Stefano Falorsi. di seconda e quinta elementare rispettivamente di numerosità e N. I test somministrati alle

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Stefano Falorsi. di seconda e quinta elementare rispettivamente di numerosità e N. I test somministrati alle"

Transcript

1

2

3 Nota metooogica sua strategia i campionamento e sistema nazionae i vautazione ee competenze per e cassi secona e quinta e primo cico ea scuoa primaria Stefano Faorsi. Obiettivi I Sistema Nazionae i Vautazione (SNV) oggetto ea presente nota è parte integrante e più ampio sistema i vautazione ee competenze afabetiche e numeriche egi stuenti ea scuoa primaria e seconaria conotto a INVALSI. Si tratta, a tutti gi effetti, i una rievazione statistica sugi stuenti ea scuoa primaria i primo grao, ee cassi secona e quinta, ai quai viene somministrato un insieme integrato i prove o items, i itaiano e matematica, efiniti in moo a essere comparabii tra tutti gi Stati appartenenti aa Comunità Europea. Nee eizioni passate, svote nei preceenti anni, e prove venivano somministrate irettamente a personae ocente ee scuoe stesse, tuttavia per eizione i quest anno si è ritenuto necessario renere migiore a quaità ei ati raccoti stanarizzano i più possibie e moaità i somministrazione ee prove. Ciò ovrebbe, tra atro, permettere una maggiore comparabiità ei risutati tra scuoa e scuoa e, anche, tra ifferenti sottopopoazioni i tipo territoriae oppure reative aa tipoogia i scuoa. Si è eciso, pertanto, i far somministrare e prove a personae quaificato, esterno aa scuoa, che avesse i compito i iustrare agi stuenti e iverse prove effettuano, anche, a ovuta azione i controo. I punteggi normaizzati riportati agi stuenti per i iversi items costituiscono, quini, e variabii i interesse oggetto i rievazione; in particoare a normaizzazione ei punteggi consiste ne iviere, per ciascuna prova, i punteggio assouto assegnato ao stuente per i vaore massimo ottenibie per a suetta prova in moo a arrivare a un vaore compreso tra zero e uno. La popoazione i interesse ossia insieme ee unità statistiche intorno ae quai si intene investigare è costituita agi stuenti i secona e quinta eementare iscritti ne anno scoastico Più precisamente si tratta i ue istinte popoazioni i interesse costituite agi aunni N2 5 i secona e quinta eementare rispettivamente i numerosità e N. I test somministrati ae cassi secone, costituiscono, una vautazione sua preparazione in entrata mentre quei reativi agi aunni i quinta consentono una vautazione sua preparazione raggiunta agi stessi aa concusione e primo cico i istruzione primaria. Per ciascuna ee ue popoazioni i interesse a partire a punteggio assegnato a ciascuno stuente, per ogni prova, si efiniscono, infine, egi inici sintetici ea istribuzione aggregano opportunamente i punteggi per tutte e unità ea popoazione. Gi inici più importanti sono a meia ei punteggi normaizzati e i numero i stuenti che si trovano compresi tra i vari percentii

4 (generamente i quartii) ea istribuzione efiniti a iveo nazionae su tutta a popoazione i interesse. Tai quantità costituiscono quini i parametri i interesse oggetto i stima. I omini i stima, ossia e sottopopoazioni con riferimento ae quai si vogiono prourre e stime ei parametri i interesse, a fine i poter effettuare ei confronti tra e iverse sottopopoazioni, sono costituite ae regioni geografiche, ae ripartizioni geografiche e a intero territorio nazionae. A tae proposito occorre aggiungere che inagine ha, anche, a finaità seconaria i prourre stime - i più possibie attenibii anche se ne rispetto i imiti i spesa accettabii - ei parametri i interesse riferiti a ciascuna ee scuoe campione. 2. Parametri i interesse Si consieri a generica prova, enotata con inice b (per b=,,b), costituita a un insieme i quesiti oggetto i vautazione finaizzati a vautare a preparazione e aunno su una eterminata materia. Per ogni prova b e per ciascuna ee ue popoazioni i riferimento (aunni i secona e i quinta eementare) si inichi con: λ inice reativo a tipo i parametro oggetto i stima ( λ =,..., Λ) ; y i vaore ea variabie i interesse y osservato su aunno i appartenente a i ominio i stima (=,, D); i parametro i interesse e tipo λ riferito a ominio b θ λ ne ambito ea prova b. I principai omini i stima consierati a inagine sono costituiti ae regioni geografiche, pertanto, ne seguito a meno che non venga appositamente specificato per i generico ominio i stima si intenerà a regione. Ciò premesso, i seguito si espicita a natura statistica e a corrisponente forma funzionae ei parametri i interesse per ciascun tipo i parametro λ ( λ =,..., Λ). In particoare i parametri i interesse sono a meia ei punteggi normaizzati e a frequenza reativa i aunni compresi tra ue quantii ea istribuzione ei punteggi. I iversi parametri consierati, per ciascuna prova b (b=,,b) e per ogni ominio i stima (=,,D), sono esprimibii meiante a seguente forma funzionae θ = N N i= y i () in cui i enota i generico aunno (i secona o i quinta a variare ea popoazione investigata), N è a numerosità ea corrisponente popoazione i stuenti ( N = per gi aunni i secona e N II,

5 N = per gi aunni i quinta) e ominio i stima e y è i vaore ea variabie i N V, b λ i interesse, riferita aa prova b e a tipo i parametro λ, osservata sua i esima unità e ominio. I iversi parametri consierati si ifferenziano in base aa efinizione ea variabie y i. Ne caso ea meia, inicata con i simboo, a variabie i interesse b θ i b i y y è costituita a punteggio normaizzato assegnato a i-esimo stuente. Quano si consierano, invece, e frequenze reative, inicate con i simboi b2 θ,..., bλ θ, si hanno Λ variabii strumentai, inicate come b2 y i,..., bλ y i esseno a generica i esse una variabie icotomica pari a se unità i è compresa tra ue specifici quantii, (Q k- -- Q k ) (k=0,,k) ove si è inicato con Q min e Q max rispettivamente i vaore minimo e queo massimo ea istribuzione ei punteggi. I caso più frequente ne inagine in esame è queo in cui i quantii presi in esame coinciono con i quartii e e reative cassi sono quini (Q min -- Q ), (Q -- Q 2 ), (Q 2 -- Q 3 ) e (Q 3 -- Q max ). Pertanto inica e unità comprese entro i primo quartie b y 2 i e.. così via fino a b y i 4 che è a variabie inicatrice reativa ae unità che superano i terzo quartie ea istribuzione. Quano si consierano i quartii i numero i parametri a stimare per ciascun ominio e per intero territorio nazionae è pari a Λ B. 4 B mentre più in generae tae quantità è pari a 3. Disegno i campionamento 3.. Premessa Le rievazioni conotte negi anni preceenti preveevano a somministrazione ee prove a parte ei ocenti ee scuoe stesse; tae circostanza che eterminava un costo moto basso ea rievazione, a fronte i ati non sempre comparabii e i buona quaità, consentiva i conurre un inagine esaustiva su tutti gi aunni ea popoazione i interesse. I passaggio a utiizzazione i personae quaificato esterno aa scuoa, se a un ato comporta un quaità più ata ei ati raccoti a atra introuce costi notevomente maggiori, anche egati aa necessità i viaggiare per raggiungere e scuoe interessate aa rievazione. Per e suette ragioni si è resa necessaria a seezione i ue campioni casuai i aunni, rispettivamente appartenenti ae cassi secona e quinta eementare. Inotre, per riurre i costi i viaggio e i organizzazione ea rievazione su campo e quini migiorare efficienza ee stime a parità i costi oppure riurre i

6 costi a parità i efficienza campionaria - è stato necessario aottare un campionamento compesso a più stai i seezione in cui a primo staio viene estratto un campione i scuoe. Per ovvi motivi i costi e praticabiità operativa, è stato seezionato i meesimo campione i scuoe sia per a secona che per a quinta eementare. I isegno i campionamento aottato consente ottenimento i ue vantaggi. I primo consiste nea possibiità i riurre e tenere sotto controo i numero ee scuoe coinvote nea rievazione, rispetto a queo ottenibie con un campione casuae sempice i pari numerosità in termini i aunni. Con quest utimo tipo i campionamento, infatti, potrebbero essere, anche, coinvote tutte e scuoe ea popoazione risutano, inotre, moto variabie i numero i aunni campione per ciascuna scuoa estratta. I secono vantaggio riguara a possibiità i seezionare i campione aa ista aggiornata egi iscritti isponibie presso ciascuna scuoa campione ove non fosse isponibie una ista centraizzata e aggiornata i tutti gi aunni ea popoazione. Atro eemento fonamentae i cui si è tenuto conto nea progettazione e isegno è stato queo reativo a obiettivo i prourre stime regionai ei parametri i interesse a fine i poter effettuare confronti tra e performance meie rievate nee iverse regioni. I principai omini i stima sono costituiti ae regioni esseno, quini, inicata con a generica i esse. Ciò ha comportato aozione i un isegno stratificato per regione in cui a numerosità campionaria regionae, in termini i aunni e scuoe, è stata efinita in moo a tenere sotto controo gi errori i campionamento attesi ee stime ei parametri i interesse a iveo regionae. Atre variabii i stratificazione utiizzate, non egate aa necessità i tenere conto ei omini i stima, che consentono i riurre a variabiità campionaria ee stime a parità i numerosità sono: a tipoogia i scuoa, secono a cassificazione statae e non statae e ampiezza ea scuoa espressa in termini i numero i aunni iscritti. In particoare, gi strati i base sono stati costruiti incrociano e 20 regioni geografiche con a tipoogia i scuoa, secono a cassificazione statae o non statae. Una vota suivise e scuoe negi strati i base sono state, poi, uteriormente stratificate per ampiezza ea scuoa. Vae a pena osservare che, per quanto riguara a variabie ampiezza, poiché inagine si riferisce sia agi aunni i secona che a quei i quinta eementare e esseno necessario, per ovvi motivi i costo, seezionare un campione i scuoe unico su quae svogere e prove sia per a secona che per a quinta eementare, ampiezza i ciascuna scuoa è stata efinita come meia egi aunni iscritti aa secona e i quei iscritti aa quinta eementare Caratteristiche generai e isegno In questo paragrafo si iustra i isegno i campionamento riferito a ciascuno strato i base T

7 (=,,L). In proposito, occorre osservare che ogni strato i base T (=,,L) è comune a più omini i stuio; a esempio, o strato i base formato ae scuoe eementari statai ea regione Lazio fa parte sia ea regione Lazio che e intero territorio nazionae. Conseguentemente, non è possibie aottare un istinto isegno i campionamento per ogni ominio, in quanto per ogni strato i base T si avrebbero tanti isegni i campionamento quanti sono i omini che o contengono; è necessario pertanto che i isegno i campionamento venga efinito per ogni strato i base. Le principai caratteristiche metooogiche e isegno campionario riferito a ciascuno strato i base T T (=,,L) sono: stratificazione ee scuoe in funzione ea soa imensione, espressa in termini i aunni iscritti; suivisione ee scuoe nei ue insiemi: AR (scuoe Auto Rappresentative), che incue e scuoe a cui popoazione è uguae o superiore a una prefissata sogia ν ; NAR (scuoe Non Auto Rappresentative), che comprene e scuoe a cui popoazione è inferiore aa suetta sogia; ciascuna scuoa AR costituisce strato a sé stante; e scuoe e insieme NAR sono suivise in strati i imensione approssimativamente costante, in termini i ampiezza (meia aunni i secona e quinta), opo essere state orinate secono una grauatoria ecrescente in funzione e ampiezza ee stesse; i isegno i campionamento inerente a insieme AR è e tipo a uno staio stratificato, in cui e unità primarie coinciono con e unità finai i campionamento, ossia gi aunni i secona e quei i quinta eementare; i isegno i campionamento reativo a insieme NAR è e tipo a ue stai stratificato; e unità primarie sono e scuoe, mentre e unità seconarie sono gi aunni; seezione, senza reimmissione, i un numero costante, m = m, i scuoe campione in ogni h strato h ( h =,..., NAR H ) e insieme NAR; assegnazione i un numero minimo, n, i aunni a intervistare in ciascuna scuoa campione; aocazione e campione i aunni tra gi strati in moo a rispettare a conizione i auto ponerazione;

8 Le ragioni che sottenono a sceta i questa particoare forma i isegno i campionamento sono eterminate: - a esierio i aumentare i iveo i precisione ee stime, attraverso a suivisione ee scuoe in AR e NAR; - a esigenza i conseguire vantaggi a punto i vista organizzativo e economico, attraverso a seezione i scuoe (grappoi i aunni); - a necessità operativa i seezionare un numero, n, approssimativamente costante i aunni per e scuoe meio piccoe appartenenti a insieme NAR e un numero i aunni maggiore uguae i n per e scuoe più grani, appartenenti a insieme AR Proceura i formazione e campione La proceura i formazione e campione consta i ue fasi. La prima fase riguara a efinizione ee numerosità campionarie e in particoare ee quantità m, n e e numero compessivo, n, i aunni a seezionare per ciascuno strato i base T (=,,L) attraverso criteri che tengono conto sia i aspetti economici e operativi che i fattori egati a efficienza attesa ee stime; nea secona fase, aveno efinito i vaori ee suette quantità è possibie attuare i isegno i campionamento, così come escritto ne preceente paragrafo, ne ambito i ciascuna strato i base T (=,,L). Occorre sottoineare che i processo che conuce aa efinizione ee quantità m, n e n è compesso in quanto a moifica i una i esse ha iverse impicazioni anche sue atre. Per una migiore comprensione e intera proceura i formazione e campione si è ritenuto utie escrivere innanzitutto a secona fase. Prima i passare a successivo paragrafo occorre rievare che ne isegno i campionamento aottato e quantità campionarie n e n si riferiscono inifferentemente a campione i aunni ea secona eementare o a queo ea quinta eementare.

9 3.4. Formazione e campione per ciascuno strato i base Definite e quantità m, n e n (sua base ea proceura che verrà escritta ne successivo paragrafo 3.5) con riferimento a ciascuno egi strati i base T (=,,L), si passa a attuazione e isegno, in ciascuno strato i base, meiante e seguenti fasi operative: (a) cacoo ea sogia ν (=,,L) sua base ea reazione n ν =, (2) f in cui f n / N, esseno N i numero i aunni appartenenti ao strato i base T. Si ritiene = utie precisare che utiizzo ea (2) per i cacoo ea sogia garantisce, appicano a conizione i auto ponerazione formaizzata ne successivo punto (e), per ciascuna scuoa e insieme AR una numerosità campionaria, in termini i aunni, uguae o superiore a (b) suivisione ee M scuoe i T (=,,L) negi insiemi AR e NAR; (c) orinamento ee scuoe NAR secono una grauatoria ecrescente basata su ampiezza ee stesse; n ; () suivisione ee scuoe NAR in strati aventi ampiezza (approssimativamente) costante in termini i aunni iscritti, esseno N = N h ( h =,..., nar H ) N = m ν ; (e) attribuzione a ciascuna scuoa AR e numero, n h, i aunni campione espresso a n = N f h =,..., ), h h ( ar H esseno i numero compessivo i strati e insieme AR e N i numero i aunni neo ar H strato h. Si ritiene utie sottoineare che ne caso ee scuoe AR, in cui ciascuna scuoa c fa strato h a se stante, si ha n, N e a preceente reazione può essere, anche, riscritta come h n hc h N hc Data a necessità i seezionare un unico campione i scuoe sia per e prove i secona che per quee i quinta e quantità che efiniscono ampiezza i scuoa e i strato sono ottenute come meia e numero egi aunni iscritti aa secona e aa quinta eementare.

10 n = N hc hc f (f) seezione, senza reimmissione 2, a ciascuno strato h ( h =,..., nar H ) i m scuoe campione, attribueno aa c-esima c =,..., M ) scuoa eo strato una probabiità i seezione variabie, ( h espressa a Z = N / hc hc Nh ; (g) attribuzione a ciascuna scuoa campione NAR e numero n hc i aunni a seezionare, ato a N f h n hc = ( c,..., m ; h =,..., nar H ) m =. Teneno conto ea proceura i formazione egi strati, sopra escritta, si rieva che per gi strati (e quini scuoe) AR si ha nhc n. La preceente isuguagianza è irettamente egata aa isuguagianza tra e corrisponenti quantità i popoazione: N N ; per gi strati NAR si ha, hc invece, n n ; hc (h) estrazione e campione i aunni, ae scuoe e insieme AR e a quee e insieme NAR, a cui numerosità è stata efinita nee fasi preceenti. Per i campione in oggetto si è utiizzato i metoo i seezione Bernoui sequenziae che consiste ne generare, per ciascuna unità ea popoazione, un numero casuae aa istribuzione uniforme ne intervao (0,); formata poi una grauatoria crescente o ecrescente ee unità ea popoazione in base ai suetti numeri si seezionano e prime nhc unità ea grauatoria. Questo metoo assegna a ciascun aunno ea generica scuoa campione c eo strato h appartenente ao strato i base probabiità i seezione uguai e pari a n hc / N hc ; 3.5. Definizione ee quantità necessarie aa formazione e campione per ciascuno strato i base Fissati gi errori i campionamento ammessi δ ( ) ee stime ei parametri θ (b=,,b; b θ λ λ =,..., Λ ; =,,D), per a formazione e campione a iveo egi L strati i base è necessario 2 Per 'estrazione ee scuoe si ricorre aa proceura i seezione sistematica, suggerita a Maow (949) e Murthy (967), che presenta e seguenti caratteristiche: (i) assegna una probabiità i incusione espressa nea forma π hc = m Zhc ; (ii) a sua impementazione è estremamente sempice; (iii) conuce a ottenimento i stime generamente più efficienti rispetto a quee ottenibii con atre proceure i seezione (Cicchitei et a., 997; Fabbris, 99).

11 efinire e quantità m, n e n (=,,L), in moo tae che gi errori i campionamento attesi soisfino i vincoi δ ( b θ λ ) prefissati. I processo per conseguire tae risutato parte aa eterminazione ee quantità m, n sia in base a consierazioni i tipo operativo che i efficienza campionaria. Una vota che sono stati fissati i vaori ee quantità m, n per a efinizione ee numerosità campionarie aocazione mutivariata. n (=,,L) si aotta una proceura iterativa basata su una metooogia i La sceta i n si basa sia su criteri i tipo operativo che egati a efficienza campionaria ee stime. Esiste, infatti, un trae off tra e necessità i tipo operativo, per e quai i vaore i n ovrebbe essere i più eevato possibie, e esigenze, egate a efficienza ee stime, che spingono verso a sceta i un vaore i più basso possibie i tae quantità. Ovviamente viene presceto un vaore intermeio efinito in base a un compromesso tra e opposte esigenze. Più precisamente, a iminuire i n cresce i numero i unità primarie (e scuoe) campione, anche se aumenta, generamente, efficienza campionaria ee stime. Per contro a crescere i n si riuce, generamente, efficienza campionaria ee stime anche se iminuisce i numero i unità primarie coinvote nea rievazione. La concentrazione ea rievazione in poche unità primarie, comporta, ovviamente, notevoi vantaggi a punto i vista operativo e ei costi anche se un numero troppo eevato i aunni campione in ciascuna scuoa potrebbe eterminare una ifficotà i organizzazione ea rievazione nee scuoe. Per a efinizione e numero i unità primarie campione per strato, m, si aotta, in genere, i criterio i scegiere tae quantità più piccoa possibie. Infatti, teneno conto i quanto escritto a preceente punto (), a sceta i m = è a più opportuna a punto i vista e efficienza ee stime, poiché porta aa costruzione i un maggior numero i strati e quini a un migiore effetto ea stratificazione i primo staio. Tuttavia in tae caso occorre coassare gi strati (generamente a coppie) nea fase i stima ea varianza campionaria, poiché non è possibie cacoare a varianza in base a un'unica unità primaria campione.

12 Una vota prefissate e numerosità m, n si utiizza una proceura iterativa che arriva aa eterminazione ee numerosità n (=,,L), meiante appicazione ea metooogia i aocazione mutivariata, muti ominio, per isegni compessi proposta ne avoro i Faorsi S. e Russo A (2003). Questa tecnica generaizza - a caso ei isegni i campionamento a più stai e i più omini i stima - i metoo suggerito a Bethe (989) finaizzato aa eterminazione ea imensione ottimae in un ottica mutivariata, reativamente a caso i un isegno a uno staio stratificato e i un soo ominio i stuio. Più precisamente a metooogia aottata parte a efinire e numerosità campionarie n (=,,L) per ciascuno strato i base T sotto ipotesi, non reaistica, i aver aottato un campionamento casuae sempice i aunni in ciascuno strato i base T. A partire a questa souzione iniziae e scuoe appartenenti a ciascuno strato i base vengono ripartite negi insiemi AR e NAR e si cacoa una stima e effetto e isegno i campionamento, o eff, per ciascuna stima presa in consierazione ne processo i aocazione. A tae proposito vae a pena ricorare che i eff è una statistica frequentemente utiizzata nee inagini campionarie su arga scaa sia ex-ante, nea fase i progettazione e isegno i campionamento (per tenere conto, ne cacoo egi errori attesi e ne processo i aocazione ea numerosità campionaria, e infazione o efazione ea varianza ovuta a particoare isegno i campionamento consierato), sia ex-post, nea fase i anaisi i efficienza e isegno aottato (per effettuare vautazioni su efficienza e isegno i un campionamento aottato e operare eventuamente ee correzioni in successive eizioni e inagine). Tae statistica, come è noto, è misurata a rapporto tra a varianza e isegno i campionamento compesso utiizzato rispetto aa varianza i un ipotetico isegno i campionamento casuae sempice, i pari numerosità in termini i unità finai, a quea aottata ne isegno compesso. Pertanto se i eff è minore i uno, i piano campionario aottato prouce un migioramento i efficienza rispetto a quea ottenibie meiante un isegno i campionamento casuae sempice; ciò generamente avviene per i isegni i campionamento stratificati, nea misura in cui e variabii i

13 stratificazione sono egate aa variabie i interesse. Se, invece, i eff è maggior i uno ciò inica un peggioramento i efficienza e isegno compesso rispetto a isegno i riferimento; ciò avviene moto spesso per i isegni custerizzati, anche in presenza i una stratificazione ee unità primarie. Per i isegno sopra escritto, appicato ae scuoe, in cui sono stati cacoati i eff per i iversi strati i base necessari per effettuare aocazione e campione si sono osservati, infatti, reativamente ai iversi strati i base eff minori i uno ne insieme AR e eff maggiori i uno per insieme NAR. I eff compessivi ottenuti consierano contemporaneamente parte AR e NAR sono risutati compessivamente maggiori i uno per a maggior parte egi strati i base. Da quanto etto si evince che nea prima iterazione e processo i aocazione i eff è posto pari a uno, poiché è effettuata sotto ipotesi i campionamento casuae sempice. Dopo a prima iterazione, e varianze ee stime vengono motipicate per i corrisponenti eff, e i processo i aocazione viene iterato un certo numero i vote fino a quano non si raggiunge una stabiità nee numerosità campionarie n (=,,L) assegnate ai iversi strati i base. I processo preceente può essere schematizzato per passi come i seguito iustrato. () eterminazione ee numerosità n (=,,L), meiante appicazione ea metooogia i aocazione mutivariata, muti ominio, per isegni compessi; (2) appicazione ea fase (a) e par. 3.4; (3) appicazione ea fase (b) e par. 3.4 e nuovo cacoo ei eff ee stime consierate ne processo i aocazione; (4) ricacoo ee numerosità n (=,,L), meiante appicazione ea metooogia suetta; (5) reiterazione e passo (2), sua base ei risutati ottenuti in (4); (6) reiterazione e passo (3) sua base ei risutati conseguiti in (5); (7) reiterazione ei passi (4), (5) e (6) fino a quano e numerosità n (=,,L) non si stabiizzano tra un iterazione e a successiva.

14 Una vota efinite e numerosità n (=,,L), si può proceere aa formazione e campione T ne ambito i ciascuna area territoriae, attraverso e fasi già escritte ne par Disegno reaizzato Ne isegno i campionamento reaizzato per inagine si è efinito per tutte e regioni un vaore i n pari a 23 per e scuoe statai e pari a 8 per e scuoe non statai. Preiminarmente è stato necessario eiminare aa ista i campionamento, contenente tutte e scuoe ea popoazione, e scuoe a cui ampiezza (cacoata come meia egi aunni i secona e i quinta) fosse inferiore ai vaori prefissati per n ; eventuae seezione ne campione i tai scuoe avrebbe, infatti, eterminato una cauta ea numerosità campionaria prefissata in termini i aunni. La ista i campionamento ottenuta opo tae operazione mantiene, comunque, una buona copertura rispetto aa popoazione oggetto i inagine; si hanno, infatti, coperture e 99.8% e 99.06% rispettivamente per gi aunni i secona e i quinta eementare. Per a efinizione e numero i scuoe campione per strato si è aottata a sceta m =2 che è quea che conuce aa stratificazione più fine possibie pur manteneno a possibiità i stimare a varianza campionaria senza a necessità i over coassare gi strati. Per eterminare e numerosità campionarie n meiante i processo i aocazione mutivariata sopra escritto, sono state prese in consierazione e stime ei parametri b2 θ,..., bλ θ, che esprimono e frequenze reative percentuai i aunni compresi tra ue quantii ea istribuzione ei punteggi. Non sono state consierate, invece, e stime ei parametri b θ, punteggi mei, in quanto esse sono caratterizzate a errori i campionamento moto bassi sia a iveo nazionae che regionae. In particoare sono stati consierati ue vaori tipici ee stime i frequenza reativa percentuae, pari a 5% a iveo nazionae e a 0% a iveo regionae. Per a stima a iveo nazionae è stato fissato un vincoo su errore reativo percentuae e 5,2% mentre per e stime regionai tae vincoo è stato posto pari a 9.6%.

15 Otre agi errori campionari ee stime che hanno guiato i processo i aocazione, sono stati vautati gi errori i campionamento reativi percentuai attesi per un insieme i stime e tipo b2 θ,..., bλ θ esunte in base a informazioni raccote in una preceente inagine esaustiva eo stesso tipo rivota agi aunni ee secone e quarte eementari. Le variabii consierate sono riassunte ne prospetto i seguito riportato. Prospetto - Schema ee variabii consierate per i cacoo egi errori attesi Variabii Quantii Casse Anno Prova Y-Y3 < 25, 50, >75 II Itaiano Y4-Y8 <0, 25, 50, 75, >75 II Matematica Y9-Y4 <0, 25, 50, 75, 90, >90 IV Itaiano Y5-Y20 <0, 25, 50, 75, 90, >90, IV Matematica Y2-Y25 <0, 25, 50, 75, >75 II Itaiano Y26-Y30 <0, 25, 50, 75, >75 II Matematica Y3-Y35 <0, 25, 50, 75, >75 IV Itaiano Y36-Y4 <0, 25, 50, 75, 90, >90 IV Matematica Aa preceente ista si evono aggiungere e variabii Y42, Y43 e Y44. Le variabii Y43 e Y44 si riferiscono ae percentuai che hanno guiato i processo i aocazione mutivariata. A Y43 corrispone una frequenza reativa percentuae e 5% e un massimo errore reativo percentuae ammesso a iveo nazionae inferiore a 5,2%, invece a Y44 corrispone una frequenza reativa percentuae e 0% e un massimo errore reativo percentuae ammesso a iveo regionae inferiore a 9.6%. Infine a Y42 corrispone una frequenza reativa percentuae e % senza vincoi sugi errori ammessi come ne caso ee variabii Y-Y4 esunte ai ati reai. Nea tabea sono riportati i vaori minimi, mei e massimi ea istribuzione egi errori reativi percentuai ottenuta per ciascuna variabie Y-Y44 e per ciascun tipo i ominio: Intero territorio nazionae (DOM); Regioni geografiche (DOM2); Tipoogia i scuoa: statae /non statae (DOM3); Regione incrociata con a

16 tipoogia i scuoa (DOM4). Come si evince aa tabea, in reazione aa variabie Y44 gi errori reativi percentuai per i ominio regionae (DOM2) sono compresi tra un minimo e % e un massimo e % con un vaore meio e 9.424% in conformità a vincoo e 9.6% ammesso su errore reativo percentuae. Per quanto riguara, invece a variabie Y43 i vaore minimo, meio e massimo e errore a iveo nazionae (DOM) ovviamente coinciono e sono pari a 5.99 anche in questo caso in conformità a vincoo imposto nea fase i aocazione. Da anaisi generae ea tabea si osserva che e variabii Y-Y4 presentano errori più che accettabii sia a iveo nazionae che a iveo regionae e anche a iveo i tipoogia i scuoa. Invece e stime a iveo e incrocio regione per a tipoogia i scuoa presentano errori estremamente eevati, pertanto, una stima attenibie a tae iveo i isaggregazione potrebbe essere ottenuta soamente meiante stimatori iniretti per piccoe aree che prenono forza ae aree circostanti. Invece per i omini DOM, DOM2 e DOM3 si possono utiizzare tranquiamente i più robusti stimatori iretti. Tabea - Vaori minimo, meio, e massimo, egi errori reativi percentuai per variabie e tipo i ominio: DOM intero territorio nazionae; DOM2 regioni geografiche; DOM3 tipoogia i scuoa: statae /non statae; DOM4 regione x tipoogia i scuoa. Dominio Min. Me. Max. Variabie Y DOM DOM DOM DOM Variabie Y2 DOM DOM DOM DOM

17 Dominio Min. Me. Max. Variabie Y3 DOM DOM DOM DOM Variabie Y4 DOM DOM DOM DOM Variabie Y5 DOM DOM DOM DOM Variabie Y6 DOM DOM DOM DOM Variabie Y7 DOM DOM DOM DOM Variabie Y8 DOM DOM DOM DOM Variabie Y9 DOM DOM DOM DOM Variabie Y0 DOM DOM DOM DOM Variabie Y DOM DOM DOM DOM Variabie Y2 DOM DOM DOM DOM

18 Dominio Min. Me. Max. Variabie Y3 DOM DOM DOM DOM Variabie Y4 DOM DOM DOM DOM Variabie Y5 DOM DOM DOM DOM Variabie Y6 DOM DOM DOM DOM Variabie Y7 DOM DOM DOM DOM Variabie Y8 DOM DOM DOM DOM Variabie Y9 DOM DOM DOM DOM Variabie Y20 DOM DOM DOM DOM Variabie Y2 DOM DOM DOM DOM

19 Dominio Min. Me. Max. Variabie Y22 DOM DOM DOM DOM Variabie Y23 DOM DOM DOM DOM Variabie Y24 DOM DOM DOM DOM Variabie Y25 DOM DOM DOM DOM Variabie Y26 DOM DOM DOM DOM Variabie Y27 DOM DOM DOM DOM Variabie Y28 DOM DOM DOM DOM Variabie Y29 DOM DOM DOM DOM Variabie Y30 DOM DOM DOM DOM Variabie Y3 DOM DOM DOM DOM

20 Dominio Min. Me. Max. Variabie Y32 DOM DOM DOM DOM Variabie Y33 DOM DOM DOM DOM Variabie Y34 DOM DOM DOM DOM Variabie Y35 DOM DOM DOM DOM Variabie Y36 DOM DOM DOM DOM Variabie Y37 DOM DOM DOM DOM Variabie Y38 DOM DOM DOM DOM Variabie Y39 DOM DOM DOM DOM Variabie Y40 DOM DOM DOM DOM

Le pensioni dal 1 gennaio 2014

Le pensioni dal 1 gennaio 2014 Argomento A cura deo Spi-Cgi de Emiia-Romagna n. 1 gennaio 2014 Le pensioni da 1 gennaio 2014 Perequazione automatica 2014 pensioni, assegni e indennità civii assistenziai importo aggiuntivo per anno 2013

Dettagli

BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO. Standard Internazionali di Valutazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) calcolo dei prezzi marginali

BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO. Standard Internazionali di Valutazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) calcolo dei prezzi marginali BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO Standard Internazionai di Vautazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) cacoo dei prezzi marginai Docente: geom. Antonio Eero CORSO PRATICANTI 205 I PREZZI MARGINALI I prezzo

Dettagli

J yy > Jxx. l o H A R A R B

J yy > Jxx. l o H A R A R B oitecnico di Torino I cedimento di una struttura soggetta a carichi statici può avvenire in acuni casi con un meccanismo diverso da queo di superamento dei imiti di resistena de materiae. Tae meccanismo

Dettagli

5. Limiti di funzione.

5. Limiti di funzione. Istituzioni di Matematiche - Appunti per e ezioni - Anno Accademico / 6 5. Limiti di funzione. 5.. Funzioni imitate. Una funzione y = f(x) definita in un intervao [ a b] imitata superiormente in tae intervao

Dettagli

BANDO DI GARA D' APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento

BANDO DI GARA D' APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento , ROMA CAPTALE '21M~ BANDO D GARA D' APPALTO SEZONE ) AMMNSTRAZONE AGGUDCATRCE. N PUBBLCAZONE DAL~...1:Jj~jM.~ A L _.2 /~L-MZ: = 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitae Dipartimento

Dettagli

BANDO DI GARA D'APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento

BANDO DI GARA D'APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento Po) AA/AZ ft.'f ROMA CAPTALE BANDO D GARA D'APPALTO SEZONE ) AMMNSTRAZONE AGGUDCATRCE. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitae Dipartimento Sviuppo nfrastrutture e Manutenzione

Dettagli

Roma, 18 settembre 2014. Claai

Roma, 18 settembre 2014. Claai .:.ontratto Coettivo Nazionae di Lavoro per i dipendenti dae imprese artigiane esercenti Servizi di puizia, Disinfezione, Disinfestazione, Derattizzazione e Sanificazione Roma, 18 settembre 2014 Caai Si

Dettagli

STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE DI MACCHINE NON ELETTRICHE IN ITALIA

STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE DI MACCHINE NON ELETTRICHE IN ITALIA C0MMISSIOHE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DIRE!ZIONE GENERALE DELLA CONCORRENZA IV/A._3 STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE DI MACCHINE NON ELETTRICHE IN ITALIA - Costruzione

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Punte a cannone. Hartner 2007. Made in Germany SEF MECCANOTECNICA. E mail: sef@sefmecc.it Web : www.sefmeccanotecnica.it

Punte a cannone. Hartner 2007. Made in Germany SEF MECCANOTECNICA. E mail: sef@sefmecc.it Web : www.sefmeccanotecnica.it Made in Germany Hartner 2007 Punte a cannone SEF MECCANOTECNICA SEE Via degi Orefici - Bocco 26 40050 FUNO (BO) ITALIA Te. 051 66.48811 Fax 051 86.30.59 FILIALE I MILANO Piazzae Martesana, 6 20128 Miano

Dettagli

STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA ALIMENTARE IN ITALIA

STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA ALIMENTARE IN ITALIA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DIREZIONE GENERALE DELLA CONCORRENZA IV/ A-3 STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA ALIMENTARE IN ITALIA - Industria aimentare in compesso - Industria

Dettagli

Swisscodes 2003 Corso di postformazione SUP

Swisscodes 2003 Corso di postformazione SUP Swisscoes 2003 Corso i postformazione SUP SIA 267 Geotecnica Basi e concetto i imensionamento 23/01/2014 Corso i applicazione ella norma SIA 267 - Geotecnica 1 Basi e concetti i imensionamento 1. Introuzione,

Dettagli

Soluzioni Esercitazione VIII. p(t)dt = R

Soluzioni Esercitazione VIII. p(t)dt = R S. a Si ha Soluioni Esercitaione VIII PT > + ptt ptt perché pt per t u + perché

Dettagli

SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA

SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA DOCUMENTI ISTAT La stima di indicatori per domini sub-regionali con i dati dell indagine Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari

Dettagli

RICERCA SULLE NUOVE AZIENDE SIDERURGICHE

RICERCA SULLE NUOVE AZIENDE SIDERURGICHE COMMISSIONE DELLE. COMUNITÀ EUROPEE COMUNITÀ EUROPEA DEL CARBONE E DELL'ACCIAIO RICERCA SULLE NUOVE AZIENDE SIDERURGICHE Le maestranze deo stabiimento tasider di Taranto Atteggiamenti operai e avoro siderurgico

Dettagli

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione RELAZIONI E FUNZIONI Relzioni inrie Dti ue insiemi non vuoti e (he possono eventulmente oiniere), si ie relzione tr e un qulsisi legge he ssoi elementi elementi. L insieme A è etto insieme i prtenz. L

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

LA CORRELAZIONE LINEARE

LA CORRELAZIONE LINEARE LA CORRELAZIONE LINEARE La correlazione indica la tendenza che hanno due variabili (X e Y) a variare insieme, ovvero, a covariare. Ad esempio, si può supporre che vi sia una relazione tra l insoddisfazione

Dettagli

Catalogo isoweld Il sistema di fissaggio ad induzione. Nuovo

Catalogo isoweld Il sistema di fissaggio ad induzione. Nuovo Catalogo isowel Il sistema i fissaggio a inuzione Nuovo isowel l innovativo sistema i fissaggio a inuzione i SFS intec Il nuovo sistema isowel TM i SFS intec è un sistema i fissaggio a inuzione innovativo

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

1a) Calcolare gli estremi dell intervallo di confidenza per µ al 90% in corrispondenza del campione osservato.

1a) Calcolare gli estremi dell intervallo di confidenza per µ al 90% in corrispondenza del campione osservato. Esercizio 1 Sia X 1,..., X un campione casuale estratto da una variabile aleatoria normale con media pari a µ e varianza pari a 1. Supponiamo che la media campionaria sia x = 2. 1a) Calcolare gli estremi

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

BOZZA. Lezione n. 20. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tensioni normali

BOZZA. Lezione n. 20. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tensioni normali Lezione n. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tenioni normali Determinazione elle configurazioni i rottura per la ezione Una volta introotti i legami cotitutivi, è poibile eterminare

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

I NUMERI DECIMALI A. Osserva il bruco: è formato da 10 parti. Colora l intero bruco, 1 bruco.

I NUMERI DECIMALI A. Osserva il bruco: è formato da 10 parti. Colora l intero bruco, 1 bruco. I NUMERI DECIMALI A.Osserva il brco: è formato a parti. Colora l intero brco, 1 brco. Hai colorato s parti el brco, ieci ecimi el brco, cioè 1 brco. Ne poi colorare meno i no? Prova! B.Colora 2/ el brco.

Dettagli

Stima per intervalli Nei metodi di stima puntuale è sempre presente un ^ errore θ θ dovuto al fatto che la stima di θ in genere non coincide con il parametro θ. Sorge quindi l esigenza di determinare una

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al L verbae n"..8j... Ogg, se marzo duemaqundc, ae ore 13.00, s è runta nea sede d questa sttuzone Scoastca a commssone Eettorae così composta RBEZZO ASSUNTA Presdente; VAL SABNA Segretaro, FATORELLO GAMPETRO

Dettagli

Esercitazioni di Statistica

Esercitazioni di Statistica Esercitazioni di Statistica Test d ipotesi sul valor medio e test χ 2 di adattamento Prof. Livia De Giovanni statistica@dis.uniroma1.it Esercizio 1 Si supponga che il diametro degli anelli metallici prodotti

Dettagli

4. Confronto tra medie di tre o più campioni indipendenti

4. Confronto tra medie di tre o più campioni indipendenti BIOSTATISTICA 4. Confronto tra medie di tre o più campioni indipendenti Marta Blangiardo, Imperial College, London Department of Epidemiology and Public Health m.blangiardo@imperial.ac.uk MARTA BLANGIARDO

Dettagli

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Alessio Porretta Universita di Roma Tor Vergata Gli elementi tipici di un gioco: -un numero di agenti (o giocatori): 1,..., N -Un insieme di strategie

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

Ancora sull indipendenza. Se A e B sono indipendenti allora lo sono anche

Ancora sull indipendenza. Se A e B sono indipendenti allora lo sono anche Ancora sull indipendenza Se A e B sono indipendenti allora lo sono anche A e B Ā e B Ā e B Sfruttiamo le leggi di De Morgan Leggi di De Morgan A B = Ā B A B = Ā B P (Ā B) = P (A B) = 1 P (A B) = 1 (P (A)

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

I miceti: da saprofiti a patogeni

I miceti: da saprofiti a patogeni I trattamento dee micosi di più frequente riscontro in Medicina Generae Perché occuparsi di micosi superficiai? } Le micosi superficiai (che coinvogono cute e mucose) rappresentano un capitoo rievante

Dettagli

SETTORE ARIA E AGENTI FISICI U.O. Modellistica STIMA DEI CONSUMI DI LEGNA DA ARDERE PER RISCALDAMENTO ED USO DOMESTICO IN ITALIA

SETTORE ARIA E AGENTI FISICI U.O. Modellistica STIMA DEI CONSUMI DI LEGNA DA ARDERE PER RISCALDAMENTO ED USO DOMESTICO IN ITALIA SETTORE ARIA E AGENTI FISICI U.O. Modellistica STIMA DEI CONSUMI DI LEGNA DA ARDERE PER RISCALDAMENTO ED USO DOMESTICO IN ITALIA Il presente studio è stato predisposto per l Agenzia Nazionale per la Protezione

Dettagli

3. Confronto tra medie di due campioni indipendenti o appaiati

3. Confronto tra medie di due campioni indipendenti o appaiati BIOSTATISTICA 3. Confronto tra medie di due campioni indipendenti o appaiati Marta Blangiardo, Imperial College, London Department of Epidemiology and Public Health m.blangiardo@imperial.ac.uk MARTA BLANGIARDO

Dettagli

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39 Qualità dei servizi internet da postazione fissa - Delibere n. 131/06/CSP, 244/08/CSP e 400/10/CONS Anno riferimento: 2014 Periodo rilevazione dei dati: 2 SEM. X Per. Denominazione incatore Tempo attivazione

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012

ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012 ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012 Nella restituzione dei dati delle prove INVALSI 2011 12 ci sono state alcune significative novità, tra cui la possibilità per ogni team docenti

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Statistica. Lezione 6

Statistica. Lezione 6 Università degli Studi del Piemonte Orientale Corso di Laurea in Infermieristica Corso integrato in Scienze della Prevenzione e dei Servizi sanitari Statistica Lezione 6 a.a 011-01 Dott.ssa Daniela Ferrante

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA Stefania Naddeo (anno accademico 4/5) INDICE PARTE PRIMA: STATISTICA DESCRITTIVA. DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA E FUNZIONE DI RIPARTIZIONE. VALORI CARATTERISTICI

Dettagli

MINIMI QUADRATI. REGRESSIONE LINEARE

MINIMI QUADRATI. REGRESSIONE LINEARE MINIMI QUADRATI. REGRESSIONE LINEARE Se il coefficiente di correlazione r è prossimo a 1 o a -1 e se il diagramma di dispersione suggerisce una relazione di tipo lineare, ha senso determinare l equazione

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Liceo G. B. Vico - Napoli Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Prof. Giuseppe Caputo Premetto due teoremi come prerequisiti necessari per la comprensione di quanto verrà esposto

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

). Per i tre casi indicati sarà allora: 1: L L 2

). Per i tre casi indicati sarà allora: 1: L L 2 apitolo 0 Enegia potenziale elettica Domane. Il lavoo pe spostae una caica ta ue punti è: L 0(! ). Pe i te casi inicati saà alloa: L (50! 00 ) (50 ) : 0 0 : L 0! 0 3: L 0! 0 [5 ( 5 )] (50 ) [ 0 ( 60 )]

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corso di laurea in biotecnologia. Corso di Statistica Medica. Analisi dei dati quantitativi :

Università del Piemonte Orientale. Corso di laurea in biotecnologia. Corso di Statistica Medica. Analisi dei dati quantitativi : Università del Piemonte Orientale Corso di laurea in biotecnologia Corso di Statistica Medica Analisi dei dati quantitativi : Confronto tra due medie Università del Piemonte Orientale Corso di laurea in

Dettagli

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Potenza dello studio e dimensione campionaria Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Introduzione Nella pianificazione di uno studio clinico randomizzato è fondamentale determinare in modo

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Il presente rapporto è frutto di un lavoro di ricerca dello Staff SSRMdL di Italia Lavoro, coordinato da Maurizio Sorcioni,

Dettagli

La dissomiglianza tra due distribuzioni normali

La dissomiglianza tra due distribuzioni normali Annali del Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi Università degli Studi di Bari Aldo Moro - Vol. X (2011): 43-50 Editore CLEUP, Padova - ISBN: 978-88-6129-833-0 La dissomiglianza tra due distribuzioni

Dettagli

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Percorsi didattici, interdisciplinari ed innovativi per la Statistica Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Presidente Federazione Europea delle Società Nazionali di Statistica Scuola Estiva di Matematica

Dettagli

Analisi del subappalto e della struttura delle imprese subappaltatrici

Analisi del subappalto e della struttura delle imprese subappaltatrici Analisi del subappalto e della struttura delle imprese subappaltatrici Maggio 2011 Analisi del subappalto e della struttura delle imprese subappaltatrici ommario Premessa... 3 Box di approfondimento -

Dettagli

1.3 - DAT I T ECNICI, DIMENSIONI E AT T ACCHI IDRAU LICI

1.3 - DAT I T ECNICI, DIMENSIONI E AT T ACCHI IDRAU LICI nfo g e ne rai. - T T, T T U L T 9 0 n 4 " L" T T T T T T T T T T 4 T T 4 Q u a d ro c o m a n d i p ia c o n tro o fia a o rtin a d i p u iz ia T a n d a ta ris c a d a m e n to T ito rn o ris c a d a

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Titolo della lezione. Analisi dell associazione tra due caratteri: indipendenza e dipendenza

Titolo della lezione. Analisi dell associazione tra due caratteri: indipendenza e dipendenza Titolo della lezione Analisi dell associazione tra due caratteri: indipendenza e dipendenza Introduzione Analisi univariata, bivariata, multivariata Analizzare le relazioni tra i caratteri, per cercare

Dettagli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti.

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Def. Si dice equazione differenziale lineare del secondo ordine

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro.

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro. Viett l pubbliczione, l riprouzione e l ivulgzione scopo i lucro. GA00001 Qul è l mpiezz ell ngolo che si ottiene ) 95 b) 275 c) 265 ) 5 b sottreno 85 un ngolo giro? GA00002 Due ngoli ll circonferenz che

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Presentazione delle Schede DAT

Presentazione delle Schede DAT UNIVERSITÀ DEGLI STUDI CAGLIARI CAMPUS UNICA Presentazione delle Schede DAT Dati e indicatori statistici Sono di seguito presentati dettagliatamente i dati e gli indicatori richiesti dal Modello CRUI per

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province Unione Province Italiane Una proposta per il riassetto delle Province Assemblea Unione Province Italiane Roma - 06 dicembre 2011 A cura di: Prof. Lanfranco Senn Dott. Roberto Zucchetti Obiettivi dello

Dettagli

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE SULL INDAGINE OCSE-PISA E ALTRE RICERCHE NAZIONALI E INTERNAZIONALI Seminario provinciale rivolto ai docenti del Primo Ciclo La prova di matematica nelle indagini IEA

Dettagli

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale La Distribuzione Normale o Gaussiana è la distribuzione più importante ed utilizzata in tutta la statistica La curva delle frequenze della distribuzione Normale ha una forma caratteristica, simile ad una

Dettagli

VARIABILI ALEATORIE CONTINUE

VARIABILI ALEATORIE CONTINUE VARIABILI ALEATORIE CONTINUE Se X è una variabile aleatoria continua, la probabilità che X assuma un certo valore x fissato è in generale zero, quindi non ha senso definire una distribuzione di probabilità

Dettagli

FACOLTA DI INGEGNERIA SCHEDA DIDATTICA N 1

FACOLTA DI INGEGNERIA SCHEDA DIDATTICA N 1 FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE ED IL TERRITORIO CORSO DI STATISTICA E CALCOLO DELLE PROBABILITA PROF. PASQUALE VERSACE SCHEDA DIDATTICA N ARGOMENTO: CALCOLO DELLE PROBABILITA

Dettagli

VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011

VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011 VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011 1 RAPPRESENTARE I DATI: TABELLE E GRAFICI Un insieme di misure è detto serie statistica o serie dei dati 1) Una sua prima elementare elaborazione può

Dettagli

CATALOGO TECNICO GENERALE GENERAL TECHNICAL CATALOGUE

CATALOGO TECNICO GENERALE GENERAL TECHNICAL CATALOGUE CATALOGO TECNICO GENERALE GENERAL TECHNICAL CATALOGUE Distributore / Distributor Introuzione - Introuction In i c e In e x ISB marchio sinonimo i qualità IV ISB is a traemark whichientifies quality IV

Dettagli