomente maggiori, anche egati aa necessità i viaggiare per raggiungere e scuoe interessate aa rievazione. Per e suette ragioni si è resa necessaria a seezione i ue campioni casuai i aunni, rispettivamente appartenenti ae cassi secona e quinta eementare. Inotre, per riurre i costi i viaggio e i organizzazione ea rievazione su campo e quini migiorare efficienza ee stime a parità i costi oppure riurre i

6 costi a parità i efficienza campionaria - è stato necessario aottare un campionamento compesso a più stai i seezione in cui a primo staio viene estratto un campione i scuoe. Per ovvi motivi i costi e praticabiità operativa, è stato seezionato i meesimo campione i scuoe sia per a secona che per a quinta eementare. I isegno i campionamento aottato consente ottenimento i ue vantaggi. I primo consiste nea possibiità i riurre e tenere sotto controo i numero ee scuoe coinvote nea rievazione, rispetto a queo ottenibie con un campione casuae sempice i pari numerosità in termini i aunni. Con quest utimo tipo i campionamento, infatti, potrebbero essere, anche, coinvote tutte e scuoe ea popoazione risutano, inotre, moto variabie i numero i aunni campione per ciascuna scuoa estratta. I secono vantaggio riguara a possibiità i seezionare i campione aa ista aggiornata egi iscritti isponibie presso ciascuna scuoa campione ove non fosse isponibie una ista centraizzata e aggiornata i tutti gi aunni ea popoazione. Atro eemento fonamentae i cui si è tenuto conto nea progettazione e isegno è stato queo reativo a obiettivo i prourre stime regionai ei parametri i interesse a fine i poter effettuare confronti tra e performance meie rievate nee iverse regioni. I principai omini i stima sono costituiti ae regioni esseno, quini, inicata con a generica i esse. Ciò ha comportato aozione i un isegno stratificato per regione in cui a numerosità campionaria regionae, in termini i aunni e scuoe, è stata efinita in moo a tenere sotto controo gi errori i campionamento attesi ee stime ei parametri i interesse a iveo regionae. Atre variabii i stratificazione utiizzate, non egate aa necessità i tenere conto ei omini i stima, che consentono i riurre a variabiità campionaria ee stime a parità i numerosità sono: a tipoogia i scuoa, secono a cassificazione statae e non statae e ampiezza ea scuoa espressa in termini i numero i aunni iscritti. In particoare, gi strati i base sono stati costruiti incrociano e 20 regioni geografiche con a tipoogia i scuoa, secono a cassificazione statae o non statae. Una vota suivise e scuoe negi strati i base sono state, poi, uteriormente stratificate per ampiezza ea scuoa. Vae a pena osservare che, per quanto riguara a variabie ampiezza, poiché inagine si riferisce sia agi aunni i secona che a quei i quinta eementare e esseno necessario, per ovvi motivi i costo, seezionare un campione i scuoe unico su quae svogere e prove sia per a secona che per a quinta eementare, ampiezza i ciascuna scuoa è stata efinita come meia egi aunni iscritti aa secona e i quei iscritti aa quinta eementare Caratteristiche generai e isegno In questo paragrafo si iustra i isegno i campionamento riferito a ciascuno strato i base T

7 (=,,L). In proposito, occorre osservare che ogni strato i base T (=,,L) è comune a più omini i stuio; a esempio, o strato i base formato ae scuoe eementari statai ea regione Lazio fa parte sia ea regione Lazio che e intero territorio nazionae. Conseguentemente, non è possibie aottare un istinto isegno i campionamento per ogni ominio, in quanto per ogni strato i base T si avrebbero tanti isegni i campionamento quanti sono i omini che o contengono; è necessario pertanto che i isegno i campionamento venga efinito per ogni strato i base. Le principai caratteristiche metooogiche e isegno campionario riferito a ciascuno strato i base T T (=,,L) sono: stratificazione ee scuoe in funzione ea soa imensione, espressa in termini i aunni iscritti; suivisione ee scuoe nei ue insiemi: AR (scuoe Auto Rappresentative), che incue e scuoe a cui popoazione è uguae o superiore a una prefissata sogia ν ; NAR (scuoe Non Auto Rappresentative), che comprene e scuoe a cui popoazione è inferiore aa suetta sogia; ciascuna scuoa AR costituisce strato a sé stante; e scuoe e insieme NAR sono suivise in strati i imensione approssimativamente costante, in termini i ampiezza (meia aunni i secona e quinta), opo essere state orinate secono una grauatoria ecrescente in funzione e ampiezza ee stesse; i isegno i campionamento inerente a insieme AR è e tipo a uno staio stratificato, in cui e unità primarie coinciono con e unità finai i campionamento, ossia gi aunni i secona e quei i quinta eementare; i isegno i campionamento reativo a insieme NAR è e tipo a ue stai stratificato; e unità primarie sono e scuoe, mentre e unità seconarie sono gi aunni; seezione, senza reimmissione, i un numero costante, m = m, i scuoe campione in ogni h strato h ( h =,..., NAR H ) e insieme NAR; assegnazione i un numero minimo, n, i aunni a intervistare in ciascuna scuoa campione; aocazione e campione i aunni tra gi strati in moo a rispettare a conizione i auto ponerazione;

8 Le ragioni che sottenono a sceta i questa particoare forma i isegno i campionamento sono eterminate: - a esierio i aumentare i iveo i precisione ee stime, attraverso a suivisione ee scuoe in AR e NAR; - a esigenza i conseguire vantaggi a punto i vista organizzativo e economico, attraverso a seezione i scuoe (grappoi i aunni); - a necessità operativa i seezionare un numero, n, approssimativamente costante i aunni per e scuoe meio piccoe appartenenti a insieme NAR e un numero i aunni maggiore uguae i n per e scuoe più grani, appartenenti a insieme AR Proceura i formazione e campione La proceura i formazione e campione consta i ue fasi. La prima fase riguara a efinizione ee numerosità campionarie e in particoare ee quantità m, n e e numero compessivo, n, i aunni a seezionare per ciascuno strato i base T (=,,L) attraverso criteri che tengono conto sia i aspetti economici e operativi che i fattori egati a efficienza attesa ee stime; nea secona fase, aveno efinito i vaori ee suette quantità è possibie attuare i isegno i campionamento, così come escritto ne preceente paragrafo, ne ambito i ciascuna strato i base T (=,,L). Occorre sottoineare che i processo che conuce aa efinizione ee quantità m, n e n è compesso in quanto a moifica i una i esse ha iverse impicazioni anche sue atre. Per una migiore comprensione e intera proceura i formazione e campione si è ritenuto utie escrivere innanzitutto a secona fase. Prima i passare a successivo paragrafo occorre rievare che ne isegno i campionamento aottato e quantità campionarie n e n si riferiscono inifferentemente a campione i aunni ea secona eementare o a queo ea quinta eementare.

9 3.4. Formazione e campione per ciascuno strato i base Definite e quantità m, n e n (sua base ea proceura che verrà escritta ne successivo paragrafo 3.5) con riferimento a ciascuno egi strati i base T (=,,L), si passa a attuazione e isegno, in ciascuno strato i base, meiante e seguenti fasi operative: (a) cacoo ea sogia ν (=,,L) sua base ea reazione n ν =, (2) f in cui f n / N, esseno N i numero i aunni appartenenti ao strato i base T. Si ritiene = utie precisare che utiizzo ea (2) per i cacoo ea sogia garantisce, appicano a conizione i auto ponerazione formaizzata ne successivo punto (e), per ciascuna scuoa e insieme AR una numerosità campionaria, in termini i aunni, uguae o superiore a (b) suivisione ee M scuoe i T (=,,L) negi insiemi AR e NAR; (c) orinamento ee scuoe NAR secono una grauatoria ecrescente basata su ampiezza ee stesse; n ; () suivisione ee scuoe NAR in strati aventi ampiezza (approssimativamente) costante in termini i aunni iscritti, esseno N = N h ( h =,..., nar H ) N = m ν ; (e) attribuzione a ciascuna scuoa AR e numero, n h, i aunni campione espresso a n = N f h =,..., ), h h ( ar H esseno i numero compessivo i strati e insieme AR e N i numero i aunni neo ar H strato h. Si ritiene utie sottoineare che ne caso ee scuoe AR, in cui ciascuna scuoa c fa strato h a se stante, si ha n, N e a preceente reazione può essere, anche, riscritta come h n hc h N hc Data a necessità i seezionare un unico campione i scuoe sia per e prove i secona che per quee i quinta e quantità che efiniscono ampiezza i scuoa e i strato sono ottenute come meia e numero egi aunni iscritti aa secona e aa quinta eementare.

10 n = N hc hc f (f) seezione, senza reimmissione 2, a ciascuno strato h ( h =,..., nar H ) i m scuoe campione, attribueno aa c-esima c =,..., M ) scuoa eo strato una probabiità i seezione variabie, ( h espressa a Z = N / hc hc Nh ; (g) attribuzione a ciascuna scuoa campione NAR e numero n hc i aunni a seezionare, ato a N f h n hc = ( c,..., m ; h =,..., nar H ) m =. Teneno conto ea proceura i formazione egi strati, sopra escritta, si rieva che per gi strati (e quini scuoe) AR si ha nhc n. La preceente isuguagianza è irettamente egata aa isuguagianza tra e corrisponenti quantità i popoazione: N N ; per gi strati NAR si ha, hc invece, n n ; hc (h) estrazione e campione i aunni, ae scuoe e insieme AR e a quee e insieme NAR, a cui numerosità è stata efinita nee fasi preceenti. Per i campione in oggetto si è utiizzato i metoo i seezione Bernoui sequenziae che consiste ne generare, per ciascuna unità ea popoazione, un numero casuae aa istribuzione uniforme ne intervao (0,); formata poi una grauatoria crescente o ecrescente ee unità ea popoazione in base ai suetti numeri si seezionano e prime nhc unità ea grauatoria. Questo metoo assegna a ciascun aunno ea generica scuoa campione c eo strato h appartenente ao strato i base probabiità i seezione uguai e pari a n hc / N hc ; 3.5. Definizione ee quantità necessarie aa formazione e campione per ciascuno strato i base Fissati gi errori i campionamento ammessi δ ( ) ee stime ei parametri θ (b=,,b; b θ λ λ =,..., Λ ; =,,D), per a formazione e campione a iveo egi L strati i base è necessario 2 Per 'estrazione ee scuoe si ricorre aa proceura i seezione sistematica, suggerita a Maow (949) e Murthy (967), che presenta e seguenti caratteristiche: (i) assegna una probabiità i incusione espressa nea forma π hc = m Zhc ; (ii) a sua impementazione è estremamente sempice; (iii) conuce a ottenimento i stime generamente più efficienti rispetto a quee ottenibii con atre proceure i seezione (Cicchitei et a., 997; Fabbris, 99).

11 efinire e quantità m, n e n (=,,L), in moo tae che gi errori i campionamento attesi soisfino i vincoi δ ( b θ λ ) prefissati. I processo per conseguire tae risutato parte aa eterminazione ee quantità m, n sia in base a consierazioni i tipo operativo che i efficienza campionaria. Una vota che sono stati fissati i vaori ee quantità m, n per a efinizione ee numerosità campionarie aocazione mutivariata. n (=,,L) si aotta una proceura iterativa basata su una metooogia i La sceta i n si basa sia su criteri i tipo operativo che egati a efficienza campionaria ee stime. Esiste, infatti, un trae off tra e necessità i tipo operativo, per e quai i vaore i n ovrebbe essere i più eevato possibie, e esigenze, egate a efficienza ee stime, che spingono verso a sceta i un vaore i più basso possibie i tae quantità. Ovviamente viene presceto un vaore intermeio efinito in base a un compromesso tra e opposte esigenze. Più precisamente, a iminuire i n cresce i numero i unità primarie (e scuoe) campione, anche se aumenta, generamente, efficienza campionaria ee stime. Per contro a crescere i n si riuce, generamente, efficienza campionaria ee stime anche se iminuisce i numero i unità primarie coinvote nea rievazione. La concentrazione ea rievazione in poche unità primarie, comporta, ovviamente, notevoi vantaggi a punto i vista operativo e ei costi anche se un numero troppo eevato i aunni campione in ciascuna scuoa potrebbe eterminare una ifficotà i organizzazione ea rievazione nee scuoe. Per a efinizione e numero i unità primarie campione per strato, m, si aotta, in genere, i criterio i scegiere tae quantità più piccoa possibie. Infatti, teneno conto i quanto escritto a preceente punto (), a sceta i m = è a più opportuna a punto i vista e efficienza ee stime, poiché porta aa costruzione i un maggior numero i strati e quini a un migiore effetto ea stratificazione i primo staio. Tuttavia in tae caso occorre coassare gi strati (generamente a coppie) nea fase i stima ea varianza campionaria, poiché non è possibie cacoare a varianza in base a un'unica unità primaria campione.

12 Una vota prefissate e numerosità m, n si utiizza una proceura iterativa che arriva aa eterminazione ee numerosità n (=,,L), meiante appicazione ea metooogia i aocazione mutivariata, muti ominio, per isegni compessi proposta ne avoro i Faorsi S. e Russo A (2003). Questa tecnica generaizza - a caso ei isegni i campionamento a più stai e i più omini i stima - i metoo suggerito a Bethe (989) finaizzato aa eterminazione ea imensione ottimae in un ottica mutivariata, reativamente a caso i un isegno a uno staio stratificato e i un soo ominio i stuio. Più precisamente a metooogia aottata parte a efinire e numerosità campionarie n (=,,L) per ciascuno strato i base T sotto ipotesi, non reaistica, i aver aottato un campionamento casuae sempice i aunni in ciascuno strato i base T. A partire a questa souzione iniziae e scuoe appartenenti a ciascuno strato i base vengono ripartite negi insiemi AR e NAR e si cacoa una stima e effetto e isegno i campionamento, o eff, per ciascuna stima presa in consierazione ne processo i aocazione. A tae proposito vae a pena ricorare che i eff è una statistica frequentemente utiizzata nee inagini campionarie su arga scaa sia ex-ante, nea fase i progettazione e isegno i campionamento (per tenere conto, ne cacoo egi errori attesi e ne processo i aocazione ea numerosità campionaria, e infazione o efazione ea varianza ovuta a particoare isegno i campionamento consierato), sia ex-post, nea fase i anaisi i efficienza e isegno aottato (per effettuare vautazioni su efficienza e isegno i un campionamento aottato e operare eventuamente ee correzioni in successive eizioni e inagine). Tae statistica, come è noto, è misurata a rapporto tra a varianza e isegno i campionamento compesso utiizzato rispetto aa varianza i un ipotetico isegno i campionamento casuae sempice, i pari numerosità in termini i unità finai, a quea aottata ne isegno compesso. Pertanto se i eff è minore i uno, i piano campionario aottato prouce un migioramento i efficienza rispetto a quea ottenibie meiante un isegno i campionamento casuae sempice; ciò generamente avviene per i isegni i campionamento stratificati, nea misura in cui e variabii i

13 stratificazione sono egate aa variabie i interesse. Se, invece, i eff è maggior i uno ciò inica un peggioramento i efficienza e isegno compesso rispetto a isegno i riferimento; ciò avviene moto spesso per i isegni custerizzati, anche in presenza i una stratificazione ee unità primarie. Per i isegno sopra escritto, appicato ae scuoe, in cui sono stati cacoati i eff per i iversi strati i base necessari per effettuare aocazione e campione si sono osservati, infatti, reativamente ai iversi strati i base eff minori i uno ne insieme AR e eff maggiori i uno per insieme NAR. I eff compessivi ottenuti consierano contemporaneamente parte AR e NAR sono risutati compessivamente maggiori i uno per a maggior parte egi strati i base. Da quanto etto si evince che nea prima iterazione e processo i aocazione i eff è posto pari a uno, poiché è effettuata sotto ipotesi i campionamento casuae sempice. Dopo a prima iterazione, e varianze ee stime vengono motipicate per i corrisponenti eff, e i processo i aocazione viene iterato un certo numero i vote fino a quano non si raggiunge una stabiità nee numerosità campionarie n (=,,L) assegnate ai iversi strati i base. I processo preceente può essere schematizzato per passi come i seguito iustrato. () eterminazione ee numerosità n (=,,L), meiante appicazione ea metooogia i aocazione mutivariata, muti ominio, per isegni compessi; (2) appicazione ea fase (a) e par. 3.4; (3) appicazione ea fase (b) e par. 3.4 e nuovo cacoo ei eff ee stime consierate ne processo i aocazione; (4) ricacoo ee numerosità n (=,,L), meiante appicazione ea metooogia suetta; (5) reiterazione e passo (2), sua base ei risutati ottenuti in (4); (6) reiterazione e passo (3) sua base ei risutati conseguiti in (5); (7) reiterazione ei passi (4), (5) e (6) fino a quano e numerosità n (=,,L) non si stabiizzano tra un iterazione e a successiva.

14 Una vota efinite e numerosità n (=,,L), si può proceere aa formazione e campione T ne ambito i ciascuna area territoriae, attraverso e fasi già escritte ne par Disegno reaizzato Ne isegno i campionamento reaizzato per inagine si è efinito per tutte e regioni un vaore i n pari a 23 per e scuoe statai e pari a 8 per e scuoe non statai. Preiminarmente è stato necessario eiminare aa ista i campionamento, contenente tutte e scuoe ea popoazione, e scuoe a cui ampiezza (cacoata come meia egi aunni i secona e i quinta) fosse inferiore ai vaori prefissati per n ; eventuae seezione ne campione i tai scuoe avrebbe, infatti, eterminato una cauta ea numerosità campionaria prefissata in termini i aunni. La ista i campionamento ottenuta opo tae operazione mantiene, comunque, una buona copertura rispetto aa popoazione oggetto i inagine; si hanno, infatti, coperture e 99.8% e 99.06% rispettivamente per gi aunni i secona e i quinta eementare. Per a efinizione e numero i scuoe campione per strato si è aottata a sceta m =2 che è quea che conuce aa stratificazione più fine possibie pur manteneno a possibiità i stimare a varianza campionaria senza a necessità i over coassare gi strati. Per eterminare e numerosità campionarie n meiante i processo i aocazione mutivariata sopra escritto, sono state prese in consierazione e stime ei parametri b2 θ,..., bλ θ, che esprimono e frequenze reative percentuai i aunni compresi tra ue quantii ea istribuzione ei punteggi. Non sono state consierate, invece, e stime ei parametri b θ, punteggi mei, in quanto esse sono caratterizzate a errori i campionamento moto bassi sia a iveo nazionae che regionae. In particoare sono stati consierati ue vaori tipici ee stime i frequenza reativa percentuae, pari a 5% a iveo nazionae e a 0% a iveo regionae. Per a stima a iveo nazionae è stato fissato un vincoo su errore reativo percentuae e 5,2% mentre per e stime regionai tae vincoo è stato posto pari a 9.6%.

15 Otre agi errori campionari ee stime che hanno guiato i processo i aocazione, sono stati vautati gi errori i campionamento reativi percentuai attesi per un insieme i stime e tipo b2 θ,..., bλ θ esunte in base a informazioni raccote in una preceente inagine esaustiva eo stesso tipo rivota agi aunni ee secone e quarte eementari. Le variabii consierate sono riassunte ne prospetto i seguito riportato. Prospetto - Schema ee variabii consierate per i cacoo egi errori attesi Variabii Quantii Casse Anno Prova Y-Y3 < 25, 50, >75 II Itaiano Y4-Y8 <0, 25, 50, 75, >75 II Matematica Y9-Y4 <0, 25, 50, 75, 90, >90 IV Itaiano Y5-Y20 <0, 25, 50, 75, 90, >90, IV Matematica Y2-Y25 <0, 25, 50, 75, >75 II Itaiano Y26-Y30 <0, 25, 50, 75, >75 II Matematica Y3-Y35 <0, 25, 50, 75, >75 IV Itaiano Y36-Y4 <0, 25, 50, 75, 90, >90 IV Matematica Aa preceente ista si evono aggiungere e variabii Y42, Y43 e Y44. Le variabii Y43 e Y44 si riferiscono ae percentuai che hanno guiato i processo i aocazione mutivariata. A Y43 corrispone una frequenza reativa percentuae e 5% e un massimo errore reativo percentuae ammesso a iveo nazionae inferiore a 5,2%, invece a Y44 corrispone una frequenza reativa percentuae e 0% e un massimo errore reativo percentuae ammesso a iveo regionae inferiore a 9.6%. Infine a Y42 corrispone una frequenza reativa percentuae e % senza vincoi sugi errori ammessi come ne caso ee variabii Y-Y4 esunte ai ati reai. Nea tabea sono riportati i vaori minimi, mei e massimi ea istribuzione egi errori reativi percentuai ottenuta per ciascuna variabie Y-Y44 e per ciascun tipo i ominio: Intero territorio nazionae (DOM); Regioni geografiche (DOM2); Tipoogia i scuoa: statae /non statae (DOM3); Regione incrociata con a

16 tipoogia i scuoa (DOM4). Come si evince aa tabea, in reazione aa variabie Y44 gi errori reativi percentuai per i ominio regionae (DOM2) sono compresi tra un minimo e % e un massimo e % con un vaore meio e 9.424% in conformità a vincoo e 9.6% ammesso su errore reativo percentuae. Per quanto riguara, invece a variabie Y43 i vaore minimo, meio e massimo e errore a iveo nazionae (DOM) ovviamente coinciono e sono pari a 5.99 anche in questo caso in conformità a vincoo imposto nea fase i aocazione. Da anaisi generae ea tabea si osserva che e variabii Y-Y4 presentano errori più che accettabii sia a iveo nazionae che a iveo regionae e anche a iveo i tipoogia i scuoa. Invece e stime a iveo e incrocio regione per a tipoogia i scuoa presentano errori estremamente eevati, pertanto, una stima attenibie a tae iveo i isaggregazione potrebbe essere ottenuta soamente meiante stimatori iniretti per piccoe aree che prenono forza ae aree circostanti. Invece per i omini DOM, DOM2 e DOM3 si possono utiizzare tranquiamente i più robusti stimatori iretti. Tabea - Vaori minimo, meio, e massimo, egi errori reativi percentuai per variabie e tipo i ominio: DOM intero territorio nazionae; DOM2 regioni geografiche; DOM3 tipoogia i scuoa: statae /non statae; DOM4 regione x tipoogia i scuoa. Dominio Min. Me. Max. Variabie Y DOM DOM DOM DOM Variabie Y2 DOM DOM DOM DOM

17 Dominio Min. Me. Max. Variabie Y3 DOM DOM DOM DOM Variabie Y4 DOM DOM DOM DOM Variabie Y5 DOM DOM DOM DOM Variabie Y6 DOM DOM DOM DOM Variabie Y7 DOM DOM DOM DOM Variabie Y8 DOM DOM DOM DOM Variabie Y9 DOM DOM DOM DOM Variabie Y0 DOM DOM DOM DOM Variabie Y DOM DOM DOM DOM Variabie Y2 DOM DOM DOM DOM

18 Dominio Min. Me. Max. Variabie Y3 DOM DOM DOM DOM Variabie Y4 DOM DOM DOM DOM Variabie Y5 DOM DOM DOM DOM Variabie Y6 DOM DOM DOM DOM Variabie Y7 DOM DOM DOM DOM Variabie Y8 DOM DOM DOM DOM Variabie Y9 DOM DOM DOM DOM Variabie Y20 DOM DOM DOM DOM Variabie Y2 DOM DOM DOM DOM

19 Dominio Min. Me. Max. Variabie Y22 DOM DOM DOM DOM Variabie Y23 DOM DOM DOM DOM Variabie Y24 DOM DOM DOM DOM Variabie Y25 DOM DOM DOM DOM Variabie Y26 DOM DOM DOM DOM Variabie Y27 DOM DOM DOM DOM Variabie Y28 DOM DOM DOM DOM Variabie Y29 DOM DOM DOM DOM Variabie Y30 DOM DOM DOM DOM Variabie Y3 DOM DOM DOM DOM

20 Dominio Min. Me. Max. Variabie Y32 DOM DOM DOM DOM Variabie Y33 DOM DOM DOM DOM Variabie Y34 DOM DOM DOM DOM Variabie Y35 DOM DOM DOM DOM Variabie Y36 DOM DOM DOM DOM Variabie Y37 DOM DOM DOM DOM Variabie Y38 DOM DOM DOM DOM Variabie Y39 DOM DOM DOM DOM Variabie Y40 DOM DOM DOM DOM

STRATEGIA DI CAMPIONAMENTO E VALUTAZIONE DEGLI ERRORI CAMPIONARI 1

STRATEGIA DI CAMPIONAMENTO E VALUTAZIONE DEGLI ERRORI CAMPIONARI 1 INDAGINE MULTISCOPO SULLA SICUREZZA DELLE DONNE STRATEGIA DI CAMPIONAMENTO E VALUTAZIONE DEGLI ERRORI CAMPIONARI - INTRODUZIONE La popolazione i interesse ell inagine è costituita alle onne i età compresa

Dettagli

Nota metodologica. Strategia di campionamento e livello di precisione dei risultati dell indagine Multiscopo Aspetti della vita quotidiana

Nota metodologica. Strategia di campionamento e livello di precisione dei risultati dell indagine Multiscopo Aspetti della vita quotidiana Nota metoologica I ati vengono raccolti nell ambito ell inagine campionaria sulle famiglie Aspetti ella vita quotiiana, ce fa parte i un sistema integrato i inagini sociali (Inagini Multiscopo) e è volta

Dettagli

PIANO DI LAVORO. docente: Lancellotti Canio. classe: 5^ A IGEA. disciplina: ECONOMIA AZIENDALE. consegnato in data: 11 dicembre 2012

PIANO DI LAVORO. docente: Lancellotti Canio. classe: 5^ A IGEA. disciplina: ECONOMIA AZIENDALE. consegnato in data: 11 dicembre 2012 ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO STATALE DI SAN DANIELE DEL FRIULI Istituto Statae d Istruzione Superiore Vincenzo Manzini di San Daniee de Friui Piazza IV Novembre 33038 SAN DANIELE DEL FRIULI (prov. di Udine)

Dettagli

RSU ELEZIONI DEL 3-4-5 MARZO 2015 BREVI NOTE SULLA CONTRATTAZIONE D ISTITUTO

RSU ELEZIONI DEL 3-4-5 MARZO 2015 BREVI NOTE SULLA CONTRATTAZIONE D ISTITUTO RSU ELEZIONI DEL 3-4-5 MARZO 2015 BREVI NOTE SULLA CONTRATTAZIONE D ISTITUTO RSU eezioni de 3-4-5 marzo 2015 3 Caendario e tempistica dee procedure eettorai e termine per e adesioni 13 gennaio 2015 annuncio

Dettagli

Un mondo di vantaggi. Un offerta personalizzata. Là dove i Papi vanno in vacanza CREVALMAGAZINE SOCIOINCREVAL TECNOLOGIA PER IL CLIENTE

Un mondo di vantaggi. Un offerta personalizzata. Là dove i Papi vanno in vacanza CREVALMAGAZINE SOCIOINCREVAL TECNOLOGIA PER IL CLIENTE ECONOMIA CULTURA SOLIDARIETÀ TERRITORIO SPORT PLEIADI N 62 - Semestrae - Aprie 2013 CREVALMAGAZINE SOCIOINCREVAL Un mondo di vantaggi TECNOLOGIA PER IL CLIENTE Un offerta personaizzata CASTELLI ROMANI

Dettagli

Giovani e NEET in Europa: primi risultati

Giovani e NEET in Europa: primi risultati Fondazione europea per i migioramento dee condizioni di vita e di avoro Giovani e NEET in Europa: primi risutati > Sintesi < Se i giovani non hanno sempre ragione, a società che i ignora e i emargina ha

Dettagli

Sistemi di fissaggio Knauf 07/2011. Sistemi di fissagio Knauf. Fissaggio semplice di carichi perpendicolari

Sistemi di fissaggio Knauf 07/2011. Sistemi di fissagio Knauf. Fissaggio semplice di carichi perpendicolari Sistemi i fissaggio Knauf 07/2011 Sistemi i fissagio Knauf Fissaggio sempice i carichi perpenicoari Cucine Forster Sistemi i fissaggio Knauf quari e scaffai Questo opuscoo iustra come fissare iversi carichi

Dettagli

Insiemi e funzioni CAPITOLO 1 1. GLI INSIEMI CON DERIVE. Come creare un insieme

Insiemi e funzioni CAPITOLO 1 1. GLI INSIEMI CON DERIVE. Come creare un insieme CAPITOLO 1 Insiemi e funzioni 1. GLI INSIEMI CON DERIVE Come creare un insieme I modo piuá sempice per creare un insieme con Derive eá queo di eencare i suoi eementi racchiudendoi a'interno di una coppia

Dettagli

Risoluzione di travature reticolari iperstatiche col metodo delle forze. Complemento alla lezione 43/50: Il metodo delle forze II

Risoluzione di travature reticolari iperstatiche col metodo delle forze. Complemento alla lezione 43/50: Il metodo delle forze II Risouzione di travature reticoari iperstatiche co metodo dee forze ompemento aa ezione 3/50: I metodo dee forze II sercizio. er a travatura reticoare sotto riportata, determinare gi sforzo nee aste che

Dettagli

Ricerca Aviva sui comportamenti dei consumatori

Ricerca Aviva sui comportamenti dei consumatori Ricerca Aviva sui comportamenti dei consumatori Contenuto 1. Prefazione di Amanda Mackenzie OBE,Direttore Marketing e Comunicazione, Aviva pc. (p3) 2. Principai evidenze (p4) 3. CAS 2004 - uno sguardo

Dettagli

PIANO ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE anno scolastico 2014-15

PIANO ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE anno scolastico 2014-15 PIANO ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE anno scoastico 2014-15 CORSO: DOCENTE COORDINATORE: DOCENTE SOSTEGNO: ASSISTENTE FISICA: 8 9 10 11 12 14 15 16 17 1. ORARIO DEFINITIVO DELLA CLASSE(in giao:orario

Dettagli

strumenti Strumenti e tecniche di Business Intelligence per valutare l attendibilità delle stime campionarie di indagini complesse

strumenti Strumenti e tecniche di Business Intelligence per valutare l attendibilità delle stime campionarie di indagini complesse ISSN 2037-2582 5 Strumenti e tecniche i Business Intelligence per valutare l attenibilità elle stime campionarie i inagini complesse Strumento i ricerca a cura i Alessanro Martini strumenti L Istituto

Dettagli

www.osram.it/lampadeled La luce LED incontra le tue esigenze Scopri la nuova gamma delle lampade LED OSRAM La luce è OSRAM

www.osram.it/lampadeled La luce LED incontra le tue esigenze Scopri la nuova gamma delle lampade LED OSRAM La luce è OSRAM www.osram.it/ampaee La uce LED incontra e tue esigenze Scopri a nuova gamma ee ampae LED OSRAM La uce è OSRAM Lampae LED OSRAM Innovazione & tren Una nuova gamma i prootti: tutti i vantaggi concreti ea

Dettagli

LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE SUI LAVORI ELETTRICI SOTTO TENSIONE

LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE SUI LAVORI ELETTRICI SOTTO TENSIONE LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE SUI LAVORI ELETTRICI SOTTO TENSIONE di Fausto Di Tosto dipartimento Certificazione e Conformità dei Prodotti e Impianti INAIL, ex ISPESL Osservatorio a cura de Ufficio Reazioni

Dettagli

La bonifica dei siti contaminati è un tema sul quale, da diversi anni, si confrontano soggetti

La bonifica dei siti contaminati è un tema sul quale, da diversi anni, si confrontano soggetti Tra i tanti, acque di fada e terre e rocce, MISE e Conferenza dei Servizi Bonifiche in siti produttivi: quai gi aspetti più critici? La bonifica dei siti contaminati è un tema su quae, da diversi anni,

Dettagli

IMPRESAPERTA IIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII

IMPRESAPERTA IIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII IMPRESAPERTA IIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII Un modo migiore di avorare, attraverso un coinvogimento che iberi energie, capacità e potenziaità per a crescita dea motivazione, dea partecipazione e dea

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA: LE NOVITÀ PER IL DATORE DI LAVORO SUGLI IMPIANTI E SULLE APPARECCHIATURE

SICUREZZA ELETTRICA: LE NOVITÀ PER IL DATORE DI LAVORO SUGLI IMPIANTI E SULLE APPARECCHIATURE Focus TU Articoo SICUREZZA ELETTRICA: LE NOVITÀ PER IL DATORE DI LAVORO SUGLI IMPIANTI E SULLE APPARECCHIATURE di Fausto Di Tosto, primo tecnoogo, Sezione Impianti e apparecchiature eettriche - ISPESL

Dettagli

ALLEGATO SUB B) ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 64 DEL 11.07.20ll SCHEDE DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE

ALLEGATO SUB B) ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 64 DEL 11.07.20ll SCHEDE DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE ALLEGATO SUB B) ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 64 DEL 11.07.20 SCHEDE DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE VALUTAZIONE ANNO DIPENDENTE: CATEGORIA: B (amministrativo)

Dettagli

Costi del ciclo di vita (LCC) dei sistemi di pompaggio per le acque reflue

Costi del ciclo di vita (LCC) dei sistemi di pompaggio per le acque reflue WHITE PAPER Costi de cico di vita (LCC) dei sistemi di pompaggio per e acque refue Giugno 215. Costi de cico di vita (LCC) dei sistemi di pompaggio per e acque refue Questo white paper si prefigge o scopo

Dettagli

Contenuti. Espresso 1 8. Espresso 2 23. Prefazione 4. Indice delle attività 6. Materiale fotocopiabile 37. Soluzioni 91

Contenuti. Espresso 1 8. Espresso 2 23. Prefazione 4. Indice delle attività 6. Materiale fotocopiabile 37. Soluzioni 91 Contenuti Prefazione 4 Indice dee attività 6 Espresso 1 8 Espresso 2 23 Materiae fotocopiabie 37 Souzioni 91 3 Prefazione Le attività presentate in questo voume offrono agi insegnanti nuovi spunti per

Dettagli

Le pensioni dal 1 gennaio 2014

Le pensioni dal 1 gennaio 2014 Argomento A cura deo Spi-Cgi de Emiia-Romagna n. 1 gennaio 2014 Le pensioni da 1 gennaio 2014 Perequazione automatica 2014 pensioni, assegni e indennità civii assistenziai importo aggiuntivo per anno 2013

Dettagli

OTTAVIO SERRA. Consentirà anche di collegarci ai temi di informatica e di sperimentare sul campo questioni relative alla propagazione degli errori.

OTTAVIO SERRA. Consentirà anche di collegarci ai temi di informatica e di sperimentare sul campo questioni relative alla propagazione degli errori. OTTAVIO SERRA GEOMETRIA PROBABILITA INFORMATICA Reazione tenuta nea Saa consiiare de Comune di Diamante i 7 giugno 000 Ne ambito de Convegno su L insegnamento dea matematica:quae, Perché, Come Organizzato

Dettagli

La probabilitaá CAPITOLO 1. Obiettivi MATEMATICA E REALTAÁ. definire e calcolare un valore di probabilitaá

La probabilitaá CAPITOLO 1. Obiettivi MATEMATICA E REALTAÁ. definire e calcolare un valore di probabilitaá CAPITOLO La probabiitaá Obiettivi definire e cacoare un vaore di probabiitaá appicare i teoremi su cacoo dee probabiitaá : ± probabiitaá contraria ± probabiitaá totae ± probabiitaá composta comprendere

Dettagli

BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO. Standard Internazionali di Valutazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) calcolo dei prezzi marginali

BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO. Standard Internazionali di Valutazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) calcolo dei prezzi marginali BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO Standard Internazionai di Vautazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) cacoo dei prezzi marginai Docente: geom. Antonio Eero CORSO PRATICANTI 205 I PREZZI MARGINALI I prezzo

Dettagli

Il rimborso dei prestiti

Il rimborso dei prestiti I rimborso dei prestiti Obiettivi individuare e caratteristiche dei diversi tipi di rimborso saper stendere un piano di ammortamento saper cacoare a rata di un ammortamento comprendere e caratteristiche

Dettagli

Sistemi di gestione per la qualità UNI EN ISO 9001. (edizione 2015)

Sistemi di gestione per la qualità UNI EN ISO 9001. (edizione 2015) Sistemi di gestione per a quaità UNI EN ISO 9001 (edizione 2015) 1 4) CONTESTO DELL'ORGANIZZAZIONE 4.1 Comprendere 'organizzazione e i suo contesto L'organizzazione deve determinare i fattori esterni ed

Dettagli

FAX Canon B230C FAX Canon B210C. Suite FAX Canon Versione 3.10 Manuale per l utente

FAX Canon B230C FAX Canon B210C. Suite FAX Canon Versione 3.10 Manuale per l utente FAX Canon B230C FAX Canon B210C Suite FAX Canon Versione 3.10 Manuae per utente Copyright 1999 Canon, Inc. Tutti i diritti riservati. Non è consentito riprodurre i presente manuae in acuna forma, competa

Dettagli

5. Limiti di funzione.

5. Limiti di funzione. Istituzioni di Matematiche - Appunti per e ezioni - Anno Accademico / 6 5. Limiti di funzione. 5.. Funzioni imitate. Una funzione y = f(x) definita in un intervao [ a b] imitata superiormente in tae intervao

Dettagli

r i =. 100 In generale faremo riferimento al tasso unitario.

r i =. 100 In generale faremo riferimento al tasso unitario. . Operazioni finanziarie Si efinisce operazione finanziaria (O.F.) ogni operazione relativa a impegni monetari e si efinisce operazione finanziaria elementare uno scambio, tra ue iniviui, i capitali iversi.

Dettagli

Lexmark Print Management

Lexmark Print Management Lexmark Print Management Ottimizzate a stampa in rete e create un vantaggio informativo con una souzione di gestione dee stampe che potrete impementare in sede o attraverso coud. Riascio stampe sicuro

Dettagli

Isolamento termico. Gamma di prodotti basso emissivi Pilkington. Pilkington K Glass Pilkington Optitherm

Isolamento termico. Gamma di prodotti basso emissivi Pilkington. Pilkington K Glass Pilkington Optitherm Isoamento termico Gamma di prodotti basso emissivi Pikington Pikington K Gass Pikington Optitherm Pikington Optitherm S3 Introduzione a vetro basso emissivo I vetro è uno dei materiai da costruzione più

Dettagli

Isolamento termico. Gamma di prodotti basso emissivi Pilkington. Pilkington K Glass Pilkington Optitherm

Isolamento termico. Gamma di prodotti basso emissivi Pilkington. Pilkington K Glass Pilkington Optitherm Isoamento termico Gamma di prodotti basso emissivi Pikington Pikington K Gass Pikington Optitherm Pikington Optitherm S3 Introduzione a vetro basso emissivo I vetro è uno dei materiai da costruzione più

Dettagli

SEGMENTAZIONE DELLE IMMAGINI

SEGMENTAZIONE DELLE IMMAGINI EGMENTAZIONE DELLE IMMAGINI Introduzione Generamente una immagine contiene diversi oggetti presenti nea scena. Per esempio, in una cea robotizzata di assembaggio, i sistema di visione acuisisce automaticamente

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI

INFORMAZIONI GENERALI INFORMAZIONI GENERALI SEDE Ergife Paace Hote Roma Via Aureia, 619-00165 ROMA Come raggiungere a sede IN AEREO: Da Aeroporto Internazionae Leonardo da Vinci di Fiumicino a km.25 taxi treno Fiumicino/Roma

Dettagli

Per far risolvere un'equazione a Derive basta scriverne il testo nella finestra di Algebra e poi usare il comando

Per far risolvere un'equazione a Derive basta scriverne il testo nella finestra di Algebra e poi usare il comando CAPITOLO Le equazioni. LE EQUAZIONI CON DERIVE Per far risovere un'equazione a Derive basta scriverne i testo nea finestra di Agebra e poi usare i comando Risovi/Espressione oppure usare 'icona corrispondente.

Dettagli

Domande e risposte inerenti il cambio di piano della Cassa pensione Novartis

Domande e risposte inerenti il cambio di piano della Cassa pensione Novartis CASSA PENSIONE NOvArtIS basiea, giugno 2010 Domande e risposte inerenti i cambio di piano dea Cassa pensione Novartis 1 Domande generai... 3 1.01 Quai sono e differenze principai tra i primato di prestazioni

Dettagli

74 Quadro RF. Unico 2009 Società di capitali ed enti commerciali

74 Quadro RF. Unico 2009 Società di capitali ed enti commerciali 74 Per i beni mobii registrati, con costo ammortizzabie ai fini fiscai in un periodo non inferiore a dieci anni, a cui utiizzazione richieda un equipaggio di ameno sei persone, quaora siano concessi in

Dettagli

Strumenti e metodi di misura topografici. Teodolite

Strumenti e metodi di misura topografici. Teodolite Strumenti e metoi i misura topografici Teooite Definiione operativa i angoo aimutae e angoo enitae: ati tre punti O, e ea superficie terrestre; angoo aimutae fra e misurato in O è angoo formato tra i piano

Dettagli

Fare riferimento ad ambienti confinati e sospetti di inquinamento vuol dire contemplare una

Fare riferimento ad ambienti confinati e sospetti di inquinamento vuol dire contemplare una Articoo In arrivo una nuova norma per a quaificazione dee imprese Le procedure di avoro per garantire a sicurezza negi ambienti confinati Fare riferimento ad ambienti confinati e sospetti di inquinamento

Dettagli

J yy > Jxx. l o H A R A R B

J yy > Jxx. l o H A R A R B oitecnico di Torino I cedimento di una struttura soggetta a carichi statici può avvenire in acuni casi con un meccanismo diverso da queo di superamento dei imiti di resistena de materiae. Tae meccanismo

Dettagli

IL SISTEMA DEI PREZZI DI LEON WALRAS

IL SISTEMA DEI PREZZI DI LEON WALRAS IL SISTEMA DEI PREZZI DI LEON WALRAS E L EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Sommario: 1. Introuzione 2. Il sistema ei prezzi i Walras e l equilibrio economico generale 3. Le contraizioni implicite nel sistema

Dettagli

Le imprese agrituristiche e gli alberghi diffusi per la competitività della Destinazione Italia

Le imprese agrituristiche e gli alberghi diffusi per la competitività della Destinazione Italia Le imprese agrituristiche e gi aberghi diffusi per a competitività dea Destinazione Itaia MARCO VALERI Sintesi de avoro Obiettivi Obiettivo de avoro è evidenziare i ruoo di formue di business ricettivo

Dettagli

Lexmark OfficeEdge Stampanti e dispositivi MFP professionali a colori

Lexmark OfficeEdge Stampanti e dispositivi MFP professionali a colori Lexmark OfficeEdge Stampanti e dispositivi MFP professionai a coori La nuova generazione dea stampa aziendae. La serie OfficeEdge è una nuova categoria di dispositivi progettata con componenti professionai

Dettagli

Il Preposto. Stress da lavoro correlato, gestanti, sicurezza negli uffici. Materiale didattico per la formazione dei Preposti

Il Preposto. Stress da lavoro correlato, gestanti, sicurezza negli uffici. Materiale didattico per la formazione dei Preposti Materiae didattico per a formazione dei Preposti I Preposto Stress da avoro correato, gestanti, sicurezza negi uffici Cutura dea sicurezza patrimonio comune de mondo de avoro: impresa, avoratori e parti

Dettagli

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER IL PERSONALE DELL ISTITUTO BANCARIO SAN PAOLO DI TORINO

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER IL PERSONALE DELL ISTITUTO BANCARIO SAN PAOLO DI TORINO Newsetter n.7 - (1/2014) CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER IL PERSONALE DELL ISTITUTO BANCARIO SAN PAOLO DI TORINO presente numero dea newsetter dea Cassa iustra una rapida situazione de andamento de

Dettagli

Guida all uso 3283. Cenni su questo manuale. Indice. Guida generale. Indicazione dell ora. Cronometro MO1106-IA

Guida all uso 3283. Cenni su questo manuale. Indice. Guida generale. Indicazione dell ora. Cronometro MO1106-IA MO1106-IA Guida a uso 3283 Cenni su questo manuae (Luce) A seconda de modeo di oroogio, a visuaizzazione de testo appare sotto forma di caratteri scuri su sfondo chiaro o sotto forma di caratteri chiari

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO 1tEGIONiì CAABR ~~~."fscoastico Regionae ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLE DELL'INFANZIA, PRIMARIE, SECONDARIE DI 1 GRADO DI AMENDOLARA, ORIOLO E ROSETO CAPO SPULICO Via Roma, 1-87071- AMENDOLARA (CS) I PROT.

Dettagli

Le grandi imprese. nascono da piccole opportunita...

Le grandi imprese. nascono da piccole opportunita... Le grandi imprese nascono da piccoe opportunita... CHI SIAMO Direzione Lavoro è una Società speciaizzata in Ricerca & Seezione, Formazione e Gestione Risorse Umane. Nasce da unione di un gruppo di professionisti

Dettagli

Guida alle applicazioni ESF Lexmark

Guida alle applicazioni ESF Lexmark Guida ae appicazioni ESF Lexmark Aiutate i vostri cienti a sfruttare a massimo e stampanti e e mutifunzione Lexmark abiitate per e souzioni Le appicazioni Lexmark sono state progettate per consentire ae

Dettagli

Guida alla gestione d'impresa. Governare un'impresa

Guida alla gestione d'impresa. Governare un'impresa Guida aa gestione d'impresa Governare un'impresa Edizione 2010 Copyright 2010 Berardino & Partners S.r.. Via Morosini 19 10128 Torino Diritti di riproduzione, con quasiasi mezzo, concessi aa Camera di

Dettagli

SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI

SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI La sicurezza ne azienda agricoa e nei cantieri forestai Le opportunità per i dottori agronomi e forestai SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI Prof. Danio MONARCA Art. 26 Obbighi connessi ai contratti

Dettagli

La redazione del primo bilancio d esercizio successivo alla trasformazione di una società di persone in società di capitali di Fabio Giommoni *

La redazione del primo bilancio d esercizio successivo alla trasformazione di una società di persone in società di capitali di Fabio Giommoni * La reazione el primo bilancio esercizio successivo alla trasformazione i una società i persone in società i capitali i Fabio Giommoni * La reazione el bilancio esercizio a parte i una società i capitali

Dettagli

PostDoc Diario di viaggio. Supporto per insegnanti

PostDoc Diario di viaggio. Supporto per insegnanti PostDoc Diario di viaggio Supporto per insegnanti Diario di viaggio Supporto per insegnanti 0 / 201 Indice 1 Panoramica de offerta 1.1 Contesto e obiettivi 1.2 Gruppi target e d interesse 1. Panoramica

Dettagli

Introduzione alla spettroscopia. Spettroscopia infrarossa e spettrometria di massa

Introduzione alla spettroscopia. Spettroscopia infrarossa e spettrometria di massa 12 12 Introduzione aa spettroscopia. Spettroscopia infrarossa e spettrometria di massa Neo studiare a chimica organica, abbiamo finora dato per scontato che, quando si isoa da una reazione un composto

Dettagli

PesaroS.r.l. LISTINO PREZZI CATALOGO TECNICO

PesaroS.r.l. LISTINO PREZZI CATALOGO TECNICO PesaroS.r.. LISTINO PREZZI CATALOGO TECNICO 2014 Gentie Ciente, La Buoneria Pesaro S.r.. è ieta di mettere a Vostra disposizione edizione riveduta e aggiornata de Cataogo/Listino generae dei nostri prodotti.

Dettagli

Cap. 8 Sistemi di controllo

Cap. 8 Sistemi di controllo Cap. 8 Sistemi i controllo Come già etto, in generale, un sistema è solo potenzialmente in grao i soisfare gli obiettivi per i quali è stato costruito, e cioè i comportarsi nella maniera esierata. Per

Dettagli

Provincia di Pistoia Economato, Provveditorato e Patrimonio Mobiliare

Provincia di Pistoia Economato, Provveditorato e Patrimonio Mobiliare Provincia di Pistoia Economato, Provveditorato e Patrimonio Mobiiare Convenzione fra 'Amministrazione provinciae di Pistoia e a PROD. 84 di Pistoia (PT) ai sensi de'art. 5 Legge 381191 e S. di puizia dei

Dettagli

PesaroS.r.l. LISTINO PREZZI CATALOGO TECNICO

PesaroS.r.l. LISTINO PREZZI CATALOGO TECNICO PesaroS.r.. LISTINO PREZZI CATALOGO TECNICO 2014 Gentie Ciente, La Buoneria Pesaro S.r.. è ieta di mettere a Vostra disposizione edizione riveduta e aggiornata de Cataogo/Listino generae dei nostri prodotti.

Dettagli

Si ringrazia Giorgio Tosato per l aiuto fornito nella stesura finale e nella correzione dei testi.

Si ringrazia Giorgio Tosato per l aiuto fornito nella stesura finale e nella correzione dei testi. A09 4 Si ringrazia Giorgio Tosato per aiuto fornito nea stesura finae e nea correzione dei testi. Tecnoogia dei Materiai e Chimica Appicata Esercizi svoti ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r..

Dettagli

Interazione tra forze verticali e longitudinali: effetti anti 5.5 aggiornato 19-11-2013

Interazione tra forze verticali e longitudinali: effetti anti 5.5 aggiornato 19-11-2013 Interazione tra forze verticai e ongitudinai: effetti anti 5.5 aggiornato 19-11-2013 Ne piano frontae si studia interazione tra forze verticai Fz e forze aterai Fy sviuppate a iveo de impronta a terra.

Dettagli

La solarità nelle varie zone italiane per il fotovoltaico

La solarità nelle varie zone italiane per il fotovoltaico Energia e Ambiente La soarità nee varie zone itaiane per i fotovotaico Modena 5 marzo 2008 Gianni Leanza Energia e Ambiente QUANTA ENERGIA ARRIVA DAL SOLE? Da Soe, si iberano enormi quantità di energia

Dettagli

Children in Crisis Italy

Children in Crisis Italy Chidren in Crisis Itay Istruzione per i bambini piu indifesi a mondo Chidren in Crisis Itay è un associazione non profit (Onus), fondata in Itaia ne 1999 ed originariamente ne Regno Unito ne 1993, per

Dettagli

Diodi: Complementi e applicazioni

Diodi: Complementi e applicazioni SOMMO - MMUNTÀ DSTU N UN GUNZONE PN... Esempio 1 :... - DSTUZONE D UN GUNZONE PE ECCESSO D O PE ECCESSO D V... - CONNESSONE N PEO D DUE DOD... Esempio :...3 - CONNESSONE N SEE D DUE O PÙ DOD...3 Esempio

Dettagli

Tributi, accertamento e giurisprudenza tributaria

Tributi, accertamento e giurisprudenza tributaria Tributi, accertamento e giurispruenza tributaria Riflessi fiscali ella copertura elle perite nelle società in accomanita semplice i Fabio Giommoni * La copertura elle perite elle società in accomanita

Dettagli

La Carta della statistica pubblica svizzera

La Carta della statistica pubblica svizzera La Carta dea statistica pubbica svizzera Fritz Faser, Ufficio di statistica de Canton Argovia La Carta I frontaieri I 24 maggio 2002 a Conferenza svizzera degi uffici regionai di statistica (CORSTAT) ha

Dettagli

Atto costitutivo dell'associazione di volontariato

Atto costitutivo dell'associazione di volontariato Esente da imposte di boo e registro ex artt. 6-8 Legge 266/1991. Atto costitutivo de'associazione di voontariato ART. 1 - È costituita fra i suddetti comparenti 'associazione di voontariato costituita

Dettagli

Tributi, accertamento e giurisprudenza tributaria

Tributi, accertamento e giurisprudenza tributaria La liquiazione mortis causa ella quota sociale agli erei i un socio i società i persone i Fabio Giommoni * La morte i un socio i società i persone impone generalmente la liquiazione ella quota agli erei.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna Direzione Generale Ufficio 4

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna Direzione Generale Ufficio 4 Ministero de struzione, de Università e dea Ricerca Ufficio Scoastico Regionae per a Sardegna Direzione Generae Ufficio 4 AOODRSA.REG.UFF. prot. n. 7373 Cagiari, 9 maggio 206 Ai Dirigenti Scoastici Direzioni

Dettagli

D.M. 23 LUGLIO 2009 E ASCENSORI: PIÙ SICUREZZA PER LE INSTALLAZIONI ANTE D.P.R. N. 162/1999

D.M. 23 LUGLIO 2009 E ASCENSORI: PIÙ SICUREZZA PER LE INSTALLAZIONI ANTE D.P.R. N. 162/1999 D.M. 23 LUGLIO 2009 E ASCENSORI: PIÙ SICUREZZA PER LE INSTALLAZIONI ANTE D.P.R. N. 162/1999 di Laura Tomassini Dipartimento Tecnoogie di Sicurezza ISPESL Osservatorio a cura de Ufficio Reazioni con i Pubbico

Dettagli

ENERGYMETER MID U1281/U1289/U1381/U1387/U1389 Contatori elettronici di energia attiva e reattiva

ENERGYMETER MID U1281/U1289/U1381/U1387/U1389 Contatori elettronici di energia attiva e reattiva 3-349-617-10 10/12.14 Contatore di energia eettrica per sistemi a 2, 3, 4 fii con inserzione diretta 65 A o tramite TA 1 A, 5 A Casse di accuratezza B per uso industriae e commerciae nonché per esigenze

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE N. 8258

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE N. 8258 PROVINCIA DI ASTI VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE N. 8258 OGGETTO APPROVAZIONE REGOLAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE 20/62 L anno duemiasei i giorno trenta de

Dettagli

SEZIONE 1 INTRODUZIONE

SEZIONE 1 INTRODUZIONE SEZIONE 1 INTRODUZIONE Sezione 1 INTRODUZIONE Gi argomenti trattati in questa sezione sono Veicoi commerciai Cassi, autorizzazioni e imitazioni dea patente di guida per uso commerciae Requisiti per a patente

Dettagli

Gestione economico aziendale

Gestione economico aziendale Gestione economico azienale La ue iligence nelle operazioni straorinarie: funzione, tipologie e moalità i esecuzione i Massimo Buongiorno e Marco Capra Il presente lavoro vuole tracciare un quaro introuttivo,

Dettagli

COMUNE DI SPINO D ADDA LISTA PROGETTO PER SPINO PAOLO RICCABONI SINDACO PAOLO RICCABONI SINDACO. ELEZIONI COMUNALI 15/16 Maggio 2011

COMUNE DI SPINO D ADDA LISTA PROGETTO PER SPINO PAOLO RICCABONI SINDACO PAOLO RICCABONI SINDACO. ELEZIONI COMUNALI 15/16 Maggio 2011 COMUNE DI SPINO D ADDA ELEZIONI COMUNALI 15/16 Maggio 2011 LISTA PROGETTO PER SPINO Disponibiità a servizio Metteremo i singoi cittadini e a coettività a primo posto quai destinatari de nostro avoro. Tutti

Dettagli

PROVE DI RESISTENZA A TORSIONE PROVE DI RESILIENZA CHARPY PROVE DI RESISTENZA A TAGLIO SCHEDA DI APPROFONDIMENTO. Prove di laboratorio

PROVE DI RESISTENZA A TORSIONE PROVE DI RESILIENZA CHARPY PROVE DI RESISTENZA A TAGLIO SCHEDA DI APPROFONDIMENTO. Prove di laboratorio SCHEDA DI APPROONDIMENTO Prove i laoratorio PROVE DI RESISTENZA A TRAZIONE Le prove i resistenza a trazione sono essenziali per valutare le caratteristiche fonamentali e il comportamento el materiale sia

Dettagli

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO 5 Premettiamo una Definizione: si chiama atto i moto i un sistema materiale in un ato istante t, l insieme elle velocità i tutti i punti el sistema all istante t. E errato parlare

Dettagli

U.N.I.T.A.L.S.I. REGOLAMENTO GENERALE REGOLAMENTO ELETTORALE

U.N.I.T.A.L.S.I. REGOLAMENTO GENERALE REGOLAMENTO ELETTORALE U.N.I.T.A.L.S.I. Unione Nazionae Itaiana Trasporto Ammaati a Lourdes e Santuari Internazionai REGOLAMENTO GENERALE * * * * REGOLAMENTO ELETTORALE * * * * SECONDA EDIZIONE INDICE GENERALE PREFAZIONE ALLA

Dettagli

Pilkington Optilam Pilkington Optiphon Linee guida per l utilizzo

Pilkington Optilam Pilkington Optiphon Linee guida per l utilizzo Pikington Optiam Pikington Optiphon Linee guida per utiizzo Pikington Optiam Pikington Optiphon Introduzione I vetro stratificato è prodotto assembando due o più astre di vetro foat con uno o più intercaari.

Dettagli

Ponteggi e ancoraggi: quali tecniche utilizzare per il montaggio e l uso?

Ponteggi e ancoraggi: quali tecniche utilizzare per il montaggio e l uso? Articoo Sicurezza in cantiere. La posa de parapetto è effettuata da basso verso ato Ponteggi e ancoraggi: quai tecniche utiizzare per i montaggio e uso? I comparto ponteggi ne ambito de ediizia riveste

Dettagli

Emissione imposte di circolazione e di navigazione 2012

Emissione imposte di circolazione e di navigazione 2012 Sezione dea circoazione, Camorino 1 Emissione imposte di circoazione e di navigazione 2012 L importo totae fatturato per anno 2012 è di: Frs. 120'788'224.-- Così suddiviso: imposte di circoazione Frs.

Dettagli

Sicurezza dei pazienti e Gestione del Rischio clinico: la Qualità dell assistenza farmaceutica

Sicurezza dei pazienti e Gestione del Rischio clinico: la Qualità dell assistenza farmaceutica Ministero dea Saute Federazione Ordini Farmacisti Itaiani (FOFI) Società Itaiana di Farmacia Ospedaiera e dei Servizi farmaceutici dee Aziende sanitarie (SIFO) Sicurezza dei pazienti e Gestione de Rischio

Dettagli

Buccinasco 28/05/2014

Buccinasco 28/05/2014 Prot. N. AoU.t ou s:4kj) /2dtr Buccinasco 28/05/2014 ORDINANZA SINDACALE N.1Q_/2014 Oggetto: Ordinanza Sindacae per a prevenzione dei fenomeni aergizzanti correati aa diffusione dea ianta "Ambrosia artemisiifoia"

Dettagli

Prof. M. Giampietro Dott.sa M. Ballesio Dott. I. Bertini. Dott. E.Paolini. Tirrenia, 09/12/2011

Prof. M. Giampietro Dott.sa M. Ballesio Dott. I. Bertini. Dott. E.Paolini. Tirrenia, 09/12/2011 Prof. M. Giampietro Dott.sa M. Baesio Dott. I. Bertini Dott sa E.Ebner Dott.sa E Ebner Dott. E.Paoini Tirrenia, 09/12/2011 Med Sci Sports Exerc. 2009 Mar; 41(3):709Ǧ31 JADA. 2009 Mar; 109 (3): 509Ǧ527.

Dettagli

Concorso di Ammssione al XIX ciclo di Dottorato in Fisica - Busta n. 1

Concorso di Ammssione al XIX ciclo di Dottorato in Fisica - Busta n. 1 Concorso di Ammssione a XIX cico di Dottorato in Fisica - Busta n. 1 Icandidato svoga unoasceta dei temi erisova unoasceta dei probemi. Temi 1) Approssimazione semicassica in meccanica quantistica. Principi

Dettagli

Formule specifiche per la determinazione dellavviamento nei trasferimenti dazienda di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre

Formule specifiche per la determinazione dellavviamento nei trasferimenti dazienda di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Formule specifiche per la eterminazione ellavviamento nei trasferimenti aziena i Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Lavviamento ha sempre costituito una fonte i controversie tra orientamento giurispruenziale,

Dettagli

Gestione economico-aziendale

Gestione economico-aziendale La valutazione i un aziena nell ipotesi i un acquisizione: un caso i applicazione el metoo ei multipli i Massimo Buongiorno * e Marco Capra ** Il presente lavoro illustra un incarico svolto nell interesse

Dettagli

Lexmark Solutions Platform: soluzioni software

Lexmark Solutions Platform: soluzioni software Lexmark Soutions Patform Lexmark Soutions Patform: souzioni software Lexmark Soutions Patform è i framework d appicazione creato e sviuppato da Lexmark per fornire efficienti e accessibii souzioni software

Dettagli

Adempimenti e procedure

Adempimenti e procedure Aempimenti e proceure Fusioni i società: semplificazioni e aempimenti pratici i Roberto Moro Visconti * Il D.Lgs. n.123/12 (in G.U. n.180 el 3 agosto 2012) ha previsto una serie i semplificazioni proceurali

Dettagli

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 8. Rimini, 7 ottobre 2014. Il mercato dei titoli

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 8. Rimini, 7 ottobre 2014. Il mercato dei titoli Macroeconomia Laura Vici laura.vici@unibo.it www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 8 Rimini, 7 ottobre 2014 Macroeconomia 158 Il mercato ei titoli Sul mercato ei titoli si etermina il prezzo ei titoli

Dettagli

RPE X - HPE X 5 17 Refrigeratori e pompe di calore aria/acqua con ventilatori assiali

RPE X - HPE X 5 17 Refrigeratori e pompe di calore aria/acqua con ventilatori assiali RPE X HPE X 5 7 Caratteristiche tecniche e costruttive mod. RPE X 5 HPE X 5 mod. RPE X 0 HPE X 0 GS ECOLOGICO FUNZIONE UTODTTIV SCMITORE PISTRE VENTILTORI SSILI MONOFSE 5 8,5 MONO E TRIFSE 0 7 LT EFFICIENZ

Dettagli

Criteri di dimensionamento per cilindri e servocilindri

Criteri di dimensionamento per cilindri e servocilindri www.atos.com Tabella -2/I Criteri i imensionamento per cilinri e servocilinri SWC Cyliners esigner SWC è un ottimo software per la progettazione veloce e efficace ei Cilinri e Servocilinri Atos, isponibile

Dettagli

tni. 1994-2002 Costituzione istituto A. Cleopatra - -' Istituto di formazione professionale aut. Reg. Campania LR. 19/87 1

tni. 1994-2002 Costituzione istituto A. Cleopatra - -' Istituto di formazione professionale aut. Reg. Campania LR. 19/87 1 Curricuum Vitae : Europass i! Informazioni personai ; Nome(i) Cognome(i) ; Antonio Ceopatra ndirizzo(i)! -Pomigiano darco Na!-..:=-- Teefono(i) i~ Ceuare i_.swii-.._. E-mai i "p L 1: &Hbffi Qiìijit Codice

Dettagli

LA LEADERSHIP ARCHETIPALE. Pagina 5. Pagina 7. Pagina 3. Consulenza Formazione Coaching. Numero 2 - Marzo/Aprile 2013

LA LEADERSHIP ARCHETIPALE. Pagina 5. Pagina 7. Pagina 3. Consulenza Formazione Coaching. Numero 2 - Marzo/Aprile 2013 Pioe Numero 2 - Marzo/Aprie 2013 Consuenza Formazione Coaching LA LEADERSHIP ARCHETIPALE Quae è a distinzione tra un eader e un manager? Leader si nasce o si diventa? I tema dea eadership da sempre affascina

Dettagli

Elementi di modellazione e programmazione di contenuti digitali

Elementi di modellazione e programmazione di contenuti digitali Eementi di modeazione e programmazione di contenuti digitai Corso di Laurea Magistrae in Metodoogie informatiche per e discipine umanistiche Ing. Michea Paoucci Department of Systems and Informatics University

Dettagli

FASCICOLO 1. fondazione CENTRO DI ORIENTAMENTO Alessandria

FASCICOLO 1. fondazione CENTRO DI ORIENTAMENTO Alessandria FASCICOLO 1 fondazione CENTRO DI ORIENTAMENTO Aessandria INDICE Introduzione Capitoo I. I bambino nea scuoa eementare 1. Che cosa avviene su piano fisico-motorio? 2. Come si sviuppano inteigenza e i pensiero?

Dettagli

G278 AVVISO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE

G278 AVVISO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE -~ ' UNIVERSITÀ AREA AFFARI GENERAU mtuzionali E LEGAU Ufficio Ediizia Universitaria e Contratti prot SòeaA dei cd?;\ o:t..wx::. G278 AVVISO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ART, -OGGETTO, 1. L'Università

Dettagli

Algebra 1. laboratorio e complementi MARZIA RE FRASCHINI - GABRIELLA GRAZZI

Algebra 1. laboratorio e complementi MARZIA RE FRASCHINI - GABRIELLA GRAZZI MARZIA RE FRASCHINI - GABRIELLA GRAZZI Agebra aboratorio e compementi ISBN 978-88-68-559-6 Edizione 4 5 6 7 8 9 0 00 0 0 0 04 Direzione Editoriae: Roberto Invernici Redazione: Domenico Gesmundo, Mario

Dettagli

PROVINCIA DI SALERNO ASSESSORATO ALLE POLITICHE AMBIENTALI

PROVINCIA DI SALERNO ASSESSORATO ALLE POLITICHE AMBIENTALI Relazione Valutazione ell apporto solio ei principali corsi acqua el golfo i Salerno Consulenti e collaboratori: Prof. Eugenio Pugliese Carratelli Prof. Enrico Foti (Univ. Catania) Prof. Vittorio Bovolin

Dettagli

Le molle. M. Guagliano

Le molle. M. Guagliano Le molle M. Guagliano Introuzione Le molle sono organi meccanici che hanno la proprietà i eformarsi molto sotto carico, ma rimaneno nel campo elastico el materiale i cui sono costituite, ovvero non accumulano

Dettagli